Sei sulla pagina 1di 39

C

D I R O N V E CO N L
E D IT TI D NZIO A
ELL EL NE
’A D L’ I N S U I
O L E FA N
SCE ZIA
Cari amici roditori, NZA

siete pronti a partire con me, Benjamin e Trappy,


per un viaggio stratopico alla scoperta della
Costituzione, la legge più importante d’Italia?
Insieme all’Autorità garante per l’infanzia e
l’adolescenza, conosceremo i Principi
fondamentali e tutte le regole che
permettono di vivere in pace,
rispettandosi.

VE NTURA
’AV
R À UN
T O PICA ,RE!
SA TRA RODITO
S DI
A
R OL
PA

E PER SAPERNE DI PIÙ...


All’interno del libro trovate due schede
da staccare e conservare :

x la Convenzione sui Diritti dell’Infanzia


e dell’Adolescenza
x il testo dei 12 Principi fondamentali
della Costituzione italiana

566-4986 Cover.indd 1 07/07/17 11:58


LA COSTITUZIONE
ITALIANA RACCONTATA
AI RAGAZZI
Testi di Geronimo Stilton
Collaborazione editoriale di Valentina Torchia
Coordinamento testi di Margherita Banal e Nicolò Porro (Atlantyca S.p.A.)

La legge
Coordinamento editoriale di Patrizia Puricelli
Consulenza editoriale di Stefania Berbenni
Editing di Alessandra Rossi

Art Director: Iacopo Bruno


Copertina di Roberto Ronchi (disegno) e Andrea Cavallini (colore) più importante
d’Italia!
Graphic Designer: Andrea Cavallini / theWorldofDOT

Illustrazioni della storia di Andrea Denegri e Carla Debernardi (disegno),


Christian Aliprandi (colore) e Archivio Piemme
Coordinamento artistico di Tommaso Valsecchi e Andrea Benelle

Era un tiepido pomeriggio di primavera :


Grafica di Chiara Cebraro e Michela Battaglin

www.geronimostilton.com
il sole brillava alto nel cielo, l’aria profumava
Questo libro è stato realizzato in collaborazione con l’Autorità garante per l’infanzia
e l’adolescenza di fiori appena sbocciati, gli uccellini cinguetta-
vano FeLici... e io ero chiuso nel mio ufficio a
lavorare!
Perché perché perché capitano tutte a me?
Ma scusate, non mi sono ancora presentato:
Da un’idea di Elisabetta Dami
il mio nome è Stilton, Geronimo Stilton
Nuova edizione aggiornata © 2017 - EDIZIONI PIEMME S.p.A.
info@edizpiemme.it e dirigo l’Eco del Roditore, il giornale più
International rights © Atlantyca S.p.A. famoso dell’Isola dei Topi!
Via Leopardi, 8 - 20123 Milan - Italy
www.atlantyca.com - contact: foreignrights@atlantyca.it Dunque, come vi dicevo, stavo finendo un
Stilton è il nome di un famoso formaggio prodotto in Inghilterra dalla fine del 17° secolo. Il nome Stilton è un
marchio registrato. Stilton è il formaggio preferito da Geronimo Stilton. Per maggiori informazioni sul formag-
gio Stilton visitate il sito www.stiltoncheese.com
articolo molto importante per
È assolutamente vietata la riproduzione totale o parziale di questo libro, così come l’inserimento in circuiti l’ultimo numero del giornale!
informatici, la trasmissione sotto qualsiasi forma e con qualunque mezzo elettronico, meccanico, attraverso
fotocopie, registrazione o altri metodi, senza il permesso scritto dei titolari del copyright.

Questo libro è stato stampato


Stampa: ELCOGRAF S.p.A.
Via Mondadori, 15 - Verona
­2
su carta certificata FSC ®
­3
La legge più importante d’Italia! La legge più importante d’Italia!

Nonno Torquato in pelliccia e baffi mi aveva e improvvisamente strillarono a pochi centi-


chiesto di intervistare gli abitanti di Topazia Zio G! Abbiamo
metri dal mio orecchio: –
per scoprire quali erano i loro passatempi pre- bisogno del tuo aiuto!!!
feriti da fare all’aria aperta in primavera . Brrr, che fifa felina! Feci un balzo sulla sedia
Avevo lavorato per giorni e adesso stavo per per la sorpresa.
concludere il mio articolo. Davanti a me c’erano proprio Benjamin
Per mille mozzarelle, non vedevo l’ora di finire e Trappy, i miei cari nipoti.
e andare a fare un giro in bicicletta al parco Io chiesi subito: – Che cosa succede?
di Topazia per godermi quella bella giornata! Trappy mi spiegò: – La maestra Topitilla
Avrei potuto chiamare i miei nipoti Benjamin ci ha chiesto di fare una ricerca sulla legge più
e Trappy, mia sorella Tea, mio cugino
Trappola e... magari anche nonno Torquato! Abbiamo
zio G!
Ciao ogno di te!
Mentre ero concentratissimo a scrivere b is

il mio articolo e pensavo alle parole giuste per


concludere in bellezza, due sagome entrarono
in ufficio.
Spalancarono la porta socchiusa, si avvicinaro-
no quatte come ratti alla mia scrivania

­4 ­5
TONK! SBAM!
La legge più importante d’Italia!

importante d’Italia: LA COSTITUZIONE. Tu SDEN


puoi aiutarci, vero zio G??? G!
Io sorrisi: – Ma certo! Ho un libro Una valanga di libri mi
che parla proprio di tutte le leggi del mondo. rotolò sul cranio!
Mi misi a frugare tra gli scaffali della mia squiiit,
libreria, ma erano pieni , molto pieni , anzi
che dolore!!!
pienissimi di libri e non riuscivo a trovare Mentre io mi massaggia- Arg
h!

quello di cui avevo bisogno! vo il bernoccolo, Benjamin


– Eppure dev’essere qui... – borbottai, afferrò il libro che avevo
spostando alcuni libri. faticosamente
– Oppure qua... – dissi, GUARDANDO recuperato e lesse il titolo:
tra i volumi dell’Enciclopedia dei Formaggi. – Leggi e regole da tutto
il mondo...
e r mille moz
– P z a r e l l e! Poi il mio nipotino iniziò
a SFOGLIARE le pagine: – Zio G, parla
Eccolo finalmente! – esclamai, estraendo dallo proprio delle leggi di
scaffale della libreria un enorme libro. tutto il mondo! Ma...
In quel momento... o! per mille mozzarelle,
ut
Ai

­6
La legge più importante d’Italia! La legge più importante d’Italia!

ci sono solo due pagine sulla Ma sapevo a chi chiedere aiuto: c’era una
Costituzione italiana! Noi sola roditrice che poteva rispondere
abbiamo tantissime domande! a tutte quelle domande! Così dissi ai ragazzi:
Trappy iniziò: – Per esempio, – C’è una mia amica italiana dei tempi dell’u-
che cosa sono i 12 Principi niversità, una vera esperta di diritto
Fondamentali? e di leggi, che già da ragazza era attenta ai bi-
– E quanto è lunga esattamente sogni dei bambini... lei ci potrà aiutare! Vive
la Costituzione? – domandò poi. a Roma ed è l’Autorità garante per
– Di che cosa parla l’articolo 1? l’infanzia e l’adolescenza!
– chiesero in coro. Benjamin allora mi chiese: – Ma cosa vuol dire
Io mormorai: – Ehm... dunque... Autorità garante? Deve essere un roditore o
nto Di cosa p i 12 Principi sono... una roditrice?
ua ga? a
Q lun l’articolo rla la Costituzione Io spiegai: – Non ha importanza, Benjamin,
è 1?
italiana è lunga... adesso per esempio l’Autorità garante è una
l’articolo 1... roditrice! Quello che importa è il suo ruolo,
La verità è che... perché deve garantire i diritti di tutti i

... NON CI CAPIVO bambini. Ora provo a chiamarla!

