Sei sulla pagina 1di 9

Tessuto connettivo

 Origina dal mesoderma


 Connette strutturalmente e funzionalmente diversi tessuti
 Supporto strutturale e metabolico ad altri tessuti e organi
 Difesa e protezione dell'organismo
 Deposito di grassi, funzione trofica
 Connessione "meccanica"  più fibre proteiche che conferiscono stabilità e robustezza
 Connessione "funzionale"  più sostanza fondamentale idratata

Tipi di connettivo
1. Tessuto connettivo propriamente detto
a. Mucoso
b. Denso
i. Regolare  tendini, legamenti
ii. Irregolare  derma
b. Lasso  tonache mucose e sottomucose
c. Elastico  tonaca media delle arterie
d. Reticolare  stroma
e. Adiposo
2. Tessuto connettivo di sostegno
a. Cartilagine
b. Osso
2. Tessuto connettivo a funzione trofica
a. Sangue
b. Linfa

Struttura
 Cellule
 Matrice extracellulare
o Sostanza fondamentale  gelatinosa e formata da glicosamminoglicani,
glicoproteine e proteoglicani
o Sostanza amorfa
 Setaccio molecolare
 Influenza orientamento delle miofibrille nascenti di collagene e fibrillina
 Ostacola la diffusione di microrganismi
o Permeabile alla diffusione di metaboliti, anche migrazione delle cellule immunitarie
 Dipende dal grado di idratazione

Sostanza fondamentale
 GAG  polisaccaridi lineari formati da unità disaccaridiche ripetute
o Una delle due unità è un amminozucchero, altra è uno zucchero acido
o Elevato contenuto di gruppi anionici -> sostanza diventa gel poroso in cui passano le
sostanze
o Solforati (condroitinsolfati, cheratansolfato, eparan solfato) o non solforati
o Acido ialuronico  non solforato, lega molte molecole di acqua, idratazione e
viscosità, resistenza alla compressione, mantiene le cellule distanti tra di loro. Impedisce
la diffusione di agenti tossici e di batteri
o Se legati a proteine  proteoglicani
 Proteoglicani
o Grandi molecole polianioniche
o Core proteico
o Legano acqua
o Funzione di setaccio
o Azione anticoagulante e protezione degli endoteli
o Funzione co-recettoriale
 Glicoproteine adesive
o Collegano le macromolecole della superficie cellulare a macromolecole della matrice
extracellulare
o Proteine in maggiore quantità
o Quantitativamente inferiori ai GAG
o Fibronectina (adesione cellula-matrice via integrina/RGD), laminina (membrane
basali) , entactina, tenascina, condronectina e osteonectina

Fibre
 Collagene e reticolari formate da tropocollagene e danno resistenza meccanica
o Flessibili ma poco estensibili, resistenza alla torsione
o Filamenti molto lunghi costituite da fibrille più sottili
o Tropocollagene
 3 catene  ogni catena è costituita da 3 amminoacidi: idrossiprolina, prolina
e glicina (più comuni)
 Bandeggiatura regolare è dovuta alla particolare disposizione spaziale delle
molecole di tropocollagene
o Assemblaggio del collagene
 Sequenze amminoacidiche addizionali -> per prevenire polimerizzazione
all'interno della cellula
 Legami intermolecolari
o Fibre reticolari -> collagene di tipo III
 Fibre sottili, ramificate e intrecciate con ampi spazi
 Sostenere organi
 PAS positive, si colorano in nero con il nitrato di argento
o Tipi di collagene
 Collageni fibrillari
 Tipo I -> tendini, legamenti, derma e osso
 Tipo II -> cartilagine ialina
 Tipo III -> fibre reticolari
 Collageni associati ai collageni fibrillari
 Tipo IX -> al tipo II
 Tipo X e XII -> al tipo I
 Collageni a catena corta
 Tipo IV, V e VII -> membrane basali
 Elastiche formate da elastina e hanno la funzione di recuperare le dimensioni originali dopo
essere state distese
o Microfibrille di fibrillina immerse una componente amorfa di elastina
o Colorazione giallastra
o Molto estensibili

