Sei sulla pagina 1di 8

Appendice alla Ia parte - Piccola antologia di canti della tradizione

Tradizione in lingua viva - La laude


1- Dal Laudario di Cortona [XIII sec]
1.1 Laude XVIII Cristo è nato et humanato
Cristo è nato et humanato
per salvar la gente,
k’era perduta e decaduta
nel primer parente!

Nato è Cristo per fare aquisto


de noi peccatori,
k’eràm partiti e dispartiti
dai suoi servidori,
perké fallenti, e non serventi
ma deservidori,
eràm facti, da colui tracti
k’è tutor fallente.

Lo fresco gillio, bianco e vermeglo,


nat’è ‘n questo mondo
per dar conseglo de fugir pillio
de quel gran profundo;
degnò venire, per noi sofrire
la morte dannosa,
la qual, gioiosa, era gravos’a
a noi primeramente.

In Bellè nat’è ‘l Signor beato


de virgine pura:
annuntïato, prefigurato
fo da la scriptura;
medïatore e redemptore
dirict’e verace,
re [de] gran pace, k’a ciascun p[i]ace
ki à vera mente!

Summ’alegreçça, summa forteça,


Crist’è nato ‘n terra,
summa forteça, per cui se spreçça
ben ongn’altra guerra
de lo nimico serpente antiquo,
nostro ingannatore,
de cui valore doni a tutt’ore
a ki li consente!

Gianmartino Maria Durighello - Celebriamo cantando “Il Tempo di Natale” - Roma 2008
[A-1]
1.2 Laude XIX Gloria ‘n cielo e pace ‘n terra
Gloria '
n cielo e pace '
n terra:
nat'
è'l nostro salvatore! 4. Nel presepe era beato
1. Nat'è Cristo glorioso; quei ke in celo è contemplato,
alto Dio maravillioso:
l' dai santi desiderato
fact'
è hom desideroso riguardando el suo splendore.
lo benigno creatore! 5. Parturito l'
à cum canto,
2. De la vergene sovrana, pieno de [lo] Spiritu santo:
lucente stella diana, de li braccia li fe'manto
de li erranti tramontana, cum grandissimo fervore.
puer nato de la fiore. 6. Poi la madre gloriosa,
3. Pace '
n terra sia cantata, stella chiara e luminosa,
gloria '
n ciel[o] desiderata; l'
alto sol, desiderosa,
la donçella consecrata lactava cum gran dolçore.
parturit'
à'l salvatore!

1.3 Laude XX Stella nuova


Stella nuova ‘n fra la gente
k’aparuisti novamente!
Stella k’apparist’al mundo
quando naqque ‘re iocondo,
stett’en meçço a tutto ‘l mondo
per aluminar la gente.
Le tre Magi l’abber veduto,
tosto l’ebber conosciuto;
diser: “Nat’è lo saluto
Dio Padre omnipotente”.
Ciaschedun col suo reame
sì lo prese a seguitare
co rricc’offerte da laudare,
la qual fo molt’avenente.
Da la stella se scansaro,
ritt’a rr’Erode capitaro,
tai novelle li portaro
k’el fecer molto dolente.
Dissar: “Nat’è re benogno,
quei k’è ‘mperio d’ogne regno:
en ciel n’è apparito ‘n segno
k’ell’è nato veramente”.
El re fo, molt’adirato,
colli savi contastato:
“Da voi me sia tosto ‘nsegnato
la ‘ve pote star nasente”.
Puosen mente in una via
et in una profetia:
vider ke ‘n Beleem nascea
quei k’alumina la gente.

Gianmartino Maria Durighello - Celebriamo cantando “Il Tempo di Natale” - Roma 2008
[A-2]
2 - Laudi del XVI sec e succ.
Dialogo pastorale al presepio Nell’apparir - Giunti i pastori - [XVI sec]

1. Nell’apparir del sempiterno sole 8. Io, dicea l’altro, a la città reale


che a meza notte più riluce intorno con frettolosi passi porterollo
che l’altro non faria di mezo giorno stretto a le braccia e attaccato al collo.
2. Gloria cantaro gl’Angioli del Cielo 9. Io mi vo’ por le picciol man in seno,
e meritaro udir celesti accenti e co’l fiato scaldar le membra sue
Pastori che guardavano gli armenti. me’ che non scaldan l’asinello e ‘l bue.
3. Onde là verso l’umile Bethlemme 10. E io vo’ pianger si dirottamente,
preser la via dicendo: andiam d’un tratto, ch’empia di calde lagrime un catino,
e sì vedrem questo mirabil fatto. dove si bagni ‘l tenero Bambino.
4. Giunti i pastori a l’umile presepe 11. E io del latte ond’è la faccia asperso
di stupor pieni e d’alta maraviglia, prender vorrei, se non che mi pavento,
l’un verso l’altro fissero le ciglia. vorrei serbarlo in un vasel d’argento.
5. Quivi trovaro in vili panni avvolto 12. Io vo’ pregarlo con sommessa voce,
il Fanciul con Gioseffe e con Maria: Signore perdona gli peccati miei,
o benedetta e nobil compagnia. ché perciò credo che venuto sei.
6. Poi cominciaro vicendevolmente 13. Et io vo’ dirli baldanzosamente,
con boscarecce e semplici parole Facciamo a cambio, tu mi dona il Cielo
lieti a cantar, fin che nascesse il sole. et io t’impresto questo picciol velo.
7. Io, dicea l’uno, a la capanna mia 14. Et io vo’ gir per l’universo mondo
vorrei condurlo, ch’è lontana poco, gridando ad alta voce sempre mai,
ove né cibo mancherà né foco. Dio s’è fatto uomo e tu meschin no’l sai?

