Sei sulla pagina 1di 100

WebClock-2

FingerClock
SmartClock

Guida all’uso e programmazione

Technodrive SRL Arluno Milano 1


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
INTRODUZIONE............................................................................................................. 8
INTRODUZIONE............................................................................................................. 8
Net536............................................................................................................................. 8
La gamma........................................................................................................................ 8
COMUNICAZIONE CON I TERMINALI.................................................................... 9
Protocollo di comunicazione........................................................................................... 9
Protocollo TVTD ............................................................................................................ 9
FTP................................................................................................................................ 11
Gestione dei files....................................................................................................... 12
Trasmissione di file................................................................................................... 12
Ricezione di files....................................................................................................... 12
Cancellazione di un file ............................................................................................ 12
WLTCom.dll................................................................................................................. 13
File di inizializzazione wltcom.ini................................................................................ 13
FLTCom.exe ................................................................................................................. 15
ELENCO DEI PRINCIPALI COMANDI.................................................................... 17
SINCRONIZZAZIONE DELL’OROLOGIO DI SISTEMA ..................................... 18
ELENCO DEI FILES UTILIZZATI ............................................................................ 19
CONFIGURAZIONE PARAMETRICA...................................................................... 20
Elenco dei parametri di configurazione ........................................................................ 21
MEMORIZZAZIONE E SCARICO DEI TRANSITI ................................................ 27
Lettura dei transiti da una data stabilita ........................................................................ 27
Lettura dei transiti compresi tra due date stabilite ........................................................ 27
Trasmissione di un transito virtuale.............................................................................. 27
Tracciato di un transito ................................................................................................. 27
file ltcom.tra.................................................................................................................. 29
MESSAGGI PERSONALI............................................................................................. 30
GESTIONE DELLE FUNZIONI RICHIAMABILI DA ICONA .............................. 31
Selezione causale .......................................................................................................... 33
Causali numeriche......................................................................................................... 34
Test numero di badge.................................................................................................... 35
Avvisi personali ............................................................................................................ 36
Visualizzazione del cartellino ...................................................................................... 37
GESTIONE DELLE SUONERIE ................................................................................. 38
Technodrive SRL Arluno Milano 2
www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
GIORNI FESTIVI .......................................................................................................... 38
CONTROLLO ACCESSI .............................................................................................. 39
Il file ltcom.bdg............................................................................................................. 40
Il file ltcom.mdl ............................................................................................................ 42
Il file ltcom.tba.............................................................................................................. 42
Il file ltcom.rea.............................................................................................................. 43
Inserimento e modifica di un badge.............................................................................. 46
Verifica dello stato dei terminali remoti connessi al concentratore.............................. 46
Contatore a scalare........................................................................................................ 47
FUNZIONE DI “BRIDGE” ........................................................................................... 49
BLACK LIST .................................................................................................................. 50
GESTIONE DEL SENSO DI TRANSITO ................................................................... 51
Selezione automatica da file ..................................................................................... 52
Selezione manuale del senso di transito.................................................................... 53
Blocco della selezione da tastiera ............................................................................. 53
GESTIONE DEI TERMINALI BIOMETRICI........................................................... 54
Memorizzazione su badge Mifare®.............................................................................. 54
Memorizzazione sul disco flash del terminale.............................................................. 54
Identificazione senza lettore Mifare®........................................................................... 55
Menu biometrico........................................................................................................... 55
Menu biometrico Mifare® ............................................................................................ 55
Nuovo utente............................................................................................................. 55
Aggiungi impronta .................................................................................................... 56
Verifica utente........................................................................................................... 56
Formatt. Mifare ......................................................................................................... 56
Impronte utente ......................................................................................................... 56
Livello FAR .............................................................................................................. 56
Menu biometrico con memorizzazione nel disco flash................................................. 56
Nuovo utente............................................................................................................. 56
Aggiungi impronta .................................................................................................... 56
Identifica utente ........................................................................................................ 56
Verifica utente........................................................................................................... 57
Elimina utente ........................................................................................................... 57
Formattazione DB..................................................................................................... 57
Impronte utente ......................................................................................................... 57
Sincronizza DB ......................................................................................................... 57
Livello FAR .............................................................................................................. 57
Syncro Remote Sl ..................................................................................................... 57
Codici errore ................................................................................................................. 57
Technodrive SRL Arluno Milano 3
www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
GESTIONE COMMESSE E PRODUZIONE COME TERMINALE ...................... 59
Comando 70 Gestione display................................................................................ 59
Comando 72 richiesta dati ...................................................................................... 59
Comando 73 esito dati ........................................................................................... 60
Comando 74 MessageBox...................................................................................... 60
Comando 75 Gestione rele ..................................................................................... 60
Comando 77 Modifica VP corrente........................................................................ 61
Comando 78 Scrive una stringa nella finestra corrente.......................................... 61
Comando 79 Scritta su display nella finestra attiva ............................................... 61
Comando 7A Gestione contatori ............................................................................. 61
GESTIONE ONLINE DEI TERMINALI .................................................................... 62
introduzione .............................................................................................................. 62
GESTIONE DEI MENU A TENDINA ......................................................................... 64
PRENOTAZIONE DELLA MENSA............................................................................ 65
Transiti di prenotazione mensa ..................................................................................... 65
CONSUMO DELLA MENSA ....................................................................................... 66
Transiti di consumo mensa ........................................................................................... 66
CONTROLLO DEI TRANSITI DI MENSA ............................................................... 66
Numero di transiti di mensa giornalieri ........................................................................ 66
Tempo minimo tra due transiti di mensa ...................................................................... 66
GESTIONE DELLA STAMPANTE............................................................................. 67
Abilitazione della stampante......................................................................................... 67
SERVIZIO FTP CLIENT .............................................................................................. 68
File di configurazione ftpccfg.dat ................................................................................. 68
File generati .................................................................................................................. 69
Aggiornamento del DataBase ....................................................................................... 69
GESTIONE MODEM GPRS......................................................................................... 70
File di configurazione gprscfg.dat ................................................................................ 70
File generati .................................................................................................................. 71
GESTIONE DEGLI INGRESSI DIGITALI................................................................ 72
Visualizzazioni transiti.................................................................................................. 73
Stampa mensile ............................................................................................................. 73
Ristampa ticket.............................................................................................................. 73
GESTIONE BADGE MIFARE® ISO14443A ............................................................. 74
Technodrive SRL Arluno Milano 4
www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Configurazione.............................................................................................................. 75
RIPRISTINO DI EMERGENZA .................................................................................. 76
Ripristino configurazione di fabbrica ........................................................................... 76
OPERAZIONI PRIVILEGIATE .................................................................................. 77
Password distributore.................................................................................................... 77
Chiave distributore........................................................................................................ 77
Verifica password ......................................................................................................... 77
Logo alfanumerico (scritta fissa sul display) ................................................................ 78
Rilettura della chiave e del MacAddress ...................................................................... 78
Protezione dei terminali ................................................................................................ 78
CONTROLLO DELLO STATO DELLA PORTA ..................................................... 79
PERSONALIZZAZIONE GRAFICA DISPLAY WEBCLOCK-DUE ..................... 80
Variazione background (sfondo del display) ................................................................ 80
Icone per richiamo alle funzioni speciali ..................................................................... 80
Posizione e colore di data e ora..................................................................................... 80
PROGRAMMAZIONE CON BASIC........................................................................... 81
Debugger................................................................................................................... 81
Gestione dei files....................................................................................................... 82
Comandi e funzioni dedicate .................................................................................... 83
Comandi TD1356...................................................................................................... 85
AGGIORNAMENTO DEL FIRMWARE.................................................................... 89
Programma di StartUp .................................................................................................. 89
TESTINE SERIE MBR11............................................................................................. 91
Configurazione.......................................................................................................... 91
Verifica del solo codice impianto ............................................................................. 92
Verifica del solo codice impianto + gestione di white-list ....................................... 92
Funzionamento OnLine con concentratore............................................................... 93
Trasmissione diretta del badge.................................................................................. 93
Aggiornamento del firmware.................................................................................... 93
Dip-switch................................................................................................................. 94
Decodifica delle tessere ................................................................................................ 95
SCHEDA 8 INGRESSI 8 USCITE TDMD8I8U ......................................................... 97

Technodrive SRL Arluno Milano 5


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Tabella 1 Protocollo di comunicazione TVTD............................................................... 9
Tabella 2 Comandi per la gestione dei files.................................................................. 12
Tabella 3 Comandi elementari ...................................................................................... 17
Tabella 4 Files utilizzati................................................................................................ 19
Tabella 5 Parametri di configurazione.......................................................................... 24
Tabella 6 Tracciato record di un transito ...................................................................... 28
Tabella 7 Senso ............................................................................................................. 28
Tabella 8 Tipo di transito.............................................................................................. 28
Tabella 9 Giorno settimana........................................................................................... 28
Tabella 10 Gestione dei messaggi............................................................................... 30
Tabella 11 Elenco funzioni secondarie ....................................................................... 31
Tabella 12 Gestione delle causali ............................................................................... 33
Tabella 13 Gestione avvisi personali .......................................................................... 36
Tabella 14 Gestione cartellino .................................................................................... 37
Tabella 15 Gestione controllo accessi......................................................................... 39
Tabella 16 Politiche di accesso con ltcom.tba ........................................................... 43
Tabella 17 Propieta’ terminali slaves.......................................................................... 45
Tabella 18 errori del concentratore ............................................................................. 48
Tabella 19 errori file ltcom.bdg .................................................................................. 48
Tabella 20 errori file ltcom.rea ................................................................................... 48
Tabella 21 errori file ltcom.tba ................................................................................... 48
Tabella 22 Determinazione del senso di transito ........................................................ 52
Tabella 24 gestione biometria..................................................................................... 55
Tabella 25 comando 70 per getione display ............................................................... 59
Tabella 26 campi del comando 72 .............................................................................. 59
Tabella 27 codifica di mode........................................................................................ 60
Tabella 28 Modalita’ OnLine...................................................................................... 62
Tabella 29 Comando 50 di polling.............................................................................. 63
Tabella 30 Gestione della stampante .......................................................................... 67
Tabella 31 paremetro 57 di ltcom.cfg ......................................................................... 68
Tabella 32 paremetro 57 di ltcom.cfg ......................................................................... 70
Tabella 33 Gestione degli ingressi.............................................................................. 72
Tabella 34 funzione parametro 77 .............................................................................. 74
Tabella 35 Comandi programmazione badge ............................................................. 74
Tabella 36 Selezione indirizzo RC3200 ..................................................................... 75
Tabella 37 Selezione velocita’ RC3200...................................................................... 75
Tabella 38 Gestione stato della porta.......................................................................... 79
Tabella 39 Funzione Basic.......................................................................................... 81
Tabella 40 Comandi da consolle basic........................................................................ 81
Tabella 41 File basic dedicati ..................................................................................... 82
Technodrive SRL Arluno Milano 6
www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Tabella 42 Comandi disponibili per 1356................................................................... 85
Tabella 43 Comandi basic standard ............................................................................ 88
Tabella 44 Parametri comunicazione di defaul.......................................................... 90
Tabella 45 Combinazione di tasti per attivare lo startup all’accensione .................... 90
Tabella 46 DipSwitch lettore MBR11 ........................................................................ 94
Tabella 47 Lettore MBR11 Selezione Velocita’......................................................... 94
Tabella 48 Lettore MBR11 Selezione ID ................................................................... 94
Tabella 49 codifica delle tessere di prossimita’ e relativi esempi .............................. 96
Tabella 50 esempio di settaggio per codice tessera a 6 cifre ...................................... 96
Tabella 51 connettore ingressi .................................................................................... 98
Tabella 52 connettore uscite ....................................................................................... 98
Tabella 53 RS485/alimentazione ................................................................................ 99
Tabella 54 abilitazione startup .................................................................................... 99
Tabella 55 velocita’ seriale RS485 ............................................................................. 99
Tabella 56 selezione numero terminale ...................................................................... 99
Tabella 57 indicatori leds............................................................................................ 99
Tabella 58 comandi supportati dalla scheda .............................................................. 99

Technodrive SRL Arluno Milano 7


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Introduzione
Questa serie di terminali deriva dall’esperienza progettuale e produttiva di migliaia
d’unita’ vendute. Tutti i principali componenti (Cpu, Ram, SDRam, Flash, Rtc,
interfaccia ethernet) fanno parte del modulo Net536 progettato e prodotto dalla
Technodrive srl . Tutti i terminali utilizzano il modulo Net536. Tutti di conseguenza
conservano le stesse caratteristiche tecniche e si differenziano solo per il display, la
tastiera ed il contenitore.

Net536
Ecco il cuore di tutti i terminali. Un potente
sistema di elaborazione a 32 bit assemblato su
circuito stampato a sei strati che garantisce
un alto grado di immunita’ ai disturbi, basse
emissioni, affidabilita’ e dimensioni
contenute.

Figura 1 Modulo Net 536

La gamma

• SmartClock è realizzato interamente in alluminio satinato . Ha un display LCD


alfanumerico con 32 caratteri su due righe. La tastiera ha 16 tasti e sono
disponibili tre porte seriali e due rele.

• FingerClock ha un display grafico 128 per 64 punti e otto righe da 21 caratteri.


La tastiera ha 20 tasti e sono disponibili tre porte seriali e due rele. In opzione il
modem interno analogico o GSM.

• SilverClock è realizzato interamente in alluminio satinato. Ha un display grafico


240 per 64 punti e 8 righe da 40 caratteri. La tastiera ha 21 tasti e sono disponibili
tre porte seriali e due rele. In opzione ha il modem interno analogico o GSM.

Tutti con interfaccia ethernet 10-100 e servizi UDP, TCP/IP e FTP e DHCP.

Technodrive SRL Arluno Milano 8


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Comunicazione con i terminali
I terminali sono interfacciabili via rete Ethernet e porta seriale (RS232 o RS485). Inoltre
molte operazioni di verifica o modifica possono essere eseguite tramite tastiera.
Tutte le comunicazioni sono basate sul trasferimento di files di testo e righe di comando.
Diverse soluzione permettono di interfacciarsi in breve tempo. Eccone una sintesi :

1. Tramite protocollo standard FTP e’ possibile dialogare con i terminali con


qualsiasi sistema operativo. FTP garantisce la trasmissione e ricezione dei files . I
comandi vengono trasmessi e ricevuti tramite due files dedicati.
2. Utilizzando WLTCom.dll e’ possibile dialogare con i terminali via linea seriale o
rete ethernet con protocollo TCP/IP. Viene fornita compilata ed in formato
sorgente per VC6++ . La parte di comunicazione, scritta in ANSI C e’
ricompilabile anche per altri sistemi operativi. Esistono poi due utility (LTCom
e FLTCom) che ne permettono l’uso rispettivamente come finestra di dialogo o
riga di comando. LTCom è utile in fase di test e valutazione mentre FLTCom
serve per la creazione di file di batch e scripts.
3. Scrivendo un programma di comunicazione seguendo il capitolo seguente e
riferendosi anche ai files sorgenti di WLTCom.

Protocollo di comunicazione
Quanto sotto riportato e’ importante solo per coloro che intendono scrivere un
programma di comunicazione .
Sono utilizzati due distinti protocolli di comunicazione da e verso i terminali. Il
protocollo FTP ed il protocollo TVTD. Il primo e’ un protocollo standard mentre il
secondo e’ di nostra progettazione. WLTCom.dll utilizza esclusivamente il protocollo
TVTD.

Protocollo TVTD
Era nato circa dieci anni fa per essere usato su linee seriali RS232 e RS485. TVTD
permette il trasferimento di stringhe con solo caratteri ASCI. I messaggi hanno la
struttura riportata nella seguente tabella:

STX carattere esadecimale 0x02 (0x01 per i messaggi dal terminale)


ID numero terminale 0-32 a 8 bit con bit 7 sempre a 1 (Term Id 1 =0x81)
OPT due caratteri asci che indicano il tipo di comando
DATA stringa ASCI (opzionale) da inviare al terminale
CS checksum a 8 bit :somma a 8 bit dei caratteri precedenti CS con bit7=1
CR carattere esadecimale 0x0d
Tabella 1 Protocollo di comunicazione TVTD

Technodrive SRL Arluno Milano 9


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Di seguito riportiamo alcuni esempi di comunicazione in RS232, RS485, TCP/IP e UDP.
In questi esempi si considera il terminale numero 1 (con Id=1)

Nel primo caso inviamo il comando 91,CLEAR (formattazione del disco dei transiti).
Questo comando utilizza la password “CLEAR” nel campo data in trasmissione e non
riporta dati in ricezione.

91CLEAR
stringa da inviare. Si noti che la virgola non e’ presente in quanto serve solo alla DLL
come carattere separatore.

02 81 39 31 43 4c 45 41 52 d4 0d
Caratteri (in esadecimale) inviati al terminali completi di header

T01Rx0000
Risposta asci dal terminali. T01 indica terminale numero 1 e Rx0000 indica codice
errore zero.

01 81 54 30 31 52 78 30 30 30 30 c1 0d
Risposta (in esadecimale) dal terminale completa di header

Nel secondo caso inviamo il comando 03 (richiesta versione e data e ora). Questo
comando non utilizza il campo data in trasmissione ma richiede dati in ricezione

03 stringa trasmessa in asci

02 81 30 33 e6 0d stringa (in esadecimale) trasmessa con header

WB01 2.07 08-08-03 18:59:28 stringa ricevuta

01 81 57 42 30 31 20 32 2e 30 37 20 30 38 2d 30 38 2d 30 33 20 31 38 3a 35 39 3a 32
38 e5 0d stringa(in esadecimale) ricevuta con header

Si noti che quando in ricezione sono richiesti dati il pacchetto “T01Rx0000” viene
omesso.

Technodrive SRL Arluno Milano 10


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
FTP
I terminali dispongono di servizio FTP che permette la comunicazione da qualsiasi
piattaforma, senza l’uso di tools dedicati. Per collegarsi occorrono username e password.
Quando il terminale e’ nuovo oppure sono stati caricati i parametri di default

Username = FC03 (FingerClock) SC03 (SmartClock) SI03 (SilverClock);


La password e’ 12345 come quella di configurazione.

Username e Password sono modificabili alterando i parametri #0078 e #0079 della


configurazione (ltcom.cfg). La lunghezza massima e’ 15 caratteri alfanumerici.

Nota:
se non si conosce la password l’unico modo di collegarsi con il terminale e’ tramite
WLTCom.dll (via seriale o TCP/IP o UDP),leggendo ltcom.cfg (RFILE,ltcom.cfg).

Per inviare comandi al terminale deve essre creato un file ltcom.com .


