Sei sulla pagina 1di 5

I due emisferi.

Dal ciclo “Conferenze dei raduni”


22 Settembre 1936, Sofia

Giovanni:1
Cosa deve rallegrare una persona? E a cosa deve aspirare l’essere umano? L'aspirazione non
può essere sempre la stessa. I bambini desiderano una cosa, gli adulti un'altra. Questo dimostra che i
desideri non devono somigliarsi. Uno non deve mai curarsi dei desideri altrui. Egli deve soffermarsi
sull'anelito che ha dentro di sé e che lo stimola. E ogni essere, di qualsiasi genere esso sia e in
qualunque modo lo desideri, deve esprimere questo anelito.
E come deve essere l’anelito? Il 91 o il 22 marzo il Sole migra nell’emisfero nord, mentre
adesso esso sta entrando nell’emisfero sud. Questo è un simbolo. Dunque, esistono due correnti. La
corrente nell’emisfero boreale ha il carattere esteriore, è degli uomini. Con la parola uomo si
intende una corrente volta al lavoro. Significa che sono in corso i preparativi per un lavoro esteriore.
Quando il Sole va verso il 22 settembre, come adesso, trattasi della corrente dedicata alle donne.
Essa, quindi, possiede una certa morbidezza e, allora, uno può restare da solo con se stesso ed
esplorarsi.
Dal 22 marzo in poi i giorni si allungano e le notti si accorciano. Allora la luce predomina,
poiché la verità si esprime all’esterno. Sotto questa luce puoi vedere tutto. Lì, vi è il pericolo che
resti scontento per quello che hai. In te nasce la scontentezza di non avere questo o quell’altro,
mentre gli altri hanno questo, l’altro, hanno tutto. A partire dal 22 settembre le notti si allungano e i
giorni si accorciano. Questo è sempre un buon simbolo. Allora il calore aumenta all’interno, invece
che all’esterno. La luce e il calore diminuiscono fuori, mentre dentro aumentano. Questo riguarda
quelli che vivono nell’emisfero nord. Va molto meglio a quelli che abitano l’emisfero sud. Per loro
crescono i giorni, cresce la luce e cresce anche il calore. Ma per i nordici non è così.
Ora, a volte voi chiedete: “Perché è così?” Ho detto: quando la luce dell’uomo aumenta,
l’oscurità della donna diminuisce. E quando il giorno dell’uomo diminuisce, l’oscurità della donna
aumenta. Quale conclusione potete trarne? La donna deve trovarsi nel buio profondo, perché il suo
calore interiore aumenti e perché riesca ad esprimere la sua nobiltà. La sua bontà appare nella
grande oscurità – quando le notti si allungano e lei entra nella sua vera vita. Donna significa un
“essere”. Ora, non pensate che io parli della donna nella forma che voi vedete oggi! Io parlo
dell’essere umano, e intendo l’essere capace di dar vita a qualcosa. Io parlo dell’essere umano
simile alla terra, nella quale puoi seminare qualcosa che poi darà un raccolto. Io parlo dell’essere
umano simile ad un albero che può generare un frutto. Io non sto parlando di quelle cose che avete
voi. Quando dico “voi” non mi riferisco a voi, che siete qui adesso, ma uso un plurale in generale. E
chi vi è incluso? – Tutti – buoni e cattivi, tutti quanti sono “voi”.
Spesso noi ci aspettiamo dalle persone attorno la dolcezza. Qual è la dolcezza che un albero
può darti? La dolcezza dell’albero l’ottieni attraverso il suo frutto. Invece, la dolcezza dell’uomo
attraverso cosa puoi ottenerla? Solo attraverso le sue parole dolci. L’amabilità dell’uomo sta nella
sua lingua. Se hai un buon linguaggio, allora sei garbato. Se non hai un buon linguaggio, non sei
garbato. Quale dolcezza potete trovare in un uomo? Nessuna! L’uomo non possiede la dolcezza che
hanno le piante. Se, però, le foglie delle piante cadono, non potrete più trovarvi niente. Questa è una
legge esteriore. La pianta stessa sa come trasformare le cose.
