Sei sulla pagina 1di 12

Sistema: insieme di regole e principi coordinate secondo dei valori prescelti

Diritto/Ordinamento giuridico: sistema che disciplina il comportamento della società accompagnato da


sanzioni.
È d’accordo
Diritto soggettivo: potere che ordinamento riconosce ad un individuo per soddisfare un interesse (es: dirittto
di proprietà)
Diritto oggettivo: Sistema che ha alla base valori di fondo

Stabilisce una modalità di comportamento per la società

I Valori:
• nella Costituzione
• ordinati in maniera gerarchica
• cambiano nel tempo

Sono di 2 tipi:
1. Valori Etici: I valori dell’ordinamento possono non coincidere con i valori etici. Se un contratto è
contro il Buon Costume è nullo perché è illecito.
2. Valori di Giustizia: (Diritto positivo ≠ Diritto Naturale). Il rapporto tra l’ordinamento e i valori di
giustizi di ognuno non sempre coincidono.
Es: 2 persone acquistano 2 diritti incompatibili tra loro. Come si risolve?
• Bene Immobile: Il primo che trascrive sui pubblici registri
• Bene Mobile: Chi utilizza prima l’oggetto
• Diritto di Godimento: Chi arriva prima

Regole, Principi, Ordini e Disposizioni:

Disposizioni Normative: Testo legislativo strutturato in articoli e comma. Descrivono fattispecie astratte.
• Disposizioni Normative Precettive: prevedono un comportamento vietato o imposto
• Norme Coattive: La sanzione non è all’interno della norma
Sono:
• Generale: indirizzata ad una collettività indistinta
• Astratta: riferita a concetti astratti che poi vengono applicati

Norma: E’ la regola che si ricava dando al testo un significato attraverso un’interpretazione.


Interpretazione Estensiva: Si da un senso generale ad un concetto
Interpretazione Restrittiva: Il significato è alla lettera.
Analogia: Strumento usato dal giudice per risolvere fattispecie non rappresentate. La ratio deve coincidere.
Prevista delle Disposizioni Preliminari (precedono il codice civile, sono fonti di diritto nazionale).
Regole: indicano che la norma precede un fatto specifico
Principi: si ricavano dalle norme (es: principio di uguaglianza)
Norme Speciali: per una specifica area, soddisfa particolari esigenze
Norme Eccezionali: a una regola generale o altre leggi. Non possono essere applicate per analogia. Applicate
quando disposizioni sono in contrapposizione ai principi dell’ordinamento.
Norme Derogabili: I soggetti coinvolti possono non rispettare, si applica quando i soggetti non dichiarano
diversamente
Norme Inderogabili: quando c’è anche 3° persona/riguardano collettività.

Fonti del diritto: tutti atti idonei a produrre norme giuridiche


Civili Law: ordinamento dell’Europa Continentale. Solo la legge ha valore vincolante, le sentenze dei giudici
non sono vincolanti per gli altri giudici.
Livelli:
1. tribunale
2. sede di appello
3. cassazione
Common Law: Da caso concreto a principio generale. Il diritto nasce da precedenti giurisdizioni.
Gerarchia delle fonti (1942), manca: Costituzione/Trattati Europei :
1. le leggi
2. i regolamenti : (fatti da stato, regioni e comuni). Servono a rendere esecutive le norme di legge.
3. Norme Corporative (come se non esistessero)
4. Iusi (Consuetudini): unica fonte non scritta. Abitudine che le persone rispettano perché convinte sia
doveroso per legge (es: caparra). Hanno valore solo se c’è norma scritta che vi fa riferimento.

Fonti Sovranazionali: stesso livello gerarchico della costituzione. Subordinate a principi fondamentali e ai
diritti fondamentali delle persone.
L’UE produce:
• trattati
• regolamenti: direttamente applicabili
• direttive: bisogna uniformarsi alla stessa legge entro un limite di tempo.
CEDU: (Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo): possiede un polo tribunale che può sovvertire le delle
decisioni prese in cassazione.

Il Valore dei Codici: subordinati alle leggi che lo hanno approvato.

Composizione del Codice Civile (1942):


• Basato su codice della Francia (1804, strumento di libertà) + Germania (Strumento tecnico)
• 2169 articoli + bis, etc..
• 6 libri:
I Persone e famiglia
II Successioni (eredità)
III Proprietà
IV delle Obbligazioni (tutti i contratti e fatti illeciti)
V del lavoro
VI Tutela dei Diritti
• Regolano i Rapporti tra le persone secondo principi di parità

Diritto Privato = Diritto Comune.


