Sei sulla pagina 1di 66

 

 
 

Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMP.  ENERGETICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

DISEGNO  E  PROGETTAZIONE  

 
 

 
 

IMPIANTI        IDRICI  
 

                                                         

                                                       
 
   
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

INDICE  
1   CHIMICA  dell’ACQUA  .............................................................................................................................  4  
1.1   ASPETTI  GENERALI  .........................................................................................................................  4  
1.1.1   DUREZZA  ................................................................................................................................................  4  
1.1.2   CONDUCIBILITÀ  ELETTRICA  ...................................................................................................................  5  
1.1.3   LIVELLO  DI  ACIDITÀ-­‐ALCALINITÀ  ...........................................................................................................  5  

1.2   CLASSIFICAZIONE  DEI  TRATTAMENTI  ............................................................................................  6  


1.3   FILTRAZIONE  ..................................................................................................................................  7  
1.4   CONDIZIONAMENTO  CHIMICO  .....................................................................................................  8  
1.5   IMPIANTI  DI  ADDOLCIMENTO  .......................................................................................................  9  
2   ADDUZIONE  ACQUA  ............................................................................................................................  10  
2.1   TUBAZIONI  ...................................................................................................................................  10  
2.1.1   Tubi  in  acciaio  ......................................................................................................................................  10  
2.1.2   Tubi  in  rame  .........................................................................................................................................  13  
2.1.3   Tubi  in  PEAD  .........................................................................................................................................  14  
2.1.4   Tubi  in  PP-­‐R  (Polipropilene  Copolimero  Random  ...............................................................................  16  
2.1.5   Tubi  MULTISTRATO  ..............................................................................................................................  17  

2.1   VELOCITA’  CONSIGLIATE  ..............................................................................................................  18  


3   IMPIANTI  DI  SOLLEVAMENTO  (POMPAGGIO)  ....................................................................................  20  
3.1   CONSIDERAZIONI  GENERALI  ........................................................................................................  20  
3.2   INSTALLAZIONE  SOTTOBATTENTE  ...............................................................................................  21  
3.3   INSTALLAZIONE  SOPRABATTENTE  ..............................................................................................  22  
3.4   POMPA  COLLEGATA  CON  L’ACQUEDOTTO  .................................................................................  25  
3.5   CRITERI  DI  DIMENSIONAMENTO  IMP.  IDRICI  RESIDENZIALI  ......................................................  25  
3.5.1   Calcolo  del  fabbisogno  idrico  sanitario  ...............................................................................................  25  
3.5.2   Calcolo  del  DIAMETRO  di  una  tubazione  ............................................................................................  27  
3.5.3   SISTEMI  CON  AUTOCLAVE:  CALCOLO  E  DIMENSIONAMENTO  ...........................................................  29  

3.6   CRITERI  DI  DIMENSIONAMENTO  IMP.  IDRICI  ANTINCENDIO  ....................................................  35  


3.6.1   Generalità  .............................................................................................................................................  35  
3.6.2   Vasca  o  serbatoi  di  accumulo  ..............................................................................................................  37  
3.6.3   Gruppo  di  pompaggio  ..........................................................................................................................  40  
3.6.4   Tubazioni  ..............................................................................................................................................  40  
3.6.5   Cassette  idranti  UNI  45  ........................................................................................................................  41  
3.6.6   Naspi  DN  25  UNI  45  .............................................................................................................................  42  
3.6.7   Sprinkler  ...............................................................................................................................................  42  
3.6.8   Attacco  mandata  autopompa  VV.F.  ....................................................................................................  43  
3.6.9   PROGETTO  Reti  idranti  ........................................................................................................................  44  

4   IMPIANTI  MOTORI  IDROELETTRICI  ......................................................................................................  49  


4.1   CLASSIFICAZIONI  GENERALI  .........................................................................................................  49  
4.2   COMPOSIZIONE  DI  UN  IMPIANTO  IDROELETTRICO  ...................................................................  51  
4.2.1   Bacino  idraulico  ...................................................................................................................................  51  
4.2.2   Diga  -­‐  Sbarramento  ..............................................................................................................................  51  

 
2  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

4.2.3   Condotte  forzate  ..................................................................................................................................  52  


4.2.4   Valvole  utilizzate  nelle  centrali  idroelettriche  ...................................................................................  52  
4.2.5   Turbine  Idrauliche  ................................................................................................................................  53  
4.2.6   Opere  di  restituzione  ...........................................................................................................................  54  
4.2.7   Alternatore  ...........................................................................................................................................  54  
4.2.8   Sottostazione  elettrica  ........................................................................................................................  54  

4.3   IMPIANTI  IDROELETTRICI  ENEL  GREN  POWER  ............................................................................  55  


4.3.1   Centrale  ad  acqua  fluente  di  NAZZANO:  .............................................................................................  55  
4.3.2   Il  fiume  ANIENE  e  l’utilizzo  idroelettrico  .............................................................................................  56  

4.4   ESEMPIO  DI  PROGETTO  IMPIANTO  CON  TURBINA  PELTON  ......................................................  59  
4.4.1   Dati  e  componenti  generali  .................................................................................................................  59  
4.4.2   Criterio  di  calcolo  e  scelta  della  Turbina  .............................................................................................  61  
   

 
3  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

1 CHIMICA  dell’ACQUA  
 

1.1 ASPETTI  GENERALI  


In campo impiantistico l’acqua pura (H2O) non esiste; in generale nell’acqua che circola nella
quasi totalità degli impianti idro-termo-sanitari c’è sempre una presenza non trascurabile di sali
(calcio e magnesio) e di gas (aria-ossigeno).
Gli aspetti chimici dell’acqua sono strettamente legati ai problemi quali corrosioni ed
incrostazioni nel circuito dell’impianto di riscaldamento / raffrescamento e sono imputabili alla
scarsa qualità dell’acqua di alimentazione.
La verifica e l’eventuale trattamento dell’acqua di riempimento (secondo quanto
prescritto dal D.P.R. 59/2009 e dalla normativa UNI 8065:1989) permette di:
• eliminare tali inconvenienti
• ottimizzare il rendimento dell’impianto e garantirne un corretto funzionamento
• assicurare duratura regolarità di funzionamento alle apparecchiature ausiliarie
• minimizzare i consumi energetici adempiendo alle leggi e normative vigenti.
I parametri significativi per classificare l’acqua di alimentazione di un impianto è la
durezza; per verificare successivamente la bontà del trattamento possono essere sintetizzati altri
parametri: conducibilità elettrica e livello di acidità (pH).

1.1.1 DUREZZA  
 
Come  già  indicato  nei  paragrafi  precedenti,  l’acqua  contiene  disciolti  dei  sali  (soprattutto  sali  di  
calcio  e  magnesio).  Essi  normalmente  non  rappresentano  un  problema  immediato,  in  quanto  risultano  
normalmente  sciolti  nell'ʹacqua.    
Si   depositano   solo   quando   l'ʹacqua   viene   riscaldata,   e   depositandosi   formano   incrostazioni  
molto  dure  e  tenaci.  Solo  allora  si  manifestano  gli  effetti  negativi  di  seguito  elencati:  
• compromettere  il  funzionamento  di  componenti  essenziali  dell'ʹimpianto,  
• formare,  nelle  tubazioni,  strozzature  che  rallentano  il  regolare  flusso  dell'ʹacqua;  
• ridurre  notevolmente  l'ʹefficienza  termica  degli  scambiatori  di  calore;  
• causare  il  surriscaldamento,  fino  a  rottura,  degli  scambiatori  di  calore  interni  alle  caldaie.  
 
Maggiore  è  la  quantità  di  sali  disciolti  nell’acqua,  maggiori  saranno  gli  effetti  negativi.
La   DUREZZA   dell'ʹacqua   misura   la   quantità   di   Sali   disciolti   nell’acqua   stessa.   Essa   viene  
espressa  in  °f  (gradi  francesi)  oppure  in  [mole/mc]  

 
4  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

Di particolare interesse è l’articolo 4 comma 14 del D.P.R. 59/2009 che definisce i limiti
di durezza dell’acqua e di potenza degli impianti in base ai quali scegliere il trattamento
dell’acqua.
In particolare si stabilisce che:

1.1.2 CONDUCIBILITÀ  ELETTRICA    

La conducibilità elettrica fornisce una misura indiretta della concentrazione delle


sostanze disciolte nell’acqua e si presta, pertanto, a dare un’indicazione della purezza dell’acqua
e della sua salinità.
UNITA’ DI MISURA: μS/cm

1.1.3 LIVELLO  DI  ACIDITÀ-­‐ALCALINITÀ  

Il pH è un’espressione logaritmica di ioni idrogeno ed è quindi un’indicazione numerica


dell’acidità od alcalinità di una soluzione.

 
5  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

La scala del pH va da 0 a 14 ed è logaritmica, quindi una soluzione a pH 5 è 10 volte più


acida di una a pH 4, e una soluzione a pH 3 è 100 volte più acida.

I metalli sono influenzati in modo diverso dal pH: per esempio, l’acciaio al carbonio è
più stabile tra pH 10,5 e 11,5, mentre l’alluminio è attaccato al di sopra di pH 8,7 per
distruzione dello strato protettivo d’ossido d’allumina naturalmente formatosi. Il rame può
corrodersi a pH superiori a 9,5. L’intervallo di pH ideale per gli impianti di riscaldamento è
compreso tra 7 e 8.

1.2 CLASSIFICAZIONE  DEI  TRATTAMENTI  

Al fine di limitare gli effetti dannosi legati alla presenza dei sali e/o dei gas all’interno
dell’acqua, occorre procedere a dei preventivi trattamenti fisici e chimici da operare sull’acqua
stessa.
I trattamenti a cui vengono generalmente sottoposte le acque di alimento degli impianti si
possono dividere in:

Il trattamento più comune e più conosciuto è l’addolcimento che elimina le incrostazioni


ma lascia completamente invariata la salinità e il rischio di corrosione. Un trattamento di
efficacia superiore è la demineralizzazione, applicabile solo sui circuiti chiusi degli impianti di
riscaldamento, ma estremamente efficace nell’eliminazione dei sali e della conducibilità
elettrica.

 
6  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

1.3 FILTRAZIONE  

La filtrazione è un trattamento “FISICO” fatto a protezione di impianti idrici domestici,


riscaldamento, produzione acqua calda, impianti frigoriferi, deumidificazione, irrigazione,
produzione di ghiaccio, distribuzione di bevande.
La Filtrazione è effettuata a mezzo di FILTRI in grado di trattenere e togliere le impurità
in sospensione (fango, sabbia, detriti, etc). I flitri in genere sono dotati di un sistema di spurgo
che permette, dopo aver tolto la pressione, con la semplice forza delle mani, alla rimozione della
ghiera per la sostituzione o pulizia della cartuccia filtrante.

   

 
7  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

1.4 CONDIZIONAMENTO  CHIMICO  


Negli impianti idrotermosanitari, il trattamento denominato “CONDIZIONAMENTO
CHIMICO” è generalmente costituito da un trattamento interno che immette nell’acqua una
sostanza protettiva a base sostanzialmente di polifosfato di sodio. Questo “dosatore
dipolifosfato” è in grado di esercitare una ottima azione di stabilizzazione della durezza residua
e di inibizione di corrosione in questo tipo di impianti.
Dal punto di vista chimico il sistema riesce a bloccare la formazione di bicarbonato di
calcio ed anidride carbonica, creando di fatto una prevenzione dei depositi di calcare sui corpi
riscaldanti e sulle tubazioni, nonché dei danni dell’effetto corrosivo dell’anidride carbonica.
Più semplicemente detta sostanza, una volta disciolta nell’acqua da trattare, è in grado di:
• inibire la precipitazione dei sali incrostanti (sali di calcio e di magnesio)
• formare film protettivi contro le corrosioni delle tubazioni

“Polifosfati”: cosa sono?

