Sei sulla pagina 1di 51

POSTATARGET

SCHEDA PRODOTTO
INDICE

1 Termini e definizioni ................................................................................................ 4

2 Caratteristiche Generali .......................................................................................... 4


2.1 Cosa spedire ..................................................................................................... 4
2.2 Cosa non spedire .............................................................................................. 5

3 Condizioni d’accesso .............................................................................................. 6


3.1 Formati e dimensioni ......................................................................................... 6
3.2 Quantità ............................................................................................................. 7

4 Tariffe ...................................................................................................................... 7

5 Modalità di Affrancatura e pagamento .................................................................... 8


5.1 Macchine Affrancatrici presso i clienti............................................................... 8
5.2 SMA (Senza Materiale Affrancatura) ................................................................ 8

6 Logo ....................................................................................................................... 9

7 Servizi Accessori ..................................................................................................... 9


7.1 Reso Mittente .................................................................................................... 9
7.1.1 Indirizzo Mittente .................................................................................... 10

8 Specifiche Tecniche del Prodotto ......................................................................... 10


8.1 Invii meccanizzabili – Linee di Prodotto .......................................................... 10
8.1.1 Linea di Prodotto Piccolo ....................................................................... 11
8.1.2 Linea Prodotto Medio ............................................................................. 13
8.2 Tabella riassuntiva Linee di Prodotto meccanizzabili ..................................... 15
8.3 Codice 2D per Linee di Prodotto meccanizzabili ............................................ 15
8.4 Invii non meccanizzabili .................................................................................. 15

9 Procedura di OMOLOGAZIONE .......................................................................... 15


9.1 Regole generali ............................................................................................... 15
9.2 Codice Omologazione ..................................................................................... 16
9.2.1 Zona Affrancatura .................................................................................. 16
9.2.2 Blocco Indirizzo Destinatario.................................................................. 17

10 Accettazione e controlli ........................................................................................ 17


10.1 Modalità di consegna .................................................................................... 18
10.2 Orario di apertura e ore limite di accettazione .............................................. 19

2
11 Obiettivi di qualità ................................................................................................. 19

12 Codice di avviamento postale .............................................................................. 19

13 Bacini di destinazione ........................................................................................... 21

14 Prelavorazione e confezionamento ...................................................................... 22


14.1 Invii meccanizzabili di formato piccolo .......................................................... 22
14.1.1 Criteri di confezionamento degli invii meccanizzabili
di formato Piccolo ............................................................................... 22
14.1.2 Criteri per le aggregazioni degli invii meccanizzabili
di Formato P in scatole....................................................................... 23
14.2 Invii meccanizzabili di formato M e invii non meccanizzabili
di qualsiasi formato........................................................................................ 27
14.2.1 Criteri di confezionamento dei plichi di invii meccanizzabili
di formato M e di invii non meccanizzabili di qualsiasi formato ......... 27
14.2.2 Criteri per le aggregazioni degli invii meccanizzabili di Formato M ... 28
14.2.3 Criteri per le aggregazioni degli invii NON meccanizzabili................. 29
14.3 Etichettatura delle scatole ............................................................................. 30
14.4 Etichettatura dei plichi ................................................................................... 31
14.5 Aggregazione e confezionamento dei pallet ................................................. 32
14.5.1 Caratteristiche fisiche del pallet.......................................................... 33
14.5.2 Criteri di aggregazione delle scatole/plichi nei pallet ......................... 33
14.6 Etichettatura Pallet ........................................................................................ 36

15 APPENDICE ......................................................................................................... 37
15.1 Formati Busta ................................................................................................ 37
15.2 Materiale Busta ............................................................................................. 38
15.3 Materiale Cartolina ........................................................................................ 38
15.4 Materiale Film Plastico .................................................................................. 39
15.5 Blocco Indirizzo ............................................................................................. 39
15.5.1 Definizione .......................................................................................... 39
15.5.2 Composizione di indirizzi standard..................................................... 39
15.5.3 Dettaglio struttura dell’indirizzo .......................................................... 41
15.5.4 Formato dell’indirizzo.......................................................................... 43
15.5.5 Contenuto dell’indirizzo ...................................................................... 44
15.6 Posizionamento Blocco Indirizzo e Logo ...................................................... 48
15.7 Specifiche Tipografiche del Blocco Indirizzo ................................................ 48
15.8 Specifiche Zone di Rispetto .......................................................................... 49
15.9 Gestione dei colori nelle zone di rispetto ...................................................... 50
15.9.1 Pantoni .............................................................................................. 50
15.9.2 Fascia bianca semitrasparente .......................................................... 51

3
1 TERMINI E DEFINIZIONI

Sigla Descrizione
ASTM American Society for Testing and Materials
COP Centro Omologazione Prodotto
ISO International Organisation for Standardisation
MAAF Macchina Affrancatrice
SMA Senza Materiale Affrancatura
UNI EN Ente Nazionale Italiano di Unificazione

2 CARATTERISTICHE GENERALI

Postatarget è il servizio di recapito per inviare comunicazioni pubblicitarie,


promozionali, personalizzate ed indirizzate, raggiungendo su tutto il territorio italiano
target selezionati di clientela.
Il supporto utilizzabile per la comunicazione può spaziare dal formato lettera alle
soluzioni cartotecniche più creative con la possibilità di inserire gadget o campioni di
prodotto.

2.1 COSA SPEDIRE

Postatarget consente di spedire messaggi promozionali, pubblicitari, ovvero invii


destinati a comunicare un messaggio pubblicitario, informativo o di marketing aventi lo
stesso contenuto ad eccezione del nome, dell’indirizzo, del numero d’identificazione
del destinatario e di altre specifiche che non alterano la natura del messaggio.
Il testo stesso del messaggio può essere personalizzato inserendo ad esempio (nel
rispetto della legge sulla privacy):

• i dati del destinatario (nome, cognome e indirizzo completo, numero di telefono fisso
o mobile, e-mail, codice fiscale o partita IVA, data di nascita o di anniversario);
• il codice di riferimento del cliente destinatario, dei prodotti/servizi in vendita o altri
codici identificativi (alfanumerici o a barre);
• la firma autografa del cliente mittente, il nome del responsabile commerciale di
riferimento, il giorno e l’orario per una visita commerciale o una presentazione;
• l’indirizzo della sede più vicina al cliente.

4
È possibile inserire oggetti promozionali (ad esempio: carte fedeltà, buoni sconto,
gadget), campioni gratuiti di prodotto ma anche supporti multimediali (ad esempio
CD-ROM, DVD, ecc.), che concorrono per peso e per dimensioni alla definizione
della tariffa finale.
Il materiale allegato deve essere privo di valore commerciale e non può essere
destinato alla vendita.

Possono inoltre essere spediti insieme all’invio:

• prodotti deperibili alimentari e non (con scadenza superiore ai 2 mesi), liquidi, corpi
grassi, polveri, liquori, profumi soltanto se confezionati e imballati in modo tale da
garantire l’integrità del contenuto e dell’involucro (non sono ammessi prodotti in
vetro o comunque fragili);
• bollettini premarcati in bianco o con l’importo identico per tutti i destinatari.

2.2 COSA NON SPEDIRE

Non è consentito spedire con Postatarget invii contenenti, nello stesso involucro,
comunicazioni di tipo promozionale / pubblicitario ed altri invii di corrispondenza.
Non è altresì consentito spedire:

• Avvisi e solleciti di pagamento


• Fatture
• Rendiconti finanziari e previdenziali
• Estratti conto bancari
• Invii di contratti già sottoscritti
• Documenti di trasporto
• Bollettini utenze
• Bollettini di riscossione tasse e tributi
• Bollettini ICI
• Bollettini per pagamenti obbligatori per legge
• Cartelle esattoriali
• Dichiarazioni dei redditi
• Messaggi personali legati alla gestione delle vendite o dei clienti
• Attestazioni
• Polizze già sottoscritte
• Quietanze e ricevute
• Invii di assegni e libretti assegni
• Carte di credito e prepagate
• Messaggi la cui distribuzione è proibita per legge (postulatori, pornografici,
discriminatori)
• Invii di merce destinata alla vendita

5
• Oggetti preziosi, pericolosi o vietati dalla legge, prodotti freschi e/o deperibili (con
scadenza inferiore ai 2 mesi), alimentari e non
• Altre tipologie di invii di corrispondenza non classificabili come comunicazioni
pubblicitarie o promozionali

3 CONDIZIONI D’ACCESSO

Può accedere al Servizio esclusivamente la clientela business in grado di consegnare


invii che rispettino i requisiti definiti da Poste Italiane in termini di:

• formati e specifiche tecniche di prodotto;


• quantitativi minimi per spedizione;
• specifiche tecniche di impostazione, confezionamento e prelavorazione degli invii.

La spedizione deve essere costituita da invii di formato e peso identici.

3.1 FORMATI E DIMENSIONI

Possono accedere al prodotto Postatarget esclusivamente gli invii che rispettano i


seguenti formati:
Formato
DIMENSIONI Tutti Normalizzato Compatto Voluminoso Libero Extra-formato
Min Max Max Max Max Max
L lunghezza (mm) 140 235 353 353 353 450
H altezza 90 120 250 250 250 450
S spessore 0,15 5 20 50 50 100
P peso (g) 3 20 350 2000 2000 2000

Il passaggio da un formato all’altro avviene quando uno dei valori supera quelli
massimi.

Nel formato libero rientrano invii di forma non rettangolare o quadrangolare che
presentino almeno due lati contigui lineari.

Per invii a forma di rotolo si varia invece da una lunghezza minima di 100 mm ad una
massima di 750 mm e da un diametro minimo di 35 mm ad uno massimo di 150 mm
(con somma delle dimensioni non superiore a 900 mm).

6
3.2 QUANTITÀ

La quantità minima per accedere alle tariffe di Postatarget è pari a 1.000 pezzi
(identici per contenuto, peso e formato) per singola spedizione.

Per singole spedizioni inferiori a 1.000 pezzi sarà facoltà del cliente:
• Accedere al servizio Postatarget pagando l’importo equivalente alla spedizione di
1.000 invii alle tariffe pubblicate sul sito internet www.poste.it;
• Accedere alle tariffe di Posta Prioritaria. Per garantire un corretto trattamento nelle
fasi di lavorazione e recapito, gli invii devono essere tassativamente identificabili e
caratterizzati dall’etichetta o dal timbro di Posta Prioritaria. Sarà, pertanto, cura del
cliente apporre la dicitura “Posta Prioritaria” in luogo del logo Postatarget.

4 TARIFFE

Le tariffe per tutti i formati sono differenziate in funzione delle quantità annue spedite e
del peso come riportato sul sito internet www.poste.it.
A partire da 10.000 pezzi sono previsti sconti quantità per singola spedizione e singolo
cliente, per invii di medesimo scaglione di peso e formato.
Per quantitativi superiori a 500.000 invii all’anno è possibile sottoscrivere convenzioni
su base annua.

