Sei sulla pagina 1di 4

067_094_03Sezione_imp 28-04-2003 13:02 Pagina 68

VETRINA 10

Gli Angioini
a Napoli
e in Sicilia

Zecca di Napoli
• •
Zecca di Brindisi

Zecca di Messina

La monetazione di Carlo I d’Angiò (1266-1285)


Nel 1266 Carlo I conquistò il Regno di Sicilia. In un primo momento il sovra-
no angioino continuò la coniazione dei “tarì” in oro, con tipologia oramai lati-
nizzata (l’iniziale del suo nome - K - e la croce), e dei “reali”, emessi nelle
zecche di Messina e Barletta, con il ritratto imperiale e con le stesse caratteri-
stiche metrologiche dell’ “augustale” federiciano.
Nel 1278, trasferito il centro amministrativo del Regno a Napoli, Carlo I
riformò il sistema monetario, creando, in sostituzione dei vecchi nominali che
vennero aboliti, una moneta in oro puro, il “carlino”, detto anche “saluto” dal
tipo dell’Annunciazione, e il suo corrispettivo in argento.
Quest’ultimo pesava g 3,341, con un fino di 934 millesimi; il “carlino” in oro
pesava invece g 4,43. Per la circolazione minuta furono coniati “denari” in
• Zecche presenti in vetrina mistura.

68 Vetrina 10 Sezione III


067_094_03Sezione_imp 28-04-2003 13:02 Pagina 69

REGNO DI SICILIA

CARLO I D’ANGIÒ (1266-1285) Zecca di Brindisi/Messina

Denaro Mistura g 0,71 ∅ 13/15 350° inv. 3708

D/ [+DEI GRA] REX SI[CIL’] nel campo KAR entro cerchio


lineare
R/ [DVC APVL ET PRIC CAP] Croce patente con asta
orizzontale a forma di lambello a quattro pendenti, sotto due
gigli, entro cerchio lineare

Bibl.: CNI XVIII, pp. 223-224, nn. 32-33 (Brindisi); Spahr, p. 232, n.
35; cfr. Cagiati II, p. 97, n. 6 (Brindisi)
1

Denaro Mistura g 1,00 ∅ 14/17 200° inv. 3711

D/ [+DVCAT AP]L’ETPRCCA nel campo .KA. entro cerchio di


perline
R/ [+KAR] DEI GR[A REX SICIL’] Croce patente entro cerchio
lineare

Bibl.: CNI XVIII, p. 226, nn. 57 (Brindisi); Spahr, p. 232, n. 37;


Cagiati II, p. 97, n. 7 (Brindisi)
2

Denaro Mistura g 0,64 ∅ 14/16 300° inv. 3710

D/ [DEI] GRA REX SIC[IL’] nel campo KAR entro cerchio


lineare
R/ DVC APVL’ TPRI[C CA]P Croce patente con asta orizzontale
a forma di lambello a quattro pendenti, sotto due gigli, entro
cerchio lineare

Bibl.: CNI XVIII, p. 223, n. 30 (Brindisi); Spahr, p. 231, n. 34; cfr.


Cagiati II, p. 97, n. 6 (Brindisi)
3

Denaro Mistura g 0,79 ∅ 14/15,5 350° inv. 3879

D/ +K DEI [GRA REX SICILIE] Crescente lunare sormontato da


giglio, entro cerchio lineare
R/ [+DVC APVL’ T PRIC CAP] Croce gigliata entro cerchio
lineare

Bibl.: CNI XVIII, p. 226, n. 51 (Brindisi); Spahr, p. 234, n. 47


(Messina); cfr. Cagiati II, p. 32, n. 3
4

Sezione III Vetrina 10 69


067_094_03Sezione_imp 28-04-2003 13:02 Pagina 70

Zecca di Brindisi/Messina CARLO I D’ANGIÒ (1266-1285)

Denaro Mistura g 0,89 ∅ 14/16 250° inv. 3712

D/ [+K]AROL [DEI GR]A. Tre gigli e sopra un cuneo, entro


cerchio lineare
R/ +.REX.SICILIE . Croce latina con globetti alle estremità, entro
cerchio lineare
Bibl.: CNI XVIII, p. 225, n. 44 (Brindisi); Spahr, p. 233, n. 43; cfr.
Cagiati II, p. 100, nn. 20-21
5

Zecca di Napoli (Castel Capuano)


