Sei sulla pagina 1di 27

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty

uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd
 
 

fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx
 

cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq
Patrologia.  Antologia    
wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui  
 
Da  Clemente  Romano  a  Cipriano
 

opasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg
a.a.  2016/2017  
 
Prof.  Matteo  Monfrinotti  

hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxc
 

vbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq
 

wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui
opasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg
hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxc
vbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq
wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui
opasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg
hjklzxcvbnmrtyuiopasdfghjklzxcvbn
mqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwert
yuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopas
dfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklz
xcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnm
qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty
Introduzione  
 
Quanto propongo alla riflessione si basa proprio sugli antichi testi cristiani, composti da quegli
autori (i Padri della Chiesa) che, sostenuti dall’insegnamento evangelico, vollero essere anzitutto
catecheti prima ancora che letterati.

I loro scritto costituiscono dunque non solo un campo letterario, ma la sorgente più genuina
cui attingere la storia e la spiritualità della Chiesa antica intesa nel senso pieno e autentico di popolo
di Dio. Quella Chiesa definita giustamente costitutiva per quelle note di essenzialità e sostanzialità
evangelica di cui vive e che viene ancora oggi a proporre.
Gli scritti dei Padri della Chiesa, infatti, non offrono solo la cronaca di un passato, la vita
cristiana di un tempo; gli scritti della cristianità non sono un reperto archeologico; leggendoli e
interpretandoli si percepisce immediatamente che sono ispirati sempre e comunque alla Parola di
Dio, che il precetto dell’Evangelo è la loro consistenza e che oltre la storia affidata ai singoli contenuti,
bisogna sempre cogliere l’essenzialità del messaggio.
Ecco perché, la letteratura patristica, pur non essendo Parola di Dio e pur distinguendosi dalla
sacra Scrittura, testimonia la viva voce della Chiesa poiché ne custodisce il deposito della fede e ne
fissa la Tradizione.
E proprio leggendo questi testi scritti da uomini che furono anch’essi, non meno degli
Apostoli, testimoni di Cristo e della sua Parola, fino a subire talora il martirio a causa del suo nome,
ci si rende conto che fede e catechesi costituiscono in loro un’unica esperienza di conversione e di
vita: credere è necessariamente annunciare; credere è sentire il bisogno urgente di generare nella
fede e condurre al Cristo; credere è testimoniare l’evangelo non collazionando osservanze cultuali e
rituali, ma facendo di tutta la propria vita una liturgia di ringraziamento a Dio Padre: una Eucaristia.
Scritti, dunque, ai quali ci affidiamo e che stiamo per commentare, lontani da noi oltre 1500
anni; scritti antichi ma non vecchi; scritti composti in epoche lontane, in periodi le cui vicissitudini
storiche non ci appartengono più e le realtà sociali, politiche, etniche, culturali, non sono certo le
nostre. Tuttavia il messaggio di questi scritti ci interpella ancor oggi perché i contenuti, sempre
radicati sulla Parola di Dio e fortemente ancorati all’annuncio evangelico, non sono mai contenuti
banali, mai contenuti superflui. I principi trasmessi, essenziali e fondamentali, sono talora così forti
che scuotono la nostra coscienza, provocano la nostra reazione, ci richiamano alla nostra identità di
credenti, ci interrogano con problemi che si rivelano di un’attualità sorprendente.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CAPITOLO  I:  “PADRI  APOSTOLICI”  
   
1.  La  Didachè  o  la  Dottrina  dei  dodici  Apostoli  [80  ca.]    
Traduzione:  M.  Simonetti,  Istruzione  degli  Apostoli,  in  E  Prinzivalli  –  M.  Simonetti,  Seguendo  Gesù.  Testi  cristiani  delle  
origini.  vol.  I,  Milano  2010,  53-­‐75.  Testo  greco:  W.  RORDORF/  A.  TUILIER,  La  doctrine  des  douze  Apôtres  (Didachè),  SC  
248,  Paris  1978,  pp.140-­‐199.  
 
I,  1.  Ci  sono  due  vie,  una  della  vita  e  una  della  morte,  ma  c’è  grande  differenza  tra  le  due  vie.  2.  Questa  
è  la  via  della  vita:  innanzitutto  amerai  Dio  che  ti  ha  creato,  in  secondo  luogo  il  tuo  prossimo  come  te  
stesso;   non   fare   ad   altri   tutto   ciò   che   non   vorresti   fosse   fatto   a   te.   3.   Ecco  l’insegnamento   che   ci  
danno  queste  parole:  benedite  quelli  che  vi  maledicono,  pregate  per  i  vostri  nemici,  digiunate  per  
quelli  che  vi  perseguitano.  4.  Astieniti  dai  desideri  della  carne.  Se  uno  ti  schiaffeggia  sulla  guancia  
destra,  porgigli  anche  l’altra,  e  sarai  perfetto;  se  uno  ti  costringe  ad  andare  con  lui  per  un  miglio,  
fanne  due  con  lui;  se  ti  toglie  il  mantello,  dagli  anche  la  tunica;  se  ti  toglie  il  tuo,  non  richiederlo,  
perché  non  puoi.  5.  Da’  a  ognuno  che  ti  chiede,  e  non  richiedere,  perché  il  Padre  vuole  che  si  faccia  
parte  a  tutti  dei  suoi  doni.  Beato  chi  dà  secondo  il  precetto,  perché  è  senza  colpa.  Guai  a  chi  prende:  
se   uno   prende   perché   ha   bisogno,   è   senza   colpa;   ma   se   non   ha   bisogno,   dovrà   rendere   conto  
spiegando  per  qual  motivo  e  a  qual  fine  abbia  preso.  Imprigionato,  sarà  esaminato  per  tutto  ciò  che  
ha   fatto,   e   non   uscirà   di   prigione   finché   non   avrà   pagato   fino   all’ultimo   spicciolo.   6.   Per   questo   è  
detto:  “Sudi  la  tua  elemosina  nelle  tue  mani,  finché  tu  sappia  a  chi  dai”.    
V,  1.  Questa  poi  è  la  via  della  morte.  Innanzitutto  è  malvagia  e  piena  di  maledizioni:  omicidi  adulteri  
concupiscenze  fornicazioni  furti  atti  di  idolatria  e  di  magia  incantesimi  violenze  false  testimonianze  
ipocrisie   doppiezze   inganno   tracotanza   malvagità   arroganza   avidità   turpiloquio   gelosia   insolenza  
superbia   millanteria.   2.   Persecutori   dei   buoni,   nemici   della   verità,   amanti   della   menzogna,   ignoranti  
della  ricompensa  della  giustizia  [...].  
VII,1.   Riguardo   al   battesimo,   battezzate   così:   dopo   aver   recitato   tutti   questi   precetti,   battezzate   nel  
nome   del   Padre,   del   Figlio   e   dello   Spirito   Santo   in   acqua   corrente.   2.   Se   non   hai   acqua   corrente,  
battezza  in  altra  acqua;  se  non  puoi  con  acqua  fredda,  battezza  con  acqua  tiepida.  3.  Se  non  hai  a  
disposizione  né  l’una  né  l’altra,  versa  acqua  tre  volte  sulla  testa  nel  nome  del  Padre,  del  Figlio  e  dello  
Spirito  Santo.  4.  Prima  del  battesimo,  digiunino  preliminarmente  sia  chi  battezza  sia  chi  è  battezzato  
e  altri  che  lo  possono.  Disponi  che  chi  viene  battezzato  digiuni  in  precedenza  per  uno  o  due  giorni.    
VIII   1.   Non   digiunate   negli   stessi   giorni   in   cui   digiunano   gli   ipocriti.   Costoro   digiunano   il   secondo   e   il  
quinto  giorno  della  settimana;  voi  digiunate  il  quarto  giorno  e  il  giorno  della  preparazione.    
IX,  1.  Quanto  all’eucaristia,  rendete  grazie  in  questo  modo:  2.  Prima  per  il  calice:  Ti  rendiamo  grazie,  
Padre  nostro,  per  la  santa  vite  di  Davide,  tuo  servo,  che  ci  hai  rivelato  per  tramite  del  tuo  servo  Gesù.  
Sia  a  te  gloria  nei  secoli.  3.  Per  il  pane  spezzato:  Ti  rendiamo  grazie,  Padre  nostro,  per  la  vita  e  la  
conoscenza  che  ci  hai  rivelato  per  tramite  del  tuo  servo  Gesù.  Sia  a  te  gloria  nei  secoli.  4.  Come  questo  
pane  spezzato  era  disseminato  sui  monti  e  raccolto  è  diventato  una  cosa  sola,  così  si  raccolga  la  tua  
Chiesa  dai  confini  della  terra  nel  tuo  regno  perché  tua  è  la  gloria  e  la  potenza  per  tramite  di  Gesù  
Cristo   nei   secoli.   5.   Nessuno   mangi   né   beva   della   vostra   eucaristia   se   non   quelli   che   sono   stati  
battezzati   nel   nome   del   Signore.   Infatti,   a   questo   riguardo   il   Signore   ha   detto:   «Non   date   ai   cani   ciò  
che  è  santo».  
X  1.  Dopo  che  vi  siete  saziati,  rendete  grazie  così:  2.  Ti  rendiamo  grazie,  Padre  santo,  per  il  tuo  santo  
nome,  che  hai  fatto  abitare  nei  nostri  cuori,  e  per  la  conoscenza,  la  fede  e  l’immortalità  che  ci  hai  
rivelato  per  tramite  del  tuo  servo  Gesù.  A  te  la  gloria  nei  secoli.  3.  Tu,  sovrano  onnipotente,  hai  creato  
tutte  le  cose  a  gloria  del  tuo  nome;  hai  dato  da  mangiare  e  da  bere  agli  uomini,  affinché,  godendone,  
ti  rendessero  grazie,  ma  a  noi  hai  donato  cibo  e  bevanda  spirituale  e  la  vita  eterna  per  tramite  del  tuo  
servo.   4.   Per   tutto   questo,   ti   rendiamo   grazie   perché   sei   potente.   A   te   gloria   nei   secoli.   5.   Ricordati,  
Signore,  della  tua  chiesa,  di  liberarla  da  ogni  male  e  di  renderla  perfetta  nel  tuo  amore.  Raccoglila  dai  
quattro  venti,  [santificata]  nel  tuo  regno,  che  hai  preparato  per  lei,  perché  tua  è  la  potenza  e  la  gloria  
nei  secoli.  6.  Venga  la  grazia  e  passi  questo  mondo.  Osanna  al  Dio  di  Davide.  Chi  è  santo  venga  chi  
non  lo  è  si  penta.  Maranatha.  Amen.  7.  Lasciate  che  i  profeti  rendano  grazie  quanto  vogliono.  
XI,  3.  Quanto  agli  apostoli  e  ai  profeti,  comportatevi  secondo  la  norma  del  vangelo.  4.  Ogni  apostolo  
che  giunge  da  voi  sia  accolto  come  il  Signore;  5.  ma  non  rimarrà  se  non  un  giorno;  se  sarà  necessario,  
anche  un  altro;  ma  se  resta  tre  giorni  è  un  falso  profeta.  6.  Quando  poi  se  ne  va,  l’apostolo  non  prenda  
se  non  del  pane  per  poter  far  tappa.  Ma  se  chiede  denaro,  è  un  falso  profeta.  7.  Ogni  profeta  che  
parla  per  ispirazione  dello  spirito  non  mettetelo  alla  prova  e  non  giudicatelo,  perché  ogni  peccato  
sarà  rimesso  ma  questo  peccato  non  sarà  rimesso.  8.  Non  però  ognuno  che  parli  per  ispirazione  dello  
spirito  è  profeta,  ma  se  si  comporta  secondo  il  modo  di  vita  del  Signore.  In  effetti  falso  profeta  e  
profeta  si  riconosceranno  dal  loro  modo  di  vita.    
XV,   1.   Eleggetevi   episcopi   e   diaconi   degni   del   Signore,   uomini   miti   disinteressati   sinceri   provati,  
affinché  anch’essi  svolgano  per  voi  il  ministero  dei  profeti  e  dei  maestri.  2.  Non  disprezzateli,  perché  
sono  quelli  di  voi  che  sono  stati  onorati  insieme  con  i  profeti  e  i  maestri.  [...].  
 
2.  La  lettera  di  Clemente  Romano  ai  Corinti  [ca.  96]    
Traduzione:  E.  Prinzivalli,  La  Lettera  di  Clemente  ai  Corinti,  in  E  Prinzivalli  –  M.  Simonetti,  Seguendo  Gesù.  Testi  cristiani  
delle  origini.  vol.  I,  Milano  2010,  181-­‐275.  Testo  greco:  A.  JAUBERT,  Clément  de  Rome:  Épître  aux  Corinthiens,  SC  167,  Paris  
1971,  pp.  98-­‐204.  
 
La  chiesa  di  Dio  che  vive  da  straniera  a  Roma  alla  chiesa  di  Dio  che  vive  da  straniera  a  Corinto,  ai  
chiamati,  ai  santificati  secondo  la  volontà  di  Dio  per  mezzo  del  Signore  nostro  Gesù  Cristo.  Sia  data  a  
voi  in  abbondanza  grazia  e  pace  da  Dio  onnipotente  per  mezzo  di  Gesù  Cristo.    
1.1.   A  causa  delle  avverse  vicende  che  ci  sono  capitate  all'improvviso  e  una  dopo  l'altra,  ci  siamo  
rivolti  con  ritardo  -­‐  dobbiamo  ammetterlo  -­‐  ai  fatti  dibattuti  presso  di  voi,  o  diletti,  cioè  la  rivolta  
sconveniente,   estranea   agli   eletti   di   Dio,   funesta   e   sacrilega,   che   poche   persone   sconsiderate   e  
arroganti  hanno  attizzato,  spingendosi  a  tal  punto  di  follia  da  screditare  gravemente  il  vostro  nome,  
dignitoso,  onorato  e  per  tutti  gli  uomini  amabile.  2.  C'è  forse  qualcuno,  infatti,  che  si  sia  fermato  da  
voi  e  non  abbia  sperimentato  la  vostra  fede  eccellente  e  salda?  E  non  abbia  ammirato  la  vostra  pietà  
saggia  e  amorevole  in  Cristo?  E  non  abbia  divulgato  la  vostra  generosa  pratica  dell'ospitalità?  E  non  
abbia  elogiato  la  vostra  scienza  perfetta  e  sicura?  3.  Poiché  voi  agivate  in  tutto  senza  fare  differenza  
di  persone  e  camminavate  secondo  le  prescrizioni  di  Dio  (cfr.  Lev.  18,3;  20,23);  eravate  sottomessi  ai  
vostri  capi  e  davate  il  dovuto  rispetto  agli  anziani  fra  di  voi;  i  giovani  li  guidavate  ad  avere  pensieri  
misurati  e  dignitosi:  alle  donne  raccomandavate  di  compiere  ogni  cosa  con  coscienza  irreprensibile,  
dignitosa  e  pura,  amando  come  si  conviene  i  loro  mariti;  insegnavate  loro  a  mantenersi  nella  regola  
della  sottomissione  e  a  governare  la  casa  dignitosamente,  sagge  sotto  ogni  aspetto.    
 
