Sei sulla pagina 1di 4

Filos dell’ente 12-10-21

Il metodo della metafisica è un metodo di risoluzione, muove della esperienza verso i


principi e cause, analizzando la realtà che mi circonda la devo ricondurre a dei principi per
che possa capire= alla realtà, la prima nozione è l’ente.

Risoluzione: vuol dire comprendere da cosa dipende la realtà, che in se stessa non è
autosufficiente, come mai la realtà è? La risoluzione è la causa prima che è Dio che non è la
realtà stessa

Dopo aver ricondotto, l’essere ai suoi principi, dobbiamo essere in grado di tornare alla
realtà che è oggetto della nostra riflessione, e quindi fa parte del metodo della metafisica
anche il movimento complementare al analisi o risoluzione che che è la sintesi o composizio
Dalle cause si vede il legame con gli effetti, dal principio si ritorna a ciò deriva dal principio

Il corso risolve la realtà verso i suoi principi

Principi
Principi de gli enti: nozione di ente e principio di non contraddizione, hanno una
differenza, alcuni principi sono nozioni altri proposizioni.
I principi hanno delle differenze alcuni sono nozioni altri proposizioni.

Es:
- Ente è una nozione = ciò che è
- Se dico Il principio di non contraddizione è una legge. Non è una nozione che
deriva da una realtà.

Proposizioni: frasi che collegano un soggetto e un predicato. (La verità è a livello di


giudizi, se non ho delle nozioni non posso avere giudizi)

Come si arriva alle nozioni(concetti )?


- che sono universali che sia formano della realtà individuali

Concetti universali: a partire delle realtà individuali che sono predicati una stessa specie.
Es: se dico il concetto di uomo è universale perché lo posso applicare a tutti i singoli
uomini che colgo con un concetto.

Coem si arriva al concetto?


- Tramite la astrazione(intelletto capace ti tirare fuori le caratteristiche). Sono a vari
livelli, il primo è la disindividuazione si prescindere della materia individuale,
quello di astrarre. Posso prescindere della individualità e formarmi un concetto.

- Un livello più profondo è quando si prescindere dalla materialità completamente.

- Il livello della metafisica è quello che fa giudizi di separazione(si capisce che ci


sono delle realtà che sono separate della materia).

Ai concetti si arriva con dei procedimenti mentali propri umani e costituiscono la ricchezza
e insieme il limite della console umana.
1

Filos dell’ente 12-10-21


Ricchezza: perché grazie ai concetti posso vare dei concetti universali e formare i giudizi.
Limite: in concerti sono astratte, non coglieremo fino in fondo le realtà individuali per
pesarli dobbiamo separarcene.

Dio non ha bisogno di concerti perché conosce fino in fondo la realtà.

Grazie a concetti prossimo formulare dei giudizi, anche la metafisica ha dei propri giudizi e
arriva a comprendere che sono dei principi che sono regole che tengono insieme tutte le
realtà.

Es: ogni colorato è stesso. Questo è un principio.

Un giudizio collegano un soggetto è un predicato e quindi una realtà concettuale.

Nel caso della metafisica filos dell’ente: si tratta di trovare dei giudizi che in qualche modo
ci dicano qual è l'aspetto più profondo e universale dell'essere stesso.

Il principio fondamentale della filos del ente e quello di non contraddizione(tiene insieme
tutta la realtà e tutto il nostro conoscere).

Approfondiamo. questione dei principi:

I principi: sono giudizi e ogni scienza ha i suoi principi.


- sono giudizi generali che si usano a partire della disciplina stessa.

Qual è la caratteristica fondamentale dei principi della metafisica?


- si radica nell'identità stessa della metafisica, conta le caratteristiche fondamentali dell'ente
in quanto ente.
- La metafisica e quello sguardo che si colloca all’orizzonte, sotto, alla base di tutte le altre
realtà.

Es: una caramella che possa essere studiata da diverse scienze, una sua storia, per il
fatto che la caramella c'è è un fatto radicale perché se non c'è non è nulla e quindi
dobbiamo cogliere l'aspetto fondamentale della realtà stessa.

Possiamo capire che i principi della metafisica sono principi che riguardano la realtà
nella sua essenzialità.

La prima realtà fondamentale della realtà è che questo ci sia.

I principi della metafisica si possono chiamare principi primi, (il filosofia non è un fatto
cronologico) ciò che primo nell'essere e ultimo nel conoscersi. Sono primi perché sono
presupposti da tutti i principi delle altre scienze, presupposti da altri giudizi e altri discorsi.

es:Non è che dai principi della metafisica, si deducono altri principi della matematica
e della fisica.

