Sei sulla pagina 1di 59

di Pamela Palomba e Axel Rütten

Trasformazione e Forma
ALLA SCOPERTA
DELL’UTILIZZO DELL’ARGILLA
IN ARTETERAPIA
Trasformazione e Forma. Alla scoperta dell’utilizzo dell’argilla in arteterapia
di Pamela Palomba e Axel Rütten

Trasformazione e Forma
ALLA SCOPERTA
DELL’UTILIZZO DELL’ARGILLA
IN ARTETERAPIA
collana Indice
CURARE CON L’ARTE: METODI E PRASSI

Prefazione di Elena Giordano .................................................................................... 7

Introduzione di Pamela Palomba e Axel Rütten . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9

PARTE PRIMA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10

- Argilla è . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
COLLANA A CURA DI

Gerardo Manarolo
- Creatività . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15

- L’argilla . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21

- Trasformazione e forma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27

Prima edizione: settembre 2012


PARTE SECONDA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
ISBN 978-88-87947-56-4
- Argilla con bambini: dal movimento corporeo alla manipolazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
Cosmopolis
Corso Peschiera, 320 - 10139 Torino - Argilla con bambini: dal sentire al costruire . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
telefono e fax + 39 011 71 02 09
redazione @ edizionicosmopolis.it
www.edizionicosmopolis.it - Argilla con adolescenti ..................................................................................... 67

Immagine di copertina: Axel Rütten, senza titolo, 2012 - Sul contenimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75


Direzione artistica: davide @ dichinonazienda.it
- Argilla e Autismo ............................................................................................ 79

Si ringrazia il Comune di Livorno, - Argilla e Psichiatria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89


Attività Educative, Direzione servizi I infanzia e la Scuola
presso la quale si sono svolti i lavori,
PARTE TERZA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92
per l’autorizzazione dell’utilizzo delle immagini
tratte dai laboratori con l’argilla del progetto - Vivere lo spazio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
“I linguaggi dell’intercultura”
realizzato presso il Centro Infanzia Alveare nell’anno 2009. - Il varco ........................................................................................................ 103

Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
NESSUNA PARTE DI QUESTA PUBBLICAZIONE PUÒ ESSERE RIPRODOTTA O TRASMESSA CON QUALSIASI MEZZO SENZA
L’AUTORIZZAZIONE SCRITTA DEGLI AUTORI E DELL’EDITORE. TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI. Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
Prefazione

Negli ultimi decenni si è assistito in Italia al proliferare di ateliers di arteterapia,


nei vari luoghi di cura (Centri Diurni, ambulatori, Comunità terapeutiche) che han-
no sostituito i manicomi, chiusi per opera della Legge Basaglia del 1978.
Si è anche pensato di estendere proficuamente questa pratica, dal nome accattivan-
te e dall’apparente facilità di proposta, ad altre categorie di utenti e in altre situazioni:
bambini e adolescenti con disagi di vario tipo, anziani, detenuti, malati terminali...
Dopo gli entusiasmi iniziali per l’Arte, che avrebbe di per sé proprietà catartiche,
e i dibattiti teorici e sostanzialmente un po’ sterili dei decenni precedenti su genio e
follia o sulla libertà di espressione che dovrebbe automaticamente sostituire l’inibi-
zione e gli impacci comunicativi, ci si è trovati di fronte a tutte le inevitabili difficol-
tà derivanti da contatto reale e quotidiano con persone sofferenti di vari disagi e alla
necessità di modulare i propri interventi a seconda degli obiettivi privilegiati in quel
dato contesto o per quel dato gruppo di lavoro.
Tutte queste problematiche hanno reso evidente come anche per fare Arteterapia
non fosse sufficiente un generico entusiasmo o semplice disposizione artistica, ma ci
volesse una teoria e una preparazione specifica che possedesse il doppio linguaggio,
quello dell’arte, ma anche quello delle competenze psicologiche e psichiatriche per
sapere come muoversi e guidare il lavoro dei pazienti per farne un’occasione di recu-
pero dell’equilibrio e quindi metafora di un cambiamento di vita.
È questa doppia padronanza, artistica e psicologica, affinata nel crogiolo di una
lunga esperienza, che ci dimostrano Axel Rutten e Pamela Palomba in questo testo,
che mostra la rara capacità di muoversi con disinvoltura tra pratica e teoria, regalan-
doci interessanti riflessioni sul potere trasformativo della creatività, sulle peculiarità
terapeutiche dell’argilla, ma che non trascura l’attenzione che va messa nell’imposta-
re il setting, definire degli obiettivi a medio e lungo termine, tenere conto del mate-
riale umano con cui si è chiamati a lavorare volta a volta.
Rispetto ad altri libri che riportano percorsi di arteterapia effettuati in vari con-
testi o che riflettono sulla terapeuticità dell’arte figurativa, questo contributo appa-
re particolarmente interessante perché sviluppa con dovizia di riflessioni e di esem-
pi l’impiego del modellaggio con l’argilla, che normalmente non viene
sufficientemente valorizzato, mentre “dovrebbe essere il materiale scultoreo più
importante dell’atelier”.
Animati da una vera passione artistica gli Autori ci fanno apprezzare le caratteri-
stiche di questo materiale, capace all’inizio di essere senza forma specifica, duttile,
malleabile e apparentemente cedevole alla volontà del modellatore, ma dopo un po’
tale di imporsi, per la sua arcaicità, risvegliando un’ondata di emozioni e di ricordi,
che richiedono una “messa in forma” che può sorprendere lo stesso autore...
È proprio questa “messa in forma”, che nei casi più difficili va opportunamente
guidata e assistita, che diventa lo specifico della terapia: trasformare un materiale
inerte e amorfo in forme-contenitori che acquistano permanenza nel tempo e si svi-
luppano nello spazio, richiedendo un “raffinato lavoro d’organizzazione, struttura-

7
zione e composizione per arrivare a configurazioni in armonia con la propria interio-
rità e col mondo esterno”.
Introduzione
Esprimersi, comunicare, significa trovare delle forme condivisibili in cui calare la di Pamela Palomba e Axel Rütten
propria soggettività e parteciparla agli altri, dato che sarebbe assurdo parlare di
espressione senza forme, come inutile parlare di forme senza espressione.
Così ci è chiaro il cammino che gli Autori riassumono nel titolo di un loro labora- Questo libro nasce dal nostro desiderio di condividere un pluriennale percorso,
torio. “Incontri nell’arte - dal fare al comunicare” e che dimostra come lo strumento svolto in atelier istituzionali e privati e in progetti all’interno d’istituzioni scolastiche,
artistico si configuri come uno spazio esclusivo per il dialogo con la propria interiori- caratterizzato dalla presenza costante dell’argilla, tra tutti i materiali il più duttile, il più
tà e contemporaneamente diventi luogo di accesso alla relazione con gli altri. recettivo sia da un punto di vista tattile sia della memoria che vi s’imprime, e quindi
Una relazione mediata, meditata e strutturante grazie alla presenza equilibrata ed particolarmente adeguato ad entrare in relazione con persone in situazione di disagio.
equilibratrice degli Autori presenti, con-tatto, a salvare gli utenti dal pericolo di Crediamo che questo libro possa essere utile agli arteterapeuti che sentono l’esi-
inondazioni caotiche insite nei processi creativi, e a sostenere in ogni momento la genza di approfondire le loro conoscenze riguardanti l’utilizzo della modellazione
creatività nel suo duplice aspetto di regola e libertà, rigore e morbidezza, composi- dell’argilla in ateliers con pazienti psichiatrici, autistici, con bambini e adolescenti a
zione e collegamento. rischio; che sono alla ricerca d’esperti con i quali confrontare il loro vissuto al riguar-
Ringraziamo Axel Rutten e Pamela Palomba per averci fatti partecipi delle loro do o che, da sempre curiosi di entrare in contatto con l’argilla, non hanno ricevuto
riflessioni ed esperienze che ci permettono di capire meglio la ricchezza di questo la- adeguati stimoli e sostegno nel farlo. Nostri interlocutori sono anche tutti coloro de-
voro di modellaggio con l’argilla in arteterapia e di come la possibilità di sperimenta- siderano addentrarsi nel mondo della tridimensionalità attraverso l’utilizzo di un
re nuovi modi di rapportarsi alla realtà trasformandola e andando oltre le visioni materiale dalle intrinseche qualità terapeutiche.
precostituite, possa diventare, per ciò stesso, metafora di cambiamenti desiderabili e In tutti questi anni abbiamo cercato di ampliare gli orizzonti degli ateliers d’artete-
possibili nel proprio stile di vita. rapia in cui ci trovavamo ad operare introducendo nuove tecniche concernenti la mo-
dellazione, cercando così di contrastare la tendenza dominante di proporre unica-
Elena Giordano mente gli strumenti della grafica e della pittura per aiutare gli utenti a trovare un
Psicoterapeuta, Arteterapeuta, modo adeguato d’esprimere il proprio disagio. Abbiamo scoperto che un paziente ar-
Docente nella Scuola di Arteterapia Ar.Te.A. riva fin dove il terapeuta è in grado di condurlo, e più il terapeuta è sicuro nell’utiliz-
zare i mezzi d’espressione che propone, più il paziente si sentirà sostenuto e quindi
oserà intraprendere un cammino più arduo da un punto di vista tecnico e contenuti-
stico rispetto all’opera che sta realizzando. Il terapeuta è una guida per il paziente alla
ricerca di spazi e di mezzi che gli consentono di esprimere e condividere il proprio
stato di disagio. Il suo entusiasmo per un materiale o una tecnica e le sue competenze
nell’utilizzarli sono in grado di condizionare le scelte, l’esito del lavoro e della terapia
del paziente all’interno dell’atelier. Questo stato di cose ci ha convinto nel tempo ad
organizzare corsi di formazione per operatori del settore in modo tale da offrire loro
l’opportunità di vivere uno spazio in cui ri-crearsi attraverso la modellazione dell’ar-
gilla acquisendo contemporaneamente tecniche da poter proporre agli utenti. Come
dire, rimettendosi ancora una volta in cammino verso l’acquisizione di nuove compe-
tenze in ambito artistico e di un nuovo e più evoluto sé, il terapeuta invita il paziente
ad entrare in una relazione più consapevole con i materiali e con lui stesso. Come di-
ce Bergson “per un essere cosciente, esistere significa mutare, mutare significa maturarsi,
maturarsi significa creare indefinitamente se stesso” garantendo però, per lo meno al-
l’interno di un atelier d’arteterapia, ad ognuno i propri spazi, tempi e durate di cresci-
ta perché le contraddizioni tra le diverse dimensioni del sé sono tante e talvolta così
ingestibili da mettere in discussione la possibilità stessa di crescita.
Allora non ci rimane altro che augurare ai nostri lettori di trovare in questo libro
spunti interessanti, immagini d’opere ispiranti e soprattutto di vivere almeno una
volta nella vita questa meravigliosa esperienza di modellare l’argilla dove le forme si
alternano in un dialogo intimo e creativo di trasformazione.

8 9
Parte Prima

10 11
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE PRIMA

Argilla è

Mariangela _ GIROTONDO Argilla contiene


memoria che è presente nel silicio contenuto nella memoria dei computer
Argilla memorizza l’impronta data,
semplicemente tramite la forma che diventa
Argilla assomiglia all’uomo
nei suoi componenti di base (acqua, terra, etc.)
Argilla si trasforma senza stacchi
e permette di ottenere così una varietà di cambiamenti
in un unico flusso di interventi
È un materiale semplice in un periodo complesso
È un materiale naturale in un periodo artificiale
Argilla predispone a mettersi in ascolto di se stessi
Argilla propone contatto e comunicazione
Argilla ricorda e fa ricordare
Argilla fa progettare
Argilla crea forma
Argilla è concreta
Argilla propone più punti di vista
Argilla è gentile
Argilla acconsente
Argilla si rivela nel dialogo
Argilla crea pelle, confini
Argilla lavora sull’equilibrio
Argilla crea radicamento
Modellare aiuta ad aumentare l’autostima
Modellare significa prendere posizione
Argilla è comprensione delle forme.
La comprensione va cercata dentro - nella risonanza.

12 13
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE PRIMA

Creatività

Mariangela _ SENZA TITOLO L’aspetto della creatività del quale siamo interessati a parlare è il suo essere in
grado di trasformare la vita quotidiana. Il processo creativo può ad esempio partire
da una produzione con materiali artistici per poi portare a delle riflessioni più am-
pie fino ad arrivare a desiderare un cambia-
mento nel proprio stile di vita. Vi domanderete Due esempi di opere
con forte espressività: il busto
perché utilizzare proprio l’arte per indurre rappresenta uno stato di rabbia,
questo processo. mentre la seconda scultura
Lo strumento artistico consente di speri- è una configurazione difensiva,
di protezione verso l’esterno.
mentare in modo simbolico situazioni, relazio-
ni. Il supporto utilizzato nella produzione arti-
stica diventa campo d’azione ipotetico ma nello
stesso momento reale - è la fase antecedente al
cambiamento che, per essere tale, deve coin-
volgere vari aspetti della vita quotidiana e non
solo il mondo interiore. Si configura come uno
spazio esclusivo per il dialogo con la propria
interiorità e luogo di sperimentazione della re-
lazione con l’esterno. Ogni collegamento è pos-
sibile, le variazioni molteplici. La persona coin-
volta nel processo creativo si spinge oltre i
confini, oltre la visione precostituita della real-
tà, proietta una nuova visione in siffatta realtà
trasformandola.
Questo processo può non essere immediato,
anzi avere bisogno d’essere sollecitato, sostenuto. Emanuel _ BUSTO ISPIRATO AI MANGA
Nella fase iniziale ci sono molti ostacoli da affron-
tare che diventano tracce e scoperta del proprio
cammino: pregiudizi e preconcetti inibiscono l’e-
spansione del movimento creativo. Creatività è
regola e libertà nello stesso momento, rigore e
morbidezza, spietatezza e comunione, composi-
zione e collegamento.
Un processo creativo induce l’artefice a sco-
prire che c’è una molteplicità di possibilità: la
scelta dei colori, delle forme, dal figurativo all’a-
stratto, da un formato all’altro, da un tipo di sup-
porto ad un altro, dal piatto al dimensionale, dal-
l’orizzontale al verticale. Darma _ SENZA TITOLO

14 15
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE PRIMA

Questa libertà mette in difficoltà e disorienta. Un raffinato lavoro d’organizzazio- unica alternativa valida, quasi una scelta d’obbligo per chi vuole essere considerato
ne, strutturazione e composizione porta a configurazioni in armonia con la propria adulto che può far dimenticare questo prezioso dono. Lo spazio del gioco è invece di
interiorità e col mondo esterno. La soddi- fondamentale importanza anche nella vita dell’adulto in quanto si configura come uno
Opera di donna dormiente sfazione data da un lavoro considerato spazio in cui ricreare se stessi attraverso azioni disinteressate, senza scopo e meta preci-
ed espressione di sofferenza.
Nonostante la posizione della testa sia simile, concluso si raggiunge nel momento in cui sa, uno spazio dove ci si congeda per qual-
con il collo piegato, il proprio sentire entra in armonia con l’o- che attimo dalla gravità di una età adulta Due esempi di come gli alberi
le due sculture esprimono due stati diversi. possono essere vissuti e perciò rappresentati
pera realizzata. Questo non vale solamente fintamente fatta e compiuta e ci si avventu- in modi molto diversi.
per lavori esteticamente raffinati e rifiniti, ra lungo le strade del cambiamento, pro- Il materiale poi mette un limite
ma per qualsiasi lavoro che è in grado di vando, sperimentando nuove modalità. I nella possibilità di assottigliare i rami
a causa della forza di gravità...
trasmettere questa sensazione. Ciò signifi- bambini ne danno continuamente esempio
ca che uno stato di disgregazione interiore ogni volta che cercano di appropriarsi del
si esprime perfettamente in un’opera dis- mondo attraverso il gioco. Giocare non fa
gregata e perciò esteticamente inquietante, rima con disimpegno e de-responsabilizza-
uno stato di paura si esprime perfettamen- zione, i bambini stessi sanno essere molto
te in colori scuri, scene cupe, uno stato di seri quando giocano, ci dicono “dai gioca
eccessivo controllo e staticità si esprime per davvero” chiedendo tutto il nostro im-
bene in un lavoro fatto con matita e righel- pegno e la nostra responsabilità. Bisogna
lo, uno stato di dispersione con colori ac- essere completamente presenti quando si
quosi e incontrollati su fogli grandi, uno gioca, completamente convinti di quello
stato di instabilità interiore con sculture che si dice e che si fa, completamente co-
d’argilla che non stanno in piedi, etc. erenti con quegli aspetti di sé chiamati in
Antonietta Raphael _ MIRIAM CHE DORME La creatività interviene nella ricerca di causa. Il recupero della capacità di giocare
alternative più funzionali per la propria rappresenta dunque un’importante fase di
vita, è strettamente connessa alla ricerca sviluppo dell’adulto che inizia a percepirsi
Pietro 5 anni _ ALBERO
di miglioramento, è essa stessa una ricerca nuovamente come un essere in crescita,
che aiuta ad aprire nella propria vita brec- che si fa carico della propria incompiutez-
ce che conducono a spezzare e oltrepassa- za con uno spirito lieve. Come dice Goethe
re schemi di comportamento nei quali l’uomo è completamente uomo solo quando
non ci si identifica più. gioca. Apparentemente inutile passatempo,
Creare qualcosa dal nulla è affascinan- è proprio quella la porta che dà accesso a
te e trasmette un senso di potere. Siamo nuove possibilità.
impegnati nel processo creativo sin dall’e- La creatività ha a che fare con la fidu-
poca neo-natale attraverso la produzione cia in se stessi. Un atteggiamento ambizio-
dei suoni e delle feci. Col passare del tem- so, almeno durante la fase d’esplorazione
po questo processo si amplia includendo ed espansione, può essere d’ostacolo. La
materiali di vario genere utili per rappre- sensazione di non saper fare e di “non es-
sentare il mondo e relazionarsi ad esso sere portati per” blocca il processo. Un
sottoforma di gioco. Il gioco, questo dono atteggiamento non giudicante può aiutare
dell’infanzia spesso non sopravvive nella a ritrovare risorse e piaceri dimenticati.
vita dell’adulto, anzi viene sostituito da un Durante l’infanzia c’è in ognuno di noi
atteggiamento di severità che spesso si con- questa curiosità ed anche un interesse dis-
Paolo _ VOLTO ISPIRATO A DANTE trappone all’atteggiamento ludico come involto e non calcolato verso il mondo, un Mariangela _ ALBERO

16 17
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE PRIMA

modo genuino di stupirsi delle meraviglie del mondo. Proviamo ad immaginare, ad dotta ad una stereotipia senza odore, sfumature, movimento, senza sviluppo. La rap-
esempio, un albero. È interessante osservare il meccanismo che scatta pronuncian- presentazione di un albero diventa così una sagoma. È il ridurre i molteplici aspetti
done semplicemente la parola. Ormai l’immagine che abbiamo di albero è spesso ri- della realtà fisica a semplici sagome che distrugge la percezione degli spazi. Un albe-
ro ad esempio non è una sagoma, non ha una sagoma, ma è un volume inserito in al-
tri volumi. È una massa densa con delle caratteristiche inserita in uno spazio abitato
da altre masse che a loro volta presentano altre densità. Ha una vita interiore e diver-
se espansioni. È un essere in continua trasformazione. Ha delle radici invisibili e una
chioma che si espande verso l’alto. Là dove entra in contatto con le altre masse den-
se si crea una zona di confine ma non di certo una sagoma. È necessario ricomincia-
re a percepire i volumi. Modellare argilla ad esempio porta a riscoprire il mondo dei
volumi. Non esiste sagoma nella modellazione bensì pelle tra il dentro e il fuori, una
zona vibrante e sensibile che funge da connettore tra il dentro e il fuori.

Possiamo dunque affermare che la creatività è uno stato dell’essere. Si fluttua tra
stati di maggiore e stati di minore creatività. Il punto non è tanto l’essere o il non
essere creativi quanto come fare ad entrare nel flusso della creatività intesa come
processo ininterrotto in cui la nostra energia vitale è costantemente impegnata nella
creazione di qualcosa. Se è vero che ci sono persone più predisposte a mantenersi
in questo stato ed altre che invece vanno stimolate e talvolta aiutate a superare veri
e propri blocchi della creatività, è altrettanto vero che l’educazione che riceviamo e
lo stile di vita che ci diamo determinano la nostra creatività. Essere creativi significa
innanzitutto investire la realtà di nuovi significati a partire dalla propria energia vi-
tale. Spesso l’educazione che si riceve insegna ad essere creativi soltanto in alcuni
ambiti specifici dell’esistenza, insegna quasi a congelare la creatività in attesa che
arrivi quel momento giusto, socialmente accettato in cui riattivarla secondo una
modalità misurata, controllata e riconoscibile. Sono forme di scissione in cui ci si ri-
trova a selezionare e a riattivare aspetti di noi stessi a seconda delle circostanze. Ben
diverso è quello stato di integrità e compiutezza tale per cui attraverso un atto di
creatività si fanno prevalere coscientemente aspetti di sé nel tentativo di raggiunge-
re un livello più alto nella propria evoluzione e, più in generale, nell’evoluzione del
gruppo in cui si è chiamati ad agire. Di fondamentale importanza diventa il ruolo
dell’educatore nel viversi e, di conseguenza, nel vivere il bambino come un essere
capace di creatività in ogni istante della propria vita. Essere creativi è un diritto di
nascita di ognuno, è l’atto del vivere in questo mondo percorrendo il cammino ver-
so la piena realizzazione di se stessi.

Opera che esprime bene lo sforzo che s’intraprende per raggiungere vette, Jacopo _ SENZA TITOLO
nuove visioni, per oltrepassare i propri limiti. La figura in cima
potrebbe essere vista come un’altra figura che presta aiuto nell’impresa
oppure come parte della stessa figura che segue una guida interiore
che trasmette sufficientemente forza per resistere nell’ardua avventura.

