Sei sulla pagina 1di 13

La quantità totale di globuli rossi nel sistema circolatorio è regolata in modo che:

- assicurare un numero sufficiente di globuli rossi per il corretto trasporto di ossigeno dai polmoni ai tessuti;
- il numero di cellule non dovrebbe essere troppo elevato, non deve impedire il flusso sanguigno.

Fattori che riducono l'ossigenazione:

- diminuzione del volume del sangue


- anemia
- diminuzione dell'emoglobina
- diminuzione del flusso sanguigno
- malattie polmonari
- malattie cardiache con shunt

I reticolociti sono globuli rossi giovani e immaturi che contengono RNA. Dopo l'espulsione del nucleo, gli eritrociti rimangono nel
midollo per un massimo di 4 giorni, durante i quali si verifica una diminuzione continua del numero di poliribosomi (contenente
RNA) e la sintesi di Hb.

Questi giovani eritrociti maturano completamente nella circolazione periferica in ca. 1-2 giorni dopo aver lasciato il midollo osseo
durante il quale perdono completamente la capacità di sintesi proteica (rispettivamente RNA contenente poliribosomi) e la sinte
di Hb si interrompe.

Normalmente, in assenza di anemia, nella circolazione è presente un piccolo numero di reticolociti (ogni giorno ~ 1% dei globuli
rossi viene sostituito da giovani globuli rossi rilasciati dal midollo).

La determinazione del numero di reticolociti fornisce informazioni sulla capacità di eritropoiesi del midollo osseo.

I RETICOLOCITI compaiono sullo striscio colorato con colorante Wright-Giemsa sotto


forma di cellule policromatofile (il materiale del nucleo reticolare è di colore blu-
grigio) di volume maggiore di quello degli eritrociti maturi.
Il materiale reticolare è colorato con coloranti come il blu cresil brillante / il blu di
metilene.

SINDROME ANEMICA

Definizione: sindrome polieziologica caratterizzata da una diminuzione della


concentrazione di emoglobina circolante (Hb) al di sotto dei valori minimi normali.

 Adulti (oltre 15 anni):


Donne 12-15 g / 100 ml
Uomini 13-17 g / 100 ml

 Bambini fino a 5 anni 11 g / 100 ml

 Bambini fino a 15 anni 12 g / 100 ml

Sintomi generali:

- Poiché l'emoglobina diminuisce al di sotto dei livelli normali, diminuisce la quantità di ossigeno nel sangue arterioso

- Nelle anemie acute la capacità di trasporto dell'ossigeno diminuisce drasticamente

- Nell'anemia cronica la diminuzione è graduale, lenta, la tachicardia e la tachipnea sembrano compensare.


- Nell'anemia post-emorragica, i sintomi sono determinati dall'ipovolemia (diminuzione volume di sangue circolante)

- Nell'anemia emolitica, la capacità di trasporto dell'ossigeno diminuisce senza modificare il volume circolante

- Astenia, debolezza muscolare

- Dispnea

- Mal di testa, vertigini, tendenza al collasso

- Una sensazione esagerata di freddo

- Pallore tegumentario ± ittero

- Tachicardia, respiro cardiaco

- Disturbi della memoria, ridotta capacità di concentrazione

- Infezioni ripetute

- Disfunzione endocrina, sterilità

METABOLISMO DEL Fe NEL CORPO


SINDROME ANEMICA – CLASSIFICAZIONE

La classificazione eziopatogena della sindrome anemica:

 Anemia causata dalla ridotta produzione di eritrociti

 Anemia causata dalla perdita di massa dei globuli rossi

 Anemia causata da meccanismi combinati

A seconda della dimensione dei globuli rossi e della quantità di Hb / globuli rossi:

1- Anemia da normocromo-normocitaria, in:

 emorragia

 emolisi

 mancanza di eritropoietina (precursore)

 aplasia midollare (di formazione degli eritrociti)

2- Anemia ipocromica-microcitica, in:

 carenze di Fe, vitamina C

 infiammazione cronica

3- Anemia ipercromacrocitaria, megaloblastica, in cui eritrociti moto voluminosi in caso di:

carenze di vitamina B12 o acido folico

ANEMIA FERROPRIVA – per mancanza di Fe

 Lo stato di denutrizione più frequente in qualsiasi regione del globo

 Frequenza tra 6 mesi e 5 anni

 Più spesso riscontrato nelle donne.

