Sei sulla pagina 1di 656

FISICA

TEORICA
VI
Meccanica
dei fluidi
Lev D. Landau Evgenij M. Lifsits

FISICA TEORICA
6
Meccanica dei fluidi

Editori Riuniti university press


Collana diretta da Carlo Bernardini

Prima edizione in questa nuova collana ottobre 2013

© 2013 Editori Riuniti university press - Roma


di Gruppo Editoriale Italiano srl - Roma

Titolo originale Teoreticheskaia fizika

Traduzione di Federico Rapuano

ISBN 978 88 6473 242 8

www.editoririuniti.it
Indice

Prefazione alla seconda edizione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . v1


Estratto dalla prefazione alla prima edizione rnssa. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . vm
Alc·une notazioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1x

CAPITOLO I. FLUIDI IDEALI


§ 1. L'equazione d·i contirmità . ..................................... . 1
§ 2. L 'eq·uazione d·i E'U,lero......................................... . 2
§ 3. Idrostatica . ................................................... . 6
§ 4. Condiz'ione di assenza di moti convettivi . ...................... . 8
§ 5. L'equazione d·i Berno·ulli ...................................... . 10
§ 6. Flusso di energia ..... ......................................... . 11
§ 7. Flusso di ·impulso ............................................. . 13
§ 8. Conservazione della circolaz'ione .............................. . 14
§ 9. Flusso potenziale . ............................................. . 17
§ 10. Fluidi incomprimibili . ......................................... . 20
§ 11. La forza di resistenza nel .flusso potenziale ..................... . 32
§ 12. Onde di gravità. ............................................... . 38
§ 13. Onde 'interne in ·un .fl'U,idoincomprirnibile ...................... . 45
§ 14. Onde in un .fluido in rotazione ................................ . Ll8

CAPITOLO II. FLUIDI VISCOSI


§ 15. Le eq'U,a.zionidel moto di ·u.n.fluido viscoso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
§ 16. Dissipazione di energia in un .fluido incomprim:ib'ile . . . . . . . . . . . . . 59
§ 17. Ffosso in v.n tubo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
§ 18. FZ.Ussotra. cilindri in rota.z-ione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
§ 19. Legge cli simila.rità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
§ 20. FZ.Ussocon nmner"i cli Reynolcls piccoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
§ 21. S eia. la.mina.re . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
§ 22. Viscosità delle sospens'ioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 87
§ 23. Soluzioni esatte delle eq'U.az'ionidel moto per un ffo.iclo visco.so . . . 89
§ 24. Moto o.scillatorio in ·un .fl·uiidoviscoso.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
§ 25. Smorza.mento delle onde d·i gra.v'ità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 110

CAPITOLO III. TURBOLENZA


§ 26. Sta.b·ilità del .fl·usso sta.z·iona.T'io................................. . 114
§ 27. Stabilità del .flusso rotatorio ................................... . 119
li

§ 28. Stabilità del flusso in ·un tubo ....... :.......................... 123


§ 29. Instabilità delle discontinuità tangenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
§ 30. Flusso quasi periodico e sincron-izzazione di .frequenza . . . . . . . . . . . 129
§ 31. Attrattori strani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
§ 32. Transizione alla turbolenza per raddoppio del periodo . , . . . . . . . . . 140
§ 33. Turbolenza svilv,ppata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
§ 34- Funzioni di correlazione della velocità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160
§ 35. La regione tv.rbolenta e ·ilfenomeno della separazione . . . . . . . . . . . 172
§ 36. Il getto turbolento.... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175
§ 37. La scia turbolenta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180
§ 38. Il teorema di Zlw.kovsky . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 182

CAPITOLO IV. LO STRATO LIMITE


§ 39. Lo strato lim-ite laminare . ..................................... . 186
§ 40. Ffosso in vic'inanza della l·inea di separazione .................. . 193
§ 41. Stab'ilità del ffosso nello stra/;o limite laminare ................. . 199
§ 42. Profilo logaritmico delle velocità ............................... . 204
§ 43. Flusso turbolento nei iv.bi ..................................... . 209
§ 44. Lo strato lim-ite tv.rbolento .................................... . 211
§ 45. La crisi di resistenza .......................................... . 213
§ 46. Corpi aerodinam:ici ........................................... . 217
§ 47. Res·istenza ·indotta ............................................ . 219
§ 48. Portanza di ·u.n'ala.sottile ..................................... . 224

CAPITOLO V. CONDUZIONE TERMICA NEI FLUIDI


§ 49. L 'eq·uazione genemle della prnpagazione del calore. . . . . . . . . . . . . . . 227
§ 50. Condv.zione termica. in un fì:u:ido·incomprimibile. . . . . . . . . . . . . . . . . 232
§ 51. Condv.zione termica. ·in v.n mezzo infìnito. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 236
§ 52. Condv.zione termica. in ·un mezzo .finito. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 241
§ 53. La. legge di similarità per la. propagazione del ca.lare . . . . . . . . . . . . . 246
§ 54. Propagazione del calore nello strato limite. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 249
§ 55. Riscalda.mento di un corpo in un .fl.v.idoin movimento . . . . . . . . . . . 255
§ 56. Convez-ione libera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 258
§ 57. Instabil-ità convettiva. di ·un .fluido a riposo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 263

CAPITOLO VI. DIFFUSIONE


§ 58. Le equazioni della. dinamica dei fluidi per una miscela di .fluidi .. 271
§ 59. Coefficiente di d·iff11,sionee d~ffv.sione term:ica . ................. . 274
§ 60. D~ff11,sioned·i particelle sospese in ·un .fl·uido .................... . 281
111

CAPITOLO VII. FENOMENI SUPERFICIALI


§' 61. Form11.lad·i La.place ............................................ . 284
§ 62. Onde cap'illari ................................................. . 291
§ 63. Effetto di pellicole assorbite s·u.lmoto di ·un hq11.ido............. . 296

CAPITOLO VIII. IL SUONO


§ 64- Onde sdnore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 299
§ 65. Energia e impulso delle onde sonore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 305
§ 66. Riflessione e rifrazione delle onde sonore..... .................. 310
§ 67. Acustica geometrica . .... .'.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 312
§ 68. Propagazione del sv.ono in v.n mezzo in movimento . . . . . . . . . . . . . 316
§ 69. Oscillazioni proprie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 321
§ 70. Onde sferiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 324
§ 71. Onde cilindriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 327
§ 72. S olv.zione generale dell 'eqv.azione delle onde . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 330
§ 73. Onda laterale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 333
§ 74. Emissione del sv.ono . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 338
§ 75. Eccitazione del suono dalla turbolenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 349
§ 76. Il principio di reciprocità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 353
§ 77. Propagazione del suono in 11.niv.bo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 356
§ 78. D4fusione del suono . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 359
§ 79. Assorbimento del suono . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35,1
§ 80. Flv.sso acustico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 371
s\" 81. Secmulo. ·1riscos·ità. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 375

CAPITOLO IX. ONDE D'URTO

s\' 82. Propagazione di perl11.rba.zion:iin v:n.fiv.sso di gas . . . . . . . . . . . . . . . 381


§ 83. Flusso sta.:àona:rio di un gas. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 385
§ 84. Superfici di discontinuità. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 389
§' 85. Adiabatica d'urto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 395
§ 86. Onde d ''ll:rtodeboli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 398
§ 87. Direzione di variazione delle q·1mnt'ità.fisiche nelle onde d '·ur/;o. . 401
§ 88. Evolv.zione delle onde d'urto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . "104
§ 89. Onde cl'urto in un gas poli tropico... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 406
§ DO. Instahildà cli onclv.lazione delle onde cl'urto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 409
§ 91. Propagazione cli un'onda cl'urto in ·u.n tubo.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 417
§ 92. Onde cl''l!.rtooblique............................................ 419
§ 93. Spessore delle onde cl'urto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 424
§ 94. Onde cl'urto in v:n.mezzo in rilassa.mento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 430
§ 95. Discontùwiità isoterma. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 432
§ 96. Discontinuità deboli... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 434
iv

CAPITOLO X. FLUSSO UNIDIMENSIONALE DI UN GÀS


§ 97. Flusso di un gas attraverso un ugello .......................... . 437
§ 98. Flusso viscoso di un gas in un tubo ............................ . 440
§ 99. Flusso unidimensionale av,tosimilare ........................... . 443
§ 100. Discontinuità nelle condizioni iniziali . ......................... . 451
§ 101. Onde progressive unidimensionali ............................. . 457
§ 102. Formazione di disconti77:uità in un'onda sonora ................ . 465
§ 103. Caratteristiche ................................................ . 472
§ 104- Invarianti di Riemann ........................................ . 476
§ 105. Ffosso v.nidimensionale arbitrario di un gas ............ , ...... . 480
§ 106. Esplosione forte .............................................. . 488
§ 107. Onda d'urto sferica di implosione ............................. . 492
§ 108. Teor'ia. del flusso in acqua poco profonda ....................... . 496

CAPITOLO XL INTERSEZIONE DI SUPERFICI DI DISCONTINUITÀ


§ 109. Onde di rare.fazione ........................................... . 500
§ 110. Classificazione delle intersezioni delle super.fici di discontinuità . . 506
§ 111. Intersezione di onde d'urto con una super,ficie solida ........... . 511
§ 112. Ffosso s·upeTsonico attorno ad un angolo ....................... . 514
§ 113. Ffosso attorno ad un ostacolo conico .......................... . 519

CAPITOLO XII. FLUSSO BIDIMENSIONALE DI UN GAS


§ 114. Fl'U.ssopotenzio.le di ·un gas ..................................... . 522
§ 115. Onde semplici stazionarie ...................................... . 525
§ 116. Eqv,azione d·i Chaplygin: il problema generale del .flusso
staZ'ionario bidimensionale di ·un gas ........................... . 530
§ 117. CaratteTistiche del .flusso stazionaTio bidimensionale . ........... . 534
§ 118. Eqv,azione di E·ulero-Tricomi. Flusso transonico ............... . 537
§ 119. Soluzione dell'equazione di Eulero-Tricomi in prossimità di punti
non singolari della S'Upe'Tfìdesonico. ............................ . 5L12
§ 120. Ffosso con la velocità del s1w·1w................................ . 546
§ 121. Riflessione di una discontinv:ità debole sulla linea sonica ....... . 552

CAPITOLO XIII. FLUSSO ATTORNO A CORPI DI DIMENSIONI FINITE


§ 122. Formazione di onde d '·urto nel flusso s·u,perso71:ico attorno a co'Tpi
solidi ..... .................................................... . 559
§ 123. Flusso supersonico attorno ad v.n corpo appv,ni'ito .............. . 562
§ 124- Flusso subsonico attorno ad v,n'ala sottile ... ................... . 567
§ 125. Ffosso supersonico attorno ad un'ala .......................... . 570
§ 126. Legge di similarità transonica ................................. . 573
V

§ 127. .Legge cli similarità ipersonica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 576

CAPITOLO XIV. DINAMICA DEI FLUIDI DELLA COMBUSTIONE


§ 128. Combustione lenta ............................................. . 580
§ 129. Detonazione ................................................... . 587
§ 130. Propagazione cl·iun'onda cli detonazione ........ ................ . 593
§ 131. RelazioTJ,etra diversi reg·imi cli combustione .................... . 601
§ 132. Discontinuità cli condensazione ................................ . 603

CAPITOLO XV. DINAMICA DEI FLUIDI RELATIVISTICA


§ 133. Il tensore energia-impulso .................................... . 606
§ 134. Eqv.azioni relat-ivistiche della dinamica dei fluidi ............... . 608
§ 135. Onde cl'urto in dinamica dei .fìuicli relativist·ica ................. . 613
§ 136. Equazioni relativistiche per il fl·usso con viscos·ità e concluzfone
term:ica....... ..................... ............................ 615

CAPITOLO XVI. DINAMICA DEI SUPERFLUIDI


§ 137. Proprietà fondamentali dei superfluidi ......................... . 618
§ 138. EJJetto termomeccanico ....................................... . 621
§ 139. Le eq·uazioni della dinamica dei sv.per_fì·u·icl i .................... . 622
§ 140. Processi dissipativi nei .mper_fìv.icli............................. . 628
§ 141. Propagazione del s·1wno nei s·uper:fìuicli ........................ . 631

Indice analitico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 639


PREFAZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE

Nelle prime due edizioni russe (Hi44, 1953), la meccanica dei fluidi costituiva
la prima parte del volume l'vfeccanica dei mezzi coni'in·ui, mentre ora costituisce un
volume separato.
Il contenuto e la presentazione restano gli stessi di quanto era stato detto nella
prefazione alla prima edizione che il lettore troverà nel seguito. Ci siamo proposti
di conservare il carattere di questa opera pur rivedendola e completandola.
Nonostante siano trascorsi trent'anni, il contenuto dell'opera, a meno di quàl-
che rara eccezione, non è divenuto obsoleto e non è stato sottoposto a modifiche
importanti. Sono invece stati aggiunti una quindicina di nuovi paragrafi.
La meccanica dei fluidi ha visto uno sviluppo estremamente rapido negli ulti-
mi decenni, il che ha portato ad un grande aumento della letteratura disponibile
sull'argomento. Gli sviluppi sono stati principalmente nelle applicazioni e nel-
la complessità sempre maggiore dei problemi accessibili al calcolo teorico (con o
senza computer). Tra questi, in particolare, i problemi dell'instabilità e del suo
sviluppo, compresi i regimi non lineari. Tutti questi argomenti sono, tuttavia, oltre
gli scopi di questo libro; in particolare i problemi di stabilità sono trattati, come
nella precedente edizione, solo dal punto di vista dei risultati ottenuti.
Neanche la teoria delle onde non lineari nei mezzi dispersivi, che pure è di-
ventata una branca rilevante della fisica matematica, è stata inclusa nell'opera.
L'argomento puramente idrodinamico di questa teoria riguarda le onde di grande
ampiezza sulla superficie di un liquido e le sue principali applicazioni sono nella
fisica dei plasmi, nell'ottica non lineare, in svariati problemi di elettrodinamica etc.;
per questo viene trattata in altri volumi di questo Corso di Fisico. Teorica.
Importanti sviluppi si sono avuti nella comprensione del meccanismo cli instau-
razione della turbolenza. Sebbene una teoria consistente della turbolenza non sia
ancora disponibile, ci sono ragioni per credere cli essere finalmente sulla buona stra-
da. Le idee basilari oggi note e i risultati ottenuti sono discussi in tre paragrafi
(§§30~32) scritti in collaborazione con M.I. Rabinovich, a cui esprimo tutta la mia
gratitudine per l'aiuto dato. Negli ultimi decenni la meccanica dei mezzi continui
si è arricchita di un nuovo campo: quello dei cristalli liquidi. Questi presentano
tratti che sono propri della meccanica dei liquidi e dei mezzi elastici. I fondamenti
della meccanica dei cristalli liquidi saranno tra gli argomenti della nuova edizione
del volume Teoria dell'elasticità.
Tra i libri che ho scritto con Landau questo ha un ruolo particolare. Per lui,
a quel tempo, la dinamica dei fluidi era la scoperta di un nuovo campo della fisica
teorica. Dal suo studio derivarono nuovi risultati di cui solo alcuni sono apparsi
su rivista e molti appaiono per la prima volta in questo libro. In questa nuova
edizione ho aggiunto ogni riferimento a me noto dei risultati dovuti a lui.
Nell'aggiornamento cli questo volume, così come cli tutti gli altri cli questo Corso,
sono stato aiutato e consigliato da molti amici e colleghi. In particolare vorrei
ricordare le discussioni con G.I. Barenblatt, L.P. Pitaevski, Y.G. Sinai e Y. B.
Zelclovich. Commenti utili sono venuti da A.A. Anclronov, S.I. Anisimov, V.A.
vii

Belokon, A. L. Fabrikant, V.P. Krainov, A.G. Kulikovski, M.A. Libennan, R.V.


Polovin e A.V. Timofeev. A tutti loro esprimo la mia sincera gratitudine.

E.M. Lifoits

Agosto 1984
ESTRATTO DELLA PREFAZIONE ALLA PRIMA
EDIZIONE RUSSA

Questo libro espone la meccanica dei fluidi come branca della fisica teorica
e questo ne determina in gran parte il carattere del contenuto e, per questo, è
essenzialmente diverso da altri testi sullo stesso argomento. Ci siamo sforzati ·di
riportare nel modo più completo possibile gli argomenti di interesse fisico dm1do
la presentazione più chiara possibile dei fenomeni e delle loro corrèlazioni. Dato il
carattere di questo libro, non abbiamo discusso né i metodi approssimati di calcolo
nella meccanica dei fluidi, né metodi empirici la cui giustificazione fisica non sia
sufficientemente approfondita. D'altra parte abbiamo incluso argomenti raramente
presenti nei corsi di meccanica dei fluidi quali la teoria della propagazione del
calore e della diffusione nei fluidi, l'acustica e la teoria della combustione. Abbiamo
anche esposto i fondamenti della dinamica dei fluidi relativistica e la dinamica dei
superfl nidi.
La lettura cli questo libro prevede la conoscenza dei principi della termodina-
mica. Dal punto di vista della matematica si devono conoscere a fondo l'analisi
vettoriale e l'algebra tensoriale. Quanto alla fisica matematica (teoria delle equazio-
ni differenziali alle derivate parziali lineari del secondo ordine), tutte le informazioni
necessarie e le soluzioni dei principali problemi sono date in parallelo all'esposizione
delle questioni fisiche corrispondenti.

L.D. Landau, E.M. Lifsits

Mosca, 1953
ALGUNE NOTAZIONI

Densità: p
Pressione: p
Temperatura: T
Entropia dell'unità di massa: s
Energia interna dell'unità dì massa: E
Entalpia: w =E+ p/ p
Rapporto dei calori specifici a pressione e volume costanti: 1 = cp/ Cv

Viscosità dinamica: 'I)


Viscosità cinematica: v = ·17/ p
Conduttività termica: K
Diffusività termica: x = K/pcp
Numero cli Reynolcls: R
Velocità del suono: c
Numero di Mach: M
Gli indici vettoriali e tensoriali (tridimensionali) sono indicati con lettere latine
·i, k, l, .... Gli indici uguali ("muti") implicano la somma. Il tensore unitario è Oik·
I riferimenti agli altri volumi di questo Corso di Fisica. Teorica. sono indicati
con cifre romane:
I - Meccanica
II - Teoria dei Campi
III - Meccanica Quantistica - Teoria non relativistica
IV - Teoria quantistica relativistica
V - Fisica Statistica, I parte
VII - Teoria dell'elasticità
VIII - Elettrodinamica dei Mezzi Continui
IX - Fisica Statistica, II parte
X - Fisica Cinetica
Tutti pubblicati da Editori Riuniti university press.
Capitolo I

FLUIDI IDEALI

§ 1. L 'eq·uazfone di continviità

La Dinamica dei Fl'Uidi riguarda lo studio del moto dei fluidi (liquidi e gas).
Poiché i fenomeni considerati nella dinamica dei fluidi sono macroscopici, un fluido
è considerato come un mezzo continuo. Ciò significa che ogni elemento cli volu-
me nel fluido, scelto arbitrariamente piccolo, è sempre sufficientemente grande da
contenere un numero molto alto di molecole. Di conseguenza, quando parliamo
di elementi infinitamente piccoli di volume, intenderemo sempre quelli che sono
"fisicamente" infinitamente piccoli, vale a dire molto piccoli rispetto al volume del
corpo considerato, ma grandi rispetto alle distanze fra le molecole. Le espressioni
particella di .fl'Uidoe p'Unto in 'Un .fl7J.idodevono essere interpretate in tal senso.
Se, ad esempio, parliamo dello spostamento cli una certa particella di fluido, non
intendiamo .lo spostamento di una. singola molecola, ma quello di un elemento cli
volume che contiene molte molecole, ciononostante considerato come un punto in
dina.mica dei fluidi.
Per descrivere matematicamente lo stato cli un fluido in movimento, si utiliz-
zano funzioni che danno la distribuzione della. velocità del fluido v = v(:i:, y, z, t)
e cli due qualsiasi grandezze termodinamiche pertinenti al fluido quali la pressione
p(:r, y, z, t) e la densità p(.r, y, z. i). Tutte le grandezze termodinamiche sono de-
terminate dai valori cli due qualsiasi cli esse, insieme all'equazione cli stato: da.te,
quindi, cinque quantità, va.le a dire le tre componenti della velocità v, la pressione p
e la densità p, Io stato del fluido in movimento risulta. completamente determinato.
Tutte queste quantità sono, in generale, funzione delle coordinate x, y, z e del
tempo t. Va sottolineato che v(.T, y, z, t) è la velocità. del fluido in un dato punto
(x, y, z) dello spazio all'istante /;, cioè si riferisce a punti determina.ti nello spazio
e non alle particelle specifiche del fluido che si muovono nello spazio nel corso cli
tempo. Le stesse osservazioni si applicano a p e p.
Deriviamo ora le equazioni fondamentali della dinamica dei fluidi. Cominciamo
con l'equazione che esprime la conservazione della materia. Consideriamo un certo
volume spaziale Va. La massa del fluido in questo volume è J pdV, dove p è la den-
sità del fluido e l'integrazione è estesa all'intero volume Va. La massa di fluido che
fluisce nell'unità. cli tempo attraverso un elemento df della superficie che delimita
questo volume è pv · clf; il modulo del vettore df è uguale all'area dell'elemento cli
superficie e la sua direzione è lungo la normale uscente. Per convenzione, prendia-
mo il segno positivo cli df lungo la normale uscente. Il prodotto pv · df è positivo
se il fluido si muove nel verso uscente da.I volume, negativo nel verso entrante. La
2 FLUIDI IDEALI Cap. I

massa totale di fluido uscente dal volume Va nèll'unità di tempo è, quindi,

.fpv · df,

dove l'integrazione è presa sull'intera superficie chiusa che circonda il volume in


questione.
Inoltre, la diminuzione per unità di tempo della massa di fluido nel volume Va,
può essere scritta come

-:tI peli!.
Uguagliando le due espressioni, abbiamo

:t/ pdV =- p pv · df. (1,1)

Tì·asformiamo l'integrale di superficie in un integrale di volume:

p pv · df = / divpvdV

Pertanto
/ (it + divpv) dii = O.

Poiché questa equazione deve valere per qualsiasi volume, l'integrando deve annul-
la.rsi, cioè
8p d"
at
+ 1vpv, (1,2)
che è l'eq1wzione di contfr1,11,ità.Sviluppando l'espressione divpv, possiamo anche
scrivere la (1,2) come
8
P.+pclivv+v-gradp=O. (1,3)
8t
Il vettore
j = pv (1,4)
è chiamato densità di flusso di massa. La sua direzione è quella del moto del
fluido, mentre il suo modulo è uguale alla massa del fluido che attraversa nell'unità
di tempo una superficie unitaria normale alla direzione della velocità.

§ 2. L'equazione di E11,lero
Consideriamo un certo volume nel fluido. La forza totale agente su questo
volume è uguale all'integrale
-_tpdf

calcolato sulla superficie che delimita il volume. Trasformando l'integrale di super-


ficie in un integrale cli volume, abbiamo

-p·pdf = - / gradpdV
§2 L'EQUAZIONE DI EULERO 3

Vediamo.,.quindi, che il fluido che circonda ogni elemento di volume dV esercita su


questo st.esso elemento una forza -dV grad p. In altre parole, possiamo dire che
tina forza -gradp agisce sull'unità di volume del fluido.
Possiamo allora scrivere l'equazione del moto di un elemento di volume nel
fluido uguagliando la forza -dV grad p al prodotto della massa p di una unità di
volume di fluido per la sua accelerazione dv/ dt:

dv
p dt = -gradp. (2,1)

La derivata dv/ dt che appare nella precedente equazione sta ad indicare non la
variazione della velocità del fluido in un punto fissato dello spazio, ma la variazione
della velocità di una data particella di fluido che si muove nello spazio. Questa
derivata deve essere espressa in termini di quantità che si riferiscono a punti fissati
nello spazio. A tal fine osserviamo che la variazione dv della velocità di una data
particella di fluido, nell'intervallo di tempo dt, è determinata da due contributi, la
variazione della velocità in un punto fissato dello spazio nel tempo dt e la differenza
tra le velocità (nello stesso istante) in due punti dello spazio distanti dr l'uno
dall'altro, dove dr è la distanza coperta dalla particella del fluido nell'intervallo di
tempo dt. Il primo contributo è dato da

dove la derivata 8v / 8t è presa con :r, y, z costanti, cioè in un dato punto dello
spazio. Il secondo contributo è dato da

av av av
d1:-a
•1:
+ cly-ay + dz-a z = (clr · grad)v .

Di conseguenza
av
dv= atclt + (clr · grad)v,
1
oppure, dividendo entrambi i membri per dt ),

clv av
- = - + (v·grad)v. (2,2)
clt at
Sostituendo quest'ultima nella (2,1), otteniamo

dv 1
-d
t
+ (v · grad)v = --gradp.
p
(2,3)

Questa è l'equazione del moto del fluido che stavamo cercando; fu ottenuta da
L. Eulero nel 1755. Essa è chiamata eqv.azione di E·ulero ed una delle equazioni
fondamentali della dinamica dei fluidi.
1
} La derivata d/ dt così definita è generalmente chiamata derivata temporale sostanziale, per
sottolineare il suo legame con il moto della sostanza.
4 FLUIDI IDEALI Cap. I

Se il fluido si trova immerso in un campo gravitazionale, su ògni unità cli volume


agirà una forza supplementare pg, dove g è l'accelerazione cli gravità. Questa forza
deve essere aggiunta al secondo membro dell'equazione (2,1), per cui l'equazione
(2,3) assume la forma

Dv gradp
-a
t
+ (v. grad)v = ---
p
+ g. (2,4)

Nel derivare le equazioni del moto non abbiamo in alcun modo tenuto conto dei
processi cli dissipazione dell'energia, che possono aver luogo in un fluido in mo':"i-
niento come conseguenza degli attriti interni (viscosità) al fluido e degli scambi cli
calore tra le sue diverse parti. L'intera discussione in questo e nei successivi para-
grafi del presente capitolo, quindi, ha validità solo se si considerano moti cli fluidi
cli cui possono esser trascurate la conduttività termica e la viscosità; tali fluidi si
chiamano ideali.
L'assenza cli scambi cli calore tra le diverse parti cli un fluido (e quindi anche
tra il fluido e i corpi con esso eventualmente in contatto) significa che il moto è
adiabatico in tutto il fluido. Si deve necessariamente assumere, pertanto, che il
moto cli un fluido ideale sia adiabatico.
In un moto adiabatico l'entropia cli ciascuna particella cli fluido rimane costante
durante il moto della particella nello spazio. Indicando con s l'entropia per unità
cli massa, possiamo esprimere la condizione per il moto adiabatico come

ds
-=O (2,5)
clt '
dove la derivata totale rispetto al tempo denota, come nella (2,1), la vanaz10ne
dell'entropia per mm data particella cli fluido in movimento. Questa condizione
può anche essere scritta
-fJs + v·grads = O. (2,6)
fJt
Questa è l'equazione generale che descrive il moto adiabatico cli un fluido ideale.
Utilizzando la (1,2), possiamo scriverla come una "equazione cli continuità" per
l'entropia:
a(ps) .
-a-+ cl1v(psv) = o. (2,7)
t
Il prodotto psv è la densità di .fl,v,sso di entrnpia,.
L'equazione adiabatica può essere resa in una forma più semplice. Se, come
generalmente accade, l'entropia è costante in tutto il volume del fluido ad un certo
istante cli tempo iniziale, essa conserverà lo stesso valore costante a tutti i tempi e
per ogni successivo moto del fluido. In questo caso possiamo scrivere l'equazione
adiabatica semplicemente come

s = costante, (2,8)

e nella trattazione che segue useremo generalmente questa forma. Un simile moto
è eletto isoentropico.
§2 L'EQUAZIONE DI EULERO 5

Useremo il fatto che il moto è isoentropico per rendere l'equazione (2,3) in una
forma leggermente diversa. Per farlo, impieghiamo la nota relazione termodinamica

dw = Tds + Vclp,
dove w rappresenta l'entalpia per unità di massa del fluido, V = 1/ p è il volume
specifico e T la temperatura. Poiché s = costante, otteniamo semplicemente
1
dw = Vdp = -dp,
p
e così (gradp)/p = gradw. L'equazione (2,3) può allora essere scritta nella forma
EJv
8t + (v · grad)v = -grad w. (2,9)

È utile menzionare un'ulteriore forma dell'equazione di Eulero, in cui compare solo


la velocità. Utilizzando la formula dell'analisi vettoriale
1
-gradv~
2
?
= [vrotv] + (v · grad)v,

possiamo scrivere la (2,9) come


EJv 1 ?
[v rot v] = -grad( w + -v~). (2,10)
EJt 2
Prendendo il rotore di entrambi i membri di questa equazione, otteniamo
a
-EJ(rot v) = rot[v rot v], (2,11)
t
in cui compare esplicitamente la sola velocità.
Le equazioni del moto devono essere corredate da opportune condizioni al con-
torno che devono esser soddisfatte sulle superfici che contengono il flnido. Per un
fluido ideale, la condizione al contorno è semplicemente che esso non possa pene-
trare una superficie solida. Ciò vuol dire che la componente della velocità del fluido
normale alla superficie deve annullarsi se questa è a riposo:

Vn = O. (2,12)

Nel caso generale di una superficie in movimento, Vn deve essere uguale alla corri-
spondente componente della velocità della superficie.
All'interfaccia tra due fluidi immiscibili, la condizione al contorno è che le com-
ponenti della pressione e della velocità normali alla superficie cli separazione siano
uguali per entrambi i fluidi e ciascuna cli queste componenti della velocità sia uguale
alla corrispondente componente della velocità del moto della superficie.
Come è stato già eletto all'inizio del§ 1, lo stato fisico di un fluido in movimento
è determinato da cinque quantità: le tre componenti della velocità v e, ad esempio,
la pressione p e la densità p. Di conseguenza un sistema completo cli equazioni
idrodinamiche deve contenerne un numero pari a cinque. Per un fluido ideale queste
sono le equazioni di Eulero, l'equazione cli continuità e l'equazione adiabatica.
6 FLUIDI IDEALI Cap. I

PROBLEMA

Scrivere le equazioni per un moto unidimensionale di un fluido ideale in termini delle


variabili a et, dove a (chiamata variabile Lagmngiana 2 l) è la coordinata x di una particella
di fluido ad un certo istante di tempo t = ta.
Soluzione. In queste variabili la coordinata x di ciascuna particella di fluido in ogni
istante di tempo è una funzione dite della sua coordinata a all'istante iniziale: x = x(a, t).
La condizione di conservazione della massa durante il moto di un elemento di fluido
(equazione di continuità) si scrive, cli conseguenza, pclx = p 0 cla, oppure

p (ax)
8a t = Po,

dove Po(a) è una distribuzione di densità iniziale data. Per definizione, la velocità cli una
particella cli fluido è v = (8x/8t)a e la derivata (8v/8t) 0 è la variazione della velocità della
particella durante il suo moto. L'equazione di Eulero diviene

e l'equazione adiabatica

§ 3. Idrostatica
Per un fluido a riposo in un campo gravitazionale uniforme, l'equazione di
Eulero (2 ,4) assume la forma
gradp = pg. (3,1)

Questa equazione descrive l'equilibrio meccanico del fluido. (In assenza cli for-
ze esterne, l'equazione di equilibrio diventa semplicemente grad p = O, ovvero
p = costante; la pressione è la stessa in ciascun punto del fluido.)
L'equazione (3,1) può essere immediatamente integrata se si può supporre che
la densità del fluido sia costante in tutto il suo volume, in altre parole se il fluido
non subisce alcuna significativa compressione sotto l'azione di una forza esterna.
Prendendo l'asse z verticale orientato verso l'alto, abbiamo

8p=8p=O 8p
8x 8y ' az = -pg.
Quindi
p = -pgz + costante.
Se il fluido a riposo possiede una superficie libera, ad altezza h, su cui viene appli-
cata una pressione esterna Po uguale in ciascun punto, tale superficie deve essere
2
l Nonostante tali variabili siano comunemente chiamate Lagrangiane, le equazio-
ni del moto in queste coordinate furono ottenute per la prima volta da Eulero,
contemporaneamente all'equazione (2,3).
§3 IDROSTATICA 7

il piano. orizzontale z = h. Dalla condizione p = Po per "' h, troviamo che la


costante.è JJo+ pgh, per cui

p=po+pg(h z). (3,2)

Per grandi masse di fluido, e per un gas, la densità p non può essere in generale
assunta come costante; ciò vale soprattutto per i gas (l'atmosfera, ad esempio).
Supponiamo che il fluido non si trovi solo in uno stato di equilibrio rn.eccanico, ma
anche di equilibrio termico. La temperatura, allora, sarà la stessa in ogni punto
e l'equazione (3,1) può essere integrata nel seguente modo. Usian10 la consueta
relazione termodinamica
dcD= -sdT + V dp,
dove cDè il potenziale termodinamico (l'energia libera di Gibbs) per unità di massa.
A temperatura costante
1
dcI>= V dp = -dp.
p
Vediamo, quindi, che l'espressione (gradp) / p può essere scritta in questo caso come
grad cD,per cui l'equazione di equilibrio (3,1) assume la forma

grad cD= g.

Per un vettore costante g diretto lungo l'asse z nel verso negativo abbiamo

g =-grad(gz).
Di conseguenza
grad(cD + gz) = O,

da cui troviamo che in tutto il fluido

cD+ gz = costante; (3,3)

gz è l'energia potenziale per unità di massa del fluido nel campo gravitaziona-
le. La condizione (3,3) è nota dalla fisica statistica come condizione di equilibrio
termodinamico per un sistema in un campo esterno.
Possiamo qui menzionare anche un'altra semplice conseguenza dell'equazione
(3,1). Se un fluido (come l'atmosfera, ad esempio) si trova in equilibrio meccanico
in un campo gravitazionale, in esso la pressione può essere funzione unicamente
della quota z (poiché se la pressione fosse diversa da punto a punto alla medesima
quota, ne risulterebbe un moto). Segue, dunque, dalla (3,1) che la densità
1 dp
p=--- (3,4)
g dz
è funzione anch'essa solo di z. Dato che la pressione e la densità determinano
univocamente la temperatura, anch'essa è funzione solo di z. Quindi, in condizioni
di equilibrio meccanico in un campo gravitazionale, le distribuzioni di pressione,
densità e temperatura dipendono esclusivamente dalla quota. Se, ad esempio, la
8 FLUIDI IDEALI Cap. I

temperatura fosse diversa in diversi punti del fluido alla stessa quota, l'equilibrio
meccanico sarebbe impossibile.
Deriviamo, infine, l'equazione di equilibrio per una grande massa di fluido, la
cui coesione sia dovuta all'attrazione gi·avitazionale (una stella). Sia cpil potenziale
gravitazionale Newtoniano del campo, dovuto al fluido. Esso soddisfa l'equazione
differenziale
(3,5)
dove G è la costante di gravitazione di Newton. L'accelerazione gravitazionale è
-grad cp e la forza su una massa p è -pgrad cp. La condizione di equilibrio ·è,
dunque,
gradp = -pgradcp.
Dividendo entrambi i membri per p, calcolandone la divergenza ed usando l'equa-
zione (3,5), otteniamo

div (~gradp) = -411Gp. (3,6)

Va sottolineato che la presente discussione riguarda solamente l'equilibrio mecca-


nico; l'equazione (3,6) non presuppone affatto l'esistenza di un completo equilibrio
termico.
Se il corpo non è in rotazione, all'equilibrio avrà forma sferica e le distribuzioni
di densità e pressione avranno simmetria sferica. L'equazione (3,6) in coordinate
sferiche, allora, assume la forma

1 d 7'2
--
dp)= -L!11Gp. (3,7)
r 2 dr ( p dr

§ 4- Condizione di assenza. di moti convettivi


Un fluido può essere in equilibrio meccanico (cioè senza che vi sia alcun moto
macroscopico) senza essere in equilibrio termico. L'equazione (3,1), la condizione
di equilibrio meccanico, può essere soddisfatta anche se la temperatura nel fluido
non è costante. Sorge, tuttavia, il problema della stabilità di un simile equilibrio.
Quello che avviene è che l'equilibrio è stabile solo quando una certa condizione è
soddisfatta. In caso contrario, l'equilibrio risulta instabile, portando alla comparsa
nel fluido cli correnti che tendono a mescolarlo in modo tale da uniformare la
temperatura. A questo tipo cli moti ci si riferisce con il termine convez'ione. Di
conseguenza la condizione per cui un equilibrio meccanico possa essere stabile è
l'assenza cli convezione. Questa condizione può essere derivata nel seguente modo.
Consideriamo un elemento di fluido ad altezza z, con un volume specifico
V(p, s), in cui p ed s sono la pressione e l'entropia cli equilibrio a questa altez-
za. Supponiamo che tale elemento di fluido subisca uno spostamento adiabatico
verso l'alto cli un piccolo intervallo ç; il suo volume specifico diviene allora V(p', s),
in cui p 1 è la pressione ad altezza z + ç. Affinché l'equilibrio sia stabile, è necessario
(sebbene in generale non sufficiente) che la forza risultante sull'elemento tenda a
CONDIZIONE DI ASSENZA DI MOTI CONVETTIVI g

ricondurlo alla sua posizione originaria. Ciò vuol dire che l'elemento considerato,
nella sua.nuova posizione, deve essere più pesante del fluido che esso ha "spostato".
Il volume specifico di quest'ultimo è V(p', s'), in cui s1 è l'entropia di equilibrio ad
altezza z + ç. Avremo, cli conseguenza, la condizione di stabilità

V(p 1, s') - V(p', s) > O.


Sviluppando questa differenza in potenze di s' - s = f,ds/dz, otteniamo

(av) > o.
8s P
ds
dz

Dalle formule della termodinamica si ha che

dove cp è il calore specifico a pressione costante. Sia cp che T sono positivi, per
cui possiamo scrivere la (4, 1) come

(av)
aT p
cls
7
cl·-
> o. (4,2)

La maggior parte delle sostanze si espandono se sottoposte a riscaldamento, cioè


per esse (8V/ 8T)p > O. La condizione cli assenza cli convezione diviene allora

ds
->. 0 (4,3)
cl::;

vale a dire che l'entropia deve aumentare con la quota.


Da quest'ultima troviamo facilmente la condizione che deve essere soddisfatta
dal gradiente cli temperatura dT / dz. Sviluppando la derivata ds/ clz, abbiamo

cls
~) cl~+ (as) dz~ = cl~_ (av)dz~> 0_cp
dz ( 8T P cl~ 8p cl_, T d"'
T 8T cL P

Sostituendo, infine, dalla (3,4)


clp
- = -g/V,
dz
otteniamo
dT g/JT
--<-- (4,4)
dz Cp '

in cui /3= (1/V)(8V/8T)p è il coefficiente cli espansione termica. Per un colonna


cli gas in equilibrio, che possa esser considerato come un gas termodinamicamente
perfetto, /3T= 1 e la (4,4) diviene

(4,5)
10 FLUIDI IDEALI Cap. I

La convezione avviene qualora queste condizioni non venganò soddisfatte, vale a


dire se la temperatura diminuisce dal basso verso l'alto con un gradiente che superi
in modulo i valori dati dalle (4,4) e (4,5) l).

§ 5. L'equazione di Bernoulli
Le equazioni della dinamica dei fluidi si semplificano notevolmente nel caso di
un flusso stazionario. Per flusso staziona.rio intendiamo un moto in cui la velocità
sia costante nel tempo in ciascun punto occupato dal fluido. In altre parole, v è
una funzione delle sole coordinate, per cui éJv/éJt = O. L'equazione (2,10), allora,
si riduce alla
1
-grad v 2 - [v rot v] = -grad w. (5,1)
2
Introduciamo ora il concetto di linee di corrente definite come le curve la cui
tangente dà la direzione della velocità nel punto di tangenza a un istante dato; le
linee di corrente sono determinate dal seguente sistema di equazioni differenzi.ali:

dx dy dz
(5,2)

Nei flussi stazionari le linee di corrente non variano nel tempo e coincidono con le
traiettorie delle particelle di fluido. Nei flussi non stazionari tale coincidenza non
avviene e le tangenti alle linee di corrente danno le direzioni delle velocità delle
particelle di fluido nei vari punti dello spazio in un dato istante, mentre le tangenti
alle traiettorie danno le direzioni delle velocità delle particelle di fluido a tempi
diversi.
Moltiplichiamo entrambi i membri dell'equazione (5,1) per il versore della tan-
gente alla linea di corrente in ogni punto cli questa; indichiamo questo versore con
1. La proiezione del gradiente su ogni direzione è, come noto, la derivata rispetto
a quella direzione. Di conseguenza la proiezione cli grad w è 8w / éJl. Il vettore
[vrot v] è perpendicolare a v e quindi la sua proiezione sulla direzione 1 è nulla.
Otteniamo allora dall'equazione (5,1)

f) (v2 )
az 2 + w = o.

Da quest'ultima relazione segue che v 2 /2 +w è costante lungo tutta la linea cli


corrente:
v2
- + w = costante. (5,3)
2
Il valore della costante è, in generale, diverso a seconda della linea cli corrente.
L'equazione (5,3) è nota come Eq·ua.zione di Bernoulli 2 ).
Se il flusso ha luogo in un campo gravitazionale, l'accelerazione g dovuta alla
gravità deve essere sommata al secondo membro dell'equazione (5,1). Consideriamo
lJ Per l'acqua a 20° C, il secondo membro della (4,4) vale circa un grado per 6.7 km; per l'aria,
il secondo membro della (4,5) vale circa un grado per 100 m.
2
J Questa equazione è stata ottenuta da D. Bernoulli nel 1738 per un fluido incomprimibile.
§6 FLUSSO DI ENERGIA 11

la direzione della forza gravitazionale quale asse z, con il verso positivo orientato
-v:ersol'alto. Il coseno dell'angolo tra le direzioni di g e di l è uguale alla derivata
-dz/dl, per cui la proiezione di g sul è

Si ha quindi l'equazione

L'equazione di Bernoulli, quindi, afferma che lungo una linea di corrente si ha

rv-
1 9
+ 'W + gz = costante. (5,4)

§ 6. Ffosso di energia
Consideriamo un elemento di volume fisso nello spazio e troviamo in che modo
l'energia del fluido contenuto in tale elemento varia nel tempo. L'energia dell'unità
di volume del fluido è
1 0

2pv- + pE,
in cui il primo termine rappresenta l'energia cinetica e il secondo l'energia interna,
essendo E l'energia interna per unità di massa. La variazione d'energia è data dalla
derivata parziale rispetto al tempo

2
!!_ (!pv + pE) = 0.
òt 2
Per calcolare tale quantità, scriviamo

!}_(!pv'2) = Lu2ÒP +pvòv_


òt 2 2 òt òt.

poi, sfruttando l'equazione di continuità (1,2) e l'equazione del moto (2,3),

-a
8t
( -pv-
2
1 0)= --v-div
1 ·)
2
(pv) - V gradp - pV (v · grad) V.

Sostituiamo, nell'ultimo termine, v · (v · grad)v con !v · grad v 2 e gradp con


pgrad w - pTgrad s (usando la relazione termodinamic;. dw = T ds + dp / p), otte-
nendo
810 10. 10
-(-pv-) = --v-d1v(pv) - pv · grad(-v- + w) + pTv · grads.
òt 2 2 2
Per trasformare la derivata parziale ò(pE)/ òt, usiamo la relazione termodina-
mica
dE = Tds - pdV = Tds + JJ dp.
p-0
12 FLUIDI IDEALI Cap. I

Poiché E+p/ p = E +pV è semplicemente l'èntalpia w dell'unità di massa, troviamo

d(pE) = ulp + pdE = wdp + pTds,


e quindi
8(pc) op 8s .
8t = w ot + pT ot = -wd1v (pv) - pTv · grads.
Qui abbiamo usato l'equazione adiabatica generale (2,6).
Combinando i risultati sopra ottenuti, troviamo che la variazione di energia
cercata è

8(1
- -pv- 9 + pE
)
(21 +
v-9 w ) div(pv) - pv · grad (1 9+ )
v- w ,
8t 2 2
o, in definitiva,

(6,1)

Per comprendere il significato di quest'ultima equazione, integriamo su un


volume arbitra.rio:

o, convertendo l'integrale di volume del secondo membro in un integra.le di super-


ficie,

:t/ (~pv
2
+ pE) dV = -f (~v pv
2
+w). clf. (6,2)

Il primo membro dell'equazione rappresenta la variazione nell'unità di tempo


dell'energia del fluido in un certo volume dato. Il secondo membro è. pertanto,
la quantità di energia che fluisce al cli fuori di tale volume nell'unità di tempo.
Vediamo, quindi, che l'espressione

(6,3)

può essere chiamata vettore densità di ,fl,·ussodi enei'!}ia. Il suo modulo è la quantità
di energia che passa nell'unità di tempo attraverso l'unità di superficie normale alla
direzione della velocità.
L'espressione (6,3) mostra che ogni unità di massa di fluido porta con se, durante
il moto, una quantità di energia. w + v 2 /2. Il fatto che qui compaia. l'entalpia w
e non l'energia interna E, ha un significato fisico semplice. Ponendo w = E+ p/ p,
possiamo scrivere il flusso di energia attraverso una superficie chiusa nella forma

-1· pv ( ~v
2
+E) · df - f pv · df.

Il primo termine è l'energia. (cinetica e interna.) trasportata. dalla massa di flnido


attraverso la superficie chiusa, nell'unità cli tempo. Il secondo termine è, invece,
§7 FLUSSO DI IMPULSO 13

il lavoro. compiuto dalle forze di pressione sul fluido contenuto all'interno della
s~1perficie.

§ 7. Flusso di imvu,lso
Forniremo ora. una serie di argomenti simili a quelli esposti nel para.grafo prece-
dente, per l'impulso del fluido. L'impulso per unità di volume è pv. Determiniamo
la sua variazione nel tempo,

Useremo, a tal fine, la notazione tensoriale. Abbiamo

Usando l'equazione di continuità (1,2) nella forma

8p
at

e l'equazione di Eulero (2,3) nella forma

av; av; 1 8p
- = -v,.,-- - --,
at ax,,, pax;

otteniamo
a av; 8p 8(pv,.,)
-(pv;) = -pv1,,-- - - - 'L';--- =
at axk ax; 8x1;
= --
av - a
--(pv;vk),
8.T; 8x1;

Scriviamo il primo termine dell'ultimo membro come

e infine otteniamo
!!_(pv;) = - arri/,' (7,1)
at axk
in cui il tensore Ilu,, è definito come

II;k = po;k + pv;v1,,. (7,2)

Questo tensore è evidentemente simmetrico.


Per chiarire il significato del tensore IIu,,, integriamo l'equazione (7, 1) su llll
volume arbitrario:
:tJ pv;d11 =
14 FLUIDI IDEALI Cap. I

Trasformiamo, al solito, l'integrale di volume a secondo membio in. un integrale di


superficie 1 l:
:t J PVidV = -1 IT.;kd,f,,,. (7,3)

Il primo membro di questa equazione rappresenta la variazione nell'unità di tèm 0


po della i-esima componente dell'impulso nel volume considerato. L'integrale di
superficie al secondo membro è, quindi, l'impulso che fuoriesce nell'unità di tem-
po dalla superficie che delimita quel volume. Di conseguenza, ITikdfk è l'i-esima
componente dell'impulso che attraversa l'elemento di superficie d,f. Se scriviaà10
d,f,,,nella forma nkdf, dove df è l'area dell'elemento di superficie ed n è un ver-
sore diretto lungo la normale uscente, troviamo che ITiknk è il flusso dell'i-esima
componente dell'impulso attraverso l'area della superficie unitaria. Notiamo che,
dalla (7,2), ITil,,nk= pni + pvivknk. Quest'ultima espressione può essere riscritta in
forma vettoriale
pn + pv(v · n). (7,4)
Pertanto IIik è l'i-esima componente dell'impulso che attraversa l'area unitaria
perpendicolare all'asse xk, nell'unità cli tempo. Il tensore IT.;kè chiamato tensore
di densità di .fiusso dell'impulso. Il flusso cli energia è determinato da un vettore,
essendo l'energia uno scalare; il flusso dell'impulso, invece, è determinato da un
tensore di rango due, poiché l'impulso è un vettore.
Il vettore (7,4) fornisce il flusso dell'impulso nella direzione cli n, ovvero at-
traverso una. superficie normale ad n. In particolare, prendendo il versore n nella
direzione della velocità del fluido, troviamo che solo la componente longitudinale
dell'impulso viene trasportata. in questa direzione e la sua densità cli flusso è

p + pv2.
D'altra parte, nella direzione perpendicolare alla velocità, viene trasportata solo la
componente trasversa (rispetto a v) dell'impulso, la cui densità cli flusso è p.

§ 8. Conservazione della. circolazione


L'integra.le

calcolato lungo una certa linea chiusa, è chiamato circolazione della velocità lungo
quella. linea.
Consideriamo una linea chiusa tracciata idealmente nel fluido, ad un certo istan-
te cli tempo. Supponiamo che questa sia un "contorno fluido", vale a. dire composto
1
l La regola generale per trasformare un integrale su una superficie chiusa in uno su un volume
delimitato dalla medesima superficie, può essere formulata in questo modo: si sostituisce l'elemento
di superficie dfi con l'operatore dV8/8x;, che va applicato all'intera funzione integranda

a
dfi -+ dV Bx; .
§8 CONSERVAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE 15

da particelle di fluido disposte su di esso. Nel corso del tempo tali particelle si
muovono (,cl il contorno si muove con esse. Cerchiamo cli capire cosa accade alla
circolazione della velocità. Calcoliamo, in altre parole, la derivata temporale

r
.!!:._J,v·dl
dt ·
Qui abbiamo scritto la derivata totale rispetto al tempo, poiché il nostro interesse
riguarda la variazione della circolazione lungo un "contorno fluido" in movimento,
non lungo un contorno fisso nello spazio.
Per evitare confusioni, denoteremo per il momento la derivazione rispetto alle
coordinate con il simbolo o, riservando il simbolo d alla derivazione rispetto al
tempo. Notiamo, inoltre, che l'elemento cli lunghezza del contorno, dl, può essere
scritto in termini cli differenza or tra i vettori posizione r dei punti agli estremi
dell'elemento. Scriviamo dunque la circolazione della velocità come

.fv-or.
Nel derivare tale integrale rispetto al tempo, si deve tener presente che sia la velocità
che la forma del contorno cambiano. Nel portare la derivata temporale sotto il segno
di integrale, cli conseguenza, bisogna derivare non solo v ma anche or:
d 1. 1.dv 1. dor
dt j V. Or= j dt . Or+ j V. dt"

Essendo la velocità v null'altro che la derivata temporale del vettore posizione


r, abbiamo
V. dor =V. Odr =V. OV= O (!v2) .
dt clt 2
Poiché l'integrale cli un differenziale totale lungo una linea chiusa vale comunque
zero, il secondo integrale curvilineo si annulla e resta

-d
clt
p v ·or= f
.
-dv · or.
dt
Rimane ora da sostituire all'accelerazione clv/ clt la sua espressione data dalla
(2,9):
dv
clt = -grad w.
Applicando la formula cli Stokes, abbiamo

#, -dv ·or=
clt
p rot (dv)
-
dt
. c5f= o,
in quanto rot grad w = O. Tornando, allora, alla notazione precedentemente usata,
troviamo che 1 )

1
) Questo risultato continua a valere in un campo gravitazionale uniforme, visto che in tal caso
rotg = O.
16 FLUIDI IDEALI Cap. I

oppure
.~· v · dl = costante. (8,1)

Siamo giunti, dunque, alla conclusione che in un fluido ideale la circolazione


della velocità lungo un contorno "fluido" chiuso è costante nel tempo ( teorema d-i
I( elvin, 1869 oppure legge di conservazione della circolazione).
Va sottolineato che questo risultato è stato ricavato usando l'equazione di Eulero
nella forma (2,9) e, pertanto, include l'assunzione che il flusso sia isoentropico. Il
teorema non ha validità per flussi che non possiedano tale caratteristica 2 l.
Applicando il teorema di Kelvin ad un contorno chiuso infinitesimo i5C e ·tra-
sformando l'integrale secondo il teorema di Stokes, otteniamo

1 v · dl =/ rot v · df ~ of · rot v = costante, (8,2)

dove df è l'elemento di superficie del fluido che si estende all'interno del contorno
i5C. Il vettore rot v viene spesso chiamato vort'icità del flusso del fluido in ui1 dato
punto. La costanza del prodotto (8,2) può essere interpretata intuitivamente nel
senso che la vorticità si muove col fluido.

PROBLEMA

Mostrare che in un flusso non isoentropico, ciascuna particella in moto porta con sé un
valore costante del prodotto (1/p)grads · rotv (H. Er-tel, 1942).
Sol'Uzione. Se il flusso non è isoentropico, il secondo membro dell'equazione di Eulero
(2,3) non può essere sostituito con -grad w e, perciò, la (2,11) diviene
aw=
-a. rot[vw]
1
+ -,,[gradpgradp],
t p-
dove per brevità abbiamo posto w = rot v. Moltiplichiamo sca1annente questa ug1rnglianza
per grad s; poiché s = s(p, p), grad s è una funzione lineare di gradp e grad p, così che il
prodotto grad s · [grad p grad p] = O. Il secondo membro dell'equazione può essere allora
trasformato nel seguente modo:
aw
grad s · 8t = grad s · rot[vw] =
= -div[grads[vw]J =
= -div(v(w · grad s)) + div(w(v · grad s)) =
= -(w -grads)divv- v · grad(w · grads) + w · grad(v · grads).
Dalla (2,6), v · grads = -8s/8t e quindi
a ·grads) + v · grad(w
a/w · grads)
.
+ (w· grads)d1vv = O.

2
l Dal punto di vista matematico, è necessario che sussista una corrispondenza biunivoca tra
p e p (che per un flusso isoentropico è l'equazione s(p, p) = costant;e); allora -(1/ p)gradp può
essere scritto come il gradiente di una certa funzione, condizione necessaria nella derivazione del
teorema di Kelvin.
§9 FLUSSO POTENZIALE 17

I primi due-termini possono essere combinati come d(w, grad s )/dt, dove d/dt = 8/fJt + v,
grad; nel1'~1ltimo termine poniamo, dalla (1,3) pdivv = -clp/clt. Come risultato otteniamo

!!:_
dt
(w·grads)
p
= o,

che è la legge di conservazione richiesta.

§ 9. Fl'll.sso potenziale
Dalla legge cli conservazione della circolazione possiamo derivare un risultato
importante. Supponiamo, innanzitutto, che il flusso sia stazionario e consideriamo
una linea cli corrente cli cui sappiamo che rot v vale zero in un certo punto. Pren-
diamo un contorno chiuso arbitrario infinitamente piccolo, che circondi la linea cli
corrente in quel punto. Nel corso del tempo tale contorno si muove con il fluido,
pur continuando a circondare la stessa linea cli corrente. Poiché il prodotto (8,2)
deve rimanere costante, segue che rot v deve essere zero in ogni punto della linea.
Giungiamo, pertanto, alla conclusione che se in un punto qualunque cli una linea
cli corrente la vorticità è zero, lo stesso vale in ogni altro punto della medesima linea.
Se il flusso non è stazionario, vale lo stesso risultato, purché invece cli una linea
cli corrente si prenda in considerazione la traiettoria descritta nel tempo da una
particolare particella cli fluido l); ricordiamo che nei flussi non stazionari queste
traiettorie non coincidono, in generale, con le linee cli corrente.
A prima vista sembrerebbe possibile basare su questo risultato la seguente ar-
gomentazione. Consideriamo un flusso stazionario attorno ad un dato corpo. Sup-
poniamo il flusso incidente uniforme all'infinito; poiché la sua velocità v è costante,
rot v = O su tutte le linee cli corrente. Concludiamo, cli conseguenza, che rot v
vale zero per tutta l'estensione cli ogni linea cli corrente, in altre parole in tutto lo
spazio.
Un flusso per cui rot v = O in tutto lo spazio si dice fl-usso pot.en.~·iale oppure
flusso irrntaziona.le, per distinguerlo da un .flnsso rnta.ziona.le per cui il rotore della
velocità non è ovunque zero. Potremmo concludere, quindi, che un flusso staziona.-
rio e uniforme proveniente dall'infinito, attorno ad un corpo qualunque, deve essere
un flusso potenziale.
Analogamente, dalla legge cli conservazione della circolazione della velocità,
potremmo dedurre che, se a.clun certo istante, in tutto il volume del f-luiclo,il flusso
è potenziale, allora la circolazione della velocità lungo ogni contorno chiuso nel
f-luiclovale zero 2 ). Dal teorema cli Kelvin, potremmo concludere che ciò varrà ad
ogni successivo istante, troveremmo cioè che, se il flusso è potenziale ad un certo
istante, allora lo sarà a tutti gli istanti successivi (in particolare, potremmo dedurre
1
) Per evitare confusione, occorre menzionare il fatto che questo risultato perde di ogni signifi-
cato nol caso di flussi turbolenti. Va evidenziato, inoltre, che la vorticità può essere non nulla su
una linea. di corrente, dopo che questa abbia incont;ra.to un'onda d'urto. Vedremo nel para.grafo
§ 1°1che ciò avviene in quanto il flusso cessa. di essere isoentropico
~) Qui st;iamo assumendo, per semplicità, che il fluido occupi una regione cli spazio semplicemen-
te connessa. Un risultato del tutto analogo si potrebbe ottenere per una regione molteplicemente
connessa, anche se in tal caso bisognerebbe porre delle rest;rizioni sulla. scelta dei contorni.
18 FLUIDI IDEALI Cap. t

che ciascun flusso per cui il fluido sia inizialmente a riposò deve essere un flusso
potenziale). Ciò è in accordo con il fatto che se rot v = O,l'equazione (2,11) risultà
identicamente soddisfatta.
Tutte queste conclusioni, in realtà, hanno una validità molto limitata. La mo-
tivazione sta nel fatto che la dimostrazione data sopra che rot v = O lungo tutta
una linea di corrente è, in senso stretto, non valida per una linea che giace sulla
superficie del solido avvolto dal flusso, poiché la presenza della superficie rende
impossibile concepire un contorno chiuso nel fluido che circondi questa linea. Le
equazioni del moto di un fluido ideale, dunque, ammettono soluzioni per cui av-
viene una separazione sulla superficie del corpo: le linee di corrente, che hanno
seguito la forma della superficie per una certa distanza, si staccano da essa in un
certo punto e continuano all'interno del fluido.
Lo schema di flusso risultante è caratterizzato
dalla presenza di una "superficie di disconti-
nuità tangenziale" che parte dal corpo; su que-
sta superficie la velocità del fluido, che è ovun-
que tangente alla superficie, ha una disconti-
nuità. In altre parole, alla superficie di sepa-
razione uno strato cli fluido "scivola" sull'altro
adiacente. La figura 1 mostra una superficie cli
discontinuità che separa il fluido in movimento,
da una regione cli stazionarietà dietro al corpo.
Da un punto di vista matematico, la disconti-
Fig. 1 nuità che subisce la componente tangenziale del-
la velocità, corrisponde ad una superficie su cui
il rotore della velocità è non nullo.
Se si tiene conto dei flussi discontinui, la soluzione delle equazioni del moto per
un fluido ideale non è unica: a parte il flusso continuo, esse ammettono anche un
numero infinito cli soluzioni che possiedono superfici cli discontinuità tangenziale
aventi origine da qualunque linea cli corrente giacente sulla superficie del corpo im-
merso nel fluido. Va notato, comunque, che nessuna cli queste soluzioni discontinue
è fisicamente significativa, poiché le discontinuità tangenziali sono assolutamente
instabili e ne risulta un flusso turbolento (si veda il capitolo III).
In ogni caso, il problema fisico reale del flusso attorno ad un dato corpo ha
una soluzione unica. Il motivo è che un fluido ideale non esiste nella realtà e
ogni fluido reale possiede una certa viscosità, seppur minima. Questa può non
avere alcun effetto pratico sul moto del fluido ma, per quanto piccola, essa risulta
determinante per uno strato sottile di fluido adiacente al corpo. Le proprietà del
flusso in questo stmto limite definiscono la validità cli una soluzione, tra le infinite
possibili delle equazioni del moto per un fluido ideale. Nel caso generale cli fluidi
attorno a corpi cli forma arbitraria, si trova che le soluzioni valide sono quelle con
separazione, che a loro volta portano all'apparizione della turbolenza.
Malgrado quanto sopra eletto, lo studio delle soluzioni delle equazioni del moto
per un flusso potenziale stazionario continuo attorno a corpi arbitrari è, in alcuni
casi, molto importante. Nel caso generale cli corpi di forma arbitraria, lo schema
§9 FLUSSO POTENZIALE 19

del flusso reale non mostra quasi alcuna relazione con quello del flusso potenziale
ma, per cqrpi dotati di forme particolari ("aerodinamici", cfr. § 46), il flusso reale
pJiò differire di molto poco dal flusso potenziale; più precisamente, esso coinciderà
con quest'ultimo a meno di un sottile strato di fluido sulla superficie del corpo e di
una "scia" relativamente limitata dietro il corpo.
Un altro caso importante di flusso potenziale si ha per piccole oscillazioni di un
corpo immerso in un fluido. È facile mostrare che, se l'ampiezza a delle oscillazioni
è piccola rispetto alla dimensione lineare l del corpo (a « l), il flusso attorno al
corpo è un flusso-potenziale. Per questo, stimiamo l'ordine di grandezza dei vari
termini nell'equazione di Eulero

8v
8t + (v · grad)v = -gradw.

La velocità v cambia drasticamente (di una quantità del medesimo ordine cli
grandezza della velocità del corpo oscillante, u) su una distanza dell'ordine della
dimensione l del corpo. Pertanto le derivate cli v rispetto alle coordinate sono
dell'ordine cli u/l. L'ordine cli grandezza cli v stesso (a distanze piuttosto picco-
le dal corpo) è determinato dalla grandezza cli u. Di conseguenza abbiamo che
(v · grad)v ~ u 2 /Z. La derivata 8v/8t è dell'ordine cli wu, dove w è la frequenza
delle oscillazioni. Poiché w ~ u/ a, abbiamo 8v / 8t = u 2 / a. Dato che a « l che
il termine (v · grad)v è piccolo rispetto a 8v/8t e può essere trascurato, per cui
l'equazione del moto del fluido diviene 8v / 8t = -grad w. Prendendo il rotore cli
entrambi i membri, otteniamo
a
-rotv =O
8t '
da cui rot v = costante. Nel moto oscillatorio, comunque, la media temporale della
velocità è zero e quindi rot v = costante implica rot v = O. In definitiva, allora,
il moto cli un fluido che esegue piccole oscillazioni è, in prima approssimazione, un
flusso potenziale.
Troviamo ora alcune proprietà generali del flusso potenziale. Ricordiamo innan-
zitutto che la derivazione della legge cli conservazione della circolazione, con tutto
ciò che ne consegue, è stata basata sull'assunzione che il flusso fosse isoentropico.
Se così non è, la legge non è valida e quindi, anche se il flusso è potenziale ad un
certo istante, in generale la vorticità sarà non nulla agli istanti successivi. Si può
concludere allora che solo un flusso isoentropico può essere un flusso potenziale.
Per un flusso potenziale la circolazione della velocità lungo una qualsiasi linea
chiusa è nulla:
.f v · dl =/ rot v · df = O. (9,1)

Da ciò segue, in particolare, che non possono esistere in un flusso potenziale linee
cli corrente chiuse 3 ). Poiché la direzione cli una linea cli corrente coincide in ogni
3
) Questo risultato, come la (9,1), può non essere valido per moti in regioni di spazio moltepli-
cemente connesse. Per un flusso potenziale in una tale regione, infatti, la circolazione della velocità
può risultare non nulla se il contorno chiuso, lungo cui viene calcolata, non può essere ridotto per
deformazione continua ad un punto senza intersecare i confini che delimitano la regione stessa.
20 FLUIDI IDEALI Cap. I

punto con la direzione della velocità, la circolazione lungo tale linea non può mai
essere nulla.
In un flusso rotazionale la circolazione della velocità, in generale, non è nulla.
In questo caso possono esistere liiiee di corrente chiuse, ma bisogna evidenziare
il fatto che la presenza di linee di corrente chiuse non è una; proprietà necessaria
affinché un flusso sia rotazionale.
Come ogni campo vettoriale avente circolazione nulla, la velocità in un flusso
potenziale può essere espressa come il gradiente di una certa grandezza scalare.
Quest'ultima prende il nome di potenziale di velocità e la denoteremo con il sin1bolo
cp:
v = gradcp. (9,2)
Scrivendo l'equazione di Eulero nella forma (2,10)

-fJv + -gradv-
1 9
- [vrotv] = -gradw
f)t 2
e sostituendovi v = grad cp, abbiamo

fJcp 1 9
grad ( f)t + v-
)

2 +w = O,

da cui
fJcp 1 9 •
8t + 2v- + w = .f (t), (9,3)

dove f (t;) è una funzione arbitraria del tempo. Questa equazione è un integrale
primo delle equazioni del flusso potenziale. La funzione f (L) nella (9,3) può essere
posta uguale a zero senza perdere generalità, perché il potenziale non è univoca-
mente definito: essendo la velocità la derivata spaziale di cp, possiamo aggiungere
a cp una qnalsiasi funzione del tempo.
Per un flusso stazionario abbiamo (prendendo il potenziale cp indipendente dal
tempo) fJcp/fJt = O, f(t) = costante, per cui la (9,3) si riduce all'equazione cli
Bernoulli:
1 o
-v- + w = costante. (9,4)
2
È importante notare la profonda differenza tra l'equazione di Bernoulli per il flusso
potenziale e per gli altri flussi. Nel caso generale, la costante al secondo membro
della (9A) è una quantità che resta invariata lungo una qualsiasi linea cli corrente,
ma in genere can1bia da linea a linea. Nel caso del flusso potenziale, invece, essa è
la stessa in tutto il volume del fluido. Questo accresce ulteriormente l'importanza
dell'equazione cli Bernoulli nello studio del flusso potenziale.

§ 1 O. Fluidi incomprimibili
Nella maggioranza dei casi cli flusso cli fluidi, si può supporre che la loro densità
non vari, vale a dire che resti costante in tutto il volume del fluido e per l'intero suo
moto. In altre parole, in questi casi non si osserva alcuna apprezzabile compressione
o espansione del fluido. Si parla, allora, cli flusso di un .flv,ido incompTimibile.
§ 10 FLUIDI INCOMPRIMIBILI 21

Per un fluido incomprimibile le equazioni generali della dinamica dei fluidi ven-
gono note.volmente semplificate. L'equazione cli Eulero, infatti, resta invariata se
poniamo p = costante, e p può essere portata all'interno dell'operatore gradiente
nell'equazione (2,4):

8v p
- + (v · grad)v = -grad - + g. (10,1)
at P
D'altra parte l'equazione cli continuità, per p = costante, assume la semplice forma

clivv=O. (10,2)

Poiché la densità non è più una funzione incognita come nel caso generale, pos-
siamo scegliere cli comporre il sistema fondamentale cli equazioni della dinamica dei
fluidi, nel caso cli fluidi incomprimibili, con equazioni dipendenti dalla sola velo-
cità.. Queste posso essere, ad esempio, l'equazione cli continuità. (10,2) e l'equazione
(2,11):
[)
"(rotv) = rot[vrotv]. (10,3)
ut
Anche l'equazione cli Bernoulli può essere scritta in forma più semplice per un
fluido incomprimibile. L'equazione ( 10, 1) differisce cla11'equazione cli Eulero nella
sua forma generale ( 2, 9) per il fatto che in essa compare il termine grad (p/ p) in-
vece cli grad w. Possiamo perciò riscrivere l'equazione cli Bernoulli, semplicemente
sostituendo l'entalpia nella (5,4) con p/p:

1 ?
-v~ + JJ
- + g::; = costante. (10,"1)
2 p

Per un fluido incomprimibile, possiamo anche sostituire p/ p al posto cli w nell'e-


spressione (G,3) per il flrnso di energia, che qnincli diviene

1
pv ( -v 2
+ JJ)
- . (10,5)
2 p

Sappiamo, inoltre, da mm ben nota relazione termodinamica, che la variazione


dell'energia interna è data dall'espressione dE: = Tds pclV; per s = costante
e V = 1/ p = costante, dE:= O, cioè E: = costante. Dato che i termini costanti
nell'energia non contano, possiamo omettere E:in w = E:+ p/ p.
Le equazioni che descrivono il flusso potenziale cli un fluido incomprimibile
sono particolarmente semplici. L'equazione (10,3) è identicamente soddisfatta se
rot v = O. L'equazione (10,2), con la sostituzione v = grad <p, diventa

6.<p = o, (10,6)

cioè l'equazione cli Laplace l) per il potenziale <p. A questa equazione vanno ag-
giunte delle condizioni al contorno sulle superfici dove il fluido incontra corpi solidi.
1
) Il potenziale di velocità. fu introdotto per la prima volta da Eulero, il quale ottenne per esso
un'equazione della forma (10,6); questa divenne successivamente nota come equazione di Laplace.
22 FLUIDI IDEALI Cap. I

Sulle superfici fisse di solidi, la componente Vn della velocità del fluido normale al-
la superficie deve essere zero, mentre per superfici in movimento essa deve esser.e
uguale alla componente normale della velocità della superficie stessa (che è una
funzione data del tempo). La velocità Vn, in ogni caso, è pari alla derivata del
potenziale <plungo la normale: vn = o<p/ on. Pertanto, le condizioni al contorno
generali sono che, ai bordi, O<p / on deve essere una data funzione delle coordinate
e del tempo.
Per un flusso potenziale, la velocità è legata alla pressione dall'equazione (9,3).
In questa, per un fluido incomprimibile, possiamo rimpiazzare w con p/ p:

o<p+
8t
!v2
2
+ '!!.
p
= f"(t).
.
(10,7)

Notiamo la seguente importante proprietà del flusso potenziale cli un fluido incom-
primibile. Supponiamo che un corpo solido si muova attraverso il fluido. Se ne
risulta un flusso potenziale, esso dipenderà in ogni istante solo dalla velocità del
moto del corpo in quello stesso istante e non, ad esempio, dalla sua accelerazione.
Infatti nell'equazione (10,6) non appare esplicitamente una dipendenza temporale,
che invece entra in gioco nella soluzione attraverso le condizioni al contorno che
contengono solo la velocità del corpo in movimento.
Dall'equazione cli Bernoulli, v 2 /2 + p/ p =
costante, vediamo che nel flusso stazionario di
un fluido incomprimibile (in assenza cli cainpo
gravitazionale), la pressione massima si ottiene
nei punti in cui la velocità è nulla. Di solito
tali punti si trovano sulla superficie dei corpi
immersi nel fluido (nel punto O in figura 2),
e sono chiamati ]J'ltni'icritici o di ar"T"esto.Se
u è la velocità della corrente incidente (cioè.la
velocità del fluido all'infinito) e p 0 la pressione
all'infinito, allora la pressione al punto di critico
è
Fig. 2 1 9
Pmax =Po+ -pH-. (10,8)
2
So la distribuzione cli velocità in un fluido in moto dipende solo da due coordi-
nate (x ed y, ad esempio) e la velocità è ovunque parallela al piano .1:y, il flusso si
dice bidimensionale o planare. Per risolvere problemi cli flussi bidimensionali per
un fluido incomprimibile è, talvolta, conveniente, esprimere la velocità in termini
di ciò che viene chiamata funzione di corrente. Dall'equazione cli continuità

.
d lVV=
_ OVx
--
+ --OVy =
O
ox ov
vediamo che le componenti della velocità possono esser scritte come derivate

OVJ (10,9)
Vy =- OX.
§ 10 FLUIDI INCOMPRIMIBILI 23

di una ce1:ta funzione 1/J(x, y), chiamata appunto funzione di corrente. L'equazione
di contim{ità viene allora automaticamente soddisfatta. Sostituendo l'equazione
(lÒ,9) nella (10,3), invece, otteniamo l'equazione che deve soddisfare la funzione cli
corrente:
(10,10)

Conoscendo la funzione cli corrente si può immediatamente determinare la forma


delle linee cli corrente per flussi stazionari. In un flusso bidimensionale l'equazione
differenziale per le linee di corrente si scrive
dx dy
Vx Vy

oppure vyd.T vxdY = O ed esprime il fatto che la direzione della tangente ad una li-
nea cli corrente coincide in tutti i punti con la direzione della velocità. Sostituendovi
la (10,9), abbiamo
EJ·ij; EJ·ij;
~d:r; + ~cly = cl-ij;= o,
ux uy
da cui ·ij;= costante. Le linee cli corrente, quindi, sono la famiglia di curve ottenute
uguagliando la funzione cli corrente ·ij;(x,y) ad una costante arbitraria.
Se tracciamo una qualsiasi curva tra due punti A e B nel piano :ry, il flusso
cli massa Q attraverso tale curva è dato dalla differenza tra i valori della funzione
cli corrente nei due punti, indipendentemente dalla forma della curva. Se Vrz è la
componente della velocità normale alla curva in ogni punto, abbiamo

Q
JB JB
= p ./;i v 11cll = p ,'f,l (-vydx + v,,cly) = p.
;·B
A ch/1,

o, equivalentemente,
Q = p(i/'B - ij1.4). (HJ,11)
Per corpi di diversi profili immersi in un fluido incomprimibile, esistono potenti
metodi cli soluzione per i problemi di flusso potenziale bidimensionale, metodi che
coinvolgono l'applicazione della teoria delle funzioni cli variabile complessa 2 ). Alla
base di questi metodi sono le seguenti argomentazioni. Il potenziale e la funzione
cli corrente sono legate alle componenti della velocità dalle relazioni 3 )
EJcp EJ-ij,, EJcp EJ'lj;
EJx = -EJy,
Vx= - V-----
. y - EJy- EJx.

Dal punto cli vista matematico, queste relazioni tra le derivate delle funzioni cp e
·ij;sono del tutto analoghe alle ben note condizioni di Cauchy-Riemann, affinché
l'espressione complessa
'W = cp+ i'lj; (10,12)
2
) Una descrizione più dettagliata di tali metodi e delle loro numerose applicazioni si può
trovare uei numerosi testi che trattano la dinamica dei fluidi da una prospett;iva più prettamente
matematica. Qui verranno descritti solo i concetti fondamentali.
3
) L'esistenza della funzione di corrente dipende solo dalla bidimensionalità del flusso, non
necessariamente dal suo essere un flusso potenziale.
FLUIDI IDEALI Cap. I

sia una funzione analitica della variabile complessa z = x + iy. Ciò significa che la
funzione w(z) possiede una derivata ben definita in ogni punto ·

dw EJ<.p .EJ'l/1 .
--=-
d"'
= -0 . + 0 . =
X X
i- Vx - 'lVy. (10,13)

La funzione w è chiamata potenziale complesso e dw / dz velocità complessa. Il mo-


dulo e l'argomento cli quest'ultima determinano, rispettivamente, il valore assoluto
v della velocità e l'angolo e tra. la direzione della velocità e l'asse x:

dw ·e
- =ve- 1
•• (10,14)
dz

Su una superficie solida attorno cui fluisce il fluido, la velocità deve essere
diretta lungo la tangente ad essa. Ciò vuol dire che il profilo cli contorno della
superficie deve essere una linea cli corrente, ovvero lungo esso ·~J = costante; la
costante può essere presa uguale a zero per cui il problema del flusso che avvolge
un dato contorno si riduce alla determinazione cli una funzione analitica w( z) che
assuma valori reali sul contorno. Il problema diventa più complicato quando il
fluido ha una superficie libera (si veda il problema 9 alla. fine del para.grafo).
L'integra.le cli una. funzione analitica. calcolato lungo un qualsiasi contorno chiuso
C va.le 27f'imoltiplicato per la. somma. dei residui della. funzione nei suoi poli semplici
contenuti all'interno cli C; pertanto

iw 1
=
.r clz 27f'i~A1,;,
k

dove A1,,sono i residui della. velocità complessa. Abbiamo, inoltre, che

.1 = .1
1
w clz (v,,,- ivy) (cl:i;+ icly) =

= f'(v,,cl:r + vydy) + ·i.~·(v,rcly- vyd:r).

La parte reale cli questa. espressione non è altro che la. circolazione della. velocità r
lungo il contorno C. La. parte immaginaria., moltiplicata per p, è invece il flusso cli
massa attraverso C; se non vi è alcuna sorgente cli fluido all'interno del contorno,
questo flusso è zero e, quindi, abbiamo semplicemente

I'= 27f'·i~A1,;; (10,15)


k

tutti i residui A1csono in questo ca.so pura.mente immaginari.


Vediamo, infine, quali sono le condizioni cui deve sottostare il fluido per essere
considerato incomprimibile. Quando la pressione varia adiabatica.mente cli 6.p, la
densità va.ria. cli
6.p = (EJp) 6.p.
av s
§ 10 FLUIDI INCOMPRIMIBILI 2.5

Secondo l.'equazione di Bernoulli, d'altra. parte, !:,.pè dell'ordine di pv 2 in un flusso


st.azionario. Mostreremo nel § 64 che la derivata (8p/8p)., è uguale al quadrato
della velocità. del suono nel fluido, c. Otteniamo allora. che

pv2
!:,.p~-9.
e-

Il fluido può essere considerato incomprimibile se !:,.p/p « 1. Notiamo che una


condizione necessaria a tal fine è che la velocità. del fluido sia piccola rispetto alla
velocità. del suono:
V« C. (10,16)
In ogni caso quest'ultima condizione è anche sufficiente solo per un flusso sta-
ziona.rio. Per un flusso non staziona.rio, occorre che venga soddisfatta. una ulteriore
condizione. Siano T ed l un tempo ed una lunghezza. dell'ordine dei tempi e delle
distanze su cui la. velocità. del fluido subisce variazioni significative. Confrontando
i termini 8v/8t e (1/p)gradp nell'equazione di Eulero, troviamo che v/T ~ !:,.p/lp
oppure !:,.p ~ lpv/T e la corrispondente variazione clip è !:,.p~ lpv/TC 2 . Confron-
tando ora. i termini op/8t e pdiv v nell'equazione di continuità., troviamo che la.
derivata 8p/8t può essere trascurata. (possiamo supporre, in altre parole, che p sia.
costante) se !:,.p/T « pv/l, o
T » l/c. (10,17)
Se le condizioni (10,16) e (10,17) sono entrambe soddisfatte, il fluido può essere
considerato incomprimibile. La. condizione (10,17) ha un significato ovvio: il tempo
l/c impiegato da un segnale sonoro per coprire la distanza l deve essere piccolo
rispetto al tempo T durante cui il fiusso cambia apprezzabilmente, in modo tale
che la propagazione delle interazioni uel fiuido pnò essere considerata istantanea.

PROBLE:i\II

1. Determinare la forma della superficie cli un fluido incomprimibile sottoposto all'a-


zione cli un campo gravitazionale e contenuto in un recipiente cilindrico ruotante intorno
al suo élsse verticale con velocità. angola.re costante O.
Soluzione. Prencli,11110l'élsse ciel cilindro come asse ::. Allora v". = -yO, v!I = :rrl.
v 0 = O. L'equazione cli continuità. è identicamente soddisfatta e dall'equazione di Eulero
(10,1) si trova
rrl 2 = ! op 1 op
--+g=O.
. (J O.T' po:: .

L'integrale generale cli queste equazioni è

p 1 o o
- = -O·(x· + y-)o - g:: + costante.
p 2
Sulla superficie libera p = costante, per cui la superficie è un paraboloide:
26 FLUIDI IDEALI Cap. I

con l'origine presa nel punto inferiore della· superficie.


2. Una sfera di raggio R si muove con velocità u in un fluido ideale incomprimibile.
Determinare il flusso potenziale del fluido che avvolge la sfera.
Soluzione. La velocità del fluido deve annullarsi all'infinito. È noto che le soluzioni
dell'equazione di Laplace L.<p = O che si annullano all'infinito scino 1/r e le derivate dei
vari ordini di 1/r rispetto alle coordinate (prendendo come origine il centro della sfera).
Tenendo conto della completa simmetria della sfera, nella soluzione può comparire soltanto
un vettore costante, la velocità u; inoltre per la linearità dell'equazione di Lapla.ce e della
condizione al contorno, <pdeve dipendere da u linearmente. L'unico scalare che può essere
formato da u e dalle derivate di 1/r è il prodotto scalare u · grad(l/r). Cerchiamo, .quindi,
<p della forma
1 A·n
<p =A· grad- = ---, 2
r r
in cui n è il versore nella direzione dir. Il vettore costante A si determina dalla condizione
che le componenti normali delle velocità v e u siano uguali sulla superficie della sfera, cioè
v · n = u · n per r = R. Da questa condizione si ottiene A = uR 3 /2, per cui
R3 R3
<p=--u-n.2 v = ___:__
[3n(u · n) - u].
2r · 2r 3
La distribuzione di pressione è data dall'equazione (10,7):
1 o [)<p
p = Po - 2pv- - p [)t ,

in cui Po è la pressione all'infinito. Per calcolare la derivata parziale [)<p/[)t, dobbiamo


ricordare che l'origine (che abbiamo scelto coincidere con il centro della sfera) si muove con
velocità u. Quindi
[)<p [)<p .
- = - ·u u · grad <p.
at au
La distribuzione di pressione sulla. superficie della. sfera è data dalla formula.
1 ". "
p = p 11 + rm-(9 cos- B - 5) + 21 pRn · clu
dt ,
8
dove B è l'angolo compreso tra n ed u.
3. Risolvere il problema precedente, per un cilindro infinito in moto perpendicolarmente
al suo asse 4 l .
Soluzione. Il flusso è indipendente dalla. coordinata assiale, pertanto occorre risolvere
l'equazione di Laplace in due dimensioni. Le soluzioni che si annullano all'infinito sono la
derivata prima e le derivate cli ordine superiore di ln r rispetto alle coordinate, dove r è il
raggio vettore nonnale all'asse ciel cilindro. Cerchiamo una soluzione del tipo
A· n
<p=A· gradlnr = --
1'

e, poiché dalle condizioni al contorno otteniamo A = - R 2 u, si ha


R2 R2
<p= --u · n, v = ---,,[2n(u · n) u].
r r-
4
l La soluzione dei problemi più genera.li riguardanti flussi potenziali intorno ad ellis-
soidi e cilindri ellittici si può trovare in: N.E. Koch:in, I.A. K-ibel e N. 11. Roze, Theoretical
Hydromechanics, Wiley, 1964, Parte I, capitolo VII; H. La.mb, Hydrodynamics, Dover, 1932,
§§ 103-116.
§ 10 FLUIDI INCOMPRIMIBILI 27

La pressio~1e sulla superficie del cilindro è data da

1 • • du
p = p0 + -p1c(4cos·
2
e- 3) + pRn · -d .
t

4. Determinare il flusso potenziale di un fluido incomprimibile ideale contenuto in un


recipiente ellissoidale, ruotante intorno al proprio asse principale con velocità angolare n ;
calcolare il momento angolare totale del fluido.
Sol·uzfone. Prendiamo le coordinate cartesiane x, y, z lungo gli assi dell'ellissoide ad
un istante dato, c011l'asse z coincidente con l'asse cli rotazione. La velocità dei punti della
parete ciel recipiente è
u = [f!r],
per cui la condizione al contorno v 11 = o<p/ 8n = v.11 diventa
o<p
on = D(xny yn:c),

oppure, impiegando l'equazione dell'ellissoide x 2 /o.2 + y 2 /b 2 + z 2 /c 2 = 1,

x O<p y O<p z O<p ( 1 1) .


