Sei sulla pagina 1di 16

Guida all’uso:

GIMP2.6.8
Vi proponiamo undici
seconda parte
nuovi esempi, illu-
strati passo per pas-
so, che vi permette-
ranno di apprezzare
la versatilità di que-
sto ottimo program-
ma open source per
il fotoritocco.
Di Nicola Martello

E
ccoci alla seconda e ultima di usare i plug-in 8bf per Adobe Pho- buona volontà e di fantasia, per usa-
tappa di questo viaggio alla toshop. GIMP consente naturalmente re in maniera creativa le funzioni di-
scoperta di GIMP. Per co- di lavorare con i livelli e offre gli stru- sponibili. Gli undici esempi che tro-
minciare, un breve riassunto delle menti di base per gestirli. Sebbene vate in queste pagine, un po’ più
sue caratteristiche salienti. GIMP non siano presenti funzioni sofistica- complessi di quelli descritti nella
adotta un’interfaccia costituita da te come i layer di regolazione di Pho- puntata precedente, vogliono pro-
palette flottanti e indipendenti che toshop, è comunque possibile creare prio dimostrare che con GIMP si può
– sebbene consentano la massima fotoritocchi completi e composizioni fare praticamente di tutto nel campo
libertà di posizionamento – non so- grafiche elaborate, basta un po’ di della grafica bitmap.
no molto pratiche, dal momento
che finiscono spesso per occultare TIPS
in parte l’immagine in corso di ela-
borazione. Inoltre ogni nuovo do-
cumento si apre in una finestra
principale autonoma.
Trovare in fretta l’impostazione migliore
I tool di GIMP sono numerosi, ma Supponiamo di dover applicare un filtro regolabile nell’intervallo da 0 e 100. Qual è il sistema più ra-
inevitabilmente meno completi di pido per trovare il valore ottimale? Andare con ordine partendo da zero e salendo di un’unità alla
quelli presenti nei migliori software volta, oppure iniziare da 100 e procedendo in senso contrario, sempre di un’unità alla volta? O, ma-
commerciali. Anche i filtri sono nu- gari, sperare nella fortuna e saltare a caso da un numero all’altro? Non proprio: il metodo in genere
merosi e il loro numero è espandibile più efficace è quello detto del dimezzamento. In pratica si procede così: si prova il filtro con i valori 0
grazie ai tanti appassionati che ne e 100, per avere un’idea del risultato agli estremi, poi lo si imposta a 50 e ci si chiede se l’effetto è
creano continuamente di nuovi. Il troppo forte o no. Nel primo caso si passa a 25, altrimenti a 75. A ogni nuovo tentativo si esamina
plug-in gratuito Pspi ( http://html. l’immagine e si imposta per la prova successiva un valore dimezzato o incrementato del 50%. Il me-
pp.fi/GIMP/pspi.html permette di poi todo converge molto velocemente e con pochi tentativi è possibile trovare l’impostazione ottimale.

134
PC Professionale - Giugno 2010
COME FARE
SOFTWARE

1a 2a

3a 4a

Correggere tervenire con risultati che talvolta minare i buchi si sceglie la selezione
il controluce hanno del miracoloso. Nell’immagine rettangolare, ellittica o a mano libera,
che abbiamo preso come esempio, sia si attiva la modalità Aggiunge (la se-
In campo fotografico si parla di con- la statua in primo piano sia la collina conda icona, quella che mostra due
troluce quando il soggetto appare co- sulla sinistra ( f i g u r a 1 a ) appaiono quadrati rossi sovrapposti) e si circon-
me una silhouette più o meno scura, troppo scure. Un primo semplice ten- dano con lo strumento le zone non
in forte contrasto con lo sfondo lumi- tativo si può fare intervenendo sulla evidenziate. Per le sbavature di forma
noso. Il più delle volte il controluce è luminosità e sul contrasto dell’intera irregolare si sceglie la selezione a ma-
involontario e rovina l’aspetto genera- foto, con il comando Colori/Luminosi- no libera, con la modalità Sottrae atti-
le della foto, dato che il soggetto do- tà-contrasto…. Il difetto di questo me- vata (oppure Aggiunge se bisogna
vrebbe apparire ben illuminato e non todo è che agisce sull’intera immagi- aumentare la selezione) e si lavora
come una sagoma nera. Questo pro- ne, quindi schiarisce anche il cielo sull’immagine ben ingrandita, per
blema capita quando la sorgente lu- che è già ben esposto (figura 2a). È non trascurare nessun dettaglio. Ora
minosa è alle spalle del soggetto, e se perciò necessario trattare soltanto le la selezione è completa, ma il bordo è
non è possibile cambiare l’inquadra- parti scure, selezionandole e portan- molto netto e diventerà troppo visibile
tura l’unico sistema per correggerlo dole in un nuovo livello. Si sceglie una volta ritoccata la foto. Per ammor-
sul campo consiste nell’impiego di un quindi lo strumento Selezione Fuzzy bidirlo si usa lo strumento Seleziona/
flash. Quelli delle fotocamere compat- e lo si trascina sulle zone da schiarire, Sfumata… e si digita un valore tra 2 e
te hanno però una portata di pochi fino a che la selezione generata da 4 pixel (l’impostazione più adatta va-
metri e spesso non sono abbastanza GIMP non arriva a coprire l’intera zo- ria da caso a caso, quindi è bene fare
potenti per illuminare bene il soggetto na che interessa (figura 3a). Può acca- qualche prova). Finalmente la selezio-
in primo piano. A questo punto la foto dere che la selezione contenga buchi ne è pronta e la si può portare su un
è irrimediabilmente rovinata? Non è o sbavature e che quindi sia necessa- nuovo livello con i comandi Control C,
detto: con il fotoritocco è possibile in- rio un intervento di rifinitura. Per eli- Control V, Livello/Nuovo livello….