Ogni riga del file deve contenere un comando.
La virgola separatrice tra OPT e campo dati deve essere omessa.
Il file ltcom.com contenente il comando 91,CLEAR sara’ :
91CLEAR

Tutti i responsi dalla DLL saranno scritti nel file ltcom.log .

Technodrive SRL Arluno Milano 11


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Gestione dei files
La gestione dei files (trasmissione, ricezione e cancellazione ) e’ supportata dalla DLL
wltcom.dll e dal protocollo FTP. Seguono alcune indicazioni per la gestione di files
utilizzando il protocollo TVDT sopra descritto. Tutti i files sono in formato di testo.

Trasmissione di file
Per trasmettere un file al terminale trasmettere un record per volta con il comando
F0filename XXXX string
Dove filename =nome del file XXXX= numero record in esadecimale string = data
Al termine utilizzare lo stesso comando con numero record = 0xFFFF senza string per
chiudere il file nel terminale. Ad esempio per trasmettere il file delle causali con tre
causali :
F0ltcom.cau 0000 causale numero uno
F0ltcom.cau 0001 causale numero due
F0ltcom.cau 0002 causale numero tre
F0ltcom.cau FFFF

Ricezione di files
Per ricevere un file dal terminale sono implementati due comandi.
F3filename ritorna il numero dei record del file in decimale
F1filename XXXX ritorna il record XXXX del file.
Se XXXX eccede il numero di record del file in memoria viene ritornato errore 0001 dal
terminale.
Per leggere un file conviene prima utilizzare il comando F3 per conoscerne la dimensione
ed eventualmente calcolare il tempo di trasferimento; poi utilizzare piu’ volte (in loop) il
comando F1 partendo da XXXX=0000 poi XXXX=0001 ecc. fino a quando il terminale
ritorna 1.

Cancellazione di un file
Per cancellare un file nel terminale utilizzare
F2filename

F0filename XXXX string Scrive string nel record XXXX del file filename
F1filename XXXX Legge il record XXXX dal file filename
F2filename Cancella il file filename
F3filename Ritorna il numero di record del file filename
Tabella 2 Comandi per la gestione dei files
Nota:
XXXX e’ un valore esadecimale a 16 bit e parte da zero
Technodrive SRL Arluno Milano 12
www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
WLTCom.dll
WLTCom.dll , fornita gratuitamente anche in formato sorgente , permette di interfacciarsi
sia in modo comando che sotto forma di scambio di files di testo. Un unica funzione e’
resa disponibile da WLTCom.dll :

Per uso con VisualBasic int APIENTRY LTCom(char *s1,char *s2)


Per uso con VisualC int Ltcom(char *s1,char *s2)

Il programma che utilizza WLTCom.dll deve allocare due stringhe alfanumeriche di


almeno 512 byte e passare alla dll i relativi indirizzi (*s1, *s2).

La stringa s1 deve contenere il comando diretto al terminale


La stringa s2 conterra’ la risposta proveniente dal terminale
Un codice di errore sara’ ritornato come intero.

I comandi vengono passati alla dll nelle forma generica OPT,data.


Per trasmettere, ricevere e cancellare files usare la forma TFILE,nomefile,
RFILE,nomefile e DFILE,nomefile rispettivamente.

Importante: La dll considera sempre OPT e dati separati da una virgola (es.91,CLEAR).
In realta’ nel pacchetto inviato al terminale la virgola viene omessa rispettando il
protocollo TVTD. Quando i comandi vengono trasmessi direttamente (ad esempio via
FTP) la virgola deve essere omessa.

File di inizializzazione wltcom.ini


Alcuni parametri di WLTCom.dll possono essere personalizzati. Per fare cio’ occorre
creare un file di testo ,wltcom.ini, nella directory corrente o nella directory dove
Windows cerca i files di inizializzazione (tipicamente c:\windows). Segue un esempio di
wltcom.ini.
[td]
SERIAL_TIMEOUT=60
ETHERNET_TIMEOUT=60
RX_CONNECTION_TIMEOUT=5
CAUS_LIKE_SOFTER=1
WRITE_ID_NUMBER=0
TRN_APPEND_MODE=0
DISABLE_MESSAGE_BOX=0
DISABLE_WINDOW=0
MODEM_CONNECT_TIMEOUT=60

I tempi sono in secondi ed i valori sopra indicati sono di default , quando wltcom.ini non
e’ presente.

Technodrive SRL Arluno Milano 13


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
LTCom.exe
LTCom.exe e` una applicazione a finestra di dialogo che permette di utilizzare
WLTCom.dll in modo semplice ed immediato.
L’uso di ltcom e’ il modo piu’ semplice per comunicare con i terminali senza dover
scrivere righe di codice o files di batch.
Dopo aver settato i parametri di comunicazione ed il path di individuazione dei files,
inserire nel campo InputData il comando e poi premere TxData. La stringa restituita dal
terminale sara’ disponibile nel campo ReadData e l’intero ritornato nel campo Return.
Un valore diverso da zero nel campo Return indica un errore. Se il valore dell’errore
ritornato e’ maggiore di 90 significa un errore di comunicazione mentre se inferiore e’
un errore ritornato dal terminale. Quando si voglia inviare un comando al terminale ,
inserire nel campo TxData una stringa del tipo OPT,data dove OPT e’ il tipo di
comando mentre data sono i dati relativi a quel comando. Si noto la sezione File
menagement che permette un comodo trasferimento dei files.
Il pulsante Browse serve per ricercare la directory di lavoro mentre Save per salvare le
impostazioni effettuate. E’ possibile salvare in un file (ltcom.cmd) i comandi
maggiormente utilizzati per poi richiamarli velocemente dal menu Command menu.

Figura 2

Technodrive SRL Arluno Milano 14


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
FLTCom.exe
FLTcom.exe permette di comunicare con i terminali in modo riga di comando.
FLTCom deve sempre essere utilizzato nella forma <FLTCom filename> dove filename
e’ un file di testo contenente i comandi per il terminale ed il sistema operativo.
Tutti i comandi per il terminale devono essere preceduti dal simbolo ‘#’.
FLTCom ritorna al sistema operativo uno in caso di successo o zero in caso di errore;
questa particolarita’ permette l’uso del comando errorlevel nei files di batch.
FLTCom esegue sequenzialmente i comandi presenti nel file ed in caso di errore la
sequenza viene interrotta.
E’ possibile inserire una pausa programmabile utilizzando il comando sleep seguito dal
tempo di pausa in secondi.

Esempio di un file (fltcom.txt) che sincronizza l’orologio del terminale e legge il file dei
transiti non ancora scaricati, copiandolo poi nel file transit.dat , utilizzando una porta
seriale.
#opencom,COM1:57600 1 c:\ltcom
#txtime
#rfile,ltcom.trn
copy ltcom.trn transit.dat
#comclose

Esempio di un file (fltcom.txt) che sincronizza l’orologio del terminale e legge il file dei
transiti non ancora scaricati, copiandolo poi nel file transit.dat , utilizzando un indirizzo
IP.
#Opencom,TCP:192.168.000.001._192.168.000.002._4660_4661 01 c:\wltcom
#txtime
#rfile,ltcom.trn
copy ltcom.trn transit.dat
#comclose

oppure utilizzando il nuovo formato disponibile dalla versione 3.17 :

#Opencom,TCP:192.168.000.001 4660 01 c:\wltcom


#txtime
#rfile,ltcom.trn
copy ltcom.trn transit.dat
#comclose

Technodrive SRL Arluno Milano 15


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Esempio di un file (fltcom.txt) che sincronizza l’orologio del terminale e legge il file dei
transiti non ancora scaricati, copiandolo poi nel file transit.dat ,utilizzando un modem
seriale.
#opencom,COM1:57600 1 c:\ltcom
#initmodem,numero telefono
#txtime
#rfile,ltcom.trn
copy ltcom.trn transit.dat
#stopmodem
#comclose

uso:
fltcom fltcom.txt

Nell’ultimo esempio che utilizza un modem il file ltcom.tlf deve essere creato e deve
contenere la stringa di inizializzazione del modem.
Ecco un esempio di file ltcom.tlf
AT&FX3&D0&K0DT

Importante :
mentre LTCom imposta in maniera automatica i parametri di comunicazione, utilizzando
FLTcom occorre inizializzare questi ultimi. Per fare cio’ usare il comando opencom ed il
comando comclose al termine della procedura.

OpenCom,COM1:57600 1 c:\ltcom
apre com1 a 57600 per terminale 1 path c:\ltcom

opencom,TCP:xxx.xxx.xxx.xxx RRRR id path

apre la comunicazione in TCP/IP


xxx.xxx.xxx.xxx. =IP terminale
RRRR =porta

Esempi di apertura in TCP/IP


Opencom,TCP:192.168.000.001 4660 01 c:\path

Technodrive SRL Arluno Milano 16


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Elenco dei principali comandi
OPT DATA Descrizione
01 yymmddhhmmss Trasmette data e ora al terminale anno mese giorno ore minuti
secondi
03 Nessuno Richiede versione del firmware ,modello , data e ora al
terminale e versione del modulo biometrico
43 Vedi cntr.accessi Inserisce o modifica un record di ltcom.bdg
44 Vedi messaggi Inserisce o modifica un record di ltcom.msg
75 NumRele Time Impulso sul rele NumRele per tempo Time in decimi di secondi
90 Tipo (0,1 o 3) Manda in StartUp root (1) normale (3) esce da StartUp (0)
91 “CLEAR” Formatta il disco dei transiti
93 “Format” Formatta tutto il disco RAM
94 nnnn value Setta il parametro di configurazione nnnn al valore value
95 nnnn Legge il parametro nnnn dalla configurazione
97 “STORE” Salva la configurazione nella memoria flash
98 “HOLD time” Modalita’ “terminale non disponibile” per tempo time in sec.
98 “RESTART” Esce da “terminale non disponibile”
98 Riavvia il terminale
F4 dd/mm/yy Permette la lettura dei transiti da una data stabilita
F5 Transito Aggiunge transito al file ltcom.trn
FB “SpassWd”,pass Verifica la password Super user
FC “SpassWd”,pass Riceve la password Suser (operazione possibile solo una volta)
FF Speed string Solo via rete-trasmette la stringa string al modem interno
Tabella 3 Comandi elementari

Technodrive SRL Arluno Milano 17


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Sincronizzazione dell’orologio di sistema
Il comando 01 yymmddhhmmss sincronizza l’orologio di sistema. Il giorno della
settimana viene calcolato automaticamente. Esempio 01030916123000 sincronizza
l’orologio alle 12:30:00 del 16 settembre 2003.

Utilizzando WLTCom.dll il comando TXTIME sincronizza il terminale con l’ora del


PC.

Technodrive SRL Arluno Milano 18


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Elenco dei files utilizzati

Nome file Read Write Delete descrizione


ltcom.cfg Si Si No Parametri di configurazione
ltcom.mem Si Si No Dimensionamento memoria
ltcom.com No Si No File comando per FTP
Ltcom.log Si No Si File risposte FTP
ltcom.bel Si Si Si Programmazione settimanale suonerie
ltcom.trn Si No Si Transiti presenze e accessi
Jtcom.tra Si No Si Come ltcom.trn ma scarica dal + vecchio
ltcom.cau Si Si Si Testi per i l menu a tendina delle causali
ltcom.adv Si Si Si Informazioni personali ai dipendenti
ltcom.msg Si Si Si Messaggi personali ai dipendenti
Ltcom.bdg Si Si Si Abilitazione badge
ltcom.tba Si Si Si Fasce orarie
ltcom.mdl Si Si Si Modelli settimanali
ltcom.hdy Si Si Si Giorni festivi annuali
ltcom.blk Si Si Si Badge in BlackList
ltcom.for Si Si Si Fasce orarie per senso di transit0
ltcom.mtn Si Si Si Testi per menu mensa e produzione
Tabella 4 Files utilizzati

Technodrive SRL Arluno Milano 19


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Configurazione parametrica
Il file ltcom.cfg contiene tutti i principali parametri di configurazione. Il file e’
modificabile anche da tastiera (senza l’uso di un PC). Per modificare uno o piu’
parametri:
1. leggere il file di configurazione esistente con il comando RFILE,ltcom.cfg
2. modificare i parametri desiderati
3. trasmettere il file modificato con il comando TFILE,ltcom.cfg
Se si usa il protocollo FTP leggere e trasmettere ltcom.cfg con i comandi appropriati FTP.
Se si usa la tastiera:
1. entrare in configurazione premendo il tasto funzione relativo (icona computer) o
tenere premuto il tasto ENTER per almeno 3 secondi.
2. se richiesto digitare la password di configurazione
3. selezionare configurazione
4. selezionare il parametro voluto e premere ENTER per vedere/modificare
5. usare DELETE per cancellare e poi ENTER per confermare
6. premere DELETE per almeno tre secondi per uscire
7. premere poi ENTER per confermare le modifiche effettuate o DELETE per
uscire lasciando invariati i parametri modificati
8. attendere la ripartenza del terminale

I parametri di configurazione devono rispettare i relativi margini (vedi tabella 4).


Normalmente zero indica disabilitato e uno abilitato. Se si imposta un parametro fuori
limiti verra’ indicato un errore nel file ltcom.log ; leggere ltcom.log, modificare il
parametro in ltcom.cfg e riprovare.
Ecco alcune righe ltcom.cfg:

0001 Numero termin. 01-32 01


0002 Vel. COM1 1200-57600 19200
0003 Vel. COM2 1200-57600 57600
0004 Vel. COM3 1200-57600 57600
0005 Vel. COM4 1200-57600 19200
0006 Timeout tastiera 0-99 00

• La prima colonna a sinistra indica il numero del parametro sempre a 4 cifre.


• Segue poi la descrizione del parametro stesso.
• A destra, nell’esempio in corsivo ,il campo da modificare.

Nota:
Se la password e’ impostata a “00000” non sara’ richiesta alcuna password di
configurazione da tastiera.
Technodrive SRL Arluno Milano 20
www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
I comandi seriali 94,numero parametro valore parametro ed il comando 95,numero
parametro permettono rispettivamente di scrivere e leggere un singolo parametro di
configurazione. Dopo aver modificato dei parametri con il comando 94, usare 97,STORE
per salvare definitivamente le modifiche effettuate in memoria flash.

Elenco dei parametri di configurazione

Par. Min Max Descrizione


0001 1 99 Numero terminale (Id)
0002 1200 57600 Velocita’ Com1
0003 1200 57600 Velocita’ Com2
0004 1200 57600 Velocita’ Com3
0005 1200 57600 Velocita’ Com4
0006 0 99 Timeout attesa pressione tasto o badge (0=disab.)
0007 0 99 Durata impulso rele per transito in ingresso
0008 0 99 Durata impulso rele per transito in uscita
0009 1 40 Posizione inizio codice impianto
0010 0 12 Lunghezza codice impianto
0011 1 40 Posizione inizio codice matricola
0012 1 18 Lunghezza codice matricola
0013 12 dig Codice impianto
0014 0 7 Controllo BackLight LCD e Ethernet a batteria e 220V
Peso 1 = BackLight sempre accesa con alimentazione 220Volt
Peso 2 = BackLight sempre accesa con batteria e 220Volt
Peso 4 = Ethernet attiva anche a batteria
Sommare i relativi pesi per ottenere il valore del par. #14
0015 0 1 Abilita suonerie (necessita ltcom.bel)
0016 0 3 p.#16 Testina #1 Testina #2
0 normale normale
1 invertita normale
2 normale invertita
3 invertita invertita
0017 0 2 Gestisce il senso di transito vedi paragrafo relativo
0018 0 40 Impone lunghezza stringa badge (0=disabilitato)
0019 0 3 0019 Tempo rele Trans.0-99 60
0020 0 1 Offset campo badge visualizzato sul display
0021 0 1 Blocca due timbrature dello stesso senso
0022 0 999999 Tempo minimo in secondi tra due timbrature 0=disab.
0023 0 0 Non usato
Technodrive SRL Arluno Milano 21
www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
0024 10 dig Elenco funzioni secondarie abilitate
0025 0 7 Gestione causali (vedi paragrafo)
0026 0 3 p.#0026 Scrive Scrive”transito” Scrive “Badge
“ingresso/uscita” numero”
0 No No No
1 Si No No
2 No No Si
3 Si No Si
4 No Si No
6 No Si Si
0027 00000 99999 Password configurazione e FTP
0028 0 32 Numero terminali remoti se concentratore
0029 0 3 Gestione della stampante (vedi paragrafo)
0030 0 65536 Opzioni varie (gestione a pesi) peso
Permette accettazione forzata dei blocchi 1
Abilita orologio esterno via COM4 2
Disabilita configurazione con ENTER 4
Blocca terminale con memoria transiti piena 8
Memorizza transiti forzati tipo #9 16
Cambio senso di transito con pulsante su ing #1 32
Include causali in controllo fase e timeout 64
Condivide timeout timbratura anche a slaves 128
0031 0 3 Controllo messaggi (vedi paragrafo)
0032 0 9999 Tempo messaggi (vedi paragrafo)
0033 0 99 Ritardo trasmissione in ms (per seriale RS485)
0034 0 7 Gestione controllo accessi (vedi paragrafo)
0035 0 2 Programma da eseguire (vedi paragrafo)
0036 40 dig Intestazione scontrino stampante
0037 0 0 Non usato
0038 0 1 Tipologia testine 1&2
0039 0 9999 Allarme porta aperta per controllo accessi
0040 0 40 Posizione inizio codice matricola per testina 2.
0041 0 0 DNS Host name (con uso DHCP)
0042 0 3 Abilita il rele (1, 2 o 3) in caso di transazione rifiutata dal
controllo accessi
0043 0 1 Abilita memorizzazione delle transazioni scartate dal contr.accessi
0044 0 9999 Tempo presenza messaggi errore sul display
0045 Ip Address del terminale
0046 Subnet Mask del terminale
0047 Default Gateway del terminale

Technodrive SRL Arluno Milano 22


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
0048 Indirizzo DNS Servers
0049 Local TCP Port
0050 Local TCP Port per gestione OnLine
0051 Local TCP Port per monitor basic e debug
0052 p.#0052 Interfaccia ethernet
0 automatico
1 100 Full
2 100 Half
3 10 Full
4 10 Half
0053 0 0 Riservato
0054 0 10 Registro s0 del modem interno (numero di squilli prima della
risposta)
0055 0 1 Se peso #1 scatta il rele #1 per la testina #1 ed il rele #2 per la
testina #2.
0056 0 2 Modifica il significato del campo ID nel record di scarico.
0=id del terminale satellite (funzione concentratore)
1=numero della testina locale (01 o 02)
2=id del terminale
0057 Stringa inizializzazione modem (opzionale)
0058 0 9999 Tempo passaggio da OnLine a Off Line in decimi di secondo
0059 0 5 Numero di cifre richieste come codice PIN . 0= 5 cifre
0060 0 3 Abilitazione funzionamento OnLine
0061 0 1 Abilita scanner RS232 sulla porta COM2
0062 9 dig Badge master per alcune funzioni di supervisione transiti
0063 0 40 Se diverso da zero, indica la posizione di un carattere sul badge
che determina il numero del badge virtuale al quale e’ stato
assegnato un modello del controllo accessi. Il numero del badge
virtuale e’ compreso tra 1 e 9. I files .bdg, .tba e . mdl sono
necessari.
0064 0 9999 Numero massimo di presenti in un area controllata
0065 0 9999 Tempo massimo di presenza in un area controllata
0066 0 32 Indica il numero terminale della scheda rele esterna.
0067 0 1 Abilita la memorizzazione di transiti tipo ‘A’ conseguenti di
operazioni biometriche avvenute localmente.
0068 00000 99999 Password per menu biometrico
0069 0 Numero badge del amministratore menu biometrico. Se valore
diverso da zero viene richiesta impronta quando si entra nel menu
biometrico utilizzando la password del p. #0068. Se questo
parametro e’ zero l’impronta non viene richiesta.
0070 0 8 Indica il numero di visualizzatori RC3200 connessi al terminale
Technodrive SRL Arluno Milano 23
www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
via RS485
0071 0 9 Numero massimo di transiti di mensa giornalieri
0072 0 999999 Tempo minimo in secondi tra due timbrature di mensa
0073 0 9999 Tempo Massimo di mantenimento porta aperta
0074 0 15 Controllo gestione allarme porta
0075 0 1 Gestione area parcheggio
0076 0 1 Tempo rele (dec/sec) per i terminali remoti
0077 0 15 Controllo lettore Mifare ®
0078 Username per accesso FTP
0079 Password per accesso FTP
0080 0 99 Tempo visualizzazione pagina di transito accettato
0081 0 999 Controllo sorteggiatore
0082 0 Posizione traccia badge per data scadenza yymmdd
0083 0 1 Abilita interfaccia USB opzionale
Tabella 5 Parametri di configurazione

Nota:
Considerato che questi parametri sono seggetti a continui aggiornamenti si consiglia di
leggere il file ltcom.cfg dal terminale aggiornato.