--+--+--=xyn ---
a.2 ax b2 8y c2 8z b2 a.2

La soluzione dell'equazione cli La.piace che soddisfa tale condizione al contorno è


a.2 _ b2
n----,,----b. (1)
<p=
a.·+ • xy.
Il momento angolare ciel fluido nel recipiente è

M = p f (xv 11 - yvx)dV

Calcolando l'integrale sul volume F dell'ellissoide, abbiamo


rlp\i(a.2 b2)2
j\J = -- ') •
5 a.·+ lr
La formula (1) fornisce il moto assoluto del fluido, relativo alle posizioni istantanee
degli assi x, y, z fissati al recipiente in rotazione. Il moto relativo al recipiente (vale a
dire relativo a un sistema cli coordinate :r:, y, z in rotazione) si trova sottraendo al valore
assoluto della velocità ciel fluido la quantità [f!r]; indicando con v' IR velocità relativa ciel
fluido, abbiamo

8<p 2Da.2
V~ = -;:;-
u:z:
+ 0, y , y,
= ----,,--------
a.· + 6.
I
Vy = - a,2 + b2 X,
Le traiettorie cli moto relativo si trovano integrando le equazioni i = v~, y = v;1 e cor-
rispondono alle ellissi x 2 /a.2 + y 2 /b 2 = costante, che sono simili all'ellisse che delimita il
fluido.
5. Determinare il flusso in prossimità ciel punto critico (fig. 2).
Sol'll.zione. Si può considerare una piccola porzione cli superficie ciel corpo, in prossimità
ciel punto critico, come piana. Prendiamo questa come piano :z:y. Sviluppando <pper 1:,y, z
piccoli, abbiamo, fino ai termini ciel secondo ordine,

<p= a.x +by+ cz + Ax 2 + By 2 + Cz 2 + D:cy + Eyz + Fz:c;


28 FLUIDI .IDEALI Cap. I

un termine costante in <p è del tutto irrilevante. I coefficienti costanti sono determinati. in
modo tale che <psoddisfi l'equazione 6.ip = O con le condizioni al contorno Ve = 8ip/8z = O
per z = O e qualunque ~:, y e 8ip/8x = 8ip/8y = O per x = y = z = O (il punto critico).
Ciò fa sì che o = b = c = O; C = -A: - B, E = F = O. Il termine Dxy può essere sempre
rimosso mediante una opportuna rotazione degli assi x ed y. Abbiamo perciò

ip = Ax 2 + By 2 - (A+ B)z 2
. (1)

Se il flusso è assialmente simmetrico intorno all'asse z (solido di rotazione immerso in


un flusso simmetrico), deve essere A= Be quindi

Le componenti della velocità sono

V.r = 2Ax, v11 = 2Ay, Ve = -,!Az.


Le linee di corrente sono date dalle equazioni (5,2), da cui troviamo x 2 z = c 1 , y 2 z = c2, vale
a dire che le linee di corrente sono iperboli cubiche. Se il flusso è uniforme nella.direzione
y (ad esempio un flusso lungo la. direzione z attorno ad un cilindro con l'asse lungo la
direzione y), si ha. nella (1) B = O, per cui

Le linee di corrente sono le iperboli :cz = costante.


6. Determinare il flusso potenziale in prossimità dell'angolo formato da due piani che
si interseca.no.
Soluzione. Prendiamo le coordinate polari r, e nel piano della sezione trasversa. (per-
pendicolare a.lla linea cli intersezione), con origine al vertice dell'angolo; misuriamo a e
partire da uno dei due lati dell'angolo. Indichiamo con o: il valore dell'angolo; per o: < ;r
il flusso ha luogo all'interno dell'angolo, mentre per o > ;r al cli fuori. La condizione al
contoruo cli annullamento della componente uonnale della velocità si traduce, in questo
caso, nella comlizione éìcp/EJe =Opere= O e O= n. La solnzinne rlell"Pq1rnzim1erii Laplac<"
che soddisfa tali condizioni può essere scritta 5 J

ip = Ar" cosne, n=

per cui
1
v.,. = nAr.,,_ 1 cosne, vo = -nAr 11
- sin ne.
Per n < 1 (flusso attorno ad un angolo convesso, fig. 3), v.,. diverge nell'origine come
1/r 1 -". Per n > 1 (flusso all'interno cli un angolo concavo, fig. 4), v si annulla per r = D.
La funzione cli corrente, che dà la forma delle linee cli corrente, è

4,= Ar" sin ne.


Le espressioni ottenute per <pe 1/1
sono le parti reale ed immaginaria del potenziale complesso
'W = Azn 6)_
5
l Prendiamo la soluzione che include la potenza positiva piì1 piccola cli r, dal momento
che r è piccolo.
0
1 Se i piani vengono supposti infiniti, i problemi 5 e 6 presentano delle degenerazioni,
poiché le costanti A e B nelle soluzioni sono indeterminate. Nei casi reali cli flussi attorno
corpi cli dimensioni finite, esse sono determinate dalle condizioni genera.li del problema.
§ 10 FLUIDI INCOMPRIMIBILI 29

Fig. ,1
Fig. 3
7. All'interno di un fluido incomprimibile che riempie tutto lo spazio, viene a formarsi
improvvisamente una cavità sferica di raggio a. Determinare quanto tempo impiega il
fluido a riempire la cavità (Besant, 1859; Rayleigh, 1917).
Sol'Uz'ione. A seguito della formazione della cavità si ha un flusso a simmetria sferica,
con velocità diretta in ogni punto lungo verso il centro della cavità. Per la velocità radiale
si ha
v,. =V< 0
e l'equazione cli Eulero in coordinate sferiche si scrive:

Dv Du 1 Dp
-+v-=---. (1)
ot Dr p Dr
Dall'equazione cli continuità
(2)
dove F( t) è una funzione arbitraria del tempo; questa equazione esprime il fatto che,
essendo il fluido incomprimibile, il volume che fluisce attraverso una qualsiasi superficie
sferica è indipendente dal raggio della superficie.
Sostituendo v dalla (2) nella (1), abbiamo

F' (t) Dv 1 Dp
--+v-=---
r2 Dr p Dr·
Integrando quest'ultima equazione su r variabile tra il raggio istantaneo della cavità,

R = R(t) ::é:a,

e l'infinito otteniamo
_ F'(t) + !v 2 = JJo (3)
R (t) 2 p
in cui V = dR( t) / dt è la variazione del raggio della cavità nel tempo e JJo il valore della
pressione all'infinito; la velocità. del fluido all'infinito è zero, così come la pressione sulla
superficie della cavità. Dall'equazione (2) per i punti sulla superficie della cavità, troviamo

F(t) = R 2 (t)V(t)
30 FLUIDI IDEALI Cap. I

e, sostituendola nella (3), otteniamo l'equazione

3112 1 dV 2 Po
----R-=-. (4)
2 2 dR p

Le variabili sono separabili; integrando con la condizione al contorno V = O per R = a (il


fluido inizialmente era a riposo), abbiamo

dR
11=-=- 2po (~ - l).
dt 3p R3

Di conseguenza siamo in grado cli trovare il tempo totale riecessario affinché la cavità venga
riempita dal fluido
{3p [° dR
T = 2Pa V
lo J(a/R)3 -1
L'integrale si riduce ad una funzione /3di Eulero e abbiamo infine,

7=::
3a2p11r(5/6) = 0.915a [i_
2po q1/3J VPo
8. Una sfera immersa in un fluido incomprimibile si espande secondo una data legge
R = R(t). Determinare la pressione del fluido sulla superficie della sfera.
Soluzione. Sia P(t) la pressione richiesta. Calcoli del tutto analoghi a quelli ciel
problema 7, ad eccezione ciel fatto che la pressione in r = R ora è P(t) e non zero, invece
che alla (3) danno l'equazione

F'(t) 1 2 Po P(t)
---+-V=----
R(t) 2 p p

e, al posto della (4),


Pu-P(t) 3V 2
---- = --- - Rv_clV
-.
p 2 clR
Tenendo conto ciel fotto che V = clR/dt, possiamo scrivere l'espressione per P(t) nella
forma

9. Determinare la forma di un getto emergente da una fessura infinitamente lunga cli


una parete piana.
Sol'li,zione. Supponiamo che la parete coincida con l'asse x nel piano .-cy, che la fessura
corrisponda al segmento -o./2 :S x :S o./2 di tale asse e che il fluido occupi il semipiano
y > O. Molto lontano dalla parete (y -+ oo) la velocità del fluido è zero e la pressione è PO·
Sulla superficie libera ciel getto (BC e B'C' in figura 5a) la pressione p = O, mentre
la velocità assume il valore costante v 1 = J2p 0 / p, in base all'equazione di Bernoulli. Le
linee della parete il cui prolungamento forma la superficie libera del getto, sono le linee di
corrente. Sia 1jJuguale a zero sulla linea ABC; sulla linea 1-1'E' C', allora, 1jJ= -Q / p, dove
Q = pa.1 v1 è la rapidità con cui il fluido emerge nel getto (essendo o.1 e v 1 la larghezza del
getto e la velocità del fluido all'infinito, rispettivamente). Il potenziale <p varia tra -oo e
+oo sia lungo ABC che lungo A'B'C'; poniamo che <p sia nullo in E e E'. Nel piano della
§ 10 FLUIDI INCOMPRIMIBILI 31

lf+e ©
o
4-~' A'
----_!I_- ____ln7
c,9_'..__
•)

(e) ~ ,B A
I
@ I' @
! 1f
I'
e !B A

'
o
(f) A' B'
t C'ICB' A
-1
1-Q/p '

C' 'E' A' I'


(b)
I (d)
I

Fig. 5

variabile complessa w (fig. 5b), alla regione del flusso corrisponde una striscia infinita di
larghezza Q/ p (le notazioni per i punti nelle figure 5b,c,d corrispondono a quelle di figura
5a).
Introduciamo ora una nuova variabile complessa, il logaritmo della velocità complessa:

(,. = - ln [ -. 1._ 0
dw] = ln -V1 -1-1.. (. -7f -1-IJ)
- (1)
'/11E''"/- d:; 'l' 2

(v 1 ei"/ 2 è la velocità complessa del getto all'infinito). Su A'B' abbia.mo O= O; su AB,


IJ = -1r; su BC e B'C', v = v1 mentre all'infinito nel getto O = -1r/2. Nel piano della
variabile complessa. (, quindi, alla regione cli flusso corrisponde una striscia semiinfinita cli
larghezza 1r nel semipiano di destra (fig. 5c). Se ora riusciamo a trovare una trasformazione
conforme che trasforma la striscia nel piano w nella semistriscia nel piano ( (con i punti
in corrispondenza come in figura 5), avremo determinato w come funzione di dw / dz e,
dunque, w può essere trovata per mezzo cli una semplice quadratura.
Al fine cli trovare la trasformazione richiesta, introduciamo un'ulteriore variabile com-
plessa ausiliare, u, tale che nel piano u alla regione del flusso corrisponda il semipiano
superiore, a.i punti B e B' corrispondano i punti u = ±1, ai punti C e C', v. = O e ai
punti A e A' posti all'infinito corrisponda. u = ±oo (fig. 5d). La dipendenza cli w da
questa va.ria.bile ausiliare è data dalla trasformazione conforme che fa passare il semipiano
superiore u nella striscia del piano w. Con la precedente corrispondenza di punti, questa
trasformazione è
Q
w=--lnu. (2)
p7r
Per trovare la dipendenza cli ( da u, dobbiamo trovare una trasformazione conforme
che porta la semistriscia del piano ( nel semipiano superiore cli v,. Considerando questa
semistriscia come un triangolo con un vertice all'infinito, siamo in grado di trova.re la
32 FLUIDI IDEALI Cap. I

trasformazione cercata per mezzo della nota formula di Schwarz-Christoffel, ovvero

( = -i arcsin u. (3)
Le formule (2) e (3) danno la soluzione del problema, poiché forniscono la dipendenza di
clw/ clz da w in forma parametrica.
Determiniamo ora la forma del getto. Su BC abbiamo w = <p, ( = iU1r + B), mentre
u varia da 1 a O. Dalla (2) e dalla (3) otteniamo -

Q In (-cosB),
<p= -- (4)
p1r
e dalla (1)

cioè
clz =cl.T+ .cly
1.
1 iBcl<p= -e
= -e
V1
a1
7f
iO
tan 8cl8,

per cui integrando con le condizioni y = O, .T = a/2 per B = -1r, troviamo la for-
ma del getto espressa para.metricamente. In particolare, la compressione del getto vale
ai/a= 1r/(2 + 1r) = 0.61.

§ 11. La forza cli resistenza nel ffosso potenz'ia.le


Consideriamo il problema del flusso potenziale di un fluido ideale incomprimibile
attorno ad un corpo solido. Naturalmente il problema è del tutto equivalente a
quello del moto di un fluido quando lo stesso corpo si muove attraverso di esso. Per
ottenere quest'ultimo caso dal primo, basta semplicemente passare ad un sistema
di coordinate in cui il fluido sia a riposo all'infinito. Nella discussione che segue
diremo, cli fatto, che il corpo si muove attraverso il fluido.
Determiniamo la natura della distribuzione cli velocità del fluido a grandi distan-
ze rispetto al corpo in movimento. Il flusso potenziale cli un fluido incomprimibile
soddisfa l'equazione cli Laplace, D.<p = O. Dobbiamo considerare le soluzioni cli que-
sta equazione che si annullano all'infinito, dove si suppone che fluido sia a riposo.
Prendiamo l'origine delle coordinate in qualche punto interno al corpo; pur essendo
il sistema cli coordinate in movimento con il corpo, considereremo la distribuzione
cli velocità del fluido ad un certo istante particolare. Come sappiamo, l'equazione
cli Laplace ha una soluzione 1/r, dover è la distanza dall'origine. Il gradiente e le
derivate spaziali cli ordine superiore cli 1/r sono anch'esse soluzioni. Tutte queste
soluzioni, ed ogni loro combinazione lineare, si annullano all'infinito. Di conseguen-
za la forma generale della richiesta soluzione dell'equazione cli Laplace, a grandi
distanze dal corpo, è
a 1
<p= -- +A· grad- + ... ,
'f' T

dove a ecl A sono indipendenti dalle coordinate; i termini omessi contengono de-
rivate cli ordine superiore cli 1/r. Si vede facilmente che la costante a deve essere
zero. Per un potenziale <p= -a.jr si ha, infatti, una velocità
a r
v = -grad- = a-. 3
r r
§ 11 FORZA DI RESISTENZA NEL FLUSSO POTENZIALE 33

Calcoliamo il corrispondente flusso di massa attraverso una certa superficie chiusa,


ad esempio una sfera di raggio R. Su questa superficie la velocità è costante ed
l{guale a a/R 2 ; il flusso totale attraverso di essa è, quindi, p(a/R 2 )411R2 = 411pa.
Ma il flusso di un fluido incomprimibile attraverso una qualsiasi superficie chiusa
deve essere zero. Da qui concludiamo che a= O.
Pertanto r.pcontiene termini dell'ordine di 1/r 2 e superiori. Visto che stiamo
cercando la velocità a grandi distanze, i termini di ordine superiore si possono
trascurare, ottenendo
1 A-11
r.p=A·grad- = ---, (11,1)
r ,,.2

e per la velocità v = grad r.p

1 3(A · 11)11- a
v = (A· grad)grad -,,. = .
r·3 , (11,2)

dove 11 è il versore della direzione dir. Vediamo che a grandi distanze la velocità
diminuisce come l/r 3 . Il vettore A dipende dalla forma e dalla velocità del corpo
e può esser determinato solo risolvendo completamente l'equazione 6r.p = O a tutte
le distanze, prendendo in considerazione le opportune condizioni al contorno sulla
superficie del corpo in movimento.
Il vettore A, che appare nella (11,2), è legato in maniera specifica all'energia e
all'impulso totali del fluido in moto attorno al corpo. L'energia cinetica totale del
fluido (l'energia interna di un fluido incomprimibile è costante) è

1 ;· pv 2 dV,
E=
2.
dove l'integrazione è presa su tutto lo spazio al di fuori del corpo. Prendiamo una
regione di spazio V delimitata da una sfera cli raggio R grande, il cui centro sia
nclrorigine ciel sistema di coordinate, ed integriamo inizialmente solo su V, facendo
successivamente tendere R ad infinito. Abbiamo identicamente

2 2
/ v cW = / u. clV + / (v + u) · (v - u)dV,

dove u è la velocità del corpo. Poiché u è indipendente dalle coordinate, il primo


integrale al secondo membro è semplicemente u 2 (V - Va), dove Va è il volume del
corpo. Nel secondo integrale, scriviamo la somma v + u come grad(r.p + u · r)
e sfruttando il fotto che div v = O (equazione di continuità) e che cliv u O, =
otteniamo:

2
/ v clV = 1}(V - Va)+/ div[(r.p + u · r)(v - u)]clV.

TI·asformiamo, ora, il secondo integrale in un integrale sulla superficie S della sfera


e sulla superficie So del corpo:

f
.
v 2 clV=u. 2
(V-V 0 )+1
~+&
(r.p+u·r)(v-u)·df.
34 FLUIDI IDEALI Cap. I

Sulla superficie del corpo, le componenti normali di v ed u sono uguali, in virtù


delle condizioni al contorno; poiché il vettore df è diretto lungo la normale aÌla
superficie, è chiaro che l'integrale su S 0 è identicamente nullo. Sulla superficie più
lontana S sostituiamo le espressimii (11,1) e (11,2) per rp e ve trfLscuriamo i termini
che si annullano per R--+ oo. Scrivendo l'elemento di superficie della sfera S nella
forma df = nR 2 do, dove do è un elemento di angolo solido, otteniamo

j v dV = u
2 2 3
(~7TR - v0 ) + j [3(A ·n) (u · n) - (u · n) 2 R3 ] do.

Infine, eseguendo l'integrazione l) e moltiplicando per p/2, otteniamo la seguente


espressione per l'energia totale del fluido:
1 9
-p(41rA · u - Vou-).
E= (11,3)
2
Come è stato già accennato, il calcolo esatto del vettore A richiede la soluzione
completa dell'equazione 6rp = O, con le particolari condizioni al contor:no sulla
superficie del corpo. In ogni caso, la natura generale della dipendenza di A dalla
velocità u del corpo può essere trovata direttamente, considerando che l'equazione
è lineare in rp e che le condizioni al contorno sono lineari sia in rp che in u. Ne
segue che A deve essere una funzione lineare delle componenti di u. L'energia E
data dalla formula (11,3) è, quindi, una funzione quadratica delle componenti di u
e può essere scritta nella forma

(11,4)

dove m;k è un certo tensore simmetrico costante, le cui componenti possono essere
calcolate da quelle cli A; esso prende il nome cli tensore di massa indotta.
Conoscendo l'energia E, possiamo ottenere un'espressione per l'impulso totale
P del fluido. A questo proposito, notiamo che variazioni infinitesimali in E e P
sono legate da dE = u · dP 2 l; da ciò segue che, se E è espresso nella forma (11,4),
l l Integrare su o equivale a mediare la funzione integranda su tutte le direzioni del vettore n
e a moltiplicare per 4r.. Per mediare espressioni del tipo (A· n)(B · n) = A;n;B1,-n1,,,dove A, B
sono vettori costanti, notiamo che

2
) Supponiamo che il corpo sia accelerato da una qualche forza esterna F. L'impulso del
fluido aumenterà di conseguenza; indichiamo con dP l'incremento dell'impulso nel t;empo dt. Tale
incremento è legato alla forza da dP = Fdt e moltiplicando scalarmente per la velocità li si ottiene
li · dP = F · lidt, ovvero il lavoro compiuto dalla forza F agente per la distanza lidt, lavoro che
deve essere uguale all'aumento dE di energia del fluido.
Bisogna notare che non è possibile calcolare l'impulso direttamente come l'integrale f pvdV su
tutto il volume del fluido. La ragione sta nel fatto che questo integrale, con la velocità distribuita
secondo la (11,2), diverge, nel senso che il risultato dell'integrazione, sebbene finito, dipende da
come si calcola l'integrale: integrando, infatti, su una regione grande, le cui dimensioni si facciano
tendere all'infinito, otterremmo un valore dipendente dalla forma della regione (sfera, cilindro,
ecc.). Il metodo di calcolo dell'impulso qui usato, partendo dalla relazione li· dP = dE, conduce
ad un risultato finale ben definito, dato dalla formula (11,6), che certamente soddisfa la relazione
fisica tra la variazione dell'impulso e le forze agenti sul corpo.
§ 11 FORZA DI RESISTENZA NEL FLUSSO POTENZIALE 35

le compo_nenti di P devono essere

(11,5)

Infine, confrontando le formule (11,3)-(11,5) si vede che P può essere scritto in


termini di A come
P = ,17rpA- pVou. (11,6)

Va notato che l'impulso totale del fluido è una quantità finita ben definita.
L'impulso trasferito al fluido nell'unità di tempo dal corpo è dP /dt. Quest'ul-
tima quantità, cambiata di segno, esprime evidentemente la reazione F del fluido,
ovvero la forza agente sul corpo:

dP
F=-- dt. (11,7)

La componente di F parallela alla velocità del corpo è chiamata forza di resistenza,


mentre la componente perpendicolare è chiamata portanza.
Se esistesse il flusso potenziale attorno a un corpo in moto uniforme in un fluido
ideale, si avrebbe P = costante, giacché u = costante, e quindi F = O. In altre
parole non vi sarebbe né resistenza né portanza; le forze di pressione esercitate dal
fluido sul corpo sarebbero mutuamente bilanciate (questo risultato è noto come
paradosso di d'Alembert). L'origine cli questo paradosso si vede chiaramente consi-
derando la resistenza. La presenza cli una forza di resistenza nel moto uniforme di
un corpo implica che per mantenere il moto occorra che una qualche forza esterna
compia continuamente lavoro, successivamente dissipato o convertito in energia ci-
netica del fluido stesso, ottenendo come risultato un flusso cli energia continuo nel
fluido all'infinito. Tuttavia, per definizione, non vi è alcuna dissipazione cli ene1·gia
in un fluido ideale e la velocità del fluido posto in moto dal corpo diminuisce, al-
l'aumentare della distanza dal corpo stesso, così rapidamente che non vi può essere
alcun flusso cli energia all'infinito.
Va sottolineato, ad ogni modo, che tali argomentazioni si riferiscono solo al moto
cli un corpo in un volume cli fluido infinito. Se, ad esempio, il fluido avesse una
superficie libera, un corpo in moto uniforme parallelo a questa superficie sarebbe
soggetto ad una resistenza. L'apparizione cli questa forza (chiamata resistenza
d'onda) è dovuta all'insorgere di un sistema cli onde che si propagano sulla superficie
libera, che continuamente sottraggono energia trasportandola all'infinito.
Supponiamo che un corpo esegua un moto oscillatorio sotto l'azione cli una forza
esterna f. Se sono soddisfatte le condizioni discusse nel § 10, il fluido che circonda
il corpo si muove in un flusso potenziale e possiamo impiegare le relazioni prece-
dentemente ottenute per derivare le equazioni del moto del corpo. La forza f deve
essere uguale alla derivata temporale dell'impulso totale del sistema che è uguale
alla somma dell'impulso J\;Ju del corpo (con 111massa del corpo) e dell'impulso P
del fluido:
du dP
M-+-=f.
dt dt
36 FLUIDI IDEALI Cap. I

Usando la (11,5), otteniamo

che può essere scritta anche come

(11,8)

Questa è l'equazione del moto di un corpo immerso in un fluido ideale.


Consideriamo ora, quello che può essere in un certo senso considerato il proble-
ma inverso. Supponiamo che il fluido esegua un moto oscillatorio per via di qualche
causa esterna al corpo. Questo moto, a sua volta, indurrà il corpo a muoversi 3 ).
Deriviamo l'equazione del moto del corpo.
Assumiamo che la velocità del fluido vari solo di poco su distanze dell'ordine
delle dimensioni lineari del corpo. Sia v la velocità che avrebbe il fluido nella
posizione del corpo se questo fosse assente; in altri termini v è la velocità del flusso
imperturbato. In accordo con tale assunzione, v può essere supposta costante in
tutto il volume occupato dal corpo. Indichiamo, come prima, la velocità del corpo
con u.
La forza agente sul corpo, mettendolo in stato cli moto, può essere determinata
nel seguente modo. Se il corpo fosse interamente trascinato insieme al fluido ( cioè
v = u), la forza agente su cli esso sarebbe la stessa che agirebbe sul fluido nello
stesso volume, se il corpo fosse assente. L'impulso cli questo volume cli fluido è
pVov e, pertanto, la forza agente è pV 0 dv/dt. In realtà, il corpo non è interamente
trascinato insieme al fluido e si stabilisce un moto del corpo relativo al fluido in
conseguenza del quale il fluido stesso acquisisce un moto supplementare. L'impulso
del fluido risultante è ·mu,,(11,1,,
- vk), poiché nella ( 11,5) dobbiamo sostituire, adesso,
u con la velocità u - v ciel corpo relativa al fluido. La variazione di questo impulso
nel tempo dà luogo alla comparsa cli una ulteriore forza cli reazione sul corpo
-mil,,cl(u.h:- vk) / clt. La forza totale sul corpo, quindi, è
dv; cl )
pVo-d - mik-d (v.k - v, . .
t ,t
Questa forza deve essere uguagliata alla derivata temporale dell'impulso del corpo.
Otteniamo, allora, la seguente equazione del moto:

-d (Jì111,;) = p110 -clv; cl (V,J,,- v,, ) .


- - n1.;1,:-l
ci1 ci1 et
Integrando entrambi i membri rispetto al tempo, abbiamo

(11,9)

Poniamo la costante cli integrazione uguale a zero, poiché la velocità u del corpo,
nel suo moto generato dal fluido, deve annullarsi quando si annulla v. La relazione
:J) Potremmo considerare, ad esempio, il moto cli un corpo in un fluido attraverso cui si propaghi
un'oncia sonora, la cui lunghezza d'oncia sia grande rispetto alle dimensioni ciel corpo.
§ 11 FORZA DI RESISTENZA NEL FLUSSO POTENZIALE 37

ottenuta permette di determinare la velocità del corpo a partire da quella del fluido.
S,e la densità del corpo è uguale a quella del fluido (lì{ = pVo), abbiamo u = v,
come ci si aspetta.

PROBLEMI

1. Ottenere l'equazione del moto per una sfera che esegue un moto oscillatorio in un
fluido ideale e per .una sfera messa in moto da un fluido oscillante.
Sol·u,zione. Confrontando la (11,1) con l'espressione per <pnel caso cli un flusso attorno
ad una sfera, ottenuta nel § 10, problema 2, vediamo che

1 3
A=
2R u,

dove R è il raggio della sfera. L'impulso totale trasmesso al fluido dalla sfera è, secondo la
(11,6),

per cui il tensore m,; 1,, è


27f 3
m;k = pR ,1;1,,.
3
La resistenza sulla sfera in movimento è

e l'equazione del moto della sfera oscillante nel fluido diviene

iu cui p 0 è la clensitii della sfern.. Il coefficiente cli rlu/ rlt pnò essere ccmsidern t.o ima cert;i
nw.ssa ejficnce della sfera: questa consiste della massa reale della sfera e della sua massa
indotta, che in questo caso è pari alla metà. della massa cli fluido spostata dalla sfera.
Se la sfera è posta in moto dal fluido, dalla (11,9) si ha per la sua velocità

3p
u=---v.
P + 2po
Se la densità della sfera è maggiore cli quella del fluido (po > p ), u < v, ovvero la sfera è
"in ritardo" rispetto al fluido; se invece p 0 < p, la sfera "precede" il fluido.
2. Esprimere il momento delle forze agenti su un corpo in moto in un fluido, in termini
del vettore A.
Soluzione. Sappiamo dalla meccanica, che il momento M delle forze agenti su un corpo
è determinato dalla sua funzione Lagrangiana (in questo caso a partire dall'energia E) per
mezzo della relazione SE= M · Ml, dove se
è il vettore di una rotazione infinitesimale del
corpo e SE è la variazione risultante di E. Piuttosto che ruotare il corpo cli un angolo
M) (e, corrispondentemente, cambiare le componenti m 1,,,), possiamo ruotare il fluido di
un angolo -Se relativamente al corpo (e, corrispondentemente, cambia.re la velocità u).
Abbiamo Su= -[Seu], per cui

SE= P ·Su= -Se· [uP].


38 FLUIDI IDEALI Cap. I

Utilizzando l'espressione (11,6) per P, otteniarÌ10 la formula richiesta:

M = -[uPJ = 4irp[Au].

§ 12. Onde di gravità


La superficie libera di un fluido in equilibrio in un campo gravitazionale è un
piano. Se sotto l'azione di una qualche perturbazione esterna la superficie viene
mossa dalla sua posizione di equilibrio, nel fluido avrà luogo un moto. Tale mo-
to si propagherà sull'intera superficie in forma di onde, chiamate onde di gravità,
poiché sono dovute all'azione del campo gravitazionale. Le onde di gravità compa-
iono principalmente sulla superficie del fluido ma ne influenzano anche l'interno in
maniera sempre meno significativa all'aumentare della profondità.
Considereremo qui onde cli gravità in cui la velocità delle particelle di fluido in
movimento è così piccola che si può trascurare il termine (v · grad)v, rispetto a
ov/àt, nell'equazione di Eulero. Il significato fisico cli questa scelta si comprende
facilmente. Durante un intervallo di tempo dell'ordine del periodo T delle oscilla-
zioni delle particelle di fluido nell'onda, queste particelle percorrono una distanza
dell'ordine dell'ampiezza a dell'onda stessa. La loro velocità di spostamento v è,
pertanto, dell'ordine cli a/T. Questa varia apprezzabilmente in intervalli cli tempo
clell'ordine cli T e distanze clell'ordine cli À nella direzione cli propagazione ( ,\ è la
lunghezza d'onda). Da ciò segue che la derivata temporale della velocità è dell'ordi-
ne cli v / T e la derivata rispetto alle coordinate è dell'ordine cli v / À. Di conseguenza
la condizione (v · grad)v « 8v/8t è equivalente a

-,\1 (°')2 a, 1
-T <<--,
T T

oppure
(12,1)
vale a dire che l'ampiezza delle oscillazioni nell'onda deve essere piccola rispetto
alla lunghezza d'onda. Abbiamo visto nel§ 9 che, se si può trascurare nell'equazione
del moto il termine (v · grad)v, allora il flusso del fluido è potenziale. Assumendo
che il fluido sia incomprimibile, possiamo utilizzare le equazioni (10,6) e (10,7).
Il termine v 2 /2 nell'ultima equazione può esser trascurato, in quanto contiene il
quadrato della velocità; ponendo f(t) = O e includendo un termine pgz per tenere
conto del campo gravitazionale, otteniamo
ot.p
P = -pgz - pdt. (12,2)

Prendiamo, al solito, l'asse z diretto verticalmente verso l'alto e il piano xy sulla


superficie cli equilibrio del fluido.
Indichiamo con ( la coordinata z di un punto sulla superficie; ( è una funzione
delle coordinate x, y e del tempo t. All'equilibrio ( = O, così che ( corrisponde
allo spostamento verticale della superficie nelle sue oscillazioni. Facciamo ora a,gire
§ 12 ONDE DI GRAVITÀ 39

sulla superficie del fluido una pressione costante p 0 . Sulla superficie, in base alla
(12,2), abbiamo
" oip
Po = - pg~ - P 8t ·
Ridefinendo il potenziale 'Psi può eliminare la costante Po, ad esempio aggiungendo
ad esso la quantità p 0 t/ p indipendente dalle coordinate. Otteniamo, quindi, la
condizione sulla superficie

g( + ~~lz=(
= O. (12,3)

Poiché l'ampiezza delle oscillazioni dell'onda è piccola, lo spostamento ( è anch'esso


piccolo. Con lo stesso grado di approssimazione, allora, possiamo supporre che la
componente verticale della velocità dei punti sulla superficie sia semplicemente la
derivata temporale cli (:

Ivia v 2 = oip/oz, per cui

Dato che le oscillazioni sono piccole, possiamo prendere il valore delle derivate
in z = O piuttosto che in z = (. Otteniamo, allora, il seguente sistema cli equazioni
per determinare il moto in un campo gravitazionale:

6.ip = o, (12,4)

oip _ ! 8
a.,cp) _- o.
2

( Z I- g t- (12,5)
a z=O

Qui considereremo onde sulla superficie cli un fluido la cui area è illimitata e
supporremo anche che la lunghezza d'onda sia piccola rispetto alla profondità del
fluido; possiamo, cli conseguenza, considerare la profondità infinita. Ometteremo,
perciò, le condizioni al contorno sui bordi laterali e sul fondo del fluido.
Consideriamo un'onda cli gravità che si propaga lungo l'asse x e che è uniforme
lungo la direzione y; tutte le quantità cli una simile onda sono indipendenti da y.
Cerchiamo una soluzione che sia una funzione periodica semplice del tempo e della
coordinata x, poniamo cioè

'P = cos (kx - wt) f(z),

dove w è la freq'Uenza angolare clell' onda (la chiameremo semplicemente freq'Uenza);


k è il numero d'onda; ,\ = 2n / k è la l'Unghezza d'onda.
Sostituendo nell'equazione 6.cp = O, abbiamo

d2 f - ,,.2f" = o.
d 4-2 " '
40 FLUIDI IDEALI Cap. I

La soluzione che decresce al crescere della profondità (cioè per z --+-oo) è


2
i.p = Aé cos (kx wt). (12,6)

Dobbiamo anche tenere conto della condizione al contorno (12,5). Sostituiamo


in essa la (12,6), otteniamo
w 2 = kg (12,7)
come relazione tra il numero d'onda e la frequenza ( relazione di dispersione).
La distribuzione di velocità nel fluido in moto si trova calcolando le derivate
spaziali di i.p:
12
Vx = -Ake" 2
sin (k.T- wt), Vz = Ake '' cos (kx - wt). (12,8)

Vediamo che la velocità diminuisce esponenzialmente con la profondità nel fluido.


Ad ogni punto nello spazio (per x e z dati) il vettore velocità ruota uniformemente
nel piano xz, restando costante in modulo.
Determiniamo anche la traiettoria delle particelle cli fluido nell'onda. Indichia-
mo, solo temporaneamente, con x e z le coordinate cli una particella cli fluido in
moto (e non cli un punto fisso nello spazio) e con xo e zo i valori cli :r e z corrispon-
denti alla posizione cli equilibrio della particella. Essendo Vx = clx/dt, v 2 = rlz/clt,
possiamo approssimare il secondo membro della (12,8) scrivendo :ro, zo al posto cli
x, z, visto che le oscillazioni sono piccole. Integrando rispetto al tempo otteniamo

x - xo = -A-ek k-·-0 cos ( kxo - wt ) ,


w (12,9)
~ h: /·-0 sin ( h::ro-wt. )
zo = -A-e··-
w '
Le particelle cli fluido, di conseguenza, descrivono cerchi intorno ai punti cli coor-
dinate :ro, zo con un raggio che diminuisce esponenzialmente all'aumentare della
profondità.
Mostreremo nel§ 67 che la velocità cli propagazione U dell'onda è U = ow/EJk.
Sostituendo in quest'ultima relazione w = .,/kg, troviamo che la velocità cli pro-
pagazione delle onde cli gravità su una superficie libera illimitata cli un fluido
infinitamente profondo è
U= ~ {i_=~ ~- (12,10)
2VI: 2V~
Questa velocità cresce con la lunghezza d'onda.

Onde di gravità l'Unghe

Dopo aver preso in esame onde cli gravità la cui lunghezza è piccola rispetto
alla profondità del fluido, consideriamo ora il caso limite opposto cli onde la cui
lunghezza sia grande rispetto alla profondità, chiamate onde fonghe.
§ 12 ONDE DI GRAVITÀ

Esaminiamo innanzitutto la propagazione delle onde lunghe in un canale. Si


suppone che il canale sia diretto lungo l'asse :i; e di lunghezza infinita. La sezione
trasversa del canale può assumere una forma qualsiasi e può variare lungo la sua
lunghezza. Denotiamo l'area della sezione del fluido nel canale con S = S(x, t). Si
suppone anche che la profondità e la larghezza del canale siano piccoli rispetto alla
lunghezza d'onda.
Consideriamo ora onde longitudinali, in cui il fluido si muove lungo il canale.
In questo tipo cli onde la componente della velocità lungo il canale Vx è grande
rispetto alle altre due componenti trasversali Vy e v 0 •
Indichiamo Vx con v semplicemente, trascurando i termini piccoli. La compo-
nente x dell'equazione di Eulero può essere, allora, scritta nella forma
av 1 op
at Pax'
e la componente z nella forma
1 op
-- = -g·
poz '
stiamo qui omettendo i termini quadratici nella velocità, poiché l'ampiezza dell'on-
da è considerata ancora essere piccola. Poiché la pressione sulla superficie libera
(z = () deve essere Po, dalla seconda equazione abbiam.o

p =Po+ gp((- z).

Sostituendo quest'ultima espressione nella prima equazione, ottenian10

-
av = 8(
-g--=-. (12,11)
at a,1:
La seconda equazione, necessaria per la determinazione delle due incognite 11
e (, può essere derivata analogamente alla equazione cli continuità: per il caso in
questione, infatti, essa è essenzialmente l'equazione di continuità. Consideriamo
un volume di fluido delimitato da due piani di sezione trasversa del canale, acl
una distanza eh: l'una dall'altra. Nell'unità cli tempo un volume cli fluido (Sv),1,
scorre attraverso un piano e un volume (Sv)x+dx attraverso l'altro. La variazione
cli volume cli fluido tra i due piani, quindi, è data da

o(Sv)
(Sv)x+dx - (Sv),, = -,::,-dx.
ux
Essendo il fluido incomprimibile, comunque, questa variazione deve semplicemente
esser dovuta alla variazione nel livello cli fluido. La variazione per unità cli tempo
nel volume cli fluido tra i due piani considerati è

Possiamo allora scrivere


oS o(Sv)
"'dx= --,::,-cl:c,
ut ux
42 FLUIDI IDEALI Cap. I

o
(12,12)

Questa è l'equazione di continuità cercata.


Sia So l'area della sezione trasversa del fluido nel canale, all'equilibrio. Allora
S = So+ S', dove S' è la variazione dell'area della sezione causata dall'onda.
Poiché la variazione del livello del fluido nell'onda è piccola, possiamo scrivere S'
nella forma b(, dove b è la larghezza del canale alla superficie del fluido. L'equazione
(12,12) diventa
a( 8Sov _
b .Cl
ut
+ .Cl
ux
-0. (12,13)

Derivando la (12,13) rispetto ate sostituendo av/at dalla (12,11), otteniamo

32ç - [I___§_
8t 2 b ax
(s/()-o
ax - .
(12,14)

Se la sezione del canale è la stessa su tutta la sua lunghezza, allora So = costante e

(12,15)

Questa equazione è chiamata eqv.az'ione d'onda; come vedremo nel § 64, essa cor-
risponde alla propagazione di onde con velocità U, indipendente dalla frequenza,
pari alla radice quadrata del coefficiente del termine 8 2 ( / ax 2 . Pertanto la velocità
di propagazione delle onde di gravità lunghe nel canale è

U= fii. (12,16)

In maniera totalmente analoga, consideriamo delle onde lunghe in un serbatoio


grande, che supponiamo essere infinito lungo due direzioni, x e y. Indichiamo la
profondità del fluido nel serbatoio con h. La componente v= della velocità, ora, è
piccola. Le equazioni di Eulero assumono una forma simile alla (12,11):
avy a( _
---;:,-
ut
+ g 7:,
uy
- o. (12,17)

L'equazione di continuità è derivata allo stesso modo che per la (12,12) ed è

ah + a(hvx) + a(hvy) = o.
at ax ay
Scriviamo la profondità h come ho+ (, dove ho è la profondità di equilibrio. Allora

8( + a(hovx) + a(hovy) = o. (12,18)


at ax ay
Assumiamo, ora, che il serbatoio abbia un fondo orizzontale (ho = costante).
Derivando la (12,18) rispetto ate sostituendo la (12,17), otteniamo

(12,19)
§ 12 ONDE DI GRAVITÀ

Anche q1iesta è un'equazione d'onda (bidimensionale) che corrisponde ad onde che


st propagano còn velocità
(12,20)

PROBLEMI

1. Determinare la velocità di propagazione di onde di gravità su una superficie illimitata


di fluido di profondità h.
Soi'uzione. Sul fondo del fluido, la componente normale della velocità deve essere zero,
vale a dire
8<p
V0 = az= Q per Z = -h.

Da questa condizione riusciamo a ricavare la relazione tra le costanti A e B che appaiono


nella soluzione generale

Il risultato è
'P = Acos(kx -wt) coshk(z + h).
Dalla condizione al contorno (12,15) troviamo che la relazione tra k e w è

w2 = gk tanh /,:h.

La velocità di propagazione dell'onda è

---- g
k tanh /,:h
[ tanh kh + cosh-
" kh ] .
h:h

Per /.:h » 1 ritroviamo il risultato (12,10) e per kh « 1 il risultato (12,20).


2. Determinare la relazione tra la frequenza e la lunghezza d'onda per onde di gravità.
che si propagano sulla superficie di separazione tra due fluidi, limitati l'uno in alto e l'altro
iu basso da piani orizzontali fissi. La densità e la profondità del fluido inferiore sono p e h,
mentre quelle ciel fluido superiore p' e h', p > p'.
Sol'U.zione. Prendiamo il piano xy come piano di separazione tra i due fluidi all'equili-
brio. Cerchiamo una soluzione che abbia per i due fluidi le forme

'P = .!lcoshh:(z + h) cos (h::c- wt), }


(1)
'P = Bcoshh:(z + h') cos (k:r -wl:),
per cui le condizioni ai contorni superiore e inferiore siano soddisfatte; si veda la soluzione
al problema 1. Alla superficie di separazione, la pressione deve essere continua; dalla (12,2)
si ha la condizione
pg( + p
8ip
at I "
= p gç + p m
I 8<p'
per z = (,

cioè
" 1 ( ,8<p
ç = g(p - p'J pm - P8ip)
m ·
1

(2)
44 FLUIDI IDEALI Cap. I

La componente della velocità v=, inoltre, deve essere la stessa per i due fluidi, alla superficie·
cli separazione. Ciò determina la condizione
8cp 8cp'
per :; = O. (3)
az az
Ora Ve= 8cp/8z = aç;at e, sostituendovi la (2), otteniamo
, acp , a 2 cp' a 2 cp
g(p p) az = p 8t 2 - p at2 . (4)

Sostituendo la (1) nella (3) e nella (4), si ottengono due equazioni lineari omogenee per A
e B; dalla condizione cli compatibilità cli queste equazioni si ricava ·
9 kg(p- p')
w~ = ---------
p coth kh + p' coth kh'
Per kh » 1 e kh' » 1 (entrambi i fluidi sono molto profondi), si ha
9 p- p'
w- =kg--,
p+p'
mentre per kh « 1, /;;h' « 1 (onde lunghe),
9 9 g(p - p')hh'
w-=k------
ph' + p'h
Infine, per kh ;::: 1 e kh' « 1,

3. Determinare la relazione tra la frequenza e la lunghezza d'oncia per onde cli gravità
che si propagano simultaneamente sulla superficie cli separazione e sulla superficie superiore
di due strati cli fluido; il fluido inferiore lrn densità p e profondità infinita e il superiore ha
densità p', profonclith h' e la sua superficie superiore è libera.
Soluzione. Prendiamo il piano :1·ycome piano cli separazione dei dne fluidi alrcquilibrio.
Cerchiamo una soluzione per i due fluidi rispettivamente della forma

<p Ae"= cos (k:r - wt). }


1 (1)
<p = [Be- ·=+ cé=Jcos (k.T - wt).
1 1

Alla superficie cli separazione dei due fluidi, ovvero per z = O, si hanno le condizioni (si
veda il problema 2)
8cp'
az, (2)

mentre sulla superficie libera ciel fluido superiore, cioè per z = h', la condizione
acp' 1 a2 cp'
-a:; +--a" =O. (3)
g t-

Dalla prima delle equazioni (2), sostituendovi la ( 1), si ha A = C - B e dunque le rimanenti


due condizioni danno due equazioni per B e C; dalla condizione cli compatibilità si ottiene
un'equazione quadratica per w 2 , le cui radici sono
o (p-p')(l-e-2kh')
w- = kg• /J + /J/ + (/J p' ) e--o/ ,JJ,I , w2 = kg.
§ 13 ONDE INTERNE IN UN FLUIDO lNCOMPRiìVIIBILE 45

Per h' --+ oo tali radici corrispondono a onde che si propagano indipendentemente sulla
superficie cli separazione e sulla superficie libera del fluido superiore.
4. Determittare le frequenze caratteristiche cli oscillazione (si veda il § 69) cli un fluido
cli profondità h, contenuto in un serbatoio rettangolare cli larghezza a e lunghezza b.
SoluZ'ione. Prendiamo gli assi x e y lungo i due lati del serbatoio. Cerchiamo una
soluzione nella forma cli un'onda stazionaria:

<p= coswtcoshh:(z + h)f(x,y).


Otteniamo per f l'equazione
EtJ a"f
-, +-·, +h: 2 .f'=0
8x· 8y·
e dalla condizione sulla superficie libera si ricava, come nel problema 1, la relazione

w2 = gh:tanh h:h.

Prendiamo la soluzione dell'equazione per f nella forma

f = cos p;r:cos qy,

Sui lati del serbatoio dovranno sussistere le condizioni


8<.p
V:c = - = O per :1:= O,a;
8.T
8<.p
v !J -- 8y O per 'Y = O,/J,

Troviamo quindi
m7r n1r
p=-,
a q=b,
dove 111. n sono interi. I possibili valori rii k2 diventano, quindi

') o)
k2
,
_
- 7r
2
(nra2 + -wb2 .

§ 13. Onde inteme in -unfiuido incomprimibile


Esistono onde di gravità cli un tipo particolare che si possono propagare in un
fluido incomprimibile. Queste onde sono dovute ad una disomogeneità del fluido
causata dal campo gravitazionale. La pressione (e quindi l'entropia s) varia neces-
sariamente con l'altezza; quindi ogni spostamento in altezza di una particella di
fluido altera significativamente l'equilibrio meccanico e, conseguentemente, diviene
esso stesso causa cli un moto oscillatorio. Poiché il moto è adiabatico, nella nuova
posizione la particella porta con se il valore dell'entropia s che aveva precedente-
mente, che non è lo stesso che si avrebbe all'equilibrio nella nuova posizione. Nel
seguito supporremo la lunghezza dell'onda che si propaga nel fluido piccola rispetto
alle distanze su cui il campo gravitazionale può causare significative variazioni nella
46 FLUIDI IDEALI Cap. I

densità l) e considereremo il fluido inconiprimibile. Ciò vuol dire che possiamo


trascurare la variazione nella sua densità dovuta alla variazione della pressio.ne
nell'onda. La variazione di densità causata dall'espansione termica, invece, non può
essere trascurata, poiché è questa a generare il fenomeno che stiamo considerando.
Scriviamo ora un sistema di equazioni idrodinamiche per questo tipo di mo-
to. Useremo l'indice O per distinguere i valori delle quantità all'equilibrio mec-
canico, e un ' per identificare le piccole deviazioni da quei valori. L'equazione cli
conservazione dell'entropia s = so + s' può essere scritta, al prim'ordine,
fJs'
8t + v · grad so = O, . (13,1)

dove s 0 , come i valori all'equilibrio delle altre quantità, è una funzione data della
coordinata verticale z.
Nell'equazione cli Eulero possiamo ancora trascurare il termine (v·grad)v (visto
che le oscillazioni sono piccole); considerando anche il fatto che la distribuzione cli
pressione all'equilibrio è data da gradp 0 = p 0 g, abbiamo allo stesso ,grado cli
approssimazione,

~ w~P
-=---+g=----+
w~i w~~,
o p.
fJt p Po Po
Dato che, in base a quanto detto, la variazione nella densità del fluido è dovu-
ta esclusivamente alla variazione di entropia e non alla variazione di pressione,
possiamo porre
p' = (fJpo) s',
. fJso P

ottenendo quindi l'equazione cli Eulero nella forma

8v= (Bpo)
fJt
, grad
g
Po fJso P s -
P
1

Po·
(13.2)

Possiamo portare p 0 sotto l'operatore gradiente poiché, come detto prima, trascu-
riamo la variazione della densità d'equilibrio su distanze dell'ordine cli una hm-
ghezza d'onda. Si può, allo stesso modo, considerare costante il termine cli densità
nell'equazione cli continuità, che diviene

clivv=O. (13,3)

Cercheremo una soluzione per le equazioni (13,1 )-(13,3) nella forma cli un'onda
piana:
v = costante x ei(k·r-wt)
l) I gradienti di densità e pressione sono legati dalla relazione

2
grad p = ( ~;) grad p =c grad p,
8

dove e è la velocità del snono nel fluido. Dall'equazione idrostatica gradp = pg, dunque, si ha
gradp = (p/c 2 )g. Se ne deduce che la densità nel campo gravitazionale varia considerevolmente
sn distanze l ~ c2 / g. Per l'aria e l'acqua, l ~ 10 km e 200 km, rispettivamente.
§ 13 ONDE INTERNE IN UN FLUIDO INCOMPRIMIBILE 47

e analoghe,per s' e p'. La sostituzione nell'equazione di continuità (13,3) fornisce

v·k=O, (13,4)

ovvero la velocità del fluido è ovunque perpendicolare al vettore d'onda k (onda


trasversa). Dalle equazioni (13,1) e (13,2) si ha

iws' = v · grad so, . 1 (éJpo) I ik /


-'twv = Po éJso P 3 g - PoP ·

La condizione v · k = O, ms1eme alla seconda di queste equazioni, determina la


relazione
·k2 I
i·p= (éJpo)
-- sg·,
I k
éJso P
ed eliminando sia v che s' dalle due equazioni, otteniamo la relazione di dispersione
cercata,
2
= sin 2 w w5 e, (13,5)
dove

-Pg (éJp) ds
2
wo = éJs P d;:;. (13,6)

Da qui in avanti ometteremo l'indice zero ai valori delle quantità termodinamiche


e
all'equilibrio; l'asse z verticale è orientato verso l'alto e è l'angolo tra questo asse
e la direzione cli k. L'espressione a destra nella (13,6) è positiva se la condizione cli
stabilità della distribuzione s(z) all'equilibrio (condizione di assenza cli convezione,
si veda § 4) è soddisfatta.
Vediamo che la frequenza dell'onda dipende solo dalla direzione del vettore
d'onda, e non dal suo modulo. Per e= O abbiamo w = O; ciò vuol dire che le onde
del tipo considerato, con vettore d'onda verticale, non possono esistere.
Se il fluido è sia in equilibrio meccanico che termodinamico, la sua temperatura
è costante e possiamo scrivere

ds (éJs) dp (EJs)
dz = éJp T dz = - pg éJp T ·

Usando, infine, le ben note relazioni termodinamiche

EJs) 1 (EJp)
( é)p T = p2 EJT r'
dove Cp è il calore specifico per unità cli massa, troviamo

(13,7)

In particolare, per un gas perfetto, si ha


g
Wo = . (13,8)
J(cpT)
48 FLUIDI IDEALI Cap. I

La dipendenza della frequenza dalla direzione del vettore d'onda comporta che
la velocità di propagazione dell'onda U = 8w/8k. non è.parallela a k. Rappresen-
tando w(k) nella forma

(dove v è un versore nella direzione verticale orientato verso l'alto) e derivando,


troviamo
U
w5 · v)[v
= --(n - (n · v)n] . (13,9)
wk
(in cui n = k/ k). Questa velocità è perpendicolare a k e il suo modulo è

U= WQ COS8.
k
La sua componente verticale è

U ·v = -kWQ cos 8 sm
. 8.

§ 14. Onde ·in ·im .fl-uirlo in rotazione


In un fluido incomprimibile che ruoti uniformemente, si possono propagare onde
interne di un altro tipo. Tali onde sono dovute alla forza cli Coriolis che appare nei
moti rotazionali.
Consideriamo il fluido in un sistema cli coordinate in rotazione con esso. Con
questo approccio, le equazioni del moto meccaniche dovranno includere degli ul-
teriori termini (centrifugo e cli Coriolis, per l'appunto). Corrispondentemente le
forze (per unità cli massa del fluido) vanno sommate al secondo membro dell'equa-
zione cli Eulero. La forza centrifuga può essere scritta come grad[f2r]2 /2, dove n
è il vettore velocità angolare della rotazione del fluido. Questo termine può essere
combinato con la forza -( 1/ p) grad p mediante una pressione efficace

1 o
P = p- -p[OrJ-. (1'1,1)
2

La forza di Coriolis è 2[vf2] e si manifesta solo quando il fluido assume un moto


relativo rispetto alle coordinate rotanti, essendo v la velocità in queste coordina-
te. Possiamo trasferire tale termine al primo membro dell'equazione cli Eulero,
scrivendo l'equazione come

8v 1
-a
t
+ (v · grad)v + 2[nv] = --gradP.
p
(14,2)

L'equazione cli continuità rimane invariata; per un fluido incomprimibile è sempli-


cemente div v = O.
§ 14 ONDE IN UN FLUIDO IN ROTAZIONE

Assumeremo di nuovo che l'ampiezza dell'onda sia piccola, trascurando il ter-


mine quaclratico nell'espressione della velocità (14,2) che, quindi, diviene

-8v + 2 [r!v l = --gradp,


1 / (14,3)
at P

in cui p' è la parte variabile della pressione dell'onda, e p è costante. Il termine


di pressione può essere eliminato calcolando il rotore di entrambi i membri. Al
secondo membro risulterà uno zero, mentre al primo membro avremo, essendo il
fluido incomprimibile,

rot[r!v] = r!divv - (O· grad)v


= -(r! · grad)v.

Prendendo la direzione di r! come asse z, scriviamo l'equazione risultante come

!}_' - ') av
8trotv - ~naz.

Cerchiamo una soluzione nella forma di un'onda piana

V = Aei(k-r-wt), (14,5)

che, essendo div v = O, soddisfa la condizione cli trasversalità

k·A=O. (14,6)

Sostituendo la (l"L5) nella (UA). si ottiene

w[kv] = 2ink 0 v. (l--1,7)

La relazione di dispersione per queste onde si trova eliminando v da quest'nltima


equazione vettoriale. Moltiplicando vettorialmente entrambi i membri per k, si ha
2
-w/;: v = 2iW,;z[kv]

e confrontando le due equazioni si ottiene la dipendenza di w da k:

L
w = 2n___::= 2ncose, (14,8)
/,;
e
dove è l'angolo compreso tra k e n.
In base alla (14,4), la (1'1,7) assume la forma

[nv] =iv,

dove n = k/k. Se scriviamo l'ampiezza d'onda complessa nella forma A= a+ ib,


in cui a e b sono vettori reali, segue che [nb] = a: i vettori a e b (giacenti entrambi
nel piano perpendicolare a k), sono tra loro ortogonali e hanno il medesimo modulo.
50 FLUIDI IDEALI Cap. I

Prendendo le loro direzioni come assi x e y, rispettivamente, e separando le ~artì


reale e immaginaria nella (14,5), troviamo

Vx = a cos (wt - k · r), Vy = -a sin (wt - k · r).

L'onda, quindi, risulta avere polarizzazione circolare: in ogni punto dello spazio il
vettore v ruota nel corso del tempo, rimanendo sempre costante in modulo l).
La velocità di propagazione dell'onda è

àw 2n
U = - = -[v - 11(11· v)], (14,9)
àk k
in cui v è un versore lungo O; così come per le onde di gravità interne, U è normale
al vettore d'onda. Il suo modulo e la sua componente lungo O sono

2n 2n 9
U= -sinB, u. V= -sin-e= UsinB.
k k
Queste onde sono chiamate 'inerz'ial'i. Poiché le forze di Coriolis non compiono
lavoro sul fluido in movimento, l'energia nelle onde è interamente cinetica.
Una forma particolare di onde inerziali, quelle a simmetria assiale (non piane),
si possono propagare lungo l'asse di rotazione del fluido; si veda il problenm 1.
Un ultimo commento va fatto, riguardo ai flussi stazionari in un fluido in
rotazione.
Sia l la lunghezza caratteristica di un tale flusso e v, la velocità caratteristica.
L'ordine cli grandezza del termine (v · grad)v nella (H,2), è 11,2 /l, e quello cli 2[0v]
è f21i. Il primo termine può essere trascurato rispetto al secondo se u/Zn« 1, e
l'equazione del moto stazionario si riduce allora a
1
2[0v] = --grad P (H,10)
p
oppure
làP làP àP =O
2nv,1 = -p -[)X , 2nvx = ---
. ' p ày) àz '
dove x e y sono coordinate cartesiane nel piano perpendicolare all'asse cli rotazione.
Vediamo che P, e quindi Vx e vy, sono indipendenti dalla coordinata longitudinale
z. Eliminando, allora, P dalle prime due equazioni, otteniamo

e l'equazione cliv v = O mostra che àvz/ àz = O. Di conseguenza un flusso staziona-


rio (in coordinate rotanti) in un fluido in rapida rotazione risulta essere una sovrap-
posizione cli due moti indipendenti: un flusso bidimensionale nel piano trasverso e
un flusso assiale indipendente da z ( J. Pro'Udman, 1916).

1
) Ricordiamo che questo moto è relativo alle coordinate rotanti. Per coordinate fisse, esso va
combinato con la rotazione complessiva del fluido.
§ 14 ONDE IN UN FLUIDO IN ROTAZIONE 51

PROBLEMI

1. Determinare il flusso in un'onda a. simmetria assiale che si propaga. lungo l'asse cli
un fluido incomprimibile in rotazione come un tutt'uno ( W. Thomson, 1880).
Soi'uzione. Scegliamo un sistema cli coordinate cilindriche r, <p,z, con l'asse z parallelo
a n. In un'onda a simmetria assiale, tutte le quantità sono indipendenti dalla variabile
angolare <p. La dipendenza dal tempo e dalla coordinata z è contenuta in un fattore
ei(k=-wt). Dalle componenti nella (14,3), otteniamo

. 18p'
-iwv,,. - 20v\D = ---a
p r
, (1)
. ih; I
-iwv\D + 2!1v,,.= O, -7,WV= = --p.
p
(2)

Queste vanno combinate con l'equazione di continuità

1 [)
--(rv,,.)
r Or
+ ikv= = O. (3)

Esprimendo vi' e p' in termini div,. mediante la (2) e la (3) e sostituendo nella (1), si trova
l'equazione
dF
-+--+
dr2
1 [40
dF
'I' dr
--
2

w2
h:2
k-') - 0
1] F = O
r-
(4)

per la funzione F(r) che determina la dipendenza radiale di v,,.:

v,. = F('r)ei(wt-k=).

La soluzione che si annulla per r = O è

F = cosl:m1l·e Y:.!1
( ~) /,"l'V ~ - 1 (5)

dove .J1 è una funzione cli Besse! di ordine 1.


Il moto nell'onda può essere visualizzato come composto da regioni tra cilindri coassiali
di raggio ·rn tali che

dove :i::1 , :i:2 , ... sono gli zeri successivi cli .J1 (:r). Su queste superfici cilindriche v,. = O e,
quindi, il fluido non le interseca mai.
Per tali onde, in un fluido infinito, w è indipendente da k. I possibili valori cli frequen-
za sono, comunque, vincolati dalla condizione w < 20 altrimenti l'equazione (4) 11011 ha
soluzioni che soddisfino le necessarie condizioni cli finitezza.
Se il fluido in rotazione è limitato da una parete cilindrica cli raggio R, dobbiamo usare
la condizione v,. = O sulla parete. Ciò determina che, per un'onda con un dato numero n
(il numero cli regioni coassiali in essa contenute), sussista la seguente relazione tra w e k
52 FLUIDI IDEALI Cap. I

2. Ricavare un'equazione che descriva una perturbazione arbitrariamente piccola della


pressione in un fluido in rotazione. ·
Soluzione. L'equazione (14,3), scritta per componenti, è

- !p 8p'
at + ~f2vx
8vy 'J __
ay '
18p'
p az. (1)

Derivando queste tre equazioni rispetto a x, y e z, sommando e usando cliv v = O, troviamo

!t,.p' = 2n(avy
_avx).
p ax 8y
Derivando rispetto a t, ancora usando le equazioni (1), si ha

1
--up
aA I _ n2 8Vo
- 4 " --,
p8t az
e da un'ulteriore derivazione rispetto a t arriviamo all'equazione finale

(2)

Per perturbazioni periodiche con frequenza w, questa diviene

(3)

Per onde aventi la forma (14,5), quest'ultima equazione si riduce ovviamente alla relazione
cli dispersione (14,8), con w < 2r2 e un coefficiente negativo del termine 8 2p'/82 2 nella (3).
Perturbazioni generate da una sorgente puntiforme si propagano lungo le generatrici cli un
cono, il cui asse giace lungo ne il cui angolo verticale è 2(}, dove sin(}= w/2r2.
Quando w > 2r2, il coefficiente di 8 2 1//8:: 2 nella (3) è positivo, e quest'equazione
diviene l'equazione cli Laplace con un ovvio cambio cli scala lnngo l'asse ::. In tal caso,
una sorgente cli perturbazioni puntiforme iuflnenza l'intero wilurne cli fluido, in mi:,urn
decrescente con la distanza dalla sorgente, secondo una legge a potenza.
Capitolo II

FLUIDI VISCOSI

§ 15. Le eq·uazioni del mo/;o di un fi:uido viscoso


Studiamo ora l'effetto che la dissipazione di energia, avente luogo durante il
moto di un fluido, ha sul moto stesso. I processi di dissipazione dell'energia sono
una conseguenza dell'irreversibilità termodinamica del moto dovuta alle forze di
attrito interne (viscosità) e dalla conduzione termica.
Per ottenere le equazioni che descrivono il moto di un fluido viscoso, dobbiamo
includere dei termini aggiuntivi nell'equazione del moto di un fluido ideale. L'e-
quazione di continuità, come vedremo ricavandola, è ugualmente valida per ogni
tipo di fluido, sia esso viscoso o no. L'equazione di Eulero, d'altra parte, richiede
alcune modifiche.
Abbiamo visto nel § 7 che essa può essere scritta nella forma

fJ ( ) 8Il;1,:
fJt pv,; =- 8:1:1,:'

dove Ili/,, è il tensore di densità di flusso dell'impulso. Il flusso dell'impulso dato


dalla formula (7.2) rappresenta un trasferimento cli impulso completamente reversi-
bile, dovuto semplicemente al trasporto meccanico delle diverse particelle cli fluido
da un punto ad un altro e alle forze di pressione agenti sul fluido. La viscosità
(attrito iuterno) è causa cli un altro trasferimento di impulso, questo irreversibile,
da punti dove la velocità è maggiore a punti dove essa è minore.
L'equazione del moto cli un fluido viscoso può quindi essere ottenuta aggiun-
gendo al flusso dell'impulso (7.2) del fluido ideale, un termine u;k
che descriva il
trasferimento irreversibile di impulso dovuto alla viscosità del fluido. Scriviamo,
allora, il tensore densità cli flusso dell'impulso in un fluido viscoso nella forma

(15,1)

Il tensore
(15,2)
viene chiamato tensore degli sforzi, mentre a-';ktensore degli sforzi viscosi. ua,
descrive la parte del flusso cli impulso che non è dovuta al trasferimento diretto di
impulso con la massa di fluido in movimento l).
La forma generale del tensore a-';1,:
può essere determinata come segue. I processi
di attrito interni in un fluido avvengono solo quando diverse particelle di fluido si
1
l Vedremo più avanti che u;,,,contiene un termine proporzionale a lì;1., cioè della stessa forma
del termine plìn,,. Quando il tensore flusso dell'impulso viene posto in questa forma, quindi, bisogna
specificare cosa si intende per pressione p; si veda la fine del § ,19.

53
54 FLUIDI VISCOSI Cap. II

muovono con diverse velocità, per cui si instaura un motò relativo tra le varie parti
di fluido. Pertanto O';" deve dipendere solo dalle derivate spaziali della velocità.
Se i gradienti di velocità non sono grandi, possiamo supporre che il trasferimento
cli impulso, dovuto alla viscosità, dipenda solo dalle derivate prime della velocità.
Con lo stesso grado cli approssimazione, 0'/1,; può essere considerato una funzione
lineare delle derivate 8v;/ Bx,,,. Non ci possono essere in 0';1,;
termini indipendenti
da 8v;/8xk, poiché 0'/1,; deve annullarsi per v = costante. Notiamo, inoltre, che
O';kdeve annullarsi anche quando tutto il fluido si trova in rotazione uniforme,
poiché è chiaro che in un moto del genere non sussiste alcun attrito inter110. Per
una rotazione uniforme con velocità angolare n, la.velocità v è uguale al prodotto
vettoriale [f!r]. Le somme
8v· av,.
--'
axk
+--'·
8x;
sono combinazioni lineari delle derivate 8v;/8x1,;, e si annullano quando v = [f!r].
0'/1,;,quindi, deve contenere proprio tali combinazioni simmetriche delle derivate
8v;/8xk.
Il più generale tensore cli rango due che soddisfa queste condizioni è

I ( 8V; 8v1,; 2 6 8Vt ) " 8Vt


O';,,
= 77 · + -aX,.·· - -3 i"-aX[·
-aX/,, + ~6ik-aX[. , (15,3)

con i coefficienti '17e ( indipendenti dalla velocità. Questa affermazione deriva


dal fatto che il fluido è isotropo, per cui le sue proprietà devono essere descritte
esclusivamente da quantità scalari (in questo caso, 17e (). I termini nella (15,3)
sono disposti in maniera tale che l'espressione in parentesi si annulla per contrazione
rispetto a 'Ì e k (cioè sommando le componenti con 'Ì = k). Le costanti 17e ( sono
chiamate coe.ffic'ieni'i di v'iscosdà; spesso ( viene chiamato seconda viscosità. Come
mostreremo nei §§ 16 e 49, questi due coefficienti sono entrambi positivi:

'17> 0, (>o. (15,4)

Le equazioni del moto di un fluido viscoso possono ora essere ottenute sempli-
cemente aggiungendo l'espressione 80''.,j 8xk al secondo membro dell'equazione di
Eulero
8v; 8v; )
p ( -+vk- = --.8p
at axk 8x;
Abbiamo quindi

Questa è la forma più generale delle equazioni del moto di un fluido viscoso. Le
quantità 7) e ( sono in principio funzioni della pressione e della temperatura. In
generale, JJ e T, quindi anche 17e (, non sono costanti ovunque nel fluido, per cui
'17e ( non possono essere portate fuori dall'operatore gradiente.
§ 15 LE EQUAZIONI DEL MOTO DI UN FLUIDO VISCOSO 55

Nella ~1mggior parte dei casi, comunque, i coefficienti cli viscosità non variano
apprezzabi,lmente nel fluido e possono essere considerati costanti. Abbiamo, quindi,
le equazioni (15,5) scritte in forma vettoriale come

av ] + 77,6.v+ (.ç + fl/


[8t + (v
p · grad)v = -grad p 1 ) . v.
grad cliv (15,6)

Questa è l' eq·aazione di N avier-Stokes. Essa diviene particolarmente semplice


se il fluido può essere considerato incomprimibile, per cui cliv v = O e l'ultimo
termine nel secondo membro della (15,6) è nullo. Nella discussione dei fluidi vi-
scosi, li considereremo quasi sempre incomprimibili e, conseguentemente, useremo
l'equazione del moto nella forma 2 l

-~ + (v · grad)v =
1
--grad p
I)
+ -L:,.v. (15,7)
at P P
Il tensore degli sforzi in un fluido incomprimibile assume la semplice forma
8 0
u;1c = -p8ik + 17( 8 Xk'~; + 8v."'.)
.ti
. (15,8)

Vediamo che la viscosità cli un fluido incomprimibile è determinata soltan-


to da un coefficiente. Poiché la maggior parte dei fluidi può essere considerata
praticamente incomprimibile, è il coefficiente cli viscosità 'I) che generalmente ha
importanza. Il rapporto
'I)
V= - (15,9)
p
è chiamato viscosità cinematica. (mentre 7) viene chiamato viscosità dinam:ica).
Riportiamo cli seguito i valori cli 'I) e v per vari fluidi, a temperatura cli 20° C::

7/ (g/cm sec:) u (cm 2 /sec)


Acqua ................ . 1.0.10-'..! 1.0-10- 2
Aria .................. . l.8· l0-- 1 1.5.10- 1
Alcool ................ . l.8· l0- 2 2.2.10- 2
Glicerina ............. . 8.5 6.8
Mercurio ............. . l.56· 10- 2 1.2.10- 3

Va sottolineato che la viscosità dinamica cli un gas, ad una data temperatura,


è indipendente dalla pressione. La viscosità cinematica, invece, è inversamente
proporzionale alla pressione.
La pressione può essere eliminata dall'equazione (15,7) analogamente a come
è stato fatto per l'equazione cli Eulero. Prendendo il rotore cli entrambi i membri
otteniamo, al posto dell'equazione (2,11) per un fluido ideale,
EJ
- (rot v) = rot[vrot v] + v,6.(rot v).
0t
2
) L'equazione (15,7) fu ottenuta da C.L. Na'U'ier (1827) come risultat;o di studi su modelli.
Una derivazione poco differente da quella moderna, per le equazioni (15,6) (senza il termine () e
(15,7), fu data da G.G. Stokes (1845).
56 FLUIDI VISCOSI Cap. II

Essendo il fluido incomprimibile, l'ei::1uazione può essere trasformata svilupp:1ndo


il prodotto nel primo termine del secondo membro secondo le regole del calcolo
vettoriale e usando l'equazione cliv v = O:
a
at (rot v) + (v · grad)rot v = -(rot v · grad)v = z;l:i..rotv. (15,10)

Quando è nota la distribuzione della velocità nel fluido, la distribuzione della


pressione può essere trovata risolvendo un'equazione del tipo cli Poisson
Dv; Dvk 8 2 v;v1,
l:i..p= -p-- = -p--, - (15,11)
Dx1.,Dx; Dx1.,D:c;
ottenuta prendendo la divergenza della (15,7).
Possiamo anche calcolare l'equazione soddisfatta dalla funzione cli corrente
·i/;(x,y) in un flusso bidimensionale cli un fluido incomprimibile viscoso. Essa si
ottiene sostituendo la (10,9) nella (15,10):

Dl:i..'ljJ
_ D·I/J + 81(;Dl:i..·ijJ_ vl:i..l:i..'ljJ
Dl:i..1(; = O. (15, 12)
Dt Dx By By Dx
Dobbiamo scrivere, inoltre, le condizioni al contorno per le equazioni del moto
cli un fluido viscoso. Tra un fluido viscoso e la superficie cli un corpo solido sus-
sistono sempre delle forze attrattive molecolari; queste comportano che lo strato
cli fluido adiacente alla superficie venga portato completamente a riposo e aderisca
perfettamente alla superficie. In accordo con ciò, le condizioni al contorno, per le
equazioni del moto cli un fluido viscoso, richiedono che la velocità del fluido debba
annullarsi sulle superfici fisse del solido:
V= 0. (15,13)

Va sottolineato che questo implica che sia la componente normale che quella tan-
genziale della velocità devono annullarsi, mentre per un fiuiclo ideale le condizioni
al contorno sono in tal senso restrittive solo per v 11 a).
Nel caso generale cli una superficie in movimento, la velocità v deve essere
uguale alla velocità cli spostamento della superficie.
È facile scrivere un'espressione per la forza agente su una superficie solida che
delimiti il fluido. La forza agente su un elemento cli superficie è pari al flusso
dell'impulso attraverso tale elemento. Il fiusso dell'impulso attraverso l'elemento
cli superficie df è
II;kd,h- = (pv;vk - o-u,,)d,{J...
Scrivendo df,,, nella forma c(fi.,= nkd,f, dove n è il versore lungo la normale alla
superficie, ricordando che v = O sulla superficie solida 4 ), troviamo che la forza P
3
) Si noti che, in generale, le equazioni di Eulero non possono essere soddisfatte con l'ulteriore
(rispetto al caso di un fluido ideale) condizione al contorno che la component;e tangenziale della
velocità sia zero. Matematicament;e ciò accade perché l'equazione differenziale è del primo ordine
nelle derivate spaziali, mentre l'equazione di Navier-Stokes è del secondo ordine.
-l) Nel determinare la forza agente snlla superficie, ciascun elemento di superficie deve essere
considerato in un sistema di riferiment;o in cui sia a riposo. La forza è uguale al flusso dell'impulso
solo quando la superficie è fissa.
§ 15 LE EQUAZIONI DEL MOTO DI UN FLUIDO VISCOSO 57

agente sulla superficie unitaria è

P; = -u.;knk = pn; - u'; 1,,n,,. (15,14)


Il primo termine è la pressione ordinaria del fluido, mentre il secondo è la forza
d'attrito, dovuta alla viscosità, che agisce sulla superficie a causa della viscosità
del fluido. Dobbiamo evidenziare il fatto che n nelb. (15,14) è il versore diretto
lungo la normale uscente rispetto alla superficie del fluido, ovvero lungo la normale
entrante rispetto alla superficie solida.
Nel caso cli mia superficie cli separazione tra due fluidi immiscibili, le condizioni
sulla superficie sono che le velocità dei fluidi siano uguali e che le forze che essi
esercitano l'uno sull'altro siano uguali in modulo e contrarie in verso. L'ultima
condizione si scrive
n(l) u(l) + n (2) u(2) = 0
k •,/,: k 1k l

dove gli indici 1 e 2 si riferiscono ai due fluidi. I versori normali 11.1 ed 11.2 hanno
versi opposti, vale a dire 11.1 = -11.2 =
n, per cui possiamo scrivere

(15,15)
Su di una superficie libera di un fluido, deve valere la condizione

Ui!,,n1,, = u';1,:n1,,- pri; = O. (15,16)

Eqv.azioni del moto in coordinate curvilinee


Riportiamo di seguito le equazioni del moto per un fluido viscoso incomprimi-
bile, in coordinate curvilinee, dato il loro nso frequente. In coordinate cilindriche
r. <p. .: le componenti del tensore degli sforzi sono
811,. 1 EJu,. oti,-
u,.,. = -p -1-211-[J . ==l] ( --,. iJ<p
.. - ~f-~ l'rp) '
1'
rTn.::
. a.,. 1'

O"rprp-
_
-p
. . . ( 1 OVrp
+ 217 --::;-
.,. u<p
+ -v,.)
.,.
' O"rpc -
_ ..I/ (Dv'P ..L
,:-i
uz
,
! Dv
,:-i
'/' u<p
0
)
, (15,17)

0" cc= -p
OV-
+ 217é);:;-, U-,.-1/
_, (8v
-+- Dv,.)
. 0

- D·r Dz
Le tre componenti dell'equazione cli Navier-Stokes sono

Dv,. V~ 1 op
- -1-(v · grad)v,. - - = ----1-
Dt T p O'/"
, 2 OVrp Vr)
+ I/ ( 6.u,. --,,-::;- - "
r- u<p .,.-
'

OVrp Vr'llrp 1 O]J


-
Dt
-1-(v · grad)v
'P
+ --T = ---+
p'l" O<p
(15,18)

2 ov,.
+u ( 6.v 'P -!----- Vrp)
.
.,.2 EJ<p .,.2 ·

-p1 OJJ
OV-
EJt- + (v · grad)v 0 = é)z + l/6.v 0 ,
58 FLUIDI VISCOSI Cap. II

in cui
ar v EJf EJf
(v · grad)f + _2___:..... + Vz__:.....,
= v,.__:.....
ar r EJ<p az
f:::..f=--
. 1 a (r-EJf) +--+-.
1 EJ f a .r
2 2

. T EJr ar r 2 EJ<p2 EJz2

L'equazione di continuità è

1 a(rv,.) 1 av'P avz


---+--+-=O. (15,19)
1' EJr T a<p az
e
In coordinate sferiche r, 'P, abbiamo, per il tensore degli sforzi,

av,.
CTrr = -p + 277-,
ar
(T
1 av'P v,.
'P'P-- -p+?17~ ( ---+-+---
1' sin e EJ<p 'I'
Vecot
1'
8) )

=
CToe -p + 217 (!r EJve
ae
+ v,.) '
r
(15,20)
1 EJv,. ave ve)
CTre = I) ( ;;: 3B + [h - -; ,

CTe= 77
'P
(-1-
ave + ! EJv'P_ V'Pcot
r sin e a'P r ae r
8)'
EJv'P 1 av,. v'P)
(T .='/]
'P' ( -+-----
EJr 1' sin e EJ<p 'I' )

mentre le equazioni cli Navier-Stokes ::;0110

2
EJu,. v~ + v
+ (v·grad)v,. - ___ 'P =
T

= _! EJp+ u [t::..v._ I
2 a(vesinB) _ ~ EJv'P 2.v"]
.'
p ar r2 sin 2 8 ae ,·2 sin 8 EJ<p ,.2

ave v,.ve V~ cot 8


- + (v·grad)vo + -- - --- =
EJt 'I' r (15,21)
1 ap
- + I.I [u.Vg
A
-
2 COS e éJV'P 2 av,.
- + -2 - Vg ]
- ---,,--
pr ae r2 sin 2 e a'P r ae r2 2
sin e )
av'P ( ) v.,.v'P vov'Pcote
-a-t + v·grad v'P+ -r- + r =

=------+u
1 ap [u.v
A 2
+-----+ av.,. 2 COS e avo
--~=--
V'P ]
pr sin e a'P 'P r 2 sin e a'P .,.2 sin 2 e EJ<p 7'2 sin 2 e )

dove
. EJf ve EJf v'P af
(v·grad)f = v.-+--+---
7
, ar 'I' EJe '/'sin e a'P)
2
"t·
u.
'
= -1a(
2
-
r EJr
2
T - EJf)
EJr
+ --- 1 -EJ(·eaf)
·r2 sin 8 EJe ae
Slll - + 1 a f
--.
r2 sin 2 8 EJ<p2
§ 16 DISSIPAZIONE DI ENERGIA IN UN FLUIDO INCOMPRIMIBILE 59

L'equazione di continuità è

1 EJ(r2 vr) 1 EJ(vesin 8) 1 EJv'P


---+-- +----=O. (15,22)
r2 EJr T sin 8 ae r sin 8 EJcp

§ 16. Dissipazione di energia in 'Unfìiuido incomprimibile


La presenza della viscosità si manifesta nella dissipazione di energia, che viene
alla fine trasformata in calore. Il calcolo dell'energia dissipata è particolarmente
semplice per un fluido incomprimibile.
L'energia cinetica totale di un fluido incomprimibile è

. -- -p
E cm 1
2 .
I V 2d'7
1.