135
PC Professionale - Luglio 2010
COME FARE
SOFTWARE

A questo punto è possibile lavorare zie a un’opportuna sfocatura per- Questa operazione offre due van-
soltanto sulla zona scura, lasciando mette di ridurre la visibilità del ru- taggi: riduce l’area in cui il softwa-
inalterato il cielo. Si lancia il comando more. Il problema di questo approc- re deve applicare il filtro (quindi
Colori/Livelli… e nel pannello Livelli, cio è che è facile eliminare anche i permette calcoli più veloci), inoltre
che appare immediatamente, si spo- dettagli più fini, per un algoritmo consente di fare un confronto im-
stano verso sinistra il triangolo bianco generico indistinguibili dalla grana. mediato tra il risultato e il docu-
(a destra) e quello grigio (al centro), GIMP, a differenza di molti pro- mento originale. Con lo strumento
posti sotto il diagramma Livelli di in- grammi commerciali, non possiede Selettiva Gaussiana i parametri da
gresso. L’operazione va compiuta os- un filtro espressamente dedicato al- regolare sono due, Raggio di sfoca-
servando attentamente l’anteprima, l’eliminazione del rumore presente tura e Massimo delta. Il primo sta-
in modo da non esagerare con lo in una foto digitale, ma offre due bilisce l’intensità della sfocatura in
schiarimento: il soggetto dovrà inte- strumenti che possono fornire risul- pixel, il secondo determina la so-
grarsi bene nell’immagine (figura 4a). tati soddisfacenti. I due filtri in que- glia di intervento.
stione sono Filtri/Sfocature/Selettiva In altre parole, se due pixel adia-
Ridurre Gaussiana… e Filtri/Miglioramento/ centi hanno un valore Rgb la cui
il rumore di una foto Smacchiatura…. Prima di provarli è differenza è superiore a quella im-
bene ingrandire la foto in modo da postata, il filtro non viene applicato.
Capita talvolta di non poter usare il rendere ben evidente la grana e Questo significa che, se opportuna-
flash in ambienti poco illuminati scegliere una parte in cui siano mente regolato, l’algoritmo lascia
(come in un museo, per esempio) e chiaramente visibili sia il rumore intatti i dettagli ad alto contrasto
quindi essere costretti a scattare fo- sia i dettagli che vanno conservati. mentre sfoca le differenze più tenui,
to con un elevato numero Iso, quin- Con lo strumento Selezione Rettan- dove effettivamente è localizzato il
di con una grana ben visibile. L’uni- golare si evidenzia poi una metà rumore. Il difficile è naturalmente
co rimedio è il fotoritocco, che gra- del documento visibile (figura 1b). trovare i valori giusti, tanto più che

Il toolbox di GIMP
4. Selezione Fuzzy. Seleziona i pixel conti- 11. Misurino. Serve per misurare la distanza tra
gui e di colore simile a quello del punto su due punti (in pixel) e l’angolo relativo (in gradi).
cui si fa clic.
12. Sposta oggetto. Tenendo premuto il tasto
1 2 3 4 5 6 7 5. Selezione per colore. Seleziona tutti i pixel di Control lo spostamento avviene in linea retta
colore simile a quello del punto su cui si fa clic. (orizzontale o verticale) o con angolo di 45°.
8 9 10 11 12 13 14
6. Forbici intelligenti. Questo tool riconosce 13. Allinea oggetto. Permette di allineare
in automatico il bordo lungo cui si fa clic, in l’elemento su cui si fa clic con quello selezio-
15 16 17 18 19 20 21
base al contrasto locale. nato in precedenza.
22 23 24 25 26 27 28
7. Selezione primo piano. Permette di rita- 14. Taglierino. Per ritagliare l’immagine in
gliare rapidamente un soggetto ben distinto modo da eliminare la parte esterna alla selezio-
29 30 31 32 33
dallo sfondo. Basta definire grossolanamente il ne. Premendo il tasto Shift la selezione di ta-
confine e il programma esegue lo scontorno. glio diventa un quadrato, con il tasto Control si
parte dal centro.
34
8. Tracciati. Permette di tracciare linee utili
ad esempio per definire una selezione. Se si 15. Ruota oggetto. Per ruotare l’oggetto sele-
tiene premuto il tasto sinistro del mouse du- zionato intorno al centro evidenziato da un cer-
1. Selezione rettangolare. Premendo il tasto rante il trascinamento, il tracciato sarà curvo chio con una croce al suo interno. Tenendo
Shift la selezione diventa un quadrato; pre- invece che rettilineo. premuto il tasto Control la rotazione avviene
mendo il tasto Control parte dal centro. con incrementi di 15°.
9. Prelievo colore. Un contagocce per il cam-
2. Selezione ellittica. Premendo il tasto Shift pionamento del colore. Permette di ottenere il 16. Scala oggetto. Per ingrandire o rimpiccio-
la selezione diventa un cerchio; premendo il ta- colore da un singolo punto oppure da un’area lire l’oggetto selezionato. Tenendo premuto il
sto Control parte dal centro. quadrata di dimensione personalizzabile. tasto Control il ridimensionamento mantiene la
proporzione originale.
3. Selezione a mano libera. Se si trascina il 10. Lente di ingrandimento. Tenendo premu-
cursore tenendo premuto il tasto sinistro del to il tasto Control si ottiene una riduzione del- 17. Inclina oggetto. Distorce a parallelo-
mouse il confine segue fedelmente i movimen- l’ingrandimento. Si può anche digitare il fatto- gramma l’oggetto selezionato. È possibile ef-
ti. Diversamente la selezione è a segmenti, un re di ingrandimento desiderato nell’angolo in fettuare la deformazione lungo l’asse oriz-
tratto per ogni clic. basso a sinistra della finestra principale. zontale o verticale.

136
PC Professionale - Luglio 2010
ogni foto è un caso a sé stante. In pannello del filtro è piccola e non nostro caso i valori di partenza oltre al
generale si può cominciare impo- ingrandibile, quindi praticamente rumore eliminano anche i confini tra
stando a 10 entrambi i parametri fa- inutile in questo tipo di lavoro. Di le piastrelle (figura 2b), quindi è il ca-
cendo poi qualche tentativo incre- conseguenza bisogna applicare il fil- so di ridurre Massimo delta portando-
mentandoli o riducendoli di poche tro a ogni tentativo, per poi eventual- lo a 5: questo valore risulta un buon
unità. Purtroppo l’anteprima nel mente annullare con Control Z. Nel compromesso (figura 3b).