Cellule
 Cellule fisse -> fibroblasti, periciti, adipociti, mastociti, macrofagi
 Cellule migranti -> plasmacellule, leucociti (cellule che provengono dal sangue)
 Funzioni
o Sintesi e mantenimento del materiale extracellulare
o Sintesi e accumulo del grasso
o Funzioni difensive e immunitarie
 Derivano dalla cellula mesenchimale
 Fibroblasto
o Formano nuova componente extracellulare (fibre, collagene, elastina, sostanza
fondamentale)
o Cellule affusolate o con ampi processi citoplasmatici
o Citoplasma basofilo, abbondante RER e Golgi
o Nucleo con grande nucleolo/nucleoli
o Mitosi in caso di ferite, differenziabili in adipociti, condrociti e in condizioni
patologiche in osteoblasti
 Fibrociti
o Forma quiescente
o Citoplasma scarso, acidofilo e pallido. Non sono in grado di dividersi
 Macrofagi
o Processi di difesa, attività fagocitaria
o Dal midollo osseo
o Ricchi di lisosomi
o Forma attiva nei processi infiammatori  cellula migrante
o Materiale estraneo viene circondato da prolungamenti citoplasmatici e inglobato
per essere esocitato
o Particolari denominazioni
 Cellule di Kupffer  fegato
 Cellule della polvere  polmoni
 Osteociti  osso
 Cellule gigante da corpo estraneo
 Cellule di Langerhans  pelle
 Cellule microgliali  tessuto nervoso
 Pericito
o Circonda venule e capillari
o Forma delle giunzioni gap con le cellule endoteliali
o Possono differenziarsi in cellule endoteliali o cellule muscolari lisce
 Adipociti
o Rifornimento energetico
o Multiloculare  grasso bruno
o Uniloculare  grasso bianco
 Calore
 Mastociti
o Granuli  eparina, istamina, proteasi, leucotreni, tromboxani, fattori attivanti le
piastrine, interleuchine, fattori di necrosi tumorale
o Agiscono nei processi infiammatori e nelle reazioni di ipersensibilità immediata
o Recettori di superficie per le IgE sulla superficie (allergie)
o In caso di legame rilasciato il contenuto dei granuli
 Cellule migranti
o Linfociti
o Plasmacellule
o Granuli eosinofili
o Granuli neutrofili
Tessuti connettivali propriamente detti
 Tessuto connettivo lasso o areolare
o Funzione di supporto
o Abbondante matrice
o Sottocute, tonache mucose e sottomucose degli organi cavi, nello stroma degli
organi
 Tessuto connettivo denso irregolare e regolare fibroso
o Molte fibre collagene
 Tessuto connettivo denso regolare elastico o giallo
 Tessuto reticolare
o Stroma delicato degli organi parenchimatosi
 Tessuto adiposo
o Bianco
o Bruno

Tessuto epiteliale
1. Epiteli
2. Ghiandole
Embriogenesi  derivano da tutti e tre i foglietti embrionali

Caratteristiche:
 Assorbimento
 Secrezione
 Trasporto transcellulare
 Protezione
 Recezione di sensibilità
 Scarsa ECM
 Cellule polarizzate
 Numerose giunzioni cellulari
 Presenza lamina basale  confine con altri tessuti, in particolare connettivo
 Nutrimento e ossigenazione per diffusione  NON VASCOLARIZZATO
 Sempre una superficie libera (che può avere specializzazioni)

Epiteli semplici  maggiore assorbimento e secrezione


o Pavimentoso: alveoli polmonari, endoteli e mesoteli (trasporto attivo o passivo)
o Cubico: dotti collettori del rene, cellule rivestimento di dotti ghiandolari (secrezione,
trasporto, assorbimento)
o Colonnare: polarità, dallo stomaco al retto (secrezione, trasporto, assorbimento)
o Può essere ciliato (piccoli bronchi)
o Pseudostratificato  tutte le cellule poggiano sulla membrana basale ma hanno diverse
altezze (uretra maschile, epididimo, grossi dotti escretori; cigliato  trachea e bronchi
principali)