Ho detto, quindi, che bisogna studiare le leggi della luce e del calore. Si tratta della medesima
legge. La legge della luce si manifesta nella mente umana e la legge del calore – nel cuore umano.
Questo è l’amore. Chiedo: perché a volte l’uomo, quando sente in sé la manifestazione dell’amore,
ha paura? Perché l’uomo ha paura dell’amore? L’amore oggi è talmente distorto, che quando
qualcuno ti parla d’amore, capisci subito che le cose non stanno come te le presenta. Chi ti parla
d’amore, vuole prendere qualcosa. Prendete come esempio una giovane. Prima di conoscere colui

1 Vecchio stile (N.d.T.)


che l’amerà, ella è libera, parla con tutti. Non appena lui le dice che la ama, diventa silenziosa,
pensierosa e dice: “Questa faccenda è proprio seria.” Chiedo: perche la giovane non ama sentirsi
dire che la amano? Quando un giovane comunica ad una giovane che la ama, l’amore si è già
consumato. Questo è il significato di “io ti amo”. Poi, lui le dirà che l’aveva frainteso. Per questo lei
si zittisce. L’amore c’è finché non hai detto a qualcuno che lo ami e finché egli è libero davanti a te.
Quando gli dici che lo ami, diventa serio e inizia ad evitarti, a dubitare se questo sia amore oppure
no.
Questa è la concezione odierna dell’amore. L’amore si manifesta nel silenzio. Quando taci, tu
ami. E quando parli troppo, è la fine dell’amore. Qualcuno dice: “Non lo sai che una volta ti
amavo?” Una volta! E poi dice: “Io ti amerò.” E infine dice: “Io ti amo.” Se ami, che cosa devi
fare? In che modo devi dimostrare il tuo amore? Qual è la prima manifestazione dell’amore?
L’amore si manifesta in due modi. Se incontri un uomo, come manifesterai il tuo primo affetto? Gli
darai luce e conoscenza, questa è la prima espressione. Quando, invece, entrerai nell’emisfero sud
per manifestarti ad una donna – con donna intendo un essere che genera la vita – a questo essere
donerai il calore, gli darai da bere e da mangiare, esso ha bisogno di cibo. Quando gli dirai che lo
ami, lo inviterai a casa tua, gli offrirai una gallina in brodo, ben cucinata. Lo sapete come si cucina
il brodo? Non l’avete mai fatto. Solo alcuni di voi sanno preparare il brodo di gallina. Accoglierai
questo essere a casa tua e soddisfarai tutti i suoi bisogni. Questa è la vita interiore. Dunque, quel
sentimento d’amore morbido dentro di noi si esprime solo allora quando dall’esterno arriva la
grande oscurità, mentre la luce si fa strada verso l’interno, nel cuore umano. Questo è l’inverno,
quando non aspettiamo altro che il soffio delle tempeste e le bufere di neve. Poi, entriamo in casa,
apriamo le lampade, accendiamo la stufa, apriamo il libro e iniziamo a leggere. Se ci viene a trovare
qualche nostro vicino, lo accogliamo e avviamo una piacevole conversazione.
Vorrei, adesso, accennare alla vita delle contraddizioni. A volte voi volete studiare il lato
maschile dell’uomo – la sapienza. In quel caso voi siete fuori, le condizioni sono diverse. Quando,
invece, volete studiare il secondo principio, quello femminile, il principio dell’amore, allora fuori vi
saranno delle condizioni molto sfavorevoli. Questo dimostra che l’amore si manifesta in presenza di
condizioni esteriori molto sfavorevoli. Se cerchi le condizioni favorevoli fuori, arriverà la
conoscenza, la saggezza, ma l’amore mancherà o, piuttosto, non si esprimerà. Se, invece, vuoi
sentire che cos’è l’amore, devono arrivare le più grandi sofferenze, tempeste e difficoltà. E questo
significa che devi avere la schiena resistente.
