Sei sulla pagina 1di 5

CONFRONTO CON CARTAGINE

Dopo aver conquistato Taranto per Roma fu necessario pensare al dominio dei
mari. Per fare ciò però si sarebbe dovuta confrontare con un’altra civiltà che
deteneva il controllo dei mari, i Fenici. Essi erano un popolo colone che fondò
Cartagine, una città costruita nell’814 a.C. la quale nel tempo è cresciuta
continuamente, creando anche una fitta rete di insediamenti militari e
numerosi porti. Inoltre i Cartaginesi attaccarono la Sicilia conquistando molte
città Greche tra cui Agrigento e insediandosi in tutto il sud Italia. Il governo di
Cartagine è basato su una aristocrazia mercantile. Il potere politico della città è
affidato al senato e a una assemblea popolare. Il potere governativo è affidato a
due magistrati annuali chiamati “suffeti”, in tempo di guerra però il comando
delle truppe, che spesso erano mercenari, viene affidato ai generali.
LA PRIMA GUERRA PUNICA
La causa principale del conflitto fu il fatto che Roma scelse di aiutare
popolazione dei Marmetini, dopo aver ricevuto una richiesta di aiuto mandò le
sue truppe e conquista Messina nel 264 a.C. così facendo Roma creò una
aperta dichiarazione di guerra a Cartagine.
● -Roma si affretta a costruire una flotta per tener testa ai Cartaginesi, nel
260 a.C. a Milazzo la nuova flotta Romana riesce ad ottenere una grande
vittoria.
● Spinta dall’entusiasmo nel 256 a.C. Roma tenta di penetrare il cuore di
Cartagine, le truppe romane sbarcano sulle coste dell’Africa ma dopo
qualche iniziale vittoria l’esercito e la flotta Romana vengono
completamente rasi al suolo dai Cartaginesi nella battaglia combattuta nel
255 a.C. nei pressi di Tunisi.
● Il fronte della guerra si riapre in Sicilia, grazie al denaro cittadino raccolto,
Roma riesce a ricostruire una nuova flotta e nel 241 a.C. I Romani
sconfiggono i Cartaginesi nelle Isole Egadi. Ormai i Cartaginesi non possono
far altro che chiedere una pace che afferma la fine della guerra e
la Sicilia viene dominata interamente da Roma.
LA SECONDA GUERRA PUNICA
Anni dopo il primo conflitto la città di Cartagine comincia a risorgere, guidata
dal re Annibale il quale è deciso a combattere Roma e liberare i popoli
sottomessi ad essa.
● Nel 219 a.C. Annibale decide di attaccare una città alleata di Roma,
Sagunto, dando così inizio alla seconda guerra punica.
● Il primo scontro avviene nel 218 a.C. sulle rive del Ticino, dove l’esercito
Romano viene sconfitto e subisce gravi perdite, i Cartaginesi hanno il
totale controllo dell’Italia settentrionale.
● A Roma viene allestito un nuovo grande esercito, esso, sotto il comando
di dei due nuovi consoli viene inviato contro l’esercito di Annibale.
● Nell’estate del 216 a.C. presso Canne I Romani subiscono una terribile
sconfitta da parte dei Cartaginesi.
● In aiuto a Roma giungono i popoli appartenenti alla Lega Italica. e grazie
all’aiuto ricevuto nel 212 a.C. Roma assedia Siracusa e Capua.
● La battaglia conclusiva si tiene nel 202 a.C. a Zama, in Africa, dove
l’esercito romano sotto il comando dell’ex console Cornelio Scipione
riesce a sopraffare le ormai stanche truppe Cartaginesi.
Cartagine viene ancora obbligata a firmare un trattato di pace e questa volta
deve pagare un’altissima indennità di guerra.
LE GUERRE MACEDONICHE
● Dopo aver combattuto l’esercito Cartaginese Roma si deve scontrare
anche contro quello Macedone sotto il dominio del re Filippo V.
● Il conflitto si protrae fino a creare due “Guerre macedone”, lo scontro
decisivo si tiene nel 197 a.C. a Cinoscefale dove la vittoria Romana è
decisiva.
● Un altro nemico di Roma è il re Antioco III, il quale giunge in aiuto alle
città Greche.
● Dopo una sconfitta nel 191 a.C. alle Termopili e un’altra nel 189 a.C a
Magnesia Antioco si arrende e decide di firmare un trattato di pace, in
questo trattato di pace il re è obbligato a restituire ai Romani il re
Cartaginese Annibale (il quale si era rifugiato nella sua corte),
quest’ultimo però pur di non cadere nelle mani dei Romani si toglie la
vita nel 183 a.C.
● Nel frattempo Perseo diventa il nuovo re della Macedonia nel 179 a.C., I
Romani non perdono l’occasione e gli dichiarano subito guerra creando
la “Terza guerra macedone”.
● Lo scontro decisivo si tiene a Pidna nel 146 a.C. e vede la vittoria delle
truppe Romane, La Macedonia viene dichiarata provincia Romana e
viene distrutta la città di Corinto.
TERZA GUERRA PUNICA
● Nel 195 a.C. la ritrovata prosperità di Cartagine comincia a intimorire i
Romani, i quali decidono di provocare i Cartaginesi affinché dichiarino
guerra.
● Roma riesce nel suo intento, infatti Cartagine decide di dichiarare guerra
ai Romani ed essi accettano la richiesta del conflitto nel 149 a.C.
● Anche se Cartagine si arrende quasi immediatamente alle armate
romane, esse non si fermano e nel 146 a.C., dopo tre anni di duri scontri
i Romani assediano ed espugnano Cartagine.
● Cartagine viene rasa al suolo dai Romani e viene proclamata provincia
romana.
● Questo atto così violento pone fine alla guerra a fa diventare Roma la
dominatrice dell’intero Mediterraneo.

Potrebbero piacerti anche