Technodrive SRL Arluno Milano 24


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Dimensionamento della memoria
Il file ltcom.mem permette di dimensionare tutti i files in modo da ottimizzare al meglio
l’uso della memoria del terminale. Normalmente si utilizza il termine record per
caratterizzare la dimensione di un file. Per record si intende la piu’ piccola parte del file
non piu’ divisibile. Ad esempio nel file ltcom.trn un transito corrisponde ad un record
(che occupa 18 byte) e dimensionare quel file per 1000 record significa dimensionarlo
per 1000 transiti (18000 byte). Di solito un record occupa una riga del file. Un record
utilizza un certo numero di byte. Quando si dimensiona la memoria tutti i valori devono
essere indicati in record. Conoscendo poi la costante byte/rec si calcolano le dimensioni
in byte dei files ed infine,sommando i prodotti, si verifica quanti sono i byte utilizzati.
Quando si usa il comando dir via FTP si ottengono le dimensioni dei files in record.
Leggiamo il file ltcom.mem. Ogni riga riporta il nome del file, la dimensione in record e
la costante byte/rec di quel file. L’ultima riga del file contiene la memoria totale del
terminale, quella occupata e quella libera, tutte espresse in byte.

Per modificare il dimensionamento della memoria si deve:

1. Leggere il file ltcom.mem (RFILE,ltcom.mem se si usa la dll)


2. Modificare le dimensioni in record (colonna dopo il nome del file)
3. Scrivere ltcom.mem nel terminale (TFILE,ltcom.mem se si usa la dll)

Importante !

• La scrittura di ltcom.mem comporta la formattazione del disco RAM del


terminale con conseguente perdita di tutti i dati in memoria (eccetto
ltcom.cfg e ltcom.bas).
• Le parti del file precedute da “ ; “ sono solo commenti e pertanto possono
anche essere omesse.
• Le righe dei files non utilizzati possono contenere dimensione zero o
essere omesse integralmente.

Quando si modifica ltcom.mem occorre fare attenzione a non superare la memoria


massima disponibile (riportata nell’ultima riga di ltcom.mem riletto) . In questo caso un
errore sara’ generato dopo la scrittura ed il nuovo file non sara’ memorizzato nel
terminale. E’ facile calcolare la memoria utilizzata moltiplicando per ogni file la
dimensione in records per la costante byte/rec e sommando poi tutti i prodotti.

Technodrive SRL Arluno Milano 25


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
File ltcom.mem letto da terminale. Modificare la seconda colonna

ltcom.rea 00032 byte/rec 016


ltcom.bdg 01000 byte/rec 038
ltcom.trn 10000 byte/rec 018
ltcom.cau 00100 byte/rec 041
ltcom.bel 00032 byte/rec 006
ltcom.hdy 00032 byte/rec 004
ltcom.tba 00032 byte/rec 020
ltcom.mdl 00032 byte/rec 016
ltcom.msg 00100 byte/rec 066
ltcom.adv 00000 byte/rec 262
ltcom.log 01024 byte/rec 001
ltcom.com 00255 byte/rec 000
ltcom.cfg 00054 byte/rec 000
ltcom.blk 02500 byte/rec 004
ltcom.for 00032 byte/rec 005

Technodrive SRL Arluno Milano 26


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Memorizzazione e scarico dei transiti
I terminali hanno un buffer circolare per la memorizzazione dei transiti. La dimensione
del buffer e’ configurabile modificando il file ltcom.mem (vedi capitolo dimensionamento
della memoria). A buffer pieno verranno soprascritte le transazioni meno recenti; e’
possibile bloccare il terminale a buffer pieno variando un parametro della configurazione.
Il file contenente i transiti e’ ltcom.trn . Questo file deve essere letto con i comandi
RFILE,ltcom.trn della dll o direttamente con FTP. Il comando di lettura di ltcom.trn
riportera’ solo i transiti non ancora scaricati. Cio’ significa che i transiti possono essere
scaricati una sola volta. Se per qualsiasi ragione si ha la necessita’ di scaricare tutto il
buffer del terminale, cancellare ltcom.trn (dalla dll comando DFILE,ltcom.trn e da FTP
comando delete) e poi rileggere il file ltcom.trn . Ogni record di ltcom.trn contiene un
transito.

Lettura dei transiti da una data stabilita


E’ possibile scaricare tutti i transiti a partire da una data stabilita. Usare il comando
F4,dd/mm/yy/hh/mm/ss
prima di leggere ltcom.trn
L’invio del comando F4 senza parametri permette lo scarico di tutti i transiti memorizzati
ed equivale al comando delete del paragrafo precedente.

Lettura dei transiti compresi tra due date stabilite


E’ possibile scaricare tutti i transiti compresi tra due date. Usare il comando
F4,dd/mm/yy/hh/mm/ss-dd/mm/yy/hh/mm/ss
prima di leggere ltcom.trn

Trasmissione di un transito virtuale


E’ possibile inviare al terminale un transito virtuale tramite rete o seriale. Il transito viene
registrato nel file ltcom.trn in modo analogo ai transiti generati in locale dal terminale.

F5,STDBBBBBBBBBCCCCHHMMSSddmmyyII

Tracciato di un transito

Senso Tipo g.sett Num.badge Causale Ore Min Sec Giorno Mese Anno Id
S T D BBBBBBBBB CCCC HH MM SS dd mm yy II
Technodrive SRL Arluno Milano 27
www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Tabella 6 Tracciato record di un transito

0 Transito nullo
E Transito in entrata
U Transito in uscita
T Transito per accesso
Tabella 7 Senso
1 Transito locale di presenze / accessi
2 Transito accessi remoto
3 Transito rifiutato dal controllo accessi
4 Transito con causale numerica
5 Transito con causale menu a tendina
6
7 Consumo mensa
8 Non usato
9 Transito inserito da seriale
A
B Transito virtuale trasmesso al terminale
C Transito di prenotazione mensa
Tabella 8 Tipo di transito

0 Domenica
1 Lunedi
2 Martedi
3 Mercoledi
4 Giovedi
5 Venerdi
6 Sabato
Tabella 9 Giorno settimana

badge numero badge a 9 cifre giustificato a destra


Id 0=transito locale 01-32 transito di un terminale esterno
Esempio:
;S T D bbbbbbbbb cccc HHMMSS DDMMYY TT
U14123456789432112300001020300
uscita
transito presenze
Technodrive SRL Arluno Milano 28
www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
giovedi’
badge 123456789
causale 4321
12:30:00 01-02-2003
transito locale

file ltcom.tra
Il file ltcom.tra utilizza le stesse risorse di ltcom.trn ma permette lo scarico con diversa
modalita’ , conveniente quando lo stesso avviene via modem.
Il numero massimo di transiti memorizzabili e’ definito dalla dimensione di ltcom.trn in
ltcom.mem
Il trasferimento avviene con pacchetti di 5 transiti e l’ordine e’ dal piu’ vecchio.
All’interno del pacchetto i transiti sono separati da un carattere CR (13) e LF (10).
Il trasferimento inizia con la richiesta da parte del host (PC) del pacchetto 0 , poi del
pacchetto 1 e cosi via. E’ possibile richiedere piu’ volte lo stesso pacchetto in modo da
poter riprendere una scarico interrotto causa problemi di comunicazione.
Il file e’ supportato da WLTCom.dll versione 4.09 e successive.

Technodrive SRL Arluno Milano 29


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Messaggi personali
I messaggi vengono visualizzati sul display dopo la timbratura. I messaggi sono contenuti
nel file ltcom.msg, che deve essere inviato al terminale.
I messaggi sono controllati dai parametri #31 e #32 della configurazione.
Il parametro #32 definisce il tempo (in decimi di secondi) di permanenza sul display .Il
messaggio puo’ essere annullato premendo un tasto della tastiera.
Ogni riga del file ltcom.msg contiene il numero di badge ed il testo del messaggio
(massimo 60 caratteri).
Il messaggio relativo al badge zero (000000000) e’ un caso particolare: e’ visibile a
tutti i dipendenti.

La seguente tabella indica i pesi da sommare per ottenere il parametro 31.

Peso Parametro #31 funzione


1 Messaggio cancellato dopo la visione
4 Messaggio anche su terminali remoti
Tabella 10 Gestione dei messaggi
Ecco un esempio di ltcom.msg

000001 Messaggio personale da 40 caratteri 0001


000002 Messaggio personale da 40 caratteri 0002
000003 Messaggio personale da 40 caratteri 0003
000004 Messaggio personale da 40 caratteri 0004
000005 Messaggio personale da 40 caratteri 0005
000000 Questo messaggio viene visualizzato con ogni badge

Si noti da sinistra il numero badge (da 1 a 9 cifre) ed il messaggio che al massimo occupa
60 caratteri.

Technodrive SRL Arluno Milano 30


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Gestione delle funzioni richiamabili da icona
I terminali normalmente accettano transazioni dedicate alle presenze ed al controllo
accessi. Tramite le icone relativi tasti e’ possibile selezionare una funzione secondaria.
Segue e’ un elenco delle funzioni secondarie disponibili e relative icone e codici di
impostazione.

Conf Configurazione parametrica Codice #4

Caus Selezione causale Codice #1

AvvS Avvisi personali Codice #5

Cart Visualizzazione cartellino Codice #2

Non usato

Prod Gestione commesse/produzione Codice #7


Programma in Basic
Mens Prenotazione mensa Codice #3

CauN Causali numeriche Codice #6

PCar Non abilitato Codice #8

Gsm Visualizzazione campo GSM Codice #9

CMen Consumo mensa Codice #A

Tbdg Test numero badge Codice #E

Tabella 11 Elenco funzioni secondarie


Il parametro 24 della configurazione (gestione icone) abilita le funzioni speciali e relative
icone sul display. Vengono visualizzate due icone contemporaneamente e le successive
vengono richiamate con i tasti up/down. Ogni funzione corrisponde ad un codice. Il
parametro #0024 deve contenere una stringa contenente la sequenza dei codici delle
funzioni secondarie attive. Ad esempio, se il parametro 24=4123, verranno visualizzate

Technodrive SRL Arluno Milano 31


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
normalmente sul display le icone delle funzioni 4 e 1 (configurazione e causali) e
premendo la freccia up verranno visualizzate le icone 2 e 3 (cartellino e prenotazione
mensa) . Esiste un timeout fisso di 10 secondi che ripristina la visualizzazione delle prime
due icone (nell’esempio 4 e 1). Nel terminale SmartClock le icone sono sostituite dai
testi in seconda colonna della tabella. Per selezionare una funzione premere le frecce
destra e sinistra al posto dei tasti funzione. Questa funzione non e’ disponibile se sono
abilitate le causali numeriche in quanto i tasti freccia corrispondono ai tasti numerici.

Technodrive SRL Arluno Milano 32


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Selezione causale

La causale deve essere impostata prima di passare il badge.


Per gestire le causali da menu a tendina oppure per verificare i codici immessi da tastiera
occorre trasmettere il file ltcom.cau .
Le causali generano unicamente codici a 2 o 4 cifre giustificati con zeri a destra.
Il valore da impostare nel parametro 25 si ottiene sommando i pesi come da tabella.
Con peso 8 sommato al parametro 25 il codice riportato nello scarico viene prelevato dal
primo campo del record di ltcom.cau mentre senza tale peso corrisponde al valore
impostato o al numero di selezione del menu a tendina.

Parametro #0025 (peso) funzione


1 Causali da tastiera
2 Visualizza testo da file ltcom.cau dopo causale numerica
4 Supporto causali a 4 cifre
8 Preleva codice causale da file ltcom.cau
16 Verifica codice presente in file ltcom.cau
32 Richiesta causale da menu dopo transito
64 Richiesta causale numerica dopo transito
Tabella 12 Gestione delle causali

Esempio del file ltcom.cau senza peso 8, La prima riga e’ on commento. Le successive
sono i testi che non devono occupare piu’ di 40 caratteri. Il primo testo corrisponde al
codice 01 ,il secondo 02 ecc.
Il secondo esempio prevede 8 sommato al parametro 25 . Il codice riportato nello scarico
viene prelevato dal primo campo della descrizione anziche’ dall’indice del menu’ a
tendina.

;Testo per causali


Uscita con permesso non retribuito
Uscita per visita specialistica

;Testo per causali


0023 Uscita con permesso non retribuito
0001 Uscita per visita specialistica

Technodrive SRL Arluno Milano 33


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Causali numeriche

Questa funzione permette di inserire causali numeriche a 2 o 4 cifre. Il parametro #0025


condiziona questa funzione. Con causali a due cifre e’possibile visualizzare il testo
contenuto nel file ltcom.cau. Vedi tabella precedente.
Le causali numeriche possono essere anche digitate direttamente senza questo tasto
funzione ma in alcuni casi potrebbero essere in conflitto con altre funzioni della testiera
per cui risulta a volte indispensabile utilizzare questa icona.

Technodrive SRL Arluno Milano 34


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Test numero di badge

Questa funzione (codificata con ‘E’) permette la visualizzazione del numero di badge in
accordo con i parametri di configurazione impostati.
La pressione di un tasto avvia la richiesta di un badge successivo.
DEL o CLEAR concludono la funzione.

Technodrive SRL Arluno Milano 35


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Avvisi personali

Deve essere creato ed inviato il file ltcom.adv. Ogni riga del file non deve superare 160
caratteri. Tipicamente questa funzione permette di memorizzare nel terminale una o piu’
pagine per ogni dipendente. Le pagine vengono visualizzate quando il dipendente , prima
di timbrare, preme il tasto relativo a questa funzione. L’inserimento nel testo di alcune
sequenza di escape consente la formattazione del testo.

Sequenza di escape funzione


\b1 Abilita in reverse
\b0 Disabilita reverse
\f0 Abilita il font 7 x 5 40 caratteri per riga
\f1 Abilita il font altezza 13 30 caratteri per riga
\f2 Abilita il font altezza 16 Times true type
\t Tabula a 1/5 dello spazio del display
\n Ritorno a capo
Tabella 13 Gestione avvisi personali
Ogni riga del file ltcom.adv deve avere la forma :

BdgNum Type testo dove


• BdgNum = numero badge massimo 9 cifre numeriche
• Type = tipo di richiesta (da 1 a 9 0-default)
• Testo = stringa asci contenente il testo e relativi caratteri di formattazione.

Se si vogliono utilizzare piu’ tipi di informazioni deve essere creato un menu a tendina
numero #10 con un massimo di 9 selezioni (vedi capitolo relativo). In tal caso, dopo la
richiesta del badge, il terminale propone il menu a tendina e poi il messaggio di tipo
corrispondente alla selezione effettuata. Se il menu non e’ stato creato il terminale
visualizza direttamente il testo di tipo 0 (zero). In caso di funzionamento OnLine la
richiesta dal terminale al server contiene numero badge e tipo di richiesta , selezionata dal
menu a tendina.

Segue un esempio di ltcom.adv


;badge filter text of advise
000000003 1 testo \n di prova \n per avviso numero 001 tipo #1
000000001 2 testo di prova per avviso numero 001 tipo #2
000000003 0 testo di prova per avviso numero 001 tipo #0
Si noti da sinistra il numero di badge, il tipo e poi il testo contenente anche le sequenze di
escape utile alla formattazione.
Technodrive SRL Arluno Milano 36
www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Visualizzazione del cartellino

Permette la visualizzazione dei transiti in memoria di un dipendente.


Il parametro #37 di ltcom.cfg determina il funzionamento.

Peso par #37 Funzione


Default Transiti di presenza
1 Transiti di presenza
2 Transiti da terminali remoti

16 Transiti causali da menu


32 Transiti causali numeriche
64 Transiti di consumo mensa
128 Transiti con forzatura
256 Transiti generati con comando F5
512 Transiti di prenotazione mensa
2024 Transiti con causale in reverse
Tabella 14 Gestione cartellino

In un sistema gestito da concentratore e’ possibile definire le teste remote che generano


transiti visualizzabili nel cartellino. Sommare 128 al flag ‘A’ di ltcom.rea e non
aggiungere il peso 2 al parametro #37 di ltcom.cfg.

