Sei sulla pagina 1di 2

HEGEL

Nascita : 1770 Stoccarda


Morte : 1831 Probabilmente di colera.
Fu Filosofo e docente di filosofia ed ebbe una vita personale tranquilla.
Da giovane scrisse “Una vita di Gesù”(Cristo luterano).
Dal 1807 ebbe un carattere idealistico con l’opera “Fenomenologi dello spirito”
1830 finì di scrivere “Enciclopedia delle scienze filosofiche”=> è importante perché comprende tutte le sue
opere.
Quando fu pubblicata era più piccola poiché quella arrivata a noi oggi è integrata con appunti dei suoi
studenti.
Il pensiero di Hegel si fonda su 3 tesi principali:

1) Il finito si risolve nell’infinito


Per Hegel la realtà è 1 sistema unitario:
Cioè non è fatto di sostanze autonome infatti esiste una sostanza fatta di cose diverse, ma infinita
=> le sostanze individuali sono una visione passeggera.
Il finito è 1 manifestazione parziale dell’infinito.
La parte non esiste se non in relazione al tutto.
Il Finito non esiste se non in relazione al tutto.
MANISMO PANTEISTICO:
Manismo => realtà è unica
Panteistico => la realtà è Dio
Realtà vista come : Soggetto spirituale divino in divenire(cioè che cambia)=> Scala ascendente di
gradi => divenire più consapevoli di sé => Il punto culminante è l’uomo perché ha la ragione.
2) Vi è identità tra ragione e realtà
“Ciò che è razionale è reale, ciò che è reale è razionale”.
Secondo Hegel alla base della realtà vi è un soggetto spirituale infinito (può essere chiamato
Idea/Ragione/Assoluto), questo soggetto spirituale infinito governa il mondo e lo costituisce.
Il mondo è governato e costituito dall’Idea.
La realtà non è caotica, il mondo è il dispiegarsi/svilupparsi in modo razionale.
Questo disegno razionale avviene senza consapevolezza, ma nell’uomo è consapevole la razionalità.
La storia è una successione di momenti inevitabili,necessari.
La realtà per Hegel costituisce una totalità processuale necessaria secondo una scala ascendente di
gradi culminante, il culmine è l’Uomo.
3) La filosofia ha funzione giustificatrice.
Giustificare significa rendere giusto. La filosofia ha funzione giustificatrice verso la realtà infatti la
filosofia giustifica ciò che accade e aiuta l’uomo a prendere atto della realtà.
“Comprendere ciò che è è il compito della filosofia, perché ciò che è è la realtà”
N.B.= Questo è un compito pericoloso poiché tocca anche la politica ed è giustificatrice anche di
antitesi.

Idea/Ragione/Assoluto che dinamismo si danno?


In che modo si sviluppa ?
DINAMISMO ha un sistema triadico:
1) Tesi: “Idea in sé e per sé” => idea Pura
Programma logico, ha progettualità
2)Antitesi: “Idea fuori di sé”=> Forme del mondo
Estrinsecazione spazio-temportale dell’idea, il progetto si realizza
3)Sintesi: “Idea ritorna in sé”=> L’idea torna in se dopo aver preso consapevolezza della natura.

Tesi,Antitesi,Sintesi sono uguali e differenti.


1) Progetto cosa
2) Realizzazione del progetto della cosa
3) Se la cosa fosse consapevole di se
1+2+3= sono coeterni, esistono da sempre.
Tesi: è il programma logico [Software]
Antitesi: Condizione in cui il programma logico può operare (nello spazio e nel tempo) [Hardware]
Sintesi: Ciò che concretamente esiste [sistema operativo]

Potrebbero piacerti anche