Sei sulla pagina 1di 2

PAESE :Italia AUTORE :N.D.

PAGINE :14
SUPERFICIE :51 %

31 ottobre 2021 - Edizione Macerata

Tornanoarisplenderei capolavori
strappatialterremotodi 5 anni fa
Inauguratala mostraa cura di Anci e PioSodaliziodei Piceniin collaborazionecon la Soprintendenza
LA CERIMONIA che, con innovative analisi
za mera, del ministero della Cultu-
diagnostichehanno valutato lo ra; MarcelloBedeschi, segreta-
statodi conservazionedi ciascu- rio Anci Marche. La mostra sa-
CAMERINOSi puòripartire dal si- na opera. Tali interventi hanno rà apertafino al 9 gennaio.
sma e dalla pandemiaa patto consentito di rimediare ai dan-
che dei luoghi si conoscanola ni subiti dalle opere,ma hanno Monia Grazi
© RIPRODUZIONE RISERVATA
storia e gli uomini che li hanno permesso anchedi effettuare
vissuti. Il concetto, espresso nuoveattribuzioni e di acquisi- Monconi: « Vogliamo
quando le ferite del terremoto re nuove conoscenzesu tecnica renderepermanentela
ancorasanguinavano, è stato
una sorta di basso continuo pittorica e materiali usati dagli fruizione delleopere
all'inaugurazione della mostra artisti, aprendo la strada a nuo- salvate e restaurate»
" Rinascimento marchigiano. vi studi. «Si tratta di un viaggio
Opered'arte restauratedai luo- nella religiositàmarchigiana at-
ghi del sisma" avvenuta ieri traverso unpercorso stilistico e
mattina nella chiesa di Santa iconografico, mala volontà di
Maria delle Grazie, in via Le questamostra èancorapiù pro-
Mosse.L'evento,a curadi Stefa- fonda: renderefruibili in manie-
no Papetti e Pierluigi Moriconi, ra permanente le opere restau-
rate - ha spiegatoPierluigi Mori-
è il frutto della convenzionesi-
glata nel 2017tra Anci Marche e coni -. Con questa esposizione
PioSodaliziodeiPiceni che,coil riconsegniamole opere restau-
contributo della Regione,si so- rate, a cinque anni dal sisma ai
Comuni e agli enti ecclesiastici,
no impegnati in un importante
lavoro di recupero delle opere ridandoloro la collocazioneori-
d'arte danneggiate. ginaria per quantopossibile».

La scuola
Il recupero A portare colore, dopo il taglio
In collaborazionecon la Soprin- del nastro, i bambini dell'Istitu-
tendenza alle Belle arti è stato to comprensivo Ugo Betti che
individuato per il restauro un hannovestito i panni delle gui-
nucleodi opere marchigiane di de illustrando ognuno un'ope-
proprietà di 17 i Enti pubblici ed ra. «L'arte è ancora protagoni-
ecclesiastici delle province di sta nellanostra città, perché ac-
Ascoli Piceno,Fermo e Macera- canto alla ricostruzionefisica
ta. Quelle in esposizione sono va incentivata quella sociale e
20 opere provenienti da tutte le proposte culturali di questoti-
Marche.Di grande rilevanza po sonoun incentivo a vivere i
storico- artistica, sono esposte nostri territori - ha detto il sin-
sculture e dipinti di autori che daco Sandro Sborgia- Mi piace
nelleMarchesono nati ovi han- chesianoproprio i bambini a il-
no soggiornatoe che hanno lustrare le opere esposteperché
contribuito a modificare la geo- sono il futuro e sono i primi a
grafia dellastoria dell'arte. I re- dover raccontare e conoscerei
stauri sonostati eseguitida tec- tesori che tutti custodiamoe
nici marchigiani, in collabora- amiamo». Al taglio del nastro
sonointervenuti anche Giovan-
zione conleUniversità di Came- na Sartori,assessorealla cultu-
rino e Urbino e la direzione ra di Camerino;Anna Menghi,
scientifica della Soprintenden- consigliereregionale; PaolaCa-

Tutti i diritti riservati


PAESE :Italia AUTORE :N.D.
PAGINE :14
SUPERFICIE :51 %

31 ottobre 2021 - Edizione Macerata

L'inaugurazione di ieri dellamostradi Camerino

Tutti i diritti riservati

Potrebbero piacerti anche