Sono composti inorganici derivanti dalla polimerizzazione del metafosfato di sodio NaPO3. E’ noto che vengono
aggiunti ai detersivi per migliorare l’azione del sapone e per ottenere una schiuma più abbondante.
Quelli all’interno dei dosatori per caldaie si legano agli ioni di Calcio (Ca++) e di Magnesio (Mg++), responsabili
della durezza dell’acqua, formando molecole complesse: in tal modo viene evitata la formazione di incrostazioni aderenti e
dannose.
Controindicazione all’uso dei polifosfati è l’aumento di concentrazione di queste sostanze nelle acque: essi infatti
agiscono come fertilizzanti delle piante acquatiche e delle alghe che, sviluppandosi, impoveriscono l’acqua di ossigeno,
danneggiando così l’equilibrio biologico della vita acquatica.
Il consiglio GENERALE è l’uso moderato di questi prodotti, là dove effettivamente servono, lasciando poi lavorare
attivamente gli altri sistemi per la protezione degli impianti sanitari, questo per preservare la natura dall’inquinamento
chimico.

             

 
8  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

1.5 IMPIANTI  DI  ADDOLCIMENTO  


Gli ADDOLCITORI sono sistemi che Servono a trasformare i sali incrostanti (sali di
Calco e di Magnesio) in sali solubili nell'acqua. Tale trasformazione si realizza con resine
scambiatrici di ioni, che esercitano la loro azione in due fasi:
1. fase attiva: le resine sottraggono all'acqua dell'impianto gli ioni dei sali incrostanti (li
sostituiscono con ioni dei sali solubili (solitamente ioni di sodio) presenti e disponibili
all’interno delle resine.
2. fase di rigenerazione: le resine cedono, ad una apposita soluzione rigenerante, gli ioni
dei sali incrostanti di cui si sono arricchite ed accumulano ioni di sali solubili
((solitamente ioni di sodio).

La resina è spesso un polimero di stirene e divinilbenzene che reca dei gruppi solfonato (SO3-) sulla
propria struttura.
I gruppi solfonato sono legati a ioni di sodio (Na+) che vengono scambiati con gli ioni calcio e magnesio
presenti nell'acqua. Tali resine vengono successivamente rigenerate per trattamento con salamoia (ovvero acqua
salata con cloruro di sodio) concentrata, che ripristina gli ioni sodio sulla superficie della resina.
In acque industriali, dove è necessario prevenire la formazione di incrostazioni di calcare, è inoltre
possibile fare ricorso ad agenti chelanti, capaci di legarsi chimicamente agli ioni di calcio e magnesio
impedendo loro di precipitare in forma solida. Tali chelanti vengono aggiunti anche ai detersivi in qualità di
additivi.
L'addolcimento può rendere l'acqua chimicamente aggressiva (leggermente acida PH<7). È bene
pertanto integrare questo trattamento con sali stabilizzatori.

                                                                             

 
9  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

2 ADDUZIONE  ACQUA  
 

2.1 TUBAZIONI  

Il fluido termovettore di un impianto di riscaldamento è trasportato da una rete di


tubazioni generalmente composta da una tra le seguenti tipologie di tubi:
• Tubi in acciaio zincato
• Tubi in rame
• Tubi in PPR
• Tubi multistrato

2.1.1 Tubi  in  acciaio  


Sono chiamati anche impropriamente “tubi in ferro”, ma occorre ricordare che devono essere denominati “tubi in
acciaio”. Le loro caratteristiche meccaniche dipendono sia dal tipo di acciaio utilizzato, sia dai trattamenti termici a cui sono
stati sottoposti. Normalmente sono venduti in barre lunghe da 4 a 7 metri, con estremità liscie, smussate o filettate.

I tubi in acciaio sono disponibili anche con protezioni contro la corrosione e con preisolamento termico. Le
protezioni contro la corrosione sono ottenute rivestendo le superfici dei tubi con zinco, bitume o resine. Il preisolamento è
realizzato, invece, con schiume di poliuretano protette all’esterno mediante tubi in polietilene nero. I collegamenti fra tubo e
tubo si possono realizzare con manicotti, con flange oppure con saldatura. Per il normale uso idrotermosanitario, questi tubi
sono forniti dopo prova di tenuta idraulica eseguita a freddo (cioè a 20°C) con pressioni variabili tra 40 e 70 atmosfere. Per
applicazioni con temperature inferiori a -10°C o superiori a 110°C, è consigliabile utilizzare tubi in acciaio speciale. I tubi in
acciaio normale risultano, infatti, fragili a temperature basse e poco resistenti a temperature elevate. Secondo i procedimenti
attuali di fabbricazione i tubi in acciaio si possono suddividere in tre categorie:
• tubi senza saldatura
• tubi saldati elettricamente
• tubi saldati Fretz Moon.

TUBI SENZA SALDATURA


Sono derivati da barre o da lingotti che vengono riscaldati in forno, forati, estrusi, laminati, tagliati e rifiniti, fino a
raggiungere la configurazione voluta. I primi tubi in acciaio senza saldatura furono realizzati, nel 1885, dai fratelli
Mannesmann mediante uno speciale laminatoio perforatore ad asse obliquo. Per questo, anche se attualmente vengono
prodotti con tecniche diverse, tutti i tubi in acciaio senza saldatura sono genericamente chiamati tubi “Mannesmann”.

TUBI SALDATI ELETTRICAMENTE


Sono derivati da nastri in acciaio sagomati a freddo. Appositi laminatoi conformano a tubo i nastri d’acciaio. I lembi
di questi nastri sono poi accostati, riscaldati per effetto Joule e saldati mediante compressione. Le operazioni di finitura sono
realizzate con cilindri calibratori. I tubi saldati elettricamente per resistenza sono individuati anche con la sigla ERW
(Electric Resistence Welded).

 
10  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

TUBI SALDATI FRETZ MOON


Sono fabbricati con nastri in acciaio lavorati a caldo. Nella prima fase di lavorazione, i nastri vengono scaldati in un
forno fino alla temperatura di 1300-1350°C; sono poi conformati a tubo con i lembi accostati. Successivamente, tali lembi
vengono riscaldati a fiamma (fino a circa 1450°C) e saldati fra loro mediante compressione. Le operazioni di finitura sono
realizzate con cilindri calibratori. Questi tubi derivano il loro nome dai due inventori che, per primi (nel 1920), riuscirono a
produrre tubi con nastri in acciaio lavorati in continuo e integralmente a caldo. I FRETZ MOON sono chiamati anche tubi
bollitori perchè, in metallurgia, il processo di saldatura con cui sono prodotti si chiama bollitura

 
11  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

 
12  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

2.1.2 Tubi  in  rame  


Sono ottenuti da lingotti cilindrici con operazioni di laminazione (o estrusione), trafilatura e calibratura. I tubi in
rame possono essere forniti allo stato crudo o allo stato ricotto. Allo stato crudo sono commercializzati solo in verghe; allo
stato ricotto sono invece disponibili in verghe e in rotoli.

Questi tubi sono disponibili anche con protezioni contro la corrosione e con preisolamento termico. La protezione
contro la corrosione è ottenuta mediante rivestimento dei tubi con guaine in PVC aventi superficie interna a sviluppo
“stellare”. Il preisolamento termico è realizzato, invece, con schiume di polietilene a cellule chiuse o aperte. I collegamenti
fra tubo e tubo si possono eseguire con raccordi a brasare, raccordi misti o raccordi meccanici. I raccordi a brasare sono
fabbricati in rame, ottone e bronzo. Se di rame, vengono ottenuti direttamente dai tubi. I raccordi misti del tipo a “brasare-
filettare”, oppure del tipo a “brasare-raccordo meccanico”, sono usati quasi esclusivamente per collegare tubazioni in rame
con tubazioni in ferro. I raccordi meccanici sono ottenuti da barre lavorate alle macchine utensili. La pressione massima dei
tubi in rame può essere calcolata con la formula:

𝑠    𝑅
𝑃 = 200  
𝐷!  𝐾
dove:
P = pressione massima di esercizio [ atm]
s = spessore pareti tubo [mm]
De = diametro esterno tubo [mm]
K = coefficiente di sicurezza, adimensionale;
R = carico di rottura, [kg/mm2 ]

normalmente si assume:
K=4
R = 21 (kg/mm2) per tubi in rame ricotto a 20°C
R = 30 (kg/mm2) per tubi in rame crudo a 20°C

 
13  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

2.1.3 Tubi  in  PEAD  


Le tubazioni in argomento sono ideali per il trasporto di acqua fredda ed in particolare sono ideali per la posa in
opera “interrata”. Sono pertanto molto indicati per acquedotti.
Il tubo Polietilene ad Alta Densità PE 100 a norma UNI EN 12201, ISO 4427, UNI EN ISO 15494, è conforme alle
prescrizioni igienico-sanitarie del D.M. n. 174 del 6/4/04 e con proprietà organolettiche certificate in conformità alla norma
EN 1622; colore nero con righe azzurre coestruse longitudinali, segnato ogni metro con sigla produttore, data di produzione,
marchio e numero distintivo IIP, diametro del tubo, pressione nominale, norma di riferimento; prodotto da azienda certificata
ISO 9001.

I tubi devono essere formati per estrusione, e possono essere forniti sia in barre che in rotoli.

                                       
 
 

 
14  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

 
15  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

2.1.4 Tubi  in  PP-­‐R  (Polipropilene  Copolimero  Random  

Le tubazioni in PP-R sono ideali per il trasporto di acqua calda e fredda in:
• Impianti idrosanitari, di riscaldamento e di condizionamento
• Impianti di potabilizzazione dell’acqua e di trasporto liquidi alimentari
• Impianti industriali per il trasporto di aria compressa e fluidi aggressivi (acidi, soluzioni alcaline ecc.) considerando
la capacità di resistenza chimica con valori di PH tra 1 e 14 (vedi tabella resistenze agli agenti chimici).

 
16  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

2.1.5 Tubi  MULTISTRATO  


Il tubo multistrato nasce con la prerogativa di rispondere a tutte le esigenze di realizzazione di reti di distribuzione
dell’acqua calda e fredda all’interno degli edifici: è adottabile sia per l'installazione di impianti di riscaldamento in alta e
bassa temperatura, sia per impianti idrosanitari e per il trasporto di acqua potabile.

 
17  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

Il tubo multistrato nasce come risposta alle esigenze di colmare i limiti e integrare le caratteristiche sia delle
tubazioni metalliche che di quelle polimeriche. Il risultato è un tubo dalle elevate caratteristiche meccaniche di resistenza ad
alte pressioni e temperature di esercizio, con ottima resistenza alla corrosione, impermeabilità all’ossigeno e inibizione
rispetto a possibili interazioni elettrochimiche con l’ambiente di posa.
Le caratteristiche prestazionali del tubo multistrato sono normate dalla UNI EN ISO 21003-1 che definisce quattro
classi di applicazione su un periodo di 50 anni di esercizio continuativo (v. tabella seguente).
Ogni classe di applicazione deve essere associata a una pressione di progetto pd di 4, 6, 8, 0 10 bar.