18 19
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE PRIMA

L’argilla

S.N._ GRUPPO DI OPERE SUL TEMA CASA E FIGURE UMANE ...per la prima volta vidi la creta, avevo l’impressione di salire in cielo. AUGUSTE RODIN

Manipolando l’argilla si impara qualcosa sui cicli della vita, sulle trasformazioni
della forma. Di forma in forma la massa cambia fino ad assumere la forma definitiva.
La cottura è simbolo del raggiungimento di una forma compiuta.
Chi lavora con la scultura in arteterapia sa che questa è un’attività ancora da svi-
luppare in molti dei suoi aspetti. Attraverso questo libro, vogliamo offrire un contri-
buto in modo tale che essa possa vivere nuove espansioni.
Quando si parla di scultura bisogna ricordarsi che si tratta, nel senso originario
della parola, solamente di tecniche utili a lavorare un blocco di materia riducendone
il suo volume come ad esempio nel caso delle sculture in pietra e in legno. Tutte le al-
tre tecniche sono considerate scultoree perché operano nella tridimensionalità e pro-
ducono oggetti che occupano spazio reale: sculture in metallo, fusioni, sculture in
materie plastiche, terrecotte. Arriviamo dunque a delimitare l’ambito, all’interno del
vasto mondo della scultura, entro il quale intendiamo compiere la nostra indagine: la
modellazione dell’argilla tramite la quale si arriva ad ottenere sculture in terracotta.
Nel caso dell’argilla la scelta è motivata dal suo primato tra i materiali di scultura
nell’atelier di arteterapia. È la regina dei materiali per le sue qualità terapeutiche in-
trinseche, e per la varietà di possibilità che propone a livello di modellazione: è mal-
leabile, dinamica, sempre recuperabile.
Per noi l’argilla è il materiale scultoreo più importante nell’atelier di arteterapia.
È custode della storia dell’umanità e ogni volta che si prende in mano un pezzo d’ar-
gilla, questa storia si rianima attraverso le mani del modellatore.
Materiale prezioso non per il suo prezzo commerciale, anzi da questo punto di vi-
sta è piuttosto conveniente ed efficace nell’impatto, apparentemente inerte e senza
forma specifica, duttile, malleabile, assorbe e cede alla volontà del modellatore senza
opporre resistenza. Segue i movimenti e le forme che il modellatore imprime e ten-
de, in una prima fase, a sottomettersi completamente alla sua volontà. Sembrerebbe
non porre alcuna resistenza e non possedere né forma né volontà propria.
Quando meno la persona inesperta se lo aspetta, questo materiale si impone con
una tale forza e potenza che l’artefice rimane quasi travolto dal rovesciamento di
ruolo, in un’ondata di emozioni trasmesse dal contatto diretto con le mani. L’argilla
“regina” si è impossessata del suo modellatore.
L’argilla va dritta al cuore, sveglia ricordi ed emozioni, odori e suoni dalle profon-
dità dell’animo umano, dagli angoli remoti della memoria. Le mani che toccano l’ar-
gilla incominciano a ricordare mentre essa diventa uno specchio nel quale l’immagi-
ne si chiarifica come in uno specchio d’acqua e si manifesta nella scultura in maniera
così reale e diretta da creare stupore.

20 21
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE PRIMA

L’argilla fresca è viva; viva perché le mani, entrare in contatto così diretto e senza mediazione con le proprie emozioni.
contiene acqua che è la fonte della vita. È comprensibile e sappiamo ormai a questo punto il perché: l’argilla è la potente dea
Le sculture fresche sembrano vive. del risveglio delle emozioni.
Appaiono così vive che sembra di sentire Proponiamo allora nei nostri percorsi delle mediazioni che fanno avvicinare len-
le loro voci e di scorgerne i movimenti. tamente alla modellazione con le mani e al tutto-tondo. Il basso rilievo, l’incisione
Non appena finito il lavoro, questi ma- su lastre e l’uso di attrezzi, ad esempio, possono aiutare a mediare questo impatto.
nufatti hanno ancora le mani dei loro Alcuni pazienti arrivano alla modellazione a tutto tondo, altri no, altri ancora non
modellatori impresse sul volto, nei capel- toccheranno mai l’argilla perché vissuta come sporca o per la paura di sporcarsi.
li, sul collo, divenendo così espressione Si pensi a come l’argilla nel suo stato di mollezza ottenuto attraverso l’aggiunta di
di profondi dialoghi interiori.
Troppo, a volte, tutto questo per pro-
Risultato di un processo
porlo in atelier dove può capitare che i regressivo-destrutturante
pazienti non vogliano toccare, sporcarsi vissuto da un adulto.
Dal blocco vengono strappati
dei pezzi e posati sulla tavoletta
senza un impulso di
ricomposizione degli elementi.
Il processo unidirezionale
comporta una destabilizzazione
del paziente,
Mariana _ AUTORITRATTO una sorta di dispersione.
In questo caso l’argilla
non è adatta
al percorso terapeutico
del paziente.

Romina _ SENZA TITOLO

In questa opera troviamo invece


un esempio di
processo strutturato
che porta verso la composizione
e il significato.

Emanuel _ FIGURA ISPIRATA AI “BORGHESI DI CALAIS” DI A. RODIN Antonietta Raphael RITRATTO DI KERRY CASTELLUCCI

Le opere sembrano talmente vive, specialmente nello stato fresco, che sembra stiano compiendo
un’azione e di poterci parlare. Queste opere nascono dalla conoscenza tecnica e da un tipo di
modellazione che si affida alla conoscenza delle mani e all’esperienza tattile che s’imprime nella materia. Paola _ ALBERO E PANCHINA

22 23
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE PRIMA

acqua possa trasformarsi in fango e, se la quantità di acqua è maggiore dell’argilla, gilla, ed un’altra, aria, e costituisce, in tale modo, una chiara definizione degli spazi,
addirittura in acquitrino trasmettendo, inevitabilmente, una sensazione di sporco. delle espansioni, riduzioni, volumi e relazioni che riguardano direttamente la perso-
L’argilla è soggetta ad un percorso di trasformazione collocabile all’interno di una nalità dell’artefice.
scala costituita da due polarità, mollezza e durezza. Siamo noi a decidere, all’interno È importante tenere presente che un lavoro di modellazione non è possibile sen-
di questa scala, quale gradazione scegliere per l’argilla, se renderla molle fino a farla za prendere una posizione chiara che definisca confini, volumi, equilibri che diventa-
diventare come fango o dura fino a farla diventare come pietra. no reali e tangibili.
Contenimento è la parola chiave anche per la qualità dei percorsi terapeutici.
Il destino dell’argilla è quello di rimanere in equilibrio tra più elementi naturali: Modellare l’argilla significa fare un lavoro di contenimento in materia, l’argilla, al-
1. La terra e l’acqua di cui è composta per sua stessa natura l’interno di limiti, la pelle, che crea figura. Questa è la forza che imprime l’argilla nel
suo modellatore, lo sforzo che richiede, la pressione che esercita su di lui e, al con-
2. L’aria che in una prima fase è nemica dell’argilla in quanto tende a deprivarla del- tempo, la grande possibilità che gli offre.
l’acqua così necessaria alla sua sopravvivenza; mentre in una seconda fase si rivela
sua amica in quanto ne stimola il processo di essiccazione preparatorio alla cottura
3. Il fuoco che pone fine al processo di trasformazione dell’argilla dandole una forma
stabile, definitiva, sottraendola al pericolo di deterioramento (si pensi a quanto
una scultura in argilla ormai essiccata sia fragile, soggetta a creparsi, a rompersi).
Il fuoco “eternizza” l’argilla donandole così tutta la dignità tipica dei materiali,
anzi, dell’unico materiale, la pietra, che riescono a sfuggire al logorio del tempo.
Tentativo questo condiviso dagli esseri umani in generale. Interessante è notare che
nella cultura occidentale esistono miti inerenti la creazione del primo uomo come,
ad esempio, quello contenuto nell’Antico Testamento dove si racconta che Dio ha
usato la terra dei campi, modellandola, per creare Adamo e l’aria soffiandola nella
narice della sua “scultura” per animarla.

Ritornando all’aspetto dell’argilla vissuta come sporca, nel momento in cui que-
sto materiale si trova in uno stato di equilibrio dei suoi elementi costitutivi, terra e
acqua, il modellatore non dovrebbe provare sensazioni di disagio. Talvolta, però, ac-
cade che ugualmente l’argilla eserciti come una sorta di effetto regressivo, revocatore
di stadi dell’evoluzione psichica dove il senso dell’esistere viene scandito dal fluttua-
re in liquidi, dal produrre, trattenere e rilasciare materia organica.
Quando il terapeuta nota che nel paziente c’è un processo regressivo in corso, è
sconsigliabile proporre l’utilizzo dell’argilla. I bambini piccoli, invece, vivono l’a-
spetto regressivo dell’argilla come una condizione spontanea e naturale che provo-
ca piacere e divertimento. È sconsigliabile utilizzare l’argilla anche in atelier con an-
ziani in condizioni psico-fisiche non ottimali in quanto essa, per via delle sue
componenti terra-acqua-umidità-freddo e terra-assenza di acqua-secchezza-friabili-
tà, ricordano lo stato della morte.

Per quanto riguarda gli aspetti terapeutici dell’argilla, occorre parlare a questo
punto di quelli ottenuti tramite la tecnica proposta. Il lavoro chiamato “tutto-tondo”
è fondamentalmente un lavoro sulla “pelle”, intesa come membrana sensibile tra il
dentro e il fuori, tra la figura e lo spazio che la circonda, tra una densità, materia ar-

24 25
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE PRIMA

Trasformazione e forma

Axel Rütten _ IL PROFILO DI UNA MONTAGNA IN ORARI DIVERSI DEL GIORNO Il filo conduttore delle nostre ricerche è rappresentato dal concetto di trasforma-
zione come processo continuo del movimento vitale e da quello di forma come testi-
monianza tangibile di questo processo.

Il processo di trasformazione è uno degli elementi chiave in un percorso terapeu-


tico in quanto nel movimento si raggiungono nuove forme dell’essere, si spezzano
schemi divenuti inattuali e, talvolta, ostacolanti l’evoluzione.
Una forma raggiunta però, per quanto possa determinare la materia consolidan-
dosi, è pur sempre transitoria ed esposta ad altre trasformazioni.
È la natura che lo prevede.
Le trasformazioni possono essere veloci oppure lente. Alcune sono per noi visibi-
li e vivibili altre invece sfuggono alla nostra percezione perché talmente lente oppure
talmente piccole da non riuscire nemmeno a percepirle. Si pensi a come una monta-
gna viene trasformata dall’azione di acqua, ghiaccio, aria, terra, ma prima che il suo
profilo cambi rivelandoci in tal modo d’aver attraversato un processo di trasforma-
zione così profondo da assumere complessivamente una forma diversa dalla prece-
dente, devono trascorrere centinaia se non addirittura migliaia di anni.
Ci sono trasformazioni invece che avvengono, dal punto di vista della nostra per-
cezione, in un arco di tempo minore: il giorno diventa notte e la notte di nuovo di-
venta giorno, da una stagione dell’anno si entra in un’altra, il bambino si trasforma
in adolescente e poi in adulto e l’adulto in un adulto sempre nuovo.

Axel Rütten _ FIUME Axel Rütten _ GHIACCIO

Esempio di trasformazione in natura: acqua che diventa ghiaccio


sotto l’influsso di temperature basse.

26 27
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE PRIMA

Le trasformazioni avvengono sempre in maniera continua e graduale, ma a volte no memorizzare e questo aspetto stimola la memoria dell’altro. Nel toccare l’argilla
sono così lente e noi così immersi in questo processo che neanche ci accorgiamo di trasmette parti della sua memoria al modellatore che riceve così uno stimolo nell’at-
trasformarci. A dire il vero, non esiste fenomeno di fronte al quale possiamo porci tivazione della sua memoria. Detto in un altro modo: abbiamo potuto osservare mol-
come osservatori. Noi esercitiamo un influsso su ogni fenomeno col quale entriamo te volte ad esempio che le persone modellano animali atipici per il paesaggio nel
in relazione, osservandolo lo trasformiamo venendo al contempo da questo fenome- quale vivono come elefanti, giraffe, rinoceronti, tartarughe, serpenti, balene e mo-
no trasformati. dellano volti riconducibili dai tratti a culture lontane, primitive. Probabilmente esi-
Ogni attimo di queste fluide trasformazioni ha la sua forma, o forse, le sue forme. ste una memoria archetipica che viene risvegliata dall’argilla.
Possiamo trovare altri esempi di trasformazione nella natura. Una forma acquisi- Quando la memoria dell’argilla e quella del modellatore s’incontrano, inizia un
ta può essere durevole oppure passeggera in quanto dura poco per la nostra perce- dialogo, un racconto. In questo modo si dà luogo ad un processo durante il quale il
zione sull’asse del tempo che, conviene ricordarlo, è piegato nello spazio e non linea- modellatore, a fasi alterne, conduce ed è condotto. A volte prevale la volontà del
re. Così tutto ritorna a se stesso. Una pietra, ad esempio, per noi non cambia mai modellatore, altre volte la volontà dell’argilla. È un vero e proprio dialogo dove ci si
visibilmente eppure sappiamo che, nell’arco di centinaia o migliaia di anni assume racconta e ci si ascolta. Qui stiamo parlando già di uno stato “ideale” raggiungibile
un’altra forma o un’altra consistenza oppure si trasforma in modo così radicale da
non riuscire neanche a ricondurla alle sue origini. Un seme diventa una pianta picco-
la, poi una pianta grande che produce semi e genera così altra vita. Questo processo
di trasformazione è da noi osservabile. Noi stessi siamo esseri in continua trasforma-
zione, siamo l’esito di processi di trasformazione sempre in atto.
La trasformazione riguardante l’essere umano ha a che fare anche con il cambia-
mento d’abitudini. Un’abitudine è un’azione, un gesto, un pensiero che vengono ri-
petuti automaticamente e senza essere messi in discussione. L’abitudine si ripete
più o meno nello stesso modo e può anche avere una funzione di tipo rituale. L’abi-
tudine ci aiuta a scandire i tempi nell’arco di una giornata, ci può dare sicurezza e
stabilità, ci può aiutare a non dimenticare cose importanti. Dall’altro lato può di-
ventare una vuota ripetizione di gesti e azioni, pensieri e riflessioni che divengono
privi di autentica vitalità.
Nel modellare l’argilla la persona si trova coinvolta in un processo di trasforma-
zione ed è sicuramente l’argilla il materiale, tra i diversi a disposizione per la model-
lazione, col quale si può vivere più intensamente questo processo. All’inizio l’argilla
non ha una forma specifica e solamente con l’aiuto del modellatore ne prende una o
più. Questo processo è molto complesso e vale una riflessione più profonda. Già nel
primo contatto con l’argilla accadono molte cose. La mano prende e, in tal modo,
compie un atto di volontà verso il materiale che è in uno stato d’inerzia in quanto ri-
posa in se stesso. La mano si riempie di questo materiale e tra i due inizia un proces-
so di osmosi e di scambio di informazioni. La pelle della mano sente le qualità come
morbidezza, temperatura, umidità, consistenza, etc e si attivano reazioni che posso-
no essere di piacere, fastidio, curiosità, rifiuto, etc. L’argilla rimane attaccata alle ma-
ni (spesso si usano subito entrambe le mani - condizione importante nel processo di
trasformazione) e le mani si attivano quasi automaticamente cercando di fare qual-
cosa con questa massa. È come una specie d’impulso che arriva dall’argilla invitando
l’altro a rispondere. Non sappiamo esattamente che tipo di informazioni si trasmet- Anna, 8 anni _ GIRAFFA
tono argilla e mani ma è sicuro che qualcosa di importante avviene. L’argilla contiene
silicio, elemento che viene utilizzato per la memoria dei computer. I materiali posso- Questa “giraffa” è un chiaro esempio di modellazione d’animali in argilla
atipici rispetto al luogo di provenienza geografica della modellatrice.

28 29
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE PRIMA

però dopo aver superato diversi ostacoli. Se l’altro da me (l’argilla) provoca repulsio- passaggio. A volte questi stadi sono quasi impercettibili e ciò significa che una confi-
ne, rifiuto o, più in generale, uno stato di disagio, non sarà un incontro rilassante. gurazione che rappresenta una tappa non necessariamente viene riconosciuta come
Soltanto mettendosi in ascolto il modellatore potrà ricevere il messaggio che l’argilla tale dal modellatore o dal terapeuta. Il tutto può avvenire in un flusso di movimenti
ha da trasmettere. Una chiusura provoca rallentamento oppure la totale impossibili- e di interventi sull’argilla che da una direzione si sviluppa in un’altra e così via. Può
tà di dialogo. Se il modellatore cerca di dominare l’argilla conducendola verso forme essere un piccolo impulso proveniente dall’argilla o dal modellatore che fa cambiare
prestabilite o stereotipate si precluderà la sua amicizia. Con il termine amicizia s’in- direzione. Mostreremo nel capitolo sull’autismo un percorso che può essere com-
tende l’entrare profondamente in contatto con l’essenza del materiale e con la possi- preso soltanto a partire da questi presupposti.
bilità di trasformazione personale che ne deriva. Ovviamente l’argilla si lascia model- Le mani trasmettono e ricevono impulsi ed è molto difficile per chi vive questo
lare anche senza che si raggiunga questo grado d’intimità tra lei e il modellatore ma il processo dall’esterno comprendere quanto sta accadendo. Qui davvero si tratta di
rapporto rimarrà superficiale e di natura utilitaristica. quel dialogo intimo tra modellatore e argilla del quale abbiamo già accennato.
Durante la modellazione avviene un trasporto continuo di informazioni. In que- Si possono però verificare difficoltà in questo percorso. Ad esempio se un model-
sto flusso si possono attraversare diverse configurazioni che poi si rivelano figure di latore inizia con un’idea di qualcosa che vuole realizzare e nonostante grossi sforzi
non ci riesce può rimanere molto frustrato e vivere l’argilla con un sentimento di
ostilità. Succede a volte che il modellatore cerchi di impossessarsi del materiale sen-
za ascoltare gli impulsi che arrivano e che continui a perseverare nella sua intenzione
facendone una questione di volontà e di sfida. In questo caso l’argilla non perdona.
Il modellatore potrà realizzare un’opera ben riuscita senza esserne però soddisfatto
perché ci troverà sempre qualcosa che non va. Ha solamente cercato di affermare se
stesso in un dialogo unidirezionale che ha escluso la comunione con l’altro (l’argilla).

Ci sono casi in cui il modellatore, arrivato al punto di non riuscire a realizzare


quello che ha in mente, si ferma e prova ad entrare in ascolto. Solamente in questo
modo la situazione si può evolvere. In realtà emerge una forma di scissione tra l’e-
sperienza, il sentimento e la parte razionale. Se la parte razionale prevale, il senti-
mento ne risente e viene soffocato. Questo momento d’ascolto è cruciale perché se il
modellatore riesce a captare qualche segnale proveniente dall’argilla (se stesso den-
tro l’argilla) può andare avanti esponendosi ad un lavoro di dialogo nel quale, alme-
no per un periodo iniziale, non saprà esattamente dove lo porta. Questo significa en-
trare in una fase di maggiore fragilità e insicurezza e potrà presto capitare che questa
modalità lo faccia avvicinare a se stesso. È paragonabile ad una sensazione di piace-
vole calore interiore, di comunione con il materiale e con se stesso, una sensazione
come di tornare a casa.

Gabriel, 5 anni _ RINOCERONTE

Anche questo “rinoceronte” è un evidente esempio di modellazione d’animali


atipici rispetto al luogo di provenienza geografica del modellatore.

30 31
Parte Seconda

32
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE SECONDA

Argilla con bambini:


dal movimento corporeo alla manipolazione
Gabriel, 5 anni _ DINOSAURO
Ogni gesto e ogni azione nei confronti di un bambino sono dettati dalle proprie
convinzioni e credenze. L’atto dell’educare dunque ha a che fare necessariamente
con aspetti come l’orientare, il condizionare, il formare. Allora, perché non provia-
mo ad orientare, condizionare, formare consapevolmente invece che casualmente?
Ci sono messaggi che addirittura sono trasmessi direttamente dall’inconscio dell’a-
dulto all’inconscio del bambino andando a costituire la parte in ombra della sua
personalità. I bambini non soltanto hanno bisogno ma vogliono essere guidati dagli
adulti che sono da loro scelti ed eletti a veri e propri compagni di destino. Gli adul-
ti sono esempi viventi per i bambini dai quali copiano modalità di agire, gesti, azio-
ni, pensieri etc. All’interno di questa relazione che, ogni giorno, si rinnova alla luce
di taciti accordi e del rivelarsi d’aspetti fondanti la personalità del bambino, gli
adulti hanno grandi responsabilità ed anche grandi opportunità. Ad esempio deci-
dere di rimettersi in gioco in un processo di crescita alla ricerca di un modo d’esse-
re sempre più elevato ed elevante e di rilanciare la relazione con il bambino su un
piano sempre più sottile dal punto di vista dell’ascolto e della comprensione del
progetto di vita che il bambino ha il compito di realizzare in questo mondo anche
grazie all’aiuto degli adulti. Anche se, dal punto di vista dei contenuti e dei valori

Autori _ MANI CHE LAVORANO L’ARGILLA

Nella modellazione entrambe le mani sono impegnate, a volte completamente assorbite


nel dare la forma al pezzo. È un processo di intenso contatto dove il sentire esplicita la forma
che viene concordata da modellatore e materia.
È molto importante il patto con l’adulto il quale, senza prevaricare la volontà del bambino,
deve essere guida tecnica e aiuto nella realizzazione della scultura.
In questo modo il bambino accetta volentieri la guida e diventa un abile modellatore, sicuro di sé.

34 35
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE SECONDA

da trasmettere e da scambiarsi, in verità è il bambino stesso che, come se arrivasse Lo sviluppo del bambino inizia con esperienze tattili come il contatto con la ma-
dal futuro, ci offre visioni della realtà che ci proiettano oltre i nostri limiti ed è lui dre, l’esplorazione del mondo tramite il contatto. La conquista è un’esperienza tatti-
che ogni giorno, al suo risveglio, ci offre il dono meraviglioso di credere nuovamente le nella tridimensionalità degli oggetti, è la concretezza del presente, la natura nella
in noi, nonostante tutto. quale avvengono le esperienze e la realizzazione della propria vita. È naturale pensa-
re allora di incentivare questo approccio così naturale alle cose anche nell’educazio-
ne artistico-creativa.
La produzione grafico-pittorica e scultorea dei bambini Una volta poi consolidato l’approccio materico tridimensionale si può passare
Quando ci si avvicina a questo tema ci si rende conto che si promuove e studia gradualmente all’astrazione che è un appiattimento delle tre dimensioni in due.
molto la produzione grafico-pittorica del bambino ma non le produzioni tridimen- Questo processo richiede abilità d’astrazione non indifferenti e forse, per questo,
sionali. La questione è piuttosto interessante ed importante perché rispecchia una non molto adatto ai bambini piccoli. Forse c’è da pensare che il bambino apprende
visione educativa generale nella quale si passa prima attraverso il disegno e l’uso di questo processo d’astrazione solo “scimmiottando” l’adulto senza comprenderne
colori e pennelli ed, eventualmente, in una fase successiva a produzioni tridimensio- veramente il senso. Così se si insiste troppo in questa direzione non apprende vera-
nali. A volte sono inseriti in modo sporadico nei percorsi educativi ma raramente mente ma riesce, forse, se è fortunato, a diventare un buon esecutore ma senza avere
con una logica che tiene presente un possibile percorso inverso. compreso e assorbito profondamente i processi di base. Non guadagnerà autonomia
Esiste oggi un approccio consolidato all’educazione dei bambini che parte da una e sicurezza nella sua evoluzione personale e non imparerà a fidarsi delle sue espe-
consapevolezza maggiore rispetto al passato per quanto riguarda l’importanza dei rienze tanto meno a fare affidamento sulle sue capacità di giudizio e sulla sua intui-
primi sette anni della vita del bambino. Le esperienze tattili sono entrate a far parte zione. Col termine intuizione intendiamo un insieme di aspetti oggettivi-razionali e
dei percorsi educativi sottoforma di materiali da toccare, percorsi tattili, laboratori creativi che creano un tessuto di comprensione al di là delle emozioni del momento
con materiali vari, etc. Ai bambini però vengono proposti spesso materiali non natu- o di giudizi mentali.
rali, raramente l’argilla, materiale naturale e pulito, duttile, piacevole, accogliente.

