Sei sulla pagina 1di 32

34567

N OVEMBRE 2 0 18

ARTICOLI DI STUDIO PER IL PERIODO:


31 DICEMBRE 2018 – 3 FEBBRAIO 2019
IN COPERTINA: PROCLAMATORI
SVEZIA 22.418
A Stoccolma i proclamatori approfittano della STUDI BIBLICI
luce estiva tipica dei paesi nordici per svolgere
la testimonianza serale. Trasmettono un mes- 10.027
saggio di speranza a chi lavora di notte, per PRESENTI ALLA
esempio a chi guida i taxi e a chi lavora nei COMMEMORAZIONE (2017)
negozi e nelle stazioni di servizio.
34.966

INDICE
________________________________________________________________________________________________________________________________ ________________________________________________________________________________________________________________________________

3 SETTIMANA: 31 DICEMBRE – 6 GENNAIO


18 SETTIMANA: 21-27 GENNAIO
“Acquista la verità e non venderla mai” Da chi ci stiamo facendo modellare?

8 SETTIMANA: 7-13 GENNAIO


23 SETTIMANA: 28 GENNAIO – 3 FEBBRAIO
“Camminerò nella tua verità” Abbiamo lo stesso punto di vista
di Geova?
Questi due articoli ci aiuteranno ad apprezzare
ancora di più la verità che ci insegna Geova. Man mano che cresciamo spiritualmente,
Il valore di questa verità è di gran lunga superiore ci rendiamo conto che il modo di pensare
a qualsiasi rinuncia fatta per ottenerla. In questi di Geova è superiore al nostro. Grazie
articoli vedremo anche cosa possiamo fare per a questi due articoli capiremo come possiamo
continuare a considerarla preziosa e come evitare di lasciarci influenzare dai pensieri
possiamo essere assolutamente determinati tipici del mondo e cosa possiamo fare
a metterla in pratica in ogni aspetto della per avere lo stesso punto di vista di Geova.
nostra vita.
________________________________________________________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________________________________________________________

28 La benignità: una qualità


13 SETTIMANA: 14-20 GENNAIO che va mostrata con parole e azioni
Confidiamo in Geova e vivremo!
________________________________________________________________________________________________________________________________
Il libro di Abacuc ci insegna a non perdere la fiducia
in Geova quando affrontiamo difficoltà. Questo 31 DOMANDE DAI LETTORI
articolo ci farà capire che, se confidiamo in lui
________________________________________________________________________________________________________________________________
nonostante i problemi sempre più pressanti, Geova
ci darà la salvezza.
32 Cosa possiamo dare a Geova?

Questa pubblicazione non


è in vendita. Viene distribuita 34567 November 2018
Vol. 139, No. 14 ITALIAN
nell’ambito di un’opera
`
mondiale di istruzione Salvo diversa indicazione, La Torre di Guardia e un periodico mensile con supplemento quadrimestrale edito in Italia
le citazioni della Bibbia dalla Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova, Via della Bufalotta 1281, Roma.
biblica sostenuta mediante Direttore responsabile: Gabriele Nannini. Reg. Trib. Roma n. 14289 - 10/1/1972.
sono tratte dalla Traduzione
contribuzioni volontarie. ISSN: 0271-3004
del Nuovo Mondo Stampata in Germania da: Wachtturm Bibel- und Traktat-Gesellschaft, Selters/Ts.
Per fare una donazione delle Sacre Scritture. 5 2018 Watch Tower Bible and Tract Society of Pennsylvania.
Printed in Germany.
visitate www.jw.org. 5 Druck und Verlag: Wachtturm Bibel- und Traktat-Gesellschaft, Selters/Ts.,
V. i. S. d. P. Manfred Steffensdorfer, Selters/Ts.
“Acquista la verità
e non venderla mai”
“Acquista la verità e non venderla mai; acquista anche sapienza,
disciplina e intendimento” (PROV. 23:23)

QUAL È la cosa più preziosa che abbiamo? Per noi che servia- CANTICI: 94, 96
mo Geova è sicuramente la nostra amicizia con lui. È così pre-
ziosa che non la scambieremmo con niente al mondo. Con- SAPRESTE SPIEGARE?
sideriamo preziose anche le verità della Bibbia perché ci ________________________________________________________________________________________________________________________________

permettono di avere questo rapporto di amicizia con il nostro Come possiamo ‘acquistare
Padre celeste (Col. 1:9, 10). la verità’?
2 Pensiamo a tutto quello che il nostro grande Insegnante ci

rivela attraverso la sua Parola, la Bibbia! Ci fa conoscere il suo


________________________________________________________________________________________________________________________________
nome e le sue meravigliose qualità. Ci spiega che ci ama così
tanto da aver dato la vita di suo Figlio per noi. Ci dice che ha Quali cinque cose potrebbero
far parte del prezzo da pagare
istituito il Regno messianico e che tutti abbiamo una speranza
per ‘acquistare la verità’?
per il futuro: gli unti quella di vivere in cielo e le “altre pecore”
quella di vivere in un paradiso sulla terra (Giov. 10:16). Inoltre
ci insegna come vivere. Queste verità sono molto preziose per ________________________________________________________________________________________________________________________________

noi perché ci permettono di avvicinarci al nostro Creatore e Quanto dovrebbe essere


danno un senso alla nostra vita. preziosa per noi la verità?

1, 2. (a) Qual è la cosa più preziosa che abbiamo? (b) Quali verità con-
sideriamo preziose, e perché? (Vedi le immagini iniziali.)

3
3 Geova è un Dio generoso. A chi cerca o uno scambio per ottenere qualcosa di
la verità dà ogni cosa buona senza tratte- prezioso. Non è implicato necessariamen-
nersi. Ha perfino offerto la vita del suo te il denaro. Facciamo un esempio. Imma-
amato Figlio per noi. Quindi non ci chiede- giniamo di ricevere un buono che ci dà di-
rebbe mai dei soldi in cambio della verità. ritto a un elettrodomestico gratis. Non
Lo capiamo dal fatto che una volta l’apo- per questo l’elettrodomestico comparirà
stolo Pietro rimproverò un uomo di nome miracolosamente a casa nostra. Dovremo
Simone che voleva offrirgli del denaro in fare lo sforzo di andare al negozio e por-
cambio dell’autorità di impartire lo spirito tarlo a casa. Quindi anche se l’elettrodo-
santo. Gli disse: “Il tuo argento vada di- mestico è gratis, averlo richiederà sforzi e
strutto con te, perché hai pensato di poter tempo. Allo stesso modo, per ottenere la
comprare con il denaro il gratuito dono di verità non sono necessari i soldi, ma dob-
Dio” (Atti 8:18-20). Cosa vuol dire allora biamo comunque fare uno sforzo.
l’espressione “acquista la verità”? 6 Leggi Isaia 55:1-3. Questo brano

COSA SIGNIFICA chiarisce ulteriormente cosa comporta


‘ACQUISTARE LA VERITÀ’? ‘acquistare la verità’. Geova paragona le
4 Leggi Proverbi 23:23. Non è possibi- sue parole di verità all’acqua, al latte e al
le trovare la verità della Parola di Dio sen- vino. Come un sorso d’acqua fresca, la ve-
za fare alcuno sforzo. Dobbiamo quindi rità ci ristora. Inoltre, così come il latte
essere disposti a fare qualunque sacrificio aiuta un bambino a crescere, la verità
pur di ottenerla. Come ci fa notare il libro contenuta nella Bibbia ci rafforza e ci fa
di Proverbi, una volta che ‘abbiamo ac- crescere spiritualmente. Le parole di Geo-
quistato la verità’ dobbiamo stare attenti va sono anche paragonate al vino. Nella
a non “venderla”, cioè a non perderla. Bibbia viene detto che il vino fa rallegrare
Cosa significa ‘acquistare la verità’? E (Sal. 104:15). Quindi, rivolgendo ai suoi
qual è il prezzo che forse dobbiamo paga- servitori l’invito “comprate vino”, Geova
re per averla? La risposta a queste doman- assicura che seguire la sua guida rende fe-
de ci farà apprezzare ancora di più la ve- lici (Sal. 19:8). Con questi esempi Geova
rità e ci renderà più determinati a non ci aiuta a capire che fare lo sforzo di im-
“venderla”. Vedremo anche perché vale la parare e mettere in pratica le sue parole di
pena pagare qualsiasi prezzo per acqui- verità ha effetti positivi su di noi. Esami-
starla. niamo ora cinque cose che potrebbero far
5 Il fatto che una cosa sia gratis non si- parte del prezzo da pagare per ‘acquista-
gnifica che non costi nulla. Il termine re la verità’.
ebraico tradotto “acquista” in Proverbi A COSA HAI RINUNCIATO
23:23 racchiude l’idea di fare uno sforzo PER ‘ACQUISTARE LA VERITÀ’?
3. Dio ci chiederebbe mai dei soldi in cambio
7 Tempo. Chi “acquista la verità” deve
della verità? per forza rinunciare a parte del suo tempo.
4. Cosa impareremo sulla verità in questo arti- Infatti ci vuole tempo per ascoltare il mes-
colo?
5, 6. (a) Perché non servono soldi per ‘acqui- 7, 8. (a) Perché ‘acquistare la verità’ richiede
stare la verità’? Fate un esempio. (b) Quali effet- tempo? (b) A cosa rinunciò una studentessa, e
ti positivi ha su di noi la verità? questo cosa le ha permesso di fare?

4 LA TORRE DI GUARDIA
saggio del Regno, leggere la Bibbia e le dicava ai divertimenti per poterne dedica-
pubblicazioni bibliche, studiare la Bibbia a re di più allo studio della Bibbia. Questi
livello individuale, prepararsi per le adu- sacrifici le permisero di fare rapidi pro-
nanze e frequentarle. Dobbiamo prender- gressi. Si battezzò nel giro di un anno e
ci il tempo, o ‘riscattarlo’, rinunciando ad dopo sei mesi, nel 2006, iniziò a fare la
attività meno importanti. (Leggi Efesini pioniera. Attualmente sta continuando a
5:15, 16 e la nota in calce.) Di quanto svolgere questo servizio.
tempo c’è bisogno per imparare le verità 9 Comodità materiali. Per ‘acquistare

fondamentali della Bibbia? Dipende da la verità’ potremmo dover rinunciare a un


persona a persona. È anche vero che non lavoro ben pagato o a una brillante carrie-
ci sono limiti a quello che possiamo impa- ra. Pietro e Andrea, per esempio, faceva-
rare sulla sapienza di Geova, sul suo modo no i pescatori, ma quando Gesù li invitò a
di agire e sulle sue opere (Rom. 11:33). Pa- diventare “pescatori di uomini” abbando-
ragonando la verità a “un modesto fiorelli- narono subito la loro attività (Matt. 4:18-
no”, il primo numero della Torre di Guardia 20). Questo non significa che chi impara la
diceva: “Non accontentatevi di un singolo verità debba smettere di lavorare. Ha co-
fiore di verità. Se ne fosse bastato uno, munque la responsabilità di prendersi cura
non ce ne sarebbero stati altri. Continuate della famiglia (1 Tim. 5:8). Deve però cam-
a raccoglierne, cercatene sempre degli al- biare il modo in cui considera i beni mate-
tri”. Quindi chiediamoci: “Quanto è pro- riali e modificare la propria scala di valori.
fonda la mia conoscenza di Geova?”Anche Questo fu ben sottolineato da Gesù quan-
quando vivremo per l’eternità, continuere- do disse: “Smettete di accumularvi tesori
mo a imparare cose nuove su di lui. È im- sulla terra [...]. Accumulatevi piuttosto te-
portante che ognuno di noi usi il tempo sori in cielo” (Matt. 6:19, 20). Vediamo
saggiamente in modo da imparare quanto cosa ha fatto una ragazza di nome Maria.
10 A Maria piaceva giocare a golf fin da
più possibile in base alle proprie circostan-
ze. Consideriamo l’esempio di qualcuno quando era piccola. Alle superiori diven-
che desiderava tanto conoscere la verità. tò sempre più brava, tanto che alla fine
8 Misaki,1 una ragazza giapponese, si vinse una borsa di studio universitaria. Il
trasferì a New York per frequentare una golf era la sua vita. Sognava di fare carrie-
scuola. All’epoca seguiva un movimento ra in questo sport e guadagnare tanti sol-
religioso nato in Giappone alla fine degli di. Poi iniziò a studiare la Bibbia, ed era
anni ’50. Un giorno bussò alla sua porta entusiasta di quello che imparava. Vedeva
una pioniera che le parlò della buona no- che la sua vita migliorava man mano che
tizia. Misaki iniziò a studiare la Bibbia. applicava le verità bibliche. Disse infatti:
Quello che scoprì le piacque molto e chie- “Più adeguavo il mio atteggiamento e
se alla pioniera di studiare con lei due vol- il mio modo di vivere alle norme del-
te alla settimana. Anche se era molto im- la Bibbia, più mi sentivo felice”. Maria
pegnata con la scuola e aveva un lavoro si rese conto che sarebbe stato difficile
part time, Misaki iniziò subito a frequen- 9, 10. (a) In che senso ‘acquistare la verità’
tare le adunanze. Ridusse il tempo che de- porta a riconsiderare la propria scala di valori?
(b) A cosa rinunciò una ragazza, e cosa pensa
1 In questo articolo alcuni nomi sono stati cambiati. della scelta fatta?