Dunque, l’uomo è forte fuori e la donna è forte dentro. La questione è che spesso noi
pretendiamo dall’amore quello che non gli compete. L’amore è portatore del calore e non della luce.
E la conoscenza non è portatrice del calore, ma della luce. Per questo, appunto, le persone si
cercano. Quando hai trovato la luce, cercherai anche il calore. In altre parole: trovata la conoscenza,
cercherai anche l’amore. E se hai trovato il calore, allora devi trovare anche la luce. Perché, il calore
lo si può percepire solo in presenza della luce.
Dico, voi volete essere felici al contempo dentro e fuori. Potete? La Terra deve essere
illuminata contemporaneamente in tutte le sue parti. È possibile illuminare tutti e due i suoi lati allo
stesso momento? Non lo è. Perché non è possibile? La sua forma è tale che, di qualsiasi oggetto si
tratti, quest’ultimo può essere illuminato solo a metà. Voi siete nati donna, ma volete usufruire dei
doni maschili. Anche l’uomo è nato uomo, ma vuole utilizzare i doni femminili. Ma l’uomo non
cerca il compenso per sé, egli cerca la donna. Voi dite di qualche uomo: “Sta cercando una donna.”
Sta cercando quello che non ha e lo cerca in un modo sbagliato. La donna deve attendere con
pazienza che la Terra compia il suo giro e, allora, quello che cerca arriverà da sé. Anche l’uomo
deve attendere pazientemente, ed allora anche quello che egli cerca arriverà da sé. Non sarebbe
male prendere un aeroplano o un elicottero. Questo è possibile e un giorno accadrà, ma, nelle
condizioni attuali, poiché non siete capaci di volare, dovrete attendere che la Terra faccia il suo giro.
Quando l’avrà terminato, il Sole arriverà. La donna deve raggiungere l’uomo – egli è la sua strada,
mentre l’uomo deve raggiungere la donna. Che cosa direte, allora, se l’uomo viene da voi? Cosa
accade in natura? In che direzione va il sole? Al Nord. Allora i giorni si allungano e le notti si
accorciano. Allora bisogna lavorare, bisogna seminare. Quando l’uomo va dalla donna, cosa
succede? Ve lo dico diversamente: quando ad attivarsi è la vostra mente, avrete uno stato, mentre,
quando si attiva il vostro cuore, ne avrete un altro.
Tutto questo deve essere applicato nella vita, poiché così come la vita viene compresa, essa perde il
suo significato. E quando vi dico che l’uomo deve amare tutti, io parlo dell’unità in natura. Per
questo motivo, appunto, dico che in natura esistono una sola donna e un solo uomo. La donna ha
innumerevoli forme e così anche l’uomo. Voi vedete molti uomini e molte donne, ma, in realtà, vi
sono soltanto una donna e un uomo. Dico, da questo punto di vista, nel mondo non può accadere
nessun crimine. Il crimine avviene allorquando questo uomo si attacca ad un piccolo ramo, ad una
fogliolina di quest’unità e inizia a credere che le donne siano tante. Ed è questo l’equivoco. La
realtà è che quando l’uomo si mette davanti allo specchio e vede il suo riflesso, pensa che si tratti di
un altro. No, sei proprio tu. Egli si illude e pensa: “C’è un altro come me.” Ora, dove sta
l’equivoco? Da dove arriva la gelosia? Egli crede di aver smesso di amare la moglie o che essa
abbia smesso di amare lui. L’uomo si lamenta che sua moglie ha smesso di amarlo e la donna si
lamenta che suo marito ha smesso di amarla. È un errore, questo non può accadere. Tutto può
succedere, ma che qualcuno smetta di amarti – questo no. Se questo dovesse accadere, si
distruggerebbe tutto l’universo. Se qualcuno smettesse di amarti, sarebbe come se tu smettessi di
amare uno delle tue dita. Può un uomo non amare un suo dito ed iniziare a tagliuzzarlo? È
impossibile, anche esso deve essere come te.