Gianmartino Maria Durighello - Celebriamo cantando “Il Tempo di Natale” - Roma 2008
[A-3]
Gianmartino Maria Durighello - Celebriamo cantando “Il Tempo di Natale” - Roma 2008
[A-4]
3 - Oggi è nato un bel bambino [XVII sec]
Oggi è nato un bel bambino, altre strofe a cura di R. Casimiri:
biondo, bianco e ricciutino; 3- Vengon lieti e li conduce
biondo, bianco e ricciutino, al presepio un’alta luce.
oggi è nato un bel bambino. Che di giorno in ciel riluce,
discoprendogli il cammino.
1- Da le mandre usciron fuori Oggi è nato un bel bambino,
certi semplici pastori, biondo, bianco e ricciutino.
e gli offriron frutti e fiori
e formaggio e latte e vino. 4- Ivi giunti ritrovaro
Oggi è nato un bel bambino, il tesoro amato e caro,
biondo, bianco e ricciutino. che solleciti cercaro
per potente alto destino.
2- Vengon poi tre Re potenti, Oggi è nato un bel bambino,
le primizie delle genti, biondo, bianco e ricciutino.
gli occhi avendo al ciel intenti, 5- Ivi in grembo di Maria
fin dal lito levantino. tra ceòeste compagnia
Oggi è nato un bel bambino, in gioconda melodia
biondo, bianco e ricciutino. stava il dolce Figliolino.

4 - Quanno nascette ninno [s. Alfonso - XVIII sec]


Quanno nascette ninno a Betelemme / era una notte e pare a miezzo juorno [...]

5 - Tu scendi dalle stelle [s. Alfonso - XVIII sec]


1- Tu scendi dalle stelle, o Re del Cielo 5- Tu piangi per vederti da me ingrato
e vieni in una grotta al freddo al gelo. per un sì grande amor sì poco amato!
O bambino mio divino, O diletto del mio petto,
io ti vedo qui a tremar: se già un tempo fu così,
O Dio beato! or Te sol bramo,
Ah quanto ti costò l’avermi amato. mio ben non pianger più, ch’io t’amo, t’amo!
2- A Te che sei del mondo il Creatore, 6- Tu dormi, Ninno mio, ma intanto il core
non sono panni e fuoco, o mio Signore. non dorme, no, ma veglia a tutte l’ore.
Caro eletto, pargoletto, Deh! Mio bello e puro agnello,
quanto questa povertà a che pensi? dimmi tu.
più m’innamora, O amore immenso!
giacché ti fece amor povero ancora. Un dì morir per Te, rispondi, io penso.
3- Tu lasci il bel gioir del divin seno, 7- Or a morir per me tu pensi, o Dio,
per giungere a penar su questo fieno. ed altr’oggetto amar potrò ancor io?
Dolce amore del mio core, O Maria, speranza mia,
dove amor ti trasportò? se io poc’amo il tuo Gesù,
O Gesù mio, non ti sdegnare:
perché tanto patir per amor mio! Tu l’ama anche per me, s’io non so amare.
4- Ma se fu tuo volere il tuo patire,
perché vuoi pianger poi, perché vagire?
Sposo mio, amato Dio,
Mio Gesù, t’intendo, sì!
Ah, mio Signore!
Tu piangi non per duol, ma per amore.

Gianmartino Maria Durighello - Celebriamo cantando “Il Tempo di Natale” - Roma 2008
[A-5]
Piccola antologia di canti della tradizione - In lingua latina
1- Dalle Piae cantiones Puer natus
1- Puer natus in Bethlem, in Bethlem, / unde gaudet Jerusalem, Halle, halleluja.
2- Assmsit carnem Hominis, Hominis, / Verbum Patris altissimi, Halle, halleluja.
3- Per Gabrielis nuncium, nuncium, / Virgum concepit Filium, Halle, halleluja.
4- De matre natus virgine, virgine / sine virili semine, Halle, halleluja.
[...]
13- In hoc natali gaudio, gaudio / benedicamus Domino, Halle, halleluja.
14- Laudetur sancta Trinitas, Trinitas / Deo dicamus gratias, Halle, halleluja.

Gianmartino Maria Durighello - Celebriamo cantando “Il Tempo di Natale” - Roma 2008
[A-6]
2- Dalle Piae cantiones - Gaudete, Christus est natus
Gaudete, gaudete, Christus est natus ex Maria virgine gaudete!
1- Tempus adest gratiae, hoc quod optabamus,/ Carmina laeticiae, devote reddamus.
2- Deus hom factus est natura mirante, / Mundus renovatus est, a Christo regnante.
3- Ergo nostra concio psallat jam in lustro / Benedicat Domino salus regi nostro.
4- Ezechielis porta clausa pertransitur / unde lux est horta salus invenitur.

Gianmartino Maria Durighello - Celebriamo cantando “Il Tempo di Natale” - Roma 2008
[A-7]
Gianmartino Maria Durighello - Celebriamo cantando “Il Tempo di Natale” - Roma 2008
[A-8]