Sei sulla pagina 1di 60

Analisi 3, Arrigo Amadori

Analisi 3

di Arrigo Amadori

http://arriama.altervista.org/

1
Analisi 3, Arrigo Amadori

Avvertenze:

il simbolo significa "appartiene"

il simbolo significa "per tutti"

il simbolo significa "esiste"

il simbolo significa "tale che"

l'insieme dei numeri naturali è per cui

l'insieme dei numeri interi è

la scrittura significa che è sottoinsieme proprio di (almeno un elemento di non


appartiene ad )

la scrittura significa che è sottoinsieme di

2
Analisi 3, Arrigo Amadori

Indice generale
01 - Spazi L^p................................................................................................................................................5
01 - Funzione L-misurabile e sommabile..................................................................................................5
02 - Definizione di L^p(A)........................................................................................................................5
02 - Serie di Fourier.......................................................................................................................................8
03 - Trasformazione di Fourier....................................................................................................................14
01 - Trasformazione di Fourier in L(R^n)...............................................................................................14
02 - Convoluzione...................................................................................................................................16
03 - Trasformazione di Fourier da L^1(R^n) a L^infinito(R^n).............................................................16
04 - Trasformazione di Fourier da L^2(R^n) a L^2(R^n).......................................................................17
04 - Trasformazione di Laplace...................................................................................................................20
01 - Trasformazione di Laplace..............................................................................................................20
05 - Tensori..................................................................................................................................................26
01 - k-tensore...........................................................................................................................................26
02 - Prodotto tensoriale...........................................................................................................................26
03 - k-tensore alternante..........................................................................................................................27
04 - Definizione di Alt(T).......................................................................................................................28
05 - Prodotto esterno...............................................................................................................................28
06 - Orientamento....................................................................................................................................30
07 - Elemento volumetrico......................................................................................................................31
08 - Prodotto vettoriale (o a croce)..........................................................................................................32
09 - Trasformazione indotta....................................................................................................................34
06 - k-forme.................................................................................................................................................35
01 - Forma differenziale di grado k o k-forma........................................................................................35
02 - k-forma di classe C^(q)....................................................................................................................35
03 - Somma e prodotti di k-forme...........................................................................................................36
04- Differenziale esterno di una k-forma................................................................................................36
05 - Trasformazione delle forme differenziali........................................................................................37
06 - Forma differenziale esatta e chiusa..................................................................................................38
07 - n-cubo singolare...............................................................................................................................39
08 - n-catena............................................................................................................................................39
09 - Frontiera di una n-catena.................................................................................................................40
10 - Prima definizione di integrale di una n-forma.................................................................................41
07 - Integrazione su varietà..........................................................................................................................43
01 - Varietà di R^n di dimensione r e classe C^(q).................................................................................43
02 - Trasformazione regolare..................................................................................................................45
03 - Trasformazione aperta.....................................................................................................................45
04 - Sistema di coordinate.......................................................................................................................46
05 - Carta. Atlante...................................................................................................................................47
06 - Partizione dell'unità per una varietà.................................................................................................47
07 - Integrale su una varietà....................................................................................................................48
08 - r-varietà di R^n di classe C^(q) con frontiera..................................................................................51
09 - Orientamento consistente di una varietà. Varietà orientabile..........................................................53
10 - Normale unitaria esterna alla frontiera............................................................................................53
11 - Varietà con frontiera orientabile. Orientamento della frontiera.......................................................54
12 - Normale ad una (n-1)-varietà di R^n...............................................................................................55
13 - Forma differenziale di classe C^(1) su una varietà..........................................................................56
14 - r-cubo di classe C^(1) su una varietà orientata, che conserva l'orientamento.................................56

3
Analisi 3, Arrigo Amadori

15 - Integrale di una r-forma su una r-varietà orientata..........................................................................57


16 - Integrale di una (r-1)-forma sulla frontiera di una r-varietà orientata (r>1)....................................57

4
Analisi 3, Arrigo Amadori

01 - Spazi L^p.
Gli insiemi delle funzioni a p-esima potenza sommabile sono spazi di Banach ed in particolare lo
spazio è uno spazio di Hilbert.

Lo spazio riveste un ruolo di particolare importanza in fisica in quanto la funzione d'onda , che è alla
base della meccanica quantistica, è un vettore di tale spazio.

In questo capitolo diremo che appartiene a se e appartengono a (dove indica la parte


reale e la parte immaginaria di un numero complesso).

01 - Funzione L-misurabile e sommabile.

Sia un sottoinsieme L-misurabile di e sia .

Si dice che è L-misurabile se lo sono e .

Si dice che è sommabile se lo sono e . In questo caso si pone:

(dove è l'unità immaginaria).

Ciò rappresenta una estensione al campo complesso del concetto di funzione sommabile. Con le dovute
modifiche, i teoremi enunciati nel capitolo delle "Funzioni sommabili" continuano a valere.

In particolare vale il teorema:

sia un sottoinsieme L-misurabile di e sia una funzione L-misurabile. Allora è


sommabile se e solo se appartiene a ed in questo caso risulterà:

02 - Definizione di L^p(A).

Sia un sottoinsieme L-misurabile di e sia una funzione L-misurabile. Sia reale


positivo e sia . Si dice allora che è di p-esima potenza sommabile e l'insieme di
tutte le funzioni di p-esima potenza sommabile su si denota con .

Se si scrive invece di .

Se è L-misurabile ed esiste reale positivo tale che q.d. su , allora si dice che
è essenzialmente limitata. Il numero:

si chiama estremo superiore essenziale di e viene indicato con .

L'insieme delle funzioni L-misurabili ed essenzialmente limitate si indica con .

5
Analisi 3, Arrigo Amadori

Se appartiene a e , si pone:

se

e:

se .

Se appartiene a , sia .

L'insieme delle classi si denota qui ugualmente (ciò non crea confusione) con ed è
evidentemente:

D'ora in poi si indicherà con l'insieme di dette classi (a meno che non si indichi diversamente).

Si noti che se appartiene a ed esiste reale positivo tale che su , allora


appartiene a per ogni .

Valgono i teoremi:

1. sia un sottoinsieme L-misurabile di . Sia e sia (se allora


e se allora ). Se appartiene a e appartiene a allora
appartiene a e vale:

(disuguaglianza di Hölder).

Si noti che è identica a e che e sono legati come indicato dal grafico:

2. sia un sottoinsieme L-misurabile di . Sia e siano e due funzioni


appartenenti ad . Sia un numero complesso. Poniamo:

Allora risulta uno spazio vettoriale.