Bambini che modellano l’argilla - età da 4 a 5 anni


I bambini in generale si avvicinano senza esitazione e con curiosità all’argilla. Per
prima cosa la vogliano toccare ed esprimono subito sensazioni come: “ih, come è
fredda”, “è dura”, etc. D’istinto la vogliono schiacciare dando pugni e botte a mani
aperte. Il rumore diventa quasi assordante perché in gruppo i bambini si eccitano
reciprocamente e picchiano con sempre maggiore intensità sul pezzo d’argilla ri-
uscendo così a scaricare le tensioni. Quando poi iniziano a lavorare, ottengono con-
figurazioni che assomigliano a piccole pizze piatte. I bambini spesso attribuiscono
proprio questo nome alle loro produzioni. Un altro tema tipico è quello del baco:
prendono un pezzo d’argilla e, rotolandolo con una leggera pressione della mano
sul tavolo, formano una specie di baco che verrà utilizzato in seguito realizzare tipi-
che figure umane che assomigliano ai loro disegni. Questa modalità, usata spesso
dai bambini, ci sembra provenire dalla loro esperienza grafica trasportata nella mo-
dellazione dell’argilla. Le figure prodotte rimangono in orizzontale sul piano di la-
voro come dei bassorilievi.
La realizzazione di questi bachi d’argilla che poi diventano qualcos’altro ricorda
la famosa tecnica “a colombina”, la più antica tecnica usata per realizzare tazze, vasi
e contenitori di vario genere.
Autori _ MANI CHE LAVORANO L’ARGILLA Il primo approccio all’argilla sembra determinato dal bisogno di scaricare tensio-
ni, di sperimentare la propria forza sulla materia, di godersi una sorta di potere che si
Le infinite espressioni delle mani durante la modellazione dell’argilla: manifesta tramite l’atto del deformare la massa a propria volontà. Dopo un primo
il dialogo tra modellatore e materiale è avviato. momento in cui i bambini scaricano le tensioni segue in genere una fase più costrutti-

36 37
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE SECONDA

va come ad esempio tramite la produzione di bachi o il ritagliare pezzi per costruire I bambini tengono molto alle loro produzioni e non vedono l’ora di mostrarle ai
qualcosa e, se non ricevono indicazioni, rimangono più o meno in questa modalità. genitori. Questa fierezza è pura e bella e basta poco ad urtare la loro sensibilità con
Abbiamo raccolto molte opere di bambini provenienti da vari contesti e prodotte commenti fatti in modo distratto o esprimendo giudizi. Il bambino non ha alcune di-
attraverso modalità di lavoro e con scopi differenti. In seguito abbiamo cercato di fese a tale riguardo ed è ancora completamente dipendente dall’adulto, dallo sguardo
ordinare i manufatti applicando dei criteri. Non possiamo generalizzare nonostante a volte carico di aspettative, pregiudizi e stereotipie che porta nel suo mondo. Se le
la notevole quantità d’opere archiviate, ma possiamo constatare alcune tendenze che sue produzioni vengono classificate e giudicate, il bambino imparerà che è giusto
ci sembra interessante osservare. classificare e giudicare. Certi commenti possono anche ferire il bambino causando in
Come abbiamo già descritto, i bambini danno inizio al processo creativo utiliz- lui insicurezza e disorientamento. Se invece, nella gioia data dalla soddisfazione di
zando una specie di scarica per poi modellare le forme piatte che chiamano “pizze”. aver creato da solo qualcosa, si sente accolto e compreso dall’adulto, il bambino ac-
Descriveremo in seguito gli esiti di percorsi guidati da noi con setting precisi e mo- quisterà sicurezza in se stesso, sarà tranquillo e felice.
dalità progettate per vedere che risultati hanno prodotto. Abbiamo visto che un training per aumentare il livello d’empatia verso i bam-
In uno di questi lavori, facente parte di un progetto più ampio riguardante la ri- bini aiuta a comprendere meglio i loro percorsi artistico-espressivi. Da una parte
qualificazione di alcuni spazi urbani in un’area piuttosto disagiata, in particolar mo- è vero che è l’adulto a guidare il percorso del bambino, ma è altrettanto impor-
do ciò che a noi ha interessato da vicino è la progettazione del giardino di una scuo- tante che il bambino si senta compreso dall’adulto nelle sue difficoltà e nel suo
la in costruzione. Questa scuola sarebbe diventata la futura scuola elementare e unico ed irripetibile modo d’essere. Abbiamo fatto un tentativo di stimolare
media degli stessi bambini che hanno partecipato ai nostri laboratori. Attraverso un l’empatia degli adulti verso i bambini in un altro progetto in cui il percorso pre-
percorso guidato tramite disegni, racconti e visite al cantiere, i bambini sono arrivati vedeva uno spazio per la psicomotricità seguito da una elaborazione del vissuto
a modellare l’intera area in argilla aggiungendo alcuni elementi che avrebbero voluto attraverso la modellazione dell’argilla. Abbiamo dedicato molto tempo nella pre-
nel loro giardino. parazione di questi incontri dato che ambedue le metodologie sottostanno a re-
In un altro ciclo d’incontri i bambini sono stati invitati a modellare degli animali. gole precise e presentano una complessa articolazione. Nella psicomotricità il
Specialmente per i bambini più piccoli, di quattro anni, non è molto semplice perché bambino è stimolato ad agire tramite il corpo, modalità congeniale ai bambini
non hanno esperienza con la tecnica e va data loro la possibilità di comprendere come delle scuole materne. Il programma degli incontri prevedeva una fase di azione
si modella un corpo tridimensionale. Abbiamo quindi fornito degli esempi molto ele- caotica liberatoria, il gioco strutturato e la fase del racconto con in seguito una
mentari per poi lasciare ai bambini l’elabo-
razione dei dettagli. L’aiuto che si può dare
consiste nel mettere una specie d’ovale su
quattro zampe, utilizzando la barbottina
(un legante liquido piuttosto viscoso e di
consistenza cremosa, ottenuto dall’impasto
di acqua e argilla) per rendere le zampe sta-
bili in modo tale da poter aggiungere altri
pezzi. Una volta trasmessa questa tecnica,
quasi tutti i bambini hanno eseguito il lavo-
ro in autonomia o ricopiato il modello per
produrre un animale proprio. Spesso i bam-
bini all’inizio chiedono aiuto per eseguire il
lavoro di base sentendosi così sostenuti nel-
l’impresa. Abbiamo proposto in seguito dei Stefano, 5 anni _ CASTELLO
giochi con questi animali come l’aggregarli
Giulia, 5 anni _ CAVALLO E CAVALIERE tra loro, il disegno di un paesaggio sopra il Opere modellate di seguito agli incontri di psicomotricità:
quale animare storie d’animali oppure la co- una bambina e un castello con tanti camini. Col tempo i
bambini imparano a costruire con criterio e tecnica
Cavallo e cavaliere, struzione di nidi, cucce e stalle per prender- utilizzando e alternando con sapienza mani, strumenti e
modellato da una bambina di 5 anni si cura degli animali. barbottina per incollare. Olivia, 5 anni _ SENZA TITOLO

38 39
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE SECONDA

drammatizzazione o elaborazione simbolica dei contenuti. L’arteterapia, e in in modo che non si siedano né ad an-
questo caso la modellazione dell’argilla, proponeva la realizzazione di alcuni ele- golo né troppo vicini. Questa scelta
menti emersi nella fase del racconto. I bambini, con l’aiuto dell’insegnante, han- assicura una maggiore autonomia an-
no sviluppato in gruppo una storia con dei personaggi che poteva essere comple- che nella scelta dell’animale da realiz-
tata in un unico incontro oppure in più volte. Ai bambini è stato poi proposto di zare (abbiamo potuto osservare che
scegliere una piccola parte, un personaggio, una scena, un animale del racconto ad esempio i bambini di 4 anni ancora
e di realizzarlo con l’argilla. Alla fine di ogni incontro ogni bambino ha presen- seguono spesso, nella scelta, una spe-
tato al gruppo il suo lavoro. cie di tendenza di gruppo. Quando un
Riportiamo qui il “diario di bordo” tenuto durante l’intero progetto per consen- bambino, tipo “leader”, decide di vo-
tire a tutti i bambini di vivere l’esperienza proposta e per questione di gestione dei ler realizzare un serpente, un elefante
gruppi, abbiamo deciso di creare gruppi da 8 partecipanti, ciascuno dei quali sareb- o un altro animale, una parte del grup-
be stato attivo nell’arco di 2 incontri. po lo segue automaticamente, anche
contrariamente a scelte già fatte, vo-
lendo così realizzare lo stesso animale.
I° incontro (6 febbraio) I bambini di 5 anni, invece, hanno Marco, 5 anni _ SENZA TITOLO
Incontro con la scuola, visita guidata degli spazi con A. e D. (coordinatrice didattica e già un’autonomia maggiore nella scel-
insegnante). ta e, quando sono stimolati e sostenuti Racconto di una storia tramite figure
Incontro di programmazione con A., D., A. (insegnante psicomotricità), E. (assisten- sufficientemente in questo processo, modellate in argilla.
La modalità somiglia ancora molto
te del conduttore). realizzano l’animale che veramente a quella del disegno su carta.
Decidiamo in dettaglio metodologia, setting, tempi e composizione dei gruppi. preferiscono. Abbiamo potuto osser- Lentamente le figure acquistano volume e
vare che è importante rafforzare l’au- dimensione e sembrano così anche più reali.
- Lavoro in aula tostima e la fiducia nelle proprie capa-
Per questo primo incontro il gruppo selezionato, composto da 8 alunni della clas- cità creative per poter sostenere una scelta davanti agli altri anche se è diversa
se dei bambini di 5 anni, non fa psicomotricità prima dell’incontro di arteterapia. rispetto al compagno di banco. Durante la fase di realizzazione delle sculture i
Non rimane tempo per programmare insieme gli incontri; decidiamo di iniziare di- bambini hanno senz’altro bisogno di aiuto tecnico ed è giusto concederlo. I bam-
rettamente con il lavoro di modellazione. Andiamo in classe a prendere i bambini. bini vivono in una fase dove cercano l’aiuto e il sostegno dell’adulto dal quale vo-
Ci sediamo tutti (incluse A. e D.) e spieghiamo il lavoro. Facciamo domande ai bam- gliono e possono apprendere. L’adulto in questa fase rappresenta un modello da
bini su che cosa è, secondo loro, una scultura e le risposte sono molto variegate co- seguire ed imitare, che deve dare sicurezza e non lasciare il bambino a se stesso in
me: “una statua, una pittura, di pietra...”. I bambini non hanno idee chiare e li aiu- quanto non possiede ancora ne’ la forza ne’ gli strumenti per poter fare da se.
tiamo con altre domande sui tipi di materiali che si usano per realizzare sculture: L’aiuto e la cura da parte dell’adulto sono gratificanti per il bambino e diventano
“pietra, creta” (argilla) e così riescono ad entrare meglio nell’argomento. aiuto per appropriarsi del mondo che lo circonda.
Chiediamo la differenza tra pittura/disegno e scultura e chiediamo cosa disegnano Importante è tenere un buon equilibrio tra insegnamento tecnico e rispetto delle
di solito. Raccontano: “case, animali, persone, principesse...” e spieghiamo che durante fantasie, desideri e immaginazioni dei bambini. È indispensabile, come si è già detto,
questo primo incontro modelleranno animali. Chiediamo dunque qual è l’animale pre- un sostegno tecnico, è dannoso censurare o limitare la loro fantasia in quanto ne risul-
ferito di ognuno: “cimice, cavallo, tigre, camaleonte...” Sono alcuni degli animali elen- terebbe una censura dei propri sentimenti, delle proprie tendenze e porterebbe a far
cati dai bambini come preferiti. crescere una persona oppressa, non sviluppata nelle sue capacità personali, minaccia-
Spieghiamo allora che andranno a modellare questi animali con l’argilla e che ta da un occhio sempre giudicante ed alla ricerca del “giusto” e dello “sbagliato”.
possono trovare poi un nome per il loro animale. Così preparati ci rechiamo nell’au- Il bambino, se vive un’esperienza educativa di questo tipo, non avrà il coraggio di
la prevista per il lavoro. L’aula (come del resto tutto l’edifico) è spaziosa e luminosa e sostenere le proprie scelte davanti a giudizi contrari del suo ambiente e non sarà, in
ci troviamo subito a nostro agio. Dividiamo i quattro tavoli già ricoperti di carta da questo modo, in grado di diventare un adulto responsabile delle proprie azioni per-
pacchi in due unità da due tavoli in modo da creare lo spazio sufficiente per otto ché si è visto indebolire la sua personale capacità d’autoaffermazione, requisito indi-
bambini suddivisi in due gruppi da 4. Mettiamo poi i bambini uno di fronte all’altro spensabile per la crescita.

40 41
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE SECONDA

I bambini si sentono compresi quando l’adulto non cerca di imporre a tutti costi il travestimenti. I maschi devono organizzare il gioco in modo che ci sia ordine nello
suo punto di vista e accompagna e accoglie il mondo del bambino trasmettendogli la spazio (tappeto destinato al gioco delle spade) e anche la relazione di tempo e rego-
sensazione che quello che fa è importante e anche bello per l’adulto che gli sta vicino. le del gioco che stabiliscono tra loro con l’aiuto dell’insegnante: come si tira la spa-
Questa comprensione diventa la porta d’ingresso al mondo del bambino che at- da, che cosa è permesso e che cosa no, il tempo per ogni combattimento, il punteg-
traverso questo tipo di lavoro (ad esempio gli animali in argilla) si può raccontare. gio, chi vince etc. assorbe tempo l’organizzazione mentre le femmine giocano per
Abbiamo così modellato gli animali preferiti di ciascuno dando sostegno alla soli- conto loro. Ricevono attenzione quando il gioco dei maschi è organizzato: travesti-
dità delle costruzioni per assicurare la loro “sopravvivenza” (ci siamo ricordati di un menti, pettinature, bambole etc. Tifano per i maschi durante i combattimenti (esclu-
ciclo precedentemente condotto in un’altra scuola dove abbiamo dovuto inventare sa una che non era interessata al gioco).
un ospedale per curare gli animali “feriti”. Questa invenzione, oltre ad essere chiara- L’insegnante dichiara finita la fase del gioco e richiama il gruppo per ascoltare il
mente utile per riparare gli animali modellati in modo fragile, ha avuto anche una racconto. Il racconto è frutto delle azioni precedenti e l’abilità dell’insegnante sta nel
funzione terapeutica di riparazione e cura dei dolori e delle ferite dei bambini a livel- raccontare attraverso personaggi inventati i fatti del gruppo, le dinamiche, i risultati.
lo simbolico. Abbiamo deciso poi di fare una buona prevenzione (costruire bene e in Si evitano esplicite identificazioni con le figure del racconto e certe figure non sono
modo solido) invece di ricorrere alle cure. ammesse. La non ammissione di certe figure viene decisa dall’insegnante sulla base
Alla fine ogni bambino ha dato un nome al suo animale; una specie di battesimo di stereotipie che non portano novità nell’evoluzione della storia o che impediscono
che implica cura e attenzione, oltre a rinforzare l’identificazione con l’animale. che i bambini sperimentino altre forme di reazioni a situazioni proposte nel raccon-
Ogni bambino ha presentato alla fine il suo animale al gruppo. Per l’occasione to. In questa modalità si snoda il racconto intorno ai contenuti proposti dai bambini
abbiamo riunito i tavoli per creare un unico spazio comune (il setting è sempre im- che cerca da una parte di riequilibrare le parti (ad esempio, il fatto che i maschi sono
portante e determina i risultati del lavoro proposto). stati molto protagonisti dell’incontro e hanno in questo modo “rubato” spazio alle
femmine, è stato ri-proposto nel racconto in questa maniera: tra il regno “buono” e
il regno “cattivo” si scatena una guerra a causa della gelosia dei “cattivi” (ripresa dei
II° incontro (20 febbraio) combattimenti a spada dei maschi - competizione).
Come previsto dopo l’incontro del 6 febbraio iniziamo oggi con il lavoro coordi- Sono però alla fine le principesse e in particolar modo una fata che risolve il pro-
nato tra psicomotricità e arteterapia. A. prepara il gruppo di 8 bambini, dei quali 7 blema del nemico e che fa risorgere il castello distrutto dal nemico. In questo modo
hanno già partecipato all’incontro precedente mentre uno partecipa per la prima
volta. La scelta di inserire quest’ultimo è stata fatta a causa dell’assenza di un bambi-
no in modo tale da non rendere il gruppo troppo piccolo.
A. ci introduce nei dettagli del setting in palestra: partecipiamo come osservato-
ri neutri, senza intervenire in nessun modo sul gruppo e senza prestare attenzione
alle loro azioni eventuali rivolte a noi. Dopo la preparazione nell’anticamera della
palestra (togliersi scarpe e calzini) l’insegnante introduce verbalmente l’incontro ri-
cordando ai bambini le regole del gioco partendo da tutto quello che è permesso
nella stanza per poi passare ai divieti. I bambini vengono incentivati verbalmente
ad agire il corpo in azioni e movimenti senza farsi del male e senza fare male agli al-
tri. Non ci sono altre regole. Nella stanza si trovano grandi cubi colorati di materia-
le morbido messi in mezzo come un muro alto e colorato che divide la stanza in
due, una parte con specchio, moquette, scala da parete e alcuni mobili che conten-
gono giochi. Quando l’insegnante dà il via al gioco, i bambini si buttano con ener-
gia sul muro di cubi scaricando così le tensioni accumulate durante l’attesa e nella Emma, 5 anni _ IL CASTELLO
preparazione. Il gioco inizia. Ci è stato detto che ogni volta è una prima volta in
senso che accadono cose diverse con dinamiche diverse. La prima fase dovrebbe “Castello di fantasia” con incisioni sulle pareti
servire per scaricare le tensioni e per liberarsi. Si alternano momenti di distruzione e “Principe con mantello”
modellati entrambi rispettivamente da
a momenti di costruzione. I maschi chiedono le spade e le femmine le bambole e i una bimba e un bimbo di 5 anni
Il tutto nasce da un racconto inventato dagli stessi bambini. Leonardo, 5 anni _ IL PRINCIPE

42 43
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE SECONDA

le femmine “castigate” dal protagonismo dei maschi si rivalutano e rientrano nel III° incontro (27 febbraio)
ruolo di protagoniste. Così finisce il racconto e il gruppo si sposta nell’aula per l’atti- L’incontro si articola nei tempi previsti. A. accompagna il gruppo di 9 bambini (8
vità di modellazione con l’argilla. Di regola dovrebbe seguire immediatamente l’ela- “nuovi” + 1 recupero della volta scorsa) in palestra e spiega il setting ai bambini.
borazione senza cambiare luogo per il rischio di perdere la concentrazione. Per mo- Un’altra insegnante fa da osservatrice. I bambini iniziano e vivono le fasi previste
tivi tecnici però non può essere svolta l’attività artistica nella stessa aula e dall’incontro fino ad arrivare al momento in cui A. propone il racconto della storia.
proseguiamo pochi minuti più tardi con la modellazione. Inizia l’elaborazione dei vissuti tramite la storia.
Proponiamo lo stesso setting dell’altra volta con 4 tavoli organizzati in due isole da L’insegnante propone la storia di un castello con 5 torri abitato da re, regina, 2
due tavoli. Bambini uno di fronte all’altro in modo che i tavoli rimangano accessibili bambini e tutta la corte. Il re è spesso assente per conquistare. Un giorno in cui la re-
da tutte le parti così da poter dare aiuto tecnico. gina è sola nel castello con i bambini, arriva un branco di lupi neri che cerca di en-
I bambini ricevono semplicemente l’indicazione di modellare la cosa che gli è trare nel castello e mangiare i bambini. Riesce ad entrare ma la regina si nasconde
rimasta più impressa del racconto: castello, cavalli, cavalieri, principesse, fata etc. con i bambini in una delle torri e con il suo scettro magico riesce a mettersi in con-
Il lavoro inizia. Alcuni partono subito con idee chiare, altri invece ci devono tatto con il re e a raccontargli tutto. (Qui più o meno finisce la prima parte della sto-
pensare un attimo. La quantità di argilla è simile a quella dell’altra volta e i bam- ria. Verrà ripresa la settimana successiva).
bini entrano in un processo intenso di costruzione. Con l’argilla si possono ripete- Andiamo nella stanza per modellare con l’argilla. Il setting è identico alle altre
re facilmente le dinamiche dell’incontro di psicomotricità: costruzione e distruzione volte, solo che si aggiunge un posto agli otto previsti. Si crea un tavolo con 5 femmi-
senza creare troppi problemi: L’argilla è morbida e assorbe perfettamente ogni inter- ne e un maschio. È interessante osservare come si siedono i bambini quando hanno
vento anche pugni e pressioni forti. Il fatto che cede sotto la pressione potrebbe invitare liberà di scelta. In un lavoro così breve non ha molto senso prenderne nota, ma in un
a non fermarsi mai e cambiare in continuazione le forme. Questo aspetto la rende diffici- ciclo più lungo sarebbe di grande interesse fare ogni volta uno schema (già prepara-
le per gli indecisi perché tendono a voler cambiare in continuazione senza soffer- to in precedenza) di osservazione dei posti occupati dai bambini.
marsi ed approfondire una figura. Un bambino, in particolar modo, è entrato in Facciamo un esempio:
questa dinamica dalla quale ha avuto difficoltà ad uscire. Era necessario l’intervento
dell’adulta per fermarlo su un’idea: prima un castello, poi distrutto dalla lava, poi un ca-
vallo, cavaliere, un altro castello etc. c’è il rischio di vivere una frustrazione per il
fatto di non essere riuscito a finire. Alla fine tutti hanno terminato il lavoro, grazie
anche ai nostri interventi. I tempi erano leggermente stretti (45 min). Alla fine ogni
bambino ha presentato la sua scultura al gruppo. I risultati: molti cavalli con cavalie-
ri, castelli, cavallo con principessa, castello con principessa.
Tavolo uno Tavolo due

Maschio Femmina

Giulia, 5 anni _ CAVALLO - PARTICOLARE Leonardo, 5 anni _ CAVALLO E CAVALIERE - PARTICOLARE

Due dettagli di sculture di animali. Nell’ingrandimento si nota bene la cura che i bambini
mettono nel dare espressione ai volti delle loro figure. Nell’opera di Leonardo vediamo come animale
Livello di “agitazione” fisica: il più alto il più basso
e cavaliere sono uniti nel loro intento con gli sguardi che vanno nelle stessa direzione.

