Sei sulla pagina 1di 60

lOMoARcPSD|3379337

Riassunto Libro di Paolo Rossi

Organizzazione dei servizi sociali ed educativi (Università degli Studi dell'Aquila)

StuDocu non è sponsorizzato o supportato da nessuna università o ateneo.


Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)
lOMoARcPSD|3379337

L’ORGANIZZAZIONE DEI
SERVIZI SOCIOASSISTENZIALI
Istituzioni, professionisti e assetti di regolazione

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

Riassunto Libro di Paolo Rossi:


“ L’ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI SOCIOASSISTENZIALI ”

1. CHE COSA SONO I SERVIZI SOCIOASSISTENZIALI?

Una definizione chiara e consolidata spicca nell' art. 128 del D.Lgs. 31 marzo 1998, n°
112:

“ si intendono per servizi sociali (e per estensione quindi servizi socio-


assistenziali) tutte le attività relative alla predisposizione ed erogazione di
servizi, gratuiti e a pagamento, o di prestazioni economiche destinate a
rimuovere e superare le situazioni di bisogno e di difficoltà che la persona
umana incontra nel corso della sua vita, escluse soltanto quelle assicurate
dal sistema previdenziale e da quello sanitario, nonché quelle assicurate in
sede di amministrazione della giustizia”.

Questa definizione specifica ciò che non si può qualificare come un servizio socio-
assistenziale, ossia i servizi e le prestazioni assicurate dal sistema previdenziale da
quello sanitario, nonché quelle assicurate in sede di amministrazione della giustizia.
Ulteriormente, specifica che l'assistenza sociale può prendere forma nella
realizzazione di un servizio alla persona o nell'erogazione di un contributo economico.

Altri elementi che definiscono i servizi sociali sono: la selettività, perché l'erogazione
del servizio deve essere indirizzato alle persone che presentano un effettivo bisogno;
la residualità che deriva dal fatto che tali servizi costituiscono una sorta di risorsa per i
loro destinatari qualora essi non siano in grado di provvedere autonomamente alle
proprie esigenze.

 La natura dei servizi socio assistenziali

o L'assistenza sociale tra servizi e trasferimenti monetari

Con il concetto di trasferimento monetario si intende l'erogazione di un


contributo economico da parte di un ente pubblico a favore di un individuo o di una
famiglia, finalizzate a fronteggiare i particolari bisogni, individuali e/o familiari. Tale
contributo è a fondo perduto: in genere non si prevede una restituzione della somma
di denaro ricevuta dal destinatario. l'entità del contributo economico viene definita
dall'ente erogatore sulla base delle proprie disponibilità finanziarie.

I servizi consistono in un insieme di prestazioni di assistenza che richiedono


un'interazione diretta e consistente tra erogatore e beneficiario.

La differenza tra le due opzioni è assai netta. In alcune situazioni, i trasferimenti


monetari rappresentano la soluzione più idonea per fronteggiare un bisogno
contingente. In diverse circostanze, invece, l'erogazione di un contributo economico
non risolve il bisogno di un individuo.

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

I trasferimenti monetari sono una soluzione molto diffusa utilizzata dagli enti locali, in
particolare dai Comuni. Su scala nazionale, più di un quarto della spesa sociale dei
Comuni si traduce in trasferimenti monetari. Dal punto di vista organizzativo,
l'opzione del trasferimento monetario garantisce agli enti un risparmio in termini di
costi di transizione: gestire e amministrare l'erogazione di un contributo economico è
senza dubbio più semplice rispetto all'insieme di procedure da seguire per
l'erogazione diretta di un servizio. Ciò non significa che il trasferimento monetario
rappresenta una scelta più efficiente e più efficace rispetto alla fornitura diretta di un
servizio.

 I servizi socioassistenziali come "attività ad alta intensità di


personalità"

Il processo di produzione di un servizio presenta una serie di peculiarità che lo


contraddistinguono e differenziano rispetto al processo produttivo di un oggetto
materiale. Richard Normann, nel 1984, studioso di gestione dei servizi, incide in modo
rilevante sul significato stesso che un servizio può assumere. Nella sua analisi traccia
una distinzione preliminare tra il concetto di prodotto e il concetto di servizio. Il
prodotto rimanda all'idea di un bene concreto ossia materialmente tangibile; Il
servizio, invece,richiama un atto immateriale. I servizi alla persona costituiscono
una particolare fattispecie di attività di servizio. Richard Normann li definisce
servizi a elevata intensità di personalità, perché la loro realizzazione implica un
contatto diretto tra erogatore e beneficiario. Questo presupposto rende ogni attività di
servizi alla persona un'esperienza unica e peculiare, il cui esito, per quanto prevedibile
standardizzabile, risulterà sempre diverso, per effetto delle specifiche esigenze e
caratteristiche del beneficiario e la differente predisposizione e capacità
dell'erogatore.

Le caratteristiche che presentano i servizi alla persona sono quindi: la


consistenza immateriale; il contatto diretto tra erogatore e beneficiario; la
partecipazione dell'utente alla produzione del risultato finale (output);
l’inizio di un servizio comincia nel momento stesso in cui viene prodotto ed
erogato.

In virtù di queste caratteristiche, i servizi alla persona: non possono essere


immagazzinati e accumulati; non possono essere ceduti nè trasferiti a soggetti terzi;
sono finalizzati alla produzione di un output che non esiste prima dell'erogazione del
servizio stesso, vale a dire prima dell'incontro tra produttore e "consumatore".

L’erogazione di un servizio alla persona intesa come un processo produttivo a elevata


intensità di personalità, è sottoposto a diversi elementi perturbativi che incidono sulla
qualità del risultato finale. Le variabili che intervengono sono molteplici e difficilmente
controllabili, perché associate a comportamenti e decisioni individuali (degli operatori
e degli utenti). È possibile prefigurare e impostare schemi di azioni e protocolli
operativi più o meno vincolanti, ma l'esito conclusivo di un servizio presenterà
comunque margini di variabilità assai ampi.

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

 I servizi come relazioni

I servizi possono essere inquadrati come "relazioni che producono relazioni".


L'esito di un servizio, a prescindere dalla sua dimensione funzionale, è quello di
riprodurre delle relazioni sociali. Questo enfatizza la dimensione sociale dei
servizi socio-assistenziali, perché essi, a differenza di altri servizi di welfare,
lavorano proprio sulle relazioni che intercorrono tra i soggetti e non sulla fornitura
di prestazioni o interventi circoscritti. Si riconosce ai servizi la sua dimensione
sociale in quanto essi assumono una rilevanza collettiva, perché, attraverso le
interazioni mediante le quali prendono forma, generano e rigenerano legami
sociali. In questo senso, si può parlare di servizio come un processo di
coproduzione, in particolare nelle attività assistenziali. Nella prestazione di un
servizio, i ruoli dei soggetti si possono configurare secondo una gerarchia che
prevede posizioni attive (coloro che erogano la prestazione) e passive (coloro
che la ricevono). Questa asimmetria è rinforzata dalle difficoltà (economiche,
fisiologiche, psichiche) che spesso contraddistinguono i destinatari delle prestazioni
socioassistenziali. Nella logica del servizio inteso come relazione, la meccanicità di
un simile scenario è attenuata dalla consapevolezza che il focus dell' intervento
assistenziale non è limitato all'erogazione di una prestazione, ma intreccia piani
relazionali più estesi e articolati. La concettualizzazione dei servizi come relazioni
va mantenuta come riferimento conoscitivo e analitico, sebbene la sua visibilità nel
mondo organizzativo e professionale sia ostacolata da una serie di fattori.

In primo luogo, la divisione sociale del Lavoro sociale: la specializzazione dei


compiti e delle responsabilità professionali ha generato un' elevata
frammentazione delle attività lavorative, favorendo la prevalenza di una
rappresentazione dei servizi come azioni focalizzate sulle erogazione di prestazioni.
Lavorare sulle relazioni richiede continuità integrazione tra i vari interventi e
questo non è possibile se, oltre la divisione su scala professionale, l'organizzazione
e l'istituzione delle politiche di assistenza sociale è orientata verso la
compartimentalizzazione dei ruoli e delle competenze.

In secondo luogo, parlare di servizi come relazioni che generano relazioni significa
ammettere che tali relazioni possano assumere connotati inattesi o divergenti
rispetto alle aspettative professionali organizzative. In altre parole, le relazioni che
emergono dai servizi possono rivelarsi conflittuali e dar luogo a contrasti e
contrapposizioni. Le dinamiche conflittuali sono viste come un fallimento
dell'intervento assistenziale, del quale si cercano cause responsabilità. Per altri
versi però, questo è un inevitabile riflesso della natura dei servizi come processi di
coproduzione di relazioni: l'incontro tra professionista e utente è, in ogni caso, una
situazione il cui esito non è prevedibile né misurabile con i parametri con i quali si
valutano le singole prestazioni.

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

 Servizi e progetti

Un intervento può essere configurato come servizio o come progetto.

Un servizio costituisce un'attività realizzata da un'organizzazione; intercetta


bisogni ed esigenze più diffusi e consolidati.

Un progetto si configura come un' attività circoscritta nel tempo; si concentra su


bisogni e problemi specifici ed emergenti.

I progetti offrono più opportunità di sperimentare metodologie di intervento


innovative, poiché si prestano maggiormente alla collaborazione
interorganizzativa, poiché prevedono la collaborazione tra organizzazioni di
natura diversa (pubbliche e private, profit e non profit).

Inoltre, la realizzazione di un progetto predispone una struttura più orizzontale


dei ruoli, favorendo la valorizzazione delle competenze dei professionisti.

Negli ultimi anni, si segnala una crescita degli interventi erogati sotto forma di
progetti, poiché essi presentano un costo inferiore: Essi infatti vengono attivati
esclusivamente quando vi si ha la certezza di disporre delle risorse economiche che
garantiscano la copertura dei costi per la loro intera durata.

Infine, lavorare per progetti implica una maggiore flessibilità a livello


organizzativo. La prevalenza della logica di progetto introduce, però, una forte
incertezza rispetto alla continuità organizzativa degli interventi assistenziali. Il
rischio è quello di fornire soluzioni di breve termine a problemi di lungo termine.

2. L’ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI SOCIOASSISTENZIALI

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

Che cosa si intende con l'espressione "organizzazione dei servizi


socioassistenziali"?

L'organizzazione dei servizi socioassistenziali prende forma grazie al contributo di


una molteplicità di organizzazioni prende forma come un processo dinamico e
mutevole sia nello spazio sia nel tempo il concetto di organizzazione è inteso come
un processo, anziché come una struttura una configurazione operativa. Il risultato
complessivo può prendere la forma di un sistema organizzato, nel senso di un
insieme di attività allineate tra loro. Ciò permette di studiare le criticità che si celano
dietro ciascun passaggio organizzativo, sia di natura locale sia di più ampia portata.
Parlare di costruzione organizzativa dei servizi socio-assistenziali significa dunque
mettere in luce gli snodi organizzativi attraverso i quali tali servizi vengono progettati,
gestiti e erogati. Gli snodi attraverso il quale il processo si compie possono essere
individuati a livello micro, quando riguarda il rapporto tra individui e organizzazioni,
vale a dire le relazioni che intercorrono tra coloro che lavorano per l'organizzazione,
rivestendo diverse ruoli,quindi si parla di organizzazione come contesto di interazione
sociale; a livello meso, quando le questioni si concentrano sulle relazioni tra le
organizzazioni che concorrono alla programmazione, gestione e produzione di servizi;
a livello macro, gli snodi organizzativi acquisiscono il senso di tendenze sistemiche;
predispone una visione d'insieme che coglie più complessivamente l'andamento di
ambiti d'azione più ampi, denominati settori (es. sanità..) In questo caso il concetto di
organizzazione è inteso come espressione di una particolare logica d'azione.

Il primo livello di analisi ha una dimensione micro, in quanto si focalizza sulla


costruzione e sulla composizione interna delle organizzazioni. Le interazioni tra i
membri di un'organizzazione sono finalizzate allo svolgimento di attività lavorative di
diverso genere. La definizione dei ruoli di ciascuno individuo diviene uno dei principali
presupposti per la regolazione dei contributi individuali per la definizione della
conformazione complessiva, sul piano formale e informale, del contesto organizzativo.
La differenziazione dei ruoli all'interno di un'organizzazione garantisce maggiori livelli
di produttività ed efficienza rispetto a quella condotta per intero da un unico individuo.
La suddivisione dei ruoli nelle organizzazioni si compie simbolicamente lungo due assi:
uno verticale e uno orizzontale l'asse verticale delinea la distribuzione della autorità
gerarchica, attribuendo secondo un ordine decrescente il potere decisionale. L'asse
orizzontale traccia la specializzazione funzionale delle varie componenti di
un'organizzazione (uffici, settori, divisioni..) i criteri che orientano tale specializzazione
funzionale sono molteplici e includono: la tipologia di prodotto o servizio erogato;
l'area geografica di intervento nei quali opera; la tipologia di clientela/utenza; le
tecnologie adottate. Questi criteri di specializzazione si possono innestare l'uno
sull'altro, creando una ripartizione dei ruoli molto articolata. Pertanto, ogni
organizzazione deve assicurarsi che i singoli soggetti seguono delle direttrici comuni.
A tal fine, è necessario introdurre meccanismi di integrazione e coordinamento del
lavoro, ovvero: l'adattamento reciproco; la supervisione diretta; la standardizzazione
dei processi lavorativi dei risultati o delle competenze dei lavoratori. Questi diversi
meccanismi di integrazione non sono mutualmente esclusivi e agiscono
contemporaneamente. La suddivisione e specializzazione dei ruoli genera la struttura
sociale di un'organizzazione. I modelli di struttura organizzativa più diffusi sono
quattro: semplice; funzionale; divisionale; a matrice.

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

- La struttura semplice è la forma più elementare di struttura di


un'organizzazione. Si applica alle piccole organizzazioni, specializzate in
un'unica attività e che si rivolgono a un'utenza omogenea. La differenziazione
dei ruoli, specie in scala orizzontale, è molto flessibile. La scala verticale
prevede una forte concentrazione dell'autorità decisionale ai vertici.

- La struttura funzionale è una struttura semplice più articolata. Può essere


adottata da quelle organizzazioni che operano in un unico contesto territoriale,
erogano una singola tipologia di prodotto o servizio e si rivolgono a un'utenza
dalle caratteristiche omogenee. L'accentramento dell'autorità decisionale ai
vertici è elevato. La suddivisione dei ruoli appare più marcata e formalizzata.
- La struttura divisionale è invece più adeguata per quelle organizzazioni che
soddisfino alcuni requisiti, quali: avere più sedi e contesti di attività; erogare e
produrre una pluralità di prodotti e servizi differenti; relazionarsi con una
gamma eterogenea di utenti. La suddivisione delle componenti interni dell'
organizzazione viene svolta considerando il diverso output che ciascuna di essa
deve produrre. Le organizzazioni che adottano una struttura divisionale hanno
dimensioni medio-grandi. L'elemento che contraddistingue le strutture
organizzative divisionali è l'elevato grado di decentramento dell'autorità: la
suddivisione dei ruoli, il piano verticale, predispone infatti Una distribuzione
molto articolata delle le responsabilità decisionale.
- La struttura a matrice combina le due logiche di suddivisione orizzontale dei
ruoli: la specializzazione funzionale e quella dell'output. La sua configurazione
prevede un intreccio tra ambiti funzionali (l'amministrazione,la comunicazione,
la progettazione) e ambiti di attività di un'organizzazione (ad es. i vari reparti di
un ospedale..). La definizione dei ruoli degli individui dipende dalla loro
competenza funzionale e dalla collocazione in una particolare linea di attività.
La struttura a Matrice è contraddistinta da una maggiore flessibilità con la
quale è possibile spostare un soggetto da una linea di attività all'altra. Ciascun
operatore ha almeno due responsabili in questa struttura: un responsabile
funzionale, il quale deve riferire per le questioni più specifiche e tecniche; un
responsabile di prodotto o attività, rispetto al quale deve relazionarsi per le
esigenze specifiche delle attività.

A livello intermedio, le organizzazioni assumono la valenza di attori che


interagiscono nella società sia attraverso la realizzazione di specifiche attività, sia
tramite le relazioni che esistono tra loro. Le scelte e i comportamenti di
un'organizzazione incidono e condizionano, a loro volta, l'ambiente. Al riguardo è stata
introdotta la nozione di stakeholder, categoria analitica per individuare e
rappresentare i principali soggetti con i quali un'organizzazione sviluppa e mantiene
delle relazioni. Uno stakeholder è un soggetto che è in grado di esercitare
un'influenza su un'organizzazione, o che, viceversa, è influenzato dalle scelte della
stessa. Gli stakeholder possono essere figure diverse: da soggetti interni a
un'organizzazione, a soggetti che, come gli utenti, beneficiano dei servizi di questa
realizzati. Altri tipi di stakeholder possono essere i fornitori, le istituzioni pubbliche, le
agenzie di regolazione, nonché gli azionisti, le banche, i mass media... Le
organizzazioni hanno dei fini e si distinguono tra loro per la diversità degli obiettivi che
perseguono e per la modalità attraverso le quali cercano di raggiungerli.

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

Quando si parla di fini organizzativi bisogna riconoscere che essi non sono
unanimemente condivisi tra i suoi membri, ma sono in genere quelli della
coalizzazione dominante. Essa si compone di quel gruppo di leader che, in virtù del
loro potere formale o informale, riescono a gestire i processi di comunicazione
organizzativa e a costruire una rappresentazione dei fini organizzativi coerente con la
propria visione. Questo può essere fonte di innumerevoli tensioni all'interno e
all'esterno delle organizzazioni.

La convergenza e l'uniformità delle scelte e dei comportamenti di organizzazioni


assai diverse tra loro, prende il nome di isomorfismo : indica l'esito di un insieme di
tendenze che, in forma più o meno latente, spingono molte organizzazioni a
uniformare le proprie azioni, creando un elevato grado di omogeneità a livello
ambientale. Queste tendenze possono prendere la forma di pressioni alle quali alcune
organizzazioni non possono sottrarsi.

Le ragioni che spingono le organizzazioni a uniformare le proprie scelte sono


essenzialmente tre e danno luogo a diverse dinamiche di isomorfismo: coercitivo,
mimetico e normativo.

- Una situazione di isomorfismo coercitivo sì vieni a creare quando


l'organizzazione che ha maggior potere nella relazione impone all'altra un
determinato comportamento.
- L'isomorfismo mimetico prende forma nell'allineamento a comportamenti e
scelte già seguiti da un'altra organizzazione, e viene assunta come modello da
imitare. L'uniformazione comportamenti altrui è in questo caso volontaria e,
anziché dalla coercizione, deriva dall'incertezza che un'organizzazione deve
fronteggiare nel compiere le proprie scelte: sì imitano così le strategie
considerate vincenti.
- L'isomorfismo normativo si genera laddove alcune categorie di professionisti
riescono a imporre determinate scelte alle organizzazioni nelle quali lavorano; si
produce quindi attorno a nuclei di conoscenza professionale che vengono
standardizzati esternamente a una o più organizzazioni, delle quali determinati
professionisti divengono vettori.