NOVEMBRE 2018 5
per lei concentrarsi sia sulla sua amicizia li tra le quattro consonanti ebraiche, il
con Geova che sulla sua carriera sportiva nome di Dio si poteva pronunciare “Geo-
(Matt. 6:24). Decise così di rinunciare al va”. Tutto contento, andò alla sinagoga
sogno della sua vita, che l’avrebbe resa per raccontare ai rabbini questa sua sco-
ricca e famosa, per qualcosa di molto mi- perta. La loro reazione però lo spiazzò.
gliore. Ora serve come pioniera e, soddi- Invece di essere felici di conoscere la veri-
sfatta, dice di avere “la vita più felice e tà sul nome di Dio, gli sputarono addosso
significativa che si possa desiderare”. e lo emarginarono. Neanche la sua fami-
11 Rapporti con gli altri. Quando sce- glia reagì bene. Ma Aaron non si fece sco-
gliamo di vivere secondo le verità della raggiare: continuò a imparare la verità su
Bibbia, i nostri rapporti con amici e pa- Geova e lo servì con coraggio per il resto
renti potrebbero cambiare. Comprendia- della sua vita. Per poter vivere secondo la
mo il perché dalle parole di Gesù, quando verità, anche noi dobbiamo essere dispo-
pregò: “Santificali per mezzo della verità; sti ad accettare qualunque cambiamento
la tua parola è verità” (Giov. 17:17; nt.). nella nostra posizione sociale o nei nostri
“Santificali” può anche essere reso “sepa- rapporti con gli altri.
rali”. Man mano che mettiamo in pratica 13 Pensieri e azioni che Dio odia. Per

le verità bibliche nella nostra vita, ci sepa- accettare la verità e vivere secondo le nor-
riamo dal mondo perché smettiamo di me esposte nella Bibbia, dobbiamo essere
comportarci come la maggioranza. Dato pronti a cambiare il nostro modo di pen-
che i nostri valori cambiano, le persone sare e di agire. A questo proposito Pietro
iniziano a considerarci diversi. Anche se scrisse: “Come figli ubbidienti, smettete
da parte nostra cerchiamo di mantenere di farvi modellare dai desideri che aveva-
buoni rapporti con amici e parenti, alcu- te in passato, quando eravate nell’igno-
ni di loro potrebbero decidere di prende- ranza, ma [...] diventate anche voi santi in
re le distanze da noi o perfino opporsi a tutta la vostra condotta” (1 Piet. 1:14, 15).
quello in cui crediamo. Questo però non Gli abitanti di Corinto erano persone mo-
ci stupisce. Gesù infatti ammise: “I nemici ralmente corrotte, quindi per accettare la
dell’uomo saranno proprio quelli di casa verità ed essere puri agli occhi di Geova
sua” (Matt. 10:36). Allo stesso tempo dis- dovevano fare grossi cambiamenti (1 Cor.
se che le ricompense che riceviamo supe- 6:9-11). Anche oggi molti hanno accetta-
rano di molto qualsiasi sacrificio fatto per to la verità e smesso di praticare ciò che
la verità. (Leggi Marco 10:28-30.) Dio odia. Pietro si riferiva a cambiamenti
12 A un uomo d’affari ebreo, che si chia- di questo tipo quando scrisse: “È già ab-
ma Aaron, era stato insegnato fin da pic- bastanza il tempo che avete passato a fare
colo che è sbagliato pronunciare il nome la volontà delle nazioni, tempo in cui vi
di Dio. Lui però era alla ricerca della veri- davate a comportamenti sfrontati, passio-
tà. Provò una grande gioia quando un Te- ni incontrollate, ubriachezze, feste sfre-
stimone gli spiegò che, inserendo le voca- nate, bevute di gruppo e illecite pratiche
idolatriche” (1 Piet. 4:3).
11. Come potrebbero reagire amici e parenti
quando decidiamo di seguire le verità bibliche? 13, 14. Quali cambiamenti dobbiamo fare nel
12. Che prezzo dovette pagare un uomo d’affa- nostro modo di pensare e di agire per ‘acquista-
ri ebreo per ‘acquistare la verità’? re la verità’? Fate un esempio.

6 LA TORRE DI GUARDIA
14 Devynn e Jasmine per anni avevano 16 A Efeso la magia era una pratica mol-
fatto abuso di alcol. Anche se Devynn to comune. Anche alcuni che diventaro-
era un esperto contabile, a motivo del no cristiani avevano praticato la magia.
suo problema perdeva spesso il lavoro. Cosa fecero quando accettarono la veri-
Jasmine invece era conosciuta per il suo tà? La Bibbia spiega: “Tanti che avevano
comportamento aggressivo e violento. praticato le arti magiche misero insieme i
Un giorno, mentre camminava per stra- loro libri e li bruciarono davanti a tut-
da ubriaca, incontrò due Testimoni che ti. Calcolarono il loro valore: era pari a
servivano come missionari. La coppia 50.000 monete d’argento. Così in modo
prese accordi con lei per iniziare uno potente la parola di Geova cresceva e
studio la settimana successiva. Quando trionfava” (Atti 19:19, 20). Per abbando-
però i due arrivarono a casa di Devynn e nare le loro pratiche errate quei cristiani
Jasmine, questi erano ubriachi. Non cre- fedeli furono disposti a eliminare libri co-
devano che i missionari si sarebbero in- stosi, ma le ricompense che Geova diede
teressati così tanto di loro da andarli a loro valevano molto di più.
trovare. Dalla volta successiva le cose 17 A cosa hai rinunciato per ‘acquistare
cambiarono. Devynn e Jasmine si mise- la verità’? Ognuno di noi ha sacrificato
ro a studiare la Bibbia con impegno e parte del proprio tempo. Alcuni hanno ri-
applicarono fin da subito quello che im- nunciato a varie comodità materiali o a
paravano. In meno di tre mesi decisero una brillante carriera. Per altri è stato ne-
di smettere di bere e in seguito legalizza- cessario accettare dei cambiamenti nei
rono il loro matrimonio. Nel villaggio
rapporti con familiari o amici. Molti altri
molti notarono i cambiamenti che ave-
ancora hanno modificato il loro modo di
vano fatto e iniziarono a studiare la Bib-
pensare e di agire o hanno abbandonato
bia.
usanze e pratiche che Geova disapprova.
15 Usanze e pratiche disapprovate
Qualunque sia il prezzo che abbiamo pa-
da Dio. Per alcuni una delle cose più dif- gato, siamo convinti che le verità della
ficili da fare è abbandonare usanze e pra-
Bibbia valgono più di qualsiasi cosa a cui
tiche che sono contrarie a quello che
abbiamo rinunciato. Infatti ci permetto-
insegna la Bibbia. Spesso è un prezzo dif-
no di avere la cosa più preziosa di tut-
ficile da pagare perché si ha paura di de-
te: l’amicizia di Geova. Quando riflettia-
ludere familiari, colleghi e amici. Quan-
mo sulle ricompense che abbiamo grazie
do ad esempio si tratta di usanze che
alla verità, ci è difficile immaginare che
prevedono riti per onorare i parenti mor-
potremmo arrivare a “venderla”. Cosa po-
ti, gestire la situazione potrebbe diventa-
trebbe portare a un errore così grave? E
re pesante a livello emotivo (Deut. 14:1).
come possiamo evitarlo? Risponderemo a
In questi casi, è di grande aiuto l’esempio
queste domande nel prossimo articolo.
di altri che hanno fatto i cambiamenti
necessari. Vediamo il gesto coraggioso 16. Cosa furono disposti a fare alcuni abitanti
compiuto da alcuni abitanti di Efeso nel di Efeso per ‘acquistare la verità’?
I secolo. 17. (a) Quali cose potrebbero far parte del
prezzo da pagare per ‘acquistare la verità’?
15. Quale potrebbe essere un prezzo difficile da (b) A quali domande risponderà il prossimo ar-
pagare per la verità, e perché? ticolo?

NOVEMBRE 2018 7
“Camminerò
nella tua verità”
“O Geova, indicami la tua via.
Camminerò nella tua verità” (SAL. 86:11)

CANTICI: 31, 72 SPESSO le persone comprano un oggetto e poi tornano al ne-


gozio per restituirlo. E se l’acquisto viene fatto online il nume-
COME RISPONDERESTE? ro dei resi aumenta notevolmente. A volte l’articolo acquistato
________________________________________________________________________________________________________________________________
è difettoso, non soddisfa le aspettative o semplicemente non
Cosa potrebbe portare un
piace. Quindi alcuni decidono di restituirlo scambiandolo con
cristiano a ‘vendere la verità’? qualcos’altro o chiedendo un rimborso.
2 Anche se possiamo restituire un bene acquistato, una volta

che abbiamo acquistato “l’accurata conoscenza della verità” non


________________________________________________________________________________________________________________________________
vorremo mai restituirla, o “venderla” (leggi Proverbi 23:23;
Come possiamo evitare di 1 Tim. 2:4). Nell’articolo precedente abbiamo riflettuto su quel-
allontanarci dalla verità, lo a cui abbiamo rinunciato per ‘acquistare la verità’. Abbiamo
consapevolmente o senza
sacrificato alcune attività per avere più tempo, e forse abbiamo ri-
rendercene conto?
nunciato a una brillante carriera, accettato cambiamenti nei no-
stri rapporti con gli altri, modificato il nostro modo di pensare e
________________________________________________________________________________________________________________________________ di agire, oppure abbiamo abbandonato usanze e pratiche che
Quali tre cose possono Geova disapprova. Il prezzo che abbiamo pagato, però, è basso
renderci più determinati a in paragone a tutte le ricompense che abbiamo ricevuto.
“camminare nella verità”?
1-3. (a) Quali sentimenti dovremmo provare per le verità della Bibbia?
Fate un esempio. (Vedi l’immagine iniziale.) (b) Cosa vedremo in questo
articolo?

8
3 I sentimenti che proviamo per le veri- non bevete il suo sangue, non avete vita
tà della Bibbia sono simili a quelli dell’uo- in voi”. I presenti rimasero sconvolti da
mo menzionato in una parabola di Gesù. quelle parole, ma invece di chiedere spie-
Per descrivere il grande valore della verità gazioni a Gesù dissero: “È un discorso of-
sul Regno di Dio per quelli che la trovano, fensivo! Chi può stare a sentirlo?” Quindi
Gesù parlò di un mercante viaggiatore che “molti dei suoi discepoli se ne tornarono
trovò una perla così preziosa che per com- alle cose che si erano lasciati alle spalle e
prarla “vendette immediatamente tutte le smisero di camminare con lui” (Giov. 6:
cose che aveva” (Matt. 13:45, 46). Quan- 53-66).
do abbiamo conosciuto la verità — cioè la 5 Triste a dirsi, anche oggi alcuni hanno

verità sul Regno di Dio e gli altri insegna- deciso di allontanarsi dalla verità. Magari
menti della Bibbia — siamo stati disposti a sono rimasti turbati dalla nuova spiegazio-
rinunciare a qualsiasi cosa pur di ottener- ne di un insegnamento biblico o da quello
la. Purtroppo alcuni servitori di Dio han- che un fratello con incarichi di responsa-
no smesso di considerare preziosa la veri- bilità ha detto o fatto. Oppure si sono of-
tà e se ne sono perfino allontanati. Non fesi dopo aver ricevuto consigli basati sul-
vogliamo che questo accada anche a noi! la Bibbia. Altri hanno avuto un contrasto
Per dimostrare che apprezziamo profon- con qualcuno nella congregazione, o ma-
damente la verità e che non la vende- gari si sono lasciati influenzare dalle idee
remmo mai, dobbiamo seguire l’esorta- di apostati o di altri che mettono in catti-
zione a continuare a “camminare nella va luce le nostre convinzioni. Così hanno
verità”. (Leggi 3 Giovanni 2-4.) “Cam- deciso consapevolmente di ‘allontanarsi’
minare nella verità” significa dimostrare da Geova e dalla congregazione (Ebr. 3:
con il nostro modo di vivere che per noi la 12-14). Invece di reagire in questo modo
verità è la cosa più importante. Vediamo avrebbero fatto meglio ad avere fiducia
allora perché e come potremmo arrivare a in Gesù, seguendo l’esempio di Pietro.
‘vendere la verità’, come possiamo evitare Quando Gesù chiese agli apostoli se anche
che accada e cosa può renderci più deter- loro volevano lasciarlo, Pietro rispose:
minati a continuare a “camminare nella “Signore, da chi ce ne andremo? Tu hai
verità”. parole di vita eterna” (Giov. 6:67-69).
6 Alcuni invece hanno lasciato la verità
PERCHÉ E COME ALCUNI
un po’ alla volta, forse senza nemmeno
‘VENDONO LA VERITÀ’
rendersene conto. Chi si allontana gra-
4 Alcuni che nel I secolo avevano accet-
dualmente dalla verità può essere parago-
tato gli insegnamenti di Gesù smisero di nato a una barca che a poco a poco viene
“camminare nella verità”. Per esempio, in spinta al largo dalla corrente. Nella Bibbia
un’occasione Gesù sfamò miracolosamen- questo cambiamento graduale viene de-
te una folla. Quando queste persone lo se- scritto come un ‘andare alla deriva’ (Ebr.
guirono dall’altra parte del Mar di Galilea, 2:1). A differenza di chi si allontana consa-
Gesù si rivolse a loro dicendo: “Se non pevolmente dalla verità, chi ‘va alla deriva’
mangiate la carne del Figlio dell’uomo e
5, 6. (a) Perché oggi alcuni hanno smesso di
4. Perché nel I secolo alcuni smisero di “cammi- “camminare nella verità”? (b) In che modo alcuni
nare nella verità”? potrebbero ‘andare alla deriva’?