UNA CROSTA!!!
­8 ­9
CHI È L’AUTORITÀ GARANTE
PER L’INFANZIA E L’ADOLESCENZA x Far capire che investire sui ragazzi significa aiutarli a
crescere
IN ITALIA? come persone migliori, per formare una generazione
con
valori e capacità in grado di affrontare le difficoltà della
vita
di 10 milioni, presenti e future.
In Italia i bambini e gli adolescenti sono poco più x Ascoltare i ragazzi
si un italiano su cinque!). e sentire cosa pensano e cosa vogliono. Quindi
il 17% della popolazione totale (qua studiare tutte le possibilità per aiutarli a diventare adu
Almeno 1 milione vive in famiglie poverissime. valorizzandone le capacità, le idee, la ricchezza interior
lti consapevoli,
bini
Inoltre, ci sono poco più di 1 milione di ragazzi e bam sto x Sensibilizzare tutt
e.
le scuole italiane: que a la popolazione perché consideri una priorità
di origine straniera che studiano nel occuparsi dei ragazzi.
i come integrazione,
dato mette in luce l’importanza di tem
italiana.
accoglienz a e riconoscimento della cittadinanza
INSOMMA, VOLENDO RIASSUMERE ‘CHE COS
L’AUTORITÀ GARANTE HA QUATTRO GRANDI
A FA’,
CHI È E IMPORTANTI COMPITI:
a istituita - il compito di ascoltare. Deve ascoltare i bambini e
L’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza è stat i ragazzi, ma
ti Paesi anche gli adulti, che devono occuparsi di loro, le asso
il 12 luglio 2011 con la legge n. 112. In Europa già mol ciazioni, le scuole,
cia, Spagna, le istituzioni, le famiglie. Deve studiare, conoscere, asco
avevano introdotto questa figura: Belgio, Francia, Gre ltare, informare,
sensibilizzare;
Austria, Regno Unito, Norvegia, Polonia.
a delle parti. - il compito di proporre. Dopo essersi informata e aver
È un organo istituzionale super partes, cioè al di sopr ascoltato,
deve trovare le soluzioni per le situazioni difficili in cui
È autonoma e indipendente da qualsiasi potere. sono
coinvolti i ragazzi, e promuovere leggi e politiche che
li tutelino;
CHE COSA PUÒ FARE - il compito di facilitare. Il suo ruolo è quello di ‘metter
nzia e l’adolescen- e insieme’
x L’Autorità garante può proporre nuove leggi per l’infa le persone che possono fare concretamente la differenz
a, consigliarle,
rità competenti.
za, migliorare quelle già esistenti, rivolgendosi alle auto indirizzarle;
x Realizzare iniziative e promuovere una
cultura che ascolti - il compito di controllare. Vigila sempre su ciò che
accade ai
i ragazzi, li rispetti e li faccia crescere al meglio. ragazzi, sui pericoli che possono incontrare, sulle istit
uzioni che
x Creare le condizioni per mettere in cont
atto chi si occupa devono operare nel loro interesse.
dei bambini e dei ragazzi.
x Monitorare e controllare le risorse dedicate
ai minorenni.
Allora, quando si parte?

Andare in Italia era un’idea stratopica...


Allora, ma il viaggio in aereo non lo era per niente!!!
quando si parte?
oi lo sapete, io SOFFRO il
mal d’aria ...

V
Ma Benjamin e Trappy erano entusiasti e io
Spiegai la situazione alla mia amica Garante, non potevo deluderli! Così accettai l’invito.
che esclamò entusiasta: – Ma certo che posso La Garante concluse: – Allora è deciso,
aiutarvi, Stilton!!! Sono la persona giusta: io Stilton! Vi aspetto tra due giorni a ROMA!
conosco bene la nostra Costituzione! Anzi, ho Subito dopo, i due ragazzi mi chiesero di avvi-
niam
o in
Ve alia???!!!
un’idea: perché non venite a trovarmi a sare la maestra Topitilla .
It Roma? Vi guiderò Non appena la roditrice rispose, i ragazzi
alla scoperta della legge più esclamarono: – Andiamo in Italia, a Roma,
importante e più bella d’Italia! per conoscere la Costituzione! Ci accompa-
Prima che potessi rispondere, gnerà zio G e là incontreremo l’Autorità garante
Benjamin e Trappy, che per l’infanzia e l’adolescenza!!!
avevano sentito la proposta, Topitilla era commossa: – Dottor Stilton, lei è
strillarono felici: – Evviva, davvero un roditore generoso! Permettere ai
andiamo in Italia!!! ragazzi di conoscere da vicino la Costituzione…

­12 ­13
Allora, quando si parte? Allora, quando si parte?

Q u a n do Io mormorai, IMBARAZZATO : – Ehm, Ma la maestra ormai


si parte? io, veramente... non mi ascoltava più.
Ma la maestra continuò: – E di – E naturalmente il
incontrare una roditrice in zampa viaggio per tutta la
come la Garante... classe è offerto
– Eh… sì, è una mia grande amica! da lei! Non so come
– risposi, sempre più IMBARAZZATO . ringraziarla, dottor
Topitilla concluse: – Bene, allora quando si Stilton!
parte? Devo avvisare tutta la classe, chiedere Lei è davvero un ro-
i PERMESSI ai genitori, preparare le valigie, ditore SPECIALE !
comprare una guida turistica di Roma… Per mille mozzarelle,
SQUIIIIIIIIIIIT, la maestra Topitilla aveva capito
CHE COSA?!? cos
a? che volevo portare a Roma tutta
e
TUTTA LA Ch la classe... E io non potevo certo deludere
CLASSE?!? Benjamin, Trappy e i loro compagni di
Cercai di replicare: classe!
– U-un momento!
V-VERAMENTE...

­14 ­15
i?!
e fa
Ch
u!
Ua

Un viaggio - Rarin si mise a cantare a


squarciagola a pochi
da incubo! centimetri dal mio orecchio...
! - Carmen giocò con il mio
e nto
Att computer
Il giorno dopo, salimmo (mentre io avrei dovuto
insieme sull’aereo che lavorare!)...
ci avrebbe portato a - David sparpagliò iva!
Roma. ovunque le bozze del mio Evv

Il viaggio fu un vero ultimo libro...


incubo!!! - Antonia prese la mia
Soffrivo il mal d’aria e in agenda e iniziò a
più ero circondato da topini DISEGNARE ...
La
to!
la l
a! URLANTI che ne combina- Per mille mozzarelle,
Aiu
vano di tutti i colori! facevano di tutto per rendermi
- Zappo mi ROVESCIÒ il viaggio terribile!!! e he!
Heh
un succo di frutta sulla Finalmente l’aereo atterrò
cravatta... a Roma.
Un viaggio da incubo! Un viaggio da incubo!