 Nelle fasi iniziali della carenza di ferro non ci sono segni di anemia e la concentrazione plasmatica di ferro viene
mantenuta nei limiti normali usando ferro dai depositi. Quando questi sono esauriti, la concentrazione plasmatica di ferr
diminuisce e alla fine influenzerà la sintesi di Hb.

Ferro nel corpo = 4 g, in 3 scomparti:


1. compartimento sanguigno (65%):

 nei globuli rossi, sotto forma di Hb

 nel plasma (legato alla transferrina; = 60-150 µg / dl)


2. compartimento di deposito (30%) - nella milza, nel fegato, nel midollo ematogeno - in 2 forme:

 la ferritina, un composto solubile in acqua, rilascia facilmente Fe 3+

 la emosiderina = composta da ferritina parzialmente degradata; contiene ferro mobilitante pesante.

3. compartimento tissutale (5%)

 nei muscoli, sotto forma di mioglobina (4%)

 nella struttura degli enzimi (citocromi, perossidasi, ecc.) (1%)

l’anemia ferropriva è:

È l'anemia dovuta alla scarsa produzione

La sintesi di Hb è carente

Perdite giornaliere di ca. Fe 1mg - maggiore nelle donne - ciclo mestruale

Nell'intestino tenue il Fe viene assorbito in forma ferrosa, il Fe2 +, presente negli alimenti di origine animale.

Gli alimenti vegetali contengono Fe in forma ferrica, Fe3 +; per convertirlo in forma di Fe2 + assorbibile sono necessarie la norma
acidità gastrica e la presenza di vit C

L'assorbimento di Fe di origine animale è superiore a quello di origine vegetale

Fabbisogno giornaliero di Fe - 10-30 mg, nei bambini e nelle donne in gravidanza minimo 40 mg

Il Fe si trova nel corpo in 2 forme:

- La forma circolante, correlata al trasferimento


- Nel fegato, milza, mucosa intestinale si trovano forme di deposito: emosiderina e ferritina

Dopo l'assorbimento, la Fe viene trasportata nel midollo ematogeno per mezzo della proteina circolante Transferrina.

Cause di carenza di Fe:

 Assunzione insufficiente: alimentazione errata, anoressia nervosa

 Bisogno in aumento: crescita, gravidanza, allattamento, emolisi cronica

 Disturbi dell'assorbimento: ana/ipoacidità gastrica, diarrea prolungata

 Perdita massiccia: ciclo mestruale abbondante / prolungato, piccolo sanguinamento, ripetuto nei tumori dell'intestino.

 Infiammazione cronica: la Lattoferrina prodotta dai granulociti lega il ferro e non sara disponibile per l’eme.

 Carenza di Transferrina: congenitale


                                      causato da malattia renale cronica
                                   causata    malattia epatica cronica

CARATTERISTICHE DELLO STRISCIO


 Microcitoza

 Anisocitosi

 Ipocromia

 Anulocitoza

Le conseguenze della carenza di Fe sono:

- Anemia
- modifica delle unghie - striature longitudinali o diventano concave, sottili e friabili
- cambiamenti nell'immunità del sistema, si modifica in particolare la difesa locale correlata alla protezione delle
mucose: compaiono infiammazioni glossite, esofagite, gastrite, bronchite, vulvovaginite
- predisposizione alle infezioni, in conseguenza della modifica del SI con capacità difesa scarsa
- rinite atrofica
- perdita di capelli
- maggiore sensibilità all'esposizione a Pb – saturnismo

trattamento:

 Trattamento eziologico: rilevazione ed eliminazione della causa della carenza di ferro

 Dieta igienica con cibi ricchi di ferro: carne, fegato, uova, frutta e verdura

 Il trattamento con ferro (terapia marziale) viene eseguito con sali di ferro che possono essere somministrati per via
orale, i.m. o i.v.

