Sei sulla pagina 1di 45

Psicologia musicale

Musica

Psicologia

Psicologia della
musica
Psicologia della musica

Oggetto di studio Metodi di ricerca

Comportamento umano in rapporto alla Due principali tipologie:


musica:
-La percezione musicale: -Metodo descrittivo-osservativo
meccanismi di organizzazione degli
stimoli sonori, consonanza e -Metodo sperimentale
dissonanza,, psicoacustica ecc.
-Apprendimento musicale In funzione dell’ambito di ricerca a cui
memoria musicale, esecuzione vanno applicati
-Psicologia genetica della musica:
abilità musicali in rapporto alle fasi
dell’età evolutiva
-Linguaggio verbale e linguaggio
musicale: analogie e differenze

-Composizione ed esecuzione

-Rapporto mente/cervello in musica


3
Possibile schematizzazione
degli ambiti di ricerca

Psicologia della musica

Ambito
Ambito percettivo
dell’apprendimento
In senso
Acustica e Percezione
Adulto genetico
psicoacustica musicale
evolutivo
Ambito produttivo

Esecuzione Composizione

4
Musica

Spunti di riflessione

Perché la musica?
Che cosa è?
La musica e l’uomo
L’apprendimento musicale
La musica e il tempo
Musica e comunicazione
E se non ci fosse?
Psicologia

Che cosa significa?


Che cosa è?
Che cosa studia?
Siamo tutti psicologi?
Quali sono le origini?
Quali sono i principali
orientamenti?
Psicologia

Oggetto di studio Metodi di ricerca

Comportamento umano e processi tipologie:


mentali:
-L’apprendimento: -Metodo descrittivo-osservativo
-Il comportamentismo:
condizionamento classico e -Metodo sperimentale
condizionamento operante. concetto di variabile dipendente e di
-Sistemi di memoria variabile indipendente
-Teorie cognitive
-Teorie dell’età evolutiva -Studi correlazionali
-Sensazione e percezione:
Meccanismi di base, la teoria della
Gestalt. Psicofisica
-Pensiero

-Linguaggio

-Emozioni
7
Possibile schematizzazione
degli ambiti di ricerca

Psicologia generale

Psicofisica Comportamentismo

Ambito
Ambito percettivo
dell’apprendimento
Sensazione e Studi sulla
percezione memoria
Teoria della Teorie
Gestalt cognitive
Il linguaggio

Produzione Lettura e scrittura

Emozione e
Pensiero
motivazione

8
Apprendimento

L’apprendimento

Comportamentismo Teorie cognitive

Modello di condizionamento secondo lo schema S→R


(stimolo risposta)
-Il comportamento è frutto di una autonoma
-Il comportamento è solo frutto di apprendimento e di rappresentazione mentale e non solo una risposta ad
risposta ad uno stimolo. (Concezione empirista) uno stimolo

-Alla nascita l’individuo è una tabula rasa -Alla nascita l’individuo è già in possesso di schemi e
funzioni mentali (Concezione innatista)
-Non esistono schemi mentali innati
-Non esiste pianificazione del comportamento -Esistono schemi mentali innati
-Il comportamento è pianificato e non è solo frutto di
L’oggetto di studio è volutamente rivolto al processi associativi.
comportamento osservabile, misurabile e ripetibile
nelle medesime condizioni. Ciò che avviene tra S e R L’oggetto di studio sono i processi di rappresentazione
(elaborazioni mentali e quant’altro) non interessava la e rielaborazione mentale. Molto spesso si fa ricorso alla
scuola comportamentista che definiva la mente come metafora computazionale. Gli studi sulla memoria
una black box costituiscono i primi esempi di questo approccio.
9
Psicologia
della musica

Perché la psicologia della


musica?
Che cosa studia?
Che cosa è un’immagine
sonora?
Suono, rumore e musica
Il problema del tempo: un
paradosso?
Ambito percettivo

Analogie con Analogie con


Psicologia
la percezione la percezione
della Gestalt
sonora musicale

Psicoacustica

11
Percezione

Visiva Sonoro/musicale

Leggi gestaltiche,
funzione trasversale
sulle diverse modalità di
percezione ed
organizzazione mentale

Statica Dinamica
Necessità di
rappresentazioni
mentali

Immagini sonore

12
Musica e linguaggio
Musica Linguaggio
Sintassi Sintassi

Sistemi finiti Sistemi finiti


Condividono
elementi comuni
Strutture Strutture
infinite infinite

Aspetti Aspetti
semantici semantici
Significati ma anche notevoli Significati
indeterminati differenze determinati

Dipendenti indipendenti
dal codice dal codice

13
Primitivi poiché costituiscono il
Meccanismi
fondamento per organizzare “primitivi”
senza sforzo l’ambiente
acustico in cui siamo immersi di raggruppamento 1

Parametro metrico

Parametro dinamico

Ambiguità parametro
dinamico/metrico
in “fase” non in “fase” ambiguità

Parametro altezza

Parametro melodico
Ambiguità parametro
melodico/ritmico

Principio del
ambiguità
destino comune in “fase” non in “fase”

