Sei sulla pagina 1di 26

www.isendu.

com

Spedizioni
E-commerce
Come trasformarle
da problema a vera
opportunità di crescita

2021



E cienza, sostenibilità, automazione: sono
queste le parole chiave per ottimizzare la
gestione delle spedizioni e-commerce, una
delle s de più critiche che i negozi online
affrontano ogni giorno.

Ma come fa un negozio di e-commerce a


sviluppare una strategia di spedizione
vincente quando le risorse a disposizione
sono limitate? La risposta è semplice:
trasformando le spedizioni da problema a
opportunità di crescita.

ffi
fi

isendu è nata per aiutarti a rivoluzionare il
tuo concetto di logistica, trasformando le
spedizioni da un’attività costosa e
frustrante a un potente strumento di
comunicazione e di crescita per il tuo
business. Sappiamo che spedire non è
l’attività più entusiasmante tra quelle che
hanno a che fare con la gestione di un
negozio online, ma possiamo illustrarti
come orchestrare una strategia di
spedizione capace di entusiasmare i tuoi
clienti, per a ancarli durante il percorso di
acquisto e trasformarli in clienti fedeli che
acquisteranno ancora sul tuo negozio.

Dato che crediamo che la condivisione delle


informazioni sia la chiave per mettere il tuo
business sulla strada verso il successo,
abbiamo creato questa guida pratica
permostrarti consigli pratici e strategie che
ti aiuteranno a dare slancio alle tue
spedizioni e risparmiare tempo per
concentrarti su ciò che conta davvero:
la crescita del tuo negozio.

ffi


Contenuti

I principali problemi
04_
della logistica e-commerce
Come fare delle spedizioni il tuo alleato
06_
più prezioso
Considerare le spedizioni come un
09_
elemento di marketing e promozione
Tenere in considerazione tutto il processo
10_
di acquisto del cliente

Ragionare in ottica multicanale 11_

De nire la strategia iniziale 12_

Scegliere il corriere giusto per il tipo di


15_
spedizione e prodotto

Fare del packaging uno strumento


18_
di branding

Conclusioni: come piani care


23_
la crescita del tuo e-commerce

isendu.com
fi

fi



4

I PRINCIPALI
PROBLEMI
DELLA
LOGISTICA
E-COMMERCE

isendu.com


I PRINCIPALI PROBLEMI DELLA LOGISTICA 5

Che si tratti di garantire una consegna puntuale


degli ordini ai clienti o piani care l’invio di prodotti
venduti su canali diversi, per molti negozi la logistica
rappresenta un vero proprio ostacolo alla crescita.

Pensaci: ti è mai capitato di ricevere un ordine e passare rapidamente


dall’entusiasmo della vendita alla preoccupazione di non riuscire a spedirlo
senza intoppi? Se questa è una circostanza che ti suona familiare, sei in
buona compagnia: secondo una ricerca condotta da Accenture, infatti, il
54% dei brand europei ritiene che il proprio potenziale di vendita sia
limitato o fortemente in uenzato dalle capacità logistiche1.

Quello che ci troviamo davanti è uno scenario e-commerce sempre più


polarizzato tra big player e negozi indipendenti, dove continuano ad
aumentare le disuguaglianze nella shipping neutrality, il concetto secondo
cui tutti gli operatori logistici dovrebbero riservare lo stesso trattamento
ai commercianti: da una parte troviamo i grandi rivenditori, che fanno leva
sull’economia di scala per garantire lo stesso servizio indipendentemente
dalle condizioni di mercato o dall’aumento dei costi di spedizione, dall'altra i
negozi indipendenti gestiti dai piccoli imprenditori, che faticano a tenere il
passo e restano incastrati in un limbo.

Ma c’è una buona notizia: uscire dallo stallo è possibile. Il segreto sta
tutto nell’implementare un processo che trasformi le spedizioni da
problema a opportunità, da punto debole a punta di diamante del tuo
business, per dare nuovo slancio alla crescita del tuo negozio. Perché
quando metti il turbo alle spedizioni, anche le tue vendite prendono il volo.