Molte organizzazioni adottano una strategia che consiste in una sorta di sdoppiamento
della propria identità: da un lato, mostrano verso l'esterno di aderire a quelle tendenze
che ne possono accrescere il prestigio e la reputazione, ma, dall'altro, mantengono
schemi di comportamento molto più impermeabili ai cambiamenti. La legittimazione
sociale diventa una risorsa cruciale e ineludibile per le organizzazioni. L'ambiente
organizzativo non è quindi costellato solo da relazioni finalizzati allo scambio di beni e
servizi, ma è un più complesso coagulo di interazioni attraverso le quali si costruiscono
la legittimazione, la reputazione e l'affidabilità di un'organizzazione. I rapporti tra le
organizzazioni si configurano spesso come transazioni economiche. Il concetto di
transazione sottintende qualsiasi forma di scambio che, attraverso la regolazione di un
contratto, un'organizzazione può sviluppare con altri soggetti per la realizzazione di
un prodotto di un servizio. La gestione di una transazione, di qualsiasi forma, ha un
suo costo. Si tratta di quei costi che le organizzazioni devono sostenere per realizzare i
propri fini. Da un punto di vista macro, la costruzione organizzativa dei servizi
socioassistenziali sottintende l'esito dell'adozione di una particolare logica d'azione
nella regolazione dei rapporti Intra e Interorganizzativi. Le tendenze che hanno

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

contribuito a dare una particolare morfologia organizzativa al settore dei servizi


socioassistenziali sì individuano le radici nello sviluppo degli assetti organizzativi delle
pubbliche amministrazioni in Italia, sin dagli inizi del 900. Per lungo tempo i servizi
socio assistenziali sono stati gestiti ed erogati quasi esclusivamente da una serie di
pubbliche amministrazioni ed enti pubblici. A partire dagli anni '80 molte pubbliche
amministrazioni hanno attraversato un graduale processo di riconfigurazione dei
propri assetti organizzativi. Questo fenomeno ha ridefinito i numerosi presupposti
delle relazioni tra utenti, professionisti e istituzioni, favorendo la comparsa e la
diffusione di nuove logiche di azione nella programmazione, gestione ed erogazione
dei servizi. L'inquadramento organizzativo dei servizi socioassistenziali si traccia
seguendo alcuni direttrici : il consistente imprinting burocratico che ha segnato la
costituzione e il consolidamento delle pubbliche amministrazioni in Italia, la
ridefinizione delle dinamiche operative di alcune unità organizzative e, infine, la crisi e
il declino del paradigma burocratico. Queste sono viste come logiche organizzative
alternative nella costruzione organizzativa dei servizi socioassistenziali. Con il
concetto di burocrazia si intende una particolare logica di configurazione dell'azione
di un'organizzazione che ha contribuito innovare e consolidare il funzionamento delle
pubbliche amministrazioni. Il concetto di burocrazia si è diffuso grazie all'opera di Max
Weber (1961) a cavallo tra il XIX e il XX secolo, utilizzò questo termine per descrivere
un particolare modello di gestione delle pubbliche amministrazioni. Il criterio esclusivo
di legittimazione delle decisioni organizzative è la legge. Nel modello ideale di
burocrazia, sia la struttura sia il funzionamento di un'organizzazione sono determinati
da specifiche norme di legge, rispetto alle quali comportamenti dei membri
dell'organizzazione devono rigorosamente attenersi. In questo senso, la legge
legittima e stabilizza l'azione organizzativa, in quanto ne anticipa e prefigura
forme e contenuti, garantendole così uniformità e preservandola
dall'influenza distorsiva di interessi personali e di altri fattori di disturbo. Il
concetto di burocrazia non identifica di per sé uno schema di struttura organizzativa,
Esso inquadra un insieme di principi atti a garantire la conformità dell'azione
organizzativa alle norme; ne prefigurano scopi, mezzi e assetti strutturali. Il
criterio della conformità alle norme viene ritenuto imprescindibile per
un’organizzazione burocratica, in quanto assicura universalità e uniformità, e
garantisce la sopravvivenza dell'organizzazione. I principi, attraverso i quali si delinea
l'azione di una burocrazia, si declinano nella regolamentazione del rapporto
professionale che lega un individuo a una pubblica amministrazione. Al funzionario
burocratico è richiesta una preparazione specializzata per la conduzione delle attività
d'ufficio; l'assunzione da parte dell'organizzazione è subordinata all'esito di un
concorso pubblico, nel quale sono verificate le capacità del candidato; l'attività
lavorativa come funzionario burocratico deve essere svolta a tempo pieno e come
professione principale; Il funzionario ha quindi diritto una retribuzione fissa e a una
prospettiva di carriera all'interno della struttura amministrativa, generalmente
restando in carica a tempo indeterminato. Viene garantita l'uniformità nella
prestazione del servizio per impedire forme di gestione personalizzata e privatistica
dell'amministrazione pubblica; Il funzionario burocratico è tenuto al rispetto della
segretezza degli atti d'ufficio e alla fedeltà nei confronti dell'organizzazione. Per questi
aspetti, il funzionamento delle pubbliche amministrazioni in Italia si è fortemente
ispirato alle logiche burocratiche. Si è trattato di un imprinting che ha generato un
profondo radicamento delle logiche burocratiche nelle culture organizzative e

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

professionali di molte pubbliche amministrazioni. Pertanto, le pubbliche


amministrazioni italiane si sono distinte per il rilievo che il diritto
amministrativo ha assunto come fonte di validazione dell'operato delle
organizzazioni. La logica d'azione burocratica presuppone una rigida
standardizzazione dei comportamenti individuali dei membri di
un'organizzazione e dei risultati che si devono produrre collettivamente.
Quando un'organizzazione deve produrre dei servizi su misura per rispondere alle
diverse esigenze e richieste dei cittadini, un'organizzazione si trova ad erogare servizi
socioassistenziali. Si parla, al riguardo, di burocrazie professionali, in quanto
mantengono un assetto burocratico pur riconoscendo un consistente grado di
discrezionalità ai propri membri. La discrezionalità, in particolare, deve essere
concessa a coloro che operano in prima linea nell'erogazione di un servizio: ad
esempio, gli assistenti sociali di un Comune o i medici che lavorano in un reparto
ospedaliero; si tratta di professionisti che devono intervenire discrezionalmente in
diversi fasi delle loro attività. Riconoscere la discrezionalità non significa ammettere
una sorta di libero arbitrio a tali professionisti. A garantire l'uniformità e la coerenza è
la standardizzazione delle competenze dei professionisti. Tale standardizzazione
diviene in questo modo un criterio che mira ad assicurare una certa uniformità
d'azione tra i vari professionisti, pur nel mantenimento dell' intrinseca discrezionalità
che caratterizza determinate performance lavorative. Michael Lipsky (1980) ha
denominato tale professioni con l'espressione di "burocrati di strada". Determinate
professioni possono acquisire un ruolo decisivo nel definire le forme e contenuti delle
politiche pubbliche. Questo accade perché le differenti capacità individuali incidono
sulla buona riuscita di un'attività. In molte pubbliche amministrazioni convivono
logiche d'azione differenti e a volte contraddittorie. La costruzione organizzativa dei
servizi socio assistenziali si fonda su contrapposizioni, perché il lavoro di molti
professionisti è incastonato all'interno di strutture che, nel complesso, mantengono le
rigidità tipiche degli aspetti burocratici tradizionali. Il paradigma della burocrazia come
logica di azione organizzativa entra in una profonda crisi verso la fine degli anni '70.
Questa fase critica alimenta, da un lato, la riconfigurazione degli assetti organizzativi
di molte pubbliche amministrazioni e, dall'altro, favorisce la diffusione di nuove
soluzioni istituzionali per la gestione e l'erogazione di numerosi servizi pubblici. Queste
tendenze saranno particolarmente marcate nel settore della sanità e più attenuata in
quello dei servizi socioassistenziali. Il declino delle logiche di azione burocratica sono
riconducibili a molti fattori. In primo luogo, molte pubbliche amministrazioni hanno
sofferto a causa di un fenomeno chiamato "gigantismo organizzativo", vale a dire di
dilatazione delle strutture organizzative, in senso sia verticale che orizzontale. Questo
processo ha reso più complessa la gestione di molte burocrazie, nonché il controllo dei
processi produttivi, influendo negativamente sull'efficacia e l'efficienza di diverse
pubbliche amministrazioni. In secondo luogo, molte pubbliche amministrazioni, a
causa della rigidità di strutture organizzative e pratiche gestionali, hanno denotato
una notevole difficoltà ad adattarsi al cambiamento secondo le condizioni di contesto
(es. l'innovazione tecnologica). Un terzo elemento di criticità che ha contribuito al
deterioramento delle burocrazie è il fenomeno dell'inflazione normativa, ossia la
produzione indiscriminata di leggi, norme e procedure per regolamentare il
funzionamento di un'organizzazione. Di fronte uno scenario normativo sempre più
denso, molti operatori sono stati costretti a interpretare il dettato legislativo e ad agire
sulla base della propria interpretazione, introducendo così maggiore variabilità e

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

incertezza nell'azione organizzativa. Un quarto parametro riguarda la pervasività dei


rapporti tra politica e pubbliche amministrazioni. Nel modello tipico di burocrazia,
politica e amministrazione dovrebbero rimanere separate, in quanto, la politica ha una
funzione decisionale ed indirizzo mentre l'amministrazione ha i compiti esecutivi di
gestione e implementazione delle politiche. Infine, negli ultimi decenni si è
intensificata la presenza di attività gestionali promossi e sviluppate da un insieme di
organizzazioni. Si tratta di un fenomeno che ha contribuito innovare i meccanismi più
classici di strutturazione dell'azione organizzativa. Si è profilata, così, una nuova
logica di azione organizzativa che, ha ridefinito, sia la configurazione dei contesti
organizzativi, sia la valenza delle organizzazioni come attori sociali. Oggi, più
organizzazioni si aggregano al fine di conseguire gli obiettivi specifici di un
programma/progetto. Viene costituita così una nuova organizzazione definita
"struttura di implementazione". Strutture di implementazione sono composte da
frazioni di altre organizzazioni, vale a dire da membri di organizzazioni
preesistenti che vengono temporalmente assegnati a un incarico presso la
nuova unità organizzativa. Tra le organizzazioni partecipanti prevale una logica di
cooperazione, che tendenzialmente attenua il ricorso all'autorità nei processi
decisionali. La specializzazione dei ruoli tra i componenti di una struttura di
implementazione risulta funzionale agli obiettivi del programma. Un aspetto distintivo
delle strutture di implementazione è la possibilità che esse siano costituite da
organizzazioni pubbliche e private. Nell'ordinamento giuridico italiano, la
formalizzazione di queste esperienze prende genericamente specifiche forme, quali
associazioni temporanee di impresa (ATI) o associazioni temporanee di
scopo (ATS). Si tratta di forme giuridiche che delineano una realtà organizzativa
composta da più organizzazione che definiscono gli accordi per l'allocazione delle
risorse, la gestione delle attività, ecc. L'interesse e le motivazioni che sostengono
l'adesione di un organizzazione ha una struttura di implementazione possono essere
molteplici e variabili: Esse dipendono sia dalle caratteristiche e finalità del programma
da perseguire, sia dalle relazioni con le altre organizzazioni coinvolte. Le strutture di
implementazione sono una sorta di veicolo amministrativo che consente anche a delle
piccole organizzazioni di concorrere a bandi per la realizzazione di progetti di notevole
rilevanza e complessità, in competizione con Imprese di maggiori dimensioni. L'azione
organizzativa si struttura quindi seguendo logiche che ibridano e ricompongono
paradigmi diversi. Ciò altera radicalmente le dinamiche di strutturazione dei contesti
lavorativi e, al contempo, le relazioni che questi nuovi attori organizzativi possono
definire con altre organizzazioni.

3 . L’ASSETTO ISTITUZIONALE DEI SERVIZI


SOCIOASSISTENZIALI
L'espressione assetto istituzionale si riferisce all'insieme di fattori che regolano
i rapporti tra i diversi attori che sono chiamati in causa nella
programmazione, gestione ed erogazione dei servizi socio-assistenziali,
nonché i rapporti tra questi attori gli utenti dei medesimi servizi. È opportuno
precisare che tale assetto non dipende esclusivamente dalle leggi, ciò, perché a
monte della promulgazione di un provvedimento legislativo stanno particolari
convinzioni ideologiche e politiche che, assieme ai vincoli di carattere finanziario, ne
determinano il contenuto e la valenza. Non è possibile quindi ritenere che i

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

provvedimenti legislativi siano le uniche leve che plasmano e indirizzano l'azione di


professionisti nelle organizzazioni. L'analisi degli assetti istituzionali deve, inoltre,
tenere presente che i territori nei quali si devono attenuare le politiche mostrano
notevoli differenze. Questo è particolarmente vero nel caso italiano, dove la macro
differenziazione tra Nord, Centro e Sud segna, da decenni, lo sviluppo di qualsivoglia
forma di intervento di welfare. La differenziazione territoriale emerge già dal confronto
tra Regioni che appartengono alla medesima macro area territoriale. L'analisi
dell'assetto istituzionale delle politiche di assistenza sociale identifica una trama
complessa e composita di fattori intervenienti. Tra queste, le leggi e i provvedimenti
normativi costituiscono una componente rilevante. Tuttavia Essi non possono essere
considerati il fattore esclusivo ed esaustivo per comprendere il funzionamento dei
servizi socioassistenziali.

La composizione dell'assetto istituzionale delle forme di governo, della


programmazione della produzione dei servizi socioassistenziali può essere letta
considerando alcune tendenze di fondo che ne hanno scandito l'evoluzione e i
cambiamenti negli ultimi decenni: il decentramento amministrativo e legislativo
e la “territorializzazione” dell'offerta di servizi; l'universalismo dei diritti di
accesso e l'uniformità dell'offerta di prestazioni; il riconoscimento e la
valorizzazione del ruolo del terzo settore, sia nell'erogazione dei servizi, sia
nelle dinamiche di governo e programmazione; il richiamo alle tendenze di
aziendalizzazione che hanno contrassegnato più distintamente alcuni settori.
Si tratta di tendenze che si sono susseguite congiuntamente. Il risultato è un
complesso e articolato assetto istituzionale, caratterizzato da diversi elementi di
differenziazione.

 il decentramento amministrativo e legislativo e la “territorializzazione”


dell'offerta di servizi

Il decentramento amministrativo corrisponde al trasferimento di autorità da enti


centrali a enti periferici, che assumono così maggiori responsabilità nella gestione e
programmazione dei servizi. Il decentramento amministrativo assume una valenza
funzionale. A partire dagli anni Settanta ha preso piede in Italia un processo di
decentramento amministrativo dell'offerta di servizi socio-assistenziali. Esso si
sviluppò attraverso due vettori principali, che Seguivano direttrice opposte ma, per
molti versi, complementari. In primo luogo, il decentramento prese forma grazie a un
complesso insieme di iniziative istituzionali di matrice statale, culminate in due
importanti provvedimenti legislativi: da un lato, il D.P.R. n°616/1977 che disponeva il
trasferimento di una serie di competenze amministrative dallo stato alle regioni e agli
enti locali; dall'altro, la legge n° 833/1978 che istituiva il Servizio Sanitario Nazionale
(SSN), imperniato organizzativamente sulle Unità Sanitarie Locali (USL): queste
costituivano l'organo di riferimento a livello territoriale per la programmazione e
l'erogazione di servizi e prestazioni sanitarie, gestendo anche la rete di ospedali
pubblici presenti nel medesimo territorio. In Secondo luogo, molti enti locali, stante
l'assenza di un quadro legislativo omogeneo a livello nazionale, sperimentarono nello
stesso periodo delle stanze di decentramento seguendo una logica che prende forma
di iniziative per la gestione di servizi assistenziali: alcuni comuni iniziarono a costituire
una serie di servizi e realizzare delle economie di scala, cercando di innalzare la

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

qualità e la capillarità dei servizi. Negli anni 80 invece, le politiche volte al


decentramento vengono mantenute secondo una logica di riordino e decentramento di
funzioni e competenze. Ciò portò una più ordinata ripartizione di ruoli e competenze
tra regioni, province e comuni. Negli anni 90, si verifica un inversione di tendenza e le
politiche a favore del decentramento dei servizi trovano nuovo vigore nelle leggi n°
142/1990, conosciuta come Testo Unico degli Enti locali (TUEL), nella legge n° 59/1997
denominata riforma Bassanini e nel decreto legislativo n°112/1998, che sancirono il
trasferimento di una serie assai corposa di competenze amministrative dallo Stato alle
Regioni. Nel 2001 si compie un'importante atto di decentramento politico, con la
riforma del Titolo V della Costituzione che trasferì dallo Stato alle Regioni la
competenza legislativa esclusiva in diverse materie, tra le quali l'assistenza sociale. Il
decentramento diviene l'elemento distintivo dell'assetto istituzionale dell'offerta di
servizi socio-assistenziali.

 l'universalismo dei diritti di accesso e l'uniformità dell'offerta di


prestazioni

La costruzione di una logica universalistica nell'accesso ai servizi sociali si è compiuta


seguendo diversi vettori. Un passaggio fondamentale è stato la promulgazione della
legge n° 833/1978, che, attraverso l'istituzione del servizio sanitario nazionale, innovò
radicalmente le dinamiche di accesso ai servizi sanitari. Logica fondante del SSN era
quella di garantire l'accesso ai servizi sanitari a ogni cittadino, a prescindere dalla
propria professione e affiliazione. Nel settore dei servizi socio-assistenziali, una simile
logica verrà espressamente riconosciuta soltanto con la legge 328/2000: uno dei suoi
presupposti è il riconoscimento dell'accesso ai servizi sociali come diritto soggettivo di
ogni singolo cittadino. il sistema integrato di interventi e servizi sociali a carattere di
universalità; tale presupposto sarà parzialmente mitigato dall'introduzione di caratteri
di selettività dei beneficiari per dare priorità a particolari categorie di soggetti e
garantire, al contempo, la sostenibilità complessiva degli interventi. Sul fronte
legislativo, con la legge 328/2000 sono stati introdotti cosiddetti "livelli essenziali di
assistenza sociale" (LIVEAS). Questi individuano un insieme di prestazioni socio
assistenziali che dovrebbero essere erogati sull'intero territorio nazionale.

 il riconoscimento e la valorizzazione del ruolo del terzo settore

Il terzo fattore che ha caratterizzato l'evoluzione dell'assetto istituzionale del sistema


dei servizi socio assistenziali in Italia è la crescente rilevanza che hanno acquisito le
organizzazioni che compongono il cosiddetto "terzo settore". L'avanzata del terzo
settore di delineare i servizi socio-assistenziali è un fenomeno che è maturato in Italia
a partire dagli anni 80. Si parla al riguardo di privatizzazione dei servizi socio-
assistenziali. Si sono diffuse le organizzazioni di terzo settore. L'esito di questo
processo è stato il mutamento del quadro istituzionale e organizzativo dell'offerta di
servizi socio assistenziali. Si è ricomposta secondo una logica di welfare mix, nella
quale gli attori privati assumono un peso sempre più rilevante nel complessivo
intervento di prestazioni assistenziali. I fattori che hanno favorito la formazione di
questa configurazione di welfare mix sono: l'irrigidimento delle strutture burocratiche

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

delle amministrazioni pubbliche e la difficoltà nell'intervenire efficacemente ed


efficientemente rispetto ai bisogni sociali; la costante riduzione della spesa pubblica
destinata all'assistenza sociale; l' aumento del grado di complessità ed eterogeneità
dei bisogni sociali, che hanno dimostrato Maggiore capacità di innovazione e
sperimentazione; l'intensificazione delle istanze di partecipazione civile e democratica
sostenuta dall'affermazione di movimenti sociali e politici di diverso genere e
ispirazione. Il ruolo assunto dal terzo settore si può cogliere considerando le nuove
funzioni che, nel corso degli anni, le organizzazioni del terzo settore hanno assunto. In
particolare, la diffusione delle politiche di governance multilivello nel campo
dell'assistenza sociale, è legato a un passaggio fondamentale, ovvero l'introduzione
dei Piani di zona (PDZ), con la legge 328/2000. Il piano di zona costituisce costituisce
un innovativo strumento di programmazione locale dei servizi socio assistenziali.
L'elemento che lo contraddistingue e l'apertura alla partecipazione degli attori del
terzo settore nei processi di programmazione. C'ho Segna un radicale punto di svolta
nel ruolo istituzionale del terzo settore: se in precedenza Le organizzazioni di terzo
settore provvedevano prevalentemente ha funzione di erogazione, grazie al PDZ esse
possono intervenire direttamente in modo riconosciuto nei processi di
programmazione locale.

 tendenze di aziendalizzazione della pubblica amministrazione

Nel corso degli anni 90, le pubbliche amministrazioni sono state interessate da
processi di aziendalizzazione. Questi processi hanno portato a delle innovazioni, sia in
chiave istituzionale sia organizzativa. L'aziendalizzazione della Pubblica
Amministrazione è un tema che si può ricondurre a quella dottrina gestionale che
prende il nome di New Public Management. Il presupposto è una visione della società
ispirata ai Principi liberisti, secondo la quale le logiche di mercato devono divenire
criteri predominanti anche nella gestione delle politiche pubbliche. Al fenomeno della
privatizzazione dei servizi si affianca il concetto di managerializzazione. Esso sotto
intende un complesso di misure organizzative; una forma di politica pubblica;
un'ideologia.

Quale impatto hanno avuto le tendenze di aziendalizzazione e, quindi, il NPM, nel


settore dei servizi socio assistenziali in Italia?

Nel campo specifico dell'assistenza sociale, l'evoluzione delle dinamiche regolative


gestionali ha seguito, invece, una traiettoria diversa. Da un lato, l'aziendalizzazione
si è sviluppata nel verso delle esternalizzazione di alcuni servizi e prestazioni
socioassistenziali, favorendo così lo sviluppo di un assetto che combinasse l'offerta
pubblica con quella privata. Dall'altro lato, la titolarità della gestione amministrativa
dei servizi socioassistenziali è rimasta prevalentemente nelle veci dei Comuni: essi
hanno conosciuto importanti mutamenti, sia sotto il profilo istituzionale sia sotto quello
amministrativo, Pur avendo preservato una fisionomia organizzativa più fedele
all'impianto burocratico originario. Tuttavia, è possibile sostenere che, nei Comuni,
l'organizzazione complessiva dell'attività amministrativa abbia resistito alle dinamiche
di managerializzazione più spinta.

 I PASSAGGI LEGISLATIVI

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

Hanno segnato e scandito il percorso di trasformazione dell'assetto istituzionale


dell'offerta di servizi socioassistenziali, alcuni provvedimenti legislativi.

I provvedimenti legislativi sono: la legge 833/1978, che ridefinisce la gestione dei


servizi sanitari istituisce il SSN; Il trittico di provvedimenti di riforma della sanità
emanati negli anni 90 ( vale a dire i decreti legislativi n° 502/1998, n° 517/1993,
n° 229/1999); la legge 328/2000, legge quadro in materia di assistenza sociale; la
legge di riforma costituzionale n°3/2001 che redistribuisce le competenze
legislative in materia di assistenza sociale.

La frammentazione e disomogeneità dell'offerta di servizi e la parallela


differenziazione delle opzioni e condizioni di accesso di godimento dei medesimi
servizi hanno portato a un'esigenza di una riforma del Sistema Sanitario Italiano.