5,1.  Ma,  per  smetterla  con  gli  esempi  antichi,  veniamo  agli  atleti  che  ci  sono  vicini:  prendiamo  i  nobili  
esempi  della  nostra  generazione.  2.  Per  gelosia  e  invidia  le  colonne  più  alte  e  più  giuste  sono  state  
perseguitate  e  hanno  combattuto  fino  alla  morte.  3.  Davanti  ai  nostri  occhi  stiano  i  valorosi  apostoli!  
4.  Pietro,  che  per  una  ingiusta  gelosia  ha  dovuto  sopportare  non  una  o  due,  ma  più  sofferenze  e,  
avendo  così  reso  testimonianza,  se  ne  è  andato  al  luogo  di  gloria  a  lui  dovuto.  5.  Per  gelosia  e  discordia  
Paolo  ha  mostrato  il  premio  per  la  costanza:  6.  sette  volte  in  catene,  esiliato,  preso  a  sassate,  araldo  
in  oriente  e  occidente  ha  ottenuto  la  nobile  gloria  per  la  sua  fede.  7.  Dopo  aver  insegnato  la  giustizia  
al  mondo  intero  e  dopo  aver  raggiunto  l'estremo  confine  d'occidente  e  dopo  aver  reso  testimonianza  
davanti  ai  potenti,  ha  così  lasciato  il  mondo  e  se  ne  è  andato  al  luogo  santo,  modello  grandissimo  di  
costanza.    
6,1.  Intorno  a  questi  uomini  vissuti  santamente  si  è  raccolta  una  grande  moltitudine  di  eletti,  che,  
avendo  patito  per  gelosia  molti  oltraggi  e  tormenti,  sono  stati  uno  splendido  esempio  fra  di  noi.  2.  
Per  gelosia  sono  state  perseguitate  donne:  come  Danaidi  e  Dirci  hanno  sofferto  torture  terribili  e  
mostruose,  hanno  raggiunto  il  traguardo  sicuro  nella  corsa  della  fede  e  hanno  ricevuto,  loro  deboli  
nel  corpo,  la  ricompensa  dei  valorosi.  3.  Gelosia  ha  alienato  le  spose  dai  mariti  e  ha  mutato  la  parola  
di   Adamo,   nostro   padre:   «Questo   è   osso   delle   mie   ossa   e   carne   della   mia   carne!»   (Gen.   2,23)   4.  
Gelosia  e  discordia  hanno  abbattuto  città  potenti  e  hanno  sradicato  grandi  nazioni.    
20,1.  I  cieli  che  si  muovono  perché  lui  li  governa  gli  obbediscono  nella  pace.  2.  Il  giorno  e  la  notte  
compiono  la  corsa  da  lui  stabilita,  senza  intralciarsi  a  vicenda.  3.  Il  sole,  la  luna,  e  i  cori  degli  astri  
girano  attorno  secondo  il  suo  ordine  in  concordia  senza  mai  oltrepassare  i  limiti  loro  fissati.  4.  La  
terra,   colma   di   frutti,   secondo   il   suo   volere,   alle   stagioni   stabilite   produce   l'abbondante   nutrimento  
per  uomini,  bestie  e  tutti  gli  esseri  viventi  che  sono  su  di  essa;  senza  discordare  e  senza  mutare  in  
nulla  le  regole  che  le  sono  state  date.  5.  Dai  medesimi  comandi  sono  mantenute  le  leggi  inscrutabili  
degli  abissi  e  quelle  inesplicabili  degli  inferi.  6.  La  cavità  del  mare  senza  limiti  disposta  a  raccolta  non  
oltrepassa   le   barriere   poste   all'intorno,   ma   come   le   è   stato   ordinato,   così   si   comporta.   7.   Perché   ha  
detto:  «Fino  a  quando  tu  verrai  anche  i  tuoi  flutti  si  infrangeranno  su  di  te»  (Iob  38,  11).  8.  L’oceano  
senza   fine   per   gli   uomini   e   i   mondi   che   sono   al   di   là   sono   amministrati   dai   medesimi   ordini   del  
padrone.  9.  Le  stagioni  della  primavera,  dell’estate,  dell'autunno  e  dell’inverno  si  succedono  in  pace  
le  une  alle  altre.  10.  Le  sedi  dei  venti  compiono  il  loro  servizio  ai  tempi  propri  senza  inciampi:  le  fonti  
perpetue,  create  per  il  piacere  e  la  salute,  senza  interruzioni  offrono  agli  uomini  le  loro  mammelle  
vivificatrici.  Anche  gli  animali  più  piccoli  cooperano  fra  loro  in  concordia  e  pace.  11.  Tutte  queste  cose  
il   grande   demiurgo   e   padrone   dell'universo   ha   stabilito   che   fossero   nella   pace   e   nella   concordia,  
poiché  egli  è  benefico  verso  ogni  cosa,  ma  in  modo  sovrabbondante  verso  di  noi  che  ricorriamo  alla  
sua  misericordia  per  mezzo  del  nostro  Signore  Gesù  Cristo,  12.  al  quale  la  gloria  e  la  maestà  nei  secoli  
dei  secoli.  Amen.  
37,4.   I   grandi   non   possono   stare   senza   i   piccoli   né   i   piccoli   senza   i   grandi:   c’è   in   ogni   cosa   una   certa  
mescolanza  e  in  ciò  un  utile.  5.  Prendiamo  il  nostro  corpo:  la  testa  non  è  nulla  senza  i  piedi,  allo  stesso  
modo  i  piedi  senza  la  testa:  le  membra  più  piccole  del  nostro  corpo  sono  necessarie  ed  utili  al  corpo  
intero;  insomma,  tutte  convivono  e  agiscono  all’unisono  nella  subordinazione  per  la  salute  dell’intero  
corpo.    
38,1.  Si  conservi  dunque  integro  il  corpo  che  noi  formiamo  in  Cristo  Gesù  e  ciascuno  sia  sottomesso  
al  suo  prossimo,  secondo  il  carisma  che  gli  è  stato  dato.  
40.1.   Poiché   per   noi   queste   cose   sono   evidenti   e   siamo   penetrati   nelle   profondità   della   conoscenza  
divina,   dobbiamo   fare   ordinatamente   tutto   quanto   il   Padrone   ha   comandato   di   compiere   nei   tempi  
stabiliti.  2.  Le  offerte  e  i  sacri  servizi.  Egli  ha  comandato  di  compierli  e  che  si  facciano  non  a  caso  o  
disordinatamente,  ma  in  tempi  e  ore  determinate.  3.  Dove  e  da  chi  vuole  che  siano  compiuti  Egli  
stesso  lo  ha  stabilito  con  la  sua  decisione  sovrana,  affinché  ogni  cosa,  essendo  fatta  santamente,  con  
il  suo  beneplacito,  sia  gradita  al  suo  volere  4.  Dunque  quelli  che  presentano  le  loro  offerte  nei  tempi  
stabiliti  sono  ben  accetti  e  felici:  perché  seguendo  i  precetti  del  Padrone,  non  sbagliano.  5.  Infatti  al  
sommo   sacerdote   sono   conferiti   particolari   servizi   liturgici,   ai   sacerdoti   è   assegnato   il   proprio   posto  
e  ai  leviti  sono  imposti  servizi  particolari:  l'uomo  laico  è  legato  ai  precetti  dei  laici.    
41.1  Ciascuno  di  noi,  fratelli,  possa  essere  gradito  a  Dio  nel  proprio  posto,  con  coscienza  retta,  senza  
trasgredire  la  regola  stabilita  per  il  suo  servizio,  e  con  dignità.  2.  Non  dappertutto,  fratelli,  si  offrono  
sacrifici  continui  o  votivi,  o  per  i  peccati  o  di  riparazione,  ma  solo  a  Gerusalemme:  e  anche  lì,  non  in  
un   posto   qualsiasi   ma   davanti   al   tempio,   sull'altare,   dopo   che   la   vittima   è   stata   esaminata  
minuziosamente  dal  sommo  sacerdote  e  dai  suddetti  ministri.  3.  Coloro  poi  che  non  fanno  ciò  che  è  
conforme  al  suo  volere  subiscono  la  morte  come  punizione.  4.  Badate,  fratelli:  quanto  maggiore  è  la  
conoscenza  di  cui  siamo  stati  ritenuti  degni,  tanto  più  grande  è  il  pericolo  che  corriamo.    
42.1.  Gli  apostoli  hanno  ricevuto  per  noi  la  buona  novella  da  parte  del  signore  Gesù  Cristo;  Gesù,  il  
Cristo,  è  stato  inviato  da  Dio.  2.  Il  Cristo  dunque  viene  da  Dio,  e  gli  apostoli  dal  Cristo:  le  due  cose  
sono   procedute   ordinatamente   dal   volere   di   Dio.   3.   Pertanto,   avendo   ricevuto   istruzioni,   rassicurati  
per  mezzo  della  resurrezione  del  nostro  signore  Gesù  Cristo,  fermi  nella  parola  di  Dio  con  la  pienezza  
dello  Spirito  santo,  andarono  ad  annunciare  la  buona  novella  che  sta  per  giungere  il  regno  di  Dio.  4.  
Predicando  per  campagne  e  città,  provandoli  nello  Spirito  stabilivano  le  loro  primizie  come  episcopi  
e  diaconi  dei  futuri  credenti.  5.  E  in  ciò  niente  di  nuovo:  poiché  da  lungo  tempo  era  scritto  intorno  a  
episcopi  e  diaconi.  Infatti  la  Scrittura  dice  in  un  passo:  Stabilirò  i  loro  vescovi  nella  giustizia  e  i  loro  
diaconi  nella  fede.  
43.1.  E  che  c'è  da  meravigliarsi,  se  coloro  ai  quali  in  Cristo  fu  affidato  da  parte  di  Dio  un  tale  compito  
hanno  stabilito  i  suddetti  ministri,  quando  anche  il  beato  Mosè  servo  fedele  in  tutta  la  sua  casa  aveva  
segnato  nel  libri  sacri  tutto  quello  che  gli  era  stato  ordinato  e  fu  seguito  dagli  altri  profeti,  che  resero  
testimonianza  alle  leggi  stabilite  da  lui?  2.  Infatti,  allorché  insorse  gelosia  circa  il  sacerdozio  e  le  tribù  
erano  in  discordia  fra  loro  su  chi  sarebbe  stata  onorata  di  quel  nome  glorioso,  egli  ordinò  ai  dodici  
capi  delle  tribù  di  portargli  ciascuno  una  verga  con  su  scritto  il  nome  della  sua  tribù.  Le  prese,  le  legò  
insieme,  vi  appose  il  sigillo  usando  gli  anelli  dei  capitribù  e  le  depose  nella  tenda  della  testimonianza  
sulla   tavola   di   Dio.   3.   Poi   chiuse   la   tenda,   sigillò   le   chiavi   alla   stessa   maniera   delle   verghe,   4.   e   disse  
loro:  "Fratelli,  la  tribù  la  cui  verga  fiorirà,  questa  Dio  ha  prescelto  per  esercitare  il  sacerdozio  e  per  il  
suo   servizio   sacro".   5.   Al   mattino,   convocò   tutto   Israele,   i   seicentomila   uomini,   mostrò   i   sigilli   ai  
capitribù,  aprì  la  tenda  della  testimonianza  e  portò  fuori  le  verghe:  e  si  scoprì  che  la  verga  di  Aronne  
non  solo  era  fiorita  ma  portava  frutto.  (Num  17,16-­‐26)  6.  Che  ve  ne  pare,  o  diletti?  Forse  che  Mosè  
non   sapeva   quello   che   sarebbe   accaduto?   Lo   sapeva   benissimo!   Ma   agì   così   per   non   provocare  
disordine  in  Israele,  affinché  fosse  glorificato  il  Nome  del  Vero  e  dell'Unico,  al  quale  la  gloria  nei  secoli  
dei  secoli.  Amen.    
44,1.  Anche  i  nostri  apostoli  conobbero,  per  mezzo  del  nostro  signore  Gesù  Cristo,  che  vi  sarebbe  
stata   discordia   per   la   dignità   della   sorveglianza.   2.   Per   questa   ragione   dunque,   prevedendo  
perfettamente  l'avvenire,  stabilirono  i  suddetti  e  poi  diedero  in  aggiunta  l'ordine  che,  una  volta  morti  
costoro,  altri  uomini  provati  ricevessero  il  loro  compito.  3.  Dunque  quelli  che  sono  stati  stabiliti  da  
loro  oppure  in  seguito  dagli  altri  uomini  benemeriti,  con  l'approvazione  di  tutta  la  chiesa,  che  hanno  
servito   il   gregge   di   Cristo   in   modo   irreprensibile,   con   umiltà,   calma   e   discrezione,   e   che   hanno  
ottenuto  testimonianza  da  tutti  per  lungo  tempo,  ebbene  costoro  non  crediamo  giusto  destituirli  dal  
servizio.  4.  Sarà  per  noi  una  colpa  non  trascurabile  se  rimuoviamo  dalla  funzione  di  sorveglianza  quelli  
che   hanno   presentato   i   doni   in   modo   irreprensibile   e   santo.   5.   Beati   i   presbiteri   che   ci   hanno  
preceduto,  che  ebbero  una  fine  feconda  e  perfetta:  perché  non  debbono  temere  che  li  si  cacci  via  
dal   posto   assegnato!   6.   Poiché   noi   vediamo   che   avete   rimosso   alcuni,   nonostante   la   loro   buona  
condotta,  da  un  servizio  che  esercitavano  in  modo  irreprensibile  e  onorato.  
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
3.  Le  lettere  di  Sant’Ignazio  d’Antiochia  [ca.  110]  
Traduzione:  E.  Prinzivalli,  La  Lettera  di  Clemente  ai  Corinti,  in  E  Prinzivalli  –  M.  Simonetti,  Seguendo  Gesù.  Testi  cristiani  
delle  origini.  vol.  I,  Milano  2010,  344-­‐425.  Testo  greco:  P.  TH.  CAMELOT,  Ignace  d’Antioche:  Lettres,  SC  10bis,  Paris  1944,  
pp.82-­‐92.  
 
Unità  di  Dio  
Ai  Magnesii  8,2:  c’è  un  solo  Dio  che  si  è  rivelato  per  tramite  di  Gesù  Cristo  suo  figlio,  che  è  il  suo  Logos  
uscito  proceduto  dal  silenzio,  il  quale  in  tutto  ha  compiaciuto  colui  che  lo  aveva  inviato.  
Ai  Magnesii  1,2:   Onorato  da  un  nome  quanto  mai  degno  di  Dio,  nelle  catene  che  porto,  io  canto  le  
chiese  e  prego  che  ci  sia  in  loro  l’unità  della  carne  e  dello  spirito  di  Gesù  Cristo,  nostra  eterna  vita,  
unità  di  fede  e  di  amore,  alla  quale  niente  è  preposto,  e  ciò  che  è  più  importante,  l’unità  di  Gesù  e  
del  Padre.  
Ai  Magnesii  7,2:  Correte  tutti  insieme,  come  al  solo  tempio  di  Dio  e  al  solo  altare,  all’unico  Gesù  Cristo  
che  è  proceduto  dall’unico  Padre  e  nell’unico  Padre  è  e  ritorna.    
 
Unità  di  Cristo  (vs  docetismo)  
Agli   Efesini   7,2:   C’è   un   solo   medico,   carnale   e   spirituale,   generato   e   ingenerato,   dio   che   è   venuto   in  
carne,  nella  morte  vita  vera,  da  Maria  e  da  Dio,  prima  passibile  poi  impassibile,  Gesù  Cristo  nostro  
Signore.  
Agli  Smirnei  1,1:  Siete  ben  convinti  riguardi  al  nostro  Signore  che  è  della  stirpe  di  Davide  secondo  la  
carne,  figlio  di  Dio  per  volere  e  potenza  di  Dio,  generato  veramente  da  una  vergine,  battezzato  da  
Giovanni  affinché  da  lui  fosse  compiuta  ogni  giustizia.  2.  Sotto  Ponzio  Pilato  e  il  tetrarca  Erode  è  stato  
veramente   inchiodato   per   noi   nella   carne   –   e   noi   esistiamo   grazie   al   frutto   della   sua   passione  
divinamente  beata  -­‐,  per  sollevare  il  suo  stendardo  nei  secoli  in  forza  della  sua  risurrezione,  per  i  suoi  
santi  e  i  suoi  fedeli,  sia  tra  i  giudei  sia  tra  i  gentili,  nell’unico  corpo  della  sua  chiesa.  
A  Policarpo  3,2.  Aspetta  colui  che  è  al  di  sopra  del  momento,  senza  tempo,  invisibile  per  noi  visibile,  
impalpabile,  impassibile  per  noi  passibile,  colui  che  per  noi  ha  sopportato  ogni  sorta  di  sofferenza.    
Ai   Tralliani   IX,1:   Siate   sordi   quando   qualcuno   vi   parla   prescindendo   da   Gesù   Cristo,   della   stirpe   di  
David,  nato  da  Maria,  che  fu  veramente  generato,  mangiò  e  bevve,  veramente  fu  perseguitato  sotto  
Ponzio  Pilato,  veramente  fu  crocifisso  e  morì,  al  cospetto  delle  creature  celesti  terrestri  e  infernali.  2.  
Egli  veramente  risuscitò  dai  morti,  ridestato  da  sua  padre  risusciterà  noi  che  crediamo  in  lui,  in  Gesù  
Cristo  al  di  fuori  del  quale  non  abbiamo  la  vera  vita.  X.  Se,  come  dicono  alcuni  che  sono  atei,  perché  
non  credono,  egli  ha  patito  in  apparenza,  perché  mai  io  sono  in  catene?  Perché  prego  di  combattere  
con  le  belve?  Dunque  muoio  senza  motivo,  e  così  mento  riguardo  al  Signore.  XI,1.  Fuggite  le  cattive  
gramigne   che   producono   frutti   di   morte:   chi   ne   gusterà,   subito   ne   morrà,   perché   non   sono  
piantagione  del  Padre.  2.  Se  lo  fossero,  apparirebbero  come  rami  della  croce  e  il  loro  frutto  sarebbe  
incorruttibile.  Per  mezzo  di  essa  egli  con  la  sua  passione  vi  chiama,  voi  che  siete  le  sue  membra.  Il  
capo  non  può  essere  generato  a  parte,  senza  le  mebra,  ed  è  Dio  che  promette  l’unione,  che  è  egli  
stesso.  
 
