Sei sulla pagina 1di 2

18/11/21, 03:32 Covid. Si rialza mortalità in eccesso in Europa: dal +5% di luglio al +12% di settembre.

di settembre. In Italia si è invece passati dal +3,3 al +6,4

quotidianosanità.it

Mercoledì 17 NOVEMBRE 2021

Covid. Si rialza mortalità in eccesso in Europa: dal


+5% di luglio al +12% di settembre. In Italia si è
invece passati dal +3,3 al +6,4
La fotografia di Eurostat sui dati di settembre mostra un evidente rialzo dell’eccesso di mortalità in tutti i
Paesi anche se con marcate differenze: alcuni Stati (Bulgaria, Romania, Grecia e Lituania) hanno
registrato tassi di mortalità in eccesso superiori al 30% a settembre, con la Bulgaria al 50 %, mentre altri
(Belgio, Cechia, Ungheria, Italia, Lussemburgo, Polonia, Portogallo, Slovacchia e Svezia) hanno
presentato tassi inferiori al 10%.

L’eccesso di mortalità nella UE è aumentato di nuovo durante i mesi estivi. Dopo un minimo del +5% a luglio,
questo indicatore è salito a +8% ad agosto e +12% a settembre 2021 (rispetto alle medie degli stessi mesi 2016
– 2019).
 
Anche in Italia, seppur con valori molto inferiori, si è registrato un incremento, passando dal 3,3 di eccesso di
mortalità di luglio 2021 al 6,6 ad agosto e al 6,4 a settembre.
 

 
La situazione è gradualmente peggiorata nella maggior parte degli Stati membri e ha continuato a variare nell'UE
da +50% in Bulgaria a meno del +4% in Belgio, Svezia e Ungheria nel settembre 2021.
 
Nel 2021, l'eccesso di mortalità ha raggiunto un nuovo picco ad aprile (20,6%) per poi scendere al 10,2% a
maggio e scendere a un minimo del 5,1% a luglio.
 
Durante l'estate del 2021, la tendenza al ribasso si è invertita e il tasso dell'UE è nuovamente aumentato per
raggiungere l'8,2% in agosto e il 12,1% in settembre, nel periodo di riferimento.
 
https://www.quotidianosanita.it/stampa_articolo.php?articolo_id=100073 1/2
18/11/21, 03:32 Covid. Si rialza mortalità in eccesso in Europa: dal +5% di luglio al +12% di settembre. In Italia si è invece passati dal +3,3 al +6,4
Durante il picco di aprile 2021, quando è stato raggiunto il 20,6% di mortalità in eccesso rispetto al periodo di
riferimento 2016-2019: alcuni paesi avevano tassi molto elevati, con tassi di mortalità in eccesso superiori al 50
% in Bulgaria (76,7%), Polonia (65,3%), Cechia (61,5%), Slovacchia (54,9%) e Ungheria (50,6%), mentre altri (ad
es. Portogallo, Danimarca, Svezia e Finlandia) non hanno registrato decessi in eccesso.
 
A maggio, giugno e luglio 2021, il numero complessivo di decessi nell'Unione europea è ulteriormente diminuito,
raggiungendo un tasso complessivo del 5,1% a luglio 2021, il tasso più basso dell'anno da luglio 2020.
 
Ad agosto e settembre 2021, mentre il tasso di mortalità è nuovamente aumentato, l'eccesso di mortalità ha
continuato a variare notevolmente tra gli Stati membri dell'UE, evidenziando alcuni Stati (Bulgaria, Romania,
Grecia e Lituania) che hanno registrato tassi di mortalità in eccesso superiori al 30% a settembre, con la Bulgaria
al 50%, mentre altri (Belgio, Cechia, Ungheria, Italia, Lussemburgo, Polonia, Portogallo, Slovacchia e Svezia)
hanno presentato tassi inferiori al 10%.
 

https://www.quotidianosanita.it/stampa_articolo.php?articolo_id=100073 2/2

Potrebbero piacerti anche