Sei sulla pagina 1di 9

Esercizi di Analisi Matematica 2

27 luglio 2009

Osservazioni

Gli esercizi contrassegnati con un pallino sono dotati di figura. Le figure della terza funzione dell’esercizio 5 del foglio Ese 1/6 si chiama VI5-3.fow oppure VI5-C.fow All’interno di un esercizio le funzioni si numerano nel normale ordine di lettura.

Questi esercizi sono stati preparati con in mente corsi dalla strut- tura che e’ variata nel tempo. Gli esercizi che NON riguardano l’attuale programma di Analisi Matematica 2 sono i seguenti:

1/D, esercizi 1-5

2/D, esercizi 1-13

3/D, esercizi 1-3

4/D, esercizi 1-3

Questi esercizi costituiscono un utile ripasso degli argomenti studiati nei corsi di geometria.

1

Esercizi 8/D

Come al solito, il segno indica che l’esercizio `e accompagnato da figure. Il segno ( ) indica gli esercizi pi`u complessi.

1. Scrivere in forma di sistema le equazioni seguenti:

x

x

x

(3)

(4)

(3)

+

+ x 3x = e t

+

x x 2

+ sin x = cos t

xx = 0 .

2. Si sa che x(t) ed y(t) risolvono i problemi di Cauchy seguenti, con istante iniziale t 0 , e che v(t) = H(x(t), y(t)) (la funzione H(x, y) `e specificata sotto). Calcolare v (t 0 ).

3. Sia

x y

=

=

3x

x

2

x y

x y

=

3x y 2

=

x 2

=

=

x xy y

x(t 0 ) =

2 ,

y(t 0 ) =

0 ,

H(x, y) = e xy

x(t 0 ) =

0 ,

y(t 0 ) =

1 ,

H(x, y) = x 2 y 2

x(t 0 )

=

0 ,

y(t 0 ) = 1

,

H(x, y) = y sin(x y)

x + 2tx + 3x = 0

e sia

y(t) = x(t 1) .

Trovare l’equazione differenziale risolta da y(t) . Si ripeta quest’esercizio nei casi seguenti:

x = 3t 2 x + 1 + x 2

y(t) =

x(t 1)

x = 3e t x + 1 + e x

y(t) =

x(t + 3)

x =

3x + 1 + e x

y(t) =

x(t 3)

4. Sia

x = x + 1 + x 2

x = 3x y

33

y(t) = x(t + 4) .

y = x + y

e sia

ξ(t) = x(2t) ,

η(t) = y(t) .

Trovare le equazioni differenziali risolte da ξ ed η.

Si ripeta nei seguenti casi

x = 3xy

y = x

ξ(t) = x(3t)

η(t) = y(2t)

x = 3x y

y = x 2

ξ(t) = x(3t)

η(t) = y(3t)

x = 3y x

t = tx 2

ξ(t) = x(3t)

η(t) = y(3t) .

5. Sia x(t) = r(t) cos(θ(t)), y(t) = r(t) sin(θ(t)). Si sa che x(t) ed y(t) risolvono

i sistemi seguenti. Trovare i sistemi risolti da r(t) e θ(t):

x =

=

y

2y

x

6. Sia y soluzione di

x

y

=

=

2y(x 2 + y 2 ) x(x 2 + y 2 ) .

t 2 y 4ty + 6y = 0

e sia

η(t) = y(e t ) .

Trovare l’equazione differenziale risolta da η(t) e quindi trovare tutte le soluzioni y(t), t > 0.

7. Sia y(t) soluzione di

y = y + ty 2 ,

y(0) = 2 .

Trovare l’equazione differenziale risolta da

η(t) = 1/y(t)

e quindi determinare la funzione y(t).

8. Trovare le soluzioni in forma y = y(x) dei sistemi seguenti, individuando gli insiemi del piano (x, y) ove la procedure `e lecita.

x = y y = x

x = y = x

x + y

34

x = xy y = x/y .

9. Risolvere il problema

nei casi seguenti:

x = Ax ,

A =

1

1

1

1

A =

1

1

1

3

x(1) = x 0

x 0 =

x 0 =

1

3

1

3

10. Dire in quali punti non pu`o applicarsi il teorema di Cauchy per l’esistenza e unicit`a di soluzione, per le seguenti equazioni scalari del primo ordine:

 

y = |t|

y =

|y|

y = t|t|

y = y|y|

( )

y =

[sgn x] e y x 1

( )

y = [sgny] [e yx 1] .

