Sei sulla pagina 1di 1

I nostri bambini e ragazzi accedono alla rete, ai social network e imparano dai video, su

yuotube e dalla televisione, nozioni e informazioni fuori controllo


È importante che gli adulti si assumano la responsabilità di educare i bambini e i ragazzi
all'utilizzo delle tecnologie digitali perchè oggi l'alfabetizzazione non è solo imparare a
leggere, scrivere e far di conto, ma anche conoscere l'alfabeto dei media.
Tutto ciò è la media education.

Io sono uno psicologo e vengo chiamato nelle scuole in quanto emergono sempre più
spesso casi di cyberbullismo. Mi sono accorto, nel dialogo con gli insegnanti, che il
problema non può essere gestito e contenuto dalla singola realtà scolastica se manca un
piano del Comune che introduca la media-education come sua missione di sostegno alla
scuola, alle famiglie, ai ragazzi.
In queste elezioni questo tema è assente.
Bisogna ribadire che il ruolo del Comune nel campo delle tecnologie digitali non è solo
quello di garantire la connessione gratuita wifi alla rete, ma di educare ad un utilizzo
responsabile delle tecnologie digitali, a saper riconoscere e apprezzare la rete come
risorsa e fare così dell'educazione ai media la nuova frontiera della cittadinanza digitale.

Il nuovo scenario pedagogico è di rendere consapevoli tutti, a partire dai bambini, del ruolo
che abbiamo nel dare comunicazione e nel produrre informazione.
Nella scuola, a partire da quella primaria, questo può essere concretamente sperimentato
promuovendo percorsi di giornalismo partecipativo.
Promuovere i giornali scolastici on line, le radio e le tv scolastiche via web è un modo sia
per aiutare le scuole ad innovare la didattica, sia per difendere, rafforzare e sviluppare la
democrazia partecipativa a partire dalle comunità scolastiche.

Il Comune di Milano può fare molto in tal senso e con Pisapia Sindaco riusciremo a
cambiare

Votandomi al Consiglio Comunale avete il mio impegno che il tema della media-education
sarà una delle priorità che qualificheranno i primi 100 giorni della nuova amministrazione
Posso assumermi questo impegno perchè negli ultimi 10 anni ho collaborato alla
realizzazione di un network di scuole milanesi che hanno dato vita a “Agenzia di
Comunicazione dei Ragazzi (www.agenziadeiregazzi.net), un’ esperienza concreta di
giornalismo scolastico su carta e tramite radio web.

Qualora fossi eletto mi impegno a portare nella nuova amministrazione la mia


competenza e passione per offrire, ai cittadini under 18 opportunità di partecipazione e di
protagonismo, e a Milano un rinnovamento delle pratiche di educazione alla cittadinanza
democratica attiva e responsabile.