6
Analisi 3, Arrigo Amadori

L'applicazione è una norma per cui è uno spazio normato

3. sia un sottoinsieme L-misurabile di . In l'applicazione:

dove è il complesso coniugato di , è un prodotto interno.

La forma è detta anche forma sesquilineare.

Per questo motivo è uno spazio vettoriale con prodotto interno

4. (Riesz-Fischer) sia un sottoinsieme L-misurabile di . Sia . Allora:

è uno spazio di Banach e quindi è uno spazio di Hilbert.

Il fatto che è uno spazio di Hilbert è di fondamentale importanza e rappresenta la base


matematica su cui si fonda la meccanica quantistica.

7
Analisi 3, Arrigo Amadori

02 - Serie di Fourier.
Assieme alla serie di Taylor, la serie di Fourier costituisce uno strumento di fondamentale importanza per
l'approssimazione di una funzione.

La serie di Fourier si basa sul concetto che un vettore può essere scomposto nelle sue componenti rispetto
ad un sistema ortonormale.

Sulla teoria delle serie di Fourier valgono i seguenti teoremi:

1. siano le funzioni:

dove e .

Il sistema è un sistema ortonormale di

Se appartiene a chiamiamo suo n-esimo coefficiente di Fourier il numero:

Si ha (Riemann-Lebesgue):

Si noti che qui ci riferiamo all'intervallo e così sarà in tutto il capitolo. I risultati ottenuti
possono però essere estesi ad un arbitrario intervallo chiuso tramite l'omeomorfismo:

dove

2. sia appartenente a . A partire dalla restrizione di a costruiamo la funzione


di dominio periodica di periodo definita come:

per appartenente a e .

8
Analisi 3, Arrigo Amadori

(nel caso in cui sia reale)

Allora risulta:

con .

Esplicitiamo i primi termini della successione:

... ... ...

3. sia una funzione da a periodica di periodo . Sia la restrizione di a appartenente


a . Condizione necessaria e sufficiente perché, per un dato , sia è
che per un fissato sia:

Questo teorema mostra che potrebbe avere un valore complesso. Questo valore non è
detto che sia .

Se appartiene a e per un punto di si ha:

si dice che è sviluppabile in serie di Fourier rispetto al sistema nel punto .

Sia una funzione da a periodica di periodo . Sia la restrizione di a appartenente


a . Se è continua in , può darsi che non sia sviluppabile in serie di Fourier in quel
punto.

Si potrebbe approfondire l'argomento introducendo un altro tipo di sommabilità per le , la


cosiddetta sommabilità secondo Cesàro (esattamente con naturale),
secondo la quale si avrebbe, nelle condizioni di cui sopra, sempre la convergenza a , ma ciò
esulerebbe dallo scopo introduttivo di questi semplici scritti.

9
Analisi 3, Arrigo Amadori

Ci limitiamo nei seguenti teoremi ad indicare le condizioni di convergenza secondo la


sommabilità sopra introdotta

4. (Dini) sia una funzione da a periodica di periodo . Sia la restrizione di a


appartenente a . Dato un punto , se la funzione:

è sommabile su allora:

In particolare (Lipschitz) se esistono in :

( rappresenta il limite destro di in e rappresenta il limite sinistro di in )


tali che:

per allora:

Se di più allora:

Esempio:

si voglia sviluppare in serie di Fourier la funzione periodica di periodo la cui restrizione


a è .

Seguono le approssimazioni per e per . Si noti che per lo sviluppo in serie di


Fourier fornisce (cioè ).

10
Analisi 3, Arrigo Amadori

11
Analisi 3, Arrigo Amadori

5. (Dirichlet-Jordan) sia una funzione da a periodica di periodo . Sia la restrizione di a


appartenente a . Se è sottoinsieme di e e sono a variazione
limitata su allora:

per ogni appartenente a

6. il sistema ortonormale è completo per . Da ciò deriva che:

per ogni appartenente a .

Si ha inoltre:

12
Analisi 3, Arrigo Amadori

13
Analisi 3, Arrigo Amadori

03 - Trasformazione di Fourier.
Si danno qui le principali definizioni e proprietà della trasformazione di Fourier.

In questo capitolo si utilizza lo stesso simbolo per indicare sia l'insieme che lo spazio vettoriale
delle funzioni sommabili. Nel primo caso gli elementi sono le funzioni, nel secondo caso sono le classi
delle funzioni. Ciò non genera ambiguità.

01 - Trasformazione di Fourier in L(R^n).

Sia una funzione appartenente a (insieme delle funzioni sommabili da a ).

Sia l'usuale prodotto interno in dove e sono

vettori di .

Poniamo:

dove .

La funzione si dice che è la trasformata di Fourier della funzione .

Poiché è sommabile su e è L-misurabile e limitata, la funzione è


anch'essa sommabile su .

Si noti che se appartiene a ed appartiene a , la funzione , con


appartenente a , è anch'essa appartenente a e si ha:

Si hanno i seguenti teoremi:

1. se appartenente a allora appartiene a (funzioni continue da a ) e la


funzione , dove e sono spazi vettoriali, tale che
, con , è una trasformazione lineare
continua

2. (Riemann-Lebesgue) se appartenente a allora:

(il limite è sulla norma di )

3. se e appartengono a allora:

4. sia appartenente a . Se è la funzione tale che , con appartenente a ,e

14
Analisi 3, Arrigo Amadori

appartiene a , allora:

Se appartiene a e la funzione appartiene a allora:

5. sia appartenente a (funzioni assolutamente continue su ) per ogni e reali ( )


e sia appartenente a allora si ha:

e:

Se appartiene a e la funzione appartiene ad per ogni , reali con


, e per ogni reali e la funzione appartiene a , allora:

6. sia appartenente a ed a valori reali. Sia un numero reale positivo e siano:

e:

Sia tale per cui sia reale ed esista un numero reale positivo per cui la funzione
. Allora:

7. (Jordan) sia appartenente a . Se esiste (con ) tale che e tale che


sono a variazione limitata, allora per ogni appartenente a si ha:

8. (sommabilità secondo Gauss) sia appartenente a . Si ha:

15
Analisi 3, Arrigo Amadori

in ogni punto di Lebesgue per (al secondo esponente vi è la norma quadra di ). Non diamo
qui, per esigenze di semplicità, la definizione di punto di Lebesgue e ci limitiamo ad affermare
che quasi ogni punto è punto di Lebesgue per (per cui il teorema vale q.d.) e che, in
particolare, ogni punto di continuità di è punto di Lebesgue

9. sia appartenente a e sia anch'essa appartenente a . Allora:

q.d..

