Sei sulla pagina 1di 2

Esercizio 1

Una massa m =1 kg è poggiata ferma in fondo alla discesa di un piano inclinato, di un angolo =60°
rispetto all’orizzontale, e scabro con coefficiente di attrito dinamico =0.3. Un argano elettrico,
collegato tramite una corda (di massa trascurabile) alla massa m, fa salire la massa m.
a) Calcolare la velocità con cui m arriva a quota h = 1m, assumendo che l’argano abbia fatto un
lavoro di 20 J.
b) Supponendo che la corda venga staccata nell’istante in cui la massa passa alla quota h = 1m,
calcolare la quota massima cui arriva la massa m.

Soluzione:
Il lavoro prodotto dall’argano, per il teorema delle forze vive può essere uguagliato a:

ℎ 1
𝐿 − 𝜇𝑚𝑔 cos 𝜃 = 𝑚𝑔ℎ + 𝑚𝑣 2
sin 𝜃 2
sostituendo h = 1m si ottiene 𝑣 = 4.12 𝑚/𝑠

Nel caso della quota massima si ha che: 𝑣 = 0 𝑚/𝑠, invertendo quindi la relazione precedente si ha
𝐿
ℎ𝑚𝑎𝑥 = 𝜇 = 1.74 𝑚
𝑚𝑔(1 + tan 𝜃)

Esercizio 2
Un’asta di legno, sottile ed omogenea, di massa M=1,5 kg e lunghezza L=1,0m ha una estremità
fissata ad un perno che le permette ruotare senza attrito in un piano orizzontale. L’asta, inizialmente
ferma, è colpita da un proiettile di massa m = 0,010 kg, che si muove senza attrito sul piano orizzontale
con velocità v1=200 m/s, in direzione perpendicolare all’asta. Il proiettile colpisce l’estremo libero
dell’asta, la buca, e successivamente continua a muoversi senza cambiare direzione con velocità
v2=120 m/s avendo asportato una quantità trascurabile di legno. Calcolare la velocità angolare
dell’asta dopo l’urto.
Soluzione:
In questo caso possiamo considerare solo la conservazione del momento della quantità di moto.
La differenza di momento della quantità di moto della massa m rispetto al centro di rotazione
dell’asta (J) deve infatti essere uguale al momento di quantità di moto acquisito dall’asta 𝐼 ∗ ∆𝜔,
dove però 𝜔𝑖 = 0. Si ha quindi:
𝐼𝜔 = 𝐿𝑚(𝑣1 − 𝑣2 )
1 2
poiché 𝐼 = 3 𝑀𝐿 si ottiene: 𝜔 = 1.6 𝑟𝑎𝑑/𝑠

Esercizio 3
Una certa quantità di gas perfetto subisce le due trasformazioni termodinamiche reversibili A-B e
B-C graficate nel piano PT in figura.
a) In base ai dati nel grafico, graficare le due trasformazioni nel piano di Clapeyron P-V
b) determinare il rapporto VC/VB
c) Considerando sempre il piano PV, si consideri il ciclo formato dalle trasformazioni A-B, B-
C e dalla trasformazione C-A in cui la pressione P varia linearmente con V. Assumendo VB=
8,21 lt, determinare il lavoro totale (modulo e segno) del ciclo
R=0.0821 lt. atm/K
Soluzione:
𝑛𝑅𝑇 𝑃
a) Uso la legge di stato dei gas perfetti e considero VA/VB= 𝑃 𝐴 𝑛𝑅𝑇𝐵 = 1 , la trasformazione
𝐴 𝐵
da A e B è quindi una isocora
𝑛𝑅𝑇 𝑃
b) VC/VB= 𝑃 𝐶 𝑛𝑅𝑇𝐵 = 2; VC -VB = VB => Vc=2VB
𝐶 𝐵
c) Il modulo del lavoro è l’area compresa nel ciclo (area del triangolo ABC):
𝑉 (𝑃 −𝑃 )
|𝐿| = 𝐵 𝐴 𝐵 = 8,21 lt*atm ed ha segno negativo perché il ciclo è percorso in senso
2
antiorario.

Potrebbero piacerti anche