Unità  nell’eucaristia  
Agli  Smirnei  VII,1.  Si  astengono  dal  partecipare  all’eucarestia  e  alla  preghiera,  perché  non  professano  
che  l’eucaristia  è  la  carne  del  nostro  salvatore  Gesù  Cristo,  la  quale  ha  patito  per  i  nostri  peccati  e  che  
il  Padre  nella  sua  bontà  risuscitato.  
Ai  Filadelfesi  4,1:   Adoperatevi  al  fine  di  celebrare  una  sola  eucarestia,  perché  la  carne  del  signore  
nostro  Gesù  Cristo  è  una  sola,  uno  solo  il  calice  per  l’unione  col  suo  sangue,  uno  solo  l’altare,  come  
uno  solo  il  vescovo  insieme  col  presbiterio  e  i  diaconi,  miei  compagni  di  servizio,  così  che  ciò  che  fate  
lo  facciate  secondo  Dio.  
 
Unità  della  chiesa  e  nell’unione  alla  gerarchia  
Agli  Smirnei  8.1:   Seguite   tutti   il   vescovo,   come   Gesù   Cristo   il   Padre,   e   il   presbiterio   quasi   fossero   gli  
apostoli;   portate   rispetto   ai   diaconi   come   a   un   comandamento   di   Dio.   Nessuno   faccia   senza   la  
partecipazione   del   vescovo   alcunché   delle   cose   che   riguardano   la   chiesa.   Sia   ritenuta   legittima  
l’eucarestia  che  viene  presieduta  dal  vescovo  o  da  chi  egli  abbia  delegato.  2.  Dove  si  vede  il  vescovo,  
là   ci   sia   la   comunità,   come   dove   c’è   Cristo   Gesù,   là   c’è   la   chiesa   cattolica.   Senza   il   vescovo   non   è  
possibile  né  battezzare  né  celebrare  l’agape;  ma  ciò  che  quello  abbia  approvato  è  gradito  anche  a  
Dio,  affinché  tutto  ciò  che  fate  possa  essere  sicuro  e  ben  fondato.  
Ai  Filadelfesi  3,1:  Tenetevi  lontani  dalle  erbe  cattive,  che  non  coltiva  Gesù  Cristo,  perché  costoro  non  
sono   coltivazione   del   Padre.   2.   In   effetti   presso   di   voi   non   ho   trovato   divisione   ma   purificazione,  
perché   quanti   sono   di   Dio   e   di   Gesù   Cristo   sono   col   vescovo,   e   quanti   si   pentiranno   e   verranno  
all’unità  della  chiesa,  anche  costoro  saranno  di  Dio,  per  vivere  secondo  Gesù  Cristo.  3.  Non  cadete  
nell’errore,   fratelli   miei:   se   uno   segue   chi   divide,   non   eredita   il   regno   di   Dio.   se   uno   si   comporta  
secondo  una  dottrina  estranea,  costui  non  va  d’accordo  con  la  passione  di  Cristo.  
Ai  Tralliani  3,1.   Similmente   tutti   portino  rispetto   ai   diaconi   come   a   Gesù   Cristo,   e   anche   al   vescovo,  
che  è  figura  del  Padre,  e  ai  presbiteri  come  al  sinedrio  di  Dio  e  al  collegio  degli  apostoli.  Senza  costoro  
non  si  può  parlare  di  chiesa.  
Agli   Efesini   4,1:   Perciò   è   conveniente   che   siate   d’accordo   col   pensiero   del   vostro   vescovo,   come  
effettivamente  fate.  Infatti  il  vostro  presbiterio,  di  chiara  fama  e  degno  di  Dio,  è  in  perfetta  sintonia  
col   vescovo,   come   le   corde   alla   cetra.   Perciò   grazie   alla   vostra   concordia   e   all’armonia   del   vostro  
amore,  viene  esaltato  col  canto  Gesù  Cristo.    
Ai  Magnesii  6.1:  Poiché  nelle  persone  che  ho  nominato  prima  ho  visto  che  tutta  la  comunità  è  nella  
fede  e  ne  ho  provato  amore,  vi  esorto  ad  adoperarvi  al  fine  di  far  tutto  nella  concordia  di  Dio,  sotto  
la  presidenza  del  vescovo,  che  è  a  immagine  di  Dio  e  dei  presbiteri,  che  sono  a  immagine  del  collegio  
degli  apostoli  e  dei  diaconi,  a  me  carissimi,  ai  quali  è  stato  affidato  il  servizio  di  Gesù  Cristo,  che  era  
presso  il  Padre  prima  dei  secoli  ed  è  apparso  alla  fine  dei  tempi.  
 
Unità  nell’obbedienza  
Ai  Tralliani  II,  1.  Poiché  infatti  vi  sottomettete  al  vescovo  come  a  Gesù  Cristo,  mi  sembrate  vivere  non  
secondo  gli  uomini  ma  secondo  Gesù  Cristo,  il  quale  è  morto  per  noi,  acciocché  avendo  fede  nella  
sua  morte  possiate  sfuggire  alla  morte.  2.  È  necessario,  come  del  resto  già  fate,  che  voi  non  facciate  
alcunché  senza  l’intervento  del  vescovo;  e  siate  sottomessi  anche  al  presbiterio  come  agli  apostoli  di  
Gesù  Cristo,  nostra  speranza,  nel  quale  ci  troveremo  a  vivere  3.  È  poi  necessario  che  quelli  che  sono  
i   diaconi   dei   misteri   di   Gesù   Cristo   risultino   in   ogni   modo   graditi   a   tutti,   poiché   sono   ministri   non   di  
cibi  e  bevande  ma  della  chiesa  di  Dio.  debbono  perciò  guardarsi  da  ogni  accusa  come  dal  fuoco.    
Agli   Efesini  2,2:   Si   addice   dunque   glorificare   in   ogni   modo   Gesù   Cristo   che   vi   ha   glorificato,   affinché  
riuniti  in  una  sola  sottomissione,  sottoposti  al  vescovo  e  al  presbiterio  siate  in  tutto  santificati.    
Ai  Filadelfesi  7.1:  Obbedite  al  vescovo,  al  presbiterio  e  ai  diaconi  
 
La  chiesa  di  Roma  
Ignazio   detto   anche   Teoforo,   alla   chiesa,   che   ha   trovato   misericordia   nella   grandezza   del   Padre  
altissimo   e   di   Gesù   Cristo   suo   unico   figlio,   amata   e   illuminata   nel   volere   di   colui   che   ha   voluto   tutto  
ciò  che  esiste,  secondo  l’amore  di  Gesù  Cristo,  il  dio  nostro,  lei  che  proprio  nel  territorio  della  città  di  
Roma  presiede,  degna  di  Dio,  degna  di  onore,  degna  di  benedizione,  degna  di  lode,  degna  di  successo,  
degnamente  pura,  e  che  all’amore  presiede,  nella  legge  di  Cristo,  avente  il  nome  del  Padre:  la  saluto  
nel  nome  di  Gesù  Cristo,  figlio  del  Padre;  a  coloro  che  sono  uniti  nella  carne  e  nello  spirito  a  ogni  suo  
precetto,  ripieni  della  grazia  di  Dio,  senza  differenze  e  depurati  da  ogni  tinta  estranea,  auguro  ogni  
bene  senza  macchia  alcuna  in  Gesù  Cristo,  il  dio  nostro.            
 
Unione  con  Cristo  (martirio)  
Ai  Romani  II,1  Voglio  che  voi  non  cerchiate  di  piacere  agli  uomini,  ma  di  piacere  a  Dio,  come  già  gli  
piacete:  non  avrò  mai  più,  io,  una  simile  occasione  di  raggiungere  Dio,  e  voi,  se  tacerete,  non  potreste  
sottoscrivere  opera  migliore.  Se  riguardo  a  me  sarete  silenzio,  io  sarò  parola  di  Dio;  se  amerete  la  mia  
carne,  al  contrario,  sarò  solo  una  voce.  2.  Non  datemi  nell’altro  che  l’essere  offerto  in  libagione  a  Dio,  
mentre  l’altare  è  pronto,  affinché  voi,  fatti  coro  d’amore,  cantiate  al  Padre  in  Cristo  Gesù  [...]  è  bello  
tramontare  dal  mondo  a  Dio,  perché  in  lui  io  possa  sorgere.  
IV,   1.   Io   scrivo   a   tutte   le   chiese   e   annuncio   a   tutti   che   io   volentieri   muoio   per   Dio,   se   voi   non   lo  
impedite.  Vi  supplico,  non  diventiate  per  me  benevolenza  inopportuna!  Lasciate  che  io  sia  pasto  delle  
belve,  per  mezzo  delle  quali  mi  è  possibile  raggiungere  Dio.  Sono  frumento  di  Dio  e  vengo  macinato  
da   zanne   ferine   per   essere   trovato   pane   puro.   2.   Sollecitate   piuttosto   le   belve,   che   mi   diventino  
tomba  e  non  facciano  avanzare  nessun  brandello  del  mio  corpo,  affinché,  morto,  non  pesi  su  nessuno.  
Allora  sarò  davvero  discepolo  di  Gesù  Cristo,  quando  il  mondo  non  vedrà  più  il  mio  corpo.  pregate  il  
Signore   per   me,   perché,   per   mezzo   di   quegli   strumenti,   io   sia   trovato   sacrificio   a   Dio.   3.   Non   vi  
comando  come  Pietro  e  Paolo:  loro  apostoli,  io  un  condannato;  loro  liberi,  io  invece  fino  a  ora  uno  
schiavo.  Ma  se  sarò  suppliziato,  diventerò  liberto  di  Gesù  Cristo  e  risorgerò  in  lui  libero.  Ora  imparo,  
in  catene,  a  non  desiderare  nulla.      
V,   1.  Dalla  Siria  fino  a  Roma  combatto  con  belve,  per  terra  e  per  mare,  notte  e  giorno  incatenato  a  
dieci  leopardi,  cioè  a  un  manipolo  di  soldati:  costoro,  quando  ricevono  benefici,  diventano  peggiori!  
Grazie  ai  loro  soprusi  ricevo  una  migliore  istruzione,  «ma  non  per  questo  sono  giustificato»  (cf.  1  Cor  
4,4).  2.  Che  io  possa  trarre  guadagno  dalle  belve  preparate  per  me  e  prego  che  siano  trovate  pronte  
per  me!  Io  stesso  le  solleciterò  a  divorarmi  subito,  non  come  quando  –  vili!  –  alcuni  non  osarono  
neppure  toccarli.  E  se  pure  esse  spontaneamente  non  volessero,  io  le  costringerò  a  forza.  3.  Siate  
buoni  con  me!  Io  so  che  cosa  è  utile.  Ora  comincio  a  essere  un  discepolo.  Nessuno  degli  esseri  visibili  
e  invisibili  mi  guardi  con  gelosia  perché  vado  a  raggiungere  Gesù  Cristo.  Fuoco  e  croce,  scontri  con  
belve,  lacerazioni,  squarci,  dispersioni  di  ossa,  mutilazioni  di  membra,  trituramenti  di  tutto  il  corpo,  e  
tormenti  del  diavolo  vengano  su  di  me,  solo  che  io  possa  raggiungere  Gesù  Cristo!  
VII,1.  Il  principe  di  questo  mondo  vuole  strapparmi  e  annientare  la  decisione  per  il  mio  Dio.  Nessuno  
di   voi,   che   siete   là,   gli   presti   aiuto:   piuttosto   siate   dalla   mia   parte,   cioè   dalla   parte   di   Dio.   Non  
professate  Gesù  Cristo,  mentre  desiderate  il  mondo.  Invidia  fra  voi  non  abiti.  2.  Anche  se  io  vi  pregassi,  
quando  sarò  fra  voi,  non  obbeditemi!  Obbedite  piuttosto  a  quello  che  vi  scrivo.  Poiché  essendo  vivo,  
vi  scrivo  che  bramo  morire.  La  mia  brama  è  stata  crocifissa  e  non  c’è  in  me  un  fuoco  che  brucia  per  
la   materia:   un’acqua   viva   e   che   parla   è   in   me,   dicendo   dentro   di   me:   Vieni   al   Padre!   3.   Non   mi  
soddisfano  il  cibo  corruttibile  o  i  piaceri  di  questa  vita.  Voglio  il  pane  di  Dio,  che  è  la  carne  di  Gesù  
Cristo,  dal  seme  di  Davide,  e  per  bevanda  voglio  il  suo  sangue,  che  è  amore  incorruttibile.    
 
 
 
 
 
 
4.  Lettera  Barnaba  
Traduzioni:  A.  QUAQUARELLI,  I  padri  apostolici,  ColTP  5,  Roma  1976,  pp.  199-­‐200.  
 
9.  La  Scrittura  infatti,  dice:  Abramo  circoncise  trecentodiciotto  uomini  della  sua  casa  (cf.  Gen  14,14).  
Quale   era   il   significato   a   lui   rivelato?   Lo   comprendete   perché   dice   prima   diciotto   e,   fatta   una  
separazione,   aggiunge   trecento.   Diciotto   si   indica   con   iota   =   dieci   ed   eta   =   otto.   Hai   Gesù.   Poichè   la  
croce  è  raffigurata  nel  tau  che  doveva  comportare  la  grazia,  aggiunge  anche  trecento.  Indica  Gesù  
nelle  due  prime  lettere  e  la  croce  in  una.  Chi  ha  immesso  in  noi  il  dono  della  sua  dottrina  lo  sa.      
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CAPITOLO  II:  GLI  APOLOGISTI  
 
Accuse  contro  i  cristiani  
"Essi   [i   Cristiani],   raccogliendo   dalla   feccia   più   ignobile   i   più   ignoranti   e   le   donnicciuole,   facili   ad  
abboccare  per  la  debolezza  del  loro  sesso,  formano  una  banda  di  empia  congiura,  che  si  raduna  in  
congreghe   notturne   per   celebrare   le   sacre   vigilie   o   per   banchetti   inumani,   non   con   lo   scopo   di  
compiere  un  rito,  ma  per  scelleraggine;  una  razza  di  gente  che  ama  nascondersi  e  rifugge  la  luce,  tace  
in   pubblico   ed   è   garrula   in   segreto.   Disprezzano   ugualmente   gli   altari   e   le   tombe,   irridono   gli   dèi,  
scherniscono  i  sacri  riti;  miseri,  commiserano  i  sacerdoti  (se  è  lecito  dirlo),  disprezzano  le  dignità  e  le  
porpore,  essi  che  sono  quasi  nudi!  […]  Regna  tra  loro  la  licenza  sfrenata,  quasi  come  un  culto,  e  si  
chiamano  indistintamente  fratelli  e  sorelle,  cosicché,  col  manto  di  un  nome  sacro,  anche  la  consueta  
impudicizia  diventi  
incesto.   […]   Ho   sentito   dire   che   venerano,   dopo   averla   consacrata,   una   testa   d'asino,   non   saprei   per  
quale   futile   credenza   […]   Altri   raccontano   che   venerano   e   adorano   le   parti   genitali   del   medesimo  
celebrante  e  sacerdote  […]  E  chi  
ci  parla  di  un  uomo  punito  per  un  delitto  con  il  sommo  supplizio  e  il  legno  della  croce,  che  costituiscono  
le  lugubri  sostanze  della  loro  liturgia,  attribuisce  in  fondo  a  quei  malfattori  rotti  ad  ogni  vizio  l'altare  
che   più   ad   essi   conviene   […]   Un   bambino   cosparso   di   farina,   per   ingannare   gli   inesperti,   viene  posto  
innanzi  al  neofita,  […]  viene  ucciso.    
Orribile  a  dirsi,  ne  succhiano  poi  con  avidità  il  sangue,  se  ne  spartiscono  a  gara  le  membra,  e  con  
questa   vittima   stringono   un   sacro   patto   […]   Il   loro   banchetto,   è   ben   conosciuto:   tutti   ne   parlano  
variamente,   e   lo   attesta   chiaramente   una   orazione   del   nostro   retore   di   Cirta   […]   Si   avvinghiano  
assieme  nella  complicità  del  buio,  a  sorte"  (Minucio  Felice,  Octavius  VIII,4-­‐IX,  7).  
 