Quando scesi, inciampai in una valigia, Benjamin e i suoi compagni esultarono in


finii contro un carrello portabagagli... e mi coro: – Certo!!!
ritrovai sommerso da un mucchio di Subito, Rupa alzò la zampa e chiese:
valigie! Quando riuscii a riemergere, tutti mi – Sì, ma... che cos’è la Costituzione???
FISSAVANO stupiti. La Garante spiegò: – La Costituzione è la
Come se non bastasse, una voce che conosce- legge più importante della Repubblica che ci
vo esclamò: – Stilton, ma che cosa combini? Ti mostra come comportarci e come vivere in ar-
sembra il momento di giocare a nascondino?! monia. È come se fosse un recinto, che ci pro-
Squiiit, che figuraccia: era arrivata la mia tegge dai prepotenti e ci aiuta a capire che
amica Garante! cosa possiamo fare e che cosa è meglio non
– Benvenuti! Siete pronti per conoscere la fare. Ci dice quali sono i nostri diritti e doveri.
Costituzione italiana?
to!
Aiu

h!
Arg Ops!

a!
b ott
C he
Un viaggio da incubo! Un viaggio da incubo!

556
Io aggiunsi: – Per mille mozzarelle, avere – Già, un’invenzione stratopica! La
dei diritti è molto importante! crearono 556 persone, scelte dai
La mia amica esclamò: – Certo, Stilton, lo dico nostri nonni dopo la Seconda
sempre anche io! Importantissimo! Per esempio, Guerra Mondiale: hanno cominciato
la Costituzione dice che
N O 1 9 4 6
a scriverla dopo che l’Italia è diventata una Re-
G
TUTTIRIITTO 2 GIU
pubblica, il 2 GIUGNO 1946, e hanno finito
18 mesi dopo, cioè il 22 dicembre 1947.
ABBIAMO D
DI VOTARE – Ma è tantissimo tempo!!! – esclamarono in
dopo aver compiuto 18 anni. E poi dice coro i ragazzi.
anche che possiamo riunirci in gruppi GRANDI

12
La Garante sorrise: – Ci hanno messo così
e piccoli per esprimere la nostra opinione:
in poche parole, la Costituzione ci permette
139
tanto perché la Costituzione è molto lunga: è
composta da 139 articoli, e i primi 12 sono
di partecipare alla vita della nostra società. chiamati ‘Principi fondamentali’! Siete pronti
Possiamo fare volontariato, sostenere a scoprire tutti gli articoli? Allora cominciamo
la nostra famiglia, aiutare i compagni, dall’inizio: l’articolo 1 dice che il nostro
dobbiamo rispettare l’ambiente... Stato è una Repubblica, una parola che deriva
– Ma che bella invenzione la Costituzione! – dal latino ‘res publica’, che significa che è una
commentò la maestra Topitilla. cosa pubblica, cioè di tutti! La nostra Repub-

­20 ­21
Un viaggio da incubo!

blica ha un Presidente che, una volta eletto,


Una casa
rimane in carica 7 anni; CONTROLLA il la-
voro del Parlamento e l’applicazione delle leggi. che resiste al tempo
Topitilla disse: – So che ci sono anche arti-
coli che parlano della scuola!
La Garante rispose: – L’articolo 34 dice che Tutti erano pronti per iniziare la visita della
qualunque bambino ha diritto città. Tutti... tranne me!
a imparare e a essere istruito. Mia sorella Tea mi aveva prestato il suo nuovo
E che le scuole devono essere aperte a tutti, smartphone per registrare ogni parola che la
sicure, ben tenute e senza pericoli. Invece, gli Garante avrebbe detto. Peccato che non avessi
articoli 35, 36, 37 e 38 parlano del diritto al avuto il tempo di leggere le istruzioni e ora
Ma co
m
lavoro: ognuno deve essere pagato in base a non riuscivo ad accenderlo! funzio e
na
?
quello che fa. La mia amica mi guardò perplessa:
Io ero molto interessato: – Raccontaci di più! – Stilton, ti vedo in difficoltà.
La mia amica sorrise: – Ma certo, però ho un’i- Che cosa succede?
dea! Venite con me, vi spiegherò i 12 Principi –N-NIENTE... – balbettai
fondamentali della nostra Costituzione mentre io, pigiando tasti a caso,
visitiamo ROMA! e sperando di trovare quello giusto.

­22
Una casa che resiste al tempo

Mentre camminavamo la maestra Topitilla


ci raccontò: – Fin dall’antichità le persone
hanno deciso di riunirsi in gruppi: prima han-
comunità
Zappo sghignazzò: – Zio G, non sai come si
usa uno smartphone?!? no dato vita a piccole , che poi sono
Squiiit, io divenni paonazzo per l’im- diventate sempre più grandi, fino a diventare
barazzo: un’altra figuraccia!!! città come Roma o Topazia. E sapete perché?
Per fortuna, Benjamin mi aiutò. – Perché stare insieme è più bello! –
– Ecco, si fa così, zio G! – mi disse, toccando esclamò Oliver.
un pulsante.
sì !
a co La mia amica mi guardò soddisfat- a
occ ità!
Si f B
La a Ver
ta: – Bene, Stilton! Adesso potrai del
l

registrare tutto, così mi piaci:


sveglio e scattante! Allora, forza,
seguitemi!
La Garante ci condusse per le vie
di Roma: una città affascinante,
ricca di monumenti e opere
d’arte del passato!

­24
Una casa che resiste al tempo Una casa che resiste al tempo

La mia amica annuì: – Esatto! Vivere insieme Carmen esclamò: – Guardate! Quel palazzo
è divertente, ma ci vogliono delle REGOLE: sarà almeno della fine dell’Ottocento!
ecco perché è nata la Costituzione! Ci suggeri- La Garante sorrise: – Se una casa è costruita
sce come comportarci ed è la benzina per bene, si conserva anche per mille anni!
far funzionare il motore del vivere insieme. – stratopico!!! – strillò Diego.
Passeggiando, arrivammo davanti a un edificio La Garante continuò: – Anche lo Stato è pro-
antico, molto ben conservato. prio come una casa. Per essere SOLIDA
e conservarsi bene, deve essere costruita con
ordine: un mattone sopra l’altro.
La maestra Topitilla ribadì: – Insomma,
deve essere realizzata seguendo le regole!
La mia amica annuì: – Certamente! E la Costi-
tuzione serve proprio a questo: con i suoi
eb
el o! Principi Fondamentali e tutti gli
Ch zzo! topic
pal
a Stra e! altri articoli, ci dà le regole per costruire le
dat
Guar fondamenta della grande casa che è il nostro
Stato!

­27
!
a! b ello
vviv he à!
à! E C Urr
Urr

La libertà
di scegliere

La Garante mi guardò: – Stilton, mi ricordo


che ti piaceva andare in università, vero? e seguimmo gli studenti in un’aula grandissi-
– Ma certo! Mi è sempre piaciuto ma: l’Aula Magna.
imparare cose nuove! La Garante spiegò: – Tra poco, ogni classe
– Bene, allora sono sicura che sarai felice della voterà per scegliere il proprio rappresentante,
nostra prima tappa! E voi, ragazzi, che e tutti i rappresentanti si riuniranno
in un
ne dite di visitare una scuola dove sta per suc- gruppo che lavorerà per migliorare la vita nel-
cedere qualcosa di speciale? la scuola. I rappresentanti ascolteranno i biso-
– URRÀ!!! – gridò la classe in coro. gni di tutte le classi e di ogni singolo studente,
Benjamin mi sussurrò: – Che bello, zio! e cercheranno di realizzare le loro richieste.
Potremo conoscere altri ragazzini, proprio Zappo esclamò: – Per mille mozzarelle, non
come noi! dev’essere facile!
Poco dopo ENTRAMMO in una scuola La maestra Topitilla sorrise: – Non è facile,