NOVEMBRE 2018 9
non lo fa in modo consapevole. Così però mile è accaduta a Emma,1 una sorella che
rovina la sua amicizia con Geova e rischia fin da piccola adorava i cavalli. Ogni volta
di perderla del tutto. Come possiamo evi- che ne aveva l’opportunità andava a caval-
tare che ci accada qualcosa di simile? care. A un certo punto iniziò a sentirsi in
colpa perché il suo hobby le stava portan-
COME POSSIAMO EVITARE
do via troppo tempo. Fece dei cambiamen-
DI ‘VENDERE LA VERITÀ’?
ti per dedicare a questa passione una quan-
7 Per “camminare nella verità” dobbia-
tità di tempo più ragionevole.Trovò inoltre
mo accettare tutto quello che Geova ci
molto incoraggiante l’esperienza di Cory
dice di fare e ubbidirgli. Dobbiamo sem-
Wells, che aveva praticato l’equitazione
pre dare la priorità alla verità e vivere se-
acrobatica nei rodei.2 Emma ora dedica più
condo i princìpi della Bibbia. Il re Davide
tempo alle attività spirituali, alla sua fami-
in preghiera promise a Geova: “Cammine-
glia e ai fratelli della sua congregazione. Si
rò nella tua verità” (Sal. 86:11). Vogliamo
sente più vicina a Geova e in pace con la
essere decisi come lo fu Davide. Se non lo
sua coscienza, perché sa che sta usando il
siamo, potremmo avere ripensamenti su
suo tempo nel modo migliore.
quello a cui abbiamo rinunciato per otte- 9 Comodità materiali. Per continuare
nere la verità e forse desiderare di ripren-
a “camminare nella verità” dobbiamo te-
derci parte di ciò che abbiamo pagato.
nere le cose materiali al giusto posto nella
Non possiamo decidere di seguire alcuni
nostra vita. Quando abbiamo conosciuto
princìpi e ignorarne altri. Dopotutto l’ub-
bidienza a Geova dev’essere completa, la verità, gli obiettivi spirituali sono diven-
dobbiamo camminare “in tutta la verità” tati più importanti dei beni materiali. Ab-
(Giov. 16:13). Tornando alle cinque cose a biamo fatto volentieri alcune rinunce per
cui potremmo aver rinunciato per la veri- poter “camminare nella verità”. Con il
tà, riflettiamo su quello che possiamo fare passare del tempo, però, forse iniziamo a
per essere ancora più determinati a non ri- notare che altri riescono a comprarsi le ul-
prenderci nemmeno una parte di quello a time novità tecnologiche o a permettersi
cui abbiamo rinunciato (Matt. 6:19). più cose di noi. Quindi potremmo pensa-
8 Tempo. Per evitare di allontanarci gra- re che ci stiamo perdendo qualcosa. Quel-
dualmente dalla verità dobbiamo usare il lo che abbiamo potrebbe non bastarci più
nostro tempo in modo saggio. Se non stia- e potremmo cominciare a concentrarci su
mo attenti potremmo iniziare a dedicare come avere di più in senso materiale, tra-
troppo tempo a divertirci, praticare degli lasciando così i nostri obiettivi spirituali.
hobby, navigare in Internet o guardare la Una cosa simile accadde a Dema che,
TV. Anche se queste cose non sono sbaglia- “avendo amato l’attuale sistema di cose”,
te, potrebbero iniziare a occupare il tempo abbandonò l’incarico che stava svolgendo
che prima dedicavamo allo studio persona- insieme all’apostolo Paolo (2 Tim. 4:10).
le o ad altre attività spirituali. Una cosa si- 1 Il nome è stato cambiato.
2 Su JW Broadcasting, nella categoria INTERVISTE
7. Cosa ci aiuterà a non smettere mai di “cammi- ED ESPERIENZE ˛ LA VERITÀ HA TRASFORMATO LA
nare nella verità”? LORO VITA.
8. Perché usando il tempo in modo poco saggio
potremmo allontanarci gradualmente dalla veri- 9. In che modo potremmo finire per dare troppa
tà? Fate un esempio. importanza alle comodità materiali?

10 LA TORRE DI GUARDIA
Forse Dema amava le cose materiali più preziosa vita di suo Figlio, Gesù Cristo!
delle attività spirituali, oppure non era (1 Piet. 1:18, 19). Per riuscire a rimanere
più disposto a fare sacrifici per servire in- puri davanti a Geova dobbiamo tenere
sieme a Paolo. La Bibbia non lo dice. Ad sempre bene in mente il valore del sacrifi-
ogni modo impariamo che, se non stiamo cio di riscatto di Gesù.
attenti, l’amore per quello a cui abbiamo 12 Usanze e pratiche disapprovate da
rinunciato potrebbe riaffiorare in noi e di- Dio. Familiari, colleghi di lavoro e compa-
ventare così forte da farci perdere l’amo- gni di scuola potrebbero tentare di convin-
re per la verità. cerci a partecipare a feste che Dio di-
10 Rapporti con gli altri. Se vogliamo
sapprova. Come possiamo evitare di farci
continuare a “camminare nella verità” non condizionare al punto di festeggiare insie-
dobbiamo farci influenzare da chi non ser- me a loro? Dobbiamo avere chiaro in men-
ve Geova. Quando abbiamo accettato la te perché Geova condanna certe usanze.
verità i nostri rapporti con amici e paren- Può esserci utile rileggere quello che dico-
ti non Testimoni sono cambiati. Alcuni di no le pubblicazioni riguardo alle origini
loro hanno rispettato la nostra scelta, delle feste e delle ricorrenze più comuni.
mentre altri si sono opposti (1 Piet. 4:4). Ricordando a noi stessi i motivi per cui non
Anche se cerchiamo di avere buoni rap- partecipiamo a queste celebrazioni, raffor-
porti con i nostri familiari e siamo gentili ziamo la convinzione che il nostro compor-
con loro, dobbiamo stare attenti a non an- tamento è “gradito al Signore” (Efes. 5:10).
dare contro le norme di Geova per accon- Se ci fidiamo di Geova e della sua Parola,
tentarli. Tenendo conto dell’avvertimento non ci lasceremo intimorire da quello che
riportato in 1 Corinti 15:33, scegliamo di pensano gli altri (Prov. 29:25).
avere amicizie strette solo con persone 13 “Camminare nella verità” è un’azione
che amano Geova. continua, un modo di vivere che desideria-
11 Pensieri e azioni che Dio odia. Per
mo avere per tutta l’eternità. Prendiamo
“camminare nella verità” dobbiamo esse- quindi in esame tre cose che possono aiu-
re santi, puri davanti a Geova (Isa. 35:8; tarci a essere sempre più decisi ad avere
leggi 1 Pietro 1:14-16). Quando abbiamo questo atteggiamento nei confronti della
accettato la verità, tutti abbiamo dovuto verità.
fare dei cambiamenti per adeguarci alle
norme esposte nella Bibbia. Alcuni hanno SEMPRE PIÙ DETERMINATI
dovuto cambiare in modo radicale il loro A “CAMMINARE NELLA VERITÀ”
modo di vivere. Qualunque sia il nostro 14 Primo. Dobbiamo continuare a stu-
caso, non vorremmo mai rinunciare alla diare la Bibbia e meditare sulle preziose
condizione pura che abbiamo davanti a verità che impariamo. Per farlo è necessa-
Dio per tornare al sudiciume di questo rio che ci prendiamo regolarmente del
mondo. Eviteremo di cadere nella tenta-
zione di fare qualcosa di immorale riflet- 12, 13. (a) Perché è importante avere il punto di
vista di Geova su certe ricorrenze? (b) Cosa pren-
tendo sul prezzo che Geova ha pagato per deremo in esame?
permetterci di essere puri: ha dato la 14. (a) In che modo continuando a studiare la
Bibbia saremo determinati a non lasciare mai
10. Da chi non dobbiamo farci influenzare? la verità? (b) Perché è fondamentale avere sa-
11. Come possiamo evitare azioni che Dio odia? pienza, disciplina e intendimento?

NOVEMBRE 2018 11
tempo. Più studiamo, più ameremo la ve- decisi a fare ciò che è giusto. A un solda-
rità e saremo determinati a non lasciarla to non sarebbe mai venuto in mente di an-
mai. Oltre ad ‘acquistare la verità’, però, dare in battaglia senza la sua cintura. In
Proverbi 23:23 ci invita anche ad ‘acqui- modo simile anche noi non vorremo mai
stare sapienza, disciplina e intendimento’. allentare o togliere “la cintura della veri-
Infatti, non basta solo conoscere le verità tà”, ma ci sforzeremo di seguire i princìpi
della Bibbia, dobbiamo anche metterle in biblici in ogni situazione in cui ci trovia-
pratica nella nostra vita. Con l’intendi- mo. La cintura di un soldato gli permette-
mento riusciamo a capire come gli inse- va anche di portare la spada. Questo in-
gnamenti di Geova si collegano tra loro. troduce il terzo punto.
La sapienza invece ci spinge ad agire in 16 Terzo. Dobbiamo cogliere tutte le op-
base a quello che conosciamo. Inoltre, a portunità per insegnare ad altri le verità
volte la verità ci disciplina, indicandoci della Bibbia. Dobbiamo, per così dire, ave-
dove abbiamo bisogno di migliorare. Non re una buona presa sulla nostra spada spi-
ignoriamo queste indicazioni, ma agiamo rituale, “la parola di Dio” (Efes. 6:17).
subito. La Bibbia infatti dice che questa di- Ognuno di noi può imparare a “maneg-
sciplina è molto più preziosa dell’argento giare correttamente la parola della veri-
(Prov. 8:10). tà”, cioè diventare un insegnante capace
15 Secondo. Dobbiamo essere assoluta-
(2 Tim. 2:15). Man mano che usiamo la
mente determinati a mettere in pratica la Bibbia per insegnare la verità ad altri e per
verità in ogni aspetto della nostra vita. La aiutarli a respingere idee sbagliate, impri-
Bibbia paragona la verità alla cintura che miamo sempre di più le norme di Geova
indossava un soldato (Efes. 6:14). La cin- nella nostra mente e nel nostro cuore.
tura proteggeva i fianchi e gli organi inter- Questo ci rende sempre più determinati a
ni del soldato. Doveva però essere ben continuare a “camminare nella verità”.
stretta, altrimenti serviva a poco. In che 17 La verità è un dono prezioso di Geo-
senso “la cintura della verità” ci protegge? va. Grazie a questo dono possiamo avere
Se la teniamo ben stretta, sempre presen- la cosa a cui teniamo di più in assoluto:
te nella nostra vita, la verità ci proteggerà una stretta amicizia con il nostro Padre
da ragionamenti sbagliati e ci aiuterà a celeste. Geova ci ha già insegnato molte
prendere decisioni sagge. Quando ci tro- cose, ma questo è solo l’inizio! Ha pro-
viamo di fronte a tentazioni o prove, le ve- messo che continuerà a istruirci per tutta
rità della Bibbia ci renderanno ancora più l’eternità. Quindi vogliamo custodire la
15. In che senso “la cintura della verità” ci pro- verità come una perla preziosa; vogliamo
tegge? continuare ad ‘acquistare la verità e non
venderla mai’. In questo modo, come Da-
vide, potremo anche noi mantenere la
promessa fatta a Geova: “Camminerò nel-
la tua verità” (Sal. 86:11).
La verità
16. In che modo insegnare ad altri le verità della
dev’essere. . . Bibbia ci aiuta a continuare a “camminare nella
verità”?
imparata, vissuta, 17. Perché per voi la verità è preziosa?
insegnata.
(Vedi i paragrafi da 14 a 16)
Confidiamo in Geova
e vivremo!
“Confida in Geova con tutto il tuo cuore e non fare affidamento
sulla tua intelligenza” (PROV. 3:5)

TUTTI abbiamo bisogno di essere confortati. Lottiamo ogni CANTICI: 3, 8


giorno con preoccupazioni, delusioni e problemi. Forse dob-
biamo fare i conti con l’età che avanza, una malattia o la per- RICORDATE?
dita di una persona a cui volevamo bene. In alcuni casi po- ________________________________________________________________________________________________________________________________

tremmo essere vittime di maltrattamenti. E intorno a noi Perché non dovremmo avere
vediamo sempre più violenza. Non abbiamo alcun dubbio paura di parlare a Geova di
che questi “tempi difficili” sono la prova che viviamo “negli quello che ci preoccupa?
ultimi giorni” e che ogni giorno che passa ci porta più vici-
no al nuovo mondo (2 Tim. 3:1). Magari però stiamo aspet-
tando già da tanto tempo di vedere adempiersi le promesse ________________________________________________________________________________________________________________________________

di Geova, e forse le nostre difficoltà stanno aumentando. Cosa dovremmo includere


Come possiamo ricevere conforto? nelle nostre preghiere?
2 Per rispondere a questa domanda prenderemo in esame

il libro di Abacuc. Anche se le Scritture non forniscono det-


tagli sulla vita di questo profeta, il libro che scrisse può ________________________________________________________________________________________________________________________________

incoraggiarci molto. Il suo nome significa probabilmente Perché è molto importante


aspettare Geova?
1. Perché abbiamo tutti bisogno di essere confortati?
2, 3. (a) Cosa sappiamo di Abacuc? (b) Perché ci è utile esaminare il
libro di Abacuc?