Era indispensabile ridefinire il concetto di tutela della Salute. La legge n° 833/1978 fu,
quindi, l'occasione per superare molti dei limiti e delle criticità del sistema. La legge
sottolineava che la tutela della Salute non doveva limitarsi esclusivamente alle attività
di cura, ma doveva includere anche i processi di prevenzione e riabilitazione. Al tempo
stesso, simpatizzò il tema della partecipazione dei cittadini ai processi di gestione e
programmazione delle politiche sanitarie, nonché il diritto dei cittadini all'informazione
in merito ai servizi. Inoltre, la legge n°180/1978, legge Basaglia, portò alla chiusura
dei manicomi. Anche la legge n° 833/1978 sostenne le politiche di
deistituzionalizzazione e domiciliarizzazione, sia come forma di contrasto
all'emarginazione sociale dei malati psichiatrici si sa, più in generale, come
orientamento di fondo nell'organizzazione dei servizi destinati ai lungodegenti. A ogni
cittadino venne riconosciuto il diritto di accedere ai servizi sanitari, a prescindere dalla
propria condizione lavorativa e occupazionale. Si incentiva una logica di
programmazione dell'offerta dei servizi, individuati su tre livelli : statale, regionale e
locale. A complemento di queste scelte, aggiunse la costituzione dell' USL, il nuovo
enti che, a livello locale, si poneva come il riferimento istituzionale e organizzativo per
la programmazione, la gestione e l'erogazione dei servizi sanitari. Dal punto di vista
giuridico si figuravano come organismi strumentali dei Comuni. La definizione del
territorio di un'USL era compito delle Regioni. Le USL erano suddivise territorialmente
in distretti di base, presso i quali erano collocati i servizi ospedalieri e ambulatoriali. In
termini di programmazione, l'operato di ciascuna USL, doveva essere coerente con i
PSR promulgati da ciascuna Regione; la legge prevedeva inoltre che i piani sanitari
regionali dovessero seguire le indicazioni definiti dal Piano Sanitario Nazionale (PSN).

La genesi delle USL fu un processo di grande portata in chiave istituzionali


organizzativa. In termini numerici, Esso portò all'istituzione, a livello nazionale, di ben
659 USL. La presenza di queste strutture consenti di passare da un modello di
gestione e programmazione dei servizi sanitari accentrato e settoriale a un modello
decentrato e unitario. Questo perché le USL permettevano un superamento della
frammentazione tra enti e competenze nell'offerta di servizi sanitari. Questo processo
ebbe degli importanti riflessi anche sui servizi socio assistenziali. L'istituzione delle
USL mise in moto un processo di trasferimento di competenze istituzionali per la
gestione ed erogazione di alcune tipologie di servizi socio assistenziali. In particolare,
molti comuni scelsero di delegare alle USL la gestione dei servizi per i minori e per le
famiglie. Questa scelta fu Favorita perché, le USL permettevano di coniugare le
esigenze di economia nell'erogazione di servizi con le richieste di contiguità con il

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

territorio, e, in secondo luogo, i comuni potevano comunque mantenere un controllo


diretto sull'operato delle USL, attraverso i comitati di gestione. Questo trasferimento di
competenze indusse alcune USL a cambiare la propria denominazione in Unità
Sociosanitarie Locali. Il modello delineato dalla legge 833/1978 cambiò radicalmente
l'organizzazione dell'offerta dei servizi sanitari. Le criticità che emersero riguardo
questo assetto istituzionale furono: la sovrapposizione tra responsabilità politiche e
responsabilità tecniche nella guida delle USL, dilagandosì il fenomeno di cattiva
gestione delle USL; sebbene la legge indicasse chiaramente i criteri di suddivisione
delle competenze istituzionali, non vi fu un efficace coordinamento gerarchico nelle
politiche gestionali, in particolare da parte dello Stato nei confronti delle Regioni. Le
ricadute di questo problema furono gravi soprattutto nel controllo della spesa e ciò
causò un'enorme dilatazione del budget per i servizi sanitari, provocando un forte
indebitamento nei conti pubblici statali; la proliferazione del numero di USL e l'assenza
di un coordinamento a livello Regionale, rendendo difficile il controllo del loro operato.
Queste difficoltà alimentarono numerose richieste di revisione e aggiustamento
dell'assetto istituzionale definito dalla legge 833/1978. Si resero urgenti degli
interventi di riorganizzazione, che ebbero luogo nel corso degli anni '90. Negli anni 90,
si succedettero una serie di provvedimenti legislativi che riformarono l'assetto
organizzativo del servizio sanitario italiano, con importanti risvolti anche sul fronte dei
servizi socio assistenziali. Questo percorso di riforme si articola lungo un trittico di
iniziative legislative: Il D.Lgs. 502/1992, il D.Lgs. 517/1993 e il D.Lgs. 229/1999.
Queste iniziative legislative ridi segnarono radicalmente la struttura di governo delle
USL, le competenze a essi assegnate e la loro distribuzione su scala territoriale; i
principali cambiamenti riguardarono: l'aziendalizzazione delle USL che, pur
mantenendo la natura giuridica di ente pubblico, da organi strumentali dei comuni
divennero aziende dotate di personalità giuridica pubblica, di autonomia organizzativa,
amministrativa, patrimoniale, contabile, gestionale e tecnica. Questa trasformazione
comportò anche il cambiamento della loro denominazione da USL ad ASL; tale
variazione non fu adottata uniformemente in tutte le regioni, alcune di esse decisero
di mantenere la denominazione precedente; Il cambiamento delle dinamiche di
governance; la ricalibrazione della Dimensione territoriale di di competenza delle ASL.
La dimensione attuale di un'ASL corrisponde tendenzialmente al territorio provinciale
di riferimento.

Si introdusse una logica di aziendalizzazione dei servizi sanitari, che stimola la


presenza gli attori privati e ne alimento la concorrenza. Nel corso degli anni '90, si
avviò il cosiddetto processo di regionalizzazione della sanità, attraverso il
trasferimento dallo Stato alle Regioni delle competenze legislative per la gestione dei
servizi sanitari, attuando così un decentramento di competenze dallo stato alle
regioni, ma venne controbilanciato da un accentramento dei ruoli di governo delle ASL
dai Comuni alle Regioni. Conseguentemente, l'esigenza di mantenere i servizi e la
parallela necessità di agire in termini economicamente e organizzativamente
sostenibili stimolò la diffusione di enti preposti alla gestione associata dei servizi
socioassistenziali.

 LA LEGGE 328/2000

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

Con l'approvazione della legge 328/2000, si giunse a una vera riforma organica dei
servizi socioassistenziali. La legge 328/2000 rappresenta per il settore dell' assistenza
sociale ciò che la legge 833/1978 aveva a suo tempo rappresentato per il settore della
sanità. Dunque, è la legge fondamentale nella storia delle politiche di assistenza
sociale. La legge si approccia complessivamente alle politiche ai servizi socio-
assistenziali inquadrando l'assetto istituzionale del settore. La legge specifica
chiaramente le competenze spettanti allo Stato, alle Regioni, alle Province e ai
Comuni. Nella distribuzione delle competenze spicca il ruolo assegnato ai Comuni: essi
divengono il soggetto centrale nella gestione dei servizi socio assistenziali. La legge
chiarisce le principali competenze dei Comuni, ovvero : la titolarità delle funzioni
amministrative degli interventi sociali; la programmazione, progettazione e
realizzazione del sistema dei servizi sociali a rete; l'erogazione dei servizi e delle
prestazioni economiche; l'autorizzazione, accreditamento e vigilanza dei servizi sociali
e delle strutture a ciclo residenziale e semiresidenziale a gestione pubblica o del
privato sociale; la definizione dei parametri di valutazione delle condizioni di accesso
programmato ai servizi. I comuni si muovono per mezzo della cornice normativa e
regolamentativa costruita dalle Regioni. Le principali competenze delle Regioni sono:
la definizione di politiche integrate in materia di interventi sociali, ambiente, sanità,
istituzioni scolastiche, avviamento al lavoro e il reinserimento lavorativo, servizi del
tempo libero, trasporti e comunicazioni; la determinazione dei criteri per
l'autorizzazione, l'accreditamento e la vigilanza delle strutture pubbliche e dei soggetti
accreditati; la definizione dei criteri per stabilire i costi di compartecipazione degli
utenti alla spesa sociale; la definizione dei requisiti di qualità per la gestione dei servizi
e l'erogazione delle prestazioni; la determinazione dei criteri per definire le tariffe che i
Comuni devono corrispondere ai soggetti accreditati; la definizione dei criteri per la
concessione dei titoli sociali.

Le province mantengono un ruolo marginale di supporto all'attività dei Comuni. Allo


stato compete la questione dei LIVEAS: la legge prevede che alcune categorie di
servizi e prestazioni siano qualificate come livelli essenziali di assistenza sociale.

La legge 328/2000 introduce una serie di sostanziali innovazioni nelle dinamiche di


erogazione dei servizi socio assistenziali. Viene espressamente riconosciuto il principio
del universalismo selettivo come criterio di regolazione dell'accesso e dell'erogazione
dei servizi. Viene enfatizzata la logica della programmazione degli interventi e della
operatività per progetti. Si delinea l'adozione dei titoli sociali come strumento per
l'accesso ai servizi sociali. I titoli sociali rappresentano una delle chiavi per la
realizzazione di un sistema di offerta di servizi che sia aperto alla concorrenza di più
attori e che lasci potenzialmente libertà di scelta del fornitore di servizi all'utente.

Le organizzazioni che intendono accreditarsi come erogatori di servizi socio-


assistenziali in nome e per conto dell'ente pubblico devono provvedere alla
pubblicazione di una carta dei servizi. Questo documento fornisce all'utente il maggior
numero possibile di informazioni sulle prestazioni offerte dall'organizzazione e sui
livelli di qualità che l'utente si può attendere in merito.

La prima innovazione della legge 328/2000 è l'articolo 18 che prefigura, infatti, una
logica di governance multilivello dei servizi socio-assistenziali. Lo stato è chiamato a
predisporre un Piano Nazionale degli Interventi e dei servizi sociali, che deve essere
affiancato in ogni regione da un piano regionale. Questi documenti costituiscono

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

l'architrave istituzionali alla quale si dovrebbe allineare la programmazione esercitata


a livello locale. In questo livello di governance e programmazione dei servizi socio
assistenziali Si colloca una delle innovazioni più importanti della legge 328/2000: il
PDZ, lo strumento disegnato dalla legge per la programmazione dei servizi a livello
locale. È predisposto dai comuni che appartengono a un determinato ambito sociale. Il
pdz risiede nell' apertura alla partecipazione degli attori del terzo settore che
concorrono all'erogazione dei servizi socio-assistenziali. Il terzo settore è quindi
chiamato a svolgere una partecipazione più attiva alla programmazione al governo dei
servizi socio-assistenziali su scala locale. L'articolazione delle dinamiche di governo
dei servizi socio assistenziali viene distinta su tre livelli di governo: tali, regionale e
locale. Alcuni servizi sociali possono essere erogati da un ente pubblico (il Comune),
mentre altri da enti del terzo settore. I servizi socio assistenziali possono essere gestiti
ed erogati da un singolo comune; in alternativa, essi possono essere offerti seguendo
la logica della gestione associata a livello intercomunale, tramite la costruzione di una
specifica organizzazione per la gestione e l'erogazione dei servizi sociali.

 LA RIFORMA DEL TITOLO V DELLA COSTITUZIONE

Le aspettative dalla legge 328/2000 vennero attuate dalla legge di riforma


costituzionale 3/2001. Questa modifica il Titolo V della Costituzione, specificamente
nell'articolo 117, nel quale si definisce la ripartizione delle competenze legislative tra
Stato e Regioni. Nella sua nuova formulazione, l'articolo 117 della Costituzione
predispone tre opzioni: il mantenimento della competenza legislativa esclusiva allo
Stato; l'assegnazione alle regioni di una potestà legislativa concorrente, prefigurando
una disposizione combinata dell'azione legislativa tra Stato e Regioni; l'assegnazione
alle Regioni di una potestà legislativa esclusiva, privando quindi il Parlamento di ogni
competenza riguardo a una specifica materia. Si è trattato di un cambiamento
istituzionale di rilievo storico, che ha rovesciato l'ordinamento delle competenze tra
stato e regioni. È stato riconosciuta la gestione amministrativa delle politiche l'ente
locale più prossimo al cittadino, relegando gli enti di livello superiore le funzioni che
l'ente locale non può assolvere per ragioni organizzative e/o di competenza
territoriale. La riforma ha aperto la possibilità di un superamento sul piano legislativo
della L.328/2000. La legge si poneva l'obiettivo di definire un ordinamento unitario sul
piano nazionale.

 MOLTEPLICITA’ ED ETEROGENEITA’

La molteplicità delle normative definite a livello regionale si unisce alla diversa


capacità d'azione che le regioni e territori hanno dimostrato nell'implementazione dei
servizi. Il quadro istituzionale odierno è un mosaico composto da tasselli differenti,
corrispondenti agli assetti sviluppati autonomamente dalle varie Regioni. Le regioni a
statuto ordinario che hanno provveduto a emanare delle normative di riordino del
settore dei servizi socio assistenziali sono 12. Nel resto dell'Italia vige tutore alla
legge 328/2000. Si distinguono le regioni che, dopo il 2001, hanno promulgato una
propria e normativa di riordino del settore dei servizi socio assistenziali, da quelle che
non si sono mosse in questa direzione, e che si sono affidate alla legge 328/2000.

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

Tutte le leggi regionali hanno sostanzialmente confermato la suddivisione delle


competenze tra Regione, Province e Comuni delineata dalla legge 328/2000. Le
Regioni mantengono la potestà legislativa. I comuni preservano la titolarità
amministrativa dei servizi e la responsabilità delle procedure di esternalizzazione degli
stessi servizi e dell'elaborazione delle graduatorie di accesso. Le province si
concentrano su compiti di supporto analitico e formativo, nonché di monitoraggio del
fabbisogno assistenziale.

Un elemento che si ritrova come denominatore comune delle leggi regionali e che ne
segnala la continuità con la legge 328/2000 è l'enfatizzazione del livello della
programmazione sociale. In tutte le regioni, il PDZ rimane l'unità organizzativa e
istituzionale di riferimento per la programmazione locale. Analogamente, nelle leggi
regionali si prevede la partecipazione dei soggetti del terzo settore al processo
programmatorio. Si rilevano, tuttavia, una serie di criticità trasversali e comuni alle
normative. In molte leggi regionali vie una vaga enunciazione di principi e una confusa
rappresentazione di concetti di fondo che dovrebbero porsi come riferimenti precisi
per l'implementazione delle politiche. Ne consegue una debolezza dell'impianto
normativo. Simili criticità si riscontrano da un lato dall'inclusione della questione dei
LIVEAS nelle normative regionali e dall'altro dalla definizione dei meccanismi basilari
di governo e di intervento delle politiche socio-assistenziali territoriali. La
configurazione degli interventi si delinea secondo un mix di logiche, lasciando ampio
spazio di manovra alla programmazione locale.

 LE DIVERSE CAPACITA’ E DINAMICHE DI IMPLEMENTAZIONE DEI SERVIZI

Le variabili attraverso le quali è possibile cogliere le diverse dinamiche e capacità di


realizzazione di servizi riguardano: l'incidenza della spesa in servizi socio assistenziali
a livello regionale; gli orientamenti nelle politiche di spesa all'interno di questo settore;
la capacità di utilizzo delle risorse. L'incidenza della spesa in servizi socio assistenziali
è un dato sul quale si possono avere numerose informazioni grazie una serie di
rilevazioni compiute annualmente dall'ISTAT. I dati più aggiornati indicano l'estrema
variabilità della spesa pro capite in servizi e interventi socio assistenziali effettuata da
ciascuna regione. I dati offrono degli spunti significativi per comprendere l'effettiva
dinamica di implementazione dei servizi socio assistenziali a livello territoriale.

Possono essere approfonditi grazie all'analisi di Madama, nel 2010, che fornisce
un'indicazione sugli orientamenti della spesa in servizi e interventi socio assistenziali.

L'autrice identifica 4 Cluster di regioni:

1) comprende 7 regioni del sud ( Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia,


Sardegna e Sicilia), acquistabili in virtù del basso livello di spesa, della
preferenza per i trasferimenti monetari a discapito dell'erogazione di servizi, di
una gestione della spesa concentrata nei singoli Comuni.
2) include Lombardia, Veneto e Friuli-Venezia-Giulia: regioni che si caratterizzano
per l'elevato livello della spesa.
3) si compone di quattro regioni: Emilia-Romagna, Piemonte, Toscana e Liguria:
la spesa complessiva si mantiene alta mentre l'aria prioritaria è quella della
"famiglia" e si privilegia lo sviluppo di servizi.

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

4) 4 Regioni dell'Italia centrale (Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo): seguono


sostanzialmente lineamenti del terzo Cluster ma denotano una spesa di livello
mediamente inferiore.

 ASSETTI DIVERGENTI O VARIAZIONI SUL TEMA?

I modelli regionali presentano un'architettura istituzionale omogenea, alla quale fa


però da contraltare l'eterogeneità delle Policy effettivamente messe in campo.
L'eterogeneità delle Policy affiora confrontando le scelte compiute a livello regionale
nell'allocazione delle risorse e nella definizione delle priorità di intervento. Questi
aspetti indicano come ogni Regione abbia una propria storia e come tentativi di
armonizzazione (compiuti in primis con la legge 328/2000) abbiano inciso poco nelle
dinamiche di implementazione ed erogazione di interventi e prestazioni a livello
territoriale. Emergono pertanto notevoli differenze a livello regionale, che prefigurano
una disuguale configurazione delle opportunità di accesso ai servizi socio assistenziali
e delle loro modalità di realizzazione.

 IL FINANZIAMENTO DEI SERVIZI SOCIOASSISTENZIALI

Per comprendere le analisi dell' assetto istituzionale dei servizi socio assistenziali è
opportuno approfondire la questione del loro finanziamento. Il costo dei servizi socio
assistenziali è coperto dalle le risorse a disposizione dei comuni e del SSN e dalla
compartecipazione diretta degli utenti. La ripartizione del carico della spesa tra questi
tre attori è pertanto variabile di Regione in Regione. I Comuni fanno fronte
generalmente alla parte maggiore del corso di servizi. La spesa non è però sostenuta
esclusivamente da risorse proprie comunali ma sorretta da una serie più articolata di
fonti di finanziamento. Il finanziamento dei servizi alla persona è ripartito tra Stato,
Regioni e Comuni. Lo Stato interviene attraverso una serie di fondi. Tra questi, il Fondo
Nazionale per le Politiche Sociali (FNPS) rappresenta il principale canale di
finanziamento per i servizi della persona. È stato istituito nel 1997 e portato a regime
con la legge 328/2000 che lo ha qualificato come vettore prioritario di finanziamento
dei servizi socio assistenziali. A partire dal 2001, quindi, il FNPS ha rimpiazzato i Fondi.
Uno dei problemi di questo passaggio sta nell'assenza di una definizione della
destinazione delle quote di risorse ricondotte all'interno del FNPS. Infatti le risorse del
FNPS vengono suddivise tra INPS, Regioni e ministero.

Le regioni possono utilizzare con discrezionalità la propria quota. Oltre ai


finanziamenti statali, i servizi alla persona vengono alimentati da risorse messe
a disposizione direttamente dalle Regioni e dai Comuni. Le regioni si muovono
attraverso la predisposizione di specifici finanziamenti che vengono destinati ai
Comuni. Anche i comuni stessi stanziano annualmente le spese dei servizi socio
assistenziali che erogano direttamente o in forma associata con altri comuni. I
dati Istat indicano che l'Emilia-Romagna è la regione nella quale comuni
coprono maggiormente la spesa sociale con risorse proprie.
Secondo i dati ISTAT, si può notare come la quota percentuale di spesa coperta
tramite il FNPS sia tendenzialmente più alta al sud che al nord; viceversa, la
quota percentuale coperta da risorse proprie dei comuni è maggiore al nord che

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

al sud. Questo delinea una maggiore dipendenza dalle risorse statali nelle
regioni meridionali.

4. L’OFFERTA DI SERVIZI SOCIOASSISTENZIALI

 LA COMPOSIZIONE DELL’OFFERTA

La composizione dell'offerta di servizi socioassistenziali può essere esaminata


attraverso principali parametri, quali:

 La categoria di utenza alla quale servizi sono destinati, identificando così servizi
per anziani, minori, famiglie, disabili ecc;
 La natura del servizio offerto, distinguendo tra servizi sociali, socio-sanitari e
sanitari;
 La finalità del servizio, individuando i servizi preventivi e di informazione, di
pronto intervento e di risposta a situazioni emergenziali;
 La collocazione operativa del servizio, attraverso la quale possono distinguere
servizi non residenziali, semiresidenziali e residenziali;
 L'inquadramento organizzativo del servizio che prefigura una differenziazione
tra servizi erogati in pianta stabile e continuativa da un'organizzazione e
progetti di natura più estemporanea.

In genere, l'erogazione di un servizio prende forma combinando più opzioni tra quelle
descritte: le scelte di configurazione di un servizio assistenziale maturano abbinando
le opzioni ritenute più adeguati e fattibili, considerando vincoli e opportunità.

 LA CLASSIFICAZIONE PER AREE DI UTENZA: VANTAGGI E LIMITI

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

La classificazione per aree di utenza il vantaggio di identificare chiaramente il target di


utenza di ciascuna tipologia di interventi e prestazioni. Le principali aree di utenza
verso le quali tipicamente si indirizza alla composizione dell'offerta di servizi socio
assistenziali sono:

 le persone anziane e gli anziani non autosufficienti;


 i minori;
 i soggetti adulti in difficoltà;
 le persone con disabilità;
 le persone con problemi di dipendenza da sostanze;
 le persone affette da problemi di salute mentale.

