Sei sulla pagina 1di 14

TECNOLOGIA – Prof.

Alessandra Codato

LE CENTRALI GEOTERMICHE:
energia dal sottosuolo
TEORIA: LE CENTRALI GEOTERMOELETTRICHE TECNOLOGIA – Prof. Alessandra Codato

INPUT
FONTI PRIMARIE

OUTPUT
EN. SECONDARIA
ENERGIA ELETTRICA
TEORIA: LE CENTRALI GEOTERMOELETTRICHE TECNOLOGIA – Prof. Alessandra Codato
Le centrali elettriche sono classificate in base alla FONTE PRIMARIA DI ENERGIA
che sfruttano, quindi esauribile (non rinnovabile) o rinnovabile.

CENTRALI ELETTRICHE A FONTI RINNOVABILI


si distinguono in

IDROELETTRICHE SOLARI EOLICHE GEOTERMICHE A BIOMASSE MAREMOTRICI

che sfruttano l' che sfruttano l' che sfruttano l' che sfruttano l' che sfruttano l' che sfruttano l'

Energia termica Energia termica Energia cinetica


Energia cinetica Energia cinetica Energia termica
En. luminosa energia chimica eenergia termica

dell' del del del delle del

ACQUA SOLE VENTO SOTTOSUOLO BIOMASSE MARE

attraverso attraverso attraverso attraverso attraverso attraverso

● Impianti a ● Impianti solari ● Parchi eolici ● Impianti ad ● Combustione ● Maree


serbatoio termici on-shore acqua di biomasse ● Moti ondosi
● Impianti ad ● Impianti solari ● Parchi eolici dominante asciutte ● Differenza di
acqua fluente fotovoltaici off-shore ● Impianti a ● Fermentazion temperatura
vapore e di biomasse
dominante umide
TEORIA: LE CENTRALI GEOTERMOELETTRICHE TECNOLOGIA – Prof. Alessandra Codato

CENTRALI GEOTERMICHE O GEOTERMOELETTRICHE


sfruttano il calore naturale delle Terra attraverso il vapore e l'acqua calda presenti nel sottosuolo.

A mano a mano che si scende in


profondità la temperatura del
sottosuolo terrestre aumenta in
media di 3° C ogni 100 metri;
questo aumento di temperatura è
chiamato gradiente geotermico ed
è alla base della formazione di
sorgenti di acqua calda (acque
termali e geyser), e vapore
(fumarole, soffioni boraciferi) al di
sotto della superficie terreste.

In alcune zone si registrano delle


anomalie termiche che consentono
di raggiungere temperature di
alcune centinaia di gradi a
profondità minime (zone
vulcaniche).
TEORIA: LE CENTRALI GEOTERMOELETTRICHE TECNOLOGIA – Prof. Alessandra Codato
Il primo impianto a sfruttare la geotermia per produrre elettricità è stato realizzato in Italia, a
Larderello (PI) nel 1905 (foto qui sotto).
Questo generatore ha poi aperto la strada ad altre centrali nel mondo.

https://www.youtube.com/watch?v=nAoh3VFyEkQ
TEORIA: LE CENTRALI GEOTERMOELETTRICHE TECNOLOGIA – Prof. Alessandra Codato
ENERGIA DAL SOTTOSUOLO
Le acque piovane o i fiumi possono infiltrarsi nel sottosuolo e venire a contatto con le rocce
calde determinando un riscaldamento dell'acqua o una vaporizzazione dell'acqua.
I vapori e le acque calde calde naturali, presenti nel sottosuolo, salgono verso la superficie
attraverso le fratture degli strati rocciosi oppure se il vapore non si manifesta naturalmente in
superficie si effettuano trivellazioni (pozzo) per raggiungere le sacche sotterranee.

Ti ricordi ….
Lezione 02 – Le fonti di energia
Quasi tutta l'energia
disponibile sulla Terra
proviene dal SOLE
(Ciclo dell'acqua)

Solo una minima parte 5% del totale proviene dalla TERRA sotto forma di vapore acqueo surriscaldato
(en. Geotermica), di energia delle mareee di enegia presente nel nucleo degli atomi (en. nucleare).
TEORIA: LE CENTRALI GEOTERMOELETTRICHE TECNOLOGIA – Prof. Alessandra Codato

LE CENTRALI GEOTERMOELETTRICHE
O GEOTERMICHE

AD ACQUA possono essere A VAPORE


DOMINANTE DOMINANTE

Utilizzata anche per il utilizzando il

teleriscaldamento Vapore naturale

trasportato attraverso i

vaporodotti

Impianto geotermico di
Nesjavellir, in Islanda.
Produce 120 MW di
energia elettrica e
fornisce 1800 litri di
acqua calda al secondo.
TEORIA: LE CENTRALI GEOTERMOELETTRICHE TECNOLOGIA – Prof. Alessandra Codato
CENTRALI GEOTERMICHE O GEOTERMOELETTRICHE