44 45
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE SECONDA

Questo tipo di schema potrebbe essere utile per osservare meglio le dinamiche Una volta seduti ai tavoli i bambini ricevono la consegna e di seguito i materiali
interne al gruppo e in quanto, più o meno istintivamente, i bambini scelgono posti necessari per realizzare le opere. Nella prima fase del lavoro è bene far lavorare i
per alcuni motivi. Ad esempio il tavolo 2 presenta una situazione come segue: 4 fem- bambini con il solo uso delle mani senza l’aiuto di stecche o mirette (piccoli attrezzi
mine e 1 maschio. Allo stesso tavolo si trovano il bambino che ha presentato la mag- per la lavorazione dell’argilla con manico in legno e due punte di acciaio sagomato
giore “agitazione” fisica e la bambina con quella minore. all’estremità dalla forma circolare o triangolare.
Anche se in questo gruppo c’è stata una minore tendenza da parte dei bambini a Aiuta nel lavoro di modellazione laddove le mani da sole non riescono come ad
dividersi in gruppo dei maschi e gruppo delle femmine durante l’attività ludica (ri- esempio nella lavorazione delle superfici o nella “vuotatura” della scultura durante
spetto al gruppo precedente che ha scelto più i ruoli come gioco a spada per maschi e la preparazione alla cottura). In questo modo sperimentano il materiale e ricevono in
principesse e tifose per le femmine), si è creata una più netta separazione nella fase di seguito gli attrezzi per raffinare le opere dove è necessario.
elaborazione sia dal punto di vista di collocazione ai tavoli sia a livello di modellazio-
ne. Infatti le tre femmine al lato lungo del tavolo e angolo adiacente hanno focalizzato L’intervento dell’arteterapeuta a grandi linee si limita alla parte tecnica (modalità
l’attenzione sul castello con la regina e i bambini creandogli un luogo di protezione. di lavoro con bambini) e solamente quando emergono problemi particolari intervie-
L’ultima femmina invece ha modellato il lupo cattivo che vuole mangiare i bambini. ne sul contenuto.
La femmina al tavolo 1, invece, ha modellato un corso d’acqua (sembrava una vasca In questo modo ogni bambino è sostenuto nella realizzazione della propria idea e
che da una parte si era rotta e fuoriusciva tutta l’acqua) con un ponte. Nel mezzo del non è tenuto a cercare di soddisfare l’idea o il bisogno dell’adulto.
ponte ha messo la regina senza i bambini che, nell’immaginazione della partecipante, si Quando, ad esempio, un bambino chiede tante volte aiuto può essere che nasca
trovavano a scuola. da una sua insicurezza e della mancanza di fiducia nelle proprie capacità. In questo
I maschi hanno invece lavorato tutti sul castello. Al tavolo due è diventato un ca- caso è importante dare sostegno tecnico spiegando una volta oppure anche due vol-
stello con un’infinità di torri e un’ape che attacca il castello (esuberanza e ricerca d’e- te la procedura incoraggiando il bambino nel tentare l’impresa e dandogli la sicurez-
lementi spettacolari). za che è capace di fare anche senza chiedere continuamente aiuto all’adulto. In se-
Il tempo passa in fretta e la presentazione alla fine mette in rilievo il lavoro e il ti- guito il conduttore abbassa la frequenza delle visite al tavolo del bambino rimanendo
tolo del lavoro di ogni partecipante. però in contatto visivo e rinforzando l’impatto di fiducia.
Rimaniamo per riflettere sul lavoro fatto durante i primi tre incontri. Ogni tanto può esprimere brevi commenti come: “Si, va bene così”, oppure “Ve-
Emergono temi interessanti come la regolazione del gioco durante la psicomotri- di come sta diventando bello” per sostenere verbalmente il percorso. Se il bambino
cità, i simboli utilizzati durante i racconti, la neutralizzazione di identificazione trop- allora, in questo modo protetto, riesce a realizzare il suo progetto senza eccessivo
po personale con i personaggi dei racconti, l’intervento dell’arteterapeuta, la presen- aiuto da parte dell’adulto che altrimenti si sarebbe sostituito al bambino, sarà un po’
za di altre persone durante l’incontro, ruolo e limiti. più autonomo e un po’ più sicuro di sè.
Importante considerare la distanza e la vicinanza al bambino, avvicinarsi al bam-
bino e abbassarsi al suo livello, nel senso fisico del termine, parlare e dire tanto o po-
Come interviene l’arteterapeuta co, non dare mai suggerimenti contrastanti, semplici, lineari, non eccessivi (né nel
La presenza silenziosa serve per poter osservare lo sviluppo del gioco condotto bene né nel male).
dall’insegnante e il racconto che è il prodotto del gioco precedente. La presenza in- Per questa ragione l’intervento di altri adulti durante questa fase è rischioso in
tegra la figura nell’intero percorso e fa vivere così ai bambini una continuità che ser- quanto potrebbe causare l’annullamento dell’imput dato dal conduttore oppure
ve a non disperdere l’attenzione e la carica accumulata durante il gioco in palestra. confondere il bambino perché riceve risposte differenti.
L’osservatore non interviene in nessun modo durante l’incontro in palestra nemme- Se ad esempio chiede aiuto e il conduttore considera che sia salutare per il bam-
no se viene contattato dai bambini attraverso il lancio di oggetti, ad esempio. Non bino affrontare una difficoltà con le proprie forze, perché lo ritiene in grado, ed il
reagisce a nessun tipo di stimolo e rimane neutro. Può prendere appunti durante bambino però chiede aiuto ad un altro adulto nella stanza che non ha osservato la
l’incontro che servono per l’elaborazione a seguire. scena e quindi concede l’aiuto, il processo di crescita del bambino in questo momen-
Nel laboratorio l’arteterapeuta invece diventa la guida del gruppo. to viene annullato.
Il setting deve essere preparato e contemplato prima dell’incontro. Ogni partico- Forse il risultato che ha ottenuto è più bello di quello che avrebbe ottenuto da so-
lare nella stanza dove si svolge l’incontro è importante: luce, spazio, disposizione dei lo ma non gli è servito a tanto perché ha perso l’occasione di imparare qualcosa di
tavoli, materiali etc. niente va lasciato al caso. molto importante: trovare la fiducia in se stesso.

46 47
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE SECONDA

IV° incontro (6 marzo) V° Incontro (13 marzo)


L’incontro con i bambini si è svolto negli orari previsti. C’è stata una variazione L’incontro di psicomotricità è stato condotto da un’altra insegnante con meno
nella composizione del gruppo. Dopo il rito iniziale i bambini hanno giocato a lungo esperienza in quantità di incontri e nella conduzione dei bambini.
tirandosi i cubi addosso, gioco che in seguito è stato trasformato in un gioco più re- Come al solito i bambini sono stati invitati a ricordarsi le regole e le possibilità al-
golato dall’insegnante, nel quale dovevano tirare una palla dentro una rete appesa ad l’interno dello spazio proposto. Il gioco inizia come sempre con l’abbattimento del
un filo. Si sono creati comunque due gruppi che durante i giochi non si sono incon- muro di cubi per poi passare direttamente alla fase di sfogo. La conduttrice parteci-
trati nonostante il tentativo da parte del conduttore. L’incontro è rimasto particolar- pa alla fase incentivando i bambini a scaricare fisicamente.
mente movimentato e ha fatto sudare bambini e conduttori. Una bambina, che la Il passaggio al gioco più strutturato avviene dopo poco quando i bambini costrui-
volta precedente è rimasta fuori per tutto il tempo, questa volta ha partecipato ai scono due castelli in due gruppi separati. La conduttrice interviene in modo diretti-
giochi, ridendo e saltellando insieme ad alcuni bambini del gruppo. vo guidando i bambini in azioni e pensieri proposti. Si creano alcune situazioni di
L’invito al racconto ha messo fine ai giochi. Alcuni bambini hanno fatto fatica a conflitto tra i bambini nei quali interviene la conduttrice verbalmente dando indica-
stare seduti sulla panca durante il racconto e l’insegnante ha dovuto mettere ordine zioni su che cosa fare. Un conflitto rimane irrisolto al momento del passaggio dalla
nella situazione varie volte. Sosteneva infatti che, stare seduti a terra invita ad un ap- fase di gioco alla fase del racconto della storia.
proccio più fisico, mentre la posizione seduta sulla sedia (o panchina) favorisce più La conduttrice sviluppa il racconto rimanendo molto fedele agli accadimenti del
un lavoro mentale. Per aiutare i bambini più agitati ha inventato alcuni movimenti gioco e senza allontanarsi molto dai contenuti. Questo procedimento provoca alcuni
da fare durante il racconto, come aiutare i cavalli alati a volare: tutti imitavano il mo- momenti di forte identificazione da parte dei bambini con le figure proposte. Si svi-
vimento delle ali con le braccia, etc. Anche il racconto come il gioco dei bambini fa- luppa una storia con molti personaggi iniziando da un gregge di pecore minacciato
ceva fatica a stare insieme. Dopo la fase del racconto, i bambini venivano invitati a da un lupo cattivo... Poi con il supereroe, il cavaliere, il pecoraio, la strega cattiva, il
mettersi le scarpe e ad andare nell’aula per la modellazione. La difficoltà manifesta- castello, i bambini...
tasi durante la psicomotricità è proseguita anche nell’ora successiva. Mentre alcuni “Temiamo” che i conflitti irrisolti durante la fase di gioco possano mettere in dif-
sapevano subito cosa fare, la maggioranza non aveva idee precise. Nell’indecisione ficoltà la fase di elaborazione con l’argilla e riteniamo sia necessario osservare senza
hanno optato per cavalli alati, con o senza conducente, re. intervenire troppo, in modo da poter verificare quale effetto produce una situazione
del genere. I bambini vengono, come al solito, accolti in un ambiente ben struttura-
to con un setting semplice e funzionale per il lavoro. Sono 8 i bambini che si siedono
ai posti preparati, uno di fronte all’altro (degli 8 nuovi partecipanti sono 7 i bambini
presenti ma, siccome il setting previsto, per poter funzionare, esige la presenza di 8
partecipanti, decidiamo di completare il gruppo inserendo un altro bambino).
Il lavoro inizia in questa situazione strutturata e con calma guidiamo i bambini
dentro il lavoro senza alzare la voce e senza parlare troppo. Ogni bambino è soste-
nuto nel scegliere la sua situazione e proponiamo come sempre un sostegno tecnico.
Contrariamente alle nostre attese, non ci sono situazioni di particolare disagio e
di tensioni che si ripercuotono sul modo di lavorare il materiale; ciascun bambino
esegue il suo progetto, più o meno indipendentemente dagli altri bambini. È da no-
tare che sul tavolo in fondo si crea un tema comune a quasi tutti (3 su 4), il recinto
con le pecore. È quasi inevitabile che i bambini si condizionano a vicenda. Nella fase
di restituzione e chiusura nel gruppo, alcuni hanno difficoltà nel trovare un titolo.

Giulia, 5 anni _ IL CAVALLO ALATO Leonardo, 5 anni _ IL CAVALLO DEI DIAMANTI VI° Incontro (20 marzo)
Quest’ultimo incontro del ciclo è condotto nuovamente dall’insegnante esperto e
Due cavalli alati dal repertorio di bambini di 5 anni. documentato con video e fotografie. Nel gruppo è stata inserita una bambina che
Dalle loro fantasie possono nascere animali di ogni genere. non aveva partecipato l’ultima volta, ma in uno degli incontri precedenti. La scelta

48 49
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE SECONDA

a) Fase di Modellazione
Posizione che favorisce l’interazione tra conduttore e partecipanti

Giulia, 5 anni _ CASTELLO Orsetta, 5 anni _ IL CASTELLO D’ORO E LA PRINCIPESSA

Nell’immagine a sinistra possiamo vedere un castello con tre figure dentro.


Sembrano cuccioli in un nido e probabilmente l’autrice di 5 anni
ha trovato un modo di unire nell’opera il suo intento di costruire un castello
con il suo desiderio di nido.
b) Fase di Verbalizzazione
A destra invece vediamo un castello d’oro Posizione che favorisce la comunicazione verbale
e una Principessa che si è messa in cammino
per una passeggiata fuori dal suo castello
pur sapendo che draghi e lupi sono sempre in agguato.

d’inserirla è stata fatta in modo tale da creare un numero pari e per arrivare a otto
bambini. Come sempre l’incontro in palestra viene introdotto con le sue regole pre-
sentando anche gli ospiti e il loro ruolo nel gruppo.
Le diverse fasi dell’attività ludica sono condotte con attenzione dall’insegnante e i
bambini seguono il flusso del gioco in modo ritmico ed armonioso.
Inizia il racconto che chiude la fase della palestra. Ci sono barche con guerrieri,
un’isola con principesse, un incantesimo, una strega, un castello, combattimenti... i
bambini partecipano attivamente alla costruzione del racconto.
Partiamo con la manipolazione dell’argilla. La predisposizione del setting è
come le altre volte con 8 bambini di cui 4 seduti intorno ad un tavolo e 4 in un al- Maschio Femmina
tro. Per una questione di luce nella stanza abbiamo spostato i tavoli in posizione
diagonale rispetto alla simmetria della stanza, posizione che, pur non cambiando
l’idea del setting, propone un’altra prospettiva.
a) Predisposizione dei tavoli nella fase di modellazione
b) Predisposizione dei tavoli nella fase di verbalizzazione loro opere. Sembrano un po’ intimorite dai maschi che intervengono verbalmente
Lasciamo che i bambini si siedano in modo spontaneo e si crei un gruppo di fem- nella fase finale anche senza essere interpellati, cercando di prevaricare le bambine.
mine ad un tavolo e un gruppo di maschi all’altro tavolo. Questa composizione deter- Abbiamo scelto di modificare questa volta il setting nella fase finale in modo da
mina in modo forte le loro produzioni: i maschi creano barche, coccodrilli, castelli, facilitare il contatto tra di loro e favorire l’ascolto.
guerrieri e qualche isola mentre le femmine creano isole con principesse e giardini. Le Mettiamo insieme tutti i tavoli creando così un unico spazio comune per le opere,
femmine hanno più difficoltà nella fase della verbalizzazione e nel trovare titoli per le cosa che non abbiamo fatto la volta precedente e, a causa della grande distanza fisica

50 51
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE SECONDA

e di seguito la difficoltà di vedere opere anche più piccole e di comprendere i com- laboratorio d’argilla per gli adulti presenti insieme ai bambini. Prima di allestire la
menti spesso fatti a bassa voce, è stato più difficile tenere il gruppo insieme. mostra abbiamo studiato gli spazi disponibili della scuola materna per l’evento.
La modifica invece ha permesso di concludere con più calma e anche di dare Allestire una mostra è un modo per entrare in contatto con l’esterno dando visi-
un’altra forma fisica allo spazio rispetto alla fase precedente. bilità ad un percorso, un’idea, un progetto. La scuola che, in passato, è stata sede di
un teatro ha una struttura architettonica a forma quadrata con un grande cortile al-
Alla fine del percorso abbiamo allestito una mostra per famigliari e amici allo sco- l’interno. L’unica apertura con un grande cancello si affaccia sui canali della città. Su
po di dimostrare tutto il percorso. Pensavamo che alcuni di loro sarebbero venuti due lati dell’edificio c’è uno spazio intermedio tra l’interno e l’esterno con mura an-
per guardare i lavori senza essere veramente partecipi al percorso dei loro bambini. tiche e una struttura di metallo e vetro di nuova costruzione che copre interamente
Abbiamo allora organizzato una visita guidata alla mostra e in seguito proposto un l’area. Questo spazio è esteticamente molto bello e luminoso e rappresenta un ideale
punto di connessione tra il dentro e il fuori anche grazie alle grandi vetrate che per-
mettono di guardare fuori e dentro. Abbiamo scelto questo spazio per allestire la
Due momenti mostra e in particolar modo una zona verde con tante piante alte che assomigliano
della mostra dove
vediamo come le ad una jungla organizzata e che propone molti angoli interessanti per i bambini.
sculture in terracotta La mostra è stata organizzata in modo tale da creare piccole isole intorno ai rac-
sono state collocate conti sviluppati dai bambini durante gli incontri con cartelloni dove erano scritte le
nello spazio.
Ogni postazione storie e piedistalli con gli elementi di gommapiuma rivestiti di tessuto colorato come
era composta si usa in psicomotricità per le sculture.
da un racconto Le sculture (tutte cotte) per poter essere viste dovevano essere sollevate da terra.
scritto e stampato,
dalle sculture
È infatti importante che si possano vedere da vari punti di vista. Gli elementi utiliz-
dei bambini zati per i giochi in palestra, così colorati e anche famigliari per i bambini, rappresen-
inerenti al racconto tavano un ideale punto di connessione tra l’attività e la mostra.
e una fotografia Dopo la visita guidata alla mostra, gli adulti sono stati invitati a modellare elemen-
di mani che
lavorano l’argilla. ti che si potevano integrare nei lavori dei bambini e nei racconti da loro inventati.
In questo modo Questo “compito” avrebbe dovuto servire ad aiutarli ad osservare con attenzione e
il percorso interesse le opere dei loro piccoli, cercando di inserirsi secondo una modalità empati-
era facilmente
percorribile ca nel loro mondo. Abbiamo visto con piacere molte famiglie intorno ai tavoli impe-
dallo spettatore gnati a modellare animali, castelli, fate, principi e principesse da inserire nei paesaggi
in modo da poter della mostra. L’evento in questo modo aveva raggiunto il suo scopo comunicativo.
connettere
direttamente le opere
con il racconto. Questa descrizione abbastanza minuziosa illustra le procedure in un laboratorio
dove si manipola l’argilla con un setting chiaro e con obiettivi specifici. È importan-
te scegliere ogni volta un setting che sia congeniale al contesto sotto tutti punti di vi-
sta. Questa operazione è abbastanza complessa e include aspetti come il luogo (mi-
cro e macro), il tempo a disposizione, le persone coinvolte (da vicino e da lontano),
ovviamente l’età e eventualmente le finalità del lavoro.

Autori _ FOTO DELLA MOSTRA FINALE

52 53
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE SECONDA

Argilla con bambini:


dal sentire al costruire
Tommaso, 9 anni _ SCIATORE
In un’altra occasione abbiamo realizzato laboratori di argilla per bambini
fuori dal contesto scolastico e perciò nel loro tempo libero. Siamo partiti dall’os-
servazione che spesso i bambini sono impegnati troppo poco in attività che ri-
chiedono l’uso delle mani e che modellare l’argilla poteva essere una possibilità
di integrare questa mancanza. Abbiamo proposto un ciclo d’incontri per bambi-
ni da 4 a 6 anni e da 7 a 9 anni. Ogni incontro durava 1 ora per otto settimane
consecutive. Inizialmente pensavamo di stimolare la fantasia dei bambini tramite
racconti, storie, favole, etc., idea che dopo poco abbiamo modificato. Il contatto
con le mani ha prodotto stimoli sufficienti da riuscire a modellare ogni volta
qualcosa d’importante. Noi riteniamo che sia importante tutto ciò che coinvolge
il bambino al punto da fargli dimenticare lo scorrere del tempo. A volte c’è la
noia o il non sapere che cosa fare. Dipende molto dall’adulto per rendere questo
momento creativo per il bambino. Se nel momento del vuoto o della noia arriva
subito il riempitivo (come reazione ansiosa da parte del grande), non è servito a
molto. Nell’attesa si formano immagini, le mani lavorano senza sapere esatta-
mente cosa fare, la figura si forma nel processo e nel contatto. A volte escono co-
se già conosciute, a volte cose nuove. In ogni caso abbiamo potuto osservare che
i bambini si divertono molto a lavorare l’argilla e che dopo un ciclo di otto in-
contri hanno voluto continuare. La proposta si è limitata ad argilla, una tavoletta
di legno e un po’ di strumenti per lavorare. Sicuramente è stato anche il gruppo
che ha stimolato il lavoro perché tutti lavoravano lo stesso materiale e tutti erano
curiosi di quello che facevano gli altri.
Questo lavoro con i bambini si è ulteriormente sviluppato fino ad arrivare ad un
setting sempre più semplificato. Oggi c’è un tavolo con delle sedie intorno, tavolette,
argilla, un po’ di strumenti, barbottina, un pezzo di spago per tagliare l’argilla e nien-
t’altro. I bambini sono molto assorbiti dal processo che nasce dal contatto con l’argil-
la perché continuano a venire e l’entusiasmo cresce d’incontro in incontro. Cresce
senz’altro anche l’ambizione di modellare “bene” in senso tecnico, perché almeno
durante la cottura le opere non si rompono più. Effettivamente è molto utile seguire il
percorso di trasformazione dell’argilla fino in fondo e conoscere anche il senso di fru-
strazione di quando un’opera si rompe durante la cottura. Prendersi cura e lavorare
senza fretta aiuta a garantire un risultato importante anche dal punto di vista tecnico.
Si è aggiunto un momento finale durante il quale ognuno “presenta” agli altri il lavo-
ro che ha fatto. I bambini apprezzano molto questo momento di condivisione.
L’argilla riesce, in parte, a colmare la mancanza di contatto con l’elemento terra
che provoca disturbo in molti bambini oggi. L’eccesso di lavoro mentale ed astrat-

54 55
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE SECONDA

to che caratterizza la vita dei bambini nella nostra epoca può essere riequilibrato
con un materiale come l’argilla che radica. Molta dell’irrequietudine dei bambini
nasce da questa mancanza. L’argilla assorbe l’eccedenza in modo naturale e resti-
tuisce energia.

Cosa modellano i bambini


In questo capitolo proponiamo esempi d’opere realizzate dai bambini durante i
nostri laboratori. Alcuni sono lavori a tema, altri realizzazioni spontanee.

- Case/grotte/castelli
È uno dei temi preferiti dai bambini. Un modo efficace per stimolare la modella-
zione di case come contenitore simbolico è descritto nel capitolo sugli adolescenti.
Partendo dalla sfera in pieno si arriva ad una forma che assomiglia ad un trullo o a
un iglù - forme molto antiche di abitazioni umane. Spesso i bambini arrivano anche
tramite lo scavo quando ad esempio modellano un vulcano o un altro tipo di cumu-
lo di terra ed iniziano a forarlo alla base. I più grandi poi sono già più decisi anche
nella scelta del soggetto prima di iniziare. Possiamo trovare delle case costruite con
criteri precisi ed anche con particolari come finestre, scale etc. In ogni caso la casa
viene vissuta come rifugio: è il primo contenitore che offre protezione una volta usci-
ti dal ventre materno.

Pablo, 9 anni _ TORRE - FOTO 1 Alessandro, 8 anni _ CASA - FOTO 2 Leonardo, 5 anni _ CASTELLO - FOTO 3 Valentina, 5 anni _ CASTELLO - FOTO 4

Le case vengono prodotte in due modalità diverse:


costruite con lastre più o meno regolari, a pezzi o intere e vuote dentro (foto 1 e 2),
oppure partendo da un blocco di argilla
sul quale vengono incise porte, finestre e decorazioni (foto 3 e 4).
Le case così rimangono piene dentro.
Per far sì che gli utenti modellino case all’interno di un processo di evoluzione delle forme, spesso
proponiamo l’esercizio partendo da una sfera come descritto nel capitolo “Argilla con adolescenti”.

56 57
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE SECONDA

- Animali
Anche gli animali sono contenitori per emozioni, specialmente quando si tratta
d’animali fantastici, draghi e dinosauri. La fantasia non ha limiti. Spesso però i bam-
bini modellano anche animali domestici che conoscono e con i quali hanno confiden-
za: cani e gatti, tartarughe e farfalle, lumache e ragni, a volte cavalli, giraffe e leoni.