Epiteli stratificati protezione


o Cheratinizzato (epidermide) o non cheratinizzato (mucose  bocca, faringe, esofago, retto,
vagina)
o Tipo indicato dalla morfologia degli ultimi strati
o Resistente  nei siti sottoposti ad abrasione (lingua, esofago, epidermide)
o Epidermide
o Strato corneo  involucro cellulare corneificato, cellule morte, protezione da agenti
chimici e meccanici
o Strato lucido  cellule acidofile, prive di nucleo e di organuli
o Strato granuloso  cellule appiattite
o Strato spinoso  desmosomi con integrine presenti in ponti citoplasmatici
o Strato basale  strato germinativo
o Cheratinociti (ectoderma)  cheratinizzazione
o Melanociti (creste neurali)  melanina, nello stato più profondo, protezione contro
i danni da UV
o Cellule di Langerhans (midollo osseo)  risposta immunitaria
o Cellule di Merkel  meccanorecettori
o Epitelio cubico e colonnare stratificato

Epitelio di transizione  epitelio vescica


o Vescica vuota  cellule basali, clavate e cupoliformi
o Vescica piena  epitelio si assottiglia

Citoscheletro  ricco di filamenti intermedi, microfilamenti di actina e microtubuli


Polarità  morfologica e funzionale (microvilli, ciglia e stereociglia; complessi giunzionali;
membrana basale)

Specializzazioni:
o Microvilli  incremento di superficie di assorbimento, scheletro di actina
o Ciglia  mobilizzazione dei fluidi superficiali o movimento cellulare, microtubuli
o Stereociglia (immobili, aumento superficie)  nell'epididimo
o Superficie intercellulare
o Giunzioni occludenti (claudine e occludine)  saldatura e cooperazione metabolica,
non lasciano spazio tra le membrane, banda intorno all'interna cellula, funzione di difesa
(non permette passaggio di molecole), proteine che si fondono tra di loro
o Giunzioni aderenti (caderina, vinculina, a-actinina)  proteine di ancoraggio
intracellulare e proteine di adesione transmembrana
o Desmosomi  bottoni di saldatura sparsi, connessi ai filamenti intermedi
o Giunzioni comunicanti
o Giunzione serrata (gap junction)  cellule comunicano mediante canali proteici di
collegamento
o Superficie basale  emidesmosomi per legame con la lamina basale
 
Glicocalice  enzimi che favoriscono la digestione e assorbimento, protezione
 
 
Membrana basale
o Zona acellulata, struttura di sostegno, regola scambi tra i due tessuti
o Lamina basale  lamina lucida (glicoproteine, integrine, proteoglicani) + lamina densa
(glicoproteine, proteoglicani, collagene IV). Prodotta delle cellule epiteliali
o Lamina reticolare  fibre collagene I e II
Ghiandole
 
 Origine embriologica
 Sono formate da un parenchima di cellule secernenti e da tessuti di supporto (stroma)

Ghiandole esocrine:
 Secrezioni riversate all'interno di un organo cavo o all'esterno
 Agiscono localmente
 Numero di cellule
o Unicellulari cellule caliciformi
o Pluricellulari
 Intraparietali
 Extraepiteliali
 Extraparietali fegato, pancreas
 Forma e ramificazione delle cavità secernenti
o Gh. Tubulari semplici
o Gh. Tubulo glomerulare
o Gh. Tubulare ramificata
o Gh. Acinosa semplice
o Gh. Acinosa ramificata
o Gh. Tubulare composta
o Gh. Acinosa composta
o Gh. Tubulo-acinosa composta
 Ramificazione dei dotti
o Semplici  una o più cavità connesse alla superficie dell'epitelio o direttamente o
per mezzo di un dotto non ramificato
o Ramificate  solo dotto escretore cui fanno capo due o più adenomeri
o Composte  dotto escretore principale si ramifica in condotti sempre più piccoli
 Secrezione
o Olocrine (tutta la cellula)
o Merocrine (sono secreto)
 Mucose  mucina (secreto viscoso)
 Sierose  secreto acquoso contenente enzimi
 Miste  es. ghiandole salivari
o Apocrine (parte apicale del citoplasma)