Per i formati non standard si applica una maggiorazione.


• Formato libero: a tali invii viene applicata una maggiorazione del 40% rispetto al
corrispondente prezzo del formato voluminoso;
• Extraformato: maggiorazione del 60% rispetto al corrispondente prezzo del formato
voluminoso;
• Rotolo: stesse condizioni di prezzo dell’extraformato.

Nel caso in cui le spedizioni non siano prelavorate e confezionate in modo conforme
alle specifiche tecniche riportate nel paragrafo 14 (Prelavorazione e Confezionamento)
saranno applicate le tariffe previste dall’Allegato 1-bis del DM 22/11/2002 e pubblicate
sul sito internet www.poste.it, nella sezione Direct Marketing.

7
5 MODALITÀ DI AFFRANCATURA E PAGAMENTO

Le modalità di affrancatura previste per gli invii di Postatarget, previo rilascio della
relativa autorizzazione da parte delle strutture commerciali, sono le seguenti:

• SMA (Senza Materiale Affrancatura)


• MAAF (Macchina Affrancatrice).

Gli invii dovranno in ogni caso presentare il logo del prodotto.


Non è possibile affrancare mediante francobolli.
Per il pagamento degli importi dovuti è possibile utilizzare il conto “BancoPosta
ImpresaOnline”.

5.1 MACCHINE AFFRANCATRICI PRESSO I CLIENTI

Il cliente che intenda utilizzare la macchina affrancatrice per le proprie corrispondenze


dovrà procedere al versamento, su specifici conti correnti intestati a Poste Italiane, di
un congruo anticipo tale da garantire la copertura delle spedizioni previste nel corso
del mese. Il cliente sottoscrive un modulo di adesione a tale modalità di pagamento
nel quale viene stabilito in modo univoco il centro di postalizzazione; quest’ultimo può
essere modificato solo con apposita richiesta. Il versamento dell’anticipo può essere
effettuato secondo le seguenti modalità:

• Bollettino postale;
• Postagiro (da conto corrente postale cliente a c/c/p di Poste);
• Bonifico Bancario.

5.2 SMA (SENZA MATERIALE AFFRANCATURA).

Con questa modalità gli oggetti non vengono materialmente affrancati; nell’apposito
riquadro (zona riservata all’affrancatura) viene riportato il riferimento alla modalità di
pagamento convenuta. La posta deve essere accompagnata dalla distinta.

Per tale tipologia sono previste le seguenti modalità di pagamento:

• Anticipato: il cliente versa un anticipo su specifici conti correnti di Poste Italiane


tale da garantire la copertura delle spedizioni previste nel corso del mese.

• Contestuale: il cliente deve presentare, all’atto della spedizione, l’attestazione di


avvenuto versamento pari al valore della spedizione presentata.

8
6 LOGO
Per le spedizioni con MAAF è previsto l’inserimento del logo Postatarget di seguito
riportato, che deve essere posizionato sull’esterno dell’invio, sul lato sinistro, stampato
o mediante timbro. In alternativa il logo può essere inserito nell’impronta della
macchina affrancatrice, richiedendolo direttamente alle ditte costruttrici.

Per le spedizioni “Senza Materiale Affrancatura” è previsto invece il logo seguente che
deve essere stampato in alto a destra nella zona riservata all’affrancatura.

Le dimensioni consentite sono:

• 70 mm x 40 mm
• 35 mm x 20 mm
• 45 mm x 26 mm

Il logo è rilasciato in formato elettronico dalle Aree Commerciali Territoriali.

7 SERVIZI ACCESSORI

7.1 RESO MITTENTE

La restituzione degli invii non recapitabili avviene su espressa richiesta del mittente
sulla base dei prezzi riportati sul sito internet www.poste.it nella sezione Direct
Marketing.
Sull’esterno dell’invio deve essere stampata la dicitura: “In caso di mancato recapito
inviare al CMP/CPO di … per la restituzione al mittente previo pagamento resi”.
Per maggiori informazioni fare riferimento al referente commerciale oppure al sito
www.poste.it.

9
7.1.1 Indirizzo Mittente

Il cliente che richiede la restituzione della posta inesitata deve indicarlo chiaramente
sul fronte dell’invio nell’angolo in alto a sinistra.
L’indirizzo mittente deve anch’esso essere posizionato sul fronte nell’angolo in alto a
sinistra, seguendo le stesse indicazioni di composizione previste per l’indirizzo
destinatario.
La posizione alternativa dell’indirizzo mittente sul bordo di chiusura dell’invio è
sconsigliata per quegli invii per i quali si richiede il reso.

È inoltre possibile richiedere ai referenti commerciali alcuni servizi accessori:

• Posta Service che comprende:


• Affrancatura
• Fornitura buste
• Imbustamento
• Stampa
• Prelavorazione
• Pick up
• Posta Report, servizio di rendicontazione elettronica degli invii non recapitabili.

Per il dettaglio su questi ed altri servizi accessori disponibili fare riferimento al


referente commerciale o visitare il sito internet www.poste.it.

8 SPECIFICHE TECNICHE DEL PRODOTTO

Nell’ambito dei formati ammessi, riportati nel paragrafo 3.1, è possibile identificare
prodotti meccanizzabili e non meccanizzabili.

8.1 INVII MECCANIZZABILI – LINEE DI PRODOTTO

Nel seguito vengono indicate le caratteristiche degli invii meccanizzabili che possono
essere trattati con i sistemi di smistamento automatici.
Questi invii saranno allestiti in maniera semplificata come riportato nel paragrafo 14.1.

10
Il contenuto può essere esclusivamente cartaceo. L’invio di qualunque oggetto diverso
va concordato preventivamente con il Centro Omologazione Prodotto di Poste Italiane
(es. gadget, tessere, ecc.). Non è possibile spedire oggetti metallici, in vetro e liquidi.

Gli invii meccanizzabili prevedono due linee di Prodotto (Piccolo e Medio) in funzione
dei formati e delle caratteristiche.

8.1.1 Linea di Prodotto Piccolo

Rientrano nella linea prodotto Piccolo i formati:

Formato
DIMENSIONI
P piccolo
L ≥ 1,4 H
Min Max
L lunghezza (mm) 140 235
H altezza (mm) 90 120
S spessore (mm) 0,15 5
P peso (g) 3 50

Il rapporto lunghezza/altezza dell’invio deve essere maggiore o uguale a 1,4.

Rientrano nella linea prodotto Piccolo i formati:

• Normalizzato: tutte le dimensioni


• Compatto: da limite inferiore fino a 235 x 120 x 5 mm - 50g

REQUISITI TECNICI – Tipologia Formato Piccolo


• Gli invii devono essere in busta o cartolina di materiale cartaceo con lato sinistro
apribile (rispetto alla faccia dove è posizionato l’indirizzo destinatario)
• Non sono ammessi invii in cellophane
• Il materiale dell’invio deve rispettare degli standard tecnici di Poste Italiane (vedi
par. 15)
• Le zone di rispetto del blocco indirizzo devono essere di colore bianco
• Le zone di rispetto dell’invio, ad eccezione del blocco indirizzo, devono essere
bianche o di un colore Pantone certificato da Poste od applicando una fascia bianca
semitrasparente (vedi par. 15.9)
• Il blocco indirizzo deve rispettare gli standard tecnici in termini di struttura, tipologia
di carattere e numero di righe (vedi par. 15.5)

11
L’immagine è solo rappresentativa e non è in scala. Le dimensioni si intendono in

millimetri.

12
8.1.2 Linea Prodotto Medio

Il passaggio al formato M avviene quando uno dei valori supera quelli massimi del
formato P.
Rientrano nella linea prodotto medio i formati:

Formato
DIMENSIONI
TUTTI P piccolo M medio
L ≥ 1,4 H
Min Max Max
L lunghezza (mm) 140 235 353
H altezza (mm) 90 120 250
S spessore (mm) 0.15 5 25
P peso (g) 3 50 2000

Rientrano nella linea prodotto Medio i formati:

• Compatto: da 235 x 120 x 5 mm - 50g a 353 x 250 x 20 mm - 350g


• Voluminoso: da limite inferiore fino a 353 x 250 x 25 mm - 2000g

REQUISITI TECNICI – Tipologia Formato Medio


• Gli invii devono essere in busta con lato sinistro apribile (rispetto alla faccia dove è
posizionato l’indirizzo destinatario) o in cellophane termoretraibile.
• Non sono ammesse etichette volanti e l’utilizzo di bollettini C/C come etichetta
indirizzo.
• Il materiale dell’invio deve rispettare degli standard tecnici di Poste Italiane (vedi
par. 15)
• Le zone di rispetto del blocco indirizzo devono essere di colore bianco.
• Il blocco indirizzo deve rispettare gli standard tecnici in termini di struttura, tipologia
di carattere e numero di righe (vedi par. 15.5)
• Gli invii confezionati in cellophane devono riportare l’indirizzo del destinatario,
posizionato sul lato destro parallelamente al lato maggiore dell’invio o in alto a
destra parallelamente al lato minore dell’invio, alternativamente nei seguenti modi:
• Etichetta indirizzo all’interno del cellophane termoretraibile: dimensioni minime 40
mm x 85 mm; l’inclinazione dell’etichetta rispetto alla base dell’invio deve essere
contenuta entro un angolo di 5° (è preferibile incollare l’etichetta sull’invio);
• Etichetta indirizzo incollata esternamente al cellophane termoretraibile: dimensioni
minime 40 mm x 85 mm; l’inclinazione dell’etichetta rispetto alla base dell’invio
deve essere contenuta entro un angolo di 5°;
• Stampa su cellophane con fascia bianca non trasparente;
• Stampa dell’indirizzo sull’invio, in apposita area a sfondo bianco.
Possono essere utilizzate altre tipologie di etichetta (formato e posizione) previa
autorizzazione di Poste Italiane.

13
L’immagine è solo rappresentativa e non è in scala. Le dimensioni si intendono in
millimetri.

14
8.2 TABELLA RIASSUNTIVA LINEE DI PRODOTTO MECCANIZZABILI

Nella tabella seguente è riportata la sintesi delle varie linee di Prodotto meccanizzabili
in funzione dei formati Postatarget.