­28 ­29
La libertà di scegliere La libertà di scegliere

ma è importantissimo. Lo sapete che la stessa Siccome la Repubblica è di tutti, andando a


cosa succede quando i cittadini devono sceglie- votare alle elezioni scegliamo chi ci
re chi governerà uno Stato? rappresenta...
Esmeralda esclamò, stupita: – Davvero?!? Laura chiese: – Proprio come stanno facendo
La Garante annuì e continuò: – Infatti, adesso i ragazzi dellascuola?
l’articolo 1 della Costituzione dice che l’I- La mia amica annuì: – Esatto! Votando deci-
talia è una Repubblica democratica. Stilton, tu diamo chi deve occuparsi dello Stato, come
sai che cosa vuol dire, vero? unico, fondamentale impegno quotidia-
Io, però, ero distratto: lo smartphone di no: cioè scegliamo i politici che faranno parte
Tea si era bloccato e non riuscivo a registrare! del nostro Parlamento. Sono loro che hanno il
a c he Quando mi accorsi che la mia amica compito di organizzare il vivere insieme, ga-
ig nific tti!
S di tu
è Garante mi aveva fatto una do- rantire una pacifica convivenza, occuparsi di
manda, non sapevo che cosa ri- scuole, ospedali, strade… I politici devono la-
spondere: – Ehm... vuol dire... vorare per aiutare chi è in difficoltà e sostene-
– Significa che è di tutti! – inter- re i più deboli. Per esempio facendo in modo
venne Trappy. che tutti abbiano la possibilità di studiare
La Garante SORRISE : – Stilton, e abbiano un lavoro dignitoso.
questi ragazzi ne sanno più di te! L’articolo 1, inoltre, dice che la nostra

­30 ­31
La libertà di scegliere La libertà di scegliere

Repubblica è fondata sul lavoro, ma di questo Topitilla esclamò: – Ottima domanda! Ti


argomento parleremo tra poco quando arrive- rispondo io questa volta! L’articolo 2
remo all’articolo 4! riconosce a tutti la piena libertà, ma allo stesso
Milenko chiese, curioso: – Allora andiamo tempo stabilisce i doveri del cittadino: in una co-
avanti! L’articolo 2 che cosa dice? munità politica non ci sono diritti senza doveri,
come pagare le tasse o aiutare gli altri.
Ma adesso facciamo silenzio: cominciano
te pronti
le votazioni!
Sie tare?
a vo Era un momento molto SOLENNE e
nell’aula non si sentiva volare una mosca.
La maestra mi aveva dato il com-
pito di scattare una foto con lo
smartphone, ma schiacciai
il tasto sbagliato... e la playlist di
MUSICA di mia sorella Tea partì
a tutto volume!
Tutti si voltarono verso di me:
squiiit, un’altra figuraccia!!!

­32 ­33
?
iamo
i co! och
atop Dottor
Evv
iva! Stilton, Gi
Str
la interrogo!

Dottor Stilton,
la interrogo!
a!
Tir

Al termine delle votazioni, SUONÒ la campa-


nella dell’intervallo e tutti i ragazzi andarono
in cortile a giocare. Uno degli studenti di quel-
la scuola chiese a Benjamin e ai suoi compa-
Drriiiiiiiin gni: – Giochiamo insieme?
Drriiiiiii! – certo! – esultarono in coro, e
in! corsero a unirsi ai loro nuovi amici. La maestra Topitilla mi fissò: – Dottor Stilton,
La Garante commentò, commossa: ora la interrogo!
– Non è bellissimo, Stilton? Squiiit, che cosa?!?
Anche se sono tutti diversi, condivido- Mormorai: – U-un’i-interrogazione?!?
no gli stessi giochi e si divertono insieme! Topitilla continuò: – Certo! Avrà letto la
Io annuii: ero concentratissimo e stavo regi- Costituzione prima di partire, no? Dunque,
strando con lo smartphone! quale articolo dice che siamo tutti uguali?

­34 ­35
Dottor Stilton, la interrogo! Dottor Stilton, la interrogo!

Io pensai e ripensai, ma avevo una gran con- In quel momento, un’altra campanella segnalò
fusione in testa e non riuscivo a ricordare più la fine dell’intervallo.
Per mille mozzarelle,
nulla. I ragazzi tornarono a radunarsi intor-
che figuraccia! no a noi e la mia amica spiegò: – Voi ragazzi
La mia amica Garante, però, mi sorrise per siete stati tutti insieme ignorando le differen-
incoraggiarmi, proprio come ai tempi dell’u- ze, proprio come dice l’articolo 3! Perché
niversità... E in quel momento la risposta mi la nostra Costituzione è bellissima e si basa sul
tornò in mente. rispetto e sulla dignità di ognuno!
– L’articolo 3! – esclamai.
Lei commentò: – Esatto, Stilton!
La maestra Topitilla aggiunse:
– Complimenti,
10 si merita proprio un buon voto!
L’articolo 3 dice che i citta-
dini sono tutti uguali davanti alla
legge. Niente preferenze: per la Costituzione
tutti dobbiamo avere gli stessi diritti,
gli stessi doveri e le stesse opportunità!

­36 ­37
Tutti i lavori sono importanti!

Tutti i lavori La Garante aggiunse: – È vero!


Ma non ti preoccupare, Stilton!
Pote
passa te
sono importanti!
re!
Qualcuno ci aiuterà...
Infatti, una vigilessa fermò le auto
con un gesto e ci fece passare.
Salutammo i nostri nuovi amicie uscimmo Kuti commentò: – Il lavoro di questa
dalla scuola: era il momento di proseguire il vigilessa è molto importante!
giro per ROMA! Mentre entravamo nel parco,
La Garante disse: – Voglio portarvi a vedere i ragazzi si fermarono a guardare
un posto speciale, ma prima che ne dite di una un roditore che, con un paio
pausa in un bellissimo parco pubblico? di cesoie, stava sistemando
Takeshi, che adora la natura e il verde, escla- un CESPUGLIO. uglio
o cesp
s t tare!
mò: – Stratopico!!! Benjamin mi chiese: ue da po

Q
è
E anche gli altri ragazzi annuirono entusiasti. – Zio G, guarda, che cosa
Per raggiungere il parco, bisognava attraver- sta facendo?
sare una strada molto trafficata: Io risposi: – È un giardiniere,
c’erano tantissime automobili! si occupa delle piante e degli
Io esclamai: – Dobbiamo stare davvero attenti! alberi di questo grandissimo parco!

­38 ­39
Tutti i lavori sono importanti! Tutti i lavori sono importanti!

Biso
tener gna Tui esclamò: – Anche questo è un giocare, vero Stilton? Ma torniamo all’articolo 4,
ep
uli
to
! lavoro IMPORTANTE! perché dice una cosa molto importante:
In quel momento, Antonia indicò spiega che tutti i lavori sono
un roditore che stava raccoglien- importanti, non ce n’è
do una carta da terra: uno più importante degli altri.
– E lui? Questo perché tutti i lavori aiutano a
La maestra Topitilla spiegò: – È migliorare la società! Non è vero, Stilton?
un operatore ecologico, si occupa di Io risposi, orgoglioso: – Esatto! Tutti noi
tenere il parco e la città Puliti! possiamo contribuire a rendere il
Oliver disse: – Ecco un altro lavoro mondo migliore!
importante! Benjamin si avvicinò alla mappa
La mia amica sorrise: – Siete proprio dei topi- del parco e disse: – Guardate! a!
u ard
ni in zampa! Avete già capito che cosa dice È diviso in quattro zone: G

l’articolo 4 della nostra Costituzione! nord, sud, est e ovest!