Tali aree possono presentare denominazioni differenti e essere declinate in forme


diverse. Inoltre, nelle stanze di programmazione locale dei servizi, si possono avere
dei servizi che maturano trasversalmente e senza essere pensati per uno specifico
profilo di utente.

SERVIZI PER ANZIANI: L'area dell'utenza anziana costituisce un importante bacino di


destinazione dei servizi socio-assistenziali. L'invecchiamento della popolazione è una
tendenza rilevante nell' evoluzione demografica e sociale. Questo fenomeno genera
particolari problemi, perché l'invecchiamento induce condizioni di non autosufficienza
e di perdita di autonomia individuale. I servizi per le persone anziane possono
assumere varie forme e prefigurano una logica di intervento che integra la dimensione
sociale con quella sanitaria. Negli ultimi decenni, i servizi per gli anziani hanno seguito
la logica della domiciliarizzazione, vale a dire l'implementazione di soluzioni che
consentano di mantenere il più possibile la persona nel proprio contesto abitativo. Si
sono così diffusi, A partire dagli anni 70, l'erogazione degli interventi assistenziali ha
luogo presso il domicilio dell'utente. Quando questi servizi risultano insufficienti, la
permanenza in una struttura residenziale, diviene un'esigenza insopprimibile. Gli
interventi assistenziali prevedono la permanenza al proprio domicilio, la
dimensione di semiresidenzialità e infine la completa residenzialità presso
una struttura di cura. I Servizi di Assistenza Domiciliare (SAD) includono tipologie
diverse di interventi e prestazioni, quali: l'assistenza per l'igiene personale e per la
pulizia e la cura degli ambienti domestici; i servizi di consegna pasti a domicilio;
l'implementazione di dispositivi di telesoccorso. In questa categoria si collocano
anche i servizi di ADI ( Assistenza Domiciliare Integrata). In essi, la dimensione
sanitaria delle prestazioni assistenziali è più rilevante. Gli interventi di ADI si attivano
prevalentemente a seguito di dimissioni da strutture ospedaliere e hanno la finalità di
consentire l'erogazione di servizi di carattere sanitario direttamente al domicilio
dell'utente. A queste attività si possono affiancare i servizi di accompagnamento. I
servizi domiciliari per anziani possono essere erogati da professionisti diversi, con
competenze differenziate. L'implementazione di questi servizi è operata da
organizzazioni di natura differente, sia per matrice giuridica che per dimensioni. Una
delle forme più diffuse di assistenza domiciliare per persone anziane non
autosufficienti e il ricorso alle cosiddette badanti. I servizi semiresidenziali vengono
invece erogati in apposite strutture. Alcuni di questi servizi possono avere una
prevalente finalità terapeutica, mentre altri si pongono l'obiettivo di favorire le
possibilità di socializzazione, contrastando i rischi di isolamento sociale. Le strutture
individuate per erogare i servizi semiresidenziali vengono denominati Centri Diurni

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

(CD) e offrono prestazioni che presentano una gradazione variabile di contenuto


sanitario, socio sanitario e sociale: si possono avere strutture che hanno una prioritaria
funzione ricreativa e di socializzazione, oppure strutture che erogano servizi più
specifici per particolari categorie di utenti. I servizi residenziali sono rivolti agli
individui che soffrono per la perdita di autonomia personale, anche a causa di
patologie degenerative. La tipologia di struttura residenziali è la residenza sanitaria
assistenziale (RSA). Un presidio residenziale sanitario extraospedaliero offre ospitalità,
prestazioni mediche, infermieristiche, di recupero funzionale e di riattivazione
psicosociale volta al mantenimento e al miglioramento dello stato di salute e del grado
di autonomia di soggetti non autosufficienti affetti da malattie croniche o da patologie
invalidanti, non assistibili a domicilio e che per tuttavia non necessitano di ricovero in
strutture ospedaliere o di riabilitazione. La definizione mette in luce come simili
strutture dell'intervento assistenziale siano di carattere sanitario pur con diversa
intensità.

L’offerta di servizi socio assistenziali per la popolazione anziana si completa


con una serie di interventi di carattere sociale e ricreativo, la cui
organizzazione compete generalmente agli enti locali. Tra questi, due iniziative
importanti sono: i soggiorni climatici, ossia l'organizzazione di un periodo di vacanza
tendenzialmente presso località balneari; la predisposizione degli orti comunali, piccoli
lotti di terreno nei quali effettuare la coltivazione e il raccolto di ortaggi e verdure; per
concludere l'analisi dell'offerta di interventi assistenziali destinata agli anziani, è
opportuno menzionare i trasferimenti monetari predisposti primariamente per
fronteggiare situazioni di non autosufficienza. Il contributo più rilevante è quello della
cosiddetta "indennità di accompagnamento" per le persone invalide. Tale contributo,
pensato originariamente per le persone affette da disabilità fisiche, viene concesso dal
1988 agli individui anziani non autosufficienti, i quali ne assorbono circa tre quarti
della spesa complessiva. L'indennità di accompagnamento costituisce il contributo
economico più consistente a sostegno degli anziani non autosufficienti. Si tratta
peraltro di un contributo che, fatta salva la verifica dei requisiti del richiedente, viene
fornito universalmente e uniformemente, senza distinzioni e graduazioni in base alla
condizione economica.

SERVIZI PER MINORI: L'area dei servizi per i minori inquadra una costellazione di
interventi assai eterogenei con finalità diverse e dedicati a problematiche altrettanto
diversificate. Un primo fattore di variabilità risiede il target degli interventi che, in
molti casi, è duplice: l'utente di un servizio per minori e il minore stesso, ma pure la
sua famiglia. È per questa ragione che spesso i servizi per i minori vengono associati a
quelli per le famiglie, assumendo la più ampia denominazione di servizi per minori e
famiglie. D'altra parte, la condizione dei Minori è inevitabilmente interessata dai
cambiamenti che concorrono a livello familiare. Gli interventi destinati ai minori si
possono distinguere in due grandi categorie: da un lato, si hanno i servizi rivolti alla
generalità dei minori, dall'altro quelli pensati per minori e famiglie che vivono
condizioni di fragilità. I servizi rivolti alla generalità dei Minori prescindono dall'azione
specifica degli uffici dei servizi sociali e si collocano tra il dominio delle politiche sociali
e quello delle politiche educative: asilo nido, centri di aggregazione.. I servizi per
minori e famiglie che vivono condizioni di fragilità vertono direttamente su questioni di
assistenza sociale sono orientati a prevenire e ridurre situazioni di disagio per minori e
famiglie. I servizi che intervengono in situazioni di maggiore difficoltà

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

nell'adempimento delle responsabilità familiari nei confronti dei figli sono i più
rilevanti e dibattuti: il tema dell'affido dei minori è uno dei più rilevanti nel mondo dei
servizi socioassistenziali. Si tratta di una problematica molto complessa, che incrocia
un ampio numero di istituzioni e che presenta indubbiamente risvolti molto controversi
sia sul piano sociale che su quello professionale. I servizi per l'affido sono seguiti dai
Comuni, laddove l'adozione dei minori avviene grazie all'opera delle ASL e dei
consultori familiari. A questi, si accostano poi i servii offerti dalle Comunità Alloggio e
dalle Comunità familiari. La residenzialità in questo caso si coniuga con un percorso di
natura educativa, personalizzato per ciascun utente. Tali comunità vengono finanziate
dai Comuni. Ulteriore area di lavoro di quest'ambito riguarda i servizi per la tutela dei
minori rispetto a situazioni di violenza e maltrattamento. Si tratta di un'area che
intreccia l'azione di diverse organizzazioni, riconducibili a una duplice polarità: da un
lato, il sistema dei servizi socio assistenziali che operano al livello territoriale e che
trovano nel Comune il nucleo centrale; dall'altro, la magistratura e, in particolare, i
tribunali minorili. La conformazione attuale degli interventi che vengono promossi
rispetto ai problemi dei minori vive un inquadramento organizzativo e istituzionale
mutevole: ciò perché si tratta di servizi che implicano necessariamente l'interazione
tra organizzazioni di natura diversa la costituzione di equipe di lavoro interdisciplinari,
poi, occorre sottolineare come tali servizi prevedono modalità di accesso differenziate
è particolarmente rilevanti per il buon esito dell'intervento stesso.

SERVIZI PER ADULTI E FAMIGLIE: La categoria dei servizi socio-assistenziali per


individui adulti e famiglie è la più estesa e composita. È dovuto all'espansione delle
situazioni di disagio occupazionale, riconducibili all'aumento del numero dei
disoccupati e delle persone che scontano una condizione di precarietà lavorativa.
Simili situazioni alimentano ulteriori difficoltà a livello economico e sociale,
aggravando i rischi di povertà ed esclusione sociale per molti Individui e famiglie. Ciò
sollecita le organizzazioni che erogano servizi di assistenza sociale su due versanti: da
un lato, esse devono gestire e contenere l'aumento della domanda; dall'altro, esse si
trovano a intervenire nei confronti di utenti la cui situazione di bisogno non è il frutto
di condizioni di disagio cronico, Ma è riconducibile a eventi sfavorevoli che hanno
determinato un deterioramento del loro stato di benessere. Da questo punto di vista,
la sfida per gli enti e le istituzioni è quella di rispondere alle richieste che derivano da
situazioni che sono cavallo tra l'assistenza sociale e altre settori delle politiche di
welfare. Purtroppo, la disoccupazione è il disagio abitativo sono due bisogni rispetto e
quali servizi sociali di molti comuni possono fare relativamente poco, perché si tratta
generalmente di questioni che esulano dalle loro competenze istituzionali. Ciò si
traduce in forme più intense di cooperazione tra gli uffici dei servizi sociali comunali e i
centri per l'impiego. Nuove forme di intervento sono l'erogazione di contributi
economici di sostegno al reddito e la contribuzione al pagamento di utenze e affitto.
Laddove le condizioni di povertà sono più gravi e richiedono interventi più urgenti, una
forma di supporto sempre più rilevante è la fornitura di beni di prima necessità.
Questa attività può essere svolta direttamente da organizzazioni pubbliche, oppure
attraverso l'intervento di organizzazioni del terzo settore. Un'altra area di intervento
riguarda la ricerca di strutture che offrono posti letto per individui in condizioni di
emergenza abitativa. Comunque sia, è difficile elencare tutte le possibili prestazioni di
assistenza sociale che riguardano i servizi agli adulti, a causa dell' eterogeneità delle
forme di intervento, della diversità degli utenti e delle rispettive esigenze.

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

SERVIZI PER PERSONE CON DISABILITA’: L’ Organizzazione Mondiale della Sanità


(OMS) e l'organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) hanno proposto differenti
definizioni e classificazioni delle diverse forme di disabilità e delle relative implicazioni
sociali. Si basa fondamentalmente sulla distinzione tra i concetti di menomazione,
disabilità e handicap. Una menomazione viene intesa come qualunque perdita o
anormalità a carico di una struttura o di una funzione psicologica, fisiologica o
anatomica. Nel 1980, l'organizzazione Mondiale della sanità presentò la cosiddetta
classificazione ICIDH (International Classification of Impairments Disabilities and
Handicap). Nella classificazione ICIDH vengono individuate 7 tipologie di menomazioni.
A una menomazione possono seguire differenti forme di disabilità, intese come
qualsiasi limitazione o perdita della capacità di compiere un'attività nel modo nel
l'ampiezza considerati normali per un essere umano. Il concetto di handicap inquadra
e viceversa la condizione di svantaggio conseguente a una menomazione o a una
disabilità, che impedisce a un individuo di adempiere pienamente alle attività
associate a un particolare ruolo sociale. La successiva classificazione ICF (International
Classification of Functioning, Disability and Health) promossa dall'organizzazione
Mondiale della sanità nel 2001, introduce una visione più dinamica della disabilità. La
disabilità viene vista come una condizione che non deriva esclusivamente da disturbi
problematiche di matrice organica, ma che può maturare anche nel corso
dell'interazione tra individuo e ambiente. Le dimensioni della disabilità divengono 4:
funzioni corporee, strutture corporee, fattori ambientali e infine attività e
partecipazione. Solo dalla seconda metà del secolo scorso che, gradualmente, è
emersa una maggiore sensibilità nei confronti delle problematiche legate alla disabilità
e si sono sviluppate iniziative volte a favorire una maggiore Integrazione sociale delle
persone disabili. I servizi assistenziali che possono essere forniti alle persone disabili
spaziano su diversi ambiti e si differenziano per l'intensità del supporto che essi
possono garantire, in relazione alla specificità e alla gravità del bisogno. Un primo
fronte di intervento riguarda i servizi di integrazione scolastica per le persone che
presentano disabilità fisiche e/o sensoriali gravi. Le prime esperienze di integrazione
scolastica dei disabili prendono avvio negli anni 70, per favorire l'inclusione degli
alunni disabili nelle strutture scolastiche ed evitare la loro emarginazione. Gran parte
dei servizi vengono erogati direttamente dalle scuole, grazie a specifici programmi
definiti a livello ministeriale, spesso con la collaborazione di organizzazioni del terzo
settore, come le cooperative sociali. Un altro importante ambito d'azione dei servizi
socio assistenziali riguarda l'integrazione lavorativa, attraverso le cooperative sociali
di tipo B. Queste organizzazioni hanno come finalità l'integrazione sociale ( attraverso
percorsi di inserimento lavorativo) di soggetti svantaggiati, tra i quali rientrano le
persone con disabilità. Gli interventi delle cooperative sociali di tipo B sono
personalizzati sulla base delle capacità specifiche del soggetto e prevedono
generalmente l'affiancamento di un educatore ogni utente. In tal modo, l'esperienza
lavorativa viene concepita e costruita come un percorso di inclusione in dinamiche di
interazione sociale strutturate e tendenzialmente orientate verso l'acquisizione di
competenze sia lavorative che relazionali. Le situazioni di disabilità più gravi, sul piano
fisico psichico, richiedono interventi di cura e sostegno più intensi e articolati. Questi
possono prendere la forma di servizi domiciliari, che hanno la finalità di favorire la
permanenza della persona con disabilità nel proprio contesto familiare e possono
riguardare la mobilità, la cura dell'ambiente domestico, la comunicazione e il controllo
di una serie di attività fisiologiche. Essi sono erogati prevalentemente da operatori

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

qualificati, con l'eventuale supporto di un educatore. In genere, queste figure lavorano


per conto di organizzazione del terzo settore ( primariamente cooperative sociali di
tipo A), seppur nell'ambito di programmi definiti e finanziati dall'ente pubblico (in
particolare il Comune). A questi interventi si possono affiancare i servizi erogati presso
apposite strutture, come i Centri socioeducativi (CSE), i Centri diurni per disabili
(CDD), o Centri diurni integrati (CDI). I CSE e i CDD, gestiti prevalentemente da enti
privati, offrono servizi educativi, atti sia favorire lo sviluppo di relazioni sociali ed
evitare l'isolamento sociale della persona disabile, sia a consentire il sollievo della
famiglia da una parte delle attività di cura. I CDI forniscono servizi con un'elevata
componente sociosanitaria, oltre che assistenziale. Infine, è utile menzionare il ruolo
dell'amministratore di sostegno. Si tratta di una figura incaricata della gestione del
patrimonio di una persona disabile, qualora questi manifesti l'incapacità di provvedervi
autonomamente.

SERVIZI PER PERSONE CON PROBLEMI DI DIPENDENA DA SOSTANZE E NUOVE


SOSTANZE : Il problema della tossicodipendenza emerge drammaticamente negli
anni '70, a seguito della crescente diffusione di sostanze stupefacenti che provocano
dipendenza psico-fisica e che inducono gravi conseguenze sulla salute umana in caso
di consumo eccessivo. Le sostanze, classificate come droghe pesanti, sono l'eroina, la
cocaina e l'ecstasy. È a partire da quel periodo e, in particolare, negli anni '80, che
iniziano a prendere forma e a diffondersi sul territorio dei servizi assistenziali rivolti ai
tossicodipendenti. I primi servizi, promossi da associazioni di volontariato spesso di
ispirazione religiosa, si muovevano nell'ottica del recupero della persona
tossicodipendente e del suo reinserimento sociale. In seguito, si sono diffuse, grazie
all'intervento dello stato, varie attività di informazione e prevenzione, che si declina
vano localmente in forme e contesti diversi: nelle scuole e nelle attività di educazione
di strada, mediante interventi di ascolto e sostegno psicologico, oppure attraverso
azioni di carattere sociale atte a individuare quelle situazioni di emergenza azione che
possono favorire il consumo di sostanze. Per quanto riguarda la dipendenza da
sostanze si possono identificare quattro principali tipi di servizi riabilitativi e di
cura:

 le comunità residenziali o comunità terapeutiche: strutture che prevedono


soggiorni continuativi di durata variabile, promosse da enti privati E pertanto
richiedono all'utenza il pagamento di una quota, sebbene alcuni mantengono un
carattere pubblico e offrono un servizio gratuito (circa 50 in Italia);
 le comunità semiresidenziali o diurne, nelle quali non è previsto un
soggiorno notturno. Le attività terapeutiche vengono tendenzialmente
organizzate seguendo una logica comunitaria, enfatizzando la dimensione
collettiva dell'intervento;
 i centri di accoglienza o comunità aperte, che si differenziano dalle
precedenti perché offrono all'utenza la possibilità di un accesso discontinuo,
sebbene nell'ottica di un percorso di recupero. Sono promossi da enti sia
pubblici che privati;
 i servizi per le tossicodipendenze (SERT), gestiti dalle ASL e finanziati dal
SSN, offrono una serie di attività preventive, di cura e riabilitative, e si
caratterizzano, dal punto di vista terapeutico, per la distribuzione del metadone
(farmaco sostitutivo degli oppiacei) alle persone tossicodipendenti in tutti questi

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

servizi, l'ipotesi di fondo è la valorizzazione delle relazioni sociali come


strumento terapeutico.

Le comunità sono intese come uno spazio di transizione.

Inoltre, bisogna ricordare che, alle situazioni di dipendenza da sostanze si affiancano


nuove tipologie di dipendenza che possono determinare patologie nocivi per la salute.
Le nuove dipendenze si individuano considerando il l'assuefazione che possono
produrre: il gioco d'azzardo, lo shopping compulsivo, il consumo di alcol, la sessualità.
Queste dipendenze implicano comportamenti o attività, considerati leciti e
socialmente accettati, rendono patologica la condizione di dipendenza con la perdita
delle proprie capacità di controllo. La perdita di controllo si traduce nella compulsività,
nell’impulsività e nell'ossessività dei comportamenti. Fronteggiare le nuove
dipendenze, un ruolo importante svolto dai Sert che, accanto alla tradizionale offerta
di servizi contro la tossicodipendenza, stanno sviluppando innovative forme di
intervento. Anche per questo, molti Sert stanno cambiando la propria denominazione,
assumendo l'acronimo di SERD (Servizi Per Le Dipendenze).

SERVIZI PER PERSONE AFFETTE DA PROBLEMI DI SALUTE MENTALE: In Italia, la


storia dei servizi per la salute mentale, ruota intorno ai cambiamenti introdotti dalla
legge 180/1978, detta “legge Basaglia”. Essa sancì una svolta paradigmatica nelle
dinamiche di cura e assistenza delle persone affette da problemi di salute mentale.
Infatti, stabili la progressiva chiusura dei manicomi e degli ospedali psichiatrici, ossia
delle strutture residenziali nelle quali erano assistiti i malati mentali. Gli ospedali
psichiatrici ospitavano circa 70mila persone. La legge 180/1978 indirizzava verso la
costruzione di strutture territoriali extraospedaliere, al fine di garantire una maggiore
prossimità tra luogo di cura e ambiente di vita del paziente. Inoltre, la legge
prevedeva che l'avvio di un trattamento di cura dovesse essere il frutto della libera
scelta di un individuo, riducendo gli spazi per l'attuazione di trattamenti sanitari
obbligatori. Questa legge ebbe un impatto molto forte, sia nel campo specifico della
psichiatria che più in generale a livello sociale e culturale. Essa andava infatti nella
direzione di un processo di deistituzionalizzazione delle logiche di cura e assistenza dei
pazienti, anche al fine di favorire l'attenuazione dello stigma sociale associato alla
malattia mentale. Dal 1978 in poi, l'assistenza alle persone affette da problemi di
salute mentale è stata organizzata seguendo la direttrice della territorializzazione e
domiciliarizzazione degli interventi. Fronte istituzionale, è importante ricordare la
definizione di due "progetti obiettivo" : (Tutela della salute mentale 1994-1996 e
Tutela della salute mentale 1998-2000) che hanno rilanciato le linee tracciate dalla
legge 180/1978, contribuendo a definire i ruoli, finalità e assetti organizzativi degli enti
coinvolti nell'erogazione di servizi assistenziali in questo campo. Il disegno
complessivo che ne emerge ruota attorno al dipartimento di salute mentale (DSM),
inteso come unità organizzativa presente in ciascuna ASL. Il DSM ha il compito di
coordinare le attività di cura e assistenza erogati nelle strutture ospedaliere ed extra
ospedaliere.