Tabella linee di Prodotto Meccanizzabili


Linea di Prodotto
Formato Dimensioni meccanizzabile
Normalizzato Tutte le dimensioni previste dal formato Piccolo
Da limite inferiore a 235 x 120 x 5 mm - 50g Piccolo
Compatto
Da 235 x 120 x 5 mm - 50g al limite superiore Medio
Voluminoso Da limite inferiore a 353 x 250 x 25 mm - 2000g Medio

8.3 CODICE 2D PER LINEE DI PRODOTTO MECCANIZZABILI

Gli invii meccanizzabili potranno essere dotati, su richiesta del cliente, del codice a
barre bidimensionale standard “Data Matrix” visibile nel blocco indirizzo. Il codice 2D
consente di ottimizzare i processi interni di smistamento della corrispondenza e
consentirà di usufruire di nuovi servizi a valore aggiunto.
Per qualsiasi informazione relativa all’utilizzo e alle specifiche tecniche del codice 2D,
occorre contattare il:

CENTRO OMOLOGAZIONE PRODOTTO


VIALE EUROPA 175
00144 ROMA RM
e-mail: infocat@posteitaliane.it

8.4 INVII NON MECCANIZZABILI

Nel venire incontro alla creatività delle campagne sviluppate dai clienti ed alla
possibilità di inserire oggetti all’interno degli invii (es. gadget), Poste Italiane consente
la spedizione di invii che presentano caratteristiche fisiche / tipografiche o per
contenuto tali da non poter essere lavorati sugli Impianti di Meccanizzazione.

Questa tipologia di invii deve comunque rispettare alcuni requisiti di accesso:


• formati previsti per il prodotto Postatarget;
• specifiche di prelavorazione e confezionamento riportate nel par. 14.2.
• rispetto delle specifiche base relative alla composizione dell’indirizzo:
• Minimo 3 righe così ordinate: destinatario, indirizzo, CAP/località
• Congruenza delle informazioni in esso contenute (indirizzo, località, CAP)

Si consiglia, inoltre, di rispettare le ulteriori specifiche riportate al paragrafo (par. 15.5).

15
9 PROCEDURA DI OMOLOGAZIONE

9.1 REGOLE GENERALI

La procedura di Omologazione si applica agli invii meccanizzabili di Postatarget ed ha


lo scopo di verificare in via preventiva il rispetto degli standard di prodotto definiti da
Poste Italiane.
L’omologazione degli invii meccanizzabili prevede le seguenti attività:

• Il Cliente richiede di verificare il proprio Prodotto specificando dimensioni e


caratteristiche (formato, posizionamento blocco indirizzo, font utilizzato, ecc.) e
contenuto in un apposito modulo;
• Poste Italiane richiede un’immagine reale del prodotto, in formato elettronico
(possibilmente pdf o jpg), al fine di verificare la conformità dell’invio rispetto agli
standard (Omologazione di Tipo A);
• Poste Italiane comunica i risultati delle verifiche e supporta il Cliente nella modifica
del Prodotto qualora non risponda ai requisiti richiesti;
• Nel caso di Campagne, i cui volumi annuali superino i 50.000 pezzi, richiede anche
una campionatura fisica della campagna (Omologazione di Tipo B);

La procedura di Omologazione ed il modulo di adesione sono pubblicati nel sito di


Poste Italiane. L’indirizzo di Poste Italiane a cui rivolgersi per chiedere ulteriori
informazioni e per attivare la procedura è il seguente:

CENTRO OMOLOGAZIONE PRODOTTO


VIALE EUROPA 175
00144 ROMA RM
e-mail: infocat@posteitaliane.it

9.2 CODICE OMOLOGAZIONE

Ogni invio di Postatarget, oltre a rispettare i formati e gli standard di Prodotto riportati
nei precedenti paragrafi, dovrà riportare il Codice di Omologazione.

Tale informazione potrà essere riportata con due possibili modalità:

9.2.1 Zona Affrancatura

Questa modalità prevede di riportare il codice nella zona affrancatura in un’unica riga
posta al di sopra dei riferimenti dell’autorizzazione.

16
Esempio:

9.2.2 Blocco Indirizzo Destinatario

Questa modalità prevede di riportare il codice come prima riga dell’indirizzo.


Esempio:

DCOOSX
SPETT. LE
CARTOGRAFICA VERDI
VIA CARDANO 20
20041 OMATE MI

10 ACCETTAZIONE E CONTROLLI

Tutte le spedizioni saranno sottoposte a controlli in fase di accettazione da parte di


Poste Italiane.
I controlli saranno finalizzati alla verifica della rispondenza della spedizione ai requisiti
necessari per l’accesso al servizio e per la corretta applicazione della tariffa.
I criteri di gestione delle eventuali anomalie saranno opportunamente pubblicizzate da
Poste Italiane, unitamente alle metodologie che saranno applicate nel caso di controllo
a campione.

In particolare, in fase di accettazione, ai fini della verifica dei quantitativi impostati,


le spedizioni aventi tutte invii di stesso peso, saranno sottoposti a pesatura, per
ricavarne, sulla base del peso unitario e del peso complessivo rilevato, la
corrispondenza dei quantitativi con quanto dichiarato in distinta.
Il rispetto delle prelavorazioni, delle caratteristiche di prodotto e la conformità delle
spedizioni stesse ai requisiti previsti saranno verificate tramite controlli a campione su
scatole/plichi e, in caso di verifica positiva, si accetterà la spedizione.
Qualora l’esito del controllo fosse negativo, sarà facoltà del cliente procedere al ritiro
della spedizione per una sua regolarizzazione ovvero richiederne comunque

17
l’accettazione previo pagamento delle tariffe previste in caso di mancata
prelavorazione del prodotto Postatarget, previste dall’Allegato 1-bis del DM
22/11/2002 e pubblicate sul sito www.poste.it.
Per quantitativi superiori ai 3.000 kg a spedizione o a 60.000 invii per singola
spedizione, in considerazione degli elevati volumi da gestire, il cliente dovrà
programmare le spedizioni utilizzando il Servizio Prenotazione Spedizioni attivo su
www.poste.it, al fine di ottimizzare le attività dell’intero processo produttivo di Poste
Italiane.
Per ciascuna spedizione il cliente dovrà comunicare in via preventiva a Poste Italiane
il numero di pezzi da spedire per ciascun CAP di destinazione.
Per ogni singola spedizione viene richiesto un campione (non restituibile) della
spedizione.
Le spedizioni per invii meccanizzabili e non meccanizzabili dovranno essere sempre
mantenute separate.

10.1 MODALITÀ DI CONSEGNA

L’impostazione della Postatarget, in considerazione dei volumi da gestire, deve essere


effettuata presso:

• CMP (Centro di Meccanizzazione Postale)


• CPO e CLR (Centri Postali Operativi, Centri Logistici con Recapito)
• CD (Centri di Distribuzione)
• PosteBusiness
• Uffici Postali abilitati

La spedizione deve essere sempre accompagnata da una distinta riportata in allegato 5.

I punti di accettazione sono indicati sul sito www.poste.it in funzione del quantitativo
spedito dal cliente:

• senza nessun limite di peso per spedizioni giornaliere per cliente presso i CMP;
• per spedizione giornaliera per cliente fino ad un massimo di 1.000 Kg presso i
CPO/CLR/CD;
• per spedizione giornaliera fino a un massimo di 200 Kg presso i PosteBusiness e gli
UP abilitati.

Per la lista delle sedi di CMP, CPO, CLR e CD abilitati all’accettazione del prodotto si
veda l’allegato 3.
Poste Italiane si riserva di comunicare l’aggiornamento dei punti di accettazione e
delle modalità di consegna, sul sito internet www.poste.it.

18
10.2 ORARIO DI APERTURA E ORE LIMITE DI ACCETTAZIONE

Le strutture di accettazione dei CMP, CPO e CLR saranno accessibili almeno nei
seguenti orari di apertura:

• ore 8.30 - 17.00 dal Lunedì al Venerdì


• ore 8.30 - 14.00 al Sabato

Si precisa tuttavia che Poste Italiane, ai fini delle prestazioni di servizio, ha stabilito i
seguenti orari limite di accettazione (Lunedì-Sabato):

• ore 14.00 per le strutture di accettazione ubicate presso i CMP e il centro di Ancona;
• ore 11.00 per le strutture di accettazione ubicate presso i CPO, i CLR e i CD;
• ore 12.00 per gli UP abilitati;
• ore 13.00 per i PosteBusiness.

Per tutti gli invii accettati entro l’orario limite sopra riportato, la prestazione di recapito
decorre dal giorno stesso dell’accettazione.
Le spedizioni consegnate dopo lo scadere dell’orario limite, ai soli fini della
prestazione di recapito, si intendono come consegnate il giorno feriale successivo a
quello di accettazione.

11 OBIETTIVI DI QUALITÀ

Gli obiettivi di consegna sono pari a:

• 5 giorni lavorativi successivi alla postalizzazione, entro gli orari limite dei Centri
d’Impostazione Territoriali e Provinciali per l’85% degli invii in media;
• 7 giorni lavorativi per postalizzazioni effettuate presso gli UP abilitati ed i
PosteBusiness, dal lunedì al venerdì, per l’85% degli invii in media.

12 CODICE DI AVVIAMENTO POSTALE


Tutti gli invii devono riportare la corretta indicazione del CAP desumibile dal Codice di
Avviamento Postale in vigore e devono essere raggruppati in scatole/plichi/pallet per

19
bacino secondo i criteri specificati nella sezione relativa all’allestimento delle
spedizioni.

Il CAP attualmente utilizzato in Italia è strutturato a 5 cifre, ognuna delle quali assume
un significato ben preciso a seconda della posizione occupata:

1ª cifra Individua la Regione Postale


2ª e 3ª cifra Individua la Provincia
Può assumere i valori 0, 1, 8, 9 :
Con le cifre 1 e 9 si individua la città sede del Capoluogo.
3ª cifra
Con le cifre 0, e 8 si individuano le località provinciali della
provincia identificata dalle prime due cifre.

Se la 3ª cifra assume i valori 0 o 8, la 4ª e la 5ª cifra assumono il seguente significato:

Individua lo “stradale provinciale”, cioè un raggruppamento


4ª cifra
di località su una stessa linea di comunicazione.
Da 1 a 9 si identificano le località dello “stradale” per le quali è
possibile individuare l’Ufficio di Recapito in modo diretto tramite
5ª cifra
il CAP.
Con lo 0 si individuano un insieme di località dello “stradale”.

Se la 3ª cifra assume i valori dispari 1 o 9, la 4ª e la 5ª cifra assumono il seguente


significato:

Individuano la Zona CAP cittadina.


I capoluoghi di provincia minori (per esempio Latina), non sono
4ª e 5ª cifra
suddivisi per zone CAP cittadine, in questo caso la 4ª e 5ª cifra
sono pari a “00”.