Calcolando la derivata temporale di quest'energia, scrivendo


EJpv 2 EJv;
EJt2 = pv; 8t
e sostituendo a EJv;/EJtl'espressione fornita dall'equazione di Navier-Stokes:

EJv; EJv; 1 f)p 1 aa;k


- = -v,.-- - -- + ---
EJt '8:r 1,, p EJx; p 8x1c'
si ottiene

-a -pv2 = ( )
-pv · v · grad v - v · gra
d
p + v,--EJa';k
=
EJt 2 8x1c
2
= -p(v · grad) ( u + !!_)+ div(va') - a'.kEJv,.
2 p 8:r1,:

Qui va' denota il vettore le cui componenti sono v;a;k. Poiché cliv v = O per
un fluido incomprimibile, possiamo scrivere il primo termine del secondo membro
come una divergenza:

a pv2
-- .
= -cliv [pv ( -v2 +-p)-va ']-a-;,,,-a..
I fJV;
(16,1)
EJt 2 2 p ;/,I,:

L'espressione in pa.rentesi quadra non è altro che la densità cli flusso cli energia
nel fluido: il primo termine è il flusso cli energia dovuto allo spostamento reale
di massa cli fluido, ed è uguale a quello che si ha in un fluido ideale (si veda la
(10,5)). Il secondo termine, va', è il flusso di energia dovuto ai processi cli attrito
interno. La presenza della viscosità, pertanto, determina un flusso cli impulso
a';,,;un trasferimento di impulso, comunque, coinvolge sempre un trasferimento cli
energia; il flusso di energia è, chiaramente, uguale al prodotto scalare tra il flusso
d'impulso e la velocità.
Se integriamo la (16,1) su un volume V, otteniamo

8/1 2
- -pv dV = -
EJt. 2 .
f[ (12+ -P)-
pv -v
2 p
va ']· df - 1,EJv;
.
0";1,:-. dV.
EJx1,:
(16,2)
60 FLUIDI VISCOSI Cap. II

Il primo termine a destra fornisce la variazione dell'energia cinetica del fluid? nèl
volume V dovuto alla presenza di un flusso cli energia attraverso la superficie che
delimita questo volume. L'integrale nel secondo termine è, conseguentemente, il
decremento per unità di tempo dell'energia cinetica, dovuto alla dissipazione.
Se l'integrazione viene estesa all'intero volume del fluido, l'integrale cli superficie
si annulla (visto che la velocità si annulla all'infinito 1l), per cui troviamo che
l'energia dissipata per unità cli tempo in tutto il fluido è

.
Ecin =- 1·a;k-ov;. dV = -- 1 I ai!,,
I I ( OV;
- . + -OVk)
.. clV,
, 0X,: 2, . 0 Xk 0X-1.

dato che il tensore a;k è simmetrico. Nei fluidi incomprimibili, il tensore afk è dato
dalla (15,8), per cui in definitiva otteniamo, per la dissipazione di energia in un
fluido incomprimibile,

·
Ecin = - 1
-17
2 .
I( OV; + -·
--·
OXk
OVk) clV.
O.T;
2
(16,3)

La dissipazione comporta una diminuzione dell'energia meccanica, ovvero si


ha Écin < O. L'integrale nella (16,3), comunque, è sempre positivo. Possiamo
concludere, quindi, che il coefficiente di viscosità 'I] è sempre positivo.

PROBLEMA

Trasformare l'integrale (16,3), per il flusso potenziale, in un integrale sulla superficie


che delimita la regione cli flusso.
SolH::ione. Ponendo ov;/
8.1',.-= Dvi../8:c; e integrando per parti. otteniamo
2
.
Ecin = -217 ;· ( -av.' ) dV = -277 ;· ov·
n;- .. .' df,.-,
. 0 X/,: , 0 .L/,:
oppure
.
Ecin = -77 j gracl 1ro · clf.

§' 11. Flv.sso in v.n htbo


Consideriamo ora alcuni semplici problemi cli moto cli un fluido viscoso incom-
primibile. Consideriamo un fluido racchiuso tra due piani paralleli, che si muovono
con velocità relativa costante u. Prendiamo uno di questi come piano xz, con l'asse
:r nella direzione u. È chiaro che tutte le quantità dipendono solo da y e che la
1
l Stiamo considerando il moto di un fluido in 1111 sistema di coordinate in cui il fluido è a
riposo all'infinito.
In questo caso, e in qnelli analoghi, parliamo di volume infinito cli un fluido, ma. ciò non implica
alcuna perdita cli generalità. Infatti, per un fluido contenuto in un volume finito, l'integrale sulla
superficie che contiene il fluido si annulla. sempre, per la condizione che la velocità del flusso sulla.
superficie sia nulla ..
§ 17 FLUSSO IN UN TUBO 61

velocità clel fluido è ovunque diretta lungo x. Dalla (15,7) abbiamo, per un flusso
st,azionario,
dp
-=O
dy )

(L'equazione di continuità è identicamente soddisfatta). Si ha quindi p = costante,


v = ay + b. Per y = O e y = h (essendo h la distanza tra i piani), dobbiamo avere
rispettivamente v = O e v = 11,. Per cui

(17,1)

La distribuzione di velocità del fluido, quindi, è lineare. La velocità media del fluido
è
V = -,1
1
j'"
0
V dy = 1
-11,.
2
(17,2)

Dalla (15,4) troviamo che la componente normale della forza su ciascun piano è p,
come ci si aspetta, mentre la forza di attrito tangenziale sul piano y = O è

dv 1711,
O"x·y
'
= 17-dy = -;h (17,3)

la forza sul piano y = h ha il segno opposto.


Consideriamo ora un flusso stazionario tra due piani paralleli fissi in presenza
di un gradiente di pressione. Scegliamo le coordinate come prima, con l'asse x
nella direzione di moto del fluido. Le equazioni di Navier-Stokes danno, poiché la
velocità dipende chiaramente solo day,

EPv 1 8p 8p
8y2 'I/ 8:c' 8y = o.
La seconda equazione mostra che la pressione è indipendente cla y, vale a dire è
costante lungo la direzione della profondità del fluido tra i due piani. Il secondo
membro della prima equazione è, quindi, una funzione della sola :r, mentre il primo
membro è una funzione della sola y; ciò può essere vero solo se entrambi i membri
sono uguali ad una costante. Di conseguenza

dp
- = costante
dx '
cioè la pressione è una funzione lineare della coordinata :i; lungo la direzione del
flusso. Per la velocità otteniamo
1 dp 9
V = -y~ + ay + b.
2'17dx

Le costanti a e b sono determinate dalle condizioni al contorno, v = O per y = O e


y = h. Il risultato è
1 dp
V= -y(y h). (17,4)
2'17d:i:
62 FLUIDI VISCOSI Cap. II

La velocità, dunque, ha una variazione di tipo parabolico sullo spessore del fl_ùidò,
raggiungendo il suo massimo valore a metà tra i due piani. La media (sullo spessore)
della velocità del fluido è
_ h 2 dp
v=----. (17,5)
1277dx
La forza di attrito agente su uno dei piani fissi è

= 17-avi
hdp
Cfxy (17,6)
By y=D 2 dx·

Consideriamo, infine, un flusso stazionario in un tubo di sezione arbifraria (co-


stante lungo tutta la lunghezza del tubo). Prendiamo l'asse del tubo come asse .1.:.
La velocità del fluido è diretta evidentemente lungo l'asse :i; in tutti i punti ed è fun-
zione solo di y e z. L'equazione di continuità è identicamente soddisfatta e le compo-
nenti y e z dell'equazione di Navier-Stokes danno ancora 8p/8y = 8p/8z = O, vale
a dire la pressione è costante sulla sezione del tubo. La componente x dell'equazione
(15,7) fornisce
82 v 82 v 1 dp
-+-=--
8y2 8z 2 7) dJ;.
(17,7)

Da qui deduciamo, ancora, che dp/dx = costante; il gradiente di pressione può al-
lora essere scritto come -f:;.p/l, dove f:;.p è la differenza di pressione tra le estremità
del tubo e l è la sua lunghezza.
La distribuzione cli velocità per un flusso in un tubo è quindi determinata da
un'equazione bidimensionale della forma 6v = costante. Questa equazione deve
essere risolta con la condizione al contorno v = O sul bordo della sezione del tubo.
Risolveremo l'equazione per un tubo di sezione circolare. Prendendo l'origine al
centro della sezione trasversa circolare e usando coordinate polari, abbiamo per
simmetria, v = v(r). Usando l'espressione per il laplaciano in coordinate polari,
otteniamo
l::,.p
'l)l .

Integrando abbiamo
l::,.p 9
V= -r- + alnr + b. (17,8)
417l
La costante a deve essere posta uguale a zero, poiché la velocità deve rimanere
finita al centro del tubo. La costante b è determinata richiedendo che v = O per
r = R, dove R è il raggio del tubo. 'Iì·oviamo allora

V--_ 6p(R2 -r. 2) (17,9)


4771
La distribuzione di velocità attraverso il tubo, quindi, è cli tipo parabolico.
È facile determinare la massa Q del fluido che attraversa nell'unità cli tempo
una qualsiasi sezione del tubo (eletta portata). Nell'unità cli tempo, una massa
p · 27rrv dr attraversa una corona circolare 27rrdr dell'area della sezione. Quindi
•R
Q = 27rp jO
rvdr.
§ 17 FLUSSO IN UN TUBO 63

Usando la (17,9), otteniamo


(17,10)

La massa di fluido risulta, dunque, proporzionale alla quarta potenza del raggio
del tubo l).

PROBLEMI

1. Determinare il flusso iu un tubo di sezione anulare, di raggio interno R 1 e raggio


esterno R2.
Soluzione. Determinando le costanti a e b della soluzione generale (17,8) dalle condi-
zioni che v = O per r = R 1 e 1· = R 2 , troviamo
2
v = -!::,p [ R-;,
0
- r-0 + R~- R 1 In - r ]
417l - In (R2/ R1) R2
La portata è
Q = 7r/::,p [R~ - g11 - (R~ - R1)2]
.
Sul - ln(R2/R1)

2. Come nel problema 1, ma per un tubo di sezione ellittica.


Soluzione. Cerchiamo una soluzione dell'equazione (17,7) nella forma v = Ay 2 + Bz 2 +
C. Le costanti A, B e C sono determinate richiedendo che tale espressione soddisfi la
condizione al contorno v = O sul perimetro dell'ellisse (cioè l'equazione Ay 2 + Bz 2 + C = O
deve coincidere con l'equazione dell'ellisse y 2 / a 2 + z 2 /b 2 = 1, cli cui a e b sono i due
semiassi). Il risultato è
!::,p a2 b2 ( y2 z2)
v=---- l----
2171a 2 + b2 a2 b2 ·
La portata è
Q = 7r/::,p (/,:l//l
-lvl a 2 -1-b2 ·

3. Come nel problema 1, ma per un tubo la cui sezione sia un triangolo equilatero cli
lato a.
Solv.zione. La soluzione dell'equazione (17,7) che si annulla. sul triangolo cli contorno è
!::,p 2
71 = -l ~h1h2h3,
· v3ai7
dove h1, h2, h3 sono le lunghezze delle perpendicolari da un dato punto nel triangolo ai suoi
tre la.ti. In effetti, ciascuna delle espressioni l:,h 1 , l:,h2, !::,h3 (in cui !::, = 8 2 / 8y 2 + 8 2 / 8z 2 )
è zero; questo si vede immediatamente dal fatto che ognuna delle perpendicolari h 1 , h2, h3
può essere presa come asse y o z, e il risultato dell'applicazione del Laplaciano ad una
coordinata è nullo. Abbiamo quindi

l) La dipendenza di Q da b,.p e da R data da questa formula fu stabilita empiricamente da


G. Hagen (1839) e J.L.M. Poiseuille (1840), mentre fu teoricamente giustificata da G. G. Stokes
(1845).
Un flusso parallelo viscoso tra due piani fissati è spesso chiamato, in lettera.tura, fl:usso di
Po·iseuille; il caso descritto dall'equazione (17,4) è detto flusso bidimens'ionale di Poise·uille.
64 FLUIDI VISCOSJ Cap. II

l\!Ia gradh1 = 11.1, gradh2 = 11.2,gradh3 = 11.3,dove 11.1,11.2,11.3sono versori lungo Ie


perpendicolari h 1 , h 2 , h 3 . Due qualsiasi tra n 1 , n 2 , n:3 formano un angolo 2n:/3, per ·cui
2n: 1
gradh 1 · gradh2 = 11.1· 11.2= cos = -
3 2
e così via. Otteniamo quindi la relazione

, ( a~
.6.(n1h2h3) = - h1 + h2 + h3) = -
2 ,
e vediamo che l'equazione (17,7) è soddisfatta. La portata è

Q = ~a4.6.p.
3201/l

4. Un cilindro cli raggio R 1 si muove parallelamente al proprio asse con velocità 'tt,
all'interno di un cilindro coassiale cli raggio R2. Determinare il moto cli un fluido contenuto
nello spazio tra i due cilindri.
Soluzione. Prendiamo coordinate cilindriche con l'asse z lungo l'asse dei cilindri.
La velocità è diretta ovunque lungo z e dipende solo da r (così come la pressione):

v 0 = v(r).
Otteniamo per v l'equazione

.6.v=-- 1 d ( r-dv) =0·


r dr dr '
il termine (v · grad)v = vov/oz si annulla identica-
mente. Usando le condizioni al contorno v = u per
r = R 1 e 11 = O per r = R 2 , troviamo
Fig. 6

La forza di attrito per unità cli lunghezza su ciascuno dei cilindri è 2n:7111,/
ln (R 2 / R 1 ).
5. Uno strato di fluido cli spessore h. è delimitato in alto da una superficie libera e in
basso da un piano fisso, inclinato cli un angolo a rispetto al piano orizzontale. Determinare
il flusso dovuto alla gravità.
Soluz'ione. Prendiamo il piano fisso come piano ~:y, con l'asse x nella direzione del flusso
(fig.6). Cerchiamo una soluzione dipendente solo da z. Le equazioni di Navier-Stokes con
Vx = v(z) in un campo gravitazionale sono
dv dv
17dz 2 + pg sin o: = O, clz + pgcosa = O.

Sulla superficie libera (z = h) dobbiamo avere

(essendo JJola pressione atmosferica). Per z = O dobbiamo avere invece v = O. La soluzione


che soddisfa tali condizioni è
pgsino
JJ=Po+ pg(h - z) coso:, v = -')--z(2h - z).
-7)
§ 18 FLUSSO TRA CILINDRI IN ROTAZIONE 65

La portata, per unità di lunghezza nella direzione y, è

pgh 3 sin a
l
·h
Q= p V dz = ~---
• 0 3u

6. Determinare la legge di diminuzione della pressione lungo un tubo di sezione cir-


colare, in cui fluisce isotermicamente un gas perfetto viscoso (si ricordi che la viscosità
dinamica ''7cli un gas perfetto è indipendente dalla pressione).
Sol1lz'ione. Si può supporre che il gas sia incomprimibile in ogni sezione piccola ciel tubo
arbitrariamente scelta, a condizione che il gradiente cli pressione non sia troppo grande;
possiamo allora usare la relazione (17,10) secondo cui

dp 817Q
cl:r 1rpR 1 .

Su grandi distanze, comunque, p cambia e la pressione non è più una funzione lineare
di ;i;. In base all'equazione di Clapeyron, la densità del gas è p = mp/T, in cui m è la
massa cli una molecola, per cui
dp 817QT 1
cfa: 7r'mR'1 p
(la portata Q ciel gas attraverso il tubo è ovviamente la stessa, che il gas sia o meno
incomprimibile). Troviamo quindi

lfr17QT l
P~ - Pi 1r·m.R4.,

dove JJ2 e p 1 sono le pressioni alle due estremità ciel tubo cli lunghezza I.

§ 18. Flusso trn cilincl·l'iin rn/;az-ione


Consideriamo ora il moto cli un fluido tra due cilindri coassiali infiniti. di raggio
R1, R2 (R2 > Ri ), in rotazione attorno al loro asse con velocità angolari 0 1• Sl2 l).
Usiamo coordinate cilindriche r, cp, : con l'asse ::;lungo l'asse dei cilindri. Risulta
evidente dalla simmetria che

Vz =V.,.= 0, V,p = v( 1'), p = p(r).

L'equazione cli Navier-Stokes in coordinate cilindriche consiste, in questo caso, cli


due equazioni:
clp pv2
(18,1)
dr r
cl2v 1 clv v
-+----=O (18,2)
clr2 r dr r2 ·

L'ultima equazione ha soluzioni della forma r 11 ; sostituendo si han= ±1, per cui
b
v = ar + -.
r
1
) Spesso, in letteratura, il flusso tra cilindri in rotazione è chiamato flusso di Couette
(M. Couette, 1890). Nel limite R1 --+ R2, esso diventa il flusso (17,1) tra piani paralleli in moto
relativo, cui ci si riferisce in termini di flusso di Cov.ette bidimens'ionale.
66 FLUIDI VISCOSI Cap. II

Le costanti a e b si ottengono dalle condizioni al contorno, in base alle qu3:li là


velocità del fluido sulle superfici cilindriche interna ed esterna deve essere uguale a
quella del cilindro corrispondente: v = R1r21 per r = R1, v = R2r22 per r = R2.
Come risultato troviamo che la distribuzione di velocità è
r22R~- r21R2
1 (r21- r22)R21R~ 1
V= - r+ - (18,3)
R~ - Ri R~ - Ri r

La distribuzione della pressione si trova facilmente per integrazione della (18,1).


Per n1= n2= f2 si ha semplicemente V= nr, vale a dire che il fluido _ruota ri-
gidamente con i cilindri. Nel caso di assenza del cilindro esterno (r22 = O,R2 = oo),
si ha
r21Ri
V=--.
r
Determiniamo anche il momento delle forze cli attrito agenti sui cilindri. La
forza cli attrito agente sull'unità di area del cilindro interno è diretta lungo la
tangente alla superficie e, dalla (15,14), è uguale alla componente a~'P del tensore
degli sforzi. Usando le formule (15,17), troviamo

a' I
rrp r=R1 -
_
T/
(av
ar_:::.)
I _ _ ') (r21- r22)R~
7" R2 - R2 - -T/
r=R, 2 1

Il momento cli questa forza si trova moltiplicandola per R1, mentre il momento to-
tale Jì11 agente sull'unità cli lunghezza del cilindro si trova moltiplicando il risultato
per 21rR1. Abbiamo allora

(18,4)

Il momento delle forze agenti sul cilindro esterno è Jì12 = - Jìf1. Quando S12= O e
la separazione tra i cilindri è piccola (o= R 2 - R 1 « R 2 ), la (18,4) diventa
,,7RSu
- = -- o ,
Jìi,) (18,5)

dove S ~ 21rR è l'area della superficie del cilindro per unità di lunghezza, mentre
u = r21R è la sua velocità periferica 2).
Per quanto riguarda le soluzioni delle equazioni del moto cli un fluido visco-
so ottenute nei §§ 17 e 18, possiamo fare la seguente considerazione. In tutti i
casi analizzati il termine (v · grad)v, contenuto nelle equazioni che determinano
la distribuzione della velocità, è identicamente nullo, per cui dobbiamo risolvere
equazioni lineari, cosa che semplifica notevolmente il problema. Per questa ragio-
ne tutte le soluzioni soddisfano le equazioni del moto di un fluido incomprimibile
ideale, ad esempio nella forma (10,2) e (10,3). È questo il motivo per cui nelle
2
) La soluzione del problema più complesso del moto di nn fluido viscoso in uno spazio ristretto
tra due cilindri, i cui assi sono paralleli ma 11011 coincidenti, può essere trovata in: N.E. Kocldn,
I.A. J(ibel e N. V. Roze, Theoretical Hydromechanics, Wiley, 1964, Parte II, p. 534; A. Sommerfeld,
IVIechanics of Deformable Bodies, Academic Press, 1964, § 36.
§ 19 LEGGE DI SIMILARITÀ 67

formule (17,1) e (18,3) non appare mai il coefficiente cli viscosità. Tale coefficiente
appare sÒlo nelle formule, come la (17,9), che mettono in relazione la velocità e il
gi·acliente cli pressione nel fluido, dato che la presenza cli un gradiente cli pressione
è dovuta proprio alla viscosità; un fluido ideale potrebbe scorrere in un tubo anche
in assenza cli un gradiente cli pressione.

§ 19. Legge di similarità


Studiando il moto dei fluidi viscosi, possiamo ottenere un certo numero cli ri-
sultati importanti da semplici considerazioni, riguardanti le dimensioni delle varie
grandezze fisiche. Consideriamo un qualsiasi tipo cli moto, per esempio il moto
cli un corpo cli una data forma, attraverso un fluido. Se il corpo non è una sfera,
anche la sua direzione cli moto deve essere specificata: ad esempio il moto cli un
ellissoide nella direzione del suo asse maggiore o minore. In alternativa, possiamo
considerare il flusso in una regione delimitata da pareti cli forma definita (un tubo
cli data sezione geometrica, etc.).
Diremo che i corpi che hanno la stessa forma sono geometricamente simili;
essi si possono ottenere l'uno dall'altro variando tutte le dimensioni lineari nel
medesimo rapporto. Data allora la forma del corpo, è sufficiente specificare una
qualsiasi delle sue dimensioni lineari (il raggio cli una sfera o cli un tubo cilindrico, un
semiasse cli un ellissoide cli rotazione cli eccentricità data e così via) per determinare
completamente tutte le altre sue dimensioni.
Considereremo per il momento un flusso stazionario. Se, ad esempio, conside-
riamo il flusso attorno ad un corpo solido (cosa che faremo più avanti in questo
paragrafo), la velocità della corrente incidente deve essere costante. Supporremo il
fluido incomprimibile.
Dei parametri che caratterizzano il fluido, nelle equazioni dell'idrodinamica
(equazioni cli N avier-Stokes), compare soltanto la viscosità cinematica v = 17/ p:
le funzioni incognite, determinate dalla soluzione delle equazioni, sono la velocità
v e il rapporto p/ p tra la pressione p e la densità costante p. Il flusso, inoltre,
dipende, attraverso le condizioni al contorno, dalla forma e dalle dimensioni del
corpo in moto nel fluido e cla.lla sua velocità. Poiché supponiamo nota la forma
del corpo, le sue proprietà geometriche sono determinate da una sola dimensione
lineare, che indicheremo con l. Sia v. la velocità del flusso del fluido incidente.
Ogni flusso, allora, è specificato da tre parametri, v, ·u e l. Queste quantità
hanno le seguenti dimensioni:

ll = c1112 / s, l = Clll, u = cn1/s.


È facile verificare che da queste tre quantità si può formare una sola quantità
adimensionale, ovvero lu/v. Questa combinazione si chiama numero di Reynolds e
viene indicata con R:
R= pul = ul. (19,1)
17 lJ

Qualsiasi altro parametro adimensionale si può scrivere come funzione cli R.


68 FLUIDI VISCOSI Cap. II

Misureremo poi le lunghezze in terniini di l e le velocità in termini di u, vale Tt


dire che introduciamo le quantità adimensionali r /l e v /u. Poiché il solo parani.etro
adimensionale è il numero di Reynolcls, è evidente che la distribuzione della velocità,
ottenuta risolvendo le equazioni cli un flusso incomprimibile, è data da una funzione
della forma
v = uf (y,R). (19,2)

Si vede da questa espressione, che in due flussi diversi, ma dello stesso tipo (per
esempio il flusso cli fluidi cli diverse viscosità attorno a sfere cli diversi raggi), le
velocità v / u sono le stesse funzioni del rapporto r / l, se il numero cli Reynolcls è lo
stesso per i due flussi. I flussi che si possono ottenère l'uno dall'altro, per semplice
cambiamento dell'unità cli misura delle coordinate e delle velocità, si dicono simili.
Pertanto flussi dello stesso tipo, con lo stesso numero cli Reynolcls, sono simili.
Questa è chiamata legge di similarità ( O. Reynolds, 1883).
Una relazione simile alla (19,2) si può scrivere per la distribuzione della pres-
sione nel fluido. Per farlo, dobbiamo costruire dai parametri 1/ 1 l e 11, una quantità
qualunque con le dimensioni della pressione divisa per la densità; una tale quantità
potrebbe essere u 2 , ad esempio. Possiamo dire, allora, che p/ pu 2 è una funzione
della variabile adimensionale r/l e del parametro adimensionale R. Quindi

p = p1i2_f(y,R). (19,3)

Considerazioni analoghe, infine, si possono applicare a quantità che caratteriz-


zano il flusso, ma non sono funzioni delle coordinate. Una simile quantità è, ad
esempio, la forza cli resistenza F agente sul corpo immerso in un flusso cli fluido.
Possiamo dire che il rapporto adimensionale tra F e una qualche grandezza, avente
le dimensioni cli una forza, formata a partire da 1/, 'U, l, p deve essere una funzione
del solo numero cli Reynolcls. Una tale combinazione può essere pv,2 12,per esempio.
Quindi
(19,4)
Se la forza cli gravità ha un effetto importante sul flusso, allora quest'ultimo è
determinato non da tre ma da quattro parametri, l, u, I/ e l'accelerazione cli gravità
g. Da questi parametri possiamo costruire non una ma due quantità adimensionali
indipendenti. Queste possono essere, ad esempio, il numero cli Reynolcls e il nmnero
di Pro'ude, definito dalla relazione
2
F = 7!:_. (19,5)
lg
Nelle formule (19,2)-(19,4) la funzione f dipende non da uno ma da due parametri
(R ed F); due flussi si possono dire simili solo se entrambi questi numeri hanno gli
stessi valori.
Possiamo fare qualche considerazione, infine, riguardo i flussi non stazionari.
Un flusso non stazionario di un dato tipo è caratterizzato non solo dalle grandezze
1/ 1 v, ed l, ma anche da un intervallo cli tempo T caratteristico del flusso, che
determina la sua variazione temporale. Ad esempio, nel caso cli un corpo solido
§ 20 FLUSSI CON NUMERI DI REYNOLDS PICCOLI 69

di forma determinata, immerso in un fluido, che effettui oscillazioni secondo una


d1;Ltalegge., T può essere il periodo dell'oscillazione. Dalle quattro grandezze 1J, u, l,
T possiamo ancora costruire due quantità adimensionali indipendenti, che possono
essere il numero cli Reynolcls ed il numero

S= UT (19,6)
l ,

chiamato, a volte, n·u,mern di Strnuha.l. Il moto similare ha luogo, in questi casi,


solo se entrambi questi numeri assumono lo stesso valore.
Se le oscillazioni del fluido avvengono spontaneamente (e non sotto l'azione cli
una data forza esterna), allora per un moto di un dato tipo S sarà una funzione
definita cli R:
S = f(R).

§ 20. Fl'll,sso con rmmeri di Reynolds piccoli


L'equazione di Navier-Stokes risulta notevolmente semplificata nel caso cli un
flusso con piccoli numeri cli Reynolcls. Per il flusso stazionario di un fluido incom-
primibile, l'equazione è

1 '/)
(v · grad)v = -gradp + -t.v.
p p

Il termine (v · grad)v è dell'ordine cli grandezza di u 2 /l, con u ed l aventi il


v è clell'ordine di '!)'li,/ pl 2 . Il
medesimo significato che nel §19. La quantità (17/ p) L':,.
rapporto tra i due termini non è altro che il numero di Reynolds. Per un numero cli
Reynolcls piccolo, quindi, il termine (v · grad)v può essere trascurato e l'equazione
del moto si riduce ad u11'equazio11elineare

776v - gradp = O. (20,1)

Insieme all'equazione cli continuità

cliv V= 0 (20,2)

il moto risulta completamente determinato. È utile notare anche l'equazione

L':.rotv = O, (20,3)

si ottiene dalla (20,1) prendendone il rotore.


Come esempio, consideriamo il moto rettilineo e uniforme cli una sfera in un
fluido viscoso ( G.G. Stokes, 1851). Questo problema è del tutto equivalente a
quello del flusso attorno ad una sfera a riposo cli un fluido avente una data velocità
u all'infinito. La distribuzione cli velocità nel primo problema si ottiene da quella
del secondo semplicemente sottraendo la velocità u, così che il fluido sia a riposo
all'infinito, mentre la sfera si muove con velocità -u. Se consideriamo il flusso
stazionario, dobbiamo ovviamente parlare in termini cli flusso attorno a una sfera
70 FLUIDI VISCOSI Cap. II

a riposo, poiché quando la sfera si muove la velocità del fluido in ogni punto _dello
spazio varia col tempo.
Dato che div(v - u) = div v = O, v - u si può esprimere come il rotore di un
certo vettore A:
v-u = rotA,
con la condizione che rot A si annulli all'infinito. Il vettore A deve essere assiale,
affinché il suo rotore sia polare, come la velocità. Nel flusso attorno a una sfera,
che è un corpo completamente simmetrico, non esiste alcuna direzione preferenziale
oltre a quella di u. Il parametro u deve apparire linearmente in A, .dato che
l'equazione del moto e le sue condizioni al contorno sono lineari. La forma generale
di una funzione vettoriale A(r) che soddisfi questi requisiti è A= f'(r)[nu], dove
n è un versore parallelo al vettore posizione r (prendendo l'origine nel centro della
sfera), e f'(r) è una funzione scalare dir. Il prodotto f'(r)n si può rappresentare
come gradiente di un'altra funzione f(r). Cercheremo quindi la velocità nella forma

v = u + rot[grad fu]= u + rot rot(ju), (20,4)

espressione che si ottiene tenendo conto che u è costante.


Per determinare la funzione f, usiamo l'equazione (20,3). Dal momento che

rot v = rot rot rot(fu) = (grad div - ll)rot(ju) =


= -l:\.rot(fu),

la (20,3) assume la forma

Ne segue che
(20,5)
La prima integrazione dà
ll 2 f = costante.
Si vede facilmente che la costante deve essere zero, poiché la differenza di velocità
v - u deve annullarsi all'infinito, così come le sue derivate. L'espressione l:\.2 .f
contiene derivate quarte di f, mentre la velocità è data in termini di derivate
seconde di f. Per cui abbiamo

Quindi
A f 2a,
'-'. = -r + c.
La costante e deve essere zero perché la velocità v - u si annulli all'infinito. Da
6.f = 2a/r otteniamo
b
f = ar + r (20,6)
§ 20 FLUSSI CON NUMERI DI REYNOLDS PICCOLI 71

La costai:ite additiva in f è stata omessa perché irrilevante, essendo la velocità data


cl,allecleri:vate cli .f.
Sostituendo nella (20,4), con semplici passaggi otteniamo

u + n(u · n) 3n(u · n) - u
(20,7)
v=u-a +b ·
r r3

Le costanti a e b si determinano dalle condizioni al contorno: v = O per r = R


(sulla superficie della sfera), ovvero

Visto che questa equazione deve valere per qualunque n, i coefficienti cli u e n(u·n)
devono annullarsi. Di conseguenza a= 3R/4 e b = R 3 /4. Abbiamo, in definitiva,

3 R3
.t
·=-Rr+- (20,8)
4 47''

v=--
3R u + n(u · n)
-
R 3 u - 3n(u · n)
. +u, (20,9)
4 r 4 r3
oppure, in coordinate sferiche con l'asse polare lungo u,
3
Vr = cos e
11, [1- 3')R
-r
+ R 3] '
2r
(20,10)
sin e [1
- 4rR - 4rR~ ] .
3
Vo = -u 3

Queste equazioni forniscono la distribuzione cli velocità intorno alla sfera in moto.
Per determinare la pressione. sostituiamo la (20,4) nella (20,1):

gradp = 17!:::.v
= 77/:::.rotrot(fu) =
= 77!:::.(gradcliv(fu) - u!:::.f).
2f
Ma, dato che !:::. = O, si ha

gradp = grad[17!:::.cliv(fu)] = grad(17u · grad!:::.f).

Pertanto
p = 17u· grad !:::..f+ Po, (20,11)
dove p 0 è la pressione del fluido all'infinito. La sostituzione dell'espressione per f
permette cli ottenere il risultato finale
3 U·ll
P = Po - -17--R. (20,12)
2 r2
Usando le formule sopra riportate, possiamo calcolare la forza F esercitata sulla
sfera dal fluido in moto oppure, che è lo stesso, la resistenza sulla sfera quando
questa si muove attraverso il fluido. Per farlo, introduciamo coordinate sferiche con
72 FLUIDI VISCOSI Cap. II

l'asse polare parallelo ad u; per simnietria, tutte le quantità sono funzioni solt.antò
di r e dell'angolo polare B. La forza F è, evidentemente, parallela alla velocità u.
Il modulo di tale forza può essere determinato a partire dalla (15,14). Da questa,
prendendo le componenti della forza agente su un elemento di superficie della sfera,
normale e tangenziale alla superficie stessa e proiettandole sulla direzione di u,
troviamo
F= f (-pcos B + O";-rcos B - O"~esinB)df, (20,13)

dove l'integrazione è presa su tutta la superficie della sfera.


Sostituendo le espressioni (20,10) nelle formule

I OVr
O",.,.= 217-é) '
I
O"e='17
( 1 OV,. OVg
--+--- Ve)
r ,. r é)() or r

(cfr. la (15,20)), troviamo che sulla superficie della sfera

I 3'1) .
O"~,.= o, O"re= --RU, sm 8,
2
mentre la pressione (20,12) è
3'1)11,
p = Po - - cos 8.
2R
L'integrale (20,13) si riduce allora a

_ 3rru,1 zt·
F - 2R .'f e,.
In questo modo ricaviamo finalmente la form1da di Stokes per la forza cli resistenza
su una sfera che si muove lentamente in un fluido 1 l

F = 6m7RU,. (20,14)
La forza di resistenza è proporzionale alla velocità e alla dimensione lineare
del corpo. Si sarebbe potuto arrivare a tale conclusione anche partendo da un
1
l In vista di successive applicazioni, sottolineiamo che, se si effettuano i calcoli a partire dalla
(20,7) con le costanti a e b indeterminate, si trova

F = 81rr7a11,. (20.14a)

La resistenza. può essere calcolata anche per un ellissoide di forma arbitraria in lento movimento.
Le formule rilevanti per questo caso, possono essere t;rovate in H. Lamb, Hydrodynamics, Dover,
1932, § 339. Qui diamo soltanto le espressioni per un disco circolare piano, di raggio R, che si
muove perpendicolarmente al suo piano:

e per un disco simile che si muove parallelamente al suo piano


§ 20 FLUSSI CON NUMERI DI REYNOLDS PICCOLI 73

ragionamento dimensionale: la densità del fluido p non compare nelle equazioni


approssin1ate (20,1) e (20,2) per cui la forza F che esse forniscono si deve esprimere
s~lo in tennini cli T/, v. e R; da queste, si può formare una sola combinazione con le
dimensioni cli una forza, vale a dire il prodotto T/'ll,R,
La stessa dipendenza si trova per corpi cli altre dimensioni in moto lento nel
fluido. La direzione della forza cli resistenza su un corpo cli dimensioni arbitrarie
non coincide con quella della velocità. La forma generale della dipendenza cli F da
u si può scrivere come:
(20,15)
dove a,u;; è un tensore cli rango due, indipendente dalla velocità. È importante
notare che tale tensore è simmetrico, risultato che vale nell'approssimazione lineare
rispetto alla velocità, ed è un caso particolare cli una legge più generale valida per
moti lenti cui sono associati processi dissipativi (cfr. V, § 121).

Pe·r:fezionamento della form·ula di Stokes

La soluzione presentata sopra del problema del flusso attorno ad una sfera, non
è valida a grandi distanze, anche se il numero cli Reynolcls è piccolo. Per convincerci
cli questo, stimiamo il termine (v·grad)v, trascurato nella (20,1). A grandi distanze
dal corpo, v ~ u; le derivate della velocità sono dell'ordine cli ·uR/r 2 , come si vede
dalla (20,9). Quindi (v · grad)v ~ ·u. 2 R/r 2 . I termini contenuti nella (20,1) sono
3
dell'ordine cli T/Ru/ pr , come si può vedere dalla espressione (20,9) per la velocità
o dalla (20,12) per la pressione. La condizione ·u.·17R/ pr 3 » v.2 R/r 2 è soddisfatta
solo per distanze tali che
r « v/u. (20,16)
A distanze maggiori, i termini fin qui trascurati divengono non più trascun1bili e
la distribuzione cli velocità così trovata risulta non corretta.
Per trovare la distribuzione di velocità a grandi distanze dal corpo, bisogna
tener conto del termine (v · grad)v finora omesso. Dato che a queste distanze v
differisce poco da u, possiamo sostituire in modo approssimato v · grad con u ·grad.
Troviamo allora per la velocità a grandi distanze, la seguente equazione lineare
1
(u · grad)v = --grad JJ+ vf::.v (20,17)
p

( C. JiV. Oseen, 1910). Non riporteremo qui la procedura per risolvere questa equa-
zione nel caso cli un flusso attorno ad una sfera 2 ), ma menzioniamo solo il fatto
che la distribuzione cli velocità così ottenuta può essere utilizzata per ricavare una
formula più accurata per la forza cli resistenza a cui è sottoposta la sfera, che in-
clude il termine successivo nello sviluppo cli questa forza in potenze del numero cli
Reynolcls R = uR/v:
F = 3Rv.)
61r'l)'ll,R 1 +
( g-;- . (20,18)

~) La si può trovare in N.E. Koch:in, I.A. Kibel e N. V. Roze, Theoretical Hydromechanics,


Wiley, 1964, Part;e II, capitolo II, §§ 25-26, oppure in H. La.mb, Hydrodynamics, Dover, 1932,
§§ 342, 343.
74 FLUIDI VISCOSI Cap. II

Per risolvere il problema del flusso perpendicolare all'asse di un cilind~·o di


lunghezza infinita, occorre usare l'equazione cli Oseen fin dall'inizio; l'equazione
(20,1) in questo caso non ammette soluzioni che soddisfino le condizioni al contorno
sulla superficie del cilindro e all'infinito. La resistenza per unità di lunghezza del
cilindro è
F= ~~~~--'-~~~~4n'l)U 41r·1ru,
(20,19)
1/2 - C - log(Ru/4v) ln(3.70v/uR)'

dove C = 0.577.,. è la costante di Eulero (H. Lamb, 1911) 3 ).


Tornando al problema del flusso attorno ad una: sfera, facciamo ancora la consi-
derazione seguente. La sostituzione cliv con u nel termine non lineare della (20,17)
è valida a grandi distanze dalla sfera, r » R. È ovvio, quindi, che nonostante l'e-
quazione cli Oseen dia una rappresentazione più corretta del flusso attorno ad un
corpo a grandi distanze, non migliora in nessun modo i risultati a piccole distanze
dal corpo. Questo è evidente dal fatto che la soluzione della (20,17), che soddisfa le
necessarie condizioni all'infinito, non soddisfa invece la condizione che· la velocità
sia nulla sulla superficie della sfera; questa condizione è verificata solo dal termine
cli ordine zero nello sviluppo della velocità in potenze del numero cli Reynolcls, e
non lo è più già dal termine del prim'ordine.
Potrebbe dunque sembrare a prima vista che la soluzione dell'equazione cli
Oseen non possa essere usata per un calcolo esatto del termine cli correzione della
resistenza. In effetti non è così per la seguente ragione: il contributo alla forza F
dovuto al moto del fluido a piccole distanze (per cui ·u « v/r), deve essere svi-
luppabile in potenze cli u. Il primo termine cli correzione non nullo al vettore F,
dovuto a questo contributo, deve quindi essere proporzionale a U'U 2 che rappresenta
una correzione del secondo ordine relativa al numero cli Reynolcls; non influenza
quindi la correzione del primo ordine nella (20,18).
Termini correttivi cli ordine superiore alla formula cli Stokes così come un affi-
namento della descrizione del flusso a piccole distanze non possono essere ottenuti
dalla soluzione diretta della (20,17). Sebbene tali affinamenti non siano molto im-
portanti c'è un notevole interesse metodologico nel derivare ed analizzare una teoria
delle perturbazioni per risolvere problemi cli flusso viscoso a piccoli numeri cli Rey-
nolcls (S. I<aplun e P.A. Lagerstrom, 1957; I. Prov.dman e J.R.A. Pea.rdon, 1957).
Descriveremo la situazione attuale e daremo tutte le espressioni necessarie per
illustrarla senza anelare in dettaglio nei calcoli 4 ).

3
) L'impossibilità di applicare la (20,1) al calcolo della resistenza nel problema del cilindro,
risnlta evidente da argomenti dimensionali. Come già. accennato, il risultato dovrebbe essere
espresso in termini di 17,·u ed R ma, in questo caso, si ha a che fare con una forza per unità di lnn-
ghezza del cilindro; l'unica quantità avente le dimensioni richieste sarebbe 17u, che è indipendente
dall'estensione spaziale del corpo e, pertanto, non si annulla. per R-+ O. Questa è una conclusione
priva. di senso fisico.
4
) Questi possono essere trovati in M. Van Dyke, Perturbation Methods in Fluid Mechanics,
New York, 1964. I calcoli non sono fatti in termini della velocità v(r) ma nella terminologia più
compatta, anche se meno intuitiva., della. funzione di corrente. Per un flusso che abbia simmetria.
assiale, per esempio quello attorno ad una. sfera, la funzione di corrente ,j,(r, 8) in coordinate polari
sferiche è definita. da
§ 20 FLUSSI CON NUMERI DI REYNOLDS PICCOLI 75

Per tr;:i:ttare esplicitamente il parametro piccolo R, il numero di Reynolds, usia-


n~o la velocità adimensionale v' =v / u ed il vettore posizione adimensionale r' =r / R
che, nel resto di questa sezione, denoteremo con v e r senza apici. La soluzione
esatta dell'equazione del moto (che prendiamo della forma (15,10) eliminando la
pressione) è:
Rrot[vrot v] + 6 rot v = O. (20,20)

Distinguiamo due regioni di spazio intorno alla sfera: la regione vicina con
r « 1/R, e la regione lontana con r » 1. Le due regioni coprono tutto lo spazio,
sovrapponendosi nella zona intermedia

1/R »r» 1 (20,21)

Perché la teoria delle perturbazioni sia consistente, l'approssimazione iniziale


nella regione vicina è l'approssimazione di Stokes, i.e. la soluzione dell'equazio-
ne 6 rot v = O ottenuta dalla (20,20) trascurando il termine che contiene il fat-
tore R. Questa soluzione è data dalle (20,10); espressa in termini delle variabili
adimensionali è
v( 1 l
r
= cose (1- ~ + ~)
2r 2r 3
,
(20,22)
1
V (1)
e
= - .
Sll1 e( 1- -3 - -.13 ) .
4r 4r ' ,,.« R'
dove l'indice (1) denota la prima approssimazione.
La prima approssimazione nella regione lontana è semplicemente la costante
v(l) = v che corrisponde al flusso entrante uniforme e imperturbato; v è il versore
orientato nella direzione del flusso attorno alla sfera. La sostituzione v = v + v( 2 )
nella (20,20) dà l'eqnazione cli Oseen per v( 2 l

Rrot[v rot v( 2 JJ + 6 rot v( 2 ) = O. (20,23)

La soluzione deve soddisfare la condizione che la velocità v( 2 l sia zero all'infinito e la


condizione di raccordo con la soluzione (20,22) nella zona intermedia. Quest'ultima
condizione esclude, in particolare, soluzioni che crescono troppo rapidamente al
decrescere cli r 5 ). La soluzione appropriata è:

v(ll + v(2 l = cos e+ - 32 - { 1 - [1 + !,,.R (1 + cos e)]e-rR(l-cos 0)/ 2 }


T 7' 2i· R 2 '
(20,24)
V(l) + •i = -
2) sin 8 + ~ sin 8 e-rR(l-cos B)/ 2 , r » 1.
e e 4r

EJ,jJ 1 EJ4;
u, = 7' 2 sin 8 EJ(}' Ve =- T sin 8 O'/"' V,p = Q.

Queste soclclisfauo identicamente l'equazione cli continuità (15,22).


5
) Per determinare il coefficiente numerico nella soluzione, dobbiamo anche considerare la
condizione che la quantità totale cli fluido che passa attraverso qualunque superficie chiusa intorno
alla sfera sia zero.
76 FLUIDI VISCOSI Cap. II

Va sottolineato che, per la regiòne lontana, la variabile più appropriat9' è ·il


prodotto p = rR e non la coordinata r. Usando questa variabile, R non appare più
nella (20,20) consistentemente col fatto che quando r ~ 1/R i termini cli viscosità
e cli inerzia nell'equazione diventano dello stesso ordine cli grandezza. Il numero R
interviene nella soluzione solo nella condizione cli raccordo a quella nella regione
vicina. Lo sviluppo cli v(r) nella regione lontana è quindi uno sviluppo in potenze
cli R a valori fissati cli p = rR dato che i secondi termini nelle (20,2s1), se espressi
in termini cli p, contengono R come fattore.
Per controllare che il raccordo delle soluzioni (20,22) e (20,24) è corretto, osser-
viamo che nella zona intermedia (20,21) rR « 1 e l'espressione (20,24) può essere
sviluppata in potenze cli questa variabile. Fino ai primi due termini, a meno del
flusso uniforme, abbiamo:

Vr =cose ( 1- - 3) + -3R (1- cose) (1 + 3 cose),


2r 16
(20,25)
Ve= - sin e(1 - 3)
4r
3R
--sine(l-cose).
8
Nella stessa regione si ha r » 1 e quindi possiamo omettere i termini in 1/r 3
nella (20,22); i termini restanti sono uguali ai primi termini nella (20,25); i secondi
termini di questa saranno usati nel seguito.
Per andare all'approssimazione successiva, nella regione vicina, scriviamo v =
y(l) +v( 2), ottenendo dalla (20,20) un'equazione per la correzione del secondo or-
dine:
6rotv( 2 ) = -Rrot [v(llrotv( 1)]. (20,26)
La soluzione cli questa equazione deve soddisfare la condizione cli annullarsi sulla
superficie della sfera e quella cli raccordarsi alla soluzione della regfone lontana,
cioè che il termine dominante nella funzione v( 2 J (r) deve coincidere con il secondo
termine della (20,25) quando.,.» 1. La soluzione appropriate è:
2
3R
v}.2 ) = _·-vPl + .3R( 1 -1) ( 2 + -1 + --,,
1·) (1- 3 cos 2 e) ,
8 32 r r r-
(20,27)
Ve(2) = -3 R Ve(1) 3 R ( 1- -1) ( Ll+ -1 + 1 + -2 )
+ -. 0
.
Slll e COS e,
8 32 r r r- r·3
r « 1/R.

Nella regione intermedia solo i termini senza il fattore 1/r restano in questa espres-
sione e coincidono con i secondi termini della (20,25).
Dalla distribuzione della velocità (20,27) si possono calcolare le correzioni alla
formula di Stokes per la resistenza. I secondi termini nella (20,27), a causa della
loro dipendenza angolare, non danno contributo alla resistenza; il primo termi-
ne dà la correzione 3R/8 presente nella (20,18). Da queste considerazioni segue
che la distribuzione di velocità esatta in prossimità della sfera dà, in questa ap-
prossimazione, lo stesso risultato per la resistenza della soluzione dell'equazione cli
Oseen.
§ 20 FLUSSI CON NUMERI DI REYNOLDS PICCOLI 77

L'approssimazione seguente si ottiene ripetendo questa procedura. Si ottengono


t~rmini logaritmici nella distribuzione di velocità; nell'espressione (20,18) per la
resistenza la quantità in parentesi è rimpiazzata da

3 9 ,, 1
1 + - R - - R- ln -
8 40 R'
in cui il logaritmo è considerato essere grande 6 ).

PROBLEMI

1. Determinare il moto di un fluido che occupa lo spazio tra due sfere concentriche di
raggi R1 e R2 (R 2 > R 1), in rotazione uniforme intorno a diametri differenti con velocità
angolari !11, !12; i numeri di Reynolds !11RU1Je !12R§/u sono piccoli rispetto all'unità.
Solu.z'ione.Data la linearità delle equazioni, il moto tra due sfere rotanti può essere
trattato come la sovrapposizione dei due moti che si hanno quando una sfera è a riposo
e l'altra ruota. Inizialmente fissiamo !12 = O, cioè ruota solo la sfera interna. Si può
ragionevolmente supporre che la velocità del flusso in ogni punto sia lungo la tangente alla
circonferenza. il cui centro è sull'asse di rotazione e che si trova nel piano perpendicolare
a questo asse. Data la simmetria assiale del problema., il gradiente di pressione in questa
direzione è zero. L'equazione del moto (20,1) diventa quindi

6v=O.

Il vettore velocità angolare !11 è un vettore assiale. Argomenti simili a quelli usati prece-
dentemente mostrano che la velocità può essere scritta come

L'equazione del moto diventa quindi [grad !1 1] = O. Dato che il vettore grad6f è
parallelo al vettore posizio11e e il prodotto vettore [r !1 1] non può essere zero per un dato
!1 1 ed un r arbitrario, si deve avere grad 6/ = O e quindi

6f = costante.
Integrando si ha
. ') b
.f =m·-+- r' v = (,~ 3 - 2a) [!11 r]

Le costanti a e b si ottengono da.Ile condizioni v = O a. r = R 2 e v = u a. r = R 1 , dove


u = [!11 r] è la. velocità dei punti sulla. sfera. rotante. Il risultato è

La. pressione ciel fluido è costante (p = p 0 ). Allo stesso modo abbia.mo, per il caso in cui
ruota. la. sfera. esterna. e quella. interna è ferma (!11 = O),

G) Si veda I. Pmudma.n, J.R.A. Pea.rson, Journal of Fluid Mechanics, 2, 237 (1957).


78 FLUIDI VISCOSI Cap. II

Nel caso generale in cui tutte e due le sfere ruotano, si ha

Se la sfera esterna è assente (R2 = oo, Sl2 = O), cioè abbiamo semplicemente una sfera
cli raggio R che ruota in un fluido infinito, si ha

V=
(R3)
~ [f2r].

Calcoliamo il momento delle forze cli attrito che agiscono sulla sfera in questo caso. Pren-
dendo coordinate sferiche con l'asse polare lungo n, abbiamo

R 3 Sl
v,. = vo = o, v\D= v = -'
r-0
- sin O.

La forza di attrito per area unitaria della sfera è

, (av v)I
cr,.\D= 17 Br - :;:
r=R
.
. = -377Sl srn e.

Il momento totale delle forze cli attrito sulla sfera è

da cui si ottiene

Se è la sfera interna che manca, v = [f22r] cioè il fluido ruota rigidamente con la sfera
che lo circonda.
2. Determinare la velocità di una goccia cli fluido sferica (cli viscosità 171 ) in moto sotto
la forza cli gravità in un fluido cli viscosità 'I) ( W. Rybczynski, 1911).
Soluzione. Usiamo un sistema di coorclinaJ,e in cui la goccia, è a riposo. Per il fluido
all'esterno della goccia cerchiamo una soluzione dell'equazione (20,5) nella forma (20,6) in
modo che la velocità abbia la forma (20,7). Per il fluido all'interno della goccia dobbiamo
trovare una soluzione che non abbia singolarità 2. r = O (e la derivata seconda cli f, che
determina la velocità, resti finita). Questa soluzione è

1 9 1 ,1
f =-Ar~+-Br
4 8 '

la velocità corrispondente è

v = -Au + Br 2 [n(u·n)-2u].
§ 20 FLUSSI CON NUMERI DI REYNOLDS PICCOLI 79

Sulla supe1:ficie della sfera 7 ) devono essere soddisfatte le seguenti condizioni. Le compo-
nenti norm~li della velocità all'esterno (v(e)) e all'interno (v(i)) della goccia devono essere
nulle:
v~i) = v).e) = O.

La componente tangenziale deve essere continua:


. (i)_ (e)
ue - ve .
Lo stesso per la componente rl3 del tensore degli sforzi:
(i) (e)
Cfre = Cfre .

Non è necessario considerare la condizione che le componenti rr del tensore degli sforzi
siano uguali per determinare la velocità cercata, dato che questa si può determinare più
facilmente come mostrato di seguito. Da queste condizioni otteniamo quattro equazioni
per le costanti a, b, A e B le cui soluzioni sono
I
b = R3 T/ A= -BR2 = i7 .
L1('17+ •17')' 2('17+ '1]1)
Dalla (20.14a) abbiamo per la resistenza

277+ 37)'
F = 27r·u.-17R----.
'17+ '17'
Quando 77'-+ oo (che corrisponde ad una sfera solida) questa formula si riduce alla formula
di Stokes. Nel limite 171 -+ O (che corrisponde ad una bolla di gas), abbiamo F = 4wur1R,
cioè la resistenza è due terzi di quella su una sfera solida.
Uguagliando Falla forza di gravità sulla goccia, 47rR 3 (p - p')g/3, troviamo

2R 2 g (p - p') (r7+ 17')


'U, = ---------
+ 3171 )
3·1)(2·1)

3. Due dischi piani circolari paralleli, (di raggio R) sono l'uno sulraltro a piccola
distanza; lo spazio tra loro è riempito di fluido. I dischi si avvicinano a velocità costante
11.,spostando il fluido. Determinare la resistenza al loro moto ( O. Reynolds ).
Sol'Uzione. Prendiamo coordinate polari cilindriche, con l'origine al centro del disco
inferiore che si suppone fermo. Il flusso ha simmetria assiale e, dato che lo strato è sottile,
predominantemente radiale: 110 « v,. ed anche 8vr/8r « 8v,)8:::. Le equazioni del moto
diventano
8 2 vr Bp Bp
T)-=-
8z2 Br' a-=
"-
o, (1)

7
l Possiamo trascurare il cambiamento cli forma della goccia nel suo moto, dato che
esso è piccolo di ordine superiore. Va comunque tenuto in conto che, affinché la goccia
in moto resti sferica, le forze dovute alla tensione superficiale a1 bordo devono superare
le forze dovute alle disuniformità di pressione che tenderebbero a rendere la goccia non
sferica. Questo significa che si deve avere 17u/R « a/ R dove a è il coefficiente di tensione
superficiale o, sostituendo u ~ R 2gp/17,

R « l!i·
80 FLUIDI VISCOSI Cap. II

18(rv,.) avz
--+-=O (2)
7' ar az 1

con le condizioni al contorno


v,. = Vz = o per z = O;
V,- = 0, Vz = -•u per Z = h;
P = Po per r = R,

dove h è la distanza tra i dischi e p 0 è la pressione esterna. Dall'equazione (1) _~itrova


1 dp
v,. = --z(z - h).
217dr
Integrando la (2) rispetto a z si ha

v. = --1 d
r dr
1h O
rv,.dz = ---- h3 d ( r-dp) ,
121)r dr dr
eia cui
3·1ru.(R2
p=po+-
h3
La resistenza totale sul disco in moto è
4
F = 31r7Jv.R
2h 3

§' 21. Sc-ia.la.m.ina:re


Nel flusso stazionario cli un liquido viscoso attorno ad un corpo solido, il flusso
a grandi distanze ha caratteristiche specifiche che possono essere studiate indipen-
dentemente dalla forma del corpo.
Indichiamo con U la velocità costante del fluido incidente; prendiamo la dire-
zione cli U come asse x, con origine all'interno del corpo. La velocità reale del
fluido in ogni punto del flusso può essere scritta come U + v e v si annulla all'infi-
nito. Si trova che, a grandi distanze oltre il corpo, la velocità v è apprezzabilmente
diversa da zero solo in una regione relativamente piccola intorno all'asse x. Questa
regione, eletta scia la:m'ina:rel), è raggiunta da particelle cli fluido che si muovono
lungo le linee di corrente che passano abbastanza vicine al corpo. Il flusso nella
scia è quindi essenzialmente rotazionale. La ragione è che il flusso rotazionale cli
un fluido viscoso attorno ad un corpo solido è dovuto alla superficie del solido 2 1.
Questo è facilmente comprensibile ricordando che, nel caso del flusso potenziale
di un. fluido ideale attorno ad un corpo solido, solo la componente normale della
velocità si annulla sulla superficie del corpo, non quella tangenziale Vt. Tuttavia la
condizione al contorno cli aderenza per un fluido reale richiede che anche Vt sia nul-
la. Se il flusso continuasse ad essere potenziale, si dovrebbe avere una discontinuità
1
l A differenza della scia turbolenta, § 37.
2
l Il fatto che la relazione rot v = O non resti valida lungo una linea di corrente che passa lungo
la superficie di un corpo solido è stato già visto nel § 9.
§ 21 SCIA LAMINARE 81

finita di Vt, cioè l'apparizione di una vorticità superficiale. La viscosità tende a


smussare la discontinuità e il vortice penetra nel fluido da cui passa per convezione
nella regione della scia.
D'altra parte la viscosità non ha praticamente effetto sulle linee di corrente
lontane dal corpo e la vorticità, che è nulla nella corrente incidente, rimane prati-
camente nulla su queste linee di flusso, come in un fluido ideale. Il flusso quindi, a
grandi distanze dal corpo, può essere considerato come un flusso potenziale ovunque
eccetto nella scia.
Ora deriveremo le formule che legano le proprietà del flusso nella scia alle forze
che agiscono sul corpo. L'impulso totale trasportato dal fluido attraverso qualunque
superficie chiusa che circonda il corpo è data dall'integrale del tensore densità di
flusso di impulso su quella superficie,

Le componenti del tensore Ili/,, sono

Ili/,: = pr5ik+ p (U; + v;) (U1.:+ VJ.:).

Scriviamo la pressione nella forma p = p 0 + p' in cui p 0 è la pressione all'infinito.


L'integrazione del termine costante por5it,+ pU;U1,,dà zero perché l'integrale vetto-
riale pdf su una superficie chiusa è nullo. Anche l'integrale ppv1Jl,f1.,
è nullo poiché
la massa totale di fluido nel volume considerato è costante, dato che il flusso totale
cli massa attraverso la superficie che circonda il volume deve essere nullo. Inoltre la
velocità v, lontano dal corpo, è piccola rispetto a U. Se la superficie in questione è
sufficientemente lontana dal corpo si può quindi trascurare il termine pv;v1,,in Ili/,
rispetto a pU1.v;. Il flusso cli impulso totale è dunque

Prendiamo ora, come volume cli fluido considerato, quello tra due piani infiniti
.r = costante, lontani dal corpo, mio davanti ad esso e l'altro dietro. L'integrale
sulla superficie "laterale" infinitamente distante si annulla (dato che p' = v = O
all'infinito) e quindi è sufficiente integrare solo sui due piani trasversali. Il flusso
cli impulso così ottenuto è chiaramente dato dalla differenza tra il flusso totale di
impulso entrante attraverso il piano anteriore (a monte) e quello uscente attraver-
so il piano posteriore (a valle). Questa differenza, comunque, non è altro che la
quantità cli impulso trasmessa al corpo dal fluido per unità di tempo, cioè la forza
F esercitata sul corpo immerso nel fluido. Le componenti della forza F sono

(gJ)F, ~ (,J+ pU,,) dyd,

F, ~ (gJ) ~ (g-,[) pU,,,dyd,, F,


82 FLUIDI VISCOSI Cap. II

dove l'integrazione è presa sui piani infiÌ1iti x = x1 (lontano dietro il corpo) e x = ·x2
(lontano davanti ad esso). Consideriamo prima l'espressione per Fr. ·
Al di fuori della scia abbiamo flusso potenziale e quindi vale l'equazione di
Bernoulli
1 ,, 1 ')
p + -p
2
(U + vt =costante= Po+ -pU-
2
o, trascurando il termine !pv 2 rispetto a pU · v,
1
p = -pUvx,

Si vede che l'integrando in Fx si annulla, in questa approssimazione, ovunque al di


fuori della scia. In altre parole, l'integrale sul piano x = x 2 ( che si trova davanti al
corpo e quindi non incrocia la scia) è nullo e l'integrale sul piano x = x 1 va fatto
solo sull'area della sezione trasversa della scia. All'interno della scia il cambiamento
di pressione p' è in ogni caso di ordine pv 2 , cioè piccolo rispetto a pU v,r. Si ottiene
quindi che la forza cli resistenza sul corpo nella direzione del flusso è

F;; = -pU .Il Vxd:rdy, (21,1)

dove l'integrazione è presa sull'area della sezione trasversa della scia, lontano dietro
al corpo. La velocità Vx nella scia è naturalmente negativa: il fluido si muove più
lentamente cli quanto farebbe in assenza del corpo. Si deve notare che l'integra-
le nella (21,1) rappresenta la riduzione della portata di fluido attraverso la scia
rispetto a quanto si avrebbe in assenza del corpo.
Consideriamo ora la forza. (le cui componenti sono Fy, Fz) che tende a muovere
il corpo trasversalmente. Questa forza è chiamata. portanza. Al cli fuori della. scia,
dove si ha flusso potenzia.le, possiamo scrivere vy = EJ<p/ Ely,v 0 = Eli.p/El::::l'integrn.le
sul piano :r = :r2, che non interseca mai la scia, è nullo:

"
.
h7vydydz = u·
"
EJ<p
a,;dydz
y
= O,
trEJ<p
././ Elz clyd:::= O,

dato che i.p = O all'infinito. Troviamo dunque per la. portanza

(21,2)

L'integrazione, in queste formule, è presa solo sull'area. della sezione trasversa. della
scia. Se il corpo ha un asse cli simmetria (non necessariamente una simmetria
assiale completa) e il flusso è parallelo a questo asse, anche il flusso avrà un asse di
simmetria. In questo caso, ovvia.mente, la portanza è evidentemente nulla.
Torniamo al flusso nella scia.. Una stima. della grandezza dei vari terrn.ini nell'e-
quazione di Na.vier-Stokes mostra. che il termine v6.v può essere in genere trascu-
rato a distanze 7· dal corpo per cui rU / v » 1 ( cfr. la derivazione della condizione
opposta (20,16)); a queste distanze il flusso al cli fuori della scia può essere con-
siderato un flusso potenziale. Non è possibile invece trascurare questo termine
§ 21 SCIA LAMINARE 83

all'interno ,della scia, nemmeno a queste distanze, dato che le derivate trasverse
D2,v/ Dy2 , ÉPv/ Dz2 sono grandi rispetto a D2 v / Dx2 .
Supponiamo che Y sia l'ordine di grandezza dell'ampiezza della scia, cioè la
distanza dall'asse x a cui la velocità v diminuisce in modo significativo. L'ordine
cli grandezza dei termini nell'equazione di Navier-Stokes è allora:

Dv Uv D2 v vv
(v · grad)v ~ U- ~ -, v6v~v-- ~ -.
Dx x Dy2 y2

Se queste due grandezze sono comparabili si trova

(vx
Y=
vu· (21,3)

Questa quantità è in effetti piccola rispetto a x, data l'ipotesi fatta che U;i; » 1.
Vediamo che la larghezza della scia laminare cresce come la radice quadrata della
distanza dal corpo.
Per determinare l'andamento della velocità nella scia, torniamo alla formula
(21,1). La regione cli integrazione ha un'area dell'ordine di Y 2 . L'integrale può
quindi essere stimato come F'.o:~ pUvY 2 , e usando la relazione (21,3) si ha

v~--. F.'U (21,4)


pv:i;

Chiarite le caratteristiche qualitative del flusso laminare lontano dal corpo,


deriveremo ora alcune formule quantitative che descrivono la struttura del flusso
all'interno e all'esterno della scia.

Flusso all 'ùde1"no della scia

Nell'equazione cli Navier-Stokes per il flusso stazionario

(v · grad) v = -grad (JJ/p) + v6v, (21,5)

lontano dal corpo, usiamo l'approssimazione di Oseen e sostituiamo il termine


(v · grad) v con (U · grad) v (cfr. (20,17) ). Inoltre, all'interno della scia la derivata
rispetto alla coordinata longitudinale x può essere trascurata rispetto alle derivate
trasverse. Iniziamo quindi dall'equazione

(21,6)

Di questa cerchiamo la soluzione della forma v =v1 + v2 dove v1 è la soluzione


dell'equazione
(21,7)
84 FLUIDI VISCOSI Cap. II

La quantità v2, che deriva dal terniine -grad (p/p) nell'equazione iniziale (21,6),
può essere cercata come il gradiente di uno scalare 3 ). Dato che, lontar~o dal
corpo, le derivate rispetto ad x sono piccole comparate a quelle rispetto a y e
z, possiamo trascurare, nell'approssimazione considerata, il termine f)cD/8x, cioè
prendere v,, = vi,,. Abbiamo quindi, per v,:, l'equazione

(21,8)

Formalmente questa è uguale all'equazione bidimensionale del calore, con x/U


al posto del tempo e la viscosità v al posto della cbnduttività termica. La soluzione,
che decresce al crescere di y e z (a fisso x) e dà una scia infinitamente stretta quando
x-+ O (in questa approssimazione le dimensioni del corpo sono considerate piccole),
è (cfr. § 51)

V;c = F.1:
----exp { U (y2+ z2)}. (21,9)
47rpl/X 4vx

Il coefficiente costante in questa formula è espresso in termini della resistenza usan-


do la formula (21,1) in cui l'integrazione può essere estesa su tutto il piano yz
data la sua rapida convergenza. Se invece delle coordinate cartesiane usiamo coor-
dinate polari sferiche r, (},<.pcon asse polare lungo l'asse :i;, la regione della scia
vx 2 + z 2 « x, corrisponde a(}« 1. In queste coordinate la formula (21,9) diventa

F.i:
vT = ----exp { ---Ur(}2} . (21,10)
·· 47rpvr '±V
Il termine in ocD/8:r (con cDdato dalla (21,12) nel seguito), che abbiamo omesso,
aggiungerebbe il! v,1, un piccolo termine addizionale ~ ().
La forma di u 1y e VJz deve essere la stessa cli quella nella (21,9) con coefficienti
differenti. Prendiamo la direzione della portanza come asse y (in modo che F 0 = O).
Dalla (21,2) abbiarno che, essendo cD= O all'infinito,

.//Il' Vydydz Il' ( U!y + f)(J))


= .!/ Oy dycl::;=
.
V1ydyclz = - t,
F
.h7 p

.u·V1 clyclz =
0 Q.

È quindi chiaro che v 1y differisce dalla (21,9) per F.1:sostituito da Fy e vi,, O.


'Iì·oviamo quindi

F.c U (y-')+ z-9) } f}(J)


v,
y
= ----exp
471p1,1:i; {- 41,1x
+-,oy (21,11)

s) Il potenziale di velocità sarà indicato nel resto del paragrafo con cI1per distinguerlo dall'angolo
azimutale 'P in coordinate polari.
§ 21 SCIA LAMINARE 85

Per cl~terminare la funzione <Dprocediamo come segue. Scriviamo l'equazione


cli,contim{ità trascurando la derivata longitudinale 8vx/ 8x:

~ 8vy 8v= ( 8
2 2
. 8 ) 8v1y
div v = --;:,-+ --;:,-= C19 + C19 cD+ ---;:;-= O.
uy uz uy- uZ" uy

Derivando questa equazione rispetto a x e usando la (21,7) per v1y, si ha

Quindi
8<D _ !!_8v1y
8x U 8y ·

Sostituendo l'espressione per v 1y (il primo termine nella (21,11)) e integrando


rispetto a x, abbiamo in conclusione:

<D= ------
Fu y { exp [ U (y2 + z2)]- 1}
; (21,12)
21rpUy2 + z2 4vx

la costante cli integrazione è scelta in modo che <Dresti finita quando y = z = O.


In coordinate polari sferiche (con angolo azinmtale i.pmisurato dal piano xy)
2
<D=----- Fy cos i.p{ exp [ ---Ur8 ]
-1~.1 (21,13)
21rpU re 4u j
Si vede nelle (21,11)··(21,13) che vy e v 0 , a differenza cli v.z:, contengono, oltre a
termini che decrescono esponenzialmente al crescere cli e (a fisso r), termini che
decrescono solo come 1/8 2 quando ci si allontana dall'asse della scia.
Se la portanza è nulla, il flusso nella scia ha simmetria assiale e <D= O 4 ).

Ffosso all'esterno della scia

All'esterno della scia il flusso si può assumere potenziale. Se del potenziale


<Dsiamo interessati solo ai termini che decrescono meno rapidamente a grandi
distanze, possiamo cercare una soluzione dell'equazione di Laplace
2
1 8 ( r"-9 8<D)
6-<D= -- 1
+ ---- 8 ( sin e -8cD) + 1 8 <D= o
r 2 8r 8r r sin e88
2 8e r2 sin 2 e 8i.p2
4
) Questo è vero, in particolare, per la scia dietro nna sfera. A questo proposito, si pnò notare
che le formule che abbiamo ottenuto, come anche la (21,16) nel seguito, sono in accordo con la
distribuzione cli velocità (20,24) per un flusso con numero cli Reynolcls molto piccolo. In questo
caso la struttura di flusso descritta sopra è spostata a distanze molto grandi r » l /R dove l è la
dimensione ciel corpo.
86 FLUIDI VISCOSI Cap. II

come somma cli due termini:

<D= <.!:.+ cos i.pf (e) , (21,14)


1' '/'

cli cui il primo ha simmetria sferica ed è connesso alla forza F.cc


mentre il secondo è
simmetrico rispetto al piano xy ed è connesso alla forza Fu.
Otteniamo per la funzione .f(B) l'equazione

La soluzione cli questa equazione, che rimane finita per e -t 1r, è

f = bcot~. (21,15)

Il coefficiente b va determinato dalla condizione cli raccordo della soluzione a quella


corrispondente del flusso all'interno della scia. Infatti la (21,13) si riferisce a in-
tervalli angolari e« 1 e la soluzione (21,14) a e » J(1J/Ur). Questi intervalli
angolari si sovrappongono quando J(v/Ur) «e« 1 e la (21,13) diventa

CD= ___!S_
cos i.p
21rpU re '
e il secondo termine nella (21,H) è (2b/rB) cos 1.p. Il confronto cli queste espressioni
mostra che deve essere b = F,1/ 41rpU.
Per determinare il coefficiente a nella (21,14) notiamo che il flusso totale cli
massa attraverso una sfera 8 cli grande raggio r è nullo come attraverso ogni su-
perficie chiusa. La quantità cli flusso entrante attraverso la parte S'o cli questa sfera
che interseca la scia è
. F
- V,i;dycl:;= [.1;.
.h7 p.
D'altra parte la stessa quantità cli flusso dovrà uscire attraverso il resto della
superficie della sfera e quindi dobbiamo avere
' F.T
!
. S-So
V· clf =- .
pU
Poiché 8 0 è piccola rispetto a 8 può definire

= F.T.
.eh
s
v · clf = e/{
. gracl cD· clf
.s
-41ra = -·
pU
(21,16)

dove a= -F."'/41rpU.
L'espressione completa per il potenziale cli velocità è quindi

cD= A
'±1f P
lu 7. (-F.T + Fy cos i.p cot ~)
2
(21, 17)

che dà il flusso ovunque al cli fuori della scia, lontano dal corpo. Il potenziale
decresce al crescere della distanza come 1/r; la velocità diminuisce di conseguenza
§ 22 VISCOSITÀ. DELLE SOSPENSIONI 87

2
come 1/r ·.-· In assenza cli portanza, il fluido al cli fuori della scia ha simmetria
assiale.

§ 22. Viscosità delle sospensioni


Un fluiclo in cui siano in sospensione un gran numero cli piccole particelle solide
può essere considerato un mezzo omogeneo se consideriamo fenomeni le cui scale
cli lunghezza caratteristiche sono grandi rispetto alle dimensioni delle particelle.
Tale mezzo avrà una viscosità effettiva T/ differente dalla viscosità 170 del fluido
originario. Il valore cli "7della sospensione può essere calcolato se la concentrazione
delle particelle in sospensione è piccolo (cioè il loro volume totale è piccolo rispetto
al volume del fluido). I calcoli sono relativamente semplici per particelle sferiche
(A. Einstein, 1906).
Per cominciare, bisogna considerare l'effetto cli una singola sfera solida immersa
in un fluido il cui flusso abbia un gradiente cli velocità costante. Supponiamo che
il flusso imperturbato sia descritto da una distribuzione cli velocità lineare

(22,1)

in cni o:;1c è un tensore simmetrico costante. La pressione del fluido è quindi co-
stante: po = costante e nel seguito considereremo questa costante nulla cioè misu-
reremo solo le deviazioni da questo valore costante. Se il fluido è incomprimibile
( div v(o) = O),la somma degli elementi diagonali del tensore a;h:, la traccia, deve
essere nulla:
a;;= O. (22,2)
Supponiamo ora cli avere una piccola sfera cli raggio R posta nell'origine delle
coordinate. Sia inoltre v = v(D)_/-v(ll la velocità del fluido modificata dalla presenza
della sfera; v(l) deve annullarsi all'infinito ma in vicinanza della sfera non è piccola
rispetto avo. Data la simmetria ciel flusso è chiaro che la sfera rimane a riposo e
le condizioni al contorno sono quindi v = O per r = R.
La soluzione cercata per le equazioni del moto (20,1 )-(20,3) possono essere rica-
vate direttamente dalla soluzione (20,4), con la funzione f data da (20,6), se notia-
mo che le derivate spaziali cli queste soluzioni sono esse stesse soluzioni. In questo
caso cerchiamo una soluzione parametricamente dipendente dalle componenti del
tensore o:;1,: (e non dal vettore u come nel§ 20). La soluzione è

v(ll = rot rot [(a grad) f],

p=·17oan,-a a
a2 6f '
Xi ;J;k

dove (a grad) f rappresenta un vettore cli componenti aa,8f / ax,,,.


Sviluppando
queste espressioni e scegliendo le costanti a e b nella funzione f = aT + b/r tali da
soddisfare le condizioni al contorno sulla superficie della sfera, otteniamo le formule
seguenti per la velocità e la pressione

v?) = ~2 (R45
T
- r- R:) ak1n;n1cn1
R5
7a;1,;n1,,, (22,3)
88 FLUIDI VISCOSI Cap. II

.(22,4)

dove n è il versore posizione.


Per determinare la viscosità effettiva della sospensione, calcoliamo il valor me-
dio (su tutto il volume) del tensore densità cli flusso cli impulso Ila, che, nel-
l'approssimazione lineare rispetto alla velocità, coincide col tensore degli sforzi
-CJik:

L'integrazione può essere presa sul volume V cli una sfera cli raggio grande che
verrà poi fatto tendere all'infinito.
Abbiamo l'identità

-CJa.,= (av;
. + -av")
110
8
-
8 x,
-
. . - prS;1,+
J,/,;

1 /' { ( 8v; 8v 1,,)


+ V. CJ;k- 'T)o Bx1c+ Bx; + prS.;k} dV. (22,5)

L 'integrando è diverso da zero solo all'interno delle sfere solide; dato che la concen-
trazione della sospensione è supposta piccola, l'integrale può essere calcolato per
una sfera isolata ignorando la presenza della altre ed, in seguito, moltiplicato per
la concentrazione n della sospensione (il numero cli sfere per unità cli volume). Il
calcolo esplicito cli questo integrale prevederebbe lo studio degli sforzi all'interno
della sfera. T\1ttavia si può evitare questa difficoltà trasformando l'integrale cli
volume in un integrale superficiale su una sfera all'infinito che si trovi interamente
nel fluido. Per fare questo notiamo che l'equazione del moto 8CJu/8J:1 = O porta
all'identità
a
,.,: = -8x1 (CJ·1x1.)
CJ·1 ,... ' '·

per cui la trasformazione dell'integrale cli volume in integrale cli superficie dà

_
CJik= 170
( 8v;
-a. +-a..
X/,:
av")
+nX-i 1. {CJ;1x1.,df1

Il termine in p è stato omesso dato che la pressione media è necessariamente nulla;


infatti p è uno scalare dato da una combinazione lineare delle componenti a;k ma
il solo scalare cli questo genere è a;; = O.
Calcolando l'integrale su una sfera cli .raggio molto grande possiamo tenere solo
i termini cli ordine 1/r 2 nell'espressione per la velocità (22,3). Un semplice calcolo
dà per questo integrale
§ 23 SOLUZIONI E~ATTE DELLE EQUAZIONI DEL MOTO 89

dove la barra indica la media sulle direzioni del versore n. Calcolando la media 1 ),
si ~m infine:
o'ik = 770 --
avi av,.) 4
+ --' + 51700:ik · -1r 3
( ax,,, ax; 3
R n. (22,6)

Il primo termine nella (22,6), sostituendo per y(D) l'equazione (22,1), dà 27700,k;
il termine del prim'ordine è identicamente nullo dopo aver mediato rispetto alla
direzione cli n, come deve essere, dato che l'effetto è dovuto interamente all'integrale
nella (22,5). Quindi la correzione relativa alla viscosità effettiva 17della sospensione
è determinata dal i·apporto tra il secondo ed il primo termine della (22,6). TI·oviamo
quindi

(22,7)

dove 'P è il rapporto (piccolo) tra il volume totale delle sfere e il volume totale della
sospensione.
I calcoli ed i risultati diventano molto complessi già per una sospensione cli par-
ticelle sferoidali 2 ). Come esempio diamo i valori numerici del fattore cli correzione
A nella formula
77= 170 (1 + G.1.f!)
,

per diversi valori cli a./b, dove a. e b = c sono i semiassi degli sferoidi:

a./b 0.1 0.2 0.5 1 2 5 10


A 8.04 4.71 2.85 2.5 2.91 5.81 13.6

Le correzioni crescono per tutti valori intorno a a.//; = 1 che corrisponde a


particelle sferiche .

.§':23. S0l-u.zior1:iesa/;/;e delle eq'lla.zfoni rlel ·moto JJC'I'v:n flnùlo viscoso

Se i termini non lineari nelle equazioni del moto cli un fluido viscoso non sono
identicamente nulli, la loro soluzione pone grandi difficoltà e solo in un piccolo
t) I valori medi dei prodotti di componenti del vettore unitario sono tensori simmetrici che
possono essere formati solo a partire dal tensore unità i5u.·
.. Si trova facilmente

") Nel flusso cli una sospensione cli particelle non sferoidali, la presenza cli gradienti cli ve-
locità ha un effetto di orientamento su di esse. L'azione simultanea delle forze iclroclinamiche,
che tendono ad orientare, e di moto Browniano rotatorio, che tende a disorienta.re, dà luogo a.cl
una distribuzione anisotropa. delle particelle per quanto riguarda la loro orientazione nello spazio.
Questo effetto, tuttavia, non va tenuto in conto nel calcolo delle correzioni alla viscosità. 17;l'aniso-
tropia della distribuzione dell'orientazione dipende essa stessa eia.I gradiente di velocità. (in prima
approssimazione in modo lineare) e la sua inclusione darebbe al tensore degli sforzi termini non
lineari nei gradienti.
90 FLUIDI VISCOSI Cap. II

numero di casi si hanno soluzioni esatte. Queste smio di grande interesse. i11èto-
dologico, se non sempre di interesse fisico (perché in pratica si ha turbolenza non
appena il numero di Reynolds è abbastanza grande).
Nel seguito diamo esempi di soluzioni esatte dell'equazione del moto di un fluido
viscoso.

Trascinamento di un ffo.ido da un disco rntante


Un piano infinito immerso in un fluido viscoso ruota uniformemente intorno
al suo asse. Determinare il moto del fluido causato dal moto del disco ( T. van
Karman, 1921).
Prendiamo coordinate polari cilindriche e il piano del disco come piano z = O.
Supponiamo che il disco ruoti intorno all'asse z con velocità angolare D. Consi-
deriamo il volume illimitato di fluido sul lato z > O. Le condizioni al contorno
sono
Vr = 0, V'P = flr, V= =Q per Z = 0,
Vr = 0, 'IJ'P = Q per Z = 00.

I.O

--
0.9 \
0.8 \
\ /
V-
0.7
_1Yv
0.6 \
0.5

0. ./
\
\. /
V
,/
1-
0.3 /'- - --
~
li'

0.2 /
-.f.....::-----
O.I
V/
o
/

0.5
7
I.O J.j
r---.....

2.0
~

2.5
---
3.0 3.5 4.0
G
Z,
./.5

Fig. 7

La velocità assiale Vz non si annulla quando z --+ oo ma tende a.cl un valore


negativo costante determinato dalle equazioni del moto. Infatti, poiché il flusso si
muove radialmente a partire dall'asse di rotazione, in particola.re vicino al disco,
deve esserci un flusso costante verticale dall'infinito per soddisfare l'equazione cli
continuità. Cerchia.mo una soluzione delle equazioni del moto della forma

(23,1)
§ 23 SOLUZIONI ESATTE DELLE EQUAZIONI DEL MOTO 91

con z1 = ·:~z. In questa distribuzione di velocità, la velocità radiale e quella


azimutale f,ono proporzionali alla distanza dall'asse cli rotazione mentre Vz è co-
stante su ogni piano orizzontale. Sostituendo nell'equazione di Navier-Stokes e
nell'equazione di continuità, abbiamo le seguenti equazioni per le funzioni F, G, H
e P:
F 2 - G2 + F' H = F", 2FG + G'H = G"}
(23,2)
HH'=P'+H", 2F+H' = O;
l'apice denota la derivata rispetto a z 1 . Le condizioni al contorno sono

F=O, G= 1, H=O, per z = o. } (23,3)


F=O, G= 1, per z1 = oo.