Technodrive SRL Arluno Milano 37


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Gestione delle suonerie
Questa funzione permette l’attivazione dei rele con un calendario settimanale, funzione
molto utile , ad esempio, per la gestione delle suonerie di inizio, fine lavoro. Il file
ltcom.bel contiene le programmazioni di questa funzione che deve essere abilitata anche
dal relativo parametro di configurazione. Ecco un esempio di ltcom.bel:

;HH MM DLMMGVSF Rele Time


18 02 DLMM-VSF 1 010
12 12 DLMMGVSF 1 020
12 13 DLMMGVS- 2 030
16 30 -L-----F 1 015
19 51 DLMMG-SF 1 070

Da sinistra troviamo:
1. Ore e minuti della chiusura rele
2. Giorni della settimana dove la suoneria e’ attiva (vedi nota)
3. Numero del rele interessato
4. Tempo dell’impulso in secondi (vedi nota)

nota: La lettera ‘F’ dei giorni della settimana indica un giorno festivo che deve essere
specificato nel file ltcom.hdy. In un giorno festivo suona solo se F e giorno attuale sono
selezionati oppure se solo F e’ selezionata.

Nota: Esistono due casi particolari del tempo dell’impulso utili per programmare
intervalli di tempo molto lunghi (contenuti nella settimana)
001=il rele si attiva par un tempo indefinito
000=il rele si disattiva.

Giorni festivi
Il file ltcom.hdy contiene l’elenco dei giorno festivi dell’anno. Ovviamente questo file, se
utilizzato, deve essere aggiornato e trasmesso ogni anno.
Ecco un esempio di ltcom.hdy:

;day month
14 03
25 12
01 01

il file in esempio definisce festivi 1l 14 marzo, il 25 dicembre ed il 01 gennaio.


Technodrive SRL Arluno Milano 38
www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Controllo accessi
I terminali dispongono di un sofisticato sistema di controllo accessi, che si integra con
tutte le altre funzioni; ad esempio e’ possibile realizzare impianti misti di rilevazione
presenze, controllo accessi e gestione della mensa. In sostanza la differenza tra
rilevazione presenza e controllo accessi e’ che nel primo caso viene verificato solo il
codice impianto e poi la transazione viene accettata; nel secondo viene verificato anche il
numero matricola legato ad un particolare filtro di accettazione. Il controllo accessi
supporta due diverse architetture di impianto:
1. Il terminale funziona in modo autonomo utilizzando la propia testa di lettura ed
un eventuale testa secondaria
2. il terminale funziona come concentratore e gestisce un gruppo di terminali
collegati in rete RS485 con lo stesso.
Nel primo caso quando viene realizzato un impianto con piu’ terminali, sia i transiti che i
files di controllo sono residenti in ogni terminale e non e’ possibile abilitare sequenze di
transito predeterminate tra i terminali.
Nel secondo caso sia i transiti che i files di controllo sono residenti nel concentratore ed
e’ percio’ possibile realizzare impianti con sequenze di transito predeterminate.

Se il terminale funziona in modo autonomo occorre modificare il parametro #0034 della


configurazione secondo la seguente tabella:

par. #34 Funzione


0 Controllo accessi disabilitato
1 Verifica solo la presenza della matricola in ltcom.bdg
2 Verifica la presenza della matricola e chiede PIN
3 Funzionamento con fasce orarie
4 Funzionamento con fasce orarie e solo codice pin
6 Funzionamento con fasce orarie e solo codice pin e solo impronta
Tabella 15 Gestione controllo accessi

Se il terminale funziona come concentratore, il parametro #0028 deve corrispondere al


numero di terminali slave installati. Se anche il concentratore viene impiegato come
terminale accessi il parametro #0034 deve essere settato in accordo con la tabella
precedente.

I files che regolano il controllo accessi sono:

Technodrive SRL Arluno Milano 39


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
1. ltcom.bdg contiene l’elenco dei badge abilitati con i modelli settimanali
abbinati, il codice PIN eventualmente richiesto e le date di inizio/fine validita’ del
badge.
2. ltcom.mdl assegna ad ogni modello settimanale, una fascia oraria ad ogni giorno
della settimana compreso i giorni dichiarati festivi.
3. Ltcom.tba contiene le fasce orarie. Ogni fascia oraria e’ formata da quattro
possibili intervalli di tempo con relativi flag di abilitazione.
4. Ltcom.rea contiene l’elenco dei terminali collegati al concentratore con i relativi
flag ed e’ necessario solo in configurazioni con concentratore

Quando il terminale legge un badge esegue le seguenti verifiche:


1. Verifica il codice impianto.
2. Verifica che il numero di badge sia presente in ltcom.bdg, verifica poi inizio e
fine validita’ e sempre da ltcom.bdg preleva il modello settimanale abbinato.
3. Dal file ltcom.mdl , a seconda del giorno della settimana viene prelevato, per quel
modello settimanale la relativa fascia oraria.
4. Dal file ltcom.tba, per la fascia oraria prelevata dal punto 3, vengono verificate le
condizioni di accettazione.

Segue ora una dettagliata descrizione dei files utilizzati. Si ricorda che ltcom.bdg,
ltcom.mdl e ltcom.tba sono impiegati sia nella modalita’ autonoma che in quella con
concentratore; ltcom.rea e’ utilizzato solo dal concentratore.

Il file ltcom.bdg
Ltcom.bdg e’ gestito in due diversi formati , esteso o normale. Il formato esteso gestisce
sia il funzionamento autonomo che quello come concentratore, con 15 politiche
massime di accesso. Il formato normale gestisce solo il funzionamento autonomo ma
supporta fino a 255 politiche di accesso . Il terminale riconosce in modo automatico il
tipo di file inviato e durante la rilettura dello stesso applica il commento corrispondente.
Se ltcom.bdg di tipo normale e’ impiegato in un concentratore, tutti i terminali slaves
connessi seguiranno la politica definita nel campo En2 di ltcom.bdg.

Segue un esempio di file ltcom.bdg di tipo esteso.


;badge E pin enable readers date st. date end Cnt
123456789 1 12345 AB@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ 01 01 00 31 12 04 0
000000002 1 98765 BA@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ 01 01 00 31 12 04 0
000000003 1 54321 C@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ 01 01 00 31 12 04 0

da sinistra vediamo:
• Il numero di matricola (badge) fino a 9 cifre numeriche

Technodrive SRL Arluno Milano 40


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
• Un campo di abilitazione 1=abilitato 0=disabilitato
• Il codice PIN sempre a 5 cifre numeriche da inserire anche se non utilizzato.
• 32 caratteri di abilitazione . In maniera autonoma sono considerati solo i primi
due a sinistra; il primo per la testina locale ed il secondo per quella secondaria.
Con il concentratore sono previsti fino a 32 terminali esterni . Il simbolo ‘@’
(0x40) indica badge disabilitato su quel terminale (o testina) . ‘A’ (0x41) indica
modello settimanale 1,’B’ (0x42) indica il modello settimanale 2 e cosi via. La
colonna corrisponde all’indirizzo ID del terminale slaves.
• Date di inizio e fine validita’ del badge.
• Contatore a scalare

Per esempio la prima tessera del file sopra riportato indica


• Numero matricola 123456789
• Matricola abilitata
• Codice PIN 12345
• Abilitata sulla testina locale o sul terminalecon id=1 con modello ‘A’
• Abilitata sulla testina secondaria o sul terminale con id=2 con modello ‘B’
• Disabilitata sui terminali con id 3-32
• Inizio validita’ 01/01/2000 fine validita’ 31/12/2004
• Contatore a scalare zero

Segue un esempio di file ltcom.bdg di tipo normale.

;badge E pin En1 En2 date st. date end Cnt


123456789 1 12345 001 002 01 01 00 31 12 04 0
000000002 1 98765 002 001 01 01 00 31 12 04 0
000000003 1 54321 072 071 01 01 00 31 12 04 0

da sinistra vediamo:
• Il numero di matricola (badge) fino a 9 cifre numeriche
• un carattere di abilitazione 1=abilitato 0=disabilitato
• Il codice PIN sempre a 5 cifre numeriche da inserire anche se non utilizzato.
• Due campi En1 En2 che indicano il modello settimanale (da ltcom.mdl) relativo
alla testina locale e secondaria del terminale. 000 indica badge disabilitato.
• Date di inizio e fine abilitazione badge.
• Contatore a scalare

Per esempio la prima tessera del file sopra riportato indica


• Numero matricolo 123456789
• Matricola abilitata
• Codice PIN 12345
Technodrive SRL Arluno Milano 41
www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
• Abilitata sulla testina locale con modello 001
• Abilitata sulla testina secondaria con modello 002
• inizio validita’ 01/01/2000 fine validita’ 31/12/2004
• Contatore a scalare a zero

Il file ltcom.mdl
;dom lun mar mer gio ven sab fes
01 01 01 01 01 01 01 02 ;Mod #A 001
02 02 02 02 02 02 02 02 ;Mod #B 002
03 04 05 06 07 08 09 13 ;Mod #C 003

• Ogni riga di questo file corrisponde ad un modello settimanale.


• Ogni riga richiama per ogni giorno della settimana un modello di fasce orarie
(ltcom.tba).
• I giorni festivi sono definiti in ltcom.hdy.
• Ad ogni riga corrisponde un codice : A’ (0x41), ‘B’ (0x42) ecc. in ordine
crescente per codice asci oppure un codice numerico da 1 a 255
• Questi codici devono essere inseriti in ltcom.bdg nel campo di abilitazione.

Il file ltcom.tba
;HIn MIn HOut MOut Pin PinOnly Head Finger AntEn TtaEn TouEn MemEn CntEn Rel1En Rel2En
RelExt
00 00 23 59 1 0 0 1 0 1 0 0 0 1 0 00
00 00 00 00 1 0 0 1 0 1 0 0 1 0 0 00
15 55 18 00 1 1 0 0 1 0 1 0 0 1 0 00
09 00 12 30 1 1 0 1 0 1 0 0 1 0 0 00
;Start group # 02
00 00 23 59 1 0 1 0 1 0 1 0 1 0 0 00
00 00 00 00 0 1 0 0 0 0 0 0 0 0 0 00
00 00 00 00 0 1 0 0 0 0 0 0 0 0 0 00
09 00 12 30 1 0 0 0 1 0 0 0 0 0 0 00

Questo file e’ diviso in gruppi di quattro righe ed un gruppo costituisce un record.


Ad ogni gruppo e’ associato un codice numerico crescente (01,02,03 ecc). Questi codici
devono essere riportati nel file ltcom.mdl.
Ogni gruppo ha quattro fasce orarie HIn/MIn rappresentano ore e minuti di inizio della
fascia e HOut/MOut la fine della fascia.
Durante la verifica, il terminale accerta la validita’ di una delle quattro fasce del gruppo
gestendo poi i flag di quella fascia. Ogni flag ,eccetto RelExt, deve essere zero
(disabilitato) o uno (abilitato). Ecco la descrizione dei flag partendo da sinistra:

1. Pin Abilita la richiesta del codice PIN dopo il badge

Technodrive SRL Arluno Milano 42


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
2. PinOnly Abilita la richiesta del codice PIN prima del badge Finger
3. Head Abilita richiesta badge (magnetico o prossimita’)
4. Finger Abilita richiesta impronta digitale
5. AntEn Abilita sequenza prefissata (antipassback)
6. Mode Abilita la fascia in questione
7. TouEn Abilita timeout dal lettore precedente
8. MemEn Abilita la memorizzazione del transito
9. CntEn Abilita contatore a scalare
10. Rel1On Abilita lo scatto del rele #1
11. Rel2On Abilita lo scatto del rele #2
12. RelExt Abilita un rele su scheda remota o altro terminale

Pin PinOnly Head Finger Comportamento del terminale


0 1 0 0 Passaggio con solo PIN
0 0 1 0 Passaggio con solo BADGE
1 0 1 0 Passaggio con BADGE + PIN
1 1 1 0 Passaggio con PIN + BADGE
0 1 1 0 Passaggio con BADGE o PIN
0 0 0 1 Passaggio con solo IMPRONTA
0 1 0 1 Passaggio con PIN + IMPRONTA
0 0 1 1 Passaggio con BADGE + IMPRONTA
1 0 1 1 Passaggio con BADGE o IMPRONTA
1 1 0 1 Passaggio con PIN o IMPRONTA
1 1 1 1 Passaggio con PIN o BADGE o IMPRONTA
0 1 1 1 Passaggio con BADGE + IMPRONTA e PIN se
impronta errata
Tabella 16 Politiche di accesso con ltcom.tba

Il file ltcom.rea

;Id I/O LastRd time Rl Rc A


04 1 00000000 0000 03 0 1
05 1 00000000 0000 04 0 1
06 1 00000000 0000 05 0 1

Importante:
Dopo l’invio di ltcom.mem e’ necessario riavviare il terminale.

Technodrive SRL Arluno Milano 43


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Questo file e’ necessario solo se il terminale funziona come concentratore. Specifica le
propieta’ dei terminali slaves.
Quando un terminale slave rileva un badge o un codice PIN invia le informazioni al
concentratore per la verifica. Ciascun terminale slave e’ definito da un record (riga) del
file ltcom.rea. L’ accesso e’ condizionato dal modello settimanale indicato nel file
ltcom.bdg. Il modello preso in considerazione viene indicato dal campo Id (numero
terminale).
Esempio:
123456789 001 12345 AB@FCD@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ 01 01 00 31 12 04

Nel record di esempio di ltcom.bdg sopra riportato al primo lettore e’ stato assegnato il
modello settimanale ‘F’, al secondo ‘C’ ed al terzo ‘D’ mentre la testina principale del
concentratore segue il modello ‘A’ e quella secondaria il modello ‘B’.

Attenzione :
E’ indispensabile settare il “ritardo trasmissione “ dei terminali slaves a 5 mS.

Il file ltcom.rea contiene:


1. Id numero terminale e posizione del modello settimanale prelevato da
ltcom.bdg .
2. I/O definisce come il senso di transito viene gestito; 0=verso di passaggio,
1=Entrata, 2=uscita, 3=transito
3. LastRd Un campo binario a 32 bit formato da 8 celle ciascuna delle quali
contiene un codice a quattro bit codificato in bcd (uno per ogni lettore) che
definisce, se il flag AntEn di ltcom.tba e’ abilitato, da quali lettori e’ autorizzata
la provenienza.
4. time Un tempo massimo in minuti, di provenienza dal lettore precedente, se il
flag TouEn di ltcom.tba e’ abilitato.
5. Rl Se diverso da zero abilita anche lo scatto del rele di un altro terminale ;
deve essere indicato l’ ID .
6. Rc Scatta anche un rele del concentratore (1 o 2)
7. ‘A’ Gestione a pesi vedi tabella seguente

A Azione Commento
1 Abilita accessi Utilizza ltcom.bdg, tba e mdl per autorizzare i transiti
2 Usa comando 50 Solo presenze
4 Usa comando 55 Evita di configurare il tracciato badge su terminale remoto.
Utilizza i parametri del concentratore.
Indispensabile per lunghezza badge > 9 caratteri
8 Usa comando 12 Solo per MiniClock e modelli precedenti
16 Usa comando 17 Solo per MiniClock e modelli precedenti. Evita di configurare
la tessera sul lettore MBR.Utilizza i parametri del
Technodrive SRL Arluno Milano 44
www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
concentratore
32 Non usato
64 Abilita ricezione Solo per terminali biometrici
templates
128 Cartellino Permette visualizzazione transiti nel concentratore

Tabella 17 Propieta’ terminali slaves

Technodrive SRL Arluno Milano 45


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Inserimento e modifica di un badge
E possibile inserire o modificare un solo record di ltcom.bdg senza senza inviare tutto il
file. Per fare questo usare il seguente comando:

43,record del file ltcom.bdg esempio:


43,123456789 1 12345 AB@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ 01 01 00 31 12 04
43,123456789 001 12345 001 002 01 01 00 31 12 04 0

dove la parte a destra della virgola corrisponde ad una riga (record) di ltcom.bdg.
Non e’ invece possibile eliminare un record dalla memoria. Per disabilitare un badge
inviare con il comando 43 il record contenente il badge da disabilitare con il flag ‘E’ =0.

Verifica dello stato dei terminali remoti connessi al


concentratore
Questa funzione permette la verifica del corretto funzionamento dei terminali slaves
connessi al concentratore.
Il comando 49 richiede al terminale (concentratore) una stringa alfanumerica composta
da 32 caratteri asci. La posizione della stringa corrisponde al id dei terminali slaves. I
possibili caratteri sono :
• ‘-‘ terminale non installato
• ‘X’ terminale installato ma non funzionante
• ‘Y’ terminale installato e correttamente funzionante
Esempio:
“---------YXY--------------------“ indica che sono installati tre terminali con id 10, 11 e 12 .
Quelli con id 10 e 12 comunicano correttamente mentre quello con id 11 e’ installato ma
non comunica.

Technodrive SRL Arluno Milano 46


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Contatore a scalare
E’ possibile limitare il numero di transiti di ogni badge abilitato. Il sistema funziona sia in
modo autonomo che con concentratore.
La funzione e’ controllata dal flag CntEn di ltcom.tba .
I valori possono essere letti e scritti rispettivamente leggendo e scrivendo ltcom.bdg. Se
nel file non e’ riportato il valore del contatore lo stesso sara’ posizionato a zero . Sono
accettati valori compresi tra 0 e 65535.

Importante:
La trasmissione del file ltcom.bdg aggiorna i valori dei contatori con i valori riportati nel
file stesso. Risulta quindi importante leggere il file dal terminale prima di inviarlo
modificato.

Due comandi permettono di leggere o variare il valore di un contatore senza dover


leggere o scrivere ltcom.bdg.

64,nbdg Ritorna il valore del contatore associato al badge nbdg


65,nbdg value Posiziona il contatore associato al badge nbdg a value

Technodrive SRL Arluno Milano 47


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Elenco errori trasmissione file controllo accessi

Tabella 18 errori del concentratore


Ltcom.bdg
Errore Descrizione Range
1 Numero badge 0-999999999
2 Enable 0-1
3 PIN 0-99999
4 Anno 0-99
5 Mese 1-12
6 Giorno mese 1-31
Tabella 19 errori file ltcom.bdg
Ltcom.rea
Errore Descrizione Range
1 Numero terminale 1-32
2 Timeout 0-9999
3 InOut 0-1
4 Rele 0-64
5 Senso transazione 0-1
6 Abilitazione accessi 0-1
Tabella 20 errori file ltcom.rea
Ltcom.tba
Errore Descrizione Range
1 Ore e minuti 00-23 00-59
2 flag 0-1
Tabella 21 errori file ltcom.tba

Technodrive SRL Arluno Milano 48


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Funzione di “BRIDGE”
Questa funzione e’ utile quando la configurazione e’ costituita da un terminale
concentratore e da uno o piu’ terminali slave connessi al concentratore via porta COM4
RS485.
E’ possibile comunicare con un terminale slave attraverso il concentratore connesso al
PC via Ethernet c porta seriale COM1.
Il comando EE,BRIDGE id (dove id e’ il numero del terminale slave con il quale si
vuole comunicare) attiva il “bridge”.
Per disattivare il “bridge” utilizzare lo stesso comando EE,BRIDGE 0 (con id=0).