Liza lo osservò stupita: – Davvero?!? Topitilla esclamò: – Un po’
– Già, l’articolo 4 parla del lavoro, per- come l’ITALIA! Queste zone
ché tutti gli adulti hanno il diritto di lavorare... mi ricordano le regioni e
mentre i ragazzi come voi hanno il diritto di l’articolo 5. Ci spiega che

­40 ­41
Tutti i lavori sono importanti! Tutti i lavori sono importanti!

l’Italia, pur avendo un unico governo Anche con caratteristiche diverse, facciamo
nazionale, che ha sede qui a Roma, tutti parte di un’unica grande squadra!
amministra i propri cittadini anche Io continuai: – È vero, lo Stato è un po’ come
per mezzo di regioni e comuni, una grande SQUADRA, bisogna allenarsi
e ognuno ha il suo compito per far per vincere e andare d’accordo per fareGOL!
funzionare le cose. Però lo Stato resta Milenko indicò un gruppo di ragazzi che stava
uno e non può essere diviso... giocando a calcio in un campetto del parco e
non si può tagliare a pezzetti come disse: – A proposito di gol... G U A R D A T E
LÀ!
il formaggio!
– Che fame... – ridacchiò Zappo.
La Garante sorrise, poi aggiunse:
Oo
– E anche l’articolo 6, in un certo senso, oh!
!!
si occupa di differenze territoriali. Dice che
se qualcuno in qualche regione
iva!
o comune parla una lingua diversa Evv

dall’italiano, va bene lo stesso:


succede, per esempio, per le regioni di confine Squit!
come la Valle d’Aosta e il Trentino-Alto Adige.

­42 ­43
ittt!
Squ
h!
Arg

Forza, Poco dopo


la partita
Stilton! cominciò... e per
me iniziarono i GUAI!
Per prima cosa venni travolto
Milenko CORSE verso i ragazzi che giocava- da due ragazzini IN CORSA...
no, seguito da tutta la classe. Poi, qualcuno mi tirò una
!
u ittt
Benjamin propose: – Potremmo fare una par- pallonata sul muso... S q

tita tutti insieme! Zio G, che ne dici di farci Infine, inciampai in una zolla
da arbitro? di terra e ruzzolai
Io esitai... non sono un tipo, anzi un topo, dritto dritto
molto sportivo! nella rete della porta...
La Garante mi incoraggiò: – Forza, Stilton! Finalmente la partita finì, ma
Scendi in campo con i ragazzi! io... non sapevo chi avesse
Non volevo DELUDERE i miei amici, così vinto: in tutta quella
accettai. CONFUSIONE
I compagni di Benjamin esultarono: – Evviva, mi ero distratto e non
giochiamo tutti INSIEME!!! avevo segnato i punti!

!
ittt
Squ
­44
Forza, Stilton! Forza, Stilton!

SquiiiIIIIt, La nostra Costituzione è un po’


come un arbitro: permette a tutti
l’ennesima figuraccia! di giocare e di divertirsi imparando
Per fortuna, Carmen osservò: – Non serve
a rispettare le regole!
sapere chi ha vinto! La cosa più importante
è che ci siamo divertiti tutti insieme!
La mia amica SORRISE e annuì: – Certo!
Vi siete divertiti perché è bello stare insieme
e perché avete giocato seguendo le regole.
Provate a immaginare come sarebbe giocare a
calcio se non ci fossero delle regole: ognuno
tirerebbe la a l a caso, butte-
rebbe a terra l’avversario, farebbe durare la
partita quanto vuole...
– Che confusione! – esclamarono Benjamin
e i suoi compagni.
– Esatto – replicò la Garante.
Poi continuò: – Non si capirebbe più niente!!!

­46
Un museo a cielo aperto

Un museo Topitilla spiegò: – Roma viene chiamata


‘museo a cielo aperto’ ed è una città ricca Giu
sto?

a cielo aperto di storia, arte cultura


e .
Ecco perché vengono turisti da tutto
il mondo per visitarla!
La Garante ci chiese: – E ora siete pronti per – Sicuramente la Costituzione parla anche
visitare il posto SPECIALE di cui vi parlavo? di questo, giusto? – chiesero Ben e Trappy.
– Sììììì! – esclamò la classe in coro. La Garante sorrise: – L’articolo 9 dice
Riprendemmo la nostra VISITA di Roma che lo Stato protegge e valorizza
e notammo subito che le strade erano molto la cultura italiana, il nostro paesaggio
Clic
k! affollate di roditori con e le nostre opere d’arte.
mappe della città e mac- In quel momento, tutta la classe esclamò:
chine fotografiche.
Che cosa stava succe-
dendo? –O O O O O H H H H H H ! ! !
Click! – Per mille Eravamo arrivati davanti al Colosseo, un
mozzarelle, monumento affascinante e antichissimo
quanta gente! e i ragazzi lo guardavano estasiati.

­48 ­49
Un museo a cielo aperto Un museo a cielo aperto

– Come vi avevo promesso: ecco il posto ma volta VISITERETE tante altre città
SPECIALE! – disse la mia amica del nostro Paese, perché possediamo il
Garante, orgogliosa. più grande patrimonio storico m..
.

– È davvero stupendo! – commentò e artistico del mondo, Uh


m m

Topitilla entusiasta. tra musei, siti archeologici


La Garante continuò: – Roma è meravigliosa, e luoghi dichiarati patrimonio
ma tutta l’ITALIA è bella! Spero che la prossi- dell’umanità!
Io stavo REGISTRANDO
tutte quelle informazioni interessanti
con lo smartphone di Tea, ma
improvvisamente mi venne
!
ss eo! opico a è iosa! un dubbio.
olo Strat R o m igl
Il C e rav La mia amica se ne accorse e mi chiese:
m
– Stilton, perché fai quella faccia?
– Io... ehm... volevo dirti... hai dimenticato gli
articoli 7 e 8!

e!
– Hai ragione! Per fortuna
at sei stato attento, Stilton! Ve ne parlo subito!
rd
ua
G

­51
Un museo a cielo aperto

L’articolo 7 e l’articolo 8 parlano del Viva


la pace!
rapporto tra la religione e lo Stato e dicono che
in Italia tutte le religioni
sono ‘egualmente libere
davanti alla legge’.
Benjamin disse: – Adesso allora mancano solo Per arrivare alla gelateria bisognava prendere un
gli ultimi tre Principi Fondamentali! autobus , che passava vicino al parco.
– Esatto, ma prima di andare avanti che Salimmo a bordo e timbrammo tutti i biglietti,
ne dite di assaggiare un GELATO che la Garante aveva COMPRATO in edicola.
buonissimo? Dopo qualche minuto di viaggio, Zappo
Benjamin e i suoi compagni esultarono in coro: mi guardò ed esclamò:
G, o
io mbrat ?
– Zio G, hai timbrato il Z

A
i to

A
t et

V
i li
ha big

I A !!!
biglietto? li

E V V Io sorrisi e mostrai orgoglioso

– il mio biglietto: – CERTO


Zappo, anch’io ho timbrato!
La Garante intervenne:
– Bravo, Stilton! Timbrare

­52 ­53
Viva la pace! Viva la pace!

il biglietto quando si usa un mez- La Garante aggiunse: – Come vi ho già detto, i


zo pubblico è una delle regole importanti da nostri diritti e i nostri doveri sono racchiu-
rispettare: si può dire che è un dovere! si nella Costituzione, ecco perché è importante
– Che cosa significa dovere? – chiese David. conoscerla e rispettarla!
Topitilla rispose: – I doveri sono le cose che Poco dopo, l’autobus si fermò e tutti
noi dobbiamo fare perché nella società tutto scendemmo davanti alla gelateria. Quando en-
funzioni bene. E lo Stato si preoccupa di dare trammo, trovammo moltissimi clienti
a tutti le stesse possibilità: i nostri diritti. che aspettavano di essere serviti
o che gustavano felici il loro
GELATO .
re
m bra Tui osservò: – Quanta gente!
ti re!
a
em
p
Deve essere proprio buono
n
og

questo gelato!!!
s
Bis

He Quando arrivò il nostro turno,


he!
la mia amica ci presentò il gelataio.
– Michael vive qui da alcuni mesi.
È venuto in ITALIA con la sua famiglia,
per scappare dalla guerra.