Situazioni Giuridiche Soggettive:
• Situazione Passiva: un soggetto è tenuto ad un determinato comportamento per soddisfare
un proprio interesse (= onere)
• Atto Passivo: quando la legge mi impone/vieta di fare qualcosa per soddisfare l’interesse
altrui.
• Attive: Diritti, poteri, facoltà.
Diritto soggettivo (quando l’ordinamento attribuisce ad un soggetto poteri e facoltà per
soddisfare un proprio interesse)
Atti di emulazione: completa il D.S. Evitano l’abuso di potere.

Diritto di Natura Non Patrimoniale: riguarda a beni che non hanno valore patrimoniale
Diritto di Natura Patrimoniale: il suo contenuto ha un valore di mercato
• Diritto Assoluto (Diritti Reali): applicabili a tutti
conferiscono potere immediato
Tutti gli altri riguardano i diritti di un bene che è nella proprietà altrui
(es: usufrutto)
• Diritto di proprietà/credito Relativo: (es: locazione)

Altri Atti e Obbligazioni:


Pagare un Indebito: fa sorgere l’obbligazione di restituzione (diritto di essere risarcito).
Si trovano anche nel I Libro: es: i genitori hanno l’obbligo di mantenere i figli
Fuori dal codice: Obbligazioni Civili = obbligazione vera e propria
Obbligazioni Naturali: per la prestazione volontaria patrimoniale non è previsto obbligo di
risarcimento.
Sussiste dal momento che il valore Norma a scommessa: non sono obbligato a farla, ma se pago e
dell’atto sia di carattere morale/sociale. perdo non vengo risarcito.
Diritto Potestativo: potere di modificare una situazione giuridica che coinvolge un’altra persona.

L’oggetto del Rapporto Giuridico: i beni. (III Libro)


Qualcosa su cui il rapporto esiste
Sono beni le cose che possono formare oggetto di diritto.
Possono essere: Materiali
Immateriali (opera letteraria, intenzione, ecc..)
Anche le cose che non appartengono a nessuno
Per i beni immobili la legge nono prevede la non proprietà: un bene immobile vacante viene acquisito dallo
stato (case, fiumi, etc..)
Pertinenze (arredamento casa, garage,etc..): Se non viene detto nulla in contrario appartengono all’immobile.
Beni che producono Frutti:
• Frutti naturali: provengono direttamente dalle cose, anche se c’è l’opera dell’uomo (albero coltivato
o meno)
• Frutti Civili: Quelli che si ricavano da un qualcosa per aver goduto di quel qualcosa (es: interessi,
affitto).

Si qualificano in modo diverso:


• In commercio – Fuori dal Commercio
• Immobili – Mobili
• Divisibili – Indivisibili
• Beni Culturali (vigilati dal ministero dei beni culturali)
• Frangibili (può essere sostituito da un altro bene uguale) – Infrangibilil
• Generici - Specifici

Il Diritto privato regola soprattutto le vicende dei rapporti tra gli individui:

• Vicenda Costitutiva: nascita di un rapporto giuridico


• Vicenda Modificativa: il rapporto giuridico può essere modificato
• Vicenda Estintiva: quando viene meno il rapporto giuridico

Si dicono fatti giuridici tutti gli eventi relativi che costituiscono, modificano o estinguono un
rapporto giuridico
Acquisto del diritto: quando un soggetto diventa titolare di quel diritto. Avviene in diversi modi:
• Acquisto Originario: acquisto di un bene di nessuno
• Usocapione: Quando una persona possiede un bene di proprietà altrui dopo diversi anni
• Diritto di Trasferimento/ Derivativo: Trasferimento di diritto da un soggetto all’altro per:
Dantecausa colui che cede - atto tra vivi: conclusione contratto
Aventecausa: colui che acquista - per causa di morte

Può avvenire per: - Titolo Particolare : riguardo beni specifici legatario (no debiti)
- Titolo universale: Tutto patrimonio/quota ereditario

Prescrizione: lasso di tempo (se non è dichiarato diversamente è per 10 anni) per cui si annulla un diritto se il
titolare non lo fa valere. Appartiene alle norme inderogabili. Non può essere modificata dalle parti.
Nel penale: la prescrizione può avvenire solo dopo un lasso di tempo dal fatto compiuto
Diritti non oggetto di prescrizione:
• Diritti della persona
• Proprietà in ambito patrimoniale
• per dichiarare la nullità un atto giuridico

Prescrizione per diritti reali diversi dalla proprietà: 20 anni


Prescrizione per risarcimento danni/per fatto illecito: 5 anni
Prescrizione per incidenti stradali: 2 anni
Sospensione della prescrizione: avviene in casi in cui l’esercizio del diritto è difficoltoso per il soggetto.
C’è un elenco tassativo di casi specifici.
La prescrizione decorre a 5 anni per poi essere sospesa.