1b 2b

18. Prospettiva oggetto. Distorce uno o più 24. Pennello. Per disegnare con un pennello. 30. Clona in prospettiva. Per copiare una par-
angoli dell’oggetto al fine di simulare una di- Premendo il tasto Control si campiona il colore te dell’immagine in un altro punto, all’interno
storsione prospettica. dal punto dove si fa clic, tenendo premuto il ta- di un livello deformato in prospettiva. Le parti
sto Shift si disegnano rette. clonate vengono deformate in base alla pro-
19. Rifletti oggetto. Per specchiare orizzontal- spettiva del livello.
mente l’oggetto selezionato. Tenendo premuto 25. Gomma. Per cancellare porzioni del layer
il tasto Control la riflessione avviene in direzio- attivo, rendendo visibile il colore di sfondo. 31. Sfoca o contrasta. Sfoca o contrasta mag-
ne verticale. Premendo il tasto Control si campiona il colo- giormente la parte dell’immagine su cui viene
re di sfondo dal punto dove si fa clic, con il ta- passato. Il tasto Control permette di passare
20. Testo. Permette di scrivere un testo nel do- sto Shift la cancellazione avviene invece lun- dalla sfocatura al contrasto, tenendo premuto il
cumento. La digitazione delle lettere avviene in go una linea retta. tasto Shift si lavora lungo una retta.
una finestra dedicata ma il testo viene mostrato
subito anche nel documento principale. 26. Aerografo. Per disegnare con un aerogra- 32. Sfumino. Per sfumare l’immagine come se
fo. Premendo il tasto Control si campiona il co- fosse fatta di vernice fresca. Tenendo premuto il
21. Riempimento colore. Assegna la tinta di lore dal punto dove si fa clic, tenendo premuto tasto Shift si lavora lungo una retta.
primo piano sia al pixel selezionato sia a quelli il tasto Shift si disegnano rette.
contigui e di colore simile. Tenendo premuto il 33. Scherma o brucia. Per schiarire o per scu-
tasto Control la tinta assegnata è quella di sfon- 27. Stilo. Per disegnare con una penna stilo- rire la parte dell’immagine su cui si passa lo
do; con il tasto Shift il nuovo colore riempie l’in- grafica. Premendo il tasto Control si campiona strumento. Con il tasto Control si passa dalla
tero livello. il colore dal punto dove si fa clic, tenendo pre- schermatura alla bruciatura.
muto il tasto Shift si disegnano rette.
22. Sfumatura. Applica una campitura sfuma- 34. Colore di primo piano. Un clic sul rettan-
ta che va dal colore di primo piano a quello di 28. Clona. Per copiare una parte dell’immagine golo superiore permette di impostare rapida-
sfondo. Tenendo premuto il tasto Control la in un altro punto. Premendo il tasto Control si mente il colore di primo piano. Cliccando invece
direzione della campitura è fissa, con incre- stabilisce il punto di origine della copia, che può il rettangolo sottostante si può impostare il co-
menti di 15°. essere statico oppure seguire il mouse. lore di sfondo. Un clic sulla miniatura dei ret-
tangoli provoca lo scambio istantaneo del colo-
23. Matita. Per disegnare con una matita vir- 29. Cerotto. Per copiare una parte dell’imma- re di primo piano con quello di sfondo, mentre
tuale. Tenendo premuto il tasto Control si gine in un altro punto. Premendo il tasto Con- un clic sulla doppia freccia ricurva che unisce i
campiona il colore dal punto dove si fa clic, trol si stabilisce il punto di origine della copia. Il due rettangoli ripristina al volo i colori predefi-
tenendo invece premuto il tasto Shift si dise- programma amalgama i pixel copiati in modo niti, che sono nero per il primo piano e bianco
gnano rette. da smorzare i confini delle zone clonate. per lo sfondo.

137
PC Professionale - Luglio 2010
COME FARE
SOFTWARE

3b 4b
Il secondo filtro, Smacchiatura, è in sogna notare che con GIMP è diffi- abbiamo scelto l’arancione, ma si
realtà pensato per cancellare i pic- cile eliminare bene il rumore pre- può naturalmente usare un altro
coli difetti come i graffi o i granelli servando al contempo i dettagli. Bi- colore a seconda della foto e del-
di polvere visibili sulle immagini sogna quindi accontentarsi di un l’effetto cromatico che si vuole otte-
ottenute con una scansione. Questo compromesso, in cui si vedrà anco- nere. L’importante è che la tinta sia
strumento è però utile anche nel ra un po’ di grana ma in compenso i ben satura, ovvero che i valori S
caso del rumore. Qui i parametri su particolari più fini rimarranno ben (saturazione) e V (valore) nel pan-
cui intervenire sono tre: Raggio, Li- visibili. nello di scelta della tinta siano vici-
vello del nero e Livello del bianco. ni a 100. Di seguito si attiva lo stru-
Il primo rappresenta la forza di in- Applicare un filtro mento Riempimento (quello con
tervento, ulteriormente incremen- fotografico l’icona a forma di secchiello) e si fa
tata se si attiva la voce Ricorsivo . clic sull’immagine. Il programma
Gli altri due indicano al filtro i pixel L’impiego di filtri colorati in campo riempie l’intero documento con la
che devono diventare neri (se più fotografico è una pratica vecchia tinta scelta, cancellando la foto ori-
scuri del primo valore) o bianchi (se quanto la fotografia stessa. Lo sco- ginale. Abbiamo fatto un danno?
più chiari del secondo numero); po è di rendere più interessante lo No perché basta diminuire l’opaci-
poiché nel nostro esempio non ci scatto (figura 1c), esaltando il con- tà del livello, trascinando il relativo
interessa questo tipo di operazione, trasto nel caso delle foto in bianco cursore nella finestra Livelli.
possiamo portarli rispettivamente e nero oppure introducendo varia- Giusto come primo tentativo si por-
al valore minimo (-1) e a quello zioni cromatiche esteticamente ta l’opacità al 50%, per avere la vi-
massimo (256). gradevoli nelle immagini a colori. sibilità di entrambi i layer. Abbia-
L’unico parametro da regolare ri- Del primo caso ci siamo già occu- mo così colorato l’intera foto, ma
mane quindi Raggio, che per co- pati nell’articolo pubblicato il mese l’effetto cromatico non è un gran-
minciare si può impostare al valore scorso, ora ci concentreremo sul- ché, i colori appaiono sbiaditi e of-
10 (figura 4b). Basta qualche tenta- l’applicazione di filtri colorati. fuscati. Si cambia quindi la modali-
tivo in leggero aumento o diminu- Cominciamo dal caso più semplice, tà di sovrapposizione del livello co-
zione per arrivare al risultato mi- l’impiego di un filtro colorato uni- lorato, da Normale a Moltiplicato-
gliore. Trovata la migliore combina- forme. Si crea un nuovo layer (Li- re: ecco che finalmente la foto as-
zione di valori, si annulla l’opera- vello/Nuovo livello… ) e si sceglie sume una bella tonalità calda, pro-
zione, si elimina la selezione (Sele- una tinta facendo clic sul rettango- prio come ci si aspetterebbe dal-
ziona/Niente) e si applica il filtro al- lo del colore di primo piano, alla l’immagine di un romantico tra-
l’intera immagine. In generale, bi- base del pannello Strumenti. Noi monto (figura 2c).

