Sei sulla pagina 1di 19

Dipartimento di

Ingegneria Industriale

Corso di Fisica Tecnica


(Ult. numero di matricola dispari)
A.A. 2020-2021

Lezione 2 – 1 Parte – 3 marzo 2021


Scambi di lavoro

Stefano Bortolin

Corso di Fisica Tecnica - A.A. 2020-2021


Scambi di lavoro
• Si avrà uno scambio di lavoro dL in un intervallo di tempo
infinitesimo dτ quando,
 in corrispondenza della superficie
 di
controllo, una forza F compie uno spostamento elementare dx . Per
definizione di lavoro si ha:
 
dL  F  dx  Fdx cos  [N m] [J] joule

2 Corso di Fisica Tecnica - A.A. 2020-2021


Scambi di lavoro
• Il lavoro scambiato può essere fatto dal sistema sull’esterno o
dall’esterno sul sistema.
• Convenzione:
- Lavoro positivo se fatto dal sistema;
- Lavoro negativo se ricevuto dal sistema.
  
dL  Fs  dx  Fs dx cos  (1) Fs è applicata dal sistema

  
dL   Fc  dx   Fc dx cos (2) Fc è applicata dal contorno

3 Corso di Fisica Tecnica - A.A. 2020-2021


Scambi di lavoro: esempio
• Si consideri il caso seguente, in cui possiamo identificare due
sistemi distinti:
– un sistema pistone-cilindro;
– un sistema molla.

• I due sistemi comunicano attraverso la superficie di controllo (in


giallo).

4 Corso di Fisica Tecnica - A.A. 2020-2021


Scambi di lavoro: esempio
• Supponiamo uno spostamento del pistone dx diretto verso sinistra.


dx

• Consideriamo il sistema GAS:


– facendo riferimento a F1, cosθ>0 applicando (1) dL>0;
Il sist. gas effettua lavoro
– facendo riferimento a F2, cosθ<0 applicando (2) dL>0;

• Consideriamo il sistema MOLLA:


– facendo riferimento a F2, cosθ<0 applicando (1) dL<0;
Il molla riceve lavoro
– facendo riferimento a F1, cosθ>0 applicando (2) dL<0;

5 Corso di Fisica Tecnica - A.A. 2020-2021


Lavoro di deformazione
• Riguarda tutto ciò che comporta una variazione di forma del sistema
(es. compressione di una gas, deformazione di una molla).
• In termodinamica, ha particolare interesse il caso in cui la forza è
legata alla pressione ps del sistema ed applicata ad una parte della
superficie di controllo di area A.

  Lavoro di deformazione:


dL  Fs  dx  ps Adx cos  ps dVs
> 0 quando si ha un aumento di volume

6 Corso di Fisica Tecnica - A.A. 2020-2021


Calcolo del lavoro di deformazione
• Supponendo un sistema di massa ms e volume specifico vs:
 
dL  Fs  dx  ps Adx cos   ps dVs  ms ps dvs dVs  ms dvs

• Per unità di massa:


dL
 ps dvs [J kg-1]
ms
• Lavoro di deformazione complessivamente scambiato:
f

Lif   ps dVs
i

f
Lif
  ps dvs
ms i

7 Corso di Fisica Tecnica - A.A. 2020-2021


Lavoro di deformazione
• N.B.: il lavoro di deformazione dipende dalla relazione tra p e V.
• Il lavoro è quindi una grandezza di percorso (non dipende solo
dalle condizioni iniziali e finali del sistema come avviene nel caso
delle grandezze di stato).

Se all’esterno della s.d.c. agisce un altro sistema che esercita pe e


subisce una variazione di volume dVe=-dVs, il lavoro di deformazione è
quindi:

 
dL   F c  dx   pe Adx(1)   pe dVe

dL   pe dVe

8 Corso di Fisica Tecnica - A.A. 2020-2021


Lavoro di deformazione: espansione

• Per valutare il lavoro scambiato Lif tra sistema e contorno attraverso


l’integrale bisogna conoscere in ogni istante p(V).
f

Lif   ps dVs
i

• L’espansione dovrà quindi essere graduale, in modo da avere una


pressione omogenea all’interno del fluido.

9 Corso di Fisica Tecnica - A.A. 2020-2021


Lavoro di deformazione: espansione
• Si dovrà compensare lo squilibrio introducendo una forza ausiliaria
variabile di modulo Fv.
• In questo modo la trasformazione procederà per stati di equilibrio.