Dove:
• Temperatura di progetto (TD): Temperatura prevista per il campo di applicazione;
• Temperatura massima di esercizio (TMAX): Valore maggiore della temperatura di esercizio TD, consentito solo per
un breve periodo di tempo;
• Temperatura di malfunzionamento (TMAL): Il più alto valore di temperatura che può aversi quando i sistemi di
controllo sono in avaria.

2.1 VELOCITA’  CONSIGLIATE  

Nei tubi che convogliano acqua per il riscaldamento o per il condizionamento, il valore ottimale della
velocità dipende essenzialmente da quattro fattori: l’entità delle perdite di carico, la rumorosità, la corrosione-
erosione e il trascinamento dell’aria.
Nel dimensionare correttamente la rete di distribuzione, in generale sono rispettati e consigliati i seguenti
valori:

 
18  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

Di seguito sono riportate le velocità massime generalmente accettabili negli impianti di tipo A (a servizio
di edifici residenziali, uffici, alberghi, cliniche, ospedali, scuole e simili) e di tipo B ( a servizio di edifici ad uso
industriale, artigianale, palestre e simili):

 
19  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

3 IMPIANTI  DI  SOLLEVAMENTO  (POMPAGGIO)  


 

3.1 CONSIDERAZIONI  GENERALI  


 

In generale per alimentare un impianto di adduzione acqua è sufficiente collegarsi


all’acquedotto comunale; a volte però le caratteristiche idrauliche dell’acquedotto, nel “punto di
consegna” non sono sufficientemente compatibili con quelle richieste dall’utenza idrica. In tal
caso si deve ricorrere ad un impianto di accumulo (vasca o serbatoio) e di sollevamento.
E’ noto che per sollevare acqua occorre utilizzare una pompa, ovvero più in generale da
un GRUPPO DI POMPAGGGIO che potrà essere formato da una o più pompe (elettropompe,
motopompe).

Il locale che deve ospitare le pompe in linea generale deve rispettare le disposizioni di
seguito elencate:
1. Prevedere una buona areazione interna nel locale. E’ possibile ottenerla con
una grata direttamente sulla porta di ingresso, oppure realizzando un’apertura
su di una parete confinante con l’esterno. L’areazione del locale oltre che per i
concetti sviluppati precedentemente di carattere generale è essenziale per il
funzionamento del motore diesel. Le dimensioni delle aperture dipendono dalle
potenze dei motori diesel installati. Come indicazione possiamo avere da un
min. di 0,5 mq a un max. di 1 mq.

2. Illuminazione interna (ivi inclusa l’illuminazione d’emergenza)

3. Installare una pompa di drenaggio per eventuali fuoriuscite d’acqua o


allagamenti. Eseguire una leggera pendenza sul pavimento per agevolare il

 
20  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

deflusso dell’acqua verso la pompa. Si consiglia soprattutto per locali interrati,


di prevedere un ‘alimentazione elettrica supplementare di emergenza (es.
gruppo di continuità) per la pompa di drenaggio, nel caso si verificasse
un’interruzione di energia a causa di forti temporali.

Per installazioni in locali interrati è opportuno avere un controllo remoto per la


pompa di drenaggio, e un allarme di alto livello.

Porte:

Le porte devono essere apribili verso l’esterno. Per l’apertura di accesso deve essere
prevista una soglia sopraelevata di almeno 20 cm.Eventuali fuoriuscite di gasolio
potrebbero essere contenute con un fondo impermeabilizzato.

Apporre un cartello ben visibile sulla porta indicante: “accesso consentito al


personale autorizzato”

Esistono due tipi di installazione delle pompe:


• aspirazione SOTTOBATTENTE
• aspirazione SOPRABATTENTE
L’installazione   sottobattente   è   sempre   da   prferire   perché   assicura   sempre   e  
comunque  una  facile  aspirazione  della  pompa;  la  pompa  è  sempre  “piena”  di  liquido  
(come   si   dice   in   gergo   tecnico:   “è   adescata”)   e   pertanto   è   pronta   all’uso   e   può   essere  
avviata  senza  nessun  problema  di  malfunzionamento.  
L’installazione   soprabattente   deve   preventivamente   prevedere   l’operazione   i  
“adescamento”   della   pompa;   la   pompa   deve   essere   riempita   di   acqua   prima   del   suo  
avviamento,  altrimenti  non  aspira  e  pertanto  non  funziona.  
 

3.2 INSTALLAZIONE  SOTTOBATTENTE  


 
Un ‘installazione è definita sottobattente quando l’asse della pompa si trova al disotto del livello
minimo x dell’acqua di almeno 0,6 mt.

 
21  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

 
La  “buona  regola  dell’arte”  richiede  il  rispetto  delle  seguenti  disposizioni:  
1. Prevedere idonei sistemi di supporto delle tubazioni per evitare tensioni nell’impianto.

2. La condotta di aspirazione deve essere orizzontale o avere pendenza in salita verso la


pompa e comunque essere realizzata in modo da evitare la formazione di sacche d’aria.
Per il posizionamento dell’imbocco della condotta di aspirazione si veda il paragrafo
successivo.

3. Evitare la trasmissione delle vibrazioni interponendo giunti antivibranti in mandata e


aspirazione, che consentono inoltre un lieve disassamento tra le tubazioni. Tali giunti
antivibranti sono peraltro richiesti dalla normativa in presenza di motopompe.

Il diametro delle tubazioni di aspirazione, deve essere uguale o leggermente maggiore rispetto al
diametro della tubazione di mandata.

Per tutte le pompe di servizio installate, ciascuna di esse deve avere una propria condotta di
aspirazione.

   

3.3 INSTALLAZIONE  SOPRABATTENTE  


 
Un ‘installazione è definita soprabattente (vedere figura seguente) quando l’asse della
pompa si trova al disopra del livello dell’acqua da aspirare.

 
22  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

La  “buona  regola  dell’arte”  richiede  il  rispetto  delle  seguenti  disposizioni:  

1. Tubazione di aspirazione con leggera pendenza verso la pompa, con staffe di supporto
per evitare tensioni nelle tubazioni.

2. Deve essere installata una valvola di fondo con filtro come specificato nella norma Uni
9490 (4.9.3.6 c) e sul relativo schema di installazione. Si ricorda di prestare molta
attenzione alla pulizia del filtro, che le impurità non occludano il passaggio dell’acqua
verso la pompa.Se questo si verifica la pompa entra in cavitazione, con danneggiamento
della girante e della pompa stessa.

3. Evitare che le tubazioni che attraversano le pareti vengano a contatto diretto con i
materiali costituenti il muro. E’ consigliabile usare delle guaine in materiale plastico o
gomma, che possono assorbire eventuali vibrazioni.

4. Per i tratti di tubazione che sono all’esterno, è necessario eseguire un’opportuna


coibentazione per evitare il congelamento dell’acqua, con conseguente danneggiamento
della tubazione ma soprattutto l’impossibilità di alimentare (qual’ora servisse )
l’impianto antincendio.

Il problema principale delle pompe installate soprabattente rimane comunque il


corrispondente e necessario “adescamento”. Il rischio è ritenuto non trascurabile a causa delle
inevitabili perdite della valvola di fondo.

 
23  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

Il concetto di seguito espresso, è un concetto che comunque rientra nella corretta


installazione per pompe installate soprabattente.
I l corpo della pompa e la condotta di aspirazione devono essere mantenuti
costantemente pieni d’acqua.
Un’avvio definito “a secco” della pompa, causa il surriscaldamento della pompa stessa
con la rottura della tenuta meccanica e fuoriuscita di acqua con ovvia mancanza d'acqua
all'impianto.

1. L’acqua per l’adescamento può provenire da uno specifico serbatoio a gravità a servizio del gruppo di pompaggio e
collegato direttamente alla mandata della pompa (4).
2. Valvola di intercettazione adescamento
3. Valvola di non ritorno da installare nel punto più basso possibile per favorire la completa apertura dell’otturatore.
4. Collegamento alla mandata della pompa
5.

1. Pressostato a singola soglia per la segnalazione di pompa in marcia; questo pressostato è necessario solo se c’è
l’obbligo di attivare la segnalazione di pompa in moto (impianti antincendio). In condizioni di riposo vi è la normale
pressione atmosferica (comunica con l’esterno attraverso il diaframma 2) e solo quando la pompa parte si crea un
aumento di pressione a monte del diaframma che consente la chiusura del contatto del pressostato.
2. Diaframma di ricircolo acqua; il diaframma è sempre aperto e quindi c’è sempre una certa quantità d’acqua che
fuoriesce.Il diaframma consente di garantire un minimo ricircolo d’acqua evitando l’innalzamento della temperatura
dell’acqua nel corpo pompa. 
3. Potrebbe verificarsi che dalla tubazione di ricircolo, possa essere aspirata aria. E’ consigliabile far si che la
tubazione di ricircolo sia immersa nell’acqua

 
24  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

3.4 POMPA  COLLEGATA  CON  L’ACQUEDOTTO  


 
Può un gruppo di pompaggio essere alimentato direttamente da un acquedotto ??
Tecnicamente è possibile, ma è quasi sempre vietato dall’ente che gestisce l’acquedotto
stesso.
In tal caso si deve ricorrere ad un sistema provvisto di “SERBATOIO DI
DISGIUNZIONE”.

1. Valvola a galleggiante
2. Pressostato di bassa pressione (tale pressostato deve azionare un segnale di allarme acustico e luminoso, in
posizione costantemente sotto controllo,se la pressione dell’acqua scende al disotto di quella prevista in condizioni
non operative)
3. Valvola di intercettazione bloccata in posizione aperta.
4. Valvola di prova a passaggio diretto

E’ bene sottolineare che la capacità utile del serbatoio di disgiunzione deve essere tale da
garantire il funzionamento della pompa alla massima portata per almeno 5 min e in ogni caso è
bene che non sia mai minore di 1 m3.

3.5 CRITERI  DI  DIMENSIONAMENTO  IMP.  IDRICI  RESIDENZIALI  


 

3.5.1 Calcolo  del  fabbisogno  idrico  sanitario  

Il calcolo delle tubazioni relative alla distribuzione dell’acqua destinata all’impianto


idrosanitario può essere fatto tenendo conto delle seguenti portate minime di ciascun rubinetto:

 
25  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

 
Pertanto la portata totale di ogni unico e singolo “gruppo bagno” è pari alla somma delle
singole portate; quando un impianto serve più gruppi bagno, la portata di progetto è funzione dei
coefficienti di contemporaneità. In particolare il criterio di calcolo prevede due valori della
portata:
• Gt PORTATA TOTALE: portata ottenuta come sommatoria delle portate di
ogni singolo rubinetto, nell’ipotesi di funzionamento contemporaneo di tutti !!!! i
rubinetti. (ipotesi assolutamente poco probabile e pertanto non applicabile)
• Gpr PORTATA di PROGETTO: portata ottenuta come prodotto tra la portata
totale ed un coefficiente di contemporaneità legato alla destinazione d’uso
dell’edificio che ospita l’impianto di adduzione acqua.
 
