Sei sulla pagina 1di 21

Esercizi di Reti di Telecomunicazione

C.Perra (cperra@diee.unica.it)

A.A. 2015-16

1 Domande a risposta aperta......................................................................................................................... 2


2 Caratterizzazione delle sorgenti e topologie di rete ................................................................................... 3
3 Commutazione di pacchetto ...................................................................................................................... 4
4 Multiplazione ............................................................................................................................................. 5
5 Analisi prestazioni ..................................................................................................................................... 7
6 Protocolli Automatic Repeat Request (ARQ).......................................................................................... 11
7 HDLC ...................................................................................................................................................... 13
8 Instradamento .......................................................................................................................................... 17
9 Indirizzamento IP .................................................................................................................................... 19

1
1 Domande a risposta aperta
1.1
Descrivere sinteticamente le differenze tra i protocolli connectionless e i protocolli connection-oriented.

1.2
Ordinare i seguenti strati di rete dal più esterno verso il più interno: Rete, Trasporto, Applicazione, Fisico,
Collegamento dati. Quali sono i livelli di utilizzazione, quali sono i livelli di trasferimento?

1.3
Descrivere sinteticamente le differenze tra instradamento flooding e instradamento distance-vector.

1.4
Descrivere sinteticamente le differenze tra una sorgente CBR e una sorgente VBR.

1.5
Descrivere sinteticamente i concetti di segmentazione e riassemblaggio.

1.6
Descrivere sinteticamente il concetto di sliding-window.

1.7
Descrivere sinteticamente il calcolo della probabilità di rifiuto di un multiplatore statistico con buffer pari a
una unità informativa con capacità c volte maggiore della frequenza di picco di un tributario.

1.8
Descrivere sinteticamente il concetto di fattore di burstiness, frequenza media, e frequenza di picco della
probabilità di rifiuto di un multiplatore statistico con buffer pari a una unità informativa con capacità c volte
maggiore della frequenza di picco di un tributario.

1.9
Descrivere sinteticamente il servizio "iniziato dal fornitore" in relazione alle primitive del modello a strati.

1.10
Descrivere sinteticamente le funzioni dei livelli di rete.

1.11
Descrivere sinteticamente le differenze tra algoritmi di instradamento centralizzati e distribuiti.

1.12
Descrivere sinteticamente le funzioni dei livelli di collegamento dati.

1.13
Descrivere sinteticamente le differenze tra i protocolli Flooding e i protocolli Link-state.

2
1.14
 1 Ws ≥ 1 + 2a


Discutere l'espressione η =  W T nell'ambito dei procolli continuous ARQ.
 s f Ws < 1 + 2a
 T f + 2τ

1.15
Descrivere sinteticamente la procedura di bitstuffing.

1.16
Descrivere gli eventi "fuori sequenza", "perdita", "duplicazione" in relazione all'instradamento di pacchetti
nel modello datagram.

1.17
Discutere le differenze tra multiplexing deterministico e multiplexing statistico.

1.18
Descrivere sinteticamente il protocollo HDLC.

1.19
Quali sono le differenze principali tra gli algoritmi distance-vector e gli algoritmi link-state?

1.20
Quali sono i vantaggi degli algoritmi basati su sliding window rispetto agli algoritmi stop&wait?

2 Caratterizzazione delle sorgenti e topologie di rete


2.1
Note le seguenti informazioni relative a una sorgente ON-OFF:
- Rapporto tra durata dei periodi di attività e di inattività: R=9;
- Intervallo di tempo che intercorre tra due transizioni consecutive della sorgente dallo stato
ON allo stato OFF: T=100ms;
- Quantità totale di dati emessi in un intervallo di t=400ms: Ltot=400Kbyte.
(*) Determinare i parametri Ton , Toff , B , A , P ;
(*) Disegnare il profilo di traffico della sorgente ON-OFF;
(*) Determinare la minima capacità del canale richiesta per la comunicazione.