13
“caloroso abbraccio”. Questa espressio- 5 Abacuc aveva forse perso la fiducia
ne può riferirsi al modo in cui Geova ci in Geova o la fede nelle sue promesse?
conforta, prendendoci per così dire tra Assolutamente no. Il fatto che confidò i
le sue braccia, oppure al modo in cui noi suoi problemi e le sue preoccupazioni a
ci aggrappiamo a lui. Abacuc si rivolse a Geova, e non ad altri esseri umani, di-
Dio e gli fece alcune domande. Geova mostra che non aveva smesso di fidarsi
fece mettere per iscritto questa conver- di lui e che non si era arreso. Ovviamen-
sazione perché le risposte che diede al te era confuso, e non capiva perché
profeta interessano anche noi (Abac. Geova stesse permettendo così a lungo
2:2). una situazione che lo faceva soffrire
3 Tutto quello che viene detto nella tanto. Ispirando Abacuc a mettere per
Bibbia su Abacuc è contenuto in questo iscritto quello che provava, Geova ha
dialogo aperto tra lui e Geova. Comun- voluto trasmetterci un’importante le-
que il suo libro fa parte di “tutto ciò che zione: non dobbiamo avere paura di
è stato scritto in passato” nella Parola di esprimergli le nostre preoccupazioni e i
Dio, “affinché mediante la nostra perse- nostri dubbi. Anzi, lui stesso ci invita a
veranza e il conforto delle Scritture rivolgerci a lui in preghiera per parlargli
avessimo speranza” (Rom. 15:4). Il libro di come ci sentiamo (Sal. 50:15; 62:8).
di Abacuc può aiutare ognuno di noi a Inoltre in Proverbi 3:5 leggiamo questa
capire cosa significa confidare in Geo- esortazione: “Confida in Geova con tut-
va. Inoltre ci assicura che è possibile af- to il tuo cuore e non fare affidamento
frontare i problemi senza farci prende- sulla tua intelligenza”. Abacuc proba-
re dall’ansia. Esaminiamo più da vicino bilmente conosceva queste parole e le
il messaggio di questo libro. mise in pratica nella sua vita.
6 Abacuc considerava Geova un
PREGHIAMO GEOVA
Amico fidato e un Padre, quindi prese
4 Leggi Abacuc 1:2, 3. Abacuc vis- l’iniziativa di avvicinarsi a lui. Non
se in un periodo davvero difficile. A si lasciò travolgere dalla situazione
motivo della violenza e della cattive- e non cercò di risolvere il problema
ria delle persone che lo circondavano facendo affidamento su sé stesso. Al
era profondamente turbato. Si chiede- contrario, parlò a Geova dei sentimen-
va quando avrebbe avuto fine tutta ti che provava. Anche noi possiamo
quella malvagità, e perché Geova non fare lo stesso. Geova ascolta le pre-
facesse qualcosa. Vedeva gli israeliti ghiere e ci invita a confidargli le nostre
commettere ingiustizie e soprusi, e si preoccupazioni (Sal. 65:2). Se lo fare-
sentiva impotente. Allora pregò Geo- mo, potremo vedere la sua risposta.
va chiedendogli di intervenire. Forse Grazie alla sua guida e al suo conforto
Abacuc aveva cominciato a pensare percepiremo tutto l’affetto che ha per
che Geova non si interessasse del suo noi (Sal. 73:23, 24). Qualunque sia il
popolo o che stesse aspettando troppo nostro problema, Geova ci aiuterà a
a intervenire. Capita anche a noi di
sentirci come lui? 5. Quale importante lezione contiene il libro di
Abacuc? (Vedi l’immagine iniziale.)
4. Perché Abacuc era turbato? 6. Perché la preghiera è importante?

14 LA TORRE DI GUARDIA
capire qual è il suo punto di vista sulla aveva capito che Geova avrebbe usato
situazione che stiamo vivendo. Pre- i babilonesi per punire gli israeliti mal-
garlo è quindi uno dei modi migliori in vagi, ma questo lo lasciava ancora per-
cui dimostriamo che ci fidiamo di lui. plesso. Comunque disse con umiltà
che Geova continuava a essere la sua
ASCOLTIAMO GEOVA
“Roccia” (Deut. 32:4; Isa. 26:4). Non
7 Leggi Abacuc 1:5-7. Dopo aver perse la fiducia nell’amore e nella bon-
espresso le sue paure e preoccupazio- tà di Geova. Infatti non ebbe paura di
ni, Abacuc probabilmente si chiede- esprimergli i dubbi che ancora aveva:
va come Geova avrebbe reagito. Proprio Perché Dio intendeva permettere che
come un Padre, Geova fu comprensivo la situazione in Giuda peggiorasse e
nei suoi confronti, perché gli voleva che il suo popolo soffrisse ancora di
bene e sapeva quanto stesse soffrendo. più? Perché non interveniva subito?
Non lo rimproverò per essersi lamenta- Perché ‘taceva’ davanti a tutta quella
to, ma gli disse cosa sarebbe presto suc- malvagità? Dopotutto, Abacuc sapeva
cesso agli ebrei ribelli. È possibile che che Geova è “Santo” e che i suoi “occhi
Abacuc sia stata la prima persona a cui sono troppo puri per sopportare la vi-
Geova rivelò che di lì a poco sarebbe sta- sta del male”.
ta fatta giustizia. 10 A volte potremmo sentirci come
8 Geova spiegò ad Abacuc che stava
Abacuc. Magari ascoltiamo Geova, ab-
per intervenire. Con l’espressione “ai biamo fiducia in lui, rafforziamo la no-
vostri giorni”, Geova fece capire che il stra speranza leggendo e studiando la
giudizio sarebbe avvenuto durante la sua Parola e ci lasciamo istruire dal-
vita del profeta o dei suoi contempora- la sua organizzazione, che ci ricorda le
nei. Avrebbe usato i caldei, cioè i babi- sue promesse. Eppure potremmo chie-
lonesi, per punire i violenti e malvagi derci: “Per quanto tempo ancora dovrò
abitanti di Giuda. Abacuc non si sa- sopportare i miei problemi?” Quello
rebbe mai aspettato una risposta del che Abacuc fece in seguito ci può inse-
genere. I babilonesi erano un popolo gnare qualcosa.
brutale. Erano molto più violenti de-
gli israeliti, che almeno conoscevano le ASPETTIAMO GEOVA
norme di Geova. Perché Geova voleva 11 Leggi Abacuc 2:1. Grazie alla con-
usare quella nazione crudele e pagana versazione che ebbe con Geova, Abacuc
per punire il suo popolo? Gli israeliti si tranquillizzò e decise di continuare
non avrebbero sofferto ancora di più? ad aspettare che Geova intervenisse. La
Come ci saremmo sentiti se fossimo sta- sua decisione non fu dettata dalle emo-
ti al posto di Abacuc? zioni del momento, infatti in seguito ri-
9 Leggi Abacuc 1:12-14, 17. Abacuc peté che avrebbe “[atteso] con pazien-
za il giorno dell’angustia” (Abac. 3:16).
7. Come reagì Geova quando Abacuc gli parlò
delle sue preoccupazioni? 10. Perché a volte potremmo sentirci come
8. Perché la risposta di Geova non fu quella Abacuc?
che Abacuc si aspettava? 11. Cosa decise di fare Abacuc dopo aver
9. Quali altre domande si faceva Abacuc? ascoltato Geova?

NOVEMBRE 2018 15
Come Abacuc, anche altri fedeli servi- 14 Se aspettiamo Geova con pazienza
tori di Dio mostrarono pazienza e fidu- e ascoltiamo con attenzione quello che
cia. Il loro esempio ci incoraggia a non ci dice manterremo la calma nonostan-
smettere di aspettare Geova (Mic. 7:7; te i problemi. Dobbiamo avere fiducia
Giac. 5:7, 8). che Geova sa qual è il momento miglio-
12 Come possiamo avere la stessa de- re per agire. Gesù infatti ci incoraggiò a
terminazione di Abacuc? Primo, non non concentrarci sui “tempi o i perio-
dobbiamo mai smettere di pregare Geo- di” che Geova non ha ancora rivelato
va, qualunque sia la situazione in cui ci (Atti 1:7). Quindi non arrendiamoci, ma
troviamo. Secondo, è necessario che aspettiamo con umiltà, fede e pazienza,
ascoltiamo quello che Geova ci dice usando saggiamente il tempo per servi-
tramite la sua Parola e la sua orga- re Geova al meglio delle nostre possibi-
nizzazione. Terzo, dovremmo aspettare lità (Mar. 13:35-37; Gal. 6:9).
Geova con pazienza, fiduciosi che al
GEOVA CONCEDE LA VITA
momento giusto lui risolverà la situa- A CHI CONFIDA IN LUI
zione. In questo modo manterremo la 15 Parlando di chi confida in lui, Geo-
calma e avremo la forza di andare avan-
va promise: “Il giusto vivrà grazie alla
ti. La speranza ci renderà più pazienti, e
sua fedeltà”. E aggiunse: “La terra sarà
così proveremo gioia indipendentemen-
piena della conoscenza della gloria di
te dai problemi che affrontiamo. Grazie
Geova” (Abac. 2:4, 14). Geova concede
alla speranza, inoltre, avremo fiducia
la vita a chi con pazienza confida in lui.
che il nostro Padre celeste interverrà
16 La promessa riportata in Abacuc
(Rom. 12:12).
13 Leggi Abacuc 2:3. Sicuramente 2:4 è così importante che l’apostolo
Paolo la citò tre volte nelle sue lette-
Geova fu contento che Abacuc avesse
re (Rom. 1:17; Gal. 3:11; Ebr. 10:38).
deciso di aspettare. L’Onnipotente sa-
Qualunque difficoltà ci troviamo ad af-
peva benissimo che il profeta stava pas-
frontare, se confidiamo in Geova e gli
sando un brutto momento, quindi lo
restiamo leali vedremo l’adempimento
consolò con tenerezza. Gli garantì che
delle sue promesse. Geova ci invita a
avrebbe ricevuto la risposta alle sue do-
non concentrarci sul presente, ma sulla
mande e che presto avrebbe trovato sol-
nostra speranza per il futuro.
lievo dalle sue preoccupazioni. In prati-
17 Il libro di Abacuc insegna qualco-
ca disse ad Abacuc: “Sii paziente e fidati
di me. Risponderò alla tua preghiera, sa di importante a tutti noi che vivia-
anche se ti sembra che ci voglia tanto mo negli ultimi giorni. Geova promet-
tempo”. Geova gli ricordò che aveva te di concedere la vita ai giusti che
stabilito un momento preciso per adem- confidano in lui. Continuiamo quindi a
piere le sue promesse e gli consigliò di 14. Cosa dobbiamo essere decisi a fare quan-
continuare ad aspettare. Il profeta non do affrontiamo problemi?
sarebbe rimasto deluso. 15, 16. (a) Quali promesse troviamo nel libro
di Abacuc? (b) Cosa ci incoraggiano a fare
12. Cosa impariamo dall’esempio di Abacuc? queste promesse?
13. In che modo Geova rassicurò Abacuc? 17. Cosa promette Geova a chi confida in lui?

