Sei sulla pagina 1di 1

La festa della Pasqua cristiana è mobile, poiché cade la domenica successiva al primo plenilunio

dopo l'equinozio di primavera (quest'ultimo per la Chiesa cade sempre convenzionalmente il 21


marzo, sebbene l'equinozio astronomico oscilli tra il 19 e il 21).

La data della Pasqua è calcolata a partire dall'inizio dell'anno religioso ebraico (calendario
lunisolare). L'anno religioso inizia il giorno della prima luna nuova dopo l'equinozio di primavera.
La Pasqua ebraica è celebrata 14 giorni dopo l'inizio dell'anno religioso, come specificato nella
Bibbia ebraica. La Pasqua cristiana, teoricamente, dovrebbe essere celebrata la prima domenica
dopo la Pasqua ebraica, come specificato nei Vangeli. Invece, poiché 14 giorni dopo la luna nuova
si ha la luna piena, il Concilio di Nicea I ha stabilito che la Pasqua cristiana deve essere celebrata la
prima domenica dopo la prima luna piena della primavera.

Questo sistema venne fissato definitivamente nel IV secolo dal primo concilio di Nicea. Nei secoli
precedenti potevano esistere diversi usi locali sulla data da seguire, tutti comunque legati al calcolo
della Pasqua ebraica[12]. In particolare alcune chiese dell'Asia seguivano la tradizione di celebrare la
Pasqua nello stesso giorno degli ebrei, senza tenere conto della domenica, e furono pertanto detti
quartodecimani. Ciò diede luogo a una disputa, detta Pasqua quartodecimana, fra la chiesa di Roma
e le chiese asiatiche.

Dionigi il Piccolo calcolò che la data della Pasqua è sempre compresa tra il 22 marzo e il 25 aprile.
[3]
Infatti, se il 21 marzo è giorno di luna piena e cade di sabato, sarà Pasqua il giorno dopo (22
marzo); se invece il 21 marzo è domenica, il giorno di Pasqua sarà la domenica successiva (28
marzo). D'altro canto, se il plenilunio cade il 20 marzo, il successivo si verificherà il 18 aprile, e se
questo giorno è una domenica occorrerà aspettare la domenica successiva, cioè il 25 aprile[13].

La Pasqua è detta "bassa" dal 22 marzo al 2 aprile, "media" dal 3 al 13 aprile e "alta" dal 14 al 25
aprile[14].

Nella Chiesa d'Oriente, il calcolo viene effettuato sulla base del calendario giuliano e dunque la
pasqua ortodossa può cadere tra il 4 aprile e l'8 maggio. Nel Consiglio ecumenico delle Chiese del
1997[15] è stato proposto di far coincidere le due date ma la riforma non ha avuto seguito.

La tradizione della Chiesa cattolica vuole che la data della Pasqua sia annunciata ai fedeli dal
sacerdote celebrante durante i riti della festività dell'Epifania (6 gennaio).

Potrebbero piacerti anche