Come  esempio,  si  riporta  di  seguito  uno  stralcio  della  tabella  relativa  agli  edifici  
destinati  ad  uso  residenziale;  per  gli  edifici  destinati  ad  altri  usi  (scuole,  centri  sportivi,  
uffici,  alberghi,  ospedali)    vedere ad gli esempi tratti dal “Quaderno CALEFFI” : IMPIANTI
IDROTERMOSANITARI e riportati in appendice.  

 
26  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

 
3.5.2 Calcolo  del  DIAMETRO  di  una  tubazione  
 

 
27  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

In   linea   generale,   la   buona   regola   dell’arte   richiede   per   la   scelta/calcolo   del  


diametro   ottimale   di   una   tubazione   in   grado   di   trasportare   al   suo   interno   un   valore  
della  “portata  di  progetto”  il  seguente  criterio:  
1. si  determinano  le  portate  nominali  di  tutti  i  punti  di  erogazione    

2. in  base  alle  portate  nominali  sopra  determinate,  si  calcolano  le  portate  totali  dei  
vari  tratti  di  rete;    

3. si   determinano   le   portate   di   progetto   dei   vari   tratti   di   rete   in   relazione   alle  


portate  totali  e  al  tipo  di  utenza;    

4. si  sceglie  un  range  di  valori  per    il  carico  unitario  lineare  disponibile;  ad  esempio  
per  tubazioni  di  acciaio  l’intervallo  dei  valori  per  le  perdite  di  carico    oscilla  tra    
15  e  20  mm.c.a./m.  lineare  di  tubo  (vedere  abaco  riprodotto  al  par.  2.1.1).      

5. Dallo   specifico   abaco   relativo   alle   “perdite   di   carico”   si   scelgono   i   diametri   dei  
tubi   alle   portate  di   progetto;   per   le   sole   diramazioni   che   alimentano   un   singolo  
bagno,   si   deve   fare   riferimento   alla   portata   totale,   anziché   alla   portata   di  
progetto.  

_____________________________________________________________________  
Esempio  

 
In   un   edificio   residenziale   ci   sono   15   appartamenti   serviti   tutti   da   un'ʹunica  
utenza  idrica  alimentata  dall’acquedotto  cittadino.  
In   ogni   appartamento   c’è   un   bagno   ed   una   cucina   composti   dalle   seguenti  
utenze:  
• N° 1 Lavabo ………………………………...0,10 [litri/sec]
• N° 1 bidet……………...……….……………0,10 [litri/sec]
• N° 1 Vaso a cassetta…………………………0,10 [litri/sec]
• N° 1 Doccia…………….……………………0,15 [litri/sec]
• N° 1 Lavello Cucina…………….…………...0,20 [litri/sec]
• N° 1 Lavatrice……………….………………0,10 [litri/sec]

 
28  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

• N° 1 Lavastoviglie.………….………………0,20 [litri/sec]

Calcolare   la   portata   di   progetto   della   tubazione   principale   di   adduzione  


dell’acqua  all’intero  condominio  ed  il  corrispondente  valore  del  diametro.  

Portata  totale  di  un  singolo  WC:  ……………………0,95  [litri/sec]  

Portata  totale  dell’intero  Condominio:  ……0,95  x  15  =  14,25  [litri/sec]  

Portata  di  progetto  del  Condominio:  ……2,10  [litri/sec]  =  8820  [litri/h]    

 
 
  Diametro    Φ 2”  
Velocità    v  =  1  m/sec  
  Portata  GV  8820  litri/h  

3.5.3 SISTEMI  CON  AUTOCLAVE:  CALCOLO  E  DIMENSIONAMENTO  

Tutte  le  reti  di  distribuzione  idrica  devono  essere  alimentate  con  acqua;  in  genere  
la   scelta   più   semplice   ed   economica   è   quella   di   sfruttare   un   allaccio   all’acquedotto  
cittadino   (laddove   disponibile   ed   avente   le   sufficienti   caratteristiche   idrauliche   di  
portata  e  di  pressione).  
La  pressione  dell’acquedotto  non  deve  essere  né  troppo  alta  né  troppo  bassa,  in  
quanto:  
o se è troppo bassa non consente l'erogazione delle portate richieste;
o se è troppo alta può causare rumori e danni ai rubinetti.
 
29  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

 
Per  tale  motivo  è  bene  evitare,  a  monte  dei  rubinetti,    pressioni  superiori  ai  50  m  
c.a..    Generalmente   la   pressione   dell'ʹacquedotto   varia   da   30   a   40   m   c.a.   e   questo  
consente   di   servire   edifici   alti   fino   a   quattro   o   cinque   piani.  Per   edifici   più   alti   è  
necessario  invece  utilizzare  pompe  di  sopraelevazione.  Va  comunque  considerato  che  
anche   una   rete   a   pressione   sopraelevata   non   può   servire   più   di   sette/otto   piani   per  
evitare  carichi  troppo  elevati  sui  rubinetti  dei  piani  più  bassi.    
Di   seguito   sono   rappresentati   alcuni   schemi   che   illustrano   come   è   possibile  
servire  edifici  di  varia  altezza,  tenendo  in  considerazione  i  limiti  di  cui  sopra.    

Va sottolineato che quando l’acquedotto è inesistente, ovvero insufficiente, si rende


necessario ricorrere a SISTEMI DI SOPRAELEVAZIONE DELLA PRESSIONE.
Tra i sistemi maggiormente usati negli impianti medio-piccoli, quello generalmente più
diffuso è un sistema a pressione variabile costituito da un serbatoio/vasca di acumulo, una
pompa a velocità costante ed un’autoclave a membrana.
In questo tipo di sistema la pressione varia in un campo di valori in cui i limiti sono:
 pressione di attivazione della pompa

 
30  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

In corrispondenza a questo valore la pompa si mette in moto automaticamente; è


consigliabile che il suo valore sia uguale alla pressione di progetto dell’impianto,
cioè la pressione necessaria e sufficiente a far arrivare l’acqua al rubinetto posto
nella posizione “idraulicamente più sfavorita” e con la giusta press. minima
residua (in genere pari a 5 m.c.a.).

 pressione di disattivazione della pompa


In corrispondenza a questo valore la pompa si spegne automaticamente; è
consigliabile che il suo valore sia uguale alla pressione di attivazione incrementata
di 10÷15 m.c.a.

                         

La pompa con l’autoclave a membrana è un sistema basato sull'uso di serbatoi con


membrane in gomma naturale o artificiale. Questi serbatoi sono preventivamente caricati con
azoto ad una pressione pari a circa il 90% di quella minima di sopraelevazione. Con l'avvio
delle pompe, l'acqua com- prime il gas fino a fargli raggiungere la pressione massima prevista.
Tale pressione viene poi gradualmente restituita all'impianto nel periodo che intercorre tra
l'attiva- zione e la disattivazione delle pompe.
In genere tutto il gruppo di sopraelevazione è fornito come un insieme monoblocco, assemblato, tarato e collaudato
in fabbrica. Per proteggere le pompe dal pericolo della marcia a secco è bene prevedere (ad integrazione delle
apparecchiature normalmente previste) un dispositivo di blocco, che può essere un livellostato per pompe che aspirano da
un serbatoio aper- to, oppure un pressostato (tarato a bassa pressione) per pompe che aspirano da ac- quedotto o da un
serbatoio in pressione.

 
31  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

Come consigliato dalla per determinare con buona approssimazione il volume


TEORICO di progetto di un autoclave a membrana, può essere utilizzata la seguente formula
empirica:

dove:

• V= Volume dell'autoclave ………………………............….[litri]


• Gpr = Portata di progetto…………………………….… [litri/sec]
• Pmin = Pressione minima di sopraelevazione ……...……[m.c.a.]
• Pmax = Pressione massima di sopraelevazione ………….[m.c.a.]
• a= Numero massimo orario degli avviamenti orari della pompa, mediamente si può
considerare:

a = 30 per potenza elettropompa < 3 kW

a = 25 per potenza elettropompa 3÷5 kW

a = 20 per potenza elettropompa 5÷7 kW

a = 15 per potenza elettropompa 7÷10 kW

a = 10 per potenza elettropompa > 10 kW

 
32  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

ESEMPIO:

Dimensionare la stazione di sopraelevazione (completa di serbatoio di accumulo e pompa di


sopraelevazione) a servizio di un edificio che richiederebbe nel punto di consegna dell’acqua da
parte dell’acquedotto i seguenti valori:

• Gpr = Portata di progetto…………………………………..…2,90 [litri/sec]


• Pmin = Pressione minima di sopraelevazione …………………...50 [m.c.a.]
• Pmax = Pressione disponibile all’attacco dell’acquedotto ………40 [m.c.a.]

Il   volume   della   riserva   idrica   (serbatoio,   ovvero   vasca)   si   ricava   dalla   autonomia  
necessaria  all’impianto.  Ad  esempio  se  decidiamo  di  stabilire  un  periodo  di  autonomia  
di  2  ore,  il  volume  utile  della  riserva  idrica  sarà  pari  a:  

𝐕𝐨𝐥. 𝐫𝐢𝐬𝐞𝐫𝐯𝐚  𝐢𝐝𝐫. = Gpr   ·  Tempo = 2,90 · (3600   ·  2) = 𝟐𝟎. 𝟖𝟖𝟎  𝐥𝐢𝐭𝐫𝐢        
Se  scegliamo  di  realizzare  una  vasca,  questa  dovrà  avere  un  volume  utile  di  circa  21  m3.  

                 
Se  usiamo  dei  serbatoi,  la  riserva  idrica  potrà  essere  realizzata  con  3  serbatoi  da  5.000  
litri  ed  uno  da  6.000  litri.  

                 

 
33  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

La   pressione   di   attivazione   della   pompa   si   fissa   pari   alla   pressione   minima   di  


sopraelevazione  (  50  m.c.a.).  

La  pressione  massima  sarà  pertanto  pari  a    (50  +  10)  =  60  m.c.a.    

Dal  calcolo  della  potenza  assorbita  dalla  pompa  (presumibilmente  minore  di  3  kW)  si  
può  attribuire  ad  “a”  il  valore  di  30.  

Pertanto  il  Volume  dell’autoclave  sarà  pari  a  :  

Gpr   ·  60     Pmax   +  10 2,90 ·  60     60   +  10


𝐕 = 6         =  6       = 𝟐𝟒𝟒  𝒍𝒊𝒕𝒓𝒊  
a   Pmax   −  Pmin   30   60 −  50  

 
 

   

 
34  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

3.6 CRITERI  DI  DIMENSIONAMENTO  IMP.  IDRICI  ANTINCENDIO  


 

3.6.1 Generalità  

Gli impianti idrici antincendio si possono suddividere in due tipologie:


• IMPIANTI RETI IDRANTI (riferimento norma UNI 10779)
• IMPIANTI A PIOGGIA (riferimento norma UNI EN 12845)
 
In  ognuno  delle  due  tipologie,  l’impianto  è  in  generale  composto  da:  
• Una RISERVA idrica costituita da una vasca, ovvero da uno o più serbatoi tutti collegati
in parallelo tra loro. La riserva idrica deve essere in grado di assicurare l’alimentazione
dell’intero impianto di spegnimento per un determinato tempo (minimo 30 minuti –
massimo 120 minuti).
• Una STAZIONE DI POMPAGGIO in grado di assicurare sempre e comunque le
prestazioni idrauliche (portata e pressione) all’intero impianto di spegnimento. Per
situazioni a rischio incendio limitato, è anche possibile il collegamento diretto
all’acquedotto.
• Una RETE D TUBAZIONI che collega la stazione di pompaggio ai vari erogatori
ubicati nell’area protetta dall’impianto antincendio. In generale la rete è composta da:
o una tubazione chiusa ad anello direttamente collegata alla stazione di
pompaggio
o un attacco UNI 70 per la mandata dell’autopompa dei VV.F.
o da una o più colonne montanti
o da un numero di stacchi orizzontali che alimentano gli erogatori
• Un congruo numero di EROGATORI che assicurano la possibilità di spegnimento in
ogni punto dell’edificio nel quale è stato previsto l’impianto di spegnimento antincendio.
Gli erogatori usati, omologati dal Ministero dell’Interno e commercialmente disponibili,
sono: IDRANTI, NASPI, SPRINKLER.