2.2
Calcolare il parametro di costo e la distanza minima media di una rete a N=8 nodi con topologia ad anello.

3
2.3
Calcolare il fattore di costo della rete in figura.

3 Commutazione di pacchetto
3.1
Si consideri una cascata di 3 nodi A, B e C a commutazione di pacchetto collegati via cavo e caratterizzati
dai seguenti parametri: f A = 10Mbps , d A = 100km , f B = 20Mbps , d B = 100km . Il nodo A emette pacchetti
di lunghezza costante L = 1250 byte alla frequenza di 100 pacchetti/s. Ipotizzando che il nodo B inizi a
ritrasmettere un pacchetto immediatamente dopo averlo ricevuto completamente, si chiede di calcolare il
ritardo complessivo per la trasmissione da A a C di 3 pacchetti. (Nota: Velocità di propagazione del segnale
pari a 100000Km/s).

3.2
Si consideri una cascata di 3 nodi A, B e C a commutazione di pacchetto collegati via cavo e caratterizzati
dai seguenti parametri: f A = 20 Mbps , d A = 100km , f B = 20Mbps , d B = 100km . Il nodo A emette pacchetti
di lunghezza costante L = 1000 bit alla frequenza di 100 pacchetti/s. Ipotizzando che il nodo B inizi a
ritrasmettere un pacchetto dopo averlo ricevuto completamente e con un ritardo di 0.1s , si chiede di
calcolare il ritardo complessivo per la trasmissione da A a C di 2 pacchetti. (Nota: Velocità di propagazione
del segnale pari a 200000Km/s).

3.3
Si consideri una cascata di 4 nodi A, B, C, E a commutazione di pacchetto collegati via cavo e caratterizzati
dai seguenti parametri: f AB = 1Mbps , d AB = 100 km , f BC = 6 Mbps , d B C = 100 km , f CE = 1Mbps ,
d CE = 100km . Il nodo A emette pacchetti di lunghezza costante L = 1250 byte alla frequenza di 100
pacchetti/s. Ipotizzando che i nodi B e C inizino a ritrasmettere un pacchetto immediatamente dopo averlo
ricevuto completamente, si chiede di calcolare il ritardo complessivo per la trasmissione da A a E di 2
pacchetti. (Nota: Velocità di propagazione del segnale pari a 100000Km/s).

3.4
Determinare l'evoluzione dell'algoritmo link-state nella costruzione della tabella di routing del nodo A.

4
4 Multiplazione
4.1
Si consideri un sistema di multiplazione caratterizzato da un periodo di trama T = 160 µs , N = 10 canali
multiplati, frequenza di cifra del segnale multiplo Fm = 1.1Mbit / s e Cc = 16 bit / slot . Si vuole determinare la
capacità Fc del canale base e la capacità addizionale Fa per servizio; si vuole calcolare anche la capacità
minima Fmin e la capacità massima Fmax assegnabile mediante sottomultiplazione e sovramultiplazione,
rispettivamente (si ipotizza che il numero minimo di canali del sistema sia N min = 2 ). Rappresentare
graficamente l'architettura MUX nel caso N = N min .

4.2
Siano dati 4 tributari con frequenza media A = 4 Mbps A e frequenza di picco P = 5 Mbps in ingresso a un
multiplatore statistico con buffer pari a una unità informativa con capacità 2 volte maggiore della frequenza
di picco di un tributario. Determinare la probabilità di rifiuto.

4.3

Dimensionare (ovvero determinare tutti i parametri di interesse, p.e. i parametri di capacità, i parametri dei
numeri di bit, i tempi dei bit, ecc.) un multiplatore sincrono sapendo che il tempo Ttrama = 100ms , le
trasmissioni sorgenti sono 10, ogni sorgente ha una frequenza di picco P=10Mbps. Rappresentare
graficamente il diagramma dei tempi.