In particolare la formula è vera se è punto di continuità di .

Si osservi che se appartiene a non è detto che anche appartenga a .

10. (di unicità) se e appartengono a e per ogni appartenente ad , allora:

q.d..

02 - Convoluzione.

Siano e appartenenti a . Allora esiste un sottoinsieme di tale che e la funzione


, appartenente a , è sommabile per ogni appartenente a .

La funzione definita da:

appartenente a , è sommabile e si chiama convoluzione (o risultante, o prodotto integrale) e si


indica con la scrittura:

Si conviene di porre porre nei punti di . La funzione allora appartenente a .

Si ha il teorema:

siano e appartenenti a . Sia . Allora:

03 - Trasformazione di Fourier da L^1(R^n) a L^infinito(R^n).

Sia appartenente a . Sia:

16
Analisi 3, Arrigo Amadori

con appartenente a , e:

Allora la funzione è lineare e continua e risulta:

per cui:

La definizione di trasformazione di Fourier data qui differisce da quella data in precedenza per il fattore
.

Diamo qui un teorema circa gli spazi :

(della continuità in media) sia appartenente a con . Allora si ha:

(il limite è sulla norma di ).

Vale inoltre il teorema:

se e appartengono a allora:

(il segno orizzontale indica il complesso coniugato).

In particolare si ha:

04 - Trasformazione di Fourier da L^2(R^n) a L^2(R^n).

L'insieme è denso in ed è un suo sottospazio. Allora la trasformazione


è lineare, continua ed isometrica da a . Per questi motivi, si
può prolungare in una trasformazione lineare, continua ed isometrica da a .

Questo prolungamento viene eseguito nel seguente modo. Sia appartenente a e sia
una successione in tale che . Allora esiste appartenente a
tale che:

17
Analisi 3, Arrigo Amadori

Porremo:

L'esistenza e l'unicità di detto prolungamento (nonché la proprietà di isometria) è assicurata da un


opportuno teorema che non riporteremo per esigenze di semplicità.

In questo modo abbiamo definito la trasformazione di Fourier da a .

La definizione può essere visualizzata dal seguente grafico:

Valgono i seguenti teoremi:

1. la trasformazione è una trasformazione unitaria di su se stesso

2. (Plancherel) sia appartenente a . Sia:

(dove nel dominio dell'integrale è indicata la norma di ) con appartenente a ed


appartenente a . Allora esiste appartenente a tale che:

Sia:

(dove nel dominio dell'integrale è indicata la norma di ) con appartenente a ed


appartenente a . Allora:

Se è appartenente anche a , si ha:

18
Analisi 3, Arrigo Amadori

q.d..

Se anche appartiene a , si ha:

q.d.

3. siano e appartenenti a . Siano e . Allora:

con appartenente a .

19
Analisi 3, Arrigo Amadori

04 - Trasformazione di Laplace
Si danno qui le principali definizioni e proprietà della trasformazione di Laplace.

01 - Trasformazione di Laplace.

Sia una funzione localmente sommabile (cioè se è L-misurabile e se è sommabile su


ogni sottoinsieme L-misurabile e limitato di ).

Sia un punto di . Se il limite:

esiste in , allora si dice che esiste in la trasformata di Laplace di e si scrive:

I simboli , indicano allora la trasformata di Laplace in di .

Valgono le seguenti osservazioni:

1. se la funzione , essendo , appartiene a , allora esiste la


trasformata di Laplace

2. se è localmente sommabile ed esiste in il limite :

allora si dice che esiste in la trasformata bilatera di Laplace di e si scrive:

La trasformata di Laplace definita precedentemente, si chiama anche trasformata unilatera di


Laplace

3. se appartiene a , allora:

dove indica la trasformazione di Fourier

4. se esiste e è un numero complesso, allora esiste e si ha:

5. se esistono , , allora esiste e si ha:

20
Analisi 3, Arrigo Amadori

Valgono i seguenti teoremi:

1. sia una funzione localmente sommabile. Se esiste allora esiste anche


per ogni complesso con

2. sia una funzione localmente sommabile. Sia la funzione:

con

Sia:

Sia:

Allora esiste per ogni complesso con e non esiste per ogni complesso con
. Il numero si chiama ascissa di convergenza.

3. sia una funzione localmente sommabile. Sia la funzione:

con .

Sia:

21
Analisi 3, Arrigo Amadori

Sia:
.

Allora la funzione è sommabile su per ogni complesso con


e non non lo è per ogni complesso con . Il numero si chiama ascissa di
convergenza assoluta.

Confrontando l'ascissa di convergenza con l'ascissa di convergenza assoluta si ha:

Si può avere ed addirittura ed

4. sia una funzione localmente assolutamente continua. Se esiste e


, allora esiste e si ha:

5. sia una funzione localmente sommabile ed esista . Sia:

con .

Allora esiste per ogni complesso con e:

Più in generale, se:

si ha:

6. siano e due funzioni da a tali che e siano sommabili su .


Allora esiste per ogni complesso con e:

con ( è la convoluzione di e ).

Si noti che esiste q.d. in nell'ipotesi dichiarata sopra senza che e siano sommabili
su .

22
Analisi 3, Arrigo Amadori

Si noti anche che se e fossero definite da a e e


fossero sommabili su , si potrebbe prolungarle con per t < 0 ed ottenere

e:

per ogni con

7. chiamiamo con l'insieme di tutte le funzioni che sono la trasformata di Laplace delle funzioni
per cui è sommabile su per .

Ebbene, è uno spazio vettoriale

8. siano ed due funzioni da a localmente sommabili. Esistano e


per . Sia per ogni complesso con .

Allora:

q.d.

9. Sia una funzione localmente sommabile. Sia l'ascissa di convergenza


di . Siano e due numeri reali positivi presi a piacere con .

Sia l'insieme:

Allora converge uniformemente su

10. sia una funzione localmente sommabile. Sia l'ascissa di convergenza


di . Allora la funzione è olomorfa sul semipiano . Sia
inoltre l'insieme definito come nel teorema precedente.

23
Analisi 3, Arrigo Amadori

Allora tende uniformemente a per con appartenente a

11. la funzione analitica di cui è una determinazione ristretta a , ha


generalmente un dominio più ampio di .