Rescritto  di  Adriano  al  proconsole  d’Asia  Minuccio  Fundano  
Se  pertanto  i  provinciali  sono  in  grado  di  sostenere  chiaramente  questa  petizione  contro  i  Cristiani,  in  
modo  che  possano  anche  replicare  in  tribunale,  ricorrano  solo  a  questa  procedura,  e  non  ad  opinioni  
o   clamori.   È   infatti   assai   più   opportuno   che   tu   istituisca   un   processo,   se   qualcuno   vuole   formalizzare  
un’accusa.   Allora,   se   qualcuno   li   accusa   e   dimostra   che   essi   stanno   agendo   contro   le   leggi,   decidi  
secondo  la  gravità  del  reato;  ma,  per  Ercole,  se  qualcuno  sporge  denuncia  per  calunnia,  stabiliscine  la  
gravità  e  abbi  cura  di  punirlo"  (Eusebio  di  Cesarea,  Hist.  Eccl.  IV,  9,  2-­‐3).  
 
Taziano,  Discorso  ai  Greci  
Traduzione:  C.  BURINI,  Gli  apologeti  greci  (ColTP  59),  Roma  1986,  220-­‐221;  224-­‐226.  
 
Vita  spregevole  dei  filosofi  
25.   Che   cosa   di   grande   e   di   straordinario   compiono   i   vostri   filosofi?   Tengono   nuda   una   spalla;   si  
presentano  con  i  capelli  folti,  si  fanno  crescere  la  barba,  portano  le  unghie  lunghe  e  dicono  di  non  
aver  bisogno  di  nessuno,  ma  come  Proteo,  si  servono  di  un  conciatore  di  pelli  per  la  bisaccia,  di  un  
tessitore   per   il   mantello,   di   un   legnaiolo   per   il   bastone,   di   gente   ricca   e   di   un   cuoco   per   la   loro  
ghiottoneria.  O  uomo  che  imiti  il  cane!  Ti  non  conosci  Dio  e  ti  volgi  all’imitazione  degli  esseri  che  non  
hanno   ragione;   gridando   in   pubblico   con   autorità   diventi   difensore   dite   stesso   e,   se   non   ottieni   il  
consenso,  lanci  ingiurie  e  l’essere  filosofo  diventa  per  te  un’arte  per  guadagnare.  Se  segui  la  dottrina  
di  Platone,  ti  si  oppone  accanitamente  colui  che  insegna  secondo  Epicuro.  Se  al  contrario,  vuoi  essere  
come   Aristotele,   ti   insultcrà   colui   che   è   seguace   di   Democrito.   Pitagora   afferma   di   essere   stato  
Euforbo   ed   è   infatti   erede   della   dottrina   di   Ferecide.   Aristotele   poi   si   oppone   all’immortalità  
dell’anima.  Accettando  contraddittorie  trasmissioni  di  dottrina,  discordi  combattete  quelli  che  sono  
tra  loro  concordi.  Qualcuno  afferma  che  il  Dio  perfetto  è  il  corpo;  io  però  dico  che  non  è  il  corpo.    
Qualcuno   sostiene   che   il   mondo   è   incorruttibile,   io   invece   affermo   che   è   corretti-­‐   bile,   che   la  
conflagrazione  avviene  in  determinati  periodi,  io  invece  dico  una  volta  per  sempre.  Voi  dite  che  sono  
giudici   Minosse   e   Radamante.   io   affermo   che   è   giudice   lo   stesso   Dio.   Dite   che   soltanto   l’anima   è  
immortale,  io  sostengo  che  lo  è  anche  il  corpo  assieme  ad  essa.  In  che  cosa,  o  Greci,  noi  vi  rechiamo  
danno?   Perché   disprezzate   come   esseri   abominevoli   coloro   che   seguono   la   parola   di   Dio?   Presso   di  
noi  non  esiste  l’antropofagia,  ma.  voi,  falsi  testimoni,  Siete  quelli  che  lo  vanno  dicendo.  Presso  di  voi,  
invece,  Pelope  è  cibo  degli  dèi  un-­‐  che  se  amante  di  Poseidone,  e  Cronos  divora  i  suoi  figli  e  Zeus  
divora  Metis».  
 
Taziano  scopre  la  verità  
29.  Dopo  aver  visto  queste  cose,  dopo  aver  partecipato  anche  ai  misteri  e  dopo  aver  sperimentato  
che   ovunque   i   culti   erano   stati   fondati   da   effeminati   e   da   ermafroditi,   sapendo   che   presso   i   romani  
quello  che  per  loro  è  Giove  Laziale  gode  del  sangue  impuro  degli  uomini  e  del  sangue  che  viene  dalle  
carneficine  umane,  (sapendo)  che  Artemide  non  lontano  dalla  grande  città  accetta  le  medesime  cose  
e  che  altri  demoni,  chi  da  una  parte  chi  dall’altra,  si  preoccupano  di  scatenare  misfatti,  rientrando  in  
me  stesso,  cercavo  in  che  modo  poter  trovare  la  verità.  A  me  che  meditavo  su  ciò  che  fosse  bene,  
capitò  d’imbattermi  in  alcuni  scritti  barbari,  molto  più  antichi  delle  dottrine  dei  greci,  molto  più  divini  
rispetto  agli  errori  di  quelli.  Accadde  che  io  credetti  a  questi  (scritti)  per  la  semplicità  del  parlare  e  per  
la  modestia  dei  narratori,  per  la  facile  spiegazione  della  creazione  dell’universo,  per  la  conoscenza  
del  futuro,  per  l’eccezionalità  delle  cose  annunciate  e  per  il  sovrano  di  tutte  le  cose.  Mentre  la  mia  
anima  veniva  ammaestrata  da  Dio,  compresi  che  mentre  quelle  (dottrina)  sono  motivo  di  condanna,  
queste  altre  sciolgono  dalla  schiavitù  che  è  il  mondo  e  ci  liberano  dai  numerosi  sovrani  e  dalle  migliaia  
di  tiranni  e  ci  danno  non  quello  che  non  abbiamo  mai  ricevuto,  ma  ciò  che,  pur  avendolo  ricevuto,  
fummo  impediti  di  possedere  a  causa  dell’errore.  30.  Essendomi  impossessato  di  questi  concetti,  ho  
voluto  spogliarmi  di  tutto  e  diventare  nudo  come  i  bambini  appena  nati.  Sappiamo  che  la  natura  del  
male  è  simile  a  quella  di  un  piccolissimo  seme.  Come  prende  vigore  da  un  piccolissimo  principio,  così  
verrà  distrutto  se  noi  obbediamo  alla  parola  di  Dio  senza  disperderci.  Con  un  tesoro  nascosto  ci  ha  
conquistato;  per  dissotterrarlo  ci  siamo  coperti  di  polvere,  ma  abbiamo  trovato  il  modo  di  averlo  con  
noi.  Ogni  persona  che  ne  ha  preso  possesso  ha  ottenuto  una  ricchezza  preziosissima.    
 
Atenagora,  Supplica  per  i  cristiani  
Traduzioni:  C.  BURINI,  Gli  apologeti  greci  (ColTP  59),  Roma  1986,  256-­‐257.  
 
Odiati  a  causa  del  nome,  ma  il  nome  di  cristiano  non  è  un  delitto  
1.3  Con  noi  che  siamo  cristiani,  non  vi  comportate  allo  stesso  modo,  anzi,  sebbene  non  commettiamo  
ingiustizia  e  (come  sarà  dimostrati  dal  discorso  che  segue)  proviamo  più  di  ogni  altro  sentimenti  di  
pietà  e  di  giustizia  verso  la  divinità  e  il  vostro  impero,  permettere  che  siamo  maltrattati,  che  soffriamo  
e   che   veniamo   perseguitati,   poiché   molti   ci   attaccano   solo   per   il   nome.   [...]   2.1   Ma   se   l’accusa   è  
limitata  al  nome  è  ora  compito  vostro,  imperatori  grandissimi,  umanissimi  e  amatissimi  del  sapere,  
eliminare  con  un  legge  l’oltraggio  contro  di  noi,  affinché,  come  tutto  l’impero  partecipa  dei  vostri  
benefici  sia  presso  il  singolo  che  presso  le  città,  anche  noi  possiamo  dirvi  grazie,  rendendo  gloria  per  
il   fatto   che   i   calunniatori   l’hanno   fatta   finita.   2.2   Infatti   non   si   addice   alla   vostra   giustizia   il   fatto   che  
mentre   coloro   che   sono   accusati   di   delitto   non   sono   puniti   prima   che   ciò   sia   stato   provato,   per   noi,  
invece,   il   nome   ha   più   potere   delle   prove   in   giudizio,   poiché   i   giudici   non   indagano   se   l’imputato   ha  
commesso  qualche  ingiustizia,  ma  contro  il  nome  ingiuriano  come  contro  un  misfatto.  Ma  nessun  
nome,  in  sé  e  per  sé,  è  ritenuto  cattivo  o  buono,  ma,  a  causa  delle  azioni  cattive  o  buone  che  ne  
dipendono,  appare  cattivo  o  buono.      
 
Tre  delitti  ci  vengono  imputati  
3.1  Ci  attribuiscono  tre  delitti:  ateismo,  cene  tiestee1  e  unioni  edipodee.  Se  queste  (accuse)  sono  
vere,  non  abbiate  riguardo  per  nessuno,  ma  citate  in  giudizio  i  delitti,  estirpateci  dalle  radici  con  le  
nostre  mogli  e  con  i  figli,  ammesso  che  qualcuno  tra  gli  uomini  viva  secondo  la  legge  delle  bestie,  
benchè   neppure   le   bestie   assalgono   quelli   della   propria   famiglia,   ma   si   accoppiano   secondo   le   leggi  
di  natura.  [...]  2.  Ma  se  queste  sono  chiacchiere  e  calunnie  senza  fondamento,  poichè,  secondo  una  
logica  naturale,  il  male  si  oppone  alla  virtù  e  secondo  una  legge  divina  le  cose  contrarie  si  combattono  
fra  di  loro,  e  voi  siete  testimoni  che  in  nulla  siamo  colpevoli  di  tutto  questo,  ma  volete  che  non  lo  
confessiamo,  d’ora  in  poi  spetta  a  voi  condurre  un’indagine  sulla  nostra  vita,  sulle  dottrine,  sulla  stima  
e  sulla  sottomissione  nei  confronti  vostri,  della  vostra  casa  e  dell’impero  e  così,  una  volta  per  tutte  
(potrete)  concedere  nulla  più  di  quello  che  (concedete)  a  coloro  che  ci  perseguitano.  Noi  li  vinceremo,  
noi  che  in  nome  della  verità,  diamo,  senza  esitare,  anche  la  vita.    
 
Atenagora,  La  resurrezione  dei  morti  
12.5  Se  dunque  l’uomo  fu  creato  senza  una  causa  e  senza  un  motivo  (ma  nulla  di  ciò  che  è  creato  da  
Dio  è  vano,  almeno  secondo  l’intento  del  creatore),  né  (fu  creato)  per  l’utilità  dello  stesso  creatore  o  
di  qualcun’altra  fra  le  creature  di  Dio,  è  chiaro  che,  secondo  il  primo  e  più  comune  ragionamento,  Dio  
creò  l’uomo  per  se  stesso  e  per  quella  bontà  e  sapienza  che  si  può  contemplare  in  tutta  la  creazione.  
6  A  coloro  che  portano  in  se  stessi  l’immagine  del  creatore,  che  possiedono  anche  l’intelligenza  e  
sono  dotati  di  un  giudizio  razionale,  a  essi  il  creatore  assegnò  una  vita  permanente  ed  eterna  affinché,  
conoscendo   il   loro   creatore,   vivessero   in   eterno   senza   sofferenze   godendo   quei   doni   con   i   quali  
corroborano  la  vita  precedente  anche  vivendo  in  corpi  corruttibili  e  terreni.    
 
Teofilo  di  Antiochia,  Ad  Autolico  
Traduzioni:  C.  BURINI,  Gli  apologeti  greci  (ColTP  59),  Roma  1986,  2556-­‐257.  
 
Libro  I  
Premessa  
1.  Una  lingua  spedita  e  un  modo  di  parlare  piacevolmente  procurano  diletto  e  lode  agli  uomini  miseri  
che  per  vanagloria  hanno  una  mente  corrotta.  Colui  che  ama  la  verità  non  si  cura  dei  discorsi  eleganti,  
ma  va  in  cerca  del  contenuto  del  discorso:  che  cosa  sia  e  di  quale  tipo.    
Poiché  tu,  amico  mio,  mi  hai  sbalordito  con  futili  discorsi  vantandoti  dei  tuoi  dei  di  pietra  e  di  legno,  
di  metallo  battuto  o  fuso,  modellati  o  dipinti,  che  non  vedono  né  sentono  (infatti  sono  idoli  e  opera  
delle   mani   dell’uomo);   e   per   di   più   parli   di   me   cristiano   come   se   io   portassi   un   nome   infamante,  
ebbene!  Io  confesso  di  essere  cristiano  e  porto  questo  nome  caro  a  Dio  sperando  questo  soltanto:  
essere  buon  servitore  di  Dio.  la  cosa,  infatti,  non  è  come  tu  pensi,  e  cioè  che  è  dannoso  il  nome  di  
Dio.  Ma  forse  tu  stesso,  essendo  ancora  inutile  a  Dio,  hai  questa  concezione  di  lui.    
 
 
 
Il  peccato  impedisce  la  visione  di  Dio  

1
Tieste è un personaggio della mitologia greca figlio di Pelope e di Ippodamia e fratello gemello di Atreo. Poiché un
oracolo gli aveva predetto che dall'unione incestuosa con la figlia Pelopia sarebbe nato il vendicatore di Atreo, Tieste,
cercando di non farsi riconoscere, violenta la figlia. Il figlio che nasce si chiama Egisto. La vita di Tieste è contrassegnata
dai rapporti di ostilità con Atreo. Insidia la moglie di Atreo e questi si vendica uccidendo i figli di Tieste e offrendone le
carni in pasto al padre. La causa di tanta ostilità fu la maledizione che pendeva sul capo del loro padre Pelope che troverà
il suo epilogo nella uccisione di Agamennone, figlio di Atreo, da parte di Egisto e nell'assassinio di quest'ultimo da parte
di Oreste figlio di Agamennone.
2.  Ma  se  tu  mi  dicessi:  Mostrami  il  tuo  Dio,  io  ti  direi  Mostrami  il  tuo  uomo  e  io  ti  mostrerò  il  mio  Dio.  
Dimostra  dunque  che  gli  occhi  della  tua  mente  vedono  e  che  gli  orecchi  del  tuo  cuore  odono.  Coloro  
che  vedono  con  gli  occhi  del  corpo,  percepiscono  le  opere  della  vita  e  quelle  che  sono  sulla  terra  e  
danno   un   giudizio   sulle   differenze:   la   luce   o   la   tenebra,   il   bianco   o   il   nero,   il   brutto   o   il   bello,  
l’armonioso   e   il   proporzionato   o   ciò   che   non   ha   né   armonia,   né   proporzione,   o   che   è   smisurato,  
oppure   mutilo;   e   così   (avviene)   anche   per   quello   che   è   percepito   dalle   orecchie:   è   acuto,   o   grave,   o  
armonioso.   Allo   stesso   modo   per   le   orecchie   del   cuore   e   per   gli   occhi   dell’anima   è   possibile  
contemplare  Dio.  Dio  infatti  è  visto  da  coloro  che  possono  vederlo,  da  coloro,  cioè,  che  hanno  gli  
occhi  dell’anima  bene  aperti.  Tutti  hanno  gli  occhi,  ma  alcuni  li  hanno  offuscati  e  non  vedono  la  luce  
del  sole.  Ma  se  i  ciechi  non  vedono,  non  per  questo  non  è  splendente  la  luce  del  sole;  i  ciechi  dunque  
riconoscano  la  causa  (del  non  vedere)  in  se  stessi  e  nei  loro  occhi.  Così  tu,  o  uomo,  hai  offuscati  gli  
occhi  della  tua  anima  a  causa  dei  tuoi  peccati  e  delle  tue  azioni  malvagie.  Come  uno  specchio  lucente,  
così   l’uomo   deve   avere   un’anima   pura.   Se   però   si   forma   della   ruggine   sullo   specchio,   non   è   più  
possibile  vedere  sullo  specchio  l’immagine  dell’uomo.  Così  quando  vi  è  un  peccato  nell’uomo,  non  è  
più  possibile  che  questo  uomo  contempli  Dio.        
 