Interruzione della prescrizione: Inizia il decorso della prescrizione, viene interrotta e quando viene ripresa
comincia da capo.
Istituto della Decadenza: Quando la legge o le parti prevedono che l’esercizio di un diritto debba avvenire
entro un certo termine. Il limite di tempo non deve essere troppo difficile. Alla decadenza non si applicano
interruzione o sospensione.

Fatti Giudiziari: la legge prende in considerazione eventi che non riguardano l’uomo (disastri ambientali) o
fatti volontari che non dipendono dall’azione volontaria dell’uomo (morte/nascita).

Atti Giudiziari: prendono in considerazione il comportamento di un soggetto (società/uomo).


Atti Illeciti: se prevedono danni a terzi.
Atti Leciti: in alcuni casi producono conseguenze giuridiche che rilevano una materialità
Atti Materiali: = atti illeciti solo che possono essere efficaci anche da un soggetto incapace
(es: usocapione)
Nella maggior parte dei casi le leggi giuridiche si legano a dichiarazioni:
1. Dichiarazioni di Scienza: Possono sostenere delle affermazioni relative a determinate circostanze che
riguardano la persona stessa. Fatti che sono avvenuti e che la persona era a conoscenza.
Es: confessione
2. Dichiarazioni di volontà: Negozio Giuridico: dichiarazione di volontà dirette a produrre determinate
azioni giuridiche.
• Il contratto: accordo di 2 parti che è diretto a costituire, regolare o estinguere un
rapporto giuridico patrimoniale.
• Il Testamento: atto con il quale il soggetto dispone del suo patrimonio per il tempo
successivo alla morte
Elementi essenziali al negozio giuridico:
• deve esserci almeno 1 soggetto/parte.
1 parte : unilaterale
2 parti: bilaterale
3 parti: plurilaterale
• autonomia negoziale: le parti possono regolare l’autonomia nei limiti che la legge
impone
• dipende da una manifestazione della volontà
• deve avere una causa
Forma di un negozio giuridico:
• Tacita
• Espressa (orale/scritta)
La legge può prevedere un elenco di atti che devono avere forma scritta (oggetti immobili, oggetti
che hanno effetto di costituire, estinguere o deporre atti su oggetti immobili)
• Scritta privata: foglio cartaceo con dichiarazione di volontà + sottoscrizione
• Scritta atto pubblico: scritto da un pubblico ufficiale e firmata dalle parti

Forme particolari:
• Testamento Olografo
• Il Silenzio non ha alcun valore

Il Negozio Giuridico non ha valore se non ha la causa deve essere:


• giustificata da una funzione economico-sociale
• lecita
• ≠ dai motivi del negozio giuridico.
Es: Contratto di compravendita Causa: scambio d’appartamento per
somma di denaro
Motivazione: poco rilevante, non deve essere
esplicita nell’atto
Pubblicità dell’atto: alcuni atti sono resi riconoscibili da chiunque
Pubblicità notizia: la mancata pubblicazione dell’atto non va ad intaccare il suo valore
Trascrizione: salvaguardia l’atto di fronte a terzi
Pubblicità Dichiarativa: serve ad opporre l’atto ad eventuali terzi in conflitto
Pubblicità Costitutiva: la pubblicazione è necessaria per produrre gli effetti dell’atto (es: ipoteca)

Simulazione: quando viene manifestata una volontà nell’atto anche se a priori vi è un’intenzione e un
accordo diverso rispetto alla volontà manifesta (es: sposarsi per cittadinanza)
L’atto simulato è nullo.