Le strutture con le quali un DSM sviluppa la propria azione a livello territoriale sono:

 un Centro di salute mentale (CSM), altresì collocato nel l'ASL: esso


costituisce la sede organizzativa del DSM e offre attività sia ambulatoriali che di
assistenza domiciliare;

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

 un Servizio psichiatrico di diagnosi e cura (SPDC), nel quale vengono


forniti i trattamenti medici che richiedono brevi periodi residenziali. A esse si
collocano le strutture che offrono servizi a carattere domiciliare e
semiresidenziale: il day hospital e il centro diurno.
 il Day hospital è tendenzialmente situato in un ospedale; offre prestazioni
diagnostiche e terapeutiche riabilitative, a breve e medio termine. Prevale la
dimensione terapeutica e psichiatrica.
 il Centro diurno persegue obiettivi di socializzazione attraverso lo svolgimento
di attività collettive. Gli utenti sono seguiti secondo un percorso personalizzato.
Si ha una spiccata impronta sociale nella formulazione dell'intervento
assistenziale.

La svolta segnata dalla promulgazione della legge 180/1978 ha mutato radicalmente il


panorama dei servizi per la salute mentale, sia negli assetti organizzativi che nelle
metodologie di intervento. Tuttavia, la promozione della Salute Mentale richiede la
compresenza di conoscenze e pratiche professionali diverse, che devono integrare una
logica d'azione interdisciplinare. Lo sviluppo del disagio mentale è una patologia che,
più di altre, dipende in maniera rilevante dal contesto sociale ed educativo.

5. PROGRAMMAZIONE
GESTIONE
EROGAZIONE
DEI SERVIZI SOCIOASSISTENZIALI

LE DINAMICHE DI GOVERNO E PROGRAMMAZIONE A LIVELLO LOCALE


(livello privilegiato per l’erogazione dei servizi, per la gestione e
programmazione).

I PRINCIPALI PROCESSI ORGANIZZATIVI CHE SOTTENDONO AL GOVERNO DEI


SERVIZI SOCIOASSISTENZIALI A LIVELLO TERRITORIALE

 La governance multilivello

Il concetto di GOVERNANCE sottintende una nuova modalità di governo e


programmazione delle politiche pubbliche.

La nozione è emersa in contrapposizione al concetto di GOVERNMENT. Con


quest'ultimo termine si indicano Infatti le forme tradizionali di programmazione e
gestione delle politiche pubbliche, fortemente concentrate sulle autorità degli organi
di governo istituzionali. Essi, in principio della rappresentanza democratica, assumono

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

la responsabilità esclusiva delle scelte necessarie alla realizzazione di una specifica


politica pubblica e la gestione dei processi decisionali.

Il concetto di governance delinea invece un cambiamento nelle relazioni tra


istituzioni pubbliche e gli attori che, a diverso titolo, possono concorrere alla
realizzazione di una politica pubblica.

Si parla di governance quando il processo implica un mutamento del ruolo delle


istituzioni pubbliche che, anziché porsi come centro ispiratore delle policy, devono
predisporsi per favore dello sviluppo di relazioni.

Gli attori coinvolti nei processi di governance possono avere o non avere un ruolo
istituzionale e si differenziano sia per la natura giuridica, sia per la portata della loro
azione e degli interessi di cui sono portatori.

Le forme, che un processo di governance può assumere, sono molteplici. In termini


generali, il profilo organizzativo che le esperienze di governance assumono è quello
del network. Esso rappresenta una soluzione intermedia tra la logica del controllo
gerarchico e la logica del controllo contrattuale. In questa prospettiva, emerge il
carattere di interdipendenza e complementarietà che lega i soggetti impegnati in una
determinata attività. Ciò favorisce lo sviluppo di dinamiche relazionali più orizzontali,
che sono il presupposto per lo sviluppo di processi di governo meno fondati sulle
autorità gerarchica e più propensi alla negoziazione collegiale di obiettivi, strategie e
priorità.

Le cause principali della diffusione delle dinamiche di governance, nella forma del
network, sono state la privatizzazione e la liberalizzazione di molti settori del
sistema di welfare; ma anche le politiche di decentramento amministrativo e
politico che hanno interessato diversi Stati europei negli ultimi decenni. Molti Stati
hanno infatti ridisegnato la distribuzione delle competenze amministrative in materia
di politica sociale tra autorità governative centrali, enti regionali e strutture locali. Il
processo sì coglie lungo due dimensioni: la dimensione verticale, che scansiona le
competenze tra le istituzioni Stato, Regioni, Province e Comuni; la dimensione
orizzontale, che presuppone la partecipazione di soggetti non istituzionali ai processi
decisionali. Attraverso queste due dimensioni si snoda il concetto di sussidiarietà.

Si parla quindi di governance multilivello perché i processi decisionali


inerenti le politiche da attuare in un determinato settore si dipanano lungo
più livelli di raccordo, che incrociano e definiscono diversi ambiti di
competenze. Le decisioni inerenti l'organizzazione, la programmazione e
l'erogazione dei servizi sono su più livelli, concatenati tra loro.

In Italia, gli orientamenti generali dell'attuale assetto istituzionale dei servizi socio-
assistenziali vengono individuati a livello nazionale, mentre la programmazione dei
servizi è distribuita tra le Regioni (per quanto riguarda la dimensione legislativa) e i
Comuni (per l'organizzazione dei servizi erogati su scala territoriale).

 IL PIANO DI ZONA (PDZ)

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

Il Piano di Zona rappresenta un importante tassello nell'implementazione di logiche di


governance multilivello nel settore delle politiche sociali in Italia.

È una delle innovazioni più sostanziali della legge n° 328/2000 e ha, in tal senso,
segnato profondamente le dinamiche di programmazione dei servizi socioassistenziali.

Per molti versi, il Piano di Zona assume una duplice natura :

 è un processo che chiama a raccolta gli enti locali di un determinato territorio,


al fine di individuare gli assetti, le risorse e gli obiettivi dell'offerta locale di
servizi socioassistenziali. La progettazione e la gestione la progettazione di un
piano di zona e la gestione delle attività Esso correlate richiedono
l'implementazione di soluzioni organizzative, al fine di consentire un
coordinamento strutturato delle fasi e attività di gestione e programmazione.
Ciò ha fatto sì che In molti casi siano state individuate nei comuni nuove unità
organizzative (come l'Ufficio di Piano) e nuove figure professionali (come il
Responsabile dell'Ufficio di Piano) necessarie per presidiare l'intero percorso di
programmazione e le attività a esso connesse;
 può essere inteso come il prodotto di tale processo formalizzato in un
particolare documento (il Documento di Piano o, semplicemente, Piano di Zona),
nel quale sono specificati i contenuti strategici e operativi che orientano l'offerta
di servizi socioassistenziali.

I caratteri innovativi del Piano di Zona sono:

 strumento che definisce in termini istituzionali un nuovo livello di


programmazione dei servizi socioassistenziali;
 i Comuni che appartengono a ciascun ambito sociale sono sollecitati a redigere
un Piano di Zona, di durata triennale, attraverso il quale definiscono un
programma unitario di offerta di servizi socioassistenziali;
 culmina con l'implementazione di servizi che vengono offerti in forma associata
a tutti i cittadini residenti nell'ambito sociale;
 è il veicolo istituzionale attraverso il quale promuovere nuove forme di gestione
associata e raccordare quelle già esistenti;
 la partecipazione degli enti privati alla programmazione delle politiche socio-
assistenziali territoriali.

L'esperienza dei piani di zona si apre nel 2001, a seguito della promulgazione della
legge 328/2000, e si sviluppa lungo diversi cicli: la validità degli accordi presi nella
stesura di un piano di zona è triennale, dopodiché ciascun ambito sociale e deve
provvedere a una nuova fase di programmazione e quindi alla stesura di un nuovo
documento di piano.

Come funziona un PDZ?

I passaggi che caratterizzano il funzionamento e la valenza istituzionale di un PDZ


sono:

1) la strutturazione dei rapporti tra gli enti partecipanti, con riferimento


preliminare gli enti istituzionali;

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

2) i rappresentanti istituzionali dei comuni che appartengono determinato


ambito sociale si riuniscono in assemblea e delineano i contenuti
dell'accordo di programma che agirà come presupposto del PDZ.
3) è necessario individuare un ente capofila: questo è, tendenzialmente, il
Comune di maggiori dimensioni dell'ambito. I comuni devono stabilire
una sede organizzativa, ossia un luogo dove si terranno le varie riunioni e
assemblee tra i partecipanti. Tale questione inquadra la conformazione
delle dinamiche organizzative del processo di programmazione sociale.
La scelta della sede organizzativa viene scelta secondo tre opzioni:
4) il Comune capofila gestisce all'interno della propria struttura il processo
di programmazione sociale, senza costituire nuove metà organizzative (in
questi casi, è il responsabile e/o dirigente comunale dei servizi sociali a
presiedere il processo);
5) il Comune capofila (o eventualmente un altro Comune) costituisce uno
specifico Ufficio di piano, che si occuperà del coordinamento dell'intero
percorso di programmazione sociale, individuando al contempo un
responsabile per tale ufficio;
6) l'Ufficio di piano viene costituito presso l'organizzazione esterna ai
Comuni dell'ambito, alla quale verrà assegnata la responsabilità della
gestione del PDZ e delle attività erogati sotto forma di gestione
associata.

L'ufficio di piano non ha soltanto una funzione di segreteria, ma diviene il perno


istituzionale di raccordo tra gli enti coinvolti nel PDZ.

Il processo di programmazione sociale prende forma attraverso l'attivazione di una


serie di organi che hanno un ruolo sia consultivo che deliberativo. Questi organi
vengono generalmente chiamati "tavoli" e possono essere di due tipi:

 tavoli politici: riservati ai referenti istituzionali dei Comuni interessati


dal PDZ. Hanno una funzione deliberativa e affrontano le questioni
inerenti la locazione delle risorse le strategie complessive di intervento
sul fronte socioassistenziale;
 tavoli tecnici o tematici: aperti alla partecipazione di figure
professionali degli enti locali e i rappresentanti delle organizzazioni
private chiamate a partecipare alla stesura del PDZ. Affrontano delle
discussioni su questioni specifiche riguardanti le problematiche settoriali.

Il Documento di piano è quindi l'esito di un percorso strutturato, che prevede una


dimensione sia politica che tecnica. In questo percorso si congiungono le traiettorie
verticali e orizzontali dei processi di governance multilivello.

 MODELLI ORGANIZZATIVI PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEI SERVIZI


SOCIOASSISTENZIALI

Le dinamiche di governance multilivello non si esauriscono nella programmazione


dell'offerta di servizi socioassistenziali, ma, in molti casi, interessano anche
l'erogazione e la gestione associata al livello intercomunale dei servizi. significa che i

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

diversi enti appartenenti a un ambito sociale possono predisporre dei servizi che
verranno erogati a tutti i cittadini dell'ambito, a prescindere dal loro specifico comune
di residenza.

E' facoltà di ciascun Comune valutare se aderire o meno a una modalità di erogazione
e gestione associata dei servizi proposta e attuata da altri Comuni dell'ambito sociale;

Ciascun Comune può decidere quali servizi offrire in forma di gestione associata e
quali autonomamente.

I vantaggi di una gestione associata dei servizi socioassistenziali sono:

 essa prefigura la possibilità di una consistente riduzione dei costi;


 favorisce una maggiore equità nell'accesso ai servizi;
 gli obiettivi sono quelli di uniformare i livelli di qualità dei servizi, al fine di
garantire un trattamento equo e cittadini;
 hai il vantaggio di creare le condizioni organizzative che favoriscono un
maggiore sviluppo delle professionalità degli operatori.

Dal punto di vista istituzionale e organizzativo, le soluzioni per implementare una


gestione associata dei servizi socioassistenziali sono:

 i patti di collaborazione amministrativa;


 la delega enti di natura pubblica preesistenti o costituiti ad hoc;
 la delega enti di natura privata costituiti ad hoc.

I vari ambiti sociali hanno gradi diversi di discrezionalità nella scelta di una delle
diverse opzioni.

LA GESTIONE ASSOCIATA MEDIANTE PATTI DI COLLABORAZIONE AMMINISTRATIVA :


Questa categoria include:

 le formule organizzative che prevedono la gestione associata dei servizi


svolta direttamente dagli enti partecipanti, appoggiandosi sulle risorse
organizzative a loro disposizione;
 non vi sono deleghe a enti terzi, bensì una suddivisione dei compiti
gestionali tra gli enti: si tratta di soluzioni che delineano una strategia di
internalizzazione delle attività gestionali.

Un esempio tipico di patto di collaborazione amministrativa è la convenzione


intercomunale, una delle forme di collaborazione tra Comuni prospettate dal TUEL
(Testo Unico degli Enti Locali). Nel quadro di una convenzione, i comuni assegnano le
deleghe per la gestione di una specifica attività a uno di essi. In questo comune si
possono poi costituire specifici uffici, atti alla realizzazione delle attività oggetto della
convenzione.

LA GESTIONE ASSOCIATA MEDIANTE DELEGA A ENTI PUBBLICI : Questa categoria ha


come elemento caratterizzante il principio per il quale la gestione associata dei servizi

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

socioassistenziali non è svolta direttamente dai comuni dell'ambito sociale, ma viene


da questi delegata a un ente terzo di natura pubblica.

La terzietà dell'organizzazione, che si pone come ente gestore, offre alcuni vantaggi:

- permette uno sgravio del lavoro amministrativo ai Comuni che possono


così concentrarsi maggiormente sulle fasi di programmazione dell'offerta
di servizi;
- consente di individuare una struttura che acquisisce una specializzazione
specifica in termini gestionali; le esternalizzazioni dei compiti gestionali
possono rendere più equilibrati i rapporti tra i vari Comuni di un ambito
sociale.

La delega della gestione può essere assegnata alternativamente a:

- un ente già esistente e polivalente, che si assume anche questa


responsabilità;
- un ente pubblico creato ad hoc è dedicato esclusivamente alla gestione
associata dei servizi socio-assistenziali.

LA GESTIONE ASSOCIATA MEDIANTE DELEGA A ENTI PRIVATI : In questa categoria le


funzioni di gestione associata dei servizi socio assistenziali sono affidati a un ente di
natura privata, anziché pubblica.

Le tipologie di enti privati che possono svolgere un simile ruolo sono essenzialmente
due:

 le fondazioni;
 le imprese private nella forma di Società a responsabilità limitata (S.r.l.)

Fondazioni e Imprese private sono due tipologie di organizzazioni che non mostrano i
tratti burocratici caratteristici delle pubbliche amministrazioni.

Ciò consente loro un più elevato grado di autonomia nella gestione del personale,
nella regolamentazione di acquisti e forniture, nonché nell'eventuale vendita di servizi.
Una simile scelta può essere letta anche come un'ulteriore amplificazione del ruolo
delle organizzazioni private che agiscono in un determinato territorio, nel quadro di
una politica di valorizzazione delle forme di sussidiarietà orizzontale.

La delega della gestione associata dei servizi socioassistenziali a un ente privato


presenta alcune criticità sul piano politico e istituzionale. In sintesi, si profila il rischio
che la gestione di risorse pubbliche venga in parte affidata a soggetti privati,
esautorando così cittadini dalle proprie facoltà di voce e controllo.

 PRODUZIONE ED ESTERNALIZZAZIONE DEI SERVIZI


SOCIOASSISTENZIALI

Le principali dinamiche di produzione ed esternalizzazione dei servizi socio


assistenziali  da un punto di vista organizzativo

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

Il baricentro di tali processi è il Comune. I comuni mantengono la responsabilità della


scelta delle modalità di produzione ed erogazione dei principali servizi socio
assistenziali.

Provvede a compiti secondo 3 diverse opzioni:

 la produzione ed erogazione dei servizi direttamente da parte del


Comune;
 erogazione da parte del Comune attraverso il cosiddetto in house
providing
 l' esternalizzazione della produzione ed erogazione dei servizi

La scelta tra una delle tre modalità può essere compiuta da un singolo comune oppure
dai comuni associati.

La produzione ed erogazione dei servizi direttamente da parte del Comune è


la formula più semplice da un punto di vista organizzativo. Il comune ricorre al proprio
personale e utilizza risorse e strutture. Questa soluzione viene definita "produzione in
economia", poiché riduce il numero delle transazioni da compiere con soggetti esterni
al fine di conseguire il risultato atteso. Le transazioni necessarie sono quelle che
riguardano esclusivamente l'utenza e il Comune nella sua veste di erogatore. Questa
soluzione presenta tuttavia una serie di limiti:

 le Amministrazioni comunali mantengono un elevato grado di rigidità


organizzativa ostacolando lo sviluppo di interventi da impostare in modo
flessibile per fronteggiare problematiche emergenti e mutevoli nel
tempo;
 gli spazi per i possibili contributi che i soggetti della società civile
possono offrire nell'erogazione dei servizi sono limitati, in quanto compiti
e responsabilità nella produzione di servizi rimani è di competenza del
comune e dei suoi operatori.

L'erogazione da parte del comune attraverso il cosiddetto in house providing


richiama una situazione nella quale l'ente locale affida la produzione dei servizi a un
ente formalmente esterno a esso, nei confronti del quale esercita tuttavia un controllo
completo dal punto di vista della governance. I processi di in house providing
prevedono che un ente locale costituisca una nuova organizzazione, sulla quale possa
esercitare un completo controllo nella nomina degli organi direttivi, e che a essa affidi
i compiti di produzione dei servizi socioassistenziali, senza che ciò sia oggetto di un
bando di gara aperto ad altri soggetti. nel campo dei servizi socio-assistenziali, si
hanno due tipologie di enti che si prestano a soluzioni di in house providing gestiti dai
Comuni:

 l'istituzione
 l'azienda speciale

La gestione la produzione dei servizi vengono affidati a enti che hanno un proprio
organo direttivo e possono definire un proprio statuto, acquisendo discreti livelli di
autonomia amministrativa e finanziaria.

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

Il vincolo è che il controllo delle loro attività è comunque riconducibile al Comune


fondatore.

L'esternalizzazione della produzione ed erogazione dei servizi prevede la loro


esternalizzazione a soggetti privati (tendenzialmente non profit). Si tratta di una
scelta istituzionale di riconfigurazione dei rapporti tra pubblica amministrazione,
cittadini e attori organizzativi privati riconducibile al terzo settore e non. Questa scelta
può essere favorita perché diffonde nuove forme di accesso ai servizi, nonché
introduce nuove istanze di relazione tra utenza e pubblica amministrazione (alla quale
rimane comunque la responsabilità politica della configurazione delle forme di
erogazione di servizi).

Le ragioni che spingono un ente locale a esternalizzare la produzione di servizi socio


assistenziali sono:

 una logica economica, poiché molte amministrazioni pubbliche ritengono


che l'adozione di una logica di mercato porti a risultati più efficienti sul
versante finanziario;
 un maggior grado di efficacia degli interventi che gli attori organizzativi
privati sono in grado di assicurare il rispetto agli enti pubblici.

L'esternalizzazione dei servizi si compie attraverso:

 il Contracting out: prevede che un'amministrazione pubblica esternalizzi la


produzione di un servizio affidandola a un unico soggetto privato, che
acquisisce così una sorta di esclusiva nella produzione ed erogazione di un
determinato servizio. L'utenza è obbligata a rivolgersi a questo soggetto per
poter disporre del servizio in questione;

 l'Accreditamento: prefigura una più ampia libertà. Le procedure di


accreditamento prevedono che l'ente pubblico, a seguito di una scelta di
esternalizzazione, non individui un unico soggetto al quale affidare in esclusiva
l'erogazione di un servizio, bensì una pluralità. L'utente potrà optare per
l'erogatore che soddisfa maggiormente le proprie aspettative ed esigenze. La
competizione che si instaura tra i potenziali soggetti erogatori è:

 una competizione per ottenere l'accreditamento da parte dell'ente


pubblico;
 una competizione che si gioca sulle preferenze dell'utenza.

I processi di contracting out e accreditamento presentano limiti e vantaggi che ne


motivano l'adozione.

L’estrenalizzazione mediante CONTRACTING OUT : La forma più tradizionale di


esternalizzazione dei servizi socio assistenziali.

Le procedure prevedono che:

1. un ente pubblico assegna l'erogazione di un servizio all' ente privato


vincitore di una specifica gara d'appalto;

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

2. l'organizzazione appaltante valuta diverse offerte e seleziona quella che


ritiene più appropriata rispetto agli obiettivi e alle caratteristiche del
servizio che intende esternalizzare, all'importo richiesto per la sua
fornitura e alle esigenze degli utenti;

Le forme di contracting-out prefigurano due categorie principali di soluzioni


amministrative e organizzative:

 PROCEDURE CONCORSUALI : Si distinguono in:

 APERTE : le prime riconducibili alla formula giuridica


dell'asta pubblica prevedono che l'ente pubblico, per
esternalizzare un servizio, indica una gara d'appalto
alla quale possono partecipare liberamente tutti i
soggetti in possesso dei requisiti specificati nel bando.

 RISTRETTE : includono la licitazione privata e appalto


concorso, limitano la partecipazione alla gara di
appalto alle organizzazioni invitate dall'ente
appaltante. In sostanza, l'ente pubblico opera una
preselezione dei soggetti che ritiene adeguati per
l'erogazione del servizio. Inoltre, gli enti invitati a
partecipare alla gara devono presentare, oltre a
un'offerta economica, anche un progetto specifico che
illustri dettagliatamente modalità e condizioni per la
realizzazione di un servizio. L'appalto concorso è una
modalità utilizzata per l'esternalizzazione di servizi
molto complessi, per i quali l'ente pubblico non
dispone delle competenze sufficienti per un'adeguata
progettazione.

 PROCEDURE NEGOZIALI : Non prevedono lo svolgimento di una


gara d'appalto per aggiudicarsi il servizio. l'ente pubblico si limita a
consultare uno o più soggetti con i quali negozi e costi contenuti
del servizio che intende esternalizzare.