Io parlo adesso dei concetti più profondi. Voi dovete lasciar perdere tutti quegli insegnamenti che
gli spiriti caduti hanno portato nel mondo. Quando sono venuti sulla Terra, questi ultimi hanno
insegnato agli uomini la vita che vivono adesso. Tutti voi adesso siete ancora sotto la loro influenza.
L’uomo sorveglia la moglie perché non vada con un altro uomo. Il padre sorveglia la figlia, il figlio.
Può salvarli? Se dormono, come fa a salvarli? No, lascia tuo marito nelle mani del Signore e dì:
“Che il Signore lo protegga!” Quando affermi: “Che il Signore lo protegga e faccia con lui quello
che vuole!”, affidalo a Dio! Perché – abbiamo un solo Dio.
A volte voi andate alla ricerca del primo posto nel mondo. Perché? Il primo posto non può esserci.
Ne esiste uno solo di primo posto ed è riservato a Dio. A te va il secondo. Non cercate di occupare il
primo posto, vi metterete nei guai. Il primo posto non è per voi. A nessun essere nel mondo spetta il
primo posto. Dovete capirlo questo. Dite: “Sta a me.” Da questo punto di vista, non criticare, non
condannare nessuno, perché questa persona ha visto alcune cose che non ha compreso. Se dici a
qualcuno che anche tu stai cercando il primo posto, tutti e due siete in errore. Arriva un altro e
anche lui ambisce al primo posto. Tutti quanti siete in errore. Nessuno può occupare il primo posto,
poiché comporta delle grosse responsabilità. In questo senso, voi dite: “Quante migliaia di madri vi
sono nel mondo!” Pensando in questo modo, cadete in contraddizione. No, nel mondo vi è una sola
madre che genera le cose. Se vuoi occupare il primo posto, ti assumerai tutte le responsabilità.
E allora dite: “Come dobbiamo vivere adesso?” È lì la grande contraddizione – come bisogna
vivere. Dovete ancora imparare. Colui che hai accanto nella tua vita, non devi considerarlo come un
estraneo. Perché non riuscite a considerare qualsiasi cosa che vedete fare a qualcuno come una cosa
buona? Cosa vi impedisce pensare che ciò che fa la persona con cui vivete sia cosa buona? Questa
persona potrebbe essere vostro marito, che vi porta la luce. Se la donna crede che suo marito possa
possederla, si sbaglia. Acquisendo la luce dal marito, la donna inizia a vedere tutti i suoi errori. Lui
ha la conoscenza, ma lei non sa vedere correttamente e allora lui, via via, gira gli interruttori
facendola rimanere al buio. Non vedendoci più, lei inizia a cercare dov’è finito il suo Stoyan. Se lo
cerca, questa è la dimostrazione di cosa prova per lui. Se dice che non lo vuole più, questo dimostra
che è arrivata la luce e lei vede i suoi errori. “Io non lo amo.” – Tuo marito ti ha portato la luce e tu
vedi i suoi errori.
Questa è una comprensione distorta. Secondo la nuova cultura, in colui con cui vivi e che hai scelto
per amore, non devi vedere niente di negativo. Non riprenderai tuo marito, né per la cravatta né per
qualsiasi altra cosa. Cosa fa la donna? Appena vede che suo marito esce, inizia a riprenderlo:
sistemati la giacca, la cravatta, pulisciti le scarpe, non parlare troppo e così via. Egli, poveretto, non
sa più che fare. Accenna a guardare qualcosa e lei gli dice: “Non guardare!” Entra da qualche parte
e gli dice: “Non fare questo!” No, in qualunque modo egli sia vestito e qualsiasi cosa dica, ella non
deve lanciargli nessuna critica. Considerate che ogni cosa è al suo posto. Ogni cosa che qualcuno
dice, di qualunque genere essa sia, ditegli: “Come sono dolci le tue parole!” Se il marito di una
donna parla a voce un po’ alta, lei non deve dirgli che parla in modo rude.