11. Dire in quali punti non pu`o applicarsi il teorema di Cauchy per l’esistenza e unicit`a di soluzione, per i seguenti sistemi del primo ordine:

x = x|x| y = |y|y

x = y|x|

|y|x

y =

x = |x| 2

.

y = |y|

12. Disegnare i campi vettoriali delle equazioni differenziali seguenti e dedurne il comportamento qualitativo di alcune orbite:

x =

x = 1

x = 1

1

10 x(2 y)

y =

y =

y =

2y + 1 4e x/5

2y + 1 4e x 2 /10

10 1 y(x 3)

13. Disegnare campo il vettoriale F(x, y) = f (x, y)i + g(x, y)j e le isocline quando il sistema di equazioni differenziali `e

con

x = f (x, y)

y = g(x, y)

f (x, y)

y

yx

3xy

g(x, y)

2x

y

2xy

35

14. Disegnare campo il vettoriale F(x, y) = f (x, y)i + g(x, y)j e le isocline quando il sistema di equazioni differenziali `e quello ottenuto, introducendo y = x , dalle equazioni del second’ordine seguenti:

x = x ,

x = sin x ,

x = sin x x .

15. Nei casi dei due esercizi precedenti, scrivere il campo vettoriale ortogonale ad F(x, y) e le equazioni differenziali delle orbite di tale campo.

16. Verificare che esistono e calcolare gli integrali primi dei sistemi seguenti

x = y/5

y =

x/5

x = y/5

y =

4x

x = x

x = y cos x 2 +y 2

2

y = y

y = x cos x 2 + y 2

2

17. Individuare tra i seguenti i sistemi che sono hamiltoniani e per essi calcolare un integrale primo.

x y

x y

=

=

=

=

x/y 2

1/y ,

sin y cos x ,

,

x y

x y

=

=

=

=

x

x

,

cos x y sin x ,

,

x =

xe y

y = e y ,

x y

=

y cos y

=

x {y sin y cos y} .

18. Calcolare potenziale ed energia totale dei sistemi seguenti

2x = x 2 ,

3x = x 3 ,

x = x log x ,

2x = xe x

,

4x = sin x ,

2x = cos x .

19. Usando il Teorema di Lagrange, si studi la stabilit`a della posizione di equilibrio (0, 0) dei sistemi seguenti:

x = y

y =

x

x = y

y =

x 3

x =

y

y =

sin x

x = y

x = y

y = x 3 + x 4

1

y = 2 x +

36

1

3 x 2

20. Studiare la stabilit`a della posizione di equilibrio (0, 0) dei sistemi seguen- ti, eventualmente al variare del parametro α. Non `e richiesto di trovare esplicitamente la soluzione dei sistemi.

x

y

x y

x

y

=

=

=

=

=

=

2x 4y x + y ,

x + 5y x 3y ,

αx + αy x + y ,

x

y

x

y

x

y

=

=

=

=

=

=

2x + y 3x + 4y ,

x 2y x 4y ,

αx + 2y (α + 1)x + 3y ,

x y

x

y

x

y

=

x y

=

y 4x ,

=

y

=

3x ,

=

2αx + 2αy

=

αx + 3y .

21. Se possibile, studiare la stabilit`a di (0, 0) nel caso dei sistemi seguenti, usando il teorema relativo alla stabilit`a in prima approssimazione.

x y

=

=

2x + y 6x y 2 .

x 2 y x y .

2x + 1 cos y 6x sin(x 2 y 2 ) ,

y

x

y

=

=

=

=

x

2

x

y

x

y

x

y

=

=

=

=

=

=

4x 2y y + xy .

y x + x 2 .

x 2 y 2 sin x

sin y

,

x

y

x

y

x

y

=

x 2 y 2

=

2xy .

=

y

=

x y (x 2 + y 2 ) ,

=

y tan x

=

y

+ (sin x)(cos y) .

22. Mostrare che in un intorno dell’origine non esistono integrali primi per i

seguenti sistemi (tracciare prima le

x y

=

=

x

y .

x

y

=

=

y 5x 2y .

):

x y

=

=

2x + 1 2 y 2x 2y .

− 2 x + 1 2 y 2 x − 2 y .

23. Mostrare che in un intorno dell’origine non esistono integrali primi per i

seguenti sistemi (usare il teorema di stabilit`a in prima approssimazione

):

x y

=

=

x 2 + 2xy + sin x 3y 5xy .

x 2 + 2 xy + sin x − 3 y − 5 xy .

x

y

=

=

x + e y 1 e xy 1 .

x

y

=

=

1 + x e y 1 e xy .

24. Passando a coordinate polari, per ciascuno dei seguenti sistemi; -si traccino le orbite, indicando come sono percorse; -si dederminino le orbite periodiche e il loro periodo; - si dica quali condizioni iniziali danno luogo a soluzioni (massimali) definite

37

t 0, oppure t 0, o ancora t R; –si studi la stabilit`a della soluzione nulla e il suo bacino di attrazione.

x

y

x

y

=

=

=

=

y + x(1 x 2 + y 2 )

x + y(1 x 2 + y 2 ) ,

x 3 + xy 2 x y

y 3 + x 2 y + x y ,

x =

y =

x =

y =

y + x(4 x 2 y 2 ) x + y(4 x 2 y 2 ) ,

x 3 + xy 2 x + y y 3 + x 2 y x y .

25. Si traccino le orbire dei sistemi che si ottengono linearizzando quelli dati nell’esercizio precedente. Confrontare i risultati con quelli ottenuti sopra.