 Il trattamento con Fe è prolungato (settimane)

 Quando somministrato per via orale - effetti collaterali gastrointestinali: costipazione, dolore addominale, feci scur

 Vitamine

ANEMIA FERROPRIVA – MODIFICA A LIVELLO DELLA CAVITA’ ORALE

I disturbi della cavità orale nelle anemie da carenza di ferro dipendono dai seguenti meccanismi patogenetici:
a) diminuzione del numero di vasi sanguigni funzionali;
b) diminuzione della perfusione dei tessuti degli organi del cavo orale, ipossia, iponutriazione;
c) iposecrezione delle ghiandole salivari;
d) diminuzione della reattività immunologica e degli organi trofici del cavo orale;
e) la diminuzione dei processi di rigenerazione fisiologica delle cellule e del sistema antiossidante, che porta alla
diminuzione della resistenza a microrganismi, fattori chimici, fisici, ecc.
La mucosa della cavità buccale è caratterizzata da un pallore con una tonalità grigio-verde, è secca

I processi infiammatori e atrofici si sviluppano nel rivestimento del tratto digestivo

- Appare la glossite caratterizzata dalla parastasi gustativa


- Crepe nella bocca: cheilite angolare e linguale, ulcere sulla mucosa del cavo orale
-
- Stomatite
- Intensa pigmentazione rossa sulla lingua, sensazione di prurito
- Dolore e sensazione di bruciore in bocca e gola,
- Sanguinamento gengivale
- Sindrome di Plummer-Vinson con associazione glossite- anemia – disfagia (difficoltà nel deglutire)

Nella patogenesi dell'atrofia delle mucose della cavità orale un ruolo


essenziale svolge la diminuzione dell'attività degli ossidanti emosiderinici
(riduzione del ferro): succinato di idrogenasi, citocromoxidasi, nonché dei
fermioni antiossidanti, che causeranno la diminuzione della rigenerazione
fisiologica delle cellule epiteliali.

L'assottigliamento delle mucose a causa dell'atrofia epiteliale è


accompagnato da una ridotta elasticità, è facilmente alterabile.

Il processo atrofico sulla superficie della lingua ha 4 fasi:

1. colpisce le papille filiformi;

2. atrofia delle papille filiformi e fungiformi sulla punta della lingua;

3. atrofia delle papille filiformi e fungiformi sulla parte anteriore


della lingua;

4. atrofia dell'epitelio dell'intera superficie della lingua, che diventa


liscia, "laccata", in casi gravi con stenosi profonde, afte, con atrofia dei fasci muscolari.

ANEMIA MEGALOBLASTICA

 Determinato dalla mancanza di B12 o acido folico

 Interruzione della sintesi del DNA a livello del midollo ematogeno, con conseguente trasformazione megaloblastica
dell'ematopoiesi, le cellule si dividono meno frequentemente e provocano macrocitosi

 Alcuni di essi sono già distrutti nel midollo spinale ematogeno, quindi sono in circolazione meno ematogeni, con bass
contenuto di Hb

 Anche la produzione di leucociti e piastrine è disturbata

 Una carente sintesi di DNA si manifesta anche nel sistema gastrointestinale ed embrionale, difendendo:

 gastrite

 glossite

 malassorbimento
 ritardo intrauterino del feto

NECESSITA’ DI VIT. B12

Il fabbisogno giornaliero è di 2-4 µg

La sua mancanza determina:

 Anemia megaloblastica

 Cambiamenti gastrointestinali

 Favorisce la produzione di aterosclerosi

 Causa disturbi del sistema nervoso

CAUSE CARENZA DI VIT B12

 Necessità in aumento: gravidanza, ipertiroidismo, malattie mieloproliferative

 Cirrosi epatica

 Mancanza di transcobalamina - proteina coinvolta nel trasporto di B12

 Assunzione insufficiente: mancanza di cibo di origine animale, grave malnutrizione

 Scarso assorbimento:

- Gastrectomia – intervento chirurgico che riduce dimensione stomaco


- atrofia della mucosa gastrica
- ileite terminale - morbo di Crohn,
- parassitosi intestinale - Diphyllobotrium latum – sono parassiti che consumano oltre l'80% di B12 a livello
intestinale.

 Mancanza di fattore intrinseco:

- Congenito
- dopo gastrectomia
- origine autoimmune - anemia perniciosa, anemia di Biermer - il fattore intrinseco diventa Ag, contro di essa si
formano l'Ac di tipo IgG

ANEMIA MEGALOBLASTICA – SINTOMI:

 Manifestazioni digestive:

 glossite Hunter- lingua rossa, infiammata, dolorosa

 gastrite atrofica

 Achlorhydria – mancanza acido gastrico

 Manifestazioni neurologiche:

 parestesia
glossite Hun

PRINCIPI DI TRATTAMENTO:

 Somministrazione intramuscolare di vitamina B12

 A 3-7 giorni appare la crisi dei reticolociti, aumenta la necessità di Fe, che deve essere integrata

 La vitamina C viene somministrata per aumentare l'assorbimento di Fe

 Acido folico – va a normalizzazione dello striscio

 Ricco apporto calorico e proteico

ANEMIA CAUSATA DA CARENZA DI ACIDO FOLICO

 Comportano cambiamenti di laboratorio ed ematologici come nel caso di carenza di B12, ma non sono così gravi

 Non ci sono manifestazioni neurologiche!

