Sei sulla pagina 1di 40

Cosimo Antitomaso

LA CHITARRA PER I RAGAZZI

Metodo facile
per imparare a suonare
la chitarra
divertendosi

Le immagini provengono dal sito: www.disegnidacoloraregratis.it


si ringrazia lo staff per la gentile concessione
3
Note dell’autore
Il metodo che propongo nasce dall'intento di fornire agli insegnanti e agli allievi un
efficace e sintetico strumento di lavoro, evitando l'onere della ricerca dispendiosa e
faticosa del materiale necessario.
Pertanto il lavoro intende facilitare l'approccio didattico dei chitarristi principianti allo
studio della chitarra classica.
Ritengo opportuno fornire alcune indicazioni di carattere pratico, dal momento che il
metodo nasce dall'esperienza diretta.
Ad una breve introduzione seguono gli studi monodici, che si prestano ad essere suonati,
cantati e solfeggiati. Consiglio di farli studiare insieme agli esercizi di ritmica ad una
voce, in modo da far comprendere all'allievo il ritmo, prima suonando con la sola mano
destra e poi unendo le due mani.
Le varie sezioni del metodo non vanno studiate in modo orizzontale ma in modo tale da
rispondere alle svariate esigenze che l'allievo di volta in volta mostra.
Per consentire ai maestri piena libertà nell'applicazione dei vari tipi di tocco, non viene
mai indicato l'uso del tocco appoggiato, tranne negli esercizi di ritmica, dove se ne
consiglia l'uso insieme a quello libero.
Per rendere più accattivanti le esecuzioni è preferibile accompagnare con una seconda
chitarra gli studi monodici eseguiti dagli allievi, tenendo presente che la tonalità dei brani
non è sempre specificata con l'impianto tonale.
Gli esercizi di ritmica a due voci sono nati dall'esigenza di far meglio comprendere
all'allievo la polifonia; difatti risulta molto più semplice trattare questo argomento
avendo di fronte due linee rette che non un arpeggio con melodia e accompagnamento.
La sezione dedicata agli arpeggi e il capitolo sugli esercizi di coordinazione contengono
solo quei movimenti base che la mano di un principiante deve imparare a compiere.
Oltre alle scale diatoniche e a quella cromatica, si fa accenno anche alle scale modali per
fornire gli allievi, prima possibile, degli strumenti minimi che gli permetteranno di
esercitarsi nella pratica dell'improvvisazione.
I giri armonici con la conoscenza di qualche ritmo base non andavano assolutamente
trascurati in un metodo di introduzione allo studio della chitarra; ritengo infatti che dare
agli allievi la possibilità di conoscere altri generi musicali sia doveroso da parte di
qualsiasi insegnante “moderno”.
Non a caso il capitolo, molto sintetico dedicato alla teoria musicale è posto alla fine del
metodo. Questo rispecchia la tendenza della moderna didattica: arrivare alla teoria
attraverso la pratica.
4

Introduzione
Le note musicali sono sette e si chiamano:

DO RE MI FA SOL LA SI

queste ultime si scrivono sul pentagramma o rigo musicale

Il pentagramma, come si può vedere dall'esempio, è formato da cinque linee parallele.


Si contano dal basso verso l'alto. Tra le linee si vengono a creare quattro spazi che si
contano anch'essi dal basso verso l'alto.
Per rappresentare graficamente le note sul pentagramma si usano le figure musicali
che sono nove e servono a stabilire la durata dei suoni.
Per il momento ne studieremo solo quattro:

Semibreve o intero pausa r valgono 4


4
e quindi quattro pulsazioni.

Minima o metà pausa r valgono 2 e quindi due pulsazioni.


4

Semiminima o quarto pausa valgono 1 e quindi una pulsazione.


4

Croma o ottavo pausa valgono 1 e quindi mezza pulsazione.


8

All'inizio di ogni rigo musicale (nella scrittura per chitarra) viene messo il segno che si
chiama chiave di violino o chiave di sol, questo nome deriva dal fatto che si pone
sulla seconda linea del pentagramma dandogli il nome sol e di conseguenza il nome agli
spazi e alle restanti linee.

Dopo la chiave troviamo un altro segno:


5
Il tempo che ci indica il numero delle pulsazioni da cui è formata una misura; la misura
detta anche battuta è lo spazio compreso fra le due lineette che attraversano
verticalmente il pentagramma e che prendono il nome di spezzabattuta.

Prima di cominciare a suonare la chitarra dobbiamo imparare alcuni simboli essenziali.

I numeri racchiusi in un cerchio ci indicano le corde:

1 = prima corda Mi cantino


2 = seconda corda Si
3 = terza corda Sol
4 = quarta corda Re
5 = quinta corda La
6 = sesta corda Mi basso

I numeri senza cerchio ci indicano le dita della mano sinistra:


1 = indice
2 = medio
3 = anulare
4 = mignolo

Lo zero (0) ci indica la corda a vuoto, cioè non dobbiamo usare nessun dito della
mano sinistra. Il pollice non si usa.