1Fonte: ecommercenews.eu

isendu.com
fl
fi


I PRINCIPALI PROBLEMI DELLA LOGISTICA 6

COME FARE DELLE SPEDIZIONI


IL TUO ALLEATO PIÙ PREZIOSO

Se ti stai chiedendo come fare, isendu ha dedicato questa guida pratica


proprio a te: un piccolo - ma grande - imprenditore, che vuole imparare a
trasformare le spedizioni da problema a opportunità di crescita. E dato che
non ci piace farti perdere tempo, vogliamo offrirti una serie di spunti
pratici e consigli attuabili per rivoluzionare la tua strategia di spedizione e
metterti sulla strada giusta per aumentare le vendite del tuo negozio.
Che il viaggio abbia inizio.

Nel proseguo di questa guida troverai spunti per:

• Considerare le spedizioni come un elemento di marketing e promozione


Spedire non signi ca semplicemente trasferire sicamente i prodotti dal
tuo magazzino a casa dei clienti, ma sfruttare il tragitto per offrire ai tuoi
acquirenti un’esperienza di branding coinvolgente che lascia il segno;

• Tenere in considerazione tutto il processo di acquisto del cliente


Dall’ordine online alla consegna del pacco da parte del corriere, sfruttare
il percorso di acquisto per creare momenti conversazionali con il cliente
è una delle migliori strategie per delizzare la clientela e incentivare gli
acquisti ricorrenti;

• Ragionare in ottica multicanale


Se operi attraversi canali di vendita differenti, è fondamentale assicurare
la stessa e cienza di spedizione a prescindere dall’origine degli ordini:
ti spiegheremo come riuscirci sfruttando l’automazione;

isendu.com

ffi
fi


fi

fi




I PRINCIPALI PROBLEMI DELLA LOGISTICA 7

• De nire la strategia iniziale


È lo strumento fondamentale per tracciare la rotta giusta verso i tuoi
obiettivi. Molti non ci pensano: tu battili sul tempo;

• Scegliere il corriere giusto per il tipo di spedizione e prodotto


Assicurati di avere al tuo anco il partner più adatto e non scegliere
un corriere espresso solo perché costa meno;

• Fare del packaging uno strumento di branding


Trasforma l’unboxing in un momento “cult” che sancisce nel migliore dei
modi il primo contatto dei tuoi prodotti con il cliente;

• Gestire i resi in modo impeccabile


Fai della gestione dei resi un elemento di marketing e promozione del tuo
negozio. Aiuta il cliente in ogni momento;

• Automatizzare le spedizioni, connettendo i canali di vendita con i corrieri


espressi
Sempli ca i processi per risparmiare tempo da dedicare al tuo business.
Sfrutta il valore di una logistica automatizzata;

• Utilizzare i dati per comprendere i comportamenti di acquisto dei clienti


Non perdere mai di vista i numeri e le statistiche che ti servono per
monitorare il tuo business e fanno crescere la tua attività.

isendu.com
fi
fi

fi











www.isendu.com

isendu si integra con


tutti i marketplace, ERP,
gestionali e corrieri.
Permette di gestire gli ordini
del tuo e-commerce
in maniera accentrata,
generare spedizioni e gestire
il tracking con pochi click

Hai una domanda o una curiosità?

Entra isendu

isendu.com



I PRINCIPALI PROBLEMI DELLA LOGISTICA 9

CONSIDERARE LE SPEDIZIONI
COME UN ELEMENTO DI MARKETING
E PROMOZIONE

La prima azione da intraprendere per trasformare le spedizioni da


problema a opportunità è iniziare a considerarle un vero e proprio
strumento di marketing per il tuo negozio online.

Le scatole che contengono i tuoi prodotti possono


diventare un autentico biglietto da visita con cui stupire
i tuoi clienti e creare un’esperienza di acquisto unica
e irripetibile.

Dovrai cercare di trasformare l’unboxing dei prodotti in un momento


celebrativo che gli utenti non vedono l’ora di condividere: su YouTube e
Instagram, si trovano moltissimi video di clienti entusiasti che
spacchettano prodotti di ogni genere - da computer e console, a profumi e
prodotti di bellezza - innescando un potente effetto a catena che, oltre a
permettere ai clienti già interessati di vedere cosa c’è dentro la scatola,
suscita curiosità e interesse nelle persone che non avevano considerato
l’acquisto ma che ora potrebbero farlo.

