Sei sulla pagina 1di 1

SABATO — 27 NOVEMBRE 2021 – IL RESTO DEL CARLINO 27 ••

URBINO E MONTEFELTRO

Urbino è sulle tracce dei primi uomini europei


Proseguono le attività scientifiche nella “Grotta dei Teschi“ in Macedonia. Nuove indagini stanno aprendo scenari imprevedibili

URBINO La portata
scientifica della
missione
Nuovi sviluppi dalla collabora- dell’Università di
zione dell’Università di Urbino Urbino è notevle:
con la Repubblica di Macedonia dopo la scoperta
del Nord, attiva dal 2016 quan- della reale età dei
do venne eseguita una delicata teschi rinvenuti in
e complicata datazione dei resti una grotta
umani rinvenuti nella cosiddet- (risalenti
all’epoca
ta “Grotta dei Teschi“.
dell’Impero
Riaperti i confini, il lavoro pro-
Romano), ora
segue con il compito di datare l’indagine si va
esattamente la grotta. A questo approfondendo in
scopo, dopo la misurazione dei campo genetico.
campioni recuperati nel 2019, In ballo ci sono i
Michele Betti e Luca Lanci (un percorsi dei primi
biologo e un paleomagnetista) popoli europei.
si sono recati nei giorni scorsi in A lato, Michele
Macedonia per approfondire i Betti e Luca Lanci
loro studi. «Abbiamo ricevuto
un’accoglienza straordinaria da-
gli abitanti e dalle istituzioni di
Vrutok, la cittadina macedone
vicina alla Grotta» racconta Mi-
chele Betti «in particolare da Je-
ton Osmani, responsabile della
associazione Speleo Korabi che
ci ha accompagnato e aiutato
nonostante le condizioni meteo
avverse incontrate».
Che attività avete svolto in
questa spedizione?
«Si tratta di rilevazioni previste
dal progetto “Magnetic records
in speleothems and cave sedi-
ments in northern Macedonia“
condotto dal Dipartimento di
Scienze Pure e Applicate
dell’Università di Urbino che si
propone di indagare il paleo-ma-
gnetismo ambientale di speleo-
temi (depositi minerali che si for-
mano in grotta, ndr) e sedimenti

INDAGINI TRASVERSALI

Michele Betti e Luca


Lanci esaminano
il sito da anni, i nuovi è strettamente correlato all’ar-
rilievi sono essenziali cheologia, la combinazione di
sedimenti detritici misurabili
detritici di due specifiche grot- magneticamente, insieme a pro-
te, situate nel nord della Mace- ve dell’antica presenza umana,
donia, note e accessibili ai mem- potrebbe svelare nuovi e unici
bri del gruppo di ricerca, ma an- reperti archeologici».
che di notevole interesse ar- Alla fine, qual è il vostro obiet-
cheologico. Infatti, cocci e resti tivo anche a seguito di questa
umani rinvenuti all’interno delle spedizione scientifica, condot-
grotte nelle missioni del 2016 e ta in un ambiente certamente
del 2017 fanno pensare che fos- molto insolito?
sero abitate in epoca preistori- «Il nostro obiettivo – conclude
ca. Lo studio preliminare di que- gliorare la registrazione regiona- bientali che a loro volta sono re- Betti – è fornire dati da confron-
sti due siti effettuato nel 2019 le della variazione paleosecola- gistrati come proprietà magneti- tare con i risultati di altri siti per
ha portato a direzioni paleoma- re e della relativa paleointensi- che. Lo studio preliminare dei aiutare a stabilire una serie di
gnetiche affidabili e stabili, che tà. Puntiamo così a ottenere sedimenti detritici della Grotta vincoli temporali sull’età della
supportano la fattibilità e l’alto una registrazione della variabili- dei Teschi ci ha portato a map- prima immigrazione di ominidi
potenziale di questo approc- tà climatica utilizzando tecni- pare i depositi sedimentari e a in Europa, basata su record pa-
cio». che di magnetismo ambientale, campionare sedimenti non leomagnetici».
Quali sviluppi avrà questa ri- poiché la geologia delle grotte esposti attraverso dei carotag- Dunque da una remota grotta
cerca? suggerisce che la maggior par- gi. L’integrazione dei dati strati- macedone potrebbero giunge-
«Le misurazioni paleomagneti- te delle particelle magnetiche si grafici e geofisici porterà quindi re notizie sulle origini degli at-
che saranno combinate con la deposita negli speleotemi. Il ad una completa caratterizzazio- tuali popoli europei.
datazione radioisotopica U/Th processo di invecchiamento e ne dei depositi di sedimenti in Tiziano V. Mancini
degli speleotemi al fine di mi- trasporto dipende da fattori am- grotta. Anche se il progetto non © RIPRODUZIONE RISERVATA