Sei sulla pagina 1di 1

FONDAZIONE DELL’ORDINE DEGLI ARCHITETTI,

PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI


DELLA PROVINCIA DI MILANO Ce. 061/itinerari

Case prefabbricate per senzatetto al QT8 / 1950-1955 /


Piero Bottoni Case prefabbricate per senzatetto al QT8 / 1950-1955 / P. Bottoni

via Sant’Elia, via Francesco Goya, Milano


La razionalissima distribuzione degli modernamente cittadina, quegli stessi
spazi all’interno configura all’esterno una elementi “popolari” vanno a comporre
Con il 1950 inizia al QT8 il secondo un muretto corrimano». Ogni alloggio soluzione insolita, che denota, ancora una una facciata in cui – anche se declinata
ciclo di sperimentazione di metodi comprende tre locali più servizi e «un volta, quanto Bottoni sappia coniugare in estrema povertà come l’imperativo
di industrializzazione dell’edilizia disimpegno notte nel quale si affaccia la modernità e tradizione con lo sguardo economico richiedeva – è possibile
residenziale. Alle due case di via Sant’Elia stufa che riscalda contemporaneamente sempre attento alle specificità dei luoghi. rinvenire l’eco di una sintassi colta: quella
spetta il compito di sperimentare come l’ingresso e il soggiorno». Gli elementi che configurano il volume di una villa neoclassica.
procedimento costruttivo il «sistema Saccai Il pranzo-soggiorno e la camera da letto sembrerebbero richiamare il neorealismo Quanto al cromatismo, elemento
(brev. Arbor S.A.R.R.E.) [che] consente il matrimoniale vengono previsti completi delle coeve tre case Ina casa in via Montello distintivo dell’architettura di Bottoni,
montaggio a secco in cantiere [attraverso di armadio a muro. Gli appartamenti al a Sesto Calende, 1950-1953. Ma mentre la “Descrizione dei lavori”(3) rinvia la
l’uso di elementi prefabbricati in cemento piano rialzato dispongono di un ripostiglio a Sesto Calende la copertura a falde del scelta del colore degli intonaci esterni alla
armato] dell’intero rustico dell’edificio, nel sottoscala. Quelli al primo piano hanno tetto, il taglio delle finestre e la scala «direzione lavori all’atto della esecuzione
eccezion fatta per le solette di collegamento invece «il ripostiglio sostituito da una esterna danno vita a una soluzione dettata [però] precisa che il colore per i pavimenti
dei solai che vengono colate in sito loggia coperta che si apre nell’ingresso» e chiaramente dal desiderio di dialogare con delle camere da letto dovrà tendere al
con calcestruzzo di cemento e di inerti un rustico «più grande per legna e carbone il carattere rurale del contesto, al QT8, giallo chiaro, per i locali di soggiorno al
pesanti»(1). […] nella parte di giardino recinto di loro in un quartiere giardino, sperimentale, verde o al grigio, così dicasi per i ripostigli
Le due case, alla ricerca di un ritmo spettanza». che ambisce a dare vita a una spazialità ed i corridoietti di disimpegno. I pavimenti
possibile che eviti alla grande varietà delle dei localetti di servizio, (cucinetta e
soluzioni tipologiche, previste per il QT8, LA COPPIA DI EDIFICI IN UNA FOTO D’EPOCA UNA FOTO D’EPOCA DI UNO DEI DUE EDIFICI gabinetto, nonché quelli dei balconi aperti)
(IMMAGINE CONCESSA DA ARCHIVIO BOTTONI) (IMMAGINE CONCESSA DA ARCHIVIO BOTTONI)
di generare disordine, sono progettate saranno eseguiti con marmette colore
da Bottoni uguali. «Ogni casa – scrive nero».
nella Relazione di progetto(2) – è così
GRAZIELLA TONON
costituita: edificio formato da due corpi
semplici raccostati fra loro contenente n. 4
appartamenti disposti due a piano terreno-
rialzato e due al primo piano. Gli alloggi
sono, ai singoli piani, planimetricamente
speculari e uguali fra loro. Gli accessi (1) P. Bottoni, “Il quartiere sperimentale della Triennale di Milano
QT8”, Editoriale Domus, Milano 1954, pp. 64; 67. Cfr. anche L.
agli appartamenti sono indipendenti e Meneghetti, “Case per senzatetto in via Sant’Elia al QT8”, Milano,
avvengono per i due a piano terreno dalla 1952-54, in G. Consonni, L. Meneghetti, G. Tonon (a cura di), “Piero
Bottoni. Opera completa”, Fabbri, Milano 1990, p. 364.
fronte ovest e per i due al primo piano (2) P. Bottoni, “Relazione. Case a due piani (terreno più un piano
dalla parte est. Questi ultimi hanno scale da costruire col sistema S.A.C.C.A.I. - arch. Piero Bottoni)”, in APB,
“Documenti scritti”, op. 291, b. 57, fasc. 1.
di accesso separate costituite da una unica (3)”Case sperimentali a 2 piani sistema S.A.C.C.A.I. (case “A”).
scala di luce m. 2,10 divisa al centro da Descrizione dei lavori a corpo”, Ivi, fasc. 5.

PIERO BOTTONI PIERO BOTTONI