4.4
Determinare la capacità Fc del canale base e la capacità addizionale Fa per servizio, di un sistema di
multiplazione deterministica caratterizzato da un periodo di trama T = 400 µs , N = 20 canali multiplati,
frequenza di cifra del segnale multiplo Fm = 1Mbit / s e Cc = 16 bit / slot . Determinare inoltre la capacità
minima Fc , min e la capacità massima Fc , max assegnabile mediante sottomultiplazione e sovramultiplazione,
rispettivamente (si ipotizza che il numero minimo di canali del sistema sia N min = 5 ). Rappresentare
graficamente l'architettura MUX nel caso N = N min . Commentare sinteticamente lo svolgimento
dell'esercizio.

4.5
Si consideri un sistema di multiplazione deterministica caratterizzato da un periodo di trama T = 200µs ,
N = 12 canali multiplati, frequenza di cifra del segnale multiplo Fm = 1Mbit / s e Cc = 16 bit / slot . Si vuole
determinare la capacità Fc del canale base e la capacità addizionale Fa per servizio; si vuole calcolare anche
la capacità minima Fc , min e la capacità massima Fc , max assegnabile mediante sottomultiplazione e
sovramultiplazione, rispettivamente (si ipotizza che il numero minimo di canali del sistema sia N min = 4 ).
Rappresentare graficamente l'architettura MUX nel caso N = N min . Commentare sinteticamente lo
svolgimento dell'esercizio.

5
4.6
Si consideri un sistema di multiplazione caratterizzato da un periodo di trama T = 200µs , N = 10 canali
multiplati, frequenza di cifra del segnale multiplo Fm = 1Mbit / s e Cc = 16 bit / slot . Si vuole determinare la
capacità Fc del canale base e la capacità addizionale Fa per servizio; si vuole calcolare anche la capacità
minima Fmin e la capacità massima Fmax assegnabile mediante sottomultiplazione e sovramultiplazione,
rispettivamente (si ipotizza che il numero minimo di canali del sistema sia N min = 4 ). Rappresentare
graficamente l'architettura MUX nel caso N = N min .

4.7
Si consideri un sistema di multiplazione caratterizzato da un periodo di trama T = 125µs , N = 30 canali
multiplati, frequenza di cifra del segnale multiplo Fm = 2048kbit / s e Cc = 8 bit / slot . Si vuole determinare la
capacità Fc del canale base e la capacità addizionale Fa per servizio; si vuole calcolare anche la capacità
minima Fmin e la capacità massima Fmax assegnabile mediante sottomultiplazione e sovramultiplazione,
rispettivamente (si ipotizza che il numero minimo di canali del sistema sia N = 2 ).

4.8
Siano dati 6 tributari con frequenza media A = 4 Mbps A e frequenza di picco P = 5Mbps in
ingresso a un multiplatore statistico con buffer pari a una unità informativa con capacità 2 volte
maggiore della frequenza di picco di un tributario. Determinare la probabilità di rifiuto.

6
5 Analisi prestazioni
5.1
Determinare il throughput della comunicazione PC0-PC3 della rete con topologia a due livelli mostrata in
figura (ogni collegamento ha capacità 100Mbps in full-duplex) nella quale i tre apparati di rete sono nodi di
livello due. L'efficienza di tutti i collegamenti è 0.9, e PC1-PC2 hanno una comunicazione attiva che
impegna tutta la capacità del canale.

5.2
Costruire le tabelle di instradamento del nodo C fino al tempo 2T.

5.3
Costruire le tabelle di instradamento del nodo E fino al tempo 3T.

5.4
Costruire le tabelle di instradamento del nodo C fino al tempo 2T.

7
5.5
Rappresentare i pacchetti LSP per la rete in figura

5.6
Costruire la tabella d’instradamento distance vector del nodo B, rappresentando tutti gli istanti temporali
dalla stato iniziale allo stato finale.

5.7
Determinare gli LSP della rete in figura e sviluppare l’algoritmo di Dijkstra utilizzando la tabella seguente
(aggiungere colonne se non dovessero essere sufficienti).