Abbiamo quindi ridotto la soluzione del problema all'integrazione cli un si-


stema cli equazioni differenziali ordinarie in una variabile che può essere fatta
numericamente.
La figura 7 mostra le funzioni F, G e - H ottenute in questo modo. Il valore
limite di H quando z 1 -+ oo è -0.886; in altre parole, la velocità del fluido che
proviene dall'infinito verso il disco è

Vz ( 00) = -0.886~.
La forza di attrito che agisce sull'unità di area del disco perpendicolarmente al
= 178v'P/Dzlz=O''Iì·ascurando gli effetti di bordo possiamo scrivere il
raggio è !7:::<p
momento delle forze cli attrito che agiscono sul disco cli raggio R, grande ma finito,
come
M =2 {R 2rrr2 !7z<pdr
= rrR4 prvfi:iG' (O).
.Io
Il fattore 2 davanti all'integrale appare perché il disco ha due lati esposti al f-luido.
Un calcolo numerico della funzione G porta alla formula

(23,Ll)

Ffo.sso 'in canal'i divergenti e convergenti

Determinare il flusso stazionario tra due pareti


piane che si incontrano con angolo a (la figura 8
mostra la sezione trasversa dei due piani); il f-lusso
ha luogo attraverso la linea di intersezione dei piani
( G. Hamel, 1917).
Prendiamo coordinate polari cilindriche r, z, r.p o
con l'asse z lungo la linea di intersezione dei pia-
ni (il punto O in figura 8), e l'angolo r.pmisurato
come in figura 8. Il flusso è uniforme nella direzione
z e assumiamo sia interamente radiale, cioè
Fig. 8
V'P=Vz=O, v,.=vr(r,r.p).
92 FLUIDI VISCOSI Cap. II

Le equazioni (15,18) danno


2 2
OV
v-----+1,1
1 Op ( -+---+----
EJ v 1 EJv 1 OV V) (23,5)
EJr- p EJ
p EJr r 0'-()2
2 2 r Dr r2 '

1 op 2v EJv
---+--=O (23,6)
pr EJ'-P r 2 EJ'-P '
EJ
-(rv)=O.
OT
Dall'ultima equazione si vede che rv è solo funzione di '-P·Introducendo 1a funzione

(23,7)

si ha dalla (23,6)
1 éip 12v 2 dv,
p éi(()
da cui
p 12v 2
-p = -'U, (ip) + f (r),
,,.2

Sostituendo queste espressioni nella (23,5) abbiamo

cl2u
-dip2
+ 411· + fru.ao = -r6v1 2 3 ·f., ( r ) '
da cui vediamo che, poiché il primo membro dipende solo da '-Pe il secondo solo da
r, ciascuno deve essere una costante che indichiamo con 2C 1 . Quindi

"e·1 -;-l,
./..,('/'l = 12/.I- i
'/"

da cui

e, per la pressione,
p 6v 2
- = (2v. - C1) + costante. (23,8)
p
Per v, (ip) abbiamo l'equazione

u" + 4u + 6u 2 = 2C1,
che, moltiplicando per u' ed integrando una volta dà

Da cui abbiamo
cl'U
2'-P= ±
I
. v-'U
0
- ·u. + c1'U
2
+ c2
+C3

(23,9)
§ 23 SOLUZIONI ESATTE DELLE EQUAZIONI DEL MOTO 93

che dà la. dipendenza della velocità da <p che cercavamo; la funzione u (<p) può
es9ere espressa in termini cli funzioni ellittiche. Le tre costanti C1, C2 e C3 sono
determinate dalle condizioni al contorno sulle pareti

(23,10)

e dalla condizione che la stessa massa cli fluido Q passi per unità cli tempo attraverso
qualunque sezione trasversa r = costante :
·et/2 ;·et/2
Q=p vrdip=6vp 11.clip. (23,11)
,/ -a/2 -et/2
Q può essere sia positiva che negativa. Se Q > O, la linea cli intersezione dei piani è
una sorgente, cioè il fluido emerge dal vertice dell'angolo: questo è chiamato ft.71,sso
'Ìn ·u.n canale divergente. Se Q < O, la linea cli intersezione è un pozzo e si ha un
fiv.sso in ·u.n canale conve1yente. Il rapporto IQl/vpè adimensionale e, in questo
problema, ha il ruolo del numero cli Reynolcls.
Discutiamo prima il flusso convergente ( Q < O). Per studiare le soluzioni (23,9)-
(23,11) facciamo delle ipotesi che saranno giustificate nel seguito: supponiamo che
il flusso sia simmetrico rispetto al piano ip = O (cioè 11,(ip) = u (-ip)), che la
funzione v. (<p) sia sempre negativa (cioè che la velocità sia sempre in diretta verso
il vertice) e monotonamente decrescente da 11,= O a <p= ±ct/2 fino a 11,= -v. 0 < O
a <p= O così che v,o sia il massimo valore cli lv,I.Per v. = -v,o si deve quindi avere
clv./clip= O, da cui segue che ·u = -11,0è uno zero dell'espressione cubica sotto radice
nell'integranclo della (23,9). Si può quindi scrivere

dove q è un nuova costante. Dunque


·u ~l
2ip = ±
l
. -uo J(11,+ 'U.o){-·u 2 - (1 - v.o)u + q}
. (23,12)

e le costanti v,o e q sono determinate dalle condizioni


0

et= i u0 J(v. cl:(1 - 'U,o) +


+ 'U,o){-v. 2 u q} '}
!R
6
-1·0
- . -u 0 J(·11.+ 11,0){-v. 2
v.dv.
- (1 - v,o)11.+ q}
(23,13)

(R = IQl/1.1p);la costante q deve essere positiva altrimenti questi integrali sarebbero


complessi. Si può mostrare che le due equazioni appena trovate hanno soluzioni 11, 0
e q per ogni R e a < 1r. In altre parole, il flusso simmetrico convergente (fig. 9) è
possibile per ogni apertura di angolo a < 1r e numero di Reynolds. Consideriamo
in maggior dettaglio il flusso per valori cli R molto grandi. Questo corrisponde a
0. Scrivendo la (23,12) (per ip > O) come
grandi valori di 11.

') 1 - 'P) -
-a
~ (2 -
1°11 J(11.+11,o){-u 2
clv.
-(1-11,o)v.+q}
1
94 FLUIDI VISCOSI Cap. II

vediamo che l'integrando è piccolo in tutto l'intervallo di integrazione se IIii non


è vicino a 11,0.Questo significa che lui può differire apprezzabilmente da 'U,o solo
per valori di cp vicini a ±!a: cioè nelle immediate vicinanze delle pareti l). In altre
parole, abbiamo che 'U ~ costante = -'U,o per quasi tutti gli angoli cp ed anche
'Uo = R/60:, come si vede dalla (23,13). La velocità v è data da IQI/pa:r, che corri-
sponde ad un flusso potenziale non viscoso con velocità indipendente dall'angolo e
inversamente proporzionale a r. Quindi, per grandi numeri di Reynolds, il flusso in
un canale convergente differisce molto poco dal flusso potenziale di un fluido ideale.
L'effetto della viscosità appare solo in uno strato molto sottile in vicinanza delle
pareti, dove la velocità decresce rapidamente a partire dal valore corris1Jondente al
flusso potenziale (fig. 10).

Fig. 9 Fig. 10

Ora prendiamo Q > O che corrisponde al flusso divergente. Inizialmente sup-


poniamo ancora che il flusso sia simmetrico rispetto al piano cp = O e che u ( cp)
(u > O) cresca monotonamente da zero per cp = ±a:/2 a u,o > O per cp = O. Invece
della (23,13) ora abbiamo

0 /'"" cl11, }
= Jo V(n - uo) {'l12 + ( 1 + uo) 11 + I]}'
(23,14)
1
-R-
1·uo 'U,cl11,
6 - .o {u 2 + (1 + uo) u + q}.
v(u - 11,o)

Se consideriamo u 0 fisso, a: cresce monotonamente quando q decresce a raggiunge


il massimo valore per q = O:

O:ma:x
ra
= .Io -v,11=,=,c(
clu
J=(c=·u=+=·u=o=+=1c;=J
u=o=-=1=,l

È facile vedere che per fisso q invece a: è una funzione monotonamente decrescente
di ·u,o.Ne segue quindi che uo è una funzione monotonamente decrescente cli q a

l) Ci si potrebbe chiedere come l'integrale possa non essere piccolo anche per ·u Se -ua. In
realtà, per uo molto grande, una delle radici di -u? - (1 - u,o) u. + q è prossima. a -ua, così che il
radicando ha. due zeri quasi coincidenti e quindi l'intero integrale è "quasi divergente" a,,.= -11,a.
§ 23 SOLUZIONI ESATTE DELLE EQUAZIONI DEL MOTO 95

fisso o: così che il suo valore massimo si ha per q = O, ed è dato dall'equazione


scritta sopra. Il massimo R=Rmax corrisponde al valore massimo di 11,0. Facendo la
sostituzione
1,;2= ______'!:!'.Q_
ry
11, = 'llQ cos- x,
1 + 211,0'
possiamo scrivere la dipendenza di Rmax da o: nella forma parametrica

(23,15)

Quindi un flusso simmetrico, divergente ovunque (fig. lla) è possibile, per un dato
angolo di apertura, solo per numeri cli Reynolcls non superiori ad un definito valore.
Per a -+ 7r ( k -+ O), Rmax -+ O; per a -+ O( k -+ 1/ v12), Rmax tende a infinito come
18.8/ C\:.

Fig. 11

Per R > Rmax l'assunzione cli flusso simmetrico, ovunque divergente, è ingiusti-
ficata dato che le condizioni (23,14) non possono essere soddisfatte. Nell'intervallo
angolare - ~ o: ::; <p ::; ~ o: la funzione 11, ( <p) ora avrà dei massimi o dei minimi.
I valori di ;;, (<p) corrisp~nclenti a questi estremi devono essere zeri del polinomio
sotto segno di radice. È quindi chiaro che il trinomio 11.2 + (l + 11.0 ) 11, + q ( con
iio > O, q > O) deve avere due radici reali negative in questo intervallo così che
l'espressione sotto radice può essere scritta

(v,o- 11,) + 11,S)


(11, (v + ·u.~),
dove u 0 > O, 11,S > O, 11.~ > O. Poniamo uS < u~. La funzione u (<p)può eviden-
temente variare nell'intervallo u 0 :::O:11, :::O:-uS, il valore 'li, = uo corrisponde ad un
massimo positivo di ·u.(<p)e u = -uo ad un minimo negativo. Senza soffermarsi
oltre sullo studio dettagliato delle soluzione ottenute in questo modo, menzioniamo
solo che per R > Rmax appare una soluzione in cui la velocità ha un massimo e
un minimo, con flusso asimmetrico rispetto al piano <p = O (fig. llb). Quando R
cresce ulteriormente appare una soluzione con un massimo e due minimi (fig. llc),
96 FLUIDI VISCOSI Cap. II

e così via. In tutte queste soluzioni quindi, ci sono regioni di flusso verso l'e?terilo
e verso l'interno (sebbene la portata totale Q sia naturalmente positiva). Quando
R -+ oo il numero di minimi e massimi alternati aumentano senza limite, così che
non esiste soluzione limite ben determinata. Possiamo sottolineare che nel flusso
divergente, quando R -+ oo, la soluzione non tende alla soluzione dell'equazione
di Eulero come invece accade per il flusso convergente. Infine va menzionato che,
quando R cresce, il flusso divergente stazionario del tipo descritto diventa instabile
appena R supera Rmax ed in pratica si ha un flusso non stazionario o t'Urbolento
(Capitolo III).

Getto sommerso

Determinare il flusso all'interno di un getto uscente dall'estremità di un tubo


sottile in uno spazio infinito riempito dello stesso fluido; il getto è detto getto
sommerso (L.D. Landau, 1943).
e,
Prendiamo coordinate sferiche polari r, <p con asse polare nella direzione del
getto al suo punto di emissione, che si prende come origine delle coordinate. Il flusso
è simmetrico intorno all'asse polare per cui Vip= O e ve e v,. sono funzioni solo dir e
e. Lo stesso flusso totale di impulso (''impulso del getto") deve passare attraverso
qualunque superficie chiusa che circondi l'origine (in particolare, attraverso una
superficie infinitamente distante). Perché questo accada, la velocità deve essere
inversamente proporzionale a r, per cui

F (B) f (e)
v,.=--, ve=--, (23,16)
T T

dove F e f sono funzioni solamente cli e. L'equazione di continuità è

1 Ò (r2 vr) 1 a .
?
r- é)
r + -.-e
r sm u"B (ve Sll1 B) = o.
Troviamo quindi che
clf
F (e) = - dB - f . cot e. (23,17)

Le componenti II,.ip,II11ipdel tensore densità di flusso di impulso nel getto sono


identicamente nulle per simmetria. Assumiamo che le componenti Ilipip,IToo siano
anch'esse nulle (quest'assunzione è giustificata dal fatto la soluzione che si ottiene
soddisfa tutte le condizioni richieste). Usando l'espressione (15,20) per le compo-
nenti del tensore u,1.:, e le formule (23,16), (23,17), si vede facilmente che si ha la
relazione
.9
sm- eIT,.e= 2lò[.9
òB sm- e(ITipip- l
Ileo)

tra le componenti del tensore densità di flusso di impulso nel getto. Essendo nulle
le componenti Ilipip,Ileo, segue che anche II,.e è nullo Solo la componente II,.,. è
dunque differente da zero e varia come 1/r 2 . È facile vedere che le equazioni del
moto òITilj òx1,:= O sono automaticamente verificate.
§ 23 SOLUZIONI ESATTE DELLE EQUAZIONI DEL MOTO 97

Scriviamo anche

!p (ITee- IT'P'P)= \ (.r2+ 21/f cote -


r-
2vf') = O,
oppure
d ( 1) cot B 1
dB f + -f- + 21/ = O.
La soluzione di questa equazione è
2i1sin8
f =-A cose' (23,18)

e, dalla (23,17), si ha
F=2v{ A l -1}.
2

(A- cosBt
? (23,19)

La distribuzione della pressione è determinata dall'equazione

1 f
-Ileo= I!_+
p P
9
r-
(f + 2vcotB) = O,
che dà
4pv 2 AcosB - 1
(23,20)
p-po =
r- " - cos 8)2'
--?-(4
dove Po è la pressione all'infinito. La costante A può essere espressa in termini del-
l'impulso del getto cioè col flusso di impulso totale in esso che è uguale all'integrale
sn una superficie sferica

P =
.ITrrcos 61czf"= 21r ;·2;r 2
r 11rrcos 61sin 61dB.
.~ .o
Il valore cli 11rr

1 ,1,r? { ( A-? 1)?


-
pn,.,.= ~ (A- cos8) 4 - A Acose } '

ed il calcolo dell'integrale dà il risultato

P=l61rv-pA
? {
1+ (A24 _ 1)- A A+l}
2 lnA-l.
(23,21)
3
Le formule (23,16)-(23,21) risolvono il problema posto. Quando A varia tra 1 e oo
l'impulso del getto prende tutti i valori tra oo e O.
Le linee cli corrente sono cleterrn.inate dall'equazione
dr r
- = -de,
'Ur Ve
la cui integrazione dà
r sin 2 8
= costante.
- cos
98 FLUIDI VISCOSI Cap. II

La figura 12 mostra le linee di corrente i1el getto. Il flusso è costituito dal getto che
proviene dall'origine e "risucchia" il fluido circostante, Se prendiamo arbitraria-
mente come bordo del getto la superficie su cui le linee di corrente hanno distanza
minima (r sin B) dall'asse, si ha che essa è un cono di angolo di apertura 2Bo, con
cosBo = l/A.

Fig. 12

Nel caso limite di getto debole (piccolo P, corrispondente ad A grande), abbia-


mo dalla (23,21)

In questo caso la velocità. è

P sinB p cose
ve=----- Vr=----. (23,22)
8m_1p r ' ,11rvp r

2
Nel limite opposto di un getto forte (grande P quindi A-+ 1) ) abbiamo
g2 o
_ 641nrp
A= 1 + _Q_. 82
o-~

Per grandi angoli (() ~ 1) la distribuzione di velocità. è data da

2v () 2v
ve = - - cot - , v,. = - - . (23,23)
r 2 r

Per piccoli angoli (B ~ Bo) da

41_1()
Ve=------
(85+ ()2) '/',
La soluzione qui ottenuta è esatta se si considera il getto emesso da una sorgente
puntiforme. Se si considerano le dimensioni finite dell'apertura del tubo questa
soluzione rappresenta il primo ordine di uno sviluppo in potenze del rapporto tra
queste dimensioni e la distanza r dall'apertura del tubo. Si deve a questo il fatto
2
) In realtà il flusso in un getto sufficientemente forte è turbolento(§ 36). Il numero di Heynolds
per il getto in esame è rappresentato dal parametro adimensionale J
P / pv 2 •
§ 24 MOTO OSCILLATORIO IN UN FLUIDO VISCOSO 99

che, se si ·calcola da questa soluzione, il flusso totale di massa attraverso una super-
ficie chiusa contenente l'origine, esso risulta nullo. Questo flusso non è più nullo se
si' tengon~ in conto i termini seguenti nel suddetto sviluppo 3 ).

§ 24, Moto oscillatorio in un fiu·ido viscoso


Il moto generato in un fluido viscoso dalle oscillazioni di un corpo immerso
in esso ha delle caratteristiche particolari. Per studiarle conviene iniziare con un
esèmpio semplice ( G. G. Stokes, 1851). Supponiamo che un fluido incomprimibile
sia in contatto con una superficie piana infinita che compie, nel suo piano, un
moto oscillatorio armonico di frequenza w. Cerchiamo il moto indotto nel fluido.
Prendiamo la superficie solida come piano yz e la regione del fluido quella con
x > O; l'asse y è preso nella direzione dell'oscillazione. La velocità v. della superficie
oscillante è una funzione del tempo della forma Acos (wt + a). È conveniente
scrivere questa funzione come parte reale di una quantità complessa:

dove la costante u 0 = Ae-i" è in genere complessa ma può essere sempre resa reale
con una scelta appropriata dell'origine del tempo.
Finché il calcolo comporta solo operazioni lineari sulla velocità ·u. possiamo
ignorare la presenza del segno Re e procedere come se u fosse complessa prendendo
la parte reale del risultato finale. Scriveremo quindi

v,y = v = uoe -iwt (24,1)

La velocità del fluido deve verificare la condizione al contorno v =u cioè

V,r =V 0 = 0, Vy = 11.

per :1::= O.
Per ragioni di simmetria è evidente che tutte le quantità dipenderanno solo
dalla coordinata .T e dal tempo t. L'equazione di continuità div v = O dà

Bvx
-a
X
=O,

da cui Vx = costante e questa costante è nulla per le condizioni al contorno. Tutte le


quantità sono indipendenti dalle coordinate y e z e dunque (v · grad) v =vxBv / Bx;
essendo anche v,c = O si ha identicamente (v · grad) v =0. L'equazione del moto
(15,7) diviene allora
8v 1
- = --gradp + v6v. (24,2)
òt p
3
) Si veda Y.B. Rumer, Matematica applicata e meccanica, 16, 255 (1952) (in russo). Il getto
laminare con momento angolare non nullo è stato discusso da L. G. Lo'itsya.nski, ibid., 17, 3 (1953).
Ricordiamo che equazioni idrodinamiche per qualunque flusso stazionario a simmetria assiale cli
un fluido viscoso con velocità decrescente come 1/r, può essere ridotto ad una singola equazione
differenziale ordinaria del secondo ordine; si veda N.A. Slezk'ir1.,Atti della Università cli Stato di
Mosca, II (1934) (in russo); Matematica applicata e meccanica, 18, 764 (1954) (in russo).
100 FLUIDI VISCOSI Cap. II

Questa equazione è lineare. La sua èomponente ;i; è EJp/EJx= O cioè p = costante.


Inoltre, data la simmetria, è evidente che la velocità è diretta ovunqiie lungo
l'asse y. Per vy = v abbiamo dalla (24,2)

EJv EJ2v
EJt= V EJ2x2, (24,3)

cioè una equazione del tipo di quella del calore unidimensionale. Cercheremo una
soluzione di questa equazione che sia periodica in x e t della forma
v = 'll,oei(k.1J-wl),

di modo che v = u per x = O. Sostituendo nella (24,3) tl'oviamo

·iw = vk 2 , '" _ (1 + i) (24,4)


h, - o '
così che per la velocità si ha
v= uoe-x/o ei(x/o-wt); (24,5)

la scelta del segno cli vi nella (24,4) è fatta in modo da avere una velocità che
decresca all'interno del fluido.
Onde trasverse possono dunque prodursi in un fluido viscoso, con velocità Vy =
v perpendicolare alla direzione di propagazione. Esse sono comunque rapidamente
smorzate allontanandosi dalla superficie solida che genera le onde. L'ampiezza
decresce in modo esponenziale con o,la profondità cli penetraz'ione l), che a sua volta
decresce al crescere della frequenza dell'onda e cresce con la viscosità cinematica
del fluido.
Calcoliamo la forza cli attrito sulla superficie solida che è evidentemente diretta
lungo l'asse y. La forza per unità cli area é

axy = 'I) -EJvyl


·. = ~T/P
-- . - 1) u..
(1. (24,6)
8X x=O 2
Supponendo uo reale e prendendo la parte reale della (2,1,6) si ha

ax 11 = --Jwripv,o cos ( wt + ~)
La velocità della superficie oscillante è 'ti, = uo cos wt. La velocità e la forza cli
attrito sono dunque sfasate 2 ).
l) Su una distanza 8 l'ampiezza diminuisce di un fattore e; su una lunghezza d'onda decresce
di un fattore e 2 " Se 5,10.
2
) Per oscillazioni di un semipiano (parallele al suo bordo) appare una ulteriore forza di attrito
dovuta agli effetti di bordo. Il problema del moto di nn fluido viscoso dovuto alle oscillazioni di un
semipiano, così come il problema più generale delle oscillazioni di un cuneo di qualunque angolo,
può essere risolto da una classe di soluzioni dell'equazione 6.f + h:2 .f = O, usata nella t;eoria della
diffrazione da un cuneo. Ci limitiamo solo ad un risultato: l'aumento della forza di attrito su un
semipiano, dovuta agli effetti di bordo, può essere descritto come risultato della crescita dell'area
del semipiano quando il bordo si sposta di una distanza ìi/2 con 8 dato dalla (24,4) (L.D. Landa.v.,
1947).
§ 24 MOTO OSCILLATORIO IN UN FLUIDO VISCOSO 101

È semi:i-licecalcolare anche la media (nel tempo) dell'energia dissipata nel corso


dd moto cpnsiclerato. Questo si può fare per mezzo della formula (16,3); in questo
caso particolare, però, è più semplice calcolare la dissipazione direttamente come il
lavoro fatto dalle forze di attrito. L'energia dissipata, per unità cli tempo ed unità
cli area del piano oscillante, è uguale al valor medio del prodotto della forza O"xy
per la velocità u,y = u.:
(2,1,7)

Essa è proporzioriale alla radice quadrata della frequenza delle oscillazioni e della
viscosità del fluido.
Una soluzione esplicita può essere ottenuta anche per il problema cli un fluido
messo in moto da una superficie piana che si muove, nel suo piano, secondo una
legge arbitraria 11, = 11, (t). Non riporteremo qui i calcoli corrispondenti dato che
la soluzione dell'equazione (24,3) è formalmente identica a quella del problema
analogo nella teoria della conduzione termica che discuteremo nel § 52 (la soluzione
è la formula (52, 15)). In particolare, la forza cli attrito sull'unità cli superficie del
piano è data da
_-f!plt
CJxy-
7f • -oo
du, (T) ___!}:!__
~,
clT y 1 - T
(24,8)

c:fr. (52,14).
Consideriamo ora il caso generale cli un corpo oscillante cli forma arbitraria.
Nel caso considerato sopra, delle oscillazioni cli una superficie piana, il termine
(v · grad) v nell'equazione del moto del fluido era identicamente nullo. Per una
superficie cli forma arbitraria questo, ovviamente, non accade. Assumeremo tutta-
via che questo termine sia piccolo rispetto agli altri in modo da poterlo trascurare.
Le condizioni necessarie per la validità cli questa assunzione saranno esaminate nel
Heguito.
Iniziamo, come prima, dall'equazione lineare (24,2). Applichiamo ai due mem-
bri il rotore; il termine rot gradp è identicamente nullo e si ha
é)
- rot v = I/ L:,rot v, (24,9)
0t
cioè rot v soddisfa un'equazione del tipo dell'equazione del calore. Abbiamo visto
sopra che una tale equazione porta ad una decrescita esponenziale della quantità
che descrive. Possiamo quindi affermare che la vorticità decresce verso l'interno del
fluido. In altre parole, il moto del fluido provocato dalle oscillazioni del corpo è
rotazionale in un certo strato intorno ad esso mentre, a distanze maggiori, diventa
flusso potenziale. La profondità cli penetrazione del flusso rotazionale è cli ordine
o.
Due importanti casi limite sono da considerare: la quantità c5può essere grande
o piccola rispetto alle dimensioni del corpo oscillante nel fluido. Sia l l'ordine di
grandezza cli queste dimensioni. Consideriamo, per cominciare, il caso c5» l; questo
implica Z2 w « I/. Oltre a questa condizione supporremo anche che il numero di
Reynolcls sia piccolo. Se a. è l'ampiezza delle oscillazioni del corpo, la sua velocità
102 FLUIDI VISCOSI Cap. II

è di ordine aw. Il numero cli Reynolds per il fluido in questione è allora wal/v.
Supponiamo che ·
wal
- « 1. 1/
(24,10)

Questo è il caso delle frequenze cli oscillazione basse che corrisponde ad una velocità
che varia lentamente nel tempo e quindi nell'equazione generale del moto

fJv 1
- + (v · grad) v = --gradp + v6.v,
8t p

possiamo trascurare la derivata fJv / fJt. Quanto al termine (v · grad) v, esso può
essere trascurato perché il numero di Reynolds è piccolo.
L'assenza del termine fJv / fJt nell'equazione del moto significa che il moto è
stazionario. Quindi per r5» l il moto può essere considerato stazionario in ogni
istante. Il moto del flusso è dunque, in ogni istante, quello che sarebbe se il corpo
si muovesse uniformemente con la sua velocità istantanea. Se, ad esempio, si tratta
cli oscillazioni cli una sfera immersa in un fluido, di frequenza tale da verificare le
disuguaglianze (24,10) (Z è ora il raggio della sfera), si potrà dire che la resistenza
sulla sfera è data dalla formula cli Stokes (20,14) per il moto uniforme cli una sfera
a piccoli numeri cli Reynolds.
Consideriamo ora il caso limite opposto cioè l » 5. Affinché si possa ancora
considerare trascurabile il termine (v · grad) v, è necessario che l'ampiezza delle
oscillazioni del corpo sia piccola rispetto alle sue dimensioni, cioè

(2,1,11)

si noti che, in questo caso, non è necessario che il numero cli Reynolcls sia. piccolo.
Stimiamo il valore del termine (v · grad) v. L'operatore (v · grad), rappresenta la
derivazione nella. direzione della. velocità. In vicinanza. della superficie del corpo
la velocità è essenzialmente diretta lungo la tangente. In questa direzione la velo-
cità varia. apprezzabilmente solo su distanze dell'ordine della dimensione del corpo
stesso. Quindi
v2 a2w2
(v · grad)v ~ T ~ - -,
1
dato che l'ordine cli grandezza della velocità è aw. La derivata fJv / fJt è cli ordine
vw ~ aw2 e comparando queste relazioni si vede che, se a<< l, si ha che

fJv
(v · grad) v « fJt.

Quanto ai termini fJv / fJt e v 6. v si può facilmente vedere che sono dello stesso
ordine cli grandezza.
Possiamo ora discutere le caratteristiche del moto di un fluido intorno ad un
corpo oscillante quando le relazioni (24,11) sono verificate. In uno strato sottile cli
fluido in prossimità della. superficie del corpo il flusso è rotazionale, ma nel resto
MOTO OSCILLATORIO IN UN FLUIDO VISCOSO 103

del fh1idq· abbiamo flusso potenziale 3 ). Quindi, dappertutto eccetto nello strato
a.diacente. al corpo, il flusso è dato dall'equazione

rotv = O, divv = O. (24,12)

Ne segue quindi che si ha anche Lv = O e l'equazione di Navier-Stokes si riduce


all'equazione di Eulero. Il flusso è quindi sempre quello di un fluido ideale eccet-
to nello strato superficiale. Poiché questo strato è sottile, risolvendo l'equazione
(24,12) per determinare il flusso nel resto del fluido dobbiamo prendere come con-
dizioni al contorno quelle che devono essere verificate alla superficie del corpo e cioè
l'uguaglianza della velocità del fluido e quella del corpo. Le soluzioni delle equa-
zioni del moto per un fluido ideale non possono però soddisfare queste condizioni.
Si può solo richiedere che questa condizione sia verificata per la componente della
velocità del fluido normale alla superficie.
Nonostante le equazioni (24,12) non siano applicabili nello strato superficiale del
fluido, la distribuzione della velocità ottenuta risolvendole, verifica la condizione al
contorno richiesta per la componente normale della velocità e l'andamento cli que-
sta componente non ha alcuna proprietà particolare in vicinanza della superficie.
Per quanto riguarda la componente tangenziale, risolvendo la (24,12) troverem-
mo per essa un valore differente da quella corrispondente del corpo mentre invece
le componenti dovrebbero essere uguali. Quindi la componente tangenziale della
velocità deve cambiare rapidamente nello strato superficiale. L'andamento cli que-
sta variazione si determina facilmente. Consideriamo una regione qualunque della
superficie del corpo cli dimensione grande rispetto a ì5 ma piccola rispetto alle di-
mensioni del corpo. Si può considerare questa regione approssimativamente piana e
e utilizzare i risultati ottenuti in precedenza per una superficie piana. Supponiamo
l'asse .T diretto lungo la normale alla regione considerata e l'asse y lungo la compo-
nente tangenziale della velocità della superficie. Indichiamo con Vy la componente
tangenziale della velocità del fluido rispetto al corpo; Vy si deve annullare sulla su-
perficie. Sia infine v 0 e-iwt il valore cli vy trovato risolvendo la (24,12). Dai risultati
ottenuti all'inizio cli questo paragrafo, possiamo dire che nello strato superficiale la
quantità Vy decrescerà avvicinandosi alla superficie secondo la legge '1)

(24,13)

Infine, l'energia totale dissipata per unità cli tempo è data dall'integrale

-2v(piiwJ:121'
2 .r clj
-;- 1 (24,14)
Ecin = Vo

3
) Per oscillazioni di una superficie piana, non solo rot v ma anche v si annulla esponenzialmente
con una distanza caratteristica i5. La ragione è che il piano oscillante non sposta il fluido che
quindi, lontano dal piano, resta immobile. Per oscillazioni di corpi di forme differenti il fluido
viene spostato e messo in movimento con una velocità che decresce apprezzabilmente solo su
distanze dell'ordine della dimensione del corpo.
1
· ) La distribuzione di velocità (24,13) è scritta in un sistema di riferimento in cui il solido è a
riposo (vy = O quando x = O). Quindi v 0 deve essere considerata come la soluzione del problema
del flusso potenziale intorno un corpo a riposo.
104 FLUIDI VISCOSI Cap. II

preso sull'intera superficie del corpo oscillante.


Nei problemi alla fine del paragrafo calcoleremo la resistenza su vari corpi oscil-
lanti in un fluido viscoso. Qui faremo un'ultima considerazione generale riguardo
a queste forze. Scrivendo la velocità del corpo nella forma complessa ·u = ·u0 e-iwt
otteniamo una resistenza F, proporzionale alla velocità u, anch'essa complessa:
F = (3u, dove /3 = /31+ i/32è una costante complessa. Questa espressione può
essere scritta come la somma di due termini con coefficienti reali:

(24,15)

uno proporzionale alla velocità ·u e l'altro all'accelerazione v..


La media (temporale) dell'energia dissipata è data dalla media del prodotto tra
la forza cli resistenza e la velocità, dove naturalmente dobbiamo prima prendere la
parte reale delle espressioni date sopra, cioè

u = -1 (u 0 e -iwt + v.0* eiwt) ,


2
1 (· /3 -iwt +u
F _--uoe */3*
e.iwt)
0
2
Essendo nulli i valori medi di e± 2 iwt, abbiamo

(24,16)

Vediamo quindi che la dissipazione cli energia viene solo dalla parte reale cli /3; la
parte corrispondente della resistenza (24,15), proporzionale alla velocità, può essere
definita dissipat'iva. L'altra parte della resistenza, proporzionale all'accelerazione e
determinata dalla parte immaginaria cli (3, non comporta dissipazione cli energia e
può essere definita inerziale.
Considerazioni simili valgono per il momento delle forze su un corpo che oscilla
in modo rotatorio in un fluido viscoso.

PROBLEMI

1. Determinare la forza di attrito su ciascuno dei due piani solidi paralleli tra cui si
trova uno strato di fluido viscoso, quando uno dei piani oscilla nel suo piano.
Sol'U,zione. Cerchiamo una soluzione dell'equazione (24,3) della forma 5 )

v = (A sin kx + B cos k.cr;)e-iwt


e determiniamo A e B dalle condizioni v = ·u = 'U,
0 e-iwt per x = O e v = O per x = h, dove
h è la distanza tra i piani. Il risultato è

sink(h-x)
v=·u .
sinkh
5
) In tutti i problemi cli questo paragrafo k e i5 sono definiti come nella (24,4).
MOTO OSCILLATORIO IN UN FLUIDO VISCOSO 105

La forza di-attrito per unità di area sul piano che si muove è

P1y = 'I)
avi
ax e:=O = -k'l/,T/ cot h:h,

mentre quella sul piano fisso è

avi kv:17
P2u = 'I/ ax
' x=h sinkh'

è sottinteso che si tratta della parte rea.le cli tutte le quantità ..


2. Determina.re la forza cli attrito su un pia.no oscillante coperto da uno strato cli fluido
cli spessore h con la superficie superiore libera.
Sol'U.zione. La condizione al contorno sul pia.no solido è v = v. per x = O, e quella sulla
superficie libera è crxy = '1/av/ax
= O per = h. La velocità è x
cosh:(h - x)
V='ll .
coskh
La forza cli attrito è
Py = 'I)
avix=O
ax = -77h:v.ta.n /,h.

3. Un elisco pia.no cli grande raggio R esegue oscillazioni rotatorie, intorno al suo asse, cli
piccola ampiezza e angolo cli rotazione () = ()0 cos wt con ()0 « 1. Determinare il momento
della forza cli attrito che agisce sul elisco.
Sol-u.z-ione.Per oscillazioni cli piccola ampiezza il termine (v · grad) v nell'equazione
del moto è sempre piccolo rispetto a av/8/;,qualunque sia la frequenza. Se R » S, il
elisco può essere considerato infinito nella determinazione della distribuzione cli velocità.
Prendiamo coordinate polari cilindriche con asse z lungo l'asse cli rotazione e cerchiamo
una soluzione per cui v,. = v 0 = O, v,,, u = rD - i). Per la velocità angulare n (::.I) del
fluido otteniamo l'equazione
ari a2 n
at
-=ZJ--
az2 .
La soluzione cli questa equazione che si riduce a -w{} 0 sin wt per z = O e a zero per :::= oo
è
D = -we 0 e-=l 15sin ( wt - J).
Il momento della forza cli attrito sui due lati del elisco è

M = 2
l ·R
T27r7'7) acI
av 1
dr= weo7r..Jwi5rìR' .
cos wt - 471 (
1 ) .
• O - c=O

4. Determinare il flusso tra due piani paralleli in presenza cli un gradiente cli pressione
che varia armonicamente col tempo.
Sol'U.zione. Prendiamo il piano xy a metà strada tra i due piani, con l'asse x parallelo
al gradiente cli pressione che scriviamo nella forma

---1 ap = ae -iwt .
pax
106 FLUIDI VISCOSI Cap. II

La velocità è ovunque nella direzione x ecl è determinata clail'equazione

8v -iwt a2v
-a
t =ae +v-8 y-o·

La soluzione di questa equazione che soddisfa le condizioni v = O per y = ±h/2 è

'Ìa -iwt [ COS /;y ] .


V= -e 1-
w cos (kh/2)

La velocità media su una sezione trasversa è

2
-tan- kh) .
kh 2

Per h/o« 1 questa diventa


. h2
V~ ae-iwt __ ,
12v
in accordo con la (17,5), mentre per h/o» 1 abbiamo

'Ìa .
V~ -e-1,wt,
w
in accordo col fatto che in questo caso la velocità deve essere quasi costante sulla sezione
trasversa e varia solo in un sottile strato superficiale.
5. Determinare la resistenza su una sfera cli raggio R che oscilla in modo traslatoriò in
un fluido.
Sofozione. Scriviamo la velocità della sfera nella forma u = ·u0 e-iwt. Come abbiamo
fatto nel paragrafo § 20, cercheremo la velocità del fluido nella forma

v = e-iwtrot rot fu 0 ,
con f funzione solo cli ·r (l'origine delle coordinate è presa nel punto do-ve si trova il centro
della sfera nell'istante considerato). Sostituendo nella (24,9) ed effettuando trasformazioni
analoghe a quelle fatte nel § 20 si ottiene

t:?f + iw 6f = O
1/

(invece dell'equazione 6 2
f = O del§ 20). Abbiamo quindi

'ikr
6f = costante x _e_;
r

abbiamo scelto una soluzione che decresce esponenzialmente con r. Integrando si ha

df
dl.
eih
= a-"-
r-
(
r - -:-k
1)+ ----,,;
i ·
b
r-
(1)

non abbiamo bisogno della funzione f stessa dato che solo le sue derivate f' e f" appaiono
nella velocità. Le costanti o. e b si determinano dalla condizione che v = u per r = R, e si
trova
(2)
§ 24 MOTO OSCILLATORIO IN UN FLUIDO VISCOSO 107

Si noti ch13·ad alte frequenze (R » 8) a, -+ O e b -+ -R 3 /2, che corrisponde a quanto


ottenuto per il flusso potenziale nel § 10, problema 2, in accordo con quanto eletto nel § 24.
, La resistenza si calcola dalla formula (20,13), in cui l'integrazione si effettua sulla
superficie della sfera. Il risultato è

F = 6Jr77R ( 1 +
R)
5 'U,+ 31rR-
0
V{2rip 2R)d'U,
-z;-( 1 + W dt · (3)

Per w = O questa si riduce alla formula cli Stokes. Per alte frequenze, invece, si ha

21T 3d'U, ~
- + 31rR-y 2'1/PW'U,.
?
F = -pR
3 dt
Il primo termine in questa espressione corrisponde alla forza cli inerzia per il flusso poten-
ziale intorno alla sfera (cfr. problema 1, § 11), mentre il secondo dà, l'espressione limite
della forza dissipativa. Questo termine poteva essere trovato anche calcolando l'energia
dissipata secondo la (24,14); si veda il problema 6.
6. 'Iì·ovare l'espressione, nel limite cli alte frequenze (8 « R), per la forza di resistenza
dissipativa su un cilindro infinito cli raggio R oscillante ad angoli retti rispetto al suo asse.
Sol-u,zione. La distribuzione cli velocità, intorno ad un cilindro a riposo in un flusso
trasverso è
R2
v =---,,-[2n (u · n) - u] - u;
r-
si veda il problema 3, § 10. Da questo troviamo, per la velocità tangenziale sulla superficie
del cilindro,
'Vo = -'J:u sin rp,

dove 'I' e rp sono coordinate polari nel piano trasverso con rp misurato rispetto alla direzione
cli lL Dalla (24,14) troviamo l'energia dissipata per nnitit cli lunghezza ciel cilindro:

2
È,.;,, = ITu. R J2,17pw.

Confrontando c:011 la (24,15) e la (2°1,16) si ha il risultato

7. Determinare la resistenza su una sfera in moto arbitrario la cm velocità è una


funzione data del tempo u..= ·u (t).
Sol'U,zione.Rappresentiamo ·u (t) come un integrale di Fourier:

Essendo le equazioni lineari, la resistenza totale può essere scritta come l'integrale delle
forze cli resistenza per le velocità che sono singole componenti cli Fourier v.we-iw\ queste
forze sono date dalla (3) del problema 5 e sono

1rpR3 Uwe -iwl


·
{ 6v
R 2
-
2iw 3v12v
3 + ~ (1-i.)
. r-.}
yW .
108 FLUIDI VISCOSI Cap. II

Notando che (du/dtJw = -iwv.w, si può riscriverle come

6v 2 (.) 3J2u . 1 +i}


1rpR3 'Uwe -iwt {
. R2 Uw - Uw +~ (uJw---z;;-.
3
Integrando su w /21r, il primo e il secondo termine danno rispettivamente u (t) e ù (t).
Per integrare il terzo termine notiamo prima di tutto che per w negativi qnesto termine va
scritto in forma complessa coniugata, con (1 +i)/ .jw rimpiazzato.da (1 - i)/ questo Jlwl;
perché la (2) del problema 5 era stata derivata per velocità u = ·uoe-iwt con w > O e per
una velocità ·u0 eiwt dobbiamo ottenere il complesso coniugato. Invece di un integrale su w
da -oo a +oo, possiamo quindi prendere due volte la parte reale dell'integrale da O a +oo.
Abbiamo quindi

~Re { (1 + i) .f" (ù)1wiwt dw} =

- 1
- -Re
7r
{
(l+1,): 1·=

i= 0
ù(r)eiw(T-t)
/w
W
dwdr
}-
-

1·tloo(r) /w
-00 •

1 { Ù e-iw(t,-T)
= -Re (1 + i) clwdr+
7f -oo. o w
. ;,·ooi·ooù(r)eiw(T-l) }
+(l+i) /w clwdr =
. t . o w

=
flR{/ e ·t
---ù(r) d.r+·t ·[
00

---ù(r) cl}
r =
. -oo -.jt - r t vi'=t
= {f_;·t Ù ( r) dr.
V;. -00 vt- r
Abbiamo quindi per la resistenza
1
F = ,) _11 pR.:i { -1 -rh,..+ --
3un + -3~; - ;· · rlu ---dr } (4)
- 3 di R3 R 1r . -x, dr Jt - r ·

8. Determinare la resistenza su una sfera che al tempo t = O inizia a muoversi con


accelerazione uniforme ·11 = o:t.
Sofozione. Inserendo nella formula (4) del problema 7, u = O per t < O e u = at per
t > O, abbiamo per t > O

F = 21rpR3 a { -1
3
+ -3vt
R-
+ -R6 ~:;t-1r } ·
9

9. Come nel problema 8, ma per una sfera portata istantaneamente in moto uniforme.
Sol'U.Zione. Abbiamo ·u = O per t < O e 11, = V.o per t > O. La derivata clv./clt è sempre
nulla, eccetto all'istante t = O in cui diventa infinita. ma il suo integrale è finito ed uguale
a u 0 . Abbiamo come risultato che, per ogni t > O,

F = R }
6-rrpvRu.0 { 1 + r=-:;. + 2
-1rpR 3
·uoò-( l·) ,
y1rv/: 3
§ 24 MOTO OSCILLATORJO TN UN FLUIDO VISCOSO 109

dove o(t) è la funzione delta.. Per t --+ oo questa. espressione tende asintoticamente al
valore datò dalla. formula. di Stokes. L'impulso della. forza cli resistenza sulla. sfera a. t = O
è ottenuto ·integrando l'ultimo termine ed è 211pR3 11.0 /3.
10. Determinare il momento delle forze su una. sfera che esegue oscillazioni rotatorie
intorno ad un dia.metro in un fluido viscoso.
SoluZ'ione. Per gli stessi argomenti del problema. 1 nel § 20, il termine cli gradiente cli
pressione può essere omesso nell'equazione del moto così che

8v/8t = v6v.

Cerchia.mo una. soluzione della. forma.

V= rot ff/,oe-iwt,

dove n = n 0 e-iwt è la. velocità angola.re cli rotazione della. sfera. Otteniamo per f, invece
dell'equazione 6.f' = costante,

6..f + h/f = costante.

Omettendo un termine costante irrilevante nella soluzione cli questa. equazione, troviamo
f = o.e·il,:r)r,scegliendo la soluzione che si annulla. all'infinito. La costante o. è determinata
dalla. condizione al contorno che v = [nr] sulla superficie della. sfera.. Il risultato è

3
f = R eik(r-R)
· r (1 ikR) '

dove R è il raggio della sfera. Un calcolo simile a quello del problema 1 del § 20 dà
l'espressione seguente per il momento delle forze esercitate sulla sfera. dal fluido:

2 3
lìI = -~m R3fl3 + 6R/5 + 6 (R/5) + 2 (R/Jf - 2i/R/5)2 (1 + R/5).
7
3 1+2R/5+2(R/i5t

Per w--+ O (cioè o--+ oo) abbiamo iì1 = -8m7R 3 D che corrisponde ad una. rotazione
uniforme della sfera (si veda il problema. 1 cli§ 20). Nel limite opposto R/o » 1 troviamo

4\/'2 4
M = - -11R yrjpw (i - 1) n.
3
Questa espressione può anche essere ottenuta direttamente: per « R ogni elemento della o
superficie della sfera può essere considerato pia.no e la forza cli attrito che agisce su cli esso
si trova sostituendo u = Dr sin e nella (24,6).
11. Determinare il momento delle forza su una sfera cava riempita di fluido viscoso ed
oscillante in modo rotatorio intorno a.cl un diametro.
Sol·uzione. Cerchia.mo la velocità nella stessa forma del problema 10. Per f prendiamo
la soluzione (o./r) sin kr, che è finita ovunque nella sfera, incluso nel centro. Determinando
o. dalle condizioni al contorno, abbiamo

3
R) kr cos kr - sin kr
v= [Or] (-
r kR cos kR - sin kR
llO FLUIDI VISCOSI Cap. II

Il calcolo del momento delle forze di attrito dà l'espressione

8 3 nk 2 R 2 sin/,R + 3kRcosR- 3sinkR


lìi = --m7R "
3 h:Rcos kR - sin kR
Il valore limite per R/i5 » 1 è, naturalmente, lo stesso del problema precedente. Se
R/i5 « 1 abbiamo
M = !}_7ipwRsS1
15
(i- R2w)
35v
.
Il primo termine corrisponde alle forze inerziali che appaiono nella rotazione rigida dell'in-
tero fl nido. ·

§ 25. Smorzamento delle onde di gravità


Argomenti simili a quelli presentati precedentemente, possono essere usati ri-
guardo alla distribuzione della velocità in prossimità della superficie di un fluido.
Consideriamo il moto oscillatorio in prossimità della superficie (ad esempio onde
di gTavità). Supponiamo che le condizioni (24, ll) siano verificate, la dimensione l
è ora la lunghezza d'onda,\ :

(25,1)

a è l'ampiezza dell'onda e w la sua frequenza. Possiamo quindi dire che il flusso


è rotazionale solo in uno strato superficiale sottile, mentre nel resto del fluido
abbiamo un flusso potenziale, come in un fluido ideale.
Il moto di un fluido viscoso deve soddisfare le condizioni al contorno (L5,16)
sulla superficie libera; ciò richiede che alcune combinazioni delle derivate spaziali
della velocità siano nulle. Il flusso ottenuto dalla soluzione delle equazioni della di-
namica di un fluido ideale non soddisfa però queste condizioni. Come nel paragrn.fo
precedente per vu, possiamo concludere che le derivate della velocità corrispondenti
decrescono rapidamente in uno strato superficiale sottile. È importante notare che
questo non in1plica un gradiente cli velocità grande, come si ha in prossimità cli una
superficie solida.
Calcoliamo la dissipazione di energia in un'onda di gravità. Dobbiamo conside-
rare la dissipazione non della sola energia cinetica, ma quella dell'energia meccanica
Emecc che include sia l'energia cinetica che quella potenziale nel campo gravitazio-
nale. È chiaro comunque che la presenza o l'assenza del campo gravitazionale non
pnò influenzare la dissipazione di energia dovuta ai processi di attrito interno nel
fluido. Quindi Èmeccè data dalla stessa fonmJa (16,3):

·
Emecc = - 1 ·17
9~ ,
I( -fJv;
.
8 Xk
+ -fJvk)
8X
.
1•
2
dV.

Nel calcolo cli questo integrale per un'onda cli gravità va notato che, poiché il volume
della regione superficiale cli flusso rotazionale è piccolo ed il gradiente cli velocità
in quel volume non è grande, si può ignorare questa regione a differenza cli quanto
accadeva per oscillazioni di una superficie solida. In altre parole, l'integrazione può
§ 25 SMORZAMENTO DELLE ONDE DI GRAVITÀ 111

essere pre~a su tutto il volume del fluido che, come abbiamo visto, si muove come
se fosse mi.fluido ideale.
· Il flusso in un'onda di gravità per un fluido ideale è già stato determinato nel
§ 12. Dato che abbiamo flusso potenziale,
fAp
8.Xh,8X;
così che

j ' ( x,,,
2
8? )
Emecc = - 2T) x,a '-a'P·. dì!.

Il potenziale <p ha la forma

<p= 'POcos ( b.: - wt + O'.)é=.


Non siamo interessati al valore istantaneo della dissipazione di energia, ma alla sua
media temporale. Notando che i valori medi del quadrato di seno e coseno sono
uguali troviamo
(25,2)

L'energia Emecc può essere calcolata, per un'onda di gravità, usando il teorema
della meccanica per cui, in ogni sistema che esegua piccole oscillazioni (cioè di
piccola ampiezza), le energie cinetica e potenziale medie sono uguali. Si può quindi
scrivere Emecc semplicemente come due volte l'energia cinetica:
2
_Emecc = p, /'---,,
v-c/V = p ;· ( 8x;
8<p ) clV,

da cui
-Emccc= ') ,.2j---;,
~p,, , JF
<p-r,i. (25,3)

Lo smorzamento delle onde è convenientemente caratterizzato dal coefficiente


cli snw·rza:mento 1 , definito come

Én1ecc
ì = --=---- (25,Ll)
2Emecc

Nel corso del tempo, l'energia dell'onda decresce secondo la legge Emecc = costante X
e- 2 ,t; poiché l'energia è proporzionale al quadrato dell'ampiezza, questa decresce
come e-,t_
Usando le (25,2) e (25,3), troviamo
2
1 = 2vk . (25,5)

Sostituendo in essa la (12.7), otteniamo il coefficiente cli smorzamento per onde cli
gravità nella forma
2vw 4
I= --9-- (25,6)
g-
112 FLUIDI VISCOSI Cap. II

PROBLEMI

1. Determinare il coefficiente di smorzamento per onde di gravità lunghe che si propa-


gano in un canale di sezione trasversa costante; la frequenza è supposta abbastanza grande
da avere jv/w piccolo rispetto alla profondità del fluido nel canale e all'ampiezza del
canale.
Soluzione. La dissipazione di energia principale avviene nello strato di fluido superfi-
ciale dove la velocità cambia da zero, sulla parete del canale, al valore v = v 0 e-iwt che ha
nell'onda. Il valor medio dell'energia dissipata per unità di lunghezza del canale è, per la
(24,14),
2
liv 1
_o_vifpw,
2,/2
dove l e il perimetro della parte del bordo della sezione trasversa del canale occupata dal
fluido. L'energia media del fluido (sempre per ùnità cli lunghezza) è Spv 2 = Splv 0 l /2,
2

dove S è l'area della sezione trasversa del fluido nel canale. Il coefficiente di smorzamento
è
l
,=~Fw-
2v2s
Per un canale di sezione rettangolare quindi

2h + a r:-::-.
"(= ---yvw
2y12ah '
dove a è la larghezza e h la profondità del fluido.
2. Determinare il flusso in un'onda di gravità in un fluido molto viscoso (v ;2'.:LcJ,\2 ).
Soluzione. Il calcolo del coefficiente di smorzamento mostrato sopra è valido solo quan-
do il coefficiente è piccolo (1 « w) così che il moto possa essere considerato, iu prima ap-
prossimazione, quello cli un fluido ideale. Per viscosità arbitrarie cerchiamo una soluzione
delle equazioni del moto
2
EJv,i:
--=//
( --+--
EJ vx EJ2vx)- p8:r·
l 8p
EJt EJ,i:2 [)z2
2 2 1 op
EJv, ( --+--
EJv, EJv,)
[)z 2 - p8z - g,
--=//
EJt EJx2
OVx EJv,
ux + --;:;--
-;=;-
uz = o'
che dipenda da x e da t come e-iwt+ikx e decresca all'interno del fluido (z > O). Troviamo

i-Bem=
k ) ,
'171,

'E= e-iwt+ikx~Ae"'= - gz, dove m = Jk 2 - i~.


p k V

Le condizioni al contorno sulla superficie del fluido sono


OV-
U--
--
= -p + 2'1)--
[Jz
= 0
'

Ux= ovx ov=)


= 1) ( OZ + OX = Q
§ 25 SMORZAMENTO DELLE ONDE DI GRAVITÀ 113

per ;; = (. Nella seconda condizione possiamo porre z = O invece di z = (. La prima


condizione tuttavia. va derivata rispetto a t, dopo di che sostituiamo g8(/8t con gvz e poi
poniarno z = O. La condizione che le due equazioni omogenee risultanti per .11e B sia.no
consistenti dà
.w)2+
( i---,-,,
2-
l/ h;-
?1.3
v-
g
h'.
=4 Rdw
1- '/.-19.
l/ ,;-
(1)

Questa equazione dà lv come funzione del numero d'onda /;;; w è complessa con la parte
reale che dà la frequenza delle oscillazioni e la parte immaginaria. il coefficiente cli smorza-
mento. Le soluzioni dell'equazione (1) che hanno significato fisico sono quelle la cui parte
immagina.ria è negativa (corrispondente ad uno smorza.mento dell'onda); solo due radici
della (1) soddisfano questa richiesta.. Se v/;;2 « ,/gk (la condizione (25,1)), il coefficiente
di smorzamento è piccolo e la (1) dà approssimativamente w = ±vgk - ·i2v/;;2 , risultato
che conosceva.mo già. Nel caso limite opposto vk 2 » vgk, l'equazione (1) ha due radici
puramente immagina.rie, che corrispondono ad un flusso a.periodico smorzato. Una radice
è
w = -'Ì_JJ__,
2uk
mentre l'altra è molto più grande (cli ordine v/;;2 ), e quindi di nessun interesse dato che il
moto corrispondente è fortemente smorzato.
Capitolo III

TURBOLENZA

§ 26. Stabilità del flusso stazionario


Per ogni problema di flusso viscoso sotto condizioni .stazionarie date, deve in
principio esistere una soluzione stazionaria esatta delle equazioni della fluidodina-
mica. Queste soluzioni esistono formalmente per qualunque numero di Reynolds.
Tuttavia non tutte le soluzioni delle equazioni del moto, anche se esatte, possono
realmente presentarsi in Natura. Queste devono non solo obbedire alle equazioni
del moto, ma anche essere stabili. Ogni piccola perturbazione eh~ appare deve
decrescere nel corso del tempo. Se, al contrario, piccole perturbazioni che inevita-
bilmente appaiono nel flusso, tendono a crescere col tempo, il flusso considerato è
instabile e non può realmente esistere 1l.
Lo studio matematico della stabilità cli un dato flusso rispetto a perturbazioni
infinitesime procederà secondo lo schema seguente. Sovrapporremo alla soluzione
stazionaria in esame (con distribuzione cli velocità va (r)) una piccola perturbazio-
ne non stazionaria v1 (r, t) tale che la velocità risultante v = va + v1 soddisfi le
equazioni del moto. L'equazione per v 1 si ba sostituendo nelle equazioni

8v gradp
- + (v · grad)v = --- + vD.v, divv = O (26,1)
é)t p

la velocità e la pressione

v =va+ vi, JJ= JJa+ JJ1, (26,2)

in cui le funzioni note va e JJasoddisfano le equazioni imperturbate

gradpa
(va· grad) va= - + vD.va, divvo = O. (26,3)
p

Omettendo termini superiori al primo ordine in vi, otteniamo

8v1
8t +(va· grad) v1 + (v 1 · grad) va=
gradp1 I\
--- + VL,sV1, clivv1 = O. (26,4)
p

La condizione al contorno è che v 1 si annulli sulle superfici solide fisse.


1
) Nella precedente edizione, instabilità. rispetto a perturbazioni infinitesime era chiamata insta-
bilità assoluta. Questo aggettivo non verrà. usato in questo contesto ma (secondo una terminologia.
più consueta), in opposizione a convett'iva (§ 28).

11d
§ 26 STABILITÀ DEL FLUSSO STAZIONARIO 115

Quindi :v1 soddisfa un sistema di equazioni differenziali lineari omogenee, con


coefficienti_ che sono funzioni soltanto delle coordinate e non del tempo. La solu-
zione generale di tali equazioni può essere rappresentata come somma di soluzioni
particolari in cui v1 dipende dal tempo cmne e-iwt. Le frequenze w delle pertur-
bazioni non sono arbitrarie ma sono determinate risolvendo l'equazione (26,4) con
appropriate condizioni al contorno. Le frequenze sono in generale complesse. Se
esistono frequenze w con parte immaginaria positiva, e-iwt. crescerà col tempo, cioè
il flusso è instabile rispetto a queste perturbazioni. Perché il flusso sia stabile è ne-
cessario che la parte immaginaria di qualunque frequenza possibile sia negativa. Le
perturbazioni generate saranno allora esponenzialmente decrescenti con il tempo.
Questo studio matematico della stabilità è però estremamente complicato. Il
problema teorico della stabilità di un flusso stazionario intorno ad un corpo di
dimensioni finite non è risolto. È certo che il flusso stazionario è stabile per numeri
di Reynolds sufficientemente piccoli. I dati sperimentali sembrano indicare che,
quando R cresce, raggiunge un valore Rcr (il nmnern di Reynolds critico) oltre
il quale il flusso è instabile rispetto a perturbazioni infinitesime. Per numeri cli
Reynolds sufficientemente grandi (R > Rcr ) , il flusso stazionario intorno ad un
corpo solido è quindi impossibile. Il numero di Reynolds critico, naturalmente, non
è una costante universale, ma ha un valore differente per ogni tipo di flusso. Questi
valori sembrano essere dell'ordine di varie decine; ad esempio, nel flusso attorno ad
un cilindro si è osserva un flusso non stazionario non smorzato per R = 11,cl/1,1 ~ 30,
dove cl è il diametro del cilindro.
Consideriamo ora la natura del flusso non stazionario che si instaura a causa del-
la instabilità del flusso stazionario a grandi numeri di Reynolds (L.D.Lanclmt.,1944).
Iniziamo esaminando le proprietà di questo flusso a numeri di Reynolds di poco
maggiori di Rcr· Per R < Rcr le parti immaginarie delle frequenza complesse
w = w1 + 'h1 sono negative (ì-1 < O) per tutte le piccole perturbazioni possibili. Per
R = Rcr appare nna frequenza la cui parte immaginaria è 1mlla. Per R > Rcr la
parte immaginaria cli questa frequenza è positiva ma. quando R è prossimo a Rcr,
ìl è piccola rispetto alla parte reale w1 2). La funzione v1 che corrisponde a questa
frequenza è della forma
V1 = A (t) f(x, y, ::), (26,5)
dove f è una funzione complessa delle coordinate e l'ampiezza complessa A(t;) è 3)

(26,6)

Tuttavia, questa espressione per A(t) è valida solo durante un piccolo intervallo
dopo la rottura del regime stazionario; il fattore e-nt cresce rapidamente con il
tempo ma il metodo per determinare v 1 dato sopra, che porta alle equazioni (26,5)
2
) L'insieme di tutte le frequenze delle perturbazioni possibili (o spettro) per un dato tipo di
flusso include sia valori isolati separati (lo speU:ro discreto) che valori che coprono vari intervalli di
frequenze (lo spettro contin·uo). Sembra che per flussi intorno a corpi finiti le frequenze con ìt > O
possano apparire solo nello spettro discreto. La ragione è che le perturbazioni corrispondenti alle
frequenze nello spettro cont;inuo sono in genere non nulle all'infinito dove il flusso imperturbato è
certamente un flusso piano-parallelo omogeneo e stabile.
3
) Al solito intendiamo la parte reale della (26,6).
116 TURBOLENZA Cap. III

e (26,6) si applica solo quando lv1 1è piccolo. In realtà il modulo dell'ampi~zzà IAI
del flusso non stazionario non cresce senza limite, ma tende ad un valore finito. Per
R vicino a Rcr (ma comunque R > Rcr), questo valore finito è piccolo e può essere
determinato come segue.
Calcoliamo la derivata temporale dell'ampiezza quadrata IAl2 . Perpiccoli valori
di t, quando la (26,6) è ancora valida, abbiamo

Questa espressione non è che il primo termine cli uno sviluppo in potenze cli A
e A*. Quando il modulo IAIcresce (rimanendo comunque piccolo), si deve tenere
conto dei termini successivi dello sviluppo. !primi termini successivi sono quelli del
terzo ordine in A. Non siamo comunque interessati al valore esatto della derivata
d IAl2 /clt ma alla sua media temporale presa su tempi grandi rispetto al periodo
21r/w1 del fattore e-iwt 1·; ricordiamo che, essendo w1 » 1 1, questo periodo è piccolo
rispetto al tempo 1/11 necessario perché il modulo dell'ampiezza IAI cambi ap-
prezzabilmente. I termini del terzo ordine contengono necessariamente un fattore
periodico e quindi si annullano quando se ne prende la media '1). Tra i termini del
quarto ordine ce n'è uno, proporzionale a A2 A*2 = IAI\ che non si annulla nella
media. Limitandosi al quarto ordine si ha quindi

2
cllAl = 2,1 IA 19
-- -- n IA 14, (26,7)
clt

dove o: (la costante cli Landa.a) può essere positiva o negativa.


Siamo interessati al caso in cui una perturbazione infinitesima (effettuata sul
flusso originale) diventa instabile; iniziamo con R > Rcr. Questo corrisponde ad
o > O. Nou ahhimno 111essole barre su IAl2 e [A['1 nella (2C5,7).dato che la media
viene fatta solo su intervalli cli tempo piccoli rispetto a 1/1 1. Per la ste1:,saragione,
risolvendo l'equazione, ignoreremo la barra anche nella derivata. La soluzione della
(26,7) è
1
-I
o: + cost·a1
'19-- -2,1 . ,c-1 t e x e- 2·n t..
ii -

Si vede che IA[2 tende a1:,intoticamente ad un limite finito:

2,1
[A[rnax= -. (26,8)
C\'

La quantità ,1
è funzione del numero cli Reynolds. In prossimità cli Rcr essa può
essere sviluppata in serie cli potenze cli R - Rcr· Ma 1 1 (Rcr ) = O per definizione ,
stessa del numero cli Reynolcls critico. Quindi, al primo ordine, abbiamo

11 = costante X (R. - Rcr). (26,9)


1
· l Strettamente parlando, i termini del terzo ordine non si annullano nella. media. ma danno
termini del quarto ordine che supporremo inclusi nei termini del quarto ordine dello. sviluppo.
§ 26 STABILITÀ DEL FLUSSO STAZIONARIO 117

Sostituendo questa espressione nella (26,8) vediamo che il modulo IAIdell'ampiezza


è proporzionale alla radice quadrata cli R - Rcr:

IAlmax
CX: /R - Rcr· (26,10)

Discutiamo ora brevemente il caso in cui a:< O nella (26,7). I due termini nello
sviluppo sono insufficienti per determinare l'ampiezza limite della perturbazione e
dobbiamo includere un termine negativo cli ordine superiore, -fll.!11 6
con /J > O,
che dà

= 1°1
IAlmax 2/J ±
(26,11)

con 11 come nella (26,9). La dipendenza è mostrata nella figura 13b; la figura 13a
corrisponde ad a> O, (26,10). Quando R > Rcr non può esserci flusso stazionario;
quando R = Rcr, la perturbazione raggiunge in modo discontinuo una ampiezza
non nulla, sebbene assunta ancora abbastanza piccola da mantenere valido lo svi-
luppo in potenze cli IAJ 2 5 ). Nell'intervallo R~r < R < Rcr, il flusso imperturbato

è metastabile, stabile per perturbazioni infinitesime ma instabile per quelle cli am-
piezza finita (la parte della curva continua; la curva tratteggiata mostra il ramo
instabile).

IA

R
(a) (b)

Fig. 13

Torniamo ora al flusso non stazionario che si ha quando R > Rcr come risultato
dell'instabilità rispetto a piccole perturbazioni. Per R prossimo a Rcr questo flusso
può essere rappresentato dalla sovrapposizione cli un flusso stazionario vo(r) e cli
un flusso periodico v (r, t), cli ampiezza piccola ma finita che cresce con R secondo
la (26,10). La distribuzione di velocità in questo flusso è della forma

v1 = f (r) e-i(wt+tlil, (26,12)


5
l Si dice che questi sistemi hanno autoeccitazione .forte, in contrasto con quelli con
autoeccitazione debole che sono instabili rispetto a perturbazioni infinitesime.
118 TURBOLENZA Cap. III

con f una funzione complessa delle coordinate .e (31 una fase iniziale. Per valori
grandi cli R - Rcr, la separazione della velocità nelle due parti va e v1· non ha
più senso. Abbiamo allora solo un flusso periodico di frequenza w 1 . Se, invece del
tempo, usiamo come variabile indipendente la fase ip 1 =
w 1 t + /31, sarà possibile
considerare la funzione v (r, ip 1 ) una funzione periodica cli ip1 di periodo 27T. Questa
funzione però non sarà più una semplice funzione trigonometrica dato che il suo
sviluppo in serie di Fourier

v = L Ap (r) e-icpip (26,13)


p

(la somma è su tutti gli interi p positivi e negativi) include non solo i termini di
frequenza fondamentale w1, ma anche termini con f1:equenze multiple intere cli w1.
L'equazione (26,7) determina il modulo del fattore temporale A (t), ma non la
fase ip1 che rimane essenzialmente indeterminata e dipende dalle particolari con-
dizioni iniziali che si hanno all'inizio del flusso. A seconda cli qu~ste condizioni
la fase iniziale (31 può assumere qualunque valore. Il flusso periodico che stiamo
considerando non è quindi univocamente determinato dalle condizioni stazionarie
esterne date in cui il flusso ha luogo. Una quantità, la fase iniziale della velocità,
resta arbitraria. Possiamo dire che il flusso ha un grado cli libertà, mentre il flusso
stazionario, che è interamente determinato dalle condizioni esterne, non ha gradi
cli libertà.

PROBLEMA

Determinare l'equazione per il bilancio energetico tra il flusso imperturbato e la per-


turbazione sovrapposta, senza assumere che questa sia debole.
Soluz:ione. Sostituendo la (26,2) nella (26,1), senza omettere il termine del secondo
ordine in v 1 , abbiamo

0 1
; + (v 0 · grad) v1 + (v 1 · grad) vo + (vi · grad) V1 = (l)
1
= -gradp1 + R6v1;
assumiamo che tutte le quantità vengano poste in forma adimensionale come descritto
nel § 19. Prendendo il prodotto scalare cli questa equazione con v 1 e usando l'equazione
cliv vo = O, cliv v 1 = O, otteniamo

L'ultimo termine del secondo membro dà zero sotto integrazione su tutta la regione del
flusso, dato che va = v1 = O sulle superfici del bordo della regione oppure all'infinito.
Questo dà la relazione cercata
. D
E1=T-- (2)
R'
§ 27 STABILJTÀ DEL FLUSSO ROTATORJO 119

. Bvo: (OV1;)2
T = -
I
.
V1;V11.,~.
u;i.,..
dì!, D = ;·
. a:r"
dì!.

· Il funzionale .T rappresenta lo scambio di energia tra il flusso imperturbato e la per-


(3)

turbazione e può avere segno positivo o negativo. Il fimzionale D è la perdita di energia


dissipativa ed è sempre positivo. Si noti che il termine in (1), non lineare in v 1 , non
contribuisce alla relazione (2).
La relazione (2) dà un limite inferiore di Rcr ( O. Reynolds, 1894; W. McF. Orr,
1907): la derivata dEi/ dt deve essere negativa, cioè la perturbazione decresce col tempo,
se R < RE, dove

RE =min(f), (4)

in cui il minimo del funzionale è preso rispetto alle funzioni v 1 (r) che soddisfano le con-
dizioni al contorno e l'equazione cliv v 1 = O. L'esistenza di un minimo finito deriva mate-
maticamente dal fatto che T e D sono ambedue funzionali omogenei del secondo ordine.
Questo prova l'esistenza cli un limite inferiore cli R per la metastabilità, al di sotto del quale
il flusso impertmbato è stabile rispetto a qualunque perturbazione. In ogni caso la "stima
energetica" data dalla (4) porta, nella maggior parte dei casi, a valori troppo piccoli.

§ 27. Sta.bilità del .flusso rata.torio


Per studiare la stabilità del flusso stazionario di un fluido tra due cilindri rotan-
ti (§ 18), nel limite cli numeri cli Reynolcls arbitrariamente grandi, possiamo usare
un semplice metodo analogo a quello utilizzato nel § 4 per derivare la condizione
cli stabilità meccanica cli un fluido a riposo in un campo gravitazionale (Ra.yleigh,
1916). L'idea è cli considerare un piccolo elemento cli fluido e supporre che esso ven-
ga allontanato dalla traiettoria che seguiva nel flusso considerato. Questo provoca
delle forze apparenti che agiscono sull'elemento spostato. Se il flusso originario è
stabile. queste forze devono tendere a riportare l'elemento alla posizione iniziale.
Ogni elemento nel flusso imperturbato si muove, intorno all'asse del cilindro,
su un cerchio di raggio .,. = costante. Sia {L (r) = rn·r2 tp il momento angolare cli
un elemento di massa ni e velocità angolare tp. La forza centrifuga che agisce
di esso è p.2 /m:r 3 ; questa forza è bilanciata dal gradiente cli pressione radiale nel
fluido rotante. Supponiamo ora che un elemento di fluido a distanza To dall'asse
sia spostato cli poco dalla sua traiettoria e portato a distanza ·r > r 0 dall'asse. Il
momento angolare resta uguale al suo valore iniziale //·O= {I, (ro). La forza centrifuga
che agisce sull'elemento nella nuova posizione è 11,5/m:r 3 . Perché l'elemento tenda

a tornare alla sua posizione iniziale questa forza deve essere inferiore al suo valore
cli equilibrio p.2 /mr 3 che è bilanciato dal gradiente cli pressione a distanza r. La
condizione di stabilità necessaria è p.2 p.5> O; sviluppandoµ (r) in potenze della
differenza positiva r - r 0 , si può scrivere questa condizione nella forma
81i
µ7,
uT
> o. (27,1)

Secondo la formula (18,3), la velocità angolare tp della particella cli fluido in moto
è
120 TURBOLENZA Cap. III

Calcolando p. = 1nr 2 cpe omette11do tutti i fattori certamente positivi, I?ossiamo


scrivere la (27,1) come
2
( [2 2 R 2 (27,2)
La velocità angolare cpvaria in modo monotono con r da r21 sul cilindro interno
a [2 2 su quello esterno. Se i due cilindri ruotano in senso contrario, cioè se r21 e r22
hanno segni opposti, la funzione cpcambia segno tra i due cilindri e il suo prodotto
con il numero costante r22R~ r21RI non può essere positivo ovunque. In questo
caso la. (27,2) non è più verificata in tutti i punti del fluido ed il fluido è instabile.
Supponiamo ora che i due cilindri ruotino nella. stesso verso; prendendo questo
verso di rotazione come positivo abbia.mo r21 > O e r22.> O. cpè allora positiva.
dappertutto e, perché la. condizione (27,2) sia soddisfatta, è necessario che

(27,3)

Se r22R~ < r21Rj il fluido è instabile. Ad esempio, se il cilindro esterno è fermo


(r22 = O) e quello interno ruota, il flusso è instabile. Se invece il cillndro interno è
fermo (r21 = O) il flusso è stabile.
Si deve sottolineare che nell'argomento sopra esposto non si è tenuto conto
dell'effetto delle forze viscose quando l'elemento di fluido viene spostato. Il metodo
è quindi va.lido solo per piccole viscosità, cioè per valori di R sufficientemente grandi.
Per studiare la stabilità del flusso per R arbitrari, è necessario seguire il me-
todo generale partendo dall'equazione (26,4); per il flusso tra due cilindri rotanti
questo fu fatto da. G.J. Taylor nel 192,t In questo ca.so particola.re la. distribuzio-
ne di velocità imperturbata v 0 dipende solo dalla coordinata radia.le cilindrica r
e non dall'angolo 'P o dalla. coordinata. assiale z. L'insieme completo cli soluzioni
indipendenti dell'equazione (26,4) può quindi essere cercato nella. forma

(27,4)

con la. direzione ciel vettore f (r) arbitraria. Il numero d'onda h:, che può prendere
valori in un intervallo continuo di valori, determina la periodicità della perturba~
zione lungo l'asse z. Il numero n prende solo valori interi O, 1, 2 ... , come implica
la condizione che la. funzione sia a singolo valore rispetto alla variabile 'Pi il valore
n = O corrisponde a perturbazioni con simmetria assiale. I valori ammissibili della
frequenza w si trova.no risolvendo le equazioni con le condizioni al contorno richieste
(v1 = O per r = R1 e r = R2). Il problema così formulato dà in genere, per valori
dati di n e k, una serie discreta. cli frequenze proprie w = wV) ( k), dove j numera i
rami della funzione Wn (k); queste frequenze in genere sono complesse.
Il ruolo del numero di Reynolds può essere preso da f.hRi/v oppure da. r22R~/v
a valori dati dei rapporti R1/ R 2 e r2i/r22 che determina.no il tipo cli flusso. Se-
guiamo la variazione cli una delle frequenze proprie w = w,\i) (k) quando il numero
di Reynolcls cresce gradualmente. Il punto dove appare l'instabilità (rispetto ad
un tipo cli perturbazione dato) è determinato dal valore cli R per cui la funzione
1 (k) = Imw si annulla per la prima volta per un certo valore cli k. Per R < Rcr,
la funzione 1 (k) è sempre negativa ma per R > Rcr, abbiamo 1 (k) > O in un
§ 27 STABILITÀ DEL FLUSSO ROTATORIO 121

certo intervallo di va.lori di k. Indichiamo con kcr il valore di k per cui 1 (1,:)= O
qtìa.ndo R = Rcr· La corrispondente funzione (27,'1) dà la natura del flusso (sovrap-
posto al flusso origina.le) che appare nel fluido all'istante in cui il flusso origina.rio
diventa. instabile; questo è periodico lungo l'asse dei cilindri, con periodo 27i/ kcr·
Il limite rea.le di stabilità, naturalmente, è de-
terminato dalla forma della perturbazione, cioè
dalla funzione w~i), per cui Rcr è minimo; so-
no queste perturbazioni "più pericolose" che ci
interessa.no princii)a.lmente. Di regola (vedi ol-
tre) esse sono a simmetria. assiale. A ca.usa della
grande complessità di calcolo, uno studio abba-
stanza. dettagliato di esse è stato fatto solo nel
ca.so in cui lo spazio tra i cilindri sia piccolo:
h = R2 - R1 « R = (R1 + R2) /2. I risulta.ti
sono i seguenti 1).
Si trova che un funzione pura.mente immagi-
na.ria. w ( k) corrisponde alla soluzione che da il
valore minimo di Rcr . Quindi, quando k = kcr,
si ha non solo Im (w) = O ma anche w = O.
Questo significa. che la prima instabilità del flus-
so rotatorio stazionario comporta l'apparizione
cli un altro flusso anch'esso stazionario 2 ). Esso
consiste di vortici di Taylor· toroidali disposti in
modo regolare lungo le generatrici dei cilindri.
Nel caso in cui i due cilindri ruota.no nella. stessa
direzione, la figura. 14 mostra schematicamente
la proiezione delle linee cli corrente cli questi vor-
tici sulla sezione trasversa meridiana clei cilin-
dri; la velocità v1 ha., in realtà, anche una com-
ponente azimutale. La lunghezza. 27i/ kcr cli cia-
scun periodo contiene due vortici con direzioni
cli rotazione opposte.
Per R leggermente maggiore cli Rcr non c'è
un solo valore di k ma un intero intervallo di
valori per cui Imw > O. In ogni caso il flusso ri-
sultante non è una sovrapposizione cli flussi con
va.rie periodicità. In realtà per ogni R appare Fig. H
un flusso con periodicità definita che sta.biliz-

1
) Un tratt;amento dettagliato è dato in N.E. Kochin, I.A. Kibel e N. V. Roze, Theoretical
Hydromechanics, Wiley, 1964, Parte II; S. Clrnndrnsekha.r, Hydrodynamic and Hydrornagnetic
Stability, Dover, 1961; P. G. Drn.zù1. e W.H. Refrl, Hydrodynamic Stability, Cambridge University
Press, 200'1.
2
) In questi casi si parla di .scambio d·i sta.b-il'it.à.I risultati sperimentali e nw11erici per vari casi
suggeriscono che questa proprietà sia generale per il flusso considerato e non dipende dal fatto che
h sia piccolo.
122 TURBOLENZA Cap. III

za il flusso totale. Questa periodicità, naturalmente, non può essere cletelmiìiata


dall'equazione linearizzata (26,4).
La figura 15 mostra la forma approssimata della curva che separa i domini cli sta-
bilità e instabilità (area tratteggiata) del flusso, per un dato valore cli Ri/ R2. Il ra-
mo destro della curva, corrispondente alla rotazione dei due cilindri nella stessa di-
rezione, ha per asintoto la linea S12R~= S11R?;questa proprietà è in effetti generale
e non dipende dal fatto che h sia piccolo. Quando il numero cli Reynolcls cresce, per
un dato tipo cli flusso, ci muoviamo verso l'alto lungo una linea attraverso l'origine
che corrisponde al valore dato cli S1iJS12 . Nella parte destra del cliagra1111nale linee
per cui S12R~/S11Ri> 1, non intersecano la curva che limita la regione instabilità.
Se, d'altra parte, S12 R~/S11Ri < 1, allora per numeri cli Reynolcls sufficientemente
grandi entriamo nella regione cli instabilità, in accordo con la condizione (27,3).
Nella parte sinistra del clia-
Q1 gramma (S11e S12cli segno con-
trario) ogni linea.attraverso l'o-
rigine incontra il confine del-
la regione tratteggiata; cioè,
quando il numero cli Reynolcls è
abbastanza grande il flusso sta-
zionario alla fine diventa sem-
pre instabile per qualunque va-
lore del rapporto IS12/S11I,cli
nuovo in accordo con i risul-
tati precedenti. Per S12 = O
Fig. 15
(quando solo il cilindro interno
ruota) l'iustabilità si instaura
quando il numero cli Reynolcls, definito come R = hS11Rt/1J,vale

(27,5)

Nel fluido in esame, la viscosità ha un effetto stabilizzante: un flusso stabile


con lJ = O rimane stabile anche quando si tiene conto della viscosità, ed un flusso
instabile con lJ = O può diventare stabile in un fluido viscoso. Non ci sono studi
sistematici cli perturbazioni senza simmetria assiale nel flusso tra cilindri rotanti. I
risultati cli calcoli per casi particolari suggeriscono che nel lato destro cli figura 15
le perturbazioni con simmetria assiale sono sempre le più pericolose. Snl lato sini-
stro, invece, quando IS12/S1 11 è sufficientemente grande, la forma della curva limite
può essere abbastanza modificata se si considerano perturbazioni senza simmetria
assiale. La parte reale della frequenza della perturbazione non tende a zero, e così
il flusso risultante non è stazionario, cosa che altera considerevolmente la natura
dell'instabilità. Il caso limite (quando h -+ O) del flusso tra cilindri rotanti è il
flusso tra due piani paralleli in moto relativo (cfr. § 17). Questo flusso è stabile
rispetto a perturbazioni infinitesime per qualunque valore cli R = uh/v, dove u è
la velocità relativa dei piani.
§ 28 STABILITÀ DEL FLUSSO IN UN TUBO 123

§ 28. Stab:il'ità del ffosso in ·un tubo


· Il flussò stazionario in un tubo discusso nel § 17, perde la sua stabilità in un
modo molto paÙicolare. Essendo il flusso uniforme nella direzione 1-: (lungo il tubo),
la distribuzione di velocità imperturbata v 0 è indipendente da ,e. Procedendo come
nel § 27, possiamo quindi cercare le soluzioni dell'equazione (26,4) nella forma
v1 = ei(kx-wt)f (y, z). (28,1)
Anèhe in questo caso esisterà un valore R = Rcr per cui 1 = Im w si annulla, la
prima volta, per tin certo valore di k. Ma un fatto importante è che la parte reale
della funzione w (k) non è più nulla.
Per valori di R solo di poco superiori a Rcr,
l'intervallo dei valori di k per cui 1 (k) > O è
piccolo e si trova intorno al punto per cui 1 ( k)
ha un massimo, cioè d 1 / dk = O (come si vede
in figura 16). Supponiamo che una piccola per-
turbazione appaia in qualche punto del fluido;
questa è un pacchetto d'oncle ottenuto sovrap-
ponendo una serie cli componenti della forma
(28,1). Nel corso del tempo le componenti per
cui 1 (k) > O saranno amplificate, mentre le al-
tre saranno smorzate. Il pacchetto d'onde che
viene amplificato, sarà portato lungo la corrente
con una velocità uguale alla velocità di gruppo
del pacchetto, dw/dk (§ 67). Poiché stiamo con-
Fig. 16
siderando onde i cui valori del numero d'onda
sono compresi in un piccolo intervallo atton10
al punto dove eh/ clk = O, la quantità

dw """~Rew (28,2)
clh: clk
è reale e rappresenta quindi effettivamente la vera velocità di propagazione del
pacchetto.
Questo trascinamento a valle della perturbazione, da parte della corrente, è
molto importante e conferisce al fenomeno cli perdita della stabilità un carattere
completamente differente da quello descritto nel § 27.
Poiché la positività di Imw ora implica solo un'amplificazione della perturba-
zione quando essa si muove lungo la corrente, ci sono due possibilità. In un caso,
nonostante il moto del pacchetto cl'oncle, la perturbazione cresce senza limiti nel
corso del tempo in ogni punto fisso nello spazio; questo tipo cli instabilità rispetto
a qualunque perturbazione infinitesima sarà chiamata instabilità assoluta. Nell'al-
tro caso, il pacchetto è portato via così rapidamente che in ogni punto fisso nello
spazio la perturbazione tende a zero quando t -+ oo; questo tipo cli instabilità sarà
chiamato instabilità cli convezione l). Per il flusso di Poiseuille, sembra che appaia
solo il secondo tipo (si veda la nota 6 cli questo paragrafo).
l) Il metodo generale per stabilire il tipo di instabilit;à è descritto in X, § 62
124 TURBOLENZA Cap. III

La differenza fra due casi è relativa, nel senso che -dipende dalla sc.elta del
sistema cli riferimento rispetto al quale l'instabilità è considerata; un'instabilità
cli convezione in un sistema diventa assoluta in un altro sistema che si muove col
pacchetto ed una. instabilità assoluta diventa cli convezione in un riferimento che
si allontana dal pacchetto con sufficiente velocità. Nel presente caso comunque, il
significato fisico della differenza. è data. dal!' esistenza di un riferimento privilegiato
in cui l'instabilità dovrebbe essere considerata, cioè quello in cui le pareti del tubo
sono a riposo. Inoltre, dato che tubi reali hanno una lunghezza grande ma finita,
una perturbazione che appaia in qualunque posizione potrebbe, in principio, essere
portata fuori dal tubo prima che possa realmente rompere il regime laminare.
Poiché le perturbazioni crescono con la coordinata. x (lungo la corrente) e non
col tempo in un dato punto, è ragionevole studiare questo tipo di instabilità come
segue. Supponiamo che in un punto dato dello spazio si sovrapponga alla corrente
una perturbazione di frequenza w che agisce in modo continuo e vediamo quello che
avviene quando essa è trascinata dalla corrente. Invertendo la funzione w (k), tro-
viamo il numero d'onda h; che corrisponde alla frequenza (reale) data. Se Im k < O,
il fattore eilcx cresce con x, cioè la perturbazione è amplificata in direzione della
corrente. La curva nel piano wR data dall'equazione Im k(w, R) = O, chiamata C'U,T-
va di sta.bil'ità nnitrn o c·u.rna'IW'Ulrn, definisce la regione cli stabilità e separa, per
ogni R, le frequenze delle perturbazioni che sono amplificate o smorzate nella dire-
zione della corrente. I calcoli sono estremamente complicati. Uno studio analitico
completo è stato fatto solo per il flusso piano cli Poiseuille (tra due piani paralleli
(C.C.Din, 1945)). Nel seguito daremo solo i risultati 2 l.
Il flusso (imperturbato) tra i piani è uniforme non solo nella direzione del flusso
(lungo l'asse :r:), ma in tutto il piano :i:z (essendo l'asse y perpendicolare ai piani).
Possiamo quindi cercare soluzioni dell'equazione (26,4) nella forma

VI= 8 i(k.,-.r+kcc-wt)f (y) 1 (28,3)

con il vettore d'onda k diretto in qualunque direzione del piano :i:z. Siamo interes-
sati, comunque, solo alle perturbazioni crescenti, che appaiono per prime quando
R cresce, dato che queste determinano il limite cli stabilità. Si può mostrare che,
per un dato valore del numero d'onda, la prima perturbazione non smorzata ha
il vettore d'onda k nella direzione x, con .f = O. È quindi sufficiente considerare
solo perturbazioni nel piano xy, indipendenti da z e bidimensionali (come il flusso
imperturbato) 3 1.

