Sei sulla pagina 1di 2

EPIFISIOLISI

Consiste in una lesione non infiammatoria della cartilagine di coniugazione interposta fra testa e
collo femorale per cui quasi per un cedimento (“LISI”) della epifisi rispetto alla metafisi la testa
femorale finisce per scivolare (“LISTESI”) posteriormente e in basso.

++ pz che in età prepuberale e M spesso bilaterale.

Eziologia
I pz spesso presentano un eccessivo peso corporeo + associate ad alterazione della sfera endocrina
(ipotiroidismo, sdr adiposo genitale, eunucoidismo).

aumento ponderale + cartilagine di accrescimento (che ha una ridotta resistenza meccanica)=


slittamento del nucleo epifisario della testa del femore all'indietro e in basso (varismo cervico
cefalico). Ciò si verifica progressivamente.

I reperti variano il rapporto ai diversi stadi evolutivi:


epifisiolisi pura ® preepifisiolisiesi ®epifisiolistesi

ü Epifisiolisi pura: alterazioni della cartilagine di accrescimento che ne ↓la resistenza, ↑spessore
degli strati proliferativo, maturativo ed ipertrofico.
ü Pre-epifisiolisiesi: si riscontra un lievissimo slittamento
ü Epifisiolistesi: scivolamento dell’epifisi sul collo clinicamente e radiograficamente conclamato

(ognuno dura anche mesi, mentre lo scivolamento acuto dell’epifisi può essere causato da eventi
traumatici anche di lieve entità)

Clinica:
ANDAMENTO CLINICO:
• acuto (trauma + dolore inguinale acuto + impotenza funzionale),
• cronico (adolescente in sovrappeso + storia di dolori in regione inguinale e faccia mediale
della coscia + spesso modesta zoppia),
• acuto su epifisiolisi cronica (sint. tipica dell’andamento cronico con peggioramento
improvviso +++per trauma)

ESAME OBIETTIVO:
• dolore inguinale modesto,
• zoppia di fuga,
• atteggiamento in adduzione e rotazione ext. con limitazione all’intrarotazione ed abduzione
dell’arto ® la flessione dell’anca comporta l’extrarotazione

Diagnosi
Fase di epifisiolisi:
• lieve incurvamento in basso e posteriormente del collo femorale (++ visione laterale)
• allargamento della linea di coniugazione cervico-epifisario (confronto con anca
controlaterale)
• irregolarità della zona metafisaria che in prossimità della cartilagine di accrescimento può
presentare zone di radiotrasparenza/radiopacità (pelle di leopardo)

Fase di pre epifisiolistesi: presenza di un gradino nel punto di passaggio tra metafisi ed epifisi®
segno di iniziale scivolamento.

Fase di epifisiolistesi:
• immagine “a virgola” dell’epifisi femorale
• aumento incurvamento posteriore e verso il basso del collo femorale
• neo-apposizione ossea tra testa e collo

Classificazione: si valuta l’angolo di Southwick (in proiezione assiale).


Grado I (lieve: scivolamento<30°), grado II (moderato: 30-50°), grado III (grave: >50°).

Prognosi
Prognosi buona se trattato precocemente. Sennò, in caso di slittamento grave, questo può
rappresentare il primo movens di una precoce artrosi dell'anca.

Trattamento® fondamentalmente chirurgico

• CRUENTO
Stabilizzazione con una o due viti nel collo femorale (EPIFISIODESI) che vanno rimosse quando
radiograficamente è scomparsa la cartilagine di accrescimento;

• INCRUENTO
Paziente posizionato sul letto di trazione; trazione gentile applicata sull’arto;
No fare manovre violente che rischino di compromettere la vascolarizzazione del nucleo cefalico
distaccato o portare a condrolisi iatrogena

Complicanze:
L’epifisiolisi acuta o l’evoluzione acuta di una forma cronica sono delle emergenze ortopediche
Nelle forme più gravi lo scivolamento può essere sub totale e portare a sofferenza vascolare con
necrosi della testa
L’intervallo tra l’episodio acuto e l’intervento influiscono sull’esito finale ® Riduzioni acute entro
24h dalla comparsa dei sintomi (tasso di necrosi della testa femorale del 7% vs 20% se <24h VS >24h)

CLASSIFICAZIONE DI SALTER-HARRIS
Prima della chiusura, la cartilagine di accrescimento è la parte più fragile dell'osso e quindi si lesiona
frequentemente quando su di essa viene applicata una forza. Le fratture della cartilagine di accrescimento
possono estendersi nella metafisi e/o epifisi; i diversi tipi di frattura sono classificati dal sistema di Salter-
Harris. Il rischio di compromettere la crescita, aumenta con la progressione del tipo di frattura dal I al V.
Salter I: S = "Straight" (la linea di frattura lungo la cartilagine di accrescimento)
Salter II: A = Above (la linea di fx da cart. di accr. verso la metafisi ossea)
Salter III: L = "Lower" (la linea di frattura si estende verso l'epifisi ossea)
Salter IV: T = "Through" (coinvolge metafisi, cart. di accrescimento, ed epifisi)
Salter V: R = "Rammed" (la cartilagine di accrescimento è schiacciata)
Prognosi peggiore: III, IV e V.

Potrebbero piacerti anche