Isacco, 9 anni _ DINOSAURO VOLANTE Giulia, 8 anni _ ANIMALE FANTASTICO


Leonardo, 5 anni _ COCCODRILLO

Gli animali nelle foto Il mondo degli animali permette ai bambini di spaziare
sono il risultato dei cicli d’arteterapia e con la fantasia tra realtà e fiaba, tra sogno e immaginazione.
psicomotricità con bambini di 5 anni. Tanti degli animali “nascono” sul momento
Si tratta di un processo che inizia dal gioco e non fanno parte di una programmazione anticipata.
Elia, 5 anni _ CAVALLO E CAVALIERE dei bambini nello spazio Diventano così spesso esseri composti da diversi pezzi di animali,
della psicomotricità e prosegue con un racconto a volte a metà tra umano e animale,
inventato dai bambini stessi sotto la guida a volte tra animale di terra e uccello, tra drago e peluche.
dell’insegnante e di un’elaborazione tramite I bambini si affezionano molto a queste loro produzioni
la modellazione dell’argilla. e le cercano anche settimane dopo; ci tengono ad averle a casa
Ogni bambino sceglie una parte che vuole rappresentare. e poterle esibire a fratelli, amici e genitori.

Lorenzo, 9 anni _ DINOSAURO Tommaso, 9 anni _ RENNA Fausto, 6 anni _ POLPO

58 59
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE SECONDA

I dinosauri sollecitano sempre la fantasia dei bambini, in particolar modo dei maschi, - Paesaggi
mentre le femmine spesso scelgono o animali domestici o animali del loro ambiente abituale.
Le modalità di rappresentazione variano tra il basso rilievo (farfalla)
Il paesaggio nasce spesso dalla stesura di un pezzo d’argilla su una tavola. Schiac-
e il tentativo di far stare in piedi l’animale. ciando il materiale nasce un piano che si offre proprio per costruire qualcosa sopra. È
Per questa operazione all’inizio è spesso necessario l’aiuto dell’insegnante. come una terra da coltivare. I bambini rispondono per associazioni: realizzano una piz-
Una volta presa confidenza con il materiale za (per esperienza della forma tonda-ovale e l’associazione culturale, poi la pizza è un
e con la rappresentazione tridimensionale, tutto procede per il verso giusto.
paesaggio molto interessante) oppure ci piantano elementi sopra. A volte nasce così
un’isola, una collina con alberi, una casa antica con giardino, un paesaggio con pietre,
un recinto con animali, strade e sentieri da percorrere e tanto altro. Il paesaggio è l’e-
sperienza del terreno, una specie di mappa che consente un’esperienza spazio-tempora-
le. Ci si può muovere da una parte all’altra, esplorare, scoprire. Il bambino così si occu-
pa dell’organizzazione dello spazio e mette in relazione gli elementi scelti per la scena.

Edoardo, 6 anni _ DINOSAURO Adriano, 8 anni _ RAGNO

Federico, 5 anni _ PAESAGGIO Astrid, 6 anni _ PAESAGGIO

Il primo lavoro una vera a propria mappa con indicazioni, strade, luoghi da visitare, nel secondo lavoro
emerge un fondale marino, mentre nel terzo sembra di trovarsi in un antico sito archeologico. L’ultimo
lavoro invece richiama associazioni ad antichi luoghi sacri (tipo Stonehenge).

Emma, 6 anni _ FARFALLA Gaia, 9 anni _ CANE

Lea, 6 anni _ PAESAGGIO

Sofia, 6 anni _ PAESAGGIO

60 61
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE SECONDA

- La figura umana La figura in orizzontale


Il tipo di rappresentazione dipende dalla loro esperienza che è differente in base
all’età. Sembra che, crescendo, diventi più importante mettere la figura in piedi,
mentre i più piccoli il più delle volte la mettono sdraiata. Non è facile comprendere
se questo fattore è esito di uno stato naturale di relazione con il corpo oppure un’im-
pronta data dalla rappresentazione grafica che è in piano e piatta sul foglio. Il bam-
bino intorno al primo anno d’età inizia a conquistare la posizione eretta e si percepi-
sce in piedi e non più sdraiato e sarebbe così abbastanza naturale per lui
rappresentarsi in verticale. La tecnica però potrebbe essere un limite perché non è
tanto facile mettere la figura in piedi. Partendo invece dai bachi, movimento che pia-
ce ai bambini, la figura difficilmente sta in piedi e per questa ragione spesso rimane
in orizzontale sul tavolo (modalità grafica).

Le incisioni

Astrid, 6 anni _ FIGURA IN ORIZZONTALE Nicole, 6 anni _ BIMBA CON CAPELLI LUNGHI

Vediamo quattro lavori con figure in orizzontale, ancora condizionati dall’abitudine del disegno su carta.
Si nota però anche molto bene come le figure iniziano a staccarsi dal fondo,
fino ad arrivare a modellare un basso rilievo che è una vera e propria tecnica artistica.
Il basso rilievo in genere, dopo essere stato concluso, viene appeso ad una parete
e perciò acquisisce di nuovo una direzione verticale.

Anna, 8 anni _ RAGNO Giacomo, 9 anni _ INCISIONE “BAMBINO IN BICI”

La modalità di incidere l’argilla non è soltanto un piacere per i più piccoli ma anche per i più grandi.
È una mediazione tra il disegno e un basso rilievo. È piacevole sentire che l’argilla cede facilmente
sotto la leggera pressione dello strumento. Fa ricordare antiche tecniche che era abitudine usare in
Egitto per conservare documenti importanti prima dell’invenzione della carta (papyrus).

Virginia, 7 anni _ VISO Gaia, 9 anni _ INCISIONE Astrid, 6 anni _ FIGURA IN ORIZZONTALE Astrid, 6 anni _ FIGURA IN ORIZZONTALE

62 63
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE SECONDA

La figura in piedi La figura in azione

Lea, 6 anni _ MAMMA POLPO E FIGLI DAVANTI ALLA TV Tommaso, 9 anni _ REMATORI

Questi esempi di figure in azione sono una piccola parte di molti lavori
Matilde, 7 anni _ FIGURA IN PIEDI Alessandro, 8 anni _ FIGURA CHE CAMMINA eseguiti con l’intenzione di dimostrare un’azione compiuta dalle figure.
In senso orario: la mamma polpo con i bambini sul divano davanti alla televisione.
Mettere le figure in piedi è impresa difficile per i bambini più piccoli e a volte L’autrice di 6 anni si è premurata di rappresentare bambini
devono affrontare frustrazioni e acquisire competenze tecniche per riuscire nell’impresa. di diverse età con il più piccolo che sembra essere neonato.
Poi sono molto contenti.A volte serve una base in argilla per dare più stabilità, A destra vediamo due rematori su una barca sportiva.
a volte le figure sono sufficientemente stabili da non cadere così facilmente. L’autore ha arricchito di ogni dettaglio possibile un lavoro di piccole misure.
In ogni caso i bambini fanno un lavoro importante Il ritratto del nonno seduto su una sedia è il risultato di una scultura mossa dall’affetto
sull’equilibrio inerente la materia ed anche loro stessi. di un bambino di 5 anni. Palcoscenico e chitarrista rock sono la fantasia di un bambino di 9 anni.

Nicolò, 6 anni _ RITRATTO DEL NONNO SEDUTO SULLA SEDIA Mattias, 9 anni _ PALCO CON MUSICISTI

Anna, 8 anni _ FIGURA SU PIEDISTALLO Michelle e Anna, 8 anni _ COPPIA DI SPOSI

64 65
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE SECONDA

Argilla con adolescenti

Autori _ VILLAGGIO ADOLESCENTI Abbiamo fatto diverse esperienze all’interno di scuole pubbliche dove abbiamo
sempre proposto laboratori con l’argilla. La richiesta da parte delle scuole era più o
meno sempre di carattere socializzante e di strutturazione dei gruppi. In una società
multietnica come la nostra è diventato difficile creare coesione tra gli studenti nelle
scuole. La prima difficoltà è di tipo linguistico e spesso rende complicato o impossi-
bile il contatto, soprattutto laddove la diversità linguistica è utilizzata come barriera
per impedire all’altro di avvicinarsi ritrovandosi così in un mondo alternativo che
mette al riparo da frustrazioni e fallimenti dati dal confronto. Le diversità culturali
spesso sono vissute più come ostacolo che come stimolo per le classi. La pressione
data dal dover portare avanti i programmi scolastici nonostante le difficoltà evidenti,
rende il luogo carico di tensioni a livello relazionale.
Osserviamo una crescente necessità da parte delle scuole di avere strumenti per
far fronte a queste problematiche contemporanee.
La creatività come stile di vita nell’approccio alla diversità si rivela nuovamente
efficace. Negli anni di pratica si è consolidata una gestione dei setting di questo tipo:
quando i contesti sono poco chiari, confusi, agitati e quindi difficili da gestire è im-
portante proporre un setting semplice e diret-
tivo; quando invece i contesti sono ben strut-
turati, chiari e leggibili il setting può essere più
ampio e con varie possibilità e maggiormente
flessibile. La questione dei setting è così com-
plessa da meritare un approfondimento che
però faremo in un capitolo a parte. Un setting
è composto da molti elementi come spazio, lu-
ce, infrastruttura, accessibilità, mobili presenti
nella stanza, personale, équipe, gruppo di fre-
quentatori, uso esclusivo o condiviso, etc.
Nel laboratorio che tentiamo di descrivere
in queste pagine le condizioni di lavoro sono
state particolarmente difficili. Per questa ragio-
ne abbiamo proposto sin dall’inizio un ciclo
d’incontri dove è stata usata esclusivamente
l’argilla. Il gruppo dei frequentatori era com-
John, 11 anni _ CASA CON CANE
posto da adolescenti di una scuola media con
difficoltà varie: problemi linguistici in quanto
stranieri arrivati da poco in Italia, disagio socia- Sopra il tetto della sua casa,
il modellatore ha posto
le provocato da processi migratori, disagio so- un cane come simbolo di protezione
ciale locale, diversa abilità. Si comprende subi- dal mondo esterno.

66 67
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE SECONDA

to che l’eterogeneità del gruppo non favorisce ovviamente un andamento chiaro e li- ad esempio i ragazzi cinesi hanno realizzato case completamente chiuse senza né
neare ed esige un approccio che include diverse forme di disagio. È per questa ragio- porte né finestre. È l’unico gruppo etnico nel quale abbiamo potuto osservare una
ne che abbiamo scelto un unico materiale e, non a caso, l’argilla che riesce a contene- tendenza così accentuata ad una chiusura verso l’esterno ma nello stesso momento
re nel senso più ampio del termine. L’intervento originariamente avrebbe dovuto anche verso l’interno.
essere focalizzato su un itinerario di apprendimento linguistico, da noi proposto trami- Nella seconda fase della modellazione abbiamo proposto la costruzione di un co-
te il lavoro artistico-terapeutico che abbiamo chiamato “Incontri nell’arte - dal fare al perchio per il contenitore dando come indicazione che il coperchio non doveva ave-
comunicare”, accompagnando al processo di modellazione la compilazione di un qua- re nessuna connessione con un senso pratico per evitare l’effetto “zuccheriera” o si-
derno che serviva a raccogliere tutte le parole legate al processo creativo. Dal nostro mile. Sono nate diverse fantasie al riguardo che hanno assunto la forma d’animali,
punto di vista era un mezzo adatto per facilitare l’apprendimento della lingua e stimo- piante, simboli vari. Alcuni dei partecipanti hanno creato animali protettori come
lare il dialogo tra i partecipanti. A causa dell’eterogeneità del gruppo il lavoro è dive- cani, gatti, draghi. In un caso è stato utilizzato il manufatto per comunicare uno sta-
nuto individuale con temi profondi e di contenimento concernente stati di ansia e agi- to di disagio molto forte. Il partecipante ha modellato, mosso da un suo reale inte-
tazione interiore di alcuni partecipanti. Vediamo più da vicino che cosa è successo nel resse, una macchina da scontro ponendo accanto alla persona che guida, un masso
gruppo: lo spazio a disposizione era molto piccolo e, in realtà, poco adatto all’attività di grandi dimensioni che sta per schiacciarlo. L’immagine è molto forte, in particolar
perché utilizzato come magazzino per riporre vecchi computer, scatole di cartone, og- modo vista dal davanti. Il guidatore, che potrebbe essere individuato come l’autore
getti vari, dando un senso di disordine e agitazione alla stanza. Nella stanza, che veniva in un autoritratto, tra l’altro piccolo e magro (non corrisponde alla realtà, ma proba-
utilizzata per le ore di sostegno dai ragazzi con difficoltà, si trovavano diversi tavolini e bilmente alla sua auto-percezione) sta per essere schiacciato da un grande masso. È
sedie, un lavandino e scaffali già pieni di oggetti. In uno spazio piccolo non è facile ga- così grande da lasciare a malapena spazio alla piccola figura nella macchina.
rantire una certa intimità molto importante nel setting d’arteterapia. Alla fine è lo spa-
zio in cui la persona crea, in questo caso le tavolette su cui porre il blocco d’argilla da
lavorare, che diventa un ampliamento dello spazio reale inadeguato. Si è proposta ai
ragazzi una modellazione iniziale per entrare in contatto con il materiale. Ovviamente
accade con facilità in queste occasioni di stimolare un processo di regressione, dove il
materiale evoca fantasie che rimandano a feci, vermi, etc. A questo punto, l’atteggia-
mento giocoso in un gruppo di adolescenti con problematiche di tipo sociale o di ritar-
do nello sviluppo può degradare fino al punto in cui i partecipanti arrivano a tirarsi ad-
dosso le palline di argilla. La sola capacità di contenimento dell’argilla non è sufficiente
ed è necessario, almeno nella prima fase di lavoro, creare un setting in grado di conte-
nere il gruppo. Una possibilità di raggiungere questa meta è tramite esercizi guidati a
tema dati dal conduttore al gruppo al fine di incanalare le energie. Noi abbiamo pro-
posto il lavoro della casa sottoforma di processo che inizia dalla modellazione di una
sfera che poi si trasforma in un contenitore e in seguito, tramite un processo creativo,
in una casa. Al tema della casa è connessa una vasta simbologia. La casa rappresenta la
parte intima della persona, il contenitore degli effetti personali, il luogo d’interazione
tra familiari, ma anche il luogo dove ci si prepara ad interagire con l’esterno. Durante
lo svolgersi di un’attività ludica si possono toccare tutti questi aspetti. È interessante
ogni volta osservare i risultati che si raggiungono tramite il processo di modellazione
della sfera e non di modellazione della casa, si tratta di una modalità per aggirare le ste-
reotipie dell’immagine “casa”. L’immaginazione è spesso bloccata all’interno di rap-
presentazioni semplificate se non addirittura banalizzate, prive di sentimento, di con- Jonut, 11 anni _ CASA CON MACCHINA DA SCONTRO - DETTAGLIO
tenuti personali, di colori e odori.
Il processo creativo qui proposto ha condotto i partecipanti ad adottare una mo-
Il modellatore si è rappresentato alla guida di un autoscontro ponendo accanto a sé un masso che
dalità più personale nella quale hanno investito l’oggetto con contenuti autentici. sembra volerlo schiacciare. L’autoscontro è anche tetto della casa come a dire che l’interno è
Notiamo che in questo gruppo di ragazzi sono state prodotte case diverse tra loro, caratterizzato da forti tensioni e scontri da cui il ragazzo è quasi sopraffatto.

68 69
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE SECONDA

Il ragazzo che aveva una bassa autostima teneva a creare tutti i dettagli del suo la- bloccato rifiutandosi di andare avanti. Ci ha comunicato di non voler fare la casa. In
voro. In alcuni punti, ovviamente si trovava in difficoltà e chiedeva aiuto, come ad queste circostanze è molto importante accogliere il messaggio e sostenere una volontà
esempio quando ha cercato di fare un’antenna, cosa quasi impossibile, dovendosi anche quando entra in contrasto con l’intento iniziale. Lo abbiamo così aiutato a rea-
così accontentare di un risultato mediocre. Alla fine era contento del suo lavoro an- lizzare il suo desiderio di scrivere sulle pareti del contenitore il messaggio, a mo’ di
che se continuava a dire di non saper fare
niente. Effettivamente era sempre criticato
dagli insegnanti ma anche dai compagni
per il suo comportamento provocatorio e
disturbante. Parlava in continuazione ed
era sempre pronto a litigare con qualcuno,
era irrequieto con difficoltà a concentrarsi,
il rendimento scolastico scarso e di conse-
guenza la sua autostima bassa. Compensa-
va con comportamenti devianti. Attraverso
il lavoro della macchina da scontro, ha dato
un chiaro segnale d’allarme. Anche il tema
scelto che tendenzialmente piace ai ragazzi
Jonut, 11 anni _ CASA CON GIARDINO Ronaldo, 12 anni _ CASA-LUMACA Ronaldo, 12 anni _ CASA (“NON VOGLIO CASA”)
di questa età è in generale il tema dello
scontro. Effettivamente si scontrava in con-
Esempio di lavoro in cui l’artefice La casa-lumaca esprime il bisogno di protezione rispetto ad un ambiente ostile e minaccioso.
realizza concretamente e in ogni dettaglio
tinuazione con gli altri e soffriva a causa Un adulto presente in atelier (nel tentativo di bonificare il gesto provocatorio
il progetto della “casa dei suoi desideri”. della presenza del masso schiacciante ac- del ragazzo che ha inciso la frase “Non voglio casa”) ha modellato e posato sul tetto una farfalla.
canto a lui in macchina.
Nella fase successiva ha espresso il desiderio di modellare un’altra casa. Con writers, “non voglio casa”. Grazie a questo gesto è riuscito a concludere il lavoro sul-
un po’ di aiuto tecnico è riuscito a costruirsi la casa che desiderava. È la casa do- la casa sentendosi in pace con il suo lavoro perché rispecchia un suo stato d’animo.
ve lui avrebbe voluto abitare ed è composta da due piani con un balcone sopra, La farfalla in cima al tetto è stata aggiunta da un adulto che ha affiancato il ragazzo
un piccolo giardino con un albero dentro. durante l’attività cercando così di “bonificare” la situazione tesa dando voce più ad
Era così contento del lavoro e del fatto di essere riuscito a realizzarlo che ha un’esigenza di riparazione sua che del ragazzo. Abbiamo saputo in seguito che il ra-
chiamato tutti i suoi insegnanti per far loro vedere il suo lavoro. Diventa simbolo gazzo viveva una realtà famigliare talmente carica di violenza e disagi di vario genere
e testimonianza da una parte della sua capacità di esprimere desideri e contenito- da non volerci stare e così si spiega anche il suo comportamento deviante, l’aggressivi-
re per la crescita della sua autostima. Ha comunicato il suo risultato a tutti gli in- tà e l’identificarsi in un animale come la lumaca che forse rappresenta il suo desiderio
segnanti per dimostrare che non è soltanto il solito “guastafeste” ma un ragazzo di trovare un rifugio dove poter vivere in pace al riparo da tutte quelle difficoltà.
in grado di costruire invece che solo disturbare e distruggere.
Questi che abbiamo descritto sono soltanto due dei percorsi più importanti. Sono
Un altro caso di un ragazzo con forti disturbi sociali si esprime nel modo seguente. successi tanti altri fatti degni di nota. Il setting da noi proposto ha consentito di tenere
Abbiamo proposto la modellazione di animali, partendo dai suoi preferiti, e ci aspet- sott’occhio più o meno tutti e tutto il processo creativo anche se, in un gruppo di otto
tavamo da lui qualcosa di aggressivo come un mostro, un drago o un altro animale fe- e più ragazzi, qualche dettaglio sfugge. Siamo poi passati dalla modellazione degli ani-
roce. Invece niente di tutto ciò. Ha modellato una lumaca con la bocca aperta e uno mali e delle case alla modellazione di imbarcazioni. Il tema è doppiamente interessante
sguardo dolce. Forse non esiste animale più inerme di una lumaca, simbolo di pace e nel contesto multiculturale, perché da un lato tanti dei ragazzi hanno fatto viaggi lun-
lentezza, di bontà e lealtà. Il suo artefice aveva comportamenti aggressivi e provocato- ghi per arrivare a destinazione e dall’altro l’imbarcazione stessa è un simbolo universa-
ri per gran parte della giornata. L’apparente incongruenza è evidente. Forse ha voluto le del “mettersi in viaggio” come allegorìa della vita. Il gruppo ha accolto volentieri la
comunicare che in realtà lui non è come si presenta ma qualcos’altro. Nel lavoro della proposta. La maggioranza di maschi ha poi gradito l’impegno da ingegnere e capitano
casa si è poi rivelato ulteriormente. Ha modellato tranquillamente la sfera e il conteni- della propria imbarcazione dei desideri. La costruzione, portata avanti con ambizione,
tore ma quando siamo arrivati all’indicazione di trasformare il contenitore in casa, si è ha assorbito tutti i sensi. Alla fine abbiamo fatto costruire imbarcazioni in coppia per