L’estrenalizzazione mediante ACCREDITAMENTO : Molti enti locali adottano la strada


dell'accreditamento come forma di regolazione delle esternalizzazioni dei servizi.

Il concetto di accreditamento assume due diverse accezioni:

 ACCREDITAMENTO PROFESSIONALE : Consiste in una sorta di attività di


valutazione che un ente terzo effettua nei confronti di una di un'organizzazione,
al fine di verificare la conformità delle sue procedure a criteri e protocolli
standard definiti antecedentemente. L'esito di questa valutazione è il rilascio di
una certificazione che attesti tale conformità. L'esempio è quello delle
Certificazioni di qualità rilasciate dal International Standard Organization (ISO),

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

che garantiscono la conformità di processi lavorativi o requisiti organizzativi agli


standard definiti dalla stessa organizzazione.
Le caratteristiche dell' accreditamento professionale sono:
 è richiesto volontariamente da un'organizzazione, anche se, in
molti casi, sia divenuto una sorta di requisito imprescindibile per
operare con un ente pubblico;
 hanno una durata limitata nel tempo e devono essere rinnovate. Il
rinnovo viene compiuto considerando nuovamente la conformità
agli standard tecnici, che nel tempo possono essersi evoluti e
modificati. E relativa a un aspetto specifico dei processi lavorativi
di un'organizzazione, senza attestarne la qualità complessiva.

 ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE : Quando si parla di accreditamento in


riferimento I processi di esternalizzazione, si intende In genere il concetto di
accreditamento istituzionale. È una pratica che regola direttamente i rapporti
tra un ente pubblico, che intende esternalizzare un servizio o un'attività, e gli
enti privati, che si propongono per la sua realizzazione. Verifica che
un'organizzazione possieda le qualità necessarie per l'erogazione del servizio in
questione. L'esito di tale procedura è il riconoscimento del diritto dell'ente
privato a erogare col servizio in nome e per conto dell'ente pubblico che lo ha
esternalizzato. L'esternalizzazione di un servizio tramite accreditamento si
risolve solitamente nella concessione dell'accreditamento a una pluralità di
organizzazioni.

Con l'accreditamento istituzionale si pongono le basi per garantire all'utente una


potenziale libertà nella scelta del soggetto presso il quale rivolgersi per un
intervento assistenziale.

L'accreditamento non è una sorta di autorizzazione all'avvio delle attività per


un'organizzazione privata, poiché l'accreditamento non coincide con il rilascio
dell'autorizzazione. ma attesta il rispetto di una serie di norme igienico sanitarie in
materia di sicurezza degli ambienti lavorativi. L'accreditamento è un passaggio
successivo, attraverso il quale un'organizzazione privata viene autorizzata dall'ente
pubblico accreditante a opera re in suo nome e per suo conto. In termini
sostanziali, l'accreditamento è quella clausola che consente una struttura privata di
offrire servizi e prestazioni socio assistenziali che saranno rimborsati dall'ente
pubblico. Il passaggio conclusivo è la stipula di un contratto tra ente pubblico e
privato. A questo punto l'organizzazione privata può effettivamente proporre i
propri servizi contando che il loro costo verrà rimborsato dall'ente pubblico e non
graverà interamente sull'utenza.

Concludendo, la competenza istituzionale per il rilascio dell'accreditamento varia a


seconda della tipologia di servizio che viene esternalizzato.

Con la legge 328/2000, vi è una ripartizione dei compiti tra Comuni e Regioni che
trae origine dalla distinzione tra servizi sociali e sociosanitari .

 L'accreditamento istituzionale delle organizzazioni che intendono erogare i


servizi sociali spetta ai Comuni (singoli o associati); questi, nell'espletamento

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

delle procedure di accreditamento, devono rifarsi alle linee guida definite a


livello regionale;
 l'accreditamento istituzionale delle organizzazioni che intendono erogare i
servizi socio sanitari è di competenza delle regioni, che possono demandare
questo compito alle ASL.

Le procedure di accreditamento istituzionale hanno una duplice funzione:

 hanno una funzione certificatoria poiché attestano il possesso da parte


dell'organizzazione accreditata dei requisiti di qualità richiesti dall'ente
pubblico. In questo senso, l'accreditamento garantisce all'utenza che
l'organizzazione sia titolata a operare rispetto alle aspettative di qualità
stabiliti dalla pubblica amministrazione;
 ha una funzione equiparatoria, perché, consente di equiparare i livelli di
qualità offerti da ciascuna organizzazione accreditata. Questa procedura
riduce le differenze nella qualità del servizio offerto dalle varie organizzazioni
accreditate, rendendo in tal modo più agevoli le scelte degli utenti.

È importante notare come la legge 328/2000 istituzionalizzati la pubblicazione di una


Carta dei Servizi come requisito per l'accreditamento istituzionale di
un'organizzazione. Tale documento serve a offrire all'utenza una panoramica sui
servizi offerti da un'organizzazione e a illustrare i livelli di qualità che questa si
impegna a perseguire.

 LA REGOLAZIONE DELL’ACCESSO

L'adozione di criteri di selettività nell'accesso alle prestazioni assistenziali è


condensata Nel principio di "universalismo selettivo" che, nella legge 328/2000, viene
presentato come criterio di equilibrio tra domanda e offerta. La regolazione
dell'accesso si snoda attraverso un processo di 4 FASI:

 la definizione di livelli essenziali di assistenza sociale da riconoscere e


garantire a tutti i cittadini;

 l'informazione e l'orientamento quali presupposti per un'effettiva e


adeguata fruizione dei servizi che, per diritto, aspettano i cittadini;

 l'istituzionalizzazione e l'utilizzo sistematico di strumenti


amministrativi di valutazione della condizione socioeconomica dei
cittadini che richiedono interventi e prestazioni socio assistenziali;

 l'assegnazione di voucher, intesi come titoli di accesso a determinati


prestazioni socioassistenziali, al fine di attenuare le distorsioni
derivanti dal ricorso eccessivo ai trasferimenti monetari come risposta
al bisogno sociale.

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

I LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA SOCIALE

I livelli essenziali di assistenza sociale sono stati introdotti nel settore dell'assistenza
sociale dopo la promulgazione della legge 328/2000, che introduce questo concetto
per definire il cosiddetto sistema integrato di interventi e servizi sociali, ovvero
l'articolazione complessiva delle prestazioni di assistenza sociale. I LIVEAS sono un
insieme di interventi che garantiscono i diritti sociali imprescindibili per persone e
famiglie e per specifiche categorie di soggetti che vivono condizioni di disagio e
bisogno. Essi riconoscono i Diritti Sociali di assistenza sociale uniformano e
innalzano il livello della qualità dei servizi e delle prestazioni a essi connessi. Ciò che
ha rappresentato un freno alla possibilità che Diritti Sociali inquadrati nei LIVEAS
divenissero diritti effettivamente esigibili, e che la loro implementazione è subordinata
alle disponibilità di risorse economiche.

I LIVEAS possono essere codificati secondo tre livelli:

 i liveas come codificazione di diritti esigibili: tutti i cittadini presenteranno il


medesimo bisogno avendo la garanzia di ricevere un uguale trattamento
 i liveas come diverse tipologie di offerta di servizi e prestazioni, al fine di
rendere omogenea la presenza a livello territoriale;
 i liveas come standard di qualità di prestazioni e servizi.

Il passaggio che resta tuttora incompiuto è il completamento e la definizione puntuale


dei LIVEAS. Tuttavia, essi rimangono un riferimento di prospettiva nelle politiche di
programmazione dei servizi socio-assistenziali e nelle dinamiche di regolazione
dell'accesso ai medesimi servizi.

L’INFORMAZIONE E L’ORIENTAMENTO DELL’UTENZA: I SERVIZI DI


SEGRETARIATO SOCIALE

La conoscenza, da parte dei cittadini, dei propri diritti sociali, dei servizi disponibili e
delle relative modalità e condizioni di accesso, è un fattore decisivo per un
funzionamento corretto ed efficace della regolazione dell'accesso agli interventi di
assistenza sociale. un livello insufficiente di conoscenza in merito può generare il
problemi sia in termini di equità tra i cittadini, sia sul fronte organizzativo. All'epoca
non esisteva una sede istituzionalmente riconosciuta e qualificata per lo svolgimento
di attività di segretariato sociale, Vale a dire per l'accoglienza dei cittadini bisognosi di
una qualche forma di assistenza sociale, l'ascolto delle loro richieste e la fornitura di
informazioni e di orientamento sul percorso da seguire per usufruire di un intervento
di sostegno. È a partire dagli anni 70 che comincia a prendere forma l'attuale
configurazione del servizio di segretariato sociale questo processo si è mosso su più
direzioni. In primo luogo, il comune è stato identificato come lente istituzionale più
appropriato per l'erogazione di tale servizio. In secondo luogo, l'implementazione del
servizio di segretariato sociale ha visto sempre più protagonista la figura professionale
dell'assistente sociale, a cui sono state riconosciute le competenze più adeguate, sul
piano professionale, per lo svolgimento delle diverse attività che costituiscano il
servizio di: ascolto della domanda dell'utente, codifica delle sue richieste delle sue

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

esigenze specifiche, valutazione rispetto al suo stato di bisogno, elaborazione di una


risposta informativa e di orientamento. In termini istituzionali, il segretariato sociale è
incluso tra le misure qualificate come LIVEAS nella legge 328/2000.

In chiave normativa, il segretariato sociale si distingue per essere un servizio a


vocazione universale, ossia non rispondenti a quei criteri di selettività che invece
demarcano l'accesso ad altri interventi assistenziali. In altri termini, l'accesso al
servizio di segretariato sociale e libero per qualunque cittadino. Il processo di
regolazione dell'accesso implica una consistente dose di discrezionalità professionale,
poiché la decisione sull'accoglimento della domanda dell'utente spetta al singolo
professionista che conduce il colloquio di segretariato sociale. A questa discrezionalità
professionale si aggiunge quella organizzativa dell'ente che offre il servizio di
segretariato sociale e che definisce le opzioni di accesso al servizio stesso.

LA REGOLAMENTAZIONE AMMINISTRATIVA DELL’ACCESSO AI SERVIZI


SOCIOASSISTENZIALI: L’ISEE E LE SUE VALUTAZIONI

Vi sono una serie di strumenti atti a regolare l'accesso ai servizi socio assistenziali
attraverso un insieme di parametri di natura amministrativa. Si parla di regolazione
amministrativa perché la valutazione della richiesta si compie in forma impersonale
tramite l'esame di una serie di dati che traccino il profilo della condizione economica
di un cittadino. Il più conosciuto e utilizzato strumento di regolazione amministrativa è
l' ISEE (indicatore della situazione economica equivalente). Si tratta di un indicatore
impiegato per regolare l'accesso a diverse tipologie di interventi assistenziali e non.
consiste in una formula che determina un valore che a sua volta esprime il livello di
condizione economica del richiedente. Questo valore viene quindi utilizzato per
valutare l'ammissibilità o meno della richiesta di un cittadino, confrontandolo rispetto
alla soglia fissata dall'ente che regola l'accesso al servizio richiesto: qualora il valore
ISEE del richiedente sia inferiore alla soglia, la domanda viene accolta; in caso
contrario viene respinta. In alternativa, l'ISEE può essere utilizzato per elaborare delle
graduatorie per l'accesso a un particolare intervento assistenziale. L'ISEE può servire
anche per determinare il livello di compartecipazione alla spesa che un cittadino deve
sostenere Per usufruire di un intervento assistenziale. L'ISEE è uno strumento selettivo
che contribuisce in forma sostanziale alla costruzione e regolazione del sistema di
welfare assistenziale ispirato a logiche di universalismo. L'adozione di criteri oggettivi
uniforme Per la misurazione della condizione socio economica dei cittadini rappresenta
un passo fondamentale per equilibrare l'erogazione dei servizi rispetto al bisogno, in
considerazione delle limitate risorse a disposizione.

L’ACCESSO AI SERVIZI TRAMITE SERVIZI VOUCHER

 Il voucher è una sorta di ticket spendibile per l'acquisto di determinati servizi.


Se non viene utilizzato, esso perde il suo valore, in quanto non è convertibile in
denaro, né cedibile o trasferibile.
 Il voucher può essere impiegato esclusivamente per usufruire di una
determinata prestazione assistenziale erogata da una o più organizzazioni
accreditate dall'ente pubblico.
 Il voucher assume un valore corrispondente alla quantità di prestazione
accordata dall'ente pubblico. Il beneficiario di un voucher può così scegliere
l'organizzazione alla quale rivolgersi e utilizzare il servizio senza doverne pagare

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

il costo: sarà successivamente il soggetto erogatore rivolgersi all'ente pubblico


per ricevere il rimborso del costo del servizio offerto all'utente.

 I vantaggi del voucher sono:

 è uno strumento che permette di trasferire risorse ponendo vincoli


sul loro uso da parte del beneficiario;
 accorda un ampio grado di libertà di scelta all'utente
permettendogli di selezionare l'organizzazione che ritiene più
adeguata al suo bisogno.

L'impiego dei voucher è stato fortemente promosso in sede istituzionale nella quale
diviene uno dei perni del rilancio dell'erogazione dei servizi alla persona, nella
prospettiva di una limitazione del ricorso ai trasferimenti monetari.

 L’INTEGRAZIONE TRA SERVIZI SOCIALI E SANITARI

La costruzione di un'integrazione tra gli interventi di servizi sociali e servizi sanitari è


un'operazione complessa e articolata, perché si è sviluppata e offerta seguendo
logiche amministrative e professionale diverse.

Le dinamiche di integrazione tra i servizi alla persona possono essere classificate


prefigurandone 5 passaggi essenziali:

1. condivisione di informazioni e conoscenze tra i professionisti;


2. cooperazione e coordinamento degli interventi a opera dei professionisti che
lavorano in organizzazioni diverse. Esso si materializza tramite accordi per la
realizzazione di interventi complementari, al fine di aumentare la qualità
complessiva del servizio offerto all'utente;
3. collaborazione : gli accordi tra enti e professionisti vengono formalizzati e
prevedono la condivisione di risorse e sistemi informativi;
4. consolidamento : prevede la presenza di un'organizzazione alla quale sono
riconducibili i compiti e le responsabilità di ulteriori unità organizzative, con
compiti e responsabilità più specifici;
5. integrazione : presuppone la costituzione di un sistema organizzativo che
traccia un'unica linea di autorità per la gestione dei casi, al fine di predisporre
forme di intervento che prevedano continuità e complementarietà.

Nell'analisi delle forme di integrazione tra assistenza sociale e sanitaria si tende più
comunemente a identificare tre dimensioni:

1. professionale: ha un carattere fortemente operativo; declina nella


collaborazione sul piano interdisciplinari tra professionisti con competenze e
ruoli diversi; la costituzione di equipe interprofessionali è una delle modalità più
diffuse e adeguate per conseguire una forma simile di integrazione; è corredata

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

da una logica di integrazione gestionale da parte delle organizzazioni


responsabili dei differenti interventi sociali e sanitari.

2. gestionale: Implica il coordinamento dei processi lavorativi, al fine di calibrare


gli interventi assistenziali con quelli sanitari. si tratta di formalizzare i protocolli
di intervento condivisi tra organizzazioni diverse e di mettere in comune risorse
e competenze.

3. istituzionale: Si verifica quando gli enti che hanno la responsabilità della


programmazione della gestione dell'offerta di servizi di diversi settori
concordano programmi di collaborazione e partnership. Questi possono
prendere la forma di accordi e convenzioni, che aprono la strada alla
condivisione delle risorse alla pianificazione collegiale degli interventi.

6 . LE ORGANIZZAZIONI

1. Le principali organizzazioni che operano nel settore dell'assistenza sociale;


2. Le caratteristiche organizzative e la valenza sul piano istituzionale;
3. Le dinamiche relazionali che alimentano le interazioni tra le organizzazioni;
4. MOLTEPLICITA’ intesa come -> Gli elementi di differenziazione delle organizzazioni
(struttura-ruolo)
5. ETEROGENEITA’ intesa come -> gli elementi di insieme che distinguono le
organizzazioni :
- la natura giuridica dell'organizzazione, che prefigura una prima distinzione tra enti
pubblici e privati, con la possibilità di suddividere questi ultimi tra enti di carattere
associativo e organizzazioni con finalità imprenditoriali
- le dimensioni dell'organizzazione
- il ruolo svolto in un determinato territorio, distinguendo tra organizzazioni con
funzione di programmazione e gestione e organizzazione con funzione di produzione ed
erogazione dei servizi
- la tipologia e la numerosità delle attività svolte, considerando che vi sono alcune
organizzazioni che sono concentrati su un'unica mansione mentre altre sono coinvolte
in più attività.

Nel settore dell'assistenza sociale convivono una pluralità di organizzazioni,


caratterizzate dalla loro molteplicità ed eterogeneità.

Le organizzazioni che operano nel settore dell'assistenza sociale vengono distinte in


base alla natura giuridica e alla funzione esercitata.

LA NATURA GIURIDICA : Le organizzazioni sono distinte in base a tre livelli : enti


pubblici; organizzazioni imprenditoriali private; associazioni e organizzazioni di
volontariato. (Si possono aggiungere ad esse le cosiddette reti primarie, che includono
le reti familiari e i network amicali). I tre livelli vengono classificati ulteriormente
considerando alcuni sottolivelli.

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

Classificazione delle organizzazioni per natura giuridica:

1. Enti pubblici
 Nazionali
 Ministeri
 Regionali
 Regione
 ASL
 AO
 Locali
 Comune
 EX IPAB e ASP
 Consorzi, Aziende speciali, Comunità montane

2. Organizzazioni imprenditoriali private


 Nonprofit
 Cooperative sociali (A e B)
 fondazioni
 imprese sociali
 aziende per i servizi alla persona
 Profit
 Imprese (S.r.l. o S.p.a)

3. Associazioni e organizzazioni di volontariato


 Associazioni
 Organizzazioni di volontariato
 Associazioni di promozione sociale
 Gruppi informali
 Gruppi di auto-mutuo-aiuto
 Gruppi di ispirazione religiosa

LA FUNZIONE : Le funzioni delle organizzazioni sono distinte in tre categorie


principali:

o pianificazione e programmazione: concerne le attività che implicano


le decisioni di carattere istituzionale, sulle aree problematiche sulle quali
intervenire sull'allocazione delle risorse economiche, nonché sulle
modalità di implementazione degli interventi assistenziali.
o gestione e amministrazione: funzioni inerenti l'attivazione, il controllo
e la valutazione dei servizi, nonché la selezione dei beneficiari e il
monitoraggio degli esiti degli interventi;
o produzione ed erogazione: fase conclusiva in cui i servizi vengono
realizzati ed erogati

IL COMUNE assolve tutte le tre funzioni principali.

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

ENTI PUBBLICI

Alcuni criteri che possono orientare nella qualificazione di un ente come “pubblico”
sono:

 la qualificazione esplicita, da parte della legge, come ente pubblico;


 l'ingerenza dello Stato, delle Regioni (o dei Comuni) nella nomina e revoca dei
dirigenti e nell'amministrazione dell'ente;
 Il finanziamento delle attività con risorse provenienti istituzionalmente dalla
fiscalità generale;
 l'attribuzione di potestà pubbliche.

Alcuni enti pubblici mostrano un profilo chiaramente pubblico, anche in termini


istituzionali (i Comuni), mentre altri mantengono una dimensione pubblica meno
evidente,a tratti contraddittoria e, si qualificano formalmente come enti pubblici,
sebbene la loro gestione si ispiri a criteri di matrice aziendale privata (le ASL).

I principali enti che rispecchiano tutte queste caratteristiche sono:

MINISTERI : Rappresentano un’emanazione diretta dello Stato, quindi sono gli assi
portanti, sia in chiave istituzionale e politica, sia in chiave organizzativa e
amministrativa. È a livello ministeriale che si svolgono un'opera di programmazione,
regolazione e controllo di molti interventi, In particolare quelli consistenti
nell'erogazione di contributi economici. È importante considerare il ruolo del
Ministero della Giustizia e del Ministero dell'Interno. Il Ministero della Giustizia
coordina direttamente i servizi rivolti ai condannati ai quali sono state concesse
misure alternative alla detenzione carceraria. I servizi per l'implementazione di queste
misure sono coordinati dagli uffici di esecuzione penale esterna (UEPE), uffici periferici
del Ministero della Giustizia la loro attività ha importanti implicazioni sociali, poiché,
devi fornire il recupero e il reinserimento sociale dei detenuti che godono di tali
prerogative. Dal Ministero della Giustizia dipendono, inoltre, gli uffici di servizio sociale
per i minorenni (USSM) , che provvedono a offrire assistenza ai minori autori di reati
penali. Essi seguono il progetto educativo del minore a cui viene concessa una misura
cautelare non detentiva e gestiscono la misura della sospensione del processo e della
messa alla prova.

REGIONI : Le regioni svolgono un ruolo preminente a livello istituzionale. La riforma


del Titolo V della Costituzione, attuata nel 2001, ha attribuito loro potestà legislativa
esclusiva in materia di servizi socioassistenziali. Le regioni sono, dunque, divenute
l'organismo di riferimento in chiave normativa. Gli organi di governo delle Regioni
sono tre: il Presidente, la Giunta e il Consiglio Regionale.