Rappresentante: quando viene emessa una volontà da una parte che produce effetti su un’altra persona.
Avviene solo se chi subisce gli effetti ha dato potere tramite:
• Atto di Procura
• Deriva direttamente dalla Legge (es: gli incapaci)
Parte Formale: chi emette la dichiarazione
Parte Sostanziale: su chi si riflette la manifestazione
La Rappresentanza non è ammessa:
• Nel matrimonio
• Nel testamento
• Riconoscimento del figlio al di fuori del matrimonio

Negozi Giuridici Patrimoniali:


• devono avere 1 oggetto possibile e lecito, determinato o determinabile (il contratto non è vincolante
finché non l’oggetto non è determinato (Arbitraggio chi lo determina è Arbitratore)
• beni che esisteranno in futuro.
Si può vendere anche qualcosa che non esiste ancora, ma se successivamente manca di
esistere il contratto è nullo. Con un contratto Aleatorio invece c’è obbligo di pagamento,
indipendentemente dal fatto che il bene.
Non è possibile donare beni futuri.

Elementi Naturali: appartengono alla natura del negozio e possono essere modificati/eliminati senza
modificare la validità.

Garanzia per vizi (=difetti): Può essere eliminata/limitata dal compratore.

Elementi accidentali: possono essere aggiunti dalle parti servono per influire su determinati
aspetti/modificarli.
• Il Termine: Avvenimento futuro e certo per cui le parti segnano l’ inizio (Termine
Iniziale) o la cessazione (Termine Finale) degli effetti del negozio. (es: Testamento).
Non ha efficacia retroattiva
• La Condizione: Avvenimento futuro incerto per cui si ricollegano (Condizione
Sospeniva) o si estinguono (Condizione Risolutiva) gli effetti prodotti dal negozio.
Si può istituire un limite di tempo entro cui deve accadere l’avvenimento. Il
compratore può chiedere indietro i soldi. Ha efficacia retroattiva salvo che:
- le parti decidano diversamente
- la retroattività non sia irrispettabile
Deve essere lecita.
Condizione Casuale: Quando riguarda un evento che non subisce influenza dalle
parti.
Condizione Mista: Quando dipende da me + agenti esterni che non dipendono da me
Condizione Potestativa: Quando dipende dalla volontà di una parte. Il contratto è
nullo se non è mera volontà, ovvero si richiedono dei sacrifici alla parte per far
avvenire l’evento.
• Il Modo/Onere: quando una parte ricava dei beni senza dare nulla in cambio. Può
essere che sorgano delle obbligazioni nei confronti del donatario, il quale non
adempimento non averà effetto alcuno sul verificarsi degli effetti, a patto che non sia
manifestato dalla volontà del donatore.
Casi in cui non sono applicabili gli Elementi Accidentali:
• Atti di Diritto di Famiglia
• Volontà di Separarsi (se vengono messe condizioni cadono solo quelle e non si annulla il contratto di
matrimonio)
• Accettare l’eredità (non posso mettere condizioni, se vengono poste l’accettazione è nulla)
• I Negozi

Forme d’invalidità del Negozio Giuridico:


• Nullità: Atto non idoneo a produrre i suoi effetti. Non è sanabile. Viene applicata quando sono
coinvolti interessi di carattere generale. Cause principiali:
-Mancanza di una parte dell’atto
-Illiceità di uno di questi elementi essenziali.
• Annullabilità: Gli effetti degli atti possono essere cancellati da una sentenza del giudice (Sentenza di
annullamento) ed è necessario che a richiedere l’annullamento sia una delle due parti in un periodo
di 5 anni dalla formulazione del contratto. Applicabile quando l’atto non coinvolge esigenze
generali, quando è fatto da una persona incapace d’intendere o di volere/quando ci sono vizi della
volontà/contenuto.
3 casi per cui la volontà è viziata:
1. La volontà è stata emessa per errore:
-Viziare la volontà fin dall’origine
-Errore che avviene nella trasmissione/dichiarazione
Per rendere il contratto annullabile deve:
-Essere essenziale
- essere riconoscibile dall’altro contraente
2. La volontà è stata estorta con violenza (=minaccia).
Caratteristiche della minaccia:
- quando una persona compie un Male Ingiusto (in linea con la legge, ma è negativo
per la persona) per concludere un contratto.
-minaccia di far valere un diritto per vantaggi ingiusti
- è causa di annullamento se riguarda coniugi o figli. Se riguarda terzi decide il
giudice.
-se il contratto viene stipulato per causa di timore
-Timore Reverenziale: non è causa di annullamento
3. Il contenuto può essere carpito con dolo (inganno):
- anche per influenza
- senza l’inganno non avrei fatto l’atto
-Dolo Incidente: lievi raggiri per cui il soggetto avrebbe concluso l’atto con
condizioni diverse
-può provenire da terzi, non necessariamente dalla controparte
La nullità
Legittimazione Assoluta: La nullità di principio può essere fatta valere da chiunque abbia interesse.
Temporaneità: La nullità è imprescrittibile (può essere fatta valere senza limiti temporali)
Convalida dell’atto: l’atto nullo non può essere convalidato.
Conversione del contratto nullo.