16 LA TORRE DI GUARDIA
Perché siamo decisi
a servire Geova al meglio
delle nostre possibilità?
(Vedi il paragrafo 14)

rafforzare la nostra fiducia in Dio, in- cuni studiosi, i verbi del versetto 18 pos-
dipendentemente dai problemi e dalle sono essere resi “saltare di gioia” e “bal-
preoccupazioni che affrontiamo. Tra- lare dalla felicità”. Anche noi possiamo
mite Abacuc, Geova ci assicura che ci avere la stessa certezza, perché Geova,
sosterrà e ci libererà. Ci invita a fidar- oltre ad averci fatto delle promesse me-
ci di lui e ad aspettare con pazienza il ravigliose, ci assicura che è già all’opera
tempo che ha stabilito perché il suo per adempierle!
Regno cominci a governare. Allora la 19 Dal libro di Abacuc impariamo che
terra sarà popolata da persone miti e è fondamentale confidare in Geova
felici che adoreranno solo lui (Matt. (Abac. 2:4). Possiamo continuare ad
5:5; Ebr. 10:36-39). avere questa fiducia se rafforziamo la
CONFIDIAMO IN GEOVA CON GIOIA nostra amicizia con lui. Per far questo è
18 Leggi Abacuc 3:16-19. Le parole necessario (1) continuare a pregare,
di Geova influirono profondamente su parlando a Geova delle nostre preoc-
Abacuc. Il profeta meditò sui modi me- cupazioni, (2) ascoltare con attenzio-
ravigliosi in cui Geova aveva aiutato il ne quello che Geova ci dice tramite la
suo popolo in passato, e questo raffor- sua Parola e seguire le istruzioni del-
zò moltissimo la sua fiducia. Era sicuro la sua organizzazione e (3) aspettare
che presto Geova sarebbe intervenuto! Geova con fede e pazienza. Abacuc fece
Abacuc fu confortato da questo pensie- proprio questo. Il suo libro inizia con
ro, anche se sapeva che forse avrebbe parole che rivelano grande dolore, ma
sofferto ancora per un po’. I suoi dubbi si conclude con un’esclamazione che
lasciarono il posto all’assoluta certezza esprime gioia e fiducia. Se seguiremo il
che Geova avrebbe sistemato le cose, e suo esempio, anche noi ci sentiremo al
questo lo rese gioioso. Infatti pronun- sicuro tra le braccia del nostro Padre,
ciò quella che probabilmente è una del- Geova. In questo mondo pieno di dif-
le più significative espressioni di fiducia ficoltà non potremmo trovare conforto
che troviamo nella Bibbia. Secondo al- più grande!

18. Come influirono su Abacuc le parole di 19. In che modo possiamo ricevere conforto
Geova? come Abacuc?

NOVEMBRE 2018 17
Da chi ci stiamo
facendo modellare?
“Smettete di farvi modellare da questo sistema di cose” (ROM. 12:2)

CANTICI: 88, 45 I DISCEPOLI di Gesù sono senza parole! L’uomo che secondo
loro avrebbe ristabilito il regno di Israele ha appena detto che
SAPRESTE RISPONDERE? dovrà soffrire e poi morire. Il primo a parlare è l’apostolo Pie-
________________________________________________________________________________________________________________________________
tro, che dice: “Sii buono con te stesso, Signore; questo non ti
succederà mai”. Gesù allora risponde: “Va’ dietro a me, Satana!
Perché il modo di pensare di
Geova ha un effetto positivo Tu sei per me una pietra d’inciampo, perché i tuoi pensieri non
su di noi? sono quelli di Dio, ma degli uomini” (Matt. 16:21-23; Atti 1:6).
2 Con quelle parole Gesù fece capire chiaramente che esiste

________________________________________________________________________________________________________________________________
una distinzione tra il modo di pensare di Dio e le idee di questo
mondo controllato da Satana (1 Giov. 5:19). Le parole di Pietro
Perché il modo di pensare di
Geova è superiore alle idee riflettevano l’atteggiamento tipico del mondo, che spinge a
e ai valori del mondo? guardare con egoismo ai propri interessi. Gesù invece sapeva
che quello non era il modo di pensare di suo Padre. Infatti Dio
voleva che Gesù si preparasse in vista delle sofferenze e della
________________________________________________________________________________________________________________________________
morte che avrebbe dovuto affrontare. Con la risposta che die-
Cosa dobbiamo fare per non
de a Pietro, Gesù dimostrò che la pensava come Geova e che si
essere influenzati da questo
sistema? rifiutava di adottare il modo di pensare del mondo.

1, 2. (a) Come rispose Gesù al consiglio di Pietro? (Vedi l’immagine inizia-


le.) (b) Cosa dimostrò Gesù con la sua risposta?

18
3 E noi? Abbiamo lo stesso modo di pen- penso con la mia testa”. Probabilmente in-
sare di Dio o del mondo? Abbiamo già fat- tendono dire che vogliono prendere da
to dei cambiamenti per adeguare il nostro sole le loro decisioni e che hanno tutto il
comportamento alle norme di Dio. Ma diritto di farlo. Non vogliono essere con-
che dire del nostro modo di pensare? Ci trollate da nessuno né tanto meno rinun-
stiamo impegnando perché diventi sem- ciare a essere sé stesse.1
pre più simile a quello di Geova? Per pen- 6 È importante capire, però, che avere

sarla come lui bisogna fare uno sforzo. In- lo stesso modo di pensare di Geova non
vece per adeguarsi al modo di pensare del significa rinunciare alla propria libertà
mondo non bisogna fare nessuno sforzo, di pensiero o di espressione. Infatti in
perché lo spirito del mondo è ovunque 2 Corinti 3:17 leggiamo: “Dove c’è lo spi-
(Efes. 2:2). Inoltre, il modo di pensare del rito di Geova c’è libertà”. Quindi siamo
mondo può fare molta presa su di noi, liberi di esprimere la nostra personalità,
dato che ci porta a concentrarci su noi di avere preferenze e interessi personali.
stessi. Pensarla come Geova è difficile, È così che Geova ci ha creato. Questo
mentre pensarla come il mondo è fin trop- però non significa che la nostra libertà
po facile. non abbia dei limiti. (Leggi 1 Pietro
4 Se però lasciamo che il mondo influi- 2:16.) Quando dobbiamo stabilire se una
sca sul nostro modo di pensare, tendere- cosa è giusta o sbagliata, Geova desidera
mo a essere egoisti e a voler decidere da che ci facciamo guidare dal suo modo di
soli cos’è giusto e cos’è sbagliato (Mar. 7: pensare rivelato nella sua Parola. Un li-
21, 22). È quindi fondamentale fare in mite del genere è esagerato? O è per il
modo che i nostri pensieri siano “quelli di nostro bene?
Dio”, e non quelli “degli uomini”. Questo 7 Facciamo un esempio. I genitori cerca-

articolo ci aiuterà. Vedremo che il modo no di trasmettere ai figli dei valori, inse-
di pensare di Dio non ci pone limiti esage- gnando loro a essere onesti, laboriosi,
rati, ma ha un effetto positivo su di noi. gentili e così via. Questo non limita in
D’altro canto vedremo come possiamo modo esagerato la libertà dei figli, al con-
evitare di essere influenzati dalla mentali- trario li aiuta a diventare adulti felici e rea-
tà di questo mondo. Il prossimo articolo lizzati. Quando vivranno per conto loro, i
invece spiegherà come capire e fare nostro figli saranno liberi di fare le proprie scelte
il modo di pensare di Geova. e, se nella vita si lasceranno guidare dai
valori che hanno imparato dai genitori,
IL MODO DI PENSARE DI GEOVA
molto probabilmente prenderanno buone
HA UN EFFETTO POSITIVO
5 Alcune persone non vogliono essere 1 In realtà perfino la persona più indipendente è in-
fluenzata da qualcuno. Ad esempio, sia quando riflettia-
influenzate da nessuno. Infatti dicono: “Io
mo su argomenti profondi come l’origine della vita sia
quando decidiamo semplicemente come vestirci, siamo
3. Perché non è facile rifiutare il modo di pensare almeno in parte influenzati dagli altri. Possiamo sceglie-
del mondo e pensarla come Geova? re però a chi permettere di influenzarci.
4. (a) Cosa succede se lasciamo che il mondo in-
fluisca sul nostro modo di pensare? (b) Cosa ve- 6. (a) Quale libertà ci concede Geova? (b) Que-
dremo in questo articolo? sta libertà è senza limiti?
5. Perché alcune persone non vogliono essere in- 7, 8. Perché pensare come Geova non ci priva
fluenzate da nessuno? della libertà? Fate un esempio.

NOVEMBRE 2018 19
decisioni e si risparmieranno un bel po’ di progressi in campo tecnologico, ma non
problemi e preoccupazioni. sono stati risolti i principali problemi che
8 Come un bravo genitore, Geova vuole fanno soffrire le persone, come guerre,
che i suoi figli abbiano la miglior vita pos- razzismo e criminalità. E che risultati ha
sibile (Isa. 48:17, 18). Ecco perché provve- prodotto l’atteggiamento permissivo ri-
de dei princìpi basilari che riguardano guardo alla moralità? Secondo molti, ha
l’ambito morale e i rapporti con gli altri. fatto aumentare i problemi all’interno del-
In questi campi ci invita ad avere il suo la famiglia, ha causato malattie e ha avuto
modo di pensare e i suoi valori. Questo altre terribili conseguenze. Al contrario,
non ci priva della libertà, anzi ci aiuta a adottando il punto di vista di Dio i cristia-
migliorare ed elevare la nostra capacità ni hanno famiglie felici, una salute miglio-
di ragionare (Sal. 92:5; Prov. 2:1-5; Isa. re e rapporti pacifici con i compagni di
55:9). Pensare come Geova ci permette di fede di tutto il mondo (Isa. 2:4; Atti 10:
prendere buone decisioni e allo stesso 34, 35; 1 Cor. 6:9-11). Questo dimostra
tempo di esprimere appieno la nostra per- senza ombra di dubbio che il modo di pen-
sonalità (Sal. 1:2, 3). Avere lo stesso modo sare di Geova è superiore a quello del
di pensare di Geova ha davvero un effetto mondo.
positivo sulla nostra vita! 11 I servitori di Geova del passato sape-

vano bene che il suo modo di pensare è su-


IL MODO DI PENSARE DI GEOVA
periore. Mosè, ad esempio, “fu istruito in
È SUPERIORE
tutta la sapienza degli egiziani”, ma era
9 Un’altra ragione per cui vogliamo
convinto che solo Dio poteva dargli “un
pensarla come Dio è che il suo modo di cuore saggio” (Atti 7:22; Sal. 90:12). Per
pensare è molto superiore a quello del questo motivo gli chiese: “Fammi cono-
mondo. Il mondo offre consigli su valori scere le tue vie” (Eso. 33:13). Dato che si
morali, famiglia, carriera e altri aspetti lasciò guidare dai pensieri di Geova, Mosè
della vita. La maggior parte di questi ebbe un ruolo importante nella realizza-
consigli però è in contrasto con il modo zione del Suo proposito, e Geova gli diede
di pensare di Geova. Ad esempio, spesso l’onore di essere menzionato nelle Scrittu-
le persone vengono incoraggiate a pro- re per la sua fede straordinaria (Ebr. 11:
muovere sé stesse, a tollerare l’immora- 24-27).
lità sessuale e a ricorrere senza motivi 12 L’apostolo Paolo era una persona in-
seri alla separazione e al divorzio per telligente e istruita, ad esempio parlava al-
raggiungere la felicità. Consigli di questo meno due lingue (Atti 5:34; 21:37, 39; 22:
tipo sono in conflitto con gli insegna- 2, 3). Ma quando doveva stabilire se qual-
menti della Bibbia. Ma alcuni dei consi- cosa era giusto o sbagliato, rifiutava di far-
gli che dà il mondo si adattano forse si guidare dalla sapienza del mondo. Piut-
meglio ai nostri tempi? tosto, basava i suoi ragionamenti sulla
10 Gesù disse: “A dimostrare che la sa-
Parola di Dio. (Leggi Atti 17:2; 1 Corinti
pienza sia giusta sono le sue opere” (Matt.
11:19). Nel mondo sono stati fatti enormi 11. Da quale modo di pensare si lasciò guidare
Mosè, e quale fu il risultato?
9, 10. Perché possiamo dire che il modo di pen- 12. Su cosa basava i suoi ragionamenti l’aposto-
sare di Geova è superiore a quello del mondo? lo Paolo?