Le regioni rappresentano un ente con una duplice natura, in quanto combinano due
sfere d'azione:

 svolgono in chiave istituzionale un'ampia serie di attività di regolazione


normativa di numerosi ambiti della vita sociale, economica e culturale di un
territorio, essendo dotate di una specifica funzione legislativa;

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

 La regione orienta la propria azione amministrativa e definisce la


distribuzione delle risorse a sua disposizione tramite i
provvedimenti approvati dagli organi competenti (il consiglio e la
giunta regionale).

 provvedono a una gamma di attività gestionali inerenti i medesimi settori,


agendo direttamente come erogatori di servizi e interventi di vario genere.
 I compiti di regolazione si sviluppano attraverso le attività di
rilascio di autorizzazioni, concessioni e atti amministrativi che
regolamentano lo svolgimento di iniziative professionali e
imprenditoriali o l'accesso a determinati servizi e prestazioni.

La regione amministra l'attività gestionale di tutti i servizi che eroga direttamente o


tramite enti terzi.

A tal fine, le Regioni assumono una struttura organizzativa divisionale, all'interno della
quale si individuano i diversi settori sui quali si concentra l'azione amministrativa.

Le competenze delle Regioni, nel campo dei servizi socio-assistenziali, erano state
inquadrati dalla legge 328/2000. Le principali competenze assegnate alle Regioni
riguardavano:

 la definizione di politiche integrate in materia di interventi sociali, ambiente,


sanità, istituzioni scolastiche, avviamento al lavoro e reinserimento lavorativo,
servizi del tempo libero, trasporti e comunicazioni;
 criteri per l'autorizzazione, l'accreditamento e la vigilanza delle strutture
pubbliche e dei soggetti accreditati;
 i criteri per la determinazione dei costi dell'eventuale compartecipazione degli
utenti alla spesa per gli interventi assistenziali ;
 i requisiti di qualità per la gestione e l'erogazione di servizi e prestazioni
assistenziali;
 i criteri per la concessione dei titoli sociali. Le figure che si occupano di servizi
socio assistenziali nelle regioni hanno prevalentemente un profilo di carattere
amministrativo e gestionale.

COMUNI : Principale Ente Locale nell'architettura istituzionale dello Stato. Esso gode
di un relativo grado di autonomia (istituzionale e organizzativa) rispetto al governo
statale centrale e agiscono in raccordo con gli enti di governo intermedi a livello
territoriale, ossia le Regioni. Il comune esercita funzioni proprie e delegate.

Nel complesso, le funzioni di un comune riguardano le materie di:

 organizzazione dei servizi pubblici di interesse generale di ambito comunale


 tenuta del catasto;
 pianificazione urbanistica ed edilizia di ambito comunale, con partecipazione
alla pianificazione territoriale di livello sovracomunale;
 pianificazione delle attività di Protezione Civile e coordinamento dei primi
soccorsi;
 organizzazione e gestione dei servizi di raccolta, avvio e smaltimento e
recupero dei rifiuti urbani e riscossione dei relativi tributi;

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

 progettazione e gestione del sistema locale dei servizi sociali;


 edilizia scolastica, organizzazione e gestione dei servizi scolastici;
 Polizia Municipale e polizia amministrativa locale;
 tenuta dei registri di Stato Civile e di popolazione e compiti in materia di servizi
anagrafici, nonché in materia di servizi elettorali e statistici;
 Organizzazione generale della propria amministrazione, anche negli aspetti di
gestione finanziaria e contabile.

Gli organi di governo di un Comune sono tre: il Sindaco, la Giunta e il Consiglio


Comunale. Il Sindaco è il responsabile dell'amministrazione comunale e rappresenta
l'ente. Il Consiglio è un organo di carattere politico che indirizza e sostiene i principali
atti degli altri organi di governo comunale. La Giunta è presieduta dal sindaco del
composta dagli assessori, ai quali vengono assegnate deleghe specifiche per le
materie di competenza.

La struttura organizzativa di un comune assume forme diverse che dipendono da


fattori, quali: la dimensione del comune, la loro implementazione attraverso formule di
gestione associate, le scelte gestionali operati dalla stessa amministrazione.

I Comuni hanno i tratti di un'organizzazione burocratica, con una distinzione netta tra
ruoli politici ed esecutivi e amministrativi. La strutturazione di ruoli si ispira schemi
funzionali o divisionali. Nell'ambito della struttura organizzativa del comune, la
programmazione, la gestione e l'erogazione dei servizi socio assistenziali competono
generalmente all'ufficio dei servizi sociali.

Le competenze in materia di assistenza sociale spettanti al comune sono state


chiaramente tracciati dalla legge 328/2000. Il comune assume la titolarità
amministrativa degli interventi sociali svolti a livello locale. Svolge le funzioni di:

 programmazione, progettazione, realizzazione del sistema locale dei servizi


sociali;
 erogazione dei servizi e delle prestazioni economiche finalizzate all'assistenza
sociale dei soggetti beneficiari; definire i parametri di valutazione delle
condizioni di accesso proprietario e tali prestazioni;
 autorizzazione, accreditamento e vigilanza degli interventi di assistenza sociale
offerte sia da enti pubblici che privati.

I professionisti che operano nell’ ufficio dei servizi sociali di un Comune possono
essere diversi. Una figura centrale è quella dell'assistente sociale, che lavora a
diretto contatto con l'utenza. Ciò significa che l'assistente sociale gode di uno spazio
di discrezionalità professionale significativo e, la sia azione non si traduce
nell'esecuzione di attività predefinite o di contenuto esclusivamente amministrativo.
Nell'ufficio dei servizi sociali possono inoltre operare figure di personale
amministrativo, il quale seguono le attività di carattere gestionale amministrativo.
Accanto a queste figure, che rappresentano i cardini degli uffici dei servizi sociali
comunali, i comuni possono dotarsi di altri operatori e professionisti, psicologi,
operatori socio-assistenziali, educatori.

Le prestazioni assistenziali erogati dai Comuni si concentrano nell'area dei servizi ai


minori, agli individui adulti e anziani e, più in generale, alle famiglie.

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

 I COMUNI ASSOCIATI : I comuni possono scegliere le varie forme


organizzative e istituzionali per la gestione associata dei servizi socio
assistenziali. Gli enti per la gestione associata dei servizi socioassistenziali si
attengono prevalentemente a questioni tecniche nella regolazione dei
meccanismi di governance, dei rapporti con gli enti istitutienti e della disciplina
dei contratti e delle forniture. Ad essi, sono attribuite diverse funzioni e servizi
da gestire. Non si occupano dell'intera gamma dei servizi offerti da un Comune,
ma riguardano una porzioni di essi. La tipologia di gestione associata (formula
ISTITUZIONALE) avviene mediante (formula ORGANIZZATIVA):

 Patto di collaborazione amministrativa :


o formula organizzativa (enti)
 Convenzione intercomunale;
 Delega a enti pubblici :
o formula organizzativa (enti):
 Enti polivalenti :
 ASL,
 comunità montana,
 unioni di comuni;
 Enti costituiti ad hoc:
 Consorzio,
 Azienda Speciale Consortile,
 ASP;
 Delega a enti privati:
o formula organizzativa:
 fondazione di partecipazione,
 azienda (nella forma della società per azioni).

PROVINCE : Gli organi di governo delle province richiamano quelli delle Regioni: il Presidente,
il Consiglio, la Giunta. Il Presidente e il consiglio sono eletti direttamente dai cittadini, mentre
gli assessori della Giunta sono nominati. Le competenze istituzionali in materia di assistenza
sociale assegnati alle Province fungono da cerniera tra Regioni e Comuni.

Secondo quanto previsto dalla legge 328/2000, il ruolo delle province è:

- la raccolta di dati e informazioni per l'implementazione di un sistema informativo sui


servizi sociali a livello territoriale;
- l'analisi dell'offerta assistenziale, collaborando con i Comuni per eventuali
approfondimenti degli interventi;
- la promozione dell'offerta formativa e di aggiornamento rivolto agli operatori;
- la partecipazione, assieme ai Comuni agli enti del terzo settore, alla definizione e
all'attuazione del PDZ.

AZIENDE SANITARIE LOCALI : Le ASL costituiscono il cardine del SSN. Sono enti strumentali
delle regioni sotto il profilo giuridico, ma l'indirizzo delle varie riforme è volta all'adozione di
una logica imprenditoriale, riconducibili al modello delle aziende private.

 principali funzioni in materia di assistenza sociale : svolgono un duplice ruolo nel


settore sanitario :

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

 agiscono come committenti di servizi sanitari, acquisendoli da fornitori


pubblici o privati;
 provvedono direttamente all'erogazione di tali servizi.
 i professionisti : Al vertice di un'ASL, nominato direttamente dalla Giunta Regionale,
vi è Il direttore generale: un medico iscritto in un apposito albo presso il Ministero della
Sanità. Il direttore generale nomina il direttore sanitario (per le attività igienico-
sanitarie) e il direttore amministrativo (attività economiche e amministrative). Nelle
ASL lavorano in prevalenza figure professionali legate all'area medico-sanitaria e gli
assistenti che coadiuvano attività di reparti e ambulatori. I professionisti che si
occupano di assistenza sociale si concentrano in settori specifici: in particolare, nei
dipartimenti di servizi per la salute mentale e nei servizi per la tossicodipendenza. Si
rileva la presenza di assistenti sociali anche nei consultori integrati (CFI), sia pubblici
che privati.
 modelli organizzativi: L'organizzazione di una ASL ha la struttura del modello
divisionale con criteri di differenziazione. Le configurazioni che possono assumere le
strutture organizzative di un ASL sono variabili.
Si possono avere:
 enti che privilegiano la dimensione territoriale distrettuale come primo
livello della struttura organizzativa
 enti che delineano i dipartimenti tecnico-funzionali, dislocando le varie
unità d'offerta di servizi sanitari nei distretti territoriali.

Le attività svolte dalle ASL variano sensibilmente da Regione a Regione, perché a esse sono
attribuite funzioni e competenze diverse a seconda delle organizzazioni individuate a livello
regionale.

AZIENDE E PRESIDI OSPEDALIERI : Gli ospedali, dal punto di vista organizzativo e giuridico,
sono inquadrabili in due categorie:

o le AO, pubbliche o private, che possono gestire uno o più strutture ospedaliere
o i Presidi Ospedalieri gestiti direttamente dalle ASL.
o IRCCS : Istituto di carattere e cura a carattere scientifico
Si segnala la presenza di assistenti sociali in alcuni a o presidi ospedalieri di ASL che
svolgono ruolo di supporto e orientamento per i pazienti che hanno bisogno di un
sostegno e nell'accesso e fruizione dei servizi negli ospedali, l'intervento degli assistenti
sociali è rivolto a un'utenza trasversale, ad esempio di centri di ascolto o di accoglienza.

LE EX IPAB E LE AZIENDE PER I SERVIZI ALLA PERSONA : Le IPAB Furono istituite con la
legge 6972/1990, la quale attribuiva la qualifica di ente pubblico a una serie di organizzazioni
di origine e natura privata (Opere Pie).

Le IPAB erano organizzazioni che si situavano tra gli enti pubblici e gli enti privati. Hanno
svolto un ruolo centrale nell'offerta di un'ampia gamma di servizi socio-assistenziali attraverso
l'erogazione di contributi economici e l'erogazione diretta di servizi alla persona. Le attività
svolte dalle IPAB erano classificate in 4 categorie:

 servizi socio sanitari a carattere residenziale (case di riposo, istituti per particolari
tipologie di disabilità);
 servizi educativi a carattere residenziale (collegi, colonie orfanotrofi);
 servizi di ricovero temporaneo;
 servizi di natura mista mense servizi socio assistenziali a domicilio, borse di studio.

La trasformazione delle IPAB è stata sancita dalla legge 328/2000. Il processo di


trasformazione è stato regolamentato dalle Regioni, in quanto la riforma costituzionale ha

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

conferito loro la competenza legislativa esclusiva in materia di assistenza sociale, sia


perché lo stesso decreto attribuiva la legislazione regionale un ruolo fondamentale nel
disciplinare le nuove organizzazioni. Le IPAB e il comune si trovavano all'interno dello stesso
territorio e questo fece emergere la contraddizione tra i ruoli dei due enti pubblici. Questa fase
fu decisiva per trasformare la natura giuridica delle IPAB. Il d.Lgs. 207/2001 prevede due
opzioni per la trasformazione della IPAB:

 la conversione in un' ASP


 la trasformazione in una fondazione

Le ASP mantengono la natura di Ente Pubblico, ma con elevati livelli di autonomia


organizzativa e logica operativa di tipo aziendale: il modello organizzativo ricalca le Aziende
Speciali e le ASL. Sono carattere strumentale delle Regioni in quanto un membro del consiglio
di amministrazione di ogni ente è nominato dalla Giunta Regionale.

GLI ENTI PRIVATI E IL TERZO SETTORE : Si distinguono in enti con finalità di profitto ed enti
privi di finalità di lucro (enti profit e nonprofit). In campo di assistenza sociale, gli enti
profit sono molto ridotti rispetto al numero degli enti nonprofit. La centralità e la prevalenza
delle organizzazioni non profit impone loro maggiori spazi di approfondimento. Non profit e
terzo settore sono due espressioni che spesso vengono sovrapposte. Difatti, Le organizzazioni
private che promuovono iniziative di economia sociale puntano a servire servizi e benefici ai
propri soci e alla comunità anziché perseguire l'obiettivo primariamente della generazione di
profitti. Dispongono di un management indipendente dal controllo pubblico e devono garantire
ai propri membri dei processi decisionali democratici. Questo implica che, negli organi
decisionali prevalgono i meccanismi decisionali che offrono più equità ai soci delle
organizzazioni. L'assenza di finalità di lucro costituisce uno dei presupposti dell'azione
organizzativa, come riflesso della diffusa convinzione etica che la realizzazione di attività di
carattere solidaristico debba rimanere scevra da obiettivi di carattere economico.

Le caratteristiche degli enti nonprofit sono:

 intento mutualistico e/o solidaristico delle attività organizzative;


 Management indipendente;
 democraticità dei processi decisionali;
 equità nella gestione del capitale economico

Per definire le organizzazioni non profit si usa il concetto di terzo settore.

Il terzo settore si presenta come un insieme eterogeneo di forme organizzative. Nel terzo
settore rientrano organizzazioni sia strutturate per lo svolgimento di iniziative imprenditoriali
(come le cooperative sociali), sia attività di natura volontaristica (come le associazioni di
volontariato).

Infine, si classificano, secondo PRINCIPI, OBIETTIVI, FUNZIONI delle attività, in 3 categorie:

 funzioni produttive;
 funzioni erogative di risorse economiche;

 funzioni di advocacy.

Le organizzazioni non profit sono:

 la cooperativa sociale
 l'associazione riconosciuta
 l'associazione non riconosciuta
 la fondazione

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

 altre istituzioni non profit

I settori di attività sono:

 la cultura sport e ricreazione  filantropia e promozione del volontariato


 istruzione e ricerca  Cooperazione e solidarietà internazionale
 sanità  religione
 assistenza sociale e protezione civile  relazioni sindacali e rappresentanza di
 ambiente interessi
 sviluppo economico e coesione sociale  altre attività
 tutela dei diritti e attività politica

Nei settori dell'assistenza sociale si concentrano le cooperative sociali, le associazioni e le


organizzazioni di volontariato.

LE COOPERATIVE SOCIALI : Sono un tipo di organizzazione orientata in chiave


imprenditoriale nel terzo settore. Si presentano come vere e proprie imprese con fini
solidaristici. Si maturano nel campo dell'assistenza sociale a partire dagli anni '70. Tra esse, si
distinguevano:

 le cooperative di servizi sociali : cooperative che erogano servizi alla persona


nell'ottica di garantire occupazione e benefici economici, rivolti a persone non
autosufficienti.
 le cooperative di solidarietà sociale: perseguivano finalità solidaristiche; traevano
origine da iniziative promosse da gruppi e associazioni di volontariato che offrivano
servizi e assistenza a persone bisognose;
 le cooperative di produzione lavoro integrate, nate con l'intento di offrire possibilità
di lavoro a soggetti svantaggiati.

Le cooperative sociali sperimentano la possibilità di sviluppare interventi innovativi,


rispondendo prontamente ai bisogni emergenti nei territori. Sono nate sia da ragioni politiche
che da ragioni religiose. Negli anni 90, le cooperative sociali vengono riconosciute e
qualificate istituzionalmente, con la promulgazione della legge 381/1991, la quale introduce
nell'ordinamento giuridico una nuova forma di impresa cooperativa distinguendo noi due
forme:

 le cooperative sociali di tipo A: si dedicano alla gestione, produzione ed erogazione


di servizi alla persona, di natura socioassistenziale ed educativa;
 le cooperative sociali di tipo B: impegnate nello svolgimento di attività produttive
finalizzate all'inserimento lavorativo di persone svantaggiate.

La legge introduce un elemento innovativo per la governance organizzativa. Essa prevede che,
nelle cooperative sociali, possono figurare diverse categorie di soci:

 i soci prestatori
 i soci volontari
 i soci sovventori
 i soci fruitori

Le cooperative sociali si contraddistinguono perché applicano delle dinamiche di governance


che si possono definire democratiche. Seguono i principi di equità.

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

Negli ultimi anni le cooperative sociali sono cresciute in termini di numero di unità
organizzative e numero di addetti. Il motivo di tale crescita furono i consorzi (enti pubblici
costruiti ad hoc).

I CONSORZI non si interfacciano direttamente con utenza finale ma offrono servizi strumentali,
essenziali per lo svolgimento per lo sviluppo delle cooperative di primo grado e per favorirne il
compito:

 rappresentanza politica e istituzionale


 realizzazione di economie di scala nelle forniture
 partecipazione a bandi di gara che singole cooperative non
possono affrontare

ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO E ASSOCIAZI DI PROMOZIONE SOCIALE : Nel


novecento, Le prime consolidate esperienze di volontariato avevano una matrice religiosa; A
partire dagli anni settanta, emergono invece iniziative di natura più Laica che promuovono
attività di volontariato dedicate alla partecipazione civica e tematiche più ampi a livello sociale,
culturale e ambientale. Il fattore distinto di tali organizzazioni è l'impegno individuale in
un'iniziativa di volontariato, poiché il volontariato non consegue una retribuzione per la propria
opera e si impegna esclusivamente a favore della tutela dei diritti e l'aiuto dei terzi in stato di
bisogno o per la tutela, l'ampliamento o la maggiore fruibilità dei beni comuni che presiedono
alla qualità della vita dei cittadini.

Dal punto di vista organizzativo, si differenziano in:

 associazioni (APS: Associazione Promozione Sociale): un gruppo di persone si


unisce per perseguire un fine condiviso;
 organizzazioni (ODV: Organizzazioni di volontariato): strumento per realizzare gli
obiettivi dell'associazione.

In queste organizzazioni, gli assi trainante per il coordinamento delle attività è dato dai
volontari. APS e ODV sono attive in numerosi settori a livello sociale, economico e culturale.

LE FONDAZIONI : svolgono una varietà di funzioni e ruoli sia nel campo dell'assistenza sociale
che nella vita sociale, economica e culturale del paese. Le forme giuridiche e organizzative che
possono assumere le fondazioni sono: si presentano come un'organizzazione privata, senza
finalità di lucro, che dispone di mezzi destinati a uno scopo, con un carattere di perpetuità. La
disponibilità di un patrimonio e la sua destinazione ha un particolare fine. L'azione collettiva di
più individui non è sufficiente per sviluppare le attività di una fondazione; essa prende forma a
seguito del conferimento iniziale di un patrimonio da parte del fondatore, attraverso il quale Si
delinea l'azione della fondazione stessa. L'obiettivo delle fondazioni è quello di amministrare e
gestire il proprio patrimonio al fine di trarne un rendimento per sostenere le attività che
ciascuna fondazione promuove. Le fondazioni possono operare in più campi, che vanno
dall'assistenza sociale alla sanità, dalla tutela e protezione dell'ambiente sino al campo
dell'Istruzione della ricerca. Si prendono in considerazione le fondazioni operanti nel settore
dell'assistenza sociale, le quali possono essere distinte secondo due criteri: in base alla finalità
perseguita, le fondazioni si possono suddividere in due grandi categorie:

 le fondazioni di erogazione : svolgimento di attività ritenute


devolvono dei contributi finanziari, meritevoli di un sostegno;
ottenuti dalla gestione del proprio  le fondazioni operative : sono
patrimonio, ad altri soggetti per lo dotati di proprie strutture, attraverso

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

le quali perseguono direttamente le


finalità istituite

Classificando le fondazioni secondo la natura giuridica, si individuano tre fattispecie:

 le fondazioni di diritto civile, ovvero le cosiddette fondazioni tradizionali


 le fondazioni di diritto speciale, nelle quali rientrano quelle di origine bancaria;
 le fondazioni individuati dalla prassi, che comprendono le fondazioni di
partecipazione e quelle comunitarie.

Le fondazioni presentano innumerevoli fattori di differenziazione, ma un aspetto che lw


accomuna è la governance. Essi adottano strutture di governance duale e, in secondo luogo,
l'utilizzo di schemi di governance "non democratici".

LE IMPRESE SOCIALI : l’ Espressione di impresa sociale si designa il


concetto stesso di organizzazione non profit attiva nel terzo settore. La
promulgazione della legge n° 118/2005 è stata introdotta una norma che
delinea la possibilità di svolgere attività di impresa per fini diversi dal profitto e
di interesse collettivo, operando anche al di fuori dei settori nei quali è
concentrata l'azione delle cooperative sociali. Il d.Lgs. 155/2006 stabilisce che
possono avvalersi del titolo di impresa sociale <<Le organizzazioni private che
esercitano in via Stabile principale un'attività economica organizzata al fine
della produzione e dello scambio di beni o servizi di utilità sociale, diretta a
realizzare finalità di interesse generale>>. Si tratta, essenzialmente, delle
Cooperative Sociali, delle ODV, delle APS e delle Fondazioni. Le imprese sociali
sono state introdotte per vincolare la redistribuzione degli utili e la
strutturazione necessaria per garantire la produzione di beni e servizi in forma
continuativa, muovendosi in un'ottica imprenditoriale.