 Il fabbisogno di acido folico è 0,5-2 mg / die

 Effetto teratogeno se si verifica in donne in gravidanza - spina bifida

CAUSE CARENZA DI ACIDO FOLICO:

 Assunzione insufficiente - è presente nella carne e legumi

 Alcolismo: insufficiente assunzione e metabolismo dell'acido folico


compromessi

 Disturbi dell'assorbimento - diarrea cronica dopo resezione intestinale

 Bisogno di aumentare fabbisogno oltre il normale:

 gravidanza, in particolare il primo trimestre

 quando la persona fa tante gravidanze

 emolisi cronica

 malattie mieloproliferative

CONSEGUENZE DELLA MANCANZA DI VITAMINA B12 O ACIDO


FOLICO. CARATTERISTICHE DELLO STRISCIO DI SANGUE

- Anemia macrocitica – Hyperchromica


Gli eritrociti sono di grandi dimensioni,
uniformemente colorati, spesso di forma ovale
(macroovalociti)
A volte possono comparire eritrociti con puncta
basofila ed eritroblastica (eritrociti nucleati)
- Poikilocytosis

ANEMIA DA MALATTIE CRONICHE

Malattie infiammatorie croniche:

 sequestro di Fe da parte della lattoferina rilasciata dai granulociti sotto l'influenza di livelli aumentati di IL-1

 attività ridotta del midollo ematogeno; diminuisce la durata della vita dei globuli rossi

 le citochine infiammatorie riducono la produzione di eritropoietina

Malattia renale cronica:

 Carenza di eritropoietina, ferro e proteine

 La tossina urremica provoca la soppressione del midollo osseo ematogeno e l'emolisi

 Diarrea emorragica

Malattia epatica cronica

 I depositi di colesterolo e fosfolipidi nella membrana eritrocitaria producono eritrociti con forma modificate e
subiscono subito l’emolisi (vengono distrutte)

Malattie endocrine:

 Ipotiroidismo
 Morbo di Addison
 Insufficienza ipofisaria
 Insufficienza gonadica

La produzione o l'attività dell'eritropoietina diminuisce

ANEMIA APLASICA

Aplasia = carenza / mancanza di elementi cellulari prodotti dal midollo ematogeno che causa la pancitopenia (= mancanz
delle cellule)

 In questa anemia le cellule sono normo-cromiche – normale forma e colore

 Numero ridotto di reticolociti

EZIOLOGIA:

 50-60% idiopatico (autoimmune?)

 Iatrogeni – causate da farmaci e medicine:

 antibiotici, cloramfenicolo, solfonamide


 citostatico: metotrexato, ciclofosfamide, doxorubicina

 antinfiammatorio: fenilbutazone, indometacina

 analgesici: antinevralgico, fasconale

 antiipertensivo: captopril, metildopa

 sedativi: clorpromazina, litio

Anemia aplastica congenita - una malattia rara

 Radiazione: una dose elevata o piccole dosi ripetute

 Prodotti chimici: benzene, erbicidi

 Infezioni virali: epatite, HIV, Epstein-Barr

 Leucemie, reazioni immunitarie post-trapianto

 droghe in grandi dosi ripetute

SINTOMI

La formazione di eritrociti, così come i leucociti e le piastrine, sono interrotte

Le manifestazioni cliniche di leucopenia e trombocitopenia compaiono anche più velocemente dell'anemia

 pelle pallida

 Astenia

 mal di testa - cefalea

 sanguinamento alla pelle e alle mucose

 infezioni

ANEMIA APLASICA – CAVITA’ ORALE

 Ci sono processi patologici causati dalla diminuzione del numero di globuli rossi ed emoglobina, leucociti e
piastrine.

 La mucosa della cavità orale ha un aspetto ipotrofico, è "priva" di sangue, si verificano vari disturbi
microcircolatori (ischemia).