È proprio questo l’obiettivo che devi porti con il tuo packaging:


trasformarlo da passaggio necessario per utilizzare il prodotto a una vera e
propria esperienza che i tuoi acquirenti non vedono l’ora di condividere con
amici, familiari e follower.

isendu.com




I PRINCIPALI PROBLEMI DELLA LOGISTICA 10

TENERE IN CONSIDERAZIONE
TUTTO IL PROCESSO DI ACQUISTO
DEL CLIENTE

Una volta conquistata la vendita e spedito il pacco, si entra nella cosiddetta


fase last mile, o ultimo miglio: in questo passaggio cruciale, la
responsabilità della customer satisfaction passa dalle tue mani a quelle del
corriere. Sfrutta questa occasione per inviare mail, SMS o messaggi
WhatsApp transazionali che aggiornano il cliente sullo stato della
spedizione (ad esempio, “Ordine spedito” oppure “Ordine in consegna oggi”)
e creare occasioni conversazionali che mettono in risalto l’unicità del tuo
brand.

Servono idee? Comincia inserendo informazioni personalizzate o


contenuti originali nelle mail di noti ca: ad esempio, il giorno prima della
consegna prevista, potresti in ammare l’attesa con una mail che spiega
come utilizzare al meglio il tuo prodotto, oppure sfrutta le mail
transazionali per incentivare il cross-selling proponendo articoli accessori
all’acquisto, invitare il cliente a iscriversi alla newsletter con un codice
sconto o semplicemente ringrazialo per aver sostenuto una realtà
indipendente come la tua.

Utilizzando una piattaforma che ti offre un perfetto controllo sulle


spedizioni come isendu, inoltre, potrai conoscere il momento esatto in cui
il cliente ha ricevuto l’ordine e, 2 o 3 giorni, inviare una richiesta di
recensione per automatizzare la raccolta di feedback da parte dei clienti.

Le recensioni sono una prova sociale potentissima


che puoi sfruttare per tranquillizzare anche gli acquirenti
più indecisi sulla bontà dei tuoi prodotti.

isendu.com




fi
fi


I PRINCIPALI PROBLEMI DELLA LOGISTICA 11

Il tuo obiettivo dovrà essere quello di accompagnare il cliente durante


l’intero processo di acquisto: dal momento del check-out alla consegna del
corriere, rassicuralo con la tua presenza lungo tutto il tragitto. Con isendu,
puoi creare mail transazionali moderne e personalizzate in pochi click,
che ti aiutano a raggiungere i tuoi obiettivi e delizzare la clientela:
GreenEat, un negozio specializzato nella vendita di prodotti biologici e
tipici pugliesi, utilizza le mail transazionali con soddisfazione per
accompagnare i suoi clienti dal carrello alla tavola. In ne, oltre alle mail
tradizionali, considera l’utilizzo di canali alternativi come i classici SMS o
WhatsApp Business per restare in contatto con i clienti: scegliendo
quest’ultima potrai comunicare in tempo reale con i tuoi clienti, aggiornarli
sullo stato dell’ordine e offrire assistenza post-vendita, tutto all’interno di
una piattaforma che conoscono e utilizzano già.

RAGIONARE IN OTTICA MULTICANALE


Per sviluppare un e-commerce di successo, l’approccio all’omnicanalità è
necessario. I tuoi clienti, infatti, si aspettano di bene ciare della stessa
esperienza d’acquisto a prescindere del canale di vendita di provenienza:
che abbiano ordinato i prodotti dal tuo negozio online, da un marketplace
esterno o dalla tab Shopping di Instagram, il tuo obiettivo dovrà essere
quello di garantire la stessa e cienza di servizio e puntualità nella
consegna.

Per farcela, l’utilizzo di un sistema automatizzato per gestire le spedizioni si


rivelerà una strategia vincente. Anche in questo caso isendu può aiutarti,
offrendoti una piattaforma capace di integrare tutti i tuoi canali di vendita
in modo rapido e intuitivo per organizzare le spedizioni degli ordini
provenienti da piattaforme diverse e tracciarle da un solo posto.

isendu.com

ffi
fi
fi
fi
I PRINCIPALI PROBLEMI DELLA LOGISTICA 12

DEFINIRE LA STRATEGIA INIZIALE

Ora che abbiamo analizzato i tre pilastri per trasformare le spedizioni da


problema a opportunità di crescita, è il momento di passare all’azione con
la de nizione di una struttura organizzativa per la logistica del tuo negozio.