 
35  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

Per   la   progettazione   di   ogni   impianto   idrico   di   spegnimento   antincendio   occorre  


dapprima   procedere   ad   una   valutazione   del   rischio   incendio   nel   rispetto   della  
normativa   vigente   in   materia   di   prevenzione   incendio.   La   valutazione   del   rischio   ci  
permette   di   stabilire   il   “livello   di   rischio”   dell’attività   da   proteggere   (albergo,   scuola,  
ospedale,  etc…).  
Occorre  ricordare  che  per  la  quasi  totalità  delle  “attività”  lavorative,  sono  stati  già  da  
tempo  emanati  specifici  e  corrispondenti  Decreti  Ministeriali  di  Prevenzione  Incendio:  
D.M.  06  ottobre  2003  
Regola  tecnica  di  prevenzione  incendi  per  la  costruzione  e  l'ʹesercizio  delle  attività  
ricettive  turistico-­‐‑alberghiere  
D.M.  14  luglio  2015  

Regola  tecnica  di  prevenzione  incendi  per  la  costruzione  e  l'ʹesercizio  di  edifici  
D.M.  26  agosto  1992  
scolastici  

D.M.  18  marzo  1996  


Regola  tecnica  di  prevenzione  incendi  per  la  costruzione  e  l'ʹesercizio  degli  impianti  
sportivi  
D.M.  06  giugno  2005  

D.M.  22  febbraio  2006  


Regola  tecnica  di  prevenzione  incendi  per  la  costruzione  e  l'ʹesercizio  di  edifici  
destinati  ad  uso  ufficio  
D.M.  06  giugno  2005  

Regola  tecnica  di  prevenzione  incendi  per  la  costruzione  e  l'ʹesercizio  di  autorimesse  
D.M.  1  febbraio  1986  
e  simili  

Regola  tecnica  di  prevenzione  incendi  per  la  costruzione  e  l'ʹesercizio  di  attività  
D.M.  27  luglio  2010  
commerciali  

D.M.  16  maggio  1987  


Regola  tecnica  di  prevenzione  incendi  per  la  costruzione  e  l'ʹesercizio  di  edifici  
destinati  ad  abitazione  
D.M.  15  settembre  2005  

Regola  tecnica  di  prevenzione  incendi  per  la  costruzione  e  l'ʹesercizio  di  edifici  
D.M.  18  settembre  2002  
destinati  Cliniche,  Ospedali,  Case  di  cura.  

Una  volta  individuato  il  livello  di  rischio  dell’attività,    si  procede  al  dimensionamento  
dell’impianto   nel   rispetto   della   corrispondente   “Regola   Tecnica”   e   nel   rispetto   altresì  
delle  disposizioni  tecniche  presenti  e  descritte  nelle  norma  tecniche:  UNI  10779  per  gli  
impianti  reti  idranti  e  UNI  12845  per  gli  impianti  a  pioggia.      

 
36  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

3.6.2 Vasca  o  serbatoi  di  accumulo    


 

L’alimentazione   idrica   degli  impianti   antincendio  è   regolamentata   dalla   norma   UNI  


EN  12845,  punti  9  e  10,  per  gli  impianti  sprinkler  e  dalla  norma  UNI  10779,  appendici  A  
e  B,  per  impianti  a  idranti  e  a  naspi.  

Di  seguito  una  tabella  riassuntiva  delle  taglie  di  impianto  più  comuni  redatta  in  base  al  
prospetto  B.1  della  UNI  10779.  

I  sistemi  di  alimentazione  possibili  in  un  impianto  di  spegnimento  antincendio  sono:  

1. ALIMENTAZIONE SINGOLA
2. ALIMENTAZIONE SINGOLA SUPERIORE
3. ALIMENTAZIONE DOPPIA

Sono  ritenute  “Alimentazioni  idriche  singole”  quelle  di  seguito  elencate:  


• Un acquedotto
• Un acquedotto con una o più pompe di surpressione
• Un serbatoio in pressione
• Un serbatoio a gravità
• Un serbatoio di accumulo con una o più pompe
• Una sorgente inesauribile con una o più pompe

Sono  ritenute  “Alimentazioni  singole  superiori”  quelle  di  seguito  elencate:  


• Un acquedotto alimentato da due estremità

 
37  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

• Un serbatoio a gravità senza pompa di surpressione


• Un serbatoio di accumulo con due o più pompe
• Una sorgente inesauribile con due o più pompe
Sono   ritenute   “Alimentazioni   idriche   doppie”   quelle   che   consistono   in   due  
alimentazioni  singole  in  cui  ognuna  è  indipendente  dall’altra  

Ove   è   possibile   si   devono   utilizzare   pompe   centrifughe   ad   asse   orizzontale   installate  


sottobattente  in  conformità  a  quanto  segue:    

Se   tutto   ciò   non   è   fattibile,   la   pompa   può   essere   installata   in   condizioni   di  


soprabattente,   oppure   si   possono   usare   le   pompe   verticali   immerse   (vertical   turbine  
pumps).   Le   installazioni   soprabattente   e   con   pompe   sommerse   dovrebbero   essere  
evitate  e  usate  solamente  dove  non  è  praticabile  un’installazione  sottobattente.  

 
 
38  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

Laddove   si   dovesse   ricorrere   ad   una   soluzione   con   “installazione  


soprabattente”,   è   sempre   necessario   predisporre   dei   dispositivi   automatici   di  
adescamento:  

 
Il   dispositivo   di   adescamento   deve   comprendere   un   serbatoio   posizionato   ad   un  
livello   più   alto   rispetto   alla   pompa   e   con   una   tubazione   di   collegamento   discendente  
dal   serbatoio   di   mandata   della   pompa.   Il   serbatoio   la   pompa   e   la   tubazione   di  
aspirazione   devono   essere   tenute   costantemente   piene   d’acqua   anche   in   presenza   di  
perdite  della  valvola  di  fondo.  Se  il  livello  dell’acqua  del  serbatoio  dovesse  scendere  a  
2/3  rispetto  al  livello  normale,  la  pompa  deve  partire.  

 
39  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

3.6.3 Gruppo  di  pompaggio    


 

Le  pompe  antincendio  sono  generalmente  azionate  da  motori  elettrici  o  motori  diesel.  

Un   gruppo   di   pompaggio   antincendio   deve   funzionare   senza   problemi,   sempre   e    


comunque  in  caso  di  incendio;  pertanto  molto  spesso  si  usano  dei  gruppi  formati  da:  

• Una Elettropompa avente portata nominale pari alla massima portata idrica dell’impianto
e prevalenza tale da mantenere a 0,2 MPa (2 bar) l’idrante posto nella posizione
idraulicamente più svantaggiosa.
• Una Moto pompa (mossa da un motore a scoppio) ed avente le medesime caratteristiche
idrauliche dell’elettropompa
• Una “pompa jolly” mossa da un motore elettrico ed avente il solo compito di matenere
costante nel tempo la presione nominale dell’impianto.

Le  pompe  antincendio  devono  rispettare  una  serie  di  disposizioni  tutte  elencate  al  p.to  
9-­‐‑10   della   norma   UNI   EN   12845.   Per   non   avere   “sgradite   sorprese”   è   sempre  
consigliato   acquistare   ed   installare   “gruppi   preasemblati   a   norma   UNI   12845”,  
completi  di  quadro  elettrico  di  avviamento  ed  allarme.  

3.6.4 Tubazioni    
 
Le   norme   tecniche   danno   specifiche   e   particolareggiate   disposizioni   sull’uso   delle  
tubazioni  negli  impianti  idrici  antincendio.  A  riguardo  vale  quanto  indicato  al  p.to  6.2  
della  norma  UNI  10779.  In  particolare.  
Nei   tratti   fuori   terra   si   devono   utilizzare   tubazioni   metalliche   conformi   alla   specifica  
norma  di  riferimento:  
• tubazioni di acciaio non legato, siano esse zincate oppure no, con giunzioni saldate,
queste devono avere spessori minimi conformi alla UNI EN 10255

 
40  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

• tubazioni di acciaio non legato, siano esse zincate oppure no, con giunzioni filettate,
queste devono avere spessori minimi conformi alla UNI EN 10224
 
Nei   tratti   interrati   e   quando   si   devono   utilizzare   tubazioni   metalliche,   queste   devono    
conformi  alla  UNI  EN  10224  e  devono  essere  esternamente  protette  contro  la  corrosione  
mediante  rivestimento  (ad  esempio  bituminoso).  

3.6.5 Cassette  idranti  UNI  45    


 
Gli   idranti   antincendio   sono apparecchiature formate da una tubazione flessibile (spesso
denominata: manichetta antincendio) con alimentazione idrica assiale, una valvola di
intercettazione, una lancia erogatrice e una cassetta rigida di contenimento.
Ogni  idrante  è  generalmente  composto  da:  
• cassetta da incasso o a parete contenente un idrante in acciaio verniciato rosso
RALL 3000, lancia erogatrice, portello portavetro in alluminio, lastra frangibile
trasparente a rottura di sicurezza Safe Crash, dimensioni mm 610x370x210
• rubinetto idrante filettato 1" 1/2 - UNI 45
• manichetta appiattibile a norma UNI EN 14540 certificata dal Ministero
dell'Interno UNI 9487, pressione di esercizio 12 bar, pressione di scoppio 42 bar ;
lunghezza manichetta 15; 20; 25; 30 m.
• lancia ferogatrice 12 mm UNI EN 671/1-2
• lastra frangibile trasparente a rottura di sicurezza Safe Crash
 

 
 
41  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

3.6.6 Naspi  DN  25  UNI  45    


I   naspi   antincendio   sono apparecchiature formate da una bobina con alimentazione idrica
assiale, una valvola automatica o una valvola di intercettazione, una tubazione semi rigida, una
lancia erogatrice e una guida di scorrimento per il tubo.
Ogni  naspo  è  generalmente  composto  da:  
• cassetta da incasso o a parete contenente un naspo in acciaio verniciato rosso RALL
3000, erogatore in ottone con lancia frazionatrice, portello portavetro in alluminio, lastra
frangibile trasparente a rottura di sicurezza Safe Crash, dimensioni mm 650x700x270;
conforme alla norma UNI EN 671/1.
• Idrante antincendio con attacco UNI 25 su naspo avente diametro nominale DN 25 e
portata non inferiore a 35 litri/min quando la pressione residua è almeno pari a 2 bar.
Esistono anche “naspi ad alta prestazione” per i quali la portata è pari a 60 litri /min
quando la pressione è almeno pari a 3 bar.
• tubo semirigido UNI 9488 rivestito in resina poliuretanica antiabrasione e antimuffa
colore rosso, pressione di esercizio 25 bar, pressione di scoppio 80 bar. Lunghezza
standard: 15; 20; 25; 30 metri.