L’annullabilità
L’annullabilità può essere fatta valere solo da una delle parti.
Temporaneità: l’azione di annullamento di prescrive in 5 anni da quando è stato scoperto l’errore o il dolo.
Nel caso della violenza la prescrizione comincia al termine della minaccia.
Convalida dell’atto: Può avvenire per dichiarazione espressa/ colui che può annullarlo da inizio alla sua
esecuzione anche se a conoscenza dell’errore
Ha efficacia Retroattiva.

Presupposti della responsabilità del debitore:


Inadempiente: se non ha eseguito la prestazione dovuta. In tal caso deve dimostrare che non ha adempito per
cause a lui non imputabili.
Prestazioni di risultato: prestazioni in cui un debitore garantisce un risultato. Non posso chiedere
risarcimento. (es: prestazioni sanitarie. In questo caso il medico deve dimostrare che il suo operato è stato
diligente =adempimento della prestazione)
Obbligazione è di mezzi: Il debitore pone in onere i mezzi, non il risultato.

Responsabilità Extra Contrattuale:


E’ presente quando qualunque fatto doloso o colposo conferisce al altri un danno ingiusto.
Elementi Fondamentali:
• Fatti condizionati da comportamenti di un individuo: condotta del danneggiante attiva
comportamento omissivo

Imputabilità del fatto dannoso:


• Non è imputabile se il soggetto non è in grado di intendere o di volere, a meno che non per sua
colpa.
Posso però chiedere risarcimento a: colui che era responsabile dell’incapace almeno che non abbia
provato ad impedire il fatto.
Nel caso di incidente automobilistico: posso chiedere risarcimento al proprietario a meno che il
veicolo non si astato peso fuori dalla sua volontà
• Danno ingiusto: se il soggetto porta lesioni
• Interesse legittimo: posso chiedere risarcimento perché ho un interesse legittimo allo svolgimento
corretto dell’azione volta dalla pubblica amministrazione
L’ingiustizia viene meno quando c’è una lesione del diritto del danneggiante , ma c’è una causa di
giustificazione all’interno dell’ordinamento.
- non è responsabile chi cagiona il danno per legittima difesa
- Stato di Necessità: il danno viene cagionato per salvare sé ed altri da un pericolo grave.

Elementi di differenza tra responsabilità contrattuale ed extracontrattuale.

Termine di prescrizione: 10 anni 5 anni

Elementi che funzionano allo stesso modo:


• Nesso causale tra chi ha compito il danno e il danno stesso
• Individuazione del danno:
- Concorso di colpa: x atteggiamento di colpa e condotta
- Tipologia di danno: patrimoniale o non patrimoniale (fisico).

Deve essere risarcito solo nei casi previsti dalla legge:


• lesione grave del diritto tutelato dalla costituzione
Cos’è?
• Danno Biologico (psico fisico) visibile e riconoscibile da un
medico
• Danno morale: nel danno psico fisico o esternamente
• Danno Esistenziale (alla vita di relazione): difficoltà a coltivare
relazioni sociali
• Responsabilità per diffamazione: danno morale + esistenziale
Status di una Persona Fisica:
Capacità giuridica: Si acquista dalla nascita. Si perde solo con la morte.

Cessazione Irreversibile di tutte le funzioni


dell’encefalo.
Diritti della legge a favore del nascituro:
• Successioni
• Donazioni
• Legge sull’aborto: legge di tutela per il concepito
• Legge sulla fecondazione assistita
Capacità di agire: capacità del soggetto di porre in essere validamente atti giuridici.
Si acquisisce al compito dei 18 anni
Come si perde:
• morte
• Interdizione
• Inabilitazione
• Amministrazione di sostegno
Queste misure sono soggette a forme di pubblicità: Ci sono dei registri dello Stato Civile/appositi registri nel
tribunale in cui è stata emessa la sentenza
Non si perde la capacità per interessi non patrimoniali: trattamenti sanitari, a meno che il soggetto non abbia
una patologia
Presupposto: il soggetto non ha capacità intellettiva pienamente sviluppata (Incapacità d’intendere e di
volere)
I soggetti incapaci di agire hanno Istituti di Protezione:
• Il soggetto incapace viene affiancato o sostituito da qualcuno che si prende cura dei suoi interessi
• Il soggetto incapace è sollevato dalle conseguenze delle proprie azioni
• Se il soggetto incapace ha posto in essere un atto esso è annullabile