") Si veda C. C. Lin, The Theory of I-Iydrodynamic Sta.bility, Cambridge University Press,
1967. Una descrizione di questi e di successivi studi, si trova nel libro di P. G. Drazin e W.J-I.Reid,
I-Iydrodynamic Stability, Cambridge University Press, 2004.
3
) La prova di questa affermazione (H.B. Squire, 1933) è che le equazioni (26,4) con una per-
turbazione della. forma (28,3) possono essere messe in una forma in cui differiscono dalle equazioni
per perturbazioni bidimensionali solo nella. sostituzione cli R con Rcos <p, essendo <p l'angolo tra k
e va nel piano .Tz. Il numero critico R.ccper perturbazioni tridimensionali, di un k dato, è quindi
Rn = R.c.sec <p > Re,, dove Ree è calcolato per perturbazioni bidimensionali.
§ 28 STABILITÀ DEL FLUSSO IN UN TUBO 125

La cur:va neutra per il flusso tra piani paralleli è mostrata in figura 17. L'area
tri:Ltteggiata corrisponde alla regione cli instabilità '1). Il più piccolo valore cli R per
cui le perturbazioni non smorzate sono possibili è Rcr = 5772 secondo i calcoli più
accurati (S.A. Orzag, 1971); il numero cli Reynolcls qui è definito come

(28,4)

dove Urna.ve è la velocità cli flusso massima e h/2 è la metà della distanza tra i piani,
cioè la distanza su cui la velocità cresce da zero al suo massimo valore 5 l. Il valore
R = Rcr corrisponde a un numero d'onda della perturbazione kcr = 2.04/ h. Quando
R-+ oo, i due rami della curva neutra si avvicinano asintoticamente all'asse R con

wh ~ R-3/11 e ~ ~R-:l/7
Umax Umax

per la curva superiore ed inferiore ri-


spettivamente; su ciascun ramo w e w
k sono legate dalla relazione wh/U ~
(kh)3.
Quindi, per ogni frequenza non nul-
la w che non superi un certo valore mas-
simo (~ U / h), esiste un intervallo finito
cli valori cli R per cui le perturbazio-
ni sono amplificate G). È interessante
notare che, in questo caso, una visco-
sità piccola ma finita del fluido ha, in
Rcr R
un certo senso, un effetto destabilizzan-
te rispetto alla situazione per un fluido Fig. 17
strettamente ideale 7 ). Questo perché,
quando R -+ oo, perturbazioni cli qualunque frequenza finita sono smorzate, ma
se la viscosità è finita, ad un certo punto si finisce in una regione cli instabilità;
finché un aumento ulteriore della viscosità (decrescita cli R) ci porta fuori da questa
regione.
Per il flusso in uu tubo cli sezione circolare, 11011 è ancora stato fatto alcuno
studio teorico completo, ma i dati disponibili danno buone ragioni per supporre

-!) La curva neutra nel piano kr ha una forma simile. Dato che, sulla curva neutra, sia w che k
sono reali, le curve nei dne piani rappresentano la stessa dipendenza in termini cli variabili diverse.
u) Un'altra definizione di R per il flusso bidimensionale cli Poisenille, usata in let;terat;nra, è:
R = Uh/11,dove V è la velocità del fluido mediata sulla sezione trasversa. Poiché V= 2Umux/3,
abbiamo Uh/v = 4R/3 con R definito secondo la (28,4).
G) La dimostrazione che l'instabilità del flusso bidimensionale cli Poiseuille è convettiva è stata
data da S. V. Iordanski, A. G. Kul'ikovski, Soviet Physics JETP 22, 915 (1966). La dimostrazione,
comunque, si riferisce solo all'intervallo cli valori molto grandi cli R, quando i due rami della curva
neutra sono vicini all'asse delle ascisse; cioè kh <<1 su ciascun ramo. Il problema resta insoluto
per valori cli R per cui kh ~ 1 sulla curva neutra.
7
) Questa proprietà fu scoperta eia W. Heisenbery (1924).
126 TURBOLENZA. Cap. III

che il flusso abbia stabilità (sia assoluta che di convezione) rispetto a pertÌirba-
zioni infinitesime ad ogni numero di Reynolds. Quando il flllSso imperturbato ha ,
simmetria assiale, le perturbazioni possono essere cercate della forma

(28,5)

come nella (27,4). Si può dare per provato che perturbazioni con simmetria assia-
le (n = O) sono sempre smorzate. Non è stata trovata alcuna perturbazione non
smorzata neanche tra quelle senza simmetria assiale che sono state. studiate (per
particolari valori di n e per particolari intervalli del numero di Reynòlds). La sta-
bilità del flusso in un tubo è suggerita anche dal fatto che, evitando accuratamente
perturbazioni all'ingresso del tubo, il flusso laminare può essere conservato fino a
valori molto grandi di R, in pratica fino a R ~ 105 , dove

cl -cl
R =Urna.,-= U-, (28,6)
2V V

cl è il diametro del tubo e Urna., è la velocità del fluido sull'asse del tubo.
Il flusso tra due piani e quello in un tubo circolare possono essere considerati
casi limite di flusso in un tubo anulare tra due superfici cilindriche coassiali con
raggi R1 e R2 (R1 > R2). Quando R1 = O abbiamo un tubo circolare, e il limite
R1 -+ R2 corrisponde al flusso tra due piani. Si può considerare che esista un valore
critico Rcr per tutti valori non nulli di Rii R2 < 1; quando Rii R2 -+ O,Rcr-+ oo.
Per ciascuno cli questi flussi di Poiseuille esiste anche un numero critico R~r
che determina il limite di stabilità rispetto a perturbazioni di ampiezza finita.
Quando R < R~r il flusso non staziona.rio non smorzato nel tubo è impossibile. Se
il flusso turbolento appare in qualunque parte del tubo, per R < R~r la regione
turbolenta sarà trascinata dalla corrente e diminuirà in dimensione fino a sparire
completamente; se invece R > R~r, la regione turbolenta si ingrandirà nel corso
del tempo e occuperà una parte sempre più grande del flusso. Se, all'ingresso
del tubo, appaiono perturbazioni del flusso in modo continuo, per R < R~r esse
saranno smorzate a una certa distanza a valle nel tubo, non importa quanto forti
esse siano inizialmente. Se invece è R > R~n il flusso diventa turbolento in tutto il
tubo, e questo si può avere per perturbazioni tanto più piccole quanto più grande
è R. Per valori cli R nell'intervallo tra R~r e Rcr, il flusso laminare è metastabile.
Per un tubo cli sezione circolare la turbolenza non smorzata è stata osservata a
partire da R ~ 1800, e per flusso tra piani paralleli da R ~ 1000. Dato che la
rottura del flusso è laminare in un tubo è brusca, essa è accompagnata da un
cambiamento discontinuo nella forza cli resistenza. Per un flusso in un tubo con
R > R~r si hanno essenzialmente due diverse dipendenze della resistenza da R, una
per il flusso laminare e l'altra per quello turbolento (si veda § 43). La resistenza
ha una discontinuità, qualunque sia il valore di R a cui il passaggio da un tipo di
flusso all'altro avviene.
Un'ultima considerazione può essere fatta in chiusura di questo paragrafo. Il
limite cli stabilità (curva neutra) ottenuta per il flusso in un tubo infinitamente lun-
go ha anche un altro significato. Consideriamo il flusso in un tubo la cui lunghezza
§ 29 INSTABILITÀ DELLE DISCONTINUITÀ TANGENZIALI 127

sia molto ,grande (rispetto al suo diametro) ma finito. Supponiamo che delle concli-
zi9ni al co11tonio siano imposte a ciascuna estremità, specificando cioè il profilo cli
velocità (possiamo immaginare, per esempio, le estremità del tubo chiuse con un
sigillo poroso che crei un profilo uniforme); dovunque, eccetto le estremità del tubo,
il profilo cli velocità imperturbato si può considerare abbia. forma. cli Poiseuille indi-
pendente da x. Per un sistema finito così definito, possiamo porre il problema. della
stabilità rispetto a perturbazioni infinitesime; la procedura generale per stabilire le
condizioni cli questa stabilità globale è descritta in X, § 65. Si può dimostrare che
la curva neutra per un tubo infinito è anche il limite cli stabilità. globale in un tubo
finito, qualunque sia.no le specifiche condizioni al contorno ai suoi estremi s).

§ 29. Instabilità delle discontinu.'ità tangenziali


Il flusso in cui due strati cli fluido incomprimibile si muovono l'uno rispetto
all'altro, l'uno "scivolando" sull'altro, nel caso cli fluido ideale è instabile; la. su-
perficie cli separazione tra i due strati è una super:fiC'iedi discontinuità tangenziale
(H. Helmoltz, 1868; W. Kelvin, 1871). Vedremo nel seguito (§ 35) a quale tipo cli
flusso porti questa instabilità.; per ora dimostreremo l'affermazione.
Se consideriamo un piccolo elemento della. superficie cli discontinuità. e il flusso
del fluido in prossimità. cli esso, possiamo considera.re questo elemento pia.no e le
velocità. del fluido V1 e v2 da. una parte e dall'altra., costanti. Senza perdita cli
generalità. possiamo supporre nulla una cli queste velocità., cosa che è sempre rea-
lizzabile con una. opportuna scelta. del sistema. cli coordinate. Supponiamo quindi
v2 = O e inclichiarno semplicemente v 1 con v; scegliamo come asse :z: la direzione
cli v e come asse z la normale alla superficie.
Supponiamo che la. superficie cli discontinuità. subisca una piccola perturbazione,
in cui tutte le quantità. (le coordinate dei punti della superficie, la pressione e la
velocità. del fluido) sono funzioni periodiche proporzionali a . Consideriamo
il fluido nel lato della superficie in cui la velocità. è v e indichiamo con v' la piccola
variazione cli velocità. dovuta alla perturbazione. In virtù della equazione (26,,1)
(con la costante va = v e u = O), si ha per la perturbazione v' il sistema seguente:
8v' , gradp'
clivv' = O, -+(v-grad)v = ---.
ot P
Essendo v lungo l'asse :1.:,possiamo riscrivere la seconda equazione nella. forma.
8v' 8v' gradp'
-+v-=----. (29,1)
O/; 0.T p

Prendendo la divergenza dei due membri dell'equazione, in virtù cli cliv v' = O, il
primo membro si annulla e si ha. che p' deve soddisfare l'equazione cli Laplace

6.p' = o. (29,2)

Sia ( = ((x, t) lo spostamento lungo l'asse z dei punti sulla. superficie di discon-
ot
tinuità., a seguito della perturbazione. La derivata 8( / è la velocità. cli variazione
S) Si veda A.G. K'll}ikovski, Journal of Applied l'VIathematics and l'VIechanics 32, 100 (1968).
128 TURBOLENZA Cap. III

della coordinata della superficie ç ad un dato x. Poiché la componente d~lla· ve-


locità del fluido normale alla superficie è uguale alla velocità di spostamento della
superficie stessa, abbiamo nell'approssimazione adottata:

8( / 8(
- =V- -V- (29,3)
8t - 8.1.:'
dove per v~ va preso il suo valore sulla superficie stessa.
Cerchiamo p' della forma

p' = .f (z) i(kx-uJt)'


che inserita nella (29,2) dà per .f (z) l'equazione

d2.f - 1,;2f =o
d "'-2 . '

da cui f = costante x e±kc. Supponiamo che lo spazio che si trova nel lato consi-
derato della superficie (lato 1) corrisponda a valori di z positivi. Si dovrà prendere
allora f = costante x e-k=, così che

(29,4)
1
Sostituendo nella componente z della (29, 1), troviamo l

kp~
V~=--~~- (29,5)
ip1 (kv w) ·

Anche lo spostamento ( può essere cercato della forma proporzionale allo stesso
fattore esponenziale ei(k:r-wt), ottenendo dalla (29.:3)

V~ = i( ( kv - W) .

Questo dà, combinando con la (29,5),

, - rpi(kv - w)2
JJ1 - -.., k (29,G)

La pressione v;
dall'altro lato della superficie è data da una formula simile in cui
si dovrà avere v = O e cambiare il segno (dato che in questa regione z < O e tutte
le quantità devono essere proporzionali a é= e 11011 a e-"'=). Quindi

(29,7)

Abbiamo indicato differenti densità Pl e p2 per includere il caso in cui la superficie


separi due fluidi immiscibili.
1
l Il caso kv = w, possibile in principio, non ha interesse per noi in quanto l'instabilità può
presentarsi solo per frequenza complesse.
§ 30 FLUSSO QUASI PERIODICO E SINCRONIZZAZIONE DI FREQUENZA 129

Infine;_uguagliando le pressioni JJ~e JJ; sulla superficie di discontinuità, abbiamo

da cui si ha la relazione cercata tra w e k:

p1±i~
w = kv . (29,8)
P1 + P2
Vediamo che w è una quantità complessa e che si trovano sempre valori di w
con parte immaginaria positiva. Quindi le discontinuità tangenziali sono instabili,
anche per perturbazioni infinitesime 2 ). In questa forma, il risultato vale per vi-
scosità molto piccole. In questo caso, non ha più senso distinguere tra instabilità
di convezione e assoluta, perché quando k cresce la parte immaginaria di w cresce
indefinitamente, così che il fattore di amplificazione della perturbazione durante il
suo trascinamento può essere arbitrariamente grande.
Se si tiene conto della viscosità finita, la discontinuità tangenziale non è più così
netta; la velocità varia da un valore all'altro in uno strato di spessore finito. La
questione della stabilità cli un tale flusso è, dal punto di vista matematico, del tutto
analoga a quella della stabilità del flusso in uno strato limite laminare con un punto
di flesso nel profilo delle velocità (§ 41). I dati sperimentali e numerici indicano
che l'instabilità appare molto presto e, probabilmente, è sempre presente 3 ).

1
§ 80. Fl'U,SSO q'lwsi peTiodico e sincron'izzaz'ione di frequenza l
Nella discussione che segue(§§ 30-32) sarà conveuiente usare particolari rappre-
sentazioni geometriche. Per questo introduciamo il concetto matematico cli spaz'io
degli stat'i per il fluido: in questo spazio ciascun punto corrisponde a una particolare
distribuzione cli velocità (o campo) di velocità nel flniclo. Stati ad istanti adiacenti
corrispondono quindi a punti adiacenti 2 J.
Un flusso stazionario è rappresentato da un punto, e un flusso periodico eia una
curva chiusa nello spazio degli stati; questi sono chiamati rispettivamente punto
lùn'i/;e o vunto crit'ico, e ciclo hrn'ite. Se i flussi sono stabili, allora curve adiacenti
che rappresentano la formazione ciel flusso tendono a un punto o un ciclo limite
quando t -+ oo.

" 1 Se la direzione del vettore d'onda k (nel piano xy) non è la stessa cli v ma è ad un angolo
<p rispetto ad essa, v nella (29,8) è rimpiazzata da v cos 'P, come è chiaro dal fatto che la velocità
imperturbata appare nell'equazione cli Eulero linearizzata solo nella combinazione v · grad. Una
tale perturbazione è anch'essa evidentemente instabile.
:l) Calcoli numerici della stabilità sono stati fatti per flussi piani-paralleli le cui velocità variano
t:rn ±va secondo una legge del tipo v = v 0 tanh (z/h); il numero di Reynolcls è quindi R = v 0 h///.
La curva neutra nel piano /,;R inizia dall'origine delle coordinate, così che per ogni valore cli R
esiste un intervallo cli valori cli k ( che cresce con R) per cui il fluido è stabile.
1
l I §§ 30-32 sono stati scritti in collaborazione con M.I. Rah'inov'ilch.
"l Nella letterat;ura matematica, questo spazio funzionale infinito-dimensionale (o gli spazi
con numero finito di dimensioni che possono rimpiazzarlo in alcnni casi, si veda oltre) è spesso
chiamato spa.z'io delle .fa.s'i. Noi non useremo questo termine, per evitare possibili confusioni con il
sno significato usuale più specifico in fisica.
130 TURBOLENZA Cap. III

Un ciclo (o un punto) limite ha, nello spazio degli stati, un certo dominiò di
attrnz,ione e le traiettorie che iniziano in quella regione alla fine raggiungeranno il
ciclo limite. Per questo, il ciclo limite è chiamato un attrattore. Va sottolineato
che per un flusso in un dato volume e date condizioni al contorno (e un dato valore
di R) si può avere più di un attrattore, ciascuno con il suo dominio d'attrazione.
Questo vuol dire che quando R > Rcr ci può essere più di un regime di flusso
stabile, e i differenti regimi appaiono secondo il modo in cui il valore di R viene
raggiunto. Sottolineiamo che questi vari regimi stabili sono soluzioni di un sistema
di equazioni del moto non lineari 3 ).
Consideriamo ora i fenomeni che appaiono quando il numero di Reyùolds cresce
oltre il valore critico al quale il flusso periodico, discusso nel § 26, è instaurato.
Al crescere di R si raggiunge un punto in cui questo fluido diventa a sua volta
instabile. L'instabilità dovrebbe in principio essere esaminata in modo simile alla
procedura del § 26 per determinare l'instabilità del flusso stazionario originale.
Il flusso imperturbato è ora il flusso periodico v 0 (r, t) di frequenza w1 e nelle
equazioni del moto sostituiamo v = v 0 + v2, dove v 2 è una piccola ccirrezione. Per
v 2 otteniamo ancora un'equazione lineare, ma i coefficienti sono ora funzioni non
solo delle coordinate ma anche del tempo da cui hanno una dipendenza periodica
con periodo T1 = 2rr/w1. La soluzione cli quest'equazione va cercata nella forma

(30,1)

dove II è una funzione periodica del tempo, con lo stesso periodo T1. L'instabilità
appare ancora quando c'è una frequenza w = w2 + i,2 la cui parte immaginaria
1 2 > O; la parte reale w2 dà la nuova frequenza che appare. Durante il periodo
T1 la perturbazione (30,1) cambia cli un fattore 11 =
e-iwT,. Questo fattore vie-
ne chiamato 'moltiplicatore del flusso periodico perché permette cli caratterizzare
semplicemente l'amplificazione o lo smorzamento delle perturbazioni in quel flusso.
Un flusso periodico in un mezzo continuo (un fluido) corrisponde ad un'i11finità cli
moltiplicatori e un'infinità cli possibili perturbazioni indipendenti. Il flusso cessa cli
essere stabile quando R raggiunge Rcr,2 che è il valore per cui uno o più moltipli- ·
catori ha modulo unitario, cioè µ interseca il cerchio unitario nel piano complesso.
Poiché le equazioni sono reali, i moltiplicatori devono intersecare questo cerchio in
coppie complesse coniugate, o singolarmente con valori reali + 1 o -1. La perdita cli
stabilità del flusso periodico è accompagnata da un cambiamento qualitativo par-
ticolare nella struttura delle traiettorie nello spazio degli stati vicino al ciclo limite
ora instabile; questo cambiamento è chiamato biforcazione locale. La natura della
biforcazione è largamente determinata dai punti in cui i moltiplicatori intersecano
il cerchio unitario 4 ).
Consideriamo ora la biforcazione che si ha quando il cerchio unitario è inter-
secato da una coppia di moltiplicatori complessi coniugati che abbiano la forma
3
) Questo accade, ad esempio, quando il flusso di Couette cessa di essere stabile; il nuovo flusso
che si stabilisce dipende infatti dalla storia del processo per cui i cilindri si trovano a ruotare con
quelle particolari velocità angolari.
4
) Un moltiplicatore non può essere zero dato che la pert;urbazione non può sparire in un tempo
finito (un periodo T1).
§ 30 FLUSSO QUASI PERIODICO E SINCRONIZZAZIONE DI FREQUENZA 131

p, = e'f 2,réid dove n è un numero irrazionale, Questo causa l'apparizione di un flusso


secondario COllUlla llUOVafrequenza indipendente W2 = O'.Wl, che porta ad Un flusso
qiiasi periodico con due frequenze incommensurabili. La controparte di questo flus-
so nello spazio degli stati è una traiettoria che forma un avvolgimento aperto su un
toro 5 ) bidimensionale i cui generatori sono i cicli limite, ora instabili; la frequenza
w1 corrisponde alla rotazione intorno alla generatrice e w2 alla rotazione intorno al
toro (fig. 18). Abbiamo visto che, dopo l'apparizione del primo flusso periodico,
il flusso aveva un solo grado cli libertà mentre ora abbiamo due quantità (le fasi)
arbitrarie, il che .significa che ora il flusso ha due gradi di libertà. La perdita di
stabilità cli un flusso, accompagnata dall'apparizione di un toro bidimensionale, è
un fenomeno tipico della dinamica dei fluidi.
Consideriamo una possibile com-
plicazione del flusso risultante da
una biforcazione, quando il numero
di Reynolds continua ad aumentare,
R > Rcr,2· È ragionevole supporre che,
quando R continua a crescere, appaiano
progressivamente nuovi periodi. In ter-
mini di rappresentazioni geometriche,
questo significa la perdita di stabilità
del toro bidimensionale e la formazione
vicino ad esso di un toro triclimensiona- Fig. 18
le seguito da una ulteriore biforcazione
ed il suo rimpiazzo con toro quadridimensionale, e così via. Gli intervalli tra i nu-
meri cli Reynolcls che corrispondono alle apparizioni successive cli nuove frequenze
diventa più piccolo e i flussi sono su scale via via più piccole. Il flusso allora ac-
quista rapidamente una forma confusa e complicata e viene definito hlirbolento, in
contrasto al flusso regolare lnrninnre, in cni il flnido si mnove come fosse composto
cli strati, ciascuno con velocità differente.
Assumiamo che questo modo (o scenario) di sviluppo della turbolenza sia real-
mente possibile 6 l; scriviamo la forma generale della funzione v(r, t) la cui dipen-
denza temporale è governata da un certo numero N cli differenti frequenze w;. Essa
può essere considerata una funzione di N fasi differenti <p;
= Wit + /3;(e delle coor-
dinate), periodica in ciascuna cli esse con periodo 27T. Questa funzione può essere
espressa come una serie

v(r, t) = L Ap 1 p 2 .•• pN (r) exp {-itp,<p;}, (30,2)

che è una generalizzazione della (26,13), in cui la somma è estesa a tutti gli interi
Pl, p2, ... , p N. Il flusso che questa formula descrive, dipende da N fasi arbitrarie

5
) Usiamo la terminologia matematica in cui toro indica una superficie senza il volume incluso.
Quindi un toro bidimensionale è la superficie bidimensionale cli un anello tridimensionale.
G) È stato proposto eia LD. Landa,'11,
(1944) e indipendentemente da E. Hopf (1948).
132 TURBOLENZA èap. III

{J;; ha, dunque, N gradi di libertà 7 ).


Gli stati le cui fasi differiscono solo per un 1miltiplo intero di 27r sono fisicamen-
te identici. I valori effettivamente differenti per ciascuna fase sono nell'intervallo
O :S:'Pi ::; 27f. Consideriamo due fasi 'Pl = w1t + fJ1 e rp2 = w2t + fJ2. Ad un certo
istante, supponiamo 'Pl = a. Allora 'Pl avrà lo "stesso" valore a ad ogni tempo
a - fJ1 1
t = ---
W1
+ 27fs-.W1,
con s intero qualunque. A questi stessi tempi,
W0
'P2 = fJ2 + _::(a fJ1 + 27rs) .
W1

Le differenti frequenze sono incommensurabili e quindi w2/ w1 è irrazionale. Se ridu-


ciamo ogni valore di 'P2 all'intervallo tra O e 27r, sottraendo l'appropriato multiplo
intero di 27f, troviamo che, quando s varia tra O e oo, rp2 assume valori indefini-
tamente vicini a qualunque numero in quell'intervallo. Questo vuol·dire che, nel
corso di un tempo sufficientemente lungo, 'Pl e rp2 prendono simultaneamente valori
indefinitamente vicini ad ogni particolare coppia di valori. Lo stesso è vero per ogni
fase. In questo modello di turbolenza quindi, in un tempo sufficientemente lungo, il
fluido passa attraverso stati indefinitamente vicini a ogni particolare stato definito
da qualunque insieme possibile di valori simultanei delle fasi rp;. Il tempo perché
questo accada, comunque, cresce molto rapidamente con N e diventa così grande
che in pratica non resta alcuna traccia di periodicità S).
Si deve sottolineare che lo sviluppo della turbolenza sopra descritto è essen-
zialmente basato su un trattamento lineare. È stato infatti assunto che, quando
appaiono soluzioni periodiche dovute all'evoluzione cli instabilità secondarie. la so-
luzione periodica preesistente non sparisca, ma che, al contrario, rimanga quasi
inalterata.. In questo modello, il flusso turbolento è solo la sovrapposizione di un
gran numero di queste soluzioni inalterate. In generale, tuttavia, la natilra delle
soluzioni cambia quando il numero cli Reynolcls cresce ed esse cessano di essere
stabili. Le perturbazioni interagiscono e questo può sia semplificare che complicare
il flusso. Illustriamo la prima possibilità.
Prendiamo un caso semplice supponendo che la soluzione perturbata contenga
solo due frequenze indipendenti. Come detto precedentemente, la rappresentazione
di questo flusso è un avvolgimento aperto su un toro bidimensionale. Una pertur-
bazione con frequenza w1 che appare a R = Rcr,1 può essere naturalmente supposta
più forte quando ci si avvicina a R = Rcr,2 (dove appare la perturbazione con
frequenza w2) e quindi considerata non modificata per cambiamenti relativamente
7
l Se consideriamo le fasi <p; come coordinate che descrivono la traiett;oria sn un toro bidi-
mensionale, le velocità corrispondenti sono costanti <p;= Wi, Per questa ragione, il flusso quasi
periodico può essere descritto come un moto su un toro con velocità costante.
S) In 1111 flusso turbolento instaurato di questo tipo, la probabilità che il sistema (il fluido) si
trovi in un piccolo volume dato, vicino ad un punto scelto nello spazio delle fasi cp1 <pc, ... , <p,v, è
data dal rapporto tra questo volume (li<p),v e il volume totale (2,r),v. Possiamo quindi dire che,
nel corso di un tempo sufficientemente lungo, il sistema si troverà. in un intorno di un dato punto
solo per una frazione e-,N dove li= ln(21r/6cp).
§ 30 FLUSSO QUASI PERIODICO E SINCRONIZZAZIONE Dl FREQUENZA 13;3

piccoli di .R intorno a Rcr,2· Allora, per descrivere l'evoluzione della perturbazione


cqn frequenza w2 in presenza di un flusso periodico di frequenza W1predominante,
usiamo una nuova variabile

(30,3)

la2I è la distanza più breve dalla generatrice del toro (il ciclo limite ora instabile
per la frequenza w1), cioè l'ampiezza relativa del flusso periodico secondario e 'P2 è
la sua fa.se. Consideriamo il comportamento di a2 (t) a istanti discreti multipli del
periodo T1 = 211/ w1. Durante un periodo, la perturbazione di frequenza w2 cambia
di un fattore µ., dove
µ = lµI exp (-211iw2/w1)
è il suo moltiplicatore; dopo un numero intero T di questi periodi, a 2 è moltiplicato
per µ.T. Assumiamo che R.- Rcr sia piccolo; il fattore di crescita della perturbazione
è allora anch'esso piccolo e lµl -1 è positivo ma piccolo, così che a2 cambia di poco
in un periodo T 1; la fase 'P2 va.ria in modo proporziona.le a T. Possiamo quindi
trattare la variabile discreta T come fosse continua e rappresenti la variazione di
a 2 (T) per mezzo di un'equazione differenziale in T.
Il concetto di moltiplicatore si riferisce a intervalli di tempo molto piccoli dopo
l'apparizione dell'instabilità, quando si può ancora descrivere la perturbazione con
equazioni lineari. In questo intervallo, a2 ( T) varia. come µ.T e

appena sopra il numero di Reynolds critico,


W·,
ln p. = In 1111 l - 211i_::_. (30,4)
W1
Questo è il primo termine di uno sviluppo cli da2/ clT in potenze cli 0.2 e at quando
la,2I cresce (rimanendo comunque piccolo), il termine seguente dello sviluppo va
considerato. Il termine che contiene lo stesso fattore oscillante e-i<pe è quello del
terzo ordine cx a2 la,2l2. Abbia.mo quindi

(30,5)

dove (32, come ~i, è un parametro complesso che dipende da R, con Re/32 > O (cfr.
la. discussione analoga riguardo ali' equazione (26, 7)). La parte rea.le del!' equazione
dà immediatamente il valore staziona.rio del modulo:

(0)12-~
Ia2 - R.e/32 .

La. parte immaginaria dà un'equazione per la fa.se 'P2 (T); con il valore stazionario
del modulo dato sopra., essa è:

cll.f)2 W2 (O) 2
- - = 211- + la 2 I Im (32. (30,6)
1
l.T W1
134 TURBOLENZA Cap. III

Secondo questa equazione, 'Pz ruota a velocità costante. Questa proprietà è


in effetti valida solo nell'approssimazione considerata: quando R - Rcr cresce, la
rotazione non è più uniforme e la velocità di rotazione sul toro diviene essa stessa
funzione di tp2. Per tenere questo in considerazione, aggiungiamo al secondo mem-
bro della (30,6) una piccola perturbazione <D(tp2); poiché tutti i valori fisicamente
differenti cli tp2 sono nell'intervallo da O a 21r, <D('P2) è periodica cli periodo 21r.
Approssimiamo poi il rapporto irrazionale w2/w 1 con una frazione razionale (cosa
che può essere fatta con grado cli accuratezza arbitrario): w2/w 1 = m2 /m1 +6/21r,
dove m 1 e in 2 sono interi. L'equazione allora diventa

dtp0 7719 (O) 9


- - = 21r-- + 6 +
lT1 'ln1
Ja0
-
J-Im /32 + <D(tp2 ). (30,7)

Ora consideriamo i valori della fase solo a tempi multipli cli m 1T 1 , cioè per valori
cli r = m 17', dove T è un intero. Il primo termine del secondo membro della
(30,7) porta, in un tempo m 1 T 1 , ad una variazione della fase di 2mn 2 , cioè di un
multiplo intero cli 21r, che può essere omesso. Tutto il secondo membro è quindi una
quantità piccola, così che la variazione della funzione 'P2 (7') può essere descritta da
un'equazione differenziale nella variabile continua 7':

(30,8)

per un incremento cli un passo della variabile discreta 7', tp2/n1,1 cambia molto poco.
Nel caso generale, la (30,8) ha soluzioni stazionarie 'P2 = 'Pg quando il secondo
membro dell'equazione è nullo. Il fatto che 'P2 sia costante per tempi che sono
multipli cli ·m1T1 significa che c'è un ciclo limite sul toro: la traiettoria si chiude
dopo ·m1 giri. Poiché <D( 'P2) è periodica, queste soluzioni appaiono in coppie (una
sola coppia è il caso più semplice): una sulla parte ascendente ed un'altra sulla
parte discendente della funzione CD(tp2). Di queste due soluzioni, solo la seconda è
stabile; per quest'ultima la (30,8) ha, in prossimità cli 'P2 = 'Pg, la forma

dtp2 = -costante
-z- x (tp2 - 'Pzo) ,
C.T

con la costante positiva; c'è infatti una soluzione che tende a 'P2 = tp~; la seconda
soluzione è instabile con la costante negativa.
La formazione cli un ciclo limite stabile sul toro è equivalente ad una sincroniz-
zazione di freqv.enza., cioè la sparizione del regime quasi periodico e l'instaurazione
cli un nuovo regime periodico. Questo fenomeno, che in un sistema con molti gradi
di libertà può accadere in vari modi, previene che esista un flusso che sia una sovrap-
posizione cli flussi con un gran numero di frequenze incommensurabili. In questo
senso possiamo dire che la probabilità che si presenti lo scenario cli Landau-Hopf è
molto piccola; questo naturalmente non vuol dire che in particolari situazioni varie
frequenze incommensurabili non possano apparire prima che la sincronizzazione
avvenga.
§ 31 ATTRATTORI STRANI 135