“ Per esaltare l’effetto aumentiamo


l’opacità, portandola a 65%. Da no-


tare che è possibile usare anche al-
tre modalità di sovrapposizione,
che danno risultati più o meno vali-
Con GIMP è difficile eliminare di a seconda dei casi; in genere le
scelte più valide sono Moltiplicato-
bene il rumore preservando re, Sovrapposto, Brucia e Fusione
al contempo i dettagli. grana. Per curiosità vale comunque
la pena provare anche le altre: non
si sa mai. Passiamo ora a un filtro

138
PC Professionale - Luglio 2010
COME FARE
SOFTWARE

un po’ più sofisticato, in cui il colo- cendo clic e trascinando nuova- Correggere
re varia gradualmente e che i foto- mente il mouse (figura 4c); chi de- la prospettiva
grafi chiamano appunto graduato. sidera creare un gradiente perfet-
Si crea un nuovo livello e si impo- tamente verticale, orizzontale o in- Quando si scatta una foto con la fo-
stano le tinte non solo del primo clinato di un multiplo di 15° deve tocamera inclinata verso l’alto o ver-
piano ma anche dello sfondo (tra- tenere premuto Control durante il so il basso è inevitabile che le linee
mite il rettangolo posto dietro quel- trascinamento. verticali visibili nell’inquadratura
lo del primo piano). Nel caso si de- Notiamo inoltre che nel pannello convergano verso un punto di fuga,
sideri applicare un filtro che da co- dello strumento sono disponibili le secondo le regole della prospettiva.
lorato diventi trasparente, una del- opzioni Modalità e Opacità, pro- Queste linee spioventi possono esse-
le due tinte deve essere il bianco. prio come nel caso dei Livelli. Que- re fastidiose e sono particolarmente
A questo punto si sceglie lo stru- ste opzioni sono attive solo se si la- visibili con gli edifici, soprattutto se
mento Sfumatura, appena a destra vora direttamente sul layer della alti (figura 1d). I professionisti risol-
del secchiello di Riempimento. Per foto, una pratica che sconsigliamo vono il problema con obiettivi ba-
applicare i colori si preme il tasto vivamente dal momento che il ri- sculanti e decentrabili, che permet-
sinistro del mouse sul documento, corso a livelli separati permette tono di far slittare l’inquadratura e
si effettua un trascinamento e si ri- una regolazione molto più agile del riportare in orizzontale la macchina
lascia il tasto. GIMP genera subito progetto. Sempre nella finestra fotografica. Ma queste ottiche sono
una sfumatura, che va dalla tinta in dello strumento è visibile un riqua- molto costose e disponibili solo per
primo piano a quella dello sfondo. dro con i colori usati per il gradien- le fotocamere reflex e di medio for-
Anche in questo caso la foto è spa- te: un clic sopra di esso farà com- mato, non certo per quelle compatte.
rita ( f i g u r a 3 c ) , quindi si porta parire la libreria dei gradienti pre- Anche in questo caso però il fotori-
l’opacità al 50% e la Modalità su definiti, che gli utenti più creativi tocco viene in aiuto, dando la possi-
Moltiplicatore nel pannello Livelli. potranno usare per realizzare veri bilità di deformare l’immagine in
Ora è possibile rifinire l’effetto, fa- e propri effetti psichedelici. modo da riportare in verticale le li-

1c 2c

3c 4c
139
PC Professionale - Luglio 2010
COME FARE
SOFTWARE

1d 2d

3d 4d
nee spioventi. In pratica, con GIMP A questo punto si fa clic sulla foto e l’immagine in modo che assuma
si comincia visualizzando la griglia, si trascinano orizzontalmente le ma- una proporzione standard, per
che servirà come riferimento durante niglie ai quattro angoli. Purtroppo esempio quella fotografica (3:2) o
le deformazioni. Con il comando Im- GIMP non consente di sincronizzare quella delle fotocamere compatte
magine/Configura griglia… se ne i movimenti delle maniglie a destra e (4:3). Come abbiamo visto in prece-
imposta la spaziatura: una dimensio- a sinistra, né di impedire il loro mo- denza, per farlo si sceglie lo stru-
ne pari a un decimo del lato verticale vimento verticale. Bisogna quindi mento Ritaglia , si attiva l’opzione
della foto è in genere un buon punto procedere con precisione e per gra- Blocca Rapporto dimensioni e si di-
di partenza. La tinta del reticolo de- di, avendo l’accortezza di muovere gita il rapporto desiderato nella ca-
ve essere scelta in modo che la gri- solo orizzontalmente le maniglie e in sella sottostante. Subito dopo si se-
glia risulti ben visibile nella foto. Su- modo che risultino simmetriche ri- leziona con il mouse la parte della
bito dopo si lancia il comando Visua- spetto al centro dell’immagine. Per foto di maggior interesse. La pres-
lizza/Griglia e si passa allo strumento conservare le corrette proporzioni sione del tasto Invio attiva GIMP,
Prospettiva, contenuto nel pannello della foto è poi importante che i lati che esegue il ritaglio e riduce il li-
Strumenti. Sotto di esso appaiono le destro e sinistro deformati passino vello in modo che non sia presente
relative opzioni: la trasformazione per il centro dei lati verticali origina- una cornice vuota.
deve essere applicata al livello, la Di- li, centro chiaramente indicato dalla
rezione deve essere Normale, l’Inter- griglia (figura 3d). Una volta verifica- Trasformare una foto
polazione deve essere Cubica o me- to che le linee oblique nella foto sia- in un disegno
glio Sinc (Lanczos3) e, infine, vale la no diventate effettivamente verticali
pena di impostare Ritaglio su Ritaglia e che gli elementi visibili abbiano Con un programma di fotoritocco
al risultato. Quest’ultima opzione fa una proporzione corretta, si preme non si correggono solo le foto: si può
sì che il software ritagli il documento Invio e il programma applica la de- anche giocare creando composizioni
deformato in modo che non ci siano formazione (figura 4d). L’ultimo pas- grafiche interessanti che richiamano
buchi agli angoli (figura 2d). so, opzionale, consiste nel ritagliare magari i disegni e i dipinti. GIMP, al