8
5.8
Determinare l’albero dei cammini minimi per il nodo D

5.9
Data una rete con topologia a bus formata da 6 nodi dove ogni coppia è collegata da un cavo in rame di
lunghezza 500m e capacità 10Mbps calcolare la dimensione minima dei pacchetti in trasmissione che deve
essere soddisfatta da tutti i nodi della rete per rilevare fenomeni di collisione.

5.10
Descrivere la rete in figura (tipo di dispositivi rispetto alla pila iso/osi, topologia, numero di domini di
collisione, ecc.).

5.11
Data una rete con topologia a bus su cavo coassiale al quale sono connessi 6 host. La distanza tra i
collegamenti degli host adiacenti è pari a 500m. La capacità del collegamento è 20Mbps. Calcolare la
dimensione minima dei pacchetti in trasmissione che deve essere soddisfatta da tutti i nodi della rete per
rilevare fenomeni di collisione.

5.12
Data una rete con topologia a bus su cavo coassiale al quale sono connessi 4 host. La distanza tra i
collegamenti degli host adiacenti è pari a 600m. La capacità del collegamento è 10Mbps. Calcolare la

9
dimensione minima dei pacchetti in trasmissione che deve essere soddisfatta da tutti i nodi della rete per
rilevare fenomeni di collisione.

5.13
Determinare il tempo di ritardo normalizzato di una trama di 1000 bit, su un canale in rame di lunghezza
1Km, con capacità C=10Mbps.

10
6 Protocolli Automatic Repeat Request (ARQ)
6.1
Due stazione A e B collegate da un sistema di trasmissione dati bidirezionale il cui protocollo di
linea ARQ di tipo Go-Back-N con soli riscontri positivi (ACKi) caratterizzato dai seguenti
parametri:
- dimensione fissa delle trame: L f = 40byte ;
- dimensione fissa dei riscontri: La = 10byte ;
- tempo di elaborazione di trama e di riscontro trascurabile.
La trasmissione dati tra le due stazioni è reallizzata mediante un sistema radio che rende disponibile
un canale di comunicazione così caratterizzato:
- distanza tra le comunicazioni d = 1.5km ;
- velocità di propagazione del segnale v = 3 ⋅108 m / s ;
- capacità del collegamento C=155Mbit/s.
Sia inoltre operante un meccanismo di controllo di flusso a finestra con parametri:
- apertura della finestra di trasmissione Ws = 20 trame;
- finestra di ricezione di apertura Wr = 2 ;
- time-out per inizio di ritrasmissione T0 = 1ms .
Si vuole valutare il tempo totale di trasferimento da A a B di un segmento dati di lunghezza
Ltot = 4000byte nel caso che la trama numero 25 trasmessa da A vada persa per errore, il
throughtput realizzato e l’efficienza di utilizzazione del collegamento conseguito.
Si chiede inoltre di calcolare la apertura ottima della finestra di trasmissione che massimizza il
throughput sul collegamento.

6.2
Due stazione A e B collegate da un sistema di trasmissione dati bidirezionale il cui protocollo di linea ARQ
di tipo Go-Back-N con risconstri positivi (ACKi) e negativi (NACKi) caratterizzato dai seguenti parametri:

- dimensione fissa delle trame: L f = 40byte ;


- dimensione fissa dei riscontri: La = 10byte ;
- tempo di elaborazione di trama e di riscontro trascurabile.

La trasmissione dati tra le due stazioni è realizzata mediante un sistema radio che rende disponibile un canale
di comunicazione così caratterizzato:

- distanza tra le comunicazioni d = 1.5km ;


- velocità di propagazione del segnale v = 3 ⋅ 108 m / s ;
- capacità del collegamento C=155Mbit/s.

Sia inoltre operante un meccanismo di controllo di flusso a finestra con parametri:

- apertura della finestra di trasmissione Ws = 20 trame;


- finestra di ricezione di apertura Wr = 2 ;
- time-out per inizio di ritrasmissione T0 = 1ms .

11
Si vuole valutare il tempo totale di trasferimento da A a B di un segmento dati di lunghezza Ltot = 4000byte
nel caso che la trama numero 20 e la trama 40 trasmesse da A vadano perse per errore, il throughtput
realizzato e l’efficienza di utilizzazione del collegamento conseguito.