Esempi di CAP
CAP Dettaglio Descrizione
4 Regione postale 4
40132 01 Città di Bologna
32 Zona CAP 32 della città di Bologna
4 Regione postale 4
41053 10 Provincia di Modena
53 Maranello (3° paese del 5° stradale della provincia di Modena)
1 Regione postale 1
16020 60 Provincia di Genova
20 Insieme di località del 2° stradale della provincia di Genova

20
Corrispondenza tra cifre del CAP e zone territoriali

Zone CAP della città

La terza cifra pari QUARTA QUINTA


a 1 o 9 individua
CIFRA CIFRA
la città capoluogo

TERZA
CIFRA
Regione
Postale Provincia

PRIMA SECONDA
CIFRA CIFRA

TERZA
CIFRA

La terza cifra pari


QUARTA QUINTA
a 0 o 8 individua
le località CIFRA CIFRA
della provincia
Stradali Singola località
della Provincia della Provincia

Nota
Si ricorda che per le 27 località suddivise in zone postali non è ammesso l’utilizzo dei
CAP generici, ma deve essere indicato quello specifico associato alla via e al numero
civico del destinatario desumibile dal Codice di Avviamento Postale in vigore.

13 BACINI DI DESTINAZIONE

Per Bacino di destinazione si intende un aggregato di città capoluogo e delle relative


località provinciali, secondo quanto riportato nell’Allegato 2.
Complessivamente il territorio nazionale è suddiviso in 23 Bacini. Eventuali
aggiornamenti dei bacini verranno opportunamente pubblicizzati sul sito internet
www.poste.it.

21
14 PRELAVORAZIONE E CONFEZIONAMENTO

La prelavorazione e il raggruppamento delle spedizioni deve avvenire a seconda della


meccanizzabilità del prodotto, del formato, dei volumi e della destinazione degli invii.
Distinguiamo, pertanto, tre casistiche:

• invii meccanizzabili di formato Piccolo;


• invii meccanizzabili di formato Medio;
• invii non meccanizzabili di qualsiasi formato.

14.1 INVII MECCANIZZABILI DI FORMATO PICCOLO

Gli invii meccanizzabili di formato Piccolo dovranno essere confezionati in scatole e


saranno prelavorati secondo modalità semplificate.

14.1.1 Criteri di confezionamento degli invii meccanizzabili


di formato Piccolo

Le scatole di invii di Postatarget vanno realizzate in modo da garantire l’integrità del


contenuto e, se necessario, vanno reggettate a croce (tipicamente con due fasce in
plastica termosaldata disposte a croce).
Salvo accordi specifici le scatole utilizzate dal cliente sono a perdere.
La dimensione delle scatole è libera nell’ambito delle seguenti misure massime:

• altezza massima cm 30
• larghezza massima cm 30
• lunghezza massima cm 55

Di seguito sono riportate le caratteristiche delle scatole:

• dimensioni compatibili con il formato degli invii contenuti


• la scatola dovrà avere caratteristiche tali da consentire la movimentazione ed il
trasporto di una quantità di invii il cui peso complessivo deve essere compreso tra
4 e 7 KG (con tolleranza del ± 2% in peso, vedi paragrafo 10).

Di seguito sono riportati degli esempi utili per esplicitare le modalità di


confezionamento delle spedizioni di Postatarget in scatole compatibilmente alle
esigenze logistiche di Posta Italiane.

22
Esempio di scatola per buste di dimensioni minime:

Lato corto invio Lato lungo invio Lungh. Scatola


F ormato Tipo
[mm] [mm] [mm]

b z 500 mm

Piccolo 90 140 500


hz 90 mm
Base
Scatola = a x b
Altezza a z 300 mm
Scatola = h

Nella tabella, gli invii sono raccolti in una scatola avente dimensioni di sezione simili
all’area di due invii posti affiancati e di lunghezza (massima) di 50 cm.

Esempio di scatola per buste di formato C5:

Lato corto invio Lato lungo invio Lungh. Scatola


F ormato Tipo
[mm] [mm] [mm]

b z 500 mm

C5 162 229 max 500

hz 162 mm
Base
Scatola = a x b
Altezza
Scatola = h
a z 229 mm

Nella tabella, gli invii di formato C5 sono raccolti in una scatola di dimensioni di
sezione simili all’area dell’invio e lunghezza (massima) di 50 cm. Tali dimensioni sono
appartenenti alle scatole con le quali sono abitualmente confezionate e
commercializzate le stesse buste C5.

14.1.2 Criteri per le aggregazioni degli invii meccanizzabili


di Formato P in scatole

Premesso che tutti gli invii debbono avere la corretta indicazione del CAP (Codice di
Avviamento Postale), il raggruppamento in scatole deve essere effettuato in funzione
dei volumi degli invii e della destinazione degli stessi.

23
Ciascuna scatola dovrà contenere invii dello stesso formato e di peso unitario identico.
Potranno esistere diversi livelli di aggregazione, in funzione dei volumi postalizzati per
le diverse destinazioni, che vanno da un dettaglio minimo ad un dettaglio massimo.
Di seguito si riportano i criteri logistici di raggruppamento degli invii:
A) per singolo CAP/Località provinciale;
B) distintamente per città e provincia di ogni singolo capoluogo di provincia;
C) per città/provincia in miscellanea per ognuno dei 103 capoluoghi di provincia;
D) per bacino di destinazione;
E) miscellanea di bacini.

per 00040
per 20161 per 00053
per 00040 Lanuvio
per CAP/Località per 20132 per 27100 per 00041 Ariccia

per MI provincia per RM Eur per RM


per RM Nomentano
per Città o Provincia per MI città per RM città per RM prov Aurelio

Scatola per MI Scatola per PV Scatola per RM Scatola per FR


per Città + Provincia

Scatola per Lombardia Scatola per Lazio

per Bacino

Miscellanea di Bacini
30 pz per Lombardia 20 pz per Lazio

Nell’allegato 2 è riportato:
• il dettaglio dei CAP associati a ciascun capoluogo di provincia e alle località
provinciali connesse a ciascuna provincia;
• il dettaglio dell’aggregazione delle province per Bacino di destinazione.

A. Scatola omogenea per CAP/Località provinciale di destinazione

In presenza di quantitativi sufficienti, occorre creare scatole piene con invii che
presentano identico CAP.
Nel caso di invii diretti alla stessa località di provincia con 5^ cifra CAP=0 (che indica
la presenza di più località riferite allo stesso CAP), in presenza di quantitativi
sufficienti, occorre formare scatole con invii diretti alla stessa località di provincia.

24
Esempio:

Scatola con singolo CAP Destinazione Capoluogo/località provinciale Tipo di aggregazione


Città Aggregazione in scatola
40141 BOLOGNA (identificate da 3^ cifra CAP= 1 o 9) degli invii aventi le 5 cifre
del CAP uguali
…. … … …
Provincia Aggregazione in scatola
00040 POMEZIA (identificata da 3^ cifra CAP = 0 o 8) degli invii aventi le stesse
5 cifre CAP e diretti alla
medesima località

B. Scatola omogenea per città o provincia di destinazione

Se il numero dei pezzi non è sufficiente a confezionare una scatola piena per un
singolo CAP, secondo la modalità sopra descritta, bisogna seguire un maggiore livello
di aggregazione: occorre preparare scatole con invii diretti a tutti i CAP appartenenti
alla medesima città o con tutti i CAP appartenenti alla medesima provincia (stessa
città o provincia all’interno dello stesso bacino, secondo le ripartizioni della colonna 4
dell’allegato 2).

Per le sole città di Roma e Milano, in presenza di quantitativi sufficienti a formare una
scatola, gli invii dovranno essere aggregati per insiemi di CAP come previsto nella
nota all’Allegato 2.

Esempio:

Intervallo di CAP Destinazione Capoluogo/località provinciale Tipo di aggregazione


dal 40121 al 40141 BOLOGNA Città Aggregazione in scatola
Città (identificate da 3^ cifra CAP= 1 o 9) degli invii aventi le prime
3 cifre del CAP uguali
dal 40010 al 40069 BOLOGNA Provincia Aggregazione in scatola
Provincia (identificate da 3^ cifra CAP= 0 o 8) degli invii aventi le prime
3 cifre del CAP uguali
dal 00118 al 00199 ROMA Città Aggregazione in scatola
Città (identificate da 3^ cifra CAP= 1 o 9) degli invii aventi le prime
3 cifre del CAP uguali
dal 00010 al 00069 ROMA Provincia Aggregazione in scatola
Provincia (identificate da 3^ cifra CAP= 0 o 8) degli invii aventi le prime
3 cifre del CAP uguali
dal 63010 al 63049 ANCONA Provincia Aggregazione in scatola
Provincia (identificate da 3^ cifra CAP= 0 o 8) degli invii aventi le prime
3 cifre del CAP uguali

25
C. Scatola omogenea per città + provincia di destinazione

Se il numero dei pezzi non è sufficiente a confezionare una scatola piena per una
singola città o provincia si possono preparare scatole con invii diretti a tutti i CAP
appartenenti alla medesima città + tutti i CAP appartenenti alla medesima provincia.

Esempio:

Intervallo di CAP Destinazione Capoluogo/località provinciale Tipo di aggregazione


dal 40121 al 40141 BOLOGNA Città Aggregazione in scatola
dal 40010 al 40069 Città+Provincia (identificate da 3^ cifra CAP= 1 o 9) degli invii aventi le prime
Provincia 2 cifre del CAP uguali
(identificate da 3^ cifra CAP= 0 o 8)
dal 00100 al 00199 ROMA Città Aggregazione in scatola
dal 00010 al 00069 Città+Provincia (identificate da 3^ cifra CAP= 1 o 9) degli invii aventi le prime
Provincia 2 cifre del CAP uguali
(identificate da 3^ cifra CAP= 0 o 8)

D. Scatola omogenea per bacino di destinazione

Se il numero di pezzi non è tale da formare una scatola piena secondo le modalità
precedenti, è possibile un ulteriore accorpamento di CAP per bacino di destinazione
come da colonna 1 dell’allegato 2.

In presenza di almeno 50 pezzi omogenei per Bacino di destinazione è necessario


consegnare una scatola riempita parzialmente per quel bacino. In questo caso per
ottimizzare la movimentazione degli oggetti e l’allestimento della spedizione, è data
facoltà al cliente di utilizzare scatole di dimensioni inferiori affinché siano quanto più
possibili aderenti al contenuto.

E. Scatola contenenti miscellanea di Bacini di destinazione (MIX Bacini)

In caso di quantitativi insufficienti a soddisfare i criteri di raggruppamento previsti ai


punti precedenti, vale a dire nel caso di meno di 50 pezzi per singolo Bacino di
destinazione, è consentito aggregare i resti in scatole piene MIX di Bacini,
debitamente ordinati per bacino. L’ultima scatola MIX potrà essere riempita
parzialmente e avere dimensioni inferiori per ottimizzare la movimentazione degli
oggetti e l’allestimento della spedizione.
Poiché le quote MIX Bacini saranno necessariamente di consistenza inferiore al
quantitativo di 50 pezzi per singolo Bacino, ne deriva un massimo ammissibile di
1.150 pezzi.

Le scatole contenenti miscellanea di Bacini vanno sempre consegnate a parte e nelle


quantità consentite.