140
PC Professionale - Luglio 2010
COME FARE
SOFTWARE

pari di quasi tutti i software grafici che applica una serie di linee oriz- mile come effetto ma un po’ più
commerciali, offre diversi strumenti zontali di spessore variabile in base marcato nelle linee è Rilevamento
che consentono di trasformare una alla luminosità dei pixel. Le opzioni contorni/Contorni, che offre diversi
fotografia (figura 1e) in un disegno sono solo due: si può impostare la algoritmi di calcolo e che in genere
all’apparenza fatto a mano, senza spaziatura delle linee e decidere se dà il meglio di sé quando il valore
che sia necessario trascorrere ore in le linee possono toccarsi nei punti Quantità e uguale a 1(figura 3e). Gli
laboriosi ricalchi con una matita o di maggior spessore. Per poter usa- algoritmi disponibili sono piuttosto
con un pennino. re il filtro è però necessario asse- simili e vale la pena provarli tutti,
I filtri di GIMP che convertono una gnare prima un canale alfa al livel- per vedere qual è il più adatto alla
foto in un disegno a matita sono di lo della foto, con il comando Livel- foto e ai gusti personali. Chi preferi-
applicazione immediata e sono rac- lo/Trasparenza/Aggiungi canale al- sce un disegno in bianco e nero a
colti nel menu Filtri. Il primo è Di- fa . L’effetto che si ottiene ricorda uno fatto con le matite colorate de-
storsioni/Rilievo…, che mostra una molto le incisioni (da qui il nome ve cambiare lo spazio colore del do-
palette con le regolazioni per stabi- del filtro) effettuate con il bulino. cumento, da colori a scala di grigi,
lire la visibilità del tratto. In genera- Anche Rilevamento contorni/Diffe- con il comando Immagine/Modali-
le le impostazioni di default vanno renze di gaussiane… produce un di- tà/Scala di grigi.
benissimo e in pochi secondi il pro- segno interessante, che mantiene i Il tocco finale all’opera lo si può dare
gramma applica la trasformazione colori originali e quindi sembra fatto con lo strumento Filtri artistici/Ap-
(figura 2e). Chi volesse ottenere un con matite colorate. I parametri con plica tela, che – come lascia intuire
disegno con sfondo bianco anziché cui si può giocare sono i due raggi, il nome – introduce nel documento
grigio potrà usare il comando Colo- che non devono mai essere uguali; i una trama che imita il cotone grez-
ri/Soglia…, che fa diventare i pixel risultati migliori si ottengono quan- zo usato di solito per le tele dei di-
bianchi o neri a seconda che abbia- do Raggio 1 è maggiore di Raggio 2. pinti. Per non compromettere la vi-
no un valore superiore o inferiore a Il filtro produce un’immagine con sibilità del disegno è bene usare
quello specificato. Un altro filtro per sfondo nero, per averlo bianco basta una Profondità limitata, per esem-
il disegno è Distorsioni/Incisione , usare il comando Colori/Inverti. Si- pio un valore pari a 4 (figura 4e).

1e 2e

3e 4e
141
PC Professionale - Luglio 2010
COME FARE
SOFTWARE

1f 2f

Aumentare che nella foto non è leggibile perché metri disponibili sono due, Alfa e
il contrasto dei dettagli troppo piccolo o troppo sfocato conti- Raggio, ma in realtà bisogna agire so-
nuerà a essere illeggibile anche dopo lo sul primo, regolandolo facendo at-
I motivi per cui una foto può apparire aver applicato i migliori filtri disponi- tenzione all’anteprima, dato che il se-
poco nitida sono diversi: messa a fuo- bili. Il software infatti non può far al- condo va sempre impostato al valore
co imperfetta, qualità delle lenti sca- tro che aumentare il contrasto per massimo (1,00) (figura 1f). Il lavoro
dente, ditate e polvere sulle superfici staccare meglio le lettere dallo sfon- consiste nell’individuare il valore otti-
esterne delle lenti frontale e posterio- do. Questo non significa che non si male di Alfa, cioè quel valore che con-
re, bassa risoluzione del sensore elet- possa fare nulla per migliorare le foto sente la massima visibilità dei dettagli
tronico e così via. Soltanto nel primo e un po’ sfocate, però non bisogna senza però incrementare la grana
nel terzo caso è possibile fare qualco- aspettarsi miracoli. (che il programma tratta alla stregua
sa al momento dello scatto, negli altri GIMP offre tre filtri per migliorare la dei particolari più fini). Il secondo
bisogna per forza ricorrere a una foto- nitidezza di un’immagine, ovvero per strumento, Affilatura, è ancora più
camera migliore o al fotoritocco. È pe- aumentare il contrasto dei dettagli. semplice e dispone del solo cursore
rò importante capire che qualunque Tutti e tre sono raccolti nel menu Mi- Nitidezza (figura 2f). I risultati che for-
operazione eseguita con il computer glioramento e sono Filtro NL, Affila- nisce sono molto simili a quelli pro-
non potrà assolutamente aumentare i tura e Maschera di contrasto. Il primo dotti da Filtro NL: in effetti nelle no-
dettagli visibili nella scena: i partico- in realtà comprende tre funzioni di- stre prove abbiamo notato che i valori
lari persi al momento dello scatto so- stinte: sfocatura, eliminazione di mac- ottimali dei rispettivi parametri, per la
no informazioni che non sono state re- chie leggere e aumento del contrasto. foto di esempio, sono sostanzialmente
gistrate dal sensore elettronico o dalla Ovviamente a noi interessa l’ultima, uguali a meno di un fattore 100. So-
pellicola, quindi è impossibile ricrear- che nel pannello del filtro è chiamata spettiamo quindi che gli algoritmi die-
le a posteriori. Per esempio, un testo Rafforzamento dei contorni. I para- tro i due strumenti abbiano molti pun-

3f 4f
142
PC Professionale - Luglio 2010
COME FARE
SOFTWARE

1g 2g

3g 4g
ti in comune. Il terzo filtro è Maschera foto di esempio si ottengono buoni selezione a mano libera non è
di contrasto, probabilmente uno degli risultati già con i valori proposti di l’ideale, perché ci obbligherebbe a
strumenti più usati dai professionisti e default da GIMP (figura 4f) . tracciare tutti i contorni a mano, un
uno dei più evitati dagli appassionati lavoro lungo e certosino. Eliminia-
(figura 3f). In effetti i tre classici para- Modificare o sostituire mo pure lo strumento per la sele-
metri di regolazione, Raggio, Am- un solo colore zione del primo piano, non abba-
montare e Soglia non sono il massimo stanza preciso nell’individuare i
in fatto di intuitività. Cerchiamo quin- Vi siete mai chiesti che aspetto contorni dell’auto. Ne rimangono
di di capire a cosa servono. avrebbe la vostra automobile con due: la selezione Fuzzy e per colo-
Raggio è la dimensione della zona di un colore diverso? Senza il fotori- re. In effetti sono tool molto simili e
analisi che il software considera tocco questa domande resterebbe sono proprio quelli che fanno al ca-
quando deve trattare un punto del- senza risposta (a meno di far river- so nostro. Entrambi selezionano le
l’immagine; Ammontare regola l’in- niciare la macchina… ), ma con aree in base alla similitudine di co-
tensità di intervento; Soglia stabili- GIMP è possibile giocare con i co- lore con il valore Rgb del pixel su
sce il valore minimo di intervento, lori in maniera selettiva, senza cui si fa clic, secondo la tolleranza
sotto il quale il filtro non applica va- cambiare il resto della scena. Come (Soglia) stabilita nel pannello delle
riazioni. In pratica si gioca con Rag- esempio prendiamo la foto di opzioni. Nelle nostre prove lo stru-
gio e Ammontare, incrementandoli o un’auto con l’obiettivo di modifi- mento Fuzzy si è dimostrato miglio-
riducendoli di poco e osservando carne il colore. Per prima cosa biso- re, in quanto evidenzia solo aree
l’anteprima. Soglia va usato solo do- gna scegliere lo strumento più contigue: non c’è quindi il pericolo
po aver raggiunto un risultato soddi- adatto per ritagliare la carrozzeria che siano selezionate zone lontane
sfacente, dato che serve a impedire del veicolo. Scartiamo subito le se- dal soggetto che ci interessa (figu -
che il filtro esalti anche il rumore di lezioni rettangolare ed ellittica, da- ra 1g). Anche con questo strumento
fondo: più è alto minore sarà la to che la forma da scontornare è la creazione di una buona selezio-
quantità di dettagli elaborati. Nella complessa. Anche lo strumento di ne è comunque un lavoro che ri-