­54 ­55
Viva la pace! Viva la pace!

Michael SORRISE : – L’Italia è davvero un – Per n fortuna n: senza pace non si può
Paese accogliente, dove io e la mia famiglia vivere serenamente! – commentò Liza.
possiamo finalmente vivere lontano dai perico- Gli altri compagni esclamarono: – Siamo
li, al sicuro e ! tutti uguali e tutti dobbiamo vivere
Topitilla spiegò ai suoi alunni: – L’Italia !!!
protegge gli stranieri e li accoglie, se nel loro La Garante convenne: – Giusto! Lo dicevo io,
Paese sono stati privati della LIBERTÀ . È il che siete dei topini in zampa! Anche la nostra
principio del ‘diritto d’asilo’: Costituzione è d’accordo con voi!
è importante accogliere Infatti, nell’articolo 11 si dice che
chi sta scappando l’Italia rifiuta la guerra
dalla guerra. e si impegna a mantenere la pace
Ne parla l’articolo 10 e la giustizia tra le Nazioni.
della Costituzione
italiana.
!
am
Gn
Viva la pace!

Ma per realizzare questi obiettivi, non dob-


biamo dimenticare chi siamo: ce lo ricorda
Un regalo
l’articolo 12, quando indica i colori della da custodire
nostra bandiera: nel cuore
verde, bianco e rosso.
La bandiera tricolore è il simbolo Il gelato di Michael era davvero buono da
dell’Italia e di tutti gli italiani! baafffif!i!
leccarsi i bbaffi!
Mentre lo gustavamo, la Garante si avvicinò
e mi chiese soddisfatta: – Allora,
so a nc h e
Stilton, hai capito tutto quello che pre nti!
o ppu
a

H
abbiamo imparato oggi?!?
Io risposi sicuro: – Ma certo!
Inoltre ho registrato tutto e ho
preso anche gli appunti: sono
certo che scriverò un articolo
stratopico... e aiuterò Benja-
min e i suoi compagni a
preparare la loro ricerca!

­58 ­59
Un regalo da custodire... Un regalo da custodire...

!
tilton o
o, S tat e!
B r av È s iacer
p David alzò timidamente la mano: – Posso fare
un
un’ultima domanda?
– Ma certo! – rispose la mia amica.
– Adesso noi conosciamo i 12 Principi
Fondamentali, che ci aiutano a capire
tutta la Costituzione italiana, ma come faremo
a ricordarceli?
La mia amica Garante, che era felice che i
ragazzi l’avessero ascoltata con entusiasmo e
La mia amica Garante sorrise: – Bravo, Stil- interesse per tutto il tempo, sorrise e rispo-
ton! Così mi piaci! Attento, preparato e sveglio! se: – Hai ragione! La nostra Costituzione è
La maestra Topitilla si avvicinò a noi davvero completa, precisa e ricca di dettagli.
e disse: – Dottor Stilton, vorrei ringraziarla È come una mamma, ci protegge, ci spinge a
per questo viaggio stratopico ... fare, a essere migliori e a
Poi, si rivolse alla Garante: – E vorrei ringra- essere RISPETTATI. E bisogna
ziare anche lei per tutto quello che imparare a conoscerla, con calma
ha spiegato ai miei studenti. Sono e attenzione. Ecco perché ho deci-
certa che ne faranno Tesoro! so di farvi un REGALO!

­60 ­61
Un regalo da custodire...

Seguitemi, andremo nella sede dell’Autorità


garante per l’infanzia e l’adolescenza
qui a Roma, in Via di Villa Ruffo; come vi dice-
vo, lì ci sarà un dono speciale per tutti voi!
Benjamin e i suoi compagni si strinsero intorno
a lei, curiosi.
– Un regalo... – mormorarono, – tutto
per noi???
– Per ognuno di voi! – annuì la Garante!
Quando arrivammo, lei non solo ci fece visitare
la sede dell’Autorità garante, ma consegnò a
ognuno dei ragazzi un libro. Sulla copertina era
scritto:

LA COSTITUZIONE ITALIANA
raccontata AI RAGAZZI
Poi sorrise e disse: – Questo è il regalo più
prezioso che io possa farvi: custoditela

­62
Un regalo da custodire...

con amore e non dimenticatevi mai del suo


messaggio di e unità! In que-
sto libro troverete non solo i 12 Principi
Fondamentali della Costituzione, ma
anche la Convenzione sui Diritti
dell’Infanzia e dell’Adolescenza.
E ricordatevi: voi potete scrivere o telefonare
all’Autorità garante quando volete, perché
io sono qui proprio per voi, per ascoltarvi,
e per occuparmi dei vostri bisogni e della tute-
la dei vostri diritti!
Benjamin e i suoi compagni la ringraziarono
e presero ognuno una copia del libro...
E volete sapere?
È proprio il libro che state leggendo anche
voi... Buona lettura!

­64
della L a C ostituzione
R epubblica I taliana
P rincipi fondamentali
Cari amici roditori, l’avventura che abbiamo
vissuto grazie all’Autorità Garante per

© Edizioni Piemme S.p.A.


l’Infanzia e l’Adolescenza ci ha fatto
scoprire i Principi fondamentali della Costituzione
12
italiana, cioè i primi ARTICOLI che pongono le
fondamenta dello Stato italiano. Li trovate in queste
pagine, che potete staccare e custodire per non di-
menticare questa stratopica avventura!

L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul


Art. 1 lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la
esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.

La Repubblica riconosce e garantisce i diritti invio-


Art. 2 labili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni
sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede
l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà
politica, economica e sociale.
Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere
Art. 3 davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza,
Art. 8 cattolica hanno diritto di organizzarsi secondo i propri
davanti alla legge. Le confessioni religiose diverse dalla
di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni
personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli statuti, in quanto non contrastino con l’ordinamento giuridico
di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e italiano. I loro rapporti con lo Stato sono regolati per legge sulla
l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona base di intese con le relative rappresentanze.
umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione
politica, economica e sociale del Paese. La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e
Art. 9 la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio
La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al e il patrimonio storico e artistico della Nazione.
Art. 4 lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo
questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo L’ordinamento giuridico italiano si conforma alle norme
le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che Art. 10 del diritto internazionale generalmente riconosciute.
concorra al progresso materiale o spirituale della società. La condizione giuridica dello straniero è regolata dalla legge
in conformità delle norme e dei trattati internazionali. Lo straniero,
al quale sia impedito nel suo Paese l’effettivo esercizio delle libertà
La Repubblica, una e indivisibile, riconosce e promuove
democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d’asilo
Art. 5 le autonomie locali; attua nei servizi che dipendono
nel territorio della Repubblica secondo le condizioni stabilite dalla legge.
dallo Stato il più ampio decentramento amministrativo;
Non è ammessa l’estradizione dello straniero per reati politici.
adegua i principi ed i metodi della sua legislazione alle
esigenze dell’autonomia e del decentramento.
L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla
La Repubblica tutela con apposite norme le minoranze A rt. 11 libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione
delle controversie internazionali; consente, in condizioni
Art. 6 linguistiche. di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie
a un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni;
Lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.
Art. 7 sono proprio ordine, indipendenti e sovrani. I loro rapporti
regolati dai Patti Lateranensi. Le modificazioni
2 La bandiera della Repubblica è il tricolore italiano: verde,
dei Patti accettate dalle due parti, non richiedono procedimento di
revisione costituzionale.
Art. 1 bianco e rosso, a tre bande verticali di eguali dimensioni.
L e parole chiave
Abbiamo anche imparato quali sono le parole chiave di questo viaggio alla
scoperta della Costituzione. Scopriamole insieme!