14
Meccanismi
“primitivi”
di raggruppamento 2

Continuità di direzione
rispetto alla
provenienza Segnale inviato

Segnale percepito

Continuità di direzione
rispetto al
profilo melodico

Rachmaninov suite per 2 pf op. 17

Chaikovskji, Sinfonia n° 6 Da: John Sloboda, La mente musicale


15 continua…
Continuità di direzione Chaikovskji, Sinfonia n°6
rispetto al
profilo melodico

16
Meccanismi di raggruppamento 3

Continuità di direzione
rispetto al
profilo melodico
Bach, Il clavicembalo ben temperatoLibro 2 Preludio 8
Da: John Sloboda, La mente musicale

Analogie con la
percezione visiva

17
Ambiguità parametro
melodico/ritmico

18
Ambiguità parametro
melodico/ritmico

19
Ambiguità parametro
melodico/ritmico

20
Beethoven op. 14 n. 2

21
22
23
24
Musica e linguaggio
Ulteriori differenze

Musica Linguaggio

Si può articolare su
Si articola su una
diverse dimensioni
dimensione unica
contemporaneamente
Possibilità di
raggruppamenti
ambigui

25
“Livelli” di
percezione Ascolto musicale
Acustico Ritmico Problematiche generali
Melodico Armonico

Sistema
psicomotorio
Sistemi cognitivi Aspetti emotivi
coinvolti Aspetti semantici

Il significato della
Percettivo/uditivo Memoria Segni e simboli
musica
Capacità
analitiche

Strutturazione
del tempo

26
Schema della comunicazione
verbale

Emittente Messaggio Destinatario

Schema della comunicazione


musicale

Compositore Opera Fruitore

27
Didattica dell’ascolto musicale

Ascolto Rielaborazione
Analisi
interpretazione creativa

28
Da Francois Delalande

Condotte musicali

ESPLORAZIONE ESPRESSIONE ORGANIZZAZIONE

Gioco Gioco di
sensomotorio regole

Gioco
simbolico
Condotte Condotte
narrative descrittive
Condotte
emotive

29
Percezione della polifonia 1

voce 1

voce 2

voce 3

voce 1

voce 2

voce 3

Da: John Sloboda, La mente musicale


Attenzione selettiva

30
…altri
meccanismi di
raggruppamento

Memoria
Attenzione
musicale

Attenzione Attenzione Diversi livelli di


selettiva globale memorizzazione

Figura Sfondo

Percezione
della polifonia

31
Esempio di decodifica

Seocndo uon stiduo di uan univretisà


inlegse l‘oridne dlele letetre all‘intreno di
uan praola nno è improtatne, ciò ceh
improta è al pirma e l‘utliam letetra. Il
retso nno improta motlo in qulael oridne
si trvoa, lo leeggrai comnuque sezna
prbloema.
Sistema cognitivo della memoria

La memoria è sistema unitario della


mente?
Oppure esistono dei sistemi di
memorie tra loro relativamente
indipendenti?

Reiterazione

Memoria a Memoria a
Registro
breve lungo
sensoriale
termine termine

Visivo Uditivo

Perdita di informazione Perdita di informazione


per decadimento e/o per decadimento e/o
interferenza interferenza

33
Il ricordo

Nel ricordo si possono distinguere


tre aspetti

-codifica
acquisizione
dell’informazione
-ritenzione
mantenimento in memoria
-recupero
riportarla allo stato attivo

Nel ricordo entrano in


gioco diversi sistemi di
memoria:
-semantica
-episodica
-visiva
-uditiva
-procedurale
-verbale
-autobiografica

34
Memoria a lungo termine

Esplicita Implicita

Memoria Memoria non


dichiarativa dichiarativa

Memoria Memoria Memoria Condizionamento


episodica semantica procedurale classico

Esperienze Conoscenze Risposte


Abilità
personali generali condizionate

35
Accesso al ricordo

Bartlett ha dimostrato che nel rievocare una


storia contenente informazioni relative a un
contesto culturale diverso da quello dei soggetti
dello studio, questi tendevano a dimenticare o a
modificare gli elementi insoliti sostituendoli con
altri a loro più familiari.

L’accesso al ricordo è quindi sempre


un’operazione di ricostruzione e ri-creazione
degli eventi. Tale ricostruzione è fortemente
influenzata dagli schemi cognitivi e dalle
conoscenze pregresse del soggetto come
testimoniano altri studi analoghi

36
[…] ricordare la musica
non è affatto un ricordare
nella comune accezione
del termine […]
Oliver Sachs, Musicofilia

Memoria musicale

Livello Livello Livello


uditivo sensomotorio cognitivo
Organizzazione e
Parametri rappresentazione
Meccanismi
psicoacustici gerarchica delle
procedurali
strutture
tipo di inviluppo,
durata, intensità,
altezza ecc.

“Livelli” di
memoria
Acustico Ritmico
Melodico Armonico 37
Memoria musicale

Livello
cognitivo

Organizzazione per
raggruppamenti
significativi

38
Esecuzione musicale
problematiche generali
relazioni con il
cosa si codice
intende? prosodico?
esistono quali sono gli
aspetti aspetti
universali? soggettivi?