70 71
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE SECONDA

imparare a condividere e comunicare. Riteniamo sia stato il materiale a dare la possibi- sé, dove per altro da sé si intendono sia gli aspetti della personalità più in ombra sia
lità di tenere il gruppo insieme e, come già detto in altra occasione, si tratta di un lavo- persone portatrici di diversità ma anche, nel percorso da noi proposto, il materiale
ro di contenimento in quanto è necessario contenere argilla in un certo modo per crea- stesso usato per la produzione di manufatti artistici come ad esempio l’argilla. Si pensi,
re la forma e in quanto il lavorare con due mani non lascia spazio per altro. infatti, a come l’argilla acconsente a ricevere interventi di manipolazione assumendo la
Dare fiducia e autonomia è poi fondamentale per la riuscita del lavoro. Una volta forma più desiderata ma, anche, a come essa possiede la capacità intrinseca di agire su
superata la fase della regressione, l’argilla dà un forte contenimento e la possibilità da chi la manipola, modulando la relazione secondo un registro di comunicazione che
una parte di diventare artefice di un’opera e dall’altra di far confluire costruzione ed esalta lo stato della mollezza, della fluidità ed anche, nello stesso tempo, la resistenza a
emozione in un unico lavoro. L’argilla tocca chi la tocca, indipendentemente dall’età. questi. Perché se è vero che io trasformo il materiale, lo plasmo, imprimo e/o estrapo-
Abbiamo anche svolto una serie di laboratori all’interno del progetto “Con-tatto e lo delle forme è altrettanto vero che il materiale mi trasforma, mi dà nuove visioni su
trans-formazione” presso un Istituto d’arte allo scopo di far conoscere agli studenti lo me stesso. Arteterapia, quindi, proposta come ponte verso la diversità nell’intento di
strumento dell’arteterapia e la sua applicazione in ambito psichiatrico. Ci siamo chiesti indurre i ragazzi a compiere un viaggio di trans-formazione in cui “passare attraverso”
sin dall’inizio che tipo d’interesse avrebbero manifestato ragazzi di quella età nei con- significa approdare in mondi sconosciuti uscendone, forse, cambiati.
fronti dell’arteterapia e se sarebbero stati disposti ad intrattenere, attraverso gli stru- Con-tatto per questi ragazzi è stato sinonimo di avvicinamento, compartecipazione,
menti grafico-pittorico-scultorei da noi proposti, un dialogo allo scopo di vivere insie- collegamento, legame, unione tra due cose, contatto tra oggetti ma anche sinonimo di
me alcuni momenti di riflessione sul mondo della “follia”. L’obiettivo era quello di filo elettrico, pendenza, paura di disturbare, di rimanere delusi, di perdere l’altro, di
mettersi alla scoperta del vero volto delle persone portatrici di disagio psichico, e non non essere ascoltati, desiderio di togliere le maschere sociali che siamo indotti ad in-
di quello da ormai troppo tempo e troppo spesso mitizzato e banalizzato anche da mo- dossare per riscoprire una dimensione di autenticità.
vimenti artistici e culturali, come ad esempio quello della art-brut. È apparso opportu- Dopo essersi impegnati in un lavoro di conoscenza del proprio mondo interno e
no, a questo punto, condurre l’attenzione dei ragazzi nel luogo spesso dimenticato se dopo aver trovato la modalità grafica e pittorica più adeguata per esprimerlo e condivi-
non addirittura rimosso della follia che ognuno di noi ha dentro di sé ed, in particolar derlo con gli altri, i ragazzi sono stati invitati a proseguire il percorso alla scoperta del-
modo, sull’immaginario della follia che ognuno di noi si costruisce pur non entrando la diversità in un laboratorio, l’ultimo, dove attraverso la manipolazione dell’argilla si
necessariamente in diretto contatto con ambienti istituzionalmente deputati al conte- sono cimentati nella costruzione di un villaggio. E si sono trovati, questa volta, legati
nimento della follia. Offrire spazi di produzione artistica in cui poter fare ritorno nel dal progetto comune di edificare insieme un luogo che, non solo avrebbe contenuto la
luogo della follia sciogliendo le inibizioni e le resistenze iniziali attraverso la sperimen- casa personale di ognuno di loro, ma che li avrebbe stimolati a vivere la sfida del trova-
tazione di un tipo di relazione che prevede il mettersi in ascolto di se stessi e dell’altro re spazi di condivisione, connessione, compartecipazione. Spazi entro i quali elaborare
in un registro di sensibilità sollecitato dallo strumento dell’arteterapia (una relazione, lo stato dell’essere tipico di ogni adolescente fatto di mille contraddizioni, come ad
dunque, vissuta con-tatto e cioè mediata, meditata, sottratta al pericolo di “inondazio- esempio il voler essere unici ed irripetibili e nello stesso tempo uguali agli altri, l’utiliz-
ni caotiche” insite nei processi creativi). Questa, è sembrata a noi la modalità d’inter- zare un linguaggio incomprensibile agli adulti nel tentativo però di essere da loro com-
vento più adatta per innescare un processo di avvicinamento e scoperta dell’altro da presi, il volersi ritirare dal mondo entro una cortina impenetrabile e nello stesso tempo
lasciare aperta ogni via d’accesso alla propria interiorità. Le case da loro create parlano
proprio di questo, del bisogno di essere completamente “in se stessi” attraverso fine-
stre ridotte a fessure fino a diventare assenti, ed anche attraverso tetti pesanti, comple-
tamente incorporati alla casa stessa, come a formare un unico blocco, una sorta di ca-
sa-bunker che nega ogni relazione. Queste case parlano anche del bisogno di essere
“fuori da se stessi”, sono case alcune quasi prive di pareti, dai tetti a malapena appog-
giati come fiori che si dischiudono allo sguardo dell’altro, case che non accettano la se-
parazione, che quasi perdono ogni senso del confine fino a diventare la stanza appena
sopra la discoteca in modo tale da non incorrere nel pericolo d’interrompere la relazio-
Autori _ ADOLESCENTI IN ATELIER Autori _ CASE IN ARGILLA ne col gruppo dei pari, ma anche ciotola che si presta a contenere qualsiasi invito alla
relazione facendoci comprendere l’importanza fondamentale, in ogni dialettica del
Ragazzi impegnati a Gruppo di case Casa caratterizzata dall’accentuata dentro e del fuori, della presenza di una linea di confine che preservi inalterato il nu-
modellare la loro casa. collocate all’interno chiusura verso l’esterno; cleo, intangibile, del proprio essere e che nello stesso tempo consenta in qualche mo-
di un villaggio. si notino le finestre a fessura. do, si spera con-tatto, all’altro di avvicinarsi ad esso.

72 73
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE SECONDA

Sul contenimento

Paola _ SENZA TITOLO Bisogna ricordare che la maggior parte del lavoro in arteterapia è di natura conte-
nitiva e non liberatoria come spesso si crede. La liberazione creativo-caotica è un
processo complesso che ha bisogno, contrariamente a quanto si possa credere, di un
setting forte. Spesso l’atto liberatorio viene ricondotto all’apparente caoticità del-
l’Action Painting, una corrente artistica fondata dall’artista americano Jackson Pol-
lock negli anni ‘50. I lavori liberatori eseguiti senza progetto e con gesti impulsivi
hanno una funzione catartica e di sblocco di strutture rigide interne. Servono come
preparazione per modificare strutture e perciò alla creazione d’altre forme di conte-
nimento. Il contenimento ha a che fare con la libertà. Si pensi a come il mare in “Ro-
binson Crusoe” definisce i contorni dell’autonomia del naufrago, a come il mare
stesso che gli concede la libertà sia allo stesso tempo il contenitore entro cui l’avven-
tura si snoda. I contenitori creano limiti, barriere, separazione e nello stesso momen-
to sicurezza, avvolgimento, orientamento. L’acqua ha bisogno di un contenitore per
essere trasportata, i cibi sono posati in contenitori per la loro protezione, le case in
cui viviamo sono contenitori (quando proponiamo la modellazione di case con l’ar-
gilla facciamo esattamente riferimento a questa funzione) e potremmo trovare tanti
altri esempi di contenitori nella nostra vita.

Una vita senza contenitori e contenimento non è possibile. In questo senso dedichia-
mo grande attenzione in atelier al contenimento e, in senso metaforico, alla cura dei
contenitori, custodi delle preziosità umane. Si tratta di strutturare e organizzare il mon-
do interiore in modo da condurre una vita che sia stabile e flessibile nello stesso mo-
mento. Questo stato può essere paragonato alla condizione “ideale” dell’argilla per la
modellazione: quando contiene la giusta quantità d’acqua è morbida e modellabile, sen-
za essere né troppo molle (stato nel quale non rimane in una forma precisa) né troppo
L’abbraccio materno dura (stato nel quale diventa impossibile lavorarla proprio a causa della durezza acquisi-
e, prima ancora,
il ventre offerto per ta). Questo stato ideale rende piacevole il lavoro al modellatore. È uno stato precario in
nove mesi al feto quanto sotto il costante influsso degli agenti atmosferici: l’aria e il calore la secca, l’acqua
è una forma la bagna, etc. L’argilla è in costante contatto con l’esterno e reagisce alle condizioni at-
di contenimento
fondamentale mosferiche. È un materiale sensibile.
che infonde senso
di sicurezza, Contenitore e contenuto: potrebbe essere interessante approfondire questa re-
protezione,
d’appartenenza
lazione con alcuni esempi. A chiunque risulta naturale che una brocca contiene
nell’essere umano. acqua. La organizza in una forma che corrisponde esattamente alla sua (quella
della brocca). L’acqua, per sua stessa natura, aderisce alla forma proposta e la ri-
empie perfettamente. Solamente grazie alla brocca, l’acqua può stare in questa
forma. Quando l’acqua viene versata, o si adegua ad un altro contenitore come ad
esempio un bicchiere oppure si disperde nell’ambiente (viene assorbita da altri

74 75
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE SECONDA

materiali, evapora). L’acqua stessa è a sua volta un contenitore. Nella sua compo- La struttura carceraria si propone come un sostitutivo temporaneo per il manca-
sizione sono contenuti vari elementi ed è anche in grado di creare una sorta di to contenimento interiore. Qui utilizziamo più che altro una metafora per descrivere
pellicola che possiamo osservare in una goccia d’acqua. Ritornando invece al bic- processi psicologi interni che non hanno niente a che fare con i problemi reali della
chiere, sembra che non sia contenuto da nient’altro che da se stesso. L’aria non reclusione.
contiene il bicchiere e presenta solamente lo spazio circostante. La sostituzione esterna del contenimento però non è sufficiente per un reinseri-
Si potrebbe pensare che nel mondo fisico i materiali più duri e densi abbiano mento del detenuto nella società. L’alta quota di recidivi dimostra che, nel momento
la funzione di contenitore per i materiali più liquidi ed effimeri, come ad esempio in cui cade il contenimento esterno, quello interiore non basta perché resta troppo
bicchiere-acqua e più in generale i contenitori per liquidi di tutte le forme, men- instabile. Il risultato è la ripetizione degli stessi comportamenti disadattivi del passa-
tre molti altri contenitori servono per proteggere i contenuti da influssi indeside- to anche al prezzo di ritornare in carcere.
rati o nocivi: cibo conservato in contenitori chiusi, vestiti conservati in armadi,
persone che trovano riparo nelle case, etc. L’arteterapia dà un sostegno nella costruzione o ricostruzione di un mancato
contenimento interiore. Fare sculture con argilla significa creare spazi, differenzia-
Per comprendere più profondamente il concetto di contenimento e la sua funzio- zione, pelle: si crea un dentro e un fuori, una linea di confine tra scultura e spazio
ne vitale nell’esistenza dell’uomo bisogna tornare indietro nel tempo. Prima di na- circostante.
scere siamo contenuti nel ventre materno, protezione che si prolunga durante la pri-
ma parte della vita nella protezione e nella cura materna. Contatto pelle a pelle con
la madre, vestiti, coperte, culle sono tutte forme di protezione che danno sicurezza al
bambino. Sentire confini dà anche la possibilità di percepire se stessi. Solamente at-
traverso il contatto con la materia siamo in grado di percepire noi stessi. Toccando
un altro, sentiamo noi stessi. Perciò il senso del tatto diventa fondamentale per lo
sviluppo del bambino, per una crescita e un formarsi dell’Io che si distingue dal
Non-Io, e quindi dall’altro da me. All’inizio, nell’età neo-natale, non c’è ancora que-
sta distinzione, il neonato percepisce tutto come prolungamento di sé. Anche il seno
materno è percepito come suo, come incorporato a se stesso.
L’esperienza tattile insegna col tempo la presenza di qualcos’altro: il mondo è
percepito come qualcosa d’esistente al di fuori del proprio sé.
Visto in modo semplice, anche il corpo umano è un contenitore. La pelle ne co-
stituisce il confine tra il suo interno e il suo esterno, tra il dentro e il fuori.
Il contenimento interiore regola la vita affettiva ed i rapporti con gli altri in modo
che nel continuo flusso d’impressioni, stimoli ed emozioni la persona ristabilisca
continuamente il suo equilibrio interiore.
Essendo gli equilibri sempre precari, si tratta di una trasformazione continua, un
apprendimento emotivo e vitale. Ogni stagnazione di questo flusso produce disturbi.
La capacità di contenimento nelle relazioni umane e quindi il rispetto dei propri
diritti e dei diritti degli altri non è solo una questione legale ma anche inerente alle
singole persone che formano una comunità. L’educazione, in quanto trasmissione di
valori, ha un ruolo fondamentale in questo processo di apprendimento.
La mancanza d’affetto, separazioni traumatiche, compagnie sfavorevoli, delin-
quenza e violenza in ambito famigliare, emigrazione, perdita delle proprie radici cul-
turali, possono diventare fattori destabilizzanti anche se non lo sono necessariamen-
te. Se questa struttura interiore non si è sviluppata o viene danneggiata, l’individuo
versa in uno stato di instabilità.

76 77
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE SECONDA

Argilla e Autismo

Damiano _ UOMO E BARCA Fino a qualche anno fa le persone affette da autismo erano inserite all’interno di
gruppi di pazienti disabili. Oggi si trovano sempre più centri specializzati per questo
tipo di disturbo perché è stata riconosciuta la necessità di trattamenti specifici, stu-
diati per i bisogni particolari degli autistici come, ad esempio, il metodo TEACCH
(Treatment and Education of Autistic and related Communication handicapped
Children), il metodo CAA (comunicazione aumentativa alternativa).

I giovani pazienti autistici ricevono prevalentemente trattamenti educativi mirati


a migliorare la convivenza con gli altri, la comunicazione che spesso è completamen-
te o parzialmente compromessa, l’igiene, e mirati a ridurre i comportamenti aggres-
Opera emblematica della condizione esistenziale sivi o autolesionisti che possono causare anche gravi conseguenze. Durante questa
della persona affetta da autismo, fase l’arteterapia, ancora non molto sperimentata, può dare un sostegno a migliorare
essere soli in una barca che galleggia in mezzo al mare l’aspetto della comunicazione e del contatto con l’esterno, considerando che anche
senza alcuna possibilità di comunicare con l’esterno
(si noti come la bocca viene coperta ad indicare
solo tracciare un segno con una matita su un foglio per un autistico può rappresenta-
l’impossibilità di dare e ricevere comunicazione). re un grande passo in avanti.

Con i pazienti adolescenti o adulti che sono già stati sottoposti ad un processo
educativo e che hanno acquisito una maggiore capacità di contenimento e di con-
trollo dei propri comportamenti, il lavoro con l’argilla può rivelarsi molto utile ed ef-
ficace. La proposta dell’argilla può essere fatta tranquillamente ad un paziente con
autismo in quanto, come tutte le altre persone in uno stato di disagio, si rifiuterà se
non si sente pronto a vivere questo processo. Occorre precisare che la naturalezza
con la quale questa proposta viene fatta ed anche la naturalezza nell’avvicinarsi a
questo materiale derivano dall’esperienza diretta del terapeuta e sono di fondamen-
tale importanza per invogliare il paziente ad accettare.
Osserviamo che l’argilla spesso non è neanche presa in considerazione nell’as-
sortimento dei materiali base in atelier. Il viaggio alla scoperta di questo materiale
va incoraggiato, accompagnato perché produce in ogni caso un contatto con i pro-
pri sentimenti, cosa così preziosa nel lavoro con pazienti autistici che, impossibilita-
ti nella comunicazione con il mondo, possono ritrovare un contatto con se stessi
tramite l’argilla.

Il lavoro può essere figurativo oppure astratto, più concentrato sul processo
che sull’attesa di risultati soddisfacenti. A causa dell’impossibilità di condivisione
dei parametri riguardanti la relazione con il tempo (asse passato-presente-futuro)
che comporta una difficoltà di percepire un “prima” e un “dopo”, è molto diffici-
le ottenere da parte di un autistico la narrazione di un racconto perché si muove

78 79
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE SECONDA

sull’asse temporale in una logica di progressione rispetto al susseguirsi di eventi. via dell’interruzione della terapia causata da un trasferimento della paziente in un al-
Per fare un esempio: una paziente cui è stato proposto di rappresentare un prima e tro centro. Ma attraverso questo trasferimento si è manifestata una parte di questa
un dopo attraverso una situazione di ponte (domanda: da dove è partito il cavallo attesa nascita, cioè un salto nell’indipendenza e un distacco da una famiglia d’origine
e dove va?), non è riuscita a integrare una relazione spazio temporale nel lavoro e con la quale la paziente intratteneva un rapporto morboso. La paziente è migliorata
il risultato si presenta così: La paziente aggiunge due cavalli disegnati e colorati a notevolmente grazie a questi cambiamenti. In questo caso, come in tanti altri, è la fi-
mano al cavallo ritratto in foto che si trova in mezzo ad un ponte (collage). Si crea ducia nelle capacità del paziente che permette di ottenere risultati inattesi e sor-
una situazione dove il cavallo originale si “tripli- prendenti. Il salto dal consueto bidi-
ca” e forma un quadro in cui i tempi (prima-ades- mensionale al tridimensionale apre
so-dopo) si fondono in un’unica temporalità, che nuove possibilità. È interessante ri-
potrebbe essere definita a-temporale. flettere sullo sviluppo grafico-pittori-
Il lavoro con l’argilla permette questa a-tempo- co-scultoreo del bambino in generale
ralità in quanto è un lavoro che si basa sul processo e vedere se è necessario partire dal di-
e quindi si allinea con il vissuto temporale del pa- segno per arrivare alla scultura oppu-
ziente. La costrizione data dal muoversi mental- re se è possibile anche invertire que-
mente su di un asse temporale per noi consueto, sto percorso. Nel capitolo dedicato ai
mette in difficoltà il paziente autistico. La modella- bambini abbiamo provato ad indaga-
zione dell’argilla, che segue in modo armonioso il re il campo ed osservato le produzio-
bisogno di una a-temporalità del paziente, permet- ni tridimensionali dei bambini a par-
Melissa _ CAVALLI E PONTE (TECNICA MISTA) te una connessione con il proprio sé senza tensioni tire dai 4 anni. Melissa _ OPERA
e frizioni causate da aspettative esterne. Infatti, ab- Noi riteniamo che il bagaglio di
Opera in tecnica mista dove viene biamo potuto osservare che la relazione “intima” esperienze vissute durante i primi an- Da quest’opera sembra voler nascere una figura.
disegnato lo stesso cavallo tra paziente e materiale avvia, senza che ci sia biso- ni di vita dal bambino influenzi la sua Si sente come una pressione che viene
sia da una parte dal dentro e che cerca di espandersi verso l’alto.
che dall’altra del ponte. gno di un particolare intervento da parte del tera- vita futura nei termini di affermazione
Si tratta di un racconto cronologico peuta, un dialogo molto intenso che in alcuni casi dei propri bisogni, realizzazione dei
e nello stesso tempo a-temporale. può portare ad un risultato apparentemente poco desideri, etc. Con alcuni dei pazienti è stato possibile e anche molto utile passare al-
significativo, ma che in realtà rappresenta solamen- la modellazione con l’argilla. Il contatto con il materiale ha permesso di migliorare
te la conclusione di un intenso dialogo instaurato con l’argilla. Il bisogno di a-tempora- notevolmente il rapporto con le proprie emozioni e di avere a disposizione un conte-
lità si manifesta in un apparente non-risultato che, soltanto per il terapeuta che è stato nitore dove metterle. Il caso della paziente descritto sopra è davvero un esempio im-
in risonanza con il processo, assume un significato. In altri termini, quando si riescono portante in quanto ha fatto fluire nell’argilla i suoi stati emotivi quotidiani ed è stata
a sentire solamente le ultime parole di un dialogo, è impossibile comprendere l’intensi- in grado di lavorarla anche in momenti di crisi. È notevole anche che il tempo di at-
tà e la profondità dell’intero dialogo. tenzione e concentrazione è salita da 20 a 60 minuti e un aumento di autonomia da
Prendiamo qui in considerazione l’esempio di un lavoro del genere: la trasforma- parte sua nell’atelier.
zione continua di un blocco d’argilla su di una tavoletta di circa 30x30 cm si conclu- Nel caso di un altro paziente adulto siamo passati da una rappresentazione piatta
de e ci presenta l’argilla in uno stato nel quale possiamo solamente percepire la mas- e frammentata prima ad un lavoro a strati dopo, dove lui ritagliava da lastre di argil-
sa vibrante che è stata lisciata e quasi spianata come per cancellare tutto quello che è la i pezzi necessari per incollarle insieme come in un assemblaggio, poi a delle scul-
accaduto durante un’ora di lavoro. Infatti, avevamo spesso la sensazione che la pa- ture vere e proprie a tutto tondo. Non ha mai abbandonato completamente la sua
ziente voleva quasi annullare tutto l’accaduto come nell’intenzione di proteggere il modalità dell’assemblare, acquisendo una padronanza dello spazio e trovando un
suo percorso da ingerenze indesiderate e da sguardi indiscreti. contenitore per la sua energia talvolta distruttiva.
Questo processo si è ripetuto tante volte durante gli incontri in atelier e forse sa- Il paziente autistico in generale è molto legato alle proprie abitudini e, forse, sono
rebbe “nato” qualcosa di nuovo perché sotto la pelle vibrante del blocco d’argilla quelle che gli danno la maggiore stabilità. Durante la fase più educativa si cerca di
più volte spianato cercava di farsi spazio qualcosa come un essere che stava crescen- orientare il paziente verso comportamenti funzionali e rassicuranti, aiutandolo così a
do e quasi venendo alla luce. Non abbiamo potuto accompagnare questa nascita per stabilire un contatto proficuo con l’ambiente. La comunicazione tramite immagini

80 81
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE SECONDA

Istantanee del processo che ha coinvolto la paziente per diverse sedute. Autori _ PERCORSO MELISSA
Le mani sondano nella superficie argillosa e fanno emergere gli impulsi ricevuti.
Nascono così tante forme dalla comunione con la materia.