 I vasi sanguigni nella cavità orale, così come la mucosa, sono facilmente traumatizzati da alimenti secchi, denti o
protesi dentarie, portando alla comparsa di microemorragie.

 Le microemorragie possono anche verificarsi spontaneamente.


Anemia causata da un'eccessiva distruzione / perdita. Anemia postemorragica acuta

 Entro 3-5 giorni dopo emorragia acuta, si verifica l'anemia normocromica-normocitaria

 La sintomatologia clinica è dominata dall'ipovolemia (insufficienza circolatoria periferica acuta, shock ipovolemic
se si perde più del 30% della V circolante

 La produzione di eritropoietina aumenta, il che porta all'aumento di n. reticolociti e anisocitosi su striscio =


disuguaglianza delle dimensioni dei globuli rossi prodotti

 Se l'apporto proteico e i depositi di Fe sono adeguati, a 10 - 14 giorni no. di reticolociti si normalizza, entro 30-35
Hb giorni l'ematocrito e la emoglobina raggiungono valori normali

ANEMIA EMOLITICA

La durata della vita dei globuli rossi è influenzata da:

 struttura della membrana eritrocitaria

 attività enzimatica dell'eritrocita

 struttura dell'emoglobina

Se quelli elencati non sono appropriati, il risultato è l'anemia emolitica corpuscolare, generalmente congenita
Le azioni traumatiche, tossiche e immunologiche su eritrociti o anche per splenomegalia (=ingrossamento milza),
provocano anemia emolitica

L'emolisi degli eritrociti provoca ittero emolitico


Se l'emolisi si verifica per via intravascolare, si verifica emoglobinuria, compromissione della funzionalità renale,
ostruzione capillare, ipossia tissutale
L'emolisi ripetuta provoca:

 carenza di ferro

 alterazione del midollo spinale ematogeno

ANEMIA EMOLITICA CORPUSCOLARE

1. Alterazioni della struttura della membrana eritrocitaria


- Sferocitosi congenitale. Gli eritrociti sono di forma sferica, con conseguente distruzione nella milza
Manifestato clinicamente da:

 anemia emolitica

 ittero epatico

 splenomegalia: la splenectomia allevia i sintomi ma è seguita da infezioni ripetute

- Ovalocitosi ereditaria (elliptocitosi)


Gli eritrociti sono di forma ovale, distrutti dalla milza
Sintomatologia simile alla sferocitosi ma sintomi non sono così acuti
Malattia epatica cronica

2. Deficit enzimatici
Carenza di glucosio - 6 fosfato - deidrogenasi
Malattia relativamente comune, 400 milioni di individui, congenita
Crisa di emolisi indotte da stati ossidativi, ad es. Infezioni in quelli con questo difetto enzimatico
La degradazione dell'emoglobina provoca la formazione di corpuscoli di Heintz - inclusioni multiple rotonde,
grigie, dopo colorazione sopravitale con cristallo di viola metile; rappresentano aggregati di Hb denaturato

corpuscoli di Heintz

3. Emoglobinopatie
Anemia falciforme (drepanocitosi)
Malattia congenita, con formazione di HbS.
Gli eritrociti si deformano perché contengono al posto
dell'emoglobina normale (HbA) un tipo anormale di emoglobina - HbS.
Gli eritrociti hanno una forma di falce e vengono distrutti nella milza
Gli eritrociti bloccano la circolazione a livello capillare, causando danni agli organi interni, manifestati da febbre e
dolore generalizzato

POLIGLOBULIE

Policitemia (= molte cellule) = stati caratterizzati da aumento della massa dei globuli rossi, aumento dell'ematocrito,
emoglobina e il numero dei globuli rossi

Può esser:
 Relativa - disidratazione
 Assoluta (vera) - secondario e primario

POLICITEMIA ASSOLUTA:
- secondaria: in ipossia tissutale generalizzata, cardiopatia congenita, malattia respiratoria ipossica, nefropatia cronica,
tumori
- primaria (policitemia vera o malattia di Vaquez)

POLICITEMIA VERA

 malattia clonale delle cellule pluripotenti con eziologia genetica non completamente chiarita

 si verifica a causa della proliferazione incontrollata di cellule ematopoietiche e stromali nei territori intra ed
extramidollari, indipendentemente dai livelli di eritropoietina

 aumenta la sensibilità ai fattori di crescita coinvolti nel controllo della maturazione cellulare

Striscio in policitemia vera