144
PC Professionale - Luglio 2010
chiede pazienza e attenzione. Con nuova tinta, ben visibile nel docu-
ripetute selezioni (la Modalità Ag- mento principale che funge da an-
giunge deve essere attiva) si evi- teprima. Giocando con gli slider
denzia gradualmente l’intera car- siamo liberi di cambiare a nostro
rozzeria, con una Soglia intorno al piacimento il colore della carrozze-
valore 15. Può accadere che lo stru- ria, mantenendo al contempo un
mento catturi anche parti estranee realismo perfetto dato che varia so-
di colore simile; in questo caso si lo il colore dei pixel, mentre le om-
annulla l’operazione ( Control Z ) bre, i riflessi e i colpi di luce riman-
oppure si lasciano le cose così come gono intatti (figura 4g) .
sono, per cancellare i pixel di trop-
po in un secondo momento. In ge- Ritaglio di un oggetto
nerale è meglio che la selezione sia
un po’ abbondante piuttosto che Il ritaglio di un elemento da una fo-
carente, perché poi sarà facile eli- to è una delle attività più impegna-
minare le sbavature. Una volta ot- tive nel campo del fotoritocco. Sono
tenuto un risultato soddisfacente si infatti rari i casi in cui il soggetto ha
ammorbidisce la selezione con il contorni molto contrastati e netti, e
comando Selezione/Sfumata…, im- la sagoma da definire è semplice.
postato a due o tre pixel e poi si Di solito invece si ha a che fare con
crea un nuovo livello ( Control C , ritratti di persone con capelli anche
Control V, Livello/Nuovo livello…). solo leggermente spettinati oppure
Per giudicare la bontà del lavoro con oggetti di colore simile a quello
eseguito si nasconde il layer origi- dello sfondo.
nale facendo clic sull’occhio di Nei casi più semplici si usano le se-
fianco al livello base nella finestra lezioni rettangolari o ellittica, che in
Livelli. Nel caso in cui la selezione effetti in GIMP hanno diverse op-
risulti sovrabbondante, si attiva lo zioni. Vediamole velocemente: nel
strumento Gomma, si sceglie un pannello delle opzioni – posto sotto
tratto morbido e si cancellano i pi- quello con gli strumenti – partendo
xel di troppo facendo attenzione a dall’alto si trovano le voci per atti-
non eliminare anche le parti utili. vare la sfumatura del contorno e
Anche in questa fase bisogna avere (solo per la selezione rettangolare)
parecchia pazienza e lavorare con l’arrotondamento degli spigoli. È
precisione: la fatica sarà abbondan- poi possibile definire l’area parten-
temente ripagata dalla bontà del ri- do dal centro (operazione possibile
sultato finale (figura 2g). anche con la sola pressione del tasto
Terminata la pulizia della selezio- Control), bloccare la proporzione e
ne, si rende di nuovo visibile il li- definire numericamente la posizio-
vello originale e finalmente si pas- ne e le dimensioni. Infine, il softwa-
sa alla fase divertente. Per cambia- re può visualizzare una griglia di ri-
re colore mantenendo la luminosità ferimento come quella della regola
dei pixel sono disponibili tre stru- dei terzi. Mentre si trascina per de-
menti, tutti nel menu Colori: Bilan- finire l’area di selezione, se si pre-
ciamento colore… , Colorazione e me il tasto Shift il contorno diventa
Colora. Il primo offre la possibilità quadrato o circolare, a seconda che
di alterare la cromia dei pixel a se- lo strumento effettui la selezione
conda del loro livello di luminosità rettangolare oppure ellittica.
(Ombre, Mezzi toni, Alte luci); il si- GIMP offre poi il Lazo, per tracciare
stema funziona ma è piuttosto com- a mano libera l’area di selezione, in
plicato oltre che lungo da imposta- maniera continua oppure a segmen-
re correttamente (figura 3g). Passia- ti. In questo caso l’unica opzione si-
mo a Colorazione: qui siamo all’op- gnificativa è la sfumatura dei bordi.
posto perché lo strumento è fin Uno strumento simile, che in ag-
troppo semplice, consente di cam- giunta riconosce in automatico i bor-
biare la tinta solo in base a un nu- di è la Forbice intelligente: grazie a
mero limitato di preset o con un co- un algoritmo che lavora in tempo
lore personalizzabile. L’ultimo stru- reale, con essa è possibile fare pochi
mento, Colora, è a nostro avviso il clic lungo il bordo dell’oggetto da ri-
migliore poiché con i suoi tre curso- tagliare, lasciando al software il
ri permette di stabilire la tonalità, compito di individuare i confini tra
la saturazione e la luminosità della un clic e un altro ( f i g u r a 1 h ) . Una