Libro  II  
Dio  ha  creato  ogni  cosa  dal  nulla  
10.  Prima  di  tutto  e  in  modo  concorde  ci  insegnano  che  (Dio)  creò  ogni  cosa  dal  nulla.  Niente  infatti  
si  propagò  contemporaneamente  a  Dio;  ma  essendo  egli  stesso  luogo  a  se  stesso  e  di  nulla  bisognoso  
ed   esistendo   prima   dei   secoli,   volle   creare   l’uomo   per   essere   da   lui   conosciuto:   per   lui   ha   costituito  
prima  di  tutto  il  mondo.  Infatti  colui  che  è  creato  è  bisognoso,  mentre  di  nulla  ha  bisogno  colui  che  è  
ingenerato.  Poiché  Dio  aveva  il  proprio  Verbo  immanente  nel  proprio  cuore,  lo  generò  insieme  alla  
sua  sapienza  emanandolo  prima  di  tutte  le  altre  cose.  Questo  Verbo  egli  ebbe  come  esecutore  di  
tutte  le  cose  che  da  lui  (Dio)  avevano  avuto  origine,  e  per  mezzo  di  lui  creò  tutte  le  cose.  Egli  si  chiama  
principio,   poiché   è   principio   e   signore   di   tutto   ciò   che   è   stato   plasmato   per   mezzo   di   lui.   Questo  
dunque,  essendo  spirito  di  Dio,  principio,  sapienza  e  potenza  dell’altissimo,  scendeva  sui  profeti  e  per  
bocca  loro  parlava  della  creazione  del  mondo  e  di  tutte  le  altre  cose.  I  profeti  non  esistevano  quando  
fu  creato  il  mondo,  ma  (esisteva)  la  sapienza  di  Dio  che  è  in  lui  e  il  suo  santo  Verbo  che  da  sempre  
con   lui   esiste.   Per   questo   così   dice   per   bocca   del   profeta   Salomone   :   Quando   creò   il   cielo   io   ero   con  
lui  e  quando  pose  le  stabili  fondamenta  della  terra  ero  con  lui  per  porre  l’ordine.    
 
La  Trinità  
15.   Ugualmente   anche   i   tre   giorni   che   esistettero   prima   dei   corpi   luminosi,   sono   immagine   della  
Trinità:  di  Dio,  del  suo  Verbo  e  della  sua  Sapienza.    
 
La  voce  di  Dio  è  il  Verbo  di  Dio  
22.  Tu  mi  chiederai:  Tu  dici  che  Dio  non  può  essere  circoscritto  in  alcun  luogo;  come  puoi  dire  ora  
che  passeggiava  nel  giardino?  Ascolta  quello  che  ti  dico.  Dio,  Padre  di  tutte  le  cose,  è  incontenibile  e  
non  si  trova  in  nessun  luogo,  non  esiste  infatti  un  luogo  ove  cessi  di  agire.  Ma  il  suo  Verbo,  per  mezzo  
del  quale  egli  ha  creato  tutte  le  cose,  essendo  sua  potenza  e  sapienza,  assumendo  la  figura  del  Padre  
e  Signore  dell’universo,  questi  camminava  nel  giardino  nella  persona  di  Dio  e  parlava  con  Adamo.  
Infatti  la  stessa  Scrittura  divina  c’insegna  che  Adamo  diceva  di  aver  udito  la  voce.  Ma  la  voce  che  cosa  
altro  è  se  non  il  Verbo  di  Dio  che  è  anche  il  suo  Figlio?  e  non  da  unione  coniugale,  come  poeti  e  
mitologi  narrano  a  proposito  dei  figli  degli  dei,  ma,  come  narra  la  verità,  il  Logos  che  esiste  da  sempre  
è  immanente  nel  cuore  di  Dio.  E  prima  che  qualcosa  esistesse,  con  questo  si  consigliava,  sua  mente  
e  sua  prudenza.  E  quando  Dio  volle  creare  quanto  aveva  deliberato,  generò  questo  Verbo  proferito,  
primogenito  di  tutta  la  creazione,  e  senza  privarsi  del  Verbo,  ma  avendo  generato  il  Verbo  e  sempre  
con  il  suo  Verbo  rimanendo  unito.    
 
Libro  III  
I  cristiani  non  meritano  empie  accuse  
15.  Rifletti  dunque  se  quelli  che  ricevono  questi  insegnamenti  possono  vivere  in  un  modo  o  nell’altro  
indifferentemente   e   pervenire   a   turpi   unioni   o,   cosa   più   empia   di   tutte,   cibarsi   di   carne   umana,  
quando  a  noi  sono  proibiti  anche  gli  spettacoli  dei  gladiatori,  per  non  diventare  complici  e  testimoni  
di  coloro  che  uccidono.  E  non  ci  è  permesso  vedere  neppure  gli  altri  spettatori,  affinché  i  nostri  occhi  
e   le   nostre   orecchie   non   siano   insozzati   prestando   attenzione   alle   voci   declamate   in   quei   luoghi.   Se  
qualcuno  parlasse  di  antropofagia,  è  lì  che  si  trovano  i  figli  di  Tieste  e  di  Tereo  che  sono  divorati.  Se  
(parlasse)  invece  di  adulterio,  nelle  loro  tragedie  sono  rappresentati  non  solo  quelli  degli  uomini,  ma  
anche  quelli  degli  dei  di  cui  ne  danno  l’annuncio  a  gran  voce  dietro  onori  e  premi.  Sia  ben  lontano  dai  
cristiani  pensare  di  compiere  qualcosa  di  simile;  in  essi  vive  la  temperanza;  è  praticata  la  continenza;  
è  osservata  la  monogamia;  è  custodita  la  purezza;  è  abbattuta  l’ingiustizia;  è  estirpato  il  peccato;  è  
praticata   la   giustizia;   è   amministrata   la   legge;   è   osservata   la   pietà;   è   riconosciuto   Dio.   La   verità  
presiede;  la  grazia  custodisce;  la  pace  regna  d’intorno;  la  santa  Parola  è  guida;  la  sapienza  insegna;  la  
vita  di  regge;  Dio  regna.        
 
Lettera  a  Diogneto  
I  cristiani  né  per  regione,  né   per  voce,  né  per  costumi  sono  da  distinguere  dagli  altri  uomini.  Infatti  
non   abitano   città   proprie,   né   usano   un   gergo   che   si   differenzia,   né   conducono   un   genere   di   vita  
speciale.  La  loro  dottrina  non  è  nella  scoperta  del  pensiero  di  uomini  multiformi,  né  essi  aderiscono  
a  una  corrente  filosofica,  come  fanno  gli  altri.  Vivendo  in  
città  greche  e  barbare,  come  a  ciascuno  è  capitato,  e  adeguandosi  ai  costumi  del  luogo  nel  vestito,  
nel   cibo   e   nel   resto,   testimoniano   un   metodo   di   vita   sociale   mirabile   e   indubbiamente   paradossale.  
Vivono   nella   loro   patria,   ma   come   forestieri;   partecipano   a   tutto   come   cittadini   e   da   tutto   sono  
distaccati  come  stranieri.  Ogni  patria  straniera  è  patria  loro  e  ogni  patria  è  straniera.  Si  sposano  come  
tutti  e  generano  figli,  ma  non  gettano  i  neonati.  Mettono  in  comune  la  mensa,  ma  non  il  letto.  Sono  
nella  carne,  ma  non  vivono  secondo  la  carne.  Dimorano  sulla  terra,  ma  hanno  la  loro  cittadinanza  nel  
cielo.   Obbediscono   alle   leggi   stabilite,   e   con   la   loro   vita   superano   le   leggi.   Amano   tutti,   e   da   tutti  
vengono  perseguitati.  Non  sono  conosciuti,  e  vengono  condannati.  Sono  uccisi  e  riprendono  a  vivere.  
Sono  poveri  e  fanno  ricchi  molti:  mancano  di  tutto,  e  di  tutto  abbondano.  Sono  disprezzati,  e  nei  
disprezzi   hanno   gloria.   Sono   oltraggiati   e   proclamati   giusti.   Sono   ingiuriati   e   benedicono:   sono  
maltrattati   e   onorano,   Facendo   del   bene,   vengono   puniti   come   malfattori;   condannati,   gioiscono  
come   se   ricevessero   la   vita,   Dai   giudei   sono   combattuti   come   stranieri   e   dai   greci   perseguitati,   e  
coloro  che  li  odiano  non  saprebbero  dire  il  motivo  dell’odio»,  «A  dirla  in  breve,  come  è  l’anima  nel  
corpo,  così  nel  mondo  sono  i  cristiani.  L’anima  è  diffusa  in  tutte  le  parti  del  corpo  e  i  cristiani  nelle  
città  della  terra.  L’anima  abita  nel  corpo  ma  non  è  del  corpo:  i  cristiani  abitano  nel  mondo  ma  non  
sono  del  mondo.  L’anima  invisibile  è  racchiusa  in  un  corpo  visibile;  i  cristiani  si  vedono  nel  mondo,  
ma  la  loro  religione  è  invisibile.  La  carne  odia  l’anima  e  la  combatte,  pur  non  avendo  ricevuta  ingiuria,  
perché   impedisce   di   prendersi   dei   piaceri.   Il   mondo,   che   pur   non   ha   avuto   ingiustizia   dai   cristiani,   li  
odia  perché  si  oppongono  ai  piaceri.  L’anima  ama  la  carne  che  la  odia  e  le  membra;  anche  i  cristiani  
amano  coloro  che  li  odiano.  L’anima  è  racchiusa  nel  corpo,  ma  essa  sostiene  il  corpo;  anche  i  cristiani  
sono  nel  mondo  come  in  una  prigione,  ma  essi  Sostengono  il  mondo.  L’anima  immortale  abita  in  una  
dimora   mortale;   anche   i   cristiani   vivono   come   stranieri   tra   le   cose   che   si   corrompono,   aspettando   I  
‘incorruttibilità   nei   cieli.   Maltrattata   nei   cibi   e   nelle   bevande,   l’anima   si   raffina:   anche   i   cristiani,  
Maltrattati,  ogni  giorno  più  si  moltiplicano.  Dio  li  ha  messi  in  un  posto  tale  che  a  essi  non  è  lecito  
abbandonare».  
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CAPITOLO  III:  Ireneo  di  Lione  
 
Contro  le  eresie  3,18,1.2.7-­‐22,3  
Dottrina  della  ricapitolazione  
1.  [...]  Ma  quando  [il  Figlio  di  Dio]  si  incarnò  e  divenne  uomo,  ricapitolò  in  se  stesso  la  lunga  storia  
degli   uomini,   procurandoci   in   compendio   la   salvezza,   affinchè   recuperassimo   in   Cristo   Gesù   ciò   che  
avevamo   perduto   in   Adamo,   cioè   l’essere   ad   immagine   e   somiglianza   di   Dio.   2.   Infatti,   non   essendo  
possibile   che   l’uomo,   una   volta   vinto   e   spezzato   dalla   disobbedienza,   fosse   plasmato   di   nuovo   e  
ottenesse  il  premio  della  vittoria,  ed  essendo  ugualmente  impossibile  che  ricevesse  la  salvezza  colui  
che  era  caduto  sotto  il  peccato,  il  Figlio  ha  operato  l’una  e  l’altra  cosa:  egli  che  era  il  Verbo  di  Dio,  
discese  dal  Padre  e  si  incarnò,  discese  fino  alla  morte  e  portò  a  compimento  l’economia  della  nostra  
salvezza.  7.  [...]  Ora  se  appariva  come  carne  senza  essere  divenuto  carne,  la  sua  opera  non  era  vera.  
Ma  egli  era  ciò  che  appariva:  Dio  che  ricapitola  in  sé  la  sua  antica  creatura,  che  è  l’uomo,  per  uccidere  
il  peccato  e  distruggere  la  morte  e  vivificare  l’uomo.  E  per  questo  le  sue  opere  sono  vere.  22.3  Perciò  
Luca  presenta  una  genealogia  che  va  dalla  nascita  del  Signore  nostro  fino  ad  Adamo  e  comprende  
settantadue  generazioni:  congiunge  la  fine  al  principio  e  dimostra  che  egli  stesso  ha  ricapitolato  in  se  
stesso   tutte   le   genti   disseminate   fin   dal   tempo   di   Adamo   e   tutte   le   lingue   e   generazioni   umane  
insieme  ad  Adamo  stesso.              
 
Contro  le  eresie  3,22,4  
Maria,  la  nuova  Eva  
Parallelamente  si  trova  anche  la  Vergine  Maria  obbediente  quando  dice:  Ecco  la  tua  serva,  avvenga  
di  me  quello  che  hai  detto  (Lc.  1,38).  Eva  disobbedì,  e  fu  disobbediente  mentre  era  ancora  vergine.  
Come  Eva,  che  pur  avendo  come  marito  Adamo  era  ancora  vergine  [...]  disobbedendo  divenne  causa  
di  morte  per  sé  e  per  tutto  il  genere  umano,  così  Maria,  che  pur  avendo  lo  sposo  che  le  era  stato  
assegnato   era   ancora   vergine,   obbedendo   divenne   causa   di   salvezza   per   sé   e   per   tutto   il   genere  
umano.  Perciò  la  legge  chiama  colei  che  era  fidanzata  ad  un  uomo,  benché  sia  ancora  vergine,  moglie  
di  colui  che  l’aveva  presa  come  fidanzata  indicando  il  movimento  a  ritroso  che  va  da  Maria  ad  Eva.  
Infatti,  ciò  che  è  stato  legato  non  può  essere  slegato  se  non  si  ripercorrono  in  senso  inverso  le  pieghe  
del  nodo,  così  che  le  prime  pieghe  siano  sciolte  grazie  alle  seconde  e  inversamente  le  seconde  liberino  
le  prime,  per  cui  capita  che  il  primo  legame  è  sciolto  dal  secondo  e  il  secondo  nodo  serve  da  slegatura  
per  il  primo.  [...]  Così  dunque  il  nodo  della  disobbedienza  di  Eva  trovò  soluzione  grazie  all’obbedienza  
di  Maria.  Ciò  che  Eva  aveva  legato  per  la  sua  incredulità,  Maria  l’ha  sciolto  per  la  sua  fede.        
 