Il minore che ha compiuto 16 anni può contrarre matrimonio previo consenso del giudice.
Emancipazione: l’acquisisce il minore che si sposa (capacità di agire maggiormente, è nella stessa situazione
giuridica dell’inabilitato.)
Il minore può riconoscere il figlio nato al di fuori del matrimonio al compimento dei 16 anni, se è di etò
inferiore può farlo previa autorizzazione del giudice
Il contratto del minore non può essere annullato dalla controparte, ma solo da genitore/tutore/egli stesso al
compimento dei 18 anni). La prescrizione per l’annullamento (5 anni) decorre dal compimento dei 18.
Il contratto non può essere annullato se il minore ha raggirato la controparte con l’età (falsifica dei
documenti)
Il minore mette in atto i suoi diritti tramite i genitori.

Responsabilità genitoriale:
• I genitori sono rappresentanti legali del figlio minore
• Atti di straordinaria amministrazione ≠ Ordinaria amministrazione

I genitori devono agire insieme + autorizzazione del Possono essere compiuti da ciascun genitori
giudice. Senza formalità
• Trattamenti sanitari: dai genitori + si tiene in conto la volontà del minore dipendentemente
dall’età/grado di maturità

Nel caso d’incapacità legale non è tutelata la buona fede della controparte.
Sono validi gli atti per la vita quotidiana.

Incapacità Adulta:
• Interdizione: procedimento che comincia con una domanda da una persona legittimata:
(+ grave) famigliari più stretti
la stessa persona interessata
pubblico ministero
servizi sanitari/sociali
deve riguardare una persona che abbia compiuto 17 anni
Non è irreversibile

Interdizione giudiziaria ≠ Interdizione legale

Misura di protezione dell’incapace Consegue ad una sanzione: 5+ anni di pena


ergastolo
• riguarda solo gli atti patrimoniali
• l’annullamento dell’interdizione può essere
richiesta da chiunque
• Inabilitazione: 3 casi:
1. Soggetto con infermità mentale non abbastanza grave per l’interdizione
2. Prodigalità: soggetto che sperpera il patrimonio per abuso di alcool/sostanze
stupefacenti/gioco d’azzardo
3. soggetto sordo e cieco dalla nascita/prima infanzia che non ha ricevuto un’educazione
sufficiente
Condizione giuridica dell’inabilitato:
• Piena capacità su atti di natura personale
• Incapacità sul piano patrimoniale, può compiere in autonomia solo gli atti di ordinaria
amministrazione. Nella straordinaria amministrazione interviene un soggetto nominato da
un giudice: Curatore ≠ Rappresentante Legale : il curatore assiste l’inabilitato chiedendo
sempre l’autorizzazione dal giudice.

• Amministrazione di Sostegno:
Il beneficiario è chi è sottoposto all’amministrazione di sostegno.
• Infermità/menomazione fisica/psichica (che non può essere considerata una malattia) anche
transitoria.
• incapacità anche parziale del soggetto di provvedere ai propri interessi
Quando si può operare?
E’ molto generale.Se un caso rientra in tutte le forme (interdizione/inabilitazione/amministrazione di
sostegno) si da preferenza all’A.S. e bisogna valutare bene le forme di protezione che l’individuo ha già
attorno.
Se la condizione non è definita(la pars è sola), meglio nominare un tutore che si occupa di tutto.
Il giudice decide la modalità d’intervento dell’amministrazione di sostegno.

Incapacità Naturale:
Soggetto che è incapace di intendere e di volere al momento della stipulazione dell’atto.
Presupposti per l’annullamento (deve dimostrare l’incapacità):
• matrimonio
• testamento
• donazione
• malafede dell’altro contraente (si guarda alla qualità dell’atto/pregiudizio)
La prescrizione è di 5 anni e si conteggia dalla stipulazione dell’atto.
Il soggetto non ha limiti di tempo per fare valere la sua incapacità

Rapporti previsti tra coniugi:


• sono inderogabili
• Diritto alla vita Famigliare
• facoltativo: la moglie aggiunge il cognome del marito
• Dovere di coabitazione
Se non raggiungo un accordo? Intervento del giudice. Se non si arriva ad un accordo sceglierà il
giudice su ciò che decidono i coniugi e che chiedono espressamente e congiuntamente
I coniugi possono chiedere risarcimento tra loro? Solo se dimostrano che chi ha causato il danno lo ha
fatto per provocare sofferenza/pregiudizio/danno nei confronti dell’altro. (vale anche quando sono separati)