20 LA TORRE DI GUARDIA
2:6, 7, 13.) Di conseguenza, ebbe degli ot- 15 Per riuscire a trasformare la nostra
timi risultati nel suo ministero e visse con mente e adottare il modo di pensare di
la speranza di ricevere una ricompensa Geova, dobbiamo ‘smettere di farci mo-
eterna (2 Tim. 4:8). dellare da questo sistema’. Questo signifi-
13 È quindi chiaro che il modo di pensa- ca smettere di guardare, leggere o ascol-
re di Dio è superiore a quello del mondo. tare qualsiasi cosa che promuova idee
Facendoci guidare dai pensieri di Dio, contrarie a quelle di Dio. Per capire l’im-
saremo felici e otterremo molti risultati portanza di questo passo, facciamo un
positivi. Geova però non ci costringe a esempio. Per stare meglio una persona po-
pensarla come lui. Nemmeno “lo schiavo trebbe decidere di mangiare cibo sano. Ma
fedele e saggio” o gli anziani ci impongono tutti i suoi sforzi sarebbero inutili se man-
un determinato modo di pensare (Matt. giasse anche cibo avariato. Allo stesso
24:45; 2 Cor. 1:24). La responsabilità di modo, gli sforzi che facciamo per impara-
mettere i propri pensieri in armonia con re a pensare come Geova saranno inutili
quelli di Dio è solo nostra. Come ci possia- se permettiamo alle idee del mondo di cor-
mo riuscire? rompere la nostra mente.
16 Dato che non possiamo uscire lette-
NON LASCIAMOCI MODELLARE
ralmente dal mondo, è inevitabile venire
DA QUESTO SISTEMA
a contatto con alcune delle sue idee
14 Romani 12:2 ci dà questo consiglio:
(1 Cor. 5:9, 10). Ad esempio, attraverso
“Smettete di farvi modellare da questo si- l’opera di predicazione ci confrontiamo
stema di cose, ma siate trasformati rinno- con convinzioni religiose errate, e que-
vando la vostra mente, così da accertarvi
sto è inevitabile. Comunque, non signifi-
della volontà di Dio, di ciò che è buono, ca che dobbiamo soffermarci su queste
perfetto e gradito a lui”. Queste parole ci idee o accettarle. Come Gesù, dovrem-
ricordano che è possibile cambiare il pro-
mo essere pronti a respingere i pensieri
prio modo di pensare per renderlo più si-
che Satana vorrebbe che avessimo. Un
mile a quello di Dio. Anche se fattori
altro modo in cui possiamo proteggerci
ereditari o esperienze vissute prima che
è quello di evitare ogni contatto non ne-
conoscessimo la verità possono aver in-
cessario con le idee del mondo. (Leggi
fluito su di noi, la nostra mente è elastica,
Proverbi 4:23.)
quindi in grado di continuare a cambiare. 17 Per esempio è importante fare atten-
E cambierà perlopiù in base a quello su cui
zione alle amicizie che scegliamo. La
scegliamo di concentrarci. Meditando sui
Bibbia avverte che se stiamo spesso in
pensieri di Geova, ci convinceremo che il
compagnia di persone che non adorano
suo modo di vedere le cose è sempre quel-
Geova, il loro modo di pensare influi-
lo giusto. A quel punto ci verrà spontaneo
rà su di noi (Prov. 13:20; 1 Cor. 15:
desiderare di mettere i nostri pensieri in
12, 32, 33). Dobbiamo anche scegliere
armonia con i suoi.
con attenzione quello che facciamo nel
13. Quale responsabilità ha ognuno di noi? tempo libero. Se evitiamo passatempi
14, 15. (a) Su cosa dobbiamo meditare per fare
nostro il modo di pensare di Geova? (b) Perché 16. Da cosa dobbiamo proteggerci?
non dobbiamo permettere alle idee del mondo di 17. Come possiamo evitare ogni contatto non ne-
entrare nella nostra mente? Fate un esempio. cessario con il modo di pensare del mondo?

NOVEMBRE 2018 21
che in generale non hanno contenuti di-
scutibili, potrebbero far passare l’idea che
certi comportamenti immorali siano ac-
cettabili.
19 Questo non vuol dire che sia sbaglia-

to svagarsi in modo sano. Facciamo però


bene a chiederci: “So riconoscere le idee
del mondo anche quando vengono presen-
tate in maniera meno evidente? Pongo dei
limiti a quello che io e i miei figli guardia-
mo o leggiamo? Aiuto i miei figli a vedere
Stiamo aiutando i nostri figli le cose come le vede Geova così che non
a evitare i divertimenti dannosi? siano influenzati dalle idee del mondo?”
(Vedi i paragrafi 18 e 19)
Se riconosciamo la differenza tra il modo
di pensare di Dio e quello del mondo, riu-
sciremo a non farci “modellare da questo
sistema di cose”.
che promuovono la teoria dell’evoluzio-
ne, la violenza o l’immoralità, non per- CHI CI STA MODELLANDO?
metteremo a idee che sono “contro la co- 20 Dobbiamo ricordare che le informa-
noscenza di Dio” di avvelenare il nostro zioni che assimiliamo possono provenire
modo di pensare (2 Cor. 10:5). solo da due fonti: Geova e il mondo sot-
18 Dobbiamo riconoscere e respingere il
to il controllo di Satana. Da quale delle
modo di pensare del mondo anche quan- due ci stiamo facendo modellare? Dipen-
do viene presentato in maniera meno evi- de dalla fonte di informazioni a cui sce-
dente. Ad esempio, una notizia potrebbe gliamo di attingere. Se nutriamo la nostra
essere data da un’angolazione che sostie- mente con le idee del mondo, queste in-
ne certe opinioni politiche, oppure una fluiranno sui nostri pensieri e ci spinge-
storia o una notizia su un personaggio po- ranno a pensare e a comportarci in modo
trebbe mettere in risalto il punto di vista carnale. Per questo motivo è fondamenta-
del mondo su come avere successo. Alcu- le che stiamo attenti a quello su cui si sof-
ni film e libri potrebbero farci sembrare al- ferma la nostra mente.
lettante, ragionevole e addirittura giusta 21 Questo articolo ci ha insegnato che
l’idea di mettere sé stessi o la propria fa-
per pensare come Geova dobbiamo allon-
miglia al di sopra di tutto. Idee del genere
tanare dalla nostra mente qualsiasi in-
però sono in contrasto con le Scritture, in
fluenza che ci impedirebbe di farlo. Nel
base alle quali avremo stima di noi stessi e
prossimo articolo vedremo in maniera più
una famiglia felice solo se al primo posto
approfondita in che modo meditare sui
mettiamo l’amore per Geova (Matt. 22:
pensieri di Dio ci aiuta ad avere il suo stes-
36-39). Inoltre, alcune storie per bambini,
so punto di vista.
18, 19. (a) Perché dobbiamo stare attenti alle
idee del mondo presentate in maniera meno evi- 20. In base a cosa ci faremo modellare da Geova
dente? (b) Quali domande dobbiamo farci, e per- o dal mondo di Satana?
ché? 21. Di cosa parleremo nel prossimo articolo?

22 LA TORRE DI GUARDIA
Abbiamo lo stesso
punto di vista
di Geova?
“Siate trasformati rinnovando la vostra mente” (ROM. 12:2)

IMMAGINIAMO che qualcuno faccia un regalo a un bambino. CANTICI: 56, 123


I genitori dicono al figlio: “Di’ grazie”. Il figlio ringrazia, anche
se in maniera poco convinta. Man mano che cresce, però, co- SAPRESTE SPIEGARE?
mincia a capire perché i genitori ci tengono che impari a mo- ________________________________________________________________________________________________________________________________

strare gratitudine agli altri. Inizia a considerare anche lui In che modo lo studio della
importante ringraziare e lo fa in modo spontaneo. Bibbia e la meditazione ci
2 In modo simile, quando abbiamo conosciuto Geova, abbia- aiutano ad avere lo stesso
mo imparato quanto è importante ubbidire ai comandi basila- punto di vista di Geova?
ri riportati nella Bibbia. Man mano che cresciamo in senso spi-
rituale, però, scopriamo cosa piace o non piace a Geova e qual ________________________________________________________________________________________________________________________________

è il suo punto di vista su vari argomenti. Se impariamo a ragio- Quale effetto dovrebbe avere
nare come lui e lasciamo che il suo modo di pensare influisca sulle nostre azioni il modo di
pensare di Geova?
sulle nostre azioni e sulle nostre scelte, riusciremo a vedere le
cose dal suo stesso punto di vista.
________________________________________________________________________________________________________________________________
3 Anche se troviamo piacevole imparare a pensare come
In che modo meditare sui
Geova, a volte ci può risultare difficile a causa del nostro modo
pensieri di Dio oggi ci aiuterà
1, 2. Cosa impariamo man mano che cresciamo in senso spirituale? quando dovremo prendere
Fate un esempio. decisioni in futuro?
3. Perché a volte può essere difficile avere lo stesso punto di vista di
Geova?

23
di ragionare imperfetto. Magari cono- 6 Quando meditiamo regolarmente sul-
sciamo il suo punto di vista su questioni la Parola di Dio ‘ci accertiamo’ e ci con-
come immoralità sessuale, materialismo, vinciamo del fatto che il modo di ragiona-
uso errato del sangue oppure sull’opera re di Geova è perfetto. Iniziamo così a
di predicazione. Potremmo però fare fa- vedere le cose dal suo punto di vista e ci
tica a capire perché la pensa così. Cosa sentiamo in sintonia con i suoi pensieri.
possiamo fare? Come possiamo pensar- La nostra mente viene ‘rinnovata’ e svi-
la sempre più come Dio? E in che modo luppiamo un nuovo modo di pensare: il
questo ci aiuta quando dobbiamo pren- modo di pensare di Geova. Tutto questo
dere decisioni? è straordinario!
COME ADOTTARE IL PUNTO I NOSTRI PENSIERI INFLUISCONO
DI VISTA DI DIO SULLE NOSTRE AZIONI
4 Leggi Romani 12:2. L’apostolo Paolo 7 Pensare non coinvolge solo la mente: i
spiegò come possiamo imparare a vedere pensieri influiscono sulle azioni (Mar. 7:
le cose come le vede Geova. Nell’articolo 21-23; Giac. 2:17). Lo comprendiamo me-
precedente abbiamo visto che se voglia- glio riflettendo su alcuni esempi. Un primo
mo ‘smettere di farci modellare da que- esempio riguarda il punto di vista di Geo-
sto sistema di cose’ dobbiamo respingere va sulle cose materiali. I Vangeli spiegano
idee e atteggiamenti tipici del mondo. in modo chiaro qual è. Dio volle che fosse-
Paolo però aggiunse che dobbiamo anche ro Giuseppe e Maria a crescere suo Figlio,
‘rinnovare la nostra mente’. Per farlo anche se questa coppia non aveva molte
dobbiamo studiare la Parola di Dio, capi- possibilità economiche (Lev. 12:8; Luca
re il modo di pensare di Geova, meditar- 2:24). Quando nacque Gesù, Maria “lo
ci su e poi cercare di vedere le cose come pose in una mangiatoia, perché non aveva-
le vede lui. no trovato un posto in cui alloggiare”
5 Studiare non significa leggere in ma- (Luca 2:7). Se Geova avesse voluto, non
niera superficiale o semplicemente sotto- sarebbe certo stato un problema per lui
lineare le risposte. Significa cercare di im- trovare una sistemazione migliore per la
parare qualcosa di nuovo su Geova, sul nascita di suo Figlio. Ma quello che gli im-
suo modo di pensare e di agire. Dovrem- portava di più era che Gesù crescesse in
mo capire perché Geova dice di fare o non una famiglia spiritualmente forte.
8 Da questo passo della Bibbia capiamo
fare qualcosa e riflettere sui cambiamenti
che dobbiamo apportare al nostro modo come la pensa Geova sulle cose materia-
di pensare o alla nostra vita. Anche se li. Alcuni genitori vogliono a tutti i costi
non riusciremo a soffermarci sempre su che i figli abbiano il meglio in senso mate-
tutti questi punti, ogni volta che studia- riale, anche a discapito del loro benesse-
mo ci sarà comunque utile dedicare ma- re spirituale. È chiaro però che per Geo-
gari la metà del tempo alla meditazione 6. Quali risultati otteniamo se meditiamo sulla
(Sal. 119:97; 1 Tim. 4:15). Parola di Dio?
7, 8. (a) Qual è il punto di vista di Geova sulle
4. Come possiamo ‘rinnovare la nostra mente’? cose materiali? (Vedi le immagini iniziali.) (b) Se
5. Che differenza c’è tra una lettura superficiale la penseremo come Geova, quale sarà la cosa
e lo studio? Spiegate. più importante per noi?