LE ORGANIZZAZIONI NON LUCRATIVE DI UTILITA’ SOCIALE : Le


organizzazioni di terzo settore sono costituite dal titolo di Onlus, una qualifica
addizionale. La denominazione ONLUS, introdotta con il d.Lgs. n 460/1997,
interviene sugli aspetti fiscali delle attività delle organizzazioni nonprofit. Le
organizzazioni che si qualificano come Onlus . Le organizzazioni che vogliono il
titolo di Onlus devono svolgere attività ritenute di utilità sociale e prevedere il
vincolo della assenza di finalità lucrative nella loro azione. Le organizzazioni che
si qualificano come Onlus possono godere di una serie di agevolazioni fiscali sul
reddito, come il riconoscimento e valorizzazione delle finalità di solidarietà
sociale delle attività svolte.

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

7.PROFESSIONI E COMPETENZE NEL LAVORO SOCIALE

 IL LAVORO : OCCUPAZIONI, PROFESSIONI, RUOLI, COMPETENZE

I concetti di occupazione, professione, ruolo e competenze rimandano alla dimensione


distinta di un attività lavorativa.

Occupazione: rappresenta il contenuto dell'attività lavorativa svolta, nonché la


formula contrattuale. Quindi, definisce e rappresenta la condizione lavorativa di un
soggetto.

Professione: identifica e distingue una serie di occupazioni, che si


contraddistinguono perché hanno assunto, nel tempo, un particolare rilievo sul piano
sociale, culturale e istituzionale. È l'esito di quello che viene detto processo di
professionalizzazione, Vale a dire un percorso di valorizzazione del profilo di tali
attività lavorative.

Tale processo si compie lungo 5 tappe:

 la comparsa di una certa attività lavorativa come occupazione a tempo pieno ;


 l'istituzione di scuole di formazione specialistiche, nonché di università che
offrono programmi di studio in merito;
 la costituzione di associazioni professionali;
 il riconoscimento da parte dello stato e la protezione monopolistica rispetto
all'accesso e all'esercizio della professione;
 l'elaborazione di un codice etico o deontologico.

Il risultato complessivo di questo processo di professionalizzazione è


l'accrescimento della legittimazione sociale di un'occupazione.

Nel campo specifico dell'assistenza sociale, Le occupazioni che assumono i tratti della
professione sono quelle dello psicologo e dell'assistente sociale: esse sono le uniche
che riescono a soddisfare i criteri che contraddistinguono il processo di
professionalizzazione.

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

Ruolo: il ruolo viene assunto qualora un professionista lavori per un'organizzazione.


Esso sarà collocato in uno dei ruoli definiti attraverso L'intreccio tra i processi di
specializzazione e integrazione della struttura organizzativa. Il concetto di ruolo
contribuisce a definire i contenuti di un'attività lavorativa. Un ruolo può essere
descritto come << l'insieme delle norme e delle aspettative che convergono su un
individuo in quanto occupa una determinata posizione in una più o meno strutturata
rete di relazioni sociali, ovvero in un sistema sociale >>. In termini precisi, il ruolo
individua la posizione che un membro dell'organizzazione andrà a occupare all'interno
della sua struttura sociale e, in base alla quale, sarà tenuto a svolgere determinate
attività. Il contenuto specifico dell'attività lavorativa di ruolo organizzativo viene
definito considerando i criteri di specializzazione funzionale e gerarchica che danno
forma alla struttura complessiva delle organizzazione. I ruoli organizzativi sono assai
differenti, sul piano dell' OUTPUT atteso. Questa differenziazione presuppone una
diversità delle competenze necessarie per il conseguimento dei risultati attesi.

Competenza: la competenza può essere declinata in diverse forme. Si parla di


competenze organizzative per descrivere le qualità distintive che un'organizzazione
possiede, nonché le competenze individuali, in riferimento a determinate
caratteristiche di una persona. Ogni competenza si compone di tre dimensioni
essenziali:

 una componente oggettiva, identificata con il concetto di "sapere";


 Una componente soggettiva, sintetizzata nella nozione e "saper fare";
 una componente contestuale, alla quale ci si riferisce con l'espressione "saper
essere".

Questi tre aspetti delineano il profilo complessivo di una competenza lavorativa


individuale. Nel settore dell'assistenza sociale, e in quello dei servizi alla persona, le
competenze professionali si esprimono lungo tutte e tre le componenti descritte. La
dimensione del saper essere assume una rilevanza centrale nei servizi alla persona,
poiché è attraverso di essa che possono emergere sia le basi motivazionali di un
operatore, sia le sue capacità di dare consistenza e valore al suo intervento. Questo
perché i servizi socioassistenziali si fondono essenzialmente su dinamiche relazionali,
che espongono fortemente la personalità degli operatori e ne mettono continuamente
in gioco l'attitudine alla relazione con l'utente.

 IL LAVORO SOCIALE

Le attività lavorative che permettono l'erogazione di servizi socioassistenziali, spesso,


vengono classificate con il concetto di "lavoro sociale". Il concetto di lavoro sociale è
diversamente interpretato a livello nazionale e a livello internazionale. Nel
mondo anglosassone, il concetto di lavoro sociale fa riferimento alla nozione di Social
Work, per descrivere una più ampia serie di attività di carattere socio-assistenziale,
oltre le attività condotte dagli assistenti sociali. Il lavoratore sociale viene definito con
il concetto, appunto, di Social Worker. Sottointende un insieme di occupazioni che
possono essere quella dell’assistente sociale, del pedagogista, dell'educatore o
dell'animatore. Non identifica una specifica occupazione ma diviene una
categoria. A livello nazionale, la nozione di Social Worker non esiste né come singola

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

attività lavorativa né come insieme di occupazioni e professioni. Nel nostro paese


prevale una rappresentazione distinta delle varie occupazioni che svolgono
un lavoro sociale.

Si delineano, comunque, alcuni tratti distintivi e qualificativi del lavoro sociale, attorno
ai quali coagulare e confrontare una serie di occupazioni e professioni.

Nel 2000, la definizione di Social Work viene fornita dall' International Federation
of Social Workers (IFSW). Secondo l'IFSW, << il lavoro sociale nelle sue varie
forme affronta le molteplici e complesse transazioni tra le persone proprio ambienti.
La sua missione e di fare in modo che un individuo possa sviluppare il proprio
potenziale, arricchendo la propria vita e prevenendo delle disfunzioni >>. Sempre
l'IFSW afferma che <<Non esistono scale universali di definizione del lavoro sociale,
perché si assume significato incisività rispetto alle contingenze sociali, culturali ed
economiche con le quali si confronta>>.

LAVORO SOCIALE E ASSISTENZA SOCIALE : L'assistenza sociale viene indicata a


livello internazionale con l'espressione "social care". Tale concetto assume differenti
relazioni con le pratiche di social work. Il Social Care allude alle attività di cura e
assistenza erogate in strutture residenziali e/o presso il domicilio di un individuo. Gli
interventi assistenziali assumono una loro tangibilità fisica, riscontrabile nelle
specifiche prestazioni erogate a un utente. simili interventi sono generalmente
commissionati da un “social worker”, come un assistente sociale, ma non sono
necessariamente seguiti dal medesimo operatore e vengono invece affidate a
personale più specializzato, spesso appartenente anche un'altra organizzazione. La
nozione di Social Care include, quindi, quella di Social Work . Ciò perché il
concetto di social care è inteso come l'insieme di servizi alla persona, attraverso le
quali si delinea il lavoro sociale. Le attività di Social Care rientrano, pertanto, nella
logica del Lavoro Sociale e nelle sue finalità di intervento rispetto alla situazione
sociale di un individuo.

IL LAVORO SOCIALE COME PRATICA DISCORSIVA : Il lavoro sociale e, più in


generale, la produzione di servizi socioassistenziali si fondano sulla relazione tra un
utente ed erogatore. Tra utente ed erogatore vi è il presupposto della pratica
discorsiva. Il concetto di pratica discorsiva nasce a partire dagli anni '90, laddove si
riscontra che, molte attività lavorative si fondano sulla comunicazione e sul linguaggio.
La comunicazione non viene più Intesa esclusivamente come il vettore attraverso il
quale si sviluppano le interazioni sociali, ma diviene a sua volta un oggetto di
lavoro. La nozione di pratica discorsiva sottintende pertanto quelle attività lavorative
nelle quali la dimensione comunicativa diviene fondamentale distintiva per il senso
delle attività stesse. Le pratiche discorsive in ambito lavorativo prendono forma
attraverso una serie di elementi che trasformano una normale conversazione in una
conversazione, che invece assume una valenza di carattere istituzionale. Con
l'espressione conversazione istituzionale si intende un'interazione che segue degli
schemi rintracciabili secondo:

 le scelte lessicali dei partecipanti alla conversazione (ad esempio un assistente


sociale e utente);
 il disegno dei turni di conversazione e l'organizzazione delle sequenze di
interazione;

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

 l'organizzazione complessiva della struttura internazionale e le dinamiche


relazionali che da essa conseguono sulle quali essa si basa (ad esempio le
asimmetrie di status di ruolo, oppure la consapevolezza dei diritti e dei doveri).

Le conversazioni istituzionali si delineano attraverso la stabilizzazione dei fattori


descritti, in modo da rendere uniformi e prevedibili i singoli episodi di integrazione che
si possono sviluppare in un determinato contesto lavorativo. In quest'ottica, le
interazioni tra utenti e social workers, nonché tra le diverse categorie di social workers
all'interno di un'organizzazione, si contraddistinguono perché: danno vita al repertorio
di pratiche comunicative, composto da precise scelte lessicali, modalità di gestione dei
turni ecc..; implicano lo sviluppo di una competenza per interagire adeguatamente. Il
lavoro sociale è denso di conversazioni istituzionali, che si contraddistinguono
nitidamente anche quando si tratta di interazione di breve durata. D'altra parte, la
letteratura professionale e formativa è assai esplicita nella codificazione di protocolli o
schemi per la conduzione e gestione di specifiche fasi e attività nell'interazione con
l'utenza.

LA MATERIALITA’ DEL LAVORO SOCIALE : Il lavoro sociale, mantiene una sua


componente materiale. Si tratta di una materialità che ha una natura intrinsecamente
corporea, in quanto presuppone un’interazione fisica (non solo verbale), tra utente e
operatore. In questo senso, il corpo come strumento lavorativo, deve essere
considerato come una forma di comunicazione, mediante la quale si produce quella
che viene definita Conoscenza Sensibile: una conoscenza che passa attraverso
percezioni e movenze corporee. Si tratta di una forma di conoscenza preriflessiva, che
si compie attraverso l'uso dei cinque sensi e che rappresenta la prima mediazione del
rapporto che Ciascun individuo ha con gli altri soggetti e con il mondo. Da questo
punto di vista, molte caratteristiche distintive del Lavoro sociale ( come l'empatia,
l'autenticità, il rispetto verso l'utente ecc..) prendono forma proprio mediante il corpo.
Il corpo diviene quindi veicolo comunicativo. Il lavoro sociale si costruisce lungo una
dimensione di plurisensorialità. Un'altra dimensione, nella quale si coglie la materialità
del Lavoro sociale risiede invece nelle attività di documentazione e amministrazione.

 OCCUPAZIONI E PROFESSIONI SOCIALI

Le principali occupazioni e professioni che si ritrovano nel settore dei servizi


socioassistenziali, sono definite professioni sociali. All'interno di tale classificazione si
ritrovano una serie di occupazioni e professioni che individuano nelle aree del Lavoro
sociale dell'assistenza sociale il baricentro delle proprie attività lavorative. Sono
generalmente rappresentati come professioni dedite ad attività di aiuto e resistenza;
lavorano in una sorta di frontiera tra situazioni di normalità e devianza, promozione e
disagio; utilizzano la relazione con le persone come strumento principale per lo
svolgimento delle proprie attività, che sono finalizzate a fornire aiuto, cura, sostegno,
educazione e assistenza.

ASSISTENTI SOCIALI Gli assistenti sociali si qualificano come una professione, sia a
livello nazionale che internazionale. Le attività di loro competenza sono oggetto di uno
specifico percorso formativo e sono regolamentate, sul piano istituzionale, da uno
specifico ordine professionale. L'ordine degli assistenti sociali ha promosso la

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

promulgazione di un codice deontologico, al quale tutti coloro che svolgono tale


professioni sono chiamati a fare riferimento. Il ruolo degli assistenti sociali è centrale
nelle politiche assistenziali, in quanto essi assumono una posizione nodale sia per
l'accesso ai servizi socio-assistenziali, sia per la realizzazione degli interventi
assistenziali. Le competenze che un’assistente sociale deve possedere sono molteplici,
poiché sono molteplici le tipologie di utenti e problematicità che dovrà affrontare. La
collocazione organizzativa degli assistenti sociali incide nella loro differenziazione di
competenze e pratiche lavorative.

La promulgazione del d.Lgs. n 106/2013 contribuisce a delineare con maggior


chiarezza e precisione l'ampio profilo di mansioni e competenze di questa professione.
Secondo la norma, le mansioni che competono a un’assistente sociale si articolano in
cinque categorie principali :

 Area relazionale,
 Area gruppi e comunità,
 Area didattico-formativa,
 Area studio e ricerca,
 Area progettuale, programmatoria e di amministrazione dei servizi.

Le mansioni indicate in ciascuna area costituiscono un elenco che, nel complesso,


arriva a un totale di 45 item descrittivi. (tabella 7.1 , pag. 226)

Per svolgere la professione di assistente sociale è oggi necessario possedere una


laurea in servizio sociale e, successivamente, iscriversi all'ordine nazionale (istituito
nel 1993). La professione dell'assistente sociale figura oggi come un'occupazione
"matura", cioè ha compiuto molti dei passaggi tipici dei processi di
professionalizzazione. Si tratta, inoltre, di una professione nella quale i livelli di
occupazione si mantengono alti e la ricerca di lavoro non si protrae per tempi
eccessivamente lunghi. Infine, sono da segnalare i rischi di deprofessionalizzazione
che giungono da più versanti: in particolare, la tendenza di esternalizzazione
dell'erogazione di molti interventi, assieme al massiccio ricorso ai trasferimenti
monetari, porta con sè il pericolo di trasformare l'assistente sociale in una sorta di
dispencer di titoli sociali e contributi economici, privo della possibilità di seguire da
vicino l'evoluzione della situazione di un utente. Inoltre, la contrazione delle risorse
pubbliche riduce notevolmente le capacità d'azione degli assistenti, rendendoli
talvolta catalizzatori di un disagio sociale crescente che però non può essere
affrontato con le dovute misure.

EDUCATORI La figura dell'educatore non coincide con la figura dell'insegnante.


L'educatore rappresenta << un aggancio, per soggetti che non hanno potuto
introiettare modelli di comportamento adeguati alla vita sociale, per apprendere, in
situazione, comportamenti, valori e atteggiamenti che permettono un vero e proprio
reinserimento sociale >>. I suoi compiti hanno dunque una valenza diversa e più
ampia rispetto a quella di un’insegnante. L'educatore si distingue anche dalla figura
dello psicologo. Rispetto a un percorso di psicoterapia, il lavoro dell'educatore investe
minori energie nell'analisi delle cause remote che sono alla base di un disagio, ma si
dedica a individuare i fattori che possono promuovere e sostenere un cambiamento
nella condizione di un individuo o un gruppo. l'educatore Non mira allo scioglimento di
chiusure e impedimenti, bensì cerca di identificare e promuovere le azioni concrete

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

per sviluppare un progetto di reinserimento, Sebbene le due prospettive non siano


incompatibili tra loro. L'educatore è l'operatore che, all'interno di un servizio stabile o
di un progetto ad hoc, può entrare in gioco quando si verifica una situazione di crisi
all'interno del sistema di esperienze educative dalle quali sono interessati i soggetti
individuali e collettivi. Le situazioni di crisi, sebbene circoscrivibili attorno a un
soggetto specifico, intaccano Comunque il sistema delle esperienze collettive nel
quale si situano. C'è un rapporto la valenza sociale delle attività educative. Inoltre, i
progetti di cambiamento che un educatore persegue con l'utente sono sempre
indirizzati alla sua integrazione in un contesto sociale, e non si limitano a intervenire
su deficit conoscitivi del singolo. Le competenze che un educatore deve possedere
sono stare articolate. In quanto agente di cambiamento, Egli deve muoversi su tre
fronti: un piano di promozione delle potenzialità di un soggetto, Affinché queste si
traducano in atti cognitivi, affettivi e relazionali; un piano preventivo, per ridurre il
rischio che le potenzialità di un individuo rimangano inespresse; un piano riabilitativo,
per recuperare le potenzialità che un soggetto non riesce più ad attivare. A tal fine, un
educatore deve possedere competenze che interessano sia la dimensione della
comunicazione e delle relazioni interpersonali, sia la dimensione della progettazione
dell'organizzazione degli interventi, in un'ottica sociale e istituzionale. Il processo di
professionalizzazione degli educatori e in uno stadio di avanzamento, mappare
frammentato e differenziato. Attualmente, non esiste un ordine o un Albo
professionale.

AUSILIARISOCIOASSISTENZIALI (ASA) E OPERATORI SOCIOSANITARI (OSS) Gli


ASA e gli OSS rappresentano due occupazioni che si occupano entrambe della cura e
dell'assistenza di una persona che è temporaneamente o permanentemente incapace
di soddisfare delle minime necessità di cure sussistenza. Essi provvedono sia alle più
elementari esigenze personali, sia alle esigenze di cura e decoro degli ambienti di vita.
Il lavoro di taglio operatori è essenziale negli interventi assistenziali, in particolare per
le persone non autosufficienti: gli operatori ASA e OSS non intervengono
esclusivamente nella cura materiale di un individuo, ma costituiscono un riferimento
importante nella dimensione relazionale di una persona in condizione di bisogno. La
differenza che intercorre tra queste due figure di operatori è che l'OSS può
somministrare dei farmaci e collaborare alla realizzazione di prestazioni terapeutiche,
mentre Italia attività sono formalmente precluse agli ASA. Il titolo di un OSS è una
qualifica a livello nazionale, mentre il titolo di un ASA è una qualifica a livello
regionale. Per lavorare come OSS e ASA è necessario seguire dei percorsi formativi, i
cui contenuti vengono stabiliti sempre a livello regionale. Non esistono albi e ordini
professionali, ne sono attive associazioni professionali di riferimento.

ASSISTENTI FAMILIARI Gli assistenti familiari sono quelle figure di caregiver


definite con il termine "badanti". Le attività delle badanti consistono nella cura e
nell'assistenza a domicilio di persone anziane non autosufficienti. Si tratta di
un'occupazione svolta prevalentemente da donne e, più specificamente, da donne
immigrate. La diffusione delle badanti ha, paradossalmente, ridotto la pressione verso
gli enti pubblici che dovrebbero offrire servizi alternativi per l'assistenza domiciliare
degli anziani non autosufficienti. L'attività delle badanti orbita al di fuori dal controllo
degli enti. peraltro, questa situazione costituisce un ostacolo allo sviluppo di un'offerta
di assistenza domiciliare regolarizzata sotto il profilo contrattuale e amministrativo. La

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|3379337

presenza delle badanti è quindi un segnale di crisi per le politiche di welfare ma, al
tempo stesso costituisce una sfida sia a livello istituzionale che organizzativo.

PSICOLOGI La strutturazione professionale dell'attività dello psicologo è assai


articolata, sia sul piano formativo che in chiave istituzionale. l'esercizio della
professione di psicologo è subordinato all'iscrizione allo specifico albo professionale,
non chi è la conoscenza e all'osservanza del codice deontologico. Il costo delle
prestazioni erogate dei liberi professionisti e peraltro regolato da un tariffario definito
dall'ordine stesso, all'interno del quale sono specificate dettagliatamente le diverse
tipologie di intervento. Il lavoro di uno psicologo può quindi collocarsi in diversi
contesti organizzativi. Il mercato del lavoro degli psicologi prefigura diverse opzioni
occupazionali. Nell'ambito dei servizi socio assistenziali, le pratiche che gli psicologi
svolgono sono molteplici: Attività di psicoterapia; diagnosi psicologiche che accedono
al servizio; mansioni del counselling psicologico a singoli, famiglie e gruppi;
coordinamento gestione del lavoro dell'equipe multidisciplinari.

ALTRE BPROFESSIONI E OCCUPAZIONI L'implementazione dei servizi


socioassistenziali richiedi la cooperazione di numerose altre figure professionali.
Questo vale in particolare per i servizi che ricadono nella dimensione sociosanitaria.
Un ruolo decisivo lo svolgono i medici e il personale infermieristico. Un'altra figura
della quale si deve tenere conto è quella del mediatore linguistico-culturale. In molte
organizzazioni pubbliche e private, un ruolo decisivo viene svolto dal personale
amministrativo. Infine, vi sono tutti quei professionisti che si occupano di attività di
ricerca, progettazione e valutazione degli interventi assistenziali.

Scaricato da Fiammetta Graziani (gfiammetta@hotmail.it)