Le dita della mano destra si indicano con le iniziali dei loro nomi:
p = pollice
i = indice
m = medio
a = anulare

il mignolo non si usa


6

Studi monodici
La nota sulla seconda linea del
pentagramma è SOL e si suona
sulla terza corda a vuoto.
La nota sulla terza linea
del pentagramma è SI
e si suona sulla
seconda corda a vuoto.

I due elfi

La nota nel secondo spazio


del pentagramma è LA
e si suona sulla terza corda
con il secondo dito al
secondo tasto.

I tre topini
7

Le tre ballerine

Corsa sul ghiaccio


8
La nota nel terzo spazio del pentagramma
è DO e si suona sulla seconda corda
con il primo dito al primo tasto.

Il canto delle sirene

La nota sulla quarta linea del Nella terza, quarta e sesta battuta
pentagramma è RE metti contemporaneamente il
e si suona sulla seconda corda primo e il secondo dito.
con il terzo dito al terzo tasto.

Il cavallo a dondolo
9

Quando suoni il RE con il terzo dito


nella seconda, quarta, decima e
dodicesima battuta tieni fermo il
DO che suoni con il primo dito.
Per tutto il secondo rigo tieni fermo
L'aereoplano pazzo il terzo dito sul RE e il secondo dito sul LA

La nota nel quarto spazio del


pentagramma è MI e si suona
f Significa che devi suonare forte.
p Significa che devi suonare piano.
sulla prima corda a vuoto.

Fai sentire bene la differenza.

La tartaruga felice
10

In questo brano tieni sempre


fermo il primo dito sul DO.

Il contadino allegro

La nota sulla quinta linea del Nella prima, terza, quinta


pentagramma è FA e si suona e settima battuta usi per
sulla prima corda con il la prima volta l'anulare...
primo dito al primo tasto. fai attenzione.

Lo zufolo magico
11

Nel primo rigo tieni sempre


fermo il primo dito sul DO.

Il valzer dei delfini

La nota subito sopra il pentagramma


è SOL e la suoniamo sulla prima
corda con il quarto dito al terzo tasto.

Il cinese felice
12

Passeggiata in bicicletta

Il gatto e il gomitolo
13

Attenzione al FA# in chiave.


Tutti i FA che incontrerai
li dovrai prendere sulla prima corda
al secondo tasto
con il secondo dito.

Canzone spensierata

Attenzione al SOL#
della settima battuta.
Si suona sulla terza corda
al primo tasto
con il primo dito.

Il pupazzo di neve
14

Fai attenzione
alla legatura
e al punto
di valore.
Foglie al vento

Fai attenzione
al punto di valore.

Il viandante
15

La nota subito
sotto il pentagramma è RE
e si suona
sulla quarta corda
a vuoto.

Squilli militari

Su e giù
16

Inno

Ballata country
17

La nota sulla prima linea del


pentagramma è MI
e si suona sulla quarta corda
con il secondo dito
al secondo tasto.

Segnali di fumo

La nota nel primo spazio


del pentagramma è FA
e si suona sulla quarta corda
con il terzo dito al terzo tasto.

Canzone spagnola
18

La nota sotto il
pentagramma con un
taglio in testa è DO
e si suona sulla quinta
corda con il terzo dito
al terzo tasto.

Valzer sul ghiaccio

Scalata del piccolo monte


19

La nota sotto il pentagramma


con un taglio in testa e uno in
gola è LA e si suona sulla
quinta corda a vuoto.

Vagando a vuoto

Per tutto il brano tieni fermo


il secondo dito sul MI.

Danza indiana
20

La nota sotto il La nota sotto il pentagramma


pentagramma con un con due tagli in gola è SOL
taglio in testa e due in gola e si suona sulla sesta corda con
è FA e si suona sulla sesta il terzo dito al terzo tasto.
corda con il primo dito
al primo tasto.

L'ippopotamo

La nota sotto
il pentagramma con La nota sotto il
tre tagli in gola è MI pentagramma con un
e si suona taglio in gola è SI e si
sulla sesta corda suona sulla quinta corda
a vuoto. con il secondo dito al
secondo tasto.

L'elefante
21

La fata delle stelle

Scalata del monte bianco


22

In questo brano
devi suonare in
V posizione.
Fai attenzione alle
semicrome
e alle diteggiature.

Il gatto con il violino


23

Melodia nello stile classico

Il cavallo stanco
24

La marcia del dinosauro

Juke box
25

Ninna nanna

Lo spaventapasseri buono
26

Festa paesana
27
Studi polifonici
Salti nel vuoto

Brezza marina
28

Allontanandosi

Sulle nuvole
29

Profumo di fiori

Il dragone
30

Sorvolando il mare

Le due amiche
31

L'aquilone
32

Sole e ombre
33

Le tre caravelle

La danza del giullare


34

Melodia orientale

A mosca cieca
35

Canzone pop
36

La regina del lago

La principessa triste
37

La farfalla sui fiori

Allegretto in La maggiore
38

Il valzer delle libellule

Il valzer dell’elefante
39

Canzone
40

Alba sul mare

Armonie popolari

Potrebbero piacerti anche