Il primo aspetto da prendere in considerazione è la gestione del


magazzino. Quando si tratta di gestire la logistica e-commerce, non c’è una
soluzione unica per tutti: dalla totale esternalizzazione delle spedizioni
all’internalizzazione completa, passando per le strategie ibride che
prevedono una coesistenza tra queste strutture e il dropshipping (un
business model dove gli ordini vengono spediti direttamente dal produttore
ai tuoi clienti), la scelta dipende innanzitutto dai tuoi obiettivi, dalle tue
aspettative e dalle risorse a disposizione.

Procediamo con un’analisi rapida dei pro e contro di ciascuna struttura


organizzativa:
• Internalizzazione: questa soluzione, scelta dal 60%2 degli e-commerce
italiani, prevede la gestione completa del magazzino e delle spedizioni da
parte del negozio. Consente di avere il controllo completo sull’intero
processo di spedizione degli ordini, a fronte di una maggiore quantità di
lavoro e responsabilità in carico al negozio (che, come vedremo in
seguito, possono essere facilmente automatizzate utilizzando una
piattaforma integrata per le spedizioni come isendu).
•Esternalizzazione: in questo caso, le spedizioni vengono gestite da un
fornitore esterno, che si occupa di stoccare e inviare la merce per conto
del cliente. Solleva il negozio dalla gestione del magazzino, ma prevede
costi operativi elevati e scarsa personalizzazione del packaging.

2Fonte: E-commerce in Italia 2021” di Casaleggio Associati

isendu.com
fi

I PRINCIPALI PROBLEMI DELLA LOGISTICA 13

• Modello ibrido: una via di mezzo tra le soluzioni proposte, pensiamo ad


esempio agli e-commerce che vendono tramite negozio proprietario e
marketplace esterno che si occupa della spedizione degli ordini.
•Dropshipping: questo modello di business prevede l’invio degli ordini ai
clienti direttamente dal fornitore. Il negozio online si trasforma in un
intermediario, occupandosi essenzialmente del marketing e
dell’assistenza clienti. È una soluzione che consente di vendere online
senza grossi investimenti o spese operative, ma spesso comporta
margini di guadagno ridotti, la necessità di operare in un mercato
fortemente competitivo e un controllo limitato sui prodotti venduti.

La scelta della struttura più adatta deve essere guidata


dall’esperienza che vuoi offrire ai tuoi clienti.

Sarà quindi necessario domandarsi qual è il customer journey – dal check


out all’unboxing – che meglio soddisfa il cliente nale: tutto va valutato in
base all’esperienza che vogliamo far vivere all’utente, al livello di
personalizzazione e all’autonomia operativa richiesta.

isendu.com
fi

www.isendu.com

Mail transazionali
By
isendu invia e-mail transazionali 
per aggiornare il cliente nale sullo
stato dell’ordine, proporgli altri
prodotti correlati e aumentare
lo scontrino medio.

FunkyTable

Ordine ricevuto
Il tuo pacco arriverà
21/09/2021

Ciao Francesca!
Il tuo ordine è pronto a partire.
Puoi tracciare la spedizione cliccando sul pulsante
che trovi qui sotto. Il tracking sarà attivo non appena
il corriere scansione il pacchetto - tempo stimato in 12 ore.