§ 31. At;t1'attoT'Ì stran'i


Non e·siste ancora una. teoria. completa. dell'origine della. turbolenza. nei vari
tipi cli flusso. Diversi scenari sono sta.ti proposti per il processo in cui il fiusso
diventa. disordinato, principalmente per mezzo di studi numerici a.l computer cli
modelli di equazioni differenziali, in parte confermati da risultati sperimentali. Lo
scopo della discussione in questo paragrafo e nei seguenti è cli presenta.re queste
idee senza andare nei dettagli dei risultati di questi studi. Ricordiamo solo che i
risultati sperimeI).tali si riferiscono a flussi in volumi ristretti e questi sono i flussi
che saranno considerati nel seguito l).
Per comincia.re, va fotta. un'importante considerazione generale. Nell'analisi del-
la stabilità del flusso periodico, sono rilevanti solo quei moltiplicatori i cui moduli
sono vicini a 1, perché sono i soli che possono intersecare il cerchio unitario quando
R cambia cli poco. Nel flusso viscoso, il numero cli questi moltiplicatori "pericolo-
si" è sempre finito per la ragione seguente. I vari tipi (o modi) cli perturbazione
permessi dalle equazioni del moto hanno scale spaziali differenti, cioè distanze su
cui v 2 varia sensibilmente. Quanto più la scala del moto è piccola, tanto più i
gradienti cli velocità sono importanti e tanto più la viscosità si oppone al flusso. Se
i modi permessi sono disposti in ordine cli scala decrescente, solo un numero finito
dei primi tra loro può essere "pericoloso"; quelli sufficientemente lontani dall'inizio
della. sequenza saranno sicuramente fortemente smorzati e corrispondono a molti-
plicatori con piccolo modulo. Questo ci pennette si supporre che i tipi possibili
cli instabilità del flusso periodico viscoso possano essere analizzati essenzialmen-
te nello stesso modo cli un sistema meccanico discreto dissipativo descritto da un
numero finito cli varia.bili; cla.l punto di vista. iclroclina.mico, queste possono essere,
ad esempio, le ampiezze delle componenti dello sviluppo di Fourier del campo cli
velocità rispetto alle coordinate. Lo spazio degli stati ha cli conseguenza un numero
finito cli dimensioni.
Matematicamente, dovremo considerare la variazio11e temporale cli un sistema
rappresentato da equazioni della forma
:ic(t)=F(x), (31,1)
dove x (t) é un vettore nello spazio delle n quantità :r:(l), x( 2 ), ... , x(n), che descrive
il sistema; la funzione F dipende da un parametro la cui variazione può alterare la
natura del flusso 2 ). Per un sistema dissipativo, la divergenza cli :icnello spazio delle
x è negativa; questo esprime la contrazione dei volumi in questo spazio durante il
moto 3 )
[jp(i)
cliv :ic= cliv F = ,:;---(.·)
ux /,
< O. (31,2)
~~~~~~~~~~~~~~~-

l) Ci occuperemo infatti di convezione in volumi limitati e di flusso di Couette tra cilindri


coassiali di lunghezza finita. Le idee teoriche riguardo al meccanismo di formazione della turbo-
lenza nello strato limite e nella scia nel flusso attorno a corpi finiti non sono ancora st;ate molto
sviluppate, nonostante la gran quantità di dati speriment;ali disponibili.
2
) In termini matematici, F è il campa vettoriale del sistema. Se non dipende esplicitamente
dal tempo, come nella (31,1) il sistema è detto a:utonomo.
3
) Per un sistema meccanico Hamiltoniano, la divergenza è nulla per il teorema di Liouville; le
componenti di x sono in questo caso le coordinate generalizzate q ed i momenti p del sistema.
136 TURBOLENZA Cap. III

Torniamo ora ai risultati possibili dell'interazione tra flussi di periodo diveÌ·so.


La sincronizzazione di frequenza semplifica il flusso; ma l'interazione può elimi-
nare la quasi periodicità in modo tale da rendere notevolmente più complicata la
situazione. Finora abbiamo tacitamente assunto che, quando il flusso periodico
diviene instabile, appaia un flusso periodico addizionale. Questo, in effetti, non è
assolutamente obbligatorio. Se le ampiezze delle fluttuazione della velocità sono
limitate, questo significa solamente che c'è un volume limitato nello spazio degli
stati che contiene le traiettorie corrispondenti al flusso viscoso stazionario, ma non
possiamo dire a priori quale sarà la struttura dell'insieme delle traiettsirie in quel
volume. Potrebbero tendere ad un cerchio limite o ad un avvolgimento aperto sul
toro (corrispondenti ad un flusso periodico o quasi periodico), oppure potrebbero
comportarsi in modo decisamente differente, prendendo una forma complicata e
confusa. Questa possibilità è estremamente importante per la nostra comprensione
della natura matematica della formazione della turbolenza e della spiegazione dei
suoi meccanismi.
Ci si può fare un'idea della forma complicata e confusa delle traiettorie nel vo-
lume limitato che le contiene, assumendo che tutte le traiettorie nel volume siano
instabili. Possono presentarsi non solo cicli instabili ma anche traiettorie aperte
che si avvolgono indefinitamente nella regione limitata senza uscirne. L'instabilità
significa che due punti molto vicini tra loro nello spazio degli stati, si allontane-
ranno molto muovendosi lungo le rispettive traiettorie; punti inizialmente vicini
potrebbero anche appartenere alla stessa traiettoria, dato che il volume è limita-
to e una traiettoria aperta può passare indefinitamente vicino a se stessa. Que-
sto comportamento complicato ed irregolare delle traiettorie è associato al flusso
turbolento.
Questa descrizione ha una caratteristica ulteriore: la sensibilità del flusso a pic-
coli cambiamenti delle condizioni iniziali. Se il fluido è stabile, una piccola. indeter-
minazione nell'assegnazione di queste condizioni portano ad una indetenn.inazione
simile nello stato finale. Se il flusso è instabile, l'indeterminazione inizia.le cresce
col tempo e lo stato finale del sistema. non può essere predetto (N.S. Krylov, 194,!;
M. Born, 1952).
Un insieme attrattivo di traiettorie instabili nello spazio degli stati di un sistema.
dissipativo in effetti può esistere (E.N. Lorenz, 1963), ed è in genere chiamato
attrattore stocastico o attrnt/;ore strano 4 ).
A prima vista, la richiesta che tutti le traiettorie appartenenti all'attrattore sia-
no instabili sembra incompatibile con la richiesta. che tutte le traiettorie adiacenti
tendano ad esso quando t -+ oo, dato che l'instabilità implica che le traiettorie si
allontanino. L'apparente contraddizione si risolve notando che le traiettorie pos-
sono essere instabili in una certa direzione nello spazio degli sta.ti e stabili (cioè
attrattive) in un'altra. In uno spazio degli sta.ti n-dimensiona.le le traiettorie ap-
4
) Al contrario di un attrattore ordinario (cicli limite stabili, punti limite e così via); la parola
"strano" riflette la complessità della sua struttura che verrà discussa nel seguito. Nella letteratura.
fisica, "attrattore strano" denota varietà attrattive più complica.te che contengono sia. tra.iett;orie
sta.bili che instabili, ma. con domini di attrazione così piccoli da risultare non rivela.bili negli
esperimenti fisici o numerici.
§ 31 ATTRATTORI STRANI 137

partenenti· ad un attrattore strano non possono essere instabili in tutte le n 1


cUrezioni (una delle direzione è quella lungo la traiettoria), perché questo porte-
rebbe ad un aumento continuo del volume iniziale dello spazio degli stati, che non
è possibile per un sistema dissipativo. Ne segue che traiettorie adiacenti tendono
alle traiettorie attrattive in certe direzioni e se ne allontanano in altre (instabili);
si veda la figura 19. Queste sono chiamate traiettorie di sella, ed è l'insieme delle
traiettorie di sella che forma l'attrattore strano.
L'attrattore strano può apparire dopo solo poche biforcazioni formando nuovi
periodi: anche una non linearità infinitesima può eliminare un regime quasi pe-
riodico (un avvolgimento aperto sul toro) e formare un attrattore strano sul toro
(D. Rouelle e F. Tak:ens 1971). Comunque questo non può accadere alla seconda
biforcazione (a partire dalla fine del regime stazionario). A questa biforcazione
si forma un avvolgimento aperto
sul toro bidimensionale. Quando Traiettoria
una piccola non linearità viene pre- clisella
sa in considerazione, il toro conti-
mm ad esistere, di modo che l'at-
trattore strano può formarsi. Ma
una superficie bidimensionale non
può contenere un insieme attrattivo
di traiettorie instabili perché le tra-
iettorie nello spazio degli stati non Fig. 19
possono intersecarsi tra loro (o con
se stesse); questo violerebbe il principio di causalità nel comportamento dei sistemi
classici secondo cui lo stato di un sistema ad ogni istante determina univocamen-
te il suo comportamento agli istanti successivi. Su una superficie bidimensionale
l'impossibilità cli intersecarsi rende le traiettorie così ordinate da non poter essere
sufficientemente caotiche.
Alla terza biforcazione un attrattore strano può (anche se non necessariamente)
formarsi. Questo attrattore, che rimpiazza il regime quasi periodico a tre frequenze,
si trova su un toro tridimensionale (S. Newho'U,se, D. Rouelle e F. Tak:ens, 1978).
Le traiettorie complicate e confuse in un attrattore strano si trovano in un
volume limitato nello spazio degli stati. Non esiste ancora una classificazione nota
dei possibili tipi di attrattore strano che si possono presentare nei problemi reali
cli dinamica dei fluidi; non si ha nemmeno un insieme di criteri su cui una tale
classificazione debba essere basata. Le informazioni disponibili sulla struttura degli
attrattori strani provengono essenzialmente dallo studio dei casi che si presentano
nella soluzione al calcolatore di modelli di sistemi di equazioni differenziali ordinarie
piuttosto differenti da quelle che si presentano nella dinamica dei fluidi. È tuttavia
possibile trarre delle conclusioni generali sugli attrattori strani che provengono da
instabilità delle traiettorie di sella e sulle proprietà dissipative del sistema.
Per chiarezza ci riferiremo ad uno spazio degli stati tridimensionale ed imma-
gineremo l'attrattore in un toro bidimensionale. Consideriamo un fascio di traiet-
torie, che si dirigono verso l'attrattore; queste traiettorie descrivono un regime di
flusso transiente che porta all'instaurazione di una turbolenza "stazionaria". In
138 TURBOLENZA Ca.p. III

una. sezione trasversa. del fascio le traiettorie, o piuttosto le loro tracce, ocçupàno
una. certa. a.rea.; vediamo come questa. varia. in forma. e dimensione lungo le traietto-
rie. Notiamo che l'elemento di volume vicino una. traiettoria. di sella. si espande in
una. direzione trasversa. e si contrae nell'altra; essendo il sistema. dissipativo, que-
st'ultimo effetto è più forte e il volume deve decrescere. Queste direzioni devono
variare lungo le traiettorie altrimenti si allontanerebbero troppo e si avrebbe un
cambiamento troppo grande nella velocità del fluido. Il risultato netto è che la
sezione trasversa diventa più piccola e il fascio si appiattisce e si incurva. Ciò si
applica non solo all'intera superficie ma. ad ogni suo elemento di area. La sezione
del fascio dunque si separa in zone contenute l'una nell'altra separate dà vuoti. Nel
corso del ternpo (cioè lungo la traiettoria) il numero delle zone cresce rapidamente
ed esse diventano più piccole. L'attrattore che si forma quando t -+ oo consiste
di una varietà non numerabile di strati che non sono in contatto tra loro, le cui
superfici contengono le traiettorie di sella (le cui direzioni attrattive sono orienta.te
verso l'esterno rispetto all'attrattore). Questi strati sono uniti in modo complicato
ai loro lati ed alle loro estremità; ciascuna. traiettoria. che appartiene· all'attrattore
vaga attraverso tutto lo strato e, nel corso di un tempo sufficientemente lungo, pas-
sa indefinitamente vicino ad ogni punto dell'attrattore (proprietà di ergodicità). Il
volume totale degli strati e l'area delle loro sezioni trasverse sono zero.
In termini matematici, queste varietà in una delle direzioni, sono insiemi di
Cantar. La struttura di Cantar è la proprietà più caratteristica dell'attrattore e
più in genera.le di uno spazio degli sta.ti a. n dimensioni (n > 3).
Il volume dell'attrattore stra.no nel suo spazio degli sta.ti è sempre zero. Può
tutta.via. essere non nullo in un altro spazio di numero cli dimensioni inferiore.
Questo spazio si trova. come segue. Dividiamo l'intero spazio a. n dimensioni in
piccoli cubi di spigolo e e volume én. Chiamiamo N(c) il minimo numero cli cubi
che ricopre completa.mente l'attrattore. Definiamo dimensione dell'attrattore D il
limite 5 )
. lnN (e)
D=hmc-+0 1n ( 1/ é ). (31,3).

L'esistenza. di questo limite significa. che il volume dell'attrattore nello spazio D-


dimensiona.le è finito: quando e è piccolo, N (e) ~ V cD (dove V è una. costante),
e N (e) può essere visto come il numero di cubi JV-dimensionali che ricoprono il
volume V nello spazio D-dimensiona.le. La dimensione, se definita. con la. (31,3),
non può evidentemente supera.re le dimensioni n tota.li dello spazio, ma. ne deve
essere minore e, a differenza della. dimensione ordina.ria., può essere non intera.,
come acca.de per gli insiemi di Ca.ntor 6 ).

5
) Questo è uoto in matematica come la capacità limite della varietà. La sua definizione è
simile a quella della dimensione di Hausdorff o frattale.
5
) I cubi n-dimensionali che ricoprono l'insieme possono essere "quasi vuoti", e per questa
ragione possiamo avere D < n. Per gli insiemi ordinari, la. definizione (31,3) dà risulta.ti ovvi. Per
esempio, per un insieme di N punti isola.ti, N (1c) = N e D = O; per un segmento di re(;(;a.di
lunghezza L, N (1c)= L/c e D = 1; per un'area. di superficie bidimensionale A, N (e) = S/c~ e
D = 2 e così via.
§ 31 ATTRATTORI STRANI 139

È importante notare che, se si è già stabilito un flusso turbolento (l'attrattore


strano è stato raggiunto), allora il flusso in un sistema dissipativo (un fluido visco-
so) è, in principio, uguale ad un flusso stocastico cli un sistema non dissipativo con
uno spazio delle fasi cli dimensionalità inferiore. Questo perché, per un flusso sta-
zionario, la dissipazione viscosa cli energia è compensata, nella media su un tempo
lungo, dall'energia che proviene dal flusso medio (o da qualche altra sorgente cli di-
sequilibrio). Di conseguenza, se seguiamo lo sviluppo nel tempo cli un elemento cli
"volume" che appartiene all'attrattore (in uno spazio la cui dimensione è determi-
nata da quella dell'attrattore), esso sarà conservato in media, con la compressione
in certe direzioni compensata dall'estensione dovuta alla divergenza cli traiettorie
adiacenti in altre dimensioni. Questa proprietà può essere usata per ottenere una
stima differente della dimensione dell'attrattore.
Poiché il moto sull'attrattore strano è ergodico, le sue proprietà medie possono
essere stabilite analizzando il moto lungo una traiettoria instabile appartenente al-
l'attrattore nello spazio degli stati. Assumiamo cioè che una traiettoria individuale
riproduca le proprietà dell'attrattore a condizione che il moto lungo essa duri un
tempo sufficiente.
Supponiamo che x = x 0 (t) sia l'equazione cli questa traiettoria, cioè una solu-
zione della (31,3). Consideriamo la deformazione cli un elemento cli volume "sferico"
mentre si muove lungo questa traiettoria. La deformazione è data dall'equazione
(31,1) linea.rizzata rispetto alla differenza ç = x - xo (t), cioè la deviazione della
traiettorie adiacenti a quella considerata. Queste equazioni, scritte in termini delle
componenti, sono

(31,4)

Nel moto lungo la traiettoria, l'elemento cli volume è compresso in certe direzioni ed
espanso in altre rendendo la sfera un ellissoide. Sia le direzioni che le lunghezze dei
semiassi variano; prendiamo queste ultime essere ls (t), dove s indica le direzioni.
Si chiamano ind'ici ca,mtteristici di Lyap'll,nov i valori dei limiti seguenti:

. 1 l 8 (t)
Ls = t ln -1, (O) ,
h~11 -
t~co
(31,5)

dove l (O) è il raggio della sfera originaria, ad un tempo arbitrariamente scelto t = O.


Le quantità così determinate sono reali e uguali in numero alla dimensione n dello
spazio. Una cli esse è zero (e corrispcnde alla direzione lungo la traiettoria) 7 ).
La somma degli indici cli Lyapunov dà la variazione media, lungo la traiettoria,
dell'elemento cli volume nello spazio degli stati. La variazione locale relativa del vo-
lume in ogni punto nella traiettoria è data dalla divergenza clivx = clivç = Aii (t).
7
J Naturalmente, la soluzione della (31,4), con condizioni iniziali a t = O assegnate, rappresenta
veramente una traiettoria adiacente solo se la distanza l., (t) rimane piccola. Questo, comunque,
non toglie validità alla (31,5), che prevede tempi indefinitamente lunghi: per ogni t grande pos-
siamo sempre scegliere l (O) così piccolo che l'eqnazione linearizzata resti valida per tutto il tempo
considerato.
140 TURBOLENZA Cap. III

Si può dimostrare che la divergenza media lungo la traiettoria è 8)

fon -
1
t-+oo T.
lt
O
cliv E,dt = L Ls.
n
(31,6)
s=l

Per un sistema dissipativo, questa somma è negativa, cioè i volumi in uno spazio
degli stati n-climensionale si contraggono. La dimensione dell'attrattore strano è
definita in modo che, nel "suo spazio, i volumi si conservino in media. Per fare
questo, ordiniamo gli indici cli Lyapunov nell'ordine L1 2: L2 2: ... 2: Ln e conside-
riamo tante direzioni stabili quante sono necessarie per compensare Ie dilatazioni
per mezzo cli compressioni. La dimensione clell'attratt01'e D L così definita è com-
presa tra rn e m + 1, dove m è il numero cli indici nella sequenza, la cui somma è
ancora positiva, ma diventa negativa se si ag·giunge Lm+l 9 ). La parte frazionaria
cli D L = m + d (d < 1) si trova da
m

L Ls + Lm+l d = O (31,7)
s=l

(F. Ledrnppier, 1981). Dato che nel calcolo cli d consideriamo solo le direzioni
meno stabili (omettendo i valori negativi cli Ls che sono i più grandi in modulo,
alla fine della sequenza), la stima D L della dimensione è in genere per eccesso.
Questa stima dà, in principio, il modo cli determinare la dimensione dell'attrattore
da misure sperimentali della dipendenza dal tempo delle fluttuazioni della velocità
nel flusso turbolento.

§ 82. Transi;àone alla lwrbolenza per mdcloJJp'Ìodel periodo


Studiamo ora la perdita. di stabilità di un flusso periodico quando il moltiplica-
tore passa per -1 o + 1.
In uno spazio degli stati n-climensionale, n - 1 moltiplicatori determinano il
comportamento delle traiettorie nelle n - 1 differenti direzioni vicino alla traiettoria
periodica considerata (queste direzioni sono diverse dalla direzione della tangente
in ciascun punto della traiettoria). Supponiamo che un moltiplicatore vicino a ±1
corrisponda alla I-esima direzione. Gli altri n - 2 moltiplicatori sono piccoli in
modulo e quindi tutte le traiettorie nelle corrispondenti n 2 direzioni nel cor-
so del tempo si avvicineranno ad una superficie bidimensionale I: che contiene la
Z-esima direzione e la direzione delle tangenti cli cui sopra. Si può dire che vicino
al ciclo limite lo spazio degli stati è quasi bidimensionale quando t --+oo (non può
essere strettamente bidimensionale dato che le traiettorie sono su ciascun lato di Z::
e possono passare da un lato all'altro). Supponiamo che il fascio delle traiettorie
vicine a I: sia tagliato da una superficie u. Ogni traiettoria, passando ripetuta-
mente attraverso u, determina, dato il punto iniziale cli intersezione Xj, il punto
81 Si veda V.I. Oselede/;s, Transactions of the lV!oscow Mathemat;ical Society 19, 107 (1968) (in
russo).
D) Includere l'indice di Lyapunov uguale a zero aggiunge a D1.,il contributo +l, che corrisponde
alla dimensione lungo la traiettoria.
§ 32 TRANSIZIONE ALLA TURBOLENZA PER RADDOPPIO DEL PERIODO 141

di intersezione seguente Xj+l· La relazione Xj+l = f(xj; R) è chiamata mappa di


Poinca:rd; essa dipende da R, in questo caso il numero di Reynolds l), il cui valo-
re determina la vicinanza alla biforcazione dove il flusso periodico cessa di essere
stabile. Dato che tutte le traiettorie sono vicine a I;, l'insieme dei punti dove esse
incontrano u è quasi unidimensionale e può essere approssimato da una linea; la
mappa di Poincaré diventa la trasformazione unidimensionale

(32,1)

con x semplicemente una coordinata lungo la linea 2 ). La variabile discreta j agisce


come il tempo misurato in unità del periodo del flusso.

(a)
Ciclo slubilc
Ciclo instabile

Fig. 20

La mappa (32,1) dà un metodo alternativo per determinare la natura del flusso


in prossimità della biforcazione. Il flusso periodico stesso corrisponde ad 1111 punto
.fisso della trasformazione (32,1), cioè il valore .1:.i = .i:,,, che è inalterato dall'ap-
plicazione della mappa, cioè per cui :r.i+l = :r:i. Il moltiplicatore è la derivata
p. = dx:i+i/dx.i presa a x.i = .1;,," I punti Xj =:i:,,,+ ç in prossimità di :r.1, sono tra-
sformati in Xj+J ~ x* + p,ç. Il punto fisso è stabile (ed è un attrattore della mappa)
se Jp,I < 1: iterando la mappa e iniziando da un punto vicino a x*, ci avviciniamo
asintoticamente ad esso, secondo la legge Jpf dove r è il numero di iterazioni. Se
Jp.J > 1, il punto fisso è instabile.
Studiamo ora. la perdita. di stabilità del flusso periodico quando il moltiplicatore
passa per -1. L'equazione f-l = -1 significa. che la perturbazione iniziale cambia
segno dopo un tempo T 0 , rimanendo della stessa grandezza; dopo un ulteriore tem-
po To essa ritorna al suo valore originario. Quindi un passaggio di p. per -1, vicino
ad un ciclo limite cli periodo To, crea un nuovo ciclo limite cli periodo 2To (una
b'iforca.zione con raddoppio del periodo) 3 ). La. figura. 20 dà una. rappresentazione

l) O numero di Rayleigh nel caso di convezione termica (§ 56).


2
l In questo paragrafo x non ha nulla a. che vedere con la coordinata nello spazio fisico.
3
l In questo paragrafo il periodo base (quello ciel flusso periodico iniziale) è indicato con To non
con T 1. I numeri di R.eynolds critici che corrispondono a biforcazioni con raddoppio ciel periodo
saranno indicate con R.1 , R.2, ... , senza l'indice cr (R.1 rimpiazza Rcc,2 usato in precedenza).
142 TURBOLENZA CR.p. III

convenziona.le cli due cli queste biforcazioni successive; le .curve continue nel dia-
gramma. a e b mostra.no i cicli limite sta.bili 270 e ,1T0 , le curve tratteggia.tè i cicli
limite divenuti instabili.
Se prendiamo il punto fisso della. mappa. di Poincaré come x = O, la. mappa. che
descrive la. biforcazione con raddoppio del periodo, nelle sue vicinanze, può essere
espressa. con lo sviluppo

XJ+1 = - [l + (R- R1)] Xj + x7+ f3x], (32,2)

dove j3 > O 4 ). Per R < R 1 il punto fisso x* = O è sta.bile; per ·R > R 1 è


instabile. Per poter vedere come avviene il raddoppio del periodo, dobbiamo itera.re
la. mappa. (32,2) due volte, cioè considera.ria. dopo due passi (due unità di tempo)
e determina.re i punti fissi della. nuova. mappa.; se ne esistono e sono sta.bili, essi
corrispondono al ciclo di periodo doppio. La. doppia iterazione della trasformazione
(32,2) dà (con l'accuratezza necessaria rispetto alle quantità piccole ,cj e R - R 1 )
la mappa
(32,3)

Questa. mappa ha sempre il punto fisso ;r;,,,= O. Quando R < R1 1 questo punto è
unico ed è stabile con il moltiplicatore ld.1:J+2/clx.i I < l; per un flusso con periodo 1
(in unità cli To), l'intervallo cli tempo 2 è ugualmente un periodo. Quando R = R1,
il moltiplicatore è + 1 e quando R > R 1 il punto x* = O diventa instabile. A questo
sta.dio si forma una coppia. di punti fissi stabili,

.(1),(2) _
X* -
±JR
-+ 1
R1
j3 ' (32,4)

che corrisponde ad un ciclo limite stabile cli periodo doppio 5 l; la trasfo1;mazione


(32,3) lascia. ognuno di questi punti nella sua posizione, mentre la (32,2) cambia
l'uno nell'altro. Va sottolineato che il ciclo cli singolo periodo non sparisce a questa ·
biforcazione, ma rima.ne una soluzione (instabile) dell'equazione del moto.
Vicino alla biforcazione, il moto è ancora "quasi periodico" con periodo unitario;
i punti xi d
1
le
2
l a cui le traiettoria tornano sono vicini tra loro. L'intervallo che li
separa, xFl- xil, 2
è mm misura dell'ampiezza. delle oscillazioni di periodo 2; essa
cresce come JR2 - R1 1 similmente alla crescita (26,10) dell'ampiezza ciel flusso
periodico che appare quando il flusso stazionario diviene instabile.
La ripetizione cli biforcazioni con raddoppio del periodo è una. strada verso la
turbolenza.. In questo scena.rio il numero cli biforcazioni è infinito ed esse si succe-
dono una dopo l'altra a intervalli sempre più piccoli; la sequenza. dei va.lori critici
R1, R2, ... tende a.clun limite finito oltre cui la periodicità sparisce del tutto e viene
creato un complesso attrattore strano aperiodico nello spazio; l'apparizione della
4
l Il coefficiente di R - R, può essere reso uguale all'unità ridefinendo opportunamente R, e
quello di :r; può essere reso +l ridefinendo x 1 assumiamo che questo sia stato fatto nella (32,2).
5
· ) Chiamato per brevità 2-ciclo. I punti fissi del ciclo sa.ranno chiama.ti elementi del c'iclo
§ 32 TRANSIZIONE ALLA TURBOLENZA PER RADDOPPIO DEL PERIODO 1L13

turbolenza,è dunque associata a questo attrattore. Vedremo che questo scenario ha


pr?prietà ~:ilevanti di universalità e invarianza cli scala (M. J. Fe'igenbamn, 1978) 5 ).
La teoria quantitativa data nel seguito parte dall'ipotesi che le biforcazioni si
succedano l'una dopo l'altra (al crescere cli R) così rapidamente che anche nell'in-
tervallo tra due cli loro la regione occupata dall'insieme delle traiettorie nello spazio
degli stati rimane quasi bidimensionale, così che l'intera sequenza cli biforcazioni
può essere descritta come una mappa cli Poincaré dipendente da un solo parametro.
La scelta della mappa che useremo nel seguito può essere giustificata dalle con-
siderazioni seguenti. In una parte considerevole dell'intervallo cli variabilità cli x,
la mappa deve essere "espansiva" con lqf(x; .\)/d:r;I > 1, perché questo pennette
l'apparizione cli instabilità. La mappa deve anche riportare indietro ad un da-
to intervallo le traiettorie che ne sono uscite, altrimenti le fluttuazioni cli velocità
crescerebbero senza limite, cosa impossibile. Le due richieste possono essere sod-
disfatte simultaneamente solo da una funzione non monotona .f(:r; /\), cioè mappe
(32,1) che non sono biunivoche: il valore Xj+l è univocamente determinato da
quello precedente, Xj, ma non è vero l'inverso. La forma più semplice di una tale
funzione ha un solo massimo in prossimità del quale definiamo

(32,5)

con À un parametro positivo che va considerato (per quanto riguarda la dinamica


dei fluidi) come una una funzione crescente cli R 7 ). Prenderemo arbitrariamente
il segmento [-1, +1] come intervallo cli variabilità clix; quando/\ è tra O e 2, tutte
le iterazioni della mappa (32,5) lasciano :r in questo intervallo.
Le trasformazione (32,5) ha un punto fisso alla radice cli :e,,,= 1 - .\:e;. Questo
diviene instabile quando À > A1, dove A1 è il valore cli /\ per cui il moltiplicatore
~L = -2/\x* = -1; dalle due equazioni troviamo At = 3/4. Questo è il primo valore

critico cli .\ che determina la posizione della prima biforcazione con raddoppio del
periodo e l'apparizione di un 2~ciclo. Seguiamo ora l'apparizione cli biforcazioni
successive usando una tecnica approssimata per determinare alcune caratteristi-
che qualitative del processo, sebbene questa non dia valori esatti delle costanti
caratteristiche; affermazioni esatte saranno fatte nel seguito.
La ripetizione della trasformazione (32,5) dà

•"J+2= 1 -A ,
ry• + ~A.j-/\.j.
?'2x2 ,3x,1 (32,6)

61 La successione di biforcazioni con raddoppio del periodo (numerate nel seguito 1, 2, ... ) non
inizia necessariamente con la prima biforcazione del flusso periodico. In principio, potrebbe iniziare
dopo varie prime biforcazioni che portano all'apparizione di frequenze incommensurabili, quando
queste si sono sincronizzate con il meccanismo discusso nel § 30.
7
) L'ammissibilità di mappe non biunivoche dipende dal carattere approssimato del tratta-
ment;o unidimensionale. Se tut;te le traiettorie fossero esattamente su una sola superficie I; (la
mappa di Poincaré sarebbe allora stretta.mente unidimensionale), questa non biunivocità sarebbe
impossibile, dato che implicherebbe che due traiettorie con differenti x 1 si intersechino a J;H 1 .
Un'altra conseguenza cli questa approssimazione, è la possibilità. di annullarsi del moltiplicatore
se il punto fisso della mappa è un estremo della mappa stessa; un tale punto può essere descritto
come "superstabile", ed è avvicinato più rapidamente di quanto prevede la relazione data sopra.
144 TURBOLENZA Cap. III

'Iì·ascureremo il termine in x3-L'equazione restante si converte, con la tra~forilm-


zione di scala 8 )
1
o:o = l _ /\'

alla forma
9
Xj+2 = 1 - À1X],
che differisce dalla (32,5) solo per À rimpiazzato da

À1 = <.p(>..) =2).. (>..- 1).


2
(32,7)

Ripetendo questa operazione con il fattore di scala o:1 = 1/ (1 >..


1 ), etc., si ha una
sequenza di mappe della stessa forma:

(32,8)

I punti fissi della mappa (32,8) corrispondono a 2m-cicli 9 ). Poiché tutte queste
mappe sono della stessa forma della (32,5), possiamo dedurre immediatamente
che i 2m-cicli (m = 1, 2, 3, ... ) divengono instabili quando Àm = A 1 = 3/4. I
corrispondenti valori critici Am del parametro iniziale À si trovano risolvendo le
equazioni accoppiate

Am-1 = <.p(Am) ;

questi valori si possono ottenere graficamente dalla costruzione mostrata in figura


21. Evidentemente, quando m -+ oo, la sequenza di numeri converge ad un limite fi-
nito A00 che è la radice di A00 = <.p(A00 ); essa è A00 = (1 + /3) /2 = 1.37. Il fattore
cli scala tende anch'esso ad un limite finito: 0: 171 -+ o:, dove o:= 1/ (1 - A00 ) = -2.8.
È facile trovare come Am tende a A00 quando rn. è gTancle. Dall'equazione
Am = <.p(A111+1), quando A00 - Am è piccolo, troviamo

Aoo-Am
Aco - Am+l = , (32,9)
0
dove o= <.p(A 00 ) = 4 + /3 = 5.73. Quindi Ac,
1
0 -Am rx om,
cioè A 111 tende al limite
in progressione geometrica. La stessa relazione si applica agli intervalli tra numeri
critici successivi: l'equazione (32,9) può essere scritta in forma equivalente

Am+l -Am
Am+2 - Am+l = 0
(32,10)

Per quanto riguarda la dinamica dei fluidi, è stato già menzionato che À va
considerato funzione del numero di Reynolds e di conseguenza questo ha valori
B) Questo non è possibile quando .\ = 1 (e il punto fisso della mappa (32,6) coincide con
l'estremo centrale). Il valore.\= 1 non è, in ogni caso, il valore critico seguente A2 che cerchiamo.
9
l Per evitare malintesi, va sottolineati che, dopo la trasformazione di scala, le mappe (32,8)
devono essere definite su intervalli estesi lxl :S lo:00:1 ... O:m-11, e non più su l:i:I< 1 come nella
(32,5) e (32,6). Comunque, visti i termini trascurati, le espressioni (32,8) possono dare in pratica
una descrizione solo nell'intervallo vicino gli estremi centrali delle funzioni mappa.
§ 32 TRANSIZIONE ALLA TURBOLENZA PER RADDOPPIO DEL PERIODO 145

Fig. 21

critici che corrispondono a biforcazioni con raddoppio del periodo e tendono ad


un limite finito R 00 . Evidentemente, per questi valori abbiamo le stesse relazioni
limite (32,9) e (32,10), con la stessa costante o cli quelle per J\111 •
L'argomento sopra dato, illustra l'origine delle caratteristiche principali ciel pro-
cesso, in particolare l'infinità cli biforcazioni, i cui tempi cli apparizione convergono
al limite A= secondo la (32,9) e la (32,10) e l'esistenza ciel fattore cli scala o. I
valmi così trovati per le costanti caratteristiche non sono co1111111q11e esatti. I valori
esatti ( trovati attraverso ripetute iterazioni al calcolatore della mappa (32,5)) del
fat tare cli convergenza ( nv:mern di Feigenbaum) o e ciel fattore cli scala o: sono

O= 4.6692 ... , O'.= -2.5029 (32,11)

e il valore limite J\ 00 = 1.'101 lD). Il valore cli o è relativamente grande; la


convergenza rapida ha come risultato che le relazioni limi te sono verificate con
approssimazione molto buona, già dopo un piccolo numero cli raddoppi ciel periodo.
Un difetto cli questa derivazione è che, quando tutte le potenze cli oltre la x;
prima sono trascurate, la mappa (32,8) fornisce solo l'informazione che la prossima
biforcazione apparirà; non pennette cli determinare tutti gli elementi ciel 2"'-ciclo
descritto eia questa mappa ll). In realtà, le mappe iterate (32,5) sono polinomi in
x_Ìil cui grado è raddoppiato ad ogni iterazione. Essi sono funzioni complicate cli
JO) Il valore di A 00 è alquanto arbitrario, dato che dipende da come il parametro è usato nella
mappa iniziale, cioè la funzione .f (x; .\) (i valori di o e a:, invece ne sono indipendenti).
) Cioè tutti i 2"' punti .1,S1l,
11
x~2 ), ... che si scambiano successivamente !'11110 con l'altro (e sono
periodici) quando la mappa (31,5) è iterata, e che sono fissi (e stabili) rispel;to alle mappe iterate
2'rnvolte. Si può notare che le derivate dxJ+ 2m/ dxj sono necessaria1nente uguali in tutti i punti
146 TURBOLENZA Cap. III

Xj con nn numero rapidamente crescente di estremi disposti in modo sin~mehico


intorno a x:i = O (che resta sempre un estremo).
Vale la pena notare che non solo i valori di o e a:, ma anche la forma limite
della mappa infinitamente iterata sono in un certo senso indipendenti dalla forma
della mappa iniziale Xj+l = f (x.i; .\); è sufficiente che essa sia regolare con un
singolo massimo quadratico (supponiamo sia a x = O); non è neanche necessario
che sia simmetrica intorno al massimo a grande distanza da esso. Questa proprietà
di 'Universalità amplia notevolmente il grado di generalità della teoria descritta. La
formulazione esatta di questa proprietà è quanto discuteremo nel seglÌito.
Consideriamo una mappa definita da una funzione f (x), cioè f (x; .\) con una
particolare scelta di.\ (si veda il seguito), normalizzata con la condizione .f (O)= 1.
Applicandola due volte si ha la funzione f [f (x)]. Cambiamo la scala della funzione
e della variabile x cli un fattore a:o = 1/ f (1), ottenendo una nuova funzione

.fi (x) = a:of [t(:J],


per cui ancora .fi (O) = 1. Ripetendo questa operazione, troviamo una sequenza cli
funzioni legate dalla formula ricorsiva 12 )

.fm+l (:1:)= O'.mfm [fm (~:J]=Tfm, O'.m= 1/.fm (1), (32,12)

Se, per 'Tn -+ oo, questa sequenza tende ad una funzione limite f 00 (:r) g (x), =
quest'ultima deve essere una "funzione fissa" dell'operatore T definito nella (32,12),
deve cioè soddisfare la relazione funzionale

g (:i:)= Tg =a:g [g (~)], a:=g(l)'


1
g(O) = 1. (32,13)

Date le proprietà assunte delle funzioni ammissibili .f (x), g ( x) deve essere rego-
lare ed avere un estremo quadratico a x = O; la forma specifica di f non ha altra
influenza sull'equazione (32,13) o sulle condizioni imposte sulle sue soluzioni. Dob-
biamo sottolineare che, dopo la trasformazione cli scala usata nella derivazione (con
IO'.m I > 1), la soluzione clell'equazione è determinata per tutti i valori della varia-
bile x, da -oo a +oo, e non solo nell'intervallo -1 ::=;:r ::=;1. La funzione g (.T) è
necessariamente pari dato che le funzioni .f (x) ammissibili sono quelle pari ed una
mappa pari resta certamente pari dopo qualunque numero cli iterazioni.
Una tale soluzione dell'equazione (32,13) in effetti esiste ed è unica, sebbene
non possa essere derivata analiticamente; è una funzione che ha un numero infi-
nito cli estremi ed illimitata in ampiezza, con la costante a: determinata insieme
a g(x). In pratica basta derivare la funzione nell'intervallo [-1,1], dopo cli che
può essere continuata al cli fuori cli esso, iterando l'operatore T. Si noti che ad

.'l:i'),xfl, ... (e
pertanto passano simultaneamente per -1 alla biforcazione seguente); qui non
daremo la dimostrazione di questa proprietà (che è evidentemente necessaria).
12
) C'è un'ovvia analogia tra questa procedura e quella usata precedent;emente nella derivazione
della (32,8).
§ 32 TRANSIZIONE ALLA TURBOLENZA PER RADDOPPIO DEL PERIODO 147

ogni grado. di iterazione di T nella (32,12) i valori di fm+i (:r) nell'intervallo [-1, l]
so1:io determinati da quelli di .fm ( x) in una parte di esso ridotta di un fattore
lo:ml ~ lo:I.Questo vuol dire che nel limite di molte iterazioni, la determinazione di
g (:r) nell'intervallo [-1, 1] (e quindi sull'intero asse x) è regolata da parti sempre
più piccole della funzione iniziale intorno al suo massimo, e qui risiede la causa
basilare dell'universalità 13).
La funzione g (x) determina la struttura dell'attrattore aperiodico formato da
una sequenza infinita di raddoppi del periodo. Questo accade al valore ben deter-
minato del parametro ,\ = A00 che appare nella funzione f (x; ,\). È quindi chiaro
che le funzioni formate da f (:i:;.\) iterando ripetutamente la trasformazione (32,12)
di fatto converga.no a g( x) solo per questo valore isolato di À. Da. questo segue che
la funzione fissa. dell'operatore T è instabile per piccoli cambiamenti dovuti a. pic-
cole deviazioni cli À dal valore A00 . Lo studio di questa instabilità ci permette cli
determinare la costante universale r5, indipendentemente dalla forma. specifica cli
f(x) U)_
Il fattore cli scala a determina la variazione (la decrescita) delle caratteristiche
geometriche (nello spazio degli stati) dell'attrattore ad ogni raddoppio del periodo;
queste caratteristiche sono le distanze tra gli elementi dei cicli limite, sull'asse :r.
Questa. affermazione però va resa più specifica e precisa dato che ogni raddoppio è
accompagnato da un aumento del numero cli elementi del ciclo. È chiaro a priori che
la scala non può varia.re nello stesso modo per le distanze tra ogni coppia cli punti 15 l.
Infatti, se due punti adiacenti sono trasforma.ti da una sezione quasi lineare della
mappa, la distanza. tra loro si riduce cli un fattore lo:I;ma. se la trasformazione lm
luogo da. una. sezione della. mappa. vicina. al suo estremo, la distanza. è ridotta cli un
fattore ct2 .
Alla. biforcazione (per ,\ = Am) ogni elemento (punto) del 2m-ciclo si divide
in due punti adiacenti, la distanza. che li separa. cresce gradualmente ma i punt.i
rimangono vicini in tutto l'intervallo cli variabilità di ,\ fiuo alla biforcazione se-
g;uente. Se seguiamo le trasformazioni degli elementi cli un ciclo tra loro nel corso
del tempo, cioè in mappe successive :r:i+l = f (:Tji ,\), troviamo che ogni componen-
te della. coppia si scambia. con l'altro dopo 2 111 unità di tempo. Questo significa. che
la distanza. tra i punti della coppia è una misura. dell'ampiezza dell'oscillazione del
periodo doppio appena formato e in questo senso ha un particolare interesse fisico.
Disponiamo tutti gli elementi del 2m+ 1 -ciclo nell'ordine in cui sono attraversati
nel corso del tempo e indichiamoli con Xm+i ( t), dove il tempo t, misurato in unità

l:l) L'affermazione che esista un'unica soluzione dell'equazione (32,13) è fondata su simulazioni
al computer. La soluzione viene cercata, nell'intervallo [-1, l], come un polinomio di grado elevato
2
in x ; l'accuratezza della simulazione deve aumentare con l'ampiezza dell'intervallo di valori di x
(all'esterno di quello menzionato) a cui vogliamo estendere la funzione attraverso l'iterazione di T.
Nell'intervallo [-1, 1], g (x) ha un estremo nelle cui vicinanze g ( x) = 1 - l.528x 2 , se viene scelto
come un massimo, scelta arbitraria. data. l'invarianza della (32,13) sotto un cambio di segno di g.
i.t) Si veda l'articolo originale di M. J. Fe'igenba.11.m.,
Journal of Statistica! Physics 19, 25 (1978);
21, 669 (1979).
15
) Queste sono le distanze nell'intervallo non allargato [-1, l] preso arbitrariamente, fin dal-
l'inizio, come l'intervallo di x comprendente tutti gli elementi del ciclo. Poiché a è negativo, le
biforcazioni sono accompagnate dall'inversione delle posizioni degli elementi rispetto a .cz;= O.
148 TURBOLENZA Cap. III

del periodo base To, prende valori interi: t/To = 1, 2, ... , 2m+ 1 . Questi (;)lenìenti
sono formati da quelli del 2m-ciclo per divisione in coppie. Gli intervalli tra i punti
di ciascuna coppia sono

l;m+l (t) = Xm+1 (t) - :l:m-1 (t +Tm) 1 (32,14)

dove Trn = 2mTo = Tm+i/2 è il periodo del 2m-ciclo, o metà di quello del 2m+1_
ciclo. Introduciamo la funzione O"m (t), il fattore di scala che determina il cambia-
mento degli intervalli (32,14) da un ciclo al successivo 16 l:

l;m+l (t) _ ··(t) (32,15)


l;m (t) - O'm .

Evidentemente
l;m+l (t + T,n) = -l;m+l (t) 1 (32,16)
e dunque
O'm+l (t + T,n) = -O'm (t). (32,17)
La funzione O"m (t) ha proprietà complicate, ma si può dimostrare che la sua
forma limite per grandi m è molto ben approssimata dalla semplice espressione

o:m (t) = { ~1
per O < t

per Tm/2 < t < Tm,


< Tm/2,
(32,18)
o:2

con la scelta appropriata dell'origine di t 17 ).


Queste formule permettono di trarre alcune conclusioni sui cambiamenti dello
spettro delle frequenza del flusso quando avviene il raddoppio del periodo. In
termini fluidodinamici, :i;n, (t) va considerato come una caratteristica della velocità
del fluido. Per un flusso cli periodo T, lo spettro della funzione .rm (t) (hmzione
del tempo continuo t) contiene le frequenze kw 171 (k = 1, 2, 3, ... ), cioè la frequenza
fondamentale Wm = 2Tt/Tm e le sue armoniche. Dopo il raddoppio del periodo, ·il
flusso è descritto dalla funzione '"m+l (t) con periodo Tm+l = 2Tm· Il suo spettro
contiene non solo le stesse frequenze h:w711 , ma anche le subarmoniche di w171, cioè
le frequenze lwm/2, l = 1, 3, 5, ....
Scriviamo
1
:i:m+l(t) =
2 {l;m+l (t) + 17m+l(t)},
dove l;m+l è la differenza (32,14) e

17m+l(t) = Xm+1 (t) + Xm (t + Tm).


IG) Poiché i due cicli esistono in differenti intervalli di valori di,\, (Am-1, Am) e (Am, Am+l ), e le
quantità (32,14) variano considerevolmente in questi intervalli, il loro significato nella definizione
(32,15) deve essere meglio precisato. Sceglieremo per essi i valori di,\ per cui i cicli sono superstabili
(si veda la nota dopo la (32,5); all'intervallo di esistenza di ogni ciclo corrisponde un tale valore
di,\.
IT) Non daremo qui lo studio delle proprietà cli u,,, (t) che, sebbene semplice in principio, è molto
laborioso; si veda M. J. Fògenba.U,,n, Los Alamos Science 1, 4 (1980).
§ 32 TRANSIZIONE ALLA TURBOLENZA PER RADDOPPIO DEL PERIODO 149

Lo spettro. di 'l)m+l ( t) contiene solo le frequenze kw 111 ; le componenti di Fourier per


le ~ubarmoniche,

1 1·Tm+I
-- 'l)m+l (t) eir.ll/Tmdt=
Tm+1. o
1 1Tm . "
= ')'T' {'l)m+l (t) - '/)m+l (t + Tm)} ernlt/Tmdi
......L,,n O

sono nulle, dato che 'l)m+l (t + T,11 ) = 7)m+l (t). D'altra parte, in prima approssi-
mazione, le quantità 7)m (t) non variano nella biforcazione: 7/m+l (t;) ~ '/)m (t); que-
sto significa che l'intensità delle oscillazioni con frequenza kwm rimane invariata
anch'essa.
Lo spettro cli l;m+l (t), invece contiene solo le subarmoniche lwm/2, le nuove
frequenza che appaiono al raddoppio (m + 1)-esimo. L'intensità totale cli queste
componenti spettrali è data dall'integrale

Im+l = --
1 lT,,,+1
1;;,+1(t) cli. (32,19)
Tm+1. o
Esprimendo l;m+l ( t) in termini cli 1;111 ( t), possiamo scrivere

1 1·Tm
Im+1 = --.2
2Tm .
c,;,,
(t)1;.; (t)dt.
1
0

Con le (32,16)-(32,18) si ha

1 1 1 ) 1 lT,,, ç;,,(t) dt
Irn-1-1 =
2 ( -+-:-
0'.2 o:-1 T11,. o

2 -+-
=- 1 ( 1 1) I
0'.2 oA m

e infine
~= 10.8. (32,20)
Im-1-1

Quindi l'intensità delle nuove componenti che appaiono dopo una biforcazione con
raddoppio di periodo è maggiore cli quella della successiva biforcazione per un
fattore fisso indipendente dal numero della biforcazione (M. J. Fe'igenbaum, 1979) 18l.
Consideriamo ora l'evoluzione delle proprietà del flusso quando /\ supera il va-
lore A 00 (il numero cli Reynolcls R > R 00 ), cioè nella zona turbolenta. Poiché al
18
) Questo si applica non solo all'intensità totale delle subarmoniche ma anche a ciascuna di
esse. Per ogni subarmonica che appare dopo la biforcazione m-esima se ne formano due (una a
destra ed una a sinistra) dopo la biforcazione (m. + 1)-esima. Il rapporto delle intensità dei picchi
individuali che appaiono dopo due successive biforcazioni è quindi il doppio della (32,20). Un
valore più esatto di questa. quantità è 10.48. Questo è stato trovato analizzando lo stato proprio
a.I punto,\= A= usando la. funzione universale g (x); a. questo punto, tutte le frequenze sono già
presenti e il problema corrispondente a. quello posto nella. penultima nota non si pone. Si veda
M. Nacuenberg, J. R·udnick, Physical Review B 24, 493 (1981).
150 TURBOLENZA Cap. III

momento della sua formazione (a À = A00 ), l'attrattore aperiodico è descrittò da


una mappa di Poincaré unidimensionale, possiamo supporre che sia possibile trat-
tare le prnprietà dell'attrattore in termini di questa mappa anche per valori di À
cli poco superiori a A00 . L'attrattore formato da una sequenza. infinita di raddoppi
del periodo, nel momento in cui appare, non è un attrattore strano èome definito
nel § 31: il 200 -ciclo che risulta come limite cli 2m-cicli quando m. -+ oo è anche
stabile. I punti cli questo attrattore formano sull'intervallo [-1, 1] un insieme di
Cantar non numerabile. La sua. misura su questo intervallo, cioè la. "lunghezza"
tota.le dei suoi elementi è zero; ìa. sua. dimensione è tra O e 1, e si trova che va.le
0.54 19 ).
Quando À > A00 ,l'attra.ttore diventa un attrattore stra.no, cioè un insieme at-
trattivo di traiettorie instabili. Sull'intervallo [-1, 1] i punti appartenenti all'at-
trattore occupano intervalli cli lunghezza totale non nulla. Questi intervalli sono le
tracce sul piano trasverso a di un nastro bidimensionale continuo che fa un gran
numero di giri ed è chiuso su se stesso. A questo proposito, ricordiamo che il tratta-
mento unidimensionale è approssimato. In realtà, il nastro ha uno spessore piccolo
ma non nullo. I segmenti che formano la sua. sezione trasversa sono quindi fasce
di larghezza non nulla. Su questa larghezza, l 'a.ttra.ttore strano ha la struttura. cli
Cantar a. stra.ti descritta nel § 31 '.20). Questa struttura. non sarà rilevante per il se-
guito e torneremo alla discussione in termini di mappa cli Poincaré unidimensionale.
L'evoluzione generale dell'attrattore strano quando ,\ supera A00 è la seguente. Per
un dato À > A 00 l'attrattore occupa un numero cli intervalli nel segmento [-1, 1];
gli spazi tra. questi intervalli sono i domini di attrazione che contengono gli elementi
dei cicli instabili con periodi inferiori ad un dato periodo 2177 • Quando /\ cresce,
la velocità di allontanamento delle traiettorie sull'attrattore stra.no cresce ed esso
si '·allarga" assorbendo iu successione i cicli con periodo 2177 , 2111+1 , ... ; il numero
di intervalli occupa.ti cla.ll'attrattme diminuisce mentre la loro lunghezza cresce.
Quindi il numero delle spire del suddetto nastro viene successivamente dimezzato
rnentre la loro larghezza. cresce.

(CL) (b) (c)

Fig. 22

Si ha quindi una sorta cli cascata. inversa cli semplificazioni successive clell'attra.t-
19
Si veda P. Gra.ssberger, Journal of Statist;ical Physics 26, 173 (1981).
)

eo) La. dimensione dell'attrattore in questa. direzione è molto più piccola. dell'unità ma. non è una.
proprietà universale e dipende dalla. particolare mappa..
§ 32 TRANSIZIONE ALLA TURBOLENZA PER RADDOPPIO DEL PERIODO 151

tore. L'assmbimento di un 2 111-ciclo instabile da parte dell'attrattore è chiamato


biforcaz'ÌDnG con raddoppio inveTso. La figura 22 illustra il processo per due bifor-
cazioni inverse successive. In figura 22a, il nastro si avvolge in quattro spire e la
biforcazione inversa lo trasforma in uno con due (fig. 22b); la biforcazione finale dà
un nastro con una sola spira, che si chiude su se stesso dopo una torsione (fig. 22c).
Indichiamo con Am+li valori cli ,\ corrispondenti a biforcazioni con raddoppio
inverso successive, disposti nell'ordine Am> Am+ l · Dimostreremo che essi sono in
progressione geometrica con lo stesso fattore universale r5delle biforcazioni dirette.
Prima clell'ultirna (per,\ crescente) biforcazione inversa, l'attrattore occupa due
intervalli separati da uno spazio in cui è contenuto il punto fisso :i:.,.della mappa
(32,5), che corrisponde ad un ciclo instabile con periodo 1:

vlf+4.,\ - 1
.T*
2..\
La biforcazione avviene al valore ,\ = A1, quando questo punto viene raggiunto
dai bordi dell'attrattore che si espande. La figura 22b mostra che, dopo un giro, il
bordo esterno dell'attrattore (del nastro) diventa il bordo interno e, dopo un altro
giro, diventa il bordo dello spazio tra le spire. Ne segue che À = A1 è dato dalla
condizione ,r.i+2 = :r.,., dove
2
:Tj+2 = 1 ,\ (1 - ,\)

è il risultato della doppia iterazione della mappa sul punto :r:i = 1, che è il limite
dell'attrattore (il valore A1= 1.543). Le biforcazioni inverse precedenti A2,A3,...
possono essere determinate in modo approssimato per mezzo della relazione cli
ricorrenza tra A11,-i-1 e Am. Questa relazione approssimata si deriva con lo stesso
metodo che è stato usato precedentemente per trattare la sequenza di biforcazioni
con raddoppio diretto. ed ha la forma A111 = <.p(A11,-1-1)
con la stessa funzione <.pdella
(32,7). La corrispondente costruzione grafica è mostrata nella parte superiore della
figura 21. Poiché <.p(A) è la stessa per sequenze cli biforcazione dirette e inverse, è
la stessa anche l'espressione che governa la convergenza delle sequenze di numeri
Am e Am (dal basso e dall'alto rispettivamente) al loro limite comune A00 = A00 :
- \. _ J\. 171 - Aoo
Am-1-1
- 1 oo - (32,21)
0
L'evoluzione delle proprietà dell'attrattore strano per ,\ > A00 si accompagna
ai corrispondenti cambiamenti dello spettro di frequenza. La caoticità del flusso è
rappresentata, nello spettro, dalla presenza di una componente di "rumore" la cui
intensità cresce con la larghezza dell'attrattore. Su questo fondo appaiono picchi
discreti corrispondenti alle frequenze fondamentali dei cicli instabili e le loro anno-
niche e subarmoniche; a seguito di biforcazioni inverse successive, le subarmoniche
corrispondenti scompaiono nell'ordine opposto a quello della loro apparizione nella
sequenza di biforcazioni dirette. L'instabilità dei cicli che creano queste frequenze
è mostrata dall'allargamento dei picchi nello spettro.
152 TURBOLENZA Cap. III

Transizione a.lla.t'U,rbolenza.per a.lterna.nza.


Consideriamo ora la perdita del flusso periodico quando il moltiplicatore passa '
per il valore µ. = +1.
Questo tipo cli biforcazione è descritto (nella mappa unidimensionale cli Poin-
caré) da una funzione X:i+l = .f (x:i; R) che, per un certo valore R = Rcr del numero
cli Reynolcls, incontra la linea Xj+l = Xj. Prendendo il punto cli contatto come
21
Xj = O, possiamo scrivere lo sviluppo della mappa nelle sue vicinanze come )

Xj+l = (R - Rcr) + Xj + x.7- (32,22)

Quando R < Rcr (fig. 23), si hanno due


punti fissi

·X*(l),(2) = ,JR cr - R ,
1

1
cli cui x~ ) corrisponde a:clun flusso pe-
riodico stabile e
2
d
l ad uno instabile.
Quando R = Rcr, il moltiplicatore è +1
in ambedue i punti, i due flussi periodi-
ci si mischiano; quando R > Rcr i flussi
spariscono dato che i punti fissi passano
nel dominio complesso.
Quando R - Rcr è piccolo, la curva
(32,22) e la retta Xj+l = X:i sono vici-
Fig. 23 ne tra loro (in prossimità di x.i = O).
In questa gamma cli valori cli :r r1uindi,
ogni iterazione della mappa (32,22) muove la traccia della traiettoria solo di po-
co e ci vogliono molti passi per coprire l'intero intervallo. In altre parole, su un
intervallo di tempo relativamente lungo, la traiettoria è regolare e quasi periodica
nello spazio degli stati. Questa traiettoria corrisponde ad un flusso regolare lami-
nare nello spazio fisico. Questo apre un altro scenario possibile per l'inizio della
turbolenza (P. Ma:nneville e Y. Poniea11, 1980).
Si può immaginare che questa regione specifica della mappa sia contigua a
regioni che rendono le traiettorie caotiche corrispondenti, nello spazio degli stati,
a un insieme di traiettorie locah11ente instabili. Questo insieme tuttavia, non è un
attrattore e nel corso del tempo il punto che rappresenta il sistema se ne allontanerà.
Quando R < Rcr, le traiettorie raggiungono un ciclo limite stabile e si stabilisce un
flusso laminare periodico nello spazio fisico. Quando R < Rcr, non c'è alcun ciclo
stabile e si crea un moto in cui i periodi turbolenti si alternano con quelli laminari,
per questo scenario viene chiamato transizione alla turbolenza per a.lterna.nza.di
regimi.
Non si possono trarre conclusioni generali riguardo alla durata dei periodi tur-
bolenti, ma la dipendenza del periodo laminare da R - Rcr si trova facilmente.
21
) Il coefficiente cli R - Ree e il coefficiente positivo cli x.7 possono essere resi uguali all'unità
con una scelta appropriata cli Re ~,1 e questo è assunto nella (32,22).
§ 33 TURBOLENZA SVILUPPATA 153

Per farlo scriviamo le equazioni alle differenze (32,22) come equazioni differenziali.
Poiché ,1:j cambia cli poco in un passo della mappa, sostituiamo :r:j+l - .T:i con la
derivata dx/ dt rispetto alla variabile continua t:

dx 0
-d
.t
= (R - Rcr) + x-. (32,23)

Cerchiamo il tempo T necessario ad attraversare il segmento tra i punti x 1 e :i; 2


situati ai due lati di x = O a distanze molto maggiori cli R - Rcr ma ancora nel
dominio cli validità: dello sviluppo (32,22). Abbiamo
2
1
T = arctan ( x )lx
vR - Rcr vR - Rcr ,r,

da cui si ha la dipendenza cercata


1
TCX ~===
vR-Rcr'
(32,24)

quindi la durata dei periodi laminari decresce quando R - Rcr cresce.


Questo scenario non chiarisce né il modo in cui ci si avvicina all'inizio né la
natura della turbolenza che si presenta.

§ 33. T11,rbolenzasvil·11,ppata
Il flusso turbolento a numeri di Reynolds sufiicientemente grandi, è caratteriz-
zato da variazioni estremamente irregolari, caotiche della velocità nel tempo, in
ogni punto del flusso ( tm·bolenza sviZ.U.ppata.).La velocità fluttua continuamente in-
torno ad un valore medio. Una variazione altrettanto irregolare si ha tra differenti
punti nel flusso, in un dato istante. Non è ancora stata sviluppata un teoria quan-
titativa completa della turbolenza. Tuttavia, molti risultati qualitativi importanti
sono noti e li descriveremo in questo paragrafo.
Introduciamo il concetto cli velocità media del flusso, ottenuta mediando su
intervalli cli tempo lunghi la velocità istantanea in ogni punto dello spazio. Con
questa media le variazione irregolari della velocità sono rimosse e la velocità media
varia in modo regolare da punto a punto nel flusso. Nel seguito indicheremo la
velocità media con li. La differenza v 1 = v - li tra la velocità effettiva e quella
media, varia irregolarmente nel modo caratteristico della turbolenza; la chiameremo
parte fiv,tf-11,antedella velocità.
Consideriamo in maggior dettaglio la natura di questo moto irregolare sovrap-
posto al flusso medio. Questo moto può essere a sua volta qualitativamente conside-
rato una sovrapposizione di vortici tv.rbolenti cli diverse dimensioni; per dimensione
cli un vortice intendiamo l'ordine di grandezza della distanza su cui la velocità varia
apprezzabilmente. Quando il numero cli Reynolcls cresce, i vortici grandi appaiono
prima; più piccolo è il vortice più tardi apparirà. Per numero di Reynolds molto
grandi, sono presenti vortici di ogni dimensione, dal più grande al più piccolo. Un
ruolo importante in ogni flusso turbolento è svolto dai vortici più grandi, la cui
dimensione (la scala fondamentale o esterna della turbolenza) è dell'ordine della
154 TURBOLENZA Ca12.III

dimensione della regione in cui il flusso ha luogo; nel seguito indicheremo con l
quest'ordine di grandezza per ogni dato flusso turbolento. I vortici grandi hanno
le ampiezze più grandi. La loro velocità è comparabile alla variazione 6'U della ve-
locità media sulla distanza l. Stiamo parlando dell'ordine di grandezza, non della
velocità media stessa ma della sua variazione, dato che è questa variazione 61i che
caratterizza la velocità del flusso turbolento. La velocità media può avere qualun-
que valore assoluto, a seconda del sistema di riferimento scelto 1 ). Le frequenze
corrispondenti a questi vortici su grandi scale, sono dell'ordine di 11,/l,il rapporto
tra la velocità media 11,(e non la sua variazione 6u) e la climensione_l. Infatti la
frequenza determina il periodo con cui la struttura del flusso si ripete, se osservata
in un sistema di riferimento fisso. Rispetto a questo riferimento, l'intera struttura
si muove con il fluido a velocità dell'ordine di 'U.
I vortici su piccola scala, corrispondenti a frequenze grandi, partecipano al flusso
turbolento con ampiezze molto più piccole. Possono essere considerati come una
struttura fine sovrapposta ai grandi vortici turbolenti principali. Solo una parte
relativamente piccola dell'energia cinetica totale è contenuta nei vortici piccoli.
Dalla rappresentazione del flusso turbolento data sopra, possiamo trarre una
conclusione riguardo al modo cli variazione della velocità fluttuante lungo il flus-
so, ad ogni dato istante. Su distanze dell'ordine di l, la variazione della velocità
fluttuante è data dalla variazione della velocità dei grandi vortici ed è dunque com-
parabile a 6v.. Su distanze piccole rispetto a I, essa é determinata da vortici piccoli,
ed è quindi piccola rispetto a 6v, (ma comunque grande rispetto alla variazione
della velocità media su queste piccole distanze). Lo stesso tipo di rappresentazione
si ottiene se osserviamo la variazione della velocità nel tempo in un dato punto
dello spazio. Su brevi intervalli temporali (rispetto a T ~ 1/u), la velocità non
varia apprezzabilmente, ma su intervalli lunghi varia di mrn quantità cli ordine 611,.
La lunghezza l appare come una dimen::;ione caratteristica nel numero cli Rey-
nolcls R, che determina le proprietà di un dato I-lusso. Oltre il numero di Reynolds,
possiamo introdurre il concetto qualitativo di numeri cli Reynolds per vortici tur-
bolenti cli varie scale. Se /\ è la scala della dimensione cli un dato vortice e V,\
l'ordine di grandezza della sua velocità, allora il numero di Reynolds corrispon-
dente è definito come RÀ ~ V,\À/v. Questo valore decresce con la dimensione del
vortice.
Per grandi numeri di Reynolds R, i numeri cli Reynolds R,\ dei vortici grandi
sono anch'essi grandi. Grandi numeri di Reynolds sono equivalenti a piccole visco-
sità e quindi possiamo concludere che per i vortici grandi, che sono le basi di ogni
flusso turbolento, la viscosità non è rilevante. Ne segue che non c'è apprezzabile
dissipazione di energia nei vortici grandi.
La viscosità del fluido diviene importante solo per i vortici più piccoli, il cui
numero di Reynolds è comparabile con l'unità. Indichiamo la dimensione di questi
vortici con >.0 , che determineremo più avanti nel paragrafo. È in questi piccoli

l) Sembra però che la dimensione dei vortici più grandi sia alquanto più piccola di le la loro
velocità alqnanto più piccola di 6u.
§ 33 TURBOLENZA SVILUPPATA 155

vortici, irrilevanti per quanto riguarda la struttura generale del flusso turbolento,
chE;avviene la dissipazione dell'energia.
Arriviamo quindi alla nozione seguente di dissipazione cli energia in un flusso
turbolento (L.R.Richardson, 1922). L'energia passa dai vortici grandi a quelli più
piccoli senza che praticamente avvenga alcuna dissipazione in questo processo. Si
può dire che c'è un flusso continuo di energia dai vortici grandi a quelli piccoli,
cioè dalle frequenze piccole alle grandi. Questo flusso cli energia è dissipato nei
vortici più piccoli dove l'energia cinetica è trasformata in calore. Perché uno stato
stazionario sia conservato, è necessario che siano presenti sorgenti esterne di energia
che forniscano costantemente energia ai vortici grandi.
Poiché la viscosità del fluido è importante solo per i vortici più piccoli, possiamo
dire che nessuna delle quantità concernenti i vortici cli dimensione À » Ào possono
dipendere da v (più esattamente, queste quantità non devono cambiare se I/ varia,
quando le altre condizioni del flusso non sono modificate). Questa circostanza
riduce il numero di quantità che determinano le proprietà del flusso turbolento e
argomenti di similarità sulle dimensioni delle quantità, diventano molto importanti
nello studio della turbolenza.
Applichiamo questi argomenti per determinare l'ordine di grandezza della dis-
sipazione cli energia in un flusso turbolento. Indichiamo con e la quantità media cli
energia dissipata per unità di tempo e per unità di massa del fluido 2 l. Abbiamo
visto che questa energia deriva dai vortici grandi da cui è gradualmente trasferi-
ta a quelli più piccoli fino ad essere poi dissipata in vortici cli dimensione ~ ,\ 0 .
Sebbene quindi la dissipazione sia essenzialmente dovuta alla viscosità, l'ordine di
grandezza cli e può essere detenninato solo da quelle quantità che caratterizzano i
vortici grandi. Esse sono la densità del flusso p, la dimensione l e la velocità 6u da
cui possiamo formare solo una quantità che abbia le dimensioni di e, cioè erg/g·sec
= cm 2 / sec 3 . Troviamo quindi
3
(b.H)
E:~--- (33,1)
l
e questa determina l'ordine di grandezza dell'energia dissipata nel flusso turbolento.
Sotto certi aspetti un fluido in moto turbolento può essere qualitativamente
descritto come se avesse una "viscosità turbolenta" l/turb che differisce dalla vera
viscosità cinematica u. Dato che Vturb caratterizza le proprietà del flusso turbolento,
il suo ordine cli grandezza deve essere determinato da p, 6u e l. La sola quantità
che può essere formata da queste, con le dimensioni della viscosità cinematica, è
16 u e quindi
Vturb ~ l6u. (33,2)

Il rapporto tra la viscosità turbolenta e quella ordinaria è allora

Vturb ~ R
) (33,3)
V

2
) In questo paragrafo E denota la quantità media di energia dissipata e non l'energia interna
del fluido.
156 TURBOLENZA Cap. III

cioè cresce con il numero di Reynolds 3 l.


La dissipazione di energia E si esprime in termini cli l!turb con

E~ Vturb ( T)2
D (33,4)

in accordo con la definizione usuale cli viscosità. Se 11 determina la dissipazione


cli energia in termini delle derivate spaziali della velocità reale, 1/turb la collega al
gradiente ( ~ l::,u/l) della velocità media del flusso. Possiamo applicare argomenti
cli similarità anche per determinare l'ordine cli grandezza Dp della variazione cli
pressione sulla regione cli flusso turbolento. La sola quantità con le dimensioni cli
una pressione che può essere formata da p, DU e l è p (l::,11.)2. Si deve allora avere

(33,5)

Consideriamo ora le proprietà della turbolenza a scale cli dimensioni dei vortici
À piccole rispetto alla. scala. principale l. Indicheremo queste come proprietà local·i,
della turbolenza. Considereremo un fluido che sia. lontano da. superfici solide (più
precisa.mente, a distanze grandi da. queste rispetto a. À).
È naturale assumere che questa turbolenza su piccola. scala, lontana da. corpi
solidi, sia. omogenea. e isotropa. Quest'ultima proprietà significa che su regfoni le
cui dimensioni sono piccole rispetto a Z, le proprietà del flusso turbolento sono
indipendenti dalla direzione; in particolare, non dipendono dalla. direzione della
velocità media.. Va. sottolineato che qui e nel resto del paragrafo, quando parliamo
di proprietà cli un flusso turbolento in una piccola regione cli fluido, intendiamo il
moto relativo delle particelle cli fluido in quella regione e non il moto assoluto della.
regione nel suo insieme, che è dovuto al moto su scala. più grande.
Si trova che molti risultati importanti che rig1rnrclano le proprietà loca.li della.
turbolenza. possono essere ottenuti immediatamente da. argomenti cli similarità
(A.N. Kolmogorov, 1941; A . .111Obv,h:hov,1941). Per ottenerli, determineremo pri-
ma quali parametri possono essere coinvolti nelle proprietà del flusso turbolento su
regioni piccole rispetto a l ma grandi rispetto alla. distanza Ào a cui la. viscosità clèl
fluido inizia. ad essere importante; sono queste distanze intermedie che discuteremo
nel seguito. I parametri in questione sono la. densità del fluido p ed un'altra quan-
tità che caratterizza. ogni flusso turbolento, l'energia. E dissipata. per unità cli tempo
e unità cli massa. del fluido. Abbiamo visto che E è il flusso cli energia. che passa.
continuamente dai vortici più grandi a. quelli più piccoli. Per questo, sebbene la.
dissipazione cli energia. sia principalmente dovuta. alla. viscosità del fluido e avvenga.
nei vortici più piccoli, la. quantità E determina. le proprietà dei vortici più grandi.
3
) In realtà, andrebbe incluso un fattore numerico alquanto grande. Questo perché, come già
detto precedentemente, l e !'o.upossono differire considerevolmente dalla scala e dalla velocità rea.li
del flusso turbolento. Il rapporto Vtmb/v può essere scritto più accuratamente

Zlt,urb R
-li- rv Rcr'

formula che {;iene in considerazione il fatto che Vtmb e 11 devo in realtà essere di grandezza
compara.bile non a R ~ 1, ma a R ~ Re,,
§ 33 TURBOLENZA SVILUPPATA 157

È natural~, supporre che (per p e E dati) le proprietà locali della turbolenza sia-
noh1Clipenclenti dalla dimensione l e dalla velocità D.u del fluido nel suo insieme.
La viscosità del fluido v non può apparire in alcuna delle quantità a cui siamo
interessati (ricordiamo che ci stiamo occupando cli distanze,\» ,\o).
Determiniamo l'ordine cli grandezza V>, della variazione cli velocità turbolenta
su distanze dell'ordine cli ,\. Esso deve dipendere solo da E e, naturalmente, dalla
distanza/\ stessa '1). Da queste quantità possiamo formarne solo una una che abbia
1
le dimensioni cli una velocità, cioè (cÀ)3. Si deve quindi avere

(33,6)

Troviamo quindi che la variazione cli velocità su piccole distanze è proporzionale


alla radice cubica della distanza (legge di Kolmogorov-Obukhov). La quantità V>,
può anche essere vista come la velocità dei vortici turbolenti la cui dimensione è cli
ordine /\: la variazione della velocità media su piccole distanze è piccola rispetto
alla variazione della velocità fluttuante su quelle distanze, e può essere trascurata.
La relazione (33,6) può essere ottenuta in un altro modo esprimendo una quan-
tità costante, la dissipazione E, in termini cli quantità caratterizzanti i vortici cli
dimensione ,\; E deve essere proporzionale al quadrato del gradiente della velocità
V,\ e al coefficiente cli viscosità turbolenta corrispondente Vturb,A cx:vy\:

E CX:1/turb,,\ (V,\)2vx
~ CX: ~,

da cui si ottiene la (33,6).


Consideriamo ora il problema da un punto di vista differente e determiniamo
l'ordine cli grandezza della quantità vT definita come la variazione della velocità ad
un dato punto su un intervallo cli tempo T piccolo rispetto al tempo T ~ l/u che
caratterizza il flusso nel suo insieme. A questo scopo, notiamo che, poiché esiste
un flusso medio complessivo, ogni data regione del fluido si sposta nello spazio
nell'intervallo T cli una distanza dell'ordine cli ru., dove u è la velocità media. Quindi
l'elemento cli fluido che ad un tempo T si trova in un certo punto, all'istante iniziale
si trovava a distanza Tll. da questo punto. Possiamo trovare la quantità cercata vT
sostituendo nella (33,6) Tll. a À:
3
VT CX: ( E'UT) l/ . (33,7)

Bisogna distinguere la quantità vT da u~, la variazione della velocità dell'elemento cli


fluido che si muove. Questa variazione non può evidentemente dipendere che da E,
che determina le proprietà locali della turbolenza e dal tempo T stesso. Formando la
sola combinazione cli E e T con le dimensioni cli una velocità, si ha per la variazione
cercata
V~ CX: (ET)l/2. (33,8)
1
· ) Le dimensioni di E sono erg/g-sec = cni2 /sec;J e non contengono la massa; la sola quantità
che contiene la dimensione della massa è la densità p. Quest'ultima quindi, non appare in quantità
le cui dimensioni non contengono la massa.
158 TURBOLENZA Cap. III

A differenza della variazione della velocità. in un punto dato, essa è propo.rzionale


alla radice quadrata di T e non alla sua radice cubica. È facile vedere che per T
piccoli rispetto a. T, v~ è sempre inferiore a vT 5 ).
Usando l'espressione (33,1) per E, possiamo riscrivere la (33,6) e la (33,7) come

V>,<X.Gll(~)l/3•}
(33,9)
<X (fr/3
VT .GV,

Questa. forma mostra. chiara.mente la proprietà. di similarità. della turbolenza loca.le:


le caratteristiche a piccole scale dei vari flussi turbolenti sono le stesse eccetto la
scala di misura di lunghezze e velocità. (o in modo equivalente, di lunghezze e tempi)
6)

Vediamo ora. a. qua.li distanze la viscosità. del fluido inizia ed essere importante.
Queste distanze ,\o determina.no anche l'ordine di grandezza della dimensione dei
vortici più piccoli nel flusso turbolento (chiamata "scala interna" della. turbolenza
in contrasto con la "scala esterna.'' l). Per determina.re .Ào, formiamo il numero di
Reynolcls locale
R
/\ rv
,
V,\A\
--;;- rv
A,
u.u /\ ,4/3 (')4/3
u z.1;:3 rv
R/\
T
con il numero cli Reynolds R ~ l .6"U/u per il fluido nel suo complesso. L'ordine di
grandezza cli .Ào è determinato dal fatto che si deve a.vere R,\o ~ 1. Si ha quindi

l
,\o~ R3/4. (33,10)

Si pnò anche trovare questa espressione formando la. sola combinazione con le
dimensioni cli una lunghezza, a partire da E e v:

(33,11)

La scala. interna della turbolenza decresce al crescere cli R. Per la velocità.


corrispondente abbiamo
.6·u
V,\o ~ Rl/4; (33,12)

anch'essa decresce con R 7 ).


L'intervallo di scale con .À ~ l viene chiamato intervallo di energ'ia. dato che
la maggior parte dell'energia è concentrata questa zona. I valori .À ;S .Ào formano
l'interna.Ilo dissipativo, dove l'energia cinetica viene dissipata. Per grandi valori
cli R, questi due intervalli sono abbastanza distanti, e tra essi si trova l'internal/o
In effetti la disuguaglianza v~ « v 7 era già stata assunta nella derivazione della (33,7).
.s)
6
l A questo riguardo si usa spesso nella letteratura recente il termine av.tosim:ila.rità..
7
l Le formule (33,10)-(33,12) danno l'andamento della variazione delle quantità rilevanti con
R Quantitativamente sarebbe più corretto rimpiazzare in esse R con R/Rc,··
§ 33 TURBOLENZA SVILUPPATA 159

ineTziale, in cui /\o « ,\ « l; i risultati derivati in questo paragrafo sono validi in


C1\lestaregione.
La legge cli Kolmogorov-Obukhov può essere espressa in una forma spettrale
(sullo spazio) equivalente. Introduciamo al posto delle scale /\ i corrispondenti
numeri d'onda dei vortici li: ~ 1/,\; sia E (li:) dli: l'energia cinetica per unità di
massa del fluido nei vortici con valori cli li: compresi nell'intervallo dk. La funzione
E (li:) ha dimensioni cm 3 /sec 2 ; la combinazione cli E e li: con queste dimensioni è

é2/3
E (k) cx k 5 / 3 . (33,13)

L'equivalenza cli questa espressione e la (33,6) si vede facilmente notando che vi


dà l'ordine cli grandezza dell'energia totale nei vortici cli tutte le scale dell'ordine
cli /\ o minori. Lo stesso risultato si ottiene integrando la (33,13):

Insieme alle scale spaziali dei vortici turbolenti possiamo anche considerare
le loro caratteristiche temporali (frequenze). L'estremo inferiore dello spettro di
frequenza del moto turbolento è a. frequenze ~ ·u/lmentre l" estremo superiore è a
frequenze
Wo r-v - u v.R3/4
r-v - (33,14)
Ao l . '
che corrispondono alla scala interna della turbolenza. L'intervallo inerziale corri-
sponde a frequenze
v.
,«w«z uR3/4
.
La disuguaglianza w 5-'>u/1 significa che per quanto riguarda le proprietà locali
della turbolenza, il flusso imperturbato può essere considerato stazionario. La.
distribuzione cli energia nello spettro cli frequenza. nell'intervallo inerzia.le si trova.
dalla. (33,13) ponendo k ~ w/u:

(33,15)

dove E (w) dw è l'energia contenuta nell'intervallo cli frequenze dw.


La. frequenza w dà il periodo cli ripetizione temporale nella regione spazia.le
considerata, in un sistema cli riferimento fisso. Va distinta. dalla frequenza. w' che
dà il periodo di ripetizione del flusso in una data regione di fluido in moto nello
spazio. La distribuzione di energia in questo spettro di frequenza non può dipendere
da 'll e deve essere determinato in termini di E e della. frequenza w' stessa. Usando
ancora argomenti dimensiona.li si trova

E (w') ~ E (33,16)

Questa è nella. stessa relazione con la. (33,15) di come la (33,8) è con la (33,7).
160 TURBOLENZA Cap. III

Il mescolamento turbolento poita alla separazione graduale cli particelle di ffuiclo


che precedentemente erano vicine tra loro. Consideriamo due particelle ad una
distanza À piccola, nell'intervallo inerziale. Sempre con argomenti dimensionali,
troviamo che la velocità cli variazione cli questa distanza nel tempo è

dÀ <X (1:,\)1/3. (33,17)


dt
Integrando questa relazione si trova che il tempo T necessario perché due particelle
inizialmente a distanza À 1 si separino cli una distanza ,\ 2 » À 1 è dell'ordine di
grandezza cli
, 4/3
/\?
T ~ él/3. (33,18)

Si noti che il processo è autoaccelerante: la velocità aumenta con À. Questo perché


solo vortici con scale ;:SÀ contribuiscono alla separazione di particelle a distanza
,\; i vortici più grandi contengono ambedue le particelle e quindi non ne causano
l'allontanamento 8 ). ·
Per concludere, consideriamo le proprietà del flusso in regioni cli dimensione ,\,
piccola rispetto a Ào. In tali regioni il flusso è regolare e la sua velocità varia in
modo continuo. Possiamo quindi sviluppare v.\ in potenze cli À e, tenendo solo il
primo termine, otteniamo V,\ = costante x À. L'ordine cli grandezza della costante
è v .\o/ Ào, dato che per À ~ Ào si deve avere v ,\ ~ v .\o. Quindi
,\ 6v. 1; 9
V,\ ~ v, - ~ --R ~ À. (33,19)
-'O ÀQ l
Questa formula si può dedurre anche uguagliando direttamente le due espressioni
per la dissipazione cli energia 1:: l'espressione (33,1) (6v.)3 /l, che determina. E in
2
termini cli quantità caratterizzanti i vortici grandi e l'espressione u (v,\/ ,\) , che la
definisce in termini del gradiente cli velocità dei vortici in cui la dissipazione di
energia avviene effettiva.mente.

§ 34. FLJ,nzfonidi correlazfone della velocità


La formula (33,6) determina qualitativamente la CO'f'r'elazione delle velocità nella
turbolenza locale, cioè la relazione tra le velocità in clne punti vicini del flusso.
Introduciamo ora delle funzioni che saranno utili a caratterizzare quantitativamente
questa correlazione l). Una è il tensore cli correlazione cli rango due

dove v 2 e v 1 sono le velocità del fluido in due punti vicini del flusso e la barra
indica la media temporale. Il raggio vettore dal punto 1 al punto 2 sarà indi-
cato con r = r 2 - r 1 . Nella discussione della turbolenza loca.le, supporremo che
s) Questo risultato può essere applicato a particelle sospese in un fluido, che sono trascina.te
dal flusso.
1
) Le funzioni di correlazione sono sta.te usa.te per la prima volta nella dinamica. della turbolenza.
da L. V. Keller e A.A. F'ridma.n (192,1).
§ 34 FUNZIONI DI CORRELAZIONE DELLA VELOCITA 161

questa distanza sia molto più piccola della scala fondamentale l, sebbene non
necessariàmente molto più grande della scala interna della turbolenza /\o.
La velocità cli variazione su piccole distanze è dovuta ai vortici piccoli. Le
proprietà della turbolenza locale, comunque, non dipendono dal flusso mediato.
Possiamo quindi semplificare lo studio delle funzioni cli correlazione della turbo-
lenza locale considerando il caso ideale cli flusso turbolento in cui ci sia isotropia
e omogeneità non solo nelle scale piccole (come nella turbolenza locale), ma a
qualunque scala; la velocità mediata è allora zero. Questa turbolenza isotropa e
omogenea 2 J corrisponde al flusso che si ha in un fluido sottoposto ad un forte
scuotimento lasciato poi a riposo. Un tale flusso, naturalmente, cleca.clrà necessa-
riamente nel corso del tempo, e dunque le componenti del tensore cli correlazione
sono dipendenti dal tempo :3). Le relazioni che verrano derivate nel seguito tra le
varie funzioni cli correlazione si applicano alla turbolenza omogenea e isotropa a
tutte le scale ed alla turbolenza locale a distanze r « l.
A causa dell'isotropia della turbolenza locale il tensore B;1,;non può dipendere
da una particolare direzione nello spazio. Il solo vettore che può apparire nell'e-
spressione cli B;k è il raggio vettore r. La forma più generale cli un tale tensore
è
B;k = A (r) O;k+ B (r) n;nk, (34,2)
dove n e il versore nella direzione r. Per vedere il significato delle funzioni A
e B, prendiamo gli assi delle coordinate cli modo che uno cli essi coincida con la
direzione cli n, indicando la componente della velocità su questo asse con v,. e quella
ortogonale ad esso con Vt.· La componente Brr del tensore cli correlazione, è quindi
il valore medio del quadrato della velocità relativa cli due particelle cli fluido lungo
la linea che li unisce. Allo stesso modo, Bu è la media della velocità trasversa
quadrata cli mrn particella rispetto all'altra.. Poiché n,. = 1 e n 1 = O si ha dalla
(3,1,2)
B,.,.=A+B, Bu=A, B,.1=0.
L'espressione (34,2) può allora essere scritta come

B;1,;= Bu (r) (r5;1,;


- n;nk) + B,.r (r) n;n1,;. (34,3)

Sviluppando i prodotti nella definizione (34,1) si ha

Bi/,: = v1;-v11,, + v2;v21,; - v1;v21,: - v11,,v2;.

Per via dell'omogeneità, i valori medi del prodotto v;v1,;nei punti 1 e 2 sono uguali,
e per via dell'isotropia, V1;V21,; resta inalterato nello scambio dei punti 1 e 2 (cioè
quando r = r2 - r1 cambia segno); quindi si ha

-- --
V]{VU, = V2;V21,; =
l-,,r5
v- U,;,
3
2
Il concet;to è dovuto a G.J. Taylor (1935).
)

:J) Strettamente parlando, la media nella definizione (3,1,1), dovrebbe essere non la media sul
tempo, ma la media su tutte le possibili posizioni dei punti l e 2 (per una data distanza tra loro)
ad un dato istante.
162 TURBOLENZA Cap. III

Da cui
(34,4)

Il tensore simmetrico ausiliaTio bik tende a zero quando r -+ oo; questo perché le
velocità del flusso turbolento a punti infinitamente distanti possono essere conside-
rate statisticamente indipendenti, così che il valor medio del loro prodotto si riduce
al prodotto dei valori medi di ciascun fattore separatamente; questi sono nulli per
ipotesi.
Deriviamo la (34,4) rispetto alle coordinate del punto 2:

8Ba, 8b;k 8v2k .


-- = -2-- = -2V1i--·
8x2k 8x21,: 8x2k

Dall'equazione di continuità 8v2k/8x2k = Oe dunque

8Bik = O.
8x2k

Essendo Bik funzione solamente di r = r2 - r1, la derivazione rispetto a X2k equivale


a quella rispetto a :ck. Sostituendo la (34,3) per Bik si ha facilmente

I 2
B,.,. + - (B,.,. - Bu) = O,
r
dove' indica la derivazione rispetto a r. Le funzioni di correlazione longitudinali e
trasversali sono quindi legate dalla relazione

Btt = ~ ld (r2 Brr) . (34,5)


2r e,r
Secondo la (33,6), la differenza cli velocità su una distanza r nell'intervallo
inerziale è proporzionale a r 1/: 3 . Di conseguenza le funzioni cli correlazione B,.,. e
Bit. sono proporzionali a r 213 in quell'intervallo. Si ha allora dalla (34,5) la semplice
relazione
4
Bu = Brr (Ào « T <--<l).
3
Per distanze r « Ào, la differenza di velocità è proporzionale a r e quindi B,.,.
e Btt sono proporzionali a r 2 . La (34,5) dà quindi

Btt = 2B,.,. (r « Ào). (34,7)

A queste distanze, B,.,. e Btt possono anche essere espresse in termini dell'energia
media dissipata c. Scrivendo B,.,. = ar 2 , con a una costante e combinando le
formule (34,3) e (34,4) con la (34,7), troviamo

bik = ru
1- 2 9 1
lÌi!, - a'l"~Òik + ax;Xk.
2
Derivando questa espressione si ha
§ 34 FUNZIONI DI CORRELAZIONE DELLA VELOCITÀ 163

Poiché qÌ1este valgono per r arbitrariamente piccoli, possiamo porre r1 = r2 otte-


nendo ·
2
avi)
( 8xz = l 5a.,

Secondo la formula generale (16,3) abbiamo, per l'energia media dissipata,

2 2
E=
1 ( --8v;
-V + -avk) = I/
{ ( --avi ) +----
8v; avk } = 15a.v.
2 axk 8x; axk axk ax;

Da cui a.= E/15v 4 ). Si ha dunque l'espressione finale seguente per le funzioni di


correlazione in termini della dissipazione di energia:

1 E ~
Brr = --r- (34,8)
15 v
(A.N. Kolmogorov, 1941).
Definiamo ora il tensore di correlazione di rango tre

(34,9)

e il tensore ausiliario
(34,10)
Quest'ultimo è simmetrico nella prima coppia di indici; la seconda equazione (34,10)
deriva dal fatto che scambiare i punti 1 e 2 equivale a cambiare il segno di r, cioè
invertire le coordinate e quindi il segno del tensore. Quando r = O e i punti 1 e 2
coincidono, bik,l (O) = O: il valore medio cli nn numero dispari di componenti della
velocità fluttuante è nullo. Sviluppando le parentesi nella definizione (34,9) si ha
Bu.:1in termini cli b;1,f
B;1,.z= 2 (bik,l + b;1,1,;
+ bn,,;). (34,11)
Quando r --+oo, il tensore b.;1,;,ze quindi anche B;u tendono a zero.
In virtù dell'isotropia, bik,Z deve essere esprimibile in termini del tensore 6ii, e
delle componenti del versore Il. La forma più generale di un tale tensore simmetrico
nella prima coppia di indici è

(34,12)

Derivando rispetto alle coordina.te del punto 2 e usando l'equazione di continuità,


troviamo

4
l Per la turbolenza. isotropa., la. dissipazione media. E: è legata. alla. vorticità quadrata media
dalla semplice formula.
2
-(rotv )2 =- l(EJvi
-- -EJv1c)= E:
2 EJx1c EJx, v
164 TURBOLENZA Cap. III

La sostituzione della (34,12) porta; dopo un semplice calcolo, a due equazi~ni

[r2 (3C + 2D + F)]' = O, C


I
+ -2 (C + D) = O.
r

L'integrazione della prima dà

3 e +~'>D+ F _- costante
') .
r-
Quando r = O, le funzioni C, D e F devono annullarsi; la costante dunt1ue è zero,
e 3C + 2D + F = O. Le due equazioni ottenute çlanno allora

D = - ( C + ire') , F = rC' - C. (34,13)

Inserendole nella (34,12) e poi nella (34,11) si ha

= -2 (rC'
B.;1,;z + C)) (i5u,nz+ i5ank + /51,,/'n;)
+ 6 (rC' - C) n;11.1,;nz.
Prendendo di nuovo uno degli assi delle coordinate nella direzione di n, troviamo
per le componenti di B.;1,:1

Brrr = -12C, Brtt = -2 ( C + rC'), Brrt = Btu = O. (34,14)

Questo mostra che tra le componenti non nulle B,.u e Br,.,. esiste la relazione
1 cl
Brtt = -- (rBrn·) · (34,15)
6 clr
Più avanti avremo bisogno anche di u11a espressione per u;1,:,1 in termini delle
componenti cli Bu,z. Dalle (34,12)-(34,14) si ha
1
b;.k,l = - Br,.,.i5ii//l./+ ~l (rB;.,.r + 2Brrr) (6;(n1,:+ i51,:(n;)
+
12
1
- (rB;.,.r - Brrr) n;n1Jiz. (3L1,16)
12
Le relazioni (34,5) e (34,15) discendono dalla. sola equazione di continuità. In-
sieme all'equazione cli Navier-Stokes, possiamo derivare una relazione tra i tensori
cli correlazione B;k e Bikl ( T. van Krirnuin e L. Howarth,1938; 11. N. Kolmogorov,
1941).
Per questo calcoliamo la derivata 80;1,:/at (ricordiamo che un flusso turbolen-
to completamente omogeneo e isotropo necessariamente si smorza nel corso del
tempo). Esprimendo le derivate 8v1;/at e 8v2 1)at per rnezzo dell'equazione di
Navier-Stokes, troviamo

(34,17)
§ 34 FUNZIONI DI CORRELAZIONE DELLA VELOCITÀ 165

La funzione di correlazione per la pressione e la velocità è

P1V2 = o. (34,18)

Infatti l'isotropia implica che questa funzione sia della forma f (r) 11. D'altra parte,
dall'equazione di continuità si ha che

Il solo vettore dellç1forma f (r) 11 con divergenza nulla è costante x 11/ r 2 , ma questo
non sarebbe finito a r = O e dunque la costante deve essere nulla.
Sostituendo ora nella (34,17) le derivate rispetto a Xli e x2i con quelle rispetto
a -,Di e Xi, abbiamo
a a
at b;k = axi (b;z,k+ bkz,;) + 2vl:,bik· (34,19)

Qui dobbiamo sostituire bu,, e b;.k,l dalla (34,4) e (34,16). La derivata temporale
dell'energia cinetica per unità cli massa, v 2 /2 non è altro che l'energia dissipata -E.
Quindi
8 v2 2
8t3 = -:t·
Un calcolo semplice ma molto lungo dà 5)

-~E_! 8B,.,. = _l_!!_ (r4 B,.,.,.)_ ~!!_ (,1.4 8B,.,.). (3,1,20)


3 2 at 6r 4 at r 4 8'1· ar
Il valore di B,.,. varia notevolmente con il tempo solo su intervalli corrispondenti
alla scala fondamentale della turbolenza (~ l /u). Rispetto alla turbolenza locale
il flusso imperturbato può essere visto come stazionario, come già detto nel § 33.
Questo significa che per la turbolenza loca.le, c011sufficientemente accuratezza, si
può trascurare la. derivata 8B,.,./8t rispetto a E, nel primo membro della (34,20).
Moltiplicando l'equazione risultante per .,Ae integrando rispetto a r troviamo, dato
che le funzioni cli correlazione si annullano quando r = O, la seguente relazione tra
B,.,. e B.,.,.,.:
B,.,.,.= --Er4 + 61/--.dB,.,. (3,1,21)
5 dr
(A.N. Kolmogorov, 1941). Questa è valida per valori di r sia maggiori che minori
di 110 . Quando r » Ào, il termine cli viscosità è piccolo e abbiamo semplicemente
4
B,.,.,.
= -5E'/'. (34,22)

Se sostituiamo nella (34,21), per r « ,\o, l'espressione (34,8) per B,.,. si ottiene
zero, dato che, in questo caso, dobbiamo avere B,.,.,. cx r 3 , quindi i termini del
prim'ordine devono cancellarsi.
5
l Il risultato del calcolo corrisponde alla (34,20) con l'operatore 1 + (1/2) rfJ / or
applicato a
ciascun membro, ma dato che la sola soluzione di .f + (1/2) rBf/fJr = O, finita quando r = O, è
f = O, questo operatore può essere omesso.
166 TURBOLENZA Cap. III

L'equazione (34,20) collega due funzioni indipendenti Brr e Brrr e quili.cli Ì1on
permette cli determinarle. La presenza nella (34,20) cli funzioni cli correlazione cli
due ordini è dovuta alla non linearità delle equazioni cli Navier-Stokes. Per la stessa
ragione, la derivata temporale della funzione cli correlazione del terzo ordine porta
ad una equazione contenente anche una correlazione del quarto orclilie e così via.
Si ha, dunque, una sequenza infinita cli equazioni e, senza ulteriori assunzioni, non
è possibile giungere in questo modo ad un sistema cli equazioni chiuso.
Un'altra considerazione generale 6 ) va fatta. Si potrebbe credere che esista, in
principio, la possibilità cli dedurre una formula universale, applicabile_ a qualsiasi
flusso turbolento, che determini B,.r e Bu a tutte le distanze r piccole rispetto a Z.
In effetti una tale formula non può esistere, come si vede dall'argomento che segue.
Il valore istantaneo cli (v 2 i - vi;) (v 2 k - v 1k) potrebbe, in principio, essere espresso
da una funzione universale della dissipazione cli energia E all'istante considerato.
Tuttavia nella media cli queste espressioni, giocherà un ruolo importante la legge cli
variazione cli E su tempi clell'ordine dei periodi dei vortici grandi (con dimensione
~ l) e questa legge cambia nei differenti flussi. Per questo il risultato della media
non può essere universale 7 l.

Integrale di Loitsya:nsh:i

Possiamo riscrivere l'equazione (34,20) con b,.,. e brr,r al posto cli Brr e Brrr:

ab,.,._
--
1. EJ [ A Db.,
- ---,- 2v1 --
..,. + 1.4 b,.,.,.
]
. (34,23)
8t r~ Dr Dr '

Moltiplichiamo questa per .,Ae integriamosu r tra O e oo. L'espressione in parentesi


quadra è nnlla quando r = O. Assumendo che tenda a zero anche per r --+ oo,
troviamo
A= t=r b,.,.dr= costante
.Io
4
(34,24)

( L. G. Loitsyanski, 1939). L'integrale converge se b,-r decresce all'infinito più ra-


pidamente cli r- 5 e, perché sia costante, b,.r,r deve decrescere più rapidamente cli
T-4.

Le funzioni b,.,.e bu sono legate da una formula simile alla (34,5) per B,.r e Btt.
Abbiamo quindi (sotto le stesse condizioni)

Dovuta a L.D. Landau (1944).


G)
7
Se le fluttuazioni di E si ripercuotano sulla forma delle funzioni di correlazione, nella regione
)
inerziale, è una domanda a cui è difficile risolvere in assenza di una teoria consistente della turbo-
lenza; il problema è stato posto da A.N. Kolmogorov, Journal of Fluid Mechanics 13, 82 (1962) e
A.M. Obukhov (ibid. 77). I tentativi di applicare correzioni legate alle fluttuazioni di E alla legge di
Kolmogorov-Obukhov sono basati su ipotesi riguardo alle proprietà statistiche della dissipazione
di energia di cui è difficile accertare la correttezza.
§ 34 FUNZIONI DI CORRELAZIONE DELLA VELOCITÀ 167

Poiché b,,i + 2bu = v 1 · v2, l'integrale (34,24) può essere messo nella forma

A = 1 ;· r 2v1 · v2dV, (3'1,25)


47f

dove dV = d3 (.1: 1 :1:2 ). Questo integrale è strettamente connesso al momento an-


golare del fluido in uno stato di turbolenza omogenea e isotropa. Si può dimostrare
(ma non ci soffermeremo a farlo) che il quadrato del momento angolare totale M
del fluido in un volume grande V all'interno di un fluido infinito è 1112 = 47rp2 AV;
la crescita cli JVI come JV e non V è dovuta al fatto che M è la somma di un
gran numero di termini statisticamente indipendenti (i momenti angolari dei piccoli
elementi separati cli fluido) con valor medio nullo.
2
Il valore cli 111 in un dato volume V può variare a causa dell'interazione con
le regioni circostanti del fluido. Se questa interazione decresce in modo sufficiente-
mente rapido al crescere della distanza, sarà un effetto cli superficie per la parte cli
flusso considerata. I tempi durante cui Jl.12 può variare considerevolmente, crescono
allora con il volume V; questi tempi e volumi vanno considerati molto grandi, e in
questo senso A12 sarebbe conservato.
Questa condizione è strettamente collegata alle condizioni, poste nella deriva-
zione della (34,24) dalla (34,23), cli una decrescita sufficientemente rapida delle
funzioni cli correlazione. Nella teoria dei fluidi incomprimibili comunque, non è
certo che esse siano soddisfatte dato che la velocità di propagazione delle perturba-
zioni in un fluido incomprimibile è infinita. Matematicamente questo si vede nella
forma integrale della dipendenza della pressione del fluido dalla distribuzione di ve-
locità: se il secondo membro della (15,11) è dato, la soluzione di questa equazione
è
p(r) = - p ;·
2
a
v; (r.') V." (r') dV
471. a:r;a.r~, Jr- r'I
Il risultato è che ogni perturbazione locale della velocità influisce istantaneamente
sulla pressione in tutto lo spazio e, poiché questa agisce sull'accelerazione del fluido,
la velocità subisce una nuova variazione.
Un modo naturale per formulare il problema è il seguente. All'istante iniziale
(t = O), supponiamo si abbia un flusso turbolento isotropo in cui le funzioni bik (r, t)