In sostanza quando la procedura e’ attivata tutte le comunicazioni ricevute dalla porta


Ethernet e dalla COM1 del terminale vengono ridirette alla porta COM4 e
conseguentemente tutte le risposte ricevute dalla COM4 vengono ridirette sulla porta di
Ethernet e COM1.

Technodrive SRL Arluno Milano 49


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Black list
Ltcom.blk contiene l’elenco dei numeri di matricola che non devono essere accettati dal
terminale. Ogni record del file deve contenere un solo numero di matricola. E’ possibile
inserire anche un commento dopo il numero di matricola (ad esempio nome e cognome)
che andra’ comunque perso in caso di rilettura del file dal terminale. Il parametro #0041
della configurazione deve essere abilitato.
Esempio del file:

12345678 Rossi Mario


34543534 Carlo Bianchi
354534

Technodrive SRL Arluno Milano 50


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Gestione del senso di transito
Il senso di transito viene riportato nel file di scarico (ltcom.trn). Esistono le seguenti
modalita’ di determinazione del senso di transito dipendentemente dal parametro #0017
della configurazione.

Determinazione Tipi di transito


Per #17 Scritte ing/usc
del senso
0 Nascoste Da badge Entrata/Uscita
1 Normali Da badge Entrata/Uscita
2 Invertite Da badge Entrata/Uscita
Riposizionamento
Da fasce orarie
3 automatico Entrata/Uscita/Transito
e tastiera
secondo fasce
4 Statiche Da tastiera Entrata/Uscita/Transito
Riposizionamento
5 automatico su Da tastiera Entrata/Uscita/Transito
transito
Riposizionamento
Da fasce orarie
6 automatico Entrata/Uscita
e tastiera
secondo fasce
7 Statiche Da tastiera Entrata/Uscita
Riposizionamento
8 automatico su Da tastiera Entrata/Uscita
entrata
9 Normali Da badge Transito con CLEAR
10 Invertite Da badge Transito con CLEAR
Testina #1 Ent
11 nascoste Entrata/Uscita
Testina #2 Usc
Testina #1 Usc
12 nascoste Entrata/Uscita
Testina #2 Ent
13 nascoste Fisso Transito
Da fasce orarie
Riposizionamento
e tastiera per
14 automatico Entrata/Uscita/Transito
PIN
secondo fasce
Da Badge
Da tastiera per
15 Statiche PIN Entrata/Uscita/Transito
Da Badge
Testina #1Tr.In Transito_in
16 nascoste
Testina #2 Transito_out
Technodrive SRL Arluno Milano 51
www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
TrOut
Transito_in
17 nascoste Da Badge
Transito_out
Testina #1
Da badge
18 Normali Entrata/Uscita/Transito
Testina #2
Sempre transito
Testina #1
Da badge
19 Invertite Entrata/Uscita/Transito
Testina #2
Sempre transito
Testina #1
Riposizionamento Da tastiera e
20 automatico fasce Entrata/Uscita/Transito
secondo fasce Testina #2
Sempre transito
Testina #1
Da tastiera
21 Statiche Entrata/Uscita/Transito
Testina #2
Sempre transito
22 Statiche Sempre entrata Entrata/Uscita
23 Statiche Sempre uscita Entrata/Uscita
Tabella 22 Determinazione del senso di transito

Selezione automatica da file


Il file ltcom.for permette la selezione temporale automatica delle tipologie di transito
entrata, uscita e transito. Eventuali transazioni al di fuori delle fasce indicate nel file
saranno rifiutate. In questa modalita’ restano attivi anche i tasti usati in manuale ma il
loro intervento e’ limitato a 10 secondi.

Esempio del file ltcom.for che determina le fasce orarie del senso di transito.
;S HH:MM HH:MM
E 08:00 08:30
U 12:00 12:30
E 14:00 14:15
U 17:30 17:45
T 23:00 23:59

Technodrive SRL Arluno Milano 52


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Selezione manuale del senso di transito
Con il parametro #17 = 4 ,5 ,7 ,8 e’ attiva questa modalita’. La selezione avviene con i
due tasti funzione superiori, che attivano entrata ed uscita, e CLEAR che attiva transito.
ENTER, in alternativa, permette di scansionare tra le due o tre modalita’. Nel file di
scarico i tre tipi di transito sono contraddistinti con E,U e T. L’attivazione del rele e’
indipendente per ognuna delle modalita’ e dipende dai parametri #7,#8 e #19 della
configurazione.

Con il parametro #17 = 9 ,10 il senso di transito viene determinato dalla testina
(Entrata/uscita) ma e’ possibile forzarlo su Transito premendo il tasto CLEAR. Dopo un
transito o un tempo di 10 secondi il sistema si riposiziona su Entrata/Uscita da testina.

Con il parametro #17 = 14, 15 il senso di transito e’ determinato dalla tastiera/fasce orarie
se viene utilizzato un codice PIN mentre se viene utilizzato un badge il senso viene
determinato dal senso con cui il badge viene passato.

Nota:
Anche nella modalita’ con fasce orarie (par. #17=3 oppure 6) sono attivi i medesimi tasti
ma il loro effetto e’ limitato a 10 secondi dopo la loro pressione.

Blocco della selezione da tastiera


Il parametro #0030 della configurazione disabilita il cambio del senso di transiti da
tastiera.

Technodrive SRL Arluno Milano 53


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Gestione dei terminali biometrici
.
I terminali biometrici supportano varie tipologie di funzionamento e memorizzazione dei
templates. Esistono due principali distinzioni :

1) I templates sono memorizzati direttamente su badge Mifare®


2) I templates sono memorizzati nel disco flash del terminale

Non e’ possibile l’utilizzo contemporaneo delle due categorie e la selezione dipende dal
parametro 77 di ltcom.cfg (1 = Mifare 0 = disco in flash)

Ogni utente viene identificato con un codice numerico decimale con lunghezza da 1 a 9
cifre. A ciascun utente possono essere associate fino a sette templates. Tutti i templates e
attributi di un utente sono salvati in un file. Nel caso Mifare® il file viene salvato sul
badge Mifare® protetto da chiave di accesso. Nel caso di disco flash viene salvato sul
disco ; il nome del file e’ del tipo XXXXXXXX.TPL dove XXXXXXXX e’ il codice utente
espresso in esadecimale.

Esempio :
codice utente 1 nome file 00000001.TPL
codice utente 123456789 nome file 075BCD15.TPL

Memorizzazione su badge Mifare®


I templates generati dalla scansione vengono memorizzati direttamente nel badge
Mifare® senza lasciare alcuna traccia nella memoria del terminale. Ogni badge permette
la memorizzazione fino a sette templates riferiti ad un unico utente. In questa modalita’
e’ disponibile solo la funzione Badge + Impronta comune a tutti gli utenti. Questa
modalita’ previene la necessita’ di copiare i templates su piu’ terminali perche’ gli stessi
sono residenti sul badge. In questa modalita’ il parametro 34 di ltcom.cfg deve essere 7 ed
il parametro 77 di ltcom.cfg deve essere 1. Non e’ possibile estrarre i templates dal badge
perche’ lo stesso e’ protetto da password.

Memorizzazione sul disco flash del terminale


I templates generati dalla scansione vengono memorizzati nel disco flash del terminale.
Viene creato un file per ogni utente.In questa modalita’ e’ possibile la copia dei file
contenente i templates da e verso Host.
Sono supportate varie modalita’ di accesso personalizzabili per ciascun utente.
Nel caso di identificazione (accesso con solo impronta) i templates devono essere copiati
dal disco flash del terminale al database del modulo biometrico utilizzando la funzione
sincronizza disponibile dal menu biometrico. In questa modalita’ il parametro 77 di
Technodrive SRL Arluno Milano 54
www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
ltcom.cfg deve essere 0 ed il parametro 34 di ltcom.cfg deve essere in accordo con la
tabella seguente:

Par #34 Funzione


1-5 Controllo accessi senza identificazione
6 Controllo accessi anche con identificazione
7 Richiesta badge + impronta
8 Richiesta pin + impronta (**)
9 Richiesta di badge o pin + impronta (**)
10 Richiesta solo impronta (Max. 1000
templates) FAR fisso a 100 per tutti
Tabella 23 gestione biometria
(**) modalita’ semplificata dove il PIN coincide con il codice utente massimo 5 cifre

Identificazione senza lettore Mifare®


Nel file ltcom.cfg settare il parametro 34-> 10 ed il parametro 77-> 0 .
Accedere al menu biometrico e dopo avere inserito/aggiunto nuove impronte selezionare
sincronizza. Seguire le indicazioni del display. Il terminale dispone di un sistema
automatico di tipo capacitivo che avverte la presenza del dito sul sensore ed evita
l’accensione prolungata del sistema di illuminazione. La presenza prolungata del dito sul
sensore potrebbe provocare una temporanea inattivita’ dovuta alla procedura di auto-
calibrazione. In tal caso attendere ~30 secondi prima di riappoggiare il dito.

Menu biometrico
Per inserire, cancellare o modificare i templates direttamente dal terminale tutte le
funzioni sono disponibili nel menu biometrico. Lo stesso differisce se il terminale e’ in
tecnologia Mifare® oppure con disco in flash.
Per accedere al menu biometrico premere l’icona di configurazione (“conf” se
SmartClock ). Digitare la password (12345 se default) poi scorrere fino a menu
biometrico e premere Enter. E’ possibile accedere direttamente al menu biometrico
digitando la password definita dal parametro 0068 della configurazione.

Menu biometrico Mifare®


Nuovo utente
Avvicinare un badge Mifare® nuovo o formattato
Inserire da tastiera il codice numerico da associare al nuovo utente
Seguire le indicazioni del display

Technodrive SRL Arluno Milano 55


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Aggiungi impronta
Serve per aggiungere ulteriori templates ad un utente gia creato.
Avvicinare il badge Mifare® e seguire le indicazioni del display

Verifica utente
Avvicinare il badge e seguire le indicazioni del display. Verifica il corretto
funzionamento del sensore con i templates presenti nel badge.

Formatt. Mifare
Serve per formattare/cancellare un badge gia utilizzato da un nostro terminale.
Seguire le indicazioni del display.
ATTENZIONE Non rimuovere il badge durante la formattazione.

Impronte utente
Serve per visualizzare i templates presenti in un badge
Avvicinare il badge Mifare® e seguire le indicazioni del display
Utilizzare le frecce up/down

Livello FAR
E’ possibile variare il FAR di un utente. Il valore di default e’ 100. Sono ammessi valori
compresi tra 0 e 200. 200 rappresenta la massima severita’ del sistema.
Seguire le indicazioni del display

Menu biometrico con memorizzazione nel disco flash


Nuovo utente
Inserire da tastiera il codice numerico da associare al nuovo utente o passare il badge
Seguire le indicazioni del display

Aggiungi impronta
Serve per aggiungere ulteriori templates ad un utente gia creato.
Inserire da tastiera il codice numerico da associare all’utente o passare il badge
Seguire le indicazioni del display

Identifica utente
Esegue il test dell’identificazione utente
Seguire le indicazioni del display e verificare il corretto codice utente.
Importante: dopo l’inserimento/aggiunta di impronte e’ necessario lanciare la funzione
sincronizza ( presente in questo menu ) prima di testare l’identificazione.

Technodrive SRL Arluno Milano 56


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Verifica utente
Inserire da tastiera il codice numerico dell’utente o passare il badge
. Verifica il corretto funzionamento del sensore con i templates presenti nel disco flash.

Elimina utente
Elimina un utente dal disco flash locale
Inserire da tastiera il codice numerico dell’utente o passare il badge dell’utente da
eliminare .

Formattazione DB
Elimina tutti gli utenti (file *.TPL) dal disco flash locale. In caso di identificazione
eseguire la procedura di sincronizzazione (“Sincronizza DB” ).

Impronte utente
Visualizza tutti i templates di un utente presenti nel disco flash locale. I dati sono estratti
dal file relativo a quel utente.

Sincronizza DB
Questa procedura copia tutti i templates presenti nel disco flash locale nel database dei
modulo di identificazione. Questa procedura deve essere avviata dopo aver
creato/aggiunto o eliminato utenti e solo se l’identificazione viene utilizzata.
Questa procedura e’ disponibile anche via mgm con comando E0,SG_Syncro

Livello FAR
E’ possibile variare il FAR di un utente. Il valore di default e’ 100. Sono ammessi valori
compresi tra 0 e 200. 200 rappresenta la massima severita’ del sistema.
Seguire le indicazioni del display

Syncro Remote Sl
Condivide i templates del disco locale flash con i terminale slave connessi via RS485.
Deve essere caricato ltcom.rea e deve essere sommato 64 al flag ‘A’ .
Questa procedura e’ disponibile anche via mgm con comando SG_SyncroRemote

Codici errore
-1 Errore di memoria del terminale
-2 Errore funzione Enroll del sensore
-3 Errore comunicazione verso sensore
-4 Errore comunicazione dal sensore
-5 Errore richiesta ID

Technodrive SRL Arluno Milano 57


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
-6 Errore funzioni RS232 del terminale
-7 Errore di stato del sensore
-8 ID inserito non valido
-9 Errore apertura file
-10 Errore sensore biometrico
-11 File gia creato
-12 File inesistente
-13 Superato numero massimo templates
-14 Nome file errato

Technodrive SRL Arluno Milano 58


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Gestione commesse e produzione come terminale
I terminali sono predisposti per funzionare in modo OnLine con un host dedicato.
Per questa funzione il parametro #0035 della configurazione deve essere due.
Segue ora una descrizione dei comandi disponibili:

Comando 70 Gestione display


La forma generica di utilizzo e’ 70,x y string

Cmd X Y String
70 0 0 Clear display
70 0 n Emette n Beep
70 n 0 Seleziona font : 1=default 2=font13 3=times16
70 1-40 1-16 Stampa string sul display posizione x,y
Tabella 24 comando 70 per getione display

Comando 72 richiesta dati

72, mode string PosX PosY Len MenutNum

Questo comando inizia una procedura di richiesta dati.

Campo Descrizione
Mode Vedi tabella successiva
String Stringa di default(*) o elemento di default del menu a tendina o numero
badge per richiesta impronta
PosX Posizione x cursore
PosY Posizione y cursore
Len Lunghezza massima stringa o numero elementi di un menu a tendina
MenutNum Numero del menu a tendina da richiamare
Tabella 25 campi del comando 72
(*) Per inserire una stringa nulla utilizzare il carattere ‘_’ .
Esempio : 72,2 _ 1 2 6

Technodrive SRL Arluno Milano 59


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
mode =fonte input gestito a bit con la seguente codifica:

bit Peso esa. Peso dec. Descrizione


0 0x01 1 Richiesta singolo tasto
1 0x02 2 Richiesta stringa
2 0x04 4 Richiesta badge #1
3 0x08 8 Richiesta badge #2
4 0x10 16 Richiesta scanner RS232
5 0x20 32 Non usato
6 0x40 64 Richiesta menu a tendina
7 0x80 128 Conferma con input #1
8 0x100 256 Richiesta impronta (da file ltcom.tmp)
9 0x200 512 Deposito impronta (da file ltcom.tmp)

Tabella 26 codifica di mode

i vari elementi devono essere sommati per avere input da piu’ dispositivi in
contemporanea

Comando 73 esito dati


Risponde con la seguente sintassi
R SSS FFF string
• R, indica richiesta dati in corso quando risulta uno
• SSS = codice esito operazione (1, 2 o codice tasto premuto o 0 se errore)
• FFF=fonte di ingresso (vedi tabella precedente “codifica mode”)
• String contiene la stringa asci del badge o barcone o il numero della selezione dei
menu a tendina

Se viene passato “STOP” la procedura di input viene interrotta


73,STOP

Comando 74 MessageBox
74,string
Visualizza una finestra centrale sul display che mostra la stringa string con font times16.

Comando 75 Gestione rele


75,NumRele Time
Technodrive SRL Arluno Milano 60
www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
NumRele =1-2-3
Time =2-30000 durata impulso in decimi di secondo 0=spegne
1=accende

Comando 77 Modifica VP corrente


77,x1, y1, x2, y2 coordinate angolo alto sn, basso dx origine 0

Comando 78 Scrive una stringa nella finestra corrente


78,string

Comando 79 Scritta su display nella finestra attiva


79,x,y,string

Comando 7A Gestione contatori


7A,ClearCnt1 Reset contatore collegato ingresso 1

7A,ClearCnt2 Reset contatore collegato ingresso 2

7A,Read Ritorna stato contatori nnnnnnnnn nnnnnnnnn

Technodrive SRL Arluno Milano 61


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Gestione OnLine dei terminali
introduzione
Questa modalita’ differisce da quella normale in quanto alcune procedure del terminale
possono essere intercettate e condizionate dalla presenza di un server . In caso di blocco
del server e’ possibile congelare le procedure intercettate (funzione OnLine) oppure
utilizzare le tabelle interne al terminale per concludere comunque le procedure
interessate (funzione automatico). Il parametro #60 determina il modo di funzionamento.
Nel caso di comunicazioni TCP/IP la porta interessata dipende dal parametro #0050 di
ltcom.cfg.

Par. #0060 (peso) Funzione


1 Modalita’ OffLine-OnLine automatico
2 Solo OnLine
4 Abilita trasmissione spontanea (no polling) solo TCP/IP
8 Disabilita controllo accessi locale se OnLine
Tabella 27 Modalita’ OnLine

In modalita’ OffLine-OnLine automatico il terminale passa automaticamente da OnLine a


OffLine e vice versa dipendentemente dalla presenza del Server. Il passaggio a OffLine
avviene quando il server non invia messaggi al terminale per il tempo impostato nel
parametro #0058 (in decimi di secondo). All’accensione il terminale si trova in OffLine .
In modalita’ OffLine i transiti sono autorizzati direttamente dal terminale (verifica codice
impianto e tabelle controllo accessi , se abilitato) ed i testi degli avvisi per il dipendente
sono prelevati dal file ltcom.adv.
In quella OnLine i transiti sono autorizzati prima dal terminale (verifica codice impianto
e tabelle controllo accessi , se abilitato) e poi dal server mentre i testi degli avvisi per il
dipendente sono ricevuti dal server.
Quando e’ abilitata la trasmissione spontanea (solo TCP/IP) non e’ necessario gestire il
polling con il comando 50 . In questo caso il terminale invia al server spontaneamente
uno status ogni 10 secondi e comunque immediatamente dopo il verificarsi di qualsiasi
evento (ad esempio dopo aver letto un badge). Lo status e’ identico alla risposta inviata al
comando 50.

