Sei sulla pagina 1di 1

Giornata Mondiale del Teatro 2011

Lo spettacolo al quale state per assistere sarebbe stato dedicato alla celebrazione della GIORNATA
MONDIALE DEL TEATRO che ha luogo in tutto il mondo il 27 marzo di ogni anno.

Su iniziativa del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - Dipartimento per


l’Istruzione e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Direzione Generale per lo Spettacolo
dal Vivo, la Federazione Italiana Teatro Amatori, insieme all’AGISCUOLA – all’AGIT e alla
Uilt, hanno aderito alla costituzione del comitato nazionale per collaborare nell’ideazione e
organizzazione di eventi volti alla promozione e valorizzazione del teatro nelle scuole, in particolare
attraverso la realizzazione della Giornata Mondiale del Teatro in Italia, intensificando, anche
attraverso specifici accordi volti a facilitare l’accesso all’offerta di rappresentazioni teatrali per gli
studenti, la fruizione degli spettacoli da parte del mondo della scuola.

Il 16 febbraio scorso, Paolo Protti (Presidente dell’AGIS) insieme a Sergio Escobar (Direttore del
Piccolo teatro di Milano), entrambi componenti del comitato scientifico dell’iniziativa, hanno
esposto l’impossibilità dell’Agis ad aderire alla Giornata Mondiale del Teatro, rifiutando
qualsiasi ipotesi di collaborazione in merito, facendo notare come, nel momento in cui il
governo sta ignorando tutte le richieste dello spettacolo, ci fosse contraddizione tra celebrare
il valore etico del teatro, attraverso la Giornata, e dall’altra parte mettere in crisi il valore
delle imprese teatrali.

Il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dr. Gianni Letta, che presiede il Comitato, nel
prendere atto di questa posizione e vista la difficoltà di procedere senza la partecipazione
dell’Agis all’iniziativa, ha proposto la sospensione della Giornata per l’anno in
corso. La proposta è stata accettata dal comitato.

La Federazione Italiana Teatro Amatori, anche se rappresenta il teatro non professionistico


e,dunque, slegata dalle ragioni economiche della protesta, nel prendere atto di tale decisione,
esprime piena condivisione delle ragioni dell’iniziativa assunta e stigmatizza come l’atteggiamento
del Governo verso la Cultura mortifichi anche, se non soprattutto, il mondo degli Amatori del
Teatro, che operano disinteressatamente, con mezzi propri, con grande passione e con risultati nel
territorio che hanno da sempre contribuito in maniera fondamentale a promuovere la cultura del
Teatro e delle Arti in genere.

Le Associazioni aderenti alla F.I.T.A. andranno in scena nella settimana fino al 27 marzo per
ricordare a tutti gli spettatori come diventi sempre più difficile essere orgogliosi delle nostre
tradizioni culturali in una Nazione che anche in questo si allontana dal contesto mondiale.
Un’altra occasione perduta!

Roma, 22 febbraio 2011

Il Presidente Nazionale della F.I.T.A.


Avv. Carmelo Pace