26. Tracciare le orbite dei seguenti sistemi, indicando come vengono percorse

(trovare precedentemente un integrale

x = y =

x

e

ye

x .

x =

=

y

y x 2 y y 3

x 2 + y 2 1

.

).

x =

y

=

2x 2 y x(y 2 + 1) .

27. Le figure riportano le orbite dei seguenti sistemi. Precisare come vengono percorse.

Si verifichi la correttezza delle orbite proposte, calcolando per ciascun sistema un integrale primo.

x =

y =

y(x 2 y 2 ) y 2 ) 4(x 1)(x 2

x =

y

.

xy + y 2 xy . x 2 +

=

x =

=

y

x =

=

y

x xy

y + y 2 ,

x + + y 4x 3 y ,

4x 4

x = y =

x =

y =

x =

=

y

2x x 3 xy 2

2y y 3 x 2 y ,

2x 2 + xy x 2 2xy .

28. Determinare le orbite periodiche dei seguenti sistemi

x =

=

y

x =

y

=

y(1 xy) x(1 xy) .

e y (x y) e y (x + y) .

x =

=

y

29. ( ) Dato il sistema

x = y(x y + α)

2y(x 2 y) 8x(x 2 y) .

x =

y

=

y = x(x y + α)

2x 2 + xy x 2 2xy .

(a) determinare per quali valori del parametro reale α esiste almeno una soluzione periodica non costante;

38

(b)

posto α = 2, si consideri la soluzione (x(t), y(t)) tale che lim t+ x(t) =

1.

Calcolare lim t (x(t),

y(t)).

(c)

posto α = 1, determinare le eventuali soluzioni che ammettono lo stesso limite (x 0 , y 0 ) R 2 sia per t +, sia per t → −∞, e determinare il punto (x 0 , y 0 );

30.

31.

32.

Per ciascuna delle seguenti propriet`a, produrre un esempio di un sistema lineare omogeneo 2 × 2 che la soddisfi:

–la matrice dei coefficienti non `e diagonalizzabile; –il sistema ammette la soluzione x(t) = e t , y(t) = e t ; –la matrice dei coefficienti ha l’autovalore λ = 3 + 2i; –tutte le soluzioni sono limitate sia in passato, sia in futuro e esistono solu- zioni non costanti; –il sistema ha una soluzione non costante con sostegno contenuto nell’ellisse

di equazione x 2 + 4y 2 = 1;

–il sistema ha infiniti punti critici sulla retta di equazione x + 2y = 0 e almeno una soluzione non costante, –il sistema ha tre punti critici non allineati; –il sistema `e equivalente ad un’equazione del secondo ordine; –il sistema non `e equivalente ad un’equazione del secondo ordine; –il sistema ha esattamente una soluzione limitata in futuro; –esistono soluzioni non costanti che tendono a zero per t +e altre che sono illimitate per t +; – ( ) il sistema ammette una soluzione non costante con sostegno contenuto nella parabola di equazione x y 2 = 2.

Si consideri la soluzione (x(t), y(t)) del sistema

x =

=

y

e y 1 2x ,

soddisfacente x(0) = 1, y(0) = 0. Mostrare che il suo sostegno, in un intorno

di (1, 0), coincide con il grafico di una funzione y = φ(x). Calcolare φ(1),

φ (1), ( ) φ (1).

Si consideri la soluzione (x(t), y(t)) del sistema

x =

=

y

sin x 2ye x y(ye x cos x) ,

soddisfacente x(0) = 0, y(0) = 2. Mostrare che il suo sostegno, in un intotorno di (0, 2), coincide con il grafico di una funzione x = φ(y). Calcolare φ(2), φ (2), ( ) φ (2).

39

33. ( ) Dato il sistema

x

y

=

(1 + y 2 ) log(2 + cos(πx))

=

x 2

+ y 2 ,

(a)

si determini la soluzione del problema di Cauchy con dato iniziale (1, 1);

(b)

mostrare che se (x(t), y(t)) `e una soluzione del sistema, con t in un intervallo I R, allora si ha |x(t) x(t )| < 2, t, t R.

34. Dato il sistema

x

y

=

=

y x n ,

dederminare gli interi n 0 per cui tutte le soluzioni sono periodiche.

35. Dati i seguenti sistemi, si studi la stabilit`a della soluzione nulla (siccome il teorema di stabilit`a in prima approssimazione non `e applicabile (perch´e?) conviene trovare un integrale primo, e usare la definizione di stabilit`a)

x y

=

=

sin(2y)

2x ,

x

y

=

=

sin(2y) 4x 3 ,

− sin(2 y ) 4 x 3 ,

36. calcolare tutte le soluzioni dei sistemi seguenti:

x =

x + 2y + e

t

y = 2x + y + 1 ,

x = x + 2y + 2e 3t , y = 2x + y + 4e 3t

40

x = y =

x =

x + 2y + e 3t 2x + y e 3t ,

x + 4y + e 3t

y = x + 3y 1 ,