145
PC Professionale - Luglio 2010
COME FARE
SOFTWARE

1h 2h
volta chiuso il contorno basta un clic pelle, occhi, labbra e così via) (fi - lezione. Anche con questi due stru-
all’interno dell’area perché GIMP gura 3h) e poi si lascia fare al pro- menti, però, il problema è sempre il
crei la selezione vera e propria. Pur- gramma, che individua con una solito: la selezione generata è piutto-
troppo la Forbice è piuttosto impre- certa approssimazione il profilo. È sto imprecisa. Visto che i ritocchi alle
cisa e richiede sempre parecchi ri- possibile apportare ritocchi alla se- selezioni sono di solito necessari, ve-
tocchi successivi. Fuzzy e Colore lezione, dipingendo con un pen- diamo cosa offre GIMP al riguardo.
selezionano entrambi aree con co- nello più piccolo sulle zone ignora- Cominciamo con il dire che il pro-
lore simile a quello del pixel su cui te o sulle sbordature. Anche con gramma consente di sfumare i bordi
si fa clic; l’unica differenza è che il Tracciati si definisce il contorno, della selezione già fatta, con il co-
primo evidenzia solo zone conti- ma in questo caso tramite una linea mando Seleziona/Sfumata…; sem-
gue, mentre il secondo seleziona le vettoriale composta da nodi e da pre nello stesso menu sono disponi-
parti cromaticamente simili anche tangenti modificabili liberamente. bili le voci Riduci… e Allarga… per
se sono separate. Gli ultimi due Il lavoro va fatto a mano e non è rimpicciolire e per ingrandire la se-
strumenti dedicati sono Primo pia- presente alcun algoritmo che facili- lezione. Molto utile è infine Selezio-
no e Tracciati. Il primo è pensato ti il compito, di conseguenza i Trac- na/Commuta maschera veloce, che
per i ritratti di persone o comunque ciati sono comodi solo per sagome tinge di rosso la parte dell’immagine
per quei soggetti dai contorni fra- semplici e nette. non selezionata e permette di modi-
stagliati, come piante e animali. Quando il tracciato è definito (non è ficare i bordi della selezione usando
Anche in questo caso l’impiego è necessario che sia chiuso) si preme il pennello (il colore bianco aggiun-
molto semplice: si traccia un con- Invio e il programma crea la selezio- ge, il nero toglie) e con la precisione
torno grossolano del soggetto (figu - ne vera e propria. Il vantaggio dei desiderata, grazie alla possibilità di
ra 2h), si dipinge su di esso in modo tracciati è che sono sempre modifi- impostare a piacere la dimensione e
da passare sopra tutte le zone cro- cabili, dato che rimangono nel docu- la durezza dello strumento di pittura
maticamente differenti (capelli, mento anche dopo aver creato la se- (figura 4h).

3h 4h
146
PC Professionale - Luglio 2010
Aumentare del diaframma e offrono un program- la zona dei capelli; qui bisogna cerca-
la profondità di campo ma dedicato ai ritratti. Alzi però la re di rendere irregolare il profilo,
mano chi sfrutta d’abitudine queste usando un pennello sottile e seguen-
Per fare un bel ritratto è opportuno opzioni. È inutile, le fotocamere com- do i capelli che si staccano dalla figu-
mantenere sfocato lo sfondo, in modo patte invogliano allo scatto veloce, al- ra. Al termine del lavoro si separa la
che il soggetto in primo piano risalti l’istantanea, certo non alla riflessione, selezione (Control C, Control V, Livel-
bene e l’osservatore possa concentra- all’impostazione dei parametri o alla lo/Nuovo livello…) e si nasconde il la-
re su di esso la propria attenzione. verifica della profondità di campo. yer di sfondo per verificare che il lavo-
Con le fotocamere reflex è facile im- Con il fotoritocco però è possibile in- ro svolto sia soddisfacente.
postare gli opportuni parametri, e per tervenire a posteriori, scontornando il Ora bisogna cancellare parzialmen-
di più è in genere disponibile un co- soggetto e applicando una decisa sfo- te il soggetto dall’immagine origina-
mando che chiude il diaframma pri- catura allo sfondo. La difficoltà di le, altrimenti la sfocatura che varrà
ma dello scatto, in modo da consenti- questa operazione è tutta nel ritaglio, applicata farà sbordare i colori del
re la verifica dell’effettiva sfocatura che richiede pazienza e precisione. soggetto tutto intorno al livello rita-
nella composizione. Questo perché è Nel nostro caso lo strumento di rita- gliato, creando un brutto alone. Si at-
proprio l’apertura del diaframma che glio più efficace è la Forbice intelli- tiva lo strumento Clona, si preme il ta-
fa la differenza: un diaframma aperto gente che – pur non essendo il massi- sto Control per stabilire il punto di ori-
riduce la profondità di campo (quindi mo in quanto a precisione – 0ricono- gine e si copiano le parti intorno alla
il soggetto sarà a fuoco e lo sfondo sce piuttosto bene i contrasti cromati- persona in modo da cancellarla in
confuso) mentre un diaframma chiu- ci tra il soggetto e lo sfondo. Con un parte (figura 2i). Non è necessario fare
so massimizza la profondità di cam- numero accettabile di clic si definisce un lavoro preciso né preoccuparsi del-
po, quindi risulterà a fuoco non solo il il contorno e subito dopo si attiva il le ripetizioni: le zone clonate saranno
soggetto ma anche lo sfondo (figura comando Seleziona/Commuta ma- comunque nascoste dal soggetto e la
1i) . Anche molte compatte digitali schera veloce e con il pennello si rifi- sfocatura renderà tutto confuso. Sem-
consentono di impostare l’apertura niscono i bordi. La parte più difficile è pre sul livello di sfondo si applica

1i 2i

3i 4i
147
PC Professionale - Luglio 2010
COME FARE
SOFTWARE

1l 2l

3l 4l
quindi una decisa sfocatura, con il co- la foschia biancastra. A questo punto re. Il risultato che si ottiene è buono,
mando Filtri/Sfocature/Gaussiana… i professionisti tirano fuori una delle ma il cielo risulta monotono e, soprat-
(figura 3i). Noi abbiamo usato un Rag- loro armi: il filtro graduato, che con- tutto, il livello colorato ha modificato
gio 100, ma il valore migliore dipende sente di scurire il cielo senza alterare anche le tinte del paesaggio, non solo
dalla dimensione dell’immagine; in l’illuminazione del paesaggio. Que- del cielo. Proviamo con l’altro meto-
ogni caso la sfocatura deve essere for- sto filtro può essere neutro, cioè scu- do, quello che prevede una sostitu-
te, quindi non bisogna aver paura di rire e basta, oppure blu per trasfor- zione completa. Tanto per cambiare
immettere un valore elevato. L’ultimo mare anche il cielo più grigio in una bisogna effettuare un ritaglio, per eli-
passo consiste nel rendere di nuovo azzurra volta estiva. In alternativa si minare il cielo venuto male. In questo
visibile il layer in primo piano, con il può ricorrere al fotoritocco, applican- caso lo strumento ideale è Selezione
soggetto ritagliato che risalterà final- do un layer che replichi in maniera per colore, perché evidenzia tutti i pi-
mente alla perfezione grazie al distac- virtuale la lente graduata appena ci- xel di tinta simile a quella del punto
co rispetto allo sfondo (figura 4i). tata oppure optando per una sostitu- su cui si è fa clic, anche se non sono
zione in blocco, con l’inserimento di contigui. Con un semplice clic, aven-
Un cielo più bello un bel cielo prelevato da un’altra fo- do impostato la Soglia a 20, si selezio-
to. Nel primo caso le operazioni da na tutto il cielo, anche tra i rami e tra
L’inquadratura è a posto, l’esposizio- compiere sono piuttosto semplici. le travature della torre. A un esame
ne del paesaggio è giusta, la foto è in- Nella foto da migliorare (figura 1l) si attento si nota però che lo strumento
teressante ma c’è un problema che crea un nuovo livello e lo si riempie ha peccato di zelo, selezionando an-
guasta tutto: il cielo è vuoto o lattigi- con una sfumatura azzurra che va da che pixel vicino al terreno e tra gli
noso, insomma è banale e scialbo. scuro a chiaro (noi abbiamo usato i edifici. Con la selezione rettangolare
Questa situazione capita a tutti, dilet- valori Rgb 81, 118, 188 per il blu e o con il Lazo in Modalità Sottrae si
tanti e professionisti, dato che non è 164, 197, 241 per l’azzurro), di segui- eliminano quindi i pixel di troppo. Per
possibile far apparire nubi vaporose a to si porta a 50% l’opacità del layer e ridurre la visibilità dei bordi della se-
comando né eliminare dal cielo quel- si imposta la Modalità a Moltiplicato- lezione la si aumenta di un pixel con

