Sei sulla pagina 1di 8

CROCOITE

Formula del minerale e classificazione

La crocoite è un cromato di
piombo, con formula PbCrO4

Cristallizza nella classe


prismatica del sistema
monoclino e fa parte del gruppo
cristallino trimetrico
Struttura cristallina e abito cristallino
L’aspetto dell’abito cristallino di un
minerale è il risultato della particolare
disposizione degli atomi e delle molecole
all’interno dei cristalli, ossia della
cosiddetta struttura cristallina, la cui unità
base è la cella elementare. Essa si ripete
regolarmente nello spazio fino a formare
il reticolo cristallino, che dà la forma al
minerale. La struttura è propria di ogni
minerale, ma è influenzata da altri fattori,
come il tempo o lo spazio in cui si
sviluppa il cristallo.
La crocoite ha una struttura cristallina
prismatica e l’abito cristallino si presenta
come massivo, granulare in cristalli lunghi e
molto lucent. I cristalli sono quasi sempre dei
prismi, raramente romboedrici.
Caratteristiche fisiche
-Colore: rossastro-arancione, color zafferano, da
cui deriva il suo nome greco
-Densità: 5,9 - 6,2 g/cm³
-Sfaldatura (la caratteristica di rompersi lungo piani
-Lucentezza (la capacità di riflettere la luce):
di minor resistenza): anch’essa è prismatica
adamantina, traslucida
-Durezza (la resistenza di un minerale a essere
scalfito, misurata in scala Mohs): 2,5-3 -Magnetismo (la capacità di attrarre materiali
ferrosi): la crocoite non è magnetica

-Temperatura di fusione (è il punto termico a


cui avviene la demolizione del solido
cristallino): 844 °C

Inoltre la crocoite non è nè radioattiva nè


fluorescente.
Formazione e origine
L'origine del minerale avviene in seguito alla
infiltrazione di cromo fuso e fluidificato nelle parti
ossidate dei giacimenti di piombo. Perché si formi la
crocoite è necessario che le acque arricchitesi di
cromo, dopo aver reagito con rocce contenenti questo
metallo, reagiscano con sali di piombo.

I campioni più belli e grandi sono stati ritrovati in


Tasmania, mentre altri in zone dell’est Europa e
SudAmerica.
Utilizzo

La crocoite è piuttosto rara in natura, ma


artificialmente il cromato di piombo si può
sintetizzare,e viene utilizzato come pigmento. È un
composto tossico ma non ad alti livelli, grazie alla
sua elevata solubilità. In alcuni paesi,
specialmente a basso reddito, viene illegalmente
utilizzato come colorante alimentare. Il suo
maggior utilizzo viene fatto nella produzione di
vernici sfruttandone la capacità di conferire un
forte colore giallo-arancio.
Curiosità
Il nome crocoite deriva dal greco κρὀκος krókos = zafferano, a causa della somiglianza del colore
della spezia.

Studiando questo minerale, nel 1797 venne scoperto l’elemento chimico del cromo, chiamato così
proprio a causa del colore che conferisce ai composti.

Nel 2000 lo stato australiano della Tasmania ha scelto la crocoite come emblema minerario, a causa
di numerosi ritrovamenti di cristalli del minerale di particolare bellezza e rarità proprio in questo luogo.
Bibliografia
Wikipedia: https://it.wikipedia.org/wiki/Cromato_di_piombo
https://en.wikipedia.org/wiki/Crocoite

Mindat.com: https://www.mindat.org/min-1157.html#autoanchor21

Sapere.it: https://www.sapere.it/enciclopedia/crocoite.html

Enciclopedia Treccani:
https://www.treccani.it/enciclopedia/crocoite_%28Enciclopedia-Italiana%29/

Potrebbero piacerti anche