Per esempio, ha ascissa di convergenza . La sua trasformata di Laplace è


che ha dominio

12. se esiste un reale per cui la funzione è sommabile su e se la funzione


è sommabile su per un reale positivo, allora:

Se è sommabile su e se esiste , con , tale che e


sono a variazione limitata, allora:

con

13. (Bromwich) sia una funzione olomorfa sulla striscia .

Esistano reale positivo , dove , e una funzione appartenente a a valori non


negativi, tali che sia:

per ogni reale e per ogni appartenente a .

Allora esiste localmente sommabile tale che:

con .

In particolare se e:

per ogni reale e per ogni appartenente a allora è una trasformata unilatera di
Laplace, cioè esiste localmente sommabile tale che . Si scriverà
allora:

e si dirà che è l'antitrasformata di Laplace di

24
Analisi 3, Arrigo Amadori

14. sia una curva di semplice chiusa regolare a tratti e sia reale, per ogni
appartenente a . Sia olomorfa su un aperto contenente la chiusura della componente connessa
non limitata di . Sia e sia per ogni e per ogni
reale. Sia inoltre appartenente a . Allora:

con (l'integrale è fatto lungo la curva orientata )

15. (Paley-Wiener) sia olomorfa su e sia:

Allora esiste appartenente a tale che:

con e:

25
Analisi 3, Arrigo Amadori

05 - Tensori.
I tensori costituiscono la base su cui si definiscono le forme differenziali.

Qui e nei successivi capitoli un vettore di invece di essere indicato con verrà indicato con
.

01 - k-tensore.

Sia uno spazio vettoriale su . Sia ( volte).

La funzione si dice multilineare se:

1.

2.

, , .

Una funzione multilineare si chiama k-tensore su .

L'insieme dei k-tensori su si indica qui con .

Se e sono due k-tensori di ed è un numero reale si definisce e ponendo:

1.

2.

per ogni appartenente a .

e appartengono a .

munito di queste operazioni di addizione e moltiplicazione scalare risulta uno spazio vettoriale.

Esempi:

1. se allora gli 1-tensori su sono i funzionali lineari su e è il duale di (cioè lo


spazio vettoriale dei funzionali lineari su )

2. se e è un prodotto interno (riferito al campo reale) allora è un 2-


tensore su

3. sia una matrice reale e siano i suoi vettori riga considerati come vettori di .
Allora la funzione è un n-tensore su .

02 - Prodotto tensoriale.

Sia un k-tensore su e sia un l-tensore su . Chiamiamo prodotto tensoriale di per , e lo


indichiamo con , il (k + l)-tensore su definito da:

26
Analisi 3, Arrigo Amadori

Valgono i seguenti teoremi:

1. siano k-tensori su , l-tensori su , p-tensore su e reale. Allora:

1.

2.

3.

4. .

Si noti che, godendo il prodotto tensoriale della proprietà associativa, si può scrivere direttamente
.

Si noti anche che il prodotto tensoriale non gode della proprietà commutativa

2. sia uno spazio vettoriale reale di dimensione e sia una sua base. Sia:

(simbolo o delta di Kronecker).

Siano con funzionali lineari su definiti da:

, .

Si ha che è una base di . Allora:

è una base per e la dimensione di è .

Esempio:

sia . Una base di è:

03 - k-tensore alternante.

Sia un k-tensore su . Esso si dice alternante se:

per ogni appartenente a , per ogni .

L'insieme di tutti i k-tensori alternanti su sarà indicato con .

è chiuso rispetto alle operazioni di addizione e moltiplicazione scalare per per cui è un

27
Analisi 3, Arrigo Amadori

sottospazio di .

Il tensore dell'esempio 3 del punto – 01 - è un n-tensore alternante.

Gli 1-tensori sono da considerarsi alternanti.

Vale il teorema:

se è un k-tensore alternante su ed i vettori sono linearmente dipendenti, allora:

In particolare se ha dimensione , allora .

04 - Definizione di Alt(T).

Sia l'insieme delle permutazioni di . Se , sia , se è pari e , se è


dispari. Se è un k-tensore su poniamo:

Vale il teorema:

siano e . Allora:

1.

2.

3. .

Si sottolinea il fatto che è sempre un tensore alternante per cui la notazione è ben
giustificata.

05 - Prodotto esterno.

Sia e . Chiamiamo prodotto esterno o prodotto wedge di per e lo indichiamo


con , il (k + l)-tensore:

Valgono i teoremi:

1. siano k-tensori alternanti su , l-tensori alternanti su . Sia un numero reale.


Allora:

1.

2.

28
Analisi 3, Arrigo Amadori

3.

4. .

Si noti che se uno dei due numeri e è pari, allora è commutativo. Se allora

2. siano k-tensore su , l-tensore su , k-tensore alternante su , l-tensore alternante su ,


m-tensore alternante su . Allora:

1.

2.

3. .

Si noti che, godendo il prodotto esterno della proprietà associativa, si può scrivere direttamente

3. sia uno spazio vettoriale reale di dimensione e una sua base. Siano con
funzionali lineari su definiti da:

, (vedi - 02 -2-).

Allora:

è una base di e la dimensione di è .

Si osservi che, rispetto alla base di ,i vettori sono definiti da:

con ,

allora è il minore della matrice:

prendendo le colonne individuate da

4. sia uno spazio vettoriale reale di dimensione . Sia una sua base. Sia un n-tensore
alternante su . Siano vettori di tali che:

con .

29
Analisi 3, Arrigo Amadori

Allora:

dove:

Si noti che se ha dimensione allora ha dimensione . Allora ogni n-tensore alternante


su è il prodotto di un particolare n-tensore alternante non nullo per un numero reale.

Se è la usuale base (canonica) di , posto , con , si può

definire l'applicazione come quel tensore per cui .

06 - Orientamento.

Sia uno spazio vettoriale reale di dimensione . Siano e due basi di . Se


, con , poniamo:

se e solo se

dove:

La relazione è una relazione d'equivalenza che determina nell'insieme di tutte le basi di una
partizione in due classi di equivalenza:

1.

2. .

Ciascuna di queste due classi si chiama un orientamento per .

In l'usuale orientamento (canonico) è .

Esempi:

1. orientamenti in :

30
Analisi 3, Arrigo Amadori

2. orientamenti in :

07 - Elemento volumetrico.

Sia uno spazio vettoriale reale di dimensione . Sia il 2-tensore prodotto interno. Siano e
due basi ortonormali di rispetto a per cui si ha ovviamente:

con .

Sia , con . Allora:

Sia:

Si ha allora:

1.

2. .

Allora, per un precedente teorema, si ha ogni volta che .