Filos dell’ente 12-10-21


- sono a premi in quanto sono conosciuti per primo.
- Non sono primi in quanto per loro si deduce tutto.
- Non sono primi perché ogni disciplina devi studiarli.

Sono primi perché sono presupposti da tutte le altre conoscenze. Nessun tipo di altro
principio scienza può esistere se non ci fossero prima i principi dell'essere di conoscere e di
ordine metafisico.

Qualunque tipo di affermazioni, principio o di scienza che pretende di avere un


rapporto vero con la realtà presuppone principi fondamentali della metafisica

Si presuppone che la realtà esiste e si presuppone anche il principio fondamentale di


ragionamento, la metafisica in qualche modo la disciplina fondamentale che non riceve
principi di altre scienze ma i cui principi sono presupposti.

Un prerequisito tra vari tipi di sapere (È fondamentale perché ogni scienza può ricevere da altre
scienze)
- Così si creano rapporti di Sabalternazione tra le scienze. Si appoggiano una sull’altra.
- Ricevono principi di altre scienze e sono collegati, ma non vuol dire che diventi altra
scienza, ognuna lascia ala sua individualità.

Aristotele es di subalternazioni
- La scienza dell'equitazione riceve materialmente la scienza dalle briglie.
- La scienza delle briglie non avrebbe senso senza l’equitazione,
- Che senso all’equitazione?

- E finalizzata alla e strategie, ma le strategie a cosa è finalizzata, questo te lo mette come


all'arte della politica che l'arte del vivere comune, così la politica non ha niente al di sopra e
del sapere superiore ma in quanto superiore non è il primo che sta in basso ma è quello che
dà la struttura e il senso a tutta la struttura.

meta sica è un sapere architettonico, metadisciplinare (tante discipline che parlano di una
stessa cosa), non prende i propri principi da altre discipline, ma li prende dalla realtà: sono
principi evidenti

Multi disciplinareità: rendersi conto che ci sono tante discipline che parlano della stessa
cosa.

Transdisciplinarietà: principio fondamentale dell'ultimo secolo. (attraversare le discipline)


Capire quale rapporti ci sono tra di loro.

Clavell ha diffuso la metadiscilpliniraietà.

metadiscilpliniraietà: rendersi conto che l'interno della Transdisciplinarietà è necessario


trovare qual è la metà-disciplina cioè la disciplina architettonica.

Perché a questo potere la meta sica di essere prima presupposta?

Che prende i propri principi dall'evidenza della realtà, dalla realtà stessa.

3
fi

fi

Filos dell’ente 12-10-21


Con quale metodo le altre scienze prendono anche l'evidenza della realtà?

Le scienze e l'approccio che hanno con la realtà è mediato dall'esperimento e dalla


risoluzione.

Le scienze arrivano a raggiungere quel tipo di realtà e divertita che con il loro metodo hanno
deciso di raggiungere. Così conoscenze aggiungo quella parte di verità che loro metodo mi
consente di raggiungere.

Peculiarità del metodo della meta sica:

Infondo cerca cogliere nella realtà ciò che in anzitutto è evidente.

Evidenza è diverso della ovvietà

Evidenza: deriva dal vedere (forma metaforica)qualcosa che si impone come vero a me
(dentro sai che è vero o falso, la evidenza si impone).

Cartesio: accettiamo come vero solo ciò che è chiaro ed evidente.

Non tutto ciò che è evidente altrimenti saremo Dio.

La prima evidenza = sono quella dei sensi, sono senza mediazioni e sono immediate.

Le conoscenze immediate di tipo intellettuale: alcune cose le capiamo non perché le


vediamo ma li capiamo.

Evidenze immediate(dimostrate): di oggetti della geometria.

Il punto di partenza della conoscenza meta sica sono le evidenze.

Evidenza dei sensi: sono aperture a domande come il principio di non contraddizione che è
talmente primo che non può essere dimostrato ma solo mostrato.

L’ovvietà: diversa dall'evidenza perché ovvio e quello che non è evidente ma anche mi
hanno detto, la ne penso che è vero perché altri me l'hanno detto.

- ovvietà vere: ne pensiamo che sono cosi ma acriticamente e sono cosi

- ovvietà false: ne pensiamo che sono cosi ma acriticamente ma non è cosi.

La loso a non può partire dalla ovvietà ma deve criticare la ovvietà

4
fi
fi
fi
fi
fi

Potrebbero piacerti anche