24 LA TORRE DI GUARDIA
va le cose spirituali sono in assoluto le a pensarla come lui, e questo ci aiuterà a
più importanti. La pensiamo come lui? essere ancora più forti per resistere alla
Cosa dimostrano le nostre azioni? (Leg- tentazione di fare qualcosa che lui odia.
gi Ebrei 13:5.) 12 Se sviluppiamo lo stesso odio di Geo-
9 Un altro esempio è il punto di vista di va per il male, capiamo che una cosa è
Dio su chi fa sviare altri, portandoli a sbagliata anche se questa non è menzio-
peccare o a smettere di servirlo. Gesù dis- nata in modo specifico nella Bibbia. Fac-
se: “Se qualcuno fa sviare uno di questi ciamo un esempio. La lap dance è una
piccoli che hanno fede, sarebbe meglio danza immorale sempre più diffusa. Alcu-
per lui che gli fosse messa al collo una ni potrebbero non vederci niente di male,
macina come quella che viene fatta girare dato che in fondo praticarla non è come
da un asino e che fosse lanciato in mare” avere un rapporto sessuale vero e pro-
(Mar. 9:42). I forti sentimenti espressi da prio.1 Ma è così che la vede Geova? Lui
Gesù indicano che è una questione seria. odia qualsiasi tipo di azione sbagliata.
E dato che Gesù riflette perfettamente la Dobbiamo quindi stare alla larga da ciò
personalità di suo Padre, sappiamo che che è male, e per farlo è importante che
Geova prova gli stessi sentimenti verso impariamo a controllarci e a odiare quel-
chi, senza preoccuparsene minimamen- lo che lui odia (Rom. 12:9).
te, si comporta in modo da far sviare un
PREPARIAMOCI IN VISTA
discepolo di Gesù (Giov. 14:9). DI DECISIONI FUTURE
10 Abbiamo lo stesso punto di vista di
13 Quando studiamo dovremmo riflet-
Geova e Gesù? Cosa dimostrano le nostre
tere su come la pensa Geova, perché così
azioni? Per esempio, supponiamo che ci
terremo conto del suo punto di vista
piaccia un tipo di abbigliamento o un cer-
quando in futuro dovremo prendere deci-
to look che però potrebbe turbare alcuni
sioni. In questo modo, se ci trovassimo in
nella congregazione o far nascere pensie-
una situazione che richiede una decisione
ri immorali. A cosa daremo più importan-
immediata, non saremo presi alla sprov-
za, alle nostre preferenze o all’amore per
vista (Prov. 22:3). Vediamo alcuni esem-
i nostri fratelli? (1 Tim. 2:9, 10).
pi biblici.
11 Un terzo esempio riguarda l’odio di
14 Quando la moglie di Potifar cercò di
Geova per l’ingiustizia (Isa. 61:8). Pur te-
sedurre Giuseppe, lui respinse immedia-
nendo conto del fatto che a causa della
tamente le sue avances, dimostrando di
nostra imperfezione ci viene difficile fare
aver meditato in anticipo su come la
ciò che è giusto, Geova si aspetta che an-
che noi odiamo qualsiasi azione sbagliata. 1 La lap dance viene definita una danza “esegui-
(Leggi Salmo 97:10.) Meditando sui mo- ta da ballerine seminude a contatto con il pubblico”.
A seconda del caso specifico, potrebbe costituire un
tivi per cui Geova odia il male, riusciremo atto di immoralità sessuale che richiede un’azione giu-
diziaria. Un cristiano che ha preso parte alla lap dance
9, 10. Come dimostriamo di avere lo stesso dovrebbe chiedere aiuto agli anziani (Giac. 5:14, 15).
punto di vista di Geova sull’importanza di non
far sviare altri? 13. Perché dovremmo riflettere in anticipo sul
11, 12. In che modo l’odio per il male e l’auto- punto di vista di Geova?
controllo ci proteggono dal fare ciò che è sba- 14. Cosa impariamo dalla reazione di Giuseppe
gliato? alle avances della moglie di Potifar?

NOVEMBRE 2018 25
Abbiamo fatto ricerche, compilato il documento con le disposizioni anticipate
sui trattamenti sanitari e parlato con il nostro medico?
(Vedi il paragrafo 16)

pensa Geova sulla fedeltà coniugale. diedero al re dimostra che avevano già
(Leggi Genesi 39:8, 9.) Inoltre, dalla ri- meditato su cosa significava essere fedeli
sposta che le diede capiamo che la pensa- a Geova (Eso. 20:4, 5; Dan. 3:4-6, 12, 16-
va esattamente come Dio. Disse: “Come 18). Se il nostro datore di lavoro ci chie-
potrei commettere questo grande male e desse di partecipare a una raccolta fondi
peccare in effetti contro Dio?” Che dire per un evento legato alla falsa religio-
di noi? Come reagiremmo se al lavoro ne, cosa faremmo? Invece di aspettare
qualcuno flirtasse con noi? E se sul no- che sorgano situazioni simili per decidere
stro cellulare ricevessimo un messaggio o cosa fare, seguiamo l’esempio dei tre
un’immagine dal contenuto sessualmente ebrei e riflettiamo ora su come la pensa
esplicito?1 Se avremo già meditato su Geova. Se poi dovessimo trovarci a pren-
come la pensa Geova, adottato il suo dere decisioni del genere sarà più facile
punto di vista e deciso in anticipo come per noi fare e dire la cosa giusta.
comportarci in casi del genere, sapremo 16 Se meditiamo in anticipo sul punto di

subito qual è la cosa giusta da fare. vista di Geova, saremo anche in grado
15 Vediamo l’esempio di Sadrac, Mesac di rimanere leali nel caso di un’emergen-
e Abednego, tre ebrei che si rifiutarono di za sanitaria. È vero che siamo già decisi a
adorare l’immagine d’oro eretta dal re rifiutare trasfusioni di sangue intero e dei
Nabucodonosor. La risposta decisa che suoi quattro componenti principali, ma ci
sono altri trattamenti che ognuno di noi
1 L’invio tramite cellulare di messaggi, foto o video
sessualmente espliciti è chiamato sexting. In alcuni
deve decidere se accettare o meno basan-
casi potrebbe richiedere un’azione giudiziaria. A volte dosi sui princìpi della Bibbia (Atti 15:
alcuni minori coinvolti nel sexting sono stati persegui- 28, 29). Non è certo una buona idea fare
ti per reati sessuali. Per ulteriori informazioni, visitate
il sito jw.org e leggete l’articolo “Cosa dovrei sapere sul queste valutazioni in ospedale, quando si
sexting?” della rubrica “I giovani chiedono” (nella se- sta male e bisogna prendere una decisio-
zione COSA DICE LA BIBBIA RAGAZZI). Oppure leg-
gete l’articolo “Sexting: come affrontare l’argomento
ne rapida. Ora è il momento migliore per
con vostro figlio” in Svegliatevi! di novembre 2013, pa- fare ricerche, compilare il documento
gine 4-5.
16. In che modo avendo le idee chiare su come
15. Come possiamo essere fedeli a Geova come la pensa Geova saremo preparati per affrontare
lo furono i tre ebrei? un’emergenza sanitaria?

26 LA TORRE DI GUARDIA
con le disposizioni anticipate sui tratta- Sapremo esattamente cosa fare, perché
menti sanitari e parlarne con il proprio avremo già definito i nostri obiettivi spi-
medico.1 rituali e dovremo solo mettere in atto una
17 Come ultimo esempio, riflettiamo decisione già presa.
sulla risposta immediata di Gesù quando 19 Forse ci vengono in mente altre situa-

Pietro gli consigliò poco saggiamente: zioni che potrebbero presentarsi in modo
“Sii buono con te stesso, Signore”. Sicu- inaspettato. Ovviamente non possiamo
ramente Gesù aveva meditato molto su prepararci per ogni situazione ipotetica.
quello che Dio si aspettava da lui e sulle Se però quando studiamo usiamo una
profezie riguardanti la sua vita terrena e parte del tempo per meditare sul modo di
la sua morte. Questo lo aiutò a essere an- pensare di Geova, con tutta probabilità ri-
cora più deciso a restare fedele a Geova e corderemo quello che abbiamo studiato e
dare la sua vita come riscatto, senza esi- sapremo usarlo per prendere decisioni
tare. (Leggi Matteo 16:21-23.) sagge. Quindi non sottovalutiamo l’im-
18 Oggi Dio desidera che i suoi servito- portanza di capire il punto di vista di Geo-
ri siano suoi amici e partecipino il più va, farlo nostro e riflettere sul modo in cui
possibile all’opera di predicazione (Matt. possiamo tenerne conto nelle decisioni
6:33; 28:19, 20; Giac. 4:8). Come fece che dobbiamo e dovremo prendere.
Pietro con Gesù, alcuni motivati da buo-
IL MODO DI PENSARE DI GEOVA
ne intenzioni potrebbero cercare di con-
CI GUIDA VERSO IL FUTURO
vincerci che non serva impegnarsi così
tanto nelle cose spirituali. Ad esempio, il
20 Non vediamo l’ora che arrivi il nuo-
nostro datore di lavoro potrebbe offrirci vo mondo, quando vivremo per sempre
una promozione con un notevole aumen- nel Paradiso! Sotto il Regno di Dio sare-
to di stipendio, che influirebbe sul tem- mo liberi dalle sofferenze che fanno par-
po che dedichiamo alle attività spirituali. te del sistema in cui viviamo. Continuere-
Oppure se andiamo a scuola potremmo mo a usare la nostra libertà per prendere
ricevere l’opportunità di trasferirci lonta- decisioni in base alle nostre preferenze e
no da casa per proseguire gli studi. Sarà ai nostri desideri, ma queste decisioni
quello il momento di pregare, fare ricer- rispecchieranno il modo di pensare di
che, parlarne con i genitori e con gli an- Geova.
21 Certo, non avremo una libertà asso-
ziani e poi prendere una decisione? Non
sarebbe meglio conoscere ora come la luta. Per stabilire cosa è giusto o sbaglia-
pensa Geova su questioni del genere e to, saremo guidati dalle leggi e dal modo
cercare di acquisire il suo punto di vi- di pensare di Geova. Questo contribuirà
sta? Così, se ci verranno fatte offerte si- a farci provare piena gioia in un ambien-
mili, non saremo tentati di accettarle. te piacevole in cui abbonderà la pace
(Sal. 37:11). Nel frattempo, possiamo es-
1 Le nostre pubblicazioni hanno trattato princìpi bi-
blici relativi a quest’argomento. Vedi per esempio il li-
sere gioiosi già ora se ci impegniamo per
bro “Mantenetevi nell’amore di Dio”, pagine 215-218. avere lo stesso punto di vista di Geova.

17-19. Perché è importante sapere ora come la 20, 21. (a) In che senso nel nuovo mondo la
pensa Geova? Citate situazioni in cui è impor- nostra libertà relativa ci renderà felici? (b) Come
tante essere preparati. possiamo essere gioiosi già ora?

