Sei sulla pagina 1di 1

La raccolta Passeggeri in Transito.

Nuovi rac- «Quando capisco che sto iniziando ad affezionarmi a un luogo, saluto 9 José Eduardo Agualusa (nato a Huambo, in An-
conti per viaggiare di José Eduardo Agualusa e me ne vado. Chi non ama non soffre. Chi non ha nulla, non ha nulla gola, nel 1960), forse il più rappresentativo au-
raggruppa venti testi in prosa breve con prota- da perdere. Io la penso così. Un giorno mi addormentai sull’orlo di un tore angolano della sua generazione – senz’altro
gonisti dei viaggiatori che si muovono tra va- enorme burrone. Mi svegliai con le prime luci dell’alba. La mattina si il più premiato e il più letto e tradotto a livello
rie città dell’Angola, del Portogallo e del Bra- posò sulla mia spalla, come un uccello, e lì rimase. Davanti a me c’era internazionale – giornalista, reporter, narratore e
sile. Venti racconti attraverso i quali il lettore il mare. Dietro di me il cielo profondo, alte montagne. Era un luogo globetrotter instancabile ha incantato migliaia di
si unisce al viaggio di questi passeggeri, in senza precedenti, lontano dal mondo, come un vecchio elefante che si lettori in tutto il mondo con la sua prosa cristal-
un cammino in cui passato e presente si fon- è allontanato dal branco. Fino a quel momento avevo viaggiato senza lina e coinvolgente.
dono insieme. In ognuno di essi, infatti, sono sapere il perché. E allora, seduto sul baratro, mi venne in mente per La sua opera, composta da vari romanzi
presenti degli elementi ricorrenti che fungono la prima volta questa domanda. “Che ci faccio qui?” Pensai di tor- e alcune raccolte di racconti è al contempo la
da filo conduttore: il colonialismo portoghese nare indietro. Tuttavia avevo camminato troppo, e tornare indietro o testimonianza di un’epoca e di un’intera costel-
e la successiva indipendenza dell’Angola otte- andare avanti sarebbe stata la stessa cosa. Continuai a incedere. Oggi lazione linguistica: quella del mondo di lingua
nuta nel 1975, i riferimenti a personalità em- viaggio per sapere il perché». portoghese. Più volte, infatti, il Portogallo, il
blematiche della letteratura portoghese, usi e Brasile e i vari luoghi dell’Africa e dell’Asia
costumi dei popoli dell’Angola, del Brasile e con una presenza storica della cultura lusitana
degli altri paesi di lingua portoghese. Il tut- Urogallo. Frontiere perdute. 9 si intrecciano creando un unico grande spazio
to funge da scenario a personaggi e vicende geografico, culturale e letterario.
personali che, spesso, sfiorano il surreale. Una L’abbattimento delle frontiere culturali,
raccolta di racconti che offre una vasta pano- la celebrazione della lingua portoghese, del-
ramica della realtà lusofona – in particolare di le sue varianti e dei creoli da essa derivata,
quella angolana – e fornisce al lettore grandi l’esaltazione di quell’essere tropicale e univer-

José Eduardo Agualusa | Passeggeri in transito


spunti di riflessione. sale scaturito dagli eventi storici sono alcuni dei
temi fondanti dell’opera di questo autore.
José Eduardo Agualusa
Passeggeri in transito

ISBN/EAN

9 788897 365310
euro 12,00 Edizioni dell’Urogallo
www.urogallo.eu