3.6.7 Sprinkler    
 
Lo  sprinkler  (letteralmente   "ʺspruzzatore"ʺ   in   inglese)   è   un   sistema   automatico   di  
estinzione  a  pioggia;  ha  lo  scopo  di  rilevare  la  presenza  di  un  incendio  e  di  controllarlo  
in  modo  che  l'ʹestinzione  possa  essere  completata  con  altri  mezzi,  oppure  di  estinguerlo  
nello  stadio  iniziale.  
Anche  un  sistema  sprinkler,  come  una  rete  idranti,  comprende  un'ʹalimentazione  idrica  
e   una   rete   di   tubazioni;   gli   “ugelli   erogatori”   solitamente   son   posizionati   a   livello   del  
soffitto   o   della   copertura,   e   sono   mantenuti  chiusi   da   un   elemento   termosensibile  
(ampollina   contenente   alcool).   In   caso   d'ʹincendio,   il  calore  sviluppato   provoca   la  
rottura   dell’ampollina   e   di   conseguenza   l'ʹapertura   degli   erogatori   che   si   trovano  

 
42  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

direttamente   sopra   l'ʹarea   interessata   e   conseguentemente   la   fuoriuscita   di  acqua  in  


goccioline  che  permette  il  rapido  controllo  dell'ʹincendio  con  il  minimo  dei  danni.  

 
Pertanto  il  singolo  erogatore  è  un  ugello  che  distribuisce  acqua  sopra  un'ʹarea  definita  
(normalmente  compresa  tra  9  e  20  m²  in  funzione  della  tipologia  di  rischio).  
Ogni  erogatore  consiste  in:  
• un corpo
• un elemento termosensibile (colorato)
• un tappo
• un orifizio
• un deflettore.

                                                                                       
I   modelli   di   ogni   componente   possono   variare,   ma   le   caratteristiche   fondamentali   di  
base  rimangono  le  stesse.  In  particolare  è  importante  sapere  che  esistono  in  commercio  
vari  tipologie  di  sprinkler  aventi  il  “bulbo”  di  colore  diverso  in  funzione  della  diversa  
temperatura  di  intervento:  

 
3.6.8 Attacco  mandata  autopompa  VV.F.    

Tutti gli impianti “RETI IDRANTI” devono essere dotati di un dispositivo esterno, facilmente
raggiungibile, ed utile per rifornire di acqua l’impianto, da parte dei mezzi dei Vigili del Fuoco .

 
43  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

                                                                     
Il Gruppo di attacco mandata per motopompa, costruito (e venduto) conforme alla norma UNI
10779, è costituito da: saracinesche di intercettazione acqua, una valvola di ritegno
ispezionabile a clapet in ottone, una valvola di sicurezza tarata a 12 bar (1,2 Mpa) in ottone, un
volantino, una bocca di immissione UNI 70 femmina con girello in ottone.
 

3.6.9 PROGETTO  Reti  idranti    

Tutti gli impianti “RETI IDRANTI” devono tenere conto essere conformi alla norma tecnica
UNI 10779 e della ulteriore e più generale “REGOLA TECNICA di prevenzione incendi per gli
impianti di protezione attiva contro l’incendio” come disposto dal D.M. 20/12/2012.
Il D.M. 20/12/2012, tra le varie disposizioni, elenca per ognuna delle principali attività:
• Il corrispondente “LIVELLO di Pericolosità secondo la norma UNI 10779”
• La necessità di prevedere o meno una protezione aggiuntiva all’esterno dell’edificio
protetto
• Le caratteristiche minime dell’alimentazione idrica richiesta secondo la UNI 12845
 
La   norma   UNI   10779   riporta   un   particolare   ed   utilissimo   “Prospetto   B.1”   dove   sono  
indicate   le   prestazioni   minimali   da   prevedere   per   ognuno   dei   tre   possibili   livelli   di  
pericolosità.   In   particolare,   come   di   seguito   descritto,   fornisce   al   progettista   preziose  
indicazioni  rispetto  a:  
• il numero minimo di idranti contemporaneamente in uso, da prevedere per il calcolo
della portata complessiva dell’impianto idrico antincendio
• la durata minima prevista per il dimensionamento della “Riserva idrica”

 
44  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

 
ESEMPIO:  
Eseguire   una   progettazione   di   massima   di   una   IMPIANTO   RETE   IDRANTI   per   un  
edificio   ad   uso   ufficio   con   all’interno   un   numero   di   presenze   non   inferiore   a   450  
persone.   L’edificio   si   compone   di   n°   5   piani   (compreso   il   piano   terra);   ogni   piano  
contiene  un  corridoio  centrale  avente  lunghezza  pari  a  60  metri.    
1) Consulto la Tabella 1 presente nella “REGOLA TECNICA di prevenzione incendi per gli
impianti di protezione attiva contro l’incendio” (vedere D.M. 20/12/2012).
Per l’edificio oggetto della presente esercitazione vale quanto di seguito riportato:

 
 
45  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

Pertanto  il  nostro  progetto  dovrà  rispettare  quanto  di  seguito  indicato:  
• un “livello di pericolosità” pari a 2
• non sarà necessario prevedere idranti all’esterno dell’edificio
• alimentazione idrica di tipo singola (UNI 12845)

2) Consulto il prospetto B.1 della norma UNI 10779 e definisco pari a 3 il numero minimo
di Idranti in funzione contemporaneamente. L’impianto dovrà assicurare a tutti gli
idranti, ivi incluso l’idrante posto nella posizione idraulicamente più svantaggiosa
una pressione residua non inferiore a 2 bar ed una portata unitaria pari a 120
litri/min.
Pertanto la portata del mio impianto sarà almeno pari a:

𝐺! = 120 ∗ 3  𝑖𝑑𝑟𝑎𝑛𝑡𝑖 = 360  𝑙𝑖𝑡𝑟𝑖/𝑚𝑖𝑛


 
Nel caso volessi decidere di usare i naspi al posto degli idranti, il prospetto B.1 della norma UNI 10779 definisce
pari a 4 il numero minimo di Naspi in funzione contemporaneamente. L’impianto dovrà assicurare a tutti i Naspi,
ivi incluso quello posto nella posizione idraulicamente più svantaggiosa una pressione residua non inferiore a 3
bar ed una portata unitaria pari a 60 litri/min.
Pertanto in tal caso la portata del mio impianto sarà pari a:

𝐺! = 60 ∗ 4  𝑁𝑎𝑠𝑝𝑖 = 240  𝑙𝑖𝑡𝑟𝑖/𝑚𝑖𝑛


 
3) Guardando ancora il prospetto B.1 della norma UNI 10779, definisco pari a 60 minuti la
durata minima del tempo di spegnimento, e pertanto del periodo di funzionamento del
mio impianto in caso di incendio.
Pertanto la Riserva idrica dovrà avere una capacità utile almeno pari a :

𝑉𝑜𝑙𝑢𝑚𝑒 = 𝐺! ∗ 𝑡𝑒𝑚𝑝𝑜 = 21.600  𝑙𝑖𝑡𝑟𝑖


 
 
Nel  caso  volessi  decidere  di  usare  i  naspi  al  posto  degli  idranti,  il  volume  diminuirebbe  a:  
𝑉𝑜𝑙𝑢𝑚𝑒 = 𝐺! ∗ 𝑡𝑒𝑚𝑝𝑜 = 14.400  𝑙𝑖𝑡𝑟𝑖  
 
4) Dalle planimetrie di ogni piano, si posizionano gli idranti. Visto la lunghezza del
corridoio centrale, si può presumere giusto installare non meno di 3 idranti per piano.
Ognuno dei tre idranti sarà collegato ad una colonna montante; le tre colonne montanti
saranno alimentate da un’unica tubazione chiusa ad anello e collegata alla stazione di
pompaggio. Per la prevalenza della pompa occorre eseguire calcoli dettagliati circa le
perdite di carico relative al “percorso idraulicamente più svantaggiato”.

In linea generale la formula per ricavare la prevalenza minima della pompa è la seguente:

𝑝!"#$%&'
𝐻!"#!$ ≥ 𝐻! +   𝑌!"#$ +  
𝜌𝑔
 
46  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

dove:

𝐻!"#!$ = 𝑝𝑟𝑒𝑣𝑎𝑙𝑒𝑛𝑧𝑎  𝑛𝑜𝑚𝑖𝑛𝑎𝑙𝑒  𝑑𝑒𝑙𝑙𝑎  𝑝𝑜𝑚𝑝𝑎

𝐻! = 𝑑𝑖𝑠𝑙𝑖𝑣𝑒𝑙𝑙𝑜  𝑑𝑖  𝑞𝑢𝑜𝑡𝑎  𝑡𝑟𝑎  𝑖𝑙  𝑠𝑒𝑟𝑏𝑎𝑡𝑜𝑖𝑜  𝑒  𝑙 ! 𝑢𝑙𝑡𝑖𝑚𝑜  𝑖𝑑𝑟𝑎𝑛𝑡𝑒

𝑌!"#$ = 𝑃𝑒𝑟𝑑𝑖𝑡𝑒  𝑑𝑖  𝑐𝑎𝑟𝑖𝑐𝑜  𝑝𝑒𝑟  𝑎𝑡𝑡𝑟𝑖𝑡𝑜


𝑝!"#$%&'
= 𝑝𝑟𝑒𝑠𝑠𝑖𝑜𝑛𝑒  𝑟𝑒𝑠𝑖𝑑𝑢𝑎  𝑖𝑑𝑟𝑎𝑛𝑡𝑒:                      2  𝑏𝑎𝑟 =  20  𝑚. 𝑐. 𝑎.  
𝜌𝑔

Dai valori ipotizzabili per questo impianto, possiamo dedurre una prevalenza almeno pari
a 40 m.c.a.
𝐻!"#!$ ≥ 40  𝑚. 𝑐. 𝑎.
5) Per la determinazione ed il calcolo dei diametri delle tubazioni, si farà riferimento al
metodo già utilizzato nell’esempio riportato al par. 3.5.2 del presente volume.
In linea generale, per gli impianti antincendio con idranti aventi attacco UNI 45 le
combinazioni maggiormente utilizzate sono riportate nella seguente tabella indicativa:

Diametro Diametro
N° idranti Portata
nominale in nominale in
alimentati [litri/min]
millimetri pollici
1 120 DN 40 Φ  1"   1 2
2 240 DN 65 Φ  2"   1 2
3 360 DN 80 Φ  3"  
4 360 DN 100 Φ  4"

 
47  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

SCHEMA FUNZIONALE DELL’IMPIANTO

 
48  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

4 IMPIANTI  MOTORI  IDROELETTRICI  


 

4.1 CLASSIFICAZIONI  GENERALI  


Le turbine idrauliche sono macchine a flusso continuo che vengono classificate secondo
criteri diversi

         
Applicando un “criterio funzionale” le turbine sono classificate in base al salto motore o,
preferibilmente, al numero di giri caratteristico. Si avranno quindi:

a) Turbine per alte cadute (Pelton) ……………………………………………Hmotore= 400 ÷ 1800 m


b) Turbine per medie cadute (Francis) ……………………………….. Hmotore= 50 ÷ 500 m
c) Turbine per basse cadute (ad elica, Kaplan) …………………Hmotore= 10 ÷ 50

Agli impianti motori con turbine Pelton corrispondono cadute molto alte, 400 ÷ 1800 m
con portate contenute, 1 ÷ 10 m3/sec. Le potenze piu` usualmente impiegate sono dell’ordine di
100 ÷ 150 MW, fino ad un massimo di 300 M W .