Technodrive SRL Arluno Milano 62


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Tre comandi gestiscono in modo specifico il terminale in queste condizioni.

Opt Data Risposta dal terminale Funzione


50 - ‘N’ Niente da comunicare
‘V’ + transito Transito da verificare
‘M’ + transito Transito da memorizzare
‘A’ + nbdg + type Richiesta avviso personale
51 “OK” “TnnRxeeee” Conferma transito da memorizzare
52(V) “OK” “TnnRxeeee” Conferma transito
52(V) “OK” + stringa Conferma transito e visualizza stringa
52(V) stringa Blocca transito e visualizza stringa
52(A) stringa Visualizza avviso personale

Tabella 28 Comando 50 di polling

Nota: nella risposta “TnnRxeeee” nn = numero terminale eeee=codice errore ritornato.


Nota:’A’ + nbdg + type = ‘A’ + numero badge a 9 cifre + tipo di avviso a 2 cifre

I puntatori utilizzati per gestire il buffer circolare devono essere inizializzati utilizzando il
comando 91,CLEAR.

Technodrive SRL Arluno Milano 63


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Gestione dei menu a tendina
Alcune funzioni del terminale necessitano di un file di supporto ( ltcom.mtn ) contenente i
testi dei menu’ a tendina utilizzati. Ogni singolo menu e’ contraddistinto con un numero
di menu (da 1 a n) e dal numero di elementi che lo compongono . Ogni elemento dei
menu contiene 20 caratteri al massimo. Ogni menu inizia con una riga di intestazione del
tipo :
@ NumMenu NumElementi.

Ecco un esempio di file ltcom.mtn utilizzato per la gestione della prenotazione mensa. I
numeri dei menu non devono necessariamente essere sequenziali. Notare che i testi sono
stati volutamente troncati a 20 caratteri.
;Testo per menu a tendina
@ 1 6
Spaghetti al pesto
Spaghetti in bianco
Pennette matriciana
Lasagne al forno
Ravioli ai funghi
Tagliatelle pomodoro
@ 2 6
Cotoletta alla milan
Scaloppine al marsal
Arrosto di vitello
Bistecca di manzo
Involtini della casa
Affettato misto
@ 3 6
patate fritte
Patate prezzemolate
Piselli in umido
Funghi trifolati
Covolfiori al forno
Insalata mista
@ 4 4
frutta di stagione
Torta alle mele
Budino al cioccolato
Piatto di formaggi

Technodrive SRL Arluno Milano 64


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Prenotazione della mensa
Mens Prenotazione mensa Codice #3

I terminali gestiscono sia la prenotazione che il consumo della mensa.


Per la prenotazione della mensa e’ necessario l’invio al terminale del file ltcom.mtn
contenente le descrizione dei piatti da prenotare divisi per portata. Sono richiesti i menu a
tendina #1, #2, #3, #4 corrispondenti rispettivamente ai primi, secondi contorni e frutta
(vedi capitolo precedente). Dopo aver selezionato la procedura di prenotazione mensa
con l’icona corrispondente il terminale richiede :
1. Identificazione del badge
2. Richiesta del primo piatto
3. Richiesta del secondo piatto
4. Richiesta del contorno
5. Richiesta della frutta
6. Conferma delle scelte effettuate

Se il file ltcom.mtn non comprende tutti i quattro menu, saranno considerati solo i primi
elencati nel file.
Al massimo sono possibili 10 scelte per ogni categoria .

Transiti di prenotazione mensa

Ecco un esempio di transito di prenotazione mensa.

EC5000000015012316584118020500

Il transito e’ di tipo #C
Nel campo causali sono indicate le selezioni per le quattro scelte effettuate .
Nell’esempio 0123 indicano prima scelta nei primi, seconda nei secondi, terza nei
contorni e quarta nella frutta. Al massimo si possono effettuare 10 selezioni per ogni
scelta in quanto il campo causali prevede solo valori numerici (da 0 a 9).

La procedura e’ pienamente compatibile con il funzionamento OnLine dei terminali.

Technodrive SRL Arluno Milano 65


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Consumo della mensa
CMen Consumo mensa Codice #A

Il consumo della mensa prevede solo la timbratura senza selezione di piatti.

Transiti di consumo mensa


Ecco un esempio di transito di consumo mensa.

E75000000015000016584118020500

Il transito e’ di tipo #7
Trattandosi di consumo mensa nel campo causali saranno memorizzati quattro zeri.

Controllo dei transiti di mensa


Esistono due tipi di controllo che limitano il numero delle transazioni di prenotazione e
consumo mensa.

Numero di transiti di mensa giornalieri


Il parametro #0071 della configurazione, se diverso da zero, determina il numero
massimo di transiti giornalieri di mensa (sia di consumo che di prenotazione). Il valore
massimo impostabile e’ 9.

Tempo minimo tra due transiti di mensa


Il parametro #0072 della configurazione, se diverso da zero, determina il tempo minimo
in secondi tra due transazioni di mensa (sia di consumo che di prenotazione). Il valore
massimo impostabile e’ 999999 secondi.

Technodrive SRL Arluno Milano 66


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Gestione della stampante
La stampante deve essere di tipo seriale RS232 e deve essere collegata alla porta seriale
COM2 del terminale. La velocita’ di comunicazione deve essere in accordo con il
parametro #0003 della configurazione. Il terminale non gestisce alcun controllo di flusso
con la stampante per cui la stessa deve essere configurata senza controllo di flusso.
Alcune stampanti (come la Custom Neos) non prevedono questa possibilita’ per cui
conviene abilitare il controllo Xon Ooff (anche se non gestito dal terminale).

Abilitazione della stampante


Il parametro #0029 della configurazione abilita la stampante secondo le modalita’ della
tabella seguente:

Funzione di stampa peso


Stampa scontrino in Entrata 1
Stampa scontrino in Uscita 2
Stampa scontrino in Transito 4
Stampa Messaggi Personali 8
Stampa Causali 16
Stampa selezioni effettuate alla prenotazione della mensa 32
Consumo mensa 64
Abilita taglio completo 128
Abilita taglio parziale 256
Stampa al consumo mensa le selezioni effettuale all’ultima prenotazione mensa 512
Abilita buffer stampante (per modelli Neo’s 1024
Tabella 29 Gestione della stampante

E possibile abilitare piu’ funzioni contemporaneamente sommando i relativi pesi.


Ad esempio per abilitare la stampa in entrata e in uscita con taglio totale dello scontrino
settare il parametro #0029 a 131 (1 + 2 + 128).

Technodrive SRL Arluno Milano 67


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Servizio FTP CLIENT
Il servizio FTP Client permette l’invio automatico da parte del terminale delle
transazioni e l’aggiornamento del DataBase locale verso e da un server FTP remoto.
In sostanza e’ il terminale che si connette al server, trasmette il file contenente i transiti e
riceve le tabelle di configurazione.

L’invio dei transiti dipende dallo schedulatore gestito dal terminale. Le funzioni FTP
Client dipendono dal parametro 57 della configurazione e dal file ftpccfg.dat che deve
essere creato ed inviato al terminale.

Funzione Peso
Abilitazione FTP Client 16
Abilitazione scarico tabelle 32
Tabella 30 paremetro 57 di ltcom.cfg

File di configurazione ftpccfg.dat

[FTPSERV] ftpspace.tin.it indirizzo ftp destinazione transiti


[FTPUN] technodrive login accesso ftp destinazione
[FTPPW] password password accesso ftp destinazione
[ID] test primi 4 caratteri nome file generato
[DEBUG] 1 eco messaggi su TCP/IP (Basic TCP port)
[NTRANSIT] 400 zero per disabilitare
[TIME] 60 zero per disabilitare
[PATH] test directory destinazione file su ftp
[DOWNLOAD_DELAY] 60 tempo minimo aggiornamento tabelle
[UPLOAD_TIME] 18:20 zero per disabilitare

I campi in corsivo NON devono essere riportati nel file.


Le chiavi devono essere contenute tra parentesi quadre senza spazi
Eventuali parametri non desiderati devono essere omessi
Il campo dati deve essere separato dalla chiave da uno o piu’ spazi senza caratteri di
tabulazione.

Lo scarico dati avviene quando :


• Il numero dei transiti non ancora scaricati e’ >= a NTRANSIT
• Il tempo trascorso dall’ultimo scarico (in minuti) supera TIME
ed il terminale contiene almeno un transito non scaricato

Technodrive SRL Arluno Milano 68


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
• Ore e minuti coincidono con quanto indicato da
UPLOAD_TIME ed il terminale contiene almeno un transito non
scaricato

File generati
Ogni scarico genera e trasmette un file con nome univoco. Il nome e’ composto da
quattro caratteri presi da ftpccfg.dat [ID] seguiti da un codice numerico a quattro cifre e
suffisso .trn (esempio test0000.trn, test0001.trn ecc. )
Il formato dei record e’ identico a ltcom.trn
L’ultima riga contiene nome del file e numero di record trasmessi . I primi quattro
caratteri del nome file sono sostituiti da quattro ‘x’.

Segue esempio di un file generato contenente 2 transiti.

E14002000003000010254425100701
E14002000003000012454425100701
xxxx0090.trn 00000032 000005f6

Aggiornamento del DataBase


Il terminale scarica dal server tutti i file ltcom.* ad eccezione di ltcom.log e ltcom.trn
sovrascrivendo quelli presenti nel DataBase locale. Se la scrittura del file non ha riportato
errori il file remoto presente nel server viene cancellato . Tutte le operazioni intercorse
vengono riportate in ltcom.log e tale file viene poi trasmesso al server. I due file di
sistema che causano la ripartenza del terminale(ltcom.cfg e ltcom.mem) sono processati
per ultimi e solo uno dei due viene processato per scarico. Il periodi di scarico dipende
dal parametro DOWNLOAD_DELAY (in secondi) di ftpccfg.dat .

Technodrive SRL Arluno Milano 69


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Gestione modem GPRS
Il modem GPRS (opzionale) permette l’invio automatico da parte del terminale delle
transazioni ad un indirizzo FTP. La carta SIM deve essere abilitata al servizio GPRS.
L’invio dei transiti dipende dallo schedulatore gestito dal terminale. Le funzioni GPRS
dipendono dal parametro 57 della configurazione e dal file gprscfg.dat che deve essere
creato ed inviato al terminale.

Funzione Peso
Abilita modem GPRS 1
Disconnessione dopo ogni scarico 2
Tabella 31 paremetro 57 di ltcom.cfg

File di configurazione gprscfg.dat

[APNSERV] web.omnitel.it Server operatore telefonico


[APNUN] login accesso al server
[APNPW] password accesso al server
[FTPSERV] ftpspace.tin.it indirizzo ftp destinazione transiti
[FTPUN] technodrive login accesso ftp destinazione
[FTPPW] password password accesso ftp destinazione
[ID] Test primi 4 caratteri nome file generato
[DEBUG] 1 eco messaggi su TCP/IP (Basic TCP port)
[NTRANSIT] 400 zero per disabilitare
[TIME] 60 zero per disabilitare
[PATH] test directory destinazione file su ftp
[MAX_FAULT] 1 zero per disabilitare
[UPLOAD_TIME] 18:20 zero per disabilitare

I campi in corsivo NON devono essere riportati nel file.


Le chiavi devono essere contenute tra parentesi quadre senza spazi
Eventuali parametri non desiderati devono essere omessi
Il campo dati deve essere separato dalla chiave da uno o piu’ spazi senza caratteri di
tabulazione.

Lo scarico dati avviene quando :


• Il numero dei transiti non ancora scaricati e’ >= a NTRANSIT
• Il tempo trascorso dall’ultimo scarico (in minuti) supera TIME
ed il terminale contiene almeno un transito non scaricato
Technodrive SRL Arluno Milano 70
www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
• Ore e minuti coincidono con quanto indicato da
UPLOAD_TIME ed il terminale contiene almeno un transito non
scaricato
• Scarico manuale tramite funzione speciale C.

MAX_FAULT definisce il numero massimo di tentativi di connessioni . Se superato il


terminale interrompe lo scarico GPRS fino alla mezzanotte successiva o al riavvio dello
stesso oppure allo scarico manuale tramite la funzione speciale C ..

File generati
Ogni scarico genera e trasmette un file con nome univoco. Il nome e’ composto da
quattro caratteri presi da gprscfg.dat [ID] seguiti da un codice numerico a quattro cifre e
suffisso .trn (esempio test0000.trn, test0001.trn ecc. )
Il formato dei record e’ identico a ltcom.trn
L’ultima riga contiene nome del file, numero di record trasmessi e checksum a 32 bit
calcolato sommando tutti i byte trasmessi.
Segue esempio di un file generato contenente 2 transiti.

E14002000003000010254425100701
E14002000003000012454425100701
Test0090.trn 00000032 000005f6

Technodrive SRL Arluno Milano 71


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Gestione degli ingressi digitali
Il parametro #0064 di ltcom.cfg definisce il funzionamento dei due ingressi digitali
disponibili nei terminali

Parametro #0064 (peso)_ Funzione abilitata


1 Beep su ingresso #1
2 Beep su ingresso #2
4 Memorizza transito su ingresso #1 di tipo ‘D’ e badge 1
8 Memorizza transito su ingresso #2 di tipo ‘D’ e badge 2
16 Ingresso 1 normalmente chiuso (NC)
32 Ingresso 2 normalmente chiuso (NC)
Tabella 32 Gestione degli ingressi

Technodrive SRL Arluno Milano 72


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Operazioni con badge Master
E’ possibile definire un badge master per accedere a procedure di carattere riservato . Il
codice del badge master e’ definito dal parametro #0062 della configurazione.
Utilizzando il badge master si accede al menu’ seguente:

1. Visualizzazione transiti
2. Stampa mensile
3. Ristampa ticket

Visualizzazioni transiti
Permette di visionare sul display i transiti di un badge o di tutti i badge (se il numero
impostato e’ zero). Con le frecce e’ possibile navigare in tutta la memoria transiti del
terminale. CLEAR conclude la procedura. Questa procedura visualizza tutti i tipi di
transito in memoria.

Stampa mensile
Permette la stampa di tutti i transiti mensili di un badge. Vengono richiesti numero badge
e mese preso in considerazione. Vengono stampati fino a otto transiti per giorno. Sono
presi in considerazione solo i transiti di presenze.

Ristampa ticket
Consente la stampa di transazioni gia effettuate. Inizialmente viene richiesto il numero di
badge ed in seguito il tipo di transito da prendere in considerazione. Con ENTER e’
possibile stampare le transazioni piu’ vecchie. Con CLEAR si conclude la procedura. E’
necessario abilitare la stampante (parametro #0029 della configurazione) in accordo con
la tabella del capitolo precedente.

Technodrive SRL Arluno Milano 73


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Gestione badge Mifare® ISO14443A
Il parametro 77 della configurazione abilita e determina le funzionalita’ del lettore
Mifare® integrato.

Peso funzione
1 Abilita lettore Mifare
2 Utilizza numero seriale univoco come numero matricola
4 Abilita le funzioni di programmazione (tabella seguente)
8 Non protegge i badge dopo la programmazione

Tabella 33 funzione parametro 77

Alcuni comandi sono disponibili per la gestione di badge Mifare® .


Nei terminali con lettore biometrico e supporto Mifare i badge sono programmabili
direttamente dal menu biometrico.

Comando Effetto
FA,CLEAR Cancella tutta la memoria del badge
FA,PROGRAM nbadge Scrive il numero di badge nbadge in accordo con
la struttura dati Technodrive in modo che lo stesso
sia interpretato come numero di matricola dal
terminale. nbadge e’ un valore numerico massimo
9 cifre. E’ possibile utilizzare questo comando solo
se il badge e’ nuovo o cancellato. La struttura
viene scritta nel blocco zero.
FA,WRITE nBlk sData Scrive la stringa di caratteri sData nel blocco nBlk
del badge. sData deve avere lunghezza fissa di 16
caratteri. nBlk e’ un interi compreso tra uno e
MaxBlk.
FA,READ nBlk Ritorna il contenuto del blocco nBlk. nBlk e’ un
interi compreso tra uno e MaxBlk.
FA,ENQUIRY Ritorna alcuni parametri tipici del badge.
Numero seriale univoco 10 cifre
Numero massimo di blocchi MaxBlk 3 cifre
Numero di badge 9 cifre
Codice impianto 9 cifre

Tabella 34 Comandi programmazione badge

Technodrive SRL Arluno Milano 74


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Gestione indicatori RC3200
Si tratta di un sistema modulare composto da moduli (denominati RC3200) comprendenti
32 led a tre colori e relative tasche per l’alloggiamento di un’etichetta. I moduli RC3200
sono collegati via RS485 alla porta COM4 dei terminali. Lo stato del led indica l’ultima
transazione di un dipendente. Gli stati possibili sono Rosso per entrata, verde per uscita e
giallo per transito.

Configurazione
Il primo modulo deve essere configurato con ID=1 ed i successivi con ID 2,3 ecc.
La velocita’ dei moduli deve essere configurata in accordo con quella della COM4 del
terminale.
L’abbinamento matricola/led e’ rappresentato dal file ltcom.blk . Ecco un esempio:
;badge commento
000000003 ABCDEFGHIJKLMNOP
000000005 AAAAAAAABBBBBBBB
000000008 C@@@@@@@@@@@@@@@
000000009 ABC@ZZZZZZZZZZZZ

Il campo denominato “commento” associa un numero di led ad ogni RC3200. Al


massimo sono previsti 16 RC3200. La colonna dal campo “commento” identifica l’ID del
RC3200 ; il carattere asci indica il numero del led dove ‘A’=1 , ‘B’=2 , ‘\’=28 ecc.
secondo la normale sequenza asci. Nell’esempio il badge 000000003 influenza il led 1
nel RC3200 con ID=1, il led 2 ID=2, il led 16 nel RC3200 con ID=16.

Dip5 Dip4 Dip3 Dip2 Dip1 ID


0 0 0 0 1 01
0 0 0 1 0 02
. . . . . .
1 1 1 1 1 32
Tabella 35 Selezione indirizzo RC3200

Dip7 Dip6 Speed


0 0 4800
0 1 9600
1 0 19200
1 1 38400
Tabella 36 Selezione velocita’ RC3200
Dip8 = 0 normale Dip8 = 1 startup

Technodrive SRL Arluno Milano 75


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Ripristino di emergenza
Nel caso risultasse impossibile ripristinare la comunicazione con il terminale e’ possibile
avviare lo stesso in modalità provvisoria. Per fare cio’ riavviare il terminale tenendo
premuto il tasto ENTER.

