Sei sulla pagina 1di 2

Analisi delle novelle di Canterbury Tales

Autore Geoffrey Chaucer


Titolo Il racconto del mercante
Ambientazione e trama generale In Lombardia viveva un nobile cavaliere ancora
scapolo e compiuti i sessanta anni, gli venne il desiderio di unirsi in matrimonio, così
cominciò a guardarsi intorno per cercare la ragazza giusta. Così Gennaro, questo era il
suo nome, mandò a chiamare i suoi amici per informarli della sua decisione e chiese loro
di aiutarlo a trovare una ragazza giovane e bella di non piu' di venti anni, dalla quale
potesse avere un erede a cui lasciare le sue ricchezze. Cominciò così a gurdarsi intorno
per cercare la fanciulla giusta. La sua attenzione si concentrò su Maggiolina, una ragazza
umile ma bella e giovane, qualita' che lui cercava. Arrivò il grande giorno e Maggiolina e
Gennaro si unirono in matrimonio. Tutti erano felici tratte uno: lo scudiero di nome
Damiano, che da tempo lavorava a palazzo. Passarono dei giorni ed il povero Damiano
era afflitto dal dolore perche' non poteva rivelare il suo amore a Maggiolina che ormai era
diventata la sua padrona. Decise cosi di scriverle una lettera e la mise in un borsellino di
seta che se lo attaccò al collo così che poggiasse sul suo cuore. Il suo dolore era cosi
grande che non si presentò al lavoro. Gennaro notò la sua assenza e venne a conoscenza
del problema di salute di Damiano decise di andarlo a trovare insieme alla sua
Maggiolina. Damiano, nel momento piu' opportuno, riuscì a consegnare quel borsellino a
Maggiolina, che, rimase colpita dalla lettera e ritornò a trovare Damiano lasciandogli sotti
il cuscino la sua risposta benevola. Damiano, dopo aver letto la risposta di Maggiolina,
improvvisamente guarì dal suo male e riprese a lavorare. I giorni trascorsero sereni fino a
quando la sorte volle che Gennaro diventò cieco. La sua disperazione fu tanta per la paura
che sua moglie diventasse amante di qualcun altro. Con il tempo Gennaro accettò la sua
disgrazia ma divenne di una gelosia opprimente, tanto che Maggiolina non poteva fare
nulla senza di lui. Per questo la donna piangeva e nascondeva il suo amore per Damiano.
Maggiolina trovò il modo di far avere a Damiano la chiave del giardino dove lei era solita
passeggiare con il marito. Così un giorno si trovarono tutti e tre li ma Gennaro, cieco
come era, non si accorse di nulla. Maggiolina fece cenno a Damiano di salire sull'albero
di pero mentre lei e Gennaro passeggiavano. Una volta sotto il pero Maggiolina
manifestò il desiderio di mangiare una pera così Gennaro le consesse di salire, non
potendo lui stesso farlo. Fu così che Maggiolina e Damiano consumarono il loro amore
sul pero. In quel momento Plutone ridonò la vista a Gennaro che vedendo sua moglie con
Damiano cominciò ad inveiele contro.Maggiolina lo invitò a calmarsi e gli fece credere
che quello che aveva visto non era vero ma che era frutto di uno scherzo della vista dato
che era appena tornata. Il vecchio le credette e tornarono insieme a palazzo.
Descrizione dei personaggi Gennaro era un nobile che ha vissuto la maggior parte della
sua vita godendo dei beni terreni, solo a un certo punto preso da malinconia sposò
Maggiolina era una donna umile bella e giovane proveniente da una famiglia povera.
Tipo di narratore Il narratore principale è Chaucher e il narratore di secondo grado è

Descrizione della situazione e dei personaggi In questa novella spicca il piacere dei
beni terreni e come nella letteratura di Boccaccio anche in quella di Chaucher possiamo
trovare le quattro forze: qua spicca l'amore visto come un amore carnare e bios, l'ingegno
riconducibile alle azioni di Maggiolina e Damiano, e la sfortuna che, non essendo
casuale, gioca un ruolo fondamentale nel far diventare cieco Gennaro influendo sulle doti
umane e essendo appunto favorevole o sfavorevole come in questo caso. L'amore tra
Maggiolina e Damiano è inoltre determinato dall'ingegno.
Opinione personale Io penso che questa novella racchiuda la poetica di Boccaccio che,
simile a quella di Chaucher, denuncia lo stile di vita dell'epoca facendo riferimento sia
alla condizione sociale delle donne come quando Gennaro diventa geloso di Maggiolina e
la priva di libertà, sia a una visione del mondo laica.