26
14.2 INVII MECCANIZZABILI DI FORMATO M E INVII
NON MECCANIZZABILI DI QUALSIASI FORMATO

Le spedizioni di invii meccanizzabili di formato M e di invii non meccanizzabili di


qualsiasi formato devono essere raggruppate in plichi, cioè un insieme di invii diretti a
una medesima destinazione e confezionati in modo da restare uniti, a loro volta da
consolidare in pallet, qualora l’insieme degli invii diretti alla medesima destinazione
abbia un volume superiore a 0,5 m3.

14.2.1 Criteri di confezionamento dei plichi di invii meccanizzabili


di formato M e di invii non meccanizzabili di qualsiasi formato

I plichi, raggruppati secondo le modalità descritte nella sezione precedente, devono


essere confezionati in modo da assicurarne l’integrità durante il trasporto e lo
smistamento.
Il plico dovrà avere caratteristiche tali da consentire la movimentazione ed il trasporto
di una quantità di invii il cui peso complessivo non dovrà superare i 9 KG (con
tolleranza del ± 2% in peso).
Le modalità di confezionamento utilizzate di solito sono due:

– involucro in plastica termosaldato;


– reggette a croce.

Quest’ultima modalità è quella preferibile.

Gli invii che compongono il plico devono essere ordinati con criterio univoco, con
l’indirizzo rivolto verso l’alto.
I plichi che raggruppano invii diretti tutti alla medesima località devono essere
contraddistinti da una etichetta.

27
14.2.2 Criteri per le aggregazioni degli invii meccanizzabili
di Formato M

Poste Italiane richiede la formazione di plichi separati sulla base del CAP e di alcuni
criteri aggiuntivi, in funzione delle quantità da spedire e della località di destinazione.

Per quantitativi superiori a 10 invii è richiesta la formazione di un plico separato


per gli invii diretti:

– alla medesima località della provincia (identificata dalla terza cifra CAP pari a 0 o
8): in questo caso la ripartizione per CAP non è sufficiente, ed è necessaria anche
quella per località;

– al medesimo CAP per le città capoluogo (identificate dalla terza cifra CAP pari a 1
o 9): in questo caso gli invii devono essere raggruppati alla 5a cifra CAP.

Per quantitativi inferiori a 10 invii è richiesta la formazione di un plico città +


provincia:

– ove si abbiano meno di 10 invii meccanizzabili di formato M destinati ad un CAP di


città e meno di 10 invii destinati alle località provinciali della città stessa si dovrà
formare un plico unico che aggreghi invii diretti sia alla città che alla provincia.

Qui di seguito è illustrata una sintesi delle modalità di raggruppamento in plichi:

Posta Target Formato M (meccanizzabile) Modalità di raggruppamento


C.A.P. Destinazione < 10 invii >= 10 invii
La provincia ha la 3a Località di provincia Raggruppamento in plichi
cifra C.A.P. = 0 o 8 alla 5a cifra C.A.P.1
Le città hanno la 3a Città la cui 4a e 5a Raggruppamento in plichi
cifra C.A.P. = 1 o 9 cifra siano = 0 alla 3a cifra C.A.P.
Raggruppamento
Città la cui 4a e 5a Raggruppamento in plichi
in plichi città + provincia
cifra siano ≠ 0 con alla 5a cifra C.A.P.2
(alla 2a cifra C.A.P.)
un solo CPD/CSD
Città la cui 4a e 5a Raggruppamento in plichi
cifra siano ≠ 0 con alla 5a cifra C.A.P.
più di un CPD/CSD3
(1) Con 5a cifra = 0 è comunque necessario un raggruppamento per singola località
(2) Riguardo le principali 27 città italiane
(3) È il caso di 13 città italiane

28
14.2.3 Criteri per le aggregazioni degli invii NON meccanizzabili

Poste Italiane richiede la formazione di plichi separati sulla base del CAP e di alcuni
criteri aggiuntivi, in funzione delle quantità da spedire e della località di destinazione.

Per quantitativi superiori a 10 invii è richiesta la formazione di un plico separato


per gli invii diretti:

– alla medesima località della provincia (identificata dalla terza cifra CAP pari a 0 o
8): in questo caso la ripartizione per CAP non è sufficiente, ed è necessaria anche
quella per località;

– al medesimo CAP per le città capoluogo (identificate dalla terza cifra CAP pari a 1
o 9): in questo caso gli invii devono essere raggruppati alla 5a cifra CAP.

Per quantitativi inferiori a 10 invii è comunque richiesta la formazione di un plico


separato per gli invii diretti:

– alla città capoluogo: il plico deve contenere tutti gli invii diretti alla città. Nel caso di
città suddivise in zone postali e con più di un Centro di Distribuzione (CPD/CSD), è
richiesta la formazione di un plico separato per singolo Centro di Distribuzione.

– allo stradale provinciale: il plico deve contenere tutti gli invii diretti alle località della
provincia che condividono la 4a cifra del CAP (esempio: Gavoi 08020, Dorgali
08023, Oliena 08025).

Qui di seguito è illustrata una sintesi delle modalità di raggruppamento in plichi:

Posta Target NON meccanizzabile Modalità di raggruppamento


C.A.P. Destinazione < 10 invii >= 10 invii
a
La provincia ha la 3 Località di provincia Raggruppamento in plichi Raggruppamento in plichi
cifra C.A.P. = 0 o 8 alla 4a cifra C.A.P. alla 5a cifra C.A.P.1
Le città hanno la 3a Città la cui 4a e 5a Raggruppamento in plichi alla 3a cifra C.A.P.
cifra C.A.P. = 1 o 9 cifra siano = 0
Città la cui 4a e 5a Plico unico Raggruppamento in plichi
cifra siano ≠ 0 con alla 5a cifra C.A.P.2
un solo CPD/CSD
Città la cui 4a e 5a Plichi per CPD/CSD Raggruppamento in plichi
cifra siano ≠ 0 con alla 5a cifra C.A.P.
più di un CPD/CSD3
(1) Con 5a cifra = 0 è comunque necessario un raggruppamento per singola località
(2) Riguardo le principali 27 città italiane
(3) È il caso di 13 città italiane

29
Se la spedizione è diretta a uno dei capoluoghi di provincia suddivisi in CAP e con più
di un CPD/CSD, in presenza di un numero di invii <10, i plichi devono comunque
essere raggruppati per CPD/CSD.

Per esempio, in presenza di un numero di invii <10 diretti ad Ancona città, capoluogo
ripartito in CAP ma con un unico CPD/CSD, è richiesta la formazione di un plico unico
in miscellanea di CAP. Nel caso di invio a Roma, capoluogo ripartito in CAP con più
Centri di Distribuzione, dovrà essere formato un plico per ogni CAP da riaggregare poi
per singolo CPD/CSD (es. Roma Eur, Roma Prati, ecc).

14.3 ETICHETTATURA DELLE SCATOLE

Ogni scatola dovrà essere corredata da un’apposita etichetta sulla quale dovranno
essere riportate le seguenti informazioni:

1. Codice della Spedizione: codice alfanumerico costituito da:


a. codice del prodotto (Postatarget)
b. identificativo dell’azienda speditrice (indicare il codice cliente SAP e il nome
cliente in chiaro)
c. frazionario/AGE del Centro Postale di impostazione (indicare il codice AGE e il
nome del centro in chiaro)
d. data di impostazione (gg/mm/aa)
2. Prodotto Omologato: indicare se il prodotto è omologato, in caso positivo inserire il
numero di omologazione prodotto
3. Formato: normalizzato, compatto, voluminoso o extraformato
4. Linea di Prodotto: indicare P
5. Peso unitario dell’invio
6. Bacino di destinazione: riportare il nome del Bacino di riferimento come indicato
nella colonna 1 allegato 2. In caso di MIX Bacini indicare “MIX Bacini”
7. Destinazione; in base al livello di aggregazione indicare:
a. il CAP e il nome della provincia, nel caso di CAP univoco (es. 00144 Roma)
b. località provinciale e il nome della provincia (es. 00040 Pomezia)
c. il nome della città o provincia (es. Bologna città)
d. in caso di scatola con invii in miscellanea di province di destinazione indicare
“MIX province”
e. in caso di MIX Bacini indicare “MIX Bacini”

30
L’etichetta deve essere di formato A5 (cm 21 di larghezza x 14,8 di altezza) come da
esempio (invii meccanizzabili):

ETICHETTA SCATOLA

Prodotto Azienda Speditrice Centro di Impostazione


Data di Impostazione
(Cod. Materiale) (ID SAP + nome Cliente) (AGE + nome Centro)
CODICE
SPEDIZIONE
“POSTA TARGET” “XXXXXXXX" NOME CLIENTE) AGEXXXXX (NOME CENTRO) GG/MM/AAAA

Prodotto Omologato SI NO Codice Omologazione "XXXXXXXX”

Formato Normalizzato Compatto Voluminoso Libero Extraformato

Linea di Prodotto (solo se Meccanizzabile) P M Peso unitario (in grammi)

BACINO Scatola riempita parzialmente SI NO

DESTINAZIONE

(Indicare CAP, Località o Provincia)

14.4 ETICHETTATURA DEI PLICHI

Ogni plico dovrà essere corredato da un’apposita etichetta sulla quale dovranno
essere riportate le seguenti informazioni:

1. Centro postale di accettazione


2. Azienda mittente
3. Codice invio
4. Identificativo del plico (a disposizione del cliente)
5. Numero di invii contenuti nel plico (facoltativo)
6. Formato: indicare M o Non Meccanizzabile
7. Codice omologazione (obbligatorio solo per il formato M)
8. Bacino di destinazione
9. CAP
10. Destinazione
11. Codice prodotto (Postatarget)
12. Codice a barre, facoltativo, come da specifiche fornite da Poste Italiane e
pubblicate sul sito www.poste.it

Vista la presenza di una reggetta sopra l’etichetta che porta l’indicazione della

31
destinazione del plico ed il codice a barre, è necessario porre particolare attenzione
all’applicazione della stessa sul plico al fine di evitare che il codice a barre venga
coperto dalla reggetta.

Gli accorgimenti da seguire per una corretta lettura del codice a barre sono quindi:

• Realizzare sull’etichetta due codici a barre, uno in alto a sinistra ed uno in basso a
destra. In questo modo la mancata lettura di uno dei codici non preclude la mancata
lettura anche dell’altro.
• Realizzare un’etichetta di formato il più vicino possibile alle dimensioni del plico, in
modo da evitare spostamenti ed eventuali perdite dell’etichetta stessa.