Per riavviare il terminale esistono tre modalità :

1) Togliere e ridare alimentazione al terminale (staccando la batteria)


2) Premere contemporaneamente i due tasti nascosti
3) Premere DEL per almeno 7 secondi

Durante la modalita’ provvisoria il display visualizza i parametri di configurazione ma il


terminale comunica con quelli di fabbrica.

IP 192.168.0.1 porta 4660 Com1 19200 Id = 1

In questa modalita’ e’ possibile trasmettere o ricevere file.

Ripristino configurazione di fabbrica


Durante la modalità provvisoria premere il tasto 5 e poi digitare la password richiesta e
quindi confermare. Questa procedura ripristina i file ltcom.cfg e ltcom.mem con i valori di
fabbrica. Per conoscere la password contattare Technodrive.

Technodrive SRL Arluno Milano 76


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Operazioni privilegiate
Alcune operazioni come ad esempio l’invio del logo sono protette da una speciale
password definibile una sola volta. La password NON deve contenere spazi.

Password distributore
La password distributore abilita alcune funzioni particolari come la memorizzazione del
logo per il display.
• E’ possibile memorizzare la password una sola volta.
• La password deve essere composta da 8 caratteri alfanumerici.

Per impostare la password usare la sintassi:

FC, SPassWd password

Chiave distributore
La chiave distributore serve per legare i terminali al software
• E’ possibile memorizzare la chiave una sola volta.
• La chiave deve essere composta da 8 caratteri alfanumerici.

Per impostare la password usare la sintassi:


FC, SPassKey password

ATTENZIONE: e’ permesso un solo inserimento della password e della chiave. In caso


di errore il terminale deve essere riconfigurato dalla fabbrica.

Se la password distributore non e’ stata ancora inserita, una qualsiasi password con
lunghezza 8 caratteri sara’ ritenuta valida.

Verifica password
Per abilitare alcune funzioni occorre preventivamente autorizzare le stesse verificando la
password distributore. Per fare cio’ usare la sintassi:

FB, SPassWd password

Technodrive SRL Arluno Milano 77


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Nota Ogni comando privilegiato che richiede la password distributore, disabilita la
stessa dopo l’esecuzione. Cio vuol dire che per eseguire piu’ comandi di questo tipo
occorre verificare la password prima di ogni comando.

Logo alfanumerico (scritta fissa sul display)


E’ possibile inserire una scritta fissa sulla la riga inferiore del display. Questa funzione e’
disponibile anche per i terminali con display grafico e la scritta compare sotto l’area
riservata al logo.

Per inserire la scritta occorre prima verificare la password distributore e poi inviare il
seguente comando:

11,LcdLabel string
dove string e’ una stringa di lunghezza compresa tra 7 e 20 caratteri (16 per SmartClock
e MiniClock++).

Per disabilitare la funzione inviare una stringa con meno di sei caratteri.

Rilettura della chiave e del MacAddress


Il comando che segue serve per leggere il MacAddress e la chiave memorizzate nel
terminale.
F6,ReadMcKey

Protezione dei terminali


Per legare i terminali al propio software
1. Rileggere dal terminale il MacAddress con il comando F6,ReadMcKey
2. Creare una qualsiasi password a 8 cifre alfanumeriche
3. Creare una chiave a 8 cifre alfanumeriche dipendente dalla password e dal
MacAddress utilizzando un algoritmo segreto da non divulgare
4. Inviare al terminale sia la password che la chiave creata
5. Per verificare leggere dal terminale MacAddress e chiave e verificare poi la
corretta dipendenza della chiave dalla password utilizzando l’algoritmo utilizzato
in precedenza. Ovviamente la password non e’ rileggibile dal terminale.

Technodrive SRL Arluno Milano 78


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Controllo dello stato della porta
E’ possibile monitorare lo stato della porta gestita dal terminale . Questa funzione
permette di verificare che la porta non rimanga aperta oltre un tempo impostabile oppure
che la stessa non venga aperta senza l’autorizzazione del terminale (apertura forzata).

L’ elettroserratura deve essere gestita dal rele #1 del terminale mentre un indicatore di
porta aperta deve essere connesso tra l’INPUT1 e GND . Il contatto dell’indicatore deve
essere senza potenziale e di tipo NC (contatto chiuso a porta chiusa).

Il parametro #73 della configurazione determina il tempo (in decimi di secondo) massimo
di porta aperta mentre il parametro #74 determina le modalita’ di funzionamento secondo
la seguente tabella.

Funzione Peso
parametro #74
Abilitazione buzzer locale in caso di allarme 1
Abilitazione scatto rele #2 in caso di allarme 2
Memorizzazione transito tipo 8 in caso di allarme 4
In caso di apertura forzata della porta l’allarme inizia solo dopo il tempo 8
impostato nel parametro #73 della configurazione

Tabella 37 Gestione stato della porta

Il valore da attribuire al parametro #74 si ottiene sommando i pesi delle funzioni


desiderate.

Se “Memorizzazione transito tipo 4” e’ attivo, in caso di allarme viene memorizzato un


transito di tipo 4 con numero badge e causale uguale a zero.

La situazione di allarme viene sempre interrotta dopo la chiusura della porta.

Technodrive SRL Arluno Milano 79


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Personalizzazione grafica display WebClock-Due
Il terminale WebClock-due permette alcune personalizzazioni grafiche del display LCD a
colori TFT VGA (640 x 480 pixel a 65536 colori.

Variazione background (sfondo del display)


Deve essere creato un file ( screen.bmp ) di tipo bmp a 16 o 24 bit - 640 x 480 pixel ed
inviato al terminale (tfile,screen.bmp). In assenza o in caso di file invalido il colore di
sfondo e’ blu.

Icone per richiamo alle funzioni speciali

E’ necessario creare un file per ogni icona da visualizzare ( icoXX.bmp ) dove XX e’ il


numero progressivo dell’icona. I files sono di tipo BMP a 16 o 24 bit di qualsiasi
dimensione.
I files creati devono essere inviati al terminale.

E necessario creare un file ( vgacfg.dat ) ed inviarlo al terminale.


Ecco un esempio :

[ICO01] 5 300 1
[ICO02] 150 300 2
[ICO03] 300 300 3
[ICO04] 450 300 4
[TIME_DATE] 30 50 07E0

Le prima quattro righe specificano le propieta’ di quattro icone.


La chiave tra parentesi quadre indica il file bmp di riferimento es. [ICO01]
Seguono le coordinate x y ed il codice della funzione speciale da richiamare; le
coordinate x,y hanno origine uno e si riferiscono all’angolo in alto a sinistra dell’icona.

Posizione e colore di data e ora

L’ultima riga del file di esempio determina la posizione (x y) ed il colore dei font
utilizzati per data e ora. Il colore e’ espresso in esadecimale ed indica il colore RGB a 16
bit.

Technodrive SRL Arluno Milano 80


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Programmazione con Basic
L’interprete basic presente di serie nei terminali permette la personalizzazione del
funzionamento. La procedura scritta in Basic e’ attiva sempre o solo dopo la pressione di
un tasto icona.
Il parametro #0035 della configurazione definisce la modalita’ di funzionamento del
Basic.

Parametro #0035 Funzione


1-6 Basic attivo con selezione funzione #7
4 Debugger con terminale TCP/IP
5 File main.bas attivo all’accensione
Tabella 38 Funzione Basic

Debugger
Per iniziare lo sviluppo di programmi basic settare il par. #35 di ltcom.cfg a #0004 e
connettersi al terminate via TCP/IP con un applicativo tipo HyperTerminal. L’indirizzo
IP e la porta dipendono dai parametri #0045 e #0051 di ltcom.cfg .
Un messaggio di Hello… dovrebbe essere visualizzato su HyperTerminal.
I comandi disponibili sono :

Comando Funzione
NEW Inizializza tutta la memoria Basic
LOAD “filename.bas” Carica un programma dal file filename.bas
SAVE “filename.bas” Salva il programma nel file filename.bas
RUN Lancia il programma filename.bas
DO RENAME Cambia la numerazione dell righe con passo 10
DO NUM Applica i numeri di riga
DO UNNUM Elimina i numeri di riga
DIR “*.*” Visualizza tutti i files sul disco del terminale
KILL “filename” Cancella il file filename
COPY “file1”,”file2” Copia il file file1 su file2
NAME “file1” as “file2” Rinomina file1 come file2
Tabella 39 Comandi da consolle basic
I comandi LOAD , SAVE e DIR operano sul disco flash interno del terminale. Per
trasferire i files da e per il terminale utilizzare LTCom oppure connettersi con FTP.

Technodrive SRL Arluno Milano 81


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Il file contenente il programma Basic attivo all’avvio oppure con la pressione del tasto
icona #7 deve essere chiamato MAIN.BAS.

Gestione dei files


Il terminale supporta alcuni file dedicati alla gestione delle porte di comunicazione seriali
e Ethernet. I files attualmente supportati sono :

File Funzione
COM1: Porta seriale com1
COM2: Porta seriale com2
COM3: Porta seriale com3
COM4: Porta seriale com4
BDG1: Badge #1
BDG2: Badge #2
ETHR: Porta Ethernet TCP/IP

Tabella 40 File basic dedicati


Per utilizzare questi file utilizzare la normale sintassi basic . Per esempio per utilizzare la
COM1 aprire il file nella forma
OPEN “COMn: for input as #n (for random o for output ).
Scrivere con il comando PRINT #n, … e leggere con i comandi INPUT #n, … o LINE
INPUT #n, …

Technodrive SRL Arluno Milano 82


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Comandi e funzioni dedicate
Comando/funzione Ruolo
GETCH () Ritorna il valore del tasto correntemente premuto. Zero =
nessun tasto
SCAN () Attende la pressione di un tasto e ne ritorna il valore
FONT n Seleziona il fon corrente. n=1-3
INPUT$ (mode, x, y, len, Input da una o piu’ fonti
num)
SLEEP count Ritardo di count msec
BEEP count Emette count beep
RELE numrele,time Scatta il rele numrele per time in dec/sec (time=1 ON
0=OFF) . Se numrele = 4 / 5 attiva led rosso / verde
TIMER () Ritorna il numero di secondi dall’accensione del terminale
DINPUT(input) Ritorna lo stato dell’ingresso input
LCDHOLD mode Blocca / sblocca il rinfresco del display (mode=1 , 0)
ASKFORBDG$(n) Chiede la tessere (n=1 badge 1 2=badge2 3 entrambi)
MENUT(NumMenu, ritorna zero se parametri fuori limite oppure numero
BarPnt, PagPnt) selezione corrente. La funzione non e’ bloccante .
GETMEM(n) ritorna il valore di una cella di memoria statica n 1-20 (19
e 20 sono contatori)
SETMEM n,value Imposta il valore di una cella di memoria (19 e 20 sono
contatori)
GOTOXY x, y Sposta il cursore del display alla posizione x,y
LCLCLEAR o CLS Cancella il display
MBOX var$ Visualizza una messagebox con var$
STORETRN var$ Memorizza un record nel file ltcom.trn. var$ deve essere
solo numerica e di lunghezza fissa 26 caratteri.
BACKLIGHT mode Accende / spegne la backlight del display
LASTFTP$ (mode) Ritorna ora ultimo accesso FTP (mode=0) o ora ultimo
accesso TCP (mode=1)
MGMSG$ (var$) Emula un comando remoto verso il terminale.
SETVP x1, y1, x2, y2 Determina dimensioni menu a tendina
SETPX x, y ,OnOff Accende/spegne un pixel sul display
MOVETO x , y Sposta il cursore grafico sul display
LINETO x , y Traccia una linea sul display dal cursore a x, y
READTRN$( bdg$ , n ) Ritorna (l’ultimo – n) transito del badge bdg$ ; n=0
ritorna il transito + recente
CHECKTRN( bdg$) Processa il badge bdg$ con il controllo accessi locale in
accordo con il parametro 34 di ltcom.cfg. Ritorna l’errore
RS485$(Cmd,ID) Trasmette comando Cmd al terminale slave ID su COM4
Technodrive SRL Arluno Milano 83
www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Technodrive SRL Arluno Milano 84
www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Comandi TD1356
Da Basic e’ possibile gestire il lettore locale a 13.56 Mhz.
L’unica funzione disponibile e’ TD1356$ ( string$ ) .
string$ ha il formato generico xxdata dove xx e’ il comando e data e’ il campo dati.
Il comando xx e’ un codice numerico a due cifre
Il campo data e’ una stringa di caratteri asci dove ogni coppia di caratteri rappresenta un
valore esadecimale. Per esempio 30313241 corrisponde alla sequenza di byte
0x30,0x31,0x32,0x41 ed alla stringa asci “012A” .

Comando Descrizione Campo data Ritorno


10 Enquiry Nessuno SSSSKN o
error
11 Lettura di un blocco NumBlk 16 byte
12 Scrittura di un blocco NumBlk + 16 byte Error
13 Cambia una chiave (KeyA) NumSect+OldKey+NewKey Error
14 Cambia tutte le chiavi OldKey+NewKey Error
(KeyA)
15 Cambia chiave lettore NewKey Error
16 Legge chiave lettore Nessuno Key
17 Reset lettore td1356 Nessuno Nessuno
Tabella 41 Comandi disponibili per 1356
NumBlk=numero blocco a 2 cifre esadecimali 00-FF
OldKey NewKey Key= chiave espressa in 6 byte (12 cifre)
SSSS=numero seriate tessera univoco
N=numero di blocchi disponibili
K=tipo di protocollo

Ecco un esempio di scrittura e rilettura del blocco zero

10 cls
20 print "programmazione di un badge 13.56"
30 risp$=td1356$("10")
40 print risp$
50 risp$=td1356$("120031323334353637383940414243444546")
60 print risp$
70 risp$=td1356$("1100")
80 print risp$

Technodrive SRL Arluno Milano 85


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Comandi e funzioni standard

ABS( number )
ASC( string$ )
ATN( number )
CALL subroutine-name
CASE ELSE | IF partial-expression | constant
CHR$( number )
CINT( number )
CLEAR
CLOSE [[#]file-number]...
CLS
COS( number )
CSNG( number )
CVD( string$ )
CVI( string$ )
CVS( string$ )
DATA constant[,constant]...
DATE$
DEF FNname(arg...)] = expression
DEFDBL letter[-letter](, letter[-letter])...
DEFINT letter[-letter](, letter[-letter])...
DEFSNG letter[-letter](, letter[-letter])...
DEFSTR letter[-letter](, letter[-letter])...
DELETE line[-line]
DIM variable(elements...)[variable(elements...)]...
DO [WHILE expression]
ELSE
ELSEIF
END IF | FUNCTION | SELECT | SUB
EOF( device-number )
ERASE variable[, variable]...
ERL
ERR
ERROR number
EXP( number )
FIELD [#] device-number, number AS string-variable [, number AS string-variable...]
FILES filespec$
FUNCTION
FOR counter = start TO finish [STEP increment]
GET [#] device-number [, record-number]
Technodrive SRL Arluno Milano 86
www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
GOSUB line | label
GOTO line | label
HEX$( number )
IF expression THEN [statement [ELSE statement]]
INPUT [# device-number]|[;]["prompt string";]list of variables
INSTR( [start-position,] string-searched$, string-pattern$ )
INT( number )
KILL file-name
LEFT$( string$, number-of-spaces )
LEN( string$ )
LET variable = expression
LINE INPUT [[#] device-number,]["prompt string";] string-variable$
LIST line[-line]
LOAD file-name
LOC( device-number )
LOCATE line, column
LOF( device-number )
LOG( number )
LOOP [UNTIL expression]
LSET string-variable$ = expression
MID$( string$, start-position-in-string[, number-of-spaces ] )
MKD$( number )
NAME old-file-name AS new-file-name
NEW
NEXT [counter]
OCT$( number )
ON variable GOTO|GOSUB line[,line,line,...]
ON ERROR GOSUB line/label
OPEN "O"|"I"|"R", [#]device-number, file-name [,record length] file-name FOR
INPUT|OUTPUT|APPEND AS [#]device-number [LEN = record-length]
OPTION BASE number
PRINT [# device-number,][USING format-string$;] expressions...
PUT [#] device-number [, record-number]
QUIT
RANDOMIZE number
READ variable[, variable]...
REM string
RESTORE line
RETURN
RIGHT$( string$, number-of-spaces )
RND( number )
Technodrive SRL Arluno Milano 87
www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
RSET string-variable$ = expression
RUN [line][file-name]
SAVE file-name
SELECT CASE expression
SGN( number )
SIN( number )
SPACE$( number )
SPC( number )
SQR( number )
STOP
STR$( number )
STRING$( number, ascii-value|string$ )
SUB subroutine-name
SWAP variable, variable
TAN( number )
TIME$
TIMER
TROFF
TRON
VAL( string$ )
WEND
WHILE expression
WRITE [# device-number,] element [, element ]....

Tabella 42 Comandi basic standard

Technodrive SRL Arluno Milano 88


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Aggiornamento del firmware
I terminali permettono l’aggiornamento del firmware via FTP, TCP/IP e porta seriale
RS232/485.

Il file FC_536.LDR , fornito dalla Technodrive srl, contiene il firmware che e’ comune a
tutti i modelli di terminali con core 536; esso si adatta automaticamente a tutti i terminali.
Il firmware e’ aggiornabile sia tramite WLTCom.dll che FTP.

Per aggiornare con WLTCom.dll usare il comando TX536 oppure inviare il file al
terminale con il comando tfile,nomefile e quindi riavviare il terminale.

Se per qualsiasi ragione il trasferimento dovesse bloccarsi, il terminale restera’ in


modalita’ di startup. Lanciare nuovamente il conmando TX536 che e’ attivo anche in
questa modalita’.

Per aggiornare con FTP e’ sufficiente inviare il file FC_536.LDR e quindi fare ripartire il
terminale.

Programma di StartUp
StartUp e’ un firmware sempre residente ed aggiornabile solo in fabbrica. Il suo scopo e’
quello di permettere il caricamento del firmware finale in qualsiasi condizione.
All’accensione del terminale il controllo del programma viene sempre passato al
programma di StartUp il quale, in condizioni normali, trasferisce poi il controllo al
firmware finale. Se esso non e’ presente o e’ difettoso, lo startup permette di comunicare
comunque e quindi di trasferire il firmware finale al terminale. Esistono due modalita’ di
StartUp :
1. StartUp di root o modo #0
2. StartUp normale o modo #3

Il primo ripristina tutti i parametri di comunicazione con i valori di fabbrica (vedi tabella)
mentre il secondo utilizza i parametri di comunicazione esistenti del terminale. Il primo
caso e’ utile quando il terminale e’ nuovo o quando non si vogliono utilizzare i parametri
in memoria.

