Sei sulla pagina 1di 5

Argomento 8

Integrali indefiniti
Integrale indefinito
Definizione 8.1 Data una funzione f definita su un intervallo I, si chiama primitiva di f su I
una funzione F : I → R derivabile, tale che F 0 (x) = f (x) ∀ x ∈ I.

Esempio 8.2 Se F (x) = sin x allora F 0 (x) = cos x quindi possiamo dire che sin x è una primitiva
di cos x su tutto R.

Proposizione 8.3 Se una funzione f ammette una primitiva F su un intervallo I, allora


i) F + c è ancora una primitiva di f, per ogni costante reale c.
ii) se G è un’altra primitiva di f, G = F + c.

(La prima affermazione discende dal fatto che la derivata di una costante è zero, mentre la seconda
è un corollario del teorema di Lagrange). In altre parole, se f ammette una primitiva, ne ammette
infinite; nota una di esse, tutte le altre si ottengono con l’aggiunta di una costante.
Il teorema fondamentale che vedremo nel prossimo argomento 9 permette di enunciare la seguente:

Proposizione 8.4 Se f è continua su I, allora ammette una primitiva su I.

Data una funzione f definita su un intervallo


Z I, l’insieme delle sue primitive si chiama
integrale indefinito di f e si indica con f (x)dx. Quindi
Z
f (x)dx = {F |F 0 (x) = f (x)}

Z
Se una funzione f ammette una primitiva F, allora f (x)dx = F (x) + c, c∈R

Z
Esempio 8.5 cos x dx = sin x + c

Proprietà dell’integrale indefinito


Z Z
1) αf (x)dx = α f (x)dx, per ogni α reale.
Z Z Z
2) (f (x) + g(x)) dx = f (x)dx + g(x)dx
Z Z
Esempio 8.6 3 cos x dx = 3 cos x dx = 3 sin x + c

Z Z Z
Esempio 8.7 (cos x + 2x) dx = cos x dx + 2x dx = sin x + x2 + c

1
Tabella delle primitive “immediate”

Formule di derivazione Formule di integrazione


Z
Dx = 1 (1) 1 dx = x + c

xa+1 xa+1
Z
D = xa , a 6= −1 (2) xa dx = + c, a 6= −1
a+1 a+1
Z
1 1
D log |x| = (3) dx = log |x| + c
x x
Z
De =e x x
(4) ex dx = ex + c

ax ax
Z
D = ax , a > 0, a 6= 1 (5) ax dx = + c, a > 0, a 6= 1
log a log a
Z
D sin x = cos x (6) cos x dx = sin x + c

Z
D cos x = − sin x (7) sin x dx = − cos x + c

Z
1 1
D tan x = (8) dx = tan x + c
(cos x)2 (cos x)2
Z
cos x 1 1 cos x
D =− (9) dx = − +c
sin x (sin x)2 (sin x)2 sin x
Z
1 1
D arctan x = (10) dx = arctan x + c
1 + x2 1 + x2
Z
1 1
D arcsin x = √ (11) √ dx = arcsin x + c
1 − x2 1 − x2

x4
Z
Esempio 8.8 x3 dx = +c (dalla (2) con a = 3)
4

Z
1 1 2 3
Esempio 8.9 x dx = 1 x1+ 2 = x2 + c (dalla (2) con a = 12 )
1+ 2
3

Z
1 1 1 1
Esempio 8.10 √ dx = 1 x1− 2 = 2 x 2 = 2 x + c (dalla (2) con a = − 12 )
x 1− 2


Z
1 1 3 4
Esempio 8.11 3
x dx = 1 x1+ 3 = x3 + c (dalla (2) con a = 31 )
1+ 3
4
2x
Z
Esempio 8.12 2x dx = +c (dalla (5) con a = 2)
log 2

2
Integrazione per sostituzione

Formule di derivazione Formule di integrazione

[f (x)]a+1 [f (x)]a+1
Z
D = [f (x)]a · f 0 (x) (12) [f (x)]a · f 0 (x) dx = + c, a 6= −1
a+1 a+1

f 0 (x) f 0 (x)
Z
D log |f (x)| = (13) dx = log |f (x)| + c,
f (x) f (x)
Z
De f (x) f (x)
=e 0
· f (x) (14) ef (x) · f 0 (x) dx = ef (x) + c

af (x) af (x)
Z
D = af (x) · f 0 (x) (15) af (x) · f 0 (x) dx = + c, a > 0, a 6= 1
log a log a
Z
D sin f (x) = cos f (x) · f (x) 0
(16) cos f (x) · f 0 (x) dx = sin f (x) + c

Z
D cos f (x) = − sin f (x) · f (x) 0
(17) sin f (x) · f 0 (x) dx = − cos f (x) + c

f 0 (x) f 0 (x)
Z
D tan f (x) = (18) dx = tan f (x) + c
cos2 f (x) cos2 f (x)

f 0 (x) f 0 (x)
Z
D arctan f (x) = (19) dx = arctan f (x) + c
1 + f 2 (x) 1 + f 2 (x)
Le formule di questa tabella sono altrettanti casi particolari della seguente formula generale che si
ottiene dalla regola di derivazione di una funzione composta:
Se G è una primitiva di g, e se f è derivabile, allora:
Z
(∗) g(f (x)) · f 0 (x) dx = G(f (x)) + c

ta+1
Esempio 8.13 g(t) = ta G(t) = ; ponendo t = f (x) si ottiene la regola (12).
a+1 Z
(sin x)4
Se per esempio f (x) = sin x e a = 3: (sin x)3 · cos x dx = +c
4
1
Esempio 8.14 g(t) = G(t) = log |t|; ponendo t = f (x) si ottiene la regola (13).
tZ
cos x
Se per esempio f (x) = sin x: dx = log | sin x| + c
sin x

Spesso la (∗) si enuncia come segue: Ponendo f (x) = t e di conseguenza f 0 (x)dx = dt, l’espressione:
Z Z
0
g(f (x)) · f (x)dx diventa g(t) dt + c.