Esempio di etichetta per plichi:

Centro
Postale Azienda Codice
Detentore
Conto
Mittente Invio

Plico: 646-000/ 0001 028 Invii


Formato: M COD. OMOLOGAZ.: AB1234

MILANO 1
C.A.P. 20068
PESCHIERA BORROMEO

postatarget

14.5 AGGREGAZIONE E CONFEZIONAMENTO DEI PALLET

L’aggregazione dei contenitori in pallet completa l’attività di preparazione e


organizzazione delle spedizioni. È importante che i pallet siano confezionati in
maniera da assicurarne l’integrità durante il trasporto e la movimentazione.
Per questo è necessario fare attenzione durante l’imballaggio ed è consigliabile
rinforzare gli angoli del pallet con apposito sostegno in cartone.
Tutte le scatole devono rientrare nella sagoma del pallet.

32
14.5.1 Caratteristiche fisiche del pallet

I pallet devono avere le seguenti caratteristiche:

– pallet cm 80x120 (o misure modulari: cm 80x60, cm 120x120);


– altezza massima cm 150;
– volume minimo m3 0,5.

Per quanto riguarda i limiti di peso occorre distinguere due tipologie di invio:

pallet non impilabili:


– peso lordo minimo Kg 90;
– peso lordo massimo Kg 700;

pallet impilabili:
– peso lordo minimo per singolo pallet non inferiore a Kg 90. È indispensabile in
questo caso l’apposizione di sostegni di cartone agli angoli;
– peso lordo massimo del pallet impilabile non superiore a Kg 350.

Gli invii in plichi che compongono il pallet devono essere ordinati tutti nello stesso
modo, con l’indirizzo rivolto verso l’alto e in ordine ascendente o discendente dei CAP.

Le scatole vanno disposte in modo che le etichette siano sempre esterne al


pallet e ben visibili.

14.5.2 Criteri di aggregazione delle scatole/plichi nei pallet

In funzione della composizione e consistenza della spedizione, sono previste diverse


modalità di consolidamento.

A. PALLET OMOGENEO PER CAP DI DESTINAZIONE E LOCALITÀ PROVINCIALE

In presenza di quantitativi di scatole/plichi tali da consentire la formazione di pallet


dedicati (almeno 0,5 m3) o per singolo CAP o per singola località provinciale del
medesimo Capoluogo di provincia, occorre sempre comporre un pallet omogeneo per
CAP o località provinciale di destinazione.

Es: Pallet dedicato composto da scatole/plichi aventi tutte lo stesso CAP e Pallet
composto da scatole/plichi dirette alla stessa località provinciale del capoluogo di
provincia.

33
BOLOGNA CITTÀ BOLOGNA PROVINCIA
CAP 40141 CAP 40010
Bentivoglio

B. PALLET OMOGENEO DISTINTAMENTE PER CITTÀ E PROVINCIA DI


DESTINAZIONE

Quando la numerosità delle scatole/plichi non permette la formazione di pallet


secondo quanto descritto al punto A, si procederà alla formazione di pallet dedicati
(almeno 0,5 m3) o per la città o per la provincia dei Capoluoghi di provincia.

VERONA PROVINCIA VERONA CITTÀ

C. PALLET OMOGENEO PER CITTÀ E PROVINCIA IN MISCELLANEA DI


DESTINAZIONE

Nel caso in cui la numerosità delle scatole/plichi non consenta la formazione di pallet
separati per la città e la provincia del medesimo capoluogo, come descritto al punto B,
si procederà alla formazione di pallet (almeno 0,5 m3) contenenti scatole/plichi diretti
sia alla città che alle località della stessa provincia.

34
BOLOGNA VERONA BRESCIA

D. PALLET OMOGENEO PER BACINO

Quando la numerosità delle scatole/plichi non permette le aggregazioni descritte ai


punti precedenti, occorre comporre pallet contenenti scatole/plichi dirette allo stesso
bacino (secondo quanto riportato nell’allegato 2 colonna1).

MILANO 1 NAPOLI PADOVA 2

E. PALLET CON BACINI DIVERSI

È possibile comporre pallet contenenti scatole/plichi dirette a diversi bacini solo


quando il numero delle scatole/plichi non permette le aggregazioni descritte ai punti
precedenti.

Es. Spedizioni composte da quantitativi tali da consentire solo la formazione di pallet


per bacini diversi.

35
MIX BACINI

F. SCATOLE IN MISCELLANEA DI BACINI

Le scatole contenenti miscellanea di Bacini vanno sempre consegnate a parte e nelle


quantità consentite.

14.6 ETICHETTATURA PALLET

Nel caso di pallet la dimensione dell’etichetta non deve essere inferiore a quella del
formato A4 (cm 21 x 29,7).

Le informazioni richieste sono:


1. Codice della Spedizione: codice alfanumerico costituito da:
a. codice del prodotto (Postatarget)
b. identificativo dell’azienda speditrice (indicare il codice cliente SAP e il nome
cliente in chiaro)
c. frazionario/AGE del Centro Postale di impostazione (indicare il codice AGE e il
nome del centro in chiaro)
d. data di impostazione (gg/mm/aa)
2. Prodotto Omologato: indicare se il prodotto è omologato, in caso positivo inserire il
numero di omologazione prodotto
3. Formato: normalizzato, compatto, voluminoso o extraformato
4. Linea di Prodotto: P o M da indicare solo nel caso di invii meccanizzabili
5. Peso Netto del Pallet
6. Tara scatole: indicare la tara delle scatole presenti sul pallet
7. Tara pallet: indicare la tara del pallet
8. Bacino di destinazione: riportare il nome del Bacino di riferimento come indicato
nella colonna 1 allegato 2
9. Destinazione: in base al livello di aggregazione indicare
a. il CAP e il nome della provincia, nel caso di CAP univoco (es. 00144 Roma)
b. località provinciale e il nome della provincia (es. 00040 Pomezia)
c. lo stradale provinciale e il nome della provincia (Roma provincia, stradale 4)
e. il nome della città o provincia (es. Bologna città)
f. In caso di scatole dirette a bacini diversi indicare pallet “MIX bacini”.

36
Le indicazioni richieste devono essere riportate sul modello come illustrato:

ETICHETTA PALLET

Prodotto Azienda Speditrice Centro di Impostazione


Data di Impostazione
(Cod. Materiale) (ID SAP + nome Cliente) (AGE + nome Centro)
CODICE
SPEDIZIONE
“POSTA TARGET” “XXXXXXXX" NOME CLIENTE) AGEXXXXX (NOME CENTRO) GG/MM/AAAA

Prodotto Omologato SI NO Codice Omologazione "XXXXXXXX”

Formato Normalizzato Compatto Voluminoso Libero Extraformato

Linea di Prodotto (solo se Meccanizzabile) P PESO NETTO TOTALE PALLET


M
(in Kg)

TARA SCATOLE
BACINO
(in gr)

TARA PALLET
DESTINAZIONE (in Kg)

(Indicare CAP, Località o Provincia)

15 APPENDICE

15.1 FORMATI BUSTA

Gli invii vanno confezionati in busta cartacea con lato sinistro apribile (rispetto alla
faccia dove è posizionato l’indirizzo destinatario); in alternativa possono essere
cellophanati.

I formati busta standard preferibili sono:

FORMATO DIMENSIONI
DL 220 mm x 110 mm
C5/C6 229 mm x 114 mm
C6 162 mm x 114 mm
C5 229 mm x 162 mm
C4 324 mm x 229 mm

37
15.2 MATERIALE BUSTA

Le caratteristiche del materiale consigliate per la realizzazione della busta sono:

CARATTERISTICHE – BUSTA VALORI


Grammatura (UNI EN ISO 536/98) 80-120 g/m2
Spessore (EN 20534/94) 100 ÷ 150 μm
Opacità (UNI 7624/86) ≥ 90 %
Indice di lacerazione (UNI EN 21974/95): ≥ 6 mNm2/g

Le caratteristiche del materiale consigliate per la realizzazione della finestra della


busta sono:

CARATTERISTICHE – FINESTRA BUSTA VALORI


Materiale Tipo Polistirene
Grammatura (UNI EN ISO 536/98) 34 g/m2 ± 5 %
Spessore (ASTM D 374 C) 32 μm ± 5 %
Gloss a 60°(ASTM D 2457/77) ≤ 60 %
Haze (ASTM D 1003/88) ≤ 25 %
Resistenza alla lacerazione (ASTM D 1004– 94) Long ≥ 50 N/mm
(N/mm di spessore) Trasv ≥ 30 N/mm

15.3 MATERIALE CARTOLINA

Per quanto concerne gli invii in cartolina, le dimensioni tipiche del formato variano da
140 x 90 mm fino a 220 x 110 mm.

Le caratteristiche del materiale consigliate per la realizzazione della cartolina sono:

CARATTERISTICHE – CARTOLINA VALORI


Grammatura (UNI EN ISO 536/98) 190 ÷ 280 g/m2
Spessore (EN 20534/94) 150 ÷ 300 μm
Resistenza a flessione (UNI 9070/94) ≥ 44,0 mN
Indice di lacerazione (UNI EN 21974/95) ≥ 6 mNm2/g

38
15.4 MATERIALE FILM PLASTICO

Le caratteristiche del materiale consigliate per la realizzazione del confezionamento


dell’invio con film plastico termoretraibile sono:

CARATTERISTICHE – FILM PLASTICO VALORI


Tipo polietilene a bassa
Natura del materiale riconoscimento IR densità e a basso indice
di fluidità
Spessore (ASTM D 374 C) μm 25 - 30
Gloss a 60° (ASTM D – 2457) ≤ 60 %
Trasmittanza (ASTM D – 1003) ≥ 80 %
Haze (ASTM D – 1003) ≤ 20 %
Resistenza alla lacerazione media long ≥ 50 N/mm
(ASTM – D 1004/94°) trasv ≥ 50 N/mm
Resistenza a trazione (ASTM D – 882) long ≥ 13,50 N/mm2
trasv ≥ 11,50 N/mm2

15.5 BLOCCO INDIRIZZO

15.5.1 Definizione

Si definisce “blocco indirizzo” l’insieme delle righe che compongono l’indirizzo.

Per comodità, nel seguito ci riferiamo al blocco indirizzo come al rettangolo che
circoscrive le righe dell’indirizzo, come mostrato negli esempi seguenti:

MARIO ROSSI SPETT. ARCHITETTO SALVATORE ALESSANDRINI


VIALE EUROPA 175 LUIGI BIANCHI VIALE EUROPA 175
00144 ROMA RM VIA PAISIELLO 32 00144 ROMA RM
74012 MARTINA FRANCA TA

15.5.2 Composizione di indirizzi standard

Gli indirizzi da apporre sugli oggetti postali vengono composti nel rispetto dei requisiti
relativi alla struttura dell’indirizzo, al suo formato ed al suo contenuto.

