Sei sulla pagina 1di 4

HOME > BENVENUTI - INTERCULTURA BLOG > IL PASSATO PROSSIMO

Italiano

Il passato prossimo
Prof. Anna
grammatica, La lingua italiana, Verbi
17 giugno 2010
Cari lettori e lettrici di Intercultura blog, oggi studieremo come si forma e
quando si usa il passato prossimo. Questo tempo verbale è molto usato dagli
italiani sia nella lingua scritta che in quella orale.
Buona lettura!
Prof. Anna
Il passato prossimo indica eventi, esperienze e fatti conclusi nel passato i
cui effetti perdurano nel presente.
FORMAZIONE DEL PASSATO PROSSIMO
Il passato prossimo è formato da due elementi: l’ausiliare: il verbo essere o
avere (al presente indicativo) + participio passato del verbo.
Formazione del participio passato
Il participio passato si forma togliendo al verbo la desinenza dell’infinito (are; ere;
ire) e aggiungendo la desinenza del participio passato:
ARE ⇒ ATO (cambiare ⇒cambiato)
ERE ⇒ UTO (vendere ⇒venduto)
IRE ⇒ITO (partire ⇒partito)
Ora osserva la tabella:
PASSATO PROSSIMO DEI VERBI:
CAMBIARE – VENDERE – PARTIRE

Participio Participio Participio


Soggetto Ausiliare Ausiliare Ausiliare
passato passato passato
io ho cambiato ho venduto sono partito – a
tu hai cambiato hai venduto sei partito – a
lui – lei ha cambiato ha venduto è partito – a
noi abbiamo cambiato abbiamo venduto siamo partiti – e
voi avete cambiato avete venduto siete partiti – e
loro hanno cambiato hanno venduto sono partiti – e

PASSATO PROSSIMO DEI VERBI ESSERE E AVERE

Participio Participio
Soggetto Ausiliare Ausiliare
passato passato
io sono stato – a ho avuto
tu sei stato – a hai avuto
lui – lei è stato – a ha avuto
noi siamo stati – e abbiamo avuto
voi siete stati – e avete avuto
loro sono stati – e hanno avuto
Come potete vedere dalle tabelle, con l’ausiliare avere il participio passato
non cambia.
L’ausiliare avere si usa con i verbi transitivi, ovvero con quei verbi che
rispondono alla domanda: chi? che cosa?
Qualche esempio:
Ho mangiato (cosa?) una mela.
Abbiamo incontrato (chi?) Lucia.
L’ausiliare essere si usa con i verbi intransitivi, ovvero con i verbi che non
rispondono alla domanda: chi? che cosa?
Per esempio: sono uscito presto stamattina.
L’ausiliare essere si usa con:
⇒i verbi di movimento: partire; uscire; tornare etc.
⇒i verbi riflessivi: alzarsi; svegliarsi; lavarsi etc. (mi sono alzato; ti sei svegliato)
⇒i verbi di stato: stare; rimanere; restare etc.
⇒i verbi che indicano un cambiamento: diventare; nascere; morire etc.
Con l’ausiliare essere il participio passato concorda con il genere
(maschile-femminile) e il numero (singolare-plurale) del soggetto:
Marta è andata al mare; Luca è andato al mare; Marta e Natalia sono andate al
mare; Luca e Alex sono andati al mare.
USO DEL PASSATO PROSSIMO
Sia il passato prossimo che il passato remoto indicano un’azione
conclusa nel passato.

Ma qual è la differenza tra i due tempi?


Consideriamo le seguenti frasi:
Consideriamo le seguenti frasi:
Da giovane vissi due anni in Inghilterra.
Da giovane ho vissuto due anni in Inghilterra.
Nella prima frase il verbo è al passato remoto e dunque vogliamo
esprimere che il fatto è percepito come distante dall’esperienza
presente; nella seconda frase l’uso del passato prossimo indica che
l’evento è percepito come vicino a noi, o perchè ne conserviamo un
ricordo piacevole o perchè i suoi effetti perdurano nel presente. Quindi
ciò che determina la scelta tra passato remoto e passato prossimo è la
distanza psicologica e non quella cronologica dell’evento narrato.
Per quanto riguarda la lingua orale, in Italia ci sono delle differenze
regionali, ovvero nell’Italia Settentrionale prevale l’uso del passato
prossimo, mentre nell’Italia Meridionale prevale l’uso del passato
remoto.

Seleziona la risposta corretta fra quelle disponibili. Se rispondi bene, vedrai lo sfondo
diventare di colore verde.

1. Scegli la frase senza errori.


La segretaria ha arrivata a scuola alle otto.
La segretaria è arrivata a scuola alle otto.
La segretaria è arrivato a scuola alle otto.

2 . Scegli la frase senza errori.


Il professore è spiegato una nuova lezione.
Il professore ha spiegato una nuova lezione.
Il professore ha spieguto una nuova lezione.

3. Scegli la frase senza errori.


Laura e Gianni si hanno sposati ieri.
Laura e Gianni si sono sposate ieri.
Laura e Gianni si sono sposati ieri.

4. Scegli la frase senza errori.


Abbiamo entrati in classe in ritardo.
Siamo entrati in classe in ritardo.
Siamo entrato in classe in ritardo.

5. Scegli la frase senza errori.


I miei amici mi hanno aiutato a studiare per l'esame.
I miei amici mi hanno aiutati a studiare per l'esame.
I miei amici mi sono aiutati a studiare per l'esame.

6. Scegli la frase senza errori.


Mia sorella ha diventato una scrittrice.
Mia sorella è diventata una scrittrice.
Mia sorella è diventato una scrittrice.

7. Scegli la frase senza errori.


Io e Marco siamo viaggiato tante volte insieme.
Io e Marco siamo viaggiati tante volte insieme.
Io e Marco abbiamo viaggiato tante volte insieme.

8. Scegli la frase senza errori.


A che ora siete tornati a casa ieri sera?
A che ora siete tornato a casa ieri sera?
A che ora avete tornato a casa ieri sera?

9. Scegli la frase senza errori.


Sei capito la lezione di ieri?
Hai capita la lezione di ieri?
Hai capito la lezione di ieri?

10. Scegli la frase senza errori.


Fatima e Maria sono usciti insieme ieri sera.
Fatima e Maria sono uscite insieme ieri sera.
Fatima e Maria hanno uscito insieme ieri sera.

Potrebbero piacerti anche