Contro  le  eresie  5,19,1-­‐ss  
Maria  avvocata  di  Eva  
Se  dunque  il  Signore  è  venuto  visibilmente  nella  sua  proprietà;  se  è  stato  portato  dalla  sua  propria  
creazione  che  è  portata  da  lui;  se  grazie  alla  sua  obbedienza  sul  legno  ha  fatto  la  ricapitolazione  della  
disobbedienza  che  era  stata  compiuta  per  mezzo  del  legno;  se  la  seduzione,  di  cui  miseramente  era  
stata   vittima   Eva,   vergine   soggetta   al   marito,   è   stata   dissipata   dalla   verità   che   fu   annunciata  
magnificamente  dall’angelo  a  Maria,  vergine  già  in  potere  del  marito  –  infatti,  come  quella  fu  sedotta  
dalla  parola  dell’angelo  in  modo  da  fuggire  Dio  trasgredendo  la  sua  parola,  così  questa  ricevette  il  
lieto  annuncio  per  mezzo  della  parola  dell’angelo,  in  modo  da  portare  Dio  obbedendo  alla  sua  parola;  
e  come  quella  si  lasciò  sedurre  in  modo  da  disubbidire  a  Dio,  così  questa  si  lasciò  persuadere  in  modo  
da   obbedire   a   Dio,   affinché   la   Vergine   Maria   divenisse   avvocata   della   vergine   Eva;   e   come   il   genere  
umano   fu   legato   alla   morte   per   mezzo   di   una   vergine,   così   ne   fu   liberato   per   mezzo   di   una   vergine,  
perchè  la  disobbedienza  di  una  vergine  fu  controbilanciata  dall’obbedienza  di  una  vergine.  
 
Esposizione  della  dottrina  degli  Apostoli  32-­‐34  
La  disobbedienza  di  Eva  e  l’obbedienza  di  Maria  
32.  Ora,  donde  proviene  la  sostanza  del  primo  uomo?  Dalla  volontà  e  dalla  sapienza  di  Dio  e  dalla  
vergine  terra.  Giacché  Iddio  non  aveva  mandato  la  pioggia,  dice  la  Scrittura,  prima  che  fosse  l’uomo,  
e  non  v’era  l’uomo  a  lavorare  la  terra  (Gen.  2,5).  Da  questa  terra,  dunque,  mentre  essa  era  ancor  
vergine,  prese  Iddio  del  fango  e  creò  l’uomo,  principio  del  genere  umano.  Volendo  rinnovare  l’uomo,  
il  Signore  seguì,  incarnandosi,  la  stessa  economia.  Nacque  da  una  vergine  per  la  volontà  e  la  sapienza  
di  Dio,  affinchè  fosse  ben  chiaro  che  egli  aveva  un  corpo  simile  a  quello  di  Adamo  e  che  era  davvero  
lo  stesso  uomo  del  quale  fu  scritto  al  principio,  l’uomo  fatto  a  immagine  e  somiglianza.    
 33.  Come  a  causa  di  una  vergine  disobbediente  l’uomo  fu  trafitto,  cadde  e  morì,  così  a  causa  ancora  
di  una  vergine  obbediente  alla  parola  di  Dio,  risuscitato  riprese  la  vita.  Il  Signore  infatti  è  venuto  a  
cercare   la   pecorella   perduta,   cioè   l’uomo   che   si   era   perduto.   Perciò   non   si   formò   un   corpo   diverso,  
ma  per  mezzo  di  Colei  che  discendeva  da  Adamo  conservò  la  somiglianza  di  quel  corpo.  Adamo  infatti  
fu  ricapitolato  in  Cristo,  affinchè  ciò  che  è  mortale  fosse  inghiottito  nell’immortalità,  ed  Eva  in  Maria,  
affinchè   una   vergine   divenuta   avvocata   di   una   vergine,   dissolvesse   e   annientasse   con   la   sua  
obbedienza  di  vergine  la  disobbedienza  di  una  vergine.    
34.   Il   peccato   commesso   a   causa   dell’albero   fu   annullato   dall’obbedienza   compiuta   sull’albero,  
obbedienza  a  Dio,  per  la  quale  il  Figlio  dell’uomo  fu  inchiodato  sull’albero  abolendo  la  scienza  del  
male   e   apportando   e   donando   la   scienza   del   bene.   Il   male   è   disobbedire   a   Dio,   il   bene   invece  
obbedire.    
 
 
CAPITOLO  IV:  LA  SCUOLA  DI  ALESSANDRIA  
 
1.   Clemente  Alessandrino  
 
Protrettico  114  
1.  Cancelliamo,  dunque,  cancelliamo  l’oblio  della  verità;  eliminate  l’ignoranza  e  l’oscurità  che  
ci  impedisce  come  nebbia  la  vista,  contempliamo  colui  che  è  veramente  Dio  esaltandolo  in  primo  
luogo  mediante  queste  parole:  Salve,  luce.  Per  noi,  che  eravamo  sprofondati  nelle  tenebre  e  chiusi  
nell’ombra  della  morte  (Is  9,2,  cf.  Mt  4,16;  Lc  1,79),  brillò  dal  cielo  una  luce  più  pura  di  quella  del  sole,  
più  dolce  della  vita  di  quaggiù.  2.  Quella  luce  è  vita  senza  fine,  e  tutto  ciò  che  ne  è  toccato,  vive;  ma  
la  notte  ha  paura  della  luce  e  dileguandosi  per  la  paura  cede  il  passo  al  giorno  del  Signore:  l’universo  
è  diventato  luce  che  non  tramonta  (Sap  7,10),  e  l’occidente  si  è  tramutato  in  oriente.   3.  Questo  ha  
voluto   la   nuova   creazione   (2   Cor   5,17;   Gal   6,15):   giacché   il   sole   di   giustizia   (Mal   4,2)   che   cavalca  
l’universo,  si  aggira  in  modo  uguale  su  tutto  il  genere  umano,  imitando  il  Padre  suo  che  fa  sorgere  il  
suo  sole  (Mt  5,45)  su  tutti  gli  uomini  e  su  di  essi  fa  scendere  la  rugiada  della  verità.  4.  Egli  trasformò  
l’occidente  in  oriente  e  mediante  la  sua  crocifissione  tramutò  la  morte  in  vita  e,  avendo  strappato  
l’uomo   dalla   perdizione,   lo   innalzò   al   cielo,   tramutando   la   corruzione   in   incorruttibilità   e  
trasformando  la  terra  in  cielo.  Egli  è  l’agricoltore  divino,  “che  indica  i  presagi  favorevoli  e  incita  i  popoli  
al  lavoro”,  che  è  buono,  “richiamandoci  alla  memoria  la  vita”  vera  e  elargendoci  l’eredità  del  Padre,  
quell’eredità   veramente   grande,   divina   e   che   non   ci   può   essere   tolta,   per   mezzo   di   un   celeste  
insegnamento,  rendendo  l’uomo  simile  a  Dio,  ponendo  leggi  nella  loro  mente  e  scrivendole  nel  loro  
cuore  (Ger  31,33;  cf.  Eb  8,10).   5.  A  quali  leggi  allude  il  profeta?  Che  tutti  conosceranno  Dio,  dal  più  
piccolo   fino   al   più   grande   e   sarò   benevolo   nei   loro   confronti,   dice   Dio,   e   non   mi   ricorderò   dei   loro  
peccati  (Ger  31,34;  cf.  Eb  8,11-­‐12).      
 
 
Stromati  5,81,2-­‐82,4    
Un  poeta  di  Agrigento  dice  di  Dio:  “Non  è  possibile  vederlo  con  gli  occhi  o  toccarlo  con  le  mani:  la  via  
migliore  per  giungere  a  Dio  è  che  gli  uomini  se  ne  convincano  in  cuor  loro”.  E  l’apostolo  Giovanni:  
Nessuno  ha  mai  visto  Dio;  l’unigenito  Dio,  che  è  nel  seno  del  Padre,  ce  l’ha  fatto  conoscere  (Gv  1,18).  
Riferendosi   all’espressione   seno   di   Dio,   di   per   sé   sconcertante   e   misteriosa,   alcuni   hanno   definito   il  
Signore  abisso,  che  comprende  e  racchiude  tutte  le  cose  nell’intimo  di  se  stesso,  senza  poter  essere  
raggiunto  da  nessuno,  nella  sua  infinità.    
Certamente   è   difficilissimo   un   discorso   su   Dio.   Poiché,   infatti,   è   tutt’altro   che   semplice   scoprire   il  
principio  di  tutte  cose,  allora  è  ancor  più  difficile  mostrare  il  principio  primo  e  più  antico,  che  è  anche  
per  tutti  gli  altri  esseri  la  causa  dell’essere  e  del  divenire.  Infatti,  come  potrebbe  essere  definito  colui  
che   non   ha   genere,   alterità,   specie,   individuo,   numero,   e   accidenti   o   soggetto   cui   qualcosa   possa  
capitare  come  accidente?  
Nessuno   potrebbe   mai   chiamarlo   a   ragione   “tutto”:   egli   infatti   viene   definito   “tutto”   per   la   sua  
grandezza,  ma  è,  in  certo  senso,  il  padre  di  tutto.  D’altronde,  non  si  può  dire  che  in  lui  c’è  pluralità  di  
parti:   infatti,   l’uno   è   indivisibile.   Anzi,   proprio   per   questo   è   infinito:   non   cioè   nel   senso   che   sia  
inesplicabile,   ma   perché   è   senza   dimensioni   né   parti,   senza   immagine   né   definizione.   E   se   noi  
volendolo  [Dio]  chiamare,  lo  definiamo  impropriamente  Uno,  Bene,  Intelletto,  Essere  in  sé,  Padre,  
creatore  o  Signore,  non  diciamo  [ciò]  come  proferendo  il  suo  nome,  ma  per  questa  mancanza  noi  
applichiamo  bei  nomi,  perché  il  pensiero  possa  basarsi  su  di  essi  senza  sbagliare  con  il  ricorrere  ad  
altri.   Infatti,   ogni   singolo   termine   non   può   significare   Dio,   ma   tutti   insieme   esprimono   la   potenza  
dell’Onnipotente.   Quando   si   definisce   una   cosa,   la   indichiamo   attraverso   ciò   che   in   essa   si   trova  
oppure  attraverso  il  suo  rapporto  con  le  altre  cose;  ma  per  definire  Dio  non  è  possibile  né  l’una  né  
l’altra  cosa.  
Neppure   la   scienza   può   essere   ritenuta   valida   a   questo   fine.   Essa   presuppone   infatti   elementi  
antecedenti  e  conosciuti;  invece,  non  c’è  nulla  prima  dell’ingenito.    
Rimane  un’unica  strada  per  conoscere  quanto  ci  è  ignoto:  la  grazia  di  Dio  e  il  suo  Logos,  che  è  presso  
di  lui.    
CAPITOLO  V:  LA  SCUOLA  AFRICANA  
 
1.   Tertulliano  
 
 Adversus  Praxean  
Capitolo  I  
1.   In   varie   maniere   il   diavolo   combatté   la   Verità.   Egli   cercò   talvolta   di   distruggerla,   fingendo   di  
difenderla.  Si  fa  difensore  dell’unico  Dio,  Onnipotente,  Creatore  del  mondo,  per  far  nascere  l’eresia  
anche  nella  parola  unico2.  È  sempre  proprio  il  Padre  –  sostiene  –  quegli  che  discese  nella  Vergine,  che  
nacque  da  lei,  che  soffrì,  in  breve,  egli  appunto  è  Gesù  Cristo3.  Il  serpente  smentisce  se  stesso,  perché  
quando   tentò   Gesù   Cristo   dopo   il   battesimo   di   Giovanni,   gli   rivolse   la   parola   come   se   fosse   Figlio   di  
Dio,   fatto   certo   che   Dio   aveva   un   figlio   anche   da   quelle   stesse   scritture   sulla   scorta   delle   quali  
architettava  allora  la  sua  tentazione:  2.  Se  tu  sei  figlio  di  Dio,  di’  che  queste  pietre  diventino  pane  (Mt  
4,3),   e   ancora:   Se   tu   sei   figlio   di   Dio,   gettati   giù   di   qui,   perché   sta   scritto   che   egli   –   il   Padre  
naturalmente  –  ha  comandato  ai  suoi  angeli  che  ti  sostengano  con  le  mani,  perché  tu  non  batta  il  
piede  contro  qualche  pietra  (Mt  4,6).  3.  Oppure  egli  rinfaccerà  ai  Vangeli  la  menzogna,  ribattendo:  Se  
la  vedano  Matteo  e  Luca:  per  mio  conto  io  ho  avvicinato  Dio  in  persona,  io  ho  tentato  l’Onnipotente  
faccia   a   faccia:   per   questo   l’ho   avvicinato   e   tentato;   se   fosse   stato   soltanto   il   Figlio   di   Dio,   forse   non  
avrei  mai  perso  tempo  con  lui.  Di’  piuttosto  che  egli  è  un  mentitore  fin  dall’inizio  dei  tempi4  e  con  lui  
chiunque  egli  abbia  subordinato  coi  suoi  mezzi,  come  ha  fatto  Prassea5.  4.  Costui  per  primo  trapiantò  
dall’Asia  a  Roma  questa  aberrazione6;  un  uomo  fra  l’altro  inquieto,  si  gonfiava,  inoltre,  con  la  vanteria  

2
L’eresia nasce dalla necessità di difendere una verità che però alla fine viene estremizzata e diventa
eresia (verità impazzita). Qui Tertulliano si esprime in questo modo poiché di solito le eresie
introducevano una pluralità di dei, invece in questo caso, siamo di fronte a un’eresia monarchiana,
che difendeva l’unicità di Dio. Questo sarà il punto di partenza di Prassea, che si trova in una
posizione in sé corretta, ma la soluzione che alla fine viene individuata risulta essere non ortodossa e
così Tertulliano la rifiuterà combattendola.
3
Qui troviamo espressa in parte l’eresia di Prassea che è quella di credere che Gesù è un modo di
manifestarsi dell’unico Dio, che si è incarnato ed è morto sulla croce.
4
Cf. 1 Gv 3,8; Gv 8,44.
5
In questo passo abbiamo una breve confutazione della dottrina monarchiana che però verrà presa
più diffusamente avanti. Alla conclusione di questo brano Tertulliano introduce la figura di Prassea.
6
Prassea avrebbe portato a Roma, secondo Tertulliano, la dottrina di Noeto di Smirne. In tale contesto
abbiamo la testimonianza dell’Elenchos che riporta notizie completamente differenti. L’autore di
questo testo parla di 4 personaggi tra i quali però non figura Prassea: Noeto (fondatore); Epigono,
diacono di Noeto (porta la dottrina a Roma), Cleomene e Sabellio (diffondono la dottrina). Vista la
divergenza del testo di Tertulliano da quello dell’autore dell’Elenchos emergono due grossi problemi:
1. l’autore dell’Elenchos che conosce bene il monarchianesimo romano non conosce Prassea; 2. non
abbiamo nessuna testimonianza della lotta di Prassea al montanismo condotta a Roma, se non quella
di Tertulliano. Proprio per questo nel corso della storia gli studiosi hanno formulato delle ipotesi:
alcuni hanno pensato che Prassea fosse un soprannome il faccendiere, l’introgante, (dal verbo greco
prassw) teoria poco accolta in quanto il termine comune prassea il Grecia non è attestato; mentre
altri studiosi hanno identificato Prassea con il diacono Epigono o con papa Callisto (Hagemann.
Questi vede un’allusione all’esilio di Callisto in Sardegna, quando Tertulliano dice: si gonfiava con
vanterie del martirio attribuitosi per la pura, semplice e breve sofferenza del carcere), ma anche
questa notizia risulta difficilmente accettabile vista l’assenza di notizie, inoltre quanto Tertulliano
dice di Prassea è difficilmente riferibile a Callisto, che non veniva cero dall’Asia e non fu certo il
primo a portare l’eresia a Roma, così è escluso che Callisto passase da Roma in Africa a diffondere
le sue dottrine. Harnack ipotizza che Prassea sia giunto a Roma molto tempo prima di Epigono, sotto
del  martirio  attribuendosi  la  pura,  semplice  e  breve  sofferenza  del  carcere,  mentre  nessun  merito  
avrebbe  conseguito  anche  se  avesse  offerto  il  suo  corpo  alle  fiamme,  perché  non  aveva  l’amore  di  
quel  Dio,  del  quale  aveva  combattuto  perfino  i  carismi7.   5.  Era  quello  il  tempo,  in  cui  il  vescovo  di  
Roma8   stava   ormai   per   riconoscere   le   profezie   di   Montano,   Prisca   e   Massimilla,   e   in   forza   di   questo  
riconoscimento   stava   per   riportare   la   riconciliazione   alle   chiese   d’Asia   e   di   Frigia;   ma   quest’uomo  
adducendo   false   testimonianze   sui   profeti   stessi   e   sulle   loro   chiese   e   difendendo   le   autorevoli  
decisioni   [auctoritates]9   dei   predecessori   del   vescovo,   lo   costrinse   sia   a   richiamare   le   lettere   di  
riconciliazione  ormai  spedite  sia  a  desistere  dal  proposito  di  ricevere  i  carismi.  Così  Prassea  rese  al  
diavolo  due  servizi10:  estromise  la  profezia  e  introdusse  l’eresia,  mise  in  fuga  il  Paracleto  e  in  croce  il  
Padre11.   6.   La   zizzania   di   Prassea   aveva   lussureggiato,   seminata   anche   qui12   (sopra  il  buon  grano)13,  
mentre  molti  dormivano  nella  semplicità  della  dottrina;  la  zizzania  fu  poi  scoperta  da  colui  che  Dio  
scelse14,  e  sembrava  completamente  sradicata.  Insomma,  il  maestro  di  un  tempo,  aveva  rilasciato  