Carlino (o Saluto) (post 1278) Oro g 4,39 ∅ 23 0° inv. 1429

D/ +KAROL’.DEI.GRA.IERL’M.SICILIE.REX Stemma a
forma di cuore, bipartito, di Gerusalemme e di Francia, sopra
crescente lunare e due astri a sei raggi, ai lati due rosette e
quattro astri, entro cerchio di perline
R/ +AVE .GRACIA.PLENA.DOMINUS.TECUM Scena di
Annunciazione, tra l’Angelo e la Vergine vaso con giglio, entro
cerchio di perline
Incisore Giovanni Fortino da Brindisi
Bibl.: CNI XIX, p. 13, n. 1; Kowalski, pp. 43-47; Cagiati I, p. 24, n. 3;
Pannuti-Riccio, p. 15, n. 1; Sambon, RIN 1893, pp. 69-82; G.
Testa, La riforma monetaria angioina nel regno di Napoli e le
origini del gigliato, in Boll. del Circolo Num. Napoletano
LXIV-LXV, 1979-1980, pp. 57-73
6

Carlino (o Saluto) (post 1278) Argento g 3,28 ∅ 25 0° inv. 1430

D/ +KAROL’.IERL’. ET.SICIL’.REX Stemma a forma di cuore,


bipartito, di Gerusalemme e di Francia, entro cerchio di perline
R/ +AVE .GRA.PLENA.DNS.TECUM Scena di Annunciazione,
tra l’Angelo e la Vergine vaso con giglio, entro cerchio di
perline
Bibl.: CNI XIX, p. 14, n. 9; Cagiati I, p. 26, n. 1; Pannuti-Riccio,
p. 15, n. 3; G. Testa, v. supra
7

Carlino (o Saluto) (post 1278) Argento g 3,23 ∅ 25 0° inv. 1431

D/ +KAROL’.IERL’. ET.SICIL’.REX Stemma a forma di cuore,


bipartito, di Gerusalemme e di Francia, entro cerchio di perline
R/ +AVE.GRA.PLENA.DNS.TECUM Scena di Annunciazione,
tra l’Angelo e la Vergine vaso con giglio, entro cerchio di
perline
Bibl.: CNI XIX, p. 14, n. 9; Cagiati I, p. 26, n. 1; Pannuti-Riccio,
p. 15, n. 3; G. Testa, v. supra
8

70 Vetrina 10 Sezione III


067_094_03Sezione_imp 28-04-2003 13:02 Pagina 71

CARLO I D’ANGIÒ (1266-1285) Zecca di Napoli (Castel Capuano)

Carlino (o Saluto) (post 1278) Argento g 3,27 ∅ 24,5 0° inv. 1432

D/ +KAROL’.IERL’. ET.SICIL’.REX Stemma a forma di cuore,


bipartito, di Gerusalemme e di Francia, entro cerchio di perline
R/ +AVE.GRA.PLENA.DNS.TECUM Scena di Annunciazione,
tra l’Angelo e la Vergine vaso con giglio, entro cerchio di
perline

Bibl.: CNI XIX, p. 14, n. 9; Cagiati I, p. 26, n. 1; Pannuti-Riccio,


p. 15, n. 3; G. Testa, v. supra
9

Zecca di Napoli

Carlino (o Saluto) (post 1278) Argento g 3,23 ∅ 24 350° inv. 1433

D/ +KAROL’.IERL’.ET.SICIL’.REX Stemma a forma di cuore,


bipartito, di Gerusalemme e di Francia, entro cerchio di perline
R/ +AVE.GRA.PLENA.DNS.TECUM Scena di Annunciazione,
tra l’Angelo e la Vergine vaso con giglio, entro cerchio di
perline

Bibl.: CNI XIX, p. 14, n. 9; Cagiati I, p. 26, n. 1; Pannuti-Riccio,


p. 15, n. 3; G. Testa, v. supra
10

Mezzo Carlino (o Mezzo Saluto) (post 1278)


Argento g 1,49 ∅ 19,5-20 0° inv. 1434

D/ +KAROL’.IERL’. ET.SICIL’.REX Stemma a forma di cuore,


bipartito, di Gerusalemme e di Francia, entro cerchio di perline
R/ +AVE.GRA.PLENA.DNS.TECUM Scena di Annunciazione,
tra l’Angelo e la Vergine vaso con giglio, entro cerchio di
perline

Bibl.: CNI XIX, p. 14, n. 14; Cagiati I, p. 26, n. 1; Pannuti-Riccio,


p. 15, n. 4; G. Testa, v. supra
11

Sezione III Vetrina 10 71

Potrebbero piacerti anche