Una volta calcolato quest’ultimo integrale indefinito, occorre risostituire f (x) al posto di t.

3
Talvolta occorrono piccole manipolazioni sulla funzione integranda per ricondursi alla forma (∗)
Z Z
x2 1 2
Esempio 8.15 xe dx = 2xex dx. Ponendo x2 = t, 2x dx = dt, si perviene a:
Z 2 Z
t t 2 2 1 2
e dt = e + c. Risostituendo t = x si ottiene: xex dx = ex + c
2
Esempio 8.16
x+1−1
Z Z Z Z
x 1 2(x + 1) 1
dx = dx = dx − dx
1 + (x + 1)2 1 + (x + 1)2 2 1 + (x + 1)2 1 + (x + 1)2
Nel primo integrale poniamo:
1 + (x + 1)2 = t 2(x + 1)dx = dt
Nel secondo:
(x + 1) = u dx = du
Si perviene a: Z Z
1 1 1 1
dt − 2
du = log |t| − arctan u + c
2 t 1+u 2
Risostituendo si ottiene:
Z
x 1 2

dx = log 1 + (x + 1) − arctan(x + 1) + c
1 + (x + 1)2 2

Integrazione per sostituzione: variante


Talvolta la regola di sostituzione (∗) si interpreta a rovescio: invece di calcolare la primitiva di
sinistra tramite quella di destra, si fa il contrario:
Ponendo t = f (x) e di conseguenza dt = f 0 (x)dx, l’espressione:
Z Z
g(t) dt diventa g(f (x)) · f 0 (x)dx + c.

Una volta calcolato quest’ultimo integrale indefinito, occorre risostituire f −1 (t) al posto di x. In
questo caso quindi, la funzione f che realizza il cambiamento di variabile deve essere invertibile.
(Il cambiamento di variabile può anche essere assegnato tramite la x = f −1 (t) da cui si ricava la
t = f (x)).
Esempio 8.17
Z √
π π
1 − t2 dt t = sin x (− <x< ) dt = cos x dx
2 2
Z p Z
1
1− (sin x)2 cos x dx = (cos x)2 dx = (x + sin x cos x) + c
2
(Vedi successivo esempio 8.19 per quest’ultima primitiva).
Per tornare alla variabile t dobbiamo ricordare che x = arcsin t, ottenendo:
Z √ √
1 1 
1 − t2 dt = (arcsin t + t cos(arcsin t)) = arcsin t + t 1 − t2 + c
2 2
N.B. 1) Alcuni dei passaggi precedenti dipendono dal fatto che − π2 < x < π2 .
R√
N.B. 2) Non è il nome delle variabili che conta, ma il loro ruolo. Dovendo calcolare 1 − x2 dx
porremmo x = sin t e applicheremmo il procedimento con le variabili x e t scambiate fra loro.

4
Integrazione per parti
Come conseguenza della regola di Leibnitz sulla derivazione di un prodotto (puntuale) di due funzioni
abbiamo che:
se, su un certo intervallo I, g ha primitiva G e f ha derivata f 0 , allora
Z Z
f (x) · g(x) dx = f (x) · G(x) − f 0 (x) · G(x)dx

Infatti, derivando il secondo membro, si ha: f 0 (x) · G(x) + f (x) · g(x) − f 0 (x) · G(x) che dà proprio
f (x) · g(x). (f (x) dicesi fattor finito, mentre g(x) (oppure g(x) dx) dicesi fattor differenziale).
Z
Esempio 8.18 log x dx

1
g(x) = 1 G(x) = x f (x) = log x f 0 (x) =
x
Applicando la regola si ha:
Z Z Z
1
log x dx = x log x − x · dx = x log x − 1 dx = x log x − x + c
x
Z Z
Esempio 8.19 (cos x)2 dx = cos x · cos x dx

g(x) = cos x G(x) = sin x f (x) = cos x f 0 (x) = − sin x


Applicando la regola si ha:
Z Z
cos x · cos x dx = cos x sin x − − sin x sin x =
Z Z
2
= cos x sin x + 1 − (cos x) dx = cos x sin x + x − (cos x)2 dx

E portando al primo membro della catena di uguaglianze l’integrale indefinito che compare nell’ultimo:
Z
2 cos x · cos x dx = cos x sin x + x

da cui: Z
1
(cos x)2 dx = (cos x sin x + x) + c
2

Integrazione per decomposizione


La proprietà di additività ( 2) di pag. 1) si applica quando si riesce a spezzare una funzione nella
somma di funzioni più semplici:
1 A B A(x − 3) + B(x − 2)
Esempio 8.20 = + =
(x − 2)(x − 3) x−2 x−3 (x − 2)(x − 3)
Per trovare A e B, imponiamo che A(x − 3) + B(x − 2) = 1 ∀x, da cui, per x = 3 si ha B = 1 e
per x = 2 si ottiene A =Z−1. Quindi: Z
−1
Z
1 1
dx = dx + dx = log |x − 3| − log |x − 2| + c
(x − 2)(x − 3) x−2 x−3
(Su questo argomento, al quale vogliamo solo accennare, vedere anche suggerimento relativo all’esercizio
5, della sezione esercizi).

Potrebbero piacerti anche