e bik,l (r, t) decrescono esponenzialmente al crescere della distanza. Esprimendo la
pressione in termini delle velocità per mezzo della formula data sopra, possiamo
poi usare l'equazione del moto del fluido nel tentativo cli determinare la dipendenza
delle derivate temporali delle funzioni di correlazione a t = O dalla distanza, quando
r --+ oo. Questo determina anche la dipendenza delle funzioni di correlazione stesse
da r per t > O. Lo studio dà il seguente risultato 8 ).
Per t > O, bn· (r, t) decresce all'infinito alrneno come r- 6 , forse esponenzialmen-
te. L'integrale di Loitsyanski è quindi convergente. La decrescita cli brr,r è solo

S} Si veda I. Pro11.dm.an, W. H. Re·id, Philosophical Tì-ansactions of the Royal Society A 247,


163 (195'1); G. JC Batchelo·r, I. Proudm.an, ibid. 248, 369 (1956). Questi studi sono anche esposti
in A.S. l'don:in, A.M. Yaglom, Statistica! Fluid Mechanics: Mechanics of Turbulence, Dover, 2007,
Voi. 2, §§ 15.5, 15.6.
168 TURBOLENZA Cap. III

come r- 4 , e A non è quindi conservato. La sua derivata temporale è una certa fùn-
zione non nulla, negativa (dato che si trova empiricamente che brr,r· è negativo) del
tempo. Questa funzione è interamente governata da forze inerziali. È ragionevole
supporre che, quando la turbolenza decade, queste forze diventino meno importanti
e, alla fine, possano essere trascurate rispetto alle forze viscose. Quindi A decresce
(il momento angolare si "distribuisce" uniformemente su tutto lo spazio infinito) e
tende ad un limite costante che raggiunge nello stadio finale della turbolenza.
È quindi possibile determinare a questo stadio finale la legge di variazione nel
tempo della scala fondamentale l e la velocità caratteristica. v della .turbolenza..
Una stima dell'integrale (34,25) dà A ~ v 2 l 5 = costante. Un'altra iela.zione si
ottiene stimando la velocità di diminuzione dell'energia per dissipazione viscosa..
La dissipazione di energia. E è proporzionale al quadrato dei gradienti della velo-
cità; stimando questi come v/l, troviamo E~ v (v/l)2. Uguagliando alla derivata.
EJv2 / EJt~ v 2 /t, dove tè preso a partire dall'inizio dello sta.eliofinale della turbolenza.,
abbiamo l ~ (1/t)1/ 2 e quindi

5 4
v = costante x t- / (34,26)

(M.D. Millionshchikov, 1939).

Spettro della funzione di correlazione

Oltre la rappresentazione delle coordinate per le funzioni di correlazione di-


scussa sopra, esiste una rappresentazione spettrale (nei vettore d'onda) cli queste
funzioni che ha un interesse metodologico e fisico. Questa si ottiene dallo sviluppo
in un integrale spaziale di Fourier:

, -I
Bil,,(r)-
.
B;1,,(k)e ik-r --.rZ:lk3 ,
(21r)'

. (k)
B 1,'1, = ;· B 1,l,,,. (r) e-ik-r d3 x·'

indichiamo la funzione cli correlazione spettrale con lo stesso simbolo B;k ma con
una diversa varia.bile indipendente, il vettore d'onda k. Poiché nella turbolenza
isotropa Bi,, (-r) = Bu,, (r), abbia.mo Bu,, (k) = B;k (-k) = Bf1,,(k), e le funzioni
spettrali sono quindi reali.
Quando r ---+oo, le funzioni B;k (r) tendono a.clun limite finito dato dal primo
termine nella (34,4). Di conseguenza, le loro componenti cli Fourier contengono
una funzione delta:
2 3 -;,;
B;k (k) =
3 (21r) r5(k) v- - 2b;k (k). (34,27)

Le componenti con k =fO sono le stesse per le funzioni Bi,: e -2b;k.


La derivazione rispetto alle coordinate x 1 nella rappresentazione delle coor-
dina.te è equivalente alla moltiplicazione per ikt nella rappresentazione. spettrale.
FUNZIONI DI CORRELAZIONE DELLA VELOCITJ\ 169

L'equazione di continuità éJbik (r) /éJ,r; =Osi riduce quindi, nella rappresentazione
SJ?ettrale,.alla condizione che il tensore b;k (k) sia ortogonale al vettore d'onda:

k;bu, (k) = O. (34,28)

A causa dell'isotropia, il tensore b;k deve essere esprimibile solamente in termini di


k e del tensore unitario r5ik· La forma più generale di un tale tensore simmetrico,
che soddisfi la condizione (34,28), è

(3L1,29)

dove p( 2 ) (k) è una funzione reale del numero d'onda.


La rappresentazione spettrale del tensore di correlazione di rango tre si trova in
modo simile, con Bikl (k) espresso in termini di b;k,l (k) secondo la (34,11); questi
tensori non contengono funzioni delta. L'equazione di continuità éJb;k,l (r) /éJx 1 = O
dà la condizione che b;k,t (k) sia trasverso rispetto al terzo indice:

ktbik,l (k) = o. (34,30)

La forma generale cli tale tensore è

(34,31)

Dato che bil,:,l (-r) = -b;h,l (r), le funzioni spettrali Ù;k,l (k) sono immaginarie; un
fattore 'i è stato incluso nella (3,1,31) per rendere p( 3 ) (k) reale.
L'equazione (34,19) nella rappresentazione spettrale è

é) . o
éJtb;1,-(k) = 1k1 [b;1,k (k) + Ù/,:l,i (k)] - 211!,;-bik (k).

La sostitnzione della (34,29) e della (34,31) dà

:t p( 2 l (k, t) = -21,;p( 3 l (k, t) - 2vk 2 p( 2 l (k, t). (3'1,32)

La funzione p( 2 ) (k) ha un importante significato fisico. Per vederlo, riprendiamo


la definizione iniziale cli funzione cli correlazione spettrale 9 ).
Usiamo l'usuale sviluppo di Fourier della velocità fluttuante v(r):

(·)- j'
V I - Vke ik-r --d3k
3
(271")
,

Il secondo integrale è in effetti divergente, dato che v (r) non tende a zero all'infi-
nito. Questo, comunque, è irrilevante nella derivazione formale che segue, dato che
lo scopo è calcolare le medie quadrate che sono certamente finite.
9
l Gli argomenti seguenti ripropongono la dimostrazione data in V, § 122.
170 TURBOLENZA Cap. III

Il tensore di correlazione bi!,:(r) è espresso in termini delle componenti cli F9urfer


della velocità dall'integrale
3 , 3 ,I
. (r)
b1.l = JJ·V·,k .v lk., ei(k-r2+k'·r1) ~-
( )3 (
~-
·3 (34,33)
211 211)
Affinché questa sia una funzione solo di r = r 2 - r 1 , l'integrando deve contenere
una funzione delta cli k + k', cioè deve essere

(34,34)
Questa relazione va considerata come una definizione della quantità qui simbolica-
mente indicata con (vivl)k. Sostituendo la (34,34) nella (34,33) ed eliminando la
funzione delta integrando su d 3 k', troviamo

bil (r ) =
I( ) ViVz k e
ik r d3k
· ( )3 ;
211
cioè le (wuz)k sono le componenti cli Fourier di bil (r), e quindi sono simmetriche
in i ed l e reali. In particolare, b;i (k) = (v 2 ) k e possiamo allora dire che questa
quantità è positiva, come è evidente dalla sua relazione (34,34) con la quantità
positiva Vh:Vk' = lvkl2 , il modulo quadro medio della componente di Fourier della
velocità fluttuante.
Il valore della funzione di correlazione b;i (r) per r = O determina la velocità
quadra media del fluido in ogni punto dello spazio. È espressa in termini della
funzione spettrale da

~
v~ = bli (r = O) = r .
.I
b,:,(k) --~k 3
(211)
o, sostituendo bi; (k) dalla (34,29),

!v2=
2
I
.
p(2) (k) d3\
(211)
=

=
.lo
r=p(2) (k) . 411k2(211)
dk 3. (34,35)

Il significato cli questa espressione è chiaro da quanto eletto precedentemente: la


quantità positiva F( 2 ) (k) / (211) 3 è la densità spettrale dell'energia cinetica per
unità di massa del fluido nello spazio k. L'energia contenuta nelle fluttuazioni il
cui numero d'onda è nell'intervallo dk è E (k) dk, dove
1
E (k) = - -k 2 p( 2 l (k). (34,36)
(211)2
Il primo termine al secondo membro della (34,32) appare come la componente
di Fourier del primo termine al secondo membro della (34,19). Quando r --+ O,
questo termine si riduce alla derivata
§ 34 FUNZIONI DI CORRELAZIONE DELLA VELOCITÀ 171

ed è nullE1,'data l'omogeneità. Nella rappresentazione spettrale questo significa che

(34,37)

e quindi p(, 3) (k) non ha segno definito.


L'equazione (34,32) ha un semplice significato: rappresenta il bilancio dell'e-
nergia delle varie componenti spettrali nel flusso turbolento. Il secondo termine
del secondo menibro è negativo e rappresenta la perdita di energia dovuta alla
dissipazione. Il primo termine (dovuto al termine non lineare nell'equazione cli
N avier-Stokes) descrive la ridistribuzione cli energia nello spettro, cioè il trasferi-
mento cli energia dalle componenti con k più piccolo a quelle con k più grande. La
densità cli energia E (k) ha un massimo a k ~ 1/l; la maggior parte dell'energia
totale cli un flusso turbolento è concentrata vicino al massimo (nell'intervallo cli
energia,§ 33). La densità cli energia dissipata 2vk 2 E(k) è massima per/;;~ 1//\ 0 ;
la maggior parte dell'energia dissipata totale è concentrata nell'intervallo dissipa-
tivo. A numeri cli Reynolcls molto grandi, queste due regioni sono molto distanti
tra loro e sono separati dall'intervallo inerziale.
Integrando la (34,32) su d3 k/ (27r)3 si ha, nel primo membro, la derivata tempo-
rale dell'energia cinetica totale del fluido; questa è uguale all'energia totale dissipata
-E. Troviamo quindi la "condizione cli normalizzazione" per la funzione E(/,:):

2,/ r
Jo
00

1;;2 E (k, t) dk = E. (34,38)

Nell'intervallo inerziale dei numeri d'onda (1 / l « /,;« 1//\o), le funzioni spet-


trali. carne le funzioni di correlazione nella rappresentazione delle coordi1wte. pos-
sono essere considerate indipendenti dal tempo. Secondo la (:33,13), in questo
intervallo si ha
(34,39)

dove C1 è un coefficiente costante, legato al coefficiente C nella funzione cli corre-


lazione
B,.,. (r) = C (E'r)2 / 3 (3'1,40)

dalla relazione C 1 = O.76C; si veda il problema nel seguito. I valori empirici sono
C ~ 2, C1 = 1.5 10 l. Quindi

- i e3/2 _ o.3.
JB,.,.,.J -
CO=
3/
B rr
9
~5

io) La maggior parte degli esperimenti si riferisce alla turbolenza nell'atmosfera o nell'oceano.
I numeri di Reynolds in queste misure arrivano fino a 3 x 108 .
172 TURBOLENZA Cap. III

PROBLEMA

'Jl·ovare la relazione tra i coefficienti C 1 e C che appaiono nelle formule (34,39) e (34,40)
per la funzione di correlazione e la densità spettrale di energia nell'intervallo inerzial_e.
Sol'uzione. Le funzioni
11
Bi; (r) = 2Bu (r) + Brr (r) = Brr (r)
3
(dalla (34,6)) e
") oE(k)
B;; (k) = -2b;; (k) = -4F (- (k) = -811- k2

(con k =/=O) sono legate dall'integrale di Fourier

B;; (k) = / B;; (r) e-ik-rd 3 x.

Se il numero d'onda è nell'intervallo inerziale (1/1 « k « 1/ Ào), il fattore oscillante


taglia l'integrale ad un limite superiore r ~ l/k « l. A piccole distanze l'integrale
converge dato che B;; (r) -+ O quando r -+ O. In pratica, l'integrale è governato
dalle distanze che si trovano nell'intervallo inerziale (Ào « r « l) e possiamo
sostituire in esso B,.,. (r) dalla (3'1,40) e, allo stesso tempo, estendere l'integrazione
a tutto lo spazio. Nell'integrale

integriamo prima sulle direzioni cli r, ottenendo

I= 471
-Im
h;
1·oo
,O
e3•e'·1'Tclr
7··'1 .
. =,
--'171
/,;ll
1·oo
/:J . O
e, ·e
co/.Je'·,cZC
e, . •',.

L'integrale restante si calcola ruotando il contorno cli integrazione nel pianÒ ç com-
plesso dalla metà destra dell'asse reale alla metà superiore dell'asse immaginario.
Il risultato è
471 1071
I = - 1;;11/3 9f (1/3).
Combinando queste espressioni abbiamo, in conclusione,
55
C1 = 27 r (l/ 3) C = 0.76G.

§ 35. La reg'ione t-u.rbolenta.e il fenomeno della separnzione


Il flusso turbolento è in generale rotazionale. Tuttavia, la distribuzione della
vorticità nel fluido ha delle peculiarità nel flusso turbolento (per g,Tandi valori di
R). Nel flusso turbolento "stazionario" attorno a dei corpi, l'intero volume del
fluido può in genere essere diviso in due regioni separate. In una di esse il moto è
rotazionale mentre nell'altra la vorticità è nulla e abbiamo un flusso potenziale. La
§ 35 LA REGIONE TURBOLENTA E IL FENOMENO DELLA SEPARAZIONE 173

vorticità è,quindi non nulla solo in una parte del fluido (in generale illimitata). La
possibilità che una regione limitata del flusso rotazionale esista è dovuta al fatto
cl~e il flusso turbolento può essere considerato come il moto di un fluido ideale
descritto dalle equazioni di Eulero l). Abbiamo visto (§ 8) che, nel moto di un
fluido ideale, vale la legge di conservazione della circolazione. In particolare, se il
rotore della velocità è nullo in un qualunque punto di una linea di corrente, lo sarà
anche in ogni altro punto di quella linea. D'altra parte, se rot v # O in un punto
cli .una linea cli corrente, sarà non nullo in ogni altro punto di quella linea. Da
questo segue che -l'esistenza di regioni separate di moto rotazionale e irrotazionale
è compatibile con le equazioni del moto, solo se la regione del flusso rotazionale è
tale che le linee di corrente al suo interno non ne attraversino il bordo, penetrando
nella regione esterna. Tale distribuzione della vorticità è stabile e resta nulla oltre
la superficie di separazione delle due regioni.
Una delle proprietà della regione cli flusso turbolento rotazionale è che lo scam-
bio di fluido tra questa e lo spazio circostante non può che essere in una sola
direzione. Il fluido vi può entrare, provenendo dalla regione di flusso potenziale,
ma non ne può uscire.
Si deve sottolineare che gli argomenti qui portati non possono essere considerati
prove rigorose delle affermazioni fatte sopra. In ogni caso, la presenza di regioni
separate cli flusso turbolento rotazionale sembra confermata dall'esperimento.
Il flusso è turbolento sia nella regione rotazionale che in quella irrotazionale, ma
il carattere della turbolenza è totalmente diverso nelle due regioni. Per chiarire le
ragioni cli questa differenza, consideriamo la seguente proprietà generale del flusso
potenziale descritto dall'equazione di Laplace l",,cp= O. Supponiamo che il flusso sia
periodico nel piano xy così che 'P dipenda da :r e y attraverso il fattore ei(kt2:+keu).
Allora
[)2 'P [)2 'P ~ ') ')
~.·)
ua::-
+~
uy-
= - (k 1 + k:;) cp= -k-cp
-
e, dovendo essere nulla la somma delle derivate seconde, la derivata seconda di
'P rispetto a z deve essere uguale a 'P moltiplicato per un coefficiente positivo:
8 2 cp/8z 2 = k 2 cp. Quindi la dipendenza cli 'P da z è data da un fattore di smorzamen-
to della forma e-kz per z > O (essendo una crescita illimitata come é=ovviamente
impossibile). Se dunque il flusso potenziale è periodico in un piano, deve essere
smorzato nella. direzione ortogonale a. quel piano. Inoltre, quanto più grandi sono
k1 e k2 (cioè più piccolo il periodo del flusso nel piano ,ry), tanto più rapidamente
il flusso si smorza nella direzione dell'asse z. Tutti questi argomenti continuano ad
essere qualitativamente validi in casi in cui il flusso non sia strettamente periodico
ma continui ad avere certa qualità periodica.
Da questo si ottiene il risultato seguente. I vortici turbolenti devono smorzarsi
al di fuori della. regione di flusso rotazionale e questo deve avvenire tanto più rapi-
da.mente quanto più essi sono piccoli. Detto differentemente, i vortici di dimensioni
più piccole non penetrano profonda.mente nella regione di flusso potenziale. Di

l) L'applicabilità di queste equazioni al flusso turbolento termina. a distanze dell'ordine di ,\o.


Una separazione netta tra flusso rotazionale e irrotazionale è definita solo per tali distanze.
174 TURBOLENZA Cap. III

fatto, solo i vortici più grandi sono importanti in questa regione e sono smorzàti
a distanze dell'ordine delle dimensioni (trasverse) della regione rotazionale cÌ1e, in
questo caso, assume il ruolo cli scala fondamentale della turbolenza. A distanze più
grandi cli questa dimensione la turbolenza è praticamente inesistente e il flusso può
essere considerato laminare.
Abbiamo visto che la dissipazione cli energia nel flusso turbolento avviene nei
vortici più piccoli; nei vortici più grandi non si ha dissipazione apprezzabile e questa
è la ragione per cui l'equazione cli Eulero si applica ad essi. Quanto detto sopra
ci porta all'importante risultato che la dissipazione cli energia è esse~1zialmente
localizzata nella regione cli flusso turbolento rotazionale e non ha praticamente
luogo al cli fuori cli questa regione.
Tenendo in mente tutte queste proprietà. del flusso turbolento rotazionale e
irrotazionale, chiameremo nel seguito, per brevità, la regione cli flusso turbolento
rotazionale semplicemente regione di ffosso forbolento o regione turbolenta. Nei
paragrafi seguenti esamineremo la forma cli questa regione per casi differenti.
La regione turbolenta deve essere limitata in qualche direzione da una parte
della superficie del corpo attorno a cui il flusso ha luogo. La linea che delimita
questa parte della superficie del corpo è chiamata l-inea di sepamzfone. Da questa
linea parte la superficie cli separazione tra il fluido turbolento e il resto del fluido. La
formazione della regione turbolenta nel flusso intorno al corpo è chiamata fenomeno
della separazione.
La forma della regione turbolenta è determinata dalle proprietà del flusso nel
volume principale del fluido (cioè non nelle immediate vicinanze della superficie
del corpo). Una teoria completa, ancora inesistente, della turbolenza dovrebbe
permettere, in linea cli principio, cli determinare la forma cli questa regione per
mezzo delle equazioni del moto cli un fluido perfetto, se è data la posizione della
linea cli separazione sulla superficie del corpo. La posizione reale clells linea cli
separazione è cletermi11ata dalle proprietà del flusso nelle immediate vicinanze della
superficie (in quello che viene eletto lo sfrato limite), dove la viscosità del fluido
gioca un ruolo importante (si veda § ,10).
Qum1clo ci riferiremo (nei paragrafi seguenti) al bordo libero della regione turbo-
lenta, intenderemo, naturalmente, la sua posizione mediata sul tempo. La posizione
istantanea del bordo è una superficie altamente irregolare; queste distorsioni irre-
golari e la loro variazione nel tempo sono dovute principalmente ai vortici grandi
e cli conseguenza si estendono a profondità comparabili con la scala fonclmnentale
della turbolenza. Il moto irregolare della superficie cli bordo ha come risultato che
un punto dato nel flusso, non troppo lontano dalla posizione media della superficie,
si trovi alternatamente su lati opposti cli essa. Quando si guarda la struttura del
flusso in questo punto, ci saranno periodi alternati in cui la turbolenza a piccola
scala è presente o assente 2 ).

~) Questa è chiamata alternanza (o intermittenza) di turbolenza. Deve essere distinta dalla


proprietà simile della struttura del flusso all'interno cli una regione turbolenta, chiamata con lo
stesso nome. In questo libro non discuteremo i modelli esistenti che descrivono questo fenomeno.
§ 36 IL GETTO TURBOLENTO 175

§:36. Il getto fo:rbolento


, Semplici argomenti di similarità permettono in certi casi di determinare la for-
ma, così come altre proprietà fondamentali della regione turbolenta. Questi casi
includono, tra gli altri, vari tipi di getti turbolenti liberi in uno spazio riempito di
fluido (L. Prandtl, 1925).
Come primo esempio, consideriamo la regione turbolenta formata quando un
flusso si separa sullo spigolo formato da due piani infiniti che si intersecano (la
figura 24 mostra questi due piani in sezione trasversa). Per un flusso laminare
(fig. 3), il fluido llingo un lato dello spigolo (diciamo nella direzione AO) girerebbe
in modo regolare e scorrerebbe lungo l'altro lato (O B). Nel flusso turbolento il
comportamento è totalmente diverso. Il fluido lungo un lato dello spigolo ora
non gira più, una volta giunto al vertice, ma continua nella sua direzione iniziale.
Un flusso appare lungo l'altro lato nella di-
rezione BO. I due flussi si mescolano nella
regione turbolenta 1 l; i limiti della sezione
cli questa regione sono indicati da linee trat-
teggiate in figura 24. L'origine di questa
regione può visto nel modo seguente. Im-
maginiamo un flusso tale che una corrente
uniforme nella direzione AO continui il suo
moto nella stessa direzione, riempiendo tut-
to lo spazio al cli sopra del piano AO e del
suo prolungamento oltre il punto O, mentre
il fluido al cli sotto cli questo piano sia im-
mobile. In altri termini, si ha una superficie Fig. 2Ll
di separazione (il prolungamento del piano
AO) tra il fluido in moto a velocità costante
e il fluido stazionario. Questa superficie cli cliscontinnità. tutt,wia, È' instabile e non
può realmente esistere (cfr. § 29). Questa instabilità porta al mescolamento e alla
formazione della regione turbolenta. Il flusso lungo BO nasce dal fatto che si deve
avere apporto cli fluido esterno nella regione turbolenta.
Determiniamo la forma della regione turbolenta. Scegliamo l'asse :z;come in fig.
24, con l'origine in O. Indichiamo con Y1 e 12 le distanze dal piano :z;z del limite
superiore ed inferiore della regione turbolenta; vogliamo determinare Y1 e Y2 come
funzioni di x. Questo può essere fatto facilmente con considerazioni cli similarità.
Poiché i piani sono infiniti in tutte le direzioni, non disponiamo cli alcun parametro
costante che abbia le dimensioni cli una lunghezza. Ne segue che Y1 e 12 posso solo
essere funzioni lineari della distanza x

Y1 = x tan a1 Y2 = x tan a2. (36,1)

I coefficienti di proporzionalità sono costanti numeriche che scriviamo nella forma


tan a:1 e tan a2 così che o:1 e a2 sono gli angoli tra i due limiti della regione tur-
1
) Ricordiamo che, al di fuori della regione turbolenta, si ha un flusso turbolento irrotazionale
che diviene progressivamente laminare man mano che ci si allontana dal limite di questa regione.
176 TURBOLENZA Cap. III

bolenta con l'asse x. La regione turbolenta è quindi delimitata da due piani che si
interseca.no lungo lo spigolo dell'angolo. ·
I valori di a 1 e a2 dipendono solo dal valore dell'angolo diedro che il flusso deve
aggirare e non, per esempio, dalla. velocità del flusso incidente. Non siamo in grado
di calcolarli teoricamente; i risultati sperimentali nel caso di flusso attorno ad un
angolo retto danno a 1 = 5° e a 2 = 10° 2 ).
Le velocità del flusso lungo i due la.ti dell'angolo non sono uguali; il loro rapporto
è un numero definito e, anch'esso, dipende solo dall'angolo. Quando l'angolo non
è prossimo a. zero, una. delle due velocità, quella. del flusso principale. ùella stessa
direzione (AO) della regione turbolenta, è considerevolmente più grande dell'altra.
Nel caso di flusso attorno ad un angolo retto, a.d esempio, la velocità lungo il pia.no
AO è trenta volte più grande di quella lungo BO.
Possiamo anche notare che la differenza di pressione del fluido tra i due lati
della regione turbolenta è molto piccola.. Sempre per il flusso attorno ad un angolo
retto si trova. che
Pl - P2 = 0.003p Uf,

dove U1 è la. velocità del flusso principale (lungo AO), p 1 la pressione in quel flusso
e p2 la pressione nel flusso lungo BO.
Nel caso limite in cui l'angolo diedro è nullo abbiamo semplicemente il bordo
di un piano lungo le cui facce si muove il fluido. L'angolo a 1 + 0:2 della regione
turbolenta è nullo cioè la. regione turbolenta sparisce; le velocità dei flussi sulle
due facce sono uguali. Al crescere dell'angolo AOB, si raggiunge il punto in cui
il piano BO diviene il limite inferiore della. regione turbolenta; l'angolo .AOB è,
a questo punto, ottuso. Al crescere dell'angolo, la regione turbolenta continua ad
essere limitata, da un lato, dal piano BO. Abbiamo allora semplicemente una
separazione, con la linea di separazione lungo lo spigolo dell'angolo. L'angolo della
regione turbolenta rimane finito.
Come secondo esempio, cdnsideria-
mo il problema di un getto turbolento
\\ di fluido emesso dall'estremità di un tu-·
bo sottile in uno spazio infinito riempi-
to dello stesso fluido. Il problema del
flusso la.minare di un tale getto "som-
merso" è stato risolto nel § 23. A di-
stanze grandi rispetto alle dimensioni
dell'apertura del tubo (le sole che con-
Il sidereremo), il getto ha simmetria as-
siale, qualunque sia la forma effettiva
Fig. 25 dell'apertura.
Determiniamo la forma della regio-
ne turbolenta nel getto. Prendiamo l'asse del getto come asse x e indichiamo il
2
l Qui e altrove, ci riferiamo a risultati sperimentali sulle distribuzioni di velocità in una sezione
trasversa del getto turbolento, analizzati usando calcoli basati su una teoria semiempirica (si veda
la nota finale nel presente paragrafo).
§ 36 IL GETTO TURBOLENTO 177

raggio della regione turbolenta con R; vogliamo determinare R come funzione di


x (misurat9 rispetto al punto di uscita del getto). Come nell'esempio precedente,
qu~sta funzione. si determina facilmente da considerazioni dimensionali. A distanze
grandi rispetto alle dimensioni dell'apertura del tubo, la forma reale e la dimensio-
ne dell'apertura non hanno alcuna influenza sulla forma del getto. Di conseguenza
non abbiamo alcun parametro caratteristico a nostra disposizione che abbia le di-
mensioni cli una lunghezza. Come prima si ha che R deve essere proporzionale a

R = xtanO'., (36,2)
con la costante numerica tan °' uguale per tutti i getti. La regione turbolenta è
dunque un cono; il valore sperimentale dell'angolo 20'. è circa 25° (fig. 25) 3 ).
Il flusso nel getto è essenzialmente assiale. In assenza cli parametri con le
dimensioni di una lunghezza o cli una velocità che possano descrivere il flusso nel
getto 4 l, la velocità longitudinale Ux (mediata sul tempo) in esso deve avere una
distribuzione della forma

( ),
·u.'"(r, x) = uo (x) .f R '/'(x) (36,3)

dove ·r è la distanza dall'asse del getto e v,o la velocità sull'asse. I profili cli velocità
in differenti sezioni trasverse del getto quindi, differiscono solo per quanto riguarda
le scale cli misura cli distanze e velocità; si dice che la struttura del getto è mdosi-
m.ilar-e. La funzione f (i;), vale 1 qnanclo ç = O e decresce rapidamente al crescere
clell'argmnento. Vale 1/2 per ç = 0.4, e raggiunge il valore cli~ 0.01 al limite della
regione turbolenta. La velocità trasversa ha circa lo stesso ordine cli grandezza
sulla sezione della regione turbolenta e al limite della regione vale circa -0.025'lio
(diretta verso l'interno del getto). È a causa cli questa velocità trasversa che il
fluido penetra nella regione turbolenta. Il flusso nl cli fuori della regione turbolenta
può essere calcolato teoricamente (cfr. problema 1).
La dipendenza della velocità del getto in funzione della distanza. ,r può essere
determinata. con il semplice argomento che segue. Il flusso tota.le cli impulso attra-
verso una superficie sferica, centrata. nel punto cli emissione del getto, deve rimanere
costante quando il raggio della superficie varia. La densità cli flusso cli impulso nel
getto è cli ordine pu 2 , dove u è dell'ordine cli una certa velocità media nel getto.
L'area della parte cli sezione trasversa del getto dove la velocità è apprezzabilmente
diversa da zero, è dell'ordine di R 2 . Quindi il flusso di impulso totale è P ~ pu 2 R 2 .
Sostituendo la (36,2), abbiamo

(36,4)

3
l La formula (36,2) da R = O per x = O; cioè la coordinata x è misurata dal punto dove il
getto partirebbe da una sorgente puntiforme. Questo punto non coincide necessariamente con la
posizione reale dell'apertura di uscita, ma può essere arretrata rispetto ad essa di una distanza
dello stesso ordine cli grandezza di quella considerata per stabilire la dipendenza (36,2). Poiché
siamo interessati alla forma asintotica a grandi x, questa differenza può essere trascurata.
1
· l Si noti ancora che stiamo considerando la turbolenza sviluppata nel getto, e dunque la
viscosità non deve comparire nelle formule in lquestione.
178 TURBOLENZA Cap. III

cioè la velocità diminuisce come nnverso della distanza dal punto di emiss~onè. La
massa Q di fluido che passa per unità di tempo attraverso una sezione trasversa
della regione turbolenta è di ordine p1LR2. Sostituendo (36,2) e (36,Ll), troviamo che
Q = costante xx; usiamo il segno di uguale perché se due quantità, che variano tra
limiti ampi, sono sempre dello stesso ordine di grandezza allora sono proporzionali.
Il fattore di proporzionalità si esprime convenientemente non in termini del flusso
di impulso P ma in termini della massa di fluido Q 0 che viene emessa dal tubo
nell'unità di tempo. A distanze dell'ordine delle dimensioni lineari a, dell'apertura
del tubo, si deve avere Q ~ Qo. Quindi la costante è Qo/a e
X
Q = /3Qo-,a, (36,5)

dove /3 è un coefficiente numerico che dipende solo dalla forma dell'apertura. Se


questa è circolare cli raggio a, il valore empirico è /3 ~ 1.5. Quindi la portata
attraverso la sezione trasversa della regione turbolenta aumenta con x, il che vuol
dire che il fluido è aspirato nella regione turbolenta 5 ).
Il flusso in qualunque sezione della lunghezza del getto è caratterizzato dal
numero di Reynolcls per quella sezione, definito come uR/v. Poiché per la (36,2) e
la (36,4) il prodotto uR è costante lungo il getto, si ha che il numero cli Reynolds è lo
stesso per ogni sezione. Si può prendere, per esempio, il valore Qo/ pav. La costante
Q0 / a, che appare è il solo parametro che determina il flusso nel getto. Quando
l' "intensità" del getto Q 0 cresce (a fisso valore di a,), il numero cli Reynolcls alla fine
raggiungerà un valore critico oltre cui il flusso diviene turbolento simultaneamente
su tutta la lunghezza del getto 6 ).

PROBLEMI

1. Determinare il flusso medio nel getto al cli fuori della regione tmbolenta.
Sofozione. Prendiamo coordinate polari sferiche r, B, ip con l'asse polare diretto lungo
l'asse del getto e l'origine delle coordinate presa nel punto da cui il getto è emesso. Data
la simmetria assiale del getto, la componente Uc,, della velocità media è nulla mentre 'li,@ e
5
l Il flusso totale attraverso qualunque piano infinito attraverso il getto è infinito, cioè un getto
emesso in uno spazio infinito porta con se una quantità infinita di fluido,
GJ Per un calcolo più dettagliato di casi diversi di flusso turbolento si ricorre abitualmente a
diverse teorie semiempiriche che sono fondate su ipotesi riguardo alla dipendenza del coefficiente
cli viscosità turbolenta dal gradiente della velocità media, Così, nella teoria di Prandtl, si assume
(per un flusso piano)

Zlt,urb = l "lau,,
By I,

dove la dipendenza di l (chiamata lunghezza, di mescola.mento) dalle coordinate è dettata da consi-


derazioni di similarità; ad esempio, nei getti turbolenti liberi, poniamo l = cx, con c una costante
numerica empirica, Queste teorie sono generalmente in accordo con l'esperimento e sono quindi
utili per calcoli di interpolazione. Non è però possibile attribuire valori universali alle costan-
ti numeriche empiriche che caratterizzano ogni teoria; per esempio, il valore del rapporto tra la
lunghezza di mescolamento l e la dimensione trasversa della regione turbolenta si sceglie differen-
temente a seconda del caso in esame. Notiamo ancora che si può ottenere un buon accordo con i
risultati sperimentali a partire da diverse espressioni per la viscosità turbolenta.
§ 36 IL GETTO TURBOLENTO 179

Ur sono funzioni solo dir e e. Le stesse considerazioni fatte nel problema relativo al getto
laminare nei_§ 23, mostrano che ·ue e Ur devono avere la forma

.f (e) F(O)
ue=--, Ur=--.
r r

Al di fuori della regione turbolenta abbiamo flusso potenziale cioè rot u = O, da cui

8ur
ae - 8ra (rue) = o.
Essendo rv,e indipendente da r
8ur 18F
ae =;;: ae = o,
da cui F = costante = -b e quindi
b
(1)
r
Dall'equazione di continuità,

1a
,-a (r 2 ur) +-.
1
-eae ('uesme)
a . = o,
r· r r sm
otteniamo
bcos
.f = costant: e
sm
La costante di integrazione deve valere -b perché la velocità non diventi infinita quando
e = 1r (il fatto che f diventi infinita a e = O non ha importanza dato che la soluzione che
cerchiamo si riferisce solo allo spazio a di fuori della regione turbolenta mentre e = O si
trova all'interno di essa). Quindi

b 1 +cose b e
u,e = - - = - - cot - . (2)
T sin O T 2
La componente della velocità nella direzione del getto (u.,,) e il suo valore assoluto sono

b b cose b 1
·u,, =;;:= -;;-, v-
,-
----
r sine;2·
(3)

La costante b può essere legata alla costante B = (3Q0 /a.nella (36,5). Consiclerimno un
tronco del cono della regione turbolenta, limitato eia due sezioni trasverse infinitamente
vicine. La massa cli fluido che entra in questa regione della regione turbolenta, nell'unità
cli tempo, è
dQ = -21rrp sin crn,edr = 21rbp (1 +cosa) dr
e dalla (36,5) si ha dQ = Bdx = B cosa dr. Uguagliando le due espressioni si ha

b= B cosa (4)
21rp 1 +cosa

Al bordo della regione turbolenta la velocità u è diretta verso l'interno cli questa regione
formando un angolo (1r- a) /2 con la direzione positiva dell'asse x.
Confrontiamo la velocità media 'il,, all'interno della regione turbolenta, definita come

- Q B
11,x = --'J = 'J ,
1rpR· 1rpx tau· a
. .,/"
180 TURBOLENZA Cap. III

con la velocità. ('ux)pot al bordo della. regione. Prendendo la. prima equazione (3) ccm e·=a,
trovi a.mo
(ux)pot 1- cosa
Ux 2
Per a = 12° si ha, per questo rapporto, il valore O.Oll, cioè la velocità. al bordo della
regione turbolenta è piccola rispetto alla velocità. media all'interno della regione.
2. Determinare la legge cli variazione delle dimensioni e della velocità in un getto
turbolento sommerso proveniente da una fenditura sottile infinitamente lunga.
Soluzione. Per le stesse ragioni addotte per il getto assiale, si può concludere che la
regione turbolenta è delimitata da due piani che si intersecano lungo la fe1iditura, cioè la
semilarghezza del getto è
Y = xtana.
Il flusso cli impulso nel getto (per unità cli lunghezza della fenditura) è dell'ordine cli pu 2 Y.
La dipendenza cli u da x è quindi data da
costante
u~ ./x .
La portata. attraverso una sezione trasversa. della regione turbolenta è Q ~ pv.Y, da cui
Q = costante x ./x.
Il numero cli Reynolcls locale R = ·uY/v cresce con .i; secondo la stessa legge. I dati
sperimentali per l'angolo cli apertura cli un getto piano, danno un valore 2a <::è'25°, circa.
uguale a. quello cli un getto circolare.

§ 37. La scia turbolenta


Quando il numero cli R.eynolds supera di molto il valore critico, nel flusso attorno
ad un corpo solido, dietro di esso si forma una lunga regione cli flusso turbolento
eletta scia, t"U.rbolenta
.. A distanze grandi rispetto alle dimensioni del corpo, semplici
considerazioni permettono di determinare la forma di questa scia e la legge cli
decrescita della velocità del flusso in essa (L. Prn:n.cltl,1926).
Come nello studio della scia laminare fatto nel§ 21, indichiamo con U la velocità
della corrente incidente e prendiamo la direzione cli U come asse :1:. La velocità del
flusso in ogni punto, mediata sulle fluttuazioni tmbolente, si scrive come U + u.
Indicando con a. una certa dimensione trasversa della scia, determineremo a. in
funzione cli x. In assenza cli portanza, a grandi distanze dal corpo, la scia ha
simmetria assiale e sezione circolare; in questo caso, a. può essere il raggio della
scia. Se è presente la portanza, si crea una direzione privilegiata nel piano yz e
la scia non possiede più la simmetria assiale, qualunque sia la distanza dal corpo.
La componente longitudinale della velocità del fluido nella scia è dell'ordine cli U,
mentre la componente trasversa è dell'ordine cli una certa media v. della velocità
turbolenta. Per questa ragione, l'angolo tra le linee cli corrente e l'asse x è cli ordine
v./U. Corne sappiamo, il bordo della scia è il limite oltre il quale le linee cli corrente
del flusso turbolento rotazionale non possono passare. Ne segue che l'angolo tra il
bordo della sezione longitudinale della scia con l'asse :r è anch'esso cli ordine ·u./U.
Si può quindi scrivere
cla. 'U,
(37,1)
clx ~ ff
§ 37 LA SCIA TURBOLENTA 181

UsiamÒ ,ora le formule (21,1) e (21,2) che determinano le forze che agiscono
sul corpo iÌ1 termini di integrali della velocità del fluido nella scia (ora intendiamo
pe1· velocità il suo valore medio). Il dominio di integrazione in questi integrali è
dell'ordine di a 2 . Una stima dell'integrale dà F ~ pU'U,a 2
, dove F è dell'ordine di
grandezza della resistenza o della portanza. Quindi
F
11, ~ --9· (37,2)
pUa-

Sostituendo nella ('37,1), troviamo

da F
dx~ pU 2 a 2 '

da cui si ha per integrazione

a
~ ( Fx)
u9
1/3
(37,3)
p -
La lunghezza della scia cresce dunque come la radice cubica della distanza dal
corpo. Per la velocità, dalla (37,2) e dalla (37,3), abbia.mo

, ~ (FU)l/3
u.
px
2 , (37,4)

cioè la velocità media del fluido nella scia decresce come l'inverso di ,c2 13 .
Il flusso, in qualunque tratto della scia, è caratterizzato dal numero di Reynolds
R ~ au/1/. Sostituendo la (37,3) e la (37,4) si ha

F l ( p2 ) 1/3
R~--~- --2
, 1ipUo. 11 p U:r

Vediamo che questo numero non resta costante lungo la scia, al contrario di quanto
accadeva nel getto turbolento. A distanze sufficientemente grandi dal corpo R
diviene così piccolo che il flusso nella scia cessa cli essere turbolento. Oltre questo
punto si ha la regione di scia laminare le cui proprietà sono sta.te studia.te nel § 2L
Nel § 21 abbiamo trovato le formule che descrivono il flusso al di fuori della
scia, lontano dal corpo. Queste resta.no valide per il flusso al di fuori della scia
turbolenta.
Notiamo ora alcune proprietà genera.li della distribuzione di velocità attorno al
corpo. Nella scia turbolenta., così come al di fuori di essa, la velocità. (intendiamo
sempre la velocità u) decresce al crescere della distanza dal corpo. La velocità
longitudinale 'U,x,invece, decresce più rapidamente a.l di fuori della scia (come 1/x 2 ),
che all'interno. Possiamo quindi supporre che, lontano dal corpo, la velocità Ux
sia nulla al di fuori della scia. Possiamo dire che v,,c decresce a partire da un
valore massimo sull'asse della scia fino a zero sul suo bordo. Quanto alle velocità
trasversa.li 1ly e Uz, al bordo della scia, esse sono dello stesso ordine di grandezza.
che all'interno e decrescono rapidamente allontanandosi dalla scia a fissa distanza
dal corpo.
182 TURBOLENZA Cap. III

§ 38. Il teorema di Zh'uko'usky


La distribuzione di velocità descritta alla fine del paragrafo precedente non si
applica ai casi eccezionali in cui lo spessore della scia formata dietro il corpo è
piccola rispetto alla sua larghezza. Una scia di questo tipo si forma nel flusso
attorno ad un corpo il cui spessore (nella direzione y) è piccolo rispetto alla sua
larghezza (nella direzione z); la lunghezza (nella direzione del flusso, l'asse x) può
essere arbitraria. In altri termini, si tratta del flusso attorno a corpi la cui sezione
trasversa rispetto al flusso è fortemente allungata. Un caso tipico è.quello di un'ala,
cioè un corpo la cui larghezza o apertura, è grande rispetto alla altre dimensioni.
È chiaro che, in questo caso, non c'è più alcuna ragione per cui la velocità uy
perpendicolare al piano della scia turbolenta, debba decrescere apprezzabilÌnente
a distanze dell'ordine dello spessore della scia. Al contrario, questa velocità sarà
dello stesso ordine di grandezza all'interno della scia e a distanze considerevoli
da essa, dell'ordine dell'apertura dell'ala. Inoltre assumeremo, ovviamente, che la
portanza non sia nulla altrimenti la velocità trasversa sarebbe prati<::amente nulla.
Consideriamo la portanza verticale Fy dovuta a tale flusso. Secondo la (21,2) essa
è data dall'integrale
Fy = -pU .u·
iiydyclz, (38,1)

dove, data la natura della distribuzione della velocità uy, l'integrazione è estesa a
tutto il piano trasversale. Inoltre, dato che lo spessore della scia (nella direzione
y) è piccolo e che la velocità uy all'interno della scia non è grande rispetto al suo
valore all'esterno, possiamo con sufficiente accuratezza prendere l'integrazione su
y solo nella regione esterna alla scia cioè:

dove Yl e Y2 sono le coordinate del bordo della scia (fig. 26).


Al di fuori della scia abbiamo flus~
so potenziale e quindi 'Uy = 8ip/8y;
inoltre, dato che ip = O all'infinito,
abbiamo

/ Uydy = 1{!2 - i{Jl,

dove ip1 e ip2 sono i valori del potenziale


da una parte e dall'altra della scia. Si
Fig. 26 può dire che 1{!2 - 1{!1 è il salto cli po-
tenziale sulla superficie di discontinuità
che può rimpiazzare una scia sottile. La derivata uy = 8ip/ 8y deve rimanere con-
tinua. Una discontinuità della componente della velocità ortogonale alla superficie
significherebbe che una certa quantità di fluido entra nella scia; nell'approssima-
zione in cui lo spessore della scia è trascurabile questo effetto deve essere assente.
Possiamo allora rimpiazzare la scia con una superficie di discontinuità tangenziale.
§ 38 IL TEOREMA DI ZHUKOVSKY 183

Nella stessa approssimazione, anche la pressione deve essere continua sulla scia.
Poiché la variazione della pressione è data, in prima approssimazione secondo la
forim1la di Bernoulli, da pU'U,x= pU EJi.p / 8x, ne segue che anche la derivata 81.f)
/ 8x
deve essere continua. La derivata 8i.p/8z (la velocità nella direzione dell'apertura
dell'ala) invece è in generale discontinua.
Essendo la derivata 81.f)
/ 8x continua, la discontinuità 'P2 - 'Pl dipende solo da
z e non dalla coordinata x lungo la scia. Abbiamo quindi la formula seguente per
la portanza:
Fy = -pU J ('P2 - l.f)1) dz. (38,2)

L'integrazione lungo z si estende solo alla larghezza della scia (al di fuori della scia
=
si ha, ovviamente, 'P2 - 'Pl O).
Questa formula può essere messa in una forma differente. A questo scopo
notiamo che, usando le proprietà ben note dell'integrale del gradiente di uno scalare,
si può scrivere l.f)2 - l.f)1 sotto forma cli integrale curvilineo:

J grad l.f) • dl = J (uydy + Uxdx),


preso su una curva che inizia nel punto y 1 e si chiude in y 2 dopo aver contornato il
corpo passando così in tutto il dominio della regione di flusso potenziale. Poiché la
scia è sottile, possiamo chiudere questo contorno per mezzo di un breve segmento
da Y2 a Y1, senza cambiare l'integrale se non per ordini superiori. Indicando con r
la circolazione della velocità lungo il contorno chiuso C intorno al corpo (fig. 26),
abbiamo
r = f u . dI = 'P2 - 'P1 (38,3)

e, per la portanza,
Fy = -pU J I'cL::. (38,4)

Per il segno della circolazione della velocità si sceglie sempre quello che si ottiene
per un cammino in senso antiorario. Il segno nella (38,3) dipende anche dalla dire-
zione del flusso che si è scelta. Supporremo sempre che il flusso sia nella direzione
positiva dell'asse x (da sinistra a destra).
La relazione tra la portanza e la circolazione della velocità, data dalla (38,4),
costituisce il twrema d'i Zhinkovsky (1906). Si veda il § 46 per l'applicazione di
questo teorema alle ali con profilo aerodinamico.

PROBLEMI

1. Determinare la legge di allargamento della scia turbolenta formata da un flusso


trasversale attorno ad un cilindro infinitamente lungo.
Soluzione. La resistenza f:,, per unità di lunghezza del cilindro è dell'ordine di pUuY.
Combinando questo con la relazione (37,1), si ha per la larghezza della scia

y = A r;;::,
vpffi (1)
184 TURBOLENZA Cap. III

con A una costante. La velocità media u nella scia decresce secondo la legge

Il numero di Reynolds R ~ Yu,/u ~ fx/pUu non dipende da x e quindi non c'è scia
laminare. Dai dati sperimentali, si trova che il coefficiente costante nella (1) vale A.= 0.9
(con Y la semilarghezza della scia; se Y è la distanza a cui la velocità Ux si è dimezzata
rispetto al valore massimo nel mezzo della scia, il valore è A= 0.4).
2. Determinare il flusso al cli fuori della scia formata da un flusso trasverso intorno ad
un corpo infinitamente lungo.
Soluzione. Al di fuori della scia si ha flusso potenziale; indicheremo il potenziale con
<Dper distinguerlo dall'angolo ({J del sistema cli coordinate cilindriche r, z, ({J che scegliamo,
con asse z lungo la lunghezza ciel corpo. Come per la. (21,16), concludiamo che si ha

'f1.li· clf
1.gradcD · df = f
= 'f p;'
dove l'integrazione viene fatta. sula. superficie cli un cilindro cli raggio grande e lunghezza
unita.ria., con l'asse nella. direzione x e .fx è la. resistenza per unità cli lunghezza ciel corpo. La
soluzione dell'equazione di Laplace bidimensionale 6<D = O, che verifica questa condizione,
è
<D= ___b__
ln 1·.
2,,pU
Per la portanza, dalla (38,2), si ha

La soluzione dell'equazione cli Laplace che decresce meno rapiclmnente al crescere della
distanza e ha una discontinuità sul piano 'P = O, è

cD= costante x 'P = _ __l,_'P


211pU

e la costante si determina da ({)2 - ({)1 211. Il flusso è determinato dalla somma cli queste·
due soluzioni, cioè
1
cD= - - (I, lnr - f,1 ({)). (2)
2,,pU ·
Le componenti cilindriche della velocità li sono

. _ BcD_ f.,, 1 B<D fu


Ur--- ---. U. - --
r 8({) -
-----
2,, pUr . (3)
Br 27rpUr ''P -

La velocità li forma con il raggio vettore cilindrico r un angolo costante cli tangente fu/f x·

3. Determinare la legge cli curvatura. della scia dietro un corpo infinitamente lungo in
presenza. di portanza.
Soluzione. In presenza di portanza, la scia. (considerata come una superficie di discon-
tinuità) si curva nel piano xy. La funzione y y (x) che rappresenta la curva è cletenninata
dall'equazione
clx dy
1lx + U Uy
§ 38 IL TEOREMA DI ZHUKOVSKY 185

Sostituendq'qui la (3), 'lly ~ -fy/2n:pU:c e trascurando Ux rispetto ad U, otteniamo

dy _ ___b_
dx 2n:pU2 x'

da cui
y cos t an t e - --- fy 9 1nx..
2n:pU-
Capitolo IV

LO STRATO LIMITE

§ 39. Lo strato limite laminare


Abbiamo più volte fatto notare che numeri di Reynolds molto grandi sono
equivalenti a una viscosità molto piccola, cosa che ci permette di considerare il fluido
come ideale a questi valori di R. Tuttavia, questa approssimazione è certamente
inadeguata per il flusso in prossimità di pareti rigide. Le condizioni al contorno
per un fluido ideale richiedono solo che la componente normale della velocità si
annulli; la componente tangenziale alla superficie resta in genere finita. Per un
fluido viscoso, invece, la velocità sulla parete rigida deve annullarsi.
Da questo si conclude che, per grandi numeri di Reynolds, l'annullamento del-
la velocità avviene quasi esclusivamente in un sottile strato nelle vicinanze della
parete. Questo viene chiamato strato limite ed è caratterizzato dalla presenza cli
forti gradienti cli velocità al suo interno. Il flusso nello strato limite può essere
sia laminare che turbolento. In questo paragrafo considereremo le proprietà dello
strato limite laminare. Naturalmente, questo strato non è nettamente delimitato e
la transizione tra il flusso laminare al suo interno e la corrente principale del fluido
è continua.
La rapida clescrescita della velocità nello strato limite è dovuta, in definitiva, alla
viscosità che non può essere trascurata nemmeno se R è grande. Matematicamente,
dato che i gTaclienti della velocità nello strato limite sono grandi, i termini viscosi
nelle equazioni del moto, che contengono le derivate della velocità rispetto alle
coordinate, sono grandi anche se la viscosità 1/ è piccola l).
Deriviamo le equazioni del moto del fluido in uno strato limite laminare. Per·
semplicità consideriamo un flusso bidimensionale lungo un elemento piano della su-
perficie del corpo. Prendiamo questo piano come piano :,_:ze l'asse :r nella direzione
del flusso. La distribuzione di velocità è indipendente da z e la velocità. non ha
componente z.
L'equazione cli Navier-Stokes esatta e l'equazione di continuità sono
2 2
OVx
Vx--
OX
+ VY--OVx
éJy
= --p1 -éJx
éJp
+ V ( --éJéJx2
vx éJ vx)
+ --
é)y2 '
(39,1)

2 2
éJvy 8vy 1 éJp ( éJ vy 8 vy)
Vx--+v,--=---+v
. éJx Y éJy p éJy
--+--
éJx2 éJy2 '
(39,2)

OVx OVy
-é) +-é) =0. (39,3)
X y
l) Il concetto e le equazioni fondamentali dello strato limite sono stati formulati dal L. Pmndtl
(1904).
§ 39 LO STRATO LIMITE LAMINARE 187

Il flusso si' 1;3upponestazionario e quindi le derivate temporali sono state omesse.


Essendo lo strato limite sottile, è chiaro che il flusso al suo interno è essenzial-
mente par~llelo alla superficie, cioè la velocità vy è piccola rispetto a Vx (come si
vede immediatamente dall'equazione di continuità).
Lungo l'asse y la velocità varia rapidamente, la sua variazione è apprezzabile
su distanze dell'ordine dello spessore o dello strato limite. Lungo l'asse x, invece,
la velocità varia lentamente e una variazione apprezzabile di essa si ha su distanze
dell'ordine di una lunghezza caratteristica del problema l (per esempio la dimen-
sione del corpo). Quindi le derivate rispetto a y della velocità sono grandi rispetto
a quelle rispetto a x. Ne segue che, nella (39,1), si può trascurare la derivata
él2vx/ox 2 rispetto a o 2vx/oy 2; confrontando la (39,1) con la (39,2), si vede che la
derivata op/oy è piccola rispetto a op/ox (il loro rapporto è dello stesso ordine di
vy/vx)- Nell'approssimazione in cui siamo si può semplicemente porre

op
oy = o, (39,4)

cioè supporre che il gradiente di pressione trasversale sia nullo nello strato limite.
In altre parole la pressione nello strato limite è uguale alla pressione p (.1:)nella
corrente principale, ed è una funzione data di x per quanto riguarda la soluzione del
problema dello strato limite. Nell'equazione (39,1) possiamo scrivere ora, invece di
op/ ox, la derivata totale dp (x) /dx; questa derivata può essere espressa in termini
della velocità U (x) della corrente principale. Poiché abbiamo flusso potenziale al
di fuori dello strato limite, vale l'equazione di Bernoulli,

1 9
p + -pu- = costante,
2
da cui
! dp = -UdU_
pdx dx
Abbiamo quindi le equazioni del moto nello strato limite laminare nella forma
delle eq'IJ,azionidi Prandtl:

OVx OVx o 2 vx 1 dp dU
Vx OX + Vy oy - V oy2 = p dx (39,5)
dx'

OVx OVy
+By =0. (39,6)

Le condizioni al contorno per queste equazioni sono che la velocità sia nulla
sulla parete:
Vx = Vy = O per y = O. (39,7)
Lontano dalla parete, la velocità longitudinale deve tendere asintoticamente a quella
della corrente principale:
Vx = U (x) per y--+ oo. (39,8)
Non è necessario specificare condizioni separate per vy all'infinito.
188 LO STRATO LIMITE Cap. IV

Si può mostrare facilmente che le equazioni (39,5) e (39,6), anche se derivate per
un flusso lungo una parete piana, restano valide nel caso più generale di qualunque
flusso bidimensionale (flusso trasversale attorno a un cilindro di lunghezza infinita
e di sezione arbitraria). Qui x è la distanza misurata lungo il contorno della sezione
trasversa a partire da un suo punto qualunque e y è la distanza dalla superficie del
corpo lungo la normale ad esso.
Definiamo Uo la velocità caratteristica del problema (per esempio, la velocità
della flusso incidente all'infinito). Introduciamo invece delle coordinate x, y e delle
velocità Vx, Vy, le variabili adimensionali x', y',v~, v~ definite come:

ly' Uav~
x= lx' y = JR' 'Uy = -- (39,9)
JR
(ed anche U UaU'), dove R = Ual/v. Allora le equazioni (39,5) e (39,6) si
scrivono
1 av~ 1 av~ 8 2 v~ 1 dU' av~ av~
vx-aX·, +vy-ay I - ay-/9 =U-d X ,, -a, +-a'y =O. (39,10)
X

Queste equazioni (così come le loro condizioni al contorno) non contengono la visco-
sità. Quindi le loro soluzioni non dipendono dal numero di Reynolds. Otteniamo
dunque l'importante risultato che, quando il numero di Reynolds cambia, tutta la
struttura del flusso nello strato limite subisce semplicemente una trasformazione di
similarità, le distanze e le velocità longitudinali restano invariate mentre distanze
e velocità trasverse variano come l'inverso della radice di R.
Possiamo poi affermare che le velocità adimensionali v~ e v~ ottenute risolvendo
le (39,10) devono essere di ordine dell'unità, dato che sono indipendenti da R. Dalle
(39,9) possiamo concludere che
Uo
'Uy ~ JR' (39,11)

cioè il rapporto tra la velocità trasversa e quella longitudinale è inversamente pro-


porzionale a JR. Lo stesso vale per lo spessore odello strato limite; nelle coordinate
adimensionali x', y' si ha o~ 1, e quindi in coordinate x, y

(39,12)

Applichiamo le equazioni dello strato limite al caso del flusso piano lungo una
lastra semiinfinita (H. Blasius, 1908). Supponiamo che il piano della lastra sia il
semipiano xz con x > O (così che il bordo di attacco della lastra è la retta x = O).
La velocità della corrente principale in questo caso è costante (U = costante). Le
equazioni (39,5) e (39,6) diventano

(39,13)

Nella soluzione delle equazioni di Prandtl, abbiamo.visto che vx/U e vy../f]f]v


possono essere funzioni soltanto di x' = x/l e y' = y./fJlTv. Nel problema della
§ 39 LO STRATO LIMITE LAMINARE 189

lastra semiinfinita non c'è una lunghezza caratteristica l. Il rapporto vx/U, quindi,
può dipendere solo da una combinazione di x' e y' che non contenga l, cioè

JL =y fu_
R V;;
Similmente, il prodotto v~R deve essere una funzione di y' / R.
Per tener conto della relazione tra Vx e vy espressa dell'equazione di continuità,
usiamo la funzione di corrente 'ljJdefinita dalla (10.9):
8'1/;
Vx = By, (39,14)

Le proprietà suddette di Vx (x, y) e Vy (x, y) corrispondono a una funzione di cor-


rente
'ljJ= fu_
Vvtl1f (é,)' é,=y V;; (39,15)

Quindi

Vx = U.f' (é,), Vy = ~~ (é,J'- f) · (39,16)

Si può trarre una importante conclusione anche senza determinare quantitativa-


mente la funzione f (é,). La caratteristica principale del flusso nello strato limite è
la distribuzione della velocità longitudinale Vx al suo interno (dato che Vy è piccola).
La velocità Vx cresce da zero sulla superficie della lastra ad un frazione definita di
U per un dato valore di ç. Possiamo quindi concludere che lo spessore dello strato
limite che si forma in un flusso lungo una lastra (definito come il valore di y per
cui vx/U raggiunge un valore~ 1) ha come ordine di grandezza

(39,17)

Quindi allontanandosi dal bordo della lastra, r5cresce come la radice quadrata della
distanza dal bordo della lastra.
Sostituendo la (39,16) nella prima equazione (39,13), abbiamo un'equazione per
f (é,):
J.f"+ 2.f"'= o. (39,18)
Le condizioni al contorno (39, 7) e (39,8) diventano

f (O)= .f' (O)= O, .f' (oo) = 1; (39,19)

la distribuzione di velocità è evidentemente simmetrica intorno al piano y = O, ed è


quindi sufficiente considerare il lato y > O. L'equazione (39,18) deve essere risolta
numericamente; il grafico della funzione f' (é,) così ottenuta è mostrato in figura 27.
Si vede che f' (é,) tende molto rapidamente al suo valore limite, l'unità. La fonna
limite di f (é,) stessa per piccoli valori di ç è

f (é,) = ~a:é,2+ O (é,5 ), a:= 0.332; (39,20)


190 LO STRATO LIMITE Cap. IV

non possono esserci termini in ç3 o ç4,come si vede facilmente dalla (39,18). La


forma limite per grandi valori di ç è

f (ç) = ç - /3, /3= 1.72; (39,21)

si può mostrare che l'errore in questa espressione è esponenzialmente piccolo.

J'CE,)
0.8

0.6

0.2

o 2 3 4 5

Fig. 27

La forza di attrito che agisce sull'area unitaria sulla superficie della lastra è

O"xy = 77-8vxl
8
= 77~3 -f "( O)
y y=D VX

o
{riprF
O"xy = 0.332v---;;-· (39,22)

Se la lastra ha una lunghezza l (nella direzione x) la forza totale di attrito per


unità di lunghezza lungo il bordo è

F =2 l O"xydx = l.328)77plU3. (39,23)

Il fattore 2 tiene conto del fatto che la lastra ha due lati esposti al fluido 2 ). La forza
di attrito è proporzionale alla potenza 3/2 della velocità della corrente principale.
La formula (39,23) può essere applicata solo a lastre lunghe, per le quali R = Ul/v
è sufficientemente grande. Invece della forza, si usa abitualmente introdurre il
coefficiente di resistenza definito come il rapporto adimensionale
F
(39,24)
C = (pU 2 /2) 2(
2
) L'approssimazione di strato limite non è valida in vicinanza della linea di attacco della lastra,
dove t5~ x. Questo, comunque, non è importante nel calcolo della forza totale F, perché l'integrale
converge rapidamente al limite inferiore.
§ 39 LO STRATO LIMITE LAMINARE 191

Per la (39,23), questa quantità per il flusso laminare attorno ad una lastra è
inversamente proporzionale alla radice quadrata del numero di Reynolds:

e = 1.328
v1R. (39,25)

Possiamo usare una caratteristica esattamente definibile dello spessore dello


strato limite, lo spessore di spostamento o* definito da

Uo* = Ly.J
(U - Vx) dy. (39,26)

Sostituendo Vx dalla (39,16) si ha

o* = fi fo 00
(1 - !') dt;,= fi [t;,- J (t;,)L:-1-00

e, con l'espressione limite (39,21),

o* = /3 fvx = 1 n fvx
Vu · vu· (39,27)

L'espressione al secondo membro della definizione (39,26) è la quantità di cui la


portata nello strato limite è inferiore a quella che si avrebbe in un flusso omogeneo
con velocità U. Si può quindi dire che o* è la distanza di cui il flusso si sposta
dalla lastra verso l'esterno a causa del rallentamento del fluido nello strato limite.
Questo spostamento fa sì che la velocità trasversa Vy nello strato limite tenda, per
y -+ oo, non a zero ma ad un valore non nullo

v, = -1
y 2
fJ!-u
- [U,- J]
X !;-foo
1
= -/3
2
fJ!-u
- X
fJ!-u
= o.86 -.
X
(39,28)

Le formule quantitative sopra ottenute si riferiscono soltanto al flusso lungo una


lastra piana. I risultati qualitativi, quali la (39,11) e la (39,12), sono validi anche
per flussi attorno a corpi di qualunque forma; in questi casi l è la dimensione del
corpo nella direzione del flusso.
Possiamo soffermarci in particolare su due casi di strato limite. Se abbiamo un
disco piano di raggio grande che ruota in un fluido attorno ad w1 asse perpendicolare
al suo piano, per stimare lo spessore dello strato limite dobbiamo rimpiazzare U
nella (39,17) con nx, dove n è la velocità angolare di rotazione. Troviamo allora

(39,29)

Vediamo che lo spessore dello strato limite può essere considerato costante sulla
superficie del disco, in accordo con la soluzione esatta di questo problema ottenuta
nel § 23. Il momento delle forze di attrito sul disco, calcolato dalle equazioni per lo
strato limite dà, ovviamente, la (23,4), dato che questa formula è esatta e quindi
vale per il flusso laminare qualunque sia il valore di R.
192 LO STRATO LIMITE Cap. IV

Infine, consideriamo lo strato limite laminare che si forma sulle pareti di un


tubo vicino al punto di entrata del fluido. Il fluido normalmente entra nel tubo con
una distribuzione di velocità praticamente costante in tutta la sezione trasversa e
la decrescita di essa si ha interamente nello strato limite. Quando ci si allontana
dall'entrata del tubo, strati di fluido sempre più vicini all'asse cominciano ad essere
frenati. Poiché la quantità di fluido che passa in ciascuna sezione trasversa è la
stessa, la parte interna della corrente, dove la velocità è quasi uniforme, deve essere
accelerata quando il suo diametro si riduce. Questo processo continua fino allo sta-
bilirsi asintotico di una distribuzione di velocità di Poiseuille; questa distribuzione
si stabilirà solo a distanze sufficientemente grandi dall'entrata del tubo. È fadle
determinare l'ordine di grandezza della lunghezza l di questa "sezione di ingresso"
della corrente. Essa si determina dal fatto che a distanza l dall'entrata, lo spessore
dello strato limite è dello stesso ordine di grandezza del raggio a del tubo, così che
lo strato limite riempie quasi l'intera sezione trasversa. Ponendo x ~ l e i5 ~ a
nella (39,17), otteniamo che

(39,30)

la lunghezza della sezione di ingresso è proporzionale al numero di Reynolds 3 ).

PROBLEMI

1. Determinare lo spessore dello strato limite vicino al punto critico (cfr. § 10).
Soluzione. Vicino ad un punto critico la velocità del fluido (al di fuori dello strato limite)
è proporzionale alla distanza x da qnel punto e possiamo quindi scrivere U = costante xx.
La stima dei termini delle equazioni (39,5) e (39,6) dà o~ Jv /costante. Quindi, vicino al
punto critico, lo spessore resta finito.
2. Determinare il flusso nello strato limite in un canale convergente (cfr. § 23) tra due
piani non paralleli (K Pohlhausen, 1921).
Soluzione. Considerando lo strato limite formato lungo uno dei piani, misuriamo la
coordinata x lungo quel piano a partire dal punto O (cfr. fig. 8, § 23). Per un fluido ideale
si dovrebbe avere, per la velocità, l'espressione U = Q/ a.xp; questo esprime semplicemente
la conservazione della portata Q nel flusso, con a. l'angolo tra i piani. Abbiamo quindi, nel
secondo membro della (39,5), UdU/dx = -Q 2 /a.2 p 2 x 3 . Si vede facilmente che le (39,5) e
(39,6) diventano invarianti sotto la trasformazione x-+ a,x, y-+ ay, Vx-+ vx/a, Vy = vy/a,
con a una costante. Questo vuol dire che possiamo cercare Vx e vy della forma

Q Q (:_'}!_
Vx = -.f(ç),
a.px
Vy = -.fi
a.px
(ç)' s- X '

3
) Non discuteremo la teoria dello strato limite per un fluido comprimibile che è notevolmente
più complicata di quella per un fluido incomprimibile. La comprimibilità va tenuta in considera-
zione quando la velocità è comparabile a quella del suono, o più grande. A causa del considerevole
riscaldamento del gas e del corpo attorno a cui esso fluisce, che si ha in questo caso, abbiamo a
che fare con le equazioni del moto nello strato limite insieme all'equazione del trasferimento del
calore al suo interno. Può anche essere necessario considerare le dipendenze dalla temperatura
della viscosità e della conduttività termica del gas.
§ 40 FLUSSO IN VICINANZA DELLA LINEA DI SEPARAZIONE 193

che è anch'essa invariante sotto la trasformazione suddetta. Dall'equazione di continuità


(39,6) troviamo fi = çf e la (39,5) dà l'equazione seguente per f (ç):

p;a J" = 1- 12. (1)

Le condizioni al contorno (39,8) richiedono f (O) = O, f (oo) = 1. L'integrale primo della


(1) è
pva , 1
-.f 2 = f - - .f3 + costante.
2q 3
Poiché .f tende all'unità quando ç-+ oo vediamo che anche f' tende ad un limite definito
ed è chiaro che questo limite non può che essere nullo. La costante è quindi determinata e
si ha:
(2)

Essendo il secondo membro sempre negativo nell'intervallo O :S f :S 1, si deve avere Q < O:


lo strato limite del tipo considerato si forma solo nel flusso convergente (con grande numero
cli Reynolcls R = IQl/pav), non nel flusso divergente, in accordo con i risultati di§ 23.
Un'ulteriore integrazione dà, in conclusione

f = 3tanli2 [1n ( V2+ v'3)


+ ffç]- 2. (3)

Lo spessore dello strato limite è o~


x/\/R. La derivata f' (O)= 2y'RJ3, come si vede
dalla (2). La forza cli attrito sull'unità cli area della parete è dunque

3
_ ryUf' (O)_ J4U ryp _ 2
CTxy - X • - 3x - x2

§ 40. Flusso in vicinanza della linea di separazione


Nel § 35, descrivendo il fenorneno della separazione, abbiamo visto che la posi-
zione reale della linea di separazione sulla superficie del corpo è determinata dalle
proprietà del flusso nello strato limite. Vedremo nel seguito che, dal punto di vista
matematico, la linea di separazione è un luogo di punti singolari delle soluzioni delle
equazioni del moto dello strato limite (equazioni di Prandtl). Il problema consiste
nella determinazione delle proprietà di queste soluzioni in prossimità di tale linea
di singolarità l).
Sappiamo già che, a partire dalla linea di separazione, inizia una superficie
che si estende nel fluido e delimita la regione del flusso turbolento. Il flusso è
rotazionale in tutta la regione turbolenta mentre, in assenza di separazione, lo
sarebbe solo nello strato limite, dove la viscosità è importante, e il rotore della
velocità sarebbe nullo nel flusso principale. Possiamo quindi dire che la separazione
fa sì che il rotore della velocità "penetri" dallo strato limite all'interno del fluido.
A causa della conservazione della circolazione della velocità, questa penetrazione
può avvenire solo per mescolamento diretto del fluido che si muove in vicinanza
1
) Questa trattazione del problema, differente da quella usuale, è dovuta a L.D. Landau (19,14).
194 LO STRATO LIMITE Cap. IV

della superficie del corpo (quindi nello strato limite) con il flusso principale. In
altre parole, il flusso nello strato limite si separa dalla superficie del corpo, le linee
di corrente di conseguenza lasciano lo strato superficiale ed entrano all'interno del
fluido. Questo fenomeno è per questa ragione chiamato separazione dello strato
limite o semplicemente separazione.
Le equazioni del moto nello strato limite portano, come abbiamo visto, al ri-
sultato che in esso la componente tangenziale della velocità (vx) è grande rispetto
alla componente normale alla superficie del corpo (vy). La relazione tra Vx e Vy è
strettamente legata alle ipotesi basilari riguardanti la natura del flusso nello strato
limite e deve necessariamente essere verificata, ovunque le equazioni di Prandtl
abbiano soluzioni dotate di senso fisico. Matematicamente, questa relazione è cer-
tamente verificata in tutti i punti che non si trovino nelle immediate vicinanze dei
punti singolari. Se però vy « Vx, il fluido si muove lungo la superficie del corpo
senza praticamente allontanarsene e non ci può essere separazione. Concludiamo
quindi che che la separazione può aver luogo solo su una linea i cui punti sono
singolari per la soluzione delle equazioni di Prandtl.
La natura di queste singolarità segue immediatamente dalle considerazioni che
diamo nel seguito. Una volta giunto alla linea di separazione, il flusso devia, passan-
do dallo strato limite all'interno del fluido. Detto differentemente, la componente
normale della velocità cessa di essere piccola rispetto alla componente tangenziale e
diviene quanto meno dello stesso ordine di grandezza. Abbiamo visto (cfr. (39,11))
che il rapporto vy/Vx è di ordine 1/vR, così che un aumento di Vy fino a Vy "'Vx
implica che essa sia moltiplicata per v'R.Per numeri di Reynolds sufficientemente
grandi (quali quelli che stiamo considerando) possiamo supporre che vy cresca di
un fattore infinito. Se usiamo le equazioni di Prandtl nella forma adimensiona-
le (cfr. (39,10)), la situazione appena descritta è formalmente equivalente ad un
valore infinito per la velocità adimensionale v~ sulla linea di separazione.
Per semplificare lo studio nel seguito, consideriamo il problema bidimensionale
del flusso trasverso attorno ad un corpo di lunghezza infinita. Al solito, x è la
coordinata lungo la superficie del corpo nella direzione del flusso, mentre y è la
distanza dalla superficie del corpo lungo la normale a quest'ultimo. Al posto di
una linea di separazione abbiamo ora un punto di separazione cioè l'intersezione
della linea di separazione con il piano xy; nelle coordinate adottate, questo è il
punto x = costante = xo, y = O. Sia x < xo la regione davanti al punto di
separazione.
Secondo i risultati ottenuti, per tutti i valori di y 2 )

vy (xo, y) = oo. (40,1)

Nelle equazioni di Prandtl vy è, in qualche modo, una sorta di parametro ausiliario


che non ha, in genere, alcun interesse (essendo piccolo) nello studio dello strato
limite. È invece necessario accertare le proprietà della funzione Vx in prossimità
della linea di separazione.
2
l Eccetto y = O, dove si deve sempre avere vy = O, in accordo con le condizioni al contorno
sulla superficie del corpo.
§ 40 FLUSSO IN VICINANZA DELLA LINEA DI SEPARAZIONE 195

È chiaro dalla (40,1) che per x = xa, la derivata 8vy/8y diviene anch'essa
infinita. Dall'equazione di continuità

(40,2)

risulta che Bvx/Bx è infinita per x = xa o,

(40,3)

per Vx = va, in cui x è considerato carne funzione di Vx e y, e va (y) = Vx (xa, y).


Vicino al punto di separazione, la differenze Vx - va e xa - x sono piccole e pos-
siamo sviluppare xa - x in potenze di Vx - va (a fisso y). Dalla (40,3), il termine
del prim'ordine in questo sviluppo deve essere identicamente nullo e, per quanto
riguarda il termine del secondo ordine,

xa - x = f (y) (vx - va/,

o
Vx = va (y) + a (y) Jxa - x, (40,4)

dove a = 1/ v'l è una funzione della sola y. Seri vendo ora

a (y)
2Jxa - x
e integrando si ha
V = j3 (y) (40,5)
Y Jxa - x'
dove j3 (y) è un'altra funzione di y.
Usiamo ora l'equazione (39,5)

(40,6)

La derivata 8 2 vxf 8y 2 non diviene infinita per x = xa, carne si può vedere dalla
(40,2). Lo stesso vale per dp/dx, che è definito dal flusso al di fuori dello strato
limite. Comunque, ambedue i termini nel primo rnernbro della (40,6) diventano
infiniti. In prima approssimazione, si può dunque scrivere in prossimità del punto
di separazione
Bvx
Vx-
8X
+ Vy-Bvx
8X
= 0.
Con l'equazione di continuità (40,2), possiamo riscriverla carne
196 LO STRATO LIMITE Cap. IV

Poiché per x = xo, la velocità Vx in genere non si annulla, ne segue che il rapporto
vy/vx è indipendente day. Dalle (40,4) e (40,5), abbiamo, a meno di termini di
ordine superiore,
Vy f3(y)
Vx vo(y)Jxo-x·
Perché questa espressione non dipenda che da x, si deve avere /3(y) = Avo (y) /2,
dove A è una costante numerica. Quindi

Avo (y)
Vy= ~· (40,7)
2vxo - x

Infine, notando che le funzioni a e /3nelle (40,4) e (40,5) obbediscono alla relazione
a= 2/3', otteniamo a= Advo/dy, così che

dvo
Vx = va (y) + AdyJxo - x. (40,8)

Le formule (40, 7) e (40,8) determinano la dipendenza delle funzioni Vx e Vy da


x vicino al punto di separazione. Si vede che ambedue sono sviluppabili in questa
regione in potenze di Jxo - x e lo sviluppo di vy inizia con la potenza -1, così
che essa tende all'infinito come (x 0 - x)- 1/ 2 per x-+ x 0 . Per x > x 0 , cioè oltre il
punto di separazione, gli sviluppi (40, 7) e (40,8) non hanno significato fisico dato
che le radici diventano Ìlmnaginarie; questo prova che non ha alcun senso fisico
prolungare le soluzioni delle equazioni di Prandtl, che descrivono il flusso fino al
punto di separazione, al di la di esso.
Per le condizioni al contorno sulla superficie del corpo, si deve sempre avere
Vx = Vy = O per y = O. Si deduce dalle espressioni (40,7) e (40,8) che

v0 = O, dvol
dy y=O = 0.
(40,9)

Abbiamo quindi l'importante risultato (dovuto a Prandtl) che, al punto di separa-


zione stesso (x = xo, y = O), si annulla non solo la velocità Vx, ma anche la sua
derivata prima rispetto a y.
Va sottolineato che l'equazione Bvx/ By= O sulla linea di separazione, vale solo
quando Vy diventa infinita per quel valore dix. Se la costante A nella (40,7) fosse
accidentalmente nulla, non si avrebbe più Vy = oo e quindi il punto x = x 0 , y = O,
in cui la derivata Bvx/ By si annulla, non avrebbe più alcuna proprietà particolare
e non sarebbe più un pw1to di separazione. L'annullarsi di A può essere, però,
solamente fortuito e quindi poco probabile. Di fatto, un punto della superficie del
corpo in cui Bvx/By = O è sempre un punto di separazione.
Se non si avesse separazione al punto x = xo (cioè se A= O), allora per x > x 0
si avrebbe (Bvx/By) ly=O< O, cioè Vx diventerebbe negativa (di valore assoluto cre-
scente) allontanandosi dalla superficie, per valori di y sufficientemente piccoli. In
altre parole, nella parte inferiore dello strato limite, il flusso oltre il punto x = x 0 ,
si muoverebbe in direzione opposta rispetto alla corrente principale; si avrebbe un
§ 40 FLUSSO IN VICINANZA DELLA LINEA DI SEPARAZIONE 197

"riflusso" di fluido verso questo punto. Va detto che da questi argomenti non si può
concludere che si abbia necessariamente un punto di separazione dove 8vx/8y = O;
l'intera struttura del flusso insieme al "riflusso" potrebbe essere interamente con-
tenuta nello strato limite, mentre la separazione è proprio caratterizzata dal fatto
che il flusso penetri nel volume principale del fluido.
Nel paragrafo precedente è stato mostrato che la struttura del flusso nello strato
limite resta simile quando il numero di Reynolds cambia e, in particolare, la scala
nella direzione x resta invariata. Ne segue che il valore x 0 della coordinata x
per cui la derivata (8vx/8y) ly=O si annulla, è lo stesso per tutti i valori di R.
Abbiamo quindi l'importante risultato che la posizione del punto di separazione
sulla superficie del corpo non dipende dal numero di Reynolds (finché, beninteso,
lo strato limite resta laminare, cfr. § 45).
Studiamo ora le proprietà della distribuzione della pressione p ( x) in vicinanza
del punto di separazione. Per y = O il primo membro della (40,6) si annulla con Vx
e vy e resta solo
1 dp
(40,10)
pdx

Questo prova che il segno di dp/dx coincide con quello di (8 2 vx/8y 2 ) ly=O·Quando
(8vx/8y) ly=O > O, nulla si può dire del segno della derivata seconda. Ma dato
che Vx è positiva e cresce con la distanza dalla superficie (di fronte al punto di
separazione), al punto .T = xo stesso, dove 8vx/8y = O, si deve avere sempre
(8 2 vx/8y 2 ) ly=O> O. Concludiamo quindi che

(40,11)

cioè il fluido in vicinanza del punto di separazione si muove dalle pressione inferiore
a quella superiore. Il gradiente di pressione è legato al gradiente di velocità U (x)
al di fuori dello strato limite dalla relazione

! dp = -UdU_
pdx dx

Dato che la direzione positiva dell'asse x coincide con la direzione della corrente
principale, U > O e quindi
dUI
-d <0, (40,12)
X -
X-XO

cioè in vicinanza del punto di separazione la velocità U decresce nella direzione del
flusso.
I risultati ottenuti sopra permettono di concludere che, quando un corpo è
immerso in un flusso, in qualche punto della sua superficie si deve avere un punto
di separazione. Infatti all'estremità anteriore e a quella posteriore del corpo c'è un
punto (il punto critico) in cui la velocità del fluido si annulla nel flusso potenziale
di un fluido ideale. Ne segue che, a partire da un certo valore di x, la velocità
U (x) inizia a decrescere fino ad annullarsi. È chiaro comunque, che il fluido è
198 LO STRATO LIMITE Cap. IV

frenato maggiormente quanto più vicino si trova alla superficie del corpo (cioè per
y più piccoli). Quindi, prima che la velocità U (x) si annulli al bordo esterno
dello strato limite, la velocità nelle immediate vicinanze della superficie deve essere
nulla. Matematicamente, questo significa che la derivata 8vx / oy deve certamente
annullarsi (e quindi si deve avere separazione) per un valore di x inferiore a quello
per cui U (x) = O.
Nel caso di un corpo di forma arbitraria, tutti i calcoli svolti possono essere
ripetuti nello stesso modo e portano al risultato che le derivate OVx/oy, ovz/oy
delle due componenti della velocità Vx e v2 tangenti alla superficie del corpo si
annullano sulla linea di separazione (l'asse delle y è sempre diretto lungo la normale
all'elemento della superficie del corpo considerato).
Si può dare un semplice argomento che dimostra la necessità della separazione
nel caso in cui, altrimenti, si avrebbe, nel fluido attorno al corpo, un rapido aumento
della pressione (e quindi una rapida decrescita della velocità U) nella direzione del
flusso. Supponiamo che su una piccola distanza !:lx = x2 - x 1 la pressione p subisca
una rapida crescita da Pl a P2 (p2 ~ P1). Sulla stessa distanza !:lx la velocità del
fluido U, al di fuori dello strato limite, scenda dal suo valore iniziale U1 al valore
molto più piccolo U2 definito dall'equazione di Bernoulli:

-21 (Vi2 - U22) = 1 (p2 - P1) ·


-
p
Dato che p non dipende da y, l'aumento di pressione p 2 - p 1 è lo stesso a tutte
le distanze dalla superficie. Per un gradiente di pressione dp / dx ~ (p2 - p 1 ) / !:lx
sufficientemente grande, si può omettere, nell'equazione del moto (40,6), il termine
v8 2 vx / 8y 2 che contiene la viscosità (sempre che y non sia troppo piccolo). Si può
allora utilizzare l'equazione di Bernoulli per stimare il cambiamento di velocità v
nello strato limite ponendo

o, uguagliando all'equazione precedente,

2 = V12 -
V2 (U21 - u.2)
2 ·

La velocità v 1 nello strato limite è minore di quella nel flusso principale e possiamo
scegliere un valore y tale che vr < U'f - u?. La velocità V2 è allora immaginaria
e questo dimostra che le equazioni di Prandtl non hanno soluzioni fisicamente
possibili. In realtà, nell'intervallo !:lx si produrrà una separazione che porterà ad
una riduzione del gradiente di velocità.
Il flusso attorno all'angolo formato da due superfici solide che si intersecano, dà
luogo ad un caso interessante di separazione. Nel caso del flusso potenziale laminare
esterno ad un angolo (fig. 3), la velocità del fluido al vertice diverrebbe infinita
(cfr. problema 6, § 10), crescente nella direzione del flusso che si dirige verso il
vertice e decrescente in quella del flusso che se ne allontana. In realtà, la decrescita
rapida della velocità (ed un corrispondente aumento di ,pressione) oltre il vertice
§ 41 STABILITÀ DEL FLUSSO NELLO STRATO LIMITE LAMINARE 199

dell'angolo porta alla separazione e la linea di separazione è la linea di intersezione


delle superfici. La struttura del flusso che ne risulta è quella discussa nel § 36. Nel
flusso laminare interno ad un angolo (fig. 4), la velocità del fluido si annulla nel
vertice. In questo caso la caduta di velocità (e la crescita di pressione) si ha nel
flusso che si dirige verso il vertice. Il risultato è che in genere si ha separazione e
la linea di separazione si trova a monte del vertice dell'angolo.

PROBLEMA

Determinare l'ordine di grandezza della minima crescita di pressione 6p che si deve


avere (nel flusso principale) su una distanza 6x perché si abbia separazione.
Soluzione. Sia y una distanza dalla superficie del corpo a cui, da una parte, si possa
applicare l'equazione di Bernoulli e, dall'altra, la velocità quadrata v2 (y) nello strato limite,
sia minore della variazione l6U 2 I del quadrato della velocità al di fuori dello strato. Per
v (y) si può scrivere, come ordine di grandezza,
dv U
v(y) ~ -y ~ -y
dy 6 '

dove 6 ~ fo[1fJ è lo spessore dello strato limite e Z la dimensione del corpo. Uguagliando
l'ordine di grandezza dei due termini nel secondo membro della (40,6), troviamo
16p v(y) U
--~v--~v-
p 6x y2 6y·
Dalla condizione
v 2 = I !::,.U2 1 =2- 6p
p
abbiamo U2 y 2 /6 2 ~ 6p/ p. Eliminando y si ottiene

6p~pU2 ( T)2/3
6

§ 41. Stabilità del flusso nello strato limite laminare


Il flusso laminare nello strato limite, come ogni ogni altro flusso laminare, di-
viene instabile per numeri di Reynolds sufficientemente grandi. Il modo in cui si
perde la stabilità nello strato limite è analogo a quello che si ha nel flusso in un
tubo (§ 28).
Il numero di Reynolds per il flusso nello strato limite varia lungo la superficie del
corpo immerso nel fluido. Così, nel flusso lungo una lastra si può definire il numero
di Reynolds come Rx = Ux/v, dove x è la distanza dal bordo di attacco della lastra
e U la velocità del fluido al di fuori dello strato limite. Tuttavia, una definizione
più adatta dello strato limite è quella in cui il parametro di lunghezza caratterizzi
direttamente lo spessore dello strato, per esempio, lo spessore di spostamento o*
definito nella (39,26):
(41,1)
200 LO STRATO LIMITE Cap. IV

il fattore numerico è quello per uno strato limite su una superficie piana.
Poiché la dipendenza dello spessore dello strato limite dalla distanza è relativa-
mente lenta e la velocità trasversa nello strato è piccola, nello studio della stabilità
del fluido in wm piccola regione dello strato possiamo considerare un flusso piano
parallelo con un profilo di velocità che non varia lungo l'asse x I). Dal punto di
vista puramente matematico dunque, il problema è analogo a quello della stabilità
del flusso tra due piani paralleli (cfr. § 28): invece di un profilo simmetrico con
v = O su ambedue i lati, si ha un profilo asimmetrico in cui la velocità varia da zero
sulla superficie del corpo ad un valore dato U che è la velocità del flusso al di fuori
dello strato limite. Lo studio porta ai risultati che seguono ( W. Tollmien, 1929;
H. Schlichting, 1933; C. C. Lin, 1945).

O)

u --------------------
II

(a.) (a.)
O)
'Vy
v,

u ------------------·

(b)

Fig. 28 Fig. 29

La forma della curva neutra nel piano wR (cfr. § 28) dipende dalla forma del
profilo della velocità nello strato limite. Se il profilo della velocità non ha punti
di flesso (la velocità Vx cresce monotonamente e la curva Vx = Vx ( x) è convessa
ovunque, fig. 28a), il bordo della regione stabile ha forma del tutto analoga a
quello che si ha per il flusso in un tubo: si ha dunque un valore minimo R = Rcr
a partire dal quale iniziano ad apparire perturbazioni che vanno ad amplificarsi
1
) Così facendo naturalmente, trascuriamo l'effetto che la curvatura della superficie potrebbe
avere sulla stabilità dello strato limite. L'approssimazione fatta ha anche una certa inconsistenza
dovuta al fatto che gli unici flussi piani paralleli (con profilo della velocità che dipende solo da una
coordinata) che soddisfano l'equazione di Navier-Stokes sono quelli/ con profilo lineare (17,1) o
parabolico (17,4), mentre l'equazione di Eulero è soddisfatta da un flusso piano parallelo di profilo
qualunque. Quindi il flusso della corrente principale che si considera nella teoria della stabilità
dello strato limite non è, strettamente parlando, una soluzione delle equazioni del moto.
§ 41 STABILITÀ DEL FLUSSO NELLO STRATO LIMITE LAMINARE 201

e, per R --+ oo, ambedue i rami della curva tendono asintoticamente all'asse delle
ascisse (fig. 29a). Per il profilo di velocità che si ha nello strato limite su una lastra
piana, il calcolo del numero di Reynolds critico dà il valore Ro,cr ~ 420 2 ).
Un profilo di velocità come quello mostrato in figura 28a non può esistere se la
velocità del fluido al di fuori dello strato limite decresce lungo il flusso. In questo
caso il profilo della velocità deve avere un punto di flesso. Infatti, consideriamo
un piccolo elemento di superficie che possiamo considerare piano; sia di nuovo x
la coordinata nella direzione del flusso e y la distanza dalla parete. La relazione
(40,10) dà
1/ El2vxI - ! dp - -Uau
8y 2 y=D - p dx - 8x '

da cui si vede che, se U decresce nel senso del flusso (8U / 8x < O), si deve avere

in vicinanza della superficie, cioè la curva Vx = vy (y) è concava. Quando y cresce, la


velocità Vx deve tendere asintoticamente al fonite U. Da considerazioni puramente
geometriche appare chiaro che la curva deve diventare convessa e deve quindi avere
un punto di flesso (fig. 28b). In questo caso la forma della curva che delimita
la regione di stabilità è leggermente cambiata: i due rami hanno asintoti differenti
quando R--+ oo, uno che tende, come prima, all'asse delle ascisse e l'altro che tende
ad un valore non nullo di w (fig. 29b ). Inoltre la presenza di un punto di flesso
riduce considerevolmente il valore di Rcr·
Il fatto che il numero di Reynolds cresca lungo lo strato limite, rende il compor-
tamento delle perturbazioni trascinate dal fluido, alquanto peculiare. Consideriamo
il flusso attorno ad una lastra piana e supponiamo che una perturbazione di fre-
quenza data w appaia in un dato punto dello strato limite. La sua propagazione
nella direzione del flusso corrisponde sul diagramma di fig. 29a ad uno spostamen-
to a destra lungo la linea orizzontale w = costante. La perturbazione si smorza
inizialmente, poi, una volta raggiunto il ramo I della curva di stabilità, inizia ad
amplificarsi. L'amplificazione continua fino a che si raggiunge il ramo II, dopo di
che la perturbazione si smorza di nuovo. Il coefficiente di amplificazione totale
della perturbazione nella sua traversata della regione di instabilità cresce molto
rapidamente mentre questa regione si sposta verso grandi valori di R ( cioè quando
il segmento orizzontale tra i rami I e II si muove verso il basso).
Non esiste ancora una risposta completa riguardo al tipo di instabilità (assoluta
o convettiva) dello strato limite sotto perturbazioni infinitesime. Per un profilo di
velocità che non abbia punti di flesso, l'instabilità è convettiva per valori di R per
cui ambedue i rami della curva neutra (fig. 29a) sono vicini all'asse delle ascisse;
la dimostrazione è la stessa che nel caso del flusso piano di Poiseuille discusso nel
2
l Per R-+ oo, w tende a zero sui rami I e II della curva neutra come R 81 / 2 e R;;-115 rispetti-
vamente. Il punto R = Ree corrisponde ad una frequenza Wc, = 0.15 U / o' e ad un numero d'onda
kcr = 0.36/o'.
202 LO STRATO LIMITE Cap. IV

§ 28. Per valori di R inferiori e profili di velocità che abbiano un punto di flesso, il
problema resta irrisolto.
Dal momento che il numero di Reynolds varia lungo lo strato limite, la turbo-
lenza non appare immediatamente nell'intero strato, ma solo nella parte di esso in
cui Ra supera un certo valore. Per una data velocità del flusso incidente, ciò signi-
fica che la turbolenza inizia ad una particolare distanza dalla linea di attacco, che
decresce al crescere della velocità. I risultati sperimentali mostrano che il punto di
inizio della turbolenza nello strato limite dipende notevolmente anche dall'intensità
della perturbazione nel flusso incidente. Quando questa decresce, l'instaurarsi della
turbolenza avviene a valori maggiori di Ra.
Le curve neutre nelle figure 29a e 29b hanno una differenza fondamentale; Il
fatto che per Ra-+ oo, la frequenza sul ramo superiore tenda ad un limite non nullo
significa che il flusso diviene instabile per qualunque valore della viscosità arbitra-
riamente piccolo, mentre per la curva di figura 29a le perturbazioni di qualunque
frequenza non nulla si smorzano quando v -+ O. Questa differenza è determinata
dalla presenza o dall'assenza di un punto di flesso nel profilo di velocità Vx = v (y)
e, matematicamente, la sua origine si trova studiando il problema della stabilità di
un fluido ideale (Rayleigh, 1880).
Sostituiamo nell'equazione (10,10) per il flusso bidimensionale di un fluido
ideale, una funzione di corrente della forma

'I/;= '1/;o(y) + '1/;1(x, y, t),

dove '1/;oè là funzione di corrente per il flusso imperturbato, così che 'if;b= v (y); '1/;1
è una piccola perturbazione che cerchiamo della forma

'1/;l= 'P (y) ei(kx-wt).

Sostituendo nella (10,10) si ha l'equazione linearizzata 3) per '1/;


1:

(41,2)

Se il flusso è limitato (nella direzione y) da una parete solida, su di essa <p= O (dato
che Vy = O); se il flusso è illimitato in larghezza in uno o ambedue i lati, si deve
applicare una condizione simile all'infinito, dove il flusso è uniforme. Considereremo
k una quantità reale data; la frequenza w è allora determinata dagli autovalori del
problema al contorno per l'equazione (41,2).
Dividiamo la (41,2) per (v - w/k), moltiplichiamo per <p*e integriamo rispetto
a y tra i limiti del flusso y 1 e y2. L'integrazione per parti del prodotto <p*<p"dà

Y2 1Y2v"I'P12• dy
1 (l'P'i2+ k l'Pl dy +
2 2
) = o. (41,3)
Yl w/k Yl V -

3
l Qualunque funzione ,f;0 (y) soddisfa identicamente la (10,10); cfr. la prima nota di questo
paragrafo.
§ 41 STABILITÀ DEL FLUSSO NELLO STRATO LIMITE LAMINARE 203

Il primo termine è sempre reale. Assumendo le frequenze complesse e separando la


parte immaginaria dell'equazione si ha

v"lcpl2
1
Y2
Imw IV / k l 9~ dy=O. (41,4)
Yl - W

Perché si possa avere Im w =f.O, l'integrale deve essere nullo e questo implica certa-
mente che v" sia nullo in qualche parte nell'intervallo di integrazione. L'instabilità
può quindi apparire (quando v = O), solo per profili di velocità che abbiano un
punto di flesso 4 ).
Fisicamente, questa instabilità è dovuta ad
un'interazione di tipo risonante tra le oscilla- v (y)
zioni del mezzo ed il moto delle sue particelle
nel flusso principale; in questo senso è analoga
allo smorzamento di Landau (o all'amplificazio-
ne in caso di instabilità) delle oscillazioni in un
plasma senza collisioni (cfr. X, § 30) 5 l.
Secondo la (41,2), le oscillazioni proprie (se
presenti) del flusso sono associate alla parte di
esso in cui v" (y) =f.O 6 l. Esaminiamo il mecca- y, y
nismo dell'amplificazione delle oscillazioni, nel
caso in cui il profilo di velocità abbia una sor-
gente di oscillazione localizzata in uno strato del Fig. 30
flusso. Prendiamo un profilo v (y) la cui curva-
tura sia piccola ovunque eccetto in prossimità di un punto y = YD· Modificando
la curvatura in questo punto con una deformazione brusca del profilo, abbiamo un
termine Ab"(y - y 0 ) in v" (y). Questo dà il contributo principale all'integrale nella
(41,3). Descriveremo il flusso usando coordinate in cui la sorgente è a riposo, cioè
v (yo) = O, come mostrato in fig. 30. Separando la parte reale dell'equazione (41,3),
abbiamo
2 2

1Y (lcp'l2
Yl
+ k2l'Pl2)dy _ Alcp (Yo)l Re (w/k) = O.
lw/kl2
Poniamo A > O, come in figura 30. Poiché il primo termine in questa equazione è
sicuramente positivo, si deve avere Re(w/k) > O, cioè la velocità di fase è diretta
verso destra. Il punto di risonanza y,. in cui la velocità di fase dell'onda è uguale
4
) Va notato che la formulazione del problema della stabilità con v = O non è fisicamente
del tutto corretta. Si ignora il fatto che un fluido reale ha necessariamente una viscosità, anche
se piccola, comunque non nulla. Questo porta a varie difficoltà matematiche: alcune soluzioni
scompaiono a causa dell'abbassamento dell'ordine dell'equazione differenziale per <p, mentre altre
ne appaiono, che non si hanno quando v i=O. Quest'ultimo effetto è connesso alla singolarità
dell'equazione (41,2) (che non è presente quandovi= O): nel punto in cui v (y) = w/k, il coefficiente
della derivata cli ordine più alto nell'equazione, è nullo.
5
) Questa analogia fu notata da A. V. Timofeev (1979) e da A.A. Andronov e A.L. Fabrikant
(1979). La discussione che segue è quella data da Timofeev.
G) Quando v" (y) = O, l'equazione (41,2) non ha soluzioni che soddisfino le necessarie condizioni
al contorno.
204 LO STRATO LIMITE Cap. IV

alla velocità del flusso locale, v (Yr) = Re (w/k), si trova a destra di YD· Le particelle
di fluido che si muovono vicino al punto di risonanza, e superano l'onda, le trasfe-
riscono energia; al contrario, quelle che sono in ritardo rispetto all'onda, assorbono
energia da essa; l'onda è amplificata (si crea instabilità) se il numero delle prime
particelle è maggiore di quello delle seconde 7 ). Poiché il fluido è supposto incom-
primibile, il numero di particelle che raggiungono un elemento di larghezza dy del
flusso è proporzionale a dy; il numero di particelle con velocità dell'intervallo dv è
proporzionale a dy = (dy/dv) dv = dv/v' (y), questo vuol dire che 1/v' (y) agisce
come una funzione di distribuzione della velocità. Di conseguenza, perché si possa
avere instabilità, è necessario che la funzione 1/v' (y) cresca e che v' (y) decresca
al passaggio per il punto Yr da sinistra a destra. Cioè dobbiamo avere v" (Yr) O; <
poiché v" è positiva in YD, il profilo di velocità deve avere un punto di flesso tra Yo
e Yr·
Il caso A < O può essere trattato nello stesso modo e dà lo stesso risultato; ora
la velocità di fase dell'onda e la velocità delle particelle della risonanza sono dirette