Agli impianti motori con turbine Francis corrispondono cadute di 40 ÷ 1800 m con
portate pari a 4 ÷ 150 m3/sec. Le potenze piu` usualmente impiegate sono dell’ordine di 100 ÷
300 MW, con il massimo valore raggiunto in una installazione di 700 M W per turbina.

 
49  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

Agli impianti motori con turbine ad Elica e/o tipo Kaplan corrispondono cadute di 5 ÷ 30
fino ad un massimo di 90 m, con portate generalmente maggiori di 100 m3/sec. Le potenze piu`
usualmente impiegate arrivano fino a 200 MW per turbina.

           
 
Gli impianti motori idraulici si possono anche suddividere in :
• IMPIANTI A A CADUTA (ovvero a Bacino)
• IMPIANTI AD ACQUA FLUENTE
 

 
 

 
 

 
50  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

4.2 COMPOSIZIONE  DI  UN  IMPIANTO  IDROELETTRICO  


 

In ogni caso ciascun impianto idroelettrico, qualsiasi tipo esso sia, è in genere composto da:
• Un bacino di raccolta dell’acqua
• Una diga, ovvero uno sbarramento di un corso d’acqua
• Condotte forzate per il trasporto dell’acqua dal bacino alle machine
• Valvole di intercettazione dell’acqua , installate su ogni condotta forzata
• Una o più Turbine (macchine motrici idrauliche)
• Opere di restituzione dell’acqua al corso d’acqua utilizzato
• Uno o più alternatori sempre accoppiati alla corrispondente Turbina
• Sottostazione elettrica di trasformazione e allaccio alla rete A.T.
 

4.2.1 Bacino  idraulico  


Il bacino è un invaso d’acqua che si ottiene per effetto dello sbarramento del corso di un
fiume. Forma e dimensioni di un bacino idrografico sono generalmente determinati dalle
caratteristiche geologiche della zona, mentre la ramificazione del reticolo idrografico, ovvero la
densità dei corsi d'acqua minori, dipende, in modo essenziale, anche dal regime delle
precipitazioni, dai tipi di suolo e di vegetazione e dall'attività umana.

4.2.2 Diga  -­‐  Sbarramento  


Una Diga - Opera di sbarramento di un corso d'acqua, è sempre un’opera di
Ingegneria Idraulica che serve a formare un bacino o un serbatoio; essa è generalmente dotata di
opere di imbocco, di gallerie o canali, di opere di sfioro dell'acqua in eccesso e di opere di
scarico. Le dighe si possono dividere in due grandi categorie: diga a gravità e dighe ad arco. Le
dighe a gravità hanno generalmente sezione verticale triangolare o trapezoidale, e sezione
orizzontale ad asse rettilineo o talvolta curva. La stabilità e la resistenza alla spinta idrostatica
sono affidate unicamente al peso della costruzione. Nelle dighe ad arco la spinta idrostatica delle
acque d'invaso viene trasferita, sulle pareti laterali su cui poggia la diga stessa. Con forma
convessa, possono essere costruite solo per sbarrare valli non molto larghe con fianchi rocciosi a
cui la diga è ancorata.

 
51  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

4.2.3 Condotte  forzate  


Le condotte forzate sono generalmente costituite da tubazioni metalliche in lamiera
d'acciaio o in calcestruzzo armato. Le condotte sono generalmente dotate di organi di chiusura
(paratoie piane o valvole), uno alla partenza, immediatamente a valle della vasca di carico o
pozzo piezometrico (in genere valvole a farfalla), e l’altro organo di intercettazione(in genere
valvole rotative) alla fine, immediatamente prima delle macchine idrauliche.

     
 

4.2.4 Valvole  utilizzate  nelle  centrali  idroelettriche  

Al fine di intercettare l’acqua e/o di regolare il flusso dell’acqua


nelle condotte forzate, si utilizzano vari Tipi di valvola nelle centrali
idroelettriche:

Farfalla
Le valvole a “farfalla” sono costituite da una lente circolare
che ruota attorno ad un perno girevole ad asse
perpendicolare alla tubazione in cui la valvola e' inserita.
Sono impiegate in impianti con salti fino a 200 m ed hanno
diametri massimi di 4-5 metri. Queste non sono valvole di
regolazione ma del tipo on/off (tutto aperto o tutto chiuso).

Rotative
Le valvole “rotative” sono costituite da un corpo sferico
nell'interno del quale si muove un otturatore rotante, che
ha la stessa sezione trasversale della condotta. L'impiego
di questo tipo di valvola, che può raggiungere diametri di 4
metri, e' adatto a salti fino a 1500-1600 m. Anche questa è
del tipo on/off.

 
52  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

Fuso
L’organo otturatore di questo tipo di
valvola ha la forma di un fuso che viene
spostato in direzione assiale per le
manovre di chiusura o apertura. Questa
valvola può regolare la portata d’acqua.

4.2.5 Turbine  Idrauliche  


 

Una turbina idraulica è il “cuore” dell’impianto; essa costituisce l’apparato motore


che trasforma l’energia idraulica in “Lavoro Mecanico” e regola la potenza fornita all’asse di
rotazione. Ogni turbina è essenzialmente costituita da un organo modulante, il distributore, e da
una ruota o girante. Il primo convoglia e regola il flusso d'acqua, il secondo converte in energia
di rotazione l'energia cinetica sottratta all'acqua. Dal punto di vista costruttivo per ottimizzare e
raggiungere il massimo rendimento possibile si utilizzano 3 diversi tipi di Turbine:

Pelton
Turbina idraulica utilizzata di solito con alti salti (50-1300 metri) e
piccole portate. Le turbine Pelton sono costituite da un distributore a
uno o più ugelli (generalmente fino a 6) in relazione alla portata da
inviare alla girante e da una ruota, calettata sull'albero motore che
trasmette la rotazione all'alternatore elettrico. Ogni ugello crea un
getto, la cui portata è regolata da una valvola a spillo (spina Doble).

Francis
Turbina idraulica con pale della girante fisse, utilizzata di solito con medi o
bassi salti (da 10 a 250 metri) e con portate medie. Le turbine Francis sono
caratterizzate da un ingresso dell'acqua nella girante, in direzione radiale
centripeta e da uno scarico assiale. Nelle turbine Francis veloci,
l'alimentazione è sempre radiale, mentre lo scarico dell'acqua è solitamente
assiale; in queste turbine l'acqua si muove come in una condotta in
pressione: attraverso il distributore (organo fisso) perviene alla ruota
(organo mobile) alla quale cede la sua energia, senza entrare in nessun
momento in contatto con l'atmosfera.

Kaplan
Turbina idraulica con pale della girante regolabili utilizzata di solito con
grandi portate e bassi salti (da 5 a 30 metri). Sono turbine a flusso assiale,
utilizzate generalmente per bassi salti (2-20 metri). Le pale della ruota nella
Kaplan sono sempre regolabili, mentre quelle del distributore possono
essere fisse o regolabili. Quando sia le pale della turbina sia quelle del
distributore sono regolabili, la turbina è una vera Kaplan (o a doppia
regolazione); se sono regolabili solo le pale della ruota, la turbina è una

 
53  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

semi-Kaplan (o a singola regolazione).

4.2.6 Opere  di  restituzione  

Le opere di restituzione sono principalmente costituite da un canale o galleria a


pelo libero o in pressione, che attraverso un opportuno manufatto di sbocco, restituiscono le
portate utilizzate al corso d'acqua.
 

4.2.7 Alternatore  
L'alternatore e' un generatore di corrente elettrica. È costituito da due parti
fondamentali, una fissa e l'altra rotante, dette rispettivamente statore e rotore, su cui sono
disposti avvolgimenti di rame isolati. I due avvolgimenti si dicono induttore (sul rotore) e
indotto (sullo statore).

               

4.2.8 Sottostazione  elettrica  


 

Il trasformatore è una macchina elettrica statica atta a trasferire, sfruttando il


fenomeno dell'induzione elettromagnetica, energia elettrica a corrente alternata da un circuito ad
un altro modificandone le caratteristiche. Schematicamente un trasformatore è costituito da due
avvolgimenti, ciascuno formato da un certo numero di spire di filo di rame avvolte attorno a un
nucleo di ferro di elevata permeabilità magnetica, dei quali uno riceve energia dalla linea di
alimentazione, mentre l'altro è collegato ai circuiti di utilizzazione. Nelle ultime realizzazioni
esiste un solo avvolgimento, in questo caso è chiamato “autotrasformatore”.

 
54  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

4.3 IMPIANTI  IDROELETTRICI  ENEL  GREN  POWER  


 
Esempi  di  impianti  esistenti  nelle  vicinanze  della  città  di  Roma:  
4.3.1 Centrale  ad  acqua  fluente  di  NAZZANO:  
 
 
 
 
 
 
 
 

Sbarramento lungo il corso del fiume Tevere, Centrale ENEL di Nazzano

 
 
 
 
 
 
 
 

 
55  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

4.3.2 Il  fiume  ANIENE  e  l’utilizzo  idroelettrico  


 

 
 

Gli  impianti  idroelettrici  in  produzione  sono  di  seguito  elencati:  

 
 
 

 
56  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

Schema  altimetrico  degli  impianti  idroelettrici  in  produzione  nella  valle  


dell’Aniene:  
 

 
 
 
 

     

 
57  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

           
 

 
 
 
   

 
58  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

4.4 ESEMPIO  DI  PROGETTO  IMPIANTO  CON  TURBINA  PELTON    


 

4.4.1 Dati  e  componenti  generali  


Per   l’esempio   in   argomento   vengono   utilizzati   i   dati   di   seguito   elencati,   dedotti   e   scelti   da   un  
impianto  simile  già  realizzato  e  funzionante  da  cui  si  è  preso  spunto:    

Centrale  di  Roncovalgrande  -­‐‑  Maccagno  (  VA  )  


• Comune: Maccagno
• Provincia: Varese
• Regione: Lombardia
• Anno di costruzione: 1968 - 1971
• Località: Ronco Valgrande
• Proprietario: ENEL produzione s.p.a.
• condizione: Attiva
• Potenza: 1040 MW in generazione (784 MW in pompaggio)
• N. Gruppi: 8
• Salto utile: 736.2 m
• Portata: 159.3 m3/s
• Producibilità media: 1000 GWh
• Tipo Macchinario: gruppi ternari verticali (motore/generatore, turbina pelton, pompa a 4
stadi )

L’impianto   in   argomento   permette   lo   sfruttamento   a   scopo   idroelettrico  


del   lago   Delio.  L'ʹorigine   del   lago   è   di   escavazione   glaciale,   tuttavia  
l'ʹintervento   umano   con   la   successiva   costruzione   di   due   dighe   di  
contenimento  ha  cambiato  di  molto  l'ʹaspetto  originario  del  lago  portando  
la   capacità   d’invaso   a   10   milioni   di   m3.   Caratteristica   del   lago   è   il   suo  
utilizzo  per  la  produzione  di  energia,  che  potrei  definire  insolito.  Infatti  di  
giorno,   l'ʹacqua   del   lago   dopo   essere   passata   per   le   turbine   della   centrale  
elettrica,   finisce   nel   Lago   Maggiore,   ma   durante   la   notte   e   nei   fine  
settimana,  quando  la  richiesta  di  energia  è  minore,  viene  ripompata  su  al  
lago,  per  essere  riutilizzata.  