39
TABELLA DI SINTESI DELLE REGOLE DEGLI INDIRIZZI

REGOLA DESCRIZIONE ISTRUZIONI

L’indirizzo deve essere composto da un minimo di 3 righe a un massimo


di 5 righe. Ogni riga è dedicata a specifiche informazioni, come indicato a) Rispettare l’ordine delle righe
nella seguente tabella: b) Le tre righe obbligatorie
NOME vanno sempre indicate
DESCRIZIONE RIGA OBBLIGATORIA
RIGA c) Non lasciare righe vuote
DESTINATARIO tra la prima e l’ultima
1- DEST SI dell’indirizzo. In particolare,
Titolo, nome e cognome o Ragione sociale
se una riga facoltativa non è
AGGIUNTIVE
2- A GG NO presente non lasciare spazi
Informazioni per specificare meglio il destinatario
d) La riga IND non può essere
EDIFICIO spezzata in due, cioè non
Eventuali informazioni sull’edificio (scala, piano, può andare su più righe;
Struttura interno, isolato, palazzina etc). Queste informazioni
1 nel caso di vie con nomi molto
3- EDIF sono necessarie nel caso di unità abitative NO lunghi, è necessario usare
particolarmente complesse: è il caso di parchi
privati con più stabili e con viabilità interna, la denominazione abbreviata
condomini di grandi dimensioni standard (30 caratteri escluso
il civico) pubblicata da
INDIRIZZO Poste Italiane seguita dal
Contiene nell’ordine il qualificatore (via, corso, numero civico del destinatario
4- IND SI
piazza…), il nome della via, il numero civico. e) Il civico deve stare
In alternativa la CASELLA POSTALE sempre sulla stessa riga
LOCALITA dell’INDIRIZZO, cioè
Contiene nell’ordine il CAP, la località la riga IND
5- LOC SI
di destinazione e la sigla della provincia.
Tutte le informazioni sono obbligatorie
Compilare in maiuscolo almeno
Le ultime due righe dell’indirizzo dovranno essere sempre compilate
le seguenti righe dell’indirizzo:
2 in caratteri maiuscoli.
INDIRIZZO
È comunque preferibile che ogni riga sia in maiuscolo
LOCALITA’
Formato
In particolare nelle righe:
3 Evitare punteggiatura, sottolineature e caratteri speciali INDIRIZZO
LOCALITA’
4 Indicare il numero civico dopo il nome della via, mai prima
Il nome della via può essere
Se l’indirizzo è diretto ad una delle 27 città suddivise in zone postali espresso anche nella forma
5 il nome della via deve essere espresso in forma standard pubblicata standard abbreviata
nel Codice di Avviamento Postale in vigore. (MAX 30 caratteri)
pubblicata da Poste Italiane.
Ulteriori informazioni relative
al destinatario (codici prodotto
Nella riga IND, dopo il numero civico del destinatario evitare
6 o cliente, sigle, numeri etc.)
di apporre altri elementi.
possono essere rappresentate
nella riga AGG o nella riga EDIF.
Per corrispondenza diretta a casella postale, indicare nella riga IND la dizione
7
“CASELLA POSTALE” seguita da un numero massimo di 5 cifre.
Può essere espressa anche
Contenuto La località di destinazione deve essere espressa in forma standard pubblicata nella forma standard abbreviata
8 (25 caratteri) pubblicata
nel Codice di Avviamento Postale in vigore.
da Poste Italiane.
Se l’indirizzo è diretto ad una delle 27 città suddivise in zone postali
9 il CAP non deve essere generico, ma deve essere quello specifico associato
alla via e al numero civico del destinatario.
Se l’indirizzo è diretto ad una qualsiasi altra destinazione, il CAP deve essere
10 congruente con quello della Località di destinazione pubblicato nel Codice
di Avviamento Postale in vigore.
Qualora si desideri mantenere
Se la corrispondenza è diretta ad una frazione non inclusa nel Codice
anche l’informazione della
11 di Avviamento Postale, è necessario indicare il CAP e il nome del Comune
Frazione, questa può essere
di appartenenza della frazione.
inserita nella riga EDIFICIO.

40
15.5.3 Dettaglio struttura dell’indirizzo

L’indirizzo deve essere composto da un minimo di 3 righe a un massimo di 5 righe.

Ogni riga è dedicata a specifiche informazioni, come indicato nella tabella seguente:

RIGA NOME DESCRIZIONE OBBLIGATORIA


RIGA
1a DEST DESTINATARIO
Titolo, nome e cognome o Ragione sociale SI
a
2 AGG AGGIUNTIVE
informazioni per specificare meglio NO
il destinatario
3a EDIF EDIFICIO
informazioni sull’edificio (scala, piano, NO
interno, isolato, palazzina, etc)
4a IND INDIRIZZO
Contiene nell’ordine il qualificatore (via, corso, SI
piazza…), il nome della via, il numero civico.
In alternativa la CASELLA POSTALE
5a LOC LOCALITÀ
Contiene nell’ordine il CAP, la località SI
di destinazione e la sigla della provincia.
Tutte le informazioni sono obbligatorie

Le righe sempre obbligatorie sono tre:

DEST MARIO ROSSI


IND VIALE ROMAGNA 12
LOC 20133 MILANO MI

Le righe facoltative sono due:

AGG PRESSO ASSICURAZIONI UNITE


EDIF ED. 12 INT. 8 PIANO 4

e sono posizionate tra la riga del DESTINATARIO e la riga dell’INDIRIZZO. Possono


essere usate per specificare gli elementi che servono ad individuare meglio il
destinatario (quali ad esempio: presso, alla c.a., num. riferimento, codice identificativo
cliente, etc.) e l’edificio (scala, interno, piano, stabile, isolato, palazzina, etc.).

41
Nel caso di unità abitative particolarmente complesse (condomini di grandi dimensioni,
parchi privati con più stabili e con viabilità interna) si raccomanda di indicare le
informazioni relative nella riga EDIFICIO per facilitare l’individuazione del punto di
recapito.

ISTRUZIONI

• Rispettare l’ordine delle righe

SI NO
MARIO ROSSI MARIO ROSSI
INTERNO 12 PIANO 4 VIALE EUROPA 300
VIALE EUROPA 300 INTERNO 12 PIANO 4
00144 ROMA RM 00144 ROMA RM

• Le tre righe obbligatorie vanno sempre indicate

SI NO
COMUNE DI PESCARA
65121 PESCARA

MARIO ROSSI MARIO ROSSI


VIA MAZZOLA 10 VIALE KANT 121
00142 ROMA RM
PALAZZO SANTI
PIAZZA CAVOUR
00193 ROMA RM

• Non lasciare righe vuote tra la prima e l’ultima dell’indirizzo. In particolare, se una
riga facoltativa non è presente, non lasciare spazi

SI NO
ASSICURAZIONI INA ASSICURAZIONI INA
C.A. MARIO ROSSI C.A. MARIO ROSSI
ISOLATO 12 INT 3
VIA ALDO MORO 17 VIA ALDO MORO 17
56122 PISA PI 56122 PISA PI

• La riga INDIRIZZO non può essere spezzata in due, cioè non può andare su più
righe; nel caso di vie con nomi molto lunghi, è necessario usare la denominazione
abbreviata standard (30 caratteri escluso il civico) pubblicata da Poste Italiane
seguita dal numero civico del destinatario.

42
SI NO
SIG. MARIO ROSSI SIG. MARIO ROSSI
PIAZZA CARD S RIARIO SFORZA 143 PIAZZA CARDINALE SISTO
80139 NAPOLI NA RIARIO SFORZA 143
80139 NAPOLI NA

• Il civico deve stare sempre sulla stessa riga dell’INDIRIZZO, cioè la riga IND

SI NO
SIG.RA MARIA ROSSI SIG.RA MARIA ROSSI
VIALE DEI PROMONTORI 485 VIALE DEI PROMONTORI
00122 ROMA RM 485
00122 ROMA RM

15.5.4 Formato dell’indirizzo

Compilare in maiuscolo almeno le ultime 2 righe dell’indirizzo:

DEST Mario Rossi


IND VIALE ROMAGNA 12
LOC 20133 MILANO MI

È comunque preferibile che ogni riga del blocco indirizzo sia in maiuscolo.

Evitare punteggiatura, sottolineature e caratteri speciali in particolare nelle righe


INDIRIZZO, LOCALITA’.

SI NO
SIG. MARIO ROSSI
VIA MAR ROSSO, 5
00122 ROMA RM
SIG. MARIO ROSSI
VIA MAR ROSSO – N° 5
SIG. MARIO ROSSI 00122 ROMA RM
VIA MAR ROSSO 5
00122 ROMA RM SIG. MARIO ROSSI
VIA MAR ROSSO
00122 ROMA (RM)
SIG. MARIO ROSSI
VIA MAR ROSSO, 5
00122 ROMA - RM

43
Indicare il numero civico dopo il nome della via, mai prima

SI NO
SIG. MARIO ROSSI SIG. MARIO ROSSI
VIA APPIA NUOVA 5 5, VIA APPIA NUOVA
00183 ROMA RM 00183 ROMA RM

15.5.5 Contenuto dell’indirizzo

RIGA INDIRIZZO

Se l’indirizzo è diretto ad una delle 27 città suddivise in zone postali, il nome della via
deve essere espresso in forma standard pubblicata nel Codice di Avviamento Postale
in vigore.
Può essere espresso anche nella forma standard abbreviata (MAX 30 caratteri)
pubblicata da Poste Italiane.

SI NO
SIG. MARIO ROSSI SIG. MARIO ROSSI
VIA GIOVANNI BATTISTA PERGOLESI 12 VIA PERGOLESI 12
60125 ANCONA AN 60125 ANCONA AN

SIG.RA MARIA VERDI SIG.RA MARIA VERDI


VIA DELLA CHIESA 11 VIA CHIESA 11
50125 FIRENZE FI 50125 FIRENZE FI

SIG. MARIO ROSSI SIG. MARIO ROSSI


PIAZZA CARDINALE SISTO RIARIO SFORZA 143 P RIARIO SFORZA 143
80139 NAPOLI NA 80139 NAPOLI NA

SIG. MARIO ROSSI SIG. MARIO ROSSI


PIAZZA CARD S RIARIO SFORZA 143 PZZA SFORZA 143
80139 NAPOLI NA 80139 NAPOLI NA

Dopo il numero civico del destinatario evitare di apporre altri elementi.


Ulteriori informazioni relative al destinatario (codici prodotto o cliente, sigle, numeri
etc.) possono essere rappresentate nella riga AGGIUNTIVE o nella riga EDIFICIO.

44
SI NO
DITTA FLEX Spett.le DITTA FLEX
C.A. MARIO ROSSI C.A. MARIO ROSSI
INTERNO 27 VIA APPIA NUOVA 12, interno 27
VIA APPIA NUOVA 12 00183 ROMA RM
00183 ROMA RM

SIG. MARIO ROSSI P12443 Spett.le DITTA FLEX


ED. 12 INT 27 C.A. MARIO ROSSI
VIA FRANCESCO CILEA 12 VIA FRANCESCO CILEA 12 P12443
20151 MILANO MI ED. 12 INT. 27
20151 MILANO MI
SIG. MARIO ROSSI
ISOLA 22 SIG. MARIO ROSSI
LARGO DELL’OLGIATA 15 LARGO DELL’OLGIATA 15 ISOLA 22
00123 ROMA RM 00123 ROMA RM

Nel caso di unità abitative particolarmente complesse (condomini di grandi dimensioni,


parchi privati con più stabili e con viabilità interna) si raccomanda di indicare le
informazioni relative nella riga EDIFICIO per facilitare l’individuazione del punto di
recapito.