Dico, è questione di vedute personali. A volte io parlo della pazienza. Voi non potrete mai essere
pazienti se non comprendete questo concetto. Se vuoi essere paziente, devi necessariamente arrivare
a questa profonda comprensione. Quindi, per arrivarci, voi dovete vedere Dio ovunque. Egli si è
nascosto da qualche parte e voi dovete trovarLo. Dio mi sta mettendo alla prova, per vedere dove
sono giunto nella mia conoscenza. L’uomo può essere messo alla prova e la donna altrettanto.
Quando arriva una sorella, inizierete a farle qualche rimprovero. Cercherete di scoprire quali sono le
sue credenze. Non c’è alcun bisogno di chiederglielo, io so già che, dal suo punto di vista, le sue
credenze sono giuste. “Ma, lui non si è ancora evoluto.” Non parlate di nessuna evoluzione! Perché,
se osservate i bambini piccoli che crescono, noterete che essi sono delle anime che seguono il
processo della loro evoluzione. Un giorno Dio li innalzerà. Quando li guardate, voi vedete il bene
dentro voi stessi.
Ieri ho avuto un esempio di una conversazione modello, la più bella che abbia sentito all’Izgrev fin
ora. (Nel senso di grandi controversie.) Questa conversazione è durata quasi un’ora ed era così
piacevole, così dolce, quasi angelica. Io sono stato sempre in silenzio. E poi, quando hanno
terminato, ho parlato loro con il linguaggio musicale. Ho detto: “Avete fatto molto bene.” Dico, è
un’arte riuscire a scorgere il bene nel mezzo del male nel mondo. È un’arte riuscire a vedere la luce
nel buio. È un’arte riuscire a vivere bene nella povertà. È un’arte riuscire a trovare nell’ignoranza il
senso della vita. È un’arte vedere nella morte la vita. Queste sono cose possibili per tutti, anche per i
comuni mortali. Questa è la nuova cultura, che sta adesso arrivando nel mondo e questo è quello
che sta portando. E se voi non riuscite a comprendere le cose in questo modo, rimarrete nel vostro
stato attuale.
Adesso accadono guerre, massacri, contese e insoddisfazioni. In qualunque casa entriate, troverete
litigi e discordanze. Da qualche parte troverete divorzi e da qualche altra matrimoni. La gente cerca
la felicità, ma essa non dura che un giorno e mezzo. Molti si lamentano dicendo: “Non torna più il
passato, quando c’era la felicità.” Qualche donna si lamenta del marito e dice: “Mio marito non
torna.” Sta’ contenta che non torna! Adesso lui non può tornare. Ma tra cinque - sei mesi tornerà,
così come il Sole torna dall’emisfero sud, tra sei mesi tornerà anche lui. L’uomo dice: “Mia moglie
non torna.” Tra sei mesi anche lei tornerà. Tu la cercherai nell’emisfero sud e non in quello nord.
La donna domina l’emisfero sud e l’uomo quello nord. Allora il Signore li viene a trovare. Il
Signore visita sia l’uno e sia l’altro. Ognuno deve aspettare il suo dono quando il sole entra nel suo
mondo. A volte anche voi aprite delle guerre e volete conquistare il vostro uomo. Può l’emisfero sud
conquistare quello nord? A volte l’uomo apre una guerra, volendo conquistare sua moglie. Può
l’emisfero nord conquistare quello sud? Né l’emisfero nord può conquistare quello sud, né
l’emisfero sud può conquistare quello nord. Non cercate di impadronirvi di nessuno! La ricchezza
viene da Dio. Ognuno deve occupare il suo posto. Ossia, dico: l’uomo può vedere Dio solo
attraverso la donna. L’uomo può amare Dio solo attraverso la donna. E anche la donna può amare
Dio solo attraverso l’uomo. La madre può amare Dio solo attraverso il suo bambino e anche il
bambino può amare Dio solo attraverso sua madre. Gli allievi possono amare Dio solo attraverso il
loro Maestro. E anche il maestro può amare Dio solo attraverso i suoi allievi.