Si chiede inoltre di calcolare la apertura ottima della finestra di trasmissione che massimizza il throughput
sul collegamento.

6.3
Due stazione A e B collegate da un sistema di trasmissione dati bidirezionale il cui protocollo di
linea ARQ di tipo Go-Back-N con soli riscontri positivi (ACKi) caratterizzato dai seguenti
parametri:
- dimensione fissa delle trame: L f = 40byte ;
- dimensione fissa dei riscontri: La = 10byte ;
- tempo di elaborazione di trama e di riscontro trascurabile.
La trasmissione dati tra le due stazioni è realizzata mediante un sistema radio che rende disponibile
un canale di comunicazione così caratterizzato:
- distanza tra le comunicazioni d = 1.5km ;
- velocità di propagazione del segnale v = 3 ⋅108 m / s ;
- capacità del collegamento C=155Mbit/s.
Sia inoltre operante un meccanismo di controllo di flusso a finestra con parametri:
- apertura della finestra di trasmissione Ws = 20 trame;
- finestra di ricezione di apertura Wr = 2 ;
Si vuole valutare il tempo totale di trasferimento da A a B di un segmento dati di lunghezza
Ltot = 4000byte il throughtput realizzato e l’efficienza di utilizzazione del collegamento conseguito.

12
7 HDLC
7.1
Due stazioni A e B sono collegate da un sistema di trasmissione dati bidirezionale. Il protocollo di linea, che
controlla la trasmissione delle trame su questo collegamento, sia di tipo HDLC Go-back-n. Nella figura è
rappresentato lo scambio di trame tra le due stazioni con queste caratteristiche:

• le due stazioni funzionano regolarmente e il collegamento dati è stato già instaurato,


• solo la stazione A invia trame alla stazione B e il buffer di trasmissione non è mai vuoto; quindi la
stazione B invia solo trame di riscontro (positivo e negativo),
• il mezzo trasmissivo è soggetto a errore che può colpire ogni tipo di trama; si ipotizza che nella
figura si verifichi un solo errore,
• la finestra in trasmissione abbia la massima apertura possibile in base alle caratteristiche del
protocollo ARQ,
• il tempo di elaborazione di trama Tp si considera nullo.

Si chiede di:

• associare ad ogni trama della figura il tipo seguito dalla numerazione relativa a quel tipo di trama
(per esempio la sequenza I,2,3 indica una trama informativa con N(S) = 2 e N(R) = 3), sapendo che
I,0,0 è la prima trama inviata dalla stazione A,
• determinare il numero minimo b di bit per la numerazione di trama consistente con la figura,
• determinare l’apertura minima Ws-min della finestra in trasmissione e Wr-min della finestra in
ricezione (compatibili con il numero b individuato al punto precedente), richiesta dall’esempio
mostrato.

Si chiede inoltre di ripetere l’esercizio per il protocollo HDLC Selective repeat.

13
7.2
Due stazioni A e B sono collegate da un sistema di trasmissione dati bidirezionale. Il protocollo di
linea, che controlla la trasmissione delle trame su questo collegamento, sia di tipo HDLC Go-back-
n. Nella figura è rappresentato lo scambio di trame tra le due stazioni con queste caratteristiche:
• le due stazioni funzionano regolarmente e il collegamento dati è stato già instaurato;
• solo la stazione A invia trame alla stazione B e il buffer di trasmissione non è mai vuoto; quindi la
stazione B invia solo trame di riscontro (positivo e negativo);
• il mezzo trasmissivo è soggetto a errore che può colpire ogni tipo di trama; si ipotizza che nella
figura si verifichi un solo errore;
• la finestra in trasmissione abbia la massima apertura possibile in base alle caratteristiche del
protocollo ARQ;
• il tempo di elaborazione di trama Tp si considera nullo.

