Sei sulla pagina 1di 1

RELIGIO

"La domanda decisiva per l'uomo è questa: è egli rivolto all'infinito oppure no? Questo è il
problema essenziale della sua vita. Solo se sappiamo che l'essenziale è l'illimitato, possiamo
evitare di porre il nostro interesse in cose futili, e in ogni genere di scopi che non sono
realmente importanti. Altrimenti, insistiamo per affermarci nel mondo per questa o quella qualità
che consideriamo nostro possesso personale, come il "mio talento" o la "mia" bellezza. Quanto
più un uomo corre dietro a falsi beni, e quanto meno è sensibile a ciò che è l'essenziale, tanto
meno soddisfacente è la sua vita: si sentirà limitato, perché limitati sono i suoi scopi, e il risultato
sarà l'invidia e la gelosia. Se riusciamo a capire e a sentire che già in questa vita abbiamo un
legame con l'infinito i nostri desideri e i nostri atteggiamenti mutano. In ultima analisi, contiamo
qualcosa solo grazie a ciò che di essenziale possediamo e se non lo possediamo la vita è
sprecata. Anche nel nostro rapporto con gli altri uomini la questione decisiva è se in essi si
manifesti o no un elemento infinito. Il sentimento dell'illimitato, comunque, si può raggiungere
solo se siamo definiti al massimo. La più grande limitazione per l'uomo è il "Sé"; ciò è palese
nell'esperienza: "Io sono solo questo!". Solo la coscienza dei nostri angusti confini nel "Sé"
costituisce il legame con l'infinità dell'inconscio. In questa consapevolezza io mi sento insieme
limitato ed eterno, mi sento l'uno e l'altro. Se mi so unico nella mia combinazione individuale,
vale poi a dire limitato, ho la possibilità di prendere coscienza anche dell'illimitato."

C.G.JUNG