Questi sono rapporti e leggi nel mondo, che voi non potete cambiare. Se voi non avete quella
comprensione profonda del mondo, le vostre regole pedagogiche non possono darvi niente,
indipendentemente di che tipo siano. In che modo educherete un bambino? Come gli insegnerete ad
amare Dio? Se esso non riesce ad amare Dio attraverso sua madre, voi non potete educarlo. Se un
bambino riesce a vedere e ad amare Dio attraverso sua madre, voi potrete istruirlo in ogni campo
possibile. Questo bambino può diventare geniale, può diventare un musicista. Da un bambino che
non ama sua madre, non può venir fuori nulla di buono. E lo dico anche a voi: nemmeno da voi
potrà venire fuori niente di buono, se non vi amate tra di voi. Funziona così la grande educazione.
Io sto parlando dal punto di vista della creazione Divina del mondo. Se io non amo le persone, non
potrò conoscere Dio e sarò un buono a nulla. Se io amo le persone e tutte le altre creature, amerò
anche Dio e tutte queste creature ameranno me.
Auguro adesso a ognuno di voi di essere al proprio posto e il dono che voi attendete qua giungerà a
voi. Sulla Terra vige una legge. Questo dono arriverà. Quindi, preparatevi perché possiate, quando
esso sarà arrivato, accoglierlo e vivere secondo la legge della luce e la legge del calore. Questo è
l’amore. Vi auguro di potere anche voi, così come ho udito ieri nella conversazione, parlarvi con
parole dolci e ascoltare gli altri che, ugualmente, usano le parole dolci. Questa è la mia
comprensione delle cose. Ed anch’io agisco così.
Poi vedo che quei due parlano con un altro gruppo di persone. Loro hanno le vecchie credenze sulle
cose. Uno dei due era una sorella e l’altro un fratello. Il fratello diceva che la sorella parlava troppo
e doveva zittirsi un po’. Stavano discutendo su cose veramente spicciole. In seguito riflettevo su
come le persone possono, nonostante i doni più ricchi che Dio abbia offerto loro, essere infelici.
Anche nell’abbondanza più grande di ricchezze, riescono comunque a sentirsi infelici. Questo è
davvero un’incomprensione delle cose. Comprendere è un lavoro duro, ma le cose più difficili sono
le più belle.
Ora a voi resta la nuova comprensione. Un’altra cosa che dovete sapere è che il linguaggo della luce
vi ha visitati. Il linguaggio della luce di tutti quanti sarà perfetto. Come le pere quest’anno sono nate
in abbondanza e buone, così anche voi dovete apprezzare ciò che fuoriesce dall’uomo. Ognuno di
voi deve cercare di dare un frutto e, allora, arriverà quello che cercate. Dopo che ha acquisito la
conoscenza, l’uomo è il benvenuto per tutti. E anche dopo aver acquisito l’amore è il benvenuto.
Che l’amore in voi possa superare tutte le difficoltà, e la conoscenza che possedete possa eliminare
tutti gli ostacoli! Questo è quello che conta.
Ora, quello che sta accadendo nel mondo adesso – liti, polemiche – è perché ad esprimersi nel
mondo è l’uomo. Perciò vi sono guerre, malintesi e scontri. Il sole sta andando verso l’emisfero
nord e queste cose si sistemeranno. Dicono: “Giù ci sono le guerre.” Non può essere altrimenti.
Quando arriva la primavera, l’uomo prepara l’aratro e coltiva tutta la terra. Scaccia via tutti i vermi,
tutte le larvettine, succede una vera guerra. Queste cose avvengono, perché adesso le persone nel
mondo stanno cercando la libertà. Adesso sta apparendo il principio maschile nel mondo e durerà
sei mesi, sei settimane, sei giorni, sei ore, sei minuti. Abbiate la pazienza! Il tutto durerà sei minuti.
Dite: “Succederà in un attimo.” Se siete pazienti, le cose succederanno in un attimo. Se non lo siete,
succederanno in sei mesi.

“La ricchezza dell’uomo è nell’Amore Divino.”

Conferenza tenuta dal Maestro il 22.09.1936 a Sofia (Izgrev)

Traduzine: Irena Yordanova