Si chiede di:
• associare ad ogni trama della figura (risolvendo direttamente sulla figura) il tipo seguito dalla
numerazione relativa a quel tipo di trama (per esempio la sequenza I,2,3 indica una trama
informativa con N(S) = 2 e N(R) = 3, sapendo che I,0,0 è la prima trama inviata dalla stazione A;
• determinare il numero minimo b di bit per la numerazione di trama consistente con la figura;
• determinare l’apertura minima Ws-min della finestra in trasmissione e Wr-min della finestra in
ricezione (compatibili con il numero b individuato al punto precedente), richiesta dall’esempio
mostrato.

7.3
Ipotizzando che sia in funzione un protocollo HDLC-SelectiveRepeat, associare ad ogni trama della figura
(risolvendo direttamente sulla figura inserendo opportunamente una o più trame tra le seguenti: I, RR, REJ,
SREJ) il tipo seguito dalla numerazione relativa a quel tipo di trama (per esempio la sequenza I,2,3 indica
una trama informativa con N(S) = 2 e N(R) = 3), sapendo che I,0,0 è la prima trama inviata dalla stazione A.
Determinare il numero minimo b di bit per la numerazione di trama consistente con la figura. Determinare
l’apertura minima Ws-min della finestra in trasmissione e Wr-min della finestra in ricezione (compatibili con
il numero b individuato al punto precedente), richiesta dall’esempio mostrato. (NOTA: non c'é meccanismo
di timeout). Commentare sinteticamente la dinamica del funzionamento della trasmissione in figura.

14
7.4
Ipotizzando che sia in funzione un protocollo HDLC-GoBackN, associare ad ogni trama della figura
(risolvendo direttamente sulla figura usando opportunamente una o più trame tra le seguenti: I, RR, REJ,
SREJ) il tipo seguito dalla numerazione relativa a quel tipo di trama (per esempio la sequenza I,2,3 indica
una trama informativa con N(S) = 2 e N(R) = 3), sapendo che I,0,0 è la prima trama inviata dalla stazione A.
Determinare il numero minimo b di bit per la numerazione di trama consistente con la figura. Determinare
l’apertura minima Ws-min della finestra in trasmissione e Wr-min della finestra in ricezione (compatibili con
il numero b individuato al punto precedente), richiesta dall’esempio mostrato. (NOTA: non c'é meccanismo
di timeout). Commentare sinteticamente lo svolgimento dell'esercizio.

7.5
Ipotizzando che sia in funzione un protocollo HDLC-GoBackN, associare ad ogni trama della figura
(risolvendo direttamente sulla figura usando opportunamente una o più trame tra le seguenti: I, RR, REJ,
SREJ) il tipo seguito dalla numerazione relativa a quel tipo di trama (per esempio la sequenza I,2,3 indica
una trama informativa con N(S) = 2 e N(R) = 3), sapendo che I,0,0 è la prima trama inviata dalla stazione A.
Determinare il numero minimo b di bit per la numerazione di trama consistente con la figura. Determinare
l’apertura minima Ws-min della finestra in trasmissione e Wr-min della finestra in ricezione (compatibili con
il numero b individuato al punto precedente), richiesta dall’esempio mostrato. (NOTA: non c'é meccanismo
di timeout). Commentare sinteticamente lo svolgimento dell'esercizio.

15
7.6
Ipotizzando che sia in funzione un protocollo HDLC-GoBackN, associare ad ogni trama della figura
(risolvendo direttamente sulla figura inserendo opportunamente una o più trame tra le seguenti: I, RR, REJ,
SREJ) il tipo seguito dalla numerazione relativa a quel tipo di trama (per esempio la sequenza I,2,3 indica
una trama informativa con N(S) = 2 e N(R) = 3, sapendo che I,0,0 è la prima trama inviata dalla stazione A.
Determinare il numero minimo b di bit per la numerazione di trama consistente con la figura. Determinare
l’apertura minima Ws-min della finestra in trasmissione e Wr-min della finestra in ricezione (compatibili con
il numero b individuato al punto precedente), richiesta dall’esempio mostrato. (NOTA: non c'é meccanismo
di timeout)

