Sei sulla pagina 1di 16

COMPUTATIONAL THINKING

IL PENSIERO COMPUTAZIONALE

Prof. Attilio Cersosimo I.I.S. ITE “V. Cosentino” - IPAA “F. Todaro” - Rende (CS)
ORIGINE DEL TERMINE

COSA E’ PERCHE’ E’ IMPORTANTE

IL PENSIERO COMPUTAZIONALE A SCUOLA

INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L’UTILIZZO


ORIGINE DEL TERMINE

L’espressione “computational thinking” (pensiero computazionale) è stata


utilizzata per la prima volta dal matematico Syemour PAPERT nel 1996, nel suo
libro “Mindstorms: Children, computers, and powerful ideas”, parlando di LOGO, il
linguaggio di programmazione da lui sviluppato per insegnare la programmazione
ai bambini.
ORIGINE DEL TERMINE

L’espressione è stata poi ripresa con successo, nel 2006, da Jeannette Wing,
direttrice del Dipartimento di Informatica della Carnegie Mellon University, nell’
articolo “Computational thinking”, pubblicato su «Communications of the ACM» nel
2006.
COSA E’ IL PENSIERO COMPUTAZIONALE

Non esiste una definizione universalmente condivisa del termine

Secondo Jeannette Wing, il pensiero computazionale è “il processo mentale che sta
alla base della formulazione dei problemi e delle loro soluzioni così che le
soluzioni siano rappresentate in una forma che può essere implementata in
maniera efficace da un elaboratore di informazioni sia esso umano o artificiale”.

Ovvero è lo sforzo che un individuo deve mettere in atto per fornire a un altro individuo
o macchina tutte e sole le “istruzioni” necessarie affinché questi eseguendole sia in
grado di portare a termine il compito dato.
PERCHE’ E’ IMPORTANTE

Spesso, capita di trovarci di fronte a problemi o a compiti da risolvere per i


quali, pur intuendone la soluzione, non siamo però capaci di descrivere il
procedimento operativo in grado di metterla in pratica.

In questo senso, il pensiero computazionale


rappresenta la capacità di formulare un
procedimento operativo (algoritmo) che porti
alla soluzione del problema.

L’importanza del pensiero computazionale è


illustrata perfettamente in questo video
PERCHE’ E’ IMPORTANTE

Si tratta di un modo di pensare tipicamente “informatico”, che si basa sui


concetti e strumenti fondamentali dell’informatica per trovare soluzioni
innovative e creative ai problemi di ogni giorno.

In sostanza, se “pensiamo in modo informatico” è


più facile risolvere un problema o portare a termine
un compito assegnato.

Questo non significa imparare a programmare o a


pensare come i computer, ma significa:
- riuscire a insegnare ai computer a risolvere i problemi”
- trovare soluzioni più semplici per risolvere i problemi
IL PENSIERO COMPUTAZIONALE A SCUOLA

Per essere culturalmente preparati e per riuscire bene nel proprio futuro
professionale i giovani devono “imparare a imparare” perché, le esigenze
connesse al mondo lavorativo e possono più trovare risposte preconfezionate.

In qualsiasi ambito sia chiamato a lavorare oggi è


indispensabile che un giovane acquisisca e comprenda i
concetti di base dell’informatica.

In questa direzione si muovono le raccomandazioni dell’UE e le indicazioni del MIUR,


volte a promuovere l’introduzione strutturale nelle scuole dei concetti di base dell’
informatica, utilizzando una serie di strumenti semplici, divertenti e facilmente
accessibili per gli studenti.
IL PENSIERO COMPUTAZIONALE A SCUOLA

Così come leggere, scrivere e contare sono abilità fondamentali che è


importante imparare fin da bambini, anche il pensiero computazionale deve essere
appreso ed esercitato fin dai primi anni di scuola.

Il pensiero computazionale rappresenta una


abilità fondamentale che tutti dovrebbero
possedere, non solo gli informatici.
Occorre, quindi

ESERCITARE IL PENSIERO COMPUTAZIONALE


INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L’UTILIZZO

Il Pensiero computazionale AIUTA a sviluppare a sviluppare competenze logiche e


capacità di risolvere problemi in modo creativo ed efficiente.
Il modo più rapido e semplice di sviluppare il pensiero computazionale
è attraverso la programmazione (coding) in un contesto di gioco
INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L’UTILIZZO

Scratch

Scratch è un linguaggio di programmazione


visuale sviluppato al MIT Media Lab e reso
disponibile online attraverso una piattaforma
gratuita che consente a chiunque di creare e
condividere veri e propri programmi.

Con Scratch puoi programmare storie


interattive, giochi e animazioni, e puoi
condividere le tue creazioni con gli altri
membri della comunità.
INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L’UTILIZZO

Code.org

Code.org è un'organizzazione no-profit nata


negli USA nel 2013, che promuove la diffusione
del pensiero computazionale.
Code.org offre attività intuitive e divertenti,
liberamente accessibili, che servono a “giocare”
con la programmazione.

Code.org propone l’ora del codice (Hour of code) per far sì


che ogni studente, in ogni scuola del mondo, svolga almeno
un'ora di programmazione divertendosi.
INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L’UTILIZZO

Programma il futuro

Programma il futuro è l'iniziativa italiana (promossa dal MIUR e dal Consorzio CINI)
che ha adottato il metodo di Code.org.

Anche Programma il futuro promuove l’Ora del Codice nella scuola.


INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L’UTILIZZO

Smart-Coding

Smart Coding è il progetto lanciato da Samsung allo scopo di valorizzare le classi che
si impegnano a migliorare l’utilizzo delle risorse digitali per l’apprendimento.

Smart Coding propone un percorso didattico rigoroso di tipo laboratoriale che mette in
gioco la creatività degli studenti per la realizzazione di elaborati che parteciperanno a
un concorso educativo
INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L’UTILIZZO

Coding in your class room, Now

Corso erogato dalla Università di Urbino disponibile sulla piattaforma europeanmooc.


eu del progetto EMMA (European Multiple Moocs Aggregator).

Il corso ha l’obiettivo di introdurre il pensiero


computazionale in classe attraverso il coding, usando
solo attività intuitive e divertenti da proporre
direttamente agli alunni
RIFERIMENTI E LINK UTILI

1. platform.europeanmoocs.eu/course_coding_in_your_classroom_now
2. www.qualitascuola.com/wp-content/uploads/pensiero-computazionale-format.
ppt
3. code.org/
4. www.smart-coding.it/
5. scratch.mit.edu/
6. programmailfuturo.it/
7. www.mat.unical.it/manna/ct2016.html
8. www.cs.cmu.edu/~15110-s13/Wing06-ct.pdf