Traccia il tuo pacco

Indirizzo Metodo Data creazione


di consegna Di consegna ordine
Mario Rossi 06/09/2021
Via del Bufalino, 39
50142 Firenze 10401109122750

-15% extra su tutti gli articoli


isendu.com UTILIZZA IL TUO VOUCHER CON IL CODICE**: MEZZESTAGIONI
fi


I PRINCIPALI PROBLEMI DELLA LOGISTICA 15

SCEGLIERE IL CORRIERE
GIUSTO PER IL TIPO DI SPEDIZIONE
E PRODOTTO

La scelta del partner giusto a cui a dare le tue spedizioni richiede


un'attenta ri essione preliminare: è una scelta molto importante, perché
dal corriere dipenderanno la puntualità nella spedizione degli ordini e
la
l’integrità della merce in consegna. Per metterla in altri termini,
customer satisfaction dei tuoi clienti dipende
direttamente dalla professionalità del corriere che
sceglierai. Prendiamo come unità di riferimento le tempistiche di
consegna: secondo uno studio, il 66% degli acquirenti online in Italia si
aspetta di ricevere il proprio ordine entro 3-5 giorni, mentre il 13%
addirittura entro 1-2 giorni dal momento dell’acquisto3.

Allo stesso tempo, il problema più frequente riscontrato dagli acquirenti


che comprano online (per la precisione, dal 17%) è la spedizione più lenta di
quanto previsto; e sempre il 17% degli intervistati afferma di evitare lo
shopping online per dubbi e perplessità sulla ricezione e invio degli ordini4.
I dati parlano chiaro: scegliendo un corriere capace di garantire una
consegna puntuale e a dabile degli ordini, ti metterai sulla strada giusta
verso il successo.

3Fonte: statista.com
4Fonte: ec.europa.eu

isendu.com
fl
ffi
ffi


I PRINCIPALI PROBLEMI DELLA LOGISTICA 16

Per trovare il partner più adatto alle tue esigenze, ci sono cinque fattori
chiave da prendere in considerazione:

• Territorialità: il primo elemento da analizzare per scegliere il corriere più


adatto al tuo negozio è la destinazione delle spedizioni. Comincia con una
semplice domanda: su 100 ordini spediti, quanti riguardano l’Italia,
l’Europa e il resto del mondo? Questo ragionamento ti aiuterà a
comprendere l’incidenza effettiva del costo di spedizione su ogni ordine
spedito. L’errore principale è considerare l’impatto dei costi in maniera
approssimativa: anche se di questi 100 ordini solo il 10% viene spedito
verso paesi extra-UE, è possibile che l’elevato costo per la spedizione
internazionale eroda i tuoi margini di guadagno complessivi, aumentando
in maniera considerevole il costo unitario per spedizione se ripartito su
tutti gli ordini. A questo punto, hai due possibilità: concentrarti sulle
spedizioni a corto raggio, sacri cando le vendite che hanno costi di
spedizione troppo elevati da sostenere, o scegliere un corriere
specializzato nelle spedizioni internazionali come Poste Italiane e UPS,
che offrono soluzioni di spedizione internazionale a partire da 30 euro.
In ogni caso, a dandoti a un partner come isendu, potrai usufruire
di tariffe pre-concordate con i principali corrieri nazionali e testare
personalmente diversi operatori logistici no a trovare quello che
risponde meglio alle tue esigenze
• Tipologia di prodotto: quando si tratta di scegliere il corriere e-commerce
più adatto, è importante conoscere se ci sono determinate merci che
il corriere non tratta. Esistono alcune categorie merceologiche che non
tutti i corrieri sono capaci di spedire: pensiamo, ad esempio, ai prodotti
medici o farmaceutici, alle sostanze chimiche o tossiche, ma più
semplicemente ai prodotti alimentari deperibili.