Ghiandole endocrine:
 Non possiedono dotti escretori
 Sono formati da raggruppamenti cellulari riccamente vascolarizzati
 Elaborano ormoni
o Liberati nel sangue appena prodotti
o Immagazzinati nelle cellule o in cavità chiuse
o Riconoscono gli organi bersaglio legandosi a specifici recettori
o Possono essere proteici (solubili in acqua, si legano a recettori sulle membrane
plasmatiche e agiscono tramite secondi messaggeri) oppure steroidei/tiroidei (solubili
nei lipidi, passano attraverso la membrana plasmatica e agiscono nel nucleo)
o Azione
 Endocrina cellula bersaglio anche distante
 Paracrina cellule vicine
 Autocrina  agisce sulla cellula che lo produce
 Classificazione
o A cordoni solidi ipofisi, paratiroidi, surrene, epifisi
o A isolotti pancreas endocrino
o Interstiziali
o A follicoli chiusi tiroide
 Meccanismi di controllo
o A feedback negativo la produzione dell'ormone inibisce i meccanismi che ne
promuovono ulteriore rilascio
o A feedback positivi stimoli che favoriscono il rilascio dell'ormone

Ipofisi o ghiandola pitutaria


 Ghiandola a cordoni
 Adenoipofisi
o Colore rossastro
o Pars distalis, pars intermedia e pars tuberalis
o Sintetizza ormoni che regolano attività di altre ghiandole endocrine
o Cellule acidofile
 Somatotrope STH
 Mammotrope luteotropo (LTH) o prolattina (PRL)
o Basofile
 Gonadotrope FSH e LH
 Tireotrope TSH
 Corticotrope ACTH
o Cromofobe
 Senza attività secretoria
 Neuroipofisi
o Colore grigiastro
o Eminenza mediana, pars nervosa e peduncolo
o Pituiciti elementi gliali di tipo protoplasmatico
o Lunghe fibre nervose i cui corpi cellulari sono situati nell'ipotalamo e sintetizzano
neurosecreti che fluiscono poi negli assoni e vengono riversati direttamente nei capillari
sanguigni
o Corpi di Herring accumuli di materiali neurosecretorio addensati
o Ossitocina
o Vasopressina (ADH)

Paratiroidi
 Accanto alla tiroide, sono 4
 Cellule principali
o Paratormone concentrazione calcio nel sangue
o Controllo a feedback negativo dalla calcemia
 Ossifile

Surrene
 Sul polo superiore dei reni
 Capsula connettivale
 Riccamente vascolarizzate
 In due parti
o Corticale
 Glomerulare mineralcorticoidi (aldosterone)
 Regolano il bilancio Na+/K+ agendo a livello del tubulo renale
 Gruppi di cellule con grandi nuclei e densi disposti in gruppi e
cordoni
 Abbondante RE
 Fascicolata glucocorticoidi (cortisolo)
 Regolano il metabolismo del glucosio
 Cellule chiare organizzate in fasci
 Citoplasma ricco di gocce lipidiche
 RE e mitocondri sferici
 Reticolare androgeni
 Cordoni di cellule che formano una rete
 Granuli di lipofuscina
o Midollare
 Cellule cromaffini
 Adrenalina e noradrenalina
 Controllo sistema nervoso parasimpatico
 In situazioni di stress, adrenalina prepara alla "fuga"

Epifisi
 Pinealociti
o Di notte melatonina
o Di giorno serotonina
 Cellule interstiziali

Pancreas endocrino
 Isolotti del Langherhans
 4 tipi di cellule
o Cellule α β glucagone e insulina
o Cellule delta somatostatina
o Cellule F o PP

Tiroide
 Organizzazione a follicoli
 Epitelio cubico semplice che circonda cavità occupata dalla colloide
 Capsula di tessuto connettivo denso e irregolare  setti che dividono il parenchima in lobuli
 Tireociti
o Captazione iodio
o Sintesi e secrezione di tireoglobulina  si raccoglie sotto forma di colloide nella
cavità
o Demolizione della tireoglobulina
 T3 o triiodotironina
 T4 o tiroxina
o Controllo stimolazione da parte dei TSH
 Cellule parafollicolari
o Tireocalcitonina  abbassamento della calcemia, aumento deposito di calcio nelle
ossa
o Meccanismo a feedback con ormone paratiroideo

Potrebbero piacerti anche