31
Analisi 3, Arrigo Amadori

Se è un orientamento per , poiché ha dimensione , esiste allora un solo


per ogni base ortonormale tale che .

Questo n-tensore alternante si chiama elemento volumetrico di rispetto al prodotto interno ed


all'orientamento .

Si noti che, se è l'usuale base ortonormale (canonica) di e è l'orientamento


usuale, allora l'elemento volumetrico è il tensore e la misura dell'n-parallelepipedo:

è:

se:

e:

(in )

08 - Prodotto vettoriale (o a croce).

Siano vettori di , dove , e li indichiamo con . Sia la usuale base


(canonica) di e sia l'usuale prodotto interno in modo che, se e
, allora . Sia con e sia

Allora, ponendo:

32
Analisi 3, Arrigo Amadori

esiste un ben determinato vettore di tale che:

per cui, di conseguenza, si ha che le componenti di sono i complementi algebrici di della


suddetta matrice.

Ciò premesso, diremo che è il prodotto vettoriale di e scriveremo:

Si osservi che:

1. se è una permutazione di e sono vettori di si ha:

1. ( è il segno della permutazione)

2. dove è un numero reale

3.

2. se sono vettori di si ha:

dove:

3. se è la usuale base (canonica) di , , ,


si ha:

1. , ,

2. , ,

3. , ,

4.

(il determinante è qui da considerarsi simbolicamente)

33
Analisi 3, Arrigo Amadori

5. , dove è l'angolo fra i due vettori

6. , ,

7.

8. .

09 - Trasformazione indotta.

Siano e due spazi vettoriali reali e sia una trasformazione lineare. Si chiama
trasformazione indotta la trasformazione definita ponendo:

per ogni k-tensore su e per ogni di .

Si hanno i seguenti teoremi:

1. si ha:

1.

2.

3.

2. siano tre spazi vettoriali e siano e due trasformazioni lineari.


Allora:

34
Analisi 3, Arrigo Amadori

06 - k-forme.
Le k-forme sono la generalizzazione delle 1-forme.

01 - Forma differenziale di grado k o k-forma.

Sia un sottoinsieme di . Si chiama forma differenziale di grado k (o k-forma), su una


applicazione . I valori di si denotano con e sono k-tensori alternanti su .

Una funzione si dice che è una 0-forma.

Una k-forma il cui valore è per ogni di si indicherà con .

Si osservi che:

1. se è la base ortonormale usuale (canonica) di , si pone:

( è la delta di Kronecker).

Allora è una base per (duale di ) e:

è una base di .

Perciò la k-forma può essere scritta:

dove sono applicazioni da ad .

I valori di sono i k-tensori:

con appartenente ad .

Per ogni appartenente ad si ha allora:

e questa è la espressione generale di una k-forma in funzione di vettori dati

1. se si hanno le 1-forme già esposte nell'apposito capitolo

2. se allora ogni k-forma è .

02 - k-forma di classe C^(q).

35
Analisi 3, Arrigo Amadori

Sia un aperto di ed una k-forma su con:

Si dice che è una k-forma di classe , con , su se le funzioni sono di classe su


per ogni .

03 - Somma e prodotti di k-forme.

Sia un sottoinsieme di . Siano e due k-forme su , una k-forma ed una l-forma su .


Sia una 0-forma su .

La somma di e , indicata con , è la k-forma definita da:

per ogni di .

Il prodotto esterno di per è la (k + l)-forma definita da:

per ogni di .

Il prodotto di per , indicato con , è la k-forma definita da:

per ogni di .

04- Differenziale esterno di una k-forma.

Se è una k-forma su di classe , si chiama differenziale esterno e lo si indica con la (k + 1)-


forma:

Esempi:

1. se si ha per cui:

è la nota 1-forma.

2. se si ha per cui:

In particolare, se e si ha:

36
Analisi 3, Arrigo Amadori

3. se si ha per cui:

4. se si ha per cui:

essendo una (n + 1)-forma.

Vale il teorema:

sia un aperto di . Siano e due k-forme su di classe allora:

Siano una k-forma e una l-forma, entrambe di classe su , allora:

Siano una 0-forma e una k-forma, entrambe di classe su , allora:

Sia una k-forma di classe su , allora:

05 - Trasformazione delle forme differenziali.

Sia un aperto di e sia una funzione di classe su . Consideriamo la


trasformazione lineare da a :

(differenziale di ) con appartenente ad .

Alla trasformazione è associata la trasformazione indotta da a .

Se è una k-forma su allora si può definire una k-forma su definita da:

Diciamo allora che è la trasformata di tramite la trasformazione con appartenente ad


.

37
Analisi 3, Arrigo Amadori

Se è una 0-forma, ovvero una funzione, allora si ha:

Vale il teorema:

sia un aperto di e sia di classe su . Allora:

1. dove e sono k-forme

2. dove è una k-forma e è una 0-forma

3. dove è una k-forma e è una l-forma.

Se allora:

In particolare .

Inoltre si ha dove è una k-forma di classe e è di classe .

Si osservi che se è di classe e è una 0-forma allora:

06 - Forma differenziale esatta e chiusa.

Sia un aperto di e sia è una k-forma su . Se esiste una (k - 1)-forma su tale che
allora si dice che è esatta. Se è di classe e allora si dice che è chiusa.

Si confrontino queste affermazioni con quelle date nel capitolo delle "1-forme".

Si osservi che se è esatta ed esiste di classe tale che si ha per cui è


anche chiusa.

Si ha il teorema:

(Poincaré) sia un aperto di stellato rispetto a , cioè se appartiene ad allora anche

38
Analisi 3, Arrigo Amadori

appartiene ad per appartenente a . Allora se è una k-forma su chiusa, essa è anche


esatta.

07 - n-cubo singolare.

Una applicazione si chiama n-cubo singolare in .

Esempio di 2-cubo singolare in :

Poniamo, per convenienza, . Perciò uno 0-cubo singolare di è una applicazione da


ad un punto di .

Denoteremo con l'n-cubo singolare in per cui per ogni appartenente ad .

08 - n-catena.

Indichiamo con l'insieme di tutti gli n-cubi singolari in . Una applicazione (dove è
l'insieme dei numeri interi) tale che per ogni appartenente a , dove è un sottoinsieme
finito di , si chiama n-catena.

Esempio (dove simbolicamente l'insieme viene posto sull'asse delle ascisse):

Si usa indicare convenzionalmente una n-catena con la seguente combinazione lineare formale a
coefficienti interi:

39
Analisi 3, Arrigo Amadori

dove è il numero degli n-cubi singolari interessati, sono le immagini intere di ogni n-cubo singolare
(vedi grafico sopra) e sono gli n-cubi singolari.