isendu.com
ffi
fi

fi



I PRINCIPALI PROBLEMI DELLA LOGISTICA 17

• Se vendi questa particolare tipologia di prodotto, dovrai a darti a un


corriere dotato di veicoli isotermici per garantire la catena del freddo
dal momento della presa in carico dell’ordine alla consegna a casa del
cliente. I veicoli isotermici si dividono in tre classi: Classe A (temperatura
tra +12°C e 0°C), Classe B (temperatura compresa tra +12°C e –10°C),
Classe C (temperatura compresa +12°C e –20°C). La scelta del corriere,
quindi, dovrà essere guidata anche dalla tua categoria merceologica.
• Gestione dei resi: come vedremo meglio in seguito, la corretta gestione
della procedura di reso è uno degli aspetti più importanti della supply
chain di un e-commerce. È quindi importante non commettere l’errore di
sottovalutare la politica di reso proposta dal corriere a cui deciderai di
a darti, tenendo conto che alcuni partner propongono il reso come una
spedizione a sé, con costi da sostenere separatamente, mentre altri lo
considerano un servizio integrato nella spedizione principale. La scelta
del corriere, quindi, dovrà tenere anche conto della mole di resi che
dovrai gestire.
• Assicurazione: ogni corriere ha condizioni e termini di assicurazione
distinti, da analizzare attentamente. Non commettere l’errore di non
informarti sui casi in cui la merce è – o non è – assicurata.
• Limitazioni e vincoli di consegna: le spedizioni, in Italia, hanno
limitazioni territoriali, o disposizioni speciali, per le aree depresse, le
aree remote e le isole. Al momento della scelta del partner a cui a dare
le tue spedizioni, valuta quali sono le tariffe o le limitazioni di consegna
imposte da ciascun corriere: ad esempio, se molti dei tuoi clienti si
trovano in Sicilia, Sardegna o zone di alta montagna, dovrai tenerne
conto nel momento della rma del contratto.

isendu.com
ffi

fi

ffi
ffi

I PRINCIPALI PROBLEMI DELLA LOGISTICA 18

FARE DEL PACKAGING UNO


STRUMENTO DI BRANDING

Lo abbiamo anticipato sopra: uno degli strumenti più


importanti per trasformare le spedizioni da problema
a opportunità di crescita è sfruttare il packaging come
un elemento di branding unico e caratteristico.
Secondo una ricerca, infatti, il 40% dei consumatori
afferma di ripetere volentieri l’acquisto presso un
negozio che offre packaging di qualità5.

Ecco tre consigli pratici per iniziare subito:


• Prediligi materiali di qualità: quando si tratta di scegliere l’imballaggio dei
prodotti, non risparmiare sui materiali. Prendi in considerazione l’utilizzo
della carta velina, un materiale elegante e ricercato, per avvolgere il tuo
prodotto e creare un’esperienza che richiami la sensazione di scartare un
regalo: secondo alcuni studi, i prodotti avvolti nella carta velina vengono
percepiti il 24% più preziosi di quelli che non lo sono. Sostituisci il
pluriball con la carta increspata o sminuzzata per proteggere l’articolo e
allo stesso creare un piacevole effetto ornamentale a basso impatto
ecologico. In ne, considera la possibilità di stampare del nastro adesivo
personalizzato per confezionare i tuoi pacchi: stampando il tuo logo sullo
scotch, ad esempio, renderai la confezione riconoscibile ancora prima di
essere aperta.

5Fonte: dotcomdist.com

isendu.com
fi




I PRINCIPALI PROBLEMI DELLA LOGISTICA 19

• Tieni in considerazione l’impatto ambientale: il 53% degli acquirenti


italiani afferma di essere attento alla sostenibilità del packaging ma non
è disposto a pagare di più per questo bene t6. La buona notizia è che,
molto spesso, le soluzioni di packaging sostenibili non hanno un impatto
rilevante sui costi e possono persino contribuire a ridurli: ad esempio,
puoi utilizzare carta o cartone riciclato per i tuoi pacchi, un materiale
molto leggero che riduce il peso del collo e di conseguenza il costo di
spedizione; ridurre lo spreco scegliendo scatole di piccola dimensione
per evitare il fastidioso effetto “vuoto” all’apertura del pacco; e, in ne,
ragionare in ottica di riutilizzo, preferendo un packaging che i tuoi clienti
possono riutilizzare anche per altri scopi (ad esempio come raccoglitore
di piccoli oggetti per la casa).
• Sfrutta il packaging per creare una conversazione: ti è mai capitato
di trovare una lettera, un prodotto omaggio o una sorpresa dentro la
confezione di un prodotto che hai ordinato? Se la risposta è sì, hai già
sperimentato l’e cacia di questa potentissima strategia.
Fallo anche tu: sfrutta la confezione per includere una lettera di
ringraziamento o un messaggio personalizzato che racconta una storia,
includi un bonus o un piccolo omaggio per il prossimo acquisto, e prendi
in considerazione l’idea di regalare adesivi brandizzati che i clienti
possono applicare sui loro prodotti o collezionare, facendo conoscere il
tuo marchio anche ai loro amici.