Per corrispondenza diretta a casella postale, indicare nella riga INDIRIZZO la dizione
“CASELLA POSTALE” seguita da un numero massimo di 5 cifre.

SI NO
SPETT. CARTOGRAFICA VERDI SPETT. CARTOGRAFICA VERDI
CASELLA POSTALE 19123 CAS. POS. 19123
00173 ROMA RM 00173 ROMA RM

SPETT. CARTOGRAFICA VERDI


SPETT. CARTOGRAFICA VERDI C.P. 19123
C.A. SIG. MARIO ROSSI 00173 ROMA RM
CASELLA POSTALE 19123
00173 ROMA RM SPETT. CARTOGRAFICA VERDI
PO. BOX 19123
00173 ROMA RM

45
RIGA LOCALITÀ

La località di destinazione deve essere espressa in forma standard pubblicata nel


Codice di Avviamento Postale in vigore. Può essere espressa anche nella forma
standard abbreviata (25 caratteri) pubblicata da Poste Italiane.

SI NO
MARIO ROSSI MARIO ROSSI
VIA ABRUZZO 4 VIA ABRUZZO 4
51016 MONTECATINI TERME PT 51016 MONTECATINI PT
MARIO ROSSI MARIO ROSSI
VIA MUGGIA 4 VIA MUGGIA 4
34018 SAN DORLIGO DELLA VALLE TS 34018 SAN DORLIGO TS
MARIO ROSSI MARIO ROSSI
VIA ROMA 1 VIA ROMA 1
64045 SAN GABRIELE DELL’ADDOLORATA TE 64045 S G. DELL’ADDOLORATA TE
MARIO ROSSI MARIO ROSSI
VIA ROMA 1 VIA ROMA 1
64045 S GABRIELE ADDOLORATA TE 64045 SAN GABRIELE TE

Se l’indirizzo è diretto ad una delle 27 città suddivise in zone postali, il CAP non deve
essere generico ma deve essere quello specifico associato alla via e al numero civico
del destinatario desumibile dal Codice di Avviamento Postale in vigore.

SI NO
MARIO ROSSI MARIO ROSSI
VIA UDINE 1 VIA UDINE 1
89128 REGGIO CALABRIA RC 89100 REGGIO CALABRIA RC
MARIO ROSSI MARIO ROSSI
VIA VELIA 84 VIA VELIA 84
84122 SALERNO SA 84135 SALERNO SA
MARIO ROSSI MARIO ROSSI
VIA APPIA NUOVA 1240 VIA APPIA NUOVA 1240
00178 ROMA RM 00183 ROMA RM

Se l’indirizzo è diretto ad una qualsiasi altra destinazione, il CAP deve essere


congruente con quello della Località di destinazione pubblicato nel Codice di
Avviamento Postale in vigore.

46
SI NO
MARIO ROSSI MARIO ROSSI
VIA CARDANO 1 VIA CARDANO 1
20041 OMATE MI 20090 OMATE MI
MARIA BIANCHI MARIA BIANCHI
VIA DELLE ROSE 1 VIA DELLE ROSE 1
00019 TIVOLI RM 00010 TIVOLI RM
MARIO ROSSI MARIO ROSSI
VIA SARDEGNA 10 VIA SARDEGNA 10
00010 VILLA ADRIANA RM 00019 VILLA ADRIANA RM
MARIA BIANCHI MARIO ROSSI
CORSO GRAMSCI 1 CORSO GRAMSCI 1
52011 BIBBIENA AR 52010 BIBBIENA AR

Se la corrispondenza è diretta ad una Frazione non inclusa nel Codice di Avviamento


Postale, è necessario indicare, nella riga LOCALITÀ, il CAP e il nome del Comune di
appartenenza della Frazione.

Qualora si desideri mantenere l’informazione della Frazione, anche quando non


pubblicata da Poste Italiane, questa può essere inserita nella riga EDIFICIO senza
indicare alcun tipo di qualificatore.

SI NO
MARIO ROSSI
MARIO ROSSI
SALITA TUORO 2
SALITA TUORO 2
84011 TOVERE SA
84011 AMALFI SA
DITTA FLEX
DITTA FLEX C.A. MARIO ROSSI
C.A. MARIO ROSSI SALITA TUORO 2
TOVERE 84011 TOVERE (SALERNO) SA
SALITA TUORO 2
MARIA BIANCHI
84011 AMALFI SA
LOCALITA’ CASTELLACCIO
PIAZZA BOVE 2
MARIA BIANCHI
03018 PALIANO FR
CASTELLACCIO
PIAZZA BOVE 2 MARIA BIANCHI
03018 PALIANO FR PIAZZA BOVE 2 - CASTELLACCIO
03018 PALIANO FR

Le frazioni TOVERE, nel Comune di Amalfi, e CASTELLACCIO, nel Comune di


Paliano, non sono incluse nel Codice di Avviamento Postale.

47
15.6 POSIZIONAMENTO BLOCCO INDIRIZZO E LOGO

Di seguito sono riportate le specifiche per il posizionamento del blocco indirizzo e del
logo “Postatarget”:

• II blocco indirizzo (sia esso stampato direttamente sull’invio oppure incollato


tramite opportuna etichetta adesiva) deve essere posizionato in basso a destra
parallelamente al lato maggiore dell’invio o, esclusivamente per il formato
medio, in alto a destra parallelamente al lato minore dell’invio.

• Il blocco indirizzo deve essere libero da logotipi o scritte estranee (marchi di


fabbrica, fincature, scritte in microcaratteri, referenti commerciali, codici etc).

• La prima riga dell’indirizzo deve trovarsi ad una distanza minima di 45 mm dal


bordo superiore.

• La distanza tra il margine sinistro dell’indirizzo e il bordo laterale destro della


busta non deve essere superiore a mm 140.

È possibile riportare il blocco indirizzo ed il logo sul retro della busta, rispettando tutte
le specifiche della linea di Prodotto (posizionamento, tipografiche e zone di rispetto).
In questo caso il logo può essere posizionato differentemente rispetto alla zona
affrancatura, purché riportato al di sopra del blocco indirizzo. Ogni altra posizione
deve essere valutata da Poste Italiane.

In ogni caso il logo ed il blocco indirizzo devono essere riportati entrambi sul
medesimo lato.

15.7 SPECIFICHE TIPOGRAFICHE DEL BLOCCO INDIRIZZO

Di seguito sono riportate le specifiche tipografiche del blocco indirizzo destinatario:

• L’indirizzo deve essere scritto utilizzando inchiostro nero su sfondo bianco

• Carattere (font) da utilizzare:


• Arial
• Helvetica
• Lucida Console
• OCR 2-B
• per utilizzare altri caratteri è necessario contattare preventivamente Poste Italiane

• Dimensione carattere (font size): da 10 a 14 punti.

48
• Non si possono utilizzare caratteri:
• grassetto, sottolineati o condensati
• giganti, grafici, gotici, corsivi o simili
• con abbellimenti (grazie o serif)

• La distanza minima tra due caratteri di una stessa parola deve essere di 0,5 mm.

• La distanza tra due parole successive deve essere compresa tra 1 e 3 caratteri.

• Il numero di caratteri per pollice deve essere, indicativamente, compreso tra 8 e 12.

• L’interlinea deve essere singola o al massimo doppia e costante per tutte le linee
dell’indirizzo.

• Non deve esserci contatto tra una riga indirizzo e l’altra in verticale.

• Le righe dell’indirizzo devono essere parallele.

• Le righe dell’indirizzo devono essere allineate a sinistra.

• L’inclinazione delle righe indirizzo rispetto alla base della lettera deve essere
contenuta entro un angolo di 5°.

• L’eventuale etichetta indirizzo deve essere posizionata sul fronte dell’invio


parallelamente al lato maggiore.

15.8 SPECIFICHE ZONE DI RISPETTO

Di seguito sono riportate le specifiche relative alle zone di rispetto:

• Intorno al blocco indirizzo sul lato destro, sinistro e sul lato inferiore, deve essere
prevista una zona di rispetto pari a 15 mm di larghezza. Sul lato superiore deve
essere presente una zona di rispetto di 5 mm (obbligatoria per la linea di
prodotto Piccolo e Medio).

• La zona di 15 mm a partire dal bordo inferiore e per tutta la lunghezza


dell’invio deve comunque essere bianca o di un colore certificato da Poste Italiane
come riportato nel par. 15.9 (obbligatoria per la linea di prodotto Piccolo).

• La zona compresa tra i 25 mm dal bordo inferiore e 95 mm dal margine


sinistro della busta deve essere bianca o di un colore certificato da Poste Italiane
come riportato nel par. 15.9 (obbligatoria per la linea di prodotto Piccolo).

49
15.9 GESTIONE DEI COLORI NELLE ZONE DI RISPETTO

Poste Italiane, al fine di non limitare la grafica / creatività e contestualmente garantire


la meccanizzabilità del Prodotto, ha indicato una lista di colori ammessi ed eventuali
soluzioni alternative per la gestione delle zone di rispetto (ad esclusione del blocco
indirizzo).
Di seguito sono riportate le specifiche relative ai colori ed alle soluzioni applicabili per
le zone di rispetto previste sull’invio.

15.9.1 Pantoni

Poste Italiane ha scelto di certificare i colori ammessi per le zone di rispetto tramite la
tecnologia “Pantone” quale sistema di riferimento internazionale per la selezione, la
specifica, l’individuazione e il controllo dei colori.
In allegato 1 è riportato l’elenco dei Pantoni utilizzabili.
Tutti gli aggiornamenti sia dei colori Pantone che degli eventuali ulteriori sistemi di
gestione colorimetrica sono pubblicati sul sito di Poste Italiane (www.poste.it).

Esempio di busta standard con utilizzo del Pantone 101 U nelle zone di rispetto 95 x
25 e 15 x 229.

50
15.9.2 Fascia bianca semitrasparente

Qualora l’invio presenti nelle zone di rispetto (ad esclusione del blocco indirizzo) loghi,
disegni o colori non certificati è possibile applicare nella predisposizione grafica e nella
stampa dell’invio una fascia di colore bianco semitrasparente con una percentuale di
opacità pari a 85 %.

Esempio di busta standard con utilizzo della fascia bianca semitrasparente 85% nelle
zone di rispetto 95 x 25 e 15 x 229.

51