Doveri diritti di un unione civile:


• facoltativo: la moglie prende il cognome del marito, ma:
- non viene utilizzata la parola famiglia
- non viene richiamato il dovere di fedeltà
• massima libertà sulla scelta dei coniugi

Regime Patrimoniale della Famiglia: disciplina le conseguenze matrimoniali fra i due coniugi.
Regime di Comunione Legale: tutti gli acquisti fatto dopo il matrimonio anche se fatti singolarmente sono di
entrambi. Vale sempre a meno che i coniugi non scelgono diversamente.
Elenca dei beni personali che non cadono in comunione:
• Beni acquisiti per donazione/ successione
• beni di uso strettamente personale (pc, cellulare, etc..)
• beni che servono per l’esercizio della propria professione
• somma ottenuta per risarcimento del danno
• beni a comunione residuale
• beni provenienti dall’attività separata tra due coniugi

Comunione Legale (1 Regime):


• amministrazione disgiunta finché si tratta di ordinaria amministrazione. Se è di straordinaria i
coniugi devono farlo assieme.
• Se l’atto riguarda a beni immobili o mobili registrati l’atto sarà annullabile entro 1 un anno.
• Se riguarda bene diversi l’atto resta in piedi, ma il coniuge che lo ha fatto ha l’obbligo di ricostruire
la comunione prestante prima dell’altro.
• Se l’atto di straordinaria amministrazione vuole essere fatto da solo 1 dei coniugi perché l’altro non
d’accordo o impossibilitato, l’atto potrà essere compiuto compiuto chiedendo l’autorizzazione al
giudice.
Si può sciogliere per:
• causa di cessazione del matrimonio
• separazione dei coniugi
• fallimento di uno dei coniugi

Separazione dei beni (2 Regime):


Come si sceglie? Manifestare la volontà al momento della celebrazione del matrimonio
Convezione patrimoniale: Dopo il matrimonio. Strumento per passare da un regime
all’altro.
Comunione Convenzionale (3 Regime):
Comunione in cui i coniugi apportano delle modifiche alla comunione legale

Fondo Patrimoniale:
Non esiste necessariamente.
I coniugi, o un terzo, decidono di costruirlo per destinare dei beni per fa fronte ai bisogni della famiglia.
Se il matrimonio viene meno, in presenza di figli minori il Fondo Patrimoniale resta in piedi fino al compito
del 18 anno di vita di esso.
Caratteristica fondamentale: Rapporto con creditori: Solo creditori che vantano obbligazioni assunte
nell’interesse della famiglia.

Separazione:
Solo con il divorzio si scioglie il matrimonio, con la separazioni si sospendono alcuni aspetti fondamentali
del matrimonio in vista di una riconciliazione (obbligo di convivenza). Non ci sono limitazioni temporali.
• Separazione Consensuale: I coniugi sono d’accordo e si gestiscono le conseguenze. L’accordo deve
essere omologato dal giudice in presenza di figli minori . Se non va bene il giudice propone di fare
delle modifiche che se ulteriormente non vengono accettate l’accordo non viene omologato.
• Separazione Giudiziale: quando un coniuge vuole separarsi e l’altro no. Motivi: convivenza
intollerabile/fatti di grave giudizio alla prole (anche di volontà di entrambi i coniugi).
Non è prevista, ma può essere richiesta l’attribuzione ed della colpa, la quale avrà conseguenze sulle
modalità della separazione.
I doveri sul piano patrimoniale vengono sostituiti dal mantenimento: fa riferimento al tenore di vita durante il
matrimonio
• ha una funzione assistenziale.
• Viene qualificato secondo i redditi propri/capacità patrimoniali
Addebito: Il coniuge a cui è stato dato l’addebito non può chiedere mantenimento. L’addebito viene
esplicitamente richiesto. Se uno dei coniugi muore che è separato l’altro coniuge eredita gli averi, a meno
che non gli si sia dato l’addebito.
Alimenti: Fa riferimento ad uno stato d’indigenza.
Divorzio:
• quando non può essere ricostituita l’unione spirituale e materiale dei coniugi
• devono essere separati da almeno 6mesi/1anno
Divorzio Immediato:
• coniuge condannato per reati molto gravi
• Se si scopre che il coniuge straniero è sposato/divorziato
• Mancata consumazione del matrimonio
• Cambio sesso di uno dei coniugi: conversione automatica del vincolo in unione civile
Assegno Divorzile: ciò che rimane dopo il divorzio
Presupposto: risorse disponibili del coniuge non sufficienti. Si considerano:
• redditi/ricchezze
• condizioni personali
• cause del divorzio
• durata del matrimonio
Divorzio in unione civile:
• Può esserci divorzio immediato se dichiara la volontà 1 sola parte
• Se un coniuge cambia sesso il divorzio non è convertito in maniera automatica, bisogna sciogliere
l’unione civile e poi risposarsi

La Filiazione:
Nel Matrimonio:
• se partorisce una donna coniugata il marito è in automatico il padre del figlio
• Se il figlio nasce nei 300 giorni dopop l’annullamento del matrimonio l’ex marito è comunque il
padre del figlio
• qualsiasi donna ha il diritto di partorire nell’anonimato. In tal caso anche la posizione del padre sarà
annullata e il filgio è dichiarato: Figlio di Ignoti

Azione di Stato:
• Disconoscimento della paternità: può essere fatta dal padre entro un anno dalla nascita, dalla madre
entro i 6 mesi, dal figlio senza limiti di tempo
• Azione di Contestazione: si può fare x dimostrare uno scambio di neonati/ quando la donna sull’atto
di nascita è diversa da quella che ha partorito
• Azione di Reclamo dello Stato Famiglia: si può esercitare per scambio di neonati/donna su atto di
nascita diversa da quella che ha partorito/se si è figli di ignoti

Filiazione al di fuori del matrimonio:


• Riconoscimento: atto unilaterale personale del genitore che lo compie. Se si è soli il genitore non
può dare indicazioni dell’altro.
• Atto giuridico che si può fare dai 16+. Se il soggetto ha meno di 16 anni ci vuole autorizzazione del
giudice
• Se il soggetto ha meno di 14 anni deve acquisire il consenso dell’altro genitore che ha già fatto il
riconoscimento. Il rifiuto del consenso porta l’intervento del giudice.
• Figli incestuosi: sono riconoscibili previa autorizzazione del giudice
• Se entrambi i genitori non riconoscono si può fare un’esplorazione (?) giudiziale.
• In alcuni casi i genitori possono chiedere l’accertamento di maternità/paternità con il consenso del
figlio se ha più di 14 anni
Adozione:
• Anche per soggetti che hanno 18+ (finalizzata a dare una discendenza a chi non ha figli). Può essere
trasmessa eredità e cognome.
• Adozione di minori di età (ha lo scopo di dare una famiglia a chi non ce l’ha).
-Adozione a piena legittimazione: -recisi i rapporti con la famiglia di origine
- Genitori sposati da almeno 3 anni
- Tra genitori e figlio deve esserci una differenza di età non
inferiore a 18 e né superiore a 45 anni.
- Deve essere accertato lo stato di abbandono del minore (figlio di
ignoti/orfano/mancato ambiente famigliare idoneo)
Viene tolta la responsabilità genitoriale ai genitori
• Stato di affidamento pre-adottivo:Il tribunale deve confermare lo stato di adozione dopo il primo
anno di affidamento. Se il minore ha più di 14 anni deve esserci anche il suo consenso
Casi particolare (senza stato di abbandono):
• Minori orfani di padre o di madre che viene accudito già in maniera stabile/durativa
• 2soggetti che si sposano, 1 dei quali ha un figlio, l’altro potrà adottarlo per prendersene cura
• Come sopra, solo sposati in uno stato estero

Doveri e diritti del Figlio:


• rispettare i genitori + contribuire al mantenimento
• diritto di essere ascoltato
• Il giudice può decidere di assegnare alcune decisione importanti per il figlio a solo 1 genitore
• Il genitore che nono esercita le responsabilità genitoriale per legge, vigila.
• Perdita della responsabilità genitoriale: per abusi, trascurati doveri, violazione dei diritti genitoriali

Affidamento:
• Affidamento esclusivo: viene valutato il genitore più idoneo a cui viene affidato
• Affidamento Condiviso: collocamento del figlio prevalentemente da uno o dall’altro genitore.
La casa famiglia viene scelta tenendo conto principalmente dell’intenzione del figlio.
Profili economici:
• Richiesto mantenimento per proporzionalità di mantenimento in proporzioni alle capacità di chi ha il
mantenimento.
• Se qualcosa non torna la polizia tributaria fa degli accertamenti sul reddito dei genitori.

Potrebbero piacerti anche