09 - Frontiera di una n-catena.

Sia l'applicazione definita ponendo:

dove ed con (se si scriverà al primo posto, se


si scriverà all'ultimo posto).

si chiama -faccia di , con e .

Esempio per :

Chiamiamo frontiera di , e la indichiamo con , la (n-1)-catena:

Se è un n-cubo singolare in chiamiamo sua -faccia per e l'applicazione:

e chiamiamo frontiera di l'applicazione:

40
Analisi 3, Arrigo Amadori

Se, infine, è una n-catena in , chiamiamo sua frontiera l'applicazione:

Esempio:

sia dove

La frontiera del 2-cubo singolare è:

Vale il teorema:

se è una n-catena in allora .

(i termini della frontiera della frontiera di risultano uguali e di segno opposto a due a due).

10 - Prima definizione di integrale di una n-forma.

Sia una n-forma su , cioè sia dove . Allora poniamo:

se l'ultimo integrale esiste.

41
Analisi 3, Arrigo Amadori

Sia è un n-cubo singolare in e una n-forma su . Allora poniamo:

se il secondo integrale esiste.

In particolare si ha:

Sia una n-forma su una n-catena in . Allora poniamo:

se gli integrali al secondo membro esistono.

Vale il teorema:

(prima versione del teorema di Stokes) sia una (n-1)-forma di classe su . Sia una n-
catena in di classe (ovvero formata da n-cubi di classe ) su di un aperto di
contenente . Allora:

In particolare, se è chiusa si ha .

42
Analisi 3, Arrigo Amadori

07 - Integrazione su varietà.
In questo capitolo presentiamo l'estensione alle varietà del concetto di integrazione. Per fare questo è
necessario avvalerci di concetti quali i sistemi di coordinate, le carte, gli atlanti ed altri ancora.

01 - Varietà di R^n di dimensione r e classe C^(q).

Sia e . Un sottoinsieme di (diverso dal vuoto) si dice che è una varietà di di


dimensione e classe , oppure semplicemente una r-varietà di classe , se per ogni
appartenente a esistono la sfera aperta e la funzione , dove è di classe
su , tale che:

1. la trasformazione lineare con appartenente a ha rango per ogni


appartenente a

2. .

Questa definizione è identica a quella data nel capitolo "Funzioni differenziabili".

Se si chiamerà n-varietà un aperto di .

Si hanno i seguenti teoremi:

1. sia una r-varietà di di classe con . Siano un aperto di contenente e


siano date le funzioni e entrambe di classe su e tali per cui
. Allora:

per ogni appartenente a e per ogni appartenente a (spazio tangente alla varietà in
)

2. siano e due r-varietà di classe rispettivamente di e . Sia una


trasformazione di classe su . Se appartiene a , appartiene a (spazio tangente a
in ) e se allora:

appartiene a .

(per , , )

43
Analisi 3, Arrigo Amadori

3. siano e due r-varietà di classe rispettivamente di e . Sia una


trasformazione di classe su . Sia un punto di e sia una base di
(spazio tangente a in ). Siano con . Sia:

dove è il gramiano di .

Il numero è reale non negativo. Esso è indipendente dalla base . Se esso è


positivo allora si ha:

Si noti che dall'algebra sappiamo che il gramiano è un numero reale non negativo che è nullo se e
solo se i vettori sono linearmente dipendenti. Siccome i vettori costituiscono una base,
allora il loro gramiano sarà positivo. Si dimostra che il gramiano eguaglia il quadrato del
determinante della matrice che esprime le componenti di rispetto ad una base
ortonormale. D'altra parte detto determinante eguaglia la misura r-dimensionale del
parallelogramma di spigoli . Si conclude che il numero corrisponde al rapporto
fra le misure r-dimensionali del parallelogramma di spigoli e quello di spigoli
.

Si noti anche che se , allora è un aperto di e per ogni appartenente


a . Sia la usuale base ortonormale canonica di . Allora . Inoltre si
ha per cui:

Se si ha:

44
Analisi 3, Arrigo Amadori

02 - Trasformazione regolare.

Siano e due r-varietà di classe . Una trasformazione si dice regolare se:

1. è di classe su

2. è 1-1

3. per ogni appartenente a .

Si noti che se è un aperto di e con di classe su e per ogni


appartenente a , allora si ritrova la definizione di trasformazione regolare data nel capitolo sugli
"Integrali di Lebesgue".

Si noti inoltre che se è una r-varietà ed è una funzione che soddisfa i suddetti punti può accadere che
non sia una r-varietà.

Valgono i seguenti teoremi:

1. siano e due r-varietà di classe . Sia di classe su e sia di


classe su . Allora:

per ogni appartenente a .

Se poi e sono regolari, allora anche è regolare.

2. siano e due r-varietà di classe rispettivamente di e . Sia una trasformazione


regolare da a . Allora è un sottoinsieme di aperto relativamente a e è una
trasformazione regolare ovvero è un omeomorfismo di classe .

03 - Trasformazione aperta.

Sia un sottoinsieme di e sia . Si dice che è aperta se è aperto relativamente a


per ogni sottoinsieme di , aperto relativamente ad .

Si hanno i seguenti teoremi:

1. sia una r-varietà di di classe e sia aperta, 1-1 e di classe su . Sia

45
Analisi 3, Arrigo Amadori

anche per ogni appartenente a . Allora è una r-varietà di di classe e


è una trasformazione regolare

2. sia una r-varietà di di classe e sia di classe su . Sia 1-1 e tale per
cui per ogni appartenente a . Sia anche continua. Allora è una r-varietà di
di classe e è una trasformazione regolare

3. siano e due r-varietà di classe rispettivamente di e . Sia una trasformazione


regolare da a . Se è una p-varietà (con ) di classe , allora è una p-
varietà di classe e è regolare.

04 - Sistema di coordinate.

Sia una r-varietà di di classe . Sia un sottoinsieme di aperto relativamente a . Se


è una trasformazione regolare, si dice che è un sistema di coordinate per . Se
appartiene a , si chiamano coordinate di in questo sistema i numeri . La funzione
inversa di , , si dice che è una parametrizzazione di .

Poiché è una r-varietà di classe , risulta un aperto di e una trasformazione regolare.

Se e è un aperto di si ritrova la definizione già data nel capitolo sugli "Integrali di Lebesgue".

