Sei sulla pagina 1di 4

c legge di Frank-Starling 


 legge di Starling meccanismo di Frank-
Starling  
                   
                         
                  
 
   

   
       
 
      


  
          
   
         
          
    

          
    
                    
               
      
    
        
      
  

    !
     
  
      
              
               c             
            
  
          

  
      
    

"#$%&'()%*$+)$', -.-,,',-##-."('/,$#.-,&*)/- 
      0         0       
Il cuore si contrae 60-70 volte al minuto (frequenza cardiaca). Ogni volta che il ventricolo si contrae (perché deve
espellere il sangue che ha dentro per mandarlo in circolo ) butta fuori un certo volume di sangue.
 
                      
    
        1  

     
         
23

Dato che la gettata pulsatoria è di 70ml e il cuore si contrae circa 70 volte al minuto il volume di sangue espulso è di
circa 5000ml al minuto. Questo valore, essendo un volume diviso un tempo, è un flusso e prende il nome di  
  GC (chiamata anche portata cardiaca).
 
         0         
    
    
,                    4
,5

      
 
   
Non bisogna confondere la gettata cardiaca con il volume di sangue (sangue contenuto nel sistema) visto che sono
entrambi di 5l.
La gettata cardiaca a riposo è di 5l al minuto ma può aumentare fino a 30l al minuto; mentre il volume di sangue
rimane sempre di 5l.
Dei 5l di sangue che ci sono in circolo 3,3l sono contenuti
 
circolo sistemico mentre 1,7l sono contenuti
 
circolo
polmonare.
C·è più sangue nel circolo sistemico che in quello polmonare.
Immaginiamo (come nel disegno) che la gettata cardiaca sia di 5l al minuto ma che la gettata del cuore di destra sia
un po· di più (per esempio 5,1l al minuto) rispetto alla gettata del cuore di sinistra.
1                  633
         
      
Con questa differenza dopo 10 minuti ci sarà uno spostamento di sangue dal circolo sistemico al circolo polmonare
(uno perde un litro e l·altro si arricchisce di un litro perché il totale deve essere sempre di 5l) avremo 2,7l nel circolo
polmonare e 2,3l nel circolo sistemico.
Avremo quindi ipotensione ortostatica (il paziente sviene perché ha una pressione troppo bassa), ma, soprattutto,
avremo un ingorgo ematico nel circolo polmonare; i vasi polmonari saranno sovradistesi, la pressione nel circolo
polmonare aumenterà, verrà prodotto liquido che filtra dai capillari polmonari verso l·interstizio polmonare si forma
l·edema interstiziale polmonare il quale sfocerà in edema alveolare (schiuma dalla bocca). Morte dopo soli 2 giorni
per una differenza di soli 100ml tra cuore destro e cuore sinistro.
$                           

,-##-."('/,$#%"),)#)$#,-"-.-,,'%$-.-,,5733 c-/,&*)/-
.                    
        
                   
"                           
 
           
  
Se per qualche motivo (ad esempio cambiamo posizione) c·è un aumento o una diminuzione del volume di sangue
che arriva al ventricolo, il ventricolo adeguerà la forza di contrazione al volume che c·è.
" 5   
      
        
       
    
                      
1                    
60

c               


         

   
          
1    
  
       
 
,   5
    
      
          
   
   
  -5      
  

Durante la nostra vita normale ci sono delle variazioni di ritorno venoso del sangue al cuore il volume di sangue che
esce dal ventricolo varia continuamente però continuamente viene adeguata la forza di contrazione.
Quando, invece, all·aumentare ulteriore del volume di riempimento diastolico la forza, invece che continuare a salire,
scende ci troviamo in una fase di scompenso (che può essere più o meno reversibile).
E· l·atteggimento di quello che viene definito in clinica cuore scompensato; perché arriva tanto sangue al cuore ma il
miocardio non ha la forza sufficiente per buttare fuori tutto il sangue che gli è arrivato; si ha quindi una progressiva
dilatazione del miocardio .
&  
  4
In parte riflette il fatto che a lunghezze troppo eccessive i ponti di actina e miosina sono così distanziati tra di loro
che non riescono a sviluppare una forza sufficiente. Quindi, così come nel sarcomero, così come nel muscolo
scheletrico, così anche nel muscolo cardiaco c·è quest·abbassamento.
          ,'c,'&-            
(   8%9   
La legge di LaPlace applicata ad una struttura sferica (analogia con il ventricolo anche se non è perfettamente
sferico) ed elastica dice che la pressione è uguale a due volte la tensione che si sviluppa nella parete diviso R.
c80(9
c80%9:6980%9; <           
All·aumentare del volume di riempimento aumenta il raggio, ma, all·aumentare del raggio scompenso il cuore, perché,
all·aumentare del raggio, per sviluppare una pressione uguale devo far aumentare la forza di 4 volte (perché il raggio
è al quadrato).
Il muscolo ad un raggio doppio non riesce a sviluppare una forza 4 volte più grande perché i sarcomeri sono ad una
lunghezza tale per cui non c·è più abbinamento tra i ponti di actina e di miosina. Per cui in una situazione in cui io
avrei bisogno di una forza 4 volte più grande in realtà c·è una forza che è ben più ridotta e quindi il cuore si
scompensa.
La legge di Starling ci consente di comprendere come viene adeguata la gettata pulsatoria e quindi la gettata
cardiaca del cuore destro e del cuore sinistro. Mentre siamo ad un volume telediastolico nei limiti della norma si
parla di cuore compensato. Nel cuore scompensato (anche perché la struttura del miocardio è malata) si ha una
rapida regressione verso strutture non fisiologiche. 

$  
          
    
 

   
    "    
               
    
   
      

  
  
       
              
     
                
 
    
   
       
             

               
    
    
  

     
  
           +  
     
     =     

 
, 
     
 
      
     
 
   >      
  
      
  
         
     
      
   
       
        
    
   
1         
       
 
        
                -    
      
   
                      
       

             
    

           


          
 
  
         
  
   
          

 
 "  1        
   
  ?
    
   
 
 "     
 
*   
 

        
  @ 
    
    A      &&/&
 
    
   
  
    
     @            
        
               
 
          "         
  B  
  A     C    
   
  
  
    
               
    
           
 
1     
 
    6        
    
    
0                    

 "      
 
      
      
"  
.     
                 
        
 >  
  
   
"  
      
4"     
       "   
      
         41       
  
      $                

       @ 
      A           
    
                        
   
        
   A 
     
   

   
        

%    ,   DA,   "   6E
3F96390363
$  >A                       "  

     

        
        

@
B%    C   
@Bc   Cc            
 
    A       '           
   "                  
    
          A       &  
                    
      

&          4B. 

       
  
     <
      
   C- >  
  
    
      &
         B*

 
=   "  4&   
 4G  
      
   
 
              &
 ! 4C.    
 
    
  
    
  
  
                           
  
    
  
   1         
       

          
Ê