da destra verso sinistra.

§ 42. Profilo logaritmico delle velocità


Consideriamo il flusso turbolento piano parallelo di un fluido lungo una super-
ficie piana illimitata (il termine "piano parallelo" si applica, naturalmente, alla
media temporale del flusso) l). Prendiamo la direzione del flusso come asse x, il
piano della superficie come piano xz, così che y sia la distanza dalla superficie. Le
componenti y e z della velocità media sono nulle: Ux = u, Uy = Uz = O. Non c'è
gradiente di pressione e tutte le quantità non dipendono che day.
Indichiamo con (j la forza d'attrito che agisce sull'unità di area della superficie;
questa forza è chiaramente diretta nella direzione x. La quantità (j non è altro
che l'impulso ceduto dal fluido alla superficie nell'unità di tempo; è anche il flusso
costante della componente x dell'impulso, che essendo orientato nella direzione
negativa dell'asse y, dà la quantità di impulso ceduto in modo continuo dagli strati
di fluido lontani dalla superficie a quelli più vicini ad essa.
La presenza di questo flusso di impulso è evidentemente legata all'esistenza,
lungo l'asse y, di un gradiente della velocità media u. Se il fluido si muovesse
ovunque con la stessa velocità, non si avrebbe alcun flusso di impulso. Si può
anche porre la domanda inversa. Dato un certo valore di (J, determiniamo quale
deve essere il flusso di un fluido di densità data p per dar luogo ad una densità
di flusso di impulso (J. Al fine di derivare il comportamento asintotico a grandi
numeri di Reynolds, partiamo di nuovo dall'ipotesi che questo comportamento non
sia influenzato dalla viscosità del fluido, sebbene essa possa diventare importante
a valori di y molto piccoli, come si vedrà nel seguito.
7
) Il flusso nell'onda è stazionario rispetto alle particelle in risonanza; lo scambio di energia
tra queste e l'onda non si annulla quando si media sul tempo (come accade per altre particelle
rispetto a cui il flusso nell'onda è oscillatorio). Si noti anche che ;la direzione dello scambio di
energia indicata sopra, corrisponde ad una tendenza a ridurre il gradiente di velocità nel flusso e,
in questo senso, è equivalente a introdurre una viscosità molto piccola.
l) I risultati presentati nei§§ 42-44 sono dovuti a T. van Krirrnrin (1930) e a L. Pmndtl (1932).
§ 42 PROFILO LOGARITMICO DELLE VELOCITÀ 205

Allora il valore del gradiente della velocità du/ dy, a qualunque distanza dalla
parete, deve essere determinato dai parametri costanti p, u e, naturalmente, dalla
distanza y stessa. La sola combinazione di p, u e y che abbia le dimensioni corrette
V
è u / py 2 . Abbiamo quindi
du v.
(42,1)
dy n,y'
con la quantità v. (che ha le dimensioni di una velocità), utile nel seguito, definita
da
rJ = pv;. (42,2)
K, è una costante numerica, detta costante di van I<ri:rman,
non calcolabile teorica-
mente, che deve essere determinata sperimentalmente. Si trova 2 )

K, = 0.4. (42,3)

L'integrazione della (42, 1) dà

u = v. (ln y + e) , (42,4)
K,

dove c è una costante di integrazione. Per determinarla non potremo usare le


condizioni al contorno ordinarie sulla superficie dato che per y = O il primo termine
della (42,4) diventa infinito. Questo è dovuto al fatto che l'espressione scritta sopra
diventa inapplicabile a distanze dalla superficie molto piccole, dato che in questo
caso l'effetto della viscosità diventa importante e non può essere trascurato. Non ci
sono condizioni neanche all'infinito perché per y = oo l'espressione (42,4) diventa
di nuovo infinita. Questo è dovuto al fatto che, nella condizione idealizzata che
abbiamo scelto, la superficie è illimitata e quindi estende la sua influenza a distanze
infinitamente grandi.
Prima di determinare la costante e indichiamo in anticipo la particolarità essen-
ziale del flusso considerato: a differenza di quanto accade usuahnente, non ha alcun
parametro caratteristico di lunghezza che possa determinare la scala del flusso tur-
bolento. Questa scala è quindi determinata dalla distanza y stessa: la scala del
flusso turbolento, a distanza y dalla superficie, è di ordine y. La velocità fluttuan-
te del flusso turbolento è di ordine v., come si ha direttamente da considerazioni
dimensionali, dato che v. è la sola quantità con le dimensioni di una velocità che
possa essere formata dalle quantità p, u e y di cui disponiamo. Va sottolineato che,
mentre la velocità media decresce con y, la velocità fluttuante resta dello stesso or-
dine di grandezze a tutte le distanze dalla superficie. Questo risultato è in accordo
con la regola generale secondo cui l'ordine di grandezza della velocità fluttuante è
determinato dalla variazione Lu della velocità media (§ 33). In questo caso non
esiste una lunghezza caratteristica l sulla quale si possa valutare la variazione della
velocità media; Lu deve ora essere definita correttamente come la variazione di u
quando la distanza y cambia apprezzabilmente, cioè di una quantità di ordine y.
2
) Il valore di questa costante, così come quello di un'altra che appare nella (42,8), è stato
ottenuto dai risultati di misure del profilo della velocità in vicinanza della parete di tubi e canali
rettangolari, e nello strato limite su superfici piane.
206 LO STRATO LIMITE Cap. IV

Secondo la (42,4), tale variazione di y porta ad una variazione della velocità u che
è dell'ordine di v*.
A una distanza sufficientemente piccola dalla superficie, la viscosità del fluido
inizia ad essere importante; indichiamo con Yo l'ordine di grandezza di questa
distanza. Si può determinare Yo come segue. La scala della turbolenza a questa
distanza è dell'ordine di Yo e la velocità dell'ordine di v*. Quindi, il numero di
Reynolds che caratterizza il flusso a distanze dell'ordine di Yo è R ~ v.yo/v. La
viscosità inizia ad essere importante quando R diventa di ordine uno. Troviamo
allora che la distanza cercata è
V
Yo~ -. (42,5)
V*
A piccole distanze dalla superficie rispetto a yo, il flusso è determinato dall'attri-
to viscoso ordinario. La distribuzione di velocità si può allora ottenere direttamente
dalla formula usuale per l'attrito viscoso

da cui
uy v;y
U=-=- (42,6)
pv V

Quindi, adiacente alla superficie, si ha uno strato sottile di fluido in cui la velocità
media è una funzione lineare di y; in tutto questo strato la velocità è piccola: va
da zero, sulla superficie, fino a valori dell'ordine di v* per y ~ y 0 . Chiameremo
questo strato substrato viscoso. Il confine tra questo strato e il resto del flusso non
è netto e, in questo senso, il concetto è puramente qualitativo. Va sottolineato che
il flusso nel substrato viscoso è turbolento 3 ).
Non ci occuperemo oltre del flusso nel substrato viscoso. La sua presenza va
tenuta in conto solo nella scelta appropriata della costante di integrazione nella
(42,4). Questa deve essere scelta di modo che la velocità diventi di ordine v* a
distanze di ordine YO· Per questo va preso c = - ln Yo così che

u = v* ln yv*. (42,7)
K, V

Questa formula determina (in un certo intervallo di y) la distribuzione delle velocità


nel flusso turbolento che scorre lungo la superficie. Questa distribuzione porta il
nome di prnfilo di velocità logaritmico 4 ).
Nella (42, 7) l'argomento del logaritmo dnvrebbe includere un coefficiente co-
stante. Così scritta, la (42, 7) ha accuratezza "logaritmica". Questo vuol dire che
si suppone che l'argomento del logaritmo sia grande e l'aggiunta di un piccolo coef-
ficiente numerico in esso sia equivalente all'aggiunta all'espressione di un termine
della forma costante x v*, dove la costante è di ordine uno; nell'approssimazione
3
) A questo riguardo il termine in uso di "substrato laminare" non è adatto. La somiglianza
con il flusso laminare è limitata al solo fatto che la velocità media è distribuita secondo la stessa
legge che seguirebbe la vera velocità di un flusso laminare nelle stes.se condizioni.
4
) Questa semplice derivazione del profilo logaritmico è dovuta ,a L.D. Landa'U, (1944).
§ 42 PROFILO LOGARITMICO DELLE VELOCITÀ 207

logaritmica questo termine è trascurabile rispetto a quello che contiene il loga-


ritmo. In pratica però, nelle espressioni derivate qui e nel seguito, l'argomento
del logaritmo non è così grande perché lo sia il suo logaritmo e quindi l'accura-
tezza dell'approssimazione logaritmica non è molto buona. Si può migliorare la
precisione delle formule introducendo un fattore empirico numerico nell'argomento
del logaritmo che equivale ad aggiungere una costante al logaritmo. Ad esempio
un'espressione più accurata del profilo di velocità si può scrivere nella forma

= yv* + 5.1 ) =
U V* ( 2.5ln~
yv*
= 2.5v* ln --. (42,8)
0.13v

28

24

20
j(ç)
16

12

o~~~~~~~~-..,,.~~~....,,i~~~~4~

10 10 10 10
ç
Fig. 31

Le formule (42,6) e (42,8) hanno la forma


e-
<,,-
yv* , (42,9)
V

in cui f (ç) è una funzione universale. Questo è una conseguenza diretta del fatto
che ç è la sola combinazione adimensionale che si possa formare con i parametri di-
sponibili p, u, ve la variabile y. Per questa ragione tale dipendenza deve mantenersi
a tutte le distanze dalla superficie, inclusa la regione intermedia tra gli intervalli
di applicabilità della (42,6) e della (42,8). La figura 31 mostra il grafico di f (ç) su
una scala semilogaritmica. Le curve continue 1 e 2 corrispondono rispettivamente
alla (42,6) e (42,8); la curva tratteggiata è la dipendenza empirica nella regione
intermedia, che si ha per valori di ç circa compresi tra 5 e 30.
208 LO STRATO LIMITE Cap. IV

Non è difficile determinare la dissipazione di energia in questo flusso turbolento.


!J è il il valor medio della componente Ilxy del tensore densità di flusso di impulso.
Al di fuori del substrato viscoso, si può trascurare il termine di viscosità e si ha
Ilxy = pvxvy. Introducendo la velocità fluttuante v' e, notando che la velocità
media è nella direzione x, si ha Vx = u + v~, Vy = v~. Quindi 5 l

!J = PVxVy= pv'xv~ + puv~ =


= pv'xv~. (42,10)

La densità di flusso di energia nella direzione y è (p + pv 2 /2) Vy, anche qui il termh1e
v v:
viscoso è stato omesso. Ponendo 2 = (u + v~)2 + v~2 + 2 e mediando l'intera
espressione si ha:
- 1 2 -
P'v'Y + -pv'
2 X v'Y + v y + v Z vy + puv'X v'y·
13 12 1

Di questa va tenuto solo l'ultimo termine. La ragione è che la velocità fluttuante


è di ordine v* e quindi, nell'accuratezza logaritmica, è piccola rispetto a u. Le
fluttuazioni turbolente nella pressione sono di ordine p 1 ~ pv; e quindi, con la
stessa accuratezza, possiamo trascurare il primo termine dell'espressione. Si ha
dunque, per la densità media del flusso di energia,

q = puv'xv~ = U!J. (42,11)

Avvicinandosi alla superficie della parete, questo flusso diminuisce a causa della
dissipazione dell'energia. La derivata dq/ dy dà l'energia dissipata nell'unità di
volume del fluido; dividendola per p abbiamo l'energia dissipata nell'unità di massa:

E=
V~
liY =
1
liY
(!J)3/2
p (42,12)

Finora abbiamo assunto che la superficie sia sufficientemente liscia. Se è rugosa,


le formule finora derivate vanno in parte modificate. Come misura della rugosità
della superficie si può prendere l'ordine di grandezza d delle asperità dalla superficie.
Quello che conta è la dimensione relativa di d rispetto allo spessore y 0 del substrato.
Se y 0 è grande rispetto a d, l'irregolarità non è rilevante e questo è quello che si
intende per superficie sufficientemente liscia. Se y 0 e d sono dello stesso ordine di
grandezza, non si possono stabilire formule generali.
Nel caso limite opposto di superficie molto irregolare (d » y 0 ), si possono di
nuovo ottenere relazioni generali. In questo caso certamente non si può più parlare
di substrato viscoso. Vicino alle asperità della superficie si ha flusso turbolento con
quantità caratteristiche p, !J, d; la viscosità, al solito, non appare esplicitamente.
La velocità del flusso è dell'ordine di v*, la sola quantità con le dimensioni di
una velocità che abbiamo a disposizione. Si vede quindi che nel flusso lungo una
superficie rugosa la velocità è piccola ( ~ v*) a distanze y ~ d invece che y ~ y 0 come

ln tensore di flusso di impulso per il trasferimento da vortici turbolenti


5
e chiamato tensore
degl'i sforzi di Reynolds; il concetto è dovuto a O. Reynolds (1895)/
§ 43 FLUSSO TURBOLENTO NEI TUBI 209

nel caso del flusso lungo una superficie liscia. Appare chiaro che la distribuzione di
velocità è data da una formula che si ottiene dalla (42,7) sostituendo v/v* con d:
U = V* ln '!f__ (42,13)
K, d

§ 43. Flusso turbolento nei tubi


Applichiamo i risultati fin qui ottenuti al flusso turbolento di un fluido all'inter-
no di un tubo. Nelle vicinanze delle pareti del tubo (a distanze piccole rispetto al
suo raggio a), si può considerare approssimativamente la superficie piana e descri-
vere la distribuzione di velocità con le formule (42, 7) o (42,8). Tuttavia, poiché la
funzione lny varia lentamente, possiamo, nell'approssimazione logaritmica, usare
la formula (42, 7) per la velocità media U del flusso nel tubo, sostituendo a y il
raggio a:
U = v* ln av*. (43,1)
K, V
Per la velocità U intendiamo il rapporto tra il volume di fluido che passa attraverso
una sezione trasversa del tubo nell'unità di tempo e l'area della sezione trasversa:
U=Q/p-rra 2 .
Per trovare la relazione tra U e il gradiente di pressione 6p/l che sostiene il
flusso (6p è la differenza di pressione tra le due estremità del tubo di lunghezza l),
notiamo che la forza che agisce su una sezione trasversa del flusso è 1ra2 6p. Questa
forza serve a vincere l'attrito del fluido contro le pareti. Poiché la forza di attrito
per unità di area della parete è o-= pv;, la forza totale dovuta all'attrito è 21ralpv;.
Uguagliando le due espressioni si trova:
6p _ ?pv;
l - ~ a (43,2)

Le equazioni (43,1) e (43,2) determinano, in termini del parametro v., la relazione


tra la velocità del flusso del fluido nel tubo e la differenza di pressione tra le due
estremità. Questa relazione prende il nome di legge di reS'istenza del tubo. Espri-
mendo v* in termini di 6p/l nella (43,2) e sostituendo nella (43,1), abbiamo la
legge di resistenza nella forma

U= (43,3)
V~111(:!..
2fZipi V V~)2pl .
In questa formula si usa introdurre quello che viene chiamato coefficiente di resi-
stenza del tubo, una quantità adimensionale definita come
À = 2a6p/l (43,4)
pU 2 /2.
La dipendenza di À dal numero di Reynolds adimensionale R = 2aU / v è data in
forma implicita dall'equazione

~ = 0.88111(Rfi)- 0.85. (43,5)



210 LO STRATO LIMITE Cap. IV

Abbiamo sostituito a K, il suo valore (42,3) e aggiunto al logaritmo una costante


numerica empirica l). Il coefficiente di resistenza definito da questa formula è una
funzione lentamente decrescente del numero di Reynolds. Per confronto, diamo la
legge di resistenza per il flusso laminare in un tubo. Introducendo il coefficiente di
resistenza nella (17,10), abbiamo

(43,6)

Nel flusso laminare il coefficiente di resistenza decresce al crescere di R più rapida-


mente che nel flusso turbolento.
La fig. 32 mostra, in scala logaritmica, il grafico di À in funzione di R. La
retta ripida corrisponde al regime laminare (formula (43,6)) e la curva con penden-
za minore (quasi rettilinea) al flusso turbolento. La transizione dalla prima alla
seconda si ha con la crescita del numero di Reynolds, nel momento in cui il flusso
diviene turbolento; questo può accadere a differenti valori di R a seconda delle
condizioni reali del flusso (dal "grado di perturbazione" del flusso). Al momento
della transizione il coefficiente di resistenza cresce bruscamente.

10 ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

9
8
7

4
100'1

1.5
2.0

1.5

1.2
I.O
0.9
0.8
0.7
2 4 6 8 104 2 4 6 8 5 2 4 6 8 6 2 4 6 8 7
10' R 10 10 10

Fig. 32

Le formule ottenute sono per tubi con pareti lisce. Per tubi con pareti molto ru-
gose si ottengono risultati simili semplicemente sostituendo v/v* con d, cfr. (42,13).

1
l Il coefficiente del logaritmo in questa formula è stato preso conformemente a quello della
(42,8) per il profilo logaritmico della velocità. Solo in questo caso la (43,5) ha il significato teorico
di formula limite per il flusso turbolento a valori del numero di Reynolds sufficientemente grandi.
Se i valori delle due costanti nella formula (43,5) sono scelti arbitrariamente, essa può solo essere
una formula puramente empirica per· la dipendenza di ,\ da R. In questo caso, comunque, non
c'è ragione per preferirla a qualunque altra formula empirica più semplice che dia una descrizione
sufficientemente buona dei dati sperimentali.
§ 44 LO STRATO LIMITE TURBOLENTO 211

La legge di resistenza è allora, invece della (43,3),

U = J
a6.p ln (::-.)
21,,2 pl d .
(43,7)

L'argomento del logaritmo è ora una costante e non contiene la caduta di pressione
come nella (43,3). Si vede che la velocità media è ora semplicemente proporzionale
alla radice quadrata del gradiente di pressione nel tubo. Introducendo il coefficiente
di resistenza, la (43, 7) diventa

(43,8)

cioè À è una costante indipendente dal numero di Reynolds.

§ 44. Lo strato limite turbolento


Il fatto di aver ottenuto, per un flusso piano, una legge di distribuzione della
velocità logaritmica formalmente valida in tutto lo spazio, deriva dal fatto che
abbiamo considerato il flusso lungo una superficie di area infinita. Nel flusso lungo
la superficie di un corpo di dimensioni finite, solo il moto a piccole distanze dalla
superficie, cioè nello strato limite, ha un profilo di velocità logaritmico. Lo spessore
dello strato limite cresce lungo la superficie del corpo nella direzione del flusso
secondo una legge che determineremo nel seguito. Questo spiega perché, nel flusso
in un tubo, il profilo logaritmico si mantiene in tutta la sezione trasversa del tubo.
Lo spessore dello strato limite, adiacente alla parete del tubo, cresce a partire dal
punto di entrata del fluido. Già ad una distanza finita dall'estremità di entrata del
tubo, lo strato limite riempie quasi l'intera sezione trasversa del tubo. Se quindi
supponiamo il tubo sufficientemente lungo e lasciamo da parte la sezione iniziale,
il flusso in tutto il tubo sarà dello stesso tipo che nello strato limite turbolento.
Ricordiamo che una situazione simile si ha per il flusso laminare in un tubo. Tale
flusso è descritto dalla formula (17,9); la viscosità è importante a tutte le distanze
dalle pareti e il suo effetto non è mai limitato ad uno strato sottile adiacente ad
esse.
La decrescita della velocità media nello strato limite, sia turbolento che lami-
nare, è dovuta in ultima analisi alla viscosità del fluido. Tuttavia l'influenza della
viscosità appare, nello strato limite turbolento, in una maniera molto particolare.
L'andamento della variazione della velocità media nello strato limite non dipende
direttamente dalla viscosità; questa appare nell'espressione del gradiente di velocità
solo nel substrato viscoso. Lo spessore totale dello strato limite è detenninato dalla
viscosità e si annulla con essa (si veda nel seguito). Se la viscosità fosse esattamente
nulla, non si avrebbe lo strato limite.
Applichiamo i risultati del paragrafo precedente a uno strato limite turbolento
formato nel flusso attorno ad una lastra piana sottile, come discusso nel § 39 per
il flusso laminare. Al bordo dello strato turbolento, la velocità del fluido è all'in-
circa uguale a quella del flusso principale, U. Per determinare questa velocità al
212 LO STRATO LIMITE Cap. IV

bordo, possiamo usare la (42,7), nell'approssimazione logaritmica, sostituendo a y


lo spessore dello strato limite o l). Uguagliando le due espressioni si ha:

U= V* ln V*O. (44,1)
K, I/

Qui U è un parametro costante per un dato flusso; lo spessore o invece varia lungo
la lastra; o,e quindi v*, sono funzioni lentamente variabili di x. Per determinare
queste funzioni, la formula (44, 1) non è sufficiente; si deve trovare un'altra relazione
o
che leghi v. e a x.
Per trovare questa relazione, ricorriamo alle stesse considerazioni che hanno
permesso di derivare la (37,3) per la larghezza della scia turbolenta. Come in quel
caso, la derivata do/ dx deve essere dell'ordine di grandezza del rapporto tra la
velocità lungo l'asse y e quella lungo l'asse x, al bordo dello strato. Quest'ultima è
di ordine U mentre la prima, dovuta alla velocità fluttuante, è di ordine v*. Allora
dO V*
dx"" U'
per cui
(44,2)

Le formule (44,1) e (44,2) insieme determinano v* e oin funzione della distanza x 2 l.


Queste funzioni, tuttavia, non sono scrivibili in forma esplicita. Esprimeremo in o
termini di una quantità ausiliaria. Essendo v* una funzione lentamente variabile
di x, si vede dalla (44,2) che lo spessore dello strato varia essenzialmente come x.
Ricordiamo che lo spessore dello strato limite laminare cresce come fa cioè più
lentamente che nello strato turbolento.
Determiniamo la dipendenza da x della forza di attrito u che agisce sull'unità
di area della lastra. Questa dipendenza è determinata da due formule:
u = pv;, U = v, ln v*x.
K, Uv
La seconda si ottiene sostituendo la (44,2) nella (44,1), ed ha accuratezza logarit-
mica. Introduciamo un coefficiente di resistenza e (riferito all'unità di area della
lastra), definito come il rapporto adimensionale

e~ p
2
;2= 2 (~ r (44,3)

Eliminando v* dalle due equazioni, otteniamo l'equazione seguente che dà (nell'ap-


prossimazione logaritmica) e come funzione implicita di x:
(2;J Ux
V--Z-
= ln (cRx), Rx=-.
I/
(44,'1)
1
l In pratica, il profilo logaritmico non si osserva sull'intero spessore dello strato limite. Circa
il 20-25% dell'aumento di velocità nel lato esterno dello strato, avviene in modo più rapido che
logaritmico. Le deviazioni sembra siano dovute ad oscillazioni irregolari del bordo dello strato
limite (cfr. la discussione riguardo ai limiti della regione turbolenta alla fine del § 35).
2
) Qui la distanza x va considerata, strettamente parlando, a partire dal punto in cui lo strato
1
laminare diventa turbolento.
§ 45 LA CRISI DI RESISTENZA 213

Il coefficiente di resistenza e definito da questa formula è una funzione lentamente


decrescente della distanza x.
Esprimiamo lo spessore dello strato limite in termini della funzione e (x). Si ha

Sostituendo nella (44,2) troviamo

6 = costante x xyc,. (44,5)

Il valore empirico di e è circa 0.3.


In modo analogo possiamo derivare le espressioni per lo strato limite turbolento
su una superficie rugosa. Secondo la (42,13), si ha ora, invece della (44,1), la
relazione
U = V* lni
K, d'
dove d è la dimensione delle asperità della superficie. Sostituendo 6 dalla (44,2), si
ha
U - v* ln xv*
- "' Ud'
o, con il coefficiente di resistenza (44,3),

(22i = ln xvc_ (44,6)


V-;- d

§ 45. La crisi di resistenza


I risultati ottenuti nei paragrafi precedenti permettono di trarre conclusioni
importanti sulla legge di resistenza a grandi numeri di Reynolds, cioè la dipendenza
della forza di resistenza che agisce sul corpo in funzione di R quando quest'ultimo
è grande.
La struttura del flusso a grandi valori di R (i soli che discuteremo), già trattata
in precedenza, è la seguente. In tutto il volume principale del fluido (cioè ovunque
eccetto nello strato limite, di cui qui non ci occupiamo) il fluido può essere conside-
rato come ideale, con flusso potenziale ovunque, eccetto nella scia turbolenta. La
larghezza della scia dipende dalla posizione della linea di separazione sulla superfi-
cie del corpo. Sebbene questa posizione sia determinata dalle proprietà dello strato
limite, si trova, come visto nel§ 40, che essa non dipende dal numero di Reynolds.
Possiamo quindi dire che la struttura del flusso a grandi numeri di Reynolds è pra-
ticamente indipendente dalla viscosità cioè, in altri termini, da R (finche lo strato
limite resta laminare; si veda oltre).
Da questo segue che nemmeno la resistenza può dipendere dalla viscosità. Ab-
biamo quindi solo tre quantità a disposizione: la velocità U del flusso incidente,
la densità del fluido p e'la dimensione del corpo l. Da queste possiamo formare
solo una quantità con le dimensioni di una forza, vale a dire pU 2 Z2 • Invece del
214 LO STRATO LIMITE Cap. IV

quadrato della dimensione lineare del corpo, introduciamo, come viene fatto soli-
tamente, l'area S della sezione trasversa del corpo rispetto alla direzione del flusso,
proporzionale a 12 , e scriviamo

F = costante x pU2 S, (45,1)

dove la costante è un numero che dipende solo dalle dimensioni del corpo. Quindi la
resistenza deve essere (per grandi R) proporzionale all'area della sezione trasversa
del corpo e al quadrato della velocità del flusso. Ricordiamo per confronto, che
per R molto piccolo (« 1) la resistenza è proporzionale alla dimensione lineare del
corpo e alla velocità (F ~ vplU; cfr. § 20) l).
Come già detto, si usa abitualmente introdurre, invece della forza di resistenza,
il coefficiente di resistenza C definito come
2F
e= pu2s·
Questa è una quantità adimensionale e dipende solo da R. La formula (45,1) diventa

e= costante, (45,2)

cioè il coefficiente di resistenza dipende solo dalla forma del corpo.


Questo andamento della forza di resistenza non
può continuare per numeri di Reynolds arbitrariamente

(çJ grandi. La ragione è che, a R sufficientemente grandi,


lo strato limite laminare (che si trova sulla superficie del
corpo fino alla linea di separazione) diventa instabile e
quindi turbolento. Tuttavia, la turbolenza non si pre-
senta in tutto lo strato limite ma solo in una parte di

Cl
esso. La superficie del corpo si può quindi dividere in
tre parti: nella parte anteriore si ha uno strato limite la-
minare, poi uno strato turbolento ed infine una regione
(b)
oltre la linea di separazione. L'instaurarsi della turbo-
Fig. 33 lenza nello strato limite ha effetto sull'intera struttura
del flusso principale. In particolare porta ad un consi-
derevole spostamento della linea di separazione verso il
retro del corpo (cioè a valle, lungo la corrente), così che la scia turbolenta dietro
il corpo si restringe come mostrato in figura 33 dove la regione della scia è trat-
teggiata 2 l. Il restringimento della scia turbolenta porta ad una riduzione della
forza di resistenza. In questo modo la turbolenza che nasce nello strato limite a
grandi numeri di Reynolds porta alla diminuzione del coefficiente di resistenza che
è ridotto di un fattore notevole, in un intervallo relativamente piccolo di numeri di
l) Un caso particolare in cui la resistenza resta proporzionale alla velocità U, anche per grandi
R, è il flusso attorno ad una bolla di gas; cfr. il problema di questo paragrafo.
2
) Ad esempio, nel flusso trasverso attorno ad un cilindro, l'apparire della turbolenza nello
strato limite sposta la posizione del punto di separazione da 95° a 60° (dove l'angolo azimutale
sul cilindro è misurato a partire dalla direzione del flusso).
§ 45 LA CRISI DI RESISTENZA 215

100
60 \
'
\
~
20
'\
8 "
C4
' '\.
I\.
2
1.5
I.O
' ,....
0.6
' '-
...... -~
I
0.3
I
V

O.I 1.0 2 5 10
R

Fig. 34

Reynolds intorno a 105 . Questo fenomeno viene chiamato crisi di resistenza. La


decrescita del coefficiente di resistenza è così grande che la resistenza stessa, che a
C costante cresce come il quadrato della velocità, in questo intervallo di numeri di
Reynolds, diminuisce al crescere della velocità 3 ).
Si può notare che il fenomeno della crisi di
resistenza è influenzato dal grado di turbolenza 0.5
del flusso incidente; quanto più è elevato, tanto
prima lo strato limite diviene turbolento (cioè 0.4
tanto più piccolo è R per cui questo accade).
3
Quindi la decrescita del coefficiente di resistenza
e o.
inizia anch'essa a numeri di Reynolds più piccoli
0.2
e si estende su un intervallo più ampio di valori
di R. O.I
Le figure 34 e 35 danno i grafici, ottenu-
ti sperimentalmente, della dipendenza del coef- I.O 2.0 3.0 4.0 5.0
ficiente di resistenza dal numero di Reynolds Rx 10'
R = Ud/v per una sfera di diametro d; la figura
34 è in scala logaritmica. Fig. 35
Per valori di R molto piccoli (R « 1), il coeffi-
ciente di resistenza decresce come C = 24/R (formula di Stokes). La decrescita di
3
) Il primo scostamento dal flusso stazionario attorno ad una sfera (R di ordine 50) non è
accompagnato da nessuna discontinuità nella resistenza. Questo perché la transizione è continua
nel caso di autoeccitazione debole. Un cambio nella natura del flusso potrebbe aversi solo se ci
fosse un salto nella curva C (R).
216 LO STRATO LIMITE Cap. IV

C continua più lentamente fino a R ~ 5 x 103 per cui C passa per un minimo oltre
cui cresce di poco. Nell'intervallo di numeri di Reynolds tra 2 x 10'1 e 2 x 105 vale
la legge (45,2), cioè Cresta praticamente costante. Per R compreso tra 2 x 105
e 3 x 105 avviene la crisi di resistenza e il coefficiente di resistenza decresce di un
fattore tra 4 e 5.
Per confronto, portiamo l'esempio di un flusso in cui non vi sia numero di
Reynolds critico. Consideriamo il flusso attorno ad un disco piatto nella direzione
perpendicolare al suo piano. È evidente da considerazioni geometriche, che la
separazione avviene al bordo del disco e non se ne sposta più. Quindi, al crescere
di R, il coefficiente di resistenza del disco rimane costante e non si ha crisi di
resistenza.
Bisogna ricordare che, per le grandi velocità a cui avviene la crisi di resistenza,
l'influenza della comprimibilità del fluido potrebbe diventare importante. Il para-
metro che caratterizza l'entità di questo effetto è il numero di Mach M = U / c, dove
e è la velocità del suono; se M « 1 il fluido può essere considerato incomprimibile
(§ 10). Dato che dei due numeri Me R, solo uno contiene le dimensioni del corpo,
essi possono variare indipendentemente.
I dati sperimentali provano che la comprimibilità ha generalmente un effetto
stabilizzante sul flusso nello strato limite laminare. Quando M cresce, il valore
critico di R cresce, il che ritarda l'apparizione della crisi di resistenza. Per esempio,
per la sfera, per una variazione di M da 0.3 a O.7, la crisi di resistenza è spostata
da R ~ 4 x 105 a R ~ 8 x 105 .
Va anche detto che, al crescere di M, la posizione del punto di separazione nello
strato limite laminare, si sposta a monte, verso il bordo di attacco del corpo e
questo porta ad un incremento della resistenza.

PROBLEMA

Determinare la forza di resistenza su una bolla di gas che si muove in un liquido a


grandi numeri di Reynolds.
Soluzione. Al bordo tra liquido e gas non si annulla la componente tangenziale della
velocità ma solo la sua derivata normale (trascuriamo la viscosità del gas). Il gradiente
di velocità vicino al bordo non sarà allora particolarmente grande, lo strato limite, nella
forma di cui si è parlato nel § 39, sarà assente e non si avrà separazione su quasi tutta
la superficie della bolla. Calcolando la dissipazione di energia per mezzo dell'integrale di
volume (16,3), possiamo usare in tutto lo spazio la distribuzione di velocità corrispondente
al flusso potenziale attorno ad una sfera (problema 2, § 10), trascurando lo strato super-
ficiale di liquido e la scia turbolenta che è molto sottile. Usando la formula ottenuta nel
problema del§ 16, troviamo

.
Ecin = -7] JB
Dv I
T
2

r=R
O
21rR- •
Slll ede = -121r17RU-.0

Da questa vediamo che la resistenza dissipativa è

F = l21r7JRU.
§ 46 CORPI AERODINAMICI 217

Il dominio di applicabilità di questa formula non è in effetti molto grande dato che,
quando la velocità cresce sufficientemente, la bolla perde la sua forma sferica.

§ 46. Corpi aerndinamici


Ci si può chiedere quale debba essere la forma di un corpo (per esempio, per
una data area della sua sezione) perché la sua resistenza nell'avanzamento in un
fluido sia minima. È chiaro da quando detto precedentemente, che la separazione
deve avvenire il più tardi possibile; essa deve prodursi nel retro del corpo così che
la scia turbolenta sia la più stretta possibile. Sappiamo già che l'apparizione della
separazione è facilitata da una rapida crescita della pressione lungo il corpo nella
direzione del flusso. Il corpo deve quindi avere una forma tale che, dove la pressione
cresce, la variazione avvenga nel modo più lento e continuo possibile. Questo si
può ottenere dando al corpo una forma allungata nella direzione del flusso, che si
assottigli in modo continuo così che i flussi lungo i due lati del corpo confluiscano
regolarmente senza passare attorno ad angoli o cambiare direzione considerevol-
mente rispetto alla corrente principale. All'estremità anteriore il corpo deve essere
arrotondato; se ci fosse un angolo la velocità del fluido al vertice diverrebbe infinita
(cfr. problema 6, § 10), la pressione salirebbe rapidamente a valle e la separazione
si produrrebbe inevitabilmente.

(a)

--~- (b)

Fig. 36

Queste richieste sono ampiamente soddisfatte dalle forme mostrate in figura 36.
Il profilo in figura 36b, per esempio, può essere la sezione di un corpo di rotazione
allungato ma anche di un corpo di grande apertura (che chiamiamo convenzional-
mente ala). La sezione di un'ala può anche non essere simmetrica come in figura
36a. Nel flusso attorno ad un corpo di questa forma, la separazione avviene solo
nelle vicinanze immediate dell'estremità appuntita e di conseguenza il coefficiente
di resistenza è relativamente piccolo. Questi corpi sono chiamati aerndinamici.
Nella resistenza dei corpi aerodinamici l'effetto dell'attrito diretto del fluido del-
lo strato lirn.ite sulla superficie del corpo gioca un ruolo molto importante. Questo
effetto è relativamente piccolo e non ha quindi rilevanza per i corpi non aerodinami-
ci (discussi nel paragrafo precedente). Nel caso limite opposto del flusso parallelo
ad un disco piano, questo effetto è l'unica sorgente di resistenza (§ 39).
218 LO STRATO LIMITE Cap. IV

Nel flusso attorno ad un'ala aerodinamica inclinata rispetto al flusso di un pic-


colo angolo a:, detto angolo di attacco (fig. 36a), si sviluppa una notevole portanza
Fy mentre la resistenza Fx resta piccola e il rapporto Fy/ Fx può raggiungere valori
grandi (~ 10 -;.-100). Questo avviene, comunque, solo se l'angolo di attacco è pic-
colo (;S 10°). Per angoli più grandi la resistenza cresce rapidamente e la portanza
diminuisce. Questo fenomeno deriva dal fatto che, per grandi angoli di attacco,
il corpo non soddisfa più le condizioni di aerodinamicità: il punto di separazione
si sposta considerevolmente verso il bordo di attacco e la scia di conseguenza si
allarga. Va tenuto in mente che il caso limite di un corpo molto sottile, ad esempio
una lastra piana, è aerodinamica solo per un angolo di attacco molto piccolo; .la
separazione avviene sulla linea di attacco della lastra quando è inclinata anche di
un piccolo angolo rispetto alla direzione del flusso.
L'angolo di attacco a: si misura, per definizione, rispetto alla posizione dell'ala
per cui la portanza è nulla. Per piccoli angoli di attacco, si può sviluppare la
portanza in serie di potenze di a:. Fermandosi al primo termine dello sviluppo, si
può considerare la forza Fy proporzionale all'angolo a:. Per le stesse considerazioni
dimensionali fatte per la forza di resistenza, la portanza deve essere proporzionale
a pU 2 . Introducendo anche l'apertura dell'ala lz, possiamo scrivere

Fy = costante x pU 2 a:lxlz, (46,1)

dove la costante numerica dipende solo dalla forma dell'ala e non, in particolare,
dall'angolo di attacco. Per ali di grande apertura, la portanza può essere conside-
rata proporzionale all'apertura; in questo caso la costante dipende solo dalla forma
del profilo della sezione dell'ala.
Al posto della portanza sull'ala si usa spesso il coefficiente di portanza definito
come
C = Fy (46,2)
y pU 2 lxlz/2 ·
Per ali di grande apertura, in virtù di quanto detto sopra, il coefficiente di por-
tanza è proporzionale all'angolo di attacco e non dipende né dalla velocità né
dall'apertura:
Cy = costante x a:. (46,3)
Per calcolare la portanza di un'ala aerodinamica per mezzo della formula di
Zhukovsky è necessario calcolare la circolazione della velocità r. Si procede come
segue. Abbiamo ovunque flusso potenziale eccetto nella regione della scia. Nel caso
che stiamo considerando, la scia è molto sottile e occupa una piccola regione sulla
superficie dell'ala in prossimità dell'estremità posteriore appuntita (detta bordo di
fuga). Quindi, per determinare la distribuzione di velocità (e con essa la circola-
zione r), possiamo risolvere il problema del flusso potenziale in un fluido ideale
intorno ad un'ala. L'esistenza della scia è presa in considerazione dalla presenza
di una discontinuità tangenziale che parte dal bordo di fuga dell'ala (che è sempre
appuntito) dove il potenziale ha una discontinuità cp2 - cp1 = r e si estende nel
fluido. Come mostrato nel§ 38, la derivata éJcp/éJzsubisce anch'essa una disconti-
nuità su questa superficie, mentre le derivate éJcp/ éJx e éJcp
/ éJyrestano continue. Per
§ 47 RESISTENZA INDOTTA 219

un'ala di apertura finita, il problema così posto ha una soluzione univoca, sebbene
sia molto difficile trovare la soluzione esatta.
Se l'apertura dell'ala è molto grande (e di sezione uniforme), considerandola
infinita nella direzione z, possiamo considerare che il flusso sia bidimensionale (nel
piano xy). Per ragioni di simmetria, è evidente che la velocità Vz = éJ<p / éJzlun-
go l'apertura dell'ala deve essere nulla. In questo caso quindi, dobbiamo cercare
una soluzione in cui il potenziale ha una discontinuità, ma le sue derivate sono
continue. In altri termini non esiste una superficie di discontinuità tangenziale e
abbiamo semplicemente una funzione polidroma <p(x,y) che subisce un incremento
finito r quando si descrive un circuito chiuso intorno al profilo dell'ala. Così for-
mulato però, il problema del flusso bidimensionale non ha una soluzione univoca,
dato che ammette soluzioni per ogni arbitraria discontinuità data del potenzia-
le. Per ottenere una soluzione univoca si deve richiedere che un'altra condizione
supplementare sia verificata (S.A. Chaplygin, 1909).
Questa condizione è che la velocità del fluido non diventi infinita sul bordo
di fuga acuto dell'ala; a questo riguardo, ricordiamo che quando un fluido ideale
scorre attorno ad un angolo, la sua velocità diventa in genere infinita al vertice
dell'angolo, con una legge a potenza (problema 6, § 10). La condizione imposta
implica che i getti provenienti dai due lati dell'ala si incontrino in modo continuo
senza ruotare attorno ad un'angolo acuto. Quando questa condizione è verificata
la soluzione del problema del flusso potenziale dà risultati molto vicini a quelli reali
in cui la velocità è finita ovunque e la separazione avviene solo al bordo di fuga. La
soluzione diventa unica e, in particolare, la circolazione r, necessaria per calcolare
la portanza, ha un valore definito.

§ 47. Resistenza indotta


Una parte importante della resistenza su un'ala aerodinamica (di apertura
finita) è costituita dalla resistenza dovuta all'energia dissipata nella sottile scia
turbolenta. Essa viene chiamata resistenza indotta.
È stato mostrato nel § 21 come si può calcolare la resistenza dovuta alla scia
considerando il flusso lontano dal corpo. La formula (21,1) però non si applica al
caso qui in esame. Secondo quella formula, la resistenza è determinata dall'integrale
di Vx esteso all'area della sezione trasversa della scia, cioè la portata attraverso la
scia. A causa della sottigliezza della scia dietro un'ala aerodinamica, questa portata
è piccola e può essere trascurata nell'approssimazione considerata nel seguito.
Come nel § 21, scriviamo la forza Fx come differenza tra i flussi totali della
componente x dell'impulso attraverso i piani x = x1 ex= x2 che passano lontano
dal corpo, rispettivamente dietro (a valle) e davanti (a monte). Scrivendo le tre
componenti della velocità come U +vx, Vy, Vz abbiamo, per la componente Ilxx della
densità di flusso di impulso, l'espressione Ilxx = p + p (U + vx) per cui la forza di
2

resistenza è

(47,1)
220 LO STRATO LIMITE Cap. IV

Poiché la scia è sottile possiamo trascurare, nell'integrale sul piano x = x1, l'inte-
grale sulla sezione della scia e dunque integrare solo sulla regione esterna alla scia.
In questa regione si ha flusso potenziale e vale l'equazione di Bernoulli
1 1
+ v t = Po + 2pU-,
9 9
P + P (V
2
da cui
p 1 p ( vx2 + Vy2 + Vz2)
= Po - pUvx - 2 . (47,2)

Qui non possiamo trascurare i termini quadratici come nel§ 21, dato che, in questo
caso, sono proprio questi termini che determinano la resistenza cercata. Sostituendo
la (47,2) nella (47,1), abbiamo

La differenza degli integrali della costante po + pU 2 si annulla; lo stesso accade


per pUvx dato che i flussi del fluido II pvxdydz attraverso il piano davanti e dietro
al corpo devono essere uguali (nell'approssimazione che stiamo considerando tra-
scuriamo la portata attraverso la sezione della scia). Spostando il piano x = x2
sufficientemente lontano dal corpo, la velocità v su di esso diventa molto piccola
così che l'integrale di p ( v;,- v~- v;) /2 su questo piano può essere trascurato.
Infine, nel flusso attorno ad un'ala aerodinamica, la velocità Vx al di fuori della
scia è piccola rispetto a vy e Vz. Si può quindi trascurare v;, rispetto a v~ + v;
nell'integrale sul piano x = x1. Si ha quindi

Fx = ip .ff(v; + v;) dydz, (47,3)

dove l'integrazione è su un piano x = costante situato molto lontano dietro il corpo


e la sezione trasversa della scia è esclusa dalla regione di integrazione l).
La resistenza su un'ala aerodinamica così calcolata può essere espressa in ter-
mini della circolazione della velocità r che determina anche la portanza. Per fare
questo notiamo, prima di tutto, che a distanze sufficientemente grandi dal cor-
po, la velocità dipende debolmente dalla coordinata x e si può quindi considerare
vy (y, z) e Vz (y, z) come le componenti della velocità di un flusso bidimensionale
indipendente da x. È conveniente introdurre come quantità ausiliaria la funzione
di corrente (§ 10), così che Vz = 8'lj;/8y, Vy = -8'lj;/8z. Quindi

l) La formula (47,3) potrebbe dare l'impressione che le velocità vy,Vz non decrescano con la
distanza x. Questo è vero finché lo spessore della scia dietro l'ala è piccolo rispetto alla sua
larghezza, come si era assunto nella derivazione della (47,3). A grandi distanze dietro l'ala, la
scia si allarga fino a che la sua sezione diventa approssimativamente circolare. A questo punto la
formula (47,3) non è più valida e Vy,Vz decrescono rapidamente donla distanza.
§ 47 RESISTENZA INDOTTA 221

dove l'integrazione sulla coordinata verticale y va da +oo a Y1 e da yz a -oo, dove


y 1 e yz sono le coordinate del bordo superiore e inferiore della scia (cfr. fig. 26).
Dato che abbiamo flusso potenziale al di fuori della scia (rotv = O), si ha
az'lj; az'lj;
-a?
y- +-a?
z- =O.

Applicando la formula di Green bidimensionale, troviamo

dove l'integrale è preso lungo una curva che circonda la regione di integrazione
dell'integrale originale e 8 / 8n è la derivazione nella direzione della normale alla
curva verso l'esterno. All'infinito 'lj; = O e quindi l'integrale è preso attorno alla
sezione trasversa della scia sul piano yz e dà

Fx = ~ J'lj; [ (~i) 2
- (~i)J dz.

Qui l'integrazione è presa sulla larghezza dz della scia e la differenza nelle parentesi
è la discontinuità della derivata 8'1j;/ 8y attraverso la scia. Poiché 8'lj;/ 8y = Vz =
8cp/8z, abbiamo:
dr
dz'
così che
F,,= f
E_ 1f;d~ dz.
2 4
8

Infine, usando la formula nota della teoria del potenziale,

'lj; = -~
27T
J[('1/J)- ( '1/J)]
8
8n 2
8
8n 1
lnrdl,

dove l'integrazione è fatta su un contorno piano, r è la distanza da dl del punto


in cui si cerca il valore di 'lj; e l'espressione in parentesi è la discontinuità della
derivata di 1/Jnella direzione normale al contorno Z). Nel nostro caso il contorno di
integrazione è un segmento dell'asse z tale che si possa scrivere, per i valori della
funzione 'lj; (y, z) sull'asse z,

1P(O,z) = 2~ J[(~i) (~i)J 1


- ln [z - z'[dz' =

= - 17T /dr(z') I 'I ,


~ ln z - z dz .
2
2
) Questa formula dà, nella teoria del potenziale bidimensionale, il potenziale dovuto ad un
contorno piano carico con densità di carica

2~ [ (~~)o(~~) J
222 LO STRATO LIMITE Cap. IV

Infine, sostituendo questa formula in Fx, otteniamo la formula seguente per la


resistenza indotta:

Fx = _ _.E_(1 (1dr (z) dr(~') ln lz - z'ldzdz' (47,4)


47f lo lo dz dz
(L. Prandtl, 1918). L'apertura dell'ala qui è indicata con lz = l, e l'origine delle z
è stato scelto scelto ad una delle estremità dell'ala.
Se tutte le dimensioni nella direzione z sono moltiplicate per un fattore (a fisso
r), l'integrale (47,4) resta invariato 3 l. Questo mostra che la resistenza indotta
totale sull'ala resta dello stesso ordine di grandezza al crescere dell'apertura. In
-altri termini, la resistenza indotta per unità di lunghezza dell'ala decresce al cresc~re
della lunghezza 4 ). A differenza della resistenza, la portanza totale

Fy = -pU I rdz (47,5)

cresce quasi linearmente con l'apertura dell'ala ed è costante per unità di lunghezza.
Il metodo che segue è utile per il calcolo esplicito degli integrali (47,4) e (47,5).
Introduciamo invece della coordinata z una nuova variabile 8, definita come
l
z = (1 - cos 8) (O :S:(}:S:7r). (47,6)
2
La distribuzione della circolazione della velocità si scrive come una serie di Fourier:
DO

r = -2Ul L An sin ne. (47,7)


n=l

La condizione r = O alle estremità dell'ala (z = O e l, o (} = O e 7f) è verificata.


Sostituendo questa espressione nella (47,5) e integrando (tenendo conto dell'or-
togonalità delle funzioni sin(} e sin n(} per n =/=1), otteniamo

1 2 2
Fy = pU ?rl A 1 .
2
Quindi la portanza dipende solo dal primo coefficiente dello sviluppo (47, 7). Per il
coefficiente di portanza (46,2) si ha:

(47,8)
3
) Per evitare malintesi, va sottolineato che il fatto che il logaritmo nell'integrando cambi di un
fattore costante, modificando l'unità di misura delle lunghezze, non influisce sul risultato. Infatti
l'integrale che differisce da quello nella (47,4) per un termine costante al posto di ln lz- z'I è nullo
dato che

! drdz=f
. dz
e l'integrale definito è nullo perché r si annulla sui bordi della scia.
4
) Nel limite di apertura infinita, la resistenza indotta per unità di lunghezza si annulla. In realtà
una piccola resistenza rimane ed è determinata dalla portata attraverso la scia (cioè l'integrale
JJVxdydz), che abbiamo trascurato nella derivazione della (47,3). Questa resistenza include sia la
resistenza di attrito che la parte restante dovuta alla dissipazione di energia nella scia.
§ 47 RESISTENZA INDOTTA 223

dove À = l/lx è il rapporto tra apertura e larghezza dell'ala.


Per calcolare la resistenza, riprendiamo la (47,4) e integriamo una volta per
parti:
Fx = ..E_
41r
t t r (z) dI'z~z') _l_
lo lo z - z
dz dz.
1
1
(47,9)

L'integrale su z' va calcolato come valore principale. Un semplice calcolo, con


la sostituzione della (4 7, 7) 5 l, porta alla formula seguente per il coefficiente di
resistenza indotta:
00

Cx= 7rÀ L nA;,. (47,10)


n=l

Il coefficiente di resistenza per un'ala è definito come

(47,11)

ed è riferito, come il coefficiente di portanza, all'unità di area nel piano xy.

PROBLEMA

Determinare il valore minimo della resistenza indotta per una portanza ed una apertura
l 2 = l date.
Soluzione. Dalle formule (47,8) e (47,10) risulta chiaramente che il valore minimo di
Cx per un dato Cy (cioè per un dato Ai) si ha quando sono nulli tutti gli An con n =I=1.
Quindi
1 o
Cx,min = 7LÀ e;. (1)

La distribuzione della circolazione della velocità lungo l'apertura è data dalla formula

(2)

Se l'apertura è sufficientemente grande, il flusso attorno a qualunque sezione dell'ala è


un flusso approssimativamente bidimensionale attorno ad un'ala di lunghezza infinita e di
uguale sezione. Si può allora affermare che la distribuzione della circolazione (2) si ottiene
per un'ala di forma ellittica nel piano xz di semiassi lx/2 e l/2.

5
) Nell'integrazione su z' dobbiamo calcolare l'integrale

p 1"
0
cos n/J'
cos IJ' - cos IJ
di)' = 1rsin n/J .
sin IJ

Per integrare su z usiamo il fatto che

1"
(m=n),
sinn/Jsinm/J = {1r/2
0 0 (m f. n).
224 LO STRATO LIMITE Cap. IV

§ 48. Portanza di un'ala sottile


Il problema del calcolo della portanza di un'ala si riduce, in virtù del teorema
di Zhukovsky, al calcolo della circolazione della velocità r. La soluzione generale
di questo problema può essere trovata per un'ala aerodinamica sottile di apertura
infinita e di sezione costante lungo l'ala. Il metodo esposto nel seguito è dovuto a
M. V. Keldysh e L.I. Sedov (1939).
Siano y = (1 (x) e y = (2 (x) le equazioni della parte inferiore e superiore del
profilo della sezione (fig. 37). Supponiamo che questo profilo sia sottile, poco curvo
e inclinato di un piccolo angolo di attacco rispetto alla direzione del flusso (l'asse
x); questo vuol dire che sia ( 1 e (2 che le loro derivate (i e (~ sono piccole cioè la
normale al contorno del profilo è ovunque quasi parallela all'asse y.

- ----+---1L-
C2 ------· X

- I a

-i
Fig. 37

Sotto queste condizioni possiamo considerare che la perturbazione v della ve-


locità del fluido dovuta alla presenza dell'ala, sia ovunque (eccetto una piccola
regione vicino al bordo di attacco arrotondato dell'ala) piccola rispetto alla velo-
cità della corrente principale U. La condizione al contorno sulla superficie dell'ala
è vy/U = (' per y = (. In virtù delle ipotesi fatte, possiamo supporre che questa
condizione sia soddisfatta per y = O e non per y = (. Si deve allora avere sull'asse
delle ascisse tra x = O e x = lx = a:

vy = U(~ (x) per y = o+,vy = U(i (x) per y--+ o-. (48,1)

Per applicare i metodi della teoria delle funzioni di variabili complesse, introducia-
mo la velocità complessa dw/dz = Vx + ivy (cfr. § 10) che è una funzione analitica
della variabile z = x + iy. Nel caso in esame questa funzione deve soddisfare, sul
segmento (O,a) dell'asse delle ascisse, le condizioni

dw
Im dz = -U(
I (
2 x
)
per y --+o+'} (48,2)
dW I (
pery--+0-.
Im dz = -U( 1 x)

Per risolvere il problema posto, come prima cosa scriviamo la distribuzione di


velocità cercata v (x, y) come la somma v = v+ +v- di due distribuzioni che hanno
§ 48 PORTANZA DI UN'ALA SOTTILE 225

le proprietà di simmetria seguenti

v;;;(x, -y) = v;;;(x, y), v:;; (x, -y) = -v:;; (x, y) '}
(48,3)
v;; (x, -y) = -v;; (x, y), vt (x, -y) = vt (x, y).
Queste proprietà, di ciascuna delle distribuzioni v- e v+separatamente, non con-
traddicono l'equazione di continuità o quella del flusso potenziale e, essendo il
problema lineare, le due distribuzioni possono essere cercate indipendentemente
l'una dall'altra.
Anche la velocità complessa può essere scritta come una somma w' = w~ + w'__,
con le seguenti condizioni sul segmento (O,a)

Im w~ly-+O+= Im w~ly-+O- = -~U ((f + (D'}


(48,4)
Im w'._ly-+o+= -Im w'._iy-+o-= ~U ((f - (~).
La funzione w'._ può essere determinata direttamente per mezzo della formula di
Cauchy:
w'._(z) = ~ ,.{ w'._(ç) dç,
27ri h ç- z
dove l'integrazione nel piano della variabile
complessa ç è lungo un cerchio L di piccolo
raggio con il centro nel punto ç = z (fig. 38).
Il contorno L può essere rimpiazzato da una
circonferenza C' di raggio infinitamente gran-
de e un contorno C percorso in senso orario;
quest'ultimo può essere deformato al segmen- a
to (O,a) percorso due volte. L'integrale su
C' è nullo perché w' (z) si annulla all'infinito.
L'integrale su C dà C'
w'._= _!!__ r (~(ç) - (f (ç) dç. (48,5) Fig. 38
27r } 0 ç- z
Qui ab biamo usato i valori al contorno (48,4)
della parte immaginaria di w'._ sul segmento (O,a) e il fatto che, date le condizioni
di simmetria (48,3), la parte reale di w'._ è continua su questo segmento.
Per trovare la funzioni w~ applichiamo la formula di Cauchy non a questa
funzione, ma al prodotto w~ (z) g (z), dove

g (z) = V z
z-a
e la radice è presa con il segno positivo per z = x > a. Sul segmento (O,a) dell'asse
reale, la funzione g ( z) è puramente immaginaria e discontinua:

g (x + iO) = -g (x - iO) = -iv X


a-x
.
226 LO STRATO LIMITE Cap. IV

Da queste proprietà di g (z) è chiaro che la parte immaginaria di gw~ è discontinua


sul segmento (O,a) mentre la parte reale è continua, così come per la funzione w'_.
Abbiamo quindi, esattamente come per la derivazione della (48,5),

w~ (z) g (z) = _!!_ fa Ci(ç; + C~(ç) g (ç + iO)dç.


27!" lo -z
Mettendo insieme le espressioni ottenute, abbiamo in conclusione la formula se-
guente per la distribuzione di velocità nel flusso attorno ad un'ala sottile:

dw
dz
= -~
2n
~ fa Ci(ç) + C~(ç)
V-;- l
O ç- z
J a-
ç dç+
ç (48,6)
_!!_ fa C~(ç) - Ci(ç) dç.
27r lo ç- z
In prossimità del bordo di attacco arrotondato (cioè per z -+ O), questa espres-
sione diviene in genere infinita perché l'approssimazione fatta non è valida in questa
regione. In prossimità del bordo di fuga acuto (cioè per z -+ a), il primo termine
nella (48,6) è finito ma il secondo diventa infinito sebbene solo logaritmicamente l).
Questa singolarità logaritmica è dovuta all'approssimazione usata e sparisce con
una trattazione più corretta; non ci sono divergenze a potenza sul bordo di fuga in
virtù della condizione di Chaplygin. Questa condizione si realizza con una scelta
appropriata della funzione g (z) introdotta sopra.
La formula (48,6) permette di determinare direttamente la circolazione della
velocità r attorno al profilo dell'ala. Secondo la regola generale (cfr. § 10), r è
data dal residuo della funzione w' (z) al punto z = O, che è un polo semplice. Il
residuo si trova facilmente essendo il coefficiente del primo termine dello sviluppo
in potenze di 1/z di w' (z) intorno al punto all'infinito:
dw
-=-+
r ...
dz 27rÌZ

e si ottiene per r la semplice formula

(48, 7)

Notiamo che appare solo la somma delle funzioni C1 e C2 . La portanza non varia
se si sostituisce all'ala sottile una lastra curva la cui forma sia data dalla funzione
1/2 (C1+ C2).
Per esempio, per un'ala della forma di una lastra sottile di lunghezza infinita,
inclinata di un piccolo angolo di attacco a, abbiamo C1 = C2= a (a - x), e la
formula (48,7) dà r = -7raaU. Il coefficiente di portanza di quest'ala è
pUr
Cy = - pU2a/2 = 27rCt.

1
l Questa divergenza non appare se, in prossimità del bordo di fuga, ( 1 e ( 2 si annullano come
(a - xt con k > 1, cioè se il punto al bordo di fuga è una cuspide. I
Capitolo V

CONDUZIONE TERMICA NEI FLUIDI

§ 49. L'equazione generale della propagazione del calore


Abbiamo visto alla fine del § 2 che il sistema completo delle equazioni della
dinamica dei fluidi consiste di cinque equazioni. Per un fluido in cui avvengano
fenomeni di conduzione termica e di attrito interno, una di queste equazioni è,
come prima, l'equazione di continuità; le equazioni di Eulero sono rimpiazzate da
quelle di Navier-Stokes; la quinta equazione, per un fluido ideale, è l'equazione di
conservazione dell'entropia (2,6). In un fluido viscoso questa equazione non è valida,
naturalmente, dato che in esso avvengono processi irreversibili di dissipazione.
In un fluido ideale la legge di conservazione dell'energia è data dall'equazione
(6,1):

:tGpv+pc)=
2
-div [pvGv+w)].
2

Al primo membro abbiamo la velocità di variazione dell'energia nell'unità di volume


del fluido, mentre al secondo abbiamo la divergenza della densità di flusso di ener-
gia. In un fluido viscoso la legge di conservazione dell'energia è, ovviamente, ancora
valida: la variazione dell'energia totale nell'unità di tempo in un certo volume deve
essere ancora uguale al flusso totale di energia attraverso la superficie che racchiude
questo volume. La densità di flusso di energia ha però una forma differente. Oltre
al flussopv( v 2 /2 + w), dovuto al semplice trasferimento di massa del fluido nel
suo moto, si ha anche un flusso dovuto ai processi di attrito interno. Quest'ultimo
è dato dal vettore vCT', di componenti vw.;k (cfr. § 16). Ancora un altro termine va
incluso nel flusso di energia. Se la temperatura del fluido non è costante in tutto
il suo volume, oltre ai due meccanismi di trasferimento di energia indicati sopra,
si ha il trasferimento di calore per quella che viene chiamata conduzione termica.
Con questo si intende il trasferimento, attraverso processi molecolari, di energia
dalle regioni dove la temperatura è più elevata a quelle a temperatura inferiore.
Questo non coinvolge alcun movimento macroscopico e avviene anche in un fluido
a riposo.
Indichiamo con q la densità di flusso di energia dovuta alla conduzione termica.
Esso è legato alla variazione di temperatura nel fluido. Questa relazione può essere
scritta immediatamente nei casi in cui il gradiente di temperatura nel fluido non
è grande; nei fenomeni di conduzione termica ci si trova praticamente sempre in
questa situazione. Si può allora sviluppare q in serie di potenze del gradiente di
temperatura, limitandosi ai primi termini. Il termine costante è evidente nullo dato
che q deve annullarsi quando grad T si annulla. Si ha allora

q = -r;, grad T. (49,1)

227
228 CONDUZIONE TERMICA NEI FLUIDI Cap. V

La costante li è detta conduttività termica. È sempre positiva, come risulta dal


fatto che il flusso di energia deve essere diretto dalle regioni a temperatura più
elevata a quelle a temperatura inferiore, cioè q e grad T sono in direzioni opposte.
Il coefficiente li è in genere funzione della temperatura e della pressione.
Il flusso totale di energia in un fluido, in presenza di viscosità e conduzione
termica, è
pv (iv w)-2
+ vcr' - ligradT.

Allora la legge generale di conservazione dell'energia è data dall'equazione

(49,2)

Questa equazione potrebbe essere scelta per completare il sistema di equazioni


della meccanica dei fluidi per un fluido viscoso. È più comodo però darle una
forma diversa trasformandola per mezzo delle equazioni del moto. Per fare questo
calcoliamo la derivata temporale dell'energia dell'unità di volume del fluido a partire
dalle equazioni del moto. Abbiamo

-o ( -pv
1 2
+pc
)
=-v1 2 op
-+pv·-+p-+c-.
ov Oc op
ot 2 2 dt dt dt dt

Sostituendo op/ot dall'equazione di continuità e ov/ot dall'equazione di Navier-


Stokes, si ha

-o ( -pv
1 2+ pc) = --v1 2 d1vpv
. v2
- pv · grad -+
ot 2 2 2

- v · gra d p +
oa'.k
Vi--' + p-
oc- d.
c 1vpv.
OXk dt
Usando la relazione termodinamica

dc= Tds - pdV = Tds + ~dp,


p-
troviamo
& os p op os p .
- =T-+-- =T- - -d1vpv.
ot ot p2 ot ot p2
Sostituendo questa espressione e introducendo l'entalpia w =e+ p/p, otteniamo
2
o
ot ( 1 pv 2 + pc ) = - ( 1 v 2 + w ) d1vpv
. - pv · grad v +
2 2 2
os oa;k
-v·gra d p+p T dt +vi--·
OXk

Poi, dalla relazione termodinamica dw = Tds + dp/ p, abbiamo che

gradp = pgradw - pTgrads.


§ 49 L'EQUAZIONE GENERALE DELLA PROPAGAZIONE DEL CALORE 229

L'ultimo termine del secondo membro di questa equazione può essere scritto

Sostituendo queste espressioni e aggiungendo e sottraendo div(" grad T) si ha:

:t Gpv
2
+ pt:) = -div [pv Gv+ w)-
2 1
VCT - K;gradT] +
as ) , Bv; (
+pT ( Bt +V. grad s - aik axk - div "grad T). (49,3)

Uguagliando questa espressione della derivata dell'energia nell'unità di volume


con la (49,2) abbiamo

8s ) 1 Bv; . ( )
pT ( at +V . grad s Bxk + div "grad T .
= (J,ik (49,4)

Questa equazione è chiamata equazione generale della propagazione del calore. In


assenza di viscosità e di conduzione termica il secondo membro è nullo e si ritrova
l'equazione di conservazione dell'entropia (2,6) per un fluido ideale.
Si noti la seguente interpretazione dell'equazione (49,4). L'espressione a primo
membro non è altro che la derivata totale rispetto al tempo dell'entropia molti-
plicata per pT; ds/dt determina la variazione dell'entropia dell'unità di massa del
fluido che si sposta nello spazio e Tds / dt è dunque la quantità di calore ricevuta da
questa unità di massa nell'unità di tempo così che pTds/dt è la quantità di calore
per unità di volume. Si vede quindi dalla (49,4) che la quantità di calore ricevuta
dall'unità di volume del fluido è

1 Bv; . (
a;k-
8 Xk
+ div "gradT).

Il prirn.o termine di questa espressione rappresenta l'energia dissipata in calore dalla


viscosità e il secondo il calore ceduto al volume considerato per conduzione.
Sviluppiamo il termine a;kavi/ Bxk nella (49,4) sostituendo l'espressione (15,3)
per a;k. Abbiamo

, Bv; Bv; ( avi


aik-- = 7)-- -- + -Bv,, - 2, Bvz)
-u;k- + r.,--u;k-·
Bv; , Bvz
Bx,, Bxk Bxk Bx; 3 · Bxz Bxk Bxz

Si verifica facilmente che il primo termine può essere scritto come

e il secondo come
230 CONDUZIONE TERMICA NEI FLUIDI Cap. V

L'equazione (49,4) diviene

as
pT ( -+v·grads ) =div(l-égradT)+-17 1 (avi avk
-+---oik- 2 avz)+ 2

at 2 axk axi 3 axz


2
+ ( (divv) . (49,5)

L'entropia del fluido cresce come risultato dei processi irreversibili di condu-
zione termica e attrito interno. Naturalmente, si intende non l'entropia di ciascun
elemento di volume del fluido separatamente, ma l'entropia totale di tutto il fluido
data dall'integrale
J psdV.

La variazione dell'entropia per unità di tempo è data dalla derivata

:t j psdV = j a~s) dV.

Usando l'equazione di continuità e la (49,5) si ha:

a (ps) as ap . 1 .
-a-= p-a + s-a = -sd1vpv - pv · grads + -div (1-égradT) +
t t t T
2
17 ( avi avk 2 avz ) ( . 2
+- -+---oik- +-(d1vv).
2T axk axi 3 axz T

La somma dei primi due termini a destra dà -div (psv). L'integrale di volume di
questo termine si trasforma nell'integrale di superficie del flusso di entropia psv.
Considerando un volume illimitato di fluido a riposo all'infinito, si può mandare
all'infinito la superficie; l'integrando nell'integrale di superficie è quindi nullo e così
l'integrale stesso. L'integrale del terzo termine può essere trasformato com.e segue:

f ~div (1-égrad T) dV = f div ( 1-égr;d T) dV + f 1-é(gr;1


2
T) dV.

Assumendo che la temperatura del fluido tenda abbastanza rapidamente ad un


valore costante all'infinito, possiamo trasformare il primo integrale in uno preso su
una superficie all'infinito sulla quale grad T = O e l'integrale stesso quindi è nullo.
Il risultato finale è:

!!_
at
I psdV = I A; (grad T)2 dV
T2
+ I _'!)_( avi
2T axk
+ avk
axi
- ~Oikavz)
3 ax1
2 dV +

f
+ ~ (divv) 2 dV. (49,6)

Il primo termine al secondo membro rappresenta la crescita di entropia dovuta


alla conduzione termica e gli altri due sono la crescita dovuta all'attrito interno.
L'entropia può solo crescere e quindi la somma al secondo membro della (49,6) deve
essere positiva. In ciascun termine di questa somma l'espressione integranda può
§ 49 L'EQUAZIONE GENERALE DELLA PROPAGAZIONE DEL CALORE 231

essere non nulla anche se gli altri due integrali sono nulli. Quindi ciascun integrale
separatamente deve essere sempre positivo. Ne segue, oltre alla positività già nota
di "' e 77,quella del secondo coefficiente di viscosità (.
Nella derivazione della formula (49,1) è stato implicitamente assunto che il flus-
so di calore dipendesse solo dal gradiente di temperatura e non dal gradiente di
pressione. Questa assunzione, che non è a priori ovvia, può essere ora giustificata
nel modo seguente. Se q contenesse un termine proporzionale a gradp, l'espressio-
ne (49,6) per la variazione dell'entropia dovrebbe includere un termine contenente
il prodotto grad p · grad T nell'integrando. Poiché questo prodotto può essere po-
sitivo o negativo, la derivata temporale dell'entropia non sarebbe definita positiva,
cosa impossibile.
Il ragionamento fatto sopra può essere precisato nel modo che segue. Stret-
tamente parlando, in un sistema che non è in equilibrio termodinamico, come un
fluido in presenza di gradienti di velocità e temperatura, le definizioni usuali delle
quantità termodinamiche perdono senso e devono essere modificate. Le definizioni
necessarie sono: in primo luogo, p, e e v restano definite come prima; p e pc sono la
massa e l'energia interna per unità di volume e v l'impulso dell'unità di massa del
fluido. Le altre quantità termodinamiche sono poi definite come funzioni di p e e
allo stato di equilibrio termico. L'entropia s = s (p, e), però, non è più la vera entro-
pia termodinamica perché l'integrale J psdV non è più, strettamente parlando, una
quantità che deve crescere nel tempo. Nondimeno è facile vedere che, per piccoli
gradienti di velocità e temperatura, nell'approssimazione qui usata, s coincide con
la vera entropia. Infatti, in presenza di questi gradienti, si hanno in genere termini
addizionali (oltre s (p, e)) nell'entropia. Tuttavia, solo i termini lineari nei gradien-
ti (per esempio un termine proporzionale a divv) possono influenzare i risultati
dati sopra. Tali termini possono prendere valori tanto negativi che positivi. Ma
devono essere definiti negativi perché il valore di equilibrio s = s (p, e) è il massimo
possibile. Lo sviluppo dell'entropia in potenze di piccoli gradienti non può quindi
contenere (oltre il termine di ordine zero) che termini a partire dal secondo ordine.
Simili osservazioni potevano essere già fatte nel§ 15 (cfr. la prima nota in quel
paragrafo), dato che la presenza di un gradiente di velocità implica già l'assenza
di un equilibrio termodinamico. La pressione p che appare nell'espressione del
tensore densità di flusso di impulso in un fluido viscoso va intesa come la funzione
p = p (p, e) all'equilibrio termico. Ma allora, strettamente parlando, p non è più la
pressione nel senso usuale del termine, cioè la forza normale che agisce sull'elemento
di superficie. A differenza di quello che accade per l'entropia (si veda sopra),
qui si ha una differenza già nelle quantità del prim'ordine nei piccoli gradienti;
abbiamo già visto che, nella componente normale della forza, appare, oltre a p, un
termine proporzionale a div v (in un fluido incomprimibile questo termine è nullo
e la differenza appare solo negli ordini superiori).
Quindi i tre coefficienti 77,( e "' che appaiono nel sistema di equazioni del moto
di un fluido viscoso conduttore termico, determinano completamente le proprietà
del fluido nell'approssimazione considerata (cioè quando si trascurano le derivate di
ordine superiore della velocità, temperatura, etc.). L'introduzione nelle equazioni
di ulteriori termini (ad esempio, l'introduzione nella densità di flusso di massa
232 CONDUZIONE TERMICA NEI FLUIDI Cap. V

di termini proporzionali al gradiente della densità o della temperatura) non ha


senso fisico e porterebbe, nel migliore dei casi, ad un cambiamento della definizione
delle quantità fondamentali; in particolare, la velocità non coinciderebbe più con
l'impulso dell'unità di massa del fluido l).

§ 50. Conduzione termica in un fluido incomprimibile


L'equazione generale della propagazione del calore nella forma (49,4) o (49,5)
può essere notevolmente semplificata in certi casi. Se la velocità del fluido è piccola
rispetto alla velocità del suono, le variazioni di pressione risultanti dal moto sono
così piccole che si possono trascurare le variazioni di densità (e delle altre quantit~
termodinamiche) che esse causano. Tuttavia, w1 fluido riscaldato in modo non
uniforme non è completamente incomprimibile nel senso usato precedentemente. La
ragione è che la densità varia con la temperatura; in generale non si può trascurare
questa variazione e quindi, anche a velocità piccole, la densità di un fluido riscaldato
non uniformemente non può essere considerata costante. Nel calcolo delle derivate
delle quantità termodinamiche è quindi necessario considerare costante la pressione
e non la densità. Abbiamo allora
éJs
é)t (;;t ~~' grads = (;; t gradT,

e, poiché T (éJs/éJt)Pè il calore specifico a pressione costante cp, si ha

éJs éJT
T é)t = Cpat' Tgrads = cpgradT.
L'equazione (49,4) diventa

pep ( -éJT + v · grad T ) = div


. ("'grad T ) + 17;k
1 éJvi
- . . (50,1)
8t 8 Xk
Per poter considerare costante la densità nelle equazioni del moto di un fluido
non uniformemente riscaldato, è necessario che la velocità del fluido sia piccola
rispetto alla velocità del suono e anche che le differenze di temperature nel flui-
do siano piccole. Sottolineiamo che si intendono i valori reali delle differenze di
temperatura e non i gradienti. Si può allora parlare di fluido incomprimibile nel
l) Nel caso peggiore, l'inclusione di tali termini può violare le necessarie leggi di conservazione.
Si deve ricordare che, qualunque sia la definizione delle grandezze, la densità di flusso di massa j,
deve in ogni caso essere l'impulso dell'unità di volume del fluido. Infatti j è definito dall'equazione
di continuità
Bp + divJ· = O·
at '
moltiplicando per r e integrando sul volume occupato dal fluido si ha

e, dato che l'integrale al primo membro determina la posizione del centro di massa del fluido in
questione, è chiaro che l'integrale Jj dì! è il suo impulso.
§ 50 CONDUZIONE TERMICA IN UN FLUIDO INCOMPRIMIBILE 233

senso usuale; in particolare l'equazione di continuità è semplicemente div v = O.


Supponendo piccole le differenze di temperatura, trascuriamo anche le variazioni
dovute alla temperatura di 77,li e Cp che consideriamo costanti. Scrivendo il termine
a;kav;j8xk come nella (49,5), abbiamo l'equazione della propagazione del calore in
un fluido incomprimibile nella forma relativamente semplice:
2
BT
-+v-gradT=x6.T+- v ( -+-
Bvi 8vk) , (50,2)
at 2cp axk axi

dove v = 77/ p è la viscosità cinematica e ab biamo introdotto al posto di li la


diffusività termica, definita come
K,
x=-. (50,3)
PCp

L'equazione del calore ha una forma particolarmente semplice per un fluido


incomprimibile a riposo in cui il trasferimento di energia ha luogo solamente per
conduzione termica. Omettendo nella (50,2) il termine che contiene la velocità,
abbiamo semplicemente
8T
at = x6.T. (50,4)

Questa equazione è chiamata, in fisica matematica, equazione del calore o equazione


di Fourier. Ovviamente, si può ottenere in modo molto più semplice, senza passare
per l'equazione generale della propagazione del calore in un fluido in movimento.
Per la legge di conservazione dell'energia, la quantità di calore assorbita in un certo
volume nell'unità di tempo deve essere uguale al flusso totale di calore che entra in
questo volume attraverso la superficie che lo delimita. Come è noto, questa legge
di conservazione può essere espressa sotto forma di una equazione di continuità
per la quantità di calore. Questa equazione si ottiene uguagliando la quantità
di calore assorbita nell'unità di volume nell'unità di tempo alla divergenza della
densità di flusso di calore con il segno negativo. La quantità di calore è pcpBT / Bt;
in questa espressione appare Cp dato che la pressione è costante in un fluido a riposo.
Uguagliando questa a -divq = 1i6.T, abbiamo la (50,4).
Va notato che l'applicabilità dell'equazione del calore (50,4) ai fluidi è, in prati-
ca, molto limitata. Questo è dovuto al fatto che, nei fluidi in un campo gravitazio-
nale, anche un piccolo gradiente di temperatura dà luogo ad un moto significativo
(detto convezione; si veda§ 56). Quindi, non si può avere un fluido a riposo con
una distribuzione non uniforme di temperatura, a meno che il gradiente di tempe-
ratura sia opposto alla forza gravitazionale o che il fluido sia molto viscoso. Uno
studio dell'equazione del calore nella forma (50,4) è comunque importante, dato che
i processi di conduzione termica nei solidi sono descritti da equazioni della stessa
forma. Per questo la considereremo in maggior dettaglio nei §§ 51 e 52.
Se la distribuzione di temperatura in un mezzo a riposo, non uniformemente
riscaldato, viene mantenuta costante nel tempo (per mezzo di sorgenti esterne di
calore), l'equazione del calore diventa

6.T = O. (50,5)
234 CONDUZIONE TERMICA NEI FLUIDI Cap. V

Quindi una distribuzione stazionaria di temperatura in un mezzo a riposo è de-


scritta dall'equazione di Laplace. Nel caso più generale in cui "' non può essere
considerato costante, si ha, invece della (50,5), l'equazione

div (li grad T) = O. (50,6)

Se il fluido contiene sorgenti di calore esterne (ad esempio, il riscaldamento da


corrente elettrica), si dovrà aggiungere all'equazione del calore un termine corri-
spondente. Definiamo Q la quantità di calore generata da queste sorgenti nell'unità
di volume del fluido per unità di tempo; Q è in generale funzione delle coordinate
e del tempo. Allora l'equazione del bilancio del calore, cioè l'equazione del calore·,
si scrive nella forma
(50,7)

Scriviamo le condizioni al contorno per l'equazione del calore che devono valere
sul bordo dei due mezzi. Prima di tutto, le temperature dei due mezzi devono
essere uguali:
(50,8)
Inoltre, il flusso di calore che esce da uno dei mezzi deve essere uguale a quello
che entra nell'altro. Prendendo un sistema di coordinate in cui la parte di bordo
considerata è a riposo, possiamo scrivere questa condizione come

per ogni elemento df della superficie di separazione. Ponendo


fJT
grad T · df = fJn df,

dove fJT / fJn è la derivata di T rispetto alla normale alla superficie, ab biamo la
condizione al contorno nella forma

(50,9)

Se sulla superficie di separazione ci sono sorgenti esterne che generano una


quantità di calore Q(s) per unità di area e unità di tempo, si deve scrivere, invece
della condizione (50,9):
(50,10)

Nei problemi fisici di distribuzione della temperatura in presenza di sorgenti di


calore, l'intensità di queste è generalmente data in funzione della temperatura. Se la
funzione Q (T) cresce in modo sufficientemente rapido con T, può essere impossibile
che si stabilisca una distribuzione stazionaria di temperatura in un corpo i cui bordi
siano mantenuti in condizioni fisse (ad esempio, a temperatura data). La perdita
di calore attraverso la superficie esterna del corpo è proporzionale ad un certo valor
medio della differenza di temperatura T - To tra il corpo e il mezzo esterno, quale
che sia la legge secondo cui il calore è generato nel cor~o; è evidente che se la
§ 50 CONDUZIONE TERMICA IN UN FLUIDO INCOMPRIMIBILE 235

generazione del calore cresce in modo sufficientemente rapido con la temperatura,


la perdita di calore può essere insufficiente per realizzare uno stato di equilibrio.
In queste condizioni si può avere una esplosione termica: se la velocità di una
reazione di combustione esotermica cresce in modo sufficientemente rapido con la
temperatura, l'impossibilità di una distribuzione stazionaria porta ad un riscalda-
mento rapido non stazionario della sostanza che, a sua volta, accelera ulteriormente
la reazione (N.N. Semenov, 1923). La velocità delle reazioni di combustione esplo-
sive e quindi la velocità di generazione del calore, dipendono dalla temperatura
all'incirca come e-U/T, con una grande energia di attivazione U. Per studiare
le condizioni perché si abbia l'esplosione termica, consideriamo l'andamento della
reazione quando il riscaldamento della sostanza è relativamente lento in modo da
poter usare lo sviluppo
1 T-To
T
dove To è la temperatura esterna. Il problema porta dunque allo studio dell'equa-
zione del calore con una densità di volume delle sorgenti di calore
Q = Qo ea(T-To) (50,11)

(D.A. Prank-Kamenetskii, 1939); si veda il problema 1 qui di seguito.

PROBLEMI

1. In uno strato di materiale limitato da due piani paralleli a temperatura costante


sono distribuite delle sorgenti di calore di intensità (50,11). Trovare la condizione per cui
è possibile una distribuzione stazionaria della temperatura (D. A. Prank-1{ amenetskii,
1939) 1 l.
Sol'uzione. L'equazione della conduzione termica stazionaria si scrive, in questo caso,
d 2 T = -Q
K-- a(T-To)
. dx2 o8 ,

con le condizioni al contorno T = T 0 per x = O e x = 21 (21 è la larghezza dello strato).


Introduciamo le variabili adimensionali T = a (T - To) e ç = x/l. Si ha

T" + Àer = O, À = Qoaz2.


K,

Integrando una volta questa equazione (dopo aver moltiplicato per 27'), troviamo

dove To è una costante che rappresenta evidentemente il valore massimo di T che, per la
simmetria del problema, si raggiunge nel mezzo dello strato cioè per ç = 1. Una seconda
integrazione, con la condizione T = O per ç = O, dà

-
1
v2X Q 1vTO d
eTO
T
- eT
=
11Q
dç=l

l) Una descrizione più dettagliata di questi argomenti è data in D.A. F'rank-Kamenetskii,


Diffusion and Heat Transfer in Chemical Kinetics, Plenum Press, 1969.
236 CONDUZIONE TERMICA NEI FLUIDI Cap. V

Integrando si ha
e-ro/ 2 arcoshe 70 2= {E (1)
/
V2·
La funzione À ( To) determinata da questa uguaglianza ha un massimo À = Àcr per un certo
valore To = To,cr; se À > Àcr, non c'è soluzione che soddisfi le condizioni al contorno 2 ). I
valori numerici sono Àcr = 0.88, To,cr = 1.2 3 ).
2. Una sfera è immersa in un fluido a riposo nel quale è mantenuto un gradiente
di temperatura costante. Determinare la distribuzione stazionaria di temperatura che si
stabilisce nel fluido e nella sfera.
Soluzione. La distribuzione di temperatura è determinata in tutto lo spazio dall'equa-
.zione 6T = O con le condizioni al contorno

per T = R (dove R è il raggio della sfera; gli indici 1 e 2 si riferiscono alla sfera e al
fluido rispettivamente) e con la condizione gradT = A all'infinito, dove A è il gradiente
di temperatura dato. Data la simmetria del problema, A è l'unico vettore da cui può
dipendere la soluzione. Queste soluzioni dell'equazione di Laplace sono: costante x A · r
e costante x A · grad 1/r. Notando che la soluzione deve rimanere finita al centro della
sfera, cerchiamo le temperature T1 e T2 della forma

Le costanti c1 e c2 sono determinate dalle condizioni date per T = R, e si ha

§ 51. Conduzione termica in un mezzo infinito


Consideriamo la propagazione del calore in un mezzo infinito a riposo. La defi-
nizione più generale del problema è la seguente. La distribuzione della temperatura
all'istante iniziale t = O è data in tutto lo spazio:

T = To (r) per t = O,

dove To (r) è una funzione data delle coordinate. Si richiede di determinare la


distribuzione di temperatura a tutti gli istanti seguenti t.
Rappresentiamo la funzione cercata T (r, t) come un integrale di Fourier sulle
coordinate:

(51,1)

2
J Solo la minore delle due radici dell'equazione (1) per ,\ < Àc, corrisponde ad una
distribuzione stabile di temperatura,
l I valori corrispondenti per una regione sferica (di raggio Z) sono ,\cr = 3.32, To,cr = 1.47
3
1
e per un cilindro infinito Àcr = 2.0, To,cr = 1.36.
§ 51 CONDUZIONE TERMICA IN UN MEZZO INFINITO 237

Per ogni componente di Fourier Tk (t) eik-r, l'equazione (50,4) dà

Questa equazione dà Tk come funzione del tempo:


2
Tk = Toke-k xt_

Poiché a t = O si deve avere T = T0 (r), è chiaro che i Tok sono i coefficienti della
rappresentazione della funzione To come integrale di Fourier:

r,--.
.1ok = Jr,-,( ')e
.10 r -ikrd3 x.I

Quindi
T = JJ r,--.
.1o (
2
r ') e -k xt eik(r-r')
3
d3xJ d k .
3
(21r)
L'integrale su d3 k è il prodotto di tre integrali della stessa forma

1
-oo
+
00
e-al; 2 =
cos /31;,df;, i -e-/3
a
2 / 4 a,

dove ç è una delle componenti di k; l'integrale analogo con il seno al posto del
coseno è nullo dato che la funzione seno è dispari. In conclusione si ha

(51,2)

Questa formula dà la soluzione completa del problema; essa determina la distri-


buzione della temperatura a tutti i tempi a partire dalla distribuzione all'istante
iniziale.
Se la distribuzione iniziale di temperatura è funzione di una sola coordinata, x,
possiamo integrare su y' e z' nella (51,2) e si trova

T(x , t) = -- 1
2ftxf,
1+00
Ti (x') e-(x-x'J-!" 4xtdx'
-00o . ' . (51,3)

Supponiamo che la temperatura sia nulla in tutto lo spazio a t = O, eccetto in


un punto (l'origine) in cui prende un valore infinito così che la quantità di calore
totale, proporzionale a J T 0 (r) d 3 x, sia finita. Una tale distribuzione può essere
rappresentata da una funzione delta:

To (r) = costante x r5(r). (51,4)

L'integrazione nella (51,2) si riduce a sostituire r' con zero, e il risultato è

1 2
T (r t) = costante x e-r /4xt (51,5)
, s (1rxt)3;2
238 CONDUZIONE TERMICA NEI FLUIDI Cap. V

Nel corso del tempo la temperatura al punto r = O decresce come r 3 12 . Allo


stesso tempo la temperatura nello spazio circostante cresce corrispondentemente
e la regione dove la temperatura è apprezzabilmente diversa da zero si allarga
progressivamente (fig. 39). L'andamento di questo allargamento è determinato
essenzialmente dal fattore esponenziale nella (51,5). L'ordine di grandezza l della
dimensione di questa regione è
(51,6)
cioè l cresce con la radice quadrata del tempo.
Similmente, se al tempo iniziale sul piano x = O è concentrata una quantità
finita di calore, la distribuzione di temperatura agli istanti successivi è

1 2;4
T (x, t) = costante x ---e-x xt. (51,7)
2..firxt
La formula (51,6) può essere interpretata da un punto di vista lievemente diffe-
rente.
Sia Z l'ordine di grandezza della dimensione del
corpo. Possiamo quindi dire che, se il corpo è
T scaldato non uniformemente, l'ordine di gran-
dezza T del tempo richiesto perché la tempera-
tura diventi all'incirca la stessa in tutto il corpo
è
z2
T rv -. (51,8)
X
Il tempo T che possiamo chiamare tempo di ri-
lassamento per il processo di conduzione tenni-
t = 1/8 ca, è proporzionale al quadrato della dimensio-
ne del corpo e inversamente proporzionale alla
diffusività termica.
Il processo di conduzione termica descritto
dalle formule sopra ottenute ha la proprietà che
t = 1/4 l'effetto di qualunque perturbazione termica si
propaga istantaneamente in tutto lo spazio. La
formula (51,5) mostra infatti che il calore si pro-
paga dalla sorgente puntiforme in modo che dal-
l'istante successivo la temperatura del mezzo è
zero solo all'infinito. Questa proprietà sussiste
anche per un mezzo in cui la diffusività x sia
funzione della temperatura, purché x non si an-
nulli in qualche regione dello spazio. Se X è una
o I 2
funzione della temperatura che si annulla quan-
r/fx do T = O, la propagazione del calore è ritardata
e, ad ogni istante, l'effetto di qualunque pertur-
Fig. 39
bazione termica si estende solo ad una regione
finita dello spazio (supponiamo che la temperatura sia ~ero al di fuori di questa
§ 51 CONDUZIONE TERMICA IN UN MEZZO INFINITO 239

regione). Questo risultato, così come la soluzione del problema che segue, è dovuto
a Y.B. Zeldovich e A.S. Kompaneets (1950).

PROBLEMI

1. Il calore specifico e la conduttività termica di un mezzo variano, a densità costan-


te, come potenze della temperatura. Determinare la legge secondo cui la temperatura si
annulla in prossimità del bordo della regione che, ad un dato istante, ha ricevuto il calore
generato da una sorgente arbitraria; al di fuori di questa regione la temperatura è nulla.
Soluzione. Se li e Cp variano come potenze della temperatura, lo stesso accade per la
diffusività x e per l'entalpia
w = I CpdT

(abbiamo omesso un termine costante in w). Possiamo anche scrivere x = avirn, dove
vV = pw è l'entalpia per unità di volume del mezzo. Allora l'equazione del calore

pcp ~: = div ( li grad T)

diventa
a;; = a div (Wn grad W) (1)

Nel corso di un piccolo intervallo di tempo possiamo considerare che un piccolo elemento
del bordo della regione sia piano e la sua velocità v di spostamento nello spazio sia costante.
Di conseguenza cerchiamo una soluzione dell'equazione (1) della forma vV = vV (x - vt),
dove x è la coordinata nella direzione perpendicolare al bordo. Abbiamo

-vdW= a!:_ (wndW) (2)


dx dx dx'
da cui, dopo due integrazioni, troviamo che vV si annulla come

(3)

dove lxi è la distanza dal bordo della regione riscaldata. Questo conferma l'ipotesi che, se
l'esponente n > O, esiste un confine della regione riscaldata al di fuori del quale TV e T
sono nulli. Se invece n :S O, l'equazione (2) non ha soluzioni che si annullino a distanza
finita, cioè in ogni istante il calore è distribuito su tutto lo spazio.
2. Nello stesso mezzo del problema 1, all'istante iniziale, si trova concentrata una
quantità di calore Q per unità di area nel piano x = O e, nel resto dello spazio, T = O.
Determinare la distribuzione di temperatura agli istanti successivi.
Soluzione. Nel caso unidimensionale l'equazione (1) si scrive

aw = a!!_ (wnaw). (4)


8t ax ax
A partire dai parametri Q ed a e dalle variabili x e t possiamo formare solo una combina-
zione adimensionale,
(5)
240 CONDUZIONE TERMICA NEI FLUIDI Cap. V

Q e a hanno dimensione erg/cm 2 e (cm 2 /sec) (cm 3 /erg)"' rispettivamente. Quindi la


funzione W (x, t) cercata deve avere la forma

Q2)1/{2+n)
W= ( -at f(f,), (6)

dove la funzione adimensionale f (f,) è moltiplicata per una quantità di dimensione erg/ cm 3 .
Dopo questa sostituzione l'equazione (4) dà

Questa equazione differenziale ha una semplice soluzione che soddisfa le condizioni del
problema:

(7)

dove çoè una costante di integrazione.


Per n > O questa formula dà la distribuzione della temperatura nella regione tra i piani
x = ±x 0 che corrispondono all'equazione f, = ±ço;al di fuori di questa regione, vV= O.
Ne segue che la regione riscaldata cresce nel tempo secondo la legge

Xo = costante x t 1l<2+n).

La costante çoè determinata dalla condizione che il calore totale sia costante:

Xo lçof
Q=
1-xo Wdx =Q -fo (f,) df,, (8)

da cui
e+n_ (2 + n)l+n 21 -n rn (1/2 + l/n)
(9)
o - mrn/2 rn (l/n)
Per n = -v < O, scriviamo la soluzione nella forma
-1/v

f (f,) = [ 2 (2 v__v) (f.o+ f,2)] (10)

Qui il calore è distribuito in tutto lo spazio e vV,a grandi distanze, decresce come x- 2 /v.
Questa soluzione è valida solo per v < 2; per v 2 2, l'integrale di normalizzazione (8) (che
ora si estende tra ±oo) diverge, che fisicamente significa che il calore va istantaneamente
all'infinito. Per v < 2, la costante çonella (10) è data da

e-v_2 (2 - v) 7rv/ rv (l/v 2


- 1/2)
(11)
o - v rv (l/v) ·

Infine, per n --+O abbiamo ço--+2/ ,fii,, e la soluzione determinata dalle (5)-(7) è

W = lim --- Q o ) 1/n}


1- n--=:::._ Q
= ---e-x2/4at
n-+D { 2-Jimi, ( 4at 2-Jimi, '

in accordo con la formula (51,7).


§ 52 CONDUZIONE TERMICA IN UN MEZZO FINITO 241

§ 52. Conduzione termica in un mezzo finito


Nei problemi di conduzione termica in un mezzo finito, la distribuzione iniziale
della temperatura non è sufficiente per avere una soluzione unica, ma si devono
dare anche le condizioni al contorno sulla superficie del mezzo.
Consideriamo la propagazione del calore in un semispazio (x > O) e iniziamo
con il caso in cui la temperatura sia mantenuta costante sul bordo rappresentato
dal piano x = O. Possiamo scegliere arbitrariamente questa temperatura zero, cioè
misurare la temperatura negli altri punti relativamente a questo valore convenzio-
nale. All'istante iniziale, come prima, è data la distribuzione della temperatura in
tutto il mezzo. Le condizioni al contorno e iniziali sono:

T = O per x = O; T = To (x, y, z) per t = O, x > O. (52,1)

Possiamo riportare la risoluzione dell'equazione del calore con queste condi-


zioni a quella per un mezzo infinito nelle due direzioni dell'asse x, con la tecnica
seguente. Immaginiamo che il mezzo si estenda su ambedue i lati del piano x = O
e che all'istante iniziale, per x < O la distribuzione della temperatura sia data da
-T 0 (x, y, z). All'istante iniziale cioè, la distribuzione della temperatura è data in
tutto lo spazio da una funzione dispari di x:

To(-x,y,z) = -To(x,y,z). (52,2)

Segue dall'uguaglianza (52,2) che To (O,y, z) = -To (O,y, z) = O e quindi la condi-


zione al contorno (52,1) è automaticamente soddisfatta all'istante iniziale e, per la
simmetria delle condizioni del problema, continuerà ad esserlo ad ogni altro istante.
Quindi il problema è ridotto alla soluzione dell'equazione (50,4) in un mezzo
infinito con una funzione iniziale To (x, y, z) che soddisfa la (52,2) e senza alcuna
condizione al contorno. Possiamo allora usare la formula generale (51,2). Dividiamo
l'intervallo di integrazione su x' in due parti: da -oo a O e da O a +oo e usiamo la
relazione (52,2). Si ottiene allora:

T (r, t) = 1 3/2
8 (1rxt)
l+oo
-oo-ooroo
1+00
lo
To (r') x

X { e-(x-x')2 /4xt _ e-(x+x') 2 /4xt} e-[(y-y')2+(z-z')2]/4xtdx' dy' dz'. (52,3)

Questa formula risolve il problema, dato che determina la temperatura in tutto il


1nezzo.
Se la distribuzione iniziale di temperatura è funzione solo dix, la formula (52,3)
diviene

T (x, t) = --- 1 1+00


To (x') {e- (
x-x ')2/4 xt, - e- (x+x·')2/4 xt, } dx'. (52,4)
2../irxf, o
Come esempio, scegliamo il caso in cui all'istante iniziale la temperatura sia
uguale ovunque, eccetto x = O, ad una costante che, senza perdita di generalità,
possiamo prendere come -1. La temperatura sul piano x = O è sempre nulla. La
242 CONDUZIONE TERMICA NEI FLUIDI Cap. V

soluzione si ottiene immediatamente sostituendo T0 (x) = -1 nella (52,4). L'in-


tegrale nella (52,4) è la somma di due integrali e in ciascuno di essi facciamo la
sostituzione di variabile della forma
ç= (x' - x)
2vxt·
Otteniamo allora per T(x, t) l'espressione

T (x, t) = ~2 {erf (--x


2V)j
) - erf (-x
2V)j
) } ,

dove la funzione erf (x) è definita come

erf(x) = ~ faxe-1:,2dç (52,5)

ed è chiamata funzione degli errori (si noti che erf ( oo) = 1). Poiché
erf(-x) = -erf(x),
abbiamo infine
T(:c,t) = -erf(
2
Jxt). (52,6)

La figura 40 mostra il grafico della funzione erf (x). La distribuzione della tempera-
tura nello spazio diventa più uniforme nel corso del tempo. Questo avviene in modo
che ciascun valore della temperatura "si sposta" in modo proporzionale a ,/i. Que-
sto risultato è evidente a priori. Infatti il problema considerato è caratterizzato da
un solo parametro che è la differenza iniziale di temperatura tra il piano di bordo e
lo spazio rimanente; questa differenza è stata arbitrariamente presa come uguale a
1. Dai parametri To e x e le variabili x e t a nostra disposizione, possiamo formare
una sola combinazione adimensionale, x / V)j; è quindi chiaro che la distribuzione
cercata deve essere una funzione della forma T = Tof (x/vx[).

1.0
erf (x)
0.8

0.6
/
V
~
--
----
-

0.4
,/