Esempio per una 2-varietà di :

Se è un aperto di e è un intorno di relativamente a per cui si abbia:

allora la funzione per cui per ogni appartenente a è un sistema di


coordinate per e sono le coordinate di . Queste sono dette coordinate cartesiane.

Esempio per una 2-varietà di :

46
Analisi 3, Arrigo Amadori

05 - Carta. Atlante.

Sia una r-varietà di di classe . Sia un sottoinsieme di aperto relativamente a . Sia dotato
di un sistema di coordinate . Allora si dice che è una carta di .

Un insieme di carte di (dove è un insieme finito o infinito) tale per cui sia
si dice un atlante di .

Si osservi che se una varietà è compatta, allora avrà atlanti finiti.

06 - Partizione dell'unità per una varietà.

Si hanno due casi:

1. sia una varietà compatta di di classe .

Un insieme finito di funzioni si dice che è una partizione dell'unità per


se:

1. è di classe su e per ogni appartenete a e per

2. il supporto di è sottoinsieme compatto di una carta di per

3. si ha per ogni appartenente a

2. sia una varietà non compatta di di classe .

Un insieme numerabile di funzioni si dice che è una partizione dell'unità


per se:

1. è di classe su e per ogni appartenete a e per ogni naturale

2. il supporto di è sottoinsieme compatto di una carta di per ogni naturale

3. l'insieme è un ricoprimento di localmente finito (cioè per ogni


appartenente a esiste un intorno di su la cui intersezione con è diverso dal
vuoto soltanto per un numero finito di indici )

47
Analisi 3, Arrigo Amadori

4. si ha per ogni appartenente a .

Si hanno i teoremi:

1. ogni varietà compatta di di classe ha una partizione dell'unità

2. ogni varietà di di classe ha una partizione dell'unità.

07 - Integrale su una varietà.

Sia una r-varietà di di classe . Sia un sottoinsieme di e una funzione.

Si hanno tre casi:

1. sia contenuto in una carta di . Supponiamo che sia L-misurabile (in ).


Poniamo e supponiamo che la funzione sia L-misurabile.
Poniamo dove . Chiamiamo integrale di su e lo denotiamo con:

l'integrale:

se è sommabile.

Esempio per una 2-varietà di :

2. sia compatta ed non necessariamente contenuto in una carta. Se il supporto di è contenuto


in una carta allora abbiamo:

se l'integrale al secondo membro esiste.

48
Analisi 3, Arrigo Amadori

Se è una partizione dell'unità per allora abbiamo:

se gli integrali al secondo membro esistono.

Se , essendo un atlante di , richiediamo quindi che


sia L-misurabile per ogni e sia sommabile su per ogni

3. sia non compatta ed non necessariamente contenuto in una carta. Se è una


partizione dell'unità per abbiamo:

se gli integrali al secondo membro esistono e se la serie converge.

In ogni caso, l'integrale:

se esiste, si chiama misura r-dimensionale di . Se ed essa si chiama lunghezza, se


ed area, se ed volume.

Si noti che:

1. la definizione - 1 - è corretta perché il valore dell'integrale non dipende dalla scelta delle
coordinate

2. la definizione - 2 - è corretta perché non dipende dalla scelta della partizione dell'unità scelta

3. idem come sopra per la definizione - 3 -.

Esempi:

1. sia una 1-varietà di classe di e una sua carta. Sia la parametrizzazione


. Sia e sia :

49
Analisi 3, Arrigo Amadori

(nel caso di )

Si ha allora:

che coincide con quanto affermato nel capitolo sulle "Curve"

2. sia una 2-varietà di classe di e una sua carta. Sia la parametrizzazione


. Se è un sottoinsieme di per cui è L-
misurabile (in ) e limitato, allora:

Nel caso , se è una carta, un sistema di coordinate cartesiane e


:

Si ha allora:

3. sia un arco di curva regolare contenuta nel semipiano del piano . Sia la 2-
varietà di ottenuta facendo ruotare completamente la curva attorno all'asse :

50
Analisi 3, Arrigo Amadori

Se una rappresentazione di è con , allora una rappresentazione di che


chiameremo ) sarà:

con , .

Se , posto e si avrà:

08 - r-varietà di R^n di classe C^(q) con frontiera.

Un sottoinsieme di si dice che è una r-varietà con frontiera (o bordo) di classe di se per
ogni appartenente a esistono la sfera aperta , un aperto di ed una trasformazione
regolare di classe tali che:

1.

oppure:

2. .

Il sottoinsieme di di tutti i punti per i quali vale la - 2 - si chiama frontiera di e si denota con .

Se è un aperto relativamente a contenuto in , allora è una carta e l'insieme


di carte per cui sia è un atlante per .

Esempi:

1. 1-varietà con frontiera in .

Sia e sia
:

51
Analisi 3, Arrigo Amadori

2. 2-varietà con frontiera in :

Si osservi quanto segue:

1. se per ogni appartenente a vale la - 1 - allora la definizione di varietà qui data è equivalente a
quella data all'inizio di questo capitolo

2. le condizioni - 1 - e - 2 - non possono sussistere contemporaneamente

3. se è una r-varietà di di classe non è detto che sia una r-varietà con frontiera di classe
. Per esempio se è un aperto di , in generale non è una n-varietà con frontiera di di
classe . Inoltre, anche se è una n-varietà con frontiera, può essere diversa dalla
ordinaria frontiera di . Per esempio:

Valgono i seguenti teoremi:

1. sia una r-varietà ( ) con frontiera di di classe . Allora è una (r-1)-varierà di


classe di e è una r-varietà di classe di

52
Analisi 3, Arrigo Amadori

2. sia un aperto di tale che la sua frontiera ordinaria sia una (n-1)-varietà di classe . Allora
è una n-varietà con frontiera di classe

3. sia una r-varietà di classe di e sia una (r-1)-varietà di classe . Sia .


Allora (misura r-dimensionale di ). Il teorema vale anche se e sono varietà
con frontiera.

09 - Orientamento consistente di una varietà. Varietà orientabile.

Sia una r-varietà di classe di . Per ogni appartenente a sia lo spazio tangente a in
. Lo spazio tangente è un sottospazio di dimensione di ed è dotato di due orientamenti. Sia
uno di questi orientamenti. Si dice che è un orientamento consistente se per ogni atlante di e
per ogni carta di questo, posto , essendo un aperto di , e posta la usuale
base canonica con di , per ogni e appartenenti a risulta:

se e solo se:

Una varietà per la quale si può definire un orientamento consistente si dice che è una varietà
orientabile ed una scelta di si chiama orientamento della varietà.