il pontificato di Eleutero, in un tempo, quindi, al quale i ricordi personali dell’autore dell’Elencos non
poteva risalire. Il nome di Prassea era perciò scomparso quando, molti anni più tardi, la controversia
monarchiana si riaccese a Roma a e Cartagine. In tale contesto va ricordato che le notizie di
Tertulliano sono di seconda mano e che lui certamente nel condurre la polemica accentuava degli
aspetti volutamente. Quindi si può pensare che la figura di Prassea a Roma non fosse poi così influente
come lui afferma.
7
Qui Tertulliano fa riferimento alla corrente montanista. Pensando al montanismo dovremmo parlare
più di scisma che di eresia, che spingeva per una riscoperta dei carismi apostolici in particolar modo
di quello della profezia. Nel Pastore di Erma (140) ancora si parla di profeti. Con il tempo, però, man
mano che le comunità si strutturano, il profeta viene meno e quindi non si accettano interventi di
esterni, come erano quelli dei profeti, in quanto la comunità aveva già le sue guide. Questo è il
passaggio dalle comunità itineranti alle comunità stanziali che rompono i rapporti con i missionari.
Un esempio di questa evoluzione ce l’abbiamo nella 3 lettera di san Giovanni (3 Gv 9-10). Anche
nella Didachè abbiamo un’ulteriore testimonianza: si dice che il missionario dopo due giorni deve
andare via, e questo sta a indicare che il passaggio a una comunità stanziale è ormai avvenuto (cf.
Did. IX,3-5). Quando in Asia e in Frigia a opera di Montano (affiancato da Prisca e Massimilla) nasce
la tendenza montanista (i nuovi profeti come si chiamavano loro, i frigi come erano chiamati, infatti
montanisti è un nome tardo) viene subito condannata visto che poteva produrre delle instabilità
all’interno delle comunità. La ragion per cui rinasce il profetiamo invece risulta essere sconosciuta.
Il problema con la gerarchia è più di tipo disciplinare che dottrinale. I montanisti predicavano
un’ascesi più rigida che spingeva a essere più indipendenti dalla gerarchia della comunità; questa
impostazione faceva presa sui cristiani ed era piuttosto diffusa. Lo stesso Ireneo scrive a suo favore.
Secondo Tertulliano anche il vescovo di Roma stava per pronunciarsi a favore del montanismo (anche
se le chiese tra loro erano indipendenti un pronunciamento della Chiesa di Roma sarebbe stato
particolarmente significativo) ma a causa di Prassea questo pronunciamento non sarebbe avvenuto.
8
Non sappiamo con certezza chi fosse, ma secondo i calcoli cronologici dovrebbe essere Papa Vittore
(189-198?).
9
Si tratta di documenti scritti, infatti, presso i Latini, il plurale auctoritates designa documenti scritti,
addotti in giudizio (cf. CICERONE, 1 Orat. 39; 2 Verr. 3; TERTULLIANO, Adverus Nationes II,1,7)
10
L’eretico, che trae ispirazione dal demonio, è l’assassino della verità, interfector veritatis (cf. De
carne Christi 5,3).
11
Paracletum fugavit et Patrem crucifixit. Tertulliano si scaglia contro Prassea sia per la sua visione
di Cristo, sia perché critica il montanismo. Secondo Tertulliano, Prassea ha reso a Roma 2 servizi al
diavolo: 1. ha crocifisso il Padre (dottrina monarchiana – patripassiana nell’espressione latina); 2.
messo in fuga il Paracleto.
12
Si riferisce a Cartagine, anche se non è certo che Prassea in persona si recò in Africa.
13
Cf. la parabola della zizzania, Mt 13,24ss.
14
Cioè Tertulliano.
formali  garanzie  della  sua  resipiscenza,  e  la  sua  dichiarazione  autografa  [chirographum]  è  in  mano  
agli   psichici   dinanzi   ai   quali   la   ritrattazione   era   stata   compiuta15.   7.   Poi   silenzio.   In   un   secondo  
momento  il  fatto  di  aver  riconosciuto  e  sostenuto  il  Paracleto  disgiunse  anche  me  dagli  psichici16.  Ma  
quella   zizzania   dell’eresia   aveva   allora   sparso   i   suoi   semi   dappertutto,   e   così   per   un   certo   tempo  
rimase   nascosta,   dissimulando   la   sua   subdola   vitalità,   ed   ora   è   nuovamente   fiorente17.   Ma   sarà  
nuovamente  sradicata;  se  Dio  vorrà,  in  questo  mondo,  se  no,  a  suo  tempo  tutto  il  falso  grano  sarà  
raccolto  e  bruciato,  insieme  agli  altri  scandali,  nel  fuoco  inestinguibile.                    
 
 
2.   Cipriano  di  Cartagine  
Pietro  e  Paolo.  Il  loro  rapporto  con  Roma  nelle  testimonianze  antiche.  XXIX  Incontro  di  studiosi  dell’antichità  cristiana.  
Roma,  4-­‐6  maggio  2000,  Augustinianum,  Roma  2001.  
Acerbi,     L.,   Località   e   universalità   nella   Chiesa   antica,   in   A.   Giovagnoli   (a   cura   di),   L’identità   cristiana   tra   località   e  
universalità,  Studium,  Roma  2010,  19-­‐42.  
Bakker,    H.  -­‐  Geest  van,    P.  -­‐  Loon  van,    H.,  Cyprian  of  Carthage.  Studies  in  his  life,  language,  and  Thought  (=  Late  Antique  
History  and  Religion  3),  Peeters,  Leuven  -­‐  Paris  -­‐  Walpole/MA  2010.  
Burini  De  Lorenzi,    C.,  De  aleatoribus:  una  esegesi  taciuta  ma  visibile,  «  Auctores  Nostri  »  6  (2008)  99-­‐119.  
Carpin,    A.,  Cipriano   di   Cartagine.   Il   vescovo   nella   chiesa.   La   chiesa   nel   vescovo,   Edizioni   Studio   Domenicano,   Bologna  
2006.  
Cipriano  di  Cartagine,  A  Demetriano.  Introduzione,  testo  critico  e  commento.,  a  cura  di  J.  C.  Fredouille  -­‐  A.  Carpin  (=  Sources  
Chrétiennes.  Edizione  italiana  5),  Edizioni  San  Clemente  -­‐  Studio  Domenicano,  Roma  -­‐  Bologna  2008.  
Cipriano  di  Cartagine,  A  Donato  e  La  virtù  della  pazienza  (Ad  Donatum  -­‐  De  bono  patientiae),  a  cura  di  J.  Molager  -­‐  A.  
Carpin  (=  Souces  Chrétiennes  Edizione  Italiana  2),  Edizioni  San  Clemente,  Roma  2007.  
Cipriano   di   Cartagine,   L’unità   della   chiesa   (De   ecclesiae   catholicae   unitate),   a   cura   di   P.   Siniscalco   -­‐   P.   Mattei   -­‐   A.   Carpin  
(=  Souces  Chrétiennes  Edizione  Italiana  1),  Edizioni  San  Clemente,  Roma  2006.  
Cipriano  di  Cartagine,  La  beneficenza  e  le  elemosine  (=  Souces  Chrétiennes  Edizione  Italiana  7),  Edizioni  San  Clemente,  
Roma  2009.  

15
Prassea dopo essere stato a Roma da quanto si dice sembra si sia trasferito a Cartagine dove ebbe
un certo successo su molti dormientibus multis in simplicitate doctrinae, cioè su coloro che non
possedevano una particolare formazione. Prassea fu scoperto anche a Cartagine e costretto a ritrattare.
Ora in una comunità quando venivano scoperta dottrine che noi definiremmo eretiche, avveniva uno
scontro frontale tra la persona inquisita e uno scelto tra la comunità, in questo caso tra Prassea e
Tertulliano (fu scelto lui in quanto grande teologo e eccelso dialettico). Prassea è costretto a ritrattare
con un documento autografo; il testo latino: caverat pristinum doctor de emendatione sua sembra di
difficile interpretazione; cf. H. Hoppe, Syntax und Stil des Tertullian, Leipzing 1903, p. 17; E.
Lofstedt, Zur Sprache Tertullians, Lund 1920, p. 13. Il documento secondo quello che dice
Tertulliano era custodito nell’archivio dei cattolici (psichici).
16
Tertulliano conosce il montanismo e vi aderisce. Tertulliano differenzia tra cattolici, psichici e
montanisti, spirituali. Difficile dire, tuttavia, quale sia stata la portata di questa separazione:
nonostante le violente polemiche che suscitava (soprattutto in Asia, dove fu più combattuto), il
montanismo infatti non fu una vera e propria eresia della Grande Chiesa, ma, se mai, uno scisma.
17
Prassea nonostante la dichiarazione, approfitta dell’allontanamento di Tertulliano (almeno così si
pensa) riprende la predicazione della sua dottrina monarchiana. A questo proposito sembra
interessante la posizione di R. Cantalamessa, secondo il quale dal testo si può ritenere che Tertulliano
vede una continuità e una connessione tra la propaganda attuale e la predicazione di Prassea e non
che Prassea è venuto meno alla ritrattazione. Se, in realtà, fosse accaduto questo, si può essere certi
che Tertulliano non avrebbe mancato di dirlo e insistervi apertamente. Del resto la prima apparizione
di Prassea è da porsi intorno al 200 e la composizione dell’Adv. Prax. Intorno al 217, si dovrebbe
supporre che Prassea sia restato a Catagine tutto questo tempo. Ciò è privo di ogni testimonianza e di
ogni verosimiglianza (cf. CANTALAMESSA R., Prassea e l’eresia monarchiana, in La Scuola Cattolica
90 (1962) vol I, 28-50).
Cipriano  di  Cartagine,  Opuscoli,  a  cura  di  S.  Matteoli  -­‐  A.  Cerretini  -­‐  C.  Moreschini  -­‐  C.  Dell’Osso  -­‐  M.  Veronese  (=  Scrittori  
cristiani  dell'Africa  romana  6/2),  Città  Nuova,  Roma  2009.  
Corsaro,    F.,  Il  primato  di  Pietro  e  della  Chiesa  di  Roma  nel  De  catholicae  ecclesiae  unitate  di  Cipriano,  in  Pietro  e  Paolo.  Il  
loro   rapporto   con   Roma   nelle   testimonianze   antiche.   XXIX   Incontro   di   studiosi   dell’antichità   cristiana.   Roma,   4-­‐6   maggio  
2000,  Augustinianum,  Roma  2001.  
Luiselli,    B.,  De  aleatoribus  Pseudocipriano,  «  Augustinianum.  Periodicum  Semestre  Instituti  Patristici  Augustinianum  »  
2/2007  (47)  259-­‐281.  
Veronese,    M.,  Introduzione  a  Cipriano  (=  Letteratura  cristiana  antica  19),  Morcelliana,  Brescia  2009.  
 
Ad  Donatum  2-­‐418  
[...]   Nei   processi   e   nei   discorsi   del   foro   una   sontuosa   eloquenza   viene   sfoggiata   con   volubile  
ambizione;  ma  quando  si  parla  del  Signore,  di  Dio,  la  pura  sincerità  della  parola19  che  prova  le  ragioni  
della  fede  non  si  appoggia  sulla  forza  dell’eloquenza,  ma  sui  fatti20.  Apprestati,  dunque,  ad  ascoltare  
parole  non  eleganti,  ma  forti  (non  diserta  sed  fortia)21;  non  abbellite  con  cura  stilistica  per  sedurre  
l’attenzione  della  gente,  ma  semplici  e  atte  a  proclamare  la  misericordia  divina  con  la  loro  disadorna  
verità.  Ascolta  quanti  senti,  poiché  non  si  apprende  prima,  né  lo  si  comprende  dopo  lunga  ricerca,  
ma  copiosamente  lo  si  attinge  per  un  dono  maturante  della  grazia.  3.  Quando  giacevo  nelle  tenebre  
d’una  notte  oscura,  quando  esitante  e  dubbioso  fluttuavo  nel  mare  agitato  del  mondo,  vagando  sulle  
strade   dell’errore,   ignorando   il   senso   della   mia   vita,   estraneo   alla   verità   e   alla   luce,   ritenevo  
estremamente   difficile   e   duro   per   le   mie   abitudini   d’un   tempo   ciò   che   la   misericordia   divina   mi  
prometteva   per   condurmi   alla   salvezza,   che   cioè   qualcuno   potesse   nuovamente   rinascere   e,  
rinnovato   a   nuova   vita   col   lavacro   dell’acqua   salutare,   deporre   ciò   ch’era   prima   e,   pur   conservando  
l’integrità  fisica,  potesse  mutare  nell’animo  e  nella  mente.  Come  è  possibile  –  mi  domandavo  –  una  
conversione   così   profonda   da   togliere   all’improvviso   e   facilmente   ciò   che   fin   dalla   nascita   si   è  
naturalmente  stratificato  nell’animo,  o  si  è  a  lungo  sviluppato  come  un’abitudine  inveterata?  Queste  
cose  allignano  in  noi  con  radici  molto  estese  e  profonde.  Quando  imparerà  la  sobrietà  chi  è  abituato  
a  opulenti  banchetti  e  a  ricche  mense?  E  chi  ama  farsi  notare,  sfoggiando  vesti  preziose  d’oro  e  di  
porpora,  quando  si  abbasserà  a  un  modo  di  vestire  semplice  e  modesto?  Non  può  restare  privato  
cittadino   e   senza   notorietà   chi   ha   goduto   di   alte   cariche   e   di   onori.   Circondato   da   una   falange   di  
clienti,  continuamente  adulato  da  un  esercito  di  gente  interessata,  costui  sentirà  come  un  castigo  il  
trovarsi   solo.   Inevitabilmente,   come   in   precedenza,   con   lusinghe   persistenti   il   vizio   del   bere   tornerà  
a  farsi  sentire,  la  superbia  a  gonfiare,  l’ira  a  infiammare,  la  bramosia  a  inquietare,  la  crudeltà  a  istigare,  
l’ambizione  a  blandire,  la  lussuria  a  svilire.  4.  Spesso  mi  trovavo  con  questi  miei  pensieri.  Ero,  infatti,  
talmente   legato   ai   molti   errori   della   vita   passata   da   ritenere   di   non   potermene   più   liberare;  
disperando  in  una  vita  migliore,  assecondavo  così  i  miei  vizi  tenaci  e  favorivo  i  miei  mali  come  se  
18
CIPRIANO DI CARTAGINE, A Donato e La virtù della pazienza (Ad Donatum - De bono patientiae), a cura di J.
MOLAGER - A. CARPIN (= Souces Chrétiennes Edizione Italiana 2), Edizioni San Clemente, Roma 2007, 77-87.
19
Lo stile cristiano dev’essere semplice. Già Seneca voleva che il linguaggio della filosofia avesse questa qualità
(cf. Ep. 40; 49; 75; 100; 114). Questo comportamento si è già riscontrato nella produzione letteraria di Clemente
d’Alessandria, il quale negli Stromati adotta uno stile completamente differente rispetto a quello del Protrettico e del
Pedagogo. Va evidenziato però che nonostante questa presa di posizione di Cipriano, il suo stile comprenderà nel
contempo l’estetica stoica della prosa filosofica e la nuova ars discendi. A suo giudizio la metafora non stona, non essendo
un semplice ornamento, ma un mezzo per insegnare e commuovere facendo penetrare la verità nelle anime. Cf. S. Deléani,
Christum sequi, Étude d’un thème dans l’oeuvre de saint Cyprien, in Études Augustiniennes, Paris 1979, 21 n. 72; 150.
20
Il ricorso ai fatti, preannunciato qui da Cipriano, in opposizione alle eloquentiae vires, fa parte dell’ideale
ciceroniano (cf. Tusc. V,11,32: Rem enim opinor spectari oportere, non verba) come pure di Seneca (cf. Ep. 75,5:
eloquentia ... res potius quam se ostendat). Prima di Cipriano è Minucio Felice che lo raccomanda nel suo Ottavio (15,2).
Per il filosofo e il teologo cristiano i fatti rivestono un’importanza capitale: il cristianesimo è un fatto, è dunque possibile
studiarlo solo tramite il metodo storico. Gli argomenti che tale metodo fornisce danno dei motivi sufficienti di credibilità:
questi ci portano alla fede naturale, puramente intellettuale. È con l’aiuto della grazie che si crede soprannaturalmente, e
Cirpiano svilupperà questa idea nel Ad Quir. III,20.30.42.45.52-53.
21
L’opposizione disertus-fortis si trova già in Cicerone (De orat. 1,54,231). Per il loro stile e la loro vita i cristiani,
secondo Cipriano, devono imitare il Dio forte.
fossero  di  me  stesso  la  parte  più  vera  e  nativa.  Ma  dopo  l’aiuto  dell’acqua  rigeneratrice,  detersa  la  
macchia  della  vita  passata,  nel  mio  animo  purificato  e  mondato,  si  diffuse  dall’alto  la  luce;  ricevuto  lo  
Spirito   celeste,   la   seconda   nascita   mi   trasformò   in   un   uomo   nuovo.   Improvvisamente   ciò   che   era  
dubbioso  divenne  meravigliosamente  certo,  ciò  che  era  impenetrabile  diventò  palese,  ciò  che  era  
oscuro  mi  apparve  luminoso,  diventò  facile  ciò  che  prima  pareva  difficile,  e  possibile  ciò  che  prima  
appariva   impossibile;   compresi   allora   che   apparteneva   alla   terra   quanto   prima,   nato   dalla   carne,  
viveva  soggetto  al  peccato,  mentre  iniziava  ad  appartenere  a  Dio  ciò  che  lo  Spirito  santo  già  vivificava.  
Tu  sai  bene  e  con  me  riconosci  che  cosa  ci  ha  tolto  la  morte  di  questi  vizi  e  che  cosa  ci  ha  donato  la  
vita  delle  virtù.  Tu  stesso  lo  sai,  perciò  non  insisto.  È  odiosa  vanteria  elogiare  se  stessi,  sebbene  non  
possa  considerarsi  ostentazione  –  bensì  gratitudine  –  ciò  che  ascriviamo  non  alle  capacità  umane,  ma  
lo   riconosciamo   come   dono   di   Dio;   infatti,   il   non   peccare   più   proviene   dalla   fede,   mentre   la  
precedente  vita  peccaminosa  dipende  dalla  debolezza  umana.  È  di  Dio,  ripeto,  è  di  Dio  ogni  nostra  
possibilità.  Da  lui  abbiamo  la  vita  e  la  forza,  e  dopo  averne  ricevuto  il  vigore,  possiamo  pregustare  
qualcosa   dei   beni   futuri   già   nella   vita   presente.   Solo   il   timore   sia   custode   della   nostra   innocenza  
perché  il  Signore,  che  benevolmente  ha  fatto  irruzione  nelle  nostre  anime  con  l’effusione  della  grazia  
celeste,  in  forza  delle  opere  di  giustizia  sia  trattenuto  come  ospite  nell’anima  che  diletta,  cosicché  la  
sicurezza  ottenuta  non  induca  alla  negligenza  e  l’antico  nemico  non  torni  nuovamente  a  insinuarsi  
furtivo.  
 