NOVEMBRE 2018 27
LA BENIGNITÀ
AMORE
GIOIA
PACE
PAZIENZA
BENIGNITÀ

Una qualità che va mostrata BONTÀ


FEDE

con parole e azioni


MITEZZA
AUTOCONTROLLO

CI SENTIAMO davvero rassicurati quando ve- rono attorno ai fianchi”. Geova però sape-
niamo trattati con benignità. Ogni volta che va che avrebbero avuto bisogno di abiti più
qualcuno si interessa di noi, gli siamo grati. adatti per vivere fuori dal giardino di Eden,
Dato che la benignità è apprezzata da tutti, dove a causa della maledizione sul suolo sa-
come possiamo coltivarla? rebbero cresciuti “spine e rovi”. Quindi decise
Essere benigni significa interessarsi since- di soddisfare questo bisogno facendo loro
ramente del benessere degli altri e dimostra- “lunghe vesti di pelle” (Gen. 3:7, 17, 18, 21).
re con le parole e con le azioni di volerli aiu- Anche se è benigno sia con i “malvagi”
tare. La benignità è quindi una qualità che che con i “buoni”, Geova desidera mostra-
spinge ad agire. Richiede più che mostra- re benignità soprattutto ai suoi servitori fe-
re una gentilezza o una cortesia di facciata: deli. Ecco un esempio. Ai giorni del profeta
è motivata da profondo amore ed empatia. Zaccaria, un angelo era preoccupato perché
Inoltre fa parte del frutto dello spirito santo a Gerusalemme i lavori di ricostruzione del
di Dio che i cristiani devono coltivare (Gal. 5: tempio si erano fermati. Geova ascoltò quel-
22, 23). Dato che la benignità è una quali- lo che l’angelo aveva da dire e “rispose con
tà essenziale, vediamo come Geova e Gesù parole gentili e confortanti” (Zacc. 1:12, 13).
l’hanno mostrata e in che modo possiamo Geova si comportò in modo simile con Elia.
imitarli. Una volta questo profeta si sentì così sco-
raggiato che gli chiese di farlo morire. Geo-
GEOVA È BENIGNO CON TUTTI va mostrò considerazione per i sentimenti di
Geova è benigno e premuroso con tutti, in- Elia e mandò un angelo a rafforzarlo. Inoltre,
clusi “gli ingrati e i malvagi” (Luca 6:35; nt.). assicurò al profeta che non era solo. Dopo
Ad esempio “fa sorgere il suo sole sui malva- aver ascoltato le parole rassicuranti di Geova
gi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli e aver ricevuto l’aiuto di cui aveva bisogno,
ingiusti” (Matt. 5:45). Quindi, anche chi non Elia fu in grado di continuare a svolgere il
riconosce che Geova è il Creatore usufruisce suo incarico (1 Re 19:1-18). Vediamo ora chi
di tutto quello che lui ci ha dato per mante- fra tutti i servitori di Dio ha imitato nel modo
nerci in vita e può provare un certo grado di migliore l’esempio di benignità di Geova.
felicità.
Il modo in cui Geova trattò Adamo ed Eva
GES Ù, UN UOMO CHE MOSTRÒ
è uno straordinario esempio della sua beni- GRANDE BENIGNITÀ
gnità. Poco dopo aver peccato, Adamo ed Durante il suo ministero sulla terra, Gesù
Eva “cucirono delle foglie di fico e se le lega- era conosciuto come una persona gentile e
premurosa. Non era mai insensibile o arro- La benignità spesso viene espressa con le
gante. La sua empatia nei confronti degli al- azioni, ma può essere mostrata anche con
tri lo spinse a dire: “Venite da me, voi tutti parole premurose e incoraggianti. La Bibbia
che siete stanchi e oppressi, e io vi ristorerò. dice che “l’ansia opprime il cuore dell’uomo”,
[...] Infatti il mio giogo è piacevole” (Matt. 11: ma aggiunge che “una parola buona lo fa
28-30). Toccate dalla sua benignità, le per- rallegrare” (Prov. 12:25). Se mostriamo beni-
sone seguivano Gesù ovunque andasse. Lui gnità e bontà cercando di essere incorag-
provava compassione per loro, quindi le sfa- gianti con gli altri, possiamo risollevare il loro
mò, insegnò loro molte cose riguardo a suo morale.1 Le nostre parole gentili dimostre-
Padre e guarì i malati (Mar. 6:34; Matt. 14:14; ranno che ci interessiamo di loro e li aiu-
15:32-38). teranno ad affrontare le difficoltà che incon-
Il fatto che Gesù fosse davvero benigno è trano (Prov. 16:24).
evidente dal modo comprensivo e premuroso
in cui trattava gli altri. Ad esempio, anche COME COLTIVARE LA BENIGNITÀ
quando voleva riposare ‘accoglieva benevol- Dio ci ha creato “a sua immagine”, ecco
mente’ chi lo cercava con i giusti motivi (Luca perché siamo tutti in grado di mostrare beni-
9:10, 11). In un’occasione, una donna toccò gnità (Gen. 1:27). Per esempio Giulio, un uf-
le vesti di Gesù nella speranza di essere gua- ficiale dell’esercito romano che scortò Paolo
rita dalla sua perdita di sangue. Anche se era durante il viaggio a Roma, trattò l’apostolo
cerimonialmente impura, lui non la rimprove- “con benignità umana, permettendogli di an-
rò (Lev. 15:25-28). Mostrando compassione dare dai suoi amici e di ricevere le loro atten-
a questa donna spaventata, che aveva sof- zioni” nella città di Sidone (Atti 27:3, nt.).
ferto per 12 anni, le disse: “Figlia, la tua fede Qualche tempo dopo, la nave su cui viaggia-
ti ha sanato. Va’ in pace, guarita dalla tua vano Paolo e altre persone fece naufragio nei
dolorosa malattia” (Mar. 5:25-34). Che gran- pressi di Malta. Gli abitanti dell’isola mostra-
de esempio di benignità! rono loro “straordinaria benignità umana” e
accesero anche un fuoco per riscaldarli (Atti
CHI È BENIGNO 28:1, 2, nt.). Comunque, anche se queste fu-
FA DEL BENE AD ALTRI rono delle azioni ammirevoli, la benignità ri-
Dagli esempi menzionati capiamo che la chiede più che compiere un gesto gentile di
vera benignità si dimostra con le azioni. Gesù tanto in tanto.
sottolineò proprio la necessità di agire quan- Se vogliamo piacere a Dio, la benignità
do raccontò la parabola del buon samarita- deve diventare parte integrante della no-
no. Tra i samaritani e gli ebrei c’era ostilità, stra personalità e del nostro modo di vive-
eppure il samaritano della parabola provò re. Per questo motivo Geova ci incoraggia
pietà per un uomo ebreo che era stato deru- a ‘rivestirci di benignità’ (Col. 3:12). Dob-
bato, picchiato e lasciato mezzo morto sulla biamo comunque ammettere che far questo
strada. Spinto dalla benignità, il samaritano non è sempre facile. Fattori come timidez-
fu pronto ad agire: curò le ferite dell’ebreo e za, insicurezza, opposizione da parte di altri
lo portò in una locanda. Inoltre pagò il locan- o tracce di egoismo ancora presenti in noi
diere perché si prendesse cura di quell’uomo
1 La qualità della bontà verrà presa in esame in un altro
ferito e si offrì di coprire eventuali spese ag- articolo di questa serie in nove parti sul frutto dello spirito
giuntive (Luca 10:29-37). santo di Dio.

NOVEMBRE 2018 29
potrebbero impedirci di mostrare benigni- non potrà vivere nel Paradiso per sempre.
tà. Possiamo però superare queste difficoltà Le persone a cui Dio permetterà di vivere
confidando nello spirito santo e sforzando- per sempre, invece, si tratteranno con af-
ci di imitare la benignità di Geova (1 Cor. fetto e benignità (Sal. 37:9-11). Allora tutti
2:12). nel mondo si sentiranno davvero al sicuro e
Ci vengono in mente aspetti in cui possia- in pace! In attesa di quel momento, qua-
mo migliorare nel mostrare benignità? Chie- li benefìci abbiamo già ora mostrando beni-
diamoci: “Ascolto gli altri cercando di capire gnità?
i loro sentimenti? Sono attento ai loro biso-
gni? Quando è stata l’ultima volta in cui ho I BENEFÌCI DELLA BENIGNITÀ
fatto qualcosa di gentile per qualcuno che La Bibbia dice che chi tratta bene gli altri
non è un mio familiare o un amico?” Ponia- “fa del bene a sé stesso” (Prov. 11:17). Le
moci degli obiettivi, ad esempio conoscere persone si sentono attratte da chi è beni-
meglio le persone che ci circondano, soprat- gno e tendono a trattarlo a loro volta con
tutto nella congregazione. In questo modo benignità. Gesù infatti disse: “Con la misu-
riusciremo a comprendere le loro circostanze ra con la quale misurate sarà rimisurato a
e i loro bisogni. Poi impegniamoci per mo- voi” (Luca 6:38). Ecco perché una persona
strare loro benignità, pensando a come vor- che mostra benignità riesce facilmente a far-
remmo essere trattati noi al loro posto (Matt. si buoni amici e a non perderli.
7:12). Infine chiediamo aiuto a Geova, e lui L’apostolo Paolo incoraggiò i fratelli della
benedirà gli sforzi che facciamo per coltivare
congregazione di Efeso a essere “benigni gli
la benignità (Luca 11:13).
uni con gli altri, mostrando tenera compas-
LA BENIGNITÀ ATTIRA GLI ALTRI sione e [perdonandosi] a vicenda senza ri-
serve” (Efes. 4:32, nt.). Nella congregazione
Paolo incluse la “benignità” tra le caratteri-
si hanno molti risultati positivi quando i fra-
stiche che lo distinguevano come ministro di
Dio (2 Cor. 6:3-6). Le persone erano attrat- telli mostrano benignità e cercano di aiutarsi
te dai modi di Paolo, che si interessava di a vicenda con empatia. Chi si comporta così
loro e lo dimostrava con le parole e le azio- non userà mai parole dure, critiche o sarca-
ni (Atti 28:30, 31). Se trattiamo gli altri allo stiche che feriscono gli altri. Invece di dif-
stesso modo potremo spingerli ad avvicinarsi fondere pettegolezzi, cercherà di incoraggia-
alla verità. Essendo benigni anche con quelli re gli altri con le sue parole (Prov. 12:18). Di
che ci fanno opposizione potremmo renderli conseguenza la congregazione godrà di otti-
meno ostili (Rom. 12:20). Col tempo queste ma salute spirituale.
persone potrebbero perfino voler conoscere Abbiamo visto che la benignità si dimo-
il messaggio della Bibbia. stra con le parole e le azioni. Mostrando que-
Tantissime persone che saranno risusci- sta qualità imitiamo l’amore e la generosità
tate nel Paradiso sulla terra proveranno del nostro Dio, Geova (Efes. 5:1). Inoltre raf-
grande gioia quando, forse per la prima forziamo la nostra congregazione e aiutia-
volta, verranno trattate con vera benigni- mo altri ad avvicinarsi alla pura adorazione.
tà. La gratitudine le spingerà a comportarsi Facciamo quindi tutto il possibile per essere
allo stesso modo con gli altri. Chi si rifiute- conosciuti come persone che mostrano beni-
rà di mostrare benignità e di aiutare altri gnità.

30 LA TORRE DI GUARDIA
DOMANDE DAI LETTORI

Chi erano i benefattori di cui parlò Gesù la sera prima di morire,


e perché venivano chiamati così?

ˇ La sera prima di morire, Gesù esortò gli apostoli Ai tempi di Gesù, persone ricche cercavano di
a non cercare di ottenere una posizione di presti- farsi una buona reputazione promuovendo spetta-
gio tra i loro compagni di fede. Infatti disse: “I re coli e giochi nelle arene, costruendo parchi e tem-
delle nazioni le dominano, e quelli che hanno auto- pli o dando il proprio sostegno ad altre iniziative
rità su di esse vengono chiamati benefattori. Voi, di questo genere. Ma lo facevano con l’obiettivo di
però, non dovete essere così” (Luca 22:25, 26). essere elogiate, di acquistare popolarità o di gua-
Chi erano i benefattori menzionati da Gesù? dagnare voti. “Anche se in alcuni casi la genero-
Iscrizioni, monete e antichi documenti indicano sità di questi benefattori era spontanea”, dice
che nella società greca e in quella romana c’era l’a- un’opera di consultazione, “il più delle volte era
bitudine di rendere omaggio a sovrani e personag- motivata da interessi politici personali”. Gesù esor-
gi di rilievo dando loro il titolo di euergètes, o bene- tò i suoi seguaci a evitare proprio questo atteggia-
fattore. In genere questo titolo veniva conferito a mento ambizioso ed egoistico.
chi si era distinto per aver fatto del bene alla comu- Alcuni anni dopo, anche l’apostolo Paolo sotto-
nità. lineò l’importanza di dare agli altri spinti dai moti-
Il titolo di benefattore fu attribuito a diver- vi giusti. Ai fratelli di Corinto scrisse: “Ciascuno
si sovrani. Tra loro c’erano i re d’Egitto co- faccia come ha deciso nel suo cuore, non di mala-
nosciuti come Tolomeo III Evergete (ca. 247- voglia né per forza, perché Dio ama chi dona con
222 a.E.V.) e Tolomeo VIII Evergete II (ca. gioia” (2 Cor. 9:7).
147-117 a.E.V.). Lo stesso titolo fu anche conferito
a Giulio Cesare (48-44 a.E.V.), a Cesare Augusto
(31 a.E.V.–14 E.V.) e a Erode il Grande, re di Giu-
dea. Probabilmente Erode si guadagnò questo tito-
lo quando fece arrivare del grano per aiutare il po-
polo a far fronte a una carestia e provvide dei
vestiti ai bisognosi.
Secondo lo studioso tedesco Adolf Deissmann,
il titolo benefattore era molto diffuso. Infatti com-
mentò: “Consultando varie iscrizioni, si potrebbe-
ro trovare con facilità e in pochissimo tempo più
di 100 occorrenze [di questo titolo]”.
Cosa intendeva allora Gesù quando disse ai suoi
discepoli “voi, però, non dovete essere così”? Vo-
leva forse dire che non dovevano avere senso civi-
co, cioè che non dovevano interessarsi al benesse-
re della comunità? No di certo. Sembra che Gesù
volesse piuttosto far riflettere sui motivi che spin-
gono a essere generosi.
COSA POSSIAMO DARE A GEOVA?
UNA volta Gesù disse: “C’è più con le tue cose di valore”. Le no- Geova anche dal punto di vista
felicità nel dare che nel ricevere” stre “cose di valore” comprendo- materiale? L’apostolo Paolo dis-
(Atti 20:35). Questa verità fon- no il nostro tempo, le nostre ca- se ai corinti di ‘mettere da parte
damentale vale anche per la no- pacità, la nostra forza e i nostri qualcosa’ da dare come contri-
stra amicizia con Geova. Da lui beni materiali. Quando usiamo buzione (1 Cor. 16:2). Il riquadro
infatti abbiamo ricevuto tanti queste risorse per promuovere che segue spiega dove possia-
doni che ci rendono felici, ma la vera adorazione, stiamo fa- mo trovare maggiori informazio-
possiamo essere ancora più feli- cendo un dono a Geova. Questo ni sulle modalità previste nel
ci se noi diamo qualcosa a lui. ci fa essere davvero felici. nostro paese per fare una con-
Cosa possiamo dare a Geova? Cosa ci aiuterà a non di- tribuzione.
Proverbi 3:9 dice: “Onora Geova menticare di dare qualcosa a

Un semplice modo
per fare una donazione online

FACILE DA TROVARE FACILE DA USARE

Fai una singola donazione, oppure


Digita donate.jw.org
imposta una donazione periodica per:
in un browser
ˇ l’opera mondiale
ˇ la tua congregazione
Clicca sul link “Donazioni” sulla ˇ un congresso di zona
home page di JW Library˙ ˇ un’assemblea di circoscrizione

Non in tutti i paesi è possibile fare donazioni online. Sulla pagina del sito relativa alle donazioni si
possono comunque trovare informazioni su altri modi in cui è possibile donare. In alcuni paesi, su
questa pagina è anche disponibile un documento che risponde alle domande più frequenti in
materia di erogazioni liberali.

s
n Puoi scaricare
p Puoi anche leggere la Visita www.jw.org

o
gratuitamente Traduzione del Nuovo o scansiona
questa rivista e Mondo online il codice
w18.11-I
180716

altre pubblicazioni