Sei sulla pagina 1di 2

Lezione 67 (EBR)

Le vocali lunghe ebraiche

Nota
Un altro passo avanti nell’apprendimento delle vocali ebraiche. Questa lezione, se è stata studiata bene la precedente
sulle vocali medie, non sarà difficile. Procedete però sempre senza fretta e non andate mai oltre un punto incompreso.

Ricordiamo che nella lezione (63 EBR), abbiamo classificato le vocali ebraiche in:
• Vocali brevissime.
• Vocali brevi.
• Vocali medie.
• Vocali lunghe.
Le brevi e le medie le abbiamo imparate. Ora impareremo le vocali lunghe. Non sarà difficile, perché le vocali lunghe
sono – per così dire – una variante delle medie. Infatti, le vocali lunghe sono costituite dalle medie più uno yòd o un
vav.
Yòd Vav

‫ו י‬
Diciamo subito che pronuncia delle vocali lunghe è identica alle rispettive vocali medie. Non si faccia però l’errore
di leggere lo yòd e il vav.
Come promemoria, riportiamo quelle medie, che abbiamo già imparato:
VOCALI MEDIE
Nome del diacritico Forma e posizione Pronuncia e trascrizione Note
Qàmetz a Come in ballare
Tzerè e Come in tenere
Chìreq i Come in ritiro
Chòlem o Come in colore
La pronuncia di queste vocali non è breve. Ad esempio, nella parola ritiro si hanno due i: la prima i è
pronunciata più brevemente che la seconda i su cui cade l’accento e quindi la voce si ferma

Vediamo ora le vocali lunghe:


VOCALI LUNGHE
Nome del diacritico Forma e posizione Pronuncia e trascrizione Note
Qàmetz yòd a Come in ballare
Tzerè yòd e Come in tenere
Segòl yòd e Come in bene
Chìreq yòd i Come in ritiro
Vav chòlem o Come in colore
Vav shùreq u Come un futuro

Proponiamo un raffronto per meglio distinguerle e impararle:


VOCALI
MEDIE LUNGHE
Non c’è altro da dire, se non proporre alcuni esempi, ricordando che lo yòd e il vav non vanno letti.

La prima parola si legge ketàv e significa “scritto”; in rosso la vocale qàmetz yòd. La seconda si legge bet e significa
“casa” (stato costrutto, che impareremo a suo tempo); in rosso la tzerè yòd. La terza parola, bin, significa “capire”; in
rosso la chìreq yòd. La quarta parola è qol e significa “voce”; in rosso la vav chòlem. L’ultima parola, “morire”, si legge
mut; in rosso la vav shùreq.

ESERCIZIO

Cercate in questo brano biblico (Nee 1:1-6) le vocali lunghe che avete appena imparato e, una volta individuate,
leggetele e dite il loro nome tecnico:
1
‫ְׁשּוׁשן ַהּבִירָה‬
ַ ‫ֶׂשרִים וַ ֲאנִי ָהיִיתִי ּב‬
ְ ‫ִּד ְברֵי נְ ֶח ְמיָה ּבֶנ ֲח ַכ ְליָה וַיְהִי בְחֹדֶׁש ִּכ ְסלֵו ִּכ ְסלֵיו ְׁשנַת ע‬
2
‫ַּׁשבִי‬
ֶ ‫ִׁשאֲרּו מִנ ה‬
ְ ‫ֶׁש&לֵם עַל ַהּיְהּודִים ַה ְּפלֵיטָה ֲא ֶׁשר נ‬
ְ ‫ָׁשים מִיהּודָה וָא‬
ִ ‫וַּיָבֹא ֲחנָנִי ֶאחָד מֵ'חַי הּוא וַ ֲאנ‬
‫ְרּוׁשלִָם‬
ָ ‫וְעַל י‬
3
‫ְרּוׁשלִַם מְפֹ ָר ֶצת‬
ָ ‫ַּׁשבִי ָׁשם ַּב ְּמדִינָה ְּב ָרעָה גְדֹלָה ּו ְב ֶח ְרּפָה וְחֹומַת י‬
ְ ‫ִׁשאֲרּו מִנ ה‬
ְ ‫ֲׁשר נ‬
ֶ ‫ִׁש&רִים א‬
ְ ‫וַּיֹאמְרּו לִי ַהּנ‬
‫ּוׁש ָערֶי ָה נִּצְתּו ָבאֵׁש‬
ְ
4
‫ַּׁש ָמיִם‬
ָ ‫ָׁש ְבּתִי וָ ֶא ְבּכֶה וָ ֶאתְ' ְּבלָה יָמִים וָ ֱאהִי ָצם ּו ִמ ְת ַּפּלֵל ִל ְפנֵי אֱלֹהֵי ה‬
ַ ‫ אֶת ַה ְּד ָברִים ָה ֵאּלֶה י‬2 ‫ְׁש ְמעִי‬
ָ ‫וַיְהִי ּכ‬
5
‫וָאֹמַר &ּנָא יְהוָה אֱלֹהֵי ַה ָּׁש ַמיִם ָהאֵל ַהּגָדֹול וְהַּנֹורָא ׁשֹמֵר ַה ְּברִית וָ ֶחסֶד לְאֹ ֲהבָיו ּולְׁשֹ ְמרֵי ִמצְֹותָיו‬
6
‫ֲׁשר &נֹ ִכי ִמ ְת ַּפּלֵל ְל ָפנֶי ָך הַּיֹום יֹומָם‬
ֶ ‫ִׁשמֹ ַע אֶל ְּת ִפּלַת ַע ְב ְּד ָך א‬
ְ ‫ַּׁשבֶת וְעֵינֶי ָך ְפתֻּוחֹות ל‬ ֶ ‫ְּתהִי נָא &זְנְכָ ק‬
‫ֲׁשר ָחטָאנּו ָל ְך וַ ֲאנִי ּובֵית &בִי ָחטָאנּו‬ֶ ‫ִׂש ָראֵל א‬ ְ ‫ִׂש ָראֵל ֲע ָבדֶי ָך ּו ִמ ְתוַּדֶה עַל חַּטֹאות ְּבנֵי י‬
ְ ‫וַָליְלָה עַל ְּבנֵי י‬