148
PC Professionale - Luglio 2010
COME FARE
SOFTWARE

Seleziona/Allarga… e poi si sfumano foto contenente un bel cielo, lo si rita- e lo si sposta in modo che la composi-
i confini di due pixel con Seleziona/ glia con una selezione rettangolare, lo zione sia esteticamente gradevole. Il
Sfumata…. A questo punto si inverte si copia e lo si incolla nella prima im- lavoro è terminato: la foto ha acqui-
la selezione (Seleziona/Inverti) e la si magine, specchiandolo con lo stru- stato un cielo molto scenografico, ben
porta su nuovo livello ( Control C , mento Rifletti e ingrandendolo se ne- integrato con gli elementi originali e
Control V, Livello/Nuovo livello…) (fi- cessario con Scala (figura 3l). Si porta visibile anche tra i dettagli più fini co-
gura 2l). Ora bisogna scegliere una il nuovo cielo sotto il livello ritagliato me i rami degli alberi (figura 4l).

1m 2m

3m 4m

5m 6m
150
PC Professionale - Luglio 2010
tà coincidano bene. Con la Gomma
Realizzare si cancellano poi le sbavature, per
un fotomontaggio ottenere una fusione perfetta e si
uniscono i due livelli con il coman-
Una delle attività più divertenti per do Livello/Fondi in basso. Si copia
chi si diletta di fotoritocco è sicura- quindi il cappello completo, si tor-
mente la creazione di immagini che na all’immagine della ragazza e lo
non hanno corrispondenza con la si incolla, dopo di che lo si sposta e
realtà: di solito collage di elementi lo si ingrandisce per in modo da
presi da immagini diverse e ricom- adattarlo alla foto originale (figura
posti per creare una scena realisti- 3m). A questo punto bisogna siste-
ca, fantasiosa o anche surreale. mare i capelli e le ombre: con la
Perché la composizione funzioni è Gomma si cancellano i capelli di
però necessario prestare una gran- troppo e con un pennello morbido
dissima attenzione ai dettagli: gli in Modalità Luce debole si dipinge
scontorni devono essere estrema- sul livello con la ragazza, per scuri-
mente precisi, le dimensioni e la re la pelle della fronte appena sotto
prospettiva dei vari oggetti devono il panno rosso. La stessa operazio-
essere corrette e i colori devono ar- ne va fatta sulle parti sinistre del
monizzarsi alla perfezione. Tutto cappello e del panno rosso, per
questo naturalmente richiede lavo- creare ombre simili a quelle visibili
ro e attenzione, ma, come abbiamo sul viso della modella.
già osservato varie volte, gli sforzi Terminato questa prima fase, biso-
saranno ampiamente ripagati dalla gna creare la copertura per l’occhio
qualità del risultato finale. ritagliandola da un’altra foto. Dopo
In questo esempio vedremo come aver preparata l’immagine cancel-
trasformare la ragazza della foto in lando i dettagli di troppo, si usa la
un pirata (figura 1m), un lavoro che selezione Fuzzy e con un paio di
richiede l’impiego degli strumenti clic la si cattura per intero. Si am-
già esaminati negli esempi prece- morbidisce il contorno con Selezio-
denti: scontorno, ridimensionamen- na/Sfumata… impostato a 2 pixel e
to, correzione colori. Vedremo an- si copia l’oggetto, portandolo nella
che come aggiungere le ombre ne- composizione principale. Anche in
cessarie per dare realismo a ogni questo caso l’elemento va scalato,
oggetto inserito nel fotomontaggio. spostato e anche ruotato un po’.
Si comincia con l’aumentare l’area Una volta ottenuto un risultato sod-
disponibile sopra la testa della ra- disfacente si sceglie il colore nero e
gazza. Prima di tutto si campiona lo con due colpi di pennello morbido
sfondo della foto con il contagocce di larghezza 2,00 si creano i lacci.
e si porta la tinta ottenuta nel ri- Sempre con il pennello, ma questa
quadro del colore di sfondo. Si lan- volta in Modalità Luce debole , si
cia poi il comando Immagine/Di- creano le ombre sul viso della ra-
mensione superficie…, si spezza la gazza e sulla toppa sopra l’occhio,
catenella che collega larghezza e in modo che tutto si amalgami be-
altezza, si immette il nuovo valore ne (figura 4m).
per l’altezza, si trascina in basso la Non è ancora finita: il tocco defini-
foto nell’anteprima e si sceglie l’op- tivo arriva con l’applicazione del
zione Livelli a grandezza immagine classico stemma dei pirati sul cap-
nel menu Ridimensiona livelli. Il pello, copiato da un’altra immagine
passo successivo è la creazione del e incollato e scalato in modo che si
cappello da pirata, che verrà prele- adatti bene al copricapo. Con la
vato da un’altra foto utilizzando lo gomma si cancellano grossolana-
strumento Forbice intelligente (fi - mente i bordi dell’oggetto ( f i g u r a
g u r a 2 m ) . Si porta la selezione su 5m), si riduce leggermente l’opaci-
un nuovo livello e si controlla che tà e si sceglie la Modalità Schermo,
lo scontorno sia ben fatto nascon- così il nero del simbolo sparisce e
dendo l’immagine originale. Poiché rimane solo il disegno bianco.
il cappello della seconda foto non è A questo punto il lavoro è definitiva-
completo, si copia il layer appena mente concluso, e la nostra modella
creato, lo si specchia (Livello/Tra- è pronta per figurare sull’invito a
sforma/Rifletti orizzontalmente ) e una festa in maschera dal tema “I
lo si sposta in modo che le due me- Pirati dei Caraibi”(figura 6m).

151
PC Professionale - Luglio 2010

Potrebbero piacerti anche