82 83
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE SECONDA

per esprimere bisogni come fame, sete, sonno, è molto diffusa. L’orientamento negli I pezzi vengono costruiti e poi posizionati in base ad un’esigenza di spazio. Il pa-
spazi e nei rapporti risulta difficile per il paziente. È questo il motivo per il quale, una ziente usa volentieri i pastelli ad olio per colorare. È già un indizio per poi portarlo ver-
volta acquisiti la comprensione, la confidenza e il dominio dello spazio, non gradisco- so l’uso dell’argilla. Gli animali che sceglie di disegnare sono tutti di natura aggressi-
no cambiamenti. Anche spostare un mobile in casa diventa difficile ed è più adatto va/difensiva come ad esempio granchio, scorpione, serpente, pesce sega etc. Si vedono
mantenere inalterata una struttura che dà così sostegno ad una fragile interiorità. Nel- spine, gusci, artigli in segno di protezione e difesa. Abbiamo saputo che il paziente ha
la rappresentazione artistica ovviamente si ripete questa modalità. La ripetizione dà avuto momenti di forte aggressività verso altri, atteggiamento questo che gli ha com-
sicurezza ma, nello stesso tempo, nasconde il pericolo di una sclerotizzazione del portato problemi e rimproveri. Leggiamo nei suoi lavori che questo è un modo per espri-
comportamento. Il paziente qui preso in considerazione ha una particolare capacità mere una parte di sé che è difficile da gestire e un modo semplice per tenerla a bada.
di memorizzare dati. Ad esempio chiede diverse volte alle persone che lo circondano Questi animali, come anche le fiabe, vengono eseguiti in una modalità simile al
la data di nascita, la professione, l’indirizzo etc. Dopo aver memorizzato i dati li ripe- basso relievo. Ci sono 2 o 3 livelli: una base fatta d’argilla, su suggerimento, e un sog-
te molte volte durante la giornata in occasione di incontri con altri operatori finché è getto costruito a moduli. Il procedimento è come in un lavoro di assemblaggio, cosa
sicuro di avere il dominio di tutti i dati. È molto interessato ai libri dai quali estrae da- che già sa fare bene - ed ecco la ripetizione: costruisce su una tavola a parte ogni sin-
ti scientifici su animali, geografia, scienza etc, ma è anche interessato alle fiabe che ap- golo pezzo che poi viene composto sulla tavola di argilla tutto su un unico piano. Al-
prende interamente. Dai racconti abbiamo saputo che ha lavorato per diverso tempo cuni particolari necessari poi vengono aggiunti dopo sul terzo piano. Così ogni lavo-
con il nonno in falegnameria apprendendo molte tecniche di lavorazione del legno. ro è molto razionale e logico nel suo percorso di costruzione. La poesia e la
Un’altra particolarità è la sua capacità di montare modellini di vario genere seguen- particolare visione del paziente emerge nel modo di accostare i pezzi sulla tavola (ve-
do le istruzioni tipo lego, passo a passo, anche di macchinari abbastanza complicati. dasi il lavoro di Biancaneve). Ci sembra naturale invitare il paziente, dopo un perio-
Si esercita tante volte a montare e smontare l’oggetto in questione con l’aiuto delle do di lavori eseguiti secondo questa modalità a sviluppare una modalità più tridi-
istruzioni fin che ci riesce anche senza consultarle. Quindi l’apprendimento, piutto- mensionale. Così inizia a costruire figure a tutto tondo mantenendo la sua modalità
sto meccanico e ripetitivo, gli fa raggiungere così dei risultati notevoli. Quando arri- di costruzione a pezzi. La cosa che cambia è il suo rapporto con l’opera. È diventato
va in atelier si muove su due assi: disegno di fiabe che conosce e disegno di animali un rapporto frontale invece che un rapporto con una tavola piatta sulla quale co-
che gli piacciono. Utilizza una modalità che assomiglia ad assemblaggi, collage. struire. Modella figure che hanno avuto significato nella sua vita: babbo natale,

Damiano _ PESCE SEGA Damiano _ CARABINIERE - DETTAGLIO

Anche in queste opere la bocca è rappresentata


come impossibilitata ad intrattenere una comunicazione
Damiano _ BIANCANEVE E I SETTE NANI con l’esterno, la bocca appare nell’immagine a sinistra molto ridotta
nelle dimensioni, rispetto a naso e occhi che sono comunque
rivolti verso il basso, e come ripiegata verso l’interno;
Esempio di un bassorilievo L’autore trova una soluzione originale nell’immagine a destra riempita d’argilla come
con un animale dotato di strumento di difesa per far stare tutti e sette i nani ad indicare uno stato d’“intasamento” forse causato dalla mancanza
(pesce sega). in uno spazio ristretto. di un adeguato flusso comunicativo tra il dentro e il fuori. Damiano _ IDRAULICO

84 85
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE SECONDA

con se stesso. Anche lui, come l’altra paziente, ha aumentato notevolmente la sua per-
manenza in atelier, anzi, alla fine della seduta, occorreva sollecitarlo ad andarsene.
Non tutto, ovviamente va così liscio in un atelier. Alcuni pazienti trovano troppo
difficile gestire questa massa informe e provano disagio. È evidentemente difficile
dare forma a qualcosa che non ha forma e che non propone forma. Una paziente
non ha fatto altro che strappare pezzi d’argilla da un blocco senza più compattarla.
Un processo che va a “senso unico” e una disgregazione senza una ricomposizione
non aiutano il paziente anzi ne accentuano di più le difficoltà. È come una perdita
vissuta in maniera definitiva, come quando il bambino butta via un giocattolo senza
più riprenderselo. È la perdita del genitore, della mamma, in senso metaforico e la
perdita del rapporto. La riparazione può essere solo cercata in un altro tipo di lavo-
ro. Abbiamo allora smesso di lavorare l’argilla.
In un altro caso si è accelerato troppo il processo regressivo ed il bambino si spal-
mava l’argilla dappertutto, anche sui mobili e sulle pareti, mescolandola alla saliva e
ai colori cercando di utilizzare anche l’acqua. Il processo in questo caso è sconfinato
e abbiamo interrotto a favore di materiali più secchi e strutturati.
Un altro paziente poi non ha voluto proprio saperne dell’argilla e riteniamo che
sia successo a causa del suo conflitto con il corpo e con la madre. L’argilla viene vis-
suta come sporca. Meglio allora usare pennelli e colori su carta per avvicinarsi in
modo meno minaccioso all’interiorità e ai conflitti.

Damiano _ ROBOT

idraulico, poliziotto e, come lavoro unico e particolare, la barca con la figura seduta
dentro. Questo lavoro va al di là delle solite modalità. La barca è stata modellata per
prima per poi mettere la persona dentro. L’opera trasmette un forte senso di solitudi-
ne ed è forse il lavoro attraverso il quale il modellatore è entrato in profondo contatto

86 87
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE SECONDA

Argilla e Psichiatria

Davide _ RITRATTO / MASCHERA Mentre un tempo c’era perplessità nell’utilizzare l’argilla con pazienti psichiatrici
a causa degli effetti regressivi e della sua qualità di mollezza che può generare stati di
disagio, oggi la si utilizza sapendo che offre molti benefici in questo ambito.
Non è facile definire con esattezza che cosa è la psichiatria. In altre parole: non
esiste un paziente psichiatrico ma una varietà di disturbi che confluiscono in questo
quadro, dalla persona depressa al paranoico, dal disturbo di personalità al borderli-
ne, dall’ossessivo e compulsivo al
Due opere che si assomigliano sia per il contenuto
maniacale e schizofrenico. trattato che per la tecnica utilizzata. Entrambe le figure
Per molti aspetti la psichiatria inoltre sono in posizione sdraiata. Nella “figura sdraiata”
sembra ancora un enigma dove si si tratta dell’opera di un artista che rappresenta una
va per tentativi attraverso tratta- figura dormiente e ricoperta da un pezzo di un vaso di
terracotta come se fosse una coperta. L’opera trasmette
menti terapeutici, riabilitativi, un senso di morte, di stanchezza, di abbandono.
medici. Di conseguenza è anche L’opera sottostante, eseguita da una paziente, trasmette
molto difficile uniformare pazien- un senso di stanchezza simile e si percepisce una forma
di rassegnazione e stanchezza rispetto alla malattia.
ti e interventi arteterapici. In mol-
ti anni d’esperienza di conduzio-
ne d’atelier con persone in questo
stato abbiamo provato a propor-
re l’argilla. La difficoltà maggiore
consiste nel superare la resistenza
iniziale che può nascere solamen-
te dal fatto che si tratta di un ma-
teriale umido e informe.
Spesso i pazienti hanno poca
forza fisica e/o mentale a causa M. Paladino _ FIGURA SDRAIATA IN TERRACOTTA
dei farmaci che vengono loro
somministrati per tenere sotto
controllo gli eccessi dati dai dis-
turbi mentali come allucinazioni
e deliri. Gli effetti collaterali a
volte fanno sembrare al paziente
tutto incredibilmente faticoso.
Forse, a volte, è proprio per que-
sto motivo che si tende a propor-
re disegno o pittura in atelier.
L’argilla, infatti, richiede un inter-
vento fisico non indifferente. Co-
sì si può osservare a volte come le Darma _ FIGURA FEMMINILE SDRAIATA

88 89
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE SECONDA

mani di un modellatore non riescono ad affondare nel materiale e rimangono in su- Analizziamo l’esempio di un paziente con un’ottima capacità nel disegno (e
perficie o si bloccano completamente. Spesso però arriva poi l’impulso dall’argilla chi è del settore sa che gli “esperti” sono i pazienti più difficili in un atelier d’ar-
che stimola la reattività del paziente che inizia a modellare. teterapia perché padroneggiano i meccanismi di difesa nascondendo aspetti del-
Una paziente mi riferisce che non ha neanche la forza di piegare delle lenzuola la loro patologia attraverso la maestria grafico-pittorica). La sua specialità sono i
e che si sente vuota. Effettivamente ha spesso lo sguardo che sembra andare nel Manga, fumetti del mondo giapponese. È molto bravo a disegnare quel mondo
vuoto alternando questo stato con momenti di intensa presenza dove è in grado di che però è evidentemente distante dalla sua realtà. Così, con pazienza, l’abbiamo
comunicare con gli altri e di descrivere anche con una certa precisione il suo sen- portato verso la modellazione dell’argilla dove all’inizio non si sentiva a casa. Poi
tirsi. La paziente inizia subito con l’argilla in atelier e modella soprattutto conteni- ha iniziato a prendere confidenza e si è appassionato facendo un percorso inte-
tori di diversi tipi: tazze, foglie a forma di ciotola, cuori-contenitori, vasi etc. Tutti grato tra Manga e realtà. Infine, ha apprezzato le possibilità che gli offriva l’ar-
questi contenitori rimangono però vuoti e lei dice che si sente esattamente così. La gilla. Oggi lavora in una piccola azienda che produce ceramiche dove ha la pos-
cosa interessante è che scopre lei stessa sibilità di approfondire le sue conoscenze.
Metà volto e metà maschera la contraddizione insita in quello che di-
sembrano oscillare tra le due identità. ce: “Non riesco a darmi contenimento e Una serie di mezzi busti modellati dal paziente. Tappa importante nel processo
Gli occhi scavati hanno uno sguardo intenso e mi sento vuota”. Sicuramente risponde Si vede bene un’evoluzione dallo stereotipato volto “Manga” di modellazione. La figura ispirata ai
penetrante. Linee semplici, chiare ed essenziali alla maggiore intensità d’espressione umana nelle altre due. Manga inizia ad acquisire sembianze
sembrano entrare in contraddizione con la alla sua “verità” interiore, ma il fatto che Ispirandosi ai “borghesi di Calais” di A. Rodin, l’autore più umane. Si osserva che nella zona
mancanza di confini che caratterizza il disturbo modelli contenitori le fa scoprire che au- ha acquisto competenze nel sondare i veri sentimenti umani. naso e bocca il modo di modellare
psichiatrico. L’opera è un esempio di come il tomaticamente crea confini e perciò con- L’acquisizione di questa capacità ha poi reso sta cambiando in favore ad
lavoro con l’argilla aiuta a creare confini e le sue sculture molto più reali. un’empatia con un vero volto.
presenta così un valore terapeutico
tenimento perché diversamente non è È stato un modo per integrare le sue stesse emozioni È un momento di trasformazione
importante. possibile con l’argilla. Lei è un esempio che erano “congelate” e stereotipate nel mondo dei Manga. dove una nuova forma si fa spazio.
tra tanti altri che tramite l’argilla creano
pelle e differenziazione, limite e spazio.
L’argilla richiama alla concretezza e non
permette “sfumature”, ma solo pieno di
materia o vuoto. Così il modellatore in
ogni momento prende, ed è chiamato a
farlo, una posizione determinata. La for-
ma è concreta e determinata, fisica e li-
mitata e risponde così ai criteri della ma-
teria, del reale, del limitato.
Non c’è spazio per deliri o per incer-
tezze perché anche l’incertezza diventa
certezza imprimendosi nell’argilla. Que-
sto processo è molto curativo per il pa-
ziente psichiatrico e un crescente nume-
Davide _ RITRATTO / MASCHERA Emanuel _ TRE BUSTI Emanuel _ BUSTO
ro di pazienti che si affezionano all’argilla
in atelier lo dimostrano.
Più che in ogni altro campo dell’arteterapia, è nell’ambito psichiatrico che
l’incertezza o la perplessità causata dall’inesperienza dell’arteterapeuta causa
un blocco nel paziente, mentre una naturalezza nel proporla “convince” spesso
ad utilizzarla.
L’argilla porta nel mondo reale, lontano dall’impalpabile in un mondo rag-
giungibile, tattile, sensibile, apprendibile, comprensibile.

90 91
Parte Terza

92
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE TERZA

Vivere lo spazio

Axel Rütten _ SENZA TITOLO La scultura si vuole espandere nello spazio, acquisire lunghezza, altezza, spesso-
re. Tutto ciò accade in una dimensione spazio-temporale.
La percezione soggettiva dello spazio si estende o si restringe secondo gli ele-
menti che intervengono. È molto importante far notare a chi modella l’argilla que-
ste correlazioni. Non è scontato avere un’attenzione di questo tipo e conoscerne gli
effetti. Partiamo ad esempio dalla posizione del modellatore: solitamente lavora se-
duto ad un tavolo. Questa posizione è già una posizione determinante rispetto al
manufatto. Il corpo è più o meno “bloccato” nella posizione, il tavolo propone un
piano orizzontale, fisso. Il movimento delle braccia e della testa è più o meno libe-
ro. In questa posizione il modellatore lavora tendenzialmente in modo statico con
la scultura davanti a sé, sul tavolo. La relazione si esprime generalmente in questo
modo: il modellatore lavora con una quantità piccola d’argilla (può essere anche
media) che va dalla quantità di un pugno fino a circa 2-3 kg. La relazione tra mo-
dellatore e scultura è statica e si esprime spesso in una modellazione prevalente-
mente da una parte. Questo tipo d’approccio è riconducibile ad esperienze prece-
denti di lavoro sul bidimensionale che comporta un’attitudine all’unico punto di
vista, modalità questa che, anche a causa della stessa posizione nella quale si lavora,
viene applicata anche alla modellazione.
La relazione con lo spazio così si restringe. Se si sceglie questo tipo d’impostazio-
ne si può proporre l’uso di un classico trespolo da tavolo che consente di girare la
scultura. Per evitare una sensazione d’instabilità causata dalla facile rotazione del
piano si possono proporre i trespoli interamente di legno che, a causa di una mag-
giore frizione, girano più lentamente. A volte basta anche far notare che si può gira-
re la tavoletta che si usa direttamente sul lavoro d’appoggio. In questo caso però, la
La sovrapposizione
di più immagini base sulla quale si modella non deve essere troppo grande e possibilmente quadrata.
ci ha consentito Vivere lo spazio significa includere tutto lo spazio intorno, cosa che in genere ac-
di creare un gioco cade in modo più o meno disattento. L’occhio vede e calcola gli spazi intorno e met-
di prospettive, forme
e di chiaro-scuri te poi in relazione il proprio lavoro. Questo modo appartiene all’apprendimento ar-
che aiuta ad andare caico dell’uomo dove è necessario calcolare velocemente distanze e spazi per
oltre una visione affrontare o evitare pericoli. Si prende in considerazione anche lo spazio degli altri se
talvolta stereotipata
e limitante
si lavora in gruppo. La distanza tra l’altro e me. È importante che se si lavora da se-
dello spazio-tempo. duti, almeno i gomiti abbiano sufficientemente spazio per muoversi. Se si lavora
Come suggerito “gomito a gomito” si rischia di castigare troppo il processo creativo a favore di ma-
dall’immagine, nufatti “bravi” e composti. Questi, ovviamente sono solo pochi punti di riferimento
esistono brecce,
varchi, curvature, perché incidono anche altri elementi come la relazione con il contenuto, la capacità
coesistenza manuale, timidezze, fretta sull’esito del lavoro.
di più livelli, Modellare o, più in generale, scolpire è un invito a vivere diversamente lo spazio
più dimensioni.
che diventa il contenitore della scultura con la quale ci si mette in relazione. L’espan-

94 95
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE TERZA

sione della scultura avviene in tutte le direzioni e, proprio partendo da questo pre- con il suo inizio: è diritta, ma curva perché segue la forma del pianeta che è tondo.
supposto, è bene trattarla. Una scultura messa su un cavalletto da scultore in mezzo Pare tutto tondo nell’universo, perché allora non si potrebbe pensare che, anche se
ad una stanza è diversa da una scultura poggiante su un tavolo; si può girare intorno disegno una linea non parallela al terreno, ma perpendicolare, prima o poi ritorna al
e guardarla da tutte le parti. Il modellatore dovrebbe muoversi intorno alla scultura suo inizio, dopo avere descritto una grande forma rotonda, cioè quella dell’univer-
per sondare ogni pezzo da ogni angolatura possibile. La relazione è generata dal mo- so? In realtà stiamo parlando dell’infinito e perciò di quello che non ha una fine. Il
vimento. È il movimento che consente la visione tuttotondo. Può essere la scultura segno dell’otto in orizzontale viene utilizzato per descrivere l’indescrivibile. Se si se-
che si muove (sul trespolo) o il modellatore intorno oppure ambedue. La posizione gue con una matita la forma dell’8 disteso si intraprende un viaggio infinito perché
statica consente solo un unico punto di vista e qui emerge il contenuto metaforico non ha inizio né fine. Posso anche stabilire un inizio e una fine ma in realtà non ne
dell’azione: è il movimento che produce nuovi punti di vista. Per un’esperienza di ha. Anche la lettera “O” e lo zero hanno la stessa qualità. Alfa e Omega, inizio e fine.
spazio è importante avvicinarsi e allontanarsi dalla scultura per vederla da diverse di-
stanze e per scoprire la sua relazione con lo spazio circostante. Se, ad esempio, il mo- Il mondo bidimensionale
dellatore lavora in piedi avrà tutto il suo corpo a disposizione per entrare in relazio- Larghezza e lunghezza determinano l’estensione di forme bidimensionali. Frutto
ne con l’opera. Il suo peso, la pressione che può esercitare è molto più forte e di riflessioni matematiche, si estraggono da corpi tridimensionali singole piattaforme
coordinato che nella posizione seduta. Il rapporto diventa molto più fisico, un corpo che fanno parte del corpo complessivo. Questi corpi bidimensionali non hanno
a corpo con la scultura e probabilmente le sculture diventeranno anche più grandi estensione di profondità e perciò rimangono impalpabili e immaginari per noi. Dise-
nelle dimensioni. gno e pittura sono tecniche che utilizzano unicamente queste due dimensioni in
quanto, su un supporto di carta, tela o altro troviamo rappresentazioni del mondo
reale o fantastico senza profondità. Ciò significa che quello che vediamo non possia-
LE DIMENSIONI mo toccarlo perché privo di spessore e perciò materialmente inesistente - è pura rap-
presentazione. Ad esempio l’albero rappresentato non è l’albero. È disegnato o di-
Per dimensioni s’intendono parametri d’espansione direzionale nello spazio (la pinto con dei colori per richiamare ad una realtà, è un ricordo. È anche vero che
parola spazio è qui concepita come termine per l’unità più grande che possiamo solamente se si conosce l’albero si può riconoscerlo nel disegno. Perciò sarà anche
concepire). In questo concetto di spazio ci sono delle regole dimensionali che ancor vero che, se in un’opera sono rappresentati degli aspetti della realtà che noi non co-
oggi preservano variabili incomprese. La teoria della relatività di Albert Einstein e la nosciamo non li possiamo neanche riconoscere - semplicemente non li vediamo - sia-
messa in discussione della costante di gravità stanno portando l’uomo verso nuove mo come dei ciechi davanti alla rappresentazione.
frontiere e ad una comprensione più ampia dello spazio e dei concetti legati ad esso. Non siamo assolutamente in grado di connettere le informazioni date in maniera
Ad esempio la quarta dimensione, e quindi il tempo, è difficile da concepire per noi. corretta perché non siamo a conoscenza del loro significato, non conosciamo il codi-
Fino a tre dimensioni abbiamo abbastanza confidenza. ce utilizzato. È un lavoro per codici e per significati, per richiami ed associazioni. È
Aggiungiamo alcune riflessioni sulle dimensioni per una maggiore comprensione un mondo che appartiene al subconscio, ai sogni.
del lavoro di scultura in arteterapia. Nel mondo bidimensionale ci confrontiamo con i sogni, le fantasie e l’inconscio
che è impalpabile come il mondo bidimensionale e parla per simboli e metafore, co-
Il mondo monodimensionale me uno specchio che non è quello che sembra perché, nel mondo reale, un pezzo di
Sarebbe un mondo con un’unica espansione come ad esempio una certa lunghez- carta rimane sempre un pezzo di carta, una tela una tela, un asse di legno un asse di
za e senza profondità. Già è difficile immaginarsi un’estensione in un’unica direzio- legno con una sua identità e una sua vita propria. L’asse di legno per il pittore non è
ne senza spessore. Per noi qualsiasi oggetto, anche il più sottile, ha un’espansione al- importante in quanto possiede una sua identità propria, è solo un supporto per il
meno in due direzioni, lunghezza e larghezza. Ad esempio un disegno o una pittura mondo immaginario da riprodurre.
su un supporto piatto, può non avere estensione in altezza ma, non può rinunciare
ad almeno le altre due, altrimenti non esiste perché anche una linea sottile fatta con Il mondo tridimensionale
una matita ha una larghezza oltre la sua lunghezza. È quello spazio che fa parte della nostra dimensione corporea e perciò è la di-
Riflettiamo anche sulla linea infinita: se traccio una linea diritta con una lunghez- mensione più vicina a noi.
za infinita dove va a finire? Si congiunge con il suo inizio dopo? Se una linea è orien- Spazio è respiro, espansione, dimensione, movimento, elasticità, staticità.
tata parallela al terreno in ogni caso dopo aver fatto il giro del pianeta si ricongiunge È la dimensione nella quale siamo a casa. Lo spazio immaginato e quello reale

96 97
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE TERZA

non sono la stessa cosa. Ci muoviamo con abilità nello spazio. Noi siamo dimensione non appartengono al proprio mondo. Queste esperienze sono personali e legate al
come lo è il mondo che ci circonda. In altre parole: viviamo gli aspetti del mondo vissuto individuale. Ci sono certamente delle qualità più oggettive come
che più ci appartengono nella nostra dimensione fisica. Entrare nella dimensione è caldo/freddo, liscio/ruvido, ma anche queste dipendono dalla percezione che si ha
un po’ come svegliarsi la mattina, ci alziamo e camminiamo, compiamo delle azioni, del mondo esterno in relazione allo stato in cui ci si trova in quel momento. Que-
stiriamo il corpo e prendiamo possesso della vita, ci espandiamo nel mondo. È la po- sto vale anche per l’esperienza dello spazio tridimensionale. Possiamo misurare di-
sizione verticale, la consapevolezza di esistere, la cattedrale gotica della tensione ver- stanze, altezza, lunghezza, profondità, etc. ma l’esperienza dello spazio è un’altra
so l’alto, noi radicati con i piedi alla terra e con la testa nel cielo e le mani libere di cosa: è la relazione tra me e lo spazio che mi circonda. Si tratta di una questione di
agire nel mondo. percezione, come una risonanza tra il dentro e il fuori. Non c’è sempre una corri-
È affascinante osservare come un bambino gradualmente scopre e conquista lo spondenza tra i dati considerati oggettivi e il vissuto personale; ad esempio, uno
spazio. Nei primi mesi di vita un bambino assomiglia ad una pianta perché non si spazio di un certo volume può essere vissuto da due persone diverse come ampio e
può muovere dal posto in cui è collocato. Inizia a muovere mani e piedi per esplo- spazioso oppure piccolo ed opprimente. Questi fenomeni sono ampiamente speri-
rare lo spazio. Solo più tardi riesce a rotolare, dalla schiena sulla pancia e vicever- mentati dall’architettura e utilizzati per creare spazi con certe risonanze. Il proprio
sa. Intorno all’anno poi gattona e inizia a camminare. In questa fase compie un legame con lo spazio cambia in base allo stato d’animo e condizioni fisiche. Lo
enorme lavoro in relazione allo spazio. Il suo habitat si estende, diventa più ampio stesso tratto di strada, ad esempio il tragitto casa-lavoro, a volte può sembrare bre-
e con grande stupore e curiosità si addentra nel mondo circostante. L’alzarsi e l’a- ve e veloce, altre volte invece lungo e faticoso, anche se in realtà è sempre la stessa
vere le mani libere per esplorare il mondo e non solo per sostenere il corpo, come distanza ad essere percorsa.
accadeva invece nella fase del gattonare, conferisce al bambino maggiore potere
sulla realtà circostante. Certo lo poteva fare anche da seduto, ma senza una presa
così grande sulla realtà. Ora è in grado di camminare e agire contemporaneamente
con le mani: afferra oggetti, li sposta, ci sale sopra utilizzando mani e piedi. Una
delle esperienze importanti è l’incontro con le qualità degli oggetti: morbidi o du-
ri, consistenti o inconsistenti. Il corpo incontra questi oggetti e crea legami, espe-
rienza, memoria in modo che un domani potrà riconoscerli. Certo, ci vogliono
molti incontri con lo stesso oggetto per esplorare tutti i suoi aspetti, tutte le sue
qualità. Ma un bambino è talmente perseverante ed energico nel suo volere e nella
sua curiosità che questo avviene naturalmente. Così col tempo, l’uomo trova il suo
posto nel mondo materiale arrivando a conoscere molti dei suoi aspetti, riuscendo
a calcolare distanze e pericoli. Questo rapporto lo rende fiducioso e sicuro nella
sua vita quotidiana che è fatta di un continuo relazionarsi all’ambiente. Molti di
questi oggetti del mondo vengono esplorati con le mani, anche perché sono le ma-
ni che agiscono, che esprimono volontà, il primo contatto tattile con il mondo.
Prendere con le mani, impossessarsi del mondo. In questa continua disponibilità
ad entrare in contatto con il mondo si forma memoria. Ad un certo punto le mani
riconoscono quello che toccano, anche ad occhi chiusi, ed è molto interessante
esplorare la relazione tra vista e tatto. In un mondo concentrato sulla vista, si sot-
tovaluta il potere del tatto e, in generale, degli altri sensi. Possiamo riconoscere
molte cose senza vederle. Non è solo la capacità di riconoscere ad occhi chiusi
quello che si tocca ma le associazioni che si formano tramite il contatto tattile ad Filippo _ SPAZIO URBANO
avere un’importanza nella formazione dell’immaginario di una persona. Munari ha
proposto ai bambini di sperimentare delle scatole chiuse con materiali al loro in- Spazio urbano modellato in argilla. La composizione è ispirata da dipinti del surrealismo. L’operazione di
terno per stimolare la fantasia. Tatto e memoria sono strettamente collegati. Ovvia- realizzare uno spazio dipinto in modo tridimensionale è molto interessante in quanto espone il
mente esistono allora anche materiali ai quali non si collega nessuna memoria se modellatore ad una vera esperienza di spazialità e non solo immaginaria come succede nella pittura.

