Sei sulla pagina 1di 3

INTRODUZIONE ALLA COSTITUZIONE ITALIANA

Cenni storici:

La Costituzione italiana venne approvata il 22 dicembre 1947 e promulgata il 27 dicembre dello


stesso anno da Enrico De Nicola, il quale, ricopriva la carica di capo provvisorio dello Stato.
Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 298 –edizione straordinaria- dello stesso 27 dicembre 1947
entrò in vigore il 1° gennaio 1948.

Caratteri della Costituzione:

Rigidità – viene considerata rigida poiché non è ammessa la modifica con legge ordinaria ma è
necessario un procedimento che deve essere posto in essere dal Parlamento la c.d. Revisione
Costituzionale.
Art. 138 Cost. “Le leggi di revisione della Costituzione e le altre leggi costituzionali sono adottate
da ciascuna Camera con due successive deliberazioni ad intervallo non minore di tre mesi, e sono
approvate a maggioranza assoluta dei componenti di ciascuna Camera nella seconda votazione.
Le leggi stesse sono sottoposte a referendum popolare quando, entro tre mesi dalla loro
pubblicazione, ne facciano domanda un quinto dei membri di una Camera o cinquecentomila
elettori o cinque Consigli regionali.
La legge sottoposta a referendum non è promulgata, se non è approvata dalla maggioranza dei
voti validi.
Non si fa luogo a referendum se la legge è stata approvata nella seconda votazione da ciascuna
delle Camere a maggioranza di due terzi dei suoi componenti.”

Lunghezza – la Costituzione italiana viene definita lunga per due motivi: 1) contiene norme
inerenti a molti argomenti; 2) molte norme entrano ne dettaglio e negli aspetti applicativi (è il caso
delle misure restrittive della libertà personale)

Programmatica – vengono individuati alcuni obiettivi fondamentali da raggiungere tramite le


norme programmatiche.

Democratica – Art. 1 Cost. “La sovranità appartiene al popolo che la esercita nelle forme e nei
limiti della Costituzione” (il principio democratico è uno dei principi fondamentale della nostra
Costituzione)

Popolarità – in quanto emanata un organo rappresentativo del popolo (definita infatti Costituzione
votata e/o popolare)
Compromissorietà – l’Assemblea costituente era formata da membri appartenenti a vari partiti
politici con ideologie diverse. La Costituzione può essere definita un vero compromesso tra
posizioni.

Ripartizione della Costituzione:


Artt. 1-12 Principi Fondamentali
Artt. 13-54 Parte I Diritti Doveri dei Cittadini
Artt. 55 -139 Parte II Ordinamento della Repubblica
Disposizioni Transitorie e finali