CITTADINO. È colui che partecipa IMPEGNO. Dobbiamo lasciare il


attivamente alla comunità dello Stato (per mondo in condizioni migliori di come
esempio votando, lavorando, ma anche l’abbiamo trovato. Ognuno di noi può
studiando). Per essere cittadino italiano fare qualcosa.
non occorre essere nati in Italia: si può
diventarlo in base a leggi precise. LEGGI. Sono le regole dello Stato
che tutti devono rispettare, cittadini
CURA. Dobbiamo avere cura delle cose italiani e stranieri.
comuni, delle persone, dei luoghi, di tutto.
POLITICA. È il ‘lavoro’ di chi decide
DEMOCRAZIA. Non decidono in pochi, e organizza la vita dello Stato.
ma tutti. Lo Stato infatti è di tutti e tutti
partecipano. REGOLE. Sono necessarie per
vivere insieme e stare meglio.
DIGNITÀ. Ogni persona va rispettata,
ascoltata, considerata. È compito dello RESPONSABILITÀ. Possiamo
Stato fare in modo che tutti abbiano pari scegliere. Ma dobbiamo sapere che
dignità e opportunità. tutte le nostre scelte hanno delle
conseguenze.
DIRITTI. Sono i beni più preziosi degli
esseri umani: ciò che spetta a tutte le per- RISPETTO. Per gli altri esseri
sone. Sono tanti: libertà, proprietà, lavoro, umani, per l’ambiente. Non dobbiamo
istruzione, cure sanitarie, assistenza… mai offendere chi non la pensa o non
DOVERI. I doveri sono le cose che noi si comporta come noi.
dobbiamo fare perché nella società tutto UGUAGLIANZA. Abbiamo tutti
funzioni bene. gli stessi diritti e doveri.
i o n e s u i D i ritti ART. 5 ART. 11 ART. 12 ART. 18 ART. 19
Conven z ART. 4
IA e
Gli Stati devono adottare tutti Ogni bambino ha il diritto di

dell’INFANZ
Gli Stati rispettano il diritto e I genitori hanno la responsabilità Gli Stati devono protegge-
Gli Stati che hanno i provvedimenti per impedire esprimere la propria opinione
il dovere dei genitori, della fa- comune per l’educazione e lo re i bambini da ogni forma
firmato la Convenzione si
CENZA
spostamenti non autorizzati dei e lo Stato deve garantire che

dell’ADOLES
miglia e della collettività di dare sviluppo del bambino. A tal fine di violenza, di abbandono
impegnano a far rispettare bambini, soprattutto se all’estero. tale opinione venga presa in
ai bambini i consigli adeguati gli Stati devono accordare gli e di maltrattamento.
i suoi articoli con tutti i Nessuno può portare via un considerazione dagli adulti.
affinché vengano rispettati i aiuti appropriati ai genitori e Nemmeno i genitori hann
mezzi legislativi e ammini- bambino dal Paese in cui vive, o
Cari amici roditori, oltre ai Principi fondamentali della diritti della Convenzione. provvedere alla creazione di il diritto di fare del male
Costituzione, abbiamo imparato anche quali sono
strativi a loro disposizione. nemmeno uno dei genitori se l’al- ART. 14 istituzioni e servizi che possano un bambino.
a
i diritti dei bambini e dei ragazzi.
ART. 6 ART. 7 tro non è d’accordo. Gli Stati devono ris
pettare il tutelare gli interessi dei bambi-
Questa Convenzione è stata approvata il 20 diritto dei bambini
novembre 1989 dall’Assemblea generale delle Gli Stati riconoscono il diritto alla
Dal momento della
di pensiero, di relig
alla libertà ni nel caso in cui i genitori non ART. 20
Nazioni Unite ed è stata poi accettata dall’Ita- vita di ogni bambino, e ne assicurano
nascita, ogni bambino ART. 13 coscienza. Gli adul
ione e di siano in grado di farlo.
I bambini che rimangono senza
ha il diritto di avere ti dovrebbero
lia con la legge n. 176 del 27 maggio 1991. la sopravvivenza e lo sviluppo.
un nome, una nazionalità
Tutti i bambini hanno il diritto aiutare i più piccol
i a distingue- ART. 21 genitori, o che non possono
È composta da 54 articoli, ma sono i primi 42 di esprimersi per mezzo delle re fra ciò che è gius vivere con i genitori perché è
e di crescere con i suoi to e ciò che Gli Stati che autorizzan
quelli che ci aiutano a capire quali sono i diritti ART. 8 genitori.
parole, della scrittura, dell’arte e è sbagliato. zione devono assicurarsi
o l’ado- pericoloso per il loro benessere,
dei bambini e ragazzi che hanno un’età compre- di ogni altro mezzo espressivo, che hanno il diritto di essere protet-
Gli Stati si impegnano a vengano scelte le soluzion
sa tra 0 e 18 anni. Allora, siete pronti a scoprire garantire rispettando i diritti e la dignità i più ti e di ricevere aiuti speciali da
insieme a me quali sono questi diritti? Seguitemi, l’identità di ogni bambino
. delle altre persone. ART. 16 vantaggiose per ogni sin
golo bam- parte dello Stato in cui vivono.
sarà un’esperienza stratopica! bino. Devono quindi gar
ART. 9 Tutti i bambini hanno il diritto
di avere una vita privata,
l’adozione sia autorizzata
antire che
dalle ART. 22
ai loro genitori,
ART. 1 Tutti i bambini hanno il diritto di vivere insieme ART. 15 autorità competenti. In
ART. 2 nessuno li può allontanare o separare a meno
che le autorità nessuno deve intromettersi,
adozione all’estero, lo St
caso di Gli Stati garantiscono il dirit-
I diritti elencati nella Convenzione arli. Tutti i bambini hanno il spiarli in casa e fuori casa, o ato deve to di essere protetti e aiutati a
Tutti i bambini del competenti non lo decidano per proteggerli o tutel vigilare affinché il bamb
riguardano tutti i bambini da 0 a 18 anni. ino, anche se diritto di incontrare altre controllare la corrispondenza. ino possa tutti i bambini che sono co-
mondo hanno gli Se i genitori decidono di vivere separati, il bamb beneficiare delle stesse
diritto di persone, fare amicizia con Nessun adulto può permettersi tutele del stretti a fuggire dal proprio Pae-
stessi diritti, non ha sta più tempo a casa di uno solo di essi, ha il Paese di origine.
ART. 3 ambi, a meno loro, e fondare delle asso- di insultare, offendere o se a causa della guerra o di altre
importanza chi sono poter frequentare regolarmente e con facilità entr
ciazioni, a meno che ciò non accusare ingiustamente un minacce che rendono pericolosa
Gli Stati, le istituzioni pubbliche i genitori, qual è il che ciò non sia contrario al suo stesso bene.
danneggi i diritti degli altri. bambino. la vita in quel Paese.
colore della pelle,
ART. 23
© Edizioni Piemme S.p.A.

