Sei sulla pagina 1di 3

SCALA MAGGIORE

INTERVALLI DI DO
MELODICI
DO RE MI FA SOL LA SI DO
Prima di parlare degli intervalli, e’ giusto fare una breve premessa: i suoni che
compongono una scala sono chiamati GRADI, proprio come i gradini della scala di
----- ----- ----- ----- ------ ----- -----
un edificio qualunque.

DO
SI

LA

SOL

FA
MI

RE

DO
(ogni gradino
(Ogni gradino della della scala corrisponde
scala corrisponde ad un tasto)
ad un tasto sullo strumento)

SEMITONO = _______________________________________________
Partendo dal primo suono ogni grado e’ numerato con un numero romano (ordinale):

TONO = ___________________________________________________
I II III IV V VI VII VIII
grado grado SCHELETRO
grado DI SCALAgrado
grado MAGGIOREgrado grado grado

Le note di una scala procedono per grado congiunto, cioe’ le note si presentano
ordinate in modo consecutivo, una dopo l’altra. Due note consecutive (grado
congiunto) Eserc. Dimostra
formano di aver
un TONO capito
o un costruendo
SEMITONO, la scala maggiore
a seconda che si di ______ a un tasto o a
trovino
due tasti (dello strumento) di distanza.
oppure solb ♭

la b ♭
oppure re b ♭

oppure mib ♭

oppure sib ♭
sol#oppure
do #

re#

fa#

la#

do re mi fa sol la si do1

es: DO - RE (tono) oppure DO - RE b (semitono).

1
Con la parola INTERVALLO si definisce la distanza esistente tra due note, sia che
procedano per grado congiunto (es: do/re) che per salto (es: do/mi, do/fa, do/sol,
do/la, do/si, do/do1).

do do1
do si
do la
do sol
do fa
do mi
do re
Nella scala di DO maggiore (prendiamo questa piu’ semplice per costruire gli
esempi, in quanto priva di alterazioni) gli intervalli sono i seguenti e vengono
classificati in maggiori e giusti secondo il seguente schema:

Unisono Intervallo di 2a Intervallo di 3a Intervallo di 4a


GIUSTO (seconda) (terza) (quarta)
MAGGIORE MAGGIORE GIUSTA

Intervallo di 5a Intervallo di 6a Intervallo di 7a Intervallo di 8a


(quinta) (sesta) (settima) (ottava)
GIUSTA MAGGIORE MAGGIORE GIUSTA

Il primo dei due suoni e’ chiamato fondamentale (F). L’intervallo si conta partendo
dal suono fondamentale. Esempio: che intervallo e’ DO - SOL? conto: DO, uno, RE,
due, MI, tre, FA, quattro, SOL, cinque: intervallo di QUINTA!

Riassumendo, nella scala maggiore esistono due tipi di intervalli:

intervalli GIUSTI: Unisono 4a 5a 8a

intervalli MAGGIORI: 2a 3a 6a 7a

Gli intervalli non sono classificati solo in MAGGIORI e GIUSTI ma anche in MINORI,
DIMINUITI ed ECCEDENTI. Vediamo le regole per ricavarli conoscendo solo quelli
maggiori e giusti.
Intervalli MINORI

Per ricavare un intervallo minore c’e’ una possibilita’:


- si abbassa un intervallo maggiore di un semitono.
Esempio: per trovare un intervallo di seconda minore a partire dalla nota DO,
prendo l’intervallo DO - RE , abbasso la seconda nota di un semitono e ottengo il
mio intervallo di 2a minore DO - RE b .
2
Intervalli ECCEDENTI

Per ricavare un intervallo eccedente ci sono due possibilita’:


1)si alza un intervallo giusto di un semitono.
Esempio: per trovare un intervallo di quarta eccedente a partire dalla nota DO,
prendo l’intervallo DO - FA, alzo la seconda nota di un semitono e ottengo il mio
intervallo di 4a eccedente DO - FA # .
2)si alza un intervallo maggiore di un semitono.
Esempio: per trovare un intervallo di sesta eccedente a partire dalla nota DO,
prendo l’intervallo DO - LA, alzo la seconda nota di un semitono e ottengo il mio
intervallo di 6a eccedente DO - LA # .

Intervalli DIMINUITI

Per ricavare un intervallo diminuito ci sono due possibilita’:


1)si abbassa un intervallo giusto di un semitono.
Esempio: per trovare un intervallo di quinta diminuita a partire dalla nota DO,
prendo l’intervallo DO - SOL, abbasso la seconda nota di un semitono e ottengo il
mio intervallo di 5a diminuitA DO - SOL b .
2)si abbassa un intervallo minore di un semitono.
Esempio: per trovare un intervallo di settima diminuita a partire dalla nota DO,
prendo l’intervallo DO - SI b , abbasso la seconda nota di un semitono e ottengo il
mio intervallo di 7a diminuita DO - SI bb (si doppio bemolle).

PROSPETTO DEGLI INTERVALLI (esempio a partire dal DO)

diminuito minore giusto maggiore eccedente

UNISONO

SECONDA

TERZA

QUARTA

QUINTA

SESTA

SETTIMA

OTTAVA

Potrebbero piacerti anche