Esaminiamo la frase:
Esecuzione e Mi piace molto suonare il
percezione pianoforte.
Lettura a prima
vista differenze Utilizziamola prima come
musica/linguaggio affermazione e poi per
Livelli di
raggruppamento rispondere a queste domande:
1. Ti piace suonare il pianoforte
o il violino?
2. Ti piace molto o poco
Gerarchie suonare il pianoforte?
strutturali Come cambia l’intonazione?

Coerenza
esecutiva
Quali parametri a
disposizione
Emozioni dell’esecutore? Quali criteri di
attesa e inconscio secondo
L. Meyer giudizio?
39
Esecuzione
musicale
Abilità-competenze

Psicomotorie Percettive

Cognitive

-Coordinamento -Immagini sonore a


motorio: controllo livello di altezza, di
dinamico, timbro ecc.
indipendenza delle -Rappresentazioni e
mani, dei piedi -Mappe concettuali, raggruppamenti a
-Memoria implicita, capacità di organizzare diversi livelli di
procedurale l’apprendimento e complessità (dai singoli
l’esecuzione eventi fino ad insiemi
-Strutturare il tempo più estesi)
-Decodificare le
procedure compositive
ecc.

40
Memoria
ed esecuzione
musicale Cognitiva,
Muscolare,
esplicita
procedurale,
episodica
emotiva
semantica

Da Oliver Sacks
[…] Gran parte dello sviluppo Da Oliver Sacks
motorio precoce del bambino …eppure […] se ci
dipende dall’apprendimento e dal concentriamo troppo
perfezionamento di tali procedure consapevolmente su ciascuna
attraverso il gioco, l’imitazione, i nota o ciascun passo, può
tentativi e gli errori e la continua andare a finire che perdiamo il
ripetizione. filo, la melodia motoria. […]
ricordare la musica non è affatto
Da Oliver Sacks un ricordare nella comune
Lo sviluppo di tutte queste attività accezione del termine
comincia molto prima che il
bambino possa fare appello a una
qualsiasi forma di memoria
esplicita o episodica
41
Memoria
nell’esecuzione
musicale

Cognitiva,
Muscolare,
esplicita
procedurale,
episodica
emotiva
semantica
Necessità di
rappresentazioni
multiple

Da Zatorre e Halpern: studi sul flusso ematico cerebrale regionale


[…] la simulazione mentale dei movimenti attiva alcune delle stesse strutture neurali centrali
necessarie all’effettiva esecuzione dei movimenti. Così facendo, l’esercizio mentale sembra sufficiente
da solo a promuovere la modulazione dei circuiti neurali implicati nei primi stadi dell’apprendimento di
un’abilità motoria. Tale modulazione non soltanto dà luogo ad un netto miglioramento dell’esecuzione,
ma sembra anche favorire, nel soggetto, l’apprendimento di ulteriori abilità con un esercizio fisico
minimo. La combinazione di esercizio mentale e di esercizio fisico porta ad un miglioramento
dell’esecuzione più marcato di quello che si otterrebbe solo con il secondo: un fenomeno del quale i
nostri risultati offrono una spiegazione fisiologica

42
Consonanza e
dissonanza

Aspetti musicali e
Aspetti psicofisici
storico/culturali

Come è facile intuire la definizione e assai problematica e deve tener conto oltre che di variabili
ovviamente soggettive (gradevolezza sgradevolezza fastidio) anche di variabili quali:
-suoni armonici in comune e/o in rapporto non armonico (dissonante?) tra le fondamentali che
costituiscono l’aggregato (battimenti, banda critica ecc);
-lo spettro
-il contesto riferito alla struttura del brano e all’epoca storica;
-il contesto culturale e gli aspetti cognitivi
-il problema natura cultura

Concezioni a confronto

Hermann von Helmholtz Arnold Schönberg


(1863) (1909)

51
Concezione di
Helmholtz

Il fenomeno dei battimenti tra le parziali armoniche più gravi sarebbe la principale causa del disturbil dell’accordo. Al crescere della frequenza dei
battimenti (tra 20 e 30 hz circa) il sistema percettivo tende a fonderli e da questo deriverebbe una iniziale sensazione di “asprezza” che gradualmente
tende a scomparire man mano che ci si avvicina a frequenze di differenza tra i 100 e i 200 hz (Helmholtz dà come limite 132 hz)

0 20/30 100/200
Battimenti 3° Suono 3°Suono
Sensazione Sensazione Sensazione
gradevole o sgradevole gradevole
neutra

Banda critica

52
Concezione di
Helmholtz

Esempio

Nella quarta aumentata do-fa# le due note non hanno


Nella quinta perfetta do-sol le due note hanno diversi armonici
armonici in comune, ma diversi di essi
in comune,ma nessuna situazione di prossimità
sono abbastanza vicini da causare
delle parziali che possa indurre la generazione di battimenti
una notevole generazione di battimenti.

53