Sei sulla pagina 1di 5

Lingua

e letteratura in età
comunale
L’affermazione del volgare (XIII secolo)

Latino Volgare

Permane come lingua dotta


(teologia, medicina, Francia Italia centro-settentrionale Regno di Sicilia (1220-1250)
filosofia, diritto)

Ad opera dei letterati e dei


Nei Comuni, come simbolo cortigiani come simbolo di
Si usa nelle Università e Volgare come lingua Lingua d’oil come lingua di Lingua d’oc (scuola siciliana di affermazione del ceto
nelle Cancellerie all’interno delle corti cultura (Rustichello da Pisa) e alcuni poeti toscani) cultura ed imitazione della
borghese e mercantile lirica provenzale

L’ascesa dei re “parigini” la


nascita della monarchia XIII secolo
Influsso sulle lingue volgari
(parole e sintassi) francese fanno del Tanti Comuni =
“parigino” la lingua policentrismo linguistico
nazionale

XIV secolo
Fiorentino come lingua
letteraria (Dante, Petrarca,
Boccaccio) e “nazionale”
La letteratura italiana in età comunale
Diversificata nelle
forme e negli
elementi linguistici

Poesia Prosa

Religiosa e
didattica Novellistica

Lirica Cronache

Comico-realistica Trattati di retorica


e argomento
scientifico
La poesia italiana in età comunale
Poesia

Religiosa e didattica Lirica Comico-realistica

San Francesco (Cantico


delle Creature), Iacopone Genere comico-parodico
Scuola siciliana (trovatori (Cecco Angiolieri autore di
da Todi (Donna de provenzali)
versi beffardi)
Paradiso)

Nel nord Italia: Giacomino Filone popolare e


da Verona e Bonvesin de la Poeti siculo-toscani giullaresco (Cielo d’Alcamo
(Guittone d’Arezzo) che
Riva (quest’ultimo troverà con parodia dell’amore
preludono al Dolce Stil
un epigone in Dante per le cortese) e Cantàri (parodie
Novo
visioni dell’oltretomba) del ciclo carolingio)

In Toscana, genere
allegorico-didattico con Stilnovisti (Guinizzelli,
Cavalcanti, Dante, Cino da
Brunetto Latini (Tresoretto
Pistoia)
e Il fiore)
La prosa italiana in età comunale
Prosa

Prosa d’invenzione e Novella Cronache Trattati di retorica Trattati di argomento scientifico

Testi sull’arte di scrivere bene In poesia, i Tesoretto di Brunetto Latini


Letteratura franco-veneta (riprende (rispondono alle esigenze pratiche (un poemetto) un’enciclopedia di
temi del ciclo carolingio e bretone, delle nuove classi dominanti); si storia, scienze, retorica e politica; in
Libri di viaggio (Milione) rifanno al latino (figure retoriche, prosa l’opera di Ristoro d’Arezzo
mescolando lingua d’oil e volgare
veneto ornato, eleganza del periodo, accenti). (Composizione del mondo) fonte
Brunetto Latini (Rettorica) d’ispirazione per il Convivio di Dante

Opere “storiografiche” (si abbandona


Novella = genere nuovo che attinge a l’idea della storia come sottoposta alla
leggende, fabliaux, exempla, ecc. Dal
Provvidenza divina e si rivaluta l’agire
Novellino (anonimo) al Decameron umano): Cronica di Dino Compagni ed
(Boccaccio)
analoga opera di Giovanni Villani

Libri dei mercanti (libri di famiglia dei


mercanti di fine ‘300)

Potrebbero piacerti anche