Il vapore ad alta temperatura (150-250°C) viene intercettato e convogliato in condutture


metalliche chiamate vaporodotti
I vaporodotti sono dislocati in genere in un territorio vasto, in modo da convogliare il vapore
acqueo presente nei vari pozzi verso un unico punto in cui si trova la centrale.
TEORIA:
TEORIA:LE
LECENTRALI
CENTRALIGEOTERMOELETTRICHE
GEOTERMOELETTRICHE TECNOLOGIA – Prof. Alessandra Codato

Vapore dal sottosuolo

NB: se invece del vapore si hanno fuoriuscite di acqua calda


questa viene utilizzata per scaldare uno scambiatore di calore
che vaporizza un altro fluido che mette in moto la turbina si
usa questo metodo anche se la pressione del vapore è troppo
bassa per azionare la turbina della centrale.

Serbatoio naturale geotermico


Deve rimanere in equilibrio
TEORIA: LE CENTRALI GEOTERMOELETTRICHE TECNOLOGIA – Prof. Alessandra Codato

LE CENTRALI GEOTERMOELETTRICHE

trasformano

EN. TERMICA

in Contenuta nel sottosuolo Il calore del sottosuolo (energia termica)


trasforma l'acqua in vapore, la cui energia
EN. CINETICA
cinetica mette in movimento le turbine;
in Con la turbina queste convertono l'energia cinetica in
energia meccanica, che l'alternatore
EN. MECCANICA provvede a trasformare in energia
elettrica a bassa tensione.
in Con l'alternatore

EN. ELETTRICA
TEORIA: LE CENTRALI GEOTERMOELETTRICHE TECNOLOGIA – Prof. Alessandra Codato

TELERISCALDAMENTO
L'acqua calda viene prelevata dal giacimento a temperature intorno ai 100°C; grazie ad uno
scambiatore (pompa di calore) l'energia termica viene ceduta alla rete di teleriscaldamento
che consentirà di scaldare le singole utenze o intere città nei mesi invernali.
Dopo che il calore è stato ceduto allo scambiatore questo ritorna alla centrale e l'acqua fredda
viene reimmessa nel giacimento, dove si riscalda nuovamente grazie alla presenza di rocce
calde, garantendo la stabilità geotermica.
TEORIA: LE CENTRALI GEOTERMOELETTRICHE TECNOLOGIA – Prof. Alessandra Codato

Colonia, Germania
TEORIA: LE CENTRALI GEOTERMOELETTRICHE TECNOLOGIA – Prof. Alessandra Codato

IMPIANTO GEOTERMICO DOMESTICO

E' possibile anche creare impianti che


sfruttano l'energia geotermica con
sonde geotermiche “isolate” ossia con
tubi che trasferiscono il calore installati
a servizio di singole utenze.

Le sonde sono dei tubi ad “U”


all'interno dei quali scorre il fluido che
trasporta il calore fino all'edificio .
In base alla profondità dei giacimenti si
possono avere sonde verticali che
penetrano nel terreno o sonde
orizzontali per profondità non elevate.

VANTAGGIO: reversibilità
inverno/estate della pompa di calore
TEORIA: LE CENTRALI GEOTERMOELETTRICHE TECNOLOGIA – Prof. Alessandra Codato

IMPATTO AMBIENTALE DELL'ENERGIA GEOTERMICA

ASPETTI POSITIVI ASPETTI NEGATIVI


● Si basa su una fonte di energia ● Lo sfruttamento dell'energia geotermica
rinnovabile, inesauribile ed economica. può essere realizzato solo in alcune zone
del pianeta e per sfruttare il vapore,
● Non contribuisce all'immissione di qualora non risalga direttamente in
sostanze inquinanti nell'atmosfera e non superficie, bisogna scavare in profondità;
emette anidride carbonica
● Lo sfruttamento del vapore può essere
● I costi di installazione e di manutenzione sfruttato solo localmente, non può essere
degli impianti sono contenuti trasportato lontano dai luoghi di origine
● E' una risorsa energetica costante, non ● L'installazione dell'impianto, soprattutto
dipendente da stagioni, tempo nella fase di perforazione è piuttosto
atmosferico ecc. rumorosa. L'inquinamento acustico può
essere un problema anche in fase di
● Gli impianti non sono pericolosi
esercizio, per situazioni transitorie
● I campi di applicazione sono molteplici connesse all'apertura delle valvole di sfogo
del vapore.

Potrebbero piacerti anche