• Il lavoro può essere così calcolato indifferentemente facendo


riferimento alle forze esercitate dal sistema o dal contorno.
• Si tratta di uno scambio di lavoro in quanto il lavoro fatto dal sistema
viene ricevuto dall’ambiente esterno (pressione esterna + forza Fv).
• Se si consente alla parte di muoversi liberamente (Fv=0), all’interno
si genera una situazione caotica che non consente di definire un
valore univoco di ps.

10 Corso di Fisica Tecnica - A.A. 2020-2021


Lavoro di deformazione: espansione
f
Non potendo più usare l’espressione: Lif   ps dVs
i

trattandosi di uno scambio di lavoro, si può utilizzare invece la formula:

dL   pe dVe  Lif   pe Ve  pe Vs  0

11 Corso di Fisica Tecnica - A.A. 2020-2021


Lavoro di torsione
• Avviene quando un momento torcente compie una rotazione:
dL  Md
• Si manifesta tramite un albero rotante che attraversa la superficie di
controllo.
• Facendo riferimento ad un momento torcente prodotto dal sistema:

dL  M s d s

• Facendo riferimento ad un momento torcente prodotto dal contorno:


d L   M c d c

12 Corso di Fisica Tecnica - A.A. 2020-2021


Lavoro di deflusso
• Si consideri una massa dmu uscente dalla s.d.c. che viene
convogliata mediante un condotto di sezione A.
• Il lavoro associato al movimento di questa massa dmu è:

dL  Fdx =(pu A)dx  pu dV

dV
dL  pu dmu  pu vu dmu
dmu
Analogamente per una
massa in ingresso dme

dV
dL   pe dme   pe ve dme
dme

13 Corso di Fisica Tecnica - A.A. 2020-2021


Lavoro delle forze di attrito
• Le forze di attrito sono legate a fenomeni di deformazione locale e
adesione molecolare.
• Consideriamo 2 corpi rigidi A e B, ciascuno racchiuso dalla propria
s.d.c., posti a contatto e in moto relativo.

• In corrispondenza della zona di contatto, ciascun corpo è soggetto


ad una forza di attrito indotta dall’altro corpo.
 
F ab = F ba =f a Fn

14 Corso di Fisica Tecnica - A.A. 2020-2021


Lavoro delle forze di attrito
• Calcoliamo il lavoro delle forze di attrito sul corpo A e sul corpo B.

dLa  FB  Adx A

dLb  FA B dxB

• L’entità dei lavori risulta indefinita perché dxA e dxB dipendono dalla
scelta del sistema di riferimento.
• Per esempio, prendendo un sistema di riferimento solidale con B,
dLB risulterebbe nullo.
• Per risolvere il problema si ricorre ad un sistema ausiliario C avente
spessore infinitesimo e posto tra i due sistemi A e B.

15 Corso di Fisica Tecnica - A.A. 2020-2021


Lavoro delle forze di attrito
• Sulle superfici del sistema virtuale C, scorrono le forze FA B e FB  A

dLc   Fa dx A  Fa dxB   Fa (dxA  dxB )   Fa dx AB


Dove dxAB rappresenta lo spostamento relativo tra A e B, univocamente
definito.
• Il lavoro di attrito risulta definito solo per l’insieme dei due corpi, non
è possibile ripartilo tra A e B.
• Il lavoro di attrito viene convertito in scambio termico con i sistemi A
e B (lavoro dissipato per attrito).

16 Corso di Fisica Tecnica - A.A. 2020-2021


Lavoro delle forze di attrito
• Si supponga ora di racchiudere A e B entro la stessa s.d.c.

dLA B   Fe dx A  Fe dxB

L’attrito non viene evidenziato ma influisce sul fenomeno: in assenza di


attrito la forza Fe andrebbe ad accelerare il corpo.

17 Corso di Fisica Tecnica - A.A. 2020-2021


Attrito viscoso
• Si consideri una superficie ideale dA all’interno di un fluido e sia w la
componente della velocità ad essa parallela.

• Per i fluidi newtoniani, sulla superficie considerata viene esercitata


una forza tangenziale di attrito:
 dw 
dFa   dA uw
dy
• La viscosità dinamica μ si esprime in [kg m-1 s-1]

18 Corso di Fisica Tecnica - A.A. 2020-2021


Attrito viscoso
• Si vuole valutare il lavoro di attrito in corrispondenza alla strato
infinitesimo di fluido

• Applicando lo stesso ragionamento visto per le due superfici rigide A


e B:
dLa   dFa dx

• Il lavoro delle forze di attrito, essendo un lavoro interno, non va mai


computato tra gli scambi che si manifestano sulla superficie di
controllo.

19 Corso di Fisica Tecnica - A.A. 2020-2021

Potrebbero piacerti anche