e private, i genitori o le persone


che ne hanno la responsabilità, né il sesso, né la ART. 10
in tutte le decisioni che riguarda- religione, non ha im- Se il bambino e i genitori vivono
in due Stati
ART. 17 rtan za de lle informazioni tr
asmesse
Gli Stati riconoscono che tutti i
bambini con disabilità, sia fisica che
no l’im po
no i bambini devono sempre portanza che lingua diversi, il bambino ha il diritto Gli Stati riconosco di tutto il mondo,
e devono
di intrattenere ni, gio rn ali e lib ri ioni psicologica, hanno diritto a cure
scegliere quello che è meglio per parlano, né se sono rapporti diretti con i genitori e da radio, televisio an o sfruttare le informaz
di raggiungerli tti i ba m bi ni po ss speciali, anche a titolo gratuito, e a
ricchi o poveri. vigilare affinché tu ale e morale.
tutelare il loro benessere. per vivere insieme nello stesso
posto. e al loro be ne ss ere sociale, spiritu studiare, divertirsi e crescere come
utili alla loro salute
gli altri bambini.
ART. 25 ART. 37 ART. 42
ART. 24 ART. 30 ART. 41
Tutti i bambini hanno Gli Stati garantiscono a tutti i bam
bini
ART. 36 Nessun bambino può essere
Se alcuni Stati hanno
Tutti gli Stati si impegnano a far
Gli Stati garantiscono ai a privato della sua libertà in
il diritto di godere di una verifica periodica delle cure med
iche Gli Stati si impegnano leggi nazionali e interna-
conoscere i principi e le disposizioni
bambini che appartengono qualsiasi maniera illegale o arbitraria.
buona salute. A tale che devono ricevere. proteggere i bambini da zionali più favorevoli per
di questa Convenzione, con mezzi
a minoranze etniche, lingui- nto, per Anche nel caso in cui un
scopo devono poter altra forma di sfruttame la difesa dei diritti dei
adeguati sia ai bambini sia agli adulti.
stiche o religiose, il diritto sotto bambino faccia qualcosa di sba-
bere acqua potabile, ART. 26 tutelare il loro benessere bambini rispetto a quelle
di mantenere la loro cultura, gliato, non deve essere punito
vivere in un ambien- Gli Stati riconoscono a tutti i bambini ogni aspetto. presenti in questa Con-
professare la loro religione e in modo troppo pesante.
te salutare e ricevere il diritto all’assistenza sociale, tenendo parlare la loro lingua.
ART. 31 L’arresto o l’imprigionamento di venzione, saranno queste
cibo, vestiti e cure conto delle possibilità economiche Gli Stati riconoscono che tutti leggi a essere applicate.
mediche adeguate. Gli degli adulti responsabili di quei bambini. i bambini devono essere ART. 38 un minorenne devono avere la
durata più breve possibile ed
Stati devono quindi ART. 32 trattati con umanità e rispetto: Tutti i bambini hanno diritto essere considerati come ultima ART. 43-54
garantire ai genitori i ART. 27 Tutti i bambini hanno il hanno il diritto di riposarsi, di essere protetti in caso di soluzione possibile. Negli articoli successivi della Convenzione vengono fornite una
mezzi per tutelare la diritto di essere protetti giocare, fare sport, esprimere la conflitto armato. A tal scopo
Tutti i bambini hanno il diritto a uno serie di indicazioni agli Stati che l’ hanno firmata e che
loro salute e quella gli Stati si impegnano a
dei loro bambini.
stile di vita sufficientemente buono per dal lavorare in posti o in propria creatività e partecipare
rispettare e a far rispettare le
ART. 39 devono farla rispettare. Inoltre, viene stabilita l’istituzione di
garantire il loro sviluppo fisico, mentale, condizioni che possano alla vita artistica e culturale del un “Comitato ONU sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza”
regole del diritto internazionale Gli Stati adottano particolari
morale e sociale. Gli Stati, quindi, adot- danneggiare la loro salute o Paese in cui vivono. che ha il compito di vigilare ed esaminare i progressi che gli
e umanitario, non utilizzano i provvedimenti al fine di agevola-
ART. 28 tano particolari provvedimenti affinché impedire la loro istruzione.
Gli Stati a tal fine vigilano bambini per combattere e re il recupero fisico e psicologico, Stati compiono per attivare i diritti tutelati dalla Convenzione.
i genitori abbiano la possibilità di assi- Anche i bambini e i ragazzi possono inviare al Comitato ONU
Gli Stati riconoscono
curare le condizioni di vita necessarie perché nessun bambino ART. 33 garantiscono che i bambini nonché il reinserimento socia-
dei rapporti sul loro punto di vista rispetto ai diritti previsti
che tutti i bambini coinvolti in un conflitto pos- le, di ogni bambino vittima di
allo svilup po di ogni bambino. venga sfruttato, stabiliscono Gli Stati riconoscono a tutti i dalla Convenzione.
hanno il diritto di ricevere sano ricevere cure e protezione. maltrattamenti, abusi, violenze e
un’età minima di ammissione bambini il diritto di essere
un’istruzione. Per garanti- conflitti armati.
al lavoro e prevedono una protetti dalle droghe e dalle
re tale diritto, l’istruzione
primaria deve essere obbli- ART. 29 regolamentazione degli orari attività illegali e nocive, collegate

gatoria e gratuita per tutti. Gli Stati riconoscono che lo scopo


e delle condizioni di lavoro. all’uso e allo spaccio di droghe. ART. 40
Gli Stati riconoscono a tutti i bambini il Per mille mozzarelle, questa Convenzione è davvero
Gli Stati quindi devono dell’istruzione è di sviluppare al
i diritto di essere difesi se accusati di aver un documento importante! Questi diritti, se attuati,
controllare che tutt i meglio la personalità di tutti i
bambini frequentino rego- bambini, i loro talenti e le loro
ART. 34 ART. 35 commesso un reato. Garantiscono inoltre che permetterebbero a tutti noi di vivere in una società

© Edizioni Piemme S.p.A.


Gli Stati si impegnano a proteg- i bambini siano considerati innocenti fino libera, protetta e senza conflitti. Se volete legge-
larmente la scuola e capacità mentali e fisiche. L’istru- Gli Stati adottano tutti i re insieme ai vostri genitori, parenti o insegnanti il
devono aiuta re le fami glie zione deve inoltre preparare i bam- gere i bambini da ogni forma di provvedimenti volti a impe- a quando la loro colpevolezza non sia stata
testo completo della Convenzione, lo trovate sul sito
per permettere ai bambi- bini a vivere in maniera responsa- sfruttamento e violenza sessuale, dire il rapimento, la vendita stabilita dal giudice competente. In particolar
dell’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza,
ni di continuare gli stu- bile e pacifica, in una società libera, compresa la prostituzione e qual- o il traffico dei bambini, per modo gli Stati si impegnano a stabilire un’età
nella sezione “Convenzione ONU”.
di anche dopo la scuola nel rispetto dei diritti degli altri e siasi forma di pornografia. qualunque fine e sotto qual- minima sotto la quale nessun minorenne può
http://www.garanteinfanzia.org
primaria. nel rispetto dell’ambiente. siasi forma. essere giudicato colpevole di reato.