Par # funzione Valore di default


0001 Numero terminale Com1 (Id) 01
0002 Velocita’ Com1 19200
0045 Indirizzo IP del terminale 192.168.0.1

Technodrive SRL Arluno Milano 89


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
0046 NetMask del terminale 255.255.255.0
0049 Porta TCP locale 4660
0052 Interfaccia ethernet 0
Tabella 43 Parametri comunicazione di defaul
All’accensione, tenendo premuti una coppia di tasti (vedi tabella) e’ sempre possibile far
si che il terminale si avvii in modalita’ di StartUp

Modo MiniClock+ NetCloc WebCloc FingerCloc SmartCloc SilverCloc


StartU + k k k k k
p
Root Del+1 Del+0 Del+0 Del+0 Del+4 Del+0
Normal Del+6 Del+5 Del+5 Del+5 Del+2 Del+5
e
Tabella 44 Combinazione di tasti per attivare lo startup all’accensione
Anche i comandi 90,0 e 90,3 portano il terminale in stato di StartUp root e StartUp
normale rispettivamente.
Per passare dalla modalita’ di StartUp a quella normale premere ENTER.

Technodrive SRL Arluno Milano 90


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Testine serie MBR11
Si tratta di un’unita’ compatta completa di due led di segnalazione, buzzer , rele , due
ingressi digitali e interfaccia di comunicazione RS485.
E’ disponibile con lettore magnetico, RFID 125 Khz e RFID 13.56 Mhz.
Supporta quattro modalita’ di funzionamento

1. Verifica del solo codice impianto


2. Verifica del solo codice impianto + gestione di white-list
3. Funzionamento OnLine comandata da concentratore
4. Verifica del solo codice impianto con trasmissione immediata del codice

Configurazione
La testina deve essere configurata con LTCom via porta seriale RS485. E’ necessario
dotarsi di un convertitore RS232/RS485 . In alternativa e’ possibile utilizzare un qualsiasi
terminate Technodrive dotato di interfaccia Ethernet abilitando la funzione “BRIDGE”.
Per la funzione “BRIDGE” fare riferimento relativo paragrafo di questo manuale .
La configurazione dipende dal file ltcom.cfg che puo essere letto/scritto con i comandi
rxconfig/txconfig oppure rfile,ltcom.cfg/tfile,ltcom.cfg .
Solo i parametri in neretto sono utilizzati; i rimanenti sono riservati per future
implementazioni.

;main configuration file


0001 Numero termin. 01-99 1
0002 Vel. COM1 1200-57600 19200
0003 Vel. COM2 1200-57600 9600
0004 Timeout tastiera 0-99 0
0005 Tempo rele Ing. 0-99 20
0006 Tempo rele Usc. 0-99 20
0007 St.cod. impianto 1-40 1
0008 Ln.cod.impianto 0-12 0
0009 St.cod. tessera 1-40 1
0010 Ln.cod. tessera 1-9 9
0011 Codice impianto
0012 Contr.BackLight 1
0013 Abilitazione sirene 1
0014 Inver.testina 0-1-2-3 0
0015 Gestione sense trans. 1
0016 Controllo fase timbr 0
0017 TimeOut timbr. sec. 0
0018 Gestione causali 0
0019 Abil.vis badge 1-6 3
0020 Password configuraz. 12345

Technodrive SRL Arluno Milano 91


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
0021 Gestione stampante 0
0022 Controllo messaggi 0
0023 Tempo messaggi dec/sc 30
0024 Ritardo trasmiss. mS 5
0025 Abilitazione Accessi 0
0026 1=C.Imp 2=List 3=Cnt 1
0027 Forza mess.di allerta 0
0028 Tipologia testine 1&2 0
0029 Allarme porta aperta 0
0030 Tempo Mess.err. Dec/S 30
0031 Compatibilita' varie 0
0032 gestione rele 0
0033 Badge master 0
0034 Tempo Max.porta apert 0
0035 Controllo porta apert 0
0036 Gestione mifare(R) 0
0037 Tempo attesa concentr 100

Se i Dip 1-6 sono tutti OFF durante i primi 5 secondi dopo l’accensione il terminale
utilizza i parametri di configurazione di default (speed=19200 id=1 ritardo
trasmissione=5 ) rendendo sempre possibile la comunicazione. In questa modalita’ i due
led lampeggiano tre volte al secondo.

Verifica del solo codice impianto


Il parametri 26 a uno abilita questa modalità. Occorre configurare i parametri 5-11 .
L’unica verifica effettuata e’ quella del codice impianto. Il led verde lampeggia ogni 1.5
secondi durante l’attesa del badge.

Verifica del solo codice impianto + gestione di white-list


Il parametri 26 a due abilita questa modalità. Occorre configurare i parametri 5-11 e 33 .
Il led verde lampeggia ogni 1.5 secondi durante l’attesa del badge.
In questa modalita’ vengono accettati solo i badge presenti nella white-list.
Per entrare in modalita’ di programmazione (gestione white-list) occorre prima definire
un badge master (parametro 33 di ltcom.cfg). Poi, passando il badge master si entra in
programmazione , fase indicata dal lampeggio del led rosso ogni 0.5 sec. In questa fase e’
possibile abilitare/disabilitare i badge passandoli nella testina. Se il badge viene abilitato
si accende il led verde mentre se disabilitato si accende il rosso. Per uscire dalla
programmazione passare nuovamente il badge master.
Al massimo si possono abilitare 250 badge. Per cancellare tutti i badge abilitati e’
possibile utilizzare il comando 40,CLEAR da LTCom.

Technodrive SRL Arluno Milano 92


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Funzionamento OnLine con concentratore
Il parametri 26 a tre abilita questa modalità. Occorre configurare i parametri 5-11 .
Il led verde lampeggia ogni secondo durante l’attesa del badge.
In questa modalita’ il consenso del transito viene generato dal concentratore. Dopo aver
passato un badge, la testina attende il consenso dal concentratore : fase indicata dal
lampeggio di entrambi i led ogni secondo. Il tempo massimo di attesa e’ definito dal
parametro 37 di ltcom.cfg. Allo scadere del tempo il transito viene annullato senza alcuna
segnalazione. Per ulteriori informazioni sul funzionamento del concentratore fare
riferimento al capitolo controllo accessi. Si ricorda comunque che per il funzionamento
solo presenze e’ sufficiente inviare al concentratore il file ltcom.rea con il flag ‘A’ a zero
mentre per gestire un controllo accessi servono anche i files ltcom.bdg, ltcom.mdl e
ltcom.tba. Inoltre il parametro 28 di ltcom.cfg del concentratore deve indicare il numero
di terminali connessi alla porta COM4 dello stesso.

Trasmissione diretta del badge


Il parametri 26 a quattro abilita la trasmissione del codice badge in modo automatico
dopo ogni passaggio . Viene verificato il solo codice impianto (se il parametro 8 e’
diverso da zero). La trasmissione e conforme al protocollo TV.
STX ID SENSE-DATA CS OD.
Ecco un esempio : 2-123456789012000001ò.
SENSE =’1’ per Uscita e ‘2’ per entrata.
DATA contiene tutti i dati memorizzati nel badge (max.40 caratteri)

Aggiornamento del firmware


1. Connettere la testina al PC con un convertitore RS232/RS485.
2. Lanciare LTCom
3. Verificare la comunicazione con il comando 03 che ritorna la versione del
firmware
4. Settare numero terminale 1 e velocita’ 19200 sia in LTCom che nella testina
5. Disabilitate TDProt (se abilitato)
6. Copiare il firmware (mbr2006.s19) nella cartella di LTCom
7. Lanciare il comando TXS19,mbr2006.s19

Technodrive SRL Arluno Milano 93


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Dip-switch
Attenzione: per rendere effettiva l’impostazione da DipSwitch e’ necessario spegnere e
riaccendere il terminale.

Dip Funzione attribuita


10 inserisce una resistenza di terminazione da 100 ohm
9 Attiva modalita’ di startup (recupero di emergenza)
7-8 Selezione velocita’ 2400-9600-19200-38400
1-6 Selezione indirizzo ID 1-63
Tabella 45 DipSwitch lettore MBR11

Dip8 Dip7 Speed


0 0 2400
0 1 9600
1 0 19200
1 1 38400
Tabella 46 Lettore MBR11 Selezione Velocita’

Dip6 Dip5 Dip4 Dip3 Dip2 Dip1 ID


0 0 0 0 0 0 Valore ID e Speed da Ltcom.cfg
0 0 0 0 0 1 ID=1
0 0 0 0 1 0 ID=2
0 0 0 0 1 1 ID=3
1 1 1 1 1 1 ID=63
Tabella 47 Lettore MBR11 Selezione ID

Nota:
Se i Dip 1-6 sono tutti a OFF tutti i Dip 1-8 sono disabilitati ed i parametri ID e Speed
vengono prelevati da Ltcom.cfg. In questa situazione durante i primi 5 secondi
dall’accensione il terminale utilizza ID=1 e Speed=19200.

Technodrive SRL Arluno Milano 94


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Tessere di prossimita’
I terminali Technodrive supportano tessere di prossimita’ a 125 Khz.
La memoria della tessera contiene 10 celle a 4 bit.
Le prime due celle contengono il codice produttore e sono comuni a tutto il lotto di
tessere.
Le rimenenti 8 celle contengono il codice della tessera. Nelle tessere riscrivibili e’
possibile memorizzare un codice a piacere mentre in quelle a sola lettura viene
memorizzato in fabbrica un codice casuale normalmente progressivo.

Decodifica delle tessere


Ogni tessera contiene 10 celle a 4 bit.
Sono supportati due tipi di decodifica: 13 caratteri e 20 caratteri . la decodifica a 13
caratteri e’ di default mentre quella a 20 e’ abilitabile aprendo il ponticello sulla scheda
del lettore.
• Nella codifica a 13 caratteri le prime due celle (che rappresentano il codice del
produttore della carta) sono convertite in decimale a 3 cifre (000-255) mentre le
restanti 8 sono convertite in un numero decimale a 10 cifre.(0000000000-
4294967295). Sommando i due valori risultanti si ottiene una stringa formata da
13 caratteri numerici.
• Nella codifica a 20 caratteri ogni cella viene codificata con una coppia di caratteri
numerici (es.0x0f =15, 0x0a=10, 0x03=03 ecc.). Di conseguenza 10 valori
esadecimali a 4 bit generano una stringa formata da 20 caratteri numerici.

Cella# Cella# Cella# Cella# Cella# Cella# Cella# Cella# Cella# Cella#1
1 4bit 2 4bit 3 4bit 4 4bit 5 4bit 6 4bit 7 4bit 8 4bit 9 4bit 0 4bit
Byte #1 Byte #2 Byte #3 Byte #4 Byte #5
Codice Numero tessera a 32 bit
produttore
Codifica a 13 Codifica a 13 cifre
000-255 0000000000-4294967295
Codifica a 20 Codifica a 20 cifre
0000-1515 0000000000000000-1515151515151515
Esempi:
Cella# Cella# Cella# Cella# Cella# Cella# Cella# Cella# Cella# Cella#1
1 0x0f 2 0x0e 3 0x0d 4 0x0c 5 0x0b 6 0x0a 7 0x09 8 0x08 9 0x07 0 0x06
Codifica 13 Codifica 13
254 3703216246

Stringa generata “2543703216246”


Technodrive SRL Arluno Milano 95
www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Codifica 20 Codifica 20
1514 1312111009080706
Stringa generata “15141312111009080706”
Tabella 48 codifica delle tessere di prossimita’ e relativi esempi
La codifica a 13 cifre e’ preferibile in quanto , utilizzando tessere di sola lettura, non
genera numeri di tessera doppi.
Il numero di tessere deve essere ricavato dalle cifre meno significative (quelle a destra)
della stringa generata dal decodificatore.
Segue un esempio di settaggio dei parametri interessati del file ltcom.cfg , considerato il
numero di tessera a 6 cifre.
Nell’esempio riportato non e’ utilizzato il codice impianto. Sarebbe comunque possibile
usare un codice impianto di tre cifre corrispondente al codice produttore (prime tre
cifre) settanto il parametro #0010 a tre e riportando le tre cifre del codice produttore nel
parametro #0013.

0009 1 40 1 Posizione inizio codice impianto


0010 0 12 0 Lunghezza codice impianto
0011 1 40 8 Posizione inizio codice matricola
0012 1 9 6 Lunghezza codice matricola
0013 p.10 p.10 Lasciare bianco Codice impianto
Tabella 49 esempio di settaggio per codice tessera a 6 cifre

Technodrive SRL Arluno Milano 96


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Scheda 8 ingressi 8 uscite TDMD8I8U
E’ un accessorio molto utile nei sistemi di controllo accessi quando e’ richiesto un
elevato grado di sicurezza. Questo modulo, collegato alla rete RS485 dell’impianto,
permette la gestione remota degli ingressi e delle uscite, funzione molto utile in presenza
di cablaggi strutturati.

MORSETTO n. CONNETTORE 8 POLI CN2 –INGRESSI-


1 Ingresso n.1 da contatto “pulito” che chiude verso GND
2 Ingresso n.2 da contatto “pulito” che chiude verso GND
3 Ingresso n.3 da contatto “pulito” che chiude verso GND
4 Ingresso n.4 da contatto “pulito” che chiude verso GND
5 Ingresso n.5 da contatto “pulito” che chiude verso GND
6 Ingresso n.6 da contatto “pulito” che chiude verso GND
7 Ingresso n.7 da contatto “pulito” che chiude verso GND
Technodrive SRL Arluno Milano 97
www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
8 Ingresso n.8 da contatto “pulito” che chiude verso GND
Tabella 50 connettore ingressi

MORSETTO n. CONNETTORE ESTRAIBILE 24 POLI CN3 –USCITE rele-


1 Contatto rele “C1” (comune) MAX. 30VDC@2A
2 Contatto rele “NC1” (normalmente chiuso) MAX. 30VDC@2A
3 Contatto rele “NO1” (normalmente aperto) MAX. 30VDC@2A
4 Contatto rele “C2” (comune) MAX. 30VDC@2A
5 Contatto rele “NC2” (normalmente chiuso) MAX. 30VDC@2A
6 Contatto rele “NO2” (normalmente aperto) MAX. 30VDC@2A
7 Contatto rele “C3” (comune) MAX. 30VDC@2A
8 Contatto rele “NC3” (normalmente chiuso) MAX. 30VDC@2A
9 Contatto rele “NO3” (normalmente aperto) MAX. 30VDC@2A
10 Contatto rele “C4” (comune) MAX. 30VDC@2A
11 Contatto rele “NC4” (normalmente chiuso) MAX. 30VDC@2A
12 Contatto rele “NO4” (normalmente aperto) MAX. 30VDC@2A
13 Contatto rele “C5” (comune) MAX. 30VDC@2A
14 Contatto rele “NC5” (normalmente chiuso) MAX. 30VDC@2A
15 Contatto rele “NO5” (normalmente aperto) MAX. 30VDC@2A
16 Contatto rele “C6” (comune) MAX. 30VDC@2A
17 Contatto rele “NC6” (normalmente chiuso) MAX. 30VDC@2A
18 Contatto rele “NO6” (normalmente aperto) MAX. 30VDC@2A
19 Contatto rele “C7” (comune) MAX. 30VDC@2A
20 Contatto rele “NC7” (normalmente chiuso) MAX. 30VDC@2A
21 Contatto rele “NO7” (normalmente aperto) MAX. 30VDC@2A
22 Contatto rele “C8” (comune) MAX. 30VDC@2A
23 Contatto rele “NC8” (normalmente chiuso) MAX. 30VDC@2A
24 Contatto rele “NO8” (normalmente aperto) MAX. 30VDC@2A
Tabella 51 connettore uscite

MORSETTO n. CONNETTORE 8 POLI CN4 –RS485/ALIMENTAZIONE cc-


1 +NR Uscita alimentazione NON STABILIZZATA MAX. 24VDC @400mA
2 GND
3 GND
4 GND
5 GND
6 GND
7 Porta seriale RS485 segnale “A”
8 Porta seriale RS485 segnale “B”

Technodrive SRL Arluno Milano 98


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
Tabella 52 RS485/alimentazione

Dip 8 DIP-SWITCH 8 VIE SW1 –SELEZIONE STARTUP-


ON Abilita STARTUP solo per aggiornamento software della scheda (solo
all’accensione)
OFF Abilita normale funzionamento della scheda
Tabella 53 abilitazione startup
Dip 7 Dip 6 DIP-SWITCH 8 VIE SW1 –SELEZIONE VELOCITA’ SERIALE-
OFF OFF Abilita velocita’ seriale 4800 (solo all’accensione)
OFF ON Abilita velocita’ seriale 9600 (solo all’accensione)
ON OFF Abilita velocita’ seriale 19200 (solo all’accensione)
ON ON Abilita velocita’ seriale 38400 (solo all’accensione)
Tabella 54 velocita’ seriale RS485

Dip 5 Dip 4 Dip 3 Dip 2 Dip 1 DIP-SWITCH 8 VIE SW1


OFF OFF OFF OFF OFF Abilita terminale n.01 (solo all’accensione)
OFF OFF OFF OFF ON Abilita terminale n.02 (solo all’accensione)
ON ON ON ON ON Abilita terminale n.32 (solo all’accensione)
Tabella 55 selezione numero terminale

LED DIP-SWITCH 8 VIE SW1 –SELEZIONE STARTUP-


ACCESO FISSO Indica entrati in modalita’ STARTUP
LAMPEGGIO VELOCE Indica CANCELLAZIONE/PROGRAMMAZIONE in STARTUP
LAMPEGGIO LENTO Indica scheda pronta a ricevere comandi dalla linea seriale RS485
Tabella 56 indicatori leds

OPT Data Tx Data Rx commento


01 XX XX Setta 8 rele/legge 8 ingressi
02 XX Setta 8 rele
03 XX Legge 8 ingressi
05 RS Setta un rele
07 XX Legge un ingresso
08 RTT Impulso di un rele
Tabella 57 comandi supportati dalla scheda

Note:

Technodrive SRL Arluno Milano 99


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09
XX=valore a 8 bit espresso con 2 caratteri asci esadecimali
Esempio F1= 11110001 03=00000011

RS= R numero rele 1-8 S=0 off S=1 On


Esempio 31 accende rele 3 20 spegne rele 2

RTT R=numero rele TT=tempo impulso in 0.5 secondi


Esempio 410 impulso sul rele 4 di 5 secondi (10 * 0.5 = 5)

Technodrive SRL Arluno Milano 100


www.technodrive-srl.it Ver. 5.09

Potrebbero piacerti anche