Una varietà orientata assieme ad un suo orientamento si chiama una varietà orientata e, se è la varietà
ed è il suo orientamento, essa sarà denotata con .

Sia una varietà orientata. Se è una sua carta e per ogni appartenente a si ha:

allora si dice che conserva l'orientamento.

Si noti che non ogni conserva l'orientamento (omettiamo per semplicità di trattazione i teoremi che
assicurano la conservabilità dell'orientamento).

Graficamente, per una 2-varietà di :

10 - Normale unitaria esterna alla frontiera.

53
Analisi 3, Arrigo Amadori

Sia una r-varietà ( ) di classe di con frontiera . Se appartiene a siano un


intorno di , un aperto di e una trasformazione regolare di classe tali che
.

Sia e sia . Poniamo


essendo con l'usuale base canonica di . Indichiamo con , spazio tangente a in
, il sottospazio di di dimensione generato dai vettori . Ebbene, esiste un unico vettore
con tale che soddisfa le condizioni:

, , per .

Il vettore si chiama vettore normale unitario esterno a in .

Graficamente, per una 2-varietà con frontiera di :

Si osservi che:

1. la definizione di è indipendente da

2. la definizione di è ben posta perché è indipendente dal sistema di coordinate.

11 - Varietà con frontiera orientabile. Orientamento della frontiera.

Sia una r-varietà orientata di classe di con frontiera ( ). Se appartiene a , scegliamo


(definiti come sopra) in modo che sia . Allora
è l'orientamento di in . Esso si dice indotto da e si indica con . è
l'orientamento di . Si deduce allora che se è orientabile lo è anche . Allora munita
dell'orientamento indotto da si denoterà con .

Graficamente, per 2-varietà con frontiera di e :

54
Analisi 3, Arrigo Amadori

12 - Normale ad una (n-1)-varietà di R^n.

Sia una (n-1)-varietà di classe di , orientabile. Sia un suo orientamento. Se appartiene a ,


appartiene a per ed , scegliamo il vettore ortogonale a
, di norma , e tale che . Questo viene denominato vettore
unitario normale a in determinato da .

Graficamente, per una 2-varietà di :

Si osservi che:

1. se e è una n-varietà di classe di con frontiera, allora, se appartiene a , il


vettore normale unitario ora definito coincide con quello definito al punto - 10 - se come
orientamento di si assume l'orientamento usuale e come l'orientamento indotto da
quello su

2. nelle condizioni in cui è stato definito il vettore unitario normale (specificatamente se è


orientabile), la funzione è continua su . Viceversa, se è possibile definire una tale
funzione continua per una varietà tale per cui sia il vettore unitario normale a in ,
allora essa (la varietà ) è orientabile.

Come controesempio di ciò riportiamo il nastro di Möbius di equazione:

con e con

55
Analisi 3, Arrigo Amadori

Se ci si limita alla circonferenza che si ottiene per , il vettore unitario normale è:

Si vede subito che per si ottiene mentre per si ottiene per cui
non è continuo.

Il nastro di Möbius non è quindi orientabile.

13 - Forma differenziale di classe C^(1) su una varietà.

Sia una k-forma sulla varietà di classe di . Si


dice che è di classe su se ogni è di classe su .

14 - r-cubo di classe C^(1) su una varietà orientata, che conserva l'orientamento.

Sia una r-varietà orientata di classe di con o senza frontiera. Sia una sua carta. Sia
e sia . L' r-cubo singolare in si dice che conserva l'orientamento se
di questa proprietà gode .

Graficamente, per una 2-varietà di :

Si osservi che:

1. sia una r-forma continua su . Allora si ha:

56
Analisi 3, Arrigo Amadori

per cui:

2. se è una trasformazione regolare di in se stesso si ha:

15 - Integrale di una r-forma su una r-varietà orientata.

Sia una r-varietà compatta orientata di classe di con o senza frontiera. Sia una r-forma
continua su . Sia un r-cubo singolare così come definito al punto precedente che conserva
l'orientamento e sia per ogni appartenente a ma non appartenente a . Definiamo
allora l'integrale della r-forma sulla r-varietà orientata come:

Consideriamo un atlante per e sia una sua carta qualsiasi con l'orientamento . Sia un r-cubo
singolare definito come sopra che conserva l'orientamento e sia . Se è una partizione
finita dell'unità relativa all'atlante, poniamo:

Si osservi che:

1. la definizione data sopra è ben posta perché non dipende dalla scelta dell' r-cubo singolare.

2. idem per il fatto che l'integrale è indipendente dalla scelta della partizione dell'unità.

16 - Integrale di una (r-1)-forma sulla frontiera di una r-varietà orientata (r>1).

Sia una r-varietà ( ) orientata di classe di con frontiera. Sia la sua frontiera
orientata con l'orientamento indotto do . Sia una (r-1)-forma continua su . Se appartiene a
esistono , un aperto di ed una trasformazione regolare tali che
. Posto
, si può supporre che sia . Se
e se , supponiamo che conservi l'orientamento.
Allora è la sola faccia tale che è costituita di punti interni di . Se per
ogni appartenente a ma non appartenente a , definiamo allora l'integrale della (r-1)-forma
sulla frontiera della r-varietà orientata come:

57
Analisi 3, Arrigo Amadori

Si ha il teorema:

(Stokes) sia una r-varietà compatta orientata di classe con frontiera di . Sia una (r-1)-
forma di classe su . Sia . Allora:

Casi particolari del teorema di Stokes:

1. se , è la curva , dove è di classe , è, per esempio, l'orientamento di


, è una 0-forma di classe , allora:

2. (Green) sia una 2-varietà compatta orientata di classe di con frontiera. Sia un
generico punto di e sia una 1-forma su di classe , dove e sono due
funzioni da ad di classe . Allora:

58
Analisi 3, Arrigo Amadori

3. (Gauss) sia una 3-varietà compatta orientata di classe di con frontiera. Sia un
generico punto di e sia una 2-forma su di classe
, dove , e sono tre funzioni da ad di classe . Il significato geometrico di è indicato
dal grafico:

Allora:

Se , la funzione si chiama divergenza di e si indica con

4. (originario di Stokes) sia una 2-varietà compatta orientata di classe di con frontiera.
Sia un generico punto di e sia una 1-forma su di classe
, dove , , e sono tre funzioni da ad di classe . Allora:

Se , il vettore si chiama rotore di e si indica


con

59
Analisi 3, Arrigo Amadori

60

Potrebbero piacerti anche