Sei sulla pagina 1di 5

Durante il corso di Fisica Generale I useremmo i seguenti oggetti algebrici:

scalari, vettori. Per una trattazione rigorosa e esaustiva si consiglia di


riferirsi ai testi/corsi di algebra e geometria.

Scalare

Uno scalare è un elemento di un insieme K chiamato campo scalare con le


seguenti caratteristiche. Vi sono definite due operazioni binarie + addizione,
∗ moltiplicazione con le seguenti proprietà:

addizione +

∀ a, b ∈ K : a + b ∈ K ↔ chiusura
∀ a, b, c ∈ K : (a + b) + c = (a + b) + c ↔ associatività
∀ a ∈ K, ∃ 0 ∈ K : a + 0 = 0 + a = a ↔ elemento neutro
∀ a ∈ K, ∃ (−a) ∈ K : a + (−a) = (−a) + a = 0 ↔
inverso additivo: "opposto"
∀ a, b ∈ K, a + b = b + a ↔ commutatività

moltiplicazione ∗

∀ a, b ∈ K : a ∗ b ∈ K ↔ chiusura
∀ a, b, c ∈ K : (a ∗ b) ∗ c = (a ∗ b) ∗ c associatività
∀ a ∈ K, ∃ 1 ∈ K : a ∗ 1 = 1 ∗ a = a ↔ elemento neutro
∀ a ∈ K, a = 0, ∃ (a−1 ) ∈ K : a ∗ a−1 = a−1 ∗ a = 1 ↔
inverso moltiplicativo: "inverso"
∀ a, b ∈ K, a ∗ b = b ∗ a ↔ commutatività

∀ a, b, c ∈ K

(a + b) ∗ c = a ∗ c + b ∗ c ↔ distributività

L'insieme dei numeri reali/complessi R (C) con le operazioni di addizione e


moltiplicazione dei numeri reali (complessi) è un esempio di campo scalare
reale (complesso).

Vettore
Un vettore è un elemento di uno spazio vettoriale. Uno spazio vettoriale V
(su un campo scalare K) è un insieme con le seguenti caratteristiche:

addizione (tra vettori) +

∀ u, v ∈ V : u+v ∈ V ↔ chiusura
∀ u, v, w ∈ V : (u+v)+w = u+(v+w) ↔ associatività
∀ u ∈ V, ∃ 0 ∈ V : u+0 = 0+u = u ↔ elemento neutro:
"vettore nullo"
∀ u ∈ V, ∃ (−u) ∈ V : u + (−u) = (−u)+u = 0 ↔
inverso additivo: "opposto"
∀ u, v ∈ V, u+v = v+u ↔ commutatività

moltiplicazione di un vettore per uno scalare ∗

∀ a ∈ K, u ∈ V : a∗u ∈ V ↔ chiusura
∀ a, b ∈ K, u ∈ V : a∗(b∗u) = (a ∗ b)∗u ↔ associatività
∀ a, b ∈ K, u ∈ V : (a + b)∗u = a∗u+b∗u ↔ distributività
∀ a ∈ K, u, v ∈ V : a∗(u+v) = a∗u+a∗v ↔ distributività
∀ u ∈ V : 1∗u = u

Esercizio

Verificare che:

0∗u = 0
(−u) = (−1)∗u
a∗0 = 0

Soluzione

1∗u = (0 + 1)∗u = 0 ∗ u + u = u (aggiungiamo l'opposto)


0 = (1 + (−1))∗u = u + (−1)∗u
a∗(0+v) = a∗0+a∗v = a∗v

Esempi di spazi vettoriali

R
R × R = R2 = {(x1 , x2 )/x1 , x2 ∈ R}, con:
(x1 , x2 ) + (y1 , y2 ) = (x1 + y1 , x2 + y2 )
a ∗ (x1 , x2 ) = (a.x1 , a.x2 )
R × R × R = R3 = {(x1 , x2 , x3 )/x1 , x2 , x3 ∈ R}, con:
(x1 , x2 , x3 ) + (y1 , y2 , y3 ) = (x1 + y1 , x2 + y2 , x3 + y3 )
a ∗ (x1 , x2 , x3 ) = (a.x1 , a.x2 , a.x3 )

Concetti utili (da approfondire altrove, riferirsi al corso


di geometria)

Vettori linearmente indipendenti

Un insieme di n vettori {e1 , e2 , ..., en } si dicono linearmente indipendenti


se la combinazione lineare a1 e1 + a2 e2 + ... + an en = 0 se e solo se
a1 = a2 = ... = an = 0

Base

Una base di uno spazio vettoriale V è un'insieme di vettori linearmente


indipendenti tali che qualsiasi vettore di V si esprimibile come combinazione
lineare di questi vettori. v ∈ V : v = a1 e1 + a2 e2 + ... + an en . Il numero
degli elementi della base (n nel nostro caso) rappresenta la dimenzione
dello spazio V . I coefficienti a1 , ..., an rappresentano i componenti v nella
base.

Esempi:

R :?
R2 : {(1, 0), (0, 1)} ↔ {e1 , e2 } ↔ base standard
R3 : {(1, 0, 0), (0, 1, 0), (0, 0, 1)} ↔ {e1 , e2 , e3 } ↔ base
standard

In Rn quando la base non viene esplicitamente definita, si usa la base


standard. Esistono più basi per uno spazio vettoriale

Prodotto scalare (reale)

Il prodotto scalare tra due vettori u e v è uno scalare associato a u e v


rapresentato come u ⋅ v per cui valgono:
u ⋅ (v + w) = u ⋅ v + u ⋅ w
(au) ⋅ v = u ⋅ (av) = a(u ⋅ v)
u⋅v =v⋅u
u ⋅ u ≥ 0, e u ⋅ u = 0 ⇔ u = 0

Prodotto scalare in Rn (ci limiteremo ai casi n = 1, 2, 3)

Il prodotto scalare fra due vettori u


≡ (u1 , u2 , ..., un ), v ≡ (v1 , v2 , ..., vn )
n
è definito nel modo seguente: u ⋅ v = u1 v1 + ... + un vn = ∑i=1 ui vi .

Due vettori u e v sono considerati ortogonali se u ⋅ v =0

Prodotto vettoriale

Il prodotto vettoriale fra due vettori u e v, rapresentato da u × v è un


oggetto algebrico con le seguenti proprietà:

linearità nel primo termine:

(au) × v = a(u × v)
(u + v) × w = u × w + v × w

linearità nel secondo termine:

u × (av) = a(u × v)
u × (v + w) = u × v + u × w

antisimetrico:

u × v = −v × u

In R2 ,

Presi u ≡ (u1 , u2 ) e v ≡ (v1 , v2 ):

u × v ≡ u1 v2 − u2 v1 = det [ 1 ]
u u2
v1 v2

In R3 ,

presi u ≡ (u1 , u2 , u3 ) e v ≡ (v1 , v2 , v3 ):


u × v ≡ (u2 v3 − u3 v2 , u3 v1 − u1 v3 , u1 v2 − u2 v1 ) =
(det [ 2 ] , − det [ 1 ] , det [ 1 ])
u u3 u u3 u u2
v2 v3 v1 v3 v1 v2
rapresenta il vettore con coordinate (u2 v3 − u3 v2 , u3 v1 −
u1 v3 , u1 v2 − u2 v1 )
si può usare una rapresentazione più sintetica: u × v =
⎡e1 e2 e3 ⎤
det ⎢u1 u2 u3 ⎥
⎣ v1 v2 v3 ⎦

Potrebbero piacerti anche