La   centrale   di   Roncovalgrande   è   uno   dei   più   grandi   impianti   di  


generazione  e  pompaggio  presenti  in  Italia.  E’  stata  realizzata  tutta  in  una  
caverna   scavata   interamente   nella   montagna.   La   sala   macchine   è   lunga  
195   m,   larga   18   m   e   alta   58   m. In   sponda   destra   del   lago   Delio,   a   quota   900,   si   trova   la   presa,   delle  
dimensioni   di   4.9   x   6.2   m   protetta   da   una   paratoia   piana   a   comando   oleodinamico   e   da   una   griglia   a  
sacco  sollevabile.    
La   galleria   in   pressione   è   rivestita   in   calcestruzzo   variamente   armato   a   seconda   della   qualità  
della  roccia  attraversata,  ha  un  diametro  di  6.20  m  ed  è  lunga  592.5  m  con  pendenza  regolare  del  2.2  %.    
 
 

 
59  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

Il  pozzo  piezometrico  è  del  tipo  differenziale  a  2  canne.  La  canna  principale  ha  un  diametro  di  
4.30   m.   La   camera   di   alimentazione   inferiore   ha   un   volume   di   770   m3  ,   la   camera   di   compenso   2260  
m3  e  la  camera  di  espansione  superiore  2870  m3.  Alla  base  del  pozzo  partono  le  due  condotte  forzate  
gemelle,  formate  rispettivamente  da  tubi  saldati  (515  m)  e  tubi  blindati  (590  m).  Esse  sono  parallele  e  
distanziate  tra  loro  di  60  m,  con  pendenza  dell’88%  ,  hanno  un  diametro  variabile  da  4.30  a  3.60  m.  e  
sono  rispettivamente  lunghe  1106  e  1108  m.  

 
In  testa  ed  al  piede  di  ognuna  delle  due  condotte  forzata  si  trovano  rispettivamente  una  valvola  
a  farfalla  ed  una  valvola  rotativa.  
Le  otto  turbine  Pelton  hanno  una  potenza  singola  di  127  MW,  ed  assorbono  la  portata  massima  
di  160  m3/sec  (circa  20  m3/sec    cadauna).    
Ognuno  degli  otto  alternatori  è  costituito  da  un  “generatore  sincrono  trifase”  a  12  poli  (6  coppie  
polari  e  500  giri/min.)  con  potenza  nominale  di  140  MVA  a  17  kV.  La  potenza  massima  degli  alternatori  
ammonta   a   1120   MVA.   Gli   alternatori   sono   collegati   a   due   a   due   a   un   trasformatore   trifase   a   tre  
avvolgimenti  della  potenza  di  140/140/280  MVA  con  rapporto  17/17/410  kV.  le  uscite  lato  410  kV  sono  
formate   da   una   terna   di   cavi   unipolari   in   olio   fluido.  Il   secondario   dei   trasformatori   è   a   380   kV   ed   è  
collegato,  a  mezzo  della  sottostazione  elettrica  alla  rete  elettrica  nazionale.  
 

 
60  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

4.4.2 Criterio  di  calcolo  e  scelta  della  Turbina  


 
Ognuno  degli  otto  gruppi  Turbina-­‐‑  Alternatore  ha  le  seguenti  caratteristiche:  
• Salto motore disponibile:………………………..…………………………………H = 736 m

• Portata unitaria di progetto:………………………..……………………………..GV = 20 m3/sec


60∗!"#$.
• Numero di giri :……………………….…………………n =   = 500  giri/min
!°  !"##$%  !"#$%&
• Valore presunto del rendimento della turbina Pelton: ………………………..𝜂 = 0,88
al quale corrisponde un valore unitario della potenza erogata 𝑃𝑜𝑡. =  𝜌𝑔  𝐺!  𝐻  𝜂 = 127  MW

1) Calcolo del “numero di giri caratteristico” della macchina ed ottimizzazione della scelta del tipo di
turbina da utilizzare in questo impianto.

Grazie all’esperienza costruttiva accumulata nel corso degli anni, è bene definire il numero di giri
caratteristico in funzione della Potenza (espressa in kW), del numero di giri/min della macchina e
del salto motore disponibile (espresso in m.c.a.).

!
! !"#
𝑛! = ∗ ! = 46
! !
 
Calcolato il numero di giri caratteristico, si sceglie il tipo di turbina più adatta per quelle
caratteristiche dell’impianto, secondo quanto riportato in tabella

1°  tentativo:  

TURBINA  PELTON  a  4  getti  

Le Turbine Pelton. possono essere ad asse orizzontale, con 1 o al massimo 2 ugelli, o ad


asse verticale con 4,5, o 6 introduttori. Per avere una grande portata pur mantenendo basso
il numero di introduttori impiegati, si ricorre spesso alla soluzione che prevede l’utilizzo di
2 giranti montate a sbalzo sui due lati dello stesso alternatore.

La nostra turbina sarà del tipo ad asse VERTICALE

 
61  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

2) Calcolo del Diametro a mezzo dei “TRIANGOLI DI VELOCITÀ” nelle sezioni di ingresso ed uscita
dalla girante.

Nella seguente figura sono riportati i triangoli di velocita` su una pala di turbina Pelton.

La velocità di uscita del getto dal distributore è pari a

!
𝐶! = 𝜑 ∗ 2𝑔𝐻 dove 𝜑 = 0,97 ÷ 0,99  

Poniamo 𝜑 = 0,98 ed otteniamo pertanto il valore di

𝐶! = 118   𝑚 𝑠𝑒𝑐  

La velocità periferica calcolata al diametro medio


della pala è pari a

𝑈 =  
2𝜋𝑛 ∗   𝐷
60 2
Per il triangolo di velocita` in ingresso vale c1 = u +
w1, essendo le velocita` allineate lungo la medesima
direzione. Applicando la condizione di “massimo rendimento” si ottiene:

𝐶
𝑈 = 𝑊1          𝑒  𝑝𝑒𝑟𝑡𝑎𝑛𝑡𝑜        𝑈 = 21 = 59   𝑚 𝑠𝑒𝑐

Si ricava pertanto per il diametro della girante il seguente valore:


60  
𝐷 = 𝑈 ∗   ∗ 2 = 2,25  𝑚
2𝜋𝑛
La turbina Pelton sono turbine ad “AZIONE” e pertanto teoricamente vale W2 = W1.

Si devono però considerare le perdite per attrito nella girante; attraverso un opportuno
coefficiente di perdita ψ il cui valore e` normalmente compreso tra 0.96 e 0.98 possiamo scrivere:

W2 = ψ * W1 = 0,97 * 59 = 0,57 m/sec

Componendo vettorialmente W2 e U si ottiene il vettore velocità C2.


Quest’ultima dovrebbe essere teoricamente nulla, in modo da permettere la massima
deviazione del getto e quindi la massima spinta sulla pala. D’altro canto è necessario che la vena
fluida in uscita dalla pala non vada ad investire il dorso della pala seguente, fatto che sarebbe
fonte di notevoli perdite. Si utilizza quindi un angolo di uscita della corrente relativa dalla pala di
circa 15° rispetto alla direzione periferica (vedi figura). Questo consente di scaricare l’acqua dalla
girante in direzione circa assiale, quindi senza interferire con la pala seguente e minimizzando la
componente periferica della velocità, ottenendo così maggior lavoro.

 
62  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

3) Calcolo del diametro del getto

Nella seguente figura sono riportati i triangoli di velocità e l’intera girante.

Riprendiamo il valore di 𝐶! = 118   𝑚 𝑠𝑒𝑐


In ognuno dei quattro getti scorrerà una portata pari 1/4 della portata totale della singola turbina.

Applicando la relazione che lega la portata volumetrica all’Area di passaggio del fluido, si ha:

𝜋𝑑 !
𝐺!"##$ =   𝐴!"##$ ∗ 𝐶! =   ∗ 𝐶!
4
Da questa relazione, si ottiene il valore del diametro del getto:
 

! 4𝐺!"##$
𝑑 =   = 0,232  𝑚 = 232  𝑚𝑚.    
𝜋 ∗   𝐶!
 
4) verifica della perfetta ottimizzazione
 
Esistono dei limiti tecnici per il rapporto D/d:
• se D/d < 7 → getto troppo grande, poche pale, difficolta` evacuazione dell’acqua;
• se D/d > 80 → troppe pale e troppo vicine, difficolta` evacuazione dell’acqua.

L’esperienza costruttiva consiglia per un proporzionamento ottimale di una turbina Pelton un valore del rapporto
D/d compreso tra 12 e 18.

Nella nostra ipotesi N° 1 il rapporto D/d è uguale a 9,7, pertanto è preferibile passare alla ipotesi N° 2:
numero di getti pari a 5.

 
63  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

2°  tentativo:  

TURBINA  PELTON  a  5  getti  

In questo caso in ognuno dei cinque getti scorrerà una portata pari 1/5 della portata totale della singola turbina.

Applicando la relazione che lega la portata volumetrica all’Area di passaggio del fluido, si ha:

𝜋𝑑 !
𝐺!"##$ =   𝐴!"##$ ∗ 𝐶! =   ∗ 𝐶!
4
Da questa relazione, si ottiene il valore del diametro del getto:
 

! 4𝐺!"##$
𝑑 =   = 0,208  𝑚 = 208  𝑚𝑚.    
𝜋 ∗   𝐶!
Nella ipotesi N° 2 il rapporto D/d è uguale a 11; valore ancora migliorabile e pertanto è preferibile
passare alla ipotesi N° 3: numero di getti pari a 6.

3°  tentativo:  

TURBINA  PELTON  a  6  getti  

In questo caso in ognuno dei sei getti scorrerà una portata pari 1/6 della portata totale della singola
turbina.

Applicando la relazione che lega la portata volumetrica all’Area di passaggio del fluido, si ha:

𝜋𝑑 !
𝐺!!""# =   𝐴!"##$ ∗ 𝐶! =   ∗ 𝐶!
4
Da questa relazione, si ottiene il valore del diametro del getto:
 

! 4𝐺!"##$
𝑑 =   = 0,190  𝑚 = 190  𝑚𝑚.    
𝜋 ∗   𝐶!
Nella ipotesi N° 3 il rapporto D/d è uguale a 12; valore finalmente accettabile.

 
 
 

 
64  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

 
5) Determinazione e scelta della geometria della pala
 
Le pale di una turbina Pelton presentano la forma di un doppio cucchiaio, le cui parti sono separate da un
tagliente.
 

Dai valori sopra consigliati si ricava quanto segue:


 

A  =    200  mm.  
B  =    600  mm.  
A  =    230  mm.  
T  =  A  =    230  mm.  

6) Determinazione del numero di pale


 
Il  numero  di  pale  NP  della  girante  si  determina  utilizzando  la  seguente  relazione  dettata  
dall’esperienza  che  si  approssima  ad  un  numero  intero:  

𝐷
𝑁!   =  15   +     ≅ 20
2𝑑

 
65  
Docente:  prof.  ing.  GUIDO  CAMPONESCHI                                              IMPIANTI  IDRICI                                                                        rev.  0      data:  23/09/2016  

 
 

   

 
66