7.7
Un ricevitore che implementa la procedura di bit destuffing del protocollo HDLC riceve la seguente
sequenza di bit:

Si chiede di individuare eventuali flag e eventuali bit di stuffing inseriti dal trasmettitore

16
8 Instradamento
8.1
Data le rete a commutazione di pacchetto con servizio circuito virtuale in figura (sapendo che a ogni nodo è
collegato un solo host), determinare la tabella di inoltro di ognuno dei nodi ipotizzando che le connessioni
sono state instaurate nell'ordine:

1. H-A-B-H B C
2. H-A-B-H
3. H-A-B-E-D-H
4. H-F-A-B-E-D-C-H
A D

F E

8.2
Data la rete in figura determinare le tabella di instradamento del nodo D.

8.3
Data la rete in figura determinare le tabella di instradamento del nodo E.

8.4

Calcolare la tabella di instradamento del nodo B al tempo 2T dati i seguenti costi: AB=3, AF=1, BF=2,
BE=4, BC=3, CD=3, DE=1, DF=5, EF=2.

17
A F D

B E

18
9 Indirizzamento IP
9.1
Progettare un indirizzamento IP per la rete in figura:

9.2
Progettare un indirizzamento IP per la rete in figura.

9.3
Progettare un indirizzamento IP per la rete in figura utilizzando reti /28 per tutte le sottoreti
(riportare l'indirizzamento sulla figura).

19
9.4
Progettare un indirizzamento IP per la rete in figura.

9.5

Determinare la topologia della rete in figura e indirizzare i PC nello spazio 172.16.17.0/24 (Il gateway
predefinito è l'ultimo indirizzo IP indirizzabile nella rete data).

9.6

Determinare la topologia della rete in figura e indirizzare i PC nello spazio 172.15.16.0/24 (Il gateway
predefinito è l'ultimo indirizzo IP indirizzabile nella rete data).

20
9.7
La rete 172.16.11.0/24 è usata per indirizzare il collegamento tra i
router, la LAN a sinistra fa uso della rete che precede, la lan a destra
fa uso della rete che segue. Indirizzare tutte le interfacce della rete in
figura compilando la tabella seguente:

Rete WAN 172.16.11.0/24


Rete LAN1
Rete LAN2

PC0
Printer0
PC1
Printer1
Router0-LAN
Router1-LAN
Router0-WAN
Router1-WAN

9.8
Cosa rappresentano i seguenti indirizzi IP ? a) 192.168.255.129/25; b) 192.168.255.193/255.255.255.128; c)
192.168.255.130/26.

9.9
Cosa rappresentano i seguenti indirizzi IP ? a) 192.168.255.128/25; b) 192.168.255.192/255.255.255.128; c)
192.168.255.129/25.

9.10
Classificare gli indirizzi IP: 192.168.128.64/26, 192.168.128.63/26, 192.168.128.62/26

9.11
Riferendosi all'indirizzo IP 192.168.255.129/25, determinare a) l'indirizzo di rete; b) la maschera di rete; c)
l'indirizzo dell'host; d) classificare il tipo di indirizzo (di host, di rete, di broadcast); e) il numero massimo di
host indirizzabili nella rete di appartenza dell'indirizzo IP dato.

9.12
Due dispositivi (A e B) accedono alla rete di trasporto attraverso un nodo X. Il nodo X è collegato
direttamente a un nodo Y. Due dispositivi (C e D)accedono alla rete di trasporto attraverso il nodo Y.
Rappresentare graficamente la rete. Rappresentare gli stati in ingresso e in uscita, in tutti i nodi, di un'unità
informativa a livello di rete in una comunicazione da A verso C sapendo che le applicazioni in A e C che
stanno comunicando hanno indirizzo di trasporto 1200 e 80, rispettivamente. I nodi A e C hanno indirizzo di
rete 100 e 101, rispettivamente. I nodi A e C hanno indirizzo di collegamento dati (data-link) AA:A0 e
BB:B0, rispettivamente.

21

Potrebbero piacerti anche