6Fonte: nomisma.it

isendu.com
ffi

fi

fi

I PRINCIPALI PROBLEMI DELLA LOGISTICA 20

GESTIRE I RESI IN MODO IMPECCABILE


La capacità di gestire i resi in maniera e ciente rappresenta per i negozi
online un vero e proprio punto di forza, capace di convincere anche i clienti
più indecisi a procedere con l’acquisto. Secondo un’indagine, infatti, il 56%
degli utenti decide se nalizzare l’ordine in base alle condizioni di reso
offerte dal negozio e-commerce7, mentre il 74% considera le spese di reso
un deterrente all’acquisto8: come imprenditore, il tuo obiettivo dovrà
essere quello di offrire ai clienti una procedura di reso
facile e intuitiva, ma allo stesso tempo sostenibile
economicamente.

I resi, infatti, comportano tutta una serie di costi intangibili che dovrai
affrontare, tra questi:
• Trasporto: se al momento della scelta del corriere non hai concordato
preventivamente la gestione delle spese di reso, dovrai sobbarcarti un
costo elevato che potrebbe ridurre drasticamente il tuo margine di
guadagno.
• Riparazione delle merci: che si tratti di un difetto di fabbrica o di un danno
subito durante il trasporto, se il cliente riceve un prodotto danneggiato
potresti affrontare una serie di costi imprevisti, tra cui le spese per la
restituzione al produttore o la riparazione vera e propria del prodotto.
• Assistenza clienti:il reso viene spesso percepito come ultima spiaggia
da parte del cliente, quando nessun’altra soluzione è stata percorribile
per risolvere il suo problema. È molto probabile, quindi, che tu debba
intervenire per offrire un’assistenza clienti di qualità superiore, capace
di intercettare una simile situazione offrendo soluzioni alternative al reso
prima che la procedura venga avviata;
• Magazzino: in ne, un prodotto restituito signi ca più spazio occupato
nel tuo magazzino e una serie di costi di stoccaggio da sostenere.

7Fonte: ups.com
8Fonte: see.narvar.com

isendu.com

fi

fi

ffi
fi





I PRINCIPALI PROBLEMI DELLA LOGISTICA 21

I costi associati alla gestione dei resi, tuttavia, non sono gli unici motivi che
dovrebbero spingerti a ottimizzare questa attività cruciale: trasformando i
resi da problema a punto di forza, potrai raggiungere più clienti e
aumentare le vendite del tuo negozio. Vediamo come fare:

• Sviluppa una policy di reso chiara e trasparente: il primo step per


ottimizzare la gestione dei resi è dotare il tuo negozio di una politica sui
resi completa e di facile comprensione. Assicurati che includa tutto, ma
proprio tutto: dalle tempistiche massime entro il quale richiedere un reso
e le motivazioni accettate, alle merci che non possono essere rese e gli
eventuali costi a carico del cliente. Mettila in evidenza nelle pagine del
tuo negozio, dal footer alle FAQ (Domande frequenti), e incentiva i clienti a
consultarla prima di concludere l’acquisto. Questo ti permetterà di
rassicurare gli acquirenti e infondere ducia, aiutandoti a ridurre il tasso
di abbandono del carrello (che, secondo una ricerca, si veri ca nel 69%
dei casi9);
• Potenzia il servizio clienti: un servizio di assistenza pronto a rispondere a
qualsiasi tipo di domanda o dubbio sorto in fase di acquisto ti consente
di ridurre le possibilità che l’acquisto si tramuti successivamente in un
reso. Allo stesso tempo, assicurati di includere le informazioni
necessarie nelle pagine di prodotto del tuo negozio per fare in modo che
i clienti abbiano tutto ciò di cui hanno bisogno per concludere l’acquisto.
• Scegli il corriere più adatto: come anticipato sopra, i resi fanno parte
dell’attività quotidiana di qualsiasi negozio e-commerce e, al momento
della scelta del partner di spedizione, dovresti assicurarti che il corriere
sappia gestirli in modo e cace. Il nostro consiglio è quello di scegliere
un servizio che offre una lettera di ritorno già inclusa nella spedizione,
così che i clienti possano gestire autonomamente e con facilità l’intera
procedura di restituzione.