98 99
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE PRIMA

In uno spazio come quello appena descritto s’incontrano degli oggetti più o me- dente come un’esperienza vissuta si può esprimere con gran precisione in un pezzo
no stabili e fissi: edifici, strade, recinti, piante e altri oggetti che sono mobili come ad d’argilla senza che diventi accademico e quindi con proporzioni giuste, volumi corri-
esempio altre persone, oggetti in movimento (macchine, moto, biciclette, bus, treni spondenti alla realtà, etc.
etc). Il muoversi all’interno di un ambiente stabile/labile è piuttosto complicato e ri- L’ostacolo che può esserci nel fare un’esperienza di un aspetto della realtà è rap-
chiede molta attenzione. Nonostante ciò, ci ritroviamo in un posto senza neanche presentato dal controllo mentale della realtà attraverso gli occhi. Troppo abituati a
accorgercene, quasi in automatico. Abbiamo memorizzato la strada, incluso tutti i “giudicare” ciò con cui entriamo in contatto “giusto” o “sbagliato”, “bello” o “brut-
pericoli, per arrivare dove vogliamo - ci siamo creati degli schemi che automatica- to”, il canale diretto tra memoria e modellazione viene interrotto.
mente ripeschiamo nella nostra memoria ogni volta che viviamo un’esperienza con È possibile ripristinare questo canale tramite esercizi come la modellazione ad
determinate caratteristiche, abbiamo come una specie di navigatore automatico che occhi chiusi, lo studio di opere dell’arte moderna o contemporanea per abituare
pensa per noi rendendoci possibile d’assen- l’occhio ad “altro”, con esercizi guidati che escludono la produzione d’oggetti “este-
tarci anche completamente da ciò che sta ticizzati” e tramite l’ascolto al contatto con la materia.
Esempio di un filo diretto accadendo. Quando allora questo filo tra memoria e materia si libera dai pregiudizi anche
tra modellatore e materia dove la memoria
(del gatto toccato) A volte abbiamo un’esperienza di pro- persone che non hanno esperienza con la modellazione possono realizzare, ad esem-
si imprime direttamente nell’argilla fondità dello spazio mentre altre volte ci pio, bellissimi ritratti in argilla di se stessi, la cosa più probabile, o di persone che co-
rendendo così l’opera molto vicina alla realtà. sembra tutto piatto. Da che cosa dipende? noscono molto bene.
L’opera, nonostante non sia
perfetta tecnicamente, trasmette
Quando modelliamo l’argilla siamo pro- Si entra così nel flusso della trasformazione e della forma, in profonda sintonia
l’esperienza del contatto col gatto. prio in questo mondo, non contemporanea- con il materiale.
mente in più mondi come può succedere nel
disegno e nella pittura. Restiamo connessi al
nostro mondo reale, anche se per reale si
può intendere molte cose e bastano poche
considerazioni sull’esperienza dello spazio
come abbiamo fatto qui sopra per ricordare
la complessità della questione.
C’è però un filo diretto che va dall’espe-
rienza personale nel mondo alla modellazio-
ne con un pezzo d’argilla: la memoria tattile
che s’imprime nell’essere umano durante gli
anni di conquista dello spazio, nella prima
infanzia, ma anche dopo si può imprimere
direttamente nell’argilla.
Ci sono vari modi per arrivare ad un’e-
sperienza del genere. A volte succede quasi
spontaneamente, quando ad esempio una
persona che non ha esperienza con la mo-
dellazione, modella una cosa che ha in men-
te e senza pensarci troppo lo fa. Può venire
fuori qualcosa che assomiglia più o meno ad
un cane ma in più ha un’espressione, un
qualcosa che sintetizza un aspetto preciso
dell’animale e parla dell’esperienza memo-
Melissa _ GATTO rizzata al contatto con l’animale. È sorpren-

100 101
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE TERZA

Il varco

S.N. _ VARCO Ci ha colpito come, in tutti questi anni trascorsi a coinvolgere persone nella mo-
dellazione dell’argilla, quello del varco è uno dei temi dominanti emersi in modo
spontaneo e abbastanza pressante durante i percorsi da noi proposti. Per “varco” in-
tendiamo qui una apertura tendenzialmente stretta che permette il passaggio, l’oltre-
passare, il superare un passo difficile, pericoloso, importante. Gli esempi di varchi
che possiamo portare sembrano immersi in una spazialità e temporalità indefinite e,
a tratti indefinibili, dove sta avvenendo un’esperienza individuale. Il protagonista, se
presente nella composizione, ha tutta l’aria di uno che sta vivendo una situazione
particolare, di crisi (dal greco kraisis, spaccatura ed il varco sarebbe allora, in quanto
apertura che consente il passaggio, la rappresentazione simbolica della crisi come
stato dell’essere), che mette a repentaglio la propria incolumità sovvertendo l’ordine
dato sino a quel momento al mondo. S’incammina verso il varco, se ne tiene al ripa-
ro, lo contempla seduto su una roccia, lo scruta con sospetto, timore. In ogni caso, sa
che sta vivendo un’avventura per la quale c’è bisogno di attingere alle proprie risorse
interiori più preziose. Non è necessariamente una situazione strana, spettacolare.
Anche un evento qualsiasi, anche il più banale può essere un’avventura, dipende
dalla predisposizione con la quale viene vissuto, con quanta “avventurosità”. Di cer-
to un’avventura è un processo di trasformazione a conclusione del quale l’avventu-
roso, dopo aver superato una serie di prove, ha creato un nuovo se stesso. Quando
nei percorsi d’arteterapia emerge il tema del varco, il protagonista è spesso portatore
di un’ “avventurosità” che gli fa vivere avvenimenti strani, straordinari, rischiosi.
Ritornando alle composizioni in argilla, anche in assenza di un protagonista, si
percepisce lo sguardo osservante dell’artefice della composizione che si misura con
l’esperienza del varco stabilendo come fare a viverla e non se viverla o non viverla
perché è un accadimento che avviene, che viene dato per mettere alla prova se stessi e
deve essere in qualche modo superato a prescindere dalla nostra volontà. L’attraver-
samento del varco è un’immagine utilizzata in arteterapia quando s’intende descrive-
re le molteplici morti e rinascite che ci accadono conducendoci a livelli sempre più
elevati di consapevolezza nella comprensione di noi stessi e di ciò che ci circonda. La
morte è qui intesa come trasformazione, cambiamento, possibilità di rinascita, pas-
saggio di livello. L’attraversamento del varco è un passaggio che, se vissuto fino in
fondo, conduce ad una nuova dimensione e che, contemporaneamente allontana da
una vecchia dimensione. È una condizione mediana tra il vecchio, non più attuale per
noi e neanche più raggiungibile se mai cambiassimo idea e volessimo tornare indietro
- oramai gli abbiamo voltato le spalle, ce ne siamo allontanati - ed il nuovo del quale
non sappiamo nulla o che forse a stento riusciamo a scorgere. È una condizione me-
diana tra il noto e l’ignoto al quale bisogna affidarsi nonostante tutta la precarietà del
momento. A volte l’artefice della composizione crea un varco ma non riesce a proce-

102 103
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE TERZA

dere attraverso, rimane lì in prossimità senza riuscire neanche a varcare la soglia per- delle loro risposte. In alcuni di loro c’è come una naturalezza, come un senso di prossi-
ché rimane attaccato al vecchio nonostante non sia più attuale per lui, nonostante non mità rispetto alla morte, come una sapienza che in noi adulti a volte sembra perduta.
possa più ritornare a ciò che ha lasciato per avventurarsi verso il nuovo. Si nota, osservando i varchi prodotti dai bambini, che rimangono concentrati più
L’esperienza del varco attraverso la manipolazione dell’argilla è un’opportunità sull’esperienza della costruzione del varco e del suo attraversamento che sull’espe-
per mettere alla prova la propria capacità di saper passare attraverso, di saper andare rienza dell’approdare in un al-di-là. Alcuni varchi sono sottili, essenziali, altri massic-
oltre, di accettare la trasformazione, il passare di forma in forma ed anche un’oppor- ci, ridondanti. Alcuni varchi hanno un’apertura larga, altri stretta. A proposito d’a-
tunità per scoprire e definire il proprio modo di affrontare un’esperienza del genere. perture, è possibile che la modellazione abbia fatto riemergere nei nostri piccoli
Dal momento che continue morti e rinascite connotano la nostra esistenza, allora artefici, dato il potere regressivo dell’argilla, il ricordo della nascita, dell’attraversa-
può essere utile trovare nella propria vita quotidiana spazi in cui elaborare questo mento di quel varco che dal ventre materno li ha condotti in questo mondo.
vissuto. Le morti e le rinascite sono da un lato possibilità d’arricchimento e d’eleva- Questo vale anche per le produzioni degli adulti. Talvolta l’ingresso è così dif-
zione, dall’altro sono momenti che preparano alla morte come fine della nostra vita ficoltoso da ostacolare il passaggio che in alcuni casi però conduce ad un’uscita
terrena. Si può lavorare durante la propria esistenza per aumentare la consapevolez- larga. C’è un caso di varco in cui il passaggio è impedito da un masso come se l’e-
za della morte, provare a morire, consentiteci il gioco di parole, nella vita. secutore si trovasse di fronte ad un ostacolo difficile da superare oppure volesse
I bambini sperimentano continui passaggi, trasformazioni e si rapportano alla mor- precludersi la possibilità di vivere l’esperienza fino in fondo. Forse ci ha ripensa-
te più di quanto noi adulti possiamo immaginare. Provate a chiedere a dei bambini to. Abbiamo detto che è impossibile scegliere di non vivere l’esperienza dell’at-
qual è la loro concezione di morte, attraverso domande come “dove si va quando si traversamento del varco perché ci accade quando è arrivato il momento di abban-
muore?” oppure “perché si muore?”, e rimarrete stupiti dalla profondità ed originalità donare uno stato per entrare in un altro, quando siamo pronti per farlo, accade

Esempi A destra possiamo vedere


di varchi due immagini di un varco
realizzati dall’ingresso stretto
da bambini che però conduce
dalla struttura ad un’uscita larga.
massiccia
e di varchi Sotto c’è l’immagine
dalle linee di un varco il cui passaggio
essenziali. è ostacolato da un masso.

S.N. _ VARCO INGRESSO

Alessandro, 8 anni _ VARCO Andrea, 5 anni _ VARCO

Fausto, 6 anni _ VARCO Tommaso, 9 anni _ VARCO S.N. _ VARCO S.N. _ VARCO USCITA

104 105
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA PARTE TERZA

quando deve accadere, è come se il baco si rifiutasse di divenire farfalla o il feto, L’al-di-là può essere descritto come un ambiente indeterminato oppure come un
trascorsa l’epoca prenatale, di uscire alla luce; però è sempre possibile scegliere in ambiente connotato in modo preciso. È questo il caso della grotta con dentro della
che modo vivere un’esperienza del genere, secondo quali tempi. Sarebbe interes- legna per accendere il fuoco, uno spazio in cui riposarsi dopo un viaggio impegnati-
sante aprire uno spazio di riflessione sulla nozione di tempo. Ci limitiamo a fare vo, un momento di pausa in attesa di intraprendere un nuovo viaggio che forse con-
alcune considerazioni incominciando col citare S. Agostino che, alla domanda durrà ad un nuovo passaggio di livello e quindi ad una nuova configurazione. Sono
“Che cos’è il tempo?”, rispondeva: “Se nessuno me lo domanda, lo so; se voglio situazioni che creano contenimento quando ci si trova ad affrontare un cambiamen-
spiegarlo a chi me ne domanda non lo so più” come a farci comprendere che il to ed emergono sensazioni di paura, di dispersione, disorientamento. Ci sono anche
tempo è una dimensione non inquadrabile in ragionamenti troppo lineari, è sol- altri casi d’al-di-là descritti con precisione come ad esempio quello della spiaggia che
tanto artificialmente oggettivabile. In poche parole, il tempo come successione, ha al centro un uovo carico d’importanza e di mistero, quasi una pietra filosofale, ed
come scansione, è un’invenzione umana, in se stesso non esiste. Molti romanzi anche il caso della configurazione che ricorda le composizioni delle maschere azte-
d’avventura, si pensi a Moby Dick, ci suggeriscono però che, anche se il tempo che come se si trattasse di viaggi iniziatici alla scoperta di una conoscenza remota e
non esiste, esiste la velocità, ad esempio della nave, del vento, degli inseguimenti, difficilmente penetrabile.
della volontà e dell’intenzionalità a dare una direzione al proprio agire. Come dice Singolare il lavoro dei due varchi a mo’ di scivolo. Varcare la soglia qui consiste
Piaget “il tempo è una coordinazione di velocità o, meglio ancora, di movimenti con nel scivolare giù da una discesa in un’azione che sembrerebbe volersi ripetere all’in-
le loro celerità, come lo spazio è una coordinazione di mutamenti di luogo, vale a finito. Impossibile interrompersi in questo continuo ritorno di ciò che è già accaduto
dire di moto astratto costituito dalle velocità”. Il tempo dell’avventura, nello speci- e di nuovo sta per accadere, impossibile comunicare con il protagonista dell’azione
fico, appare anche come un tempo paradossale, regressivo e a-temporale come il che, in maniera del tutto identica, sta avvenendo lì accanto, parallelamente. È una
tempo della psiche descritto da Freud nei trattati sull’Inconscio. Anche l’attraver- dimensione paradossale, di solitudine assoluta.
samento del varco, in quanto avventura, allora sfuggirà ad un logico e lineare sus- Quante volte moriamo nella nostra vita? A quante trasformazioni andiamo in-
seguirsi d’avvenimenti; il protagonista, anche se sa che è arrivato il momento di at- contro? Quante occasioni ci vengono date per aumentare il nostro livello di consa-
traversare il varco, potrà ad esempio concedersi uno spazio di riflessione, di pevolezza? Si passa indefinitamente di trasformazione in trasformazione, di forma in
ripensamento dando voce anche alle proprie paure, perplessità. L’importante è forma, di crisi in crisi. La nostra esistenza è un succedersi di macro e micro-crisi d’e-
non rimanere invischiati in un limbo che non è né al di qua né al di là del varco, in quilibri precedenti. E il varco rappresenta quel superamento, quello sbocco che ci
questo modo il processo evolutivo viene arrestato e il protagonista è destinato a ri- segnala sì la fine di un mondo, ma anche il perché del nostro impegnarci ad attraver-
manere un essere tra il qua e il là. sarlo per superare la crisi approdando così lungo le rive di un nuovo più evoluto Sé.

Attraversare
il varco
qui significa
accettare la sfida
di scivolare
lungo la discesa
senza arrivare da
nessuna parte.

S.N. _ VARCO

Nell’immagine di sinistra vediamo una barca in


mezzo al mare che si sta avvicinando alla montagna
che, una volta varcata, conduce ad una grotta
accogliente. Nell’immagine di destra una barca sta
attraversando un varco che conduce ad una
S.N. _ VARCO spiaggia dove, al centro, si trova un grande uovo. S.N. _ VARCO

106 107
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA CONCLUSIONI

Conclusioni

Mariangela _ SENZA TITOLO Abbiamo accompagnato il lettore in una trama di riflessioni, immagini e resocon-
ti d’esperienze di contatto e trasformazione nel processo di modellazione dell’argilla.
Lo abbiamo introdotto all’interno di spazi ancora poco esplorati e, talvolta, inesplo-
rabili in quanto ripiegati in se stessi dove, attraverso il linguaggio e gli strumenti del-
l’arte, la sofferenza si rende esprimibile e quindi condivisibile divenendo a sua volta
spazio di trasformazione e di crescita.

L’ultima tappa del viaggio da noi proposto è l’esperienza del varco che dà al libro
una chiusura anche se non definitiva perché se da un lato l’ultimo capitolo è l’esito
di percorsi d’arteterapia già avvenuti, dall’altro è solo l’ingresso ad una nuova fase di
sperimentazione che l’arteterapia sta vivendo nell’ambito del life long learning e del-
l’accompagnamento alla morte.

Il viaggio dunque non finisce qui, né per il libro né per noi che approfondiremo
ancora le nostre ricerche in questa materia così affascinante.

Ci aspettano nuove scoperte e la costruzione di una metodologia sempre più raf-


finata e in armonia con il nostro intento nel fornire strumenti evolutivi.

Per un libro che si chiude,


un altro se ne apre.

108 109
TRASFORMAZIONE E FORMA. ALLA SCOPERTA DELL’UTILIZZO DELL’ARGIILLA IN ARTETERAPIA BIBLIOGRAFIA

Bibliografia

Bachelard G., La terra e le forze. Le immagini della volontà, Red, Como, 1989.

Demetrio D., L’età adulta. Teorie dell’identità e pedagogie dello sviluppo,


La Nuova Italia Scientifica, Roma, 1990.

Faust J., Marburg F., Zur Universalitat des Schopferischen, Lit Verlag,
Hamburg, 1994.

Ferraro G., Il manuale dell’argilla, Macroedizioni, 2007.

Giordano E., Fare arteterapia, Cosmopolis, Torino, 1999.

Gurmukh Kaur, Otto talenti umani, Edizioni e/o, Roma, 2010.

Jung C.G., Der Mensch und seine symbole, Walter Verlag, 1968.

Kohler H., Non esistono bambini difficili, Natura e Cultura, Alassio (SV), 2008.

Kohler H., Bambini paurosi, tristi ed irrequieti, Natura e Cultura, Alassio (SV), 2009.

Palomba P., Rütten A. (a cura di), Oltre il disagio. Percorsi di arteterapia


in salute mentale, stampato nel 2009 per conto della Cooperativa Sociale Onlus
“G. Di Vittorio”.

Scaparro F. (a cura di), Volere la luna. La crescita attraverso l’avventura,


Edizioni Unicopli, Milano, 1987.

110 111
Finito di stampare a settembre 2012
per conto delle edizioni Cosmopolis
presso Geca SpA - Cesano Boscone (MI)

Printed in Italy
Creare qualcosa con un pezzo di terra informe è uno dei processi più affascinanti
per l’uomo, che connette agli inizi della creazione. È un processo vibrante che por-
ta dall’indeterminatezza e alla determinatezza, dall’informe alla forma.
La forma è una manifestazione della relazione tra interno ed esterno. È un’afferma-
zione dell’Io che così sa di esistere, una conferma che l’uomo si può relazionare con
il suo ambiente, che può intervenire e cambiarlo, lasciare una traccia, un ponte tra il
suo stato di isolamento e il mondo esterno che raggiunge. Modellando si partecipa
alla costruzione del mondo, ci si scopre artefici.
In questo libro, gli autori, seguono questo filo rosso narrando e analizzando il pro-
cesso creativo vissuto da diversi soggetti all’interno di gruppi alle prese con la mo-
dellazione dell’argilla, prestando particolare attenzione agli esordi della manifesta-
zione creativa che avviene nell’infanzia.
Il testo e le immagini si snodano tra impostazioni teoriche e il tentativo di osservare,
da un punto di vista più neutro, la creatività; tra interventi terapeutici, tecnici e co-
struzione di orizzonti e spazi ampi all’interno dei quali la creatività può svilupparsi,
nella consapevolezza che un eccesso di imposizioni ed impostazioni la depotenzia-
no ma una creatività senza regole finisce col creare dispersione. Questo filo sottile
accompagnerà il lettore a scoprire metodologie arteterapiche che tengono in alta
considerazione la natura spirituale, ed il bisogno delle persone, nei percorsi di cura,
di connettersi a questa fondamentale dimensione.

Pamela Palomba
Dopo aver completato gli studi di filosofia e psicologia presso l’Università degli Studi di Milano, nel
2003 si diploma in Arteterapia presso la scuola di specializzazione ArTeA e, nel 2005, fonda insie-
me ad Axel Rütten l’associazione culturale D-ArtT per la diffusione e la ricerca nell’arteterapia.
Conduce ateliers nell’ambito dell’intercultura, del lifelong learning e con bambini. È autrice di varie
pubblicazioni d’arteterapia. Pratica ed insegna con passione Kundalini Yoga da cui trae ispirazione
per il suo approccio all’arteterapia.

Axel Rütten
Dopo una solida preparazione in tecniche grafiche, tecniche di stampa, disegno e pittura studia Ar-
teterapia presso la FH für Kunsttherapie, University of Applied Scienzes di Nürtingen, Germania.
Da 20 anni gestisce atelier d’Arteterapia in ambito psichiatrico; ha una consolidata esperienza ne-
gli ambiti della disabilità, tossicodipendenza, reclusione ed autismo. È stato formatore presso Ar-
TeA dal 1996 al 2011. È specializzato nell’uso di tecniche tridimensionali in Arteterapia in parti-
colar modo dell’argilla. È formatore in ambito privato e pubblico, promotore di progetti riguardanti
l’intercultura, autore di varie pubblicazioni d’arteterapia. È insegnante di Kundalini Yoga.

EURO 18,00

Potrebbero piacerti anche