Ad  Donatum  14:  Solo  Dio  dà  la  vera  sicurezza22  
Pertanto,  una  sola  è  la  tranquillità  placida  e  certa,  una  sola  la  sicurezza  stabile  e  ferma,  riservata  a  chi  
–   sottratto   alle   turbinose   tempeste   del   mondo   –   stabilmente   si   ancora   al   porto   della   salvezza:   dalla  
terra   alza   gli   occhi   al   cielo   e,   ammesso   al   dono   del   Signore,   è   già   vicino   con   la   sua   mente   a   Dio;  
qualunque  cosa  terrena  ad  altri  appaia  grande  e  sublime,  nel  suo  intimo  si  gloria  di  non  stimarla.  Nulla  
può   domandare,   nulla   desiderare   dal   mondo   chi   è   superiore   al   mondo.   Quale   stabile   e   sicura  
protezione,  quale  presidio  celeste  ai  beni  perenni  è  l’essere  liberati  dai  lacci  avvolgenti  del  mondo,  
l’essere  purificati  dalle  sozzure  terrene,  tesi  alla  luce  dell’eterna  immortalità!  Allora  si  vedrà  quale  
subdola  rovina  ha  provocato  in  noi  l’offensivo  nemico.  Siamo  spinti  ad  amare  di  più  ciò  che  saremo,  
avendoci  concesso  di  conoscere  e  condannare  ciò  che  eravamo.  A  ciò  non  serve  il  denaro,  l’intrigo  o  
la  violenza,  come  avviene  per  procurarsi  con  immane  sforzo  la  somma  dignità  e  il  potere  umani:  il  
dono  di  Dio  è  facile  e  gratuito.  Come  il  sole  naturalmente  brilla,  il  giorno  illumina,  la  fonte  irriga,  la  
pioggia  irrora,  così  si  effonde  lo  Spirito  celeste.  Dopo  che  l’anima,  guardando  il  cielo,  ha  riconosciuto  
il  suo  creatore,  più  alta  del  sole,  più  sublime  d’ogni  terrena  potenza,  inizia  ad  essere  ciò  che  crede  di  
essere.    
 
Ad  Donatum  15:  Esortazioni  finali23  
Tu  che  la  milizia  celeste  ha  già  iscritto  agli  spirituali  accampamenti,  conserva  intanto  con  sapiente  
integrità  la  disciplina,  praticando  le  sante  virtù.  Sii  assiduo  alla  preghiera  e  alla  lettura.  Ora  parla  con  
Dio,  ora  Dio  con   te.   Egli   ti  istruisca   coi   suoi   precetti,   egli   ti   formi.   Nessuno   renderà  povero   chi   lui  ha  
arricchito.  Non  può  esserci  alcune  povertà  quando  il  cuore  è  saziato  dal  cibo  celeste.  Ormai  i  soffitti  
dorati  e  le  dimore  impreziosite  di  marmi  ti  appaiono  squallide  cose,  sapendo  che  devi  abbellire  e  
ornare  ancor  più  te  stesso,  poiché  più  preziosa  è  questa  tua  dimora  in  cui  risiede  il  Signore  come  in  
un   tempio,   dove   lo   Spirito   santo   ha   iniziato   ad   abitare.   Dipingiamo   questa   casa   coi   colori  

22
CIPRIANO DI CARTAGINE, A Donato e La virtù della pazienza (Ad Donatum - De bono patientiae), a cura di J.
MOLAGER - A. CARPIN (= Souces Chrétiennes Edizione Italiana 2), Edizioni San Clemente, Roma 2007, 111-113.
23
CIPRIANO DI CARTAGINE, A Donato e La virtù della pazienza (Ad Donatum - De bono patientiae), a cura di J.
MOLAGER - A. CARPIN (= Souces Chrétiennes Edizione Italiana 2), Edizioni San Clemente, Roma 2007, 113-115.
dell’innocenza,  illuminiamola  con  la  luce  della  giustizia.  Essa  non  cadrà  mai  in  rovina  per  vetustà  di  
anni,  né  si  abbruttirà  col  corrompersi  del  colore  e  dell’oro  alle  pareti.  Tutte  le  cose  artificiose  sono  
caduche,  né  garantiscono  stabile  sicurezza  a  chi  le  possiede,  poiché  non  sono  veramente  possedute.  
Questa   dimora,   invece,   rimane   col   suo   vivo   ornamento,   nel   suo   intatto   decoro,   col   suo   eterno  
splendore.  Non  può  essere  annullata  né  distrutta;  può  essere  soltanto  meglio  trasformata  in  un  corpo  
risorto.          
 
De  ecclesiae  catholicae  unitate  
4.   Chi   invece   considera   tutto   ciò   con   attenzione   non   ha   bisogno   di   lunghe   trattazioni   e   di  
dimostrazioni.   La   prova   della   fede   si   ha   facilmente   con   poche   parole   che   sintetizzano   la   verità.   Il  
Signore  parlando  a  Pietro,  disse:  Io  ti  dico  che  tu  sei  Pietro  e  su  questa  pietra  edificherò  la  mia  chiesa,  
e  le  porte  degli  inferi  non  la  vinceranno.  A  te  darò  le  chiavi  del  regno  dei  cieli,  e  ciò  che  legherai  sulla  
terra  sarà  legato  anche  nei  cieli,  e  ciò  che  scioglierai  sulla  terra  sarà  sciolto  anche  nei  cieli  (Mt  16,18-­‐
19).  
 
Ed  egli,  dopo  la  sua  risurrezione,  gli  dice:  Pasci  le   Su  uno  solo  egli  edifica  la  Chiesa,  e  benché  dopo  
mie   pecore.   Il   Signore   edifica   la   Chiesa   sopra   la   sua   risurrezione   conferisca   a   tutti   gli   apostoli  
Pietro   e   a   lui   comanda   di   pascere   le   pecore   e,   un’uguale   potestà,   dicendo:   Come   il   Padre   ha  
sebbene  conferisca  a  tutti  gli  apostoli  un’uguale   mandato   me,   anch’io   mando   voi.   Ricevete   lo  
potestà,  tuttavia  ha  costituito  un’unica  cattedra   Spirito   Santo:   se   rimetterete   i   peccati   di  
e  ha  disposto  di  sua  autorità  l’origine  e  il  motivo   qualcuno  gli  saranno  rimessi;  se  glieli  riterrete,  
dell’unità.   Certamente   anche   gli   altri   apostoli   saranno  ritenuti,  tuttavia  per  manifestare  l’unità  
erano   ciò   che   fu   Pietro,   ma   il   primato   è   stato   dispose  di  sua  autorità  che  l’origine  della  stessa  
dato   a   Pietro   in   modo   che   appaia   una   sola   iniziasse  da  uno  solo.  Certamente  anche  gli  altri  
Chiesa   e   una   sola   cattedra;   tutti   sono   pastori,   apostoli  erano  ciò  che  fu  Pietro,  muniti  insieme  
ma  si  mostra  che  c’è  un  unico  gregge  governato   in   pari   grado   dell’onore   e   della   potestà;   ma  
con   unanime   concordia   da   tutti   gli   apostoli.   l’inizio  parte  all’unità,  per  indicare  che  la  Chiesa  
Come  crede  di  possedere  la  fede  chi  non  tiene   di  Cristo  è  una  sola.  Anche  nel  Cantico  dei  Cantici  
ferma   quest’unità   di   Pietro?   Come   crede   di   lo   Spirito   santo   designa   a   nome   del   Signore  
essere  nella  Chiesa  chi  abbandona  la  cattedra  di   quest’unica  Chiesa,  dicendo:  Una  sola  è  la  mia  
Pietro  sul  quale  è  stata  fondata  la  Chiesa?     colomba,  la  mia  perfetta,  è  l’unica  di  sua  madre,  
eletta  della  sua  genitrice.    Come  può  credere  di  
possedere  la  fede  chi  non  mantiene  quest’unità  
della  Chiesa?  Come  può  pensare  di  essere  nella  
Chiesa   chi   si   oppone   e   resiste   alla   Chiesa,  
quando  anche  il  beato  apostolo  Paolo  insegna  la  
stessa   cosa   e   mostra   il   sacramento   dell’unità,  
dicendo:     Un   solo   corpo   e   un   solo   Spirito,   una  
sola  la  speranza  della  vostra  vocazione,  un  solo  
Signore,   una   sola   fede,   un   solo   battesimo,   un  
solo  Dio?  
5.   Dobbiamo   mantenere   e   rivendicare   con  
fermezza   quest’unità,   soprattutto   noi   vescovi  
che  presiediamo  nella  Chiesa,  per  dar  prova  che  
anche  lo  stesso  episcopato  è  uno  solo  e  indiviso.  
Nessuno   inganni   con   menzogne   i   fratelli,  
nessuno  corrompa  la  verità  della  fede  tradendo  
con  perfidia  la  fede.    
   
5.  L’episcopato  è  uno  solo,  e  i  singoli  vescovi  nella  propria  parte  lo  possiedono  in  solido.  Una  sola  è  la  
Chiesa  che  ampiamente  si  moltiplica  per  la  sua  rigogliosa  fecondità,  come  molti  sono  i  raggi  del  sole,  
ma  unica  è  la  luce;  come  molti  sono  i  rami  di  un  albero,  e  unico  è  il  tronco  fondato  su  salde  radici.  
Quando  molti  ruscelli  fluiscono  da  un’unica  sorgente,  benché  sembrino  molteplici  per  l’abbondanza  
e  la  generosità  dell’acqua,  essi  conservano  l’unità  dell’origine.  Separa  il  raggio  del  sole  dalla  massa  
solare;  l’unità  della  luce  non  ammette  divisioni.  Spezza  un  ramo  dall’albero;  il  ramo  spezzato  non  
potrà   germogliare.   Taglia   il   ruscello   dalla   sorgente;   il   ruscello   interrotto   inaridisce.   Così   anche   la  
Chiesa,  avvolta  della  luce  del  Signore,  diffonde  i  suoi  raggi  su  tutto  il  mondo,  ma  unica  è  la  luce  che  
ovunque  si  espande  senza  inficiare  l’unità  del  corpo;  con  esuberante  fecondità  essa  stende  i  suoi  rami  
su   tutta   la   terra;   con   larga   abbondanza   fa   scorrere   i   suoi   fiumi   copiosi.   Ma   unico   è   il   principio,   la  
sorgente  è  una  sola,  unica  la  madre  feconda  e  ricca  di  figli;  dal  suo  grembo  nasciamo,  del  suo  latte  ci  
nutriamo,  dal  suo  spirito  riceviamo  la  vita.        
6.  Non  si  può  corrompere  la  sposa  di  Cristo,  poichè  è  intatta  e  pura:  una  sola  casa  conosce  la  santità  
di  un  unico  talamo  custodisce  con  casto  pudore.  Essa  ci  conserva  per  Dio  e  al  Regno  destina  i  figli  che  
ha  generato.  Chi,  allontanandosi  dalla  Chiesa,  si  unisce  a  un’adultera,  si  separa  dalle  promesse  della  
Chiesa,   né   perviene   ai   premi   di   Cristo   chi   abbandona   la   Chiesa   di   Cristo:   è   un   estraneo,   un   profano,  
un   nemico.   Non   può   avere   Dio   come   padre   chi   non   ha   la   Chiesa   come   madre.   Se   si   fosse   potuto  
salvare  chi  era  fuori  dall’arca  di  Noè,  si  salverebbe  pure  chi  è  fuori  della  Chiesa.  Il  Signore  ci  avverte,  
dicendo:  Chi  non  è  con  me  è  contro  di  me,  e  chi  non  raccoglie  con  me  disperde.  Chi  spezza  la  pace  e  
la  concordia  di  Cristo  agisce  contro  Cristo;  chi  raccoglie  altrove  fuori  della  Chiesa  disperde  la  Chiesa  
di   Cristo.   Dice   il   Signore:   Io   e   il   Padre   siamo   una   cosa   sola;   e   ancora,   è   scritto   del   padre,   del   Figlio   e  
dello   Spirito   santo:   E   i   tre   sono   una   cosa   sola.   E   qualcuno   crede   che   quest’unità,   derivante   dalla  
stabilità   divina,   mantenuta   salda   dai   sacramenti   celesti,   possa   essere   spezzata   nella   Chiesa   col  
dividersi   di   volontà   contrastanti?   Chi   non   conserva   quest’unità   non   conserva   la   legge   di   Dio,   non  
conserva  la  fede  del  padre  e  del  Figlio,  non  conserva  la  vita  e  la  salvezza.    

Potrebbero piacerti anche