9Fonte: baymard.com

isendu.com

ffi
fi
fi

I PRINCIPALI PROBLEMI DELLA LOGISTICA 22

UTILIZZARE I DATI PER COMPRENDERE


I COMPORTAMENTI DI ACQUISTO DEI CLIENTI

Dati e i numeri rappresentano una risorsa fondamentale


importanza per chi gestisce un negozio online.
Gli analytics e le metriche, infatti, ti consentono
di fare luce su tutto che accade dietro le quinte
del tuo e-commerce: quante spedizioni effettui ogni
mese e qual è il loro impatto sui costi, ad esempio, ma
anche quali sono i tempi di consegna tipici e la puntualità
media, no al monitoraggio dello stock in magazzino.

Ma non solo: i dati ti permettono di conoscere i comportamenti di acquisto


dei clienti e sviluppare strategie su misura per delizzare la clientela. Ad
esempio, se hai notato che la customer satisfaction è aumentata quando
hai iniziato a collaborare con un nuovo corriere, è un chiaro segnale che
dovrà spingerti ad a nare la scelta dei partner. Oppure, nel caso in cui la
consegna di un ordine sia in ritardo, informare tempestivamente il cliente e
offrirgli un buono sconto per il prossimo acquisto può fare la differenza tra
un cliente perso e un cliente che continuerà ad acquistare sul tuo negozio.

In sintesi, più dati equivalgono a maggiori possibilità di implementare


soluzioni ad hoc per il tuo negozio e per la tua clientela: che si tratti di
offrire soluzioni di consegna più rapide o sostenibili, le tue scelte
dovranno essere guidate da quella è che l’effettiva richiesta degli
acquirenti. Anche in questo caso, le funzioni per la business intelligence
integrate di isendu ti permettono di conoscere tutto, ma proprio tutto,
quello che accade dietro le quinte del tuo negozio e sfruttare questi dati
per intraprendere azioni più consapevoli.

isendu.com

fi
ffi
fi




I PRINCIPALI PROBLEMI DELLA LOGISTICA 23

CONCLUSIONI: COME PIANIFICARE


LA CRESCITA DEL TUO E-COMMERCE

Vincere la s da della logistica non è solo importante, ma necessario. In uno


scenario e-commerce che continua a crescere e raggiungerà 40 milioni di
clienti in Italia entro il 202510, solo i negozi che dispongono del know-how
per restare al passo con l’aumento della domanda riusciranno a cavalcare
l’onda. Ma sappiamo che non tutti hanno le risorse - o semplicemente il
tempo - da investire per acquisire queste capacità.

È proprio qui che noi di isendu entriamo in gioco,


mettendo a tua disposizione la piattaforma integrata per
gestire e automatizzare le spedizioni più avanzata in
Italia.

Cosa ti offriamo? Praticamente tutto quello di cui il tuo negozio ha


bisogno per crescere. Dalle competenze avanzate e la visione di mercato
che ci hanno spinto a sviluppare la nostra soluzione basata sulle tecnologie
più avanzate e sicure per proteggere i tuoi dati, all’assistenza
personalizzata che mettiamo in campo per rispondere alle esigenze di ogni
singolo negozio e-commerce e a ancarlo nella sua crescita, il nostro
obiettivo è aiutarti a esprimere il tuo massimo potenziale.

isendu.com
fi
ffi

I PRINCIPALI PROBLEMI DELLA LOGISTICA 24

Noi di isendu crediamo davvero che ogni negozio abbia


una storia da scrivere.

Storie come Viel Collection, un negozio specializzato in costumi


ecosostenibili gestito da una giovane designer che ha lasciato
il posto sso per inseguire il suo sogno e che grazie al nostro
supporto non è più costretta a spendere ore preziose per
compilare le etichette di spedizione, oppure Carlottinalab,
un e-commerce di borse fatte a mano gestito da una mamma che
passava ore a programmare le sue spedizioni no a quando,
utilizzando isendu, non si è accorta che poteva impiegare tutto
quel tempo per far crescere il suo business.

isendu.com
fi
fi


www.isendu.com

Dietro ogni spedizione


c’è una storia: racconta
la tua con isendu.

info@isendu.com
isendu.com

Potrebbero piacerti anche