Sei sulla pagina 1di 32

Definizioni

affidabilità: capacità di mantenere le specifiche nel tempo

avaria: perdita di affidabilità per comparsa di un guasto (gravità


Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 1/32

differenti a seconda della specifica coinvolta)

nel caso dei dispositivi medici le specifiche coinvolte riguardano in


genere la compatibilità funzionale e la compatibilità biologica

i guasti si stimano facendo prove o sulla base del monitoraggio dei


prodotti impiegati

i malfunzionamenti emergono con l’aumento in termini temporali delle


esigenze di affidabilità

i guasti possono essere parziali, totali o intermittenti

i guasti sono eventi probabilistici che dipendono dal tempo


Definizione di affidabilità

𝑁𝑁𝐺𝐺𝐺𝐺 (𝑡𝑡)
𝑃𝑃𝐺𝐺𝐺𝐺 𝑡𝑡 = 100 ·
Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 2/32

𝑁𝑁

𝑛𝑛
𝑁𝑁𝐺𝐺𝐺𝐺 (𝑡𝑡)
𝑃𝑃𝐺𝐺 𝑡𝑡 = 100 · �
𝑁𝑁
𝑖𝑖=1

𝑛𝑛
𝑁𝑁𝐺𝐺𝐺𝐺 𝑡𝑡
𝐴𝐴(𝑡𝑡) = 100 � (1 − � � = 100 − 𝑃𝑃𝐺𝐺 (𝑡𝑡)
𝑁𝑁
𝑖𝑖=1
Classificazione dei guasti
Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 3/32

G1 = guasto precoce
G2 = guasto a probabilità crescente linearmente
G3 = guasto a probabilità crescente più che linearmente
G4 = guasto a probabilità costante
A = affidabilità
Affidabilità: un caso specifico

probabilità di guasto (G) affidabilità (A)


Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 4/32

infezione
perdita osteointegrazione
perdita di una connessione
rottura per eccesso di carico
fallimento per usura o fatica

tempo (t)
Il comportamento meccanico dei materiali

σ [MPa]
Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 5/32

B
σB P
σC C
A
σA

ε [%]
O ε r εA εB εC
Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 6/32

F
F

t
La fatica meccanica
La fatica meccanica
Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 7/32

log σ
σr
σh 50% del rischio
di rottura

σ
σF
# cicli
1 10 2 10 4 10 6 10 8
n
log σ
Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 8/32

0% del rischio
di rottura
σr
σh 50% del rischio
di rottura
100% del rischio
di rottura

σ
σF
# cicli
1 10 2 10 4 10 6 10 8
n0
n50
n100
Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 9/32

0
50
100
0
100
Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 10/32

log σ 0% del rischio


di rottura
σr
σh 50% del rischio
di rottura
100% del rischio
di rottura

σ
σ
σF # cicli
1 10 2 10 4 10 6 10 8

n0
n50
n100
Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 11/32

log σ 0% del rischio


di rottura
σr
σh 50% del rischio
di rottura
100% del rischio
di rottura

σ
σF
σ # cicli
1 10 2 10 4 10 6 10 8
Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 12/32

F
La fatica meccanica
La fatica meccanica
Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 13/32

punto di innesco area di propagazione


della fatica della fatica

area di rottura duttile


area di flessione
Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 14/32
La fatica meccanica
Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 15/32

Errore in fase progettuale


Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 16/32
La fatica meccanica
Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 17/32

Errore non identificabile


La fatica meccanica
Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 18/32
La fatica meccanica
Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 19/32
La fatica meccanica
Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 20/32

Errore in fase produttiva


La fatica meccanica
Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 21/32
La fatica meccanica
Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 22/32
La fatica meccanica
Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 23/32

Errore in fase di utilizzo


La fatica meccanica
Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 24/32
La fatica meccanica
Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 25/32
La fatica meccanica
Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 26/32

Errore in fase di progetto?


La fatica meccanica
La fatica meccanica

La rottura per fatica è di tipo probabilistico in quanto, oltre che dalle


proprietà del materiale, dipende anche dai difetti indotti dai processi
Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 27/32

tecnologici.

Il rischio di rottura per fatica può essere ridotto con opportune tecnologie
meccaniche (finitura superficiale, trattamenti superficiali, ecc.).

Nel caso di metalli e ceramici la frequenza di sollecitazione non influenza il


comportamento a fatica. Nel caso dei polimeri la frequenza di sollecitazione
può modificare la temperatura influenzando le proprietà meccaniche e, di
conseguenza, la resistenza a fatica. Inoltre la variazione di frequenza varia
la velocità di sollecitazione e quindi la risposta di materiali con componente
viscosa.

Nel caso di dispositivi impiantabili la fatica è sempre presente:


il cuore batte circa 40.000.000 di volte all’anno (1Hz)
una persona compie circa 1.000.000 di passi all’anno
...
L'usura

F
Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 28/32

∆x

∆x

V = f( ∆x, A, F, R1, R2, dur1, dur2)


1 µmm
10 m
L'usura

USURA ABRASIVA
azione di taglio esercitata dalle superfici dure che strisciano su superfici
di materiale più tenero
Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 29/32

asperità superficiali del materiale più duro funzionano come micro-


utensili che asportano materiale dalla superficie più tenera
L'usura
USURA ADESIVA
CARICO preme una contro l’altra le due superfici
Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 30/32

pressioni locali molto elevate

zone di contatto puntuale si deformano

attrito genera calore "microsaldature”

usura adesiva
MOTO
RELATIVO
usura abrasiva aumento rugosità "strappo”
L'usura

USURA DA TERZO CORPO


Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 31/32

UHMWPE
particella

cromo-cobalto

Le particelle dure intrappolate


nell'articolazione producono il
danneggiamento del polietilene, ma
soprattutto graffiano la testa metallica
aumentandone la rugosità
L'usura

USURA PER FATICA


punti della superficie soggetti a successivi cicli di carico e scarico
Tomaso Villa– Progettazione di Endoprotesi lez.3 - 32/32

propagazione di cricche superficiali o


situate alcuni millimetri al di sotto della